Il Sistema Lean in Ospedale la vera spending review senza tagli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Sistema Lean in Ospedale la vera spending review senza tagli"

Transcript

1 Il Sistema Lean in Ospedale la vera spending review senza tagli Francesco Nicosia Direttore Dipart. Terapie Intensive Responsabile Scientifico e Didattico Lean GENOVA Group Ospedale Galliera - Genova

2 ARTICOLO: LAVORO E LEAN La Repubblica 23 settembre 2013

3

4 Lunedì 14-gennaio 2013 Corriere della sera Inserto: Economia

5 1 The Lancet: Can car manifacturing techniques January 2006

6 Riassunto delle differenze/similitudini Perché la Sanità è differente Perché non lo è - Prendersi cura dei pazienti - Questo è vero ma è un processo. non è lo stesso che produrre beni E tutti i processi possono migliorare - La domanda sanitaria è totalmente - Non è vero. Molte urgenze sono Imprevedibile prevedibili per stagione per giorno della settimana e i ricoveri elettivi sono sotto il nostro controllo. - La pratica medica non è standardizzabile - La ricerca ha determinato le best Practices. Allinearsi a queste migliora il risultato. - Ogni paziente è unico - Molti pazienti (si calcola oltre il il 60%) hanno problemi comuni e possono passare in analoghi processi di cura. Anche se hanno bisogni individuali. Fillingham 2008

7 Porsche Consulting (2007) Il Dr. Buttler Direttore del reparto di Chirurgia di Bietigheim a colloquio con l Ing. Wiedekin, sul miglioramento dei processi all interno dell ospedale.

8

9

10

11

12

13 Panorama Ospedaliero Italiano % OSPEDALI (n anno 2000) PL 47% 23% 14% 15% 5% <100 < >500 >1000 Fonte: Bocconi

14 L OSPEDALE a flusso PER AREE A DIVERSA INTENSITA Si passa dal vecchio modello del secolo scorso fondato sulle unità operative con posti letto prefissati ai cosiddetti letti funzionali.

15 Patients flow PS Urgenze Emergency. UTI, UTIC, TIPO, Area Critica Piastra RX Op.Th. 1 liv 10% PL (27 pl) Ambulatori 2 liv 50% PL (270 pl) D-S 3 liv 40% PL (54 pl)

16 2005

17 NHS managers visit TOYOTA

18

19

20 Sprechi in Sanità 29% (RAI News 09-febbraio-2013) Veneto 17% Calabria 52% Aiuti per carenze organizzative Teleconsulto Telelab Telemedicina Rimedi per Sprechi Gestionali Lean Healthcare approach (flusso, valore, spreco)

21 Gli sprechi gestionali in Osp 1 Sovraproduz. Tests preoperatori. Livellamento sui picchi 2 Beni in attesa di utilizzo 3 Spostamento di beni o informaz. 4 Attese del personale Mancate consegne. SS.OO. non utlizzate o sottoutilizzate. Rottura di apparecchiatura Consulti medici e ritiro referti. Pazienti in attesa ovunque Mancanza di sincronismo fra operatori 5 Scorte Tutto ciò che è in giacenza in attesa di essere utilizzato. Posti letto!! Sale di attesa.. 6 Movimenti di personale Il movimento non è lavoro 7 Disservizi ed errori Non rispetto dei tempi, della privacy. Diagnosi e trattamenti sbagliati... 8 Processi non delineati Carenze di progettazione.

22 Principi e Tecniche per il LEAN System Principi Flusso Valore Spreco Tecniche 1. Value Stream Mapping 2. Standard (accordi PDTA) 3. Gestione a vista 4. Just in Time 5. Buffer 6. One piece flow 7. Heijunka 8. Kanban 9. 5 S e cell design 10. Spaghetti diagram 11. A3

23 Formazione Lean Base e Avanzata

24 Lean G.E.N.O.V.A. Lean Healthcare al Galliera Ente Osp. Ospedali Galliera Schema formativo per un ospedale a flussi e per intensità di cure Prerequisito Conoscenza Corso Base 3 giorni - 9 ore Nessuno Variabilità e flussi in sanità I principi del sistema Lean La standardizzazione Corso Avanzato 3 settimane 28 ore Aver superato il Corso Base Particolare interesse e letture sul Sistema Lean in sanità Value Stream Analysis, Visual Management Costumer base e stato corrente Stato ideale e stato futuro Aver partecipato a 2 Value Stream Analysis Corsi di Perfezionamento 1 giorno 6 ore Saper legare il miglioramento alla strategia aziendale Portare il miglioramento a livello sistemico Abilità Distinguere i PDTA dalle mappe di flusso Saper vedere gli sprechi In una mappa di flusso Uso dei sistemi A3, capire il proprio ruolo nel cambiamento Saper usare alcuni strumenti di miglioramento eliminando gli sprechi Rendere il cambiamento sostemibile Sostenere la funzione di facilitatore Comportamento Poter contribuire al miglioramento Saper identificare problemi di processo, prima che di risorse Saper lavorare in maniera efficace per obiettivi di team Saper portare il problem solving in ogni circostanza di front line

25 Numero presenti globale Corso Lean Base (26 edizioni, 521 presenti) Est 3-D Column Ediz

26 Resoconto Corsi Base Edizioni: 7(2009) + 11 (2010) + 8 (2011) + 14 (2012) = 40 Medici: 26% Infermieri: 47% Tecn Rad e Biol: 15% OSS: = 7% Amministrat = 5%. N. tot : = 723

27

28 Numero presenti (tot 95) e attività analizzate (21) Emorragia gastrica K prostata Colectomia Colecistite Ostruzione ureterale Cirrosi emorragica Radio eco/diagnostica Radio Terapia Medicina Nucleare Acquisti in economia Convenzioni con esterni Pacchetti informatici mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 set-10 ott-10 nov-10 dic-10 gen-11 feb-11 mar-11 Rimborsi Manutenzione tecnica Acquisti sottosoglia apr-11 mag-11 NCH craniotomie Insuff. Vasc. cerebrale Insuff. Vasc. Periferica Impianto stimolatore cardiaco Disostruzione coronarica acuta

29 Mappe VSM Emorragia gastrica K prostata Colecistite Colectomia Ostruzione ureterale Cirrosi emorragica Radio eco/diagnostica Radio Terapia Medicina Nucleare NCH craniotomie Insuff. Vasc. cerebrale Insuff. Vasc. Periferica Impianto stimolatore cardiaco Disostruzione coronarica Percorsi PS - Medicine Geriatria (insuff respiratoria) Acquisti in gare europee Convenzioni con esterni Pacchetti informatici Rimborsi Manutenzione tecnica Acquisti sottosoglia Gestione reclami Consegna referti informatici Riabilitazione post chirurgica Riabilitazione post chirurgia ginocchio Neuroradio interventistica

30 Standardizzare un flusso condiviso VSM Value Stream mapping

31

32

33

34

35 DATI di partenza Anno 2009 Stato attuale Anno 2010

36

37

38

39

40

41

42 VSM e One piece flow spaghetti diagram

43 Colli di bottiglia alla Piastra PRC marzo 2009

44 1 step di processo - ECG e prelievo per esami preop.

45 2 step di processo Visita anestesiologica (o viceversa)

46 PRC in day-surgery I movimenti di 9 pazienti, (15-18 pazienti/die) Attesa fra amb minuti/pt Prelievo per tests visita Sieroematici ed ECG anestesiologica 15 /pt 15 /pt

47 PRC in day-surgery snellito I movimenti di 3 pazienti, dopo lo snellimento (eliminazione 50% dei tempi di svestimento e rivestim.) Visita anest ECG e Prelievo 20 /pt

48 PRC ore 11:00 in Day Surgery ( )

49

50

51

52 Integrare strutture e declinare funzioni

53 2010

54 Flusso ortogeriatrico dal 29 giugno 2009 A ) Ortopedia 46 pl costumer base mix (21 gg deg. media) B ) Flusso ortogeriatrico (orthogeriatric flow) 22 pl 24 pl interventistico riabilitativo Livello 2 di assistenza Livello 3 di assistenza 4 gg deg massima 10 gg deg max

55

56 Ortogeriatria a flusso Attività clinica distinta in due aree a diversa intensità di cura ma in continuità assistenziale (stessa equipe multidisciplinare): LIVELLO 2: acute care LIVELLO 3: post-acute care. LEAN Approach Patients n. 355 pt. 362 pt. 357 pt. d.m. Orto 16,1 (2 liv) (cure interm) 11 gg (3 liv) tot DM Mortality 30 days

57 Integrazione

58 Orientare gli operatori al flusso (con Board e Tutor) Visual Management

59

60

61

62

63

64 >30 gg N. Pazienti con degenza > 30 gg

65 Promising Results: Just by the patients flow improvement Ridotti del 45% i pazienti rinviati (45% reduction of patients put off the Op. Theatre) (2008) Ridotta del 40% lo spazio occupato in BOC 40% space floor reduction in Op.Theatre (2009) Ridotte del 90% le sedute extraorario (90% reduction extra work in O.T.) (2009) Aumentata l attività di Day Surgery (+47%) (Day Surgery activity Increased by 47%, 2007) Emergency activity Increased 11 to 16%, 2009) Pianificare il lavoro per ciascun paziente prevedendo la degenza massima. Plan each patient flow by focusing max lenght of stay

66 Promising Results: Just by improving patients flow Imaging vs paper for Radiology Gen. Surgery: decreased preop time for unplanned surgeries (3 to 2 days) Twenty to 25 % reduction LOS in gastroenterology (riduzione degenze) Twelve administration processes improved (10 to 50% waiting time reduction) Six days waiting-time reduction in Radiation Oncology Ninety % waiting-time-reduction for out-patients to get tests response. 900 out of 1750 Employees (>50%) (all levels of responsibility) trained on Lean Approach along the period

67 Thedacare, Wisconsin 2008

68 Thedacare, Wisconsin 2008

69 Variazione dei costi di produzione in Aziende Sanitarie a confronto A parità di prodotto e di finanziamento -10 % % standard Galliera Galliera aspettativa

70 10000 Variazione dei costi di produzione in Aziende Sanitarie a confronto A parità di prodotto e di finanziamento -10 % % standard Galliera Galliera Riduz. costi

71 2012

72 Lean: Crescita aziendale Non ci sono limiti al Lean una volta apprese le tecniche e capiti i contesti in cui applicarle. Il miglioramento è rapido, sorprendente e costante.

73

74 Children s Point of View 6%

75 85%

76

77 Lean G.E.N.O.V.A. Group

78 Lean G.E.N.O.V.A. Group Galliera (H) Empowered by New Organization and Value Analysis Patient care is really nothing more than a process. We experimented the lesson of Lean in our Hospital Start up on May 2009

metodi e risultati Ente Ospedali Galliera GENOVA francesco.nicosia@galliera.it

metodi e risultati Ente Ospedali Galliera GENOVA francesco.nicosia@galliera.it L approccio Lean in Ospedale metodi e risultati Ente Ospedali Galliera GENOVA francesco.nicosia@galliera.it 1 The Lancet: Can car manifacturing techniques January 2006 1 The Lancet: Can car manifacturing

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CERISMAS DAY Soluzioni e strumenti per migliorare la gestione dei flussi dei pazienti in ospedale: le evidenze del Laboratorio Logistica del Paziente

CERISMAS DAY Soluzioni e strumenti per migliorare la gestione dei flussi dei pazienti in ospedale: le evidenze del Laboratorio Logistica del Paziente CERISMAS DAY Soluzioni e strumenti per migliorare la gestione dei flussi dei pazienti in ospedale: le evidenze del Laboratorio Logistica del Paziente Università Cattolica, Milano 16 Marzo 2015 Stefano

Dettagli

Modelli di assistenza ospedaliera per intensità di cura: confronti nazionali e internazionali

Modelli di assistenza ospedaliera per intensità di cura: confronti nazionali e internazionali Modelli di assistenza ospedaliera per intensità di cura: confronti nazionali e internazionali La metodologia di analisi a supporto della gestione operativa. Ing. Irene Roma, 22 Ottobre 2012, Bologna Agenda

Dettagli

La gestione operativa in sanità

La gestione operativa in sanità La gestione operativa in sanità Operations management Isabella Giusepi (isabella.giusepi@unibocconi.it) 2 Maggio 2012 Efficienza nell impiego delle risorse Analisi dei processi produttivi, al fine di individuare

Dettagli

Il Lean: Storia e Principi. Maristella Mencucci Direttore SOS Assistenza Infermieristica Azienda ASL 10 Firenze

Il Lean: Storia e Principi. Maristella Mencucci Direttore SOS Assistenza Infermieristica Azienda ASL 10 Firenze Il Lean: Storia e Principi Maristella Mencucci Direttore SOS Assistenza Infermieristica Azienda ASL 10 Firenze Come la Lean Organization ci può supportare? SCOPO FLUSSO Il mezzo per raggiungere un organizzazione

Dettagli

E.O. Galliera di Genova (essentials)

E.O. Galliera di Genova (essentials) 1 2 3 E.O. Galliera di Genova (essentials) 450 beds (40% surgery) 1700 employees 10 op. rooms 8 types of surgery (NCH incl.) 13.000 interventions/ year 12% out of schedule 17-18.000 admissions/yr H. is

Dettagli

METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ

METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ Francesca Ciarpella Fermo 14 e 15 novembre 2013 SPENDING REVIEW TAGLI ALLA SANITÀ AUMENTO DELLA DURATA DELLA VITA MEDIA

