La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento del caso nelle strutture di ricovero: l esperienza dell Azienda USL di Ravenna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento del caso nelle strutture di ricovero: l esperienza dell Azienda USL di Ravenna"

Transcript

1 doi: /00000 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso, Anna Maria Murante, Sabina Nuti e Maria Pia Fantini La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento del caso nelle strutture di ricovero: l esperienza dell Azienda USL di Ravenna 1 Introduzione I sistemi sanitari dei principali Paesi occidentali sono chiamati sempre più ad affrontare l importante sfida del «riorientamento» della loro offerta sanitaria, indispensabile per far meglio corrispondere i servizi al mutato scenario demografico, sociale, epidemiologico, ma anche tecnico-scientifico ed economico (European Observatory on Health Systems and Policies, 2006; Kaplan e Ong, 2007). All interno di questi contesti, infatti, diversi sono i cambiamenti che si sono instaurati. Il progressivo invecchiamento della popolazione ha comportato quella che viene definita transizione epidemiologica ovvero il passaggio dalle malattie infettive come principale causa di malattia e morte alle patologie croniche di cui viene riconosciuta una nuova «epidemia» (WHO, 2005; Goll, 2010). Le attuali cinque principali cause di decesso nei Paesi EU (soprattutto i «vecchi membri» EU 15) sono rappresentate da cardiopatie, diabete mellito, malattie cerebrovascolari, tumori e broncopneumopatia Tiziano Carradori, Francesca Bravi e Bianca Caruso, Direzione Generale, Azienda USL di Ravenna. Francesca Bravi, Elisa Carretta e Maria Pia Fantini, Dipartimento di Medicina e Sanità pubblica, Università di Bologna. Anna Maria Murante e Sabina Nuti, Laboratorio Management e Sanità della Scuola Superiore Sant Anna di Pisa. Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

2 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. cronica ostruttiva (BPCO) (Horton, 2005; European Observatory on Health Systems and Policies, 2006). Legati all invecchiamento della popolazione e all aumento delle patologie croniche, sono inoltre l aumento delle comorbidità (pazienti polipatologici) e della fragilità sia di tipo biomedico che sociale (De Lepeleire, 2009). In particolare in seguito ai cambiamenti demografici ed epidemiologici della popolazione (WHO, 2005; Goll, 2010) sono insorti nuovi bisogni di salute che comportano una richiesta sempre maggiore di capacità di dare continuità al percorso di cura (Haggerty et al., 2003). I pazienti, in particolare quelli affetti da patologie croniche, sono trattati da una grande varietà di professionisti e in numerosi luoghi di cure sperimentando una presa in carico frammentata (Plochg e Katzinga, 2002; Hofmarcher et al., 2007). Nella maggior parte dei Paesi si sta registrando l organizzazione dei servizi di cure primarie in reti integrate e il passaggio da un sistema organizzativo orientato al servizio ad uno centrato sul paziente (Gillies et al., 2006; Berwick, 2009; Del Banco, 2001). Un riorientamento dell offerta sanitaria in questo senso comporta inevitabilmente cambiamenti sia a livello del sistema delle emergenze, sia dell organizzazione dell ospedale (per esempio per intensità di cura), sia delle competenze della sanità territoriale e quindi il ricorso a nuovi meccanismi di comunicazione-informazione, di gestione dell accessibilità e di presa in carico complessiva (De Silva, 1999). Le cure al fine di garantire la stessa qualità per gli stessi servizi e prestazioni; devono essere standardizzate e coordinate. Tale obiettivo può essere raggiunto tramite la individuazione di percorsi di cura, gestiti da parte di gruppi di lavoro multidisciplinari, sulla base delle evidenze scientifiche. Solo attraverso il presidio dei percorsi diagnostico terapeutici assistenziali e una buona gestione della logistica dei pazienti (patient flow logistic) è possibile garantire che intere categorie di individui con una medesima situazione siano gestiti in maniera efficace, efficiente ed omogenea (Epstein, 2001). L introduzione poi di nuove figure professionali (per es. l hospitalist negli ospedali anglosassoni o il medico di riferimento nelle nostre strutture di ricovero o l infermiere «case manager») con ruoli sempre più caratterizzati sia sul fronte professionale che su quello della gestione, sembrerebbe essere uno strumento valido per superare una delle più importanti criticità, la frammentazione delle cure (Williams, 2008; Coffman e Rundall, 2005). Queste nuove figure professionali hanno il compito di process-owner nella gestione del malato facendo da collegamento tra tutti gli attori in campo e garantendo così il mantenimento di una visione d insieme della persona. Al fine di rendere operativa in termini organizzativi la presa in carico integrata all interno degli ospedali dell Azienda USL di Ravenna è 96 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

