Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge"

Transcript

1 Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge di Matteo Lariccia Sommario: 1. Premessa. La disciplina e i termini dell intervento legislativo, in funzione di tutela della parte debole e di contrasto alla criminalità organizzata; 2. Natura giuridica dell istituto; 3. Dal rischio di abrogazione all importanza strategica dell istituto quale intervento nel mercato; 4. Conclusioni. Lo stretto rapporto tra intervento regolatorio dell Autorità di vigilanza e modifiche legislative 1. Premessa. La disciplina e i termini dell intervento legislativo, in funzione di tutela della parte debole e di contrasto alla criminalità organizzata La disciplina del subappalto nel Codice dei contratti pubblici (in seguito, Codice) consente all amministrazione aggiudicatrice di indicare, nel bando di gara, se intende provvedere a corrispondere direttamente al subappaltatore/cottimista l importo dovuto per le prestazioni dagli stessi eseguite ovvero, in alternativa, se pagare il subappaltatore, secondo la modalità ordinaria, per il tramite dell appaltatore 1. Si tratta di una disposizione che, in entrambi i casi, tutela la parte contrattualmente debole dei rapporti di subappalto. Infatti, se da una parte è previsto il pagamento diretto da parte della stazione appaltante ai subappaltatori, dall altra è previsto l obbligo agli affidatari di trasmettere, entro venti giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato nei loro confronti, copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti da essi effettuati nei confronti del subappaltatore entro il termine, al fine di evitare la sospensione del successivo pagamento a proprio favore da parte della stazione appaltante (art. 118, comma 3, Codice). Dal lato delle stazioni appaltanti, è innegabile che il pagamento diretto a fronte di pur non trascurabili oneri amministrativi comporta dei vantaggi per le amministrazioni aggiudicatrici le quali possono evitare i comportamenti fraudolenti dell appaltatore e consolidare la certezza del loro rapporto con i subappaltatori. 1 Sul subappalto, in generale, G. FERRARO, Il subappalto nelle opere pubbliche, Edizioni scientifiche calabresi, 2012; N: CENTOFANTI, M. FAVAGROSSA, P. CENTOFANTI, Il subappalto, Cedam, 2012; R. DE NICTOLIS, Manuale dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, II ed., EPC Editore, 2012, 1456, ss.; A. VALLETTI, Il subappalto, Giuffré, 2005; F. CARINGELLA, M. PROTTO, Codice dei contratti pubblici, Dike, 2012, 821 ss; R. TROCCOLI, Subappalto, ergo sum!, Appalti e contratti, 12, 2012, 41-48; C. CAVALLARI, Il subappalto nella disciplina dei lavori pubblici: limiti e condizioni di ammissibilità, Il Corriere del Merito, 2012, 10, ; G. LEZZI, Il pagamento dei subappaltatori nel D.Lgs. n. 163/2006 e nella disciplina recata dal D.P.R. n. 207/2010. Problematiche applicative e spunti innovativi forniti dalla recente giurisprudenza di merito, L amministrazione italiana, 2011,

2 La scelta della modalità di pagamento ha natura discrezionale, salvo il caso delle opere superspecialistiche, per le quali si osserva una opzione non derogabile del legislatore, operata dunque a monte 2. Come è stato correttamente osservato, il pagamento diretto ai subappaltatori è una opzione facoltativa per l amministrazione, sulla quale ricade soltanto l onere di optare per tale modalità al momento dell indizione del bando di gara 3. Nel caso in cui sia previsto il pagamento diretto da parte della stazione appaltante, questo potrà avvenire soltanto dopo che l appaltatore abbia comunicato la parte dei lavori eseguita dal subappaltatore e la motivata proposta di pagamento con il relativo importo. In mancanza, vale la disciplina generale per la quale sono dettati analiticamente obblighi a carico della stazione appaltante e la sanzione della sospensione dei pagamenti che la stessa può adottare. Il primo intervento normativo che detta la disciplina de qua risale al D.lgs 19 dicembre 1991, n. 406, che introduceva all art. 18 della l. 19 marzo 1990, n. 55, il comma 3bis, ove si prevedeva l istituto, rimasto sostanzialmente inalterato fino ad oggi. Si trattava di un opzione legislativa che introduceva, nella disciplina del subappalto fino ad allora (a partire dalla l. 20 marzo 1865, n. 2248, all. F) soggetta alla sola istanza di autorizzazione rivolta alla stazione appaltante, precisi limiti e condizioni 4 ; e che si inseriva in una cornice che perseguiva il dichiarato scopo di prevenzione della delinquenza di tipo mafioso e di altre gravi forme di manifestazione di pericolosità sociale. Successivamente, l istituto è stato recepito dal Codice, il quale poi - con D.lgs 31 luglio 2007, n. 113, cd terzo correttivo - è stato ulteriormente integrato con la previsione della sanzione della sospensione dei pagamenti agli affidatari, al fine di dare maggiore effettività alla norma. 2. Natura giuridica dell istituto Il subappalto è una species del genus dei contratti derivati, la cui sorte è legata al contratto d opera e al rapporto contrattuale con la stazione appaltante, e nei quali l appaltatore assume a parti invertite il ruolo di stazione appaltante 5. L appalto è un contratto, di 2 G. FERRARO, Il subappalto nelle opere pubbliche, Edizioni scientifiche calabresi, 2012, A. CANCRINI, P. PISELLI e V. CAPUZZA, La nuova legge degli appalti pubblici, GIGOP, Roma, 2008, 405; N: CENTOFANTI, M. FAVAGROSSA, P. CENTOFANTI, Il subappalto, Cedam, 2012, V. MONTARULI, G. ESPOSITO, I contratti pubblici nella legislazione antimafia, Dei, 2010, 86. Sulle caratteristiche pubblicistiche di tale disciplina e le conseguenti ricadute in termini di giurisdizione, cfr. A. VALLETTI, Il giudice amministrativo e il subappalto: più di una occasione mancata, in Urbanistica e Appalti, 4, 2008, R. DE NICTOLIS, Manuale dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, II ed., EPC Editore, 2012, 1456; N: CENTOFANTI, M. FAVAGROSSA, P. CENTOFANTI, Il subappalto, Cedam, 2012, 155 ss. Per la nozione di subcontratto, cfr C.M. BIANCA, Diritto civile, Il contratto, Milano 2000,

3 indiscussa natura privatistica, caratterizzato da un elevato grado di autonomia nei confronti del contratto di subappalto 6. Nei limiti delle modalità procedurali e sostanziali consentite dal Codice, il subappalto è un contratto retto dal diritto civile e soggetto alla giurisdizione del giudice ordinario, le cui sorti dipendono direttamente da quelle del contratto principale (si pensi alle ipotesi di risoluzione del contratto, inadempimenti, varianti). In ragione di tale autonomia, di norma non sussiste alcun rapporto diretto tra Stazione appaltante e subappaltatore: in particolare, con riguardo alla disciplina del pagamento diretto in esame, non viene a crearsi tra stazione appaltante e operatore economico subappaltatore alcun rapporto obbligatorio. Ne deriva che sotto il profilo processuale, si dovrebbe ritenere che il committente non abbia azione diretta nei confronti del subappaltatore. Il pagamento diretto ai subappaltatori può essere qualificato come delegazione di pagamento ex lege tra l appaltatore, il subappaltatore e la stazione appaltante. Non sorge, pertanto, un autonomo rapporto obbligatorio tra il subappaltatore e la stazione appaltante, ma quest ultima, pagando, adempie la propria obbligazione nei confronti dell appaltatore e, in virtù della delegazione, estingue anche l obbligazione dell appaltatore nei confronti del subappaltatore Dal rischio di abrogazione all importanza strategica dell istituto quale intervento nel mercato L occasione dell entrata in vigore del d.p.r. 21 dicembre 1999, n. 554 fornisce l occasione all Autorità per un primo intervento regolatorio sul tema. Infatti, giacché il Regolamento aveva previsto l espressa abrogazione dell art. 34 della l. 406/1991, che introduceva tra le norme di delegificazione - il suddetto istituto nell ordinamento, era stata sollevato il dubbio che tale abrogazione potesse avere delle conseguenze a cascata sull applicazione del pagamento diretto, già trasfuso nella l. 55/90. L Autorità - oltre ad argomentare che l abrogazione di una norma non comporta l automatica abrogazione di norme novellate dalla stessa, a meno che ciò non sia espressamente disposto sottolinea che l espressa volontà del legislatore regolamentare muove nel senso di conservare le norme che risultino espressione di legislazione antimafia 8. In tal modo, l Autorità afferma una interpretazione non abrogante della nuova disciplina, valorizzandone l importanza e l attualità, secondo una lettura in chiave di legislazione speciale. Si tratta di un intervento di semplice portata che permette tuttavia all Autorità di sottolineare e stimare l utilità operativa dello 6 Cons. Stato, V, 20 maggio 2003, n. 2755, Cass. civ. Sez. II, , n Cfr. altresì Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici, Deliberazione 23 novembre 2004, n. 157, Determinazione 28 aprile 2004, n. 7, Parere sulla normativa AG 17 maggio 2012, n Autorità di vigilanza sui contratti pubblici, Parere sulla normativa AG 17 maggio 2012, n Avcp, Determinazione 26 marzo 2003, n. 8. Sul punto, cfr altresì V. MONTARULI, G. ESPOSITO, I contratti pubblici nella legislazione antimafia, Dei, 2010, 88. 3