Dettagli

La ricerca di efficienza e di produttività nell ospedale: la gestione operativa in sanità. Irene Roma 9 Ottobre, Bologna

La ricerca di efficienza e di produttività nell ospedale: la gestione operativa in sanità. Irene Roma 9 Ottobre, Bologna La ricerca di efficienza e di produttività nell ospedale: la gestione operativa in sanità Irene Roma 9 Ottobre, Bologna Agenda Inquadramento del tema e rilevanza dell Operations Management nell attuale

Dettagli

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96 1. Il Lean Thinking Nelle Aziende Di Servizi 1.1 Introduzione... 27 1.2 Significato di azienda di servizi... 28 1.2.1 Intangibilità dei servizi... 29 1.2.2 Contestualità tra produzione e consumo... 29

Dettagli

Come la ns Comunità disegna e realizza un ospedale migliore

Come la ns Comunità disegna e realizza un ospedale migliore Come la ns Comunità disegna e realizza un ospedale migliore Come la ns Comunità disegna e realizza un ospedale migliore Con l aiuto del Lean System FRANCIA: LOTTA ALLO SPRECO ALIMENTARE IN SUPERMERCATI

Dettagli

14 Marzo 2014 Ospedale S.Jacopo

14 Marzo 2014 Ospedale S.Jacopo AREA CHIRURGICA 14 Marzo 2014 Ospedale S.Jacopo LA REINGEGNERIZZAZIONE In Toscana la legge n. 22 (8/3/2000) e la successiva n. 40 (24/2/2005) prevedono la strutturazione delle attività ospedaliere in aree

Dettagli

Seminari / Corsi / Percorsi formativi

Seminari / Corsi / Percorsi formativi INDICE Seminario - Gli strumenti del Sistema Toyota per avere processi efficaci e snelli, supportati da procedure chiare e di facile utilizzo... 2 Seminario - La logistica di magazzino in Just In Time:

Dettagli

Ospedale lean per intensità di cure

Ospedale lean per intensità di cure Affrontare la produzione di salute in termini di efficienza, individuando e riducendo gli sprechi con tecniche sperimentate dall industria manifatturiera: questo l obbiettivo prioritario del Lean thinking,

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA BOLOGNA - VENERDI' 24 GENNAIO 2014 CONGRESSO ANIMO EMILIA ROMAGNA Revisione organizzativa per intensità delle cure dell Area Internistica

Dettagli

Il caso dell'azienda Ospedaliera Ca'Granda Niguarda di Milano

Il caso dell'azienda Ospedaliera Ca'Granda Niguarda di Milano Il caso dell'azienda Ospedaliera Ca'Granda Niguarda di Milano Dall'ospedale tradizionale all'intensità di cure: opportunità organizzative, criticità e gestione del cambiamento Ospedale Niguarda: carta

Dettagli

Il Lean Thinking in Sanità

Il Lean Thinking in Sanità INCONTRO TRA NARRAZIONI E EVIDENZE PER UNA SANITÀ DA TRASFORMARE Il Lean Thinking in Sanità Milano 28 ottobre 2011 Carlo Magni Da qualche anno si parla di LEAN THINKING negli Ospedali: Alcuni articoli

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste Osservatorio Incidenza, CV Provincia esiti, e processo di Trieste di (2009-2015) cura dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Data base Eco/ECG/(CGF) Ricoveri ospedalieri (SDO) Cartella clinica elettronica

Dettagli

Principi del Lean Thinking per la sostenibilità in ambito sanitario

Principi del Lean Thinking per la sostenibilità in ambito sanitario Principi del Lean Thinking per la sostenibilità in ambito sanitario Dott. Ing. Paolo Abundo Dott. Ing. Luca Armisi Servizio di Ingegneria Medica Fondazione PTV Policlinico Tor Vergata di Roma Napoli, 12/04/2013

Dettagli

Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative

Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative Pisa, 6 febbraio 2015 Una filosofia industriale ispirata al Toyota Production

Dettagli

7 Maggio 2012 Federico 1Lega

7 Maggio 2012 Federico 1Lega I paradigmi emergenti a supporto dei nuovi modelli organizzativi i ospedalieri i Dall'ospedale per intensità e complessità delle cure alle service lines e care centers 7 Maggio 2012 Federico 1Lega Le discontinuità

Dettagli

Il ruolo del farmacista ospedaliero e la sua collaborazione al Blocco Operatorio Centrale : L esperienza dell Ospedale Galliera

Il ruolo del farmacista ospedaliero e la sua collaborazione al Blocco Operatorio Centrale : L esperienza dell Ospedale Galliera IL FARMACISTA PUBBLICO E L'USO APPROPRIATO DELLE RISORSE NELL'ERA DELLA SPENDING REVIEW: STRUMENTI PER IL MONITORAGGIO GENOVA 24 MAGGIO 2013 Il ruolo del farmacista ospedaliero e la sua collaborazione

Dettagli

PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM.

PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM. PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM. 26-29 SETTEMBRE 2013 LAGO DI GARDA CREDITI ECM LEAN HEALTHCARE MANAGEMENT

Dettagli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli Dott.ssa Maria Carla Attilia Pisano Medicina D Urgenza PS-AMC Primario Dott V. Piedimonte .. un unità

Dettagli

Linee di attività nel Nuovo Ospedale per intensità di cure. Il progetto ortogeriatrico Dott. Ernesto Palummeri

Linee di attività nel Nuovo Ospedale per intensità di cure. Il progetto ortogeriatrico Dott. Ernesto Palummeri Linee di attività nel Nuovo Ospedale per intensità di cure Il progetto ortogeriatrico Dott. Ernesto Palummeri Dati ISS ISTAT Italia: nazione Europea con la max percentuale di ultrasessantacinquenni Le

Dettagli

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale stato dell arte e prospettive future A cura di: Costantina Regazzo Docente di Organizzazione Aziendale presso l Università

Dettagli

Ospedali di Nuova Generazione

Ospedali di Nuova Generazione 26 Maggio 2012 Ospedali di Nuova Generazione Dott. Pier Paolo Benetollo Direttore Sanitario Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona OSPEDALI DI NUOVA GENERAZIONE I nuovi ospedali devono essere

Dettagli

ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA

ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA Adalgisa Protonotari Direttore Programmazione Sanitaria Coordinatore Area Direzione delle Attività Clinico-Assistenziali

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER. FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014

NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER. FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014 NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014 IL RUOLO DELL INFERMIERE CASE MANAGER IN DIVERSI SETTING MONICA

Dettagli

Lean Value Stream Analysis

Lean Value Stream Analysis Articolo a firma di: Valentina Palazzo Inspearit Consultant Lean Value Stream Analysis Complessità, rilavorazioni, variabilità delle attività, sovrallocazioni, colli di bottiglia e debito tecnico rappresentano

Dettagli

LEAN OFFICE & SERVICE

LEAN OFFICE & SERVICE LEAN OFFICE & Percorso di Certificazione Advanced 2015 People & Organizational Development Realizzato in collaborazione con Telos Consulting Z1138 I Edizione / Executive Education 26 OTTOBRE 2015 24 NOVEMBRE

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa Management Sanitario per il corso di Laurea Magistrale SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Modulo di Ricerca Operativa Prof Laura Palagi http://wwwdisuniroma1it/ palagi Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA. Luisa Buracchini. Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA. Luisa Buracchini. Nome C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Luisa Buracchini Amministrazione Az Osp. S. Camillo - Forlanini telefono dell ufficio 06/58706033 - cell. az. : 346/2354533 fax dell ufficio 06/58706033

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano Ernesto Palummeri Dipartimento Interaziendale di Gerontologia e Geriatria ASL 3 Genovese

Dettagli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli I N D I C E Introduzione pag. 3 Lean Production pag. 4 Percorsi pag. 5 Zoom pag. 6 Contatti pag. 7 La formazione a firma Bosch TEC Bosch Training

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DI UN CENTRO MULTIDISCIPLINARE DI DAY SURGERY

L ORGANIZZAZIONE DI UN CENTRO MULTIDISCIPLINARE DI DAY SURGERY Azienda Ospedaliera di Padova Centro Multidisciplinare di Day Surgery L ORGANIZZAZIONE DI UN CENTRO MULTIDISCIPLINARE DI DAY SURGERY A.Nosadini U. Baccaglini FORME ORGANIZZATIVE DELLA DAY SURGERY (D.S.)

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Clinical Governance Medicina Patient Oriented

Clinical Governance Medicina Patient Oriented Clinical Governance Medicina Patient Oriented Dr. Mario Felici Resp. U.O. Medicina Interna e Geriatria Osp. S. Donato USL 8 Arezzo Perché parlare di Clinical Governance e Medicina Patient Oriented? In

Dettagli

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE Brescia, 7 novembre 2011 Enrico Zampedri, direttore generale Alessandro Signorini, direttore sanitario Contenuti dell intervento

Dettagli

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura: perchè? 1. Evoluzione dei bisogni di cura 2. Evoluzione delle tecnologie 3. Multidisciplinarietà 4. Produttività 1. Evoluzione

Dettagli

I. Diritto Costituzionale alla tutela della Salute II. Finanziamento del SSN III. Sostenibilità del SSN IV. Politica e Sanità V. Programmazione, organizzazione e valutazione dei servizi sanitari VI. Professionisti

Dettagli

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria OFFERTA SERVIZI Servizi Sanitari Ospedalieri Questi servizi vengono resi all interno del Presidio Ospedaliero di Bobbio e si declinano in: primo intervento urgente valutazioni diagnostico specialistiche

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria.

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Stefano Villa Responsabile Area Gestione delle Operations e Logistica CERGAS (Centro di Ricerche Sulla Gestione dell Assistenza

Dettagli

Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione

Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione

Dettagli

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità

Dettagli

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle Cuneo QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO COORDINATORE INFERMIERISTICO SIG.RA VIGLIONE FRANCA Settembre 2009 Inaugurazione del nuovo Blocco Operatorio ubicato

Dettagli

LA CENTRALE DIPROGRAMMAZIONE DEI RICOVERI ELETTIVI: IL DISEGNO DIUN PERCORSO "LEAN AL POLICLINICO GEMELLI

LA CENTRALE DIPROGRAMMAZIONE DEI RICOVERI ELETTIVI: IL DISEGNO DIUN PERCORSO LEAN AL POLICLINICO GEMELLI LA CENTRALE DIPROGRAMMAZIONE DEI RICOVERI ELETTIVI: IL DISEGNO DIUN PERCORSO "LEAN AL POLICLINICO GEMELLI 28 giugno 2013 Andrea Cambieri&Maria Elena D Alfonso VARIABILITA NELLA DOMANDA (FLUTTUAZIONI NEL

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

La nuova organizzazione per l Azienda Sanitaria di Firenze

La nuova organizzazione per l Azienda Sanitaria di Firenze La nuova organizzazione per l Azienda Sanitaria di Firenze Ing. Sheila Belli SC Innovazione e Sviluppo Servizi Sanitari Azienda Sanitaria di Firenze I nostri numeri 85. assistiti in 33 comuni 67 dipendenti,

Dettagli

CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005

CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005 CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005 Denominazione Presidio Ospedaliero: Il Presidio Ospedaliero è a carattere monospecialistico? No Si se SI pediatrico riabilitativo ortopedico cardiologico

Dettagli

LogicaLean: principi e metodologie. Dr. Antonio Cavaleri Lean/6 sigma Application Expert Abbott Diagnostics

LogicaLean: principi e metodologie. Dr. Antonio Cavaleri Lean/6 sigma Application Expert Abbott Diagnostics LogicaLean: principi e metodologie Dr. Antonio Cavaleri Lean/6 sigma Application Expert Abbott Diagnostics Sanità Italiana - scenario Forte pressioni (da Ministero e Assessorati) sulle Aziende Sanitarie

Dettagli

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore

Dettagli

Humanitas Cancer Center

Humanitas Cancer Center Humanitas Cancer Center Stefano Cazzaniga Modelli di assistenza ospedaliera per intensità di cure 30 marzo 2012 Contenuti Istituto Clinico Humanitas Modello operativo Humanitas Cancer Center Istituto Clinico

Dettagli

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale CONVEGNO INTERNAZIONALE ACCREDITAMENTO, PROGRAMMI DI VALUTAZIONE ESTERNA E SICUREZZA DEL PAZIENTE Roma, 7-8 marzo 2011 Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Dettagli

MIP Consulting offre anche percorsi formativi realizzabili. MIP Consulting è una società certificata UNI EN ISO

MIP Consulting offre anche percorsi formativi realizzabili. MIP Consulting è una società certificata UNI EN ISO Il Vostro Partner per il Miglioramento e l Innovazione. Sistemi di gestione Lean organization & Miglioramento continuo Corsi di Formazione 2016 Se ritenete che la formazione sia costosa, pensate a quanto

Dettagli

IL MODELLO HUB SPOKE L OSPEDALE ORGANIZZATO PER INTENSITÀ DELLE CURE

IL MODELLO HUB SPOKE L OSPEDALE ORGANIZZATO PER INTENSITÀ DELLE CURE Seminario di studio DISCUTIAMO DELLA SALUTE DEI CITTADINI ARETINI Confronto di idee e proposte aperte per un Patto per la Salute IL MODELLO HUB SPOKE L OSPEDALE ORGANIZZATO PER INTENSITÀ DELLE CURE LUCA

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella by Per avere ulteriori informazioni: Visita il nostro sito WWW.LEANNOVATOR.COM Contattaci a INFO@LEANNOVATOR.COM 1. Introduzione Il termine

Dettagli

Obiettivi e struttura del progetto

Obiettivi e struttura del progetto Obiettivi e struttura del progetto L innovazione organizzativa in ambito ospedaliero: il contesto di riferimento Americo Cicchetti Facoltà di Economia dell Università Cattolica del Sacro Cuore Ricercatore

Dettagli

NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI

NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI E.O. Ospedale Galliera LINEE DI ATTIVITA' NEL NUOVO OSPEDALE PER INTENSITA' DI CURE NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI 21 OTTOBRE 2010 a cura di Fernanda Stefani E.O. Ospedale Galliera Filo conduttore del processo

Dettagli

Rapporto OASI 2013. Osservatorio sulle Aziende e sul Sistema sanitario Italiano CERGAS. Rapporto OASI 2013

Rapporto OASI 2013. Osservatorio sulle Aziende e sul Sistema sanitario Italiano CERGAS. Rapporto OASI 2013 cergas 5122-1c Oasi 2013_CERGAS oasi 5096-5c 08.qxd 11/12/13 19:22 Pagina 1 Collana CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale dell Università Bocconi Rapporto OASI 2013

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MANCINO PAOLA ASL AL VIA RAGGIO 12, 15067 NOVI LIGURE (AL) Telefono 0143/332912 2363-2465 Fax 0143/332919

Dettagli

L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano. Dott. Giorgio Magon

L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano. Dott. Giorgio Magon L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano Dott. Giorgio Magon 1856 Organizzazione scientifica del lavoro 2010 2014 La progettualità in I.E.O. Fase 2: Analisi Benchmarking

Dettagli

Performance Management Pec Performance Management Pec

Performance Management Pec Performance Management Pec Performance Management Pec Performance Management Pec Relatore: Cristina Collalti Consulente Pec Pharma Education Center è presente nel mercato della formazione in ambito farmaceutico con una formazione

Dettagli

Flussi intraospedalieri del Paz ricoverato. Lungodegenza e Terapia Riabilitativa

Flussi intraospedalieri del Paz ricoverato. Lungodegenza e Terapia Riabilitativa 29 settembre 1 ottobre 2011 PERCORSI IN MEDICINA INTERNA I MODELLI ORGANIZZATIVI L organizzazione per intensità di cura: esperienza preliminare ed errori da evitare V. Arienti Medicina Interna A, Ospedale

Dettagli

XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012

XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012 M.C. Escher XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012 I TRE SNODI CRUCIALI DI UNA STRATEGIA IPOTIZZATA/ATTUATA

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA Rete ospedaliera Il sistema urgenza-emergenza in Italia, secondo quanto regolamentato dalle linee guida 1/96 in applicazione del DPR 27 marzo

Dettagli

LEAN MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI Corso base

LEAN MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI Corso base Corso di formazione LEAN MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI Corso base Value Perfection Value stream mapping Pull Flow Montecchio Precalcino (VI), novembre - dicembre 2015 2 Lean Thinking: a way to do more

Dettagli

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE L ospedale è costituito da quattro ali parallele collegate tra di loro da un corridoio centrale di raccordo e da una piccola palazzina, unita dal corridoio

Dettagli

Il profilo degli Ospedali di prossimità: il progetto degli Ospedali di Porretta e Vergato CTSS 19 GIUGNO 2013

Il profilo degli Ospedali di prossimità: il progetto degli Ospedali di Porretta e Vergato CTSS 19 GIUGNO 2013 Il profilo degli Ospedali di prossimità: il progetto degli Ospedali di Porretta e Vergato CTSS 19 GIUGNO 2013 Gli ospedali della cintura S. Giovanni Bentivoglio Bazzano Maggiore Budrio IOR AOU Bellaria

Dettagli

LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE:

LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE: AREA FORMAZIONE LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE: STRUMENTI E SOLUZIONI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI DEI PAZIENTI V EDIZIONE MILANO, 14-15 APRILE 2015 Intervento formativo - La logistica del paziente

Dettagli

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO

S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO S. C. di MEDICINA INTERNA OSPEDALE DI ASIAGO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Medicina dell Ospedale di Asiago fa parte del Dipartimento di area medica. Si trova al piano terra e

Dettagli

Lean Thinking Alla ricerca dell EBIT nascosto dentro le aziende. Standard Work: uno strumento fondamentale a supporto delle trasformazioni Lean

Lean Thinking Alla ricerca dell EBIT nascosto dentro le aziende. Standard Work: uno strumento fondamentale a supporto delle trasformazioni Lean Lean Thinking Alla ricerca dell EBIT nascosto dentro le aziende Standard Work: uno strumento fondamentale a supporto delle trasformazioni Lean Castellanza, 21 novembre 2011 Fabio Salomone Responsabile

Dettagli

MOVE IN ITALY CFMT. Q&Oconsulting

MOVE IN ITALY CFMT. Q&Oconsulting MOVE IN ITALY 1 Profilo Societario: BTCESAB (gruppo Toyota) commercializza in Italia una gamma completa di carrelli, sistemi e servizi per la movimentazione delle merci: 1. Controbilanciati a marchio CESAB

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC di più con meno Lean Lean Manufacturing Lean Production Lean Factory Fabbrica Snella Produzione Snella Fabbrica Integrata.. Toyota Production System (TPS)

Dettagli

Sanità finalmente senza carta!

Sanità finalmente senza carta! Integrazione di PHR / EMR / EHR EDIS / ORIS / INPATIENT / OUTPATIENT PHYSICIAN PRACTICE / PRIMARY CARE DATA WAREHOUSE / CLINICAL PORTAL Sanità finalmente senza carta! www.alert-online.com alert è un software

Dettagli

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Convegno ANCE - Gardacuore 98 Convegno ANCE - 12-13 Settembre 1998 Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Plinio Pinna Pintor Paradigma di Donabedian Oggetti della Verifica

Dettagli

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Descrizione specifica delle attività e della collocazione del 1

Dettagli

SCHEMA PROGETTO AREA DI COORDINAMENTO SANITA - ANNO 2015 SCHEMA-TIPO

SCHEMA PROGETTO AREA DI COORDINAMENTO SANITA - ANNO 2015 SCHEMA-TIPO SCHEMA PROGETTO AREA DI COORDINAMENTO SANITA - ANNO 2015 SCHEMA-TIPO 1. Titolo del progetto: NUOVA ORGANIZZAZIONE DEI PERCORSI DI PREVENZIONE, DIAGNOSI E CURA DEL PIEDE DIABETICO IN REGIONE TOSCANA 2.

Dettagli

Piano Formazione Aziendale Anno 2016

Piano Formazione Aziendale Anno 2016 ALLEGATO N. 2 DETTAGLIO PERCORSI FORMATIVI DIPARTIMENTO PROPONENETE TITOLO Il Presidio Ospedaliero unico del Sulcis Iglesiente: un modello organizzativo gestionale (politiche formative di indirizzo regionale)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 AZIENDA OSPEDALE - UNIVERSITA' Arcispedale Sant'Anna PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 L Azienda ritiene di confermare anche per l anno 2005 l obiettivo di procedere ad una tendenziale riduzione

Dettagli

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012 Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Benzina verde con servizio alla pompa Ago-08 Set-08 Ott-08 Nov-08 Dic-08 Firenze 1,465

Dettagli

REVISIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DI AREA SOVRAZONALE COINCIDENTE CON LA FEDERAZIONE N. 6 PIEMONTE SUD EST

REVISIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DI AREA SOVRAZONALE COINCIDENTE CON LA FEDERAZIONE N. 6 PIEMONTE SUD EST REVISIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DI AREA SOVRAZONALE COINCIDENTE CON LA FEDERAZIONE N. 6 PIEMONTE SUD EST PROPOSTA ASO ALESSANDRIA ASL AL ASL AT Il DIRETTORE GENERALE Il DIRETTORE GENERALE Il DIRETTORE

Dettagli

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001 IL GOVERNO CLINICO DEI PROCESSI ASSISTENZIALI: DALLA TEORIA ALLA PRATICA IPASVI Brescia, 08 ottobre 2011 L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

Dettagli

Lean and Continuous Improvement Azienda Ospedaliera Universitaria Senese

Lean and Continuous Improvement Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Lean and Continuous Improvement Azienda Ospedaliera Universitaria Senese Ufficio Lean Phone: 0577-586597 Mail: lean@ao-siena.toscana.it Ing. Caterina Bianciardi Agenda About us Our strategy and approach

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) INFORMAZIONI PERSONALI Nome tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958 Qualifica II Fascia Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL II

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA Direzione Medica di Presidio ARCISPEDALE SANT'ANNA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA A cura

Dettagli

Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B. Dott. Egidio Sesti

Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B. Dott. Egidio Sesti Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B Dott. Egidio Sesti Obiettivo generale Strutturazione di flussi informativi atti alla promozione della qualità dei processi organizzativi

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Monitoring healthcare in Regione Liguria

Monitoring healthcare in Regione Liguria Regione Liguria Monitoring healthcare in Regione Liguria One Conference - Turin, may 30 th 2012 Piergiulio Maryni The strategy Three-year plan for the Ligurian Information Society Healthcare Section Defines

Dettagli