3 La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento stata istituita a partire dal mese di settembre 2009, la figura del medico di riferimento del caso (MDR). Gli obiettivi che si vogliono perseguire con l introduzione del MDR sono innanzitutto l individuazione di un interlocutore prevalente della persona malata e i suoi famigliari, per riportare ad unitarietà informativa e organizzativa il percorso assistenziale, nonché figura di riferimento per il medico di medicina generale per garantire la continuità assistenziale e la globalità della presa in carico. Nel progetto implementato nella AUSL di Ravenna si prevede che entro 24 ore dall ammissione in ospedale ogni paziente venga attribuito ad un MDR. Il MDR ha il compito di visitare il paziente almeno una volta al giorno e di informarlo correttamente durante tutto il percorso assistenziale dello stato della sua salute e dei processi diagnostici e terapeutici a cui verrà sottoposto. Inoltre il MDR raccoglie il consenso informato al momento della dimissione (a domicilio o in altri luoghi di cura) informa il paziente sulle terapie da seguire e sulle modalità di follow-up. Uno degli elementi che potrebbe essere di grande impatto per migliorare la continuità delle cure è la segnalazione da parte del MDR al medico di medicina generale del ricovero del suo paziente, informandolo di tutte le fasi della degenza e della dimissione. Dal punto di vista del supporto informativo-informatico questa fase della integrazione tra ospedale e territorio avviene attraverso un sistema di posta elettronica certificato e protetto. L Azienda USL di Ravenna per realizzare questo progetto di miglioramento della qualità dei servizi offerti e di valorizzazione dei professionisti ha destinato una parte del Fondo di Risultato (Art. 26 CCNL 17/10/08) al progetto del MDR, per la durata del vigente Accordo decentrato per la revisione del sistema degli incarichi dirigenziali dell area medica sottoscritto in data 1/10/2009. Obiettivo di questo articolo è quello di descrivere il livello di percezione e di soddisfazione registrato dai pazienti dopo i primi mesi di esperienza dell attività svolta dal MDR. 2 Materiali e metodi L indagine è stata realizzata sui pazienti dimessi dai reparti della medicina interna dei tre ospedali dell azienda USL di Ravenna (Ravenna, Lugo e Faenza) nel periodo aprile e maggio I dati sono stati raccolti tramite intervista strutturata telefonica con metodologia CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) realizzata 97 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

4 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. Definizione obiettivo Campionamento Questionario Rilevazione Elaborazione Figura 1: Fasi dell indagine. dal Laboratorio Management e Sanità, Scuola superiore Sant Anna di Pisa. Questa modalità di rilevazione è stata preferita ad altre (questionario postale, questionario web, ecc.) perché permette di raggiungere anche popolazioni anziane e a bassa scolarizzazione. Inoltre offre la possibilità di disporre dei risultati in tempi molto brevi, grazie alla gestione contestuale delle interviste e dell attività di data entry (Coulter et al., 2009). L intervista era rivolta al paziente o ad un parente o altra persona presente durante il ricovero. Le fasi dell indagine sono sintetizzate nella figura 1. Il campione di pazienti intervistati è stato calcolato con la tecnica del campionamento casuale all interno della popolazione dimessa da ogni ospedale nel periodo di riferimento. La lista campionaria utilizzata per l estrazione del campione, completa dei soli pazienti considerati eleggibili, ammontava a circa 931 pazienti. Il calcolo della numerosità campionaria definito per assicurare una rappresentatività dei risultati a livello di singolo ospedale (significatività del 95% e precisione del 6%), ammonta a 523 pazienti (162 Faenza, 161 Lugo, 200 Ravenna). Il questionario è stato costruito con l intento di raccogliere informazioni sull esperienza dei pazienti riguardo alla presenza in reparto di un medico di riferimento. In particolare, lo strumento è composto da domande che mirano a valutare, dal punto di vista del paziente, sia le competenze tecniche e professionali che le capacità umane e di relazione del medico di riferimento. Complessivamente il questionario è costituito da 11 items riguardanti i compiti e la percezione dell attività svolta dal medico di riferimento; 2 items complessivi che riguardano la soddisfazione globale del servizio ospedaliero e la percezione del proprio stato di salute e 4 items che raccolgono le caratteristiche socio-demografiche dell intervistato (vedi appendice). È stata applicata l analisi fattoriale esplorativa e l Alpha di Cronbach sugli items che riguardano la percezione del paziente sull attività svolta dal medico di riferimento (item 6 item 11) al fine di verificare l omogeneità delle risposte che identificano il giudizio di soddisfazione dei pazienti. 3 I risultati dell indagine Per ottenere un numero di interviste pari a quello richiesto sono stati contattati circa 835 pazienti, di cui circa il 61% (n = 511) ha parte- 98 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

5 La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento Tabella 1: Contributo di ciascuna domanda risultante dall analisi fattoriale N domanda Carico dell item 6 0,77 7 0,84 8 0,84 9 0, , ,51 cipato all indagine. In particolare sono stati intervistati 154 pazienti dimessi dall ospedale di Faenza, 157 pazienti dimessi a Lugo e 200 pazienti dimessi a Ravenna. La ragione principale di mancata partecipazione è stato il decesso del paziente sopraggiunto successivamente alle dimissioni (9% dei pazienti inseriti nella lista campionaria). L analisi fattoriale sui sei items del questionario che misurano la soddisfazione degli intervistati sulla figura del MDR ha mostrato la presenza di una sola dimensione che spiega circa il 60% della variabilità complessiva (tab. 1). L alpha di Cronbach relativa a questi items è pari a 0,85 ed indica un alto grado di consistenza interna. Nel 48,14% dei casi l intervistato è il paziente, nel 49,32% è un parente e nel 2,54% un altra persona presente durante il ricovero. Se si considerano i tre ospedali singolarmente, a Lugo hanno risposto prevalentemente i parenti del paziente (53,5%), a Faenza i pazienti (53,25%) mentre a Ravenna hanno risposto sia i pazienti che i loro parenti in percentuali simili. Il 53,42% dei pazienti e l 80,75% dei caregivers è di genere femminile. Nel 53,18% dei casi il paziente vive con un altra persona, mentre nel 18,18% con due persone, nel 13,75% con tre o più persone ed infine nel 14,8% vive da solo. Per quanto riguarda la distribuzione dell età, complessivamente si osserva che l 85,24% dei pazienti ha più di 65 anni; tale percentuale è leggermente inferiore solo nell ospedale di Faenza (79,61%). Gli intervistati diversi dal paziente hanno un età inferiore: il 57,94% ha tra i 46 e i 65 anni, il 30,95% ha più di 65 anni e l 11,11% ha meno di 45 anni. In particolare, relativamente ai singoli ospedali, si nota come il caregiver con meno di 45 anni sia maggiormente rappresentato a Ravenna (16,33%) mentre con più di 65 anni a Lugo (41,86%). Il livello di istruzione dei pazienti è nel 41,1% la licenza elementare mentre nel 20,55% non è presente nessun titolo di studio. 99 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

6 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. La percezione del proprio stato di salute risulta soddisfacente solo nel 40% dei casi e negativa nel 42,46%. Complessivamente il 49% degli intervistati afferma che il MDR si è presentato durante il ricovero in ospedale mentre il 34% dichiara che il MDR non si è presentato e il 16,05% non ricorda. Si osserva che più del 50% degli intervistati che hanno riconosciuto la figura del MDR sono stati visitati una volta al giorno e il 40% afferma che il MDR gli ha illustrato e fatto firmare il consenso informato. Il 79,37% dei pazienti che hanno riconosciuto il proprio MDR gli si sono rivolti durante il ricovero. I caregivers non hanno avuto per lo più difficoltà a parlare con il MDR riguardo alle condizioni di salute del loro familiare (80,56%). Oltre il 90% dei pazienti dichiara di essere stato ascoltato completamente dal MDR, di aver ricevuto spiegazioni chiare e che il MDR gli ha dedicato tempo a sufficienza per discutere dei propri problemi di salute. L 83,7% degli intervistati ritiene inoltre di aver ricevuto informazioni complete su come migliorare e mantenere la propria salute dopo la dimissione. Il giudizio complessivo riguardo alla figura del MDR è molto positivo: il 90,87% dice di avere piena fiducia e il 90,07% ritiene molto utile la sua presenza durante il ricovero. Allo stesso modo riguardo alla soddisfazione del servizio ospedaliero si evince che il 78% degli intervistati si ritiene molto o moltissimo soddisfatto. In particolare, i pazienti esprimono giudizi migliori rispetto ai caregivers (molto poco/poco, così così, molto/moltissimo: 4,49%, 12,24%, 83,27% vs 7,97%, 19,52%, 72,51%; p = 0,015) e si rafforza questa percezione positiva per coloro che riconoscono il MDR. In generale, gli intervistati meno soddisfatti del servizio ospedaliero sono quelli con una peggiore percezione del proprio stato di salute e i più anziani anche se le differenze non raggiungono la significatività statistica. Le caratteristiche principali del sottogruppo di pazienti che non hanno riconosciuto la presenza del medico di riferimento durante il ricovero sono l età avanzata (79,4 ± 11,1) e la bassa scolarità (65% nessun titolo di studio o licenza elementare). 4 Discussione e Conclusioni L indagine mette in evidenza che la presenza del medico di riferimento non è ancora visibile completamente nei reparti di medicina interna 100 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

7 La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento esaminati, nonostante la formalizzazione e l incentivazione economica di questa nuova figura. Infatti, solo la metà del campione afferma di avere identificato il MDR durante il ricovero. Tuttavia i risultati ottenuti possono essere considerati relativamente soddisfacenti anche se tra coloro che hanno riconosciuto il MDR una percentuale ancora troppo elevata (21,43%) dichiara di essere stata visitata dai propri MDR meno di una volta al giorno. Nei casi in cui il MDR è riconosciuto dai pazienti ospedalizzati il grado di sinergia ottenuto tra MDR e il paziente è positivo con un buon giudizio degli intervistati sulla disponibilità, sulla reperibilità, sulla capacità di ascolto e di spiegazione del MDR ed infine anche sul grado di fiducia che il MDR ha saputo ispirare. Il MDR è considerato dagli intervistati una figura «utile» durante il ricovero in ospedale. Questa prima analisi descrittiva ci può fare concludere che una leva di miglioramento può essere proprio la corretta e più pervasiva comunicazione da parte del MDR del proprio ruolo. In questo modo i pazienti e i loro familiari avranno la possibilità di riconoscere tempestivamente il medico che seguirà il caso per tutta la durata del ricovero. Prima di trarre conclusioni definitive sull efficacia di questa figura professionale sarà però necessario condurre uno studio analitico su un campione più numeroso che coinvolga anche altri reparti dell Azienda USL, cercando di individuare quali caratteristiche dei pazienti, dei medici e degli ospedali facilitino o rendano più difficile l agire del ruolo da parte del MDR. Un ulteriore approfondimento che è in corso riguarda una indagine che valuta la percezione del MDR da parte dei medici di medicina generale che hanno fra i loro assistiti i pazienti ricoverati. L obiettivo di questo nuovo studio è valutare se l introduzione del MDR è importante nel raggiungimento dell unitarietà informativa e organizzativa del percorso assistenziale. I risultati presentati sembrerebbero comunque confermare la validità delle azioni intraprese nel riorientare l offerta dei servizi verso le nuove esigenze dei pazienti secondo i principi della umanizzazione dei servizi e del paziente al centro dei processi di cura (Haggerty et al., 2003; Haggerty et al., 2008). 101 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

8 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. Appendice Sondaggio: Medico Tutor Ravenna 2010 codice domanda: 01 MEDICO DI RIFERIMENTO DEL CASO. Questa intervista, si riferisce al medico che le è stato assegnato al momento del suo ricovero in ospedale: Durante il suo ricovero in ospedale il medico di riferimento è venuto da lei per presentarsi? [0] Singola Sì, ma non ricordo quando [1] Singola Sì, quando sono entrato in reparto [2] Singola Sì, dopo qualche ora dal mio arrivo in reparto [3] Singola Sì, il giorno successivo al ricovero [4] Singola Sì, dopo alcuni giorni dal ricovero [5] Singola No [6] Singola Non so codice domanda: 02 Con quale frequenza ha visto il suo medico di riferimento durante il suo ricovero? [1] Singola Mai [2] Singola 1 volta al giorno [3] Singola 2 volte al giorno [4] Singola Più di due volte al giorno [5] Singola In modo irregolare [6] Singola Non ricordo codice domanda: 03 Chi le ha fatto firmare il modulo del consenso informato? (un modulo in cui lei ha acconsentito al trattamento e alla comunicazione dei dati sensibili come ad esempio al medico di famiglia) [1] Singola Il medico di riferimento [2] Singola Un medico diverso da quello di riferimento [3] Testo Altro (da specificare) [4] Singola Non ricordo codice domanda: 04 Durante il ricovero si è rivolto al suo medico di riferimento? (ad esempio per chiedere informazioni sullo stato di salute, per chiedere chiarimenti sulla terapia farmacologia, per chiedere il giorno della dimissione ecc...) [1] Singola Sì 102 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

9 La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento [2] Singola No [3] Singola Non so codice domanda: 05 Durante il ricovero i suoi familiari (o le persone a lei vicine) hanno avuto difficoltà a parlare con il medico di riferimento delle sue condizioni di salute? [1] Singola Sì, sempre [2] Singola Qualche volta [3] Singola Mai [4] Singola Non c erano con me parenti o persone a me vicine [5] Singola Non ce n è stato bisogno [6] Singola Non so codice domanda: 06 Il suo medico di riferimento ha ascoltato attentamente quello che lei aveva da dirgli? [1] Singola Sì, completamente [2] Singola Sì, in parte [3] Singola No [4] Singola Non ricordo [5] Singola Non ho avuto nulla da dirgli codice domanda: 07 Le spiegazioni che le ha dato sono state chiare? (riguardo la sua salute, le medicine da prendere, esami da effettuare) [1] Singola Sì, completamente [2] Singola Sì, in parte [3] Singola No [4] Singola Non ricordo [5] Singola Non ho ricevuto spiegazioni codice domanda: 08 Il suo medico di riferimento le ha dedicato tempo a sufficienza per discutere dei suoi problemi di salute? [1] Singola Sì, completamente [2] Singola Sì, in parte [3] Singola No [4] Singola Non ricordo codice domanda: 09 Ha avuto fiducia nel medico di riferimento che l ha assistita in ospedale? 103 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

10 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. [1] Singola Sì, completamente [2] Singola Sì, in parte [3] Singola No [4] Singola Non so codice domanda: 10 Il suo medico di riferimento l ha informata su come migliorare/mantenere il suo stato di salute dopo la dimissione? (programmazione di visite di controllo, medicine da prendere, alimentazione, ecc...) [1] Singola Sì, completamente [2] Singola Sì, in parte [3] Singola No [4] Singola Non ricordo codice domanda: 11 Da 1 a 5 quanto ritiene utile la presenza di un medico di riferimento durante il ricovero in ospedale? [1] Singola 1 (Molto poco) [2] Singola 2 (Poco) [3] Singola 3 (Così così) [4] Singola 4 (Molto) [5] Singola 5 (Moltissimo) [6] Singola Non so codice domanda: 12 Da 1 a 5 quanto è soddisfatto del servizio ospedaliero? [1] Singola 1 (Molto poco) [2] Singola 2 (Poco) [3] Singola 3 (Così così) [4] Singola 4 (Molto) [5] Singola 5 (Moltissimo) [6] Singola Non so codice domanda: 13 In generale, come considera il suo stato di salute? (in questo momento)(nel caso in cui a rispondere sia una persona diversa dal paziente, occorre rilevare lo stato di salute DEL PAZIENTE al momento dell intervista) [1] Singola Pessimo [2] Singola Cattivo 104 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

11 La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento [3] Singola Soddisfacente [4] Singola Molto buono [5] Singola Eccellente [6] Singola Non so [7] Singola Non rilevato codice domanda: 14 Sesso [1] Singola Maschio [2] Singola Femmina [3] Singola Non rilevato codice domanda: 15 Quante altre persone vivono in casa con lei? [0] Singola Sono ospite di una RSA [1] Testo Numero persone [2] Singola Non rilevato codice domanda: 16 Anno nascita [1] Testo Anno (specificare) [2] Singola Non rilevato codice domanda: 17 Titolo di studio [1] Singola Nessuno [2] Singola Licenza elementare [3] Singola Media inferiore [4] Singola Media superiore [5] Singola Titolo universitario (laurea, laurea breve, diploma) [6] Singola Non rilevato Bibliografia Berwick D (2009), What «patient-centered» should mean: confessions of an extremist, in «Health Aff (Millwood)», 28(4), pp. w Coffman J. e Rundall G. (2005), The impact of hospitalist on the cost and the quality of inpatient care in the United State. A research synthesis, in «Med. Care Res. Rev.», 62, pp Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

12 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. Coulter A., Fitzpatrick R. e Cornowell J. (2009), The Point of Care. Measures of Patients Experience in Hospital: Purpose, Methods and Uses, in «The King s fund», July. De Lepeleire J., Iliffe S., Mann E. e Degryse J.M. (2009), Frailty: An Emerging Concept for General Practice, in«br. J. Gen. Pract.», 59(562), pp. e De Silva A. (1999), A framework for Measuring Responsiveness, Geneva, World Health Organisation, Global Programme on Evidence for Health Policy (unpublished paper). Delbanco T., Berwick D.M., Boufford J.I., Edgman-Levitan S., Ollenschläger G., Plamping D. e Rockefeller R.G. (2001), Healthcare in a Land Called PeoplePower: Nothing About Me Without Me, in «Health Expect», 4(3), pp Epstein A.J. (2001), The Role of Public Clinics in Preventable Hospitalizations among Vulnerable Populations, in «Health Serv. Res.», 36(2), pp European Observatory on Health Systems and Policies Series (2006), Primary Care in the Driver s Seat? Gillies R.R., Chenok K.E., Shortell S.M., Pawlson G. e Wimbush J.J. (2006), The Impact of health Plan Delivery System Organization on Clinical Quality and Patient Satisfaction, in «Health Serv. Res.», 41, pp Goll M. (2010), Ageing in the European Union: Where Exactly?, in «Eurostat Statistics in focus», 26, pp Haggerty J.L., Pineault R., Beaulieu M.D., Brunelle Y., Gauthier J., Goulet F. e Rodrigue J. (2008), Practice features Associated with Patient-reported Accessibility, Continuity, and Coordination of Primary Health Care, in «Ann. Fam. Med.», 6(2), pp Haggerty J.L., Reid R.J., Freeman G.K., Starfield B.H., Adair C.E. e McKendry R. (2003), Continuity of Care: A Multidisciplinary Review, in «BMJ», 327, pp Hofmarcher M.M., Oxley H. e Rusticelli E. (2007), Improved Health System Performance throught Better Care Coordination, OECD health working paper No. 30, in Horton R. (2005), The Neglected Epidemic of Chronic Disease, in «Lancet», 366, 9496, pp Institute of Medicine (IOM) (2004), Crossing The Quality Chasm: A New Health System for the 21st Century, Washington, National Academy Press. Kaplan R.M. e Ong M. (2007), Rational and Public Health Implication of Changing CHD Risk Factor Definitions, in «Annu. Rev. Public Health», 28, pp Plochg T. e Katzinga N. (2002), Comunity-based Integrated Care: Myth or Must?, in «Int. J. Qual. Health Care», 14, pp Williams M.V. (2008), Hospitalists and the Hospital Medicine System of Care Are Good for Patient Care, in «Arch. Intern. Med.», 168(12), pp WHO (2005), Preventing Chronic Disease: A Vital Investment. In the World 60% of all Deaths Are Due to Chronic Diseases. 106 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Università degli Studi di Padova Scuola di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia - A.A. 2014-15 Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Docenti: prof.ssa Anna Chiara Frigo

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE TERZA SESSIONE IL PERCORSO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: I NODI DELLA RETE Giovanna Beretta Dirigente Struttura Complessa Medicina Fisica e Riabilitativa. A.O. Niguarda, Milano Buongiorno a tutti. Ringrazio

Dettagli

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Al COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Dott.ssa Marisa Prezza DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Area servizi assistenza ospedaliera Background(1)

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS)

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE Le componenti: DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA: 1. modalità di erogazione dell'assistenza (care

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

Il servizio di Ricovero Ospedaliero Ordinario: l esperienza della Casa di Cura Privata Montevergine S.p.A.

Il servizio di Ricovero Ospedaliero Ordinario: l esperienza della Casa di Cura Privata Montevergine S.p.A. Il servizio di Ricovero Ospedaliero Ordinario: l esperienza della Casa di Cura Privata Montevergine S.p.A. Report 2014-2015 A cura di Federica Covre, Anna Maria Murante e Sabina Nuti 2014 2015 Il Servizio

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo AZIENDA USL 2 LUCCA Corso di aggiornamento La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo Capannori, 25 maggio 2013 I percorsi di valutazione dell anziano Dott. Marco Farnè Responsabile

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione Buongiorno, sono un intervistatore/trice dell Istituto Swg. Stiamo effettuando una ricerca per conto dell Università degli Studi di Torino e di. L azienda Aem Torino Distribuzione sta conducendo un indagine

Dettagli

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP)

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP) Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute

Dettagli

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna Sistema di Valutazione della Performance della Sanità Toscana Indagine di clima Interno Ausl 7 Siena Questionario Dipendenti Anno 2012 A cura del Laboratorio Management e Sanità Responsabile scientifico

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO Delle strategie REGIONALI (B) a cura di Sara Barsanti Introduzione L area di valutazione del conseguimento delle strategie regionali (area B) ha

Dettagli

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani Metodologia Tipologia d'indagine: Indagine ad hoc su questionario semi-strutturato Modalità di rilevazione: interviste

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA. Nome del bambino: Sesso: F M

QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA. Nome del bambino: Sesso: F M QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA Ministero della Salute - Centro Nazionale per la Prevenzione delle Malattie (CCM) Progetti applicativi al programma CCM 2009 Presa in carico precoce nel primo anno di

Dettagli

Dott. Claudio Verusio. S C di Oncologia Medica A.O Busto Arsizio - Presidio di Saronno

Dott. Claudio Verusio. S C di Oncologia Medica A.O Busto Arsizio - Presidio di Saronno Dott. Claudio Verusio S C di Oncologia Medica A.O Busto Arsizio - Presidio di Saronno Sponsor: Ministry of Health and Lombardia Region HUCARE project Humanization of CAncer care in Italy: implementation

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Benchmarking della gestione integrata del diabete ed altre malattie croniche: progetto esecutivo CCM-ISS Sistema per l integrazione delle cure e