4 strumento e di identificare l indirizzo della legislazione alla tutela di soggetti economicamente deboli. La correttezza dell interpretazione non abrogante da parte dell Autorità di vigilanza e la centralità strategica dell istituto, quale strumento di intervento nel mercato degli appalti pubblici, si coglie nel tempo, osservandone la progressiva affermazione che esso assume nella legislazione di settore. In un primo tempo, il pagamento diretto ai subappaltatori viene recepito nella disciplina generale del subappalto, prevista dal Codice dei contratti pubblici: l art. 118 ne propone una formulazione sostanzialmente analoga a quella della l. 55/90, consentendone tuttavia la fuoriuscita dalla legislazione speciale. In un secondo tempo, il legislatore ne afferma una versione obbligatoria limitatamente ai casi delle opere altamente specialistiche. Per le cd opere super specializzate, infatti, il d.lgs 11 settembre 2008, n. 152 (cd Terzo decreto correttivo) dispone che il pagamento diretto ai subappaltatori non consiste in una facoltà della stazione appaltante, ma è previsto dal Codice come obbligo non derogabile (art. 37, comma 11). In un terzo momento, la l. 11 novembre 2011, n. 180, recante il cd Statuto delle imprese, ne propone l applicazione preferenziale al caso dei subappalti, ove il subcontraente sia una piccola e media impresa. Infine, il d.l. 23 dicembre 2013, n. 145, convertito con l. 21 febbraio 2014, n. 9, che - con incisività ancora maggiore sul rapporto privatistico tra le parti - ammette d imperio l intervento sopravvenuto della previsione del pagamento diretto. L Autorità dei contratti pubblici, contestualmente, registra le fughe in avanti del mercato di riferimento. In occasione di uno stato di manifesta difficoltà di un appaltatore, una stazione appaltante domanda di poter soddisfare direttamente i crediti dei subappaltatori, a dispetto della mancata espressa previsione del bando di gara 9. Posta la già affermata autonomia del contratto di subappalto e, dunque, la mancanza di un rapporto obbligatorio diretto di credito tra stazione appaltante e subappaltatore, l organo di vigilanza inquadra tale richiesta nello schema della rinegoziazione del contratto in fase esecutiva. In tal senso, dopo aver valutato che le modalità di pagamento non alterano in modo sostanziale le condizioni di concorrenza rispetto a quelle date nell appalto iniziale, ammette la possibilità di optare in fase esecutiva per il pagamento diretto, purché ciò avvenga in virtù di un sopravvenuto accordo tra le parti e non unilateralmente da parte della stazione appaltante. In tal senso, il pagamento diretto ai subappaltatori si manifesta come uno strumento efficace per contrastare lo stallo del settore degli appalti pubblici e incentivare l investimento di capitale. Non sorprende, dunque, che la considerazione anticipata 9 La questione è oggetto del Parere sulla normativa AG 17 maggio 2012, n. 4. Per note critiche sul Parere dell Autorità, cfr. M. GENTILE, Pagamento dei subappaltatori: il circolo vizioso dell Autorità, in 16 luglio

5 dall Autorità sia stata successivamente riproposta dal legislatore nel recente decreto cd Destinazione Italia, volto alla promozione di misure per la realizzazione di opere pubbliche (d.l. 23 dicembre 2013, n. 145, convertito con l. 21 febbraio 2014, n. 9) 10. L art. 13, comma 10, del decreto in parola inserisce un inciso nell art. 118, comma 3 del Codice, secondo il quale, anche in deroga alle previsioni del bando, è ammessa la possibilità di provvedere al pagamento diretto ai subappaltatori laddove ricorrano condizioni di crisi di liquidità finanziaria dell affidatario, comprovate da reiterati ritardi nei pagamenti dei subappaltatori. La norma fornisce implicita conferma alle perplessità dell operazione messe in evidenza dall Autorità, giacché non dimentica di precisare che tale modifica può avvenire dopo che sia stato sentito l affidatario. L espressione sentito l affidatario, in questo caso, appare particolarmente incisiva nel rapporto tra le parti, atteso che sembra prospettare - anziché una rinegoziazione del contratto prevista ex lege una inserzione automatica di clausola, che la pubblica amministrazione può imporre unilateralmente alla controparte, eventualmente con un mero obbligo di motivazione nel caso in cui l affidatario abbia manifestato il proprio dissenso. In tal caso, la delegazione di pagamento si sovrappone al contratto di appalto e configura autonomamente un rapporto trilaterale di pagamento tra la stazione appaltante, l appaltatore e il subappaltatore in base al quale il primo si obbliga per conto del secondo a effettuare il pagamento alle condizioni date. Il d.l. 145/2013 non è l unica previsione di legge che estende le ipotesi di pagamento diretto ai subappaltatori. In tale direzione, muove infatti anche l art. 13, comma 2, lett. a) della l. 11 novembre 2011, n. 180, la quale nel quadro del cd Statuto delle imprese ha previsto che, al fine di favorire le piccole e medie imprese, la pubblica amministrazione provvede a evidenziare nei bandi di gara la possibilità di subappalto garantendo la corresponsione diretta dei pagamenti da effettuare tramite bonifico bancario, riportando sullo stesso le motivazioni del pagamento, da parte della stazione appaltante nei vari stati di avanzamento 11. È evidente la preoccupazione del legislatore di favorire l'accesso delle piccole e medie imprese a un rapporto diretto con la pubblica amministrazione, anche laddove questo appaia economicamente e tecnicamente difficile. Questo generoso e apprezzabile sforzo del legislatore, tuttavia, ha causato notevoli difficoltà interpretative, in particolare relativamente al contrasto che si manifestava tra la disciplina speciale e la previa disciplina del pagamento diretto. In particolare, si è posto il problema della antinomia tra la discrezionalità della previsione ordinaria, di cui all art. 118, comma 3, del Codice e l apparente obbligatorietà della previsione dello Statuto delle imprese. 10 M. GENTILE, Destinazione Italia: pagamento diretto ai subappaltatori anche in corso di contratto. Prime riflessioni, 11 L art. 15 della medesima legge prevede che la stessa disciplina si applichi anche al mancato pagamento da parte dell appaltatore degli esecutori dei subcontratti di forniture con posa in opera. Sulla applicabilità della nuova disciplina ai contratti già stipulati alla data della sua entrata in vigore, si è espressa l Autorità con Parere sulla normativa AG 26 giugno 2011, n. 8, successivamente integrato con Parere sulla normativa AG 18 luglio 2013, n. 5. 5

6 Da una parte, si propone una lettura restrittiva secondo cui alla nuova disposizione comportava una implicita e parziale abrogazione dell art. 118, comma 3, limitatamente alle piccole e medie imprese, cui l art. 13 della l. 180/2011 espressamente si riferisce 12 ; dall altra, si propone una diversa soluzione che neutralizza la portata innovatrice della norma, optando per una lettura che sposta l obbligo non già sull obbligo di pagamento diretto, quanto sull obbligo di effettuare un pagamento tracciabile (con bonifico bancario) nel caso in cui si opti per il pagamento diretto. In entrambi i casi, la spiegazione di questa innovazione appare complessa. Aderendo alla prima tesi, infatti, si deve osservare che - sotto un profilo pratico - la qualifica di piccole e medie imprese (fino a 250 dipendenti o 50 milioni di euro di fatturato annuo) investe la quasi totalità delle imprese nel settore edilizio e quindi la norma sarebbe stata dettata per consentire - in via di fatto un abrogazione dell art. 118, comma 3, ancorché permanga in vita l opzione ordinaria di cui al Codice dei contratti pubblici. Aderendo alla seconda interpretazione, non si può non osservare che si tratterebbe di un sovrabbondante duplicato della l. 13 agosto 2010, n. 136, sugli obblighi di tracciabilità. La questione è ancora aperta, ma in ogni caso appare sufficiente a sottolineare ancora una volta l importanza strategica, in tempi di crisi, che il legislatore annette allo strumento del pagamento diretto al subappaltatore e la volontà di superare gli ostacoli che si oppongono ad una rapida affermazione dell istituto. 4. Conclusioni. Il ruolo strategico dell istituto e lo stretto rapporto tra intervento regolatorio dell Autorità di vigilanza e modifiche legislative L istituto del pagamento diretto dei subappaltatori nei contratti pubblici rappresenta un esempio, che ben esprime l importanza strategica del coordinamento degli interventi dei diversi soggetti istituzionali nel mercato degli appalti pubblici. La progressiva affermazione legislativa denota, infatti, il credito che il legislatore ha riconosciuto a questo istituto, disponendone dapprima l obbligo per alcune tipologie di opere, successivamente l estensione dell obbligo ad alcune categorie di imprese e, infine, l applicazione anche ai rapporti contrattuali in corso. D altra parte, è innegabile che l evoluzione evidenzia l importanza della presenza nel mercato di un riferimento istituzionale che, attraverso la propria attività interpretativa, ha colto e valorizzato le esigenze e le dinamiche del mercato di riferimento e permesso lo stretto dialogo tra questo e il legislatore. Con la chiave di lettura qui proposta, si può dunque apprezzare il chiaro caso di eterogenesi dei fini che caratterizza l evoluzione del pagamento diretto ai subappaltatori: l istituto che era nato come un limite legislativo al subappalto nella legislazione antimafia, con la funzione di controllo e lo scopo di condizionare le distorsioni economiche che possono derivare dalla pratica del subappalto, si è affermato come importante strumento 12 G. FERRARO, Il subappalto nelle opere pubbliche, Edizioni scientifiche calabresi, 2012,

7 legislativo per intervenire favorevolmente nel mercato degli appalti, allo scopo di permetterne la crescita e la dinamica intrinseca. Quando si verifica la felice combinazione di un sano connubio tra legislatore e vigilante, anche strumenti inizialmente repressivi possono assumere utilità inaspettate. Il complesso degli interventi legislativi degli ultimi anni testimonia un percorso lineare di questo genere e lascia intendere che questa sia la direzione verso la quale continuare. 7

di Massimo Gentile 1 In corso di pubblicazione su Appalti e Contratti.

di Massimo Gentile 1 In corso di pubblicazione su Appalti e Contratti. Pagamento dei subappaltatori: il circolo vizioso dell Autorità 1 di Massimo Gentile Nell attuale congiuntura economica, particolarmente critica, che il nostro paese sta attraversando, il pagamento dei

Dettagli

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di Pagamento diretto dei subappaltatori e anticipazione su fattura: due novità che faranno discutere di Massimo Gentile 1. In attuazione di quanto disposto dall articolo 25, comma 3, della Legge 18 aprile

Dettagli

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1.

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. di Arrigo Varlaro Sinisi 2 Alla luce della recente novità normativa 3 in tema di soccorso istruttorio, c è da domandarsi se

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 10 del 20 Gennaio 2011 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Tracciabilità appalti: nuovi chiarimenti operativi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n.

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n. CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2013 Prot. n. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Circolare

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

Circolare Informativa n 21/2013

Circolare Informativa n 21/2013 Circolare Informativa n 21/2013 DURC negativo ed intervento sostitutivo della stazione appaltante e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag.3 1) Intervento

Dettagli

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE Determinazione nr. 1894 Trieste 17/06/2014 Proposta nr. 597 Del 17/06/2014 Oggetto: Master in Europrogettazione 2014-2020, organizzato da

Dettagli

Servizio Pubblici Appalti

Servizio Pubblici Appalti Servizio Pubblici Appalti OGGETTO: Decreto Legislativo 18 aprile 2016 n. 50 pubblicato nella G.U. del 19/04/16 supplemento ordinario n. 10/L recanti le disposizioni relative al nuovo Codice degli appalti

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

L anomalia dell offerta

L anomalia dell offerta L anomalia dell offerta Avv. Daniela Anselmi 8 maggio 2007 La verifica in contraddittorio dell offerta: procedimento e voci oggetto di verifica. Esclusione automatica delle offerte anormalmente basse:

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Parere n.62 del 14/10/2014 PREC 95/14/S OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 presentata dalla Ecosprint

Dettagli

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE N. Proposta 1273 del 07/09/2015 OGGETTO: CORSO AGGIORNAMENTO PER PREPOSTI AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N.81

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

LA TRACCIABILITÀ FINANZIARIA...2. Adempimenti connessi alla tracciabilità finanziaria...2. Ambito temporale della legge 136/2010...

LA TRACCIABILITÀ FINANZIARIA...2. Adempimenti connessi alla tracciabilità finanziaria...2. Ambito temporale della legge 136/2010... Sommario Sezione I...2 LA TRACCIABILITÀ FINANZIARIA...2 QUADRO NORMATIVO...2 Adempimenti connessi alla tracciabilità finanziaria...2 Ambito temporale della legge 136/2010...2 Cosa devono fare gli uffici?...2

Dettagli

Business International. Concessioni relative ad infrastrutture strategiche e Dialogo competitivo

Business International. Concessioni relative ad infrastrutture strategiche e Dialogo competitivo Business International La nuova disciplina delle Concessioni alla luce del Codice dei Contratti Concessioni relative ad infrastrutture strategiche e Dialogo competitivo Avv. Rosalba Cori Unità Tecnica

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

Normativa sugli Appalti

Normativa sugli Appalti Normativa sugli Appalti Verifiche sul rispetto della normativa in materia di appalti pubblici Milano, 7 giugno 2012 Francesca Barletta Archidata Srl Assistenza tecnica PO Italia Svizzera 2007-2013 Agenda

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VICENZA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VICENZA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VICENZA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA 1. STAZIONE APPALTANTE Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE:

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE: DELIBERAZIONE 15 NOVEMBRE 2012 473/2012/A AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA PROCEDURA DI GARA APERTA IN AMBITO NAZIONALE - RIF. GOP 26/11, CIG 225763100A - FINALIZZATA ALLA SELEZIONE DI UNA APPOSITA

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013

Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013 Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013 Pubblicazione cartacea degli avvisi e dei bandi ex art.

Dettagli

Definita la normativa sulla tracciabilità degli appalti: attesi ulteriori chiarimenti dall Avcp

Definita la normativa sulla tracciabilità degli appalti: attesi ulteriori chiarimenti dall Avcp Definita la normativa sulla tracciabilità degli appalti: attesi ulteriori chiarimenti dall Avcp Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla, che in sede di conversione del DL 187/2010 nella

Dettagli

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE Determinazione nr. 3288 Trieste 03/12/2013 Proposta nr. 1133 Del 03/12/2013 Oggetto: Sottoscrizione abbonamento a 15 giornate formative organizzate

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE Determinazione nr. 720 Trieste 23/03/2015 Proposta nr. 260 Del 20/03/2015 Oggetto: Corso "Il conto annuale 2014. Strumento di verifica e

Dettagli

Tracciabilità Flussi Finanziari L. 136/2010

Tracciabilità Flussi Finanziari L. 136/2010 Ai Direttori di Dipartimento, Uffici Centrali ed Extra-Dipartimentali Ai Dirigenti dei servizi Loro sedi Roma, 26 gennaio 2011 CIRCOLARE N 1 / 2011 Tracciabilità Flussi Finanziari L. 136/2010 Premessa

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro Riforma del Mercato del Lavoro Legge 92/2012 GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO DI RENZO LA COSTA LUGLIO 2012 Il nuovo lavoro a progetto 1 Il contratto di lavoro

Dettagli

Risoluzione n. 89/E. Roma,18 marzo 2002

Risoluzione n. 89/E. Roma,18 marzo 2002 Risoluzione n. 89/E Roma,18 marzo 2002 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Termini per l emissione di una nota credito dopo la chiusura del fallimento. Interpello - articolo 11 legge 27

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO LIBRO FONDIARIO CIRCOLARE N..4/ 2007 Trreennt too,, 55 ffeebbbbrraai ioo 22000077 Oggetto: D.L. 31 gennaio 2007, n.7, c.d. decreto Bersani ( convertito con Legge 2.04.2007

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 2792 31/12/2013 OGGETTO: Proroga dal 01/01/2014 per mesi 3 del servizio di telefonia delle

Dettagli

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO C O P I A SERVIZI TECNICI GESTIONALI PROGRAMMA N. 4 (DETERMINAZIONE N. 65 DEL PROGRAMMA N. 4) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEI SERVIZI TECNICI GESTIONALI N.

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 5 NOVEMBRE 2015 519/2015/A AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA PROCEDURA DI GARA APERTA - RIF. 222/2014/A - CIG 5748085DC9 - INDETTA IN AMBITO NAZIONALE FINALIZZATA ALLA STIPULA DI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

Tracciabilità dei flussi finanziari

Tracciabilità dei flussi finanziari Tracciabilità dei flussi finanziari Legge 13 agosto 2010 n. 136 DL 187 del 12 novembre 2010 L. Conv. 217 del 17 dicembre 2010 Scopo Assicurare la prevenzione di infiltrazioni criminali Si rivolge Agli

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2014 236/2014/A AVVIO DI UNA PROCEDURA DI GARA APERTA, IN AMBITO NAZIONALE, FINALIZZATA ALLA STIPULA DI UN CONTRATTO DI APPALTO AVENTE AD OGGETTO LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI TRADUZIONE

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO

DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO L appaltatore all atto dell offerta, e, nel caso di varianti in corso d opera, all atto dell affidamento

Dettagli

Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163

Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Atto di segnalazione n.

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ART. 1 Oggetto dell appalto Il servizio di tesoreria consiste nel complesso di operazioni legate alla gestione finanziaria dell ente locale

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE Determinazione nr. 574 Trieste 09/03/2015 Proposta nr. 194 Del 05/03/2015 Oggetto: Incontro di studio La gestione contabile dell'ente locale

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico (D.I. 31/07/1990, 18/01/2005, 11/12/2009)

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico (D.I. 31/07/1990, 18/01/2005, 11/12/2009) 33081 - Aviano (PN) - Italy Via Franco Gallini 2 C.F. - P.IVA 00623340932 Tel. 0434/659111 Fax 0434/652182 E-mail: croaviano@cro.it CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Istituto di ricovero e cura a carattere

Dettagli

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI.

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Determinazione del Responsabile del Servizio Settore Amministrativo Numero Generale 332 AFFIDAMENTO ED IMPEGNO DI SPESA PER ACQUISTO FOGLI DI

Determinazione del Responsabile del Servizio Settore Amministrativo Numero Generale 332 AFFIDAMENTO ED IMPEGNO DI SPESA PER ACQUISTO FOGLI DI ORIGINALE COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI Determinazione del Responsabile del Servizio Settore Amministrativo Numero Generale 332 AFFIDAMENTO ED IMPEGNO DI SPESA PER ACQUISTO FOGLI DI Numero

Dettagli

di Massimo Gentile 2 1 In corso di pubblicazione su Appalti&Contratti 2 Studio Legale Associato Gentile Varlaro Sinisi - www.studiogvs.

di Massimo Gentile 2 1 In corso di pubblicazione su Appalti&Contratti 2 Studio Legale Associato Gentile Varlaro Sinisi - www.studiogvs. Cade il divieto per il progettista di partecipare alle gare di affidamento dei lavori 1 di Massimo Gentile 2 1. La Legge 30 ottobre 2014 n. 161 - recante Disposizioni per l adempimento degli obblighi derivanti

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 140 DEL 8/8/2013 OGGETTO: Affidamento servizi postali del Comune di Bari Sardo. Proroga convenzione mesi 1 convenzione

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Urbanistica Rigenerazione Urbana DIRETTORE CARLETTI ARCH. RUGGERO Numero di registro Data dell'atto 1660 17/11/2014 Oggetto : Affidamento, mediante cottimo

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI - descrizione oggetto della proposta e contesto di riferimento Ottimizzazione economica degli interventi edilizi necessari alla realizzazione dei piani

Dettagli

COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola

COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola D E T E R M I N A Z I O N E N. 22 Data: 27/10/2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO INCARICO MEDIANTE RICORSO AL MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dettagli

DCO 401/2014/R/com. Osservazioni e proposte ANIGAS. Milano, 6 ottobre 2014

DCO 401/2014/R/com. Osservazioni e proposte ANIGAS. Milano, 6 ottobre 2014 DCO 401/2014/R/com ORIENTAMENTI PER LA DEFINIZIONE DI EVENTUALI ULTERIORI MODIFICHE AL CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE, A SEGUITO DELL ENTRATA IN VIGORE

Dettagli

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori 1. Premessa L Istituto per il Credito Sportivo (di seguito anche Istituto o ICS ) intende istituire e disciplinare un Elenco di operatori

Dettagli

DETERMINAZIONE OGGETTO: MANUTENZIONE STRAORDINARIA ALLE STRADE BIANCHE DEL COMUNE DI POMARANCE.

DETERMINAZIONE OGGETTO: MANUTENZIONE STRAORDINARIA ALLE STRADE BIANCHE DEL COMUNE DI POMARANCE. COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa PROGRESSIVO GENERALE N. 843 SETTORE : GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio : Lavori Pubblici DETERMINAZIONE N. 473 del 31.12.2014. copia OGGETTO: MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli

La risposta è affermativa L acquisto del CD è alternativo alla presa visione degli elaborati.

La risposta è affermativa L acquisto del CD è alternativo alla presa visione degli elaborati. QUESITI E RISPOSTE 1. Non risulta scaricabile il bando di gara; Il bando di gara pubblicato nella GURI del 04/07/2014 al n. T14BFM11431 ed il successivo corrispondente avviso di rettifica pubblicato nella

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona Determinazione del 16.04.2014 N Generale: 81 N Settoriale: 24 AREA AMMINISTRATIVA UFFICIO OGGETTO: APPALTO LAVORI CIMITERIALI. AFFIDAMENTO DIRETTO

Dettagli

***** COPIA***** UNIONE COMUNI MARMILLA Via Rinascita, 19 09020 Villamar (VS)

***** COPIA***** UNIONE COMUNI MARMILLA Via Rinascita, 19 09020 Villamar (VS) N 133 15/05/2015 REGISTRO GENERALE DETERMINAZIONI 2015 ***** COPIA***** UNIONE COMUNI MARMILLA Via Rinascita, 19 09020 Villamar (VS) SERVIZIO GESTIONE BIBLIOTECHE E SISTEMA BIBLIOTECARIO DETERMINAZIONE

Dettagli

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009

RISOLUZINE N. 267/E. Roma, 30 ottobre 2009 RISOLUZINE N. 267/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 Operazioni esenti IVA Attività di intermediazione relative

Dettagli

RISOLUZIONE N. 117/E

RISOLUZIONE N. 117/E RISOLUZIONE N. 117/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 novembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Opere ultrannuali Costi relativi ai SAL liquidati in via provvisoria al subappaltatore Articoli 93

Dettagli

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Come previsto dalle vigenti normative in materia di contratti pubblici: D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e D.P.R. 207/2010 e s.m.i., il Responsabile Unico del Procedimento è il soggetto responsabile incaricato

Dettagli

Bando di gara Prot. 2373 del 02/09/2015 Albo Pretorio n. 494 del 02/09/2015 BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA

Bando di gara Prot. 2373 del 02/09/2015 Albo Pretorio n. 494 del 02/09/2015 BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA La tua Campania Cresce in Europa COMUNE DI SAN LORENZO MAGGIORE (Provincia di Benevento) (82034)Via Santa Maria n. 43/A. Tel. 0824 813711 - fax. 0824 813597 - E-mail: uff.tecnicoslm@libero.it Bando di

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta REGOLAMENTO INTERNO ARTICOLO 1 Scopo ed oggetto del regolamento Il presente regolamento ha lo scopo - ai sensi dell articolo 6 della legge 3 aprile 2001, n. 142, e dell articolo 39 dello statuto - di disciplinare

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 147 del 11/03/2013 N. registro di area 17 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 11/03/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore ECONOMICO

Dettagli

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO In questa Circolare 1. Premessa 2. La responsabilità solidale fiscale 3. La responsabilità solidale retributiva / contributiva 1. PREMESSA Come noto

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER QUATTRO ANNI DAL 01/04/2016 AL 31/03/2020 - CIG 6568371737

UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER QUATTRO ANNI DAL 01/04/2016 AL 31/03/2020 - CIG 6568371737 PROT. N. _1815_ Li, 29/01/2016 BANDO DI GARA PER APPALTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER QUATTRO ANNI DAL 01/04/2016 AL 31/03/2020 - CIG 6568371737 1. AMMINISTRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI COMMEZZADURA

COMUNE DI COMMEZZADURA COPIA COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO SERVIZIO SEGRETERIA COMUNALE - PROGRAMMA N. 5 DETERMINAZIONE N. 14 DEL PROGRAMMA N. 5 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SEGRETERIA COMUNALE N.

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento La tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge 136/2010, come integrata e modificata dalla Legge n.217/2010 Nel presente articolo si espone attraverso alcune domande la normativa di cui alla

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli Via S. Di Giacomo, 5 80017 Melito di Napoli Settore Entrate Segreteria www.comune.melito.na.it e-mail entrate@comune.melito.na.it Tel. 081\2386226 Fax 081\7112748

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA DETERMINAZIONE : AREA AMMINISTRATIVA ED INNOVAZIONE IMPEGNO DI SPESA PER DIGITALIZZAZIONE DELL'ARCHIVIO DELLE PRATICHE EDILIZIE NR. Progr. Data 643 30/12/2013

Dettagli

In ossequio ai principi di trasparenza che ispirano l attività della Fondazione, si riportano, in ordine cronologico, tutti i quesiti e le richieste di chiarimento pervenute dalle Imprese in merito all

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 544 DEL 05/07/2011 PROPOSTA N. 134 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Economato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Area Segretario Generale DIRETTORE CRISCUOLO avv. PASQUALE Numero di registro Data dell'atto 1196 20/08/2015 Oggetto : Affidamento diretto alla ditta ICA Srl con

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Lavori Pubblici Mobilità Urbana e Ambiente DIRETTORE PAGLIARINI ing. MARCO Numero di registro Data dell'atto 1361 21/09/2015 Oggetto : Interventi di derattizzazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 OGGETTO: Consulenza giuridica Fatturazione delle prestazioni rese dai medici di medicina generale operanti in regime di convenzione con

Dettagli

RIFORMA DELLA L. 92/2012: INTRODUZIONE

RIFORMA DELLA L. 92/2012: INTRODUZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONTRATTO A PROGETTO, PARTITE IVA DOPO LA RIFORMA FORNERO RIFORMA DELLA L. 92/2012: INTRODUZIONE avv. Antonella Lo Sinno 12 Marzo 2013 Ordine dei Commercialisti

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli