Cinematica e dinamica del processo di taglio stazionario

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cinematica e dinamica del processo di taglio stazionario"

Transcript

1 LE LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE TRUCIOLO 1 Cinematica e dinamica del processo di taglio stazionario Bugini, Giardini, Pacagnella, Restelli Tecnologia Meccanica: Lavoraz. per asportazione di truciolo Altri riferimenti: Giusti/Santochi Tecnologia meccanica cap

2 Operazione di taglio Operazione nella quale un utensile, dotato di opportuni moti relativi rispetto al pezzo, ne asporta uno strato superficiale (sovrametallo) trasformandolo in truciolo e generando una superficie con le caratteristiche di precisione e rugosità superficiale specificate sul disegno del pezzo. Eseguita a freddo anche se il calore sviluppato sia dalla deformazione plastica che dall attrito provoca un incremento rilevante della temperatura del pezzo. Elementi che concorrono alla sua realizzazione: pezzo grezzo; macchina utensile; utensile; attrezzatura. 3 Esempio: tornitura 4 2

3 LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO Lavorazioni alle macchine utensili Tornitura Fresatura Foratura Alesatura Filettatura Maschiatura Rettificatura Brocciatura Limatura e stozzatura Piallatura 5 Formatura Stato liquido: fonderia Stato solido: polveri PROCESSI DI LAVORAZIONE Deformazione Asportazione Laminazione Estrusione Trafilatura Forgiatura Lamiere 6 Con taglienti a geometria definita: - tornitura, - fresatura, Con taglienti a geometria indefinita: - rettificatura, Con metodi non convenzionali 3

4 sbozzato finito 7 LAVORAZIONI ALLE MACCHINE UTENSILI Vantaggi Accuratezze dimensionali superiori a quelle ottenibili con processi di fonderia, formatura, o foggiatura in genere, Profili esterni o interni, spigoli vivi, o planarità non realizzabili altrimenti, Parti trattate termicamente per aumentare la durezza o la resistenza all usura: la lavorazione va fatta dopo il trattamento per ovviare a problemi di distorsione a causa di tensioni interne o colorazione superficiale, Caratteristiche superficiali, come la finitura speculare, non producibili con altri metodi, Convenienza rispetto ad altri processi di fabbricazione, in particolare per volumi di produzione relativamente bassi. Svantaggi Maggior spreco di materiale, Più alto dispendio di energia rispetto agli altri processi, Tempi di produzione più lunghi, Specializzazione del personale mediamente più elevata rispetto ai processi di fabbricazione per fusione o per deformazione plastica. 8 4

5 9 Principali moti nelle operazioni di taglio La macchina utensile deve consentire i moti: di taglio di avanzamento di appostamento e registrazione 10 5

6 Principali moti nelle operazioni di taglio Moto di taglio: componente principale del moto relativo utensile-pezzo. Consente all utensile di eseguire l operazione di taglio vera e propria. Definisce direzione e velocità di taglio. Moto di avanzamento: permette all utensile di entrare in contatto con nuovo sovrametallo da asportare e quindi di lavorare la superficie per la sua intera estensione. Definisce direzione e velocità di avanzamento. Moto attivo: risulta dalla composizione vettoriale dei moti di taglio e di avanzamento. Moti di appostamento e registrazione: consentono di posizionare l utensile rispetto al pezzo (o viceversa) prima di avviare l operazione di taglio. I moti di registrazione consentono, in genere, di definire lo spessore di sovrametallo da asportare. 11 Moti di taglio e di avanzamento nelle principali lavorazioni OPERAZIONE Moto di taglio Moto di avanzamento Moto attivo Conferito a tipo unità di Conferito a tipo unità di misura misura Tornitura pezzo R m/min utensile T mm/giro E Piallatura pezzo TA m/min utensile TI mm/doppia T corsa Limatura e utensile TA m/min pezzo TI mm/doppia T Stozzatura corsa Foratura utensile R m/min utensile T mm/giro E Alesatura utensile R m/min pezzo, utensile T mm/giro E Fresatura utensile R m/min pezzo T mm/giro C dente Brocciatura utensile T, R, E m/min T Rettificatura utensile R m/s pezzo T + R T m/min E cilindrica R giri/min Rettificatura utensile R m/s pezzo T m/min C piana frontale C = cicloidale; E = elicoidale; R = rotatorio; T = traslatorio; TA = traslatorio alternato; TI = traslatorio intermittente. 12 6

7 Moti di taglio e avanzamento nelle principali lavorazioni 13 Parametri di taglio Grandezze da definire per eseguire l operazione di taglio: Velocità di taglio Velocità di avanzamento Profondità di passata 14 7

8 Parametri di taglio Velocità di taglio v t [generalmente in m/min]: velocità con cui avviene il moto di taglio. Esempio: v t D n = π 3 10 D [mm] è il diametro del pezzo da lavorare (tornitura cilindrica) o dell utensile (fresatura, foratura, alesatura); n [giri/min] è la velocità di rotazione del pezzo (tornitura cilindrica) o dell utensile (fresatura, foratura, alesatura). 15 Parametri di taglio Velocità di avanzamento v a [mm/min]: velocità dell utensile (o del pezzo) nella direzione del moto di avanzamento. Avanzamento a [mm/giro o mm/doppia corsa]: spostamento dell utensile (o del pezzo) nella direzione del moto di avanzamento per ogni giro o corsa di lavoro completa del pezzo (o dell utensile). Avanzamento per tagliente a z (=a/z): avanzamento ripartito tra i taglienti dell utensile (z=1 per utensili da tornio, z=2 per punte elicoidali; z = numero dei taglienti per una fresa) Profondità di passata p [mm]: spessore di sovrametallo da asportare misurato in direzione all avanzamento (tornitura longitudinale: p = (D d)/2) 16 8

9 Sezione di asportazione Area del truciolo indeformato da asportare Tornitura: A = p a 17 Velocità di taglio v -> [m/min] Avanzamento al giro a -> [mm/giro] Profondità di passata p -> [mm] Numero di giri n -> [giri/min] Velocità di avanzam. v a = a n -> [mm/min] Sezione del truciolo s = a p -> [mm 2 ] Tornitura 18 9

10 Velocità di taglio v -> [m/min] Avanzamento al giro a -> [mm/giro] Diametro punta D -> [mm] Numero di giri n -> [giri/min] Velocità di avanzam. v a = a n -> [mm/min] Sezione del truciolo s = a/2 D/2 -> [mm 2 ] Avanzam. al dente al giro a z =a/z -> [mm/giro/dente] Foratura 19 Velocità di taglio Alesatura v -> [m/min] Avanzamento al giro a -> [mm/giro] Profondità di passata p -> [mm] Numero di giri n -> [giri/min] Velocità di avanzam. v a = a n -> [mm/min] Avanzam. al dente al giro a z = a/z -> [mm/giro/dente] Sezione del truciolo s = a p -> [mm 2 ] oppure s = a z p -> [mm 2 ] 20 10

11 Fresatura periferica Velocità di taglio v -> [m/min] Avanzam. al dente al giro a z = a/z -> [mm/giro/dente] Diametro D larghezza L Numero di denti z Profondità di passata p -> [mm] Numero di giri n -> [giri/min] Avanzamento al giro a = a z z -> [mm/giro] 21 Velocità di avanzamento v a = a n = a z z n -> [mm/min] Fresatura periferica Spessore del truciolo (Distanza misurata radialmente fra la traiettoria di un dente e la traiettoria del successivo) h = AC senφ = a z senφ -> [mm] Sezione del truciolo s = h B -> [mm 2 ] 22 11

12 Fresatura periferica 23 Velocità di taglio v -> [m/min] Avanzam. al dente al giro a z = a/z -> [mm/giro/dente] Diametro D Numero di denti z Profondità di passata p -> [mm] Numero di giri n -> [giri/min] Avanzamento al giro a = a z z -> [mm/giro] Fresatura frontale 24 12

13 Velocità di avanzamento v a = a n = a z z n -> [mm/min] Fresatura frontale Spessore del truciolo (Distanza misurata radialmente fra la traiettoria di un dente e la traiettoria del successivo) h = AC senφ = a z senφ -> [mm] Sezione del truciolo s = h p -> [mm 2 ] 25 Rettifica circolare Velocità di taglio v -> [m/s] Velocità periferica del pezzo v -> [m/min] Avanzamento del pezzo a -> [mm/giro] Profondità di passata p -> [mm] Diametro mola D Larghezza mola L M 26 13

14 Rettifica in paino Velocità di taglio v -> [m/s] Velocità tangenziale del pezzo v p -> [m/min] Avanzamento mola a -> [mm/doppia corsa] Profondità di passata p -> [mm] Diametro mola D Larghezza mola L M 27 Piallatura Utilizzata per realizzare superfici piane molto estese e caratterizzate da elevata lunghezza Velocità di taglio v -> [m/min] Avanzamento a -> [mm/doppia corsa] Profondità di passata p -> [mm] Numero di doppie corse n -> [doppie corse/min] Sezione del truciolo s -> [mm 2 ] 28 14

15 Limatura 29 Stozzatura La stozzatura è impiegata per la realizzazione di superfici interne a spigoli vivi, cave per chiavette, profili scanalati

16 Brocciatura Viene utilizzata per ampliare, sagomare, modificare una cavità interna (anche esterna) 31 Caratteristiche geometriche e di forma di utensili monotaglienti stelo testa petto o faccia di taglio dorso o fianco principale dorso o fianco secondario tagliente principale tagliente secondario arco di raccordo 32 16

17 Caratteristiche geometriche e di forma di utensili monotaglienti Stelo: parte dell utensile che ne consente l afferraggio alla torretta Testa: parte dell utensile che stabilisce il contatto diretto con il pezzo e sulla quale si trovano superfici attive e taglienti Petto o faccia: superficie attiva sulla quale si forma e scorre il truciolo Dorso o fianco: superficie attiva adiacente al petto Dorso principale: superficie laterale contigua al petto Dorso secondario: superficie laterale prospiciente la superficie lavorata Tagliente principale: spigolo di intersezione petto-dorso principale Tagliente secondario: spigolo di intersezione petto-dorso secondario Arco di raccordo: arco di cerchio che raccorda i taglienti 33 Riferimenti spaziali Servono per definire le caratteristiche geometriche dell utensile e le condizioni di taglio. Piano di lavoro: piano contenente la direzione dei moti di taglio e di avanzamento Piano di taglio: piano, a quello di riferimento, su cui giace il tagliente principale Piano di riferimento: piano di appoggio dello stelo sulla superficie orizzontale della torretta portautensili 34 17

18 Angoli di taglio Caratterizzano la parte dell utensile direttamente impegnata nell operazione di taglio (testa) Sezione A-A: sezione, la cui traccia A-A è al tagliente principale, eseguita con un piano a quello di riferimento. Sezione B-B: sezione, la cui traccia B-B è al tagliente secondario, eseguita con un piano a quello di riferimento. 35 Angoli di taglio Angolo di spoglia frontale γ: angolo tra petto e piano di riferimento. Nella sez. A-A è formato dalla traccia del petto con la alla direzione del moto di taglio Angolo di spoglia dorsale α: angolo tra dorso principale e piano di taglio. Nella sez. A-A è formato dalla traccia del dorso principale con la direzione del moto del taglio Angolo di taglio β: angolo tra petto e dorso principale. Nella sez. A-A è compreso tra le tracce del petto e del dorso principale (α + β + γ = π/2) Angolo di spoglia dorsale secondario α : angolo tra dorso secondario e un piano contenente il tagliente secondario e al piano di riferimento. Nella sez. B-B è formato dalla traccia del dorso secondario con la direzione del moto del taglio 36 18

19 Angoli di taglio Angolo di spoglia frontale γ Determina, con l angolo λ, la posizione del petto rispetto al piano di riferimento e quindi influenza il meccanismo di formazione del truciolo E considerato positivo se il petto forma con la direzione di taglio un angolo > 90, negativo in caso contrario Scelto in funzione del materiale dell utensile, del materiale in lavorazione e dei parametri di taglio 37 Angoli di taglio Angolo di spoglia frontale γ γ>0 minori deformazioni e forze per produrla riduzione dell attrito sul petto grazie alla diminuzione della pressione di taglio riduzione della potenza assorbita e della temperatura di taglio possibilità di scelta dei parametri di taglio in modo meno conservativo con evidenti vantaggi produttivi riduzione della resistenza meccanica dell utensile γ 0 aumento della sezione resistente sollecitazione prevalente a compressione anziché a taglio necessaria con materiali per utensili poco tenaci (es. ceramici) aumento di forze, potenze assorbite e temperature di taglio 38 19

20 Valori caratteristici dell angolo γ Materiale dell'utensile Materiale da lavorare Acciai Carburi Ceramici Diamanti Diamanti sinterizzati sintetici naturali Acciaio UNI-C20 TD Acciaio UNI-C20 TD Acciaio UNI-C20 TD Acciai debolmente legati Acciaio al manganese (12% Mn) Acciai inox (ferritici e martensitici) Acciai inox (austenitici) Ghise grigie (UNI-G10/G20) Ghise grigie (UNI-G25/G35) Ghisa malleabile a truciolo corto Ghisa malleabile a truciolo lungo Ghisa sferoidale Alluminio e leghe allo stato ricotto Leghe fuse di alluminio Rame Bronzo fuso Bronzo di alluminio Ottone Materie plastiche Angoli di taglio Angolo di spoglia dorsale principale α Ha la funzione di impedire lo strisciamento del dorso dell utensile sulla superficie lavorata α>0 L aumento di α causa: il raggiungimento, in un tempo maggiore, del valore ammissibile di usura la diminuzione della sezione resistente Dipende del materiale in lavorazione: diminuisce al crescere della pressione di taglio poiché deve aumentare la sezione resistente deve essere maggiore per materiali che subiscono un consistente recupero elastico dopo la lavorazione Dipende dal materiale dell utensile: deve essere piccolo nel caso di materiali poco tenaci (ad es. i ceramici) poiché questi necessitano di sezioni resistenti maggiori 40 20

21 Valori caratteristici dell angolo α Materiale dell'utensile Materiale da lavorare Acciai Carburi Ceramici Diamanti Diamanti sinterizzati sintetici naturali Acciaio UNI-C20 TD Acciaio UNI-C20 TD Acciaio UNI-C20 TD Acciai debolmente legati Acciaio al manganese (12% Mn) Acciai inox (ferritici e martensitici) Acciai inox (austenitici) Ghise grigie (UNI-G10/G20) Ghise grigie (UNI-G25/G35) Ghisa malleabile a truciolo corto Ghisa malleabile a truciolo lungo Ghisa sferoidale Alluminio e leghe allo stato ricotto Leghe fuse di alluminio Rame Bronzo di alluminio Ottone Materie plastiche Angoli di taglio Angolo di spoglia dorsale secondario α Assolve la stessa funzione di α anche se il tagliente secondario partecipa marginalmente al taglio (α α ) Angolo di taglio β Definisce l angolo solido dell utensile ed è robustezza dello stesso legato alla 42 21

22 Angolo di inclinazione del tagliente principale (λ)( Angolo formato tra tagliente principale e piano di riferimento È assunto negativo se il tagliente si eleva dalla punta verso lo stelo Esercita una notevole influenza sulla robustezza dell utensile: λ<0 per utensili in materiali poco tenaci (ad es. i ceramici) poiché questi necessitano di sollecitazioni di compressione Influenza la direzione di deflusso del truciolo 43 Effetto di γ e λ sullo stato si sollecitazione λ e γ positivi λ e γ negativi 44 22

23 Angoli di attacco (o di appostamento) Angolo di attacco del tagliente principale χ: formato, sul piano di riferimento, tra la proiezione del tagliente principale e la generatrice della superficie da lavorare Angolo di attacco del tagliente secondario χ : formato, sul piano di riferimento, tra la proiezione del tagliente secondario e la generatrice della superficie lavorata Angolo dei taglienti ε: formato, sul piano di riferimento, tra le proiezioni ortogonali del tagliente principale e di quello secondario (χ + χ +ε = π) χ e χ determinano, con a e r, in condizioni ideali, la rugosità teorica 45 Controllo della direzione di flusso del truciolo in tornitura χ e λ influenzano forma e direzione di flusso del truciolo Caso di truciolo continuo: λ determina il verso secondo cui fluisce il truciolo nel suo moto di allontanamento da utensile e pezzo χ permette di controllare l angolo formato tra la direzione di flusso del truciolo e quella dell asse del pezzo Direzione di flusso e forma del truciolo nella tornitura di materiali duttili nel caso di utensile con χ = 90 e λ > 0 Il truciolo tende ad avvolgersi intorno allo stelo e al portautensile 46 23

24 Controllo della direzione di flusso del truciolo in tornitura Direzione di flusso e forma del truciolo nella tornitura di materiali duttili nel caso di utensile con χ = 90 e λ < 0 Il truciolo tende ad avvolgersi attorno al pezzo con peggioramento della finitura superficiale 47 Controllo della direzione di flusso del truciolo in tornitura Direzione di flusso e forma del truciolo nella tornitura di materiali duttili nel caso di utensile con χ = 90 e λ = 0 Il truciolo fluisce in direzione parallela alla generatrice della superficie lavorata e si avvolge a spirale su se stesso 48 24

25 Controllo della direzione di flusso del truciolo in tornitura χ 45 λ > 0 Flusso del truciolo verso lo stelo Al crescere di λ: rotazione in senso orario della direzione di flusso aumento dell angolo formato tra direzione di flusso e generatrice della superficie lavorata 49 Controllo della direzione di flusso del truciolo in tornitura χ 45 λ < 0 Flusso del truciolo verso la superficie lavorata Al diminuire di λ: rotazione in senso antiorario della direzione di flusso aumento dell angolo formato tra direzione di flusso e generatrice della superficie lavorata 50 25

26 Angolo di attacco del tagliente principale Influenza le dimensioni della sezione del truciolo da asportare La diminuzione di χ, a parità di p e di a, comporta: un aumento della lunghezza del tagliente in presa e quindi una minore sollecitazione meccanica e termica per unità di lunghezza con aumento della durata dell utensile una riduzione dello spessore del truciolo indeformato con aumento di pressione specifica di taglio, energia assorbita nel taglio e forza di repulsione 51 Condizioni di taglio Se χ= 90 il piano di taglio è sia al piano di lavoro, sia all asse del pezzo utensile a coltello. Se anche λ = 0, la forza risultante giace su un piano a quello di riferimento e // all asse del pezzo ed ha due sole componenti (forza di taglio e forza di avanzamento) condizione di taglio bidimensionale (o ortogonale) Se χ 90 la forza di taglio ha tre componenti (le due precedenti e la forza di repulsione) condizione di taglio tridimensionale 52 26

27 Angoli di taglio in condizioni dinamiche (definizioni) Sono riferiti alla direzione del moto relativo tra utensile e pezzo v at Moto attivo: risultante dei moti di taglio e di avanzamento Direzione attiva: direzione istantanea del moto attivo Velocità attiva v at : velocità relativa istantanea utensile-pezzo nella direzione del moto attivo (composizione vettoriale di v t e v a ) 53 Angoli di taglio in condizioni dinamiche (definizioni) Angolo della direzione attiva η: angolo compreso tra la direzione attiva e quella di taglio Angolo della direzione di avanzamento ϕ: angolo compreso tra la direzione di avanzamento e quella di taglio v at 54 27

28 Angoli di taglio in condizioni dinamiche (definizioni) Piano di riferimento effettivo p re : piano alla direzione attiva contenente il tagliente principale. E inclinato dell angolo η rispetto al piano di riferimento p r Piano di taglio effettivo p te : piano contenente il tagliente principale e la direzione attiva. E inclinato dell angolo η rispetto al piano di taglio p t v at 55 Angoli di taglio in condizioni dinamiche Relazione tra gli angoli ϕ e η: Se ϕ = 90 : Relazione tra γ e e γ: tan η = tan η = γ e = v v t a senϕ + cos ϕ v v γ a t + η Relazione tra α e e α: α e = α η v at 56 28

29 Tipologia di truciolo Dipende da: caratteristiche meccaniche e metallurgiche del materiale lavorato tipo di operazione angoli di taglio parametri di taglio condizioni di lubrificazione all interfaccia petto-truciolo TRUCIOLO CONTINUO Ottenuto in operazioni di taglio stazionario (ad es. tornitura) su materiali duttili (ad es. acciai dolci e debolmente legati) con v t comprese tra qualche decina e qualche centinaio di m/min TRUCIOLO FRAMMENTATO Ottenuto in operazioni di taglio interrotto (ad es. fresatura) o in operazioni di taglio continuo su materiali fragili (ad es. ghisa) 57 Tipologia di truciolo Classificazione delle forme di truciolo ottenibili in operazioni di tornitura (ISO/TC 29/WG 22) 58 29

30 Dispositivi rompitruciolo Favoriscono la formazione di truciolo spezzettato nella lavorazione di materiali duttili in condizioni di taglio stazionarie Utensili con inserti riportati meccanicamente sullo stelo Interposizione tra inserto e staffa di serraggio una piastrina con spigolo cuneiforme che costringe il truciolo a subire un marcato incurvamento che ne favorisce la rottura Danneggiamento piastrina e staffa Sostituzione più dell inserto di lenta 59 Dispositivi rompitruciolo Si preferisce usare inserti con scanalature sul petto che svolgono la funzione di rompitruciolo Esempi di inserti quadrangolari con petto variamente sagomato per favorire la frammentazione del truciolo 60 30

31 Campo di impiego economico [p-a] di inserti per utensili Efficacia dell azione di rottura del truciolo garantita nelle zone indicate nel piano p a entro un dato intervallo di v t Inserti in metallo duro rivestito impiegati nelle lavorazioni di acciai per: (a) sgrossatura, (b) lavorazioni intermedie e (c) finitura v t molto elevate frammentazione spontanea del truciolo anche con materiali duttili per instabilità adiabatica non sono necessari dispositivi rompitruciolo 61 Dimensioni del truciolo indeformato in tornitura Condizioni di taglio tridimensionale (χ 90 ) Sezione del truciolo indeformato (quadrilatero ACDG): A = b h b: larghezza di asportazione b = p/sen χ h: spessore di asportazione h = a sen χ A = b h = p a Area effettiva del truciolo asportato (ACFG) < dell area teorica (ACDG). Differenza (CDFE) piccola rispetto all area nominale e trascurabile 62 31

32 Parametri di rugosità R = 1 N a y i N i= 1 63 Rugosità superficiale: definizioni e richiami Rugosità media (R a ): media aritmetica dei valori assoluti y i delle ordinate del profilo reale relativa alla lunghezza di campionatura R a L 1 = y L 0 i dx Rugosità quadratica media (R q ): radice quadrata della media dei quadrati delle ordinate yi misurate rispetto alla linea media 1L 2 Rz = yi dx L

33 Rugosità superficiale: definizioni e richiami Rugosità massima (R t ): distanza tra cresta più elevata e gola più profonda, valutata entro la lunghezza di campionatura Altezza della irregolarità del profilo valutata in 10 punti distinti (R z ): media dei valori assoluti dei cinque picchi del profilo più alti e delle cinque valli più profonde, compresi all interno della lunghezza di campionatura e misurati rispetto ad una linea // alla linea media e non intersecante il profilo y + y + y + y + y ) ( y + y + y + y R z = 5 ( y ) Finitura superficiale derivante dalla lavorazione di tornitura Profilo teorico della superficie lavorata in tornitura con utensile privo di raccordo fra tagliente principale e secondario 66 33

34 Rugosità superficiale Fattori che determinano lo scostamento della finitura di una superficie lavorata per asportazione di truciolo da quella teorica: velocità di taglio formazione del tagliente di riporto vibrazioni attrito e condizioni di lubrificazione microstruttura e proprietà meccaniche del materiale lavorato acutezza e finitura dei taglienti irregolarità periodiche ed aleatorie dei moti di taglio e di alimentazione 67 Rugosità superficiale L aumento di v t provoca la diminuzione: della rugosità reale della differenza tra i valori reali di R a e quelli teorici calcolati sulla base dell avanzamento e delle caratteristiche geometriche dell utensile NB Al di sotto di un certo valore limite di v t, nella lavorazione di materiali duttili e incrudenti, si ha la formazione del BUE con degrado della finitura superficiale 68 34

35 Finitura superficiale derivante dalla lavorazione di tornitura Superficie reale della parte lavorata caratterizzata da solchi con andamento elicoidale originati dall impronta lasciata dall utensile Parametri che influenzano la rugosità teorica: raggio di raccordo tra i taglienti (r) angoli di attacco (χ e χ ) avanzamento (a) 69 Finitura superficiale derivante dalla lavorazione di tornitura a sufficientemente piccolo (a 1 ) Parte di utensile interessata al taglio limitata al solo arco di raccordo tra i taglienti Forma d onda composta da archi di cerchio di raggio r riprodotti con passo pari ad a 1 Cresta di due onde contigue definita dall intersezione di due archi di cerchio di raggio r 70 35

36 Finitura superficiale derivante dalla lavorazione di tornitura a > di un certo valore limite (a 2 ) Parte di utensile interessata al taglio riguarda l arco di raccordo ed uno dei due taglienti Forma d onda composta da archi di cerchio di raggio r e da segmenti rettilinei dovuti all azione di uno dei due taglienti Cresta di due onde contigue definita dall intersezione di un arco di cerchio di raggio r con un segmento rettilineo // ad uno dei taglienti 71 Finitura superficiale derivante dalla lavorazione di tornitura a ancora più grande (a 3 ) Parte di utensile interessata al taglio riguarda l arco di raccordo e i due taglienti Forma d onda composta da archi di cerchio di raggio r e da segmenti rettilinei dovuti all azione dei due taglienti La cresta di due onde contigue è definita dall intersezione di due segmenti rettilinei // al tagliente principale e a quello secondario 72 36

37 Finitura superficiale derivante dalla lavorazione di tornitura Condizione limite affinché l intersezione di due profili consecutivi si presenti in corrispondenza degli archi di raccordo tra i taglienti: χ > χ a 1 = 2 r senχ' Rugosità teorica massima (μm): R t = MH = ( r r 2 2 a 4 ) a Rt 10 8 r 3 73 Finitura superficiale derivante dalla lavorazione di tornitura a = HB + TA' + A' H ' = 2 = rsenχ' + BTctgχ' + rsenχ BT = M ' H ' MH = r(cos χ' cos χ) 74 37

38 Finitura superficiale derivante dalla lavorazione di tornitura χ > χ Condizione limite affinché l intersezione di due profili consecutivi si presenti in corrispondenza dall intersezione di un arco di cerchio di raggio r con un segmento rettilineo // ad uno dei taglienti: a 2 = 2r 2 χ + χ' sen 2 sen χ' R t sen2 χ' = a sen 2 Rugosità teorica massima (μm): 2 χ' 2r 2 χ' 1 + 2r sen 10 a senχ' Finitura superficiale derivante dalla lavorazione di tornitura χ > χ Rugosità teorica massima (μm): R t = a sen χ senχ' sen χ + senχ' r 1 10 ( ') sen χ + χ ( ') sen χ + χ

39 Finitura superficiale derivante dalla lavorazione di tornitura Rugosità media in prima approssimazione: R a R t /4 Sostituendo l espressione di R t per bassi valori di a si ottiene: R a 2 a r 3 [μm] 77 Influenza dell avanzamento e del raggio di punta sulla rugosità superficiale teorica in tornitura (R( t ) 78 39

40 Valori di rugosità superficiale media ottenibili con alcuni processi produttivi 79 Vibrazioni nelle lavorazioni per asportazione di truciolo Sono accompagnate da oscillazioni relative tra utensile e pezzo, variazioni nelle forze di taglio e irregolarità sulle superfici lavorate VIBRAZIONI LIBERE Innescate da impulsi occasionali (ed es. trasmessi dall ambiente esterno attraverso le fondazioni) o da urti ed inversioni di moto nella MU Controllate isolando la MU e agendo sulle sue caratteristiche dinamiche VIBRAZIONI FORZATE Caratterizzate dall esistenza di fonti specifiche di eccitazione sulla MU quali variazioni periodiche nella generazione e nella trasmissione dei moti, impulsi e fluttuazioni cicliche della forza di taglio. Controllate agendo sia sulle cause che su configurazione e parametri che determinano il comportamento dinamico (masse, rigidezze e smorzamenti) VIBRAZIONI AUTOECCITATE Si sviluppano anche in assenza di una forzante specifica Intrattenute dal processo di taglio stesso attraverso un prelievo ciclico di energia: quando il saldo è positivo le vibrazioni aumentano di ampiezza 80 40

41 Vibrazioni autoeccitate Si originano dall interazione tra le caratteristiche dinamiche del processo di taglio e della MU L insieme MU pezzo utensile si comporta come un sistema ad anello chiuso nel quale si introduce energia dall esterno per alimentare il processo di taglio Vengono generate forze statiche e dinamiche che introducono deformazioni elastiche dando luogo a periodici accumuli e rilasci di energia Quando si instaura un meccanismo di trasferimento di energia dal processo di taglio alla struttura per alimentare vibrazioni di ampiezza crescente il processo diventa instabile Ciò può avvenire semplicemente aumentando a sufficienza la lunghezza del tagliente in presa con il pezzo 81 Vibrazioni autoeccitate: : cause Meccanismo rigenerativo tipico di quando l utensile ripercorre traiettorie precedenti e lo spessore istantaneo del truciolo viene modulato in ampiezza da irregolarità superficiali periodiche lasciate nella passata precedente Se le conseguenti fluttuazioni della F t producono un saldo positivo nei confronti degli smorzamenti, qualsiasi disomogeneità inizialmente presente tende ad estendersi e ad amplificare il fenomeno Riduzione della pressione di taglio all aumentare della v t e della sezione del truciolo 82 41

42 Vibrazioni nelle lavorazioni per asportazione di truciolo Le strutture delle MU possiedono infiniti gdl Solo i gdl corrispondenti ai principali modi di vibrare risultano interessanti. Essi sono individuati dalle deformate dinamiche corrispondenti alle relative frequenze naturali Se i modi di vibrare sono ben distinti (frequenze molto diverse) possono essere trattati in via approssimativa singolarmente come casi a 1 gdl Se i modi di vibrare hanno frequenze simili possono essere accoppiati con aumento della complessità dell analisi Due modi di vibrare tipici di un tornio parallelo a due diverse frequenze di risonanza: prevalentemente sul piano orizzontale (a) e su quello verticale (b) 83 Vibrazioni nelle lavorazioni per asportazione di truciolo Insorgenza delle vibrazioni ritardata agendo: sulle variabili di processo sulle caratteristiche dinamiche di MU, attrezzature ed utensile sulle caratteristiche dinamiche del pezzo (in misura minore) progettandolo in funzione della lavorazione che andrà a subire (DFM) Caratteristiche dinamiche delle MU migliorate attraverso: la disposizione delle masse principali vicino al basamento e delle restanti con massa decrescente all aumentare degli sbalzi l utilizzo degli elementi strutturali con schemi ad anello chiuso (portale) rispetto a quelli aperti (mensola) e, a parità di sezione, di strutture a guscio rispetto a quelle piene l utilizzo di materiali ad elevato smorzamento interno (ghisa, calcestruzzo polimerico e granito) in basamenti e montanti anche se il loro minore valore di E richiede sezioni maggiori per ottenere la rigidezza desiderata l uso di smorzatori dinamici l impiego di frese con geometrie particolari (spaziatura angolare irregolare dei taglienti, ecc.) per ridurre gli effetti rigenerativi 84 42

LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LAVORAZIONI INDUSTRIALI TORNITURA 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo Macchina Utensile Utensile Attrezzatura 2 1 TORNITURA 3 TORNITURA Obiettivo:

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 4.1 Lavorazioni per asportazione di truciolo LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Il principio del taglio dei metalli LIUC - Ingegneria Gestionale 2 L asportazione di truciolo

Dettagli

Fresatura. Moto di taglio utensile rotatorio. Moto di avanzamento pezzo lineare rettilineo o meno. Moto di registrazione pezzo lineare discontinuo

Fresatura. Moto di taglio utensile rotatorio. Moto di avanzamento pezzo lineare rettilineo o meno. Moto di registrazione pezzo lineare discontinuo Fresatura Moto di taglio utensile rotatorio Moto di avanzamento pezzo lineare rettilineo o meno Moto di registrazione pezzo lineare discontinuo Moto di lavoro cicloidale Periferica asse fresa // superficie

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

LA TORNITURA. Corso di Tecnologie Speciali I prof. Luigi Carrino

LA TORNITURA. Corso di Tecnologie Speciali I prof. Luigi Carrino LA TORNITURA L operazione di tornitura consente di ottenere superfici di rivoluzione interne ed esterne variamente conformate tra cui anche filettature e zigrinature. I movimenti nell operazione di tornitura

Dettagli

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Superfici Reali e Nominali Ing. Alessandro Carandina Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica Disegno tecnico Informazioni qualitative (i vari tipi

Dettagli

Il ciclo di lavorazione

Il ciclo di lavorazione Il ciclo di lavorazione Analisi critica del disegno di progetto Riprogettazione del componente (ove necessario) Determinazione dei processi tecnologici e scelta delle macchine utensili Stesura del ciclo

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

Classificazione secondo i movimenti

Classificazione secondo i movimenti CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO Classificazione secondo i movimenti Moto di taglio - rettilineo -alternativo - rotatorio Moto di avanzamento - continuo -intermittente all

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI

INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI di Tecnologia Meccanica INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI Si dicono macchine utensili quelle che consentono

Dettagli

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio Materiali delle punte elicoidali Processi produttivi delle punte elicoidali Standard normativi Tipologia di affilatura Rivestimenti superficiali degli utensili Durezze Rockwell e Vickers Classificazione

Dettagli

Guida alla fresatura Spianatura 1/24

Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SPIANATURA Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SCELTA INSERTO/FRESA Una fresa con un angolo di registrazione inferiore a 90 agevola il deflusso dei trucioli aumentando la resistenza del tagliente. Gli

Dettagli

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532 TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 15, 155, 1L5 M.I.R.M.U. Via Baldinucci, 4 158 Milano Tel.959 Fax.9954 info @mirmu.it 1 Le macchine sono destinate alle operazioni di sgrossatura e di finitura di pezzi

Dettagli

SCELTA DEL TIPO DI FRESA

SCELTA DEL TIPO DI FRESA LAVORAZIONE CON FRESE A CANDELA SCELTA DEL TIPO DI FRESA La scelta del tipo di fresa a candela dipende dal grado di tolleranza e finitura superficiale richiesti. Utilizzare una fresa riaffilabile per applicazioni

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti Indice PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI DELL EDITORE GUIDA ALLA LETTURA XIII XIV XV 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1 1.1.1 Precisione

Dettagli

funzionale tecnologica di collaudo quote di grandezza quote di posizione in serie in parallelo combinata con quote sovrapposte in coordinate

funzionale tecnologica di collaudo quote di grandezza quote di posizione in serie in parallelo combinata con quote sovrapposte in coordinate QUOTATURA PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi CLASSIFICAZIONE punto di vista geometrico quote di grandezza quote di posizione quote di accoppiamento disposizione: sistemi di quotatura in serie in parallelo combinata

Dettagli

UTENSILI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO. Classe IV M A.S. 2011-2013 Prof. Giovanni Fatucchi

UTENSILI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO. Classe IV M A.S. 2011-2013 Prof. Giovanni Fatucchi UTENSILI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO Classe IV M A.S. 2011-2013 Prof. Giovanni Fatucchi Definizioni Testa: parte dell utensile sulla quale sono ricavate le parti attive e i taglienti. Stelo: parte dell

Dettagli

Capitolo 4. Superfici, tribologia, caratteristiche dimensionali e controllo qualità. 2008 Pearson Paravia Bruno Mondadori S.p.A.

Capitolo 4. Superfici, tribologia, caratteristiche dimensionali e controllo qualità. 2008 Pearson Paravia Bruno Mondadori S.p.A. Capitolo 4 Superfici, tribologia, caratteristiche dimensionali e controllo qualità 1 Proprietà superficiali dei metalli Figura 4.1 Schema di una sezione della superficie di un metallo. Lo spessore di ciascuno

Dettagli

Rappresentazione Denominazione simbolo ISO Riferimento a unificazioni

Rappresentazione Denominazione simbolo ISO Riferimento a unificazioni Tabelle TABELLE 1 Nelle pagine che seguono sono riportati stralci di tabelle che si trovano normalmente sui manuali e che sono di grande importanza durante le fasi di lavorazione. Le tabelle proposte riguar-

Dettagli

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI MATERIALI PER UTENSILI Gli utensili 2 Il comportamento di un utensile influenza in maniera determinante la: Qualità del prodotto finito; Costo parti lavorate; Gli utensili 3 Nelle due principali fasi devono

Dettagli

MATERIALI SINTERIZZATI

MATERIALI SINTERIZZATI MATERIALI SINTERIZZATI Sono ottenuti con la cosiddetta Metallurgia delle polveri, che consiste nella compattazione e trasformazione di materiali ridotti in polvere in un composto indivisibile. Sono utilizzati

Dettagli

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA SOMMARIO SEGA A NASTRO 2 Le basi della sega a nastro 3 HSS e rivestimenti 4 Il concetto bimetallico 5 Affilatura del dente 6 Passo e forme del dente 7

Dettagli

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza Le seghe a nastro Generalità La lama da sega a nastro è adatta per ogni genere di taglio; essa taglia ininterrottamente senza movimenti discontinui come invece avviene nelle seghe alternative. Con le seghe

Dettagli

ESECUZIONE DELLE FILETTATURE

ESECUZIONE DELLE FILETTATURE asdf ESECUZIONE DELLE FILETTATURE 14 January 2012 Il seguente articolo si propone di realizzare un excursus dei principali metodi di esecuzione di una filettatura. Ci soffermeremo maggiormente su alcuni

Dettagli

in funzione dell angolo γ in funzione della velocità di taglio Ft serve principalmente per la determinazione della potenza di taglio

in funzione dell angolo γ in funzione della velocità di taglio Ft serve principalmente per la determinazione della potenza di taglio in funzione dell angolo γ Ft serve principalmente per la determinazione della potenza di taglio in funzione della velocità di taglio Fa influenza inflessione utensile, contribuisce (poco) alla potenza

Dettagli

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO SGROSSATURA Passate grandi: 0,5 10 mm Avanzamenti grandi: 0,1 0,6 mm/giro Sovrametallo da lasciare per la finitura: 0,2 0,5 mm Utensile in acciaio super rapido HSS UNI 4247

Dettagli

ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato

ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato Nella presente esercitazione si redige il programma CNC per la fresatura del pezzo illustrato nelle Figure 1 e 2. Figura

Dettagli

Lavorazioni e Disegno

Lavorazioni e Disegno Lavorazioni e Disegno 1 Assiemi meccanici Ogni particolare, ogni singolo pezzo è realizzato con: materiale diverso; tecnologia (o tecnologie) differenti. Il disegno delle parti ne deve tenere conto 2 Classificazione

Dettagli

Nuovo tipo di utensile per brocciatura

Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nella costruzione di parti meccaniche, anche molto semplici, a volte bisogna affrontare dei problemi di una certa difficoltà che richiedono, per la loro risoluzione,

Dettagli

TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1

TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1 TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1 Basamento E costituito da una struttura portante in ghisa stabilizzata e munito di nervature, garantisce la massima robustezza e rigidità dell'insieme. Le

Dettagli

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA 156 Introduzione ai processi di produzione metalmeccanica I processi di produzione metalmeccanica si possono classificare nelle tre grandi famiglie di seguito indicate.

Dettagli

Ceramiche. Per lavorazioni efficienti e ad alta produttività delle superleghe

Ceramiche. Per lavorazioni efficienti e ad alta produttività delle superleghe Ceramiche Per lavorazioni efficienti e ad alta produttività delle superleghe Lavorazioni con la ceramica Applicazioni Le qualità in ceramica possono essere adottate per un ampia gamma di applicazioni e

Dettagli

Gradi imbattibili per produttività ultra

Gradi imbattibili per produttività ultra Gradi imbattibili per produttività ultra Inserti tangenziali positivi per la fresatura di Acciai 3 1 4 08 13 16 2 Esclusivo inserto con 6 taglienti per Avanzamenti Super 2 3 5 6 1 4 Angoli di attacco positivi

Dettagli

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere VA R D E X S o l u z i o n i p e r l i n d u s t r i a METRO S o l u z i o n i a v a n z a t e p e r f i l e t t a r e Tecnologie avanzate per la realizzazione di ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 La macchina utensile di tipo universale con un montante anteriore mobile

Dettagli

Corrado Patriarchi 1

Corrado Patriarchi 1 CorradoPatriarchi 1 2 PROGETTAZIONE SCELTA DELL ACCIAIO APPLICAZIONE QUALITA DELL ACCIAIO ESECUZIONE SUPERFICIALE 3 Per trattamento termico si intende una successione di operazioni mediante le quali una

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

asportazione del truciolo - 5 Vittore Carassiti - INFN FE

asportazione del truciolo - 5 Vittore Carassiti - INFN FE Vittore Carassiti - INFN FE 1 INTRODUZIONE L ottimizzazione secondo ISO E definita come un procedimento il cui scopo consiste nel far assumere, ad una o più variabili, nella maniera migliore possibile,

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo numerico in grado

Dettagli

Materiali per utensili da taglio: usura e durata degli utensili

Materiali per utensili da taglio: usura e durata degli utensili Materiali per utensili da taglio: usura e durata degli utensili Riferimenti: Levi/Zompì cap. 4 Santochi/Giusti cap. 8 1 Introduzione Il comportamento di un utensile influenza in maniera determinante la

Dettagli

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO Il progetto, dalla parola latina proiectus, è un insieme di operazioni che hanno lo scopo di realizzare

Dettagli

Utensili per Tornitura

Utensili per Tornitura TORNITURA Utensili per Tornitura qualità dei materiali Punti di forza degli Utensili SAU: Concorrenza finiture prezzo competitivo rispetto alle grandi multinazionali Utensile SAU Utensili per Tornitura

Dettagli

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo

Dettagli

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG)

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG) di Tecnologia Meccanica TORNIO PARALLELO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio Tornio parallelo In questa trattazione ci occuperemo diffusamente del tornio parallelo, cioè del tipo di

Dettagli

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI DAI PROVINI AI COMPONENTI Vi sono molti fattori che influenzano la resistenza a fatica; fra i fattori che riguardano il componente hanno particolare importanza: le dimensioni (C S ) la presenza di intagli

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A Test di ingresso MECCANICA Classe 0A 1. Tre corpi di massa rispettivamente m, m e 3m, collegati rigidamente fra loro con elementi di massa trascurabile, sono disposti in senso orario su una semicirconferenza

Dettagli

INDICE. 1. Lavorazioni di Aggiustaggio: 2. Lavorazioni al Tornio: 3. Lavorazioni di Fresatura:

INDICE. 1. Lavorazioni di Aggiustaggio: 2. Lavorazioni al Tornio: 3. Lavorazioni di Fresatura: 1 INDICE 1. Lavorazioni di Aggiustaggio: - Tracciatura - Limatura - Taglio - Seghettatura - Foratura - Alesatura - Filettatura - Maschiatura - Svasatura - Lamatura 2. Lavorazioni al Tornio: - Sfacciatura

Dettagli

Schema generale laminazioni

Schema generale laminazioni Laminazione Processo di riduzione dell altezza o cambio di sezione di un pezzo attraverso la pressione applicata tramite due rulli rotanti. La laminazione rappresenta il 90% dei processi di lavorazione

Dettagli

IMPAX SUPREME. Acciaio per stampi bonificato

IMPAX SUPREME. Acciaio per stampi bonificato IMPAX SUPREME Acciaio per stampi bonificato Queste informazioni sono basate sulla nostra attuale esperienza e forniscono informazioni generali sul nostro prodotto e sul suo utilizzo. Pertanto non devono

Dettagli

RUGOSITA E TOLLERANZE

RUGOSITA E TOLLERANZE RUGOSITA E TOLLERANZE Nome file: RUGOSITAETOLLERANZE 1 RUGOSITA DELLE SUPERFICI Le superfici reali ottenute mediante un qualsiasi processo di lavorazioni si discostano sempre da quelle nominali o ideali

Dettagli

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura La deformazione plastica La deformazione plastica Lavorazioni per deformazione Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi della lezione Valutare

Dettagli

Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica.

Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica. 05/2012 Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica. Di Thomas Oertli Il migliore sistema di serraggio in assoluto non esiste.tuttavia noi siamo in grado di

Dettagli

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN Le proprietà tecnologiche dei materiali indagano la loro risposta alla lavorabilità ovvero forniscono indicazioni sulla risposta dei materiali

Dettagli

perforazione Durata Versatilità Precisione Affidabilità

perforazione Durata Versatilità Precisione Affidabilità Durata Versatilità Precisione Affidabilità Tabella per la scelta delle punte in funzione del materiale da lavorare MATERIALE DA LAVORARE QUALITA VELOCITA DIAMETRO PUNTA REFRIGERANTE PUNTA PERIFERICA mt

Dettagli

NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione

NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione Indice : 1. INTRODUZIONE p. 1 2. FASI e COSTITUENTI STRUTTURALI p. 3 3. PUNTI CRITICI p. 4 4. TRATTAMENTI TERMICI MASSIVI p. 5 0

Dettagli

OFFICINA MACCHINE UTENSILI. Marino prof. Mazzoni. s π D n V = ; Vt = ; t 1000. Vt 1000 Vt 1000 n = ; D = ; π D π n

OFFICINA MACCHINE UTENSILI. Marino prof. Mazzoni. s π D n V = ; Vt = ; t 1000. Vt 1000 Vt 1000 n = ; D = ; π D π n 1 OFFICINA MACCHINE UTENSILI Marino prof. Mazzoni s π D n V = ; Vt = ; t 1000 Vt 1000 Vt 1000 n = ; D = ; π D π n Legenda: v = velocità misurata in metri al minuto primo (m/1 ) s = spazio misurato in metri

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere METRO Tecnologie avanzate per la realizzazione di ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere Guardatele in azione Il sistema Gear MIlling VARDEX Tecnologia avanzata di frese multidente con inserti a fissaggio

Dettagli

ANPT. Ampliamento della Linea SWISSCUT INNOVAL. Annuncio Nuovi Prodotti TORNI-SCAN. B-15-005 MAGGIO 2015. Pagina 1 / 10

ANPT. Ampliamento della Linea SWISSCUT INNOVAL. Annuncio Nuovi Prodotti TORNI-SCAN. B-15-005 MAGGIO 2015. Pagina 1 / 10 ANPT Pagina 1 / 10 Ampliamento della Linea SWISSCUT INNOVAL Caratteristiche Pagina 2 / 10 Utensili per refrigerazione ad elevata pressione Nuova geometria per tornitura in tirata Nuovi inserti per torni-scanalatura,

Dettagli

RUOTE DENTATE. Introduzione

RUOTE DENTATE. Introduzione RUOTE DENTATE 362 Introduzione Le ruote dentate costituiscono un sistema affidabile per la trasmissione del moto tra assi paralleli, incidenti e sghembi. La trasmissione avviene per spinta dei denti della

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 Fresatrici, Alesatrici e Centri di Lavoro pag. 2 1.1 Generalità 2 1.2 Struttura

Dettagli

UDDEHOLM ROYALLOY TM

UDDEHOLM ROYALLOY TM UDDEHOLM ROYALLOY TM Uddeholm RoyAlloy è appositamente prodotto dalla Edro Specially Steels, Inc., una Divisione del Gruppo voestalpine. RoyAlloy è brevettato da Edro Patents #6,045,633 e #6,358,344. Queste

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Lavorazione lamiera III

Lavorazione lamiera III Lavorazione lamiera III Imbutitura (deep drawing) Deformabilità delle lamiere Macchinari per la formatura delle lamiere Progettazione Considerazioni economiche Imbutitura (Deep Drawing) Nata nel 1700 non

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

Lavorazioni per asportazione di truciolo

Lavorazioni per asportazione di truciolo Lavorazioni per asportazione di truciolo Distacco di alcune parti di materiale dal pezzo attraverso l interazione con utensili che agiscono in maniera progressiva - cinematica del taglio - meccanica del

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

Lavorazioni al TORNIO PARALLELO

Lavorazioni al TORNIO PARALLELO Istituto Istituto Istruzione Superiore G. Boris Giuliano" Via Carducci, 13-94015 Piazza Armerina (En) Corso di Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Anno scolastico 2015-2016 Lavorazioni al TORNIO PARALLELO

Dettagli

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche Prove tecnologiche PROVE TECNOLOGICHE Le prove tecnologiche vengono eseguite allo scopo di determinare l'attitudine dei materiali a subire determinati processi necessari a realizzare un certo prodotto.

Dettagli

Guida per le applicazioni di scanalatura

Guida per le applicazioni di scanalatura Guida per le applicazioni di scanalatura Scanalatura WMT Larghezze di taglio degli inserti: 2,0mm 8,0mm. Geometria per scanalatura profonda. Profondità di taglio in applicazioni OD: 16,5mm 25,4mm. Disponibili

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.8 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Lavorazione a freddo della lamiera LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Lavorazione a freddo delle lamiere È il processo

Dettagli

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI 1 Ruote dentate Le ruote dentate servono per la trasmissione del moto rotatorio continuo fra due alberi a distanza ravvicinata, con assi paralleli, concorrenti o sghembi. I denti della ruota motrice spingono,

Dettagli

Le molle. Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo

Le molle. Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo Le molle Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo Le molle 2 Le molle sono elementi in grado di deformarsi elasticamente, assorbendo energia. Applicazioni caratteristiche: accumulatore

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE Pompe cinetiche centrifughe ed assiali Prof.ssa Silvia Recchia Classificazione delle pompe In base al diverso modo di operare la trasmissione di energia al liquido le pompe si suddividono in: POMPE CINETICHE

Dettagli

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Funzioni PROGETTAZIONE Specifiche Materie prime / Componenti PRODUZIONE Prodotto DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Progettazione del componente: materiale macro geometria micro geometria

Dettagli

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. NATTA - G.V. DEAMBROSIS LICEO SCIENTIFICO : OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO Settore Tecnologico: INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - INDIRIZZO MECCANICA,

Dettagli

Indice. Fabbrica Italiana Utensili Diamanti Industriali

Indice. Fabbrica Italiana Utensili Diamanti Industriali DM PCD Indice Descrizione inserti secondo codice ISO CBN informazioni sul materiale da taglio PCD informazioni sul materiale da taglio CBN inserti negativi CBN inserti positivi PCD inserti positivi DM

Dettagli

TORNIO. Figura 1 - Vista di insieme del tornio parallelo

TORNIO. Figura 1 - Vista di insieme del tornio parallelo Descrizione della macchina TORNIO I torni sono macchine che eseguono l asportazione di truciolo: lo scopo è ottenere superfici esterne e interne variamente conformate. Nel tornio il pezzo in lavorazione

Dettagli

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili.

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. M et 1 all I METALLI I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. Proprietà Le principali proprietà dei metalli sono le seguenti:

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 I cuscinetti volventi Il cuscinetto volvente, detto anche cuscinetto a rotolamento, è un elemento posizionato tra il perno di

Dettagli

Anno Accademico 2005-06

Anno Accademico 2005-06 Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali CORSO DI: DISEGNO MECCANICO (FI) CORSO DI: DISEGNO TECNICO IND.LE (PO) Anno Accademico 2005-06 Modulo 4: Tecnologie

Dettagli

CILINDRI OLEODINAMICI

CILINDRI OLEODINAMICI CILINDRI OLEODINMICI I cilindri oleodinamici sono degli attuatori lineari che realizzando la conversione dell energia idraulica in energia meccanica producono una forza e lo spostamento lineare del carico.

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica, PROGRAMMA MINIMO COMUNE DI TECNOLOGIA MECCANICA ED ESERCITAZIONI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

Dettagli

CONTROLLARE LE VIBRAZIONI

CONTROLLARE LE VIBRAZIONI Le vibrazioni sono un fenomeno ondulatorio, della stessa natura di quello dei suoni; a differenza di questi, che si propagano nell aria, le vibrazioni diffondono le loro onde nelle strutture solide. Le

Dettagli

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa Gli elettrodi nell EDM G. Fantoni Università di Pisa Erodibilità di diversi materiali metallici PURI T fus. -MRR Ma Ag, Cu anomali infatti erodibilità dipende anche da conducibilità termica, capacità

Dettagli

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Lo studio delle frizioni coniche si effettua distinguendo il caso in cui le manovre di innesto e disinnesto

Dettagli

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29 Romane.pdf 19-09-2008 13:20:05-9 - ( ) Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti Simboli xxi xix Parte 1 Fondamenti 2 1 Introduzione 3 xvii 1 1 Il progetto 4 1 2 La progettazione meccanica 5 1 3

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

iglidur V400: Resistenza chimica e alle alte temperature

iglidur V400: Resistenza chimica e alle alte temperature iglidur : Resistenza chimica e alle alte temperature Produzione standard a magazzino Eccellente resistenza all usura anche con alberi teneri e temperature fino a +200 C Ottima resistenza agli agenti chimici

Dettagli

BXD. Frese multifunzionali. Serie di frese BXD per la lavorazione ad alte prestazioni delle leghe di alluminio e di materiali resistenti al calore.

BXD. Frese multifunzionali. Serie di frese BXD per la lavorazione ad alte prestazioni delle leghe di alluminio e di materiali resistenti al calore. Per alluminio e materiali difficili da tagliare B027I Frese multifunzionali Serie di frese per la lavorazione ad alte prestazioni delle leghe di alluminio e di materiali resistenti al calore. Nuovo tipo

Dettagli

QUOTATURA. Introduzione

QUOTATURA. Introduzione QUOTATURA 182 Introduzione Per quotatura si intende l insieme delle norme che permettono l indicazione esplicita delle dimensioni(lineari ed angolari) dell oggetto rappresentato. Poiché a ciascun disegno

Dettagli

Informazioni tecniche. QWD Macchine per la fabbricazione e la manutenzione degli utensili in PCD con processo di elettroerosione a filo

Informazioni tecniche. QWD Macchine per la fabbricazione e la manutenzione degli utensili in PCD con processo di elettroerosione a filo Informazioni tecniche QWD Macchine per la fabbricazione e la manutenzione degli utensili in PCD con processo di elettroerosione a filo QWD 750/760 Una concezione versatile di macchina per le più elevate

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

Gradi. Prodotti. Utensili e metallo duro Tungaloy

Gradi. Prodotti. Utensili e metallo duro Tungaloy Utensili e metallo duro Tungaloy 2 4 5 6 Prodotti Selezione dei gradi... rivestiti CVD... rivestiti PVD... Cermet... PCBN (T-CBN)... PCD (T-DIA)... Ceramici... Metalli duri non rivestiti... Metalli duri

Dettagli