LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO"

Transcript

1 LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO dott. Francesco Loppini LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOMMARIO Adempimenti del Professionista dott. Francesco Loppini Sommario 1. Introduzione 2. Limitazioni circolazione contanti e titoli al portatore 3. Novità sugli assegni 4. Obblighi del professionista: 1. Comunicazione operazioni ultrasoglia 2. Adeguata verifica della clientela 3. Registrazione operazioni 4. Archivio unico 5. Le operazioni sospette 5. I controlli della GDF 6. Le sanzioni INTRODUZIONE

2 Antiriciclaggio in numeri L'ultimo rapporto annuale del GAFI (Gruppo di azione finanziario sul riciclaggio del denaro sporco che fa capo all'ocse e che comprende anche l'italia) mette in luce che: tra il 2000 ed il 2004 le indagini penali per riciclaggio sono state i rinvii a giudizio sono stati sono andati a sentenza procedimenti Antiriciclaggio in numeri L'UIC (Ufficio Italiano Cambi, ex organismo competente in materia di antiriciclaggio in Italia) mette in luce che: nel 2005 le segnalazioni di operazioni sospette sono state pari a il valore medio per operazione segnalata è stato pari a 130 mila euro il 28,9 per cento delle segnalazioni provengono dalla Lombardia l'87 per cento delle segnalazioni proviene dalle banche il 19,1 per cento delle segnalazioni trae origine dal prelievo di contante Le Fonti I Direttiva (91/308/CE): D.L. 143/1991 II Direttiva (2001/97/CE) D.lgs. 56/2004 Le Fonti Il D.lgs 231/2007 ABROGA le normative precedenti, ma: Laddove il D.lgs. 231/2007 rimanda a provvedimenti attuativi, nel vuoto legislativo i provvedimenti precedenti, se non incompatibili, RIMANGONO IN VIGORE. III Direttiva (2005/60/CE): D.lgs. 231/2007

3 Le Novità del D.lgs. 231/2007 Procedura di adeguata verifica della clientela Prestatori di servizi relativi a società e trust Modifica soglie (5000 e euro) Approccio basato sul rischio Soppressione UIC e istituzione UIF (Unità di Informazione Finanziaria) Modifiche alle limitazioni all uso del contante Entrata in vigore 29 dicembre 2007 ad eccezione di: Transazioni in contante, dei titoli al portatore, clausole di non trasferibilità assegni art. 49: entrano in vigore il ; Trasmissione in via telematica delle segnalazioni di operazioni sospette: 12 mesi da entrata in vigore decreto; Modalità registrazione, obblighi di adeguata verifica, nuovi indici di anomalia: Autorità Competenti devono emanare relative norme; Definizioni Non c è più richiamo agli artt. 648 bis e ter c.p.: La conversione o il trasferimento di beni effettuati essendo a conoscenza che essi provengono da un attività criminosa o da una partecipazione a tale attività, allo scopo di occultare o dissimulare l origine illecita dei beni medesimi o di aiutare chiunque sia coinvolto in tale attività a sottrarsi alle conseguenze giuridiche delle proprie azioni. Definizioni L occultamento o la dissimulazione della reale natura, provenienza, ubicazione, disposizione, movimento, proprietà dei beni o dei diritti sugli stessi, effettuati essendo a conoscenza che tali beni provengono da un attività criminosa o da una partecipazione a tale attività.

4 Definizioni Finanziamento al Terrorismo: Qualsiasi attività diretta, con qualsiasi mezzo, alla raccolta, alla provvista, all intermediazione, al deposito, alla custodia o all erogazione di fondi o di risorse economiche, in qualunque modo realizzati, destinati ad essere, in tutto o in parte, utilizzati al fine di compiere uno o più delitti con finalità di terrorismo o in ogni caso diretti a favorire il compimento di uno o più delitti con finalità di terrorismo previsti dal codice penale, e ciò indipendentemente dall effettivo utilizzo dei fondi e delle risorse economiche per i delitti anzidetti. Ambito soggettivo Società di gestione (mercati e strumenti finanziari) Commercio di oro Fabbricazione, mediazione e commercio di oggetti preziosi (art. 127 TULPS) Commercio di cose antiche (art. 126 TULPS) Case di aste e gallerie d arte (art. 115 TULPS) Intermediari finanziari (Banche, assicurazioni, SIM, SGR, Casse depositi, etc.) Case da gioco Trasporto di denaro Professionisti Ambito soggettivo dei professionisti Ambito soggettivo dei professionisti Soggetti iscritti nell albo dei ragionieri e periti commerciali, nell albo dei dottori commercialisti e nell albo dei consulenti del lavoro; ogni altro soggetto che rende i servizi forniti da periti, consulenti e altri soggetti che svolgono in maniera professionale attività in materia di contabilità e tributi; notai e avvocati limitatamente ad alcune attività; revisori contabili. prestatori di servizi relativi a società e trust. Prestatori di servizi relativi a società e trust. Ogni persona fisica o giuridica che fornisca, a titolo professionale, uno dei seguenti servizi: costituire società o altre persone giuridiche Occupare la posizione di dirigente o amministratore di società Fornire una sede legale, un indirizzo commerciale, amministrativo o postale ad altra società Occupare la posizione di fiduciario in un trust espresso Esercitare il ruolo di azionista per conto di altra persona, purchè non sia società ammessa a quotazione su un mercato regolamentato

5 D.lgs. 231/07, art. 49, comma 1 LIMITAZIONI CIRCOLAZIONE CONTANTI E TITOLI AL PORTATORE E vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore dell operazione anche frazionata, è complessivamente pari o superiore ad (in luogo dei precedenti ) D.lgs. 231/07, art. 49, comma 1 l avverbio complessivamente si riferisce al valore dell operazione e non all importo da trasferire, il cumulo va quindi riferito non più alla sola sommatoria dei valori espressi ma alla somma dei valori, anche frazionati, che costituiscono parte di un operazione unica. Operazione frazionata Art. 1, lett. m), D. Lgs. 231/07: Operazione unitaria sotto il profilo economico, di valore pari o superiore ai limiti stabili dal presente decreto, posta in essere attraverso più operazioni singolarmente inferiori ai predetti limiti, effettuate in momenti diversi ed in un circoscritto periodo di tempo fissato in sette giorni fermo restando la sussistenza dell operazione frazionata quando ricorrono i presupposti per ritenerla tale.

6 D.lgs. 231/07, art. 49, comma 1 Parere del Notariato: Il professionista, dovrà quindi verificare l oggetto della prestazione dedotta in contratto accertando se la pluralità dei pagamenti (eventualmente cadenzati anche in arco temporale superiore ai sette giorni), costituiscono frazione di un unica prestazione (con conseguente divieto di cumulo) o facciano riferimento a prestazioni distinte Parere Consiglio di Stato 1504/1995 Nel caso di più trasferimenti di importo inferiore alla soglia, ma complessivamente di ammontare superiore, sfuggono al divieto, perché tra loro non cumulabili, quelli relativi: A distinte ed autonome operazioni Alla medesima operazione, quando il frazionamento è connaturato all'operazione stessa (ad es. contratto di somministrazione) ovvero la conseguenza di preventivo accordo tra le parti (ad es. pagamento rateale) Parere UIC 6/10/2006 Fattura 30, 60 e 90 giorni: Non costituisce violazione in quanto la pluralità di pagamenti a scadenze prefissate è frutto di una ordinaria dilazione di pagamento che scaturisce dal preventivo accordo delle parti. ASSEGNI E VAGLIA CIASCUN VERSAMENTO DOVRA PERO ESSERE INFERIORE A EURO

7 Assegni e vaglia Assegni e vaglia Gli assegni bancari e postali emessi per importi pari o superiori a 5.000,00 devono recare l indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità Gli assegni circolari, i vaglia postali e cambiari per importi pari o superiori a 5.000,00 devono recare l indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità. I moduli di assegni bancari e postali saranno rilasciati dalle Banche o da Poste Italiane S.p.A. muniti della clausola di non trasferibilità. Il cliente può richiedere il rilascio di moduli di assegni bancari e postali in forma libera. Per ciascun modulo di assegno bancario o postale richiesto in forma libera ovvero per ciascun assegno circolare o vaglia postale o cambiario rilasciato in forma libera è dovuta dal richiedente la somma di 1,5 Assegni e vaglia Assegni e vaglia Gli assegni bancari e postali emessi all ordine del traente possono essere girati unicamente per l incasso a una banca o a Poste italiane Spa Ciascuna girata deve recare, a pena di nullità, il codice fiscale del girante. Gli uffici dell amministrazione finanziaria potranno chiedere alla Banca o a Poste Italiane Spa i dati identificativi e il codice fiscale dei soggetti ai quali siano stati rilasciati moduli di assegni bancari o postali in forma libera ovvero che abbiano richiesto assegni circolari o vaglia postali in forma libera nonché di tutti i giratari e di coloro che li abbiano presentati all incasso.

8 I Chiarimenti del MEF - circ. 20/3/2008 Assegni ultra-soglia: Gli assegni liberi pari o superiori a euro emessi prima del 30 aprile ed incassati successivamente sono regolari. Non è dovuta l imposta di bollo. Lo stesso potrà essere incassato sia dal beneficiario diretto che da un giratario I Chiarimenti del MEF - circ. 20/3/2008 Assegni ultra-soglia: Gli assegni liberi pari o superiori a euro emessi dal 30 aprile in poi, saranno pagati ma assoggettati a sanzioni. Non sono più ammissibili assegni privi del nome del beneficiario (c.d. assegno al portatore di cui all art. 5 della legge assegno ) I Chiarimenti del MEF - circ. 20/3/2008 Assegni ultra-soglia: L assegno bancario emesso dopo il 29 aprile, seppur di importo inferiore a Euro ma privo di clausola di intrasferibilità, nonché del codice fiscale dei giratari non potrà essere pagato all eventuale giratario I Chiarimenti del MEF - circ. 20/3/2008 Moduli in uso prima del 30 aprile: Potranno continuare ad essere utilizzati anche dopo il 29 aprile per emettere assegni trasferibili in esenzione all imposta di bollo ma nei limiti delle nuove norme

9 I Chiarimenti del MEF - circ. 20/3/2008 Assegni a m.m.: Gli assegni emessi all ordine del traente potranno essere emessi anche per importi pari o superiori ai Euro. Nel caso per errore venissero girati, la banca dovrebbe pagarli ma sarebbero oggetto di segnalazione e relative sanzioni. I Chiarimenti del MEF - circ. 20/3/2008 Assegni a m.m.: Gli assegni emessi all ordine del traente potranno essere emessi anche per importi pari o superiori ai Euro. Nel caso per errore venissero girati, la banca dovrebbe pagarli ma sarebbero oggetto di segnalazione e relative sanzioni. Obbligo di riferire le violazioni Art. 51 D.lgs. 231/2007: OBBLIGHI DEL PROFESSIONISTA I professionisti hanno l obbligo di riferire alle autorità competenti entro 30 gg., le notizie di cui siano in possesso in merito all infrazione del divieto di trasferimento di denaro contante o di altri valori (libretti di deposito bancari o postali al portatore, titoli al portatore in valuta), effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore da trasferire è pari o superiore a euro.

10 Obbligo di riferire le violazioni Qualora oggetto dell infrazione sia un operazione di trasferimento segnalata ai fini delle operazioni sospette (art. 41 D.lgs 231/2007) il soggetto che ha effettuato detta segnalazione non è tenuto alla comunicazione Obbligo di riferire le violazioni Le comunicazioni devono essere effettuate Per valori > > MEF Per valori > > Direzioni Provinciali dei Servizi Vari Obbligo di riferire le violazioni Ministero Economia e Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione valutario, antiriciclaggio ed antiusura Via XX Settembre, ROMA contact center : tel (attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 13) Obbligo di riferire le violazioni D.P.S.V. di GENOVA (Liguria, Piemonte e Valle d Aosta) Via Urbano Rela, GENOVA Tel Fax e mail: e mail: fax

11 Obbligo di riferire le violazioni D.P.S.V. di MILANO (Lombardia) Via Zuretti, MILANO Fax Direttore Dott. Emanuele Spennati Tel Fax e mail: Obbligo di riferire le violazioni D.P.S.V. di VERONA (Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli V. G) Lungadige Capuleti, VERONA Fax e mail: Obbligo di riferire le violazioni D.P.S.V. di BOLOGNA (Emilia Romagna, Toscana e Marche) Via Aldo Moro, BOLOGNA Tel Fax e mail: Obbligo di riferire le violazioni D.P.S.V. di ROMA (Lazio, Umbria, Abruzzo e Sardegna) Via Napoleone Parboni, ROMA Fax Conte Maria Cristina Tel Fax e mail:

12 Sanzioni per omessa comunicazione Oblazionabilità delle sanzioni L omessa segnalazione delle infrazioni all obbligo antiriciclaggio è punita in capo al professionista con sanzione amministrativa pecuniaria dal 3% al 30% dell importo dell operazione (art. 58, co. 7, D.Lgs.recepim.Dir.2005/60/CE) L infrazione dell obbligo antiriciclaggio è punita in capo al cliente con sanzione amministrativa dal 1% al 40% dell importo dell operazione (art.58, co.1, D.lgs recepim.dir.2005/60/ce) Se il pagamento avviene entro 60 giorni dalla contestazione prevede la possibilità di pagare l importo minore fra 1/3 del massimo della sanzione edittale e il doppio del minimo. NON AMMESSA PER IL PROFESSIONISTA CHE OMETTE LA COMUNICAZIONE NELL INFRAZIONE Adeguata verifica della clientela Adempimenti di identificazione di cui al D.Lgs 56/04 devono essere integrati con nuovi adempimenti di adeguata verifica della clientela e dei titolari effettivi. Sono applicabili l approccio basato sul rischio e i criteri generali per la valutazione del rischio. Adeguata verifica della clientela Quando: Quando la prestazione professionale ha ad oggetto mezzi di pagamento, beni o utilità di valore pari o superiore ad euro Quando si eseguono prestazioni professionali che comportino la trasmissione o la movimentazione di mezzi di pagamento di importo pari o superiore a euro indipendentemente dal fatto che siano effettuate con un operazione unica o appaiano collegate o frazionate.

13 Adeguata verifica della clientela Esonero dall obbligo di adeguata verifica Quando: Quando operazione sia di valore indeterminato o indeterminabile (costituzione o amministrazione di società enti o trust sempre operazione di valore indeterminabile). Quando vi è sospetto di riciclaggio o finanziamento terrorismo. Redazione e/o trasmissione della dichiarazione dei redditi. Adempimenti in materia di amministrazione del personale (contabilità per le paghe, contributi previdenziali e assistenziali). Non c è esonero per incarico tenuta contabilità, ma obbligo si adempie con la sola registrazione iniziale. Quando vi sono dubbi sulla veridicità o adeguatezza dei dati precedentemente ottenuti ai fini dell individuazione di un cliente. Adeguata verifica della clientela (art. 18) Adeguata verifica della clientela Cosa siginifica verificare la clientela? Identificare cliente e verificarne identità sulla base di documenti dati o informazioni ottenuti da una fonte affidabile e indipendente. Identificare l eventuale titolare effettivo e verificarne l identità. Come: identificazione e verifica identità cliente e titolare effettivo in presenza del cliente, anche attraverso dipendenti o collaboratori, mediante estremi del documento identità o equipollenti (Artt. 1 e 35 DPR 445/2000) a) Se cliente persona fisica: nome e cognome luogo e data di nascita indirizzo codice fiscale estremi del documento di identificazione

14 Adeguata verifica della clientela Adeguata verifica della clientela b) Se cliente è soggetto diverso da persona fisica: denominazione sede legale codice fiscale o partita IVA visura con individuazione dei delegati e dei relativi poteri verificare effettiva esistenza potere di rappresentanza e acquisire informazioni su identità dei delegati per operazioni da svolgere Quando avviene l identificazione: Prima dell instaurazione del rapporto continuativo o al momento in cui è conferito l incarico di svolgere una prestazione professionale o al momento dell esecuzione dell operazione. Identificazione del titolare effettivo Titolare effettivo (art. 2 allegato tecnico): Società: 1) persone fisiche che in ultima istanza possiedano e controllino un entità giuridica attraverso il controllo diretto o indiretto di una percentuale sufficiente delle partecipazioni al capitale o dei diritti di voto (25% + 1); 2) persone fisiche che esercitano in altro modo il controllo sulla direzione di un entità giuridica. Fondazioni, trust: 3) se beneficiari determinati: persone fisiche beneficiarie del 25% o più del patrimonio di un entità giuridica; 4) se beneficiari non ancora determinati: persone nel cui interesse principale è istituita o agisce l entità giuridica; 5) persone fisiche che esercitano controllo sul 25% o più del patrimonio di un entità giuridica. Verifica del Titolare effettivo Quando e come identificare titolare effettivo: Contestualmente all identificazione del cliente. Adozione di misure adeguate e commisurate alla situazione di rischio per comprendere assetti di proprietà e assetti di controllo del cliente. Pubblici registri. Richiesta dati ai clienti (art. 21) ovvero ottenere informazioni in altro modo.

15 Adeguata verifica Astensione dalla prestazione Controllo costante nel corso della prestazione professionale si attua analizzando le transazioni concluse durante tutta la durata del rapporto in modo da verificare che tali transazioni siano compatibili con la conoscenza del proprio cliente, delle sue attività commerciali, del suo profilo di rischio, avuto riguardo se necessario all origine dei fondi e tenendo aggiornati documenti, dati e informazioni detenute. Quando i professionisti non sono in grado di rispettare obblighi di adeguata verifica della clientela di cui all art. 18 comma 1 lett a) b) c) non possono eseguire le prestazioni professionali e valutano se effettuare segnalazione alla UIF. Non c è obbligo di astensione e segnalazione nel corso di esame della posizione giuridica del cliente o dell espletamento di compiti di difesa o rappresentanza in giudizio compresa consulenza su eventualità di intentare procedimento. Procedure e controlli interni Verifica della clientela obblighi semplifici (art. 28) Si attendono disposizioni attuative e istruzioni: Sulle modalità di adempimento degli obblighi di adeguata verifica della clientela: da parte delle Autorità di Vigilanza (art. 7) e da parte del Ministero economia e finanze, sentito comitato di sicurezza finanziaria (art. 19 comma 2). Su organizzazione, registrazione, procedure e controlli interni volti a prevenire l utilizzo dei canali finanziari ed economici per il riciclaggio e per la valutazione del rischio: istruzioni che saranno emanate delle Autorità di Vigilanza (7 comma 2). Identificazione e verifica non sono richieste se cliente è intermediario finanziario, ente creditizio o finanziario, ufficio della PA ovvero organismo che svolge funzioni pubbliche.

16 Verifica della clientela obblighi rafforzati (art. 28) Mancanza fisica del cliente, adottare una o più delle seguenti misure: Accertare identità cliente con docc supplementari. Adottare misure supplementari certificazione documenti forniti. Assicurarsi che primo pagamento avvenga mediante c/c intestato a cliente. Adeguata verifica Obblighi di adeguata verifica sono comunque assolti anche senza presenza fisica del cliente nei seguenti casi: Cliente già identificato in relazione a rapporto in essere purchè le informazioni siano aggiornate. In presenza di operazioni avvenute con sistemi di cassa continua o sportelli automatici. Pregressa identificazione sulla base di documenti certi (atti pubblici, scritture autenticate, certificati per generazione firma digitale). Obblighi di registrazione Registrazione Professionisti istituiscono: Il Ministero della Giustizia, sentiti gli ordini professionali, emana disposizioni applicative delle modalità di registrazione (art. 38 comma 7). - Archivio formato e gestito a mezzo di strumenti informatici ovvero - registro cartaceo della clientela ai fini antiriciclaggio contenente i dati identificativi del cliente, mentre ulteriori dati o informazioni sono conservati nel fascicolo relativo a ciascun cliente.

17 Conservazione dati di registrazione Riguardo ad obblighi di adeguata verifica del cliente: Conservare copia o riferimenti documenti acquisiti per verifica clientela, per 10 anni dalla fine della prestazione professionale Riguardo alle operazioni e prestazioni professionali: Conservare dati: data, causale, importo, tipologia operazione, mezzi di pagamento. Nel fascicolo del cliente: scritture e registrazioni, consistenti nei documenti originali o nelle copie aventi analoga efficacia probatoria nei procedimenti giudiziari, per 10 anni da esecuzione operazione, o da cessazione rapporto continuativo o della prestazione professionale. Utilizzabilità ai fini fiscali - art. 36 comma 6 I dati e le informazioni registrate ai sensi delle norme di cui al capo II (obblighi di registrazione) sono utilizzabili ai fini fiscali secondo le disposizioni vigenti. Principio generale: utilizzo da parte di soggetti pubblici che vengano a conoscenza nell esercizio delle loro funzioni di fatti che configurano violazioni tributarie (art. 36 DPR 600/33). Ispezioni o richiesta esibizione documenti da parte NPV della GdF da cui derivi verifica fiscale viola diritto riservatezza dei segnalanti che verrebbero conosciuti per diritto accesso agli atti del contribuente. Segnalazione operazioni sospette (art. 41) Segnalazione operazioni sospette (art. 41) Professionisti hanno obbligo di segnalare all UIF ogni operazione sospetta quando sanno, sospettano o hanno motivi ragionevoli per sospettare che siano in corso o che siano state compiute o tentate operazioni di riciclaggio o di finanziamento di terrorismo. Il sospetto è desunto dalle caratteristiche, entità, natura dell operazione o da qualsivoglia altra circostanza conosciuta in ragione delle funzioni esercitate, tenuto conto anche della capacità economica e dell attività svolta dal soggetto cui è riferita, in base agli elementi a disposizione dei segnalanti, acquisiti nell ambito dell attività svolta ovvero a seguito del conferimento di un incarico. Gli indicatori di anomalia al fine di individuare le operazioni sospette saranno emanati con Decreto del Ministro della Giustizia sentiti gli ordini professionali. Termini per la segnalazione: Senza ritardo, ove possibile prima del compimento dell operazione, appena il professionista sia venuto a conoscenza degli elementi di sospetto.

18 Segnalazione operazioni sospette (art. 41) Segnalazione operazioni sospette (art. 41) I professionisti trasmettono la segnalazione direttamente alla UIF oppure agli ordini professionali. Gli Ordini provvedono a trasmetterla alla UIF priva del nominativo del segnalante. Ordini professionali informano UIF delle ipotesi di omissione di segnalazione di operazioni sospette o di ogni fatto che potrebbe essere correlato a riciclaggio o finanziamento del terrorismo rilevate nei confronti dei professionisti (nell esercizio dell azione disciplinare). Per informazioni ricevute dal cliente o ottenute riguardo allo stesso nel corso dell esame della posizione giuridica del cliente o dell espletamento dei compiti di difesa o di rappresentanza del medesimo in un procedimento giudiziario o in relazione a tale procedimento, compresa la consulenza sull eventualità di intentare o evitare un procedimento, ove tali informazioni siano ricevute o ottenute prima, durante o dopo il procedimento stesso. Anche in relazione a giudizi arbitrali o per la risoluzione di controversie innanzi a organismi di conciliazione. Segnalazione operazioni sospette (art. 41) Le segnalazioni non costituiscono violazioni degli obblighi di segretezza, del segreto professionale o di eventuali restrizioni alla comunicazione di informazioni imposte in sede contrattuale o da disposizioni legislative, regolamentari, amministrative e, se poste in essere per le finalità ivi previste e in buona fede non comportano responsabilità di alcun tipo I CONTROLLI DELLA GDF Divieto ai soggetti tenuti alle segnalazioni e a chiunque ne sia a conoscenza di dare comunicazione dell avvenuta segnalazione

19 L utilizzo a FINI FISCALI I DATI E LE INFORMAZIONI REGISTRATE IN ARCHIVIO SONO UTILIZZABILI AI FINI FISCALI SECONDO LE DISPOSIZIONI VIGENTI (art. 36, co. 6, d.lgs.231/07) Conseguenze non piacevoli per il professionista: Si pensi all avvio di un accertamento che nasca da dati registrati in archivio o da una segnalazione di operazione sospetta!?!. In caso di sospetta evasione l amministrazione finanziaria può emettere un verbale di accertamento notificandolo al contribuente, il quale ai sensi della legge n.241/90 ha diritto di accedere agli atti che hanno originato il verbale (registrazioni del professionista). UTILIZZO DELLE INFORMAZIONI ACQUISITE CON POTERI DI POLIZIA VALUTARIA AI FINI DELL'ACCERTAMENTO FISCALE (art.2,c.5, D.Lgs 68/2001 richiama art.36 dpr 600) TUTTI I SOGGETTI ISTITUZIONALMENTE INCARICATI DI SVOLGERE ATTIVITÀ ISPETTIVE O DI VIGILANZA CHE VENGONO A CONOSCENZA DI FATTI CHE INTEGRANO VIOLAZIONI TRIBUTARIE UTILIZZO DELLE INFORMAZIONI ACQUISITE CON POTERI DI POLIZIA VALUTARIA AI FINI DELL'ACCERTAMENTO FISCALE IL NUCLEO SPECIALE DI POLIZIA VALUTARIA CHE SVOLGE ATTIVITÀ DI NATURA TRIBUTARIA HANNO L'OBBLIGO GIURIDICO DI COMUNICARE, DI INTERESSARE IL COMANDO DELLA GUARDIA DI FINANZA, TERRITORIALMENTE COMPETENTE, PER I DOVUTI APPROFONDIMENTI DEVE SEGNALARE I DATI ACQUISITI AL COMANDO TERRITORIALMENTE COMPETENTE PER LA CONSTATAZIONE DELLE VIOLAZIONI

20 PIANIFICAZIONE DELLA VERIFICA FISCALE PER SEGNALAZIONI DEL NUCLEO SPECIALE DI POLIZIA VALUTARIA UTILIZZO DELLE INFORMAZIONI ACQUISITE CON POTERI DI POLIZIA TRIBUTARIA AI FINI DELL'ACCERTAMENTO VALUTUARIO IL COMANDO DELLA GUARDIA DI FINANZA CHE RICEVE LA SEGNALAZIONE DAL NUCLEO SPECIALE DI POLIZIA VALUTARIA I MILITARI DELLA GUARDIA DI FINANZA CHE IN SEDE DI ACCERTAMENTO FISCALE NEI CONFRONTI DEL CONTRIBUENTE, RILEVANO VIOLAZIONI DI NATURA VALUTARIA PUÒ PROCEDERE ALLA PIANIFICAZIONE DELLA VERIFICA FISCALE NEI CONFRONTI DEL SEGNALATO AI SENSI DELLA CIRCOLARE 1/98 G. DI F. POSSONO PROCEDERE DIRETTAMENTE ALLA CONTESTAZIONE DI ALCUNE VIOLAZIONI LE VIOLAZIONI VALUTARIE DIRETTAMENTE CONTESTABILI DAI MILITARI NELL AMBITO DELLE VERIFICHE FISCALI RIGUARDANO: 1) INFRAZIONI EX ART. 49/ d.lgs 231/07 PER GLI ACCERTAMENTI RELATIVI A VIOLAZIONI INERENTI: 1) CORRETTA TENUTA A.U. 2) MANCATA SEGNALAZIONE OPERAZIONI SOSPETTE È NECESSARIA APPOSITA DELEGA DA 2) MANCATA ISTITUZIONE DELL ARCHIVIO UNICO UIF N. S. P. V.

21 Sanzioni penali Sanzioni penali Inosservanza obblighi adeguata verifica clientela Omessa o falsa indicazio-ne generalità del soggetto per conto del quale esegue operazione Omessa o falsa indicazione delle informazioni su scopo e natura del rapporto continuativo o della prestazione professionale Multa da a Reclusione da 6 mesi a 1 anno e multa da 500 a euro Arresto da 6 mesi a 3 anni e ammenda da a Omessa comunicazione da parte degli organi di controllo Violazione divieto di comunicare avvenuta segnalazione di operazione sospetta Reclusione fino ad 1 anno e multa da 100 a Arresto da 6 mesi a 1 anno o ammenda da a euro Omessa tardiva incompleta registrazione Multa da a Sanzioni amministrative Ordini professionali Mancato rispetto provvedimento di sospensione disposto da UIF Omessa istituzione registro clientela Mancata adozione delle modalità di registrazione Omessa segnalazione di operazioni sospette Violazione degli obblighi informativi nei confronti della UIF Pecuniaria da a Pecuniaria da a Pecuniaria da a Pecuniaria dall 1% al 40% dell importo dell opera-zione non segnalata Pecuniaria da a Promuovono e controllano osservanza da parte dei professionisti degli obblighi stabiliti dal decreto. Veicolano dati e notizie dagli iscritti alle Autorità preposte e agli iscritti le indicazioni e prassi applicative provenienti dalle Autorità competenti. Informano UIF delle ipotesi di omissione delle segnalazioni di operazioni sospette e di ogni fatto che potrebbe esser correlato a riciclaggio o finanziamento del terrorismo da parte dei propri iscritti, attività che svolgono nell ambito dell esercizio delle funzioni disciplinari.

22 Organi di controllo art. 52 Sanzioni amministrative Nelle società assoggettate alla normativa antiriciclaggio: gli organi di controllo vigilano sull osservanza delle norme contenute nel D.Lgs. 231/07 (collegio sindacale, consiglio di sorveglianza, comitato di controllo di gestione, organismo di vigilanza di cui al D.Lgs. 231/01, soggetti incaricati del controllo di gestione presso i soggetti destinatari del D.Lgs. 231/07). Art. 58 Comma 1 Violazione Trasferimento di denaro, libretti di deposito o titoli al portatore tra soggetti diversi per importi pari o superiori a 5.000,00 euro (art. 49, 1 c.); Sanzione Sanzione pecuniaria dall 1% al 40% dell importo trasferito Nelle altre società doveri e compiti del collegio sindacale non sono esplicitati: UIC attività esclusa, anche laddove includa revisione contabile, sindaco non svolge prestazione professionale è inserito in un rapporto organico e organo opera a maggioranza. Emissione di assegni bancari o postali per importi pari o superiori a 5.000,00 euro senza indicazione del beneficiario o della clausola di non trasferibilità (art. 49, 5 c.); Assegni bancari o postali emessi all ordine del traente che non siano girati unicamente per l incasso a una banca o a Poste Italiane (art. 49, 6 c.); Emissione di assegni, circolari, vaglia postali e cambiari senza indicazione del beneficiario o della clausola di non trasferibilità (art. 49, 7 c.); Sanzioni amministrative Sanzioni amministrative Art. 58 Violazione Sanzione Art. 58 Violazione Sanzione Comma 2 Comma 3 Saldo dei libretti di deposito o postali al portatore pari o superiore a 5.000,00 euro (art. 49, c. 12) Mancata estinzione di libretti con saldo pari o superiore a 5.000,00 euro (art. 49, c. 13); Sanzione pecuniaria dal 20% al 40% del saldo Sanzione pecuniaria dal 10% al 20% del saldo del libretto al portatore Comma 4 Trasferimento di denaro contante per importi pari o superiori a 2.000,00 euro ( o entro 5.000,00 euro se debitamente documentati) effettuato per il tramite di Money Transfer (art. 49, cc ) Sanzione pecuniaria dal 20% al 40% dell importo trasferito Mancata comunicazione dei dati identificativi del cessionario e della data di trasferimento dei libretti di deposito (art. 49, c. 14) Comma 5 Apertura in qualunque forma di conti o libretti di risparmio in forma anonima o con intestazione fittizia (art. 50, c. 1) Sanzione pecuniaria dal 20% al 40% del saldo

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e GIOVANNI L. D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e CIRCOLARE N. 4 DELL 8 APRILE 2008 INTRODUZIONE PAG. 2 TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE (ART. 49) PAG. 2 NUOVA DISCIPLINA

Dettagli

- 1 - Trasferimento di denaro contante

- 1 - Trasferimento di denaro contante A DECORRERE DAL 31.5.2010 sono state introdotte ad opera dell art. 20, DL n. 78/2010, c.d. Manovra correttiva, una serie di novità circa: l uso del denaro contante; l utilizzo degli assegni bancari o postali

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 3 Milano, 25 gennaio 2008 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Dal 30/04/2008 cambiano

Dettagli

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76 ANTIRICICLAGGIO: NUOVI OBBLIGHI PER GLI STUDI PROFESSIONALI, RESPONSABILITA, SEGNALAZIONI, OPERAZIONI OLTRE SOGLIA, ISPEZIONI E CONTROLLI ALLA LUCE DELLA RECENTE CIRCOLARE G.d.F.. n. 83607/2012 Dott.ssa

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 03301 Roma, 14 dicembre 2007 Com. n. 22 OGGETTO: Disposizioni di attuazione della III Direttiva comunitaria in materia di prevenzione dell utilizzo del

Dettagli

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 8 del 25/10/2013

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 Normativa, adempimenti, sanzioni, verifiche, flusso operativo procedura Antonello Valentini TeamUfficio S.r.l. 1 Cos è l Antiriciclaggio? Con Antiriciclaggio si intende l azione

Dettagli

LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 285 16 DICEMBRE 2011 ANTIRICICLAGGIO LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 12, commi 1 e 11, DL n. 201/2011 Artt.

Dettagli

Antiriciclaggio: Gli obblighi per i legali. Normativa. Il decreto legislativo 231 per i Professionisti. Finalità del decreto legislativo 231

Antiriciclaggio: Gli obblighi per i legali. Normativa. Il decreto legislativo 231 per i Professionisti. Finalità del decreto legislativo 231 Antiriciclaggio: Gli obblighi per i legali A cura di Michele D Agnolo Direttiva CEE 10 giugno 1991 n. 308 Direttiva CE 4 dicembre 2001 n. 97 Direttiva CE 26 ottobre 2005 n. 60 Normativa Decreto legge 3

Dettagli

OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE

OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE Legnano, 13/01/2016 Alle imprese assistite OGGETTO: IL NUOVO LIMITE DI UTILIZZO DEL CONTANTE Uno degli interventi sicuramente più inaspettati della manovra per il 2016 riguarda l innalzamento della soglia

Dettagli

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Premesse La normativa mira a prevenire l'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di

Dettagli

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO: Attività di vigilanza e controllo Sanzioni penali e amministrative (D.Lgs. 231/2007 come modificato (evidenziazione gialla) dal D.Lgs. 151/2009) Dispensa di aggiornamento professionale

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO NUOVI OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO: INNALZAMENTO DELLA SOGLIA PER L USO DEL CONTANTE CLASSIFICAZIONE CC - ANTIRICICLAGGIO RIFERIMENTI RMATIVI D. Lgs. 21.11.2007 n. 231 ART. 12 D.L.

Dettagli

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 6/2014 Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici INTRODUZIONE Per arginare il fenomeno dell antiriciclaggio è stato emesso il decreto legislativo del

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

Il decreto Antiriciclaggio

Il decreto Antiriciclaggio Il decreto Antiriciclaggio Gli aspetti principali per le banche della normativa antiriciclaggio 1 Sommario Struttura fondamentale della normativa antiriciclaggio Limite al trasferimento di contanti e titoli

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio 1 La normativa Il D. lgs. 231/07 ha dato attuazione

Dettagli

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE Informativa n. 11 del 2 aprile 2008 Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE 1 Novità in materia di utilizzo del

Dettagli

Guida pratica antiriciclaggio

Guida pratica antiriciclaggio Guida pratica antiriciclaggio UFFICIO STUDI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO per le Agenzie Immobiliari e i Mediatori Creditizi Ufficio Studi FIAIP a cura di Armando Barsotti Dal 22 Aprile 2006 sono in vigore

Dettagli

Commissione Antiriciclaggio

Commissione Antiriciclaggio ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CASERTA ENTE PUBBLICO NON ECONOMICO CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE Commissione Antiriciclaggio Presidente Componenti

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI ZAMBON Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI Riepilogo delle sanzioni penali e amministrative nella nuova normativa

Dettagli

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011)

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) a cura del GRUPPO DI STUDIO ANTIRICICLAGGIO di OPEN Dot Com Spa www.opendotcom.it antiriciclaggio@opendotcom.it

Dettagli

ISTITUZIONE DEL FASCICOLO DEL CLIENTE

ISTITUZIONE DEL FASCICOLO DEL CLIENTE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI MODULISTICA ISTITUZIONE DEL FASCICOLO DEL CLIENTE D. Lgs. 21.11.2007, n. 231 - D.M. 12.08.2008 - Chiarim. Mef 12.06.2008 al CNDCEC - Linee guida CNDCEC 8.09.2008 Sussiste in

Dettagli

Federazione Autonoma Bancari Italiani

Federazione Autonoma Bancari Italiani Federazione Autonoma Bancari Italiani Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Loc. Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287 Operatori

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Il monitoraggio fiscale

Il monitoraggio fiscale Forum Banche e P.A. 2015 Il monitoraggio fiscale Roma, 23 novembre 2015 1 L art. 9 della legge 6 agosto 2013, n. 97 («legge europea 2013») ha profondamente modificato il sistema del cd. monitoraggio fiscale

Dettagli

CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n.59/09 AGGIORNAMENTO

CIRCOLARE STUDIO ADRIANI n.59/09 AGGIORNAMENTO 1/10 OGGETTO OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO DEI PROFESSIONISTI CLASSIFICAZIONE CC - ANTIRICICLAGGIO RIFERIMENTI NORMATIVI D. Lgs. 21.11.2007 n. 231 D. Lgs. 25.9.2009 n. 151 - Direttiva CEE 26.10.2005,

Dettagli

NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI

NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI NORMATINA ANTIRICICLAGGIO GLI OBBLIGHI PER I PROFESSIONISTI di Laura Macci QUALI PROFESSIONISTI? Ai sensi dell art. 12 del D.Lgs. 231/2007 per professionisti si intendono: a) i soggetti iscritti nell albo

Dettagli

LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI

LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI LUCIA STAROLA LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI D.lgs. 231/07, art. 49, comma 1, È vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo Convegno ASCOB Roma 18 Luglio 2012 Dott. Franco Fantozzi Direttore Sicurezza e Compliance CODERE ITALIA SpA RICICLAGGIO: LE DIMENSIONI DEL FENOMENO

Dettagli

ASCOSIM INCONTRO 10 MARZO 2010 - ANTIRICICLAGGIO. Avv. LUCA ZITIELLO

ASCOSIM INCONTRO 10 MARZO 2010 - ANTIRICICLAGGIO. Avv. LUCA ZITIELLO ASCOSIM INCONTRO 10 MARZO 2010 - ANTIRICICLAGGIO Avv. LUCA ZITIELLO 1 LA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO 2 Definizioni di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo Costituiscono riciclaggio : a) la conversione

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

LO STOP ALL USO DEL CONTANTE

LO STOP ALL USO DEL CONTANTE 2012 Studio Pavan Daniela dottore commercialista e revisore contabile via G. Garibaldi 104/A 35043 Monselice (PD) e-mail: daniela.pavan@studiopavan.eu sito web: http:// www.studiopavan.eu tel. 0429/73659

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007

D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007 D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007 ODV e ADEMPIMENTI ANTIRICICLAGGIO Gruppo di lavoro «il modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001» ODCEC Torino Torino, 14 aprile 2014 SOMMARIO 1.

Dettagli

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE INDICE 1 Premessa 2 Novità in materia di contanti 2.1 Valore oggetto di trasferimento ed operazioni

Dettagli

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Quadro Antiriciclaggio Perché scegliere Quadro Gestione Antiriciclaggio? Quadro Antiriciclaggio aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione

Dettagli

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Sistema di vigilanza Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Connessi poteri di controllo Il ruolo di Banca d Italia Formazione OAM 2 Art. 128-decies TUB Agli agenti in a.f., agenti money transfer,

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO BASE Mercoledì 29 ottobre 2014 c/o Palazzo delle Opere Sociali Piazza Duomo, 2 Vicenza

ANTIRICICLAGGIO BASE Mercoledì 29 ottobre 2014 c/o Palazzo delle Opere Sociali Piazza Duomo, 2 Vicenza ANTIRICICLAGGIO BASE Mercoledì 29 ottobre 2014 c/o Palazzo delle Opere Sociali Piazza Duomo, 2 Vicenza Relatore: Andrea Onori Dottore Commercialista - Revisore Legale in Vicenza L Antiriciclaggio Le fonti:

Dettagli

L OBBLIGO DI ASTENSIONE. Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di

L OBBLIGO DI ASTENSIONE. Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di L OBBLIGO DI ASTENSIONE Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di adeguata verifica della clientela, da svolgere alternativamente in modalità ordinaria, semplificata o rafforzata

Dettagli

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio Periodico informativo n. 100/2012 Le novità antiriciclaggio Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che è entrato in vigore lo scorso

Dettagli

Oltre alla forma LA SOSTANZA

Oltre alla forma LA SOSTANZA L ANTIRICICLAGGIO Oltre alla forma LA SOSTANZA AREZZO 30 MAGGIO 2012 1 1 Non e tollerabile che l obiettivo del profitto possa essere disgiunto dalla correttezza dei comportamenti È sempre in agguato il

Dettagli

Obblighi di adeguata verifica della

Obblighi di adeguata verifica della Obblighi di adeguata verifica della clientela per la normativa antiriciclaggio Di Antonio Minervini L identificazione del cliente e del titolare effettivo LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGISLATIVO 231/2007

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Adempimenti in materia di antiriciclaggio

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Adempimenti in materia di antiriciclaggio Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 44 25.11.2013 Adempimenti in materia di antiriciclaggio Adeguata verifica, registrazione e conservazione, formazione

Dettagli

Catania 11 giugno 2014 Antiriciclaggio

Catania 11 giugno 2014 Antiriciclaggio Catania 11 giugno 2014 Antiriciclaggio A cura del dott. Alfonso Gargano 1 ANTIRICICLAGGIO LEGGE 197 DEL 5 LUGLIO 1991 DECRETO LEGISLATIVO 56 DEL 20 FEBBRAIO 2004 NORMATIVA DECRETO MINISTRERIALE 141 DEL

Dettagli

Circolare N.74 del 18 Maggio 2012

Circolare N.74 del 18 Maggio 2012 Circolare N.74 del 18 Maggio 2012 Movimenti transfrontalieri: le modifiche dell apparato sanzionatorio apportate dal DL semplificazioni fiscali Movimenti transfrontalieri: le modifiche all apparato sanzionatorio

Dettagli

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011)

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) a cura del GRUPPO DI STUDIO ANTIRICICLAGGIO di OPEN Dot Com Spa www.opendotcom.it antiriciclaggio@opendotcom.it

Dettagli

Legge n. 92 del 17 giugno 2008 così come modificata con Legge n. 73 del 19 giugno 2009

Legge n. 92 del 17 giugno 2008 così come modificata con Legge n. 73 del 19 giugno 2009 Legge n. 92 del 17 giugno 2008 così come modificata con Legge n. 73 del 19 giugno 2009 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE E CONTRASTO DEL RICICLAGGIO E DEL FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO TESTO NON UFFICIALE

Dettagli

PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI. D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt.

PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI. D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 4 PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-2 25 Provvedimento Banca d Italia 21/12/2007 27 Circolare Ministero

Dettagli

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino)

Antiriciclaggio. Lucia Starola (Commercialista in Torino) Lucia Starola (Commercialista in Torino) Antiriciclaggio 1 Antiriciclaggio Figura criminosa di 2 grado Ha per oggetto proventi di altre figure criminose (reato presupposto) Attività volta a dissimulare

Dettagli

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni

Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni STUDIO BROELTDDDDDDDDDDDDDDD STUDIO BORLETTO Dott. Alfio Via Santa Maria 23 10060 SCALENGHE (TO) Comunicazione all Agenzia delle Entrate dell indirizzo PEC entro il 31.10.2014 - Esclusioni 1 PREMESSA L

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI Torino, 19 Marzo 2013 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI NOZIONE DI RICICLAGGIO DESTINATARI DEGLI ADEMPIMENTI Dott.sa LUCIA STAROLA EVOLUZIONE NORMATIVA 1 L. 5/7/1991 n. 191 (cd

Dettagli

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8 M.1 L'ANTIRICICLAGGIO Evoluzione normativa a cura di Data Ufficio E-learning Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina

Dettagli

A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000 euro.

A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000 euro. A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000. La violazione L art. 20 del Dl. 78/2010 ha modificato la soglia massima per effettuare i pagamenti in denaro contante in precedenza pari a 12.500,

Dettagli

QUESTIONARIO ANTIRICICLAGGIO

QUESTIONARIO ANTIRICICLAGGIO BANCA IFIGEST S.p.A. - Società capogruppo Gruppo Bancario Ifigest Società iscritta all albo delle Banche al n. 5485 - CAB 02800 ABI 03185 SWIFT IFIGIT 31 Sede: 50125 FIRENZE - Piazza Santa Maria Soprarno,

Dettagli

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria Stampa Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria admin in A circa sei anni dalla introduzione della nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari e postali (d.lgs n. 507 del 30

Dettagli

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo)

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Altalex.it In tema di segnalazione di operazioni sospette di riciclaggio o di finanziamento

Dettagli

Fiscal News N. 324. Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale. La circolare di aggiornamento professionale 26.11.2013

Fiscal News N. 324. Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale. La circolare di aggiornamento professionale 26.11.2013 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 324 26.11.2013 Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale Gli adempimenti previsti per gli organi di controllo Categoria: Antiriciclaggio

Dettagli

SCHEDA ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (D.Lgs. 231/2007- Titolo II- Capo I)

SCHEDA ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (D.Lgs. 231/2007- Titolo II- Capo I) SCHEDA ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (D.Lgs. 231/2007- Titolo II- Capo I) DICHIARAZIONE DELL INTERMEDIARIO DI ASSICURAZIONE Io sottoscritto/a dichiaro che, in conformità

Dettagli

1 - ULTIME NOVITÀ FISCALI

1 - ULTIME NOVITÀ FISCALI 3 C:\Users\Administrator\Desk... CIRCOLARE n. 11/2010 Spett.li Clienti Loro SEDI Pesaro, 07 settembre 2010 1. Ultime novità fiscali; 2. Ripristinato il limite di Euro 5.000 per i trasferimenti in contante

Dettagli

ICT SECURITY N. 47 SETTEMBRE 2006 LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E IL BINOMIO PRIVACY/SICUREZZA. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 47 SETTEMBRE 2006 LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E IL BINOMIO PRIVACY/SICUREZZA. Autore: Daniela Rocca SOMMARIO La nuova normativa antiriciclaggio I presupposti dell identificazione Il contenuto e le modalità dell identificazione Il contenuto dell obbligo di registrazione e conservazione dei dati La segnalazione

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO a cura del Ten.Col. t.st Gaetano Cutarelli Comandante del I Gruppo Tutela Entrate del Nucleo Polizia Tributaria Torino della Guardia

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE

COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo n.

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 18 DEL 18 MARZO 2008 Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 (art.

Dettagli

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Impa_assegni_4 31-03-2008 14:46 Page 2 C ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Composite M Y CM MY CY CMY K A S S E G N I : C A M B I A T U T T O INDICE Assegni

Dettagli

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231)

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) Con il D. Lgs. 21/11/2007 n 231, pubblicato sulla G.U. n.290 SO n.267 del 14 dicembre 2007, è stata

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

La normativa antiriciclaggio e i professionisti

La normativa antiriciclaggio e i professionisti La normativa antiriciclaggio e i professionisti - Biella, 31 ottobre 2012 Luca Piovano dottore commercialista in Torino 2 Le fonti (nazionali) D.Lgs. 231/2007e s.m.i. Decreto del Ministero della Giustizia

Dettagli

Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali

Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali d Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali I principi fondamentali della norma Il primo punto di riferimento in relazione alle

Dettagli

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti di Luca Ferrari ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA REVISIONE LEGALE L esercizio della revisione legale é riservato ai soggetti

Dettagli

L utilizzo del denaro contante 6.12.2011 tra soggetti diversi pari o superiore a 1.000 eseguiti tramite intermediari abilitati complessivamente

L utilizzo del denaro contante 6.12.2011 tra soggetti diversi pari o superiore a 1.000 eseguiti tramite intermediari abilitati complessivamente Padova 16 dicembre 2011 BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Circolare n. 22/2011 Ai Clienti dello Studio LORO SEDI Dott. Dario Fabris

Dettagli

Normativa Antiriciclaggio - D.Lgs. n. 231/2007 (e successive modificazioni). Obblighi di adeguata verifica della clientela.

Normativa Antiriciclaggio - D.Lgs. n. 231/2007 (e successive modificazioni). Obblighi di adeguata verifica della clientela. Gentile Cliente, Normativa Antiriciclaggio - D.Lgs. n. 231/2007 (e successive modificazioni). Obblighi di adeguata verifica della clientela. al fine del corretto assolvimento degli obblighi antiriciclaggio

Dettagli

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Antiriciclaggio

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Antiriciclaggio a cura di Antonio Gigliotti FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 17 DICEMBRE 2013 Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio: tenuta contabilità e segnalazione Antiriciclaggio Varie La

Dettagli

Oggetto: A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000 euro.

Oggetto: A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000 euro. Busto Arsizio, 16/09/2010 Ai gentili clienti Loro sedi Oggetto: A rischio i trasferimenti di denaro contante sopra i 5.000. La violazione L art. 20 del Dl. 78/2010 ha modificato la soglia massima per effettuare

Dettagli

POLICY. Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. (Estratto) Consiglio di Amministrazione

POLICY. Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. (Estratto) Consiglio di Amministrazione POLICY Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo (Estratto) Numero / Anno POL 01 / 2013 Versione 1.0 Stato Proponente Approvazione Emittente Approvato Antiriciclaggio Consiglio

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 L Antiriciclaggio a cura di Salvatore Ruotolo 1 provvedimenti di Banca Italia 10 marzo 2011 in

Dettagli

Obblighi di registrazione e conservazione

Obblighi di registrazione e conservazione CONVEGNO Il Notariato parte attiva del sistema antiriciclaggio Incontro con le altre Istituzioni impegnate nella difesa della legalità: esperienze, problematiche, contributi, istruzioni operative Roma,

Dettagli

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco!

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! DE PROFUNDIS C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! C era una volta il segreto bancario Periodo 1974-1982 Art. 34 del D.P.R. 600/73 Ufficio imposte dirette poteva chiedere

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0185690.28-12-2012-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0185690.28-12-2012-U CONVENZIONE SULLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DA PARTE DEGLI INTERMEDIARI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 3, DEL D.P.R. N. 322 DEL 1998 DEL SERVIZIO DI PAGAMENTO CON MODALITA TELEMATICHE, IN NOME E PER CONTO DEL

Dettagli

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Antiriciclaggio

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Antiriciclaggio a cura di Antonio Gigliotti FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 15 Maggio 2012 Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio: le indagini della Guardia di Finanza Antiriciclaggio Varie Il

Dettagli

Dott. Raffaele D Arienzo Commercialista in Salerno Partner diemmedi consulting network. Antiriciclaggio. darienzo@diemmediconsulting.

Dott. Raffaele D Arienzo Commercialista in Salerno Partner diemmedi consulting network. Antiriciclaggio. darienzo@diemmediconsulting. Dott. Raffaele D Arienzo Commercialista in Salerno Partner diemmedi consulting network Antiriciclaggio darienzo@diemmediconsulting.it Quadro Normativo 2 L. 5/7/1991 n. 197 c.d. Legge antiriciclaggio D.M.

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) NUOVA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

Antiriciclaggio. A cura del dott. Alfonso Gargano

Antiriciclaggio. A cura del dott. Alfonso Gargano Antiriciclaggio A cura del dott. Alfonso Gargano 1 ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA L AUTORE DEL REATO NON

Dettagli

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (INSTAURAZIONE/AGGIORNAMENTO RAPPORTO CONTINUATIVO) (per società, enti giuridici, ditte individuali etc.) (Artt. 15 e ss. D. lgs. 231/2007)

Dettagli

IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE

IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE Il D.L. 138/2011 (c.d. Manovra di Ferragosto) interviene riducendo alla metà la soglia per la movimentazione del denaro contante, degli assegni e dei libretti al portatore,

Dettagli

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO Circolare n. 15/2011 TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO In questa Circolare 1. Limitazioni all'uso del contante 2. Assegni e libretti al portatore 3. Segnalazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 27 dicembre 2007 N. 40-C/2007 Ill.mi Signori Avvocati URGENTE via e-mail PRESIDENTI DEI CONSIGLI

Dettagli

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma Sul forum Odontoiatria fiscale nel portale dedicato agli Odontoiatri italiani Odontoline.it, del quale sono moderatore, è stato a più riprese discusso il tema della limitazione all uso dei contanti, in

Dettagli