Iloprost infusion in diabetic patients with peripheral arterial occlusive disease and foot ulcers

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iloprost infusion in diabetic patients with peripheral arterial occlusive disease and foot ulcers"

Transcript

1 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 57 N. 6 PP Iloprost infusion in diabetic patients with peripheral arterial occlusive disease and foot ulcers FRANCESCO MIRENDA, MICHELE LA SPADA, DOMENICO BACCELLIERI, FRANCESCO STILO, FILIPPO BENEDETTO, FRANCESCO SPINELLI Cattedra e UOC di Chirurgia Vascolare Dipartimento di Scienze Toraciche e Cardiovascolari Policlinico Universitario di Messina Riassunto L obiettivo dello studio è la valutazione dell infusione di iloprost in pazienti diabetici con lesioni trofiche distali, anche a supporto di procedure endovascolari, in alternativa alla rivascolarizzazione chirurgica. Sono stati valutati prospetticamente 244 pazienti con ischemia critica degli arti inferiori, 146 (59,8%) affetti da diabete mellito. In 175 pazienti è stato confezionato un bypass femoro-distale. In 69 pazienti diabetici, in cui non si presentava indicazione chirurgica (47,3% dei diabetici), è stata iniziata l infusione endovenosa di iloprost. I pazienti presentavano ulcere distali, un polso popliteo palpabile o moderatamente iposfigmico ed alti flussi distali alla caviglia. In 55 di questi pazienti (79,7% dei non chirurgici e 37,6% dei diabetici), non-responders alla terapia medica, è stata associata una procedura endovascolare In 69 pazienti non chirurgici sono stati valutati i risultati dopo 7 giorni dall inizio dell infusione di iloprost. In 55 pazienti, non-responders, è stata associata una procedura endovascolare. In 14 casi, responders e trattati esclusivamente con infusione di iloprost per quattro settimane, si è assistito alla completa guarigione delle lesioni entro le tre settimane successive. Nel follow-up di questi 69 pazienti non è stata rilevata alcuna recidiva ischemica. Nel 47,3% dei pazienti con arteriopatia diabetica che presentavano lesioni trofiche distali e alti flussi al malleolo, è stato possibile evitare la rivascolarizzazione chirurgica e proseguire la terapia medica con iloprost, associata nel 79,7% dei casi a procedure endovascolari. L infusione di iloprost migliora la perfusione degli arti ischemici, rappresenta in casi selezionati un importante strumento terapeutico per la cura delle lesioni trofiche distali del piede diabetico anche a supporto di procedure endovascolari. Parole chiave: iloprost, uso terapeutico, arteriopatia occlusiva periferica, angioplastica percutanea, ulcere diabetiche Correspondence to: Dr. Francesco Mirenda - Via Consolare Pompea, Villaggio S. Agata Messina.

2 732 ILOPROST INFUSION IN DIABETIC PATIENTS WITH PERIPHERAL ARTERIAL OCCLUSIVE DISEASE AND FOOT ULCERS Summary Iloprost infusion in diabetic patients with peripheral arterial occlusive disease and foot ulcers. F. Mirenda, M. La Spada, D. Baccellieri, F. Stilo, F. Benedetto, F. Spinelli The aim of the study was to evaluate iloprost infusion as an alternative to open surgical revascularisation in diabetic patients with foot ulcers, also as a support measure in conjunction with endovascular procedures. We studied 244 patients with critical ischaemia of the lower limbs, 146 of whom (59.8%) affected by diabetes. A femoro-distal bypass was performed in 175 patients. In the 69 nonsurgical diabetic patients (47.3% of the diabetics) an iloprost infusion was started. These diabetics presented foot ulcers, a palpable or slightly hyposphygmic popliteal pulse and high distal arterial flow at the ankle. In 55 of these patients (79.7% of those not operated on and 37.6% of the diabetics) who were non-responders to medical therapy, an endovascular procedure was also performed. The results of the iloprost infusion (69 pts.) were evaluated after one week. In 14 responders treated only with iloprost infusion, complete healing of the lesions occurred during the 3 weeks following the end of the 4-week course of therapy. No severe ischaemia recurrences were reported in the follow-up of these 69 patients. In the 47.3% of subjects with diabetic arteriopathy presenting foot ulcers and high distal flow, it proved possible to avoid an open surgical revascularisation procedure and to resort to medical therapy with iloprost, completed in 79.7% of cases with endovascular procedures. Iloprost infusion improves limb perfusion and, in selected cases may be an important therapeutic tool for the care of ulcerative lesions of the diabetic foot, also as a support measure in conjunction with endovascular procedures. Key words: iloprost, therapeutic use, arterial occlusive disease, balloon angioplasty, diabetic foot ulcers Chir Ital 2005; 57, 6: Introduction From January 1986 to December 1999, we performed 643 distal bypasses in 586 patients for the treatment of critical ischaemia of the lower limbs caused by femoro-popliteal obstructive disease 1-4. We noted that a some of these patients, mostly diabetics, presented a moderately ischaemic limb with small trophic distal lesions. In these patients recourse to open surgery might appear excessive. Several authors have published interesting studies, with good results, on the possibility of treating such diabetics with ischaemia of the lower limbs and distal trophic lesions, by means of pharmacological therapy with iloprost 5-8 or, in alternative, by peripheral endovascular procedures also in small arteries Encouraged by such reports, over the past two years we have submitted a number patients with early critical ischaemia of the lower limbs to a therapeutic protocol based on iloprost infusion. An endovascular procedure was also performed in non-responders. The aim of our study was to evaluate the efficacy of iloprost infusion as an alternative to open surgical revascularisation in patients presenting distal trophic lesions and to clarify the indications, also as a pharmacological support measure in conjunction with endovascular procedures. Material and methods Over the period from January 2000 to December 2002 we observed 244 patients with critical ischaemia of the lower limbs, 146 of whom were diabetics (59.8%). In 175 patients (71.7%), with femoro-popliteal and extensive tibial occlusion, a femoro-distal bypass was performed. The remaining 69 cases (28.3%), mostly diabetic patients (47.3% of all diabetic patients), an echo-doppler evaluation showed a systolic rising time (S.R.T.) below 1/4 of the cardiac cycle and the presence of areas with elevated peak systolic velocity (P.S.V.), indicative of non-occlusive multiple proximal stenosis with high distal flow. We therefore decided to start an iloprost infusion (0.05 mg in 500 ml of saline solution administered at a flow rate ranging from 20 to 80 ml/h, according to patient tolerance). These diabetic

3 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 57 N. 6 PP Diabetic patients with trophic distal lesions Ultrasound exploration of the arteries High flow in the arteries at the ankle Systolic rising time (SRT) less than 1/4 of cardiac cycle Presence of zones with high PSV (indicating multiple proximal stenosis) Low flow in the arteries at the ankle Systolic rising time (SRT) more than 1/4 of cardiac cycle Absence of zones with high PSV (indicating extensive proximal occlusion) Conservative treatment Open surgery Fig. 1. Inclusion criteria used for the groups. patients presented foot ulcers, a palpable or slightly hyposphygmic popliteal pulse, and high distal arterial flow, as post-stenotic features, at the level of the ankle, detected by doppler CW. In 55 of these patients (79.7% of the non-operated patients and 37.6% of the diabetics), who were non-responders to the medical therapy, an endovascular procedure was added (PTA with or without stenting), followed by one more week of infusion therapy. The remaining 14 patients were treated only with a complete cycle of iloprost infusion for 4 weeks. The inclusion criteria for the groups are presented in Fig. 1. Results In the 69 non-surgical patients, we started pharmacological treatment with the infusion of iloprost and assessed the results after one week of therapy. In 55 patients, we observed no immediate improvement in the local distal condition and no remission of resting pain, when present, and therefore an endovascular procedure was performed immediately followed by one more week of iloprost infusion. In this group of patients, treated percutaneously, an early thrombosis occurred in 1 case and was immediately treated with a femoro-distal bypass, while in 2 cases an artery rupture was treated, with the procedure in progress, by covered stenting, in 4 cases we observed artery occlusion that was treated in 1 case after 2 months with a femoro-popliteal bypass and in the other 3 cases with a femoro-distal bypass. In the other cases we observed disappearance of pain, when present, demarcation of the necrotic zones and healing of the ulcers within a time period ranging from 3 to 8 weeks, depending on the extent of the lesions. The remaining 14 cases, treated only with a 4- week course of iloprost infusion and local dressings, were responders to the medical therapy, presenting clearing of the ulcer after only one week of treatment with remission of the pain symptoms; complete healing of the lesions occurred during the 3 weeks after the end of the pharmacological treatment. These patients, who were discharged after the end of the treatment, received maintenance care at home with antiaggregants (ticlopidine 250 mg/day) and anticoa-

4 734 ILOPROST INFUSION IN DIABETIC PATIENTS WITH PERIPHERAL ARTERIAL OCCLUSIVE DISEASE AND FOOT ULCERS gulants (calcic heparin 12,500 IU/day), and local dressings twice week. In the follow-up of these 69 patients (2-12 months) no severe ischaemia recurrences have been reported. Discussion The large number of patients submitted to surgical arterial reconstruction by our group for critical ischaemia of the lower limbs caused by obstructive femoropopliteal-tibial disease enabled us to detect a limited group of diabetic patients presenting moderate ischaemia and small trophic distal lesions. Encouraged by previous reports, we used a conservative therapeutic protocol based on the use of iloprost, where necessary as a support measure in conjunction with a peripheral endovascular procedure. Lazareth 8 stressed that iloprost infusion in diabetic patients with distal ischaemic ulcers induced pain reduction, favoured ulcer remission and slightly reduced the percentage of amputations. Cappelli et al. 6 showed that iloprost improved the microcirculation and significantly reduced the metabolic remission time in diabetic patients with critical ischaemia. Faglia et al. 13 observed an increase in transcutaneous O 2 tension and in the ABI index in diabetic patients with foot ulcers after endovascular treatment. They also reported that such a procedure was possible and effective in around 50% of cases. In our study, the perfusion parameters we assessed were peripheral flow S.R.T. and P.S.V., in the popliteal and tibial arteries at the level of the ankle, because we believe that the measurement of transcutaneous O 2 tension and the ABI index in diabetic subjects can be modified by local situations causing the presence of high cutaneous flows (also in the presence of tibial arterial obstruction) and the stiffness of the distal arteries, which are more calcified in diabetic subjects 16. Faglia et al., in a more recent study 17, has reported that the limb perfusion parameters, previously considered, may not be fully reliable because they are influenced by various factors. In conclusion, in 47.3% of the subjects with diabetic arteriopathy, with multiple non-occlusive stenosis of the femoro-popliteal district complicated by foot ulcers, it was possible to avoid an open surgical revascularisation procedure by using medical therapy with iloprost. In 79.7% of these patients, because of the poor tendency to improvement of the lesions and the persistence of pain symptoms the therapeutic protocol was completed with an endovascular procedure and therefore limited to 2 weeks. This protocol, in our experience, is particularly indicated in patients presenting high distal flows, giving rise to poor pre- and post-stenotic pressure gradients, which are frequently the cause of unsatisfactory results of the distal bypass. The infusion of iloprost improves limb perfusion and, in selected cases, may be an important therapeutic tool for the care of ulcerative lesions of the diabetic foot, also as a support measure in conjunction with endovascular procedures. References 1. Spinelli F, Mandolfino T, Milone A, La Spada M, Mattace Raso V, Mirenda F. Trattamento delle lesioni gangrenose dopo rivascolarizzazione distale degli arti. Atti 93 Congresso Società Italiana di Chirurgia vol. 5. Roma, Luigi Pozzi Editore, 1991, Spinelli F, Mandolfino T, D Alfonso M, La Spada M, Mirenda F, Canciglia A. La chirurgia di rivascolarizzazione per gangrena nella nona decade di vita. In Melita P, Cucinotta E, Palmieri R, Melita G Editors. La Chirurgia Geriatrica nel Terzo Millennio. Napoli, De Nicola Editore, 2001, Spinelli F, Mirenda F, Mandolfino T, La Spada M, D Alfonso M, Roscitano G, Stilo F. La vena piccola safena (VPS) nelle rivascolarizzazioni distali per salvataggio degli arti inferiori. G Ital Chir Vasc 2001; 8: Spinelli F, D Alfonso M, Mandolfino T, Acri I, La Spada M, Mirenda F. Rivascolarizzazione distale degli arti inferiori con protesi e FAV per interposizione venosa secondo Ascer. G Ital Chir Vasc 2001; 8: Staben P, Albring M. Treatment of patients with peripheral arterial occlusive disease Fontaine stage III and IV with intravenous iloprost: an open study in 900 patients. Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids 1996; 54: Cappelli R, Bicchi M, Arrigucci S, Boschi S, Guerrini M, Forconi S. L anziano arteriopatico con ischemia critica: valutazione del trattamento con Iloprost secondo due diverse modalità, sulla

5 CHIRURGIA ITALIANA VOL. 57 N. 6 PP efficacia e tollerabilità, sulle modificazioni della qualità di vita e dell autosufficienza. Minerva Cardioangiol 1999; 47: Banyai S, Jenelten R, Wagner S, Allmann J, Banyai M, Koppensteiner R. Outpatient treatment of severe peripheral ischemia with intravenous intermittent low-dose iloprost. An open pilot study. Int Angiol 2002; 21: Lazareth I. Soins locaux et traitement médical des troubles trophiques ischémiques des diabétiques. J Mal Vasc 2002; 27: Schwarten DE, Cutclif WB. Arterial occlusive disease below the knee: treatment with percutaneous transluminal angioplasty performed with low-profile catheters and steerable guide wires. Radiology 1988; 169: Vesely TM, Picus R, Gilula LA. Radiologic intervention in diabetic peripheral vascular disease. In: Levin ME, O Neal LW, Bowker JH Editors. The Diabetic Foot. 5th edition. St. Louis, Mosby Year Book, 1993, Jeans WD, Cole SE, Horrocks M, Baird RN. Angioplasty gives good results in critical lower limb ischaemia: a 5-year follow-up in patients with known ankle pressure and diabetic status having femoropopliteal dilations. Br J Radiol 1994; 67: Durham JR, Horowitz JD, Wright JG, Smead W. Percutaneous transluminal angioplasty of tibial arteries for limb salvage in the high-risk diabetic patient. Ann Vasc Surg 1994; 8: Faglia E, Favales F, Quarantiello A, Calia P, Brambilla G, Rampoldi A, Morabito A. Feasibility and effectiveness of peripheral percutaneous transluminal balloon angioplasty in diabetic subjects with foot ulcers. Diabetes Care 1996; 19: Mirenda F, Mandolfino T, Lamberto S, Benedetto F, De Caridi G, Stilo F, Spinelli F. Terapia endovascolare nelle arteriopatie femoro-poplitee in soggetti diabetici con lesioni trofiche distali. In Pratesi C e Pulli R Editors. Arteriopatie Obliteranti Femoro-Poplitee: Particolarità di Tecnica e di Trattamento. Torino, Edizioni Minerva Medica, 2002, Faglia E, Mantero M, Caminiti M, Caravaggi C, De Giglio R, Pritelli C, Clerici G, Fratino P, De Cata P, Dalla Paola L, Mariani G, Poli M, Settembrini PG, Sciangula L, Morabito A, Graziani L. Extensive use of peripheral angioplasty, particularly infrapopliteal, in the treatment of ischaemic diabetic foot ulcers: clinical results of a multicentric study of 221 consecutive diabetic subjects. J Intern Med 2002; 252: Emanuele MA, Bauchanan BJ, Abraira C. Elevated leg systolic pressure and arterial calcifications in diabetic occlusive vascular disease. Diabetes Care 1981; 4: Faglia E, Favales F, Quarantiello A, Calia P, Clelia P, Brambilla G, Rampoldi A, Morabito A. Angiographyc evaluation of peripheral arterial occlusive disease and its role as a prognostic determinant for major amputation in diabetic subjects with foot ulcers. Diabetes Care 1998; 21:

6 Collana di video di chirurgia epato-biliare a cura di Gennaro Nuzzo La collana di video di tecnica chirurgica epato-biliare riporta l esperienza maturata da uno dei gruppi chirurgici che da tempo si dedica con impegno particolare alla chirurgia epatobiliare. La scelta di realizzare una collana di video intende fornire uno strumento didattico a tutti coloro che iniziano questa chirurgia e un occasione di confronto a coloro che hanno già una personale esperienza. Lo stile con il quale la collana è stata ideata e realizzata è quello di trasmettere l esperienza maturata nel gruppo, cercando di dare ampio risalto a ogni aspetto tecnico, dal più semplice al più complesso nella maniera più dettagliata possibile. a cura di Gennaro Nuzzo La collana è articolata in dieci CD, tre sono già disponibili: il primo dedicato all anatomia chirurgica del fegato e alle tecniche di base delle resezioni epatiche, il secondo alla lobectomia ed epatectomia sinistra, il terzo all epatectomia destra. Di prossima pubblicazione quelli dedicati alle epatectomie allargate, alla chirurgia del lobo caudato, alla chirurgia del colangiocarcinoma dell ilo epatico, alla resezioni centrali (mesoepatectomie), al controllo vascolare in chirurgia epatica. La collana verrà completata da due video dedicati alle tecniche chirurgiche delle anastomosi bilio-digestive al peduncolo e all ilo (sec. Hepp-Couinaud) Titoli della collana Anatomia chirurgica del fegato e principi di tecnica chirurgica Lobectomia sinistra ed epatectomia sinistra Epatectomia destra Epatectomie allargate Chirurgia del lobo caudato Chirurgia del colangiocarcinoma del lobo epatico Resezioni centrali (mesoepatectomie) Il controllo vascolare in chirurgia epatica Coledoco-duodenostomia ed epatico-digiunostomia su ansa ad Y Epatico-digiunostomia alla placca sec. Hepp-Couinaud Per informazioni o prenotare i CD Segreteria dell Istituto di Patologia Chirurgica dell Universita Cattolica del S. Cuore Roma Sig.ra Luciana Palmiotti Fax Sito internet:

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALDO CANCIGLIA Nazionalità Italiana Data di nascita 06.01.1978 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) 01.06.2012

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Ianni Giulia Data di nascita 28/03/1970

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Ianni Giulia Data di nascita 28/03/1970 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ianni Giulia Data di nascita 28/03/1970 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI LATINA Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

La terapia amputativa

La terapia amputativa Sesto San Giovanni 27.01.2006 IX Giornata Milanese di Chirurgia della Mano Il Piede Diabetico Ischemico La terapia amputativa Dott. Giacomo Clerici Policlinico MultiMedica UO per la Prevenzione e la Cura

Dettagli

Cause e trattamento delle varici recidive degli arti inferiori

Cause e trattamento delle varici recidive degli arti inferiori CHIRURGIA ITALIANA 2005 - VOL. 57 N. 6 PP 761-765 761 Cause e trattamento delle varici recidive degli arti inferiori FRANCESCO ZARACA, HEINRICH EBNER Reparto di Chirurgia Vascolare e Toracica - Ospedale

Dettagli

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Antonello Casaletto U. O. D. Chirurgia Toracica Responsabile: Dr. G. Urciuoli Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo POTENZA Ruolo

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

Soluzioni: Terapia farmacologica

Soluzioni: Terapia farmacologica Maria Grazia Zenti UOC Endocrinologia e Malattie Metaboliche, AOUI Verona Simposio 2. Recidive del diabete dopo terapia chirurgica Soluzioni: Terapia farmacologica Background La chirurgia bariatrica consente

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM 1 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM MASSIMILIANO GESSAROLI, nato a Cattolica il 26 ottobre 1953,, si laurea il 2 novembre 1979 con una tesi di Chirurgia Vascolare dal titolo Le tromboangioiti obliteranti.

Dettagli

Il piede diabetico ischemico

Il piede diabetico ischemico SID Società Italiana di Diabetologia Panorama Diabete Riccione 8 Ottobre 2005 Il piede diabetico ischemico Giacomo Clerici info@ilpiedediabetico.it Policlinico MultiMedica - Sesto San Giovanni (Milano)

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Wii gaming system for the rehabilitation in nursing home residents suffering from motor and mild to moderate cognitive impairment

Wii gaming system for the rehabilitation in nursing home residents suffering from motor and mild to moderate cognitive impairment G Gerontol 2012;60:167-171 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Articolo originale Original article Sezione di Gerontologia Psico-sociale Utilizzo della console Wii della Nintendo per il trattamento

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MISURACA MARIA Data di nascita 10/01/1975

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MISURACA MARIA Data di nascita 10/01/1975 INFORMAZIONI PERSONALI Nome MISURACA MARIA Data di nascita 10/01/1975 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA LOCALE - LATINA Dirigente ASL

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza 21 marzo IV Sessione: Rischio Cardiovascolare e infezione da HIV Michele Bombelli Clinica Medica Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza Le nuove linee guida ACC/AHA sul trattamento

Dettagli

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS I tumori in Italia Rapporto AIRTUM 1 TUMORI INFANTILI -1 ANNI IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Guanti in vinile Stent coronarici Valvola aortica percutanea Mammografo

Dettagli

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera L INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DAL TERRITORIO ALLA MEDICINA D URGENZA Nola 28 SETTEMBRE 2010 Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera Pietro Di Cicco

Dettagli

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI G.Minoli Como 28 Aprile 2007 Appropriato uso di GASTROSCOPIA ph METRIA ACG Practice Guidelines: Esophageal Reflux

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO SU ARTERIOPATIE OBLITERANTI DEGLI ARTI INFERIORI. Taormina, 13 ottobre 2012 Palazzo dei Congressi, Sala Verde

CORSO DI AGGIORNAMENTO SU ARTERIOPATIE OBLITERANTI DEGLI ARTI INFERIORI. Taormina, 13 ottobre 2012 Palazzo dei Congressi, Sala Verde CORSO DI AGGIORNAMENTO SU ARTERIOPATIE OBLITERANTI DEGLI ARTI INFERIORI Taormina, 13 ottobre 2012 Palazzo dei Congressi, Sala Verde COMITATO SCIENTIFICO: D Brunetto, O. Urbano RESPONSABILE SCIENTIFICO:

Dettagli

ARTERIOPATIE ARTI INFERIORI. G. Simoni

ARTERIOPATIE ARTI INFERIORI. G. Simoni ASL 3 Genovese PO Villa 1 Scassi S.C. Chirurgia Vascolare Dir. Prof. G. Simoni ARTERIOPATIE ARTI INFERIORI G. Simoni 2/23/2014 CVBCBVCBVCBVC 1 Anatomia parete Intima: endotelio Media: cellule muscolari

Dettagli

UN CASO DI PIEDE DIABETICO

UN CASO DI PIEDE DIABETICO UN CASO DI PIEDE DIABETICO DATI ANAMNESTICI DIABETE MELLITO DALL ETA DI 45 ANNI IPERTENSIONE ARTERIOSA DALL ETA DI 45 ANNI DISLIPIDEMIA TIPO IV INTERVENTO DI ANGIOPLASTICA CORONARICA A 49 ANNI RETINOPATIA

Dettagli

Attuatore a relè Manuale di istruzioni

Attuatore a relè Manuale di istruzioni Attuatore a relè Manuale di istruzioni www.ecodhome.com 1 Sommario 3 Introduzione 4 Descrizione e specifiche prodotto 5 Installazione 6 Funzionamento 6 Garanzia 2 Introduzione SmartDHOME vi ringrazia per

Dettagli

valutazione rischio malattie cardiovascolari

valutazione rischio malattie cardiovascolari Giovanni Liguori n DE arteriogenica veno-occlusiva induratio penis plastica n priapismo n alto flusso basso flusso trauma del pene n valutazione rischio malattie cardiovascolari n necessità approfondimento

Dettagli

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O.

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Il supporto del chirurgo generale Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Treviglio Rispettando il principio del trattamento guidato dai

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della. Il sottoscritto, Alfonso Fasano, beneficiario della borsa di studio NEURECA per l anno

1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della. Il sottoscritto, Alfonso Fasano, beneficiario della borsa di studio NEURECA per l anno 1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della Fondazione NEURECA Onlus Milano Rendiconto sull attività di ricerca finora svolta (scadenza 19 febbraio 2009) Il sottoscritto, Alfonso Fasano,

Dettagli

Pisa, 29 gennaio 2005. Umberto Veronesi. Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno

Pisa, 29 gennaio 2005. Umberto Veronesi. Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno Pisa, 29 gennaio 2005 Umberto Veronesi Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno Aspetti critici della ricerca biomedica Difficoltà a rinnovare la

Dettagli

www.gimsi.it Registro GIMSI

www.gimsi.it Registro GIMSI www.gimsi.it Registro GIMSI Registro GIMSI Board: Ammirati if Badami A Brignole M (responsabile progetto) Casagranda I De Seta F Furlan R Registro multicentrico prospettico costituito dai pazienti valutati

Dettagli

SCREENING DEI FATTORI DI RISCHIO DEL PIEDE DIABETICO

SCREENING DEI FATTORI DI RISCHIO DEL PIEDE DIABETICO SCREENING DEI FATTORI DI RISCHIO DEL PIEDE DIABETICO Manuela Mantero e Vincenzo Curci UO Medicina II Diabetologia Casa di Cura Santa Maria, Castellanza, Varese Introduzione al problema piede diabetico

Dettagli

XXVII CONGRESSO NAZIONALE Società Italiana di Angiologia e Patologia Vascolare Roma 16-19 novembre 2005

XXVII CONGRESSO NAZIONALE Società Italiana di Angiologia e Patologia Vascolare Roma 16-19 novembre 2005 XXVII CONGRESSO NAZIONALE Società Italiana di Angiologia e Patologia Vascolare Roma 16-19 novembre 2005 NEUROMODULAZIONE MIDOLLARE: INDICI PREDITTIVI DELL OUTCOME NELL ISCHEMIA CRITICA. STUDIO PRELIMINARE.

Dettagli

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN DIAGNOSI ECOGRAFICA NELLE NEFROPATIE VASCOLARI ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN il GSER si occupa di mettere a punto dei criteri condivisi sulla metodologia di indagine, sulla

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

ARTI INFERIORI: ANATOMIA E PATOLOGIA. G. Simoni E. Santoro

ARTI INFERIORI: ANATOMIA E PATOLOGIA. G. Simoni E. Santoro ASL 3 Genovese PO Villa 1 Scassi S.C. Chirurgia Vascolare Dir. Prof. G. Simoni DIAGNOSTICA VASCOLARE NON INVASIVA ARTI INFERIORI: ANATOMIA E PATOLOGIA G. Simoni E. Santoro 12/26/2012 CVBCBVCBVCBVC 1 Anatomia

Dettagli

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE:

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Milan, 4 Dicembre 2014 From Nutrition to Health: an EXPO challenge Session: Nutritional diseases:prevention and solutions LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Dati dallo studio Moli-sani

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

SCHEMA PROGETTO AREA DI COORDINAMENTO SANITA - ANNO 2015 SCHEMA-TIPO

SCHEMA PROGETTO AREA DI COORDINAMENTO SANITA - ANNO 2015 SCHEMA-TIPO SCHEMA PROGETTO AREA DI COORDINAMENTO SANITA - ANNO 2015 SCHEMA-TIPO 1. Titolo del progetto: NUOVA ORGANIZZAZIONE DEI PERCORSI DI PREVENZIONE, DIAGNOSI E CURA DEL PIEDE DIABETICO IN REGIONE TOSCANA 2.

Dettagli

La sabbia si disponeva infatti in corrispondenza delle zone in cui la forma d onda risultante aveva uno zero (linee nodali).

La sabbia si disponeva infatti in corrispondenza delle zone in cui la forma d onda risultante aveva uno zero (linee nodali). Lucia Simonetto Marta Iannello La forma del suono Introduzione Questa esperienza vuole essere una riproduzione degli sperimenti effettuati dal fisico tedesco Ernst Chladni (Wittemberg 1756 Berlino 1824)

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO. Luigi Saccà, Università Federico II. Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012

L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO. Luigi Saccà, Università Federico II. Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012 L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO Luigi Saccà, Università Federico II Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012 thestudylacksadequatecontrol ClinicalTrial.gov A service ofthe U.S. NIH CHARACTERISTICS

Dettagli

LA GESTIONE DELLE LESIONI DIFFICILI OGGI Il punto di vista del chirurgo

LA GESTIONE DELLE LESIONI DIFFICILI OGGI Il punto di vista del chirurgo LA GESTIONE DELLE LESIONI DIFFICILI OGGI Il punto di vista del chirurgo P. Bonadeo Dipartimento di Chirurgia Week Day Surgery ASL AL P.O. Tortona GESTIONE L insieme delle azioni poste in essere per perseguire

Dettagli

CURRICULUM del dr. prof. GLAUCO MILIO

CURRICULUM del dr. prof. GLAUCO MILIO CURRICULUM del dr. prof. GLAUCO MILIO laurea in Medicina e Chirurgia nel novembre 1976 presso l Università di Palermo con il massimo dei voti e la lode; abilitazione all esercizio professionale nel dicembre

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DE CEGLIA DARIO Indirizzo 3 TRAV G. MARCONI 14 70054 GIOVINAZZO BARI Telefono 3271609280 Fax E-mail d.deceglia@libero.it

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE Roma, 14 aprile 2015 Appropriatezza ed innovazione: le sfide della ricerca Teresa Calamia ELENCO FARMACI

Dettagli

EVENTI (PRIVATE DINNER) F A B R I Z I O

EVENTI (PRIVATE DINNER) F A B R I Z I O F A B R I Z I O F A B R I Z I O La famiglia Pratesi produce vino nella zona di Carmignano da cinque generazioni. Fu Pietro Pratesi a comprare nel 1875 la proprietà Lolocco nel cuore di Carmignano dove

Dettagli

Riconoscere il problema e coordinare la gestione: il diabetologo come case-manager. M. Eugenio De Feo

Riconoscere il problema e coordinare la gestione: il diabetologo come case-manager. M. Eugenio De Feo Riconoscere il problema e coordinare la gestione: il diabetologo come case-manager M. Eugenio De Feo Il Piede Diabetico Monfalcone, 26 novembre 2011 Costi Diretti circa 7,2 MLD di Euro (pari al 7% del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Didactic offer Incoming students 2014/2015 can take exams of courses scheduled in the a.y. 2014/2015 and offered by the Department

Dettagli

Documentazione distribuita da A.I.CHE. - Associazione Italiana CHEratoconici ONLUS (www.assocheratocono.org) 1. Siena X-linking. Siena 2 Febbraio 2007

Documentazione distribuita da A.I.CHE. - Associazione Italiana CHEratoconici ONLUS (www.assocheratocono.org) 1. Siena X-linking. Siena 2 Febbraio 2007 1 Siena X-linking Siena 2 Febbraio 2007 Andrea Paolini Comitato Etico per la sperimantazione clinica dei medicinali Azienda Ospedaliera Universitaria Senese 0577 233204 c_etico@unisi.it Fondazione Toscana

Dettagli

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma Diagnosi e Terapia delle Aritmie Cardiache: Ablazione transcatetere endoepicardica di Tachicardia Ventricolare in paziente con Malattia di Anderson-Fabry Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014 Laboratorio

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

Cross-cultural adaptation and validation of the Italian version of the HOOS (Hip disability and Osteoarthritis Outcome Score) questionnaire.

Cross-cultural adaptation and validation of the Italian version of the HOOS (Hip disability and Osteoarthritis Outcome Score) questionnaire. Cross-cultural adaptation and validation of the Italian version of the HOOS (Hip disability and Osteoarthritis Outcome Score) questionnaire. Abstract Objective: The aim of this multicenter study was to

Dettagli

Comparazione tra angio-rmn ed ecocolordoppler nella diagnostica preoperatoria delle rivascolarizzazioni degli arti inferiori

Comparazione tra angio-rmn ed ecocolordoppler nella diagnostica preoperatoria delle rivascolarizzazioni degli arti inferiori CHIRURGIA ITALIANA 2005 - VOL. 57 N. 5 PP 615-620 615 Comparazione tra angio-rmn ed ecocolordoppler nella diagnostica preoperatoria delle rivascolarizzazioni degli arti inferiori TOMMASO MANDOLFINO, ALDO

Dettagli

Italian Journal Of Legal Medicine

Italian Journal Of Legal Medicine Versione On Line: ISSN 2281-8987 Italian Journal Of Legal Medicine Volume 1, Number 1. December 2012 Editore: Centro Medico Legale SRL - Sede Legale: Viale Brigata Bisagno 14/21 sc D 16121 GENOVA C.F./P.IVA/n.

Dettagli

This document was created with Win2PDF available at http://www.win2pdf.com. The unregistered version of Win2PDF is for evaluation or non-commercial use only. This page will not be added after purchasing

Dettagli

CURRICULUM VITÆ. Andrea Casini M.D.

CURRICULUM VITÆ. Andrea Casini M.D. Personal data and current address Name: Andrea Surname: Casini Birth date: March 02 th 1971 Place of birth: Milan CURRICULUM VITÆ Andrea Casini M.D. Address: Viale Emilio Caldara 24/a 20122 Milan Italy

Dettagli

On Line Press Agency - Price List 2014

On Line Press Agency - Price List 2014 On Line Press Agency - Price List Partnerships with Il Sole 24 Ore Guida Viaggi, under the brand GVBusiness, is the official publishing contents supplier of Il Sole 24 Ore - Viaggi 24 web edition, more

Dettagli

Customer satisfaction and the development of commercial services

Customer satisfaction and the development of commercial services Customer satisfaction and the development of commercial services Survey 2014 Federica Crudeli San Donato Milanese, 27 May 2014 snamretegas.it Shippers day Snam Rete Gas meets the market 2 Agenda Customer

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz ARTERIOPATIA OBLITERANTE PERIFERICA (AOP) Presenza di lesioni stenosanti od ostruenti delle arterie degli arti inferiori Aterosclerosi causa più frequente di PAD altrte cause (rare: arteriti) www.fisiokinesiterapia.biz

Dettagli

Consolato d Italia NEWARK RIACQUISTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA

Consolato d Italia NEWARK RIACQUISTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA Consolato d Italia NEWARK RIACQUISTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA Coloro che hanno perso la cittadinanza italiana a seguito di naturalizzazione statunitense avvenuta prima del 16 agosto 1992, possono riacquistarla

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA LA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA Articolo 92 La Corte Internazionale di Giustizia costituisce il principale organo

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE CARDIOVASCOLARI, RESPIRATORIE, NEFROLOGICHE E GERIATRICHE. CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL Prof. F. Ciciarello.

DIPARTIMENTO DI SCIENZE CARDIOVASCOLARI, RESPIRATORIE, NEFROLOGICHE E GERIATRICHE. CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL Prof. F. Ciciarello. DIPARTIMENTO DI SCIENZE CARDIOVASCOLARI, RESPIRATORIE, NEFROLOGICHE E GERIATRICHE. CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL Prof. F. Ciciarello. DATI PERSONALI Nome e Cognome Francesco Ciciarello Luogo e data

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa

Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa Carlo Carraro Università Ca Foscari Venezia Vice Presidente IPCC Gruppo III FEEM and CMCC Parigi Clima 2015: Tre proposte innovative

Dettagli

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Pavia, Giugno 2012 Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna I principali problemi che vedo e il contributo delle ultime LG ACCP Diagnosi

Dettagli

Trattamento chirurgico. Oggi

Trattamento chirurgico. Oggi Trattamento chirurgico dei Tumori neuroendocrini gastroenteropancreatici Oggi giancarlo pansini simona bonazza di maestro in maestro una introduzione The Neuroendocrine System and Its Tumors An Overview

Dettagli

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia Orazio Battaglia Il protocollo Kerberos è stato sviluppato dal MIT (Massachusetts Institute of Tecnology) Iniziato a sviluppare negli anni 80 è stato rilasciato come Open Source nel 1987 ed è diventato

Dettagli

LA GUARIGIONE MUCOSALE COME GOOD MARKER PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA EFFICACIA DEI BIOLOGICI NELLA MALATTIA DI CROHN

LA GUARIGIONE MUCOSALE COME GOOD MARKER PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA EFFICACIA DEI BIOLOGICI NELLA MALATTIA DI CROHN LA GUARIGIONE MUCOSALE COME GOOD MARKER PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA EFFICACIA DEI BIOLOGICI NELLA MALATTIA DI CROHN Dr.Raffaello Sostegni SC Gastroenterologia AO Ordine Mauriziano Torino COME MISURARE

Dettagli

Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO

Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO Endpoint surrogati e outcome nella malattia metastatica Giovanni L. Pappagallo Ufficio di Epidemiologia

Dettagli

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 IMPEGNO NOVARTIS 2 CONSIDERAZIONI INIZIALI In Italia l impegno nella «terapia farmacologica

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Terza causa di morte (10-12%) e prima di disabilità Prevalenza 6,5% (tra i 65-84 aa.) 194.000 Ictus/anno 907.000 Disabili SPREAD 2003 EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Stenosi carotidea Sintomatologia

Dettagli

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS)

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) In Italia, ogni anno, si stimano 14.700 casi di CIN 2/3 e 47.000 CIN1 È INDICATO:

Dettagli

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Paolo Rubartelli - Genova Key points: Chi usa la fibrinolisi nello STEMI, deve essere pronto a integrare, in maniera individualizzata, la strategia farmacologica

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG)

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG) CORSO ACTIVE DOCTORS ACTIVE PEOPLE: ATTIVITÀ/ESERCIZIO FISICO COME PRESCRIZIONE MEDICA? Milano, 3 dicembre 2011 L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

La simpaticolisi TC guidata: alternativa terapeutica nelle ischemie critiche

La simpaticolisi TC guidata: alternativa terapeutica nelle ischemie critiche 4923 1 La Radiologia Medica - Radiol Med 108: 000-000, 2004 Edizioni Minerva Medica - Torino La simpaticolisi TC guidata: alternativa terapeutica nelle ischemie critiche Stefano PIERI - Paolo AGRESTI -

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli

FabLab Pisa. www.fablabpisa.org un hub per l innovazione e la pretotipazione. Gualtiero Fantoni

FabLab Pisa. www.fablabpisa.org un hub per l innovazione e la pretotipazione. Gualtiero Fantoni FabLab Pisa www.fablabpisa.org un hub per l innovazione e la pretotipazione Gualtiero Fantoni FabLab Pisa Il FabLab Pisa è un hub di persone e aziende animate dalla volontà di far funzionare le cose. La

Dettagli

TRAUMI AD ALTA ENERGIA DEL RADIO DISTALE: QUATTORDICI ANNI DI ESPERIENZA CON IL SISTEMA EPIBLOC D.S. POGGI, M. MASSARELLA

TRAUMI AD ALTA ENERGIA DEL RADIO DISTALE: QUATTORDICI ANNI DI ESPERIENZA CON IL SISTEMA EPIBLOC D.S. POGGI, M. MASSARELLA Riv Chir Mano - Vol. 44 (3) 2007 TRAUMI AD ALTA ENERGIA DEL RADIO DISTALE: QUATTORDICI ANNI DI ESPERIENZA CON IL SISTEMA EPIBLOC Scuola di Specializzazione Clinica Ortopedica, Università di Perugia High

Dettagli

Algoritmi e strutture di dati 2

Algoritmi e strutture di dati 2 Algoritmi e strutture di dati 2 Paola Vocca Lezione 2: Tecniche golose (greedy) Lezione1- Divide et impera 1 Progettazione di algoritmi greedy Tecniche di dimostrazione (progettazione) o Greedy algorithms

Dettagli