Benchmarking della gestione integrata del diabete ed altre malattie croniche: progetto esecutivo CCM-ISS Sistema per l integrazione delle cure e Benchmarking della gestione integrata del diabete ed altre malattie croniche: progetto esecutivo CCM-ISS Sistema per l integrazione delle cure e dell assistenza per le persone con malattie croniche Roberto

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Questionario Energie elettrica. 1. Sociodemo. 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino (Proseguire intervista) 2. No (Chiudere intervista)

Questionario Energie elettrica. 1. Sociodemo. 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino (Proseguire intervista) 2. No (Chiudere intervista) 1. Sociodemo 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino (Proseguire intervista) 2. No (Chiudere intervista) 2. È lei che generalmente si occupa di gestire le attività riguardanti l energia elettrica

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

See and Treat in Pronto Soccorso: l esperienza dei pazienti toscani - REGIONE TOSCANA - A cura del Laboratorio Management e Sanità

See and Treat in Pronto Soccorso: l esperienza dei pazienti toscani - REGIONE TOSCANA - A cura del Laboratorio Management e Sanità See and Treat in Pronto Soccorso: l esperienza dei pazienti toscani - REGIONE TOSCANA - A cura del Laboratorio Management e Sanità Anno 2011 A cura del Laboratorio Management e Sanità Responsabile scientifico

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente.

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Azienda USL di Parma Dipartimento delle Cure Primarie del Distretto di Fidenza Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5951 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

Il progetto regionale di ricerca MACONDO

Il progetto regionale di ricerca MACONDO Il progetto regionale di ricerca MACONDO Reggio Emilia, 12-12 12-20082008 Relatrice: Cristina Pedroni Cos è MACONDO? Un progetto multicentrico di Ricerca Oncologica(di durata triennale) che coinvolge la

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE TRA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE COMUNITA DELLA VAL DI NON AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DISTRETTO SANITARIO OVEST STRUTTURA OSPEDALIERA CONTESTO

Dettagli

ASSESSORATO PER LA SANITA'

ASSESSORATO PER LA SANITA' R E P U B B L I C A I T A L I A N A REGIONE SICILIANA ASSESSORATO PER LA SANITA' DIPARTIMENTO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO PREVENZIONE E FORMAZIONE PERMANENTE Allegato al punto 4B del Cronoprogramma anno

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

INTEGRAZIONE PROFESSIONALE E CONTINUITA DELLE CURE: EVIDENZE DISPONIBILI E GAP DI MANAGEMENT

INTEGRAZIONE PROFESSIONALE E CONTINUITA DELLE CURE: EVIDENZE DISPONIBILI E GAP DI MANAGEMENT Il Distretto Socio Sanitario: una identità incompiuta? Esperienze a confronto INTEGRAZIONE PROFESSIONALE E CONTINUITA DELLE CURE: EVIDENZE DISPONIBILI E GAP DI MANAGEMENT di Francesco Longo Direttore CERGAS

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

IL PROGETTO EUBIOSIA

IL PROGETTO EUBIOSIA INTEGRATAZIONE PUBBLICO NON PROFIT Esperienze di assistenza domiciliare agli anziani IL PROGETTO EUBIOSIA Raffaella Pannuti Presidente Fondazione ANT Italia ONLUS BACKGROUND AUMENTO DELLA MORTALITÀ PER

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco

Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco Serena Broccoli, Gerardo Lupi, Walther Orsi Programma salute Anziani Milano, 17 ottobre 2008 Studio

Dettagli

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Mattone Patient File 19 giugno 2007 Principi generali sul Fascicolo Sanitario

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI?

IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI? IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI? A cura di Antonio Sebastiano, Francesca Scolari e Roberto Pigni Castellanza, 7 febbraio 2013

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA GESIRAD MASTER DI I LIVELLO Scienze tecniche applicate alla gestione dei servizi informativi in diagnostica per immagini dott.ssa

Dettagli

Il modello di servizio @ccura

Il modello di servizio @ccura Il modello di servizio @ccura la cura con una @ in più Elisa Mattavelli Luca M. Munari @ccura Srl Chi è @ccura? @ccura è una disease management company costituita allo scopo di progettare, sviluppare e

Dettagli

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna Sistema di Valutazione della Performance della Sanità Toscana Indagine di clima Interno Ausl 6 Livorno Questionario Dipendenti Anno 2012 A cura del Laboratorio Management e Sanità Responsabile scientifico

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN FILIPPO NERI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN FILIPPO NERI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Iole Simeoni Data di nascita 24/06/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA SAN FILIPPO NERI Dirigente - U.O.C.

Dettagli

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Distretto di Scandiano 53 MMG (60% in Gruppo) Popolazione 80.000 Ab. 4 Nuclei di Cure

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Gentile Signora, gentile Signore, La nostra Azienda sta conducendo un indagine tra i pazienti ricoverati per valutare la qualità dei

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome BUSTACCHINI SILVIA Indirizzo VIA DELLE BENEDETTINE 25-00135 ROMA Telefono 0718004627-8 - 0630342683 CELL: 3477838025 Fax 0718004833-0630342683

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento dell Autorità

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

VIVISOL. Carta dei Servizi 2011 rev. 6 del 09.02.2012 MKD-ADIvoucher pag. 1 di 12

VIVISOL. Carta dei Servizi 2011 rev. 6 del 09.02.2012 MKD-ADIvoucher pag. 1 di 12 Struttura accreditata con l ASL di MILANO, MILANO 1, MILANO 2, MONZA e BRIANZA, PAVIA e BRESCIA per offrire il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata tramite Voucher socio - sanitario Carta dei Servizi

Dettagli

Cambiamenti Organizzativo- Gestionali: quale impatto. Sabrina Barro NFESC Chairperson Area Nursing ANMCO UOC Cardiologia O.C. San Don à di Piave (VE)

Cambiamenti Organizzativo- Gestionali: quale impatto. Sabrina Barro NFESC Chairperson Area Nursing ANMCO UOC Cardiologia O.C. San Don à di Piave (VE) Cambiamenti Organizzativo- Gestionali: quale impatto sull Assistenza Sabrina Barro NFESC Chairperson Area Nursing ANMCO UOC Cardiologia O.C. San Don à di Piave (VE) Profilo professionale, competenza e

Dettagli

Unità di Degenza a Didattica Integrata. laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere

Unità di Degenza a Didattica Integrata. laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere Unità di Degenza a Didattica Integrata laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere Padova 2 maggio 204 Dott. Graziano Cosaro Degenza Didattica Integrata

Dettagli

CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO

CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO Venerdì, 12 giugno 2015 Aula Magna di Pediatria O.I.R.M. S. Anna, AOU Città della Salute Torino 9.30 13.30 CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO GLI INFERMIERI DI FAMIGLIA E DI COMUNITÀ

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA

VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA Torino 22 febbraio 2011 Grace Rabacchi Direttore Sanitario P.O. S. ANNA 1 Direttiva del

Dettagli

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 PDTA della persona con SLA esperienza dell area bolognese Fabrizio Salvi Antonella Dallari Manuela Panìco L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 3 Da un incontro

Dettagli

La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche

La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche Paola Rucci Unità metodologica, epidemiologica e statistica DIBINEM, Università di Bologna Bambini con condizioni croniche Almeno 1 condizione cronica

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie SEZIONE FORMAZIONE E BIBLIOTECA MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie All.2 P2-FORM Titolo: LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE E CAREGIVER NELLE TERAPIE INTESIVE APERTE 1^ EDIZIONE TRAINING

Dettagli

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE IL SISTEMA SANITARIO: un sistema adattativo complesso Un sistema complesso adattativo è un insieme di agenti individuali che hanno libertà di agire in modi non sempre

Dettagli

Customer Satisfaction presso i cittadini del Comune di Treviso

Customer Satisfaction presso i cittadini del Comune di Treviso AIM: Servizio Distribuzione Gas Metano Customer Satisfaction presso i cittadini del Comune di Treviso Edizione 2010 Indice 2 Obiettivi della ricerca pag. 3 Nota metodologica pag. 4 Il campione pag. 5 La

Dettagli

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma 1 m a r c o l o m b a r d i r o m a 2 4 a p r i l e 2 0 1 5 m l o m b a r d i @ a u s l. p r. i t Case della Salute: programmazione

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera.

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 26-27 settembre 2014 Relatore Dr Alessandro Morettini Le riammissioni in Medicina Interna

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Università degli Studi di Bergamo Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Management e leadership delle strutture sanitarie: nuovi scenari

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services Barbara Bini Phd Student, Laboratorio di Management e Sanità, Istituto di Management, scuola Superiore Sant Anna Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and

Dettagli

Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE

Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE ESPANDERE PROGRESSIVAMENTE LE LOGICHE DI INTEGRAZIONE SISTEMICA UTILIZZANDO I PERCORSI ASSISTENZIALI COME METODO PER PROMUOVERE PRASSI INTEGRATA E PER RENDERE

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 ANALISI STATISTICA DEI DATI Campione di n 387 operatori ASL Cagliari Fermo restando che ad ogni Struttura aziendale che ha partecipato con i

Dettagli

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Pagina 1 di 6 Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Il presente documento è inteso a suggerire una allocazione ottimale dei pazienti che non

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli