I nnov. Azione GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI STRUMENTI E ASPETTATIVE. Il protocollo informatico rappresenta una risorsa centrale per la migliore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I nnov. Azione GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI STRUMENTI E ASPETTATIVE. Il protocollo informatico rappresenta una risorsa centrale per la migliore"

Transcript

1 I nnov Gl i Speciali di Azione anno IV - dalla informatizzazione alla innovazione CONVEGNO CNIPA LA GESTIONE DOCUMENTALE PER L EFFICIENZA E LA TRASPARENZA Come cambia la pubblica amministrazione: meno carta più efficienza Application Service Providers: il perché di un successo I servizi messi a disposizione delle amministrazioni: l assessment ed il monitoraggio La gestione della conoscenza, chiave di successo dei progetti di evoluzione della efficienza organizzativa nelle Pac Dettagli dei servizi in ASP offerti dal Cnipa Convegno sulla gestione documentale al Forum PA maggio 2006 GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI STRUMENTI E ASPETTATIVE di Livio Zoffoli * Il protocollo informatico rappresenta una risorsa centrale per la migliore efficienza interna dei procedimenti amministrativi e per l attuazione dei principi di efficacia, pubblicità e trasparenza previsti dalla legge 241 del Inoltre permette di realizzare quell obiettivo di maggiore economicità che una pubblica amministrazione digitalizzata può effettivamente conseguire. Si pensi alla dematerializzazione dei documenti amministrativi, sostenuta dal protocollo informatico e dalle altre applicazioni disponibili come le tecnologie digitali per la redazione, firma, trasmissione e archiviazione dei documenti informatici. La gestione dei documenti amministrativi vale per il Sistema Italia oltre il 2% del Pil ed un obiettivo di trasferire appena il 10% della carta su supporti digitali genererebbe un risparmio annuo di 3 miliardi di euro, ripetibile ogni esercizio successivo. Su questa sfida, Il protocollo informatico e la gestione documentale: strumento per la trasformazione della PA da istituzione a struttura resa possibile dalla disponibilità di un(di servizio quadro normativo completo e da tecnologie adeguate, è stato appena pubblicato a cura del Cnipa il Libro Bianco del Gruppo di Lavoro interministeriale sulla dematerializzazione della documentazione amministrativa. L innovazione realizza un beneficio economico quando produce valore, come nel caso ora ricordato, ma diventa progresso quando si estende all intera società. In questa prospettiva occorre valutare l altro fondamentale principio della trasparenza amministrativa che la gestione dei flussi documentali, sostenuta dal protocollo informatico, contribuisce ad affermare. Trasformando cioè il diritto di accesso agli atti pubblici, che presuppone l onere del cittadino di rivolgere un istanza, nel dovere della pubblica amministrazione a fornirgli un quadro aggiornato e dinamico del procedimento amministrativo che lo riguarda. Il modello che il Cnipa contribuisce a sostenere è quello di una pubblica amministrazione che pur mantenendo le sue autonomie e peculiarità, si presenti ai cittadini come un sistema unitario. Un modello che poggia su infrastrutture telematiche evolute e condivise (il Sistema Pubblico di Connettività), aperte a nuovi modelli di fornitura di applicazioni remote di diversa natura (l Application Service Provider che il Cnipa ha inaugurato proprio con il protocollo informatico). La dimensione tecnologica, seppur fondamentale, Continua a pag. 15 * Presidente Cnipa

2 pagina 2 Periodico del Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione anno IV n. 5 COME CAMBIA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: MENO CARTA, PIÙ EFFICIENZA Maria Pia Giovannini * La pubblica amministrazione italiana, di fronte alla crescente domanda di qualità dei servizi da parte dei cittadini e delle imprese e alla contemporanea riduzione della spesa informatica pubblica, ha la necessità di rendere più efficiente la propria struttura organizzativa. In questa prospettiva e alla luce dell evoluzione tecnologica degli ultimi anni, la capacità di ottimizzare la gestione dei documenti, in modo da poter reperire velocemente dati e informazioni, è diventata una necessità sia per le pubbliche amministrazioni, sia per le imprese private, interessate ad acquisire vantaggi competitivi sulla concorrenza grazie ad una informazione più veloce. I numeri della recente rilevazione sullo stato di attuazione del protocollo informatico e della gestione documentale nelle PA centrali (rilevazione 2005) riconfermano la rilevanza della tematica e la validità dell obiettivo ma evidenziano quanto ancora sia lunga la strada per il raggiungimento del traguardo. Si tenga conto che, nonostante oltre il 40% delle amministrazioni abbia in corso o abbia realizzato progetti, il 98% della documentazione trattata dalle amministrazioni centrali, pari a circa 160 milioni di documenti, è ancora cartacea e gli scambi di documentazione avvengono con strumenti tradizionali. Oltre il 70% della suddetta documentazione è spedita attraverso Poste con costi elevati, che potrebbero essere abbattuti utilizzando i processi di interoperabilità tra amministrazioni previsti dalla normativa sul protocollo informatico. Infatti, considerando che il 60% della corrispondenza in entrata e in uscita è scambiata tra le amministrazioni, i soli costi per spese di affrancatura su questi documenti (che sono circa 96 milioni) ammontano a oltre 57 milioni di euro. Il processo di cambiamento che una amministrazione deve affrontare per l introduzione della gestione documentale e del protocollo informatico comporta i seguenti interventi: normativi: il quadro normativo costituisce lo strumento abilitante per i cambiamenti organizzativi e per disciplinare l introduzione delle tecnologie disponibili sul mercato; organizzativi: le AOO - Aree Organizzative Omogenee - sono il presupposto per trasformare il tradizionale ufficio in punto di singolo accesso con indirizzo di posta elettronica certificata per ricevere in via telematica le istanze dal cittadino; culturali: con l introduzione della gestione documentale i vertici possono incidere, attraverso opportune azioni di sensibilizzazione, sulle proprie strutture organizzative agendo sui processi operativi e riqualificando il personale con la istituzione di nuovi profili professionali più adeguati al trattamento elettronico degli archivi; tecnologici e infrastrutturali: è possibile ripensare l utilizzo delle tecnologie orientandosi verso l acquisizione di servizi la cui gestione non richieda competenze specialistiche. L introduzione dei sistemi di gestione documentale e protocollo informatico e le azioni che in questi anni sono state messe in campo dal Cnipa, di cui la più rilevante è quella relativa all erogazione del servizio di protocollo Asp, sono basate su valori e principi, presupposti per l attuazione di quegli obiettivi di trasformazione di cui la PA e il Paese necessitano per l auspicato rinnovamento. Tra questi, si ricordano: Centralità del cittadino/utente Il protocollo informatico, che obbliga l amministrazione a registrare ed archiviare digitalmente i documenti in entrata ed uscita secondo la richiesta effettuata dal cittadino, rappresenta una risposta organizzativa concreta per attuare il principio della centralità. Accessibilità ai servizi La definizione del concetto di Area Organizzativa Omogenea quale punto singolo di accesso dotato del registro di protocollo, per la tracciatura dei documenti, e di un proprio indirizzo telematico, rappresenta una reale risposta al principio di raggiungibilità della PA, qualunque sia il canale scelto dal cittadino. Cooperazione e condivisione delle informazioni L interoperabilità dei sistemi di protocollo è alla base dello sviluppo di queste infrastrutture e rappresenta il valore aggiunto che permette di riorganizzare drasticamente i processi attraverso lo scambio telematico dei documenti tra diversi soggetti. Trasparenza La trasparenza amministrativa implica, tra le altre opportunità, anche la possibilità di controllare tutta la catena decisionale e, in ogni momento, la documentazione prodotta. Solo la completa introduzione di un sistema di gestione documentale che supporti l inte- * Cnipa - Ufficio efficienza organizzativa nella Pac

3 anno IV n. 5 Periodico del Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione pagina 3 ro ciclo di vita del documento può garantire tutto questo. Sicurezza e rispetto della privacy Il protocollo, che si basa sui principi di privacy e riservatezza, trova nella gestione elettronica maggiore supporto al rispetto dei suddetti principi, soprattutto per quel che riguarda la gestione dei diritti di accesso ai documenti, nonché per la tracciatura di chi ha trattato le informazioni. Il servizio di protocollo ASP del Cnipa rietà e consentirà di estendere, in futuro, tale modello anche ad altre tipologie di applicazioni. L introduzione di una innovazione così profonda come la gestione elettronica dei documenti e l automazione dei processi nella pubblica amministrazione deve essere accompagnata da un adeguato piano di formazione per le diverse figure professionali; pertanto il Cnipa ha previsto nell ambito dell offerta del servizio protocollo ASP una proposta diversificata e variamente articolata di servizi di formazione. Il modello rappresenta una soluzione adeguata anche per altri progetti nell area delle procedure di back office nelle quali sono in corso di attivazione altre iniziative in collaborazione con importanti amministrazioni, a favore dell intera amministrazione centrale. Gli obiettivi sopra enunciati sono alla base della progettazione del servizio di protocollo informatico e gestione documentale in modalità Asp (protocollo ASP) proposto dal Cnipa, cui viene rivolta particolare attenzione in questi articoli. Il servizio offre alle PP.AA. una soluzione innovativa, orientata al contenimento della spesa e sviluppata con le caratteristiche di erogazione delle prestazioni on demand. Le amministrazioni possono infatti raggiungere significativi risparmi eliminando tutti i costi per la realizzazione del progetto esecutivo (selezione e acquisito di sistemi dal mercato) e tutti quelli per la gestione in esercizio (manutenzione delle infrastrutture e del software di base e applicativo). Il servizio in modalità ASP si rivolge alle amministrazioni che intendono adempiere ai dettami della normativa in merito all attivazione di una propria infrastruttura di protocollo informatico, attraverso una soluzione facile, economica e di veloce attivazione. La natura on demand del servizio consente di acquisire dal fornitore la quantità necessaria, senza dover sostenere investimenti iniziali, seguendo in modo flessibile i cambiamenti organizzativi, offrendo alle amministrazioni la possibilità di trasformarsi in una struttura time to market, capace cioè di adattare la propria configurazione alle richieste del cittadino e della impresa. Nel caso del servizio protocollo ASP, si concretizza una virtuosa cooperazione nella definizione e condivisione in un unico sistema della esperienza che le amministrazioni mettono a fattore comune, permettendo anche alle meno strutturate di fruire dell esperienza delle più avanzate. Il servizio protocollo ASP costituisce uno dei primi grandi esempi di attuazione del principio di sussidia- AGENDA DEL CONVEGNO 9.00 Registrazione dei partecipanti 9,30 Apertura dei lavori Livio Zoffoli, Presidente Cnipa 9.40 Il contesto normativo Roberto Garofoli, Componente Cnipa Stato dell arte e opportunità Rosanna Alterisio, Responsabile Area Progetti, applicazioni e servizi Cnipa Presupposti archivistici per la gestione della documentazione digitale Maria Grazia Pastura, Direzione generale per gli archivi - Ministero beni e attività culturali Il modello ASP: una nuova esperienza di servizio RTI - Antonio Chiveri, Amministratore delegato Eds Intervallo Tavola rotonda: Moderatore Eugenio Occorsio - La Repubblica Giorgio Donna, Capo dipartimento - Miur Vittorio Pagano, Ispettore generale capo - Ragioneria generale dello Stato Marco Staderini, Presidente Inpdap Conclusione dei lavori Livio Zoffoli

4 pagina 4 Periodico del Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione anno IV n. 5 APPLICATION SERVICE PROVIDERS: IL PERCHÉ DI UN SUCCESSO Bruno Ciciani * Le attuali esigenze del mercato IT, che deve rispondere ad un utenza variegata e con necessità elaborative molto variabili, sia in termini di qualità del servizio che di carichi, hanno bisogno di infrastrutture con elevate caratteristiche di scalabilità, modificabilità, disponibilità di servizio e tolleranza ai guasti (per garantire dal semplice disaster recovery alla più complessa business continuity). Una consistente parte dei costi è dovuta alla gestione e alla manutenzione delle infrastrutture di elaborazione e degli applicativi che tengano conto di nuove funzionalità, di modifica del numero di utenti o del comportamento dell utenza, con associate variazioni di carico elaborativo, della richiesta di livelli di prestazioni e di affidabilità e/o disponibilità più elevati o solo del semplice rinnovo del parco macchine perché divenuto obsoleto. Tradizionalmente ogni società ha gestito in proprio le piattaforme e gli applicativi, acquisendo le infrastrutture hardware e software e le competenze umane idonee a garantire la qualità di servizio anche durante i picchi di carico, con spreco di risorse durante il funzionamento a regime. Tra le tendenze tecnologiche che hanno consentito lo sviluppo di economie di scala hanno fondamentale importanza le standardizzazioni dei protocolli Molte attività associate alla gestione, alla manutenzione e al tuning sono altamente ripetitive e non necessitano di elevati livelli di creatività, comunque, data la complessità dei sistemi IT, richiedono l utilizzazione di personale altamente specializzato e in continua formazione e risultano quindi molto costose. Per ridurre i costi, l attuale sviluppo tecnologico nel settore Ict permette alle società di delegare a terzi la gestione di tali infrastrutture e dei relativi servizi associati (quali ad esempio il call-center), e di pagare i servizi richiesti in funzione dell effettivo uso e del livello di qualità richiesto, così come avviene normalmente con gli utility provider, ad esempio quelli relativi alla distribuzione dell energia elettrica, dell acqua e del gas. Queste aziende fornitrici riescono a ridurre i costi, in quanto utilizzano le stesse infrastrutture e lo stesso personale specializzato per supportare servizi a più committenti contemporaneamente (economia di scala). Tra i motivi che hanno consentito l avvento e lo sviluppo di tale economia di scala vanno sicuramente annoverate le tendenze tecnologiche nel settore IT. Tra queste di fondamentale importanza sono tutte le standardizzazioni dei protocolli intese a supportare la strutturazione in livelli delle applicazioni, con chiara differenziazione tra i livelli della logica applicativa e di quella di presentazione. Inoltre vanno sicuramente ricordate le tendenze tecnologiche basate sulla virtualizzazione delle piattaforme di elaborazione e la mobilità del codice, le quali permettono ai dispositivi gestiti dall utente finale (PC convenzionali o anche dispositivi mobili, quali Palmari o Pda) di supportare l esecuzione di funzionalità minime richieste per l interazione con l applicazione stessa. Come caso limite tali dispositivi hanno solo il compito di supportare la logica di presentazione dei dati all utente finale (approccio thin-client). In questo contesto garantire la QoS (Quality of Service) da parte di un provider implica operare esclusivamente sul lato server dell infrastruttura stessa, senza alcun coinvolgimento significativo per quanto riguarda la gestione e la manutenzione dei dispositivi da parte degli utenti finali. La possibilità di controllare sia le infrastrutture di elaborazione che gli applicativi consente al provider di ottimizzare l utilizzazione delle risorse necessarie al raggiungimento dei livelli di servizio sottoscritti (Service Level Agreement - SLA), inoltre la chiara definizione dei confini dei servizi informatici, sotto la responsabilità del provider, permette agli utenti dell ASP di avere uno strumento per controllare se la qualità di ciò che è stato richiesto viene effettivamente fornita. Si vuole concludere questa nota sottolineando come questa modalità di erogazione dei servizi è un opportunità in più per quegli enti, quali ad esempio le PP.AA., che debbono erogare gli stessi tipi di servizi, indipendentemente dalle loro dimensioni, al fine di rispettare le normative vigenti o semplicemente per facilitare l interazione con i cittadini. Inoltre questa modalità di erogazione, consentendo la condivisione degli applicativi, permette agli utilizzatori di adeguarsi automaticamente a nuove modalità di interazione o a nuovi standard. * Professore ordinario di Sistemi di elaborazione delle informazioni Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza

5 anno IV n. 5 Periodico del Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione pagina 5 I SERVIZI MESSI A DISPOSIZIONE DELLE AMMINISTRAZIONI: L ASSESSMENT ED IL MONITORAGGIO Marco Bernesi * Il Cnipa, oltre alle iniziative in tema di indirizzo metodologico ed organizzativo ed alla realizzazione dei servizi di protocollazione e gestione documentale in modalità Asp, ha individuato due ulteriori servizi da mettere a disposizione delle amministrazioni: realizzazione di un servizio di assessment (rilevazione e valutazione) sullo stato di attuazione della normativa, con la raccolta di informazioni dettagliate mediante specifici strumenti di indagine, restituendo alle amministrazioni una valutazione dello stato effettivo di attuazione della normativa, individuando le eventuali criticità e alcune indicazioni chiare per il miglioramento; monitoraggio del Contratto-quadro per la fornitura dei servizi Asp, fornendo alle amministrazioni informazioni sulla qualità dei servizi erogati, sullo stato dei consumi e delle fatturazioni e delle principali attività svolte dal Cnipa per controllare gli aspetti critici del Contratto, quali quelli connessi alla verifica della sicurezza delle informazioni. L assessment L attività è stata condotta con l obiettivo non solamente di realizzare una fotografia dello stato di attuazione complessivo delle amministrazioni, ma anche di individuare gli eventuali problemi, favorendo la ricerca delle contromisure. L assessment si basa su una metodologia messa a punto dal Rti (*) che individua otto macroindicatori in grado di rappresentare la realtà. I macroindicatori sono elencati di seguito: Complessità del contesto; Attenzione alla Direttiva; Attuazione della Direttiva; Rilevanza dei progetti; Rischio di progetto; Rilevanza dei servizi Asp; Efficacia interventi; Criticità generale. Il principale aspetto di innovazione rispetto al passato consiste nella acquisizione di numerosi dati (il questionario base si compone di circa 300 domande) per valutare in modo dettagliato le azioni intraprese dalle amministrazioni, sia come pro- (*) Raggruppamento Temporaneo di Imprese, mandataria STS Consulting, vincitore della gara bandita dal Cnipa per il monitoraggio. getti attivati sia come servizi erogati (ad esempio è possibile valutare sia la rilevanza dei progetti in termini di obiettivi specifici sia eventuali rischi di progetto in base a ritardi, ripianificazioni e ulteriori fattori di rischio). Particolare cura è stata posta nella rappresentazione dei risultati delle valutazioni, impiegando una tecnica basata su Magic Quadrant che consente di stabilire correlazioni tra i diversi indicatori impiegati e di stabilire delle classificazioni significative delle amministrazioni. La metodologia è stata progettata tenendo in considerazione gli aspetti della qualità delle rilevazioni, predisponendo indicatori che forniscono informazioni significative sul livello di confidenza dei dati rilevati. La metodologia si avvale inoltre di strumenti per la rilevazione dei dati via web tramite il portale Tutte le informazioni rilevate sono gestite in un sistema di Knowledge Management ed integrate con altre informazioni reperite nell ambito delle attività di monitoraggio, come meglio illustrato nel seguito. L assessment è stato condotto su 61 amministrazioni suddivise in 84 unità organizzative, delle quali 82 sono state incluse nella rilevazione, coinvolgendo oltre utenti. Il Rti ha predisposto uno specifico modello organizzativo, articolato in: personale espressamente dedicato alla interazione con le amministrazioni in termini di presentazione ed avvio delle attività, assistenza diretta nella rilevazione e presentazione dei risultati; personale dedicato alla elaborazione dei dati ed alla predisposizione della reportistica; personale addetto alla gestione degli aspetti tecnologici connessi con la rilevazione, quali la progettazione e realizzazione del tool per la rilevazione e la relativa assistenza tecnica; gruppo di supervisione, con compiti di verifica degli aspetti metodologici e dei risultati, in stretta collaborazione con i responsabili Cnipa. I risultati sono stati illustrati in specifici report dedicati ad ogni singola amministrazione e in un report generale sull andamento complessivo della rilevazione, per un totale di oltre pagine di documenti. Per il primo ciclo di rilevazione sono stati condotti oltre 160 incontri diretti per avvio attività, assistenza, * Responsabile Ricerca & Sviluppo Metodologie - STS Consulting

6 pagina 6 Periodico del Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione anno IV n. 5 discussione dei risultati e suggerimenti per il miglioramento. L assessment è condotto in modo continuativo secondo cicli di rilevazione periodici: il primo ciclo ha avuto come data di riferimento il 30 aprile 2005, il secondo ciclo, attualmente in corso, ha come riferimento il 31 dicembre 2005 ed è stato già pianificato il terzo ciclo con data di riferimento il 31 dicembre Il monitoraggio Il contratto quadro per la fornitura dei servizi Asp rientra nella categoria dei contratti di grande rilievo definiti nella Circolare CR/AIPA/38, sia per il suo valore economico che per il rilevante impatto sotto il profilo organizzativo e dei benefici che si prefigge di conseguire nei confronti delle amministrazioni aderenti. Il Cnipa quindi effettua il monitoraggio del Contratto Quadro secondo quanto previsto dall articolo 13, comma 2, del D.lgs. del 12 febbraio 1993, n. 39 per i contratti di grande rilievo, con i criteri e le modalità indicati nella Circolare CR/AIPA/38. Le attività di monitoraggio si svolgono in un contesto di particolare complessità ed innovazione, caratterizzato dalla presenza di nuovi servizi, da una architettura complessa del sistema impiegato per l erogazione dei servizi, da clienti differenziati (potenzialmente tutte le amministrazioni) e numerosi. Tale scenario implica molte sfide da vincere, quali: riuscire a gestire l evoluzione della applicazione alla base dei servizi per fronteggiare le numerose e variegate richieste di adeguamento alle specifiche esigenze funzionali di ogni singola amministrazione; le richieste di modifica fino ad ora pervenute hanno richiesto un notevole impegno del Cnipa per la gestione efficace ed efficiente della manutenzione evolutiva; garantire un livello di qualità dei servizi forniti elevato ed omogeneo presso tutte le amministrazioni contraenti; garantire la sicurezza dei dati gestiti dal sistema; garantire l accesso ai servizi da parte delle amministrazioni, anche in condizioni di forte variabilità della domanda complessiva. La metodologia del Rti prevede una fase di progettazione basata sull ottimizzazione delle risorse e sulla minimizzazione dei fattori critici rilevati in fase di analisi ed è stata adeguata al particolare contesto in cui si svolge il monitoraggio, per consentire la gestione multi-cliente: sono stati individuati specifici indicatori per valutare la qualità complessiva dei servizi, per controllare l omogeneità dell erogazione degli stessi da parte del fornitore alle diverse amministrazioni. Le attività si articolano in aree di intervento quali: il controllo delle attività contrattuali e di progetto mediante metodiche consolidate di project e program management; il controllo della qualità dei prodotti realizzati facendo ricorso ad attività di verifica sulla qualità del software, collaudi, analisi dei Piani di Qualità predisposti dal fornitore e verifica delle dimensioni in FP degli interventi; la verifica del rispetto dei livelli di sevizio contrattuali, anche mediante audit specifici sui processi di Service Level Management adottati dal fornitore e di visite ispettive mirate alla verifica della validità dei dati rendicontati; la verifica della adeguatezza dei processi chiave del fornitore per la qualità dei servizi erogati, quali il processo di gestione della configurazione (Configuration Management) e quello di gestione delle risorse per l erogazione dei servizi (Capacity Management); la verifica dello stato della sicurezza informatica attraverso verifiche sulle analisi di rischio e delle contromisure adottate dal fornitore e di audit specifici condotti periodicamente per la rilevazione di eventuali criticità; la verifica della customer satisfaction degli utenti dei servizi. Il Rti ha messo a disposizione un team di professionisti competenti nella direzione lavori, qualità del software e dei servizi, analisi dei processi, aspetti specifici della tecnologia e delle Tlc, coordinati secondo le metodologie di monitoraggio, sviluppate e consolidate dal Rti nel corso degli anni. Le attività svolte nel primo periodo, che si è concluso al termine del 2005, hanno prodotto due Rapporti di Andamento Contratto, contenenti analisi integrate dei problemi rilevati e delle soluzioni proposte e 7 Rapporti di analisi specialistiche. Sono stati condotti oltre 60 incontri con il fornitore per la verifica di stato avanzamento dei lavori e per approfondimenti tecnici specifici, audit e visite ispettive. Il particolare contesto descritto ha spinto il Cnipa ad adottare approcci innovativi in grado di consentire la gestione della mole di informazioni e dati in suo possesso. L integrazione della vista delle problematiche generali scaturita dall assessment, che sostanzialmente rappresenta il mondo degli utenti dei servizi Asp, con quella del monitoraggio, che fornisce elementi dal punto di vista del fornitore dei servizi, facilita l individuazione delle possibili cause dei problemi riscontrati. Continua a pag. 15

7 anno IV n. 5 pagina 7 LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA, CHIAVE DI SUCCESSO DEI PROGETTI DI EVOLUZIONE DELLA EFFICIENZA ORGANIZZATIVA NELLE PAC Giovanni Picca * Fabio Santoro ** Nell ambito dei servizi di valutazione e di consulenza sullo stato di attuazione della direttiva del Mit del , in materia di trasparenza dell azione amministrativa e di gestione elettronica dei flussi documentali, è stato realizzato un sistema completo di Knowledge Management (KM) per la raccolta, organizzazione e fruizione dei dati gestiti in tutto il progetto. Le informazioni si riferiscono sia allo stato di attuazione nella pubblica amministrazione della normatinavigabile (knowledge map) in grado di rappresentare, relativamente al dominio considerato, i concetti contenuti nella base di conoscenza e le loro relazioni, in maniera dapprima astratta e poi formalizzata. La caratteristica fondamentale del sistema che è stato progettato e realizzato, è quella di facilitare la reperibilità delle informazioni presenti, ed incrementare la qualità e l accuratezza dei risultati delle ricerche all interno della base di conoscenza. A tal proposito il modello ontologico ha fornito la chiave vincente per riuscire a raggiungere gli obiettivi previsti. Negli ultimi anni, grazie all esplosione delle comunicazioni in rete, gli aspetti ontologici dell informazione hanno acquistato un valore strategico. La standardizzazione dei contenuti dell informazione infatti risulta oggi cruciale nella prospettiva delle aziende e delle pubbliche amministrazioni erogatrici di servizi agli utenti ed è indispensabile per semplificare i processi di comunicazione. In generale, infatti, la mancanza di va sul protocollo informatico raccolte tramite un servizio di assessment continuo, sia al monitoraggio del contratto quadro per la erogazione di servizi di protocollo informatico e gestione documentale, in modalità Asp, e di altri servizi correlati a favore delle pubbliche amministrazioni. In considerazione della eterogeneità, complessità e continua evoluzione della base informativa, il monitore ha adottato una metodologia per la rappresentazione della conoscenza di tipo ontologico. Tale rappresentazione consiste nella creazione di un modello un interpretazione condivisa porta alla povertà di comunicazione tra le persone e le loro organizzazioni. Per superare tali problemi s introduce l ontologia, che cerca di eliminare o, almeno, ridurre le confusioni concettuali o terminologiche, in modo da avere un interpretazione condivisa, in altre parole un vocabolario comune, con un significato per i vari termini su cui tutti sono d accordo. * Partner Creasys ** Esperto KM - Creasys

8 pagina 8 anno IV n. 5 Il modello ontologico, libero dai vincoli prestazionali caratteristici dei motori di tipo sintattico normalmente utilizzati, mostra a pieno la sua potenzialità soprattutto nella fase evolutiva della gestione della conoscenza. Le informazioni in possesso del Cnipa sono infatti caratterizzate da un sistema in continua evoluzione, a causa di una base dati in costante crescita (assessment continuo dello stato di attuazione della normativa, monitoraggio costante dei servizi erogati in Asp verso le PA) e della presenza di nuove esigenze legate al mutamento delle metafore della vita che si traducono in nuovi servizi al cittadino, o all inserimento di nuove aree. Il modello ontologico, basandosi su un sistema di relazioni costruito sopra la struttura dati, al crescere della base dati potenzia le sue performance in quanto è in grado di costruire un sistema di relazioni maggiormente articolato. In tal modo vengono risolti i tipici problemi di rigidità evolutiva caratteristici dei sistemi tradizionali di KM basati su basi dati relazionali. Il sistema realizzato dal monitore è interamente basato su software Open Source, da molte parti ritenuto un modello di successo per favorire il rilancio dell industria informatica nazionale ed europea, incontrando gli interessi, i bisogni e le istanze di numerosi progetti nella comunità internazionale del Knowledge Management: il sistema di KM basato sull ambiente KAON - Karlsruhe Ontology and Semantic Web Framework (di seguito Kaon) realizzato e messo a disposizione della comunità internazionale dall ambiente scientifico dell Università di Karlsruhe in Germania; il framework Protégé realizzato e messo a disposizione dalla Stanford University con il supporto di numerose agenzie e centri di ricerca quali il Defense Advanced Research Projects Agency, il National Cancer Institute, il National Institute of Standards and Technology (NIST) ed altre agenzie di riferimento del panorama scientifico statunitense. Nel seguito si propone una rappresentazione di sintesi del sistema di gestione della conoscenza messo a punto sperimentalmente nel progetto Cnipa. Il processo per la rappresentazione ontologica delle informazioni prevede, in una prima fase, l individuazione dei principali domini informativi (anche detti concetti), la loro composizione ed articolazione strutturale (concetti e subconcetti). Il passo successivo è quello di individuare e rappresentare i legami logici diretti tra concetti e/o subconcetti apparentevarie tipologie di attori: i singoli cittadini e le realtà sociali, le industrie del settore Ict, le industrie e le PA utenti dei prodotti Ict, gli organismi internazionali di standardizzazione, di controllo e di regolazione del mercato, gli organismi di governo ai diversi livelli dell amministrazione pubblica. Nel corso del progetto il monitore ha messo a confronto due sistemi leader di mercato, adoperati in mente distanti e/o appartenenti a gerarchie e contesti differenti (in figura rappresentati dai cerchi). L obiettivo è quello di aiutare l utente nella ricerca di tutte le informazioni tra loro relazionate. Il motore ontologico consente di poter fare ricerche sui concetti, subconcetti ed istanze in modo generalizzato, secondo le regole stabilite dalle proprietà/relazioni in sede di definizione dello schema. Continua a pag. 15

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO DELLA FORNITURA

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO DELLA FORNITURA CAPITOLATO TECNICO Oggetto: FORNITURA DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE A NORMA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PRODOTTI DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LOCALI DELLA REGIONE UMBRIA 1. OGGETTO DELLA FORNITURA Oggetto

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A.

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A. Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 pag. 1 di 12 Revisione Data Motivo Revisione Redatto da Approvato da 1.0 03/10/2009 Emissione Andrea

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Accordo per l erogazione. del servizio SICOGE. in modalità ASP

Accordo per l erogazione. del servizio SICOGE. in modalità ASP Accordo per l erogazione del servizio SICOGE in modalità ASP Sommario PREMESSA...3 SCOPO DEL DOCUMENTO...4 SPECIFICHE DEL SERVIZIO...4 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO...4 RUOLI E RESPONSABILITÀ...5 DISPONIBILITÀ

Dettagli

Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni

Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni Il Consorzio CSA si occupa della fornitura di servizi e sistemi per la gestione degli archivi e delle informazioni nella P.A. e, con la propria organizzazione, è garanzia d immediata risposta alle necessità

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO

ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO CONDUZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEI SISTEMI E DELLE PIATTAFORME CENTRALI E PERIFERICHE INPDAP L area d intervento comprende le seguenti

Dettagli

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti FORUMPA 2008 13 maggio 2008 Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti Modello applicativo e tecnologico dott.ssa

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA I SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE Il Comune di CALTAVUTURO attraverso il presente progetto intende attivare e rafforzare i servizi offerti al cittadino, per dare maggiore

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi A CHE PUNTO SIAMO Cogliere opportunità le dell evoluzione normativa Dagli anni 90 l innovazione

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Project Automation S.p.a.

Project Automation S.p.a. PROJECT AUTOMATION S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ è la denominazione assunta nel 1999 da Philips Automation S.p.a., a sua volta costituita nel 1987 rilevando dalla Divisione Industrial & ElectroAcustic

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza Presentazione al G-Award 2012 Responsabile del progetto: Francesco Lazzaro Capo dell Ufficio DGAI IV Sviluppo

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

Le Soluzioni Offerte. Italia. Germania. Outsourcing Servizi IT [ Progettazione, Fornitura, Gestione di Infrastrutture Complesse ]

Le Soluzioni Offerte. Italia. Germania. Outsourcing Servizi IT [ Progettazione, Fornitura, Gestione di Infrastrutture Complesse ] DIVISIONE ENERGIA Le soluzioni apportate da operatori dell Information Technology hanno un ruolo fondamentale nel monitoraggio e gestione dei consumi energetici. Le Soluzioni Offerte Italia Outsourcing

Dettagli

L obiettivo che si pone è di operare nei molteplici campi dell informatica aziendale, ponendosi come partner di riferimento per l utenza aziendale.

L obiettivo che si pone è di operare nei molteplici campi dell informatica aziendale, ponendosi come partner di riferimento per l utenza aziendale. E una realtà nelle tecnologie informatiche dal 1990. Dalla nascita del nucleo iniziale, con le attività di assistenza tecnica e di formazione, alla realtà attuale, di specialisti a tutto campo nei servizi

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi MIUR AOODGSSSI REGISTRO UFFICIALE Prot. 2172 del 19.04.2011 - USCITA Alle Istituzioni Scolastiche Statali LORO SEDI OGGETTO PROGETTI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Come è noto

Dettagli

Company profile 2014

Company profile 2014 Company profile 2014 Chi siamo Digimetrica è una società specializzata in: Sicurezza informatica Networking e gestione di infrastrutture informatiche Outsourcing di soluzioni internet e cloud computing

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale APQ PUGLIA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE PROGETTO PILOTA Informatizzazione Procura della Repubblica di Lecce Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale ForumPA 11 maggio 2009 Maurizio Natale InnovaPuglia

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE.

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto la progettazione,

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M.

S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M. S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M. I C o n s u l e n z a S e t t o r e I T - C o n s u l e n z a

Dettagli

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende Software Servizi Progetti per la Pubblica Amministrazione e le Aziende SOLUZIONI AD ELEVATO VALORE AGGIUNTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LE AZIENDE Maggioli Informatica unitamente ai suoi marchi Cedaf,

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 n. elaborato: 7 CRITICITA' NEI SERVIZI AL CONSUMATORE file: data: agg.: marzo 2014 Acea Ato 2 S.p.A. PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 7 Criticità nei servizi al consumatore

Dettagli

Servizio di contabilità analitica, controllo strategico e controllo di gestione erogati in modalità ASP

Servizio di contabilità analitica, controllo strategico e controllo di gestione erogati in modalità ASP Servizio di contabilità analitica, controllo strategico e controllo di gestione erogati in modalità ASP Forum PA, 11-14 maggio 2009 AGENDA Finalità dell iniziativa e attuazione Il modello di riferimento

Dettagli

I SERVIZI DI DATA VENDING DI BORSA ITALIANA. Milano 3 Ottobre 2005. Training & Congress Center - Palazzo Mezzanotte

I SERVIZI DI DATA VENDING DI BORSA ITALIANA. Milano 3 Ottobre 2005. Training & Congress Center - Palazzo Mezzanotte I SERVIZI DI DATA VENDING DI BORSA ITALIANA Milano Training & Congress Center - Palazzo Mezzanotte La soluzione ASP di BIt Systems Titolo capitolo I Servizi di Data Vending di Borsa Italiana Offre soluzioni

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Procedura ristretta n. 2/2006 per l affidamento della progettazione, realizzazione e gestione di componenti di cooperazione applicativa,

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE Sommario: 1. Struttura e finalità del codice dell amministrazione digitale. - 2. La teleamministrazione e l atto elettronico. - 3. Il documento

Dettagli

INFIN OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE

INFIN OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE INFIN Ricezione, Acquisizione, Protocollazione, Classificazione, Condivisione, Distribuzione e Gestione dei processi documentali. I TUOI DOCUMENTI DIVENTANO INFORMAZIONI

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE Roma, 04/01/2016 www.gepincontact.it 1 Agenda Chi siamo Partnership Prodotti & Servizi I nostri Clienti Contatti 2 Chi Siamo GEPIN CONTACT, società specializzata nei servizi

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

Blue Bay Tech Srl. www.bluebaytech.it info@bluebaytech.it COMPANY OVERVIEW

Blue Bay Tech Srl. www.bluebaytech.it info@bluebaytech.it COMPANY OVERVIEW Blue Bay Tech Srl www.bluebaytech.it info@bluebaytech.it COMPANY OVERVIEW La società L'azienda BLUE BAY TECH Srl nasce nel 2011 dall incontro di professionisti da anni impegnati nel mondo ICT dei servizi

Dettagli

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia Ing. ConoFranco Miragliotta L azienda Gruppo Telecom Italia I numeri del Gruppo (al 31 dicembre 2007) 8 i Paesi in cui il Gruppo Telecom Italia è presente

Dettagli

ECM solutiondoc. Enterprise Content Management. inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire.

ECM solutiondoc. Enterprise Content Management. inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire. ECM solutiondoc Enterprise Content Management inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire.it Cos è SolutionDOC SolutionDOC : ECM (Enterprise Content Management

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc.

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc. AS/400 STAMPANTI SERVER WINDOWS WORKSTATIONS MATERIALI DI CONSUMO SERVER LINUX CORSI DI FORMAZIONE CHI SIAMO Solution Line è una società di consulenza composta da professionisti di pluriennale esperienza,

Dettagli

Catalogo Servizi e Value Proposition

Catalogo Servizi e Value Proposition Catalogo Servizi e Value Proposition Trento, 14 aprile 2015 UniIT S.r.l. Public Il documento e le informazioni contenute sono di proprietà di Uni IT S.r.l. Tutti i diritti riservati AGENDA Chi siamo I

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE

IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE 2016 PA e Sanità Principi, modelli organizzativi e metodi concreti di attuazione degli obiettivi dell Agenda Digitale in collaborazione

Dettagli

perché consente alle aziende un risparmio dei costi del 30%.

perché consente alle aziende un risparmio dei costi del 30%. Perché c è bisogno di supporto e consulenza nella gestione dei flussi documentali e nel monitoraggio dei flussi di stampa? perché consente alle aziende un risparmio dei costi del 30%. (Gartner 2004) CBR

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM enclose Engineering Cloud Services CRM runs on Microsoft Dynamics CRM IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING EncloseCRM EncloseCRM è la proposta Software as a Service di Engineering per offrire al mercato

Dettagli

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Comune di Empoli Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Offerta /P/2014 Vers. 1.0 Data: 17 Luglio 2014 INTRODUZIONE... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4

Dettagli

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Evento Regione Veneto 1 Le nuove sfide di dematerializzazione per gli Enti Locali Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Marco di Luzio Responsabile Business Consulting Evento Regione

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL 1 Introduzione Il mondo del Web ha assunto negli ultimi anni una forza dirompente su tutti i fronti della comunicazione e della

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl PMI Center -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl 1 La tecnologia ha rimodulato i rapporti fra PMI e sistema Bancario a) anno 1987 - scambio telematico flussi informativi e dispositivi monobanca b) anno

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia Il 2006 ha registrato alcuni segnali positivi di ripresa, sia dell'economia italiana che dell Information

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E PER IL TRATTAMENTO INFORMATICO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI www.digitpa.gov.it INDICE 1 INTRODUZIONE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO...4 1.1 SCOPO

Dettagli

La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge

La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge josh Protocol! è il rivoluzionario sistema di Protocollo Informatico scalabile ed idoneo alle esigenze di grandi e piccole amministrazioni Non

Dettagli

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Progetto per l acquisizione ed integrazione di nuovi servizi informatici (Rimodulazione approvata con deliberazione Giunta comunale n. 81 del 12/12/2012) È

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

LA DEMATERIALIZZAZIONE

LA DEMATERIALIZZAZIONE LA DEMATERIALIZZAZIONE IL PROCESSO INTEGRATO DEL PROTOCOLLO INFORMATICO CON LA ARCHIVIAZIONE INFORMATICA SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI RIDUZIONE DEI COSTI AMMINISTRATIVI. Lecce 2014 DEMATERIALIZZAZIONE Il

Dettagli

Servizi. Gennaio 2013. Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.)

Servizi. Gennaio 2013. Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.) Servizi Gennaio 2013 Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.) Sede Legale: Via La Spezia, 6 00182 Roma Sede Operativa: Via Tre Cannelle, 5 00040 Pomezia (RM) - Tel. +39.06.91997.1 - Fax +39.06.91997.241 - sales@scorylus.it

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi.

La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi. La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi.it 1 La gestione delle Soluzioni IT/IP - cose da fare Acquisizione

Dettagli

Concepire un ambiente in grado di offrire le seguenti possibilità in modo semplice ed accattivante:

Concepire un ambiente in grado di offrire le seguenti possibilità in modo semplice ed accattivante: MULTIMEDIA 1 2 TELEMATICA AE Concepire un ambiente in grado di offrire le seguenti possibilità in modo semplice ed accattivante: Disegnare un modello elettronico di qualunque tipo e renderlo editabile

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Applicazione: Protocollo ASP

Applicazione: Protocollo ASP Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione Documentale Applicazione: Protocollo ASP Amministrazione: DigitPA Responsabile dei sistemi informativi D.ssa Maria Pia GIOVANNINI Viale Marx

Dettagli

1. Caratteristiche generali

1. Caratteristiche generali Allegato 1 (articolo 1, comma 1) ISTRUZIONI TECNICHE DI CUI AL DECRETO N. 108 DEL 11 MAGGIO 2015 1. Caratteristiche generali Premessa Il nucleo informativo dell AIA è costituito dalla Banca Dati Sinistri

Dettagli

Allegato 15 Modello offerta tecnica

Allegato 15 Modello offerta tecnica Allegato 15 Modello offerta tecnica Sommario 1 PREMESSA... 4 1.1 Scopo del documento... 4 2 La soluzione progettuale e la relativa architettura... 4 2.1 Requisiti generali della soluzione offerta... 4

Dettagli

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1.1 Introduzione Il sistema informatico gestionale, che dovrà essere fornito insieme ai magazzini automatizzati (d ora in avanti Sistema Informatico o semplicemente Sistema),

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Il termine cloud computing è oggi largamente diffuso e utilizzato spesso impropriamente

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata Associazione Industriali LU La Posta Elettronica Certificata 1 Giugno 11 2 Novembre 2011 Indice Profilo Aziendale InfoCert L offerta di Posta Certificata InfoCert 3 Novembre 2011 InfoCert Profilo Aziendale

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

Lo schema complessivo con cui opera il servizio è quello rappresentato in figura. 1

Lo schema complessivo con cui opera il servizio è quello rappresentato in figura. 1 U N I A R C Amministrazione Digitale dei Documenti Nell ambito delle trasformazioni legate alla conversione al digitale della Pubblica Amministrazione e delle Imprese (nuovo Codice dell Amministrazione

Dettagli

La Rete Unitaria delle P.A.:

La Rete Unitaria delle P.A.: Centro Tecnico Presidenza del Consiglio dei Ministri La Rete Unitaria delle P.A.:.: Organizzazione e Gestione della Sicurezza Massimiliano Pucciarelli segreteria tecnica direzione m.pucciarelli@ct.rupa.it

Dettagli

Tutto ciò premesso, si stipula e si conviene quanto segue

Tutto ciò premesso, si stipula e si conviene quanto segue PROTOCOLLO TRA I COMUNI DI BIENNO, BRENO, MALEGNO, NIARDO E PRESTINE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI INFORMATIVI ALL UNIONE DEI COMUNI DEGLI ANTICHI BORGHI DI VALLECAMONICA L anno duemilaundici, il giorno

Dettagli

Chi siamo e le nostre aree di competenza

Chi siamo e le nostre aree di competenza Chi siamo e le nostre aree di competenza Telco e Unified Communication Software as a Service e Business Intelligence Infrastrutture digitali Smartcom è il primo business integrator europeo di servizi ICT

Dettagli

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Le competenze IT in ambito bancario Università LUISS Guido Carli 8 NOVEMBRE 2010 La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Matteo Lucchetti, Senior Research Analyst, ABI Lab Roma,

Dettagli