IL TRATTAMENTO DIALITICO IN LOMBARDIA DAL 1992 AL ANALISI DEI DATI DEL REGISTRO LOMBARDO DI DIALISI E TRAPIANTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TRATTAMENTO DIALITICO IN LOMBARDIA DAL 1992 AL 2011. ANALISI DEI DATI DEL REGISTRO LOMBARDO DI DIALISI E TRAPIANTO"

Transcript

1 G Ital Nefrol 2012; 29 (S58): S27-S32 IL TRATTAMENTO DIALITICO IN LOMBARDIA DAL 1992 AL ANALISI DEI DATI DEL REGISTRO LOMBARDO DI DIALISI E TRAPIANTO Enzo Corghi 1, Ferruccio Conte 2, Aurelio Limido 3 1 U.O. Nefrologia e Dialisi, A.O. Istituti Clinici di Perfezionamento, Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo (MI) 2 S.C. Nefrologia e Dialisi, A.O. Melegnano, Ospedale Uboldo, Cernusco sul Naviglio (MI) 3 S.C. Nefrologia e Dialisi, A.O. Fatebenefratelli, Milano Dialysis In Lombardy from 1992 to Analysis of the data of the Lombardy Registry of Dialysis and Transplantation The Lombardy Registry of Dialysis and Transplantation collects annual data on patient flow and treatment options from all dialysis units operating in the Lombardy region. We analyzed the data gathered from 1992 to 2011, looking for trends in incidence, prevalence and treatment modalities. Data were collected by questionnaire from 1992 to 2006, and from 2007 by means of a web page. The number of incident and prevalent patients increased progressively from 1992 to 2011 (+98% and +58%, respectively), while the incidence and prevalence per million population rose only in the first decade due to the parallel population increase. The first dialysis treatment was hemodialysis in most patients, with an HD/PD ratio rising from 2.96 to the current value of The hospital-based versus outpatient treatment ratio also steadily increased from 1.12 to The total increase in the number of prevalent patients in the last 10 years is to be ascribed to in-hospital HD patients (+1082) and almost entirely to hemodiafiltration (+1043), while peritoneal dialysis was used by a decreasing number of patients: patients on CAPD decreased by 424 units, as patients on APD increased by only 257 units. Our analysis shows a steady increase in patients on dialysis, which is increasingly delivered in hospital, using more complex and expensive techniques. These trends call for a further analysis requiring individual data, which will be available through the Lombardic Network of Nephrology. Conflict of interest: None Financial support: None KEY WORDS: Peritoneal dialysis, Hemodiafiltration, Hemodialysis, Incidence, Prevalence PAROLE CHIAVE: Dialisi peritoneale, Emodiafiltrazione, Emodialisi, Incidenza, Prevalenza Indirizzo degli Autori: Dr. Enzo Corghi Via Dalmazia Milano Introduzione Negli ultimi due decenni si è assistito a un progressivo aumento del numero dei pazienti in trattamento sostitutivo dialitico in tutte le aree del mondo, sia per l incremento del numero dei pazienti che raggiungono l end-stage renal disease, necessitando di un trattamento sostitutivo, sia per la crescente disponibilità di trattamenti offerti anche alle categorie di pazienti che ne erano state precedentemente escluse per motivi di età o di comorbidità associate. Il Registro Lombardo di Dialisi e Trapianto, istitu- ito mediante d.g.r. n. III/47467 del 29/01/1985, raccoglie i dati aggregati e disaggregati relativi ai pazienti in trattamento sostitutivo per insufficienza renale cronica in tutti i Centri Dialisi della Lombardia al 31 Dicembre di ogni anno. I report stilati annualmente (1) rappresentano, quindi, un istantanea fedele della popolazione in trattamento e l analisi cronologica dei dati consente di apprezzare le variazioni che intervengono nella popolazione dialitica rispetto alle sue principali caratteristiche demografiche e cliniche. Abbiamo pertanto voluto raccogliere i dati rela Società Italiana di Nefrologia - ISSN S27

2 Il trattamento dialitico in Lombardia tivi all ultimo ventennio per poterne analizzare le tendenze emergenti sia in relazione al volume dei pazienti in trattamento sia in relazione alla sede del trattamento e alle metodiche dialitiche impiegate. Materiali e Metodi La raccolta dei dati è stata effettuata dal 1992 al 2006 mediante una scheda informativa di Centro su supporto cartaceo inviata ai singoli Centri Dialisi della Regione Lombardia. Nella scheda venivano registrati i dati aggregati relativi ai pazienti incidenti nel corso dell anno e alla prima metodica dialitica impiegata, ai pazienti prevalenti al 31 Dicembre, con specificazione della modalità di trattamento dialitico utilizzata, e al numero dei pazienti in trattamento sostitutivo deceduti durante l anno, suddivisi per le singole metodiche. Venivano inoltre richiesti dati sulla dotazione del Centro Dialisi sia in termini di personale (medico, infermieristico e di supporto) sia in termini di numero di monitor disponibili per il trattamento dialitico extracorporeo. Per i Centri dotati di strutture periferiche (Centri ad assistenza limitata, CAL, o ad assistenza decentrata, CAD), i dati venivano forniti in modo separato per ogni singola struttura. Dal 2007 la raccolta dei dati è avvenuta direttamente via web, tramite schede compilabili ad accesso riservato per ogni singola struttura, sul sito www. nefrolombardia.org. Le informazioni richieste erano le stesse già citate per le schede informative cartacee. La raccolta dei dati e l elaborazione finale sono state effettuate dai componenti della Segreteria del Registro Lombardo di Dialisi e Trapianto che si sono succeduti negli anni. Nel corso del ventennio la risposta del Centri Lombardi ai questionari è sempre stata del 100%, consentendo di avere una fotografia completa e veritiera dei fenomeni analizzati, in particolare per quanto riguarda incidenza, prevalenza e mortalità. Risultati Al erano in trattamento dialitico pressi i Centri Dialisi della Lombardia 7239 pazienti. La Tabella I mostra i dati relativi all incidenza e alla prevalenza puntuale e di periodo dei pazienti in trattamento dialitico nel ventennio sia in termini assoluti che come tasso per milione di popolazione (p.m.p.), nonché i dati relativi al tasso di mortalità. È possibile osservare come sia incidenza che prevalenza mostrino una tendenza in costante aumento in termini assoluti, mentre come, dal 2003 in poi, i tassi di incidenza e di prevalenza p.m.p. siano sostanzialmente stabili per il concomitante incremento parallelo sia del numeratore (i pazienti incidenti e prevalenti) che del denominatore (la popolazione lombarda), che ha presentato un forte incremento demografico nell ultimo decennio rispetto al precedente (+10.1% vs %, Tab. I). Il tasso annuo di mortalità (Tab. I) inizialmente di poco superiore all 11%, è progressivamente aumentato nel corso del primo decennio, mantenendosi poi stabile attorno al 15%. Questa dinamica provoca una progressiva espansione del pool dei pazienti in trattamento che, come evidenziato dai dati relativi al numero assoluto dei pazienti prevalenti di periodo (Fig. 1), è aumentato complessivamente del 68.5%, con un TABELLA I - PAZIENTI INCIDENTI, PREVALENTI E DECEDUTI DAL 1992 AL Il tasso di mortalità è calcolato come rapporto fra n. pazienti deceduti nell anno / (n. pazienti prevalenti al 31 dicembre dell anno precedente) + (n. pazienti incidenti nell anno)/2 ANNO Pazienti incidenti (n.) Incidenza (p.m.p.) Pazienti prevalenti (n.) Prevalenti di periodo (n.) Prevalenza puntuale (p.m.p.) Prevalenza di periodo (p.m.p.) Pazienti deceduti (n.) Tasso di mortalità (%) Lombardia popolazione (milioni) S Società Italiana di Nefrologia - ISSN

3 Corghi et al Fig. 1 - Pazienti prevalenti di periodo dal 1992 al 2011 (prevalenti di periodo = pazienti prevalenti al dell anno precedente + pazienti incidenti anno corrente). Fig. 2 - Percentuale di pazienti incidenti con metodiche di dialisi extracorporea (ED) o peritoneale (DP), nel periodo incremento medio annuo del 4.03% nel primo decennio e dell 1.72% nel secondo decennio I dati relativi alla metodiche e alle sedi di trattamento sono, al momento, disponibili in formato elettronico solo dal 1997, pertanto l analisi di questi dati sì è limitata agli ultimi 15 anni. Al 31 Dicembre 2011, la maggior parte dei trattamenti dialitici (60.6%) veniva effettuata in sede intraospedaliera (Tab. II). La sede di trattamento presenta, peraltro, un ampia variabilità nelle 49 U.O., principalmente a causa delle dotazioni di Centri satellite dove poter effettuare la dialisi extracorporea: in considerazione di tale aspetto vi sono U.O. che trattano in sedi decentrate circa il 75% dei pazienti a loro carico (questo avviene in territori a bassa densità abitativa e con difficoltà di trasporti come nelle valli alpine), mentre altre U.O. hanno meno possibilità di attuare un decentramento non disponendo di strutture ad hoc. Le strutture decentrate sono attualmente 68, afferenti a 36 U.O., ed erano 64 nel Tredici U.O. non sono dotate di strutture decentrate e possono eventualmente avvalersi, se abilitate, delle sole tecniche di dialisi domiciliare (ED o DP). Nel corso degli ultimi 15 anni, la tendenza è stata complessivamente quella di un sempre maggiore accentramento dei trattamenti in sede ospedaliera (Tab. II). In particolare, se nel triennio il rapporto fra pazienti in trattamento ospedaliero vs. extraospedialiero era di 1.18, tale rapporto è progressivamente aumentato fino al valore di 1.48 nel triennio Per quanto riguarda la modalità di ingresso in dialisi, nel 2011 la maggior parte dei pazienti incidenti è stata avviata a un trattamento dialitico extracorporeo TABELLA II - SEDE DI TRATTAMENTO. NUMERO E PERCENTUALE DI PAZIENTI PREVALENTI AL 31 DICEMBRE ANNO EDO (n) EDD (n) CAL (n) DP (n) EDO (%) 53.63% 52.41% 52.40% 53.03% 53.77% 53.98% 54.58% 54.63% 55.29% 56.66% 57.51% 58.54% 59.11% 59.69% 60.66% EDD (%) 2.41% 2.01% 1.55% 1.39% 1.27% 0.90% 0.87% 0.75% 0.69% 0.61% 0.53% 0.52% 0.47% 0.36% 0.35% CAL (%) 25.56% 27.27% 28.63% 29.20% 29.05% 29.50% 29.53% 29.94% 29.60% 28.52% 28.40% 28.16% 28.08% 27.45% 27.38% DP (%) 18.40% 18.30% 17.42% 16.37% 15.91% 15.61% 15.03% 14.68% 14.41% 14.20% 13.56% 12.79% 12.35% 12.49% 11.76% EDO = emodialisi ospedaliera; EDD = emodialisi domiciliare; CAL = emodialisi in centri ad assistenza limitata o decentrata; DP = dialisi peritoneale Società Italiana di Nefrologia - ISSN S29

4 Il trattamento dialitico in Lombardia Fig. 3 - Pazienti in trattamento dialitico peritoneale al nei singoli anni dal 1997 al 2011, suddivisi per metodiche. Fig. 4 - Pazienti prevalenti in trattamento dialitico extracorporeo al nei singoli anni dal 1997 al 2011, suddivisi per metodiche dialitiche standard (ED) e metodiche diffusivo-convettive (CONV). (83.7%) mentre solo il 15.7% dei pazienti ha iniziato il trattamento in dialisi peritoneale (e solo un esiguo 0.6% ha potuto beneficiare di un trapianto pre-emptive). Per quanto riguarda l uso della DP come metodica iniziale, possiamo osservare un trend negativo costante negli ultimi 15 anni (Fig. 2): nel 1997 il numero di pazienti incidenti che veniva trattato con metodica peritoneale era pari a ben il 28.6%. Tale tendenza risulta particolarmente evidente se si analizzano i dati in termini di quinquennio ( , , ), calcolando il rapporto relativo fra il numero di pazienti che hanno iniziato il trattamento con una metodica di dialisi peritoneale e coloro che hanno iniziato il trattamento sostitutivo con una metodica extracorporea: tale rapporto era di circa 1 a 3 nel primo quinquennio e di 1 a 4 nel secondo quinquennio, fino ad arrivare a 1 a 5 nell ultimo quinquennio. Al di là dell evidente tendenza a un sempre minore uso della DP quale metodica di ingresso in dialisi, va sottolineato che solo 39 U.O. utilizzano abitualmente le metodiche di DP e anche fra queste la percentuale di incidenti in DP è molto differente: nel 2011, per esempio, la percentuale variava dal 4% al 46%. Anche la prevalenza del trattamento dialitico peritoneale è conseguentemente diminuita nel tempo, complice anche una maggiore probabilità di trapianto nei pazienti in DP, circa doppia (8% vs. 4% per anno), rispetto a quella dei pazienti in dialisi extracorporea, verosimilmente a causa di una scelta più selettiva, in termini positivi, dei pazienti da avviare alla DP. In termini di metodiche dialitiche peritoneali, nel corso degli ultimi 15 anni (Fig. 3), l incremento sia pur cospicuo dei pazienti in trattamento con dialisi peritoneale automatizzata (APD) non ha consentito di supplire al declino della dialisi peritoneale ambulatoriale continua (CAPD), metodica che nel 1997 costituiva il trattamento sostitutivo per 876 pazienti, numero supe- riore rispetto a quello attualmente trattato (851 pazienti) con tutte le metodiche disponibili di DP. Da un punto di vista geografico, a differenza di quanto osservato per la dialisi in CAL, la prevalenza di DP risulta maggiore nelle zone di bassa pianura più vicine al corso del Po. Nell ambito della dialisi extracorporea, il 69.7% dei pazienti utilizza attualmente metodiche di bicarbonato dialisi, mentre il 30.3% utilizza metodiche miste diffusivo-convettive. I dati aggregati in nostro possesso non ci consentono di discriminare all interno di questa più generale suddivisione l effettivo utilizzo di tutte le metodiche disponibili (ED low e high-flux, emodiafiltrazione con reinfusione esterna oppure on-line, biofiltrazione senza acetato, HFR, emofiltrazione). L analisi della tendenza mostra inequivocabilmente come il numero dei pazienti in trattamento con tecniche convettive sia aumentato nell ultimo quindicennio del 199% e come il numero di pazienti in bicarbonato dialisi standard sia in termini assoluti stabile da circa 10 anni (Fig. 4). In particolare, l incremento di pazienti in trattamento extracorporeo osservato negli ultimi 10 anni (+1085 pazienti) è ascrivibile totalmente ai pazienti in sede ospedaliera (+1082) trattati quasi per la totalità con metodiche extracorporee convettive (+1043, +164%). Negli ultimi 5 anni si è addirittura verificata una riduzione del numero assoluto dei pazienti trattati con emodialisi standard (-184 unità) a fronte di un incremento di 739 pazienti trattati con metodiche di emodiafiltrazione. Discussione Le schede riassuntive di Centro annuali del RLDT sono sempre state compilate dalla totalità dei Centri Dialisi attivi sul territorio e i dati da esse rilevati presentano, S Società Italiana di Nefrologia - ISSN

5 Corghi et al quindi, lo specchio fedele del trattamento dialitico effettuato in Lombardia. Nell analisi da noi compiuta sui dati del periodo emergono chiaramente alcune tendenze: 1) il costante aumento dei pazienti prevalenti e incidenti lungo tutto il periodo, più marcato nel primo decennio di osservazione, ma persistente anche nel secondo decennio; 2) la progressiva tendenza, specialmente negli ultimi 8-10 anni, alla centralizzazione del trattamento negli ospedali; 3) la progressiva riduzione, fino quasi alla completa scomparsa, dei trattamenti emodialitici a domicilio; 4) la progressiva riduzione dell utilizzo della dialisi peritoneale, malgrado la maggiore disponibilità di modalità terapeutiche (APD in aggiunta a CAPD e a IPD); 5) il progressivo maggiore ricorso alle tecniche dialitiche extracorporee; 6) l incremento delle metodiche di emodiafiltrazione, nelle loro diverse modalità, particolarmente evidente nell ultimo quinquennio. Queste tendenze sono verosimilmente correlate alle mutate caratteristiche della popolazione quali l aumento dell età media, la crescente comorbidità, l aumentata prevalenza della malattia diabetica e, per quanto riguarda le metodiche, forse anche alla ricaduta nella pratica clinica dei più recenti trial sulle metodiche on-line e alle indicazioni delle European Best Practice Guidelines. Esse, comportano, fra l altro, un progressivo aumento dei costi del trattamento, che potrebbe diventare un fattore critico in un momento di crisi economica come quello attuale. Si impone, quindi, un ulteriore livello di analisi, che non può prescindere dalla disponibilità di dati disaggregati individuali e che sarà realizzabile, a breve termine, attraverso il funzionamento della Rete Nefrologica Lombarda. Riassunto Il Registro Lombardo di Dialisi e Trapianto raccoglie annualmente i dati aggregati relativi ai flussi dei pazienti e alle modalità di trattamento dal 100% dei Centri Dialisi lombardi. Abbiamo esaminato i dati relativi al periodo per evidenziarne le tendenze in termini di incidenza, prevalenza e utilizzo delle metodiche dialitiche. I dati sono stati raccolti mediante una scheda informativa di Centro dal 1992 al 2006 e successivamente via web. Nell ultimo ventennio il numero di pazienti incidenti e prevalenti è costantemente aumentato (+98% e +58%, rispettivamente), mentre i tassi di incidenza e di prevalenza sono aumentati nel primo decennio, stabilizzandosi successivamente per l incremento demografico. La scelta del primo trattamento dialitico, da un iniziale rapporto ED/DP di 2.96, si è progressivamente spostata verso l ED (attuale rapporto 5.15). Quanto alla sede di trattamento, il rapporto dialisi ospedaliera/extraospedaliera, inizialmente di 1.12, è progressivamente aumentato fino a L incremento di pazienti prevalenti negli ultimi 10 anni è a carico della sola dialisi ospedaliera (+1082) e quasi completamente delle tecniche di emodiafiltrazione (+1043). Nel campo della DP, in un contesto di progressiva riduzione dei pazienti prevalenti (-18% in 15 anni), il calo è sostenuto dalla CAPD (-424 pazienti) non compensato dall APD (+257 pazienti). L analisi dei dati aggregati degli ultimi 20 anni evidenzia il costante incremento del numero dei pazienti e una maggiore centralizzazione dei trattamenti con il crescente utilizzo di metodiche dialitiche più complesse e di maggior costo. Tutto ciò impone un ulteriore analisi con la disponibilità di dati individuali ottenibili attraverso la Rete Nefrologica Lombarda. Ringraziamenti Il nostro particolare ringraziamento va ai componenti della Commissione del Registro Lombardo di Dialisi e Trapianto e a tutti i Referenti di Centro attuali e pregressi, senza il cui paziente lavoro non sarebbe stato possibile elaborare questa presentazione. Commissione del Registro Lombardo Dialisi e Trapianto: D. Spotti (Milano), F. Malberti (Cremona), G. Pontoriero (Lecco). Referenti di Centro 2011: V. Gambara (BG, Ospedali Riuniti), F. Ledda (BG, Humanitas), C. Robba (Zingonia), M. Pellizzoni (Ponte S. Pietro), M. Massazza (Treviglio), S. Zerbi (Seriate), V. Vizzardi (Brescia), S. Bove (Montichiari), E. Prati (Desenzano e Gavardo), M. Brognoli (Manerbio), C. Mazzucchelli (Chiari), L. Perazolo (Esine), S. Mangano (Como), M.M. Corti (Lecco), V. Ogliari (Crema), P. Ghiringhelli (Cremona), S. Mandolfo (Lodi), M. Baruffaldi (Mantova), M. Seveso (MI, Niguarda), C. Castelnovo (MI, Policlinico), A. Fornasieri (MI, S. Carlo), U. Zoni (MI, S. Paolo), D. Scorza (MI, H. Sacco), C. Lanzani (MI, S. Raffaele), G. D Aloya (MI, Fatebenefratelli), F. Paglialonga (MI, Clinica Pediatrica), D. Brancaccio (MI, Simone Martini), R. Galato (MI, S. Faustino), A. Manfredi (Bollate), O. Bracchi (Cernusco S/N), M. Pozzi (Desio), C. Turri (Legnano), M. Cornacchiari (Magenta), S. Finazzi (Rozzano, Humanitas), D. Ciurlino (Sesto San Giovanni, Multimedica), M. Doria (San Donato Milanese), P. Serbelloni (Vimercate), G. Lupi (Melegnano), M.C. Miscia 2012 Società Italiana di Nefrologia - ISSN S31

6 Il trattamento dialitico in Lombardia (Paderno Dugnano), M.R. Viganò (Monza, H. S. Gerardo), C. Ballabeni (Monza, Policlinico), G. Montagna (Pavia, Fondazione Salvatore Maugeri), C. Libetta (Pavia, S. Matteo), M. Nai (Vigevano), I. Milani (Voghera), F. Samà (Sondrio), I. Brambilla Pisoni (Busto Arsizio), E. Caretta (Gallarate), G. Frattini (Varese), M.B. Zani (Tradate), A. Liccardo (Multimedica Castellanza). Contributi economici agli Autori Gli Autori dichiarano di non aver ricevuto sponsorizzazioni economiche per la preparazione dell articolo e/o per lo svolgimento dello studio. Dichiarazione di conflitto di interessi Gli Autori dichiarano di non avere conflitto di interessi. Bibliografia 1. S Società Italiana di Nefrologia - ISSN

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione

Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione ALTA SCUOLA DI PSICOLOGIA AGOSTINO GEMELLI Facoltà di Psicologia Master Universitario di secondo livello Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione Sedi di Milano e Brescia Master

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Nel cuore di ogni impianto

Nel cuore di ogni impianto Nel cuore di ogni impianto Innovazione e personalizzazione Le chiavi del successo di un azienda con oltre 20 anni di esperienza. L aziendaquibusda eressitatium vent et quo quidebitae aut quae lab iust

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

- DIREZIONE SOCIALE. INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI

- DIREZIONE SOCIALE. INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI - DIREZIONE SOCIALE INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI Scheda di rilevazione Ambito Distrettuale di.. Nr. data di nascita M/F disabilità

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. N 336 del 12 GIUGNO 2015

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. N 336 del 12 GIUGNO 2015 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 336 del 12 GIUGNO 2015 Struttura proponente: Servizio Provveditorato ed Economato Oggetto: Fornitura, articolata in lotti, di dispositivi dedicati ai Reni

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Castel San Pietro Terme, 9 maggio 2014 Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Ruggeri Denis Docente sezione ospedaliera IIS Castelli Brescia, collaboratore MIUR per il portale nazionale della

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Master in Hospital Risk Management

Master in Hospital Risk Management Master in Hospital Risk Management XII Edizione (2014-2015) in memoria di Leonardo la Pietra con il patrocinio di* SIC SIOT * i patrocini sono in fase di aggiornamento. Master Destinatari Il master è rivolto

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema I CAS DELLE AZIENDE OSPEDALIERE DOTT. A. CAPALDI I.R.C.C.s Candiolo Regione

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA: STRUTTURA SEMPLICE Gestione

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

CALENDARIO DEFINITIVO Campionato: Under 17 Maschile Fase : Italiana A/R Girone : Girone C Gara N Squadra A Squadra B Giorno Data Ora

CALENDARIO DEFINITIVO Campionato: Under 17 Maschile Fase : Italiana A/R Girone : Girone C Gara N Squadra A Squadra B Giorno Data Ora FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO CR LOMBARDIA COMUNICATO UFFICIALE N. --- DEL 17/10/2013 UFFICIO GARE N. --- 1 Giornata di andata 9118 OSAL NOVATE VERDE GS BK PADERNO Dom 20/10/2013 17:30 Palestra -

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale

11 Congresso Regionale. 2 Congresso Nazionale SIMG LOMBARDIA SIMG AREA PNEUMOLOGICA. Società Italiana di Medicina Generale MONZA BRIANZA, 6-7 Maggio 2011 Devero Hotel Società Italiana di Medicina Generale 1 11 Congresso Regionale PRESIDENTI DEL CONGRESSO Claudio Cricelli e Aurelio Sessa PRESIDENTE ONORARIO Ovidio Brignoli

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15 Si terrà il 29 e 30 giugno 2015, presso la Sala Magna di Palazzo Chiaramonte Steri, il convegno dal titolo La Rete diabetologica pediatrica in Sicilia. Novità Organizzative e assistenziali: le nuove lineee

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

M. Vanzetta*, E. Vellone**, M.G. De Marinis***, I. Cavicchi****, R. Alvaro*****

M. Vanzetta*, E. Vellone**, M.G. De Marinis***, I. Cavicchi****, R. Alvaro***** L informazione online fornita dalle ASL e AO Italiane: indagine descrittiva Ann Ig 2012; 24: 507-516 L informazione online fornita dai siti delle Aziende Sanitarie Ospedaliere Italiane: indagine descrittiva

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli