La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento del caso nelle strutture di ricovero: l esperienza dell Azienda USL di Ravenna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento del caso nelle strutture di ricovero: l esperienza dell Azienda USL di Ravenna"

Transcript

1 doi: /00000 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso, Anna Maria Murante, Sabina Nuti e Maria Pia Fantini La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento del caso nelle strutture di ricovero: l esperienza dell Azienda USL di Ravenna 1 Introduzione I sistemi sanitari dei principali Paesi occidentali sono chiamati sempre più ad affrontare l importante sfida del «riorientamento» della loro offerta sanitaria, indispensabile per far meglio corrispondere i servizi al mutato scenario demografico, sociale, epidemiologico, ma anche tecnico-scientifico ed economico (European Observatory on Health Systems and Policies, 2006; Kaplan e Ong, 2007). All interno di questi contesti, infatti, diversi sono i cambiamenti che si sono instaurati. Il progressivo invecchiamento della popolazione ha comportato quella che viene definita transizione epidemiologica ovvero il passaggio dalle malattie infettive come principale causa di malattia e morte alle patologie croniche di cui viene riconosciuta una nuova «epidemia» (WHO, 2005; Goll, 2010). Le attuali cinque principali cause di decesso nei Paesi EU (soprattutto i «vecchi membri» EU 15) sono rappresentate da cardiopatie, diabete mellito, malattie cerebrovascolari, tumori e broncopneumopatia Tiziano Carradori, Francesca Bravi e Bianca Caruso, Direzione Generale, Azienda USL di Ravenna. Francesca Bravi, Elisa Carretta e Maria Pia Fantini, Dipartimento di Medicina e Sanità pubblica, Università di Bologna. Anna Maria Murante e Sabina Nuti, Laboratorio Management e Sanità della Scuola Superiore Sant Anna di Pisa. Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

2 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. cronica ostruttiva (BPCO) (Horton, 2005; European Observatory on Health Systems and Policies, 2006). Legati all invecchiamento della popolazione e all aumento delle patologie croniche, sono inoltre l aumento delle comorbidità (pazienti polipatologici) e della fragilità sia di tipo biomedico che sociale (De Lepeleire, 2009). In particolare in seguito ai cambiamenti demografici ed epidemiologici della popolazione (WHO, 2005; Goll, 2010) sono insorti nuovi bisogni di salute che comportano una richiesta sempre maggiore di capacità di dare continuità al percorso di cura (Haggerty et al., 2003). I pazienti, in particolare quelli affetti da patologie croniche, sono trattati da una grande varietà di professionisti e in numerosi luoghi di cure sperimentando una presa in carico frammentata (Plochg e Katzinga, 2002; Hofmarcher et al., 2007). Nella maggior parte dei Paesi si sta registrando l organizzazione dei servizi di cure primarie in reti integrate e il passaggio da un sistema organizzativo orientato al servizio ad uno centrato sul paziente (Gillies et al., 2006; Berwick, 2009; Del Banco, 2001). Un riorientamento dell offerta sanitaria in questo senso comporta inevitabilmente cambiamenti sia a livello del sistema delle emergenze, sia dell organizzazione dell ospedale (per esempio per intensità di cura), sia delle competenze della sanità territoriale e quindi il ricorso a nuovi meccanismi di comunicazione-informazione, di gestione dell accessibilità e di presa in carico complessiva (De Silva, 1999). Le cure al fine di garantire la stessa qualità per gli stessi servizi e prestazioni; devono essere standardizzate e coordinate. Tale obiettivo può essere raggiunto tramite la individuazione di percorsi di cura, gestiti da parte di gruppi di lavoro multidisciplinari, sulla base delle evidenze scientifiche. Solo attraverso il presidio dei percorsi diagnostico terapeutici assistenziali e una buona gestione della logistica dei pazienti (patient flow logistic) è possibile garantire che intere categorie di individui con una medesima situazione siano gestiti in maniera efficace, efficiente ed omogenea (Epstein, 2001). L introduzione poi di nuove figure professionali (per es. l hospitalist negli ospedali anglosassoni o il medico di riferimento nelle nostre strutture di ricovero o l infermiere «case manager») con ruoli sempre più caratterizzati sia sul fronte professionale che su quello della gestione, sembrerebbe essere uno strumento valido per superare una delle più importanti criticità, la frammentazione delle cure (Williams, 2008; Coffman e Rundall, 2005). Queste nuove figure professionali hanno il compito di process-owner nella gestione del malato facendo da collegamento tra tutti gli attori in campo e garantendo così il mantenimento di una visione d insieme della persona. Al fine di rendere operativa in termini organizzativi la presa in carico integrata all interno degli ospedali dell Azienda USL di Ravenna è 96 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

3 La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento stata istituita a partire dal mese di settembre 2009, la figura del medico di riferimento del caso (MDR). Gli obiettivi che si vogliono perseguire con l introduzione del MDR sono innanzitutto l individuazione di un interlocutore prevalente della persona malata e i suoi famigliari, per riportare ad unitarietà informativa e organizzativa il percorso assistenziale, nonché figura di riferimento per il medico di medicina generale per garantire la continuità assistenziale e la globalità della presa in carico. Nel progetto implementato nella AUSL di Ravenna si prevede che entro 24 ore dall ammissione in ospedale ogni paziente venga attribuito ad un MDR. Il MDR ha il compito di visitare il paziente almeno una volta al giorno e di informarlo correttamente durante tutto il percorso assistenziale dello stato della sua salute e dei processi diagnostici e terapeutici a cui verrà sottoposto. Inoltre il MDR raccoglie il consenso informato al momento della dimissione (a domicilio o in altri luoghi di cura) informa il paziente sulle terapie da seguire e sulle modalità di follow-up. Uno degli elementi che potrebbe essere di grande impatto per migliorare la continuità delle cure è la segnalazione da parte del MDR al medico di medicina generale del ricovero del suo paziente, informandolo di tutte le fasi della degenza e della dimissione. Dal punto di vista del supporto informativo-informatico questa fase della integrazione tra ospedale e territorio avviene attraverso un sistema di posta elettronica certificato e protetto. L Azienda USL di Ravenna per realizzare questo progetto di miglioramento della qualità dei servizi offerti e di valorizzazione dei professionisti ha destinato una parte del Fondo di Risultato (Art. 26 CCNL 17/10/08) al progetto del MDR, per la durata del vigente Accordo decentrato per la revisione del sistema degli incarichi dirigenziali dell area medica sottoscritto in data 1/10/2009. Obiettivo di questo articolo è quello di descrivere il livello di percezione e di soddisfazione registrato dai pazienti dopo i primi mesi di esperienza dell attività svolta dal MDR. 2 Materiali e metodi L indagine è stata realizzata sui pazienti dimessi dai reparti della medicina interna dei tre ospedali dell azienda USL di Ravenna (Ravenna, Lugo e Faenza) nel periodo aprile e maggio I dati sono stati raccolti tramite intervista strutturata telefonica con metodologia CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) realizzata 97 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

4 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. Definizione obiettivo Campionamento Questionario Rilevazione Elaborazione Figura 1: Fasi dell indagine. dal Laboratorio Management e Sanità, Scuola superiore Sant Anna di Pisa. Questa modalità di rilevazione è stata preferita ad altre (questionario postale, questionario web, ecc.) perché permette di raggiungere anche popolazioni anziane e a bassa scolarizzazione. Inoltre offre la possibilità di disporre dei risultati in tempi molto brevi, grazie alla gestione contestuale delle interviste e dell attività di data entry (Coulter et al., 2009). L intervista era rivolta al paziente o ad un parente o altra persona presente durante il ricovero. Le fasi dell indagine sono sintetizzate nella figura 1. Il campione di pazienti intervistati è stato calcolato con la tecnica del campionamento casuale all interno della popolazione dimessa da ogni ospedale nel periodo di riferimento. La lista campionaria utilizzata per l estrazione del campione, completa dei soli pazienti considerati eleggibili, ammontava a circa 931 pazienti. Il calcolo della numerosità campionaria definito per assicurare una rappresentatività dei risultati a livello di singolo ospedale (significatività del 95% e precisione del 6%), ammonta a 523 pazienti (162 Faenza, 161 Lugo, 200 Ravenna). Il questionario è stato costruito con l intento di raccogliere informazioni sull esperienza dei pazienti riguardo alla presenza in reparto di un medico di riferimento. In particolare, lo strumento è composto da domande che mirano a valutare, dal punto di vista del paziente, sia le competenze tecniche e professionali che le capacità umane e di relazione del medico di riferimento. Complessivamente il questionario è costituito da 11 items riguardanti i compiti e la percezione dell attività svolta dal medico di riferimento; 2 items complessivi che riguardano la soddisfazione globale del servizio ospedaliero e la percezione del proprio stato di salute e 4 items che raccolgono le caratteristiche socio-demografiche dell intervistato (vedi appendice). È stata applicata l analisi fattoriale esplorativa e l Alpha di Cronbach sugli items che riguardano la percezione del paziente sull attività svolta dal medico di riferimento (item 6 item 11) al fine di verificare l omogeneità delle risposte che identificano il giudizio di soddisfazione dei pazienti. 3 I risultati dell indagine Per ottenere un numero di interviste pari a quello richiesto sono stati contattati circa 835 pazienti, di cui circa il 61% (n = 511) ha parte- 98 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

5 La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento Tabella 1: Contributo di ciascuna domanda risultante dall analisi fattoriale N domanda Carico dell item 6 0,77 7 0,84 8 0,84 9 0, , ,51 cipato all indagine. In particolare sono stati intervistati 154 pazienti dimessi dall ospedale di Faenza, 157 pazienti dimessi a Lugo e 200 pazienti dimessi a Ravenna. La ragione principale di mancata partecipazione è stato il decesso del paziente sopraggiunto successivamente alle dimissioni (9% dei pazienti inseriti nella lista campionaria). L analisi fattoriale sui sei items del questionario che misurano la soddisfazione degli intervistati sulla figura del MDR ha mostrato la presenza di una sola dimensione che spiega circa il 60% della variabilità complessiva (tab. 1). L alpha di Cronbach relativa a questi items è pari a 0,85 ed indica un alto grado di consistenza interna. Nel 48,14% dei casi l intervistato è il paziente, nel 49,32% è un parente e nel 2,54% un altra persona presente durante il ricovero. Se si considerano i tre ospedali singolarmente, a Lugo hanno risposto prevalentemente i parenti del paziente (53,5%), a Faenza i pazienti (53,25%) mentre a Ravenna hanno risposto sia i pazienti che i loro parenti in percentuali simili. Il 53,42% dei pazienti e l 80,75% dei caregivers è di genere femminile. Nel 53,18% dei casi il paziente vive con un altra persona, mentre nel 18,18% con due persone, nel 13,75% con tre o più persone ed infine nel 14,8% vive da solo. Per quanto riguarda la distribuzione dell età, complessivamente si osserva che l 85,24% dei pazienti ha più di 65 anni; tale percentuale è leggermente inferiore solo nell ospedale di Faenza (79,61%). Gli intervistati diversi dal paziente hanno un età inferiore: il 57,94% ha tra i 46 e i 65 anni, il 30,95% ha più di 65 anni e l 11,11% ha meno di 45 anni. In particolare, relativamente ai singoli ospedali, si nota come il caregiver con meno di 45 anni sia maggiormente rappresentato a Ravenna (16,33%) mentre con più di 65 anni a Lugo (41,86%). Il livello di istruzione dei pazienti è nel 41,1% la licenza elementare mentre nel 20,55% non è presente nessun titolo di studio. 99 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

6 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. La percezione del proprio stato di salute risulta soddisfacente solo nel 40% dei casi e negativa nel 42,46%. Complessivamente il 49% degli intervistati afferma che il MDR si è presentato durante il ricovero in ospedale mentre il 34% dichiara che il MDR non si è presentato e il 16,05% non ricorda. Si osserva che più del 50% degli intervistati che hanno riconosciuto la figura del MDR sono stati visitati una volta al giorno e il 40% afferma che il MDR gli ha illustrato e fatto firmare il consenso informato. Il 79,37% dei pazienti che hanno riconosciuto il proprio MDR gli si sono rivolti durante il ricovero. I caregivers non hanno avuto per lo più difficoltà a parlare con il MDR riguardo alle condizioni di salute del loro familiare (80,56%). Oltre il 90% dei pazienti dichiara di essere stato ascoltato completamente dal MDR, di aver ricevuto spiegazioni chiare e che il MDR gli ha dedicato tempo a sufficienza per discutere dei propri problemi di salute. L 83,7% degli intervistati ritiene inoltre di aver ricevuto informazioni complete su come migliorare e mantenere la propria salute dopo la dimissione. Il giudizio complessivo riguardo alla figura del MDR è molto positivo: il 90,87% dice di avere piena fiducia e il 90,07% ritiene molto utile la sua presenza durante il ricovero. Allo stesso modo riguardo alla soddisfazione del servizio ospedaliero si evince che il 78% degli intervistati si ritiene molto o moltissimo soddisfatto. In particolare, i pazienti esprimono giudizi migliori rispetto ai caregivers (molto poco/poco, così così, molto/moltissimo: 4,49%, 12,24%, 83,27% vs 7,97%, 19,52%, 72,51%; p = 0,015) e si rafforza questa percezione positiva per coloro che riconoscono il MDR. In generale, gli intervistati meno soddisfatti del servizio ospedaliero sono quelli con una peggiore percezione del proprio stato di salute e i più anziani anche se le differenze non raggiungono la significatività statistica. Le caratteristiche principali del sottogruppo di pazienti che non hanno riconosciuto la presenza del medico di riferimento durante il ricovero sono l età avanzata (79,4 ± 11,1) e la bassa scolarità (65% nessun titolo di studio o licenza elementare). 4 Discussione e Conclusioni L indagine mette in evidenza che la presenza del medico di riferimento non è ancora visibile completamente nei reparti di medicina interna 100 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

7 La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento esaminati, nonostante la formalizzazione e l incentivazione economica di questa nuova figura. Infatti, solo la metà del campione afferma di avere identificato il MDR durante il ricovero. Tuttavia i risultati ottenuti possono essere considerati relativamente soddisfacenti anche se tra coloro che hanno riconosciuto il MDR una percentuale ancora troppo elevata (21,43%) dichiara di essere stata visitata dai propri MDR meno di una volta al giorno. Nei casi in cui il MDR è riconosciuto dai pazienti ospedalizzati il grado di sinergia ottenuto tra MDR e il paziente è positivo con un buon giudizio degli intervistati sulla disponibilità, sulla reperibilità, sulla capacità di ascolto e di spiegazione del MDR ed infine anche sul grado di fiducia che il MDR ha saputo ispirare. Il MDR è considerato dagli intervistati una figura «utile» durante il ricovero in ospedale. Questa prima analisi descrittiva ci può fare concludere che una leva di miglioramento può essere proprio la corretta e più pervasiva comunicazione da parte del MDR del proprio ruolo. In questo modo i pazienti e i loro familiari avranno la possibilità di riconoscere tempestivamente il medico che seguirà il caso per tutta la durata del ricovero. Prima di trarre conclusioni definitive sull efficacia di questa figura professionale sarà però necessario condurre uno studio analitico su un campione più numeroso che coinvolga anche altri reparti dell Azienda USL, cercando di individuare quali caratteristiche dei pazienti, dei medici e degli ospedali facilitino o rendano più difficile l agire del ruolo da parte del MDR. Un ulteriore approfondimento che è in corso riguarda una indagine che valuta la percezione del MDR da parte dei medici di medicina generale che hanno fra i loro assistiti i pazienti ricoverati. L obiettivo di questo nuovo studio è valutare se l introduzione del MDR è importante nel raggiungimento dell unitarietà informativa e organizzativa del percorso assistenziale. I risultati presentati sembrerebbero comunque confermare la validità delle azioni intraprese nel riorientare l offerta dei servizi verso le nuove esigenze dei pazienti secondo i principi della umanizzazione dei servizi e del paziente al centro dei processi di cura (Haggerty et al., 2003; Haggerty et al., 2008). 101 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

8 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. Appendice Sondaggio: Medico Tutor Ravenna 2010 codice domanda: 01 MEDICO DI RIFERIMENTO DEL CASO. Questa intervista, si riferisce al medico che le è stato assegnato al momento del suo ricovero in ospedale: Durante il suo ricovero in ospedale il medico di riferimento è venuto da lei per presentarsi? [0] Singola Sì, ma non ricordo quando [1] Singola Sì, quando sono entrato in reparto [2] Singola Sì, dopo qualche ora dal mio arrivo in reparto [3] Singola Sì, il giorno successivo al ricovero [4] Singola Sì, dopo alcuni giorni dal ricovero [5] Singola No [6] Singola Non so codice domanda: 02 Con quale frequenza ha visto il suo medico di riferimento durante il suo ricovero? [1] Singola Mai [2] Singola 1 volta al giorno [3] Singola 2 volte al giorno [4] Singola Più di due volte al giorno [5] Singola In modo irregolare [6] Singola Non ricordo codice domanda: 03 Chi le ha fatto firmare il modulo del consenso informato? (un modulo in cui lei ha acconsentito al trattamento e alla comunicazione dei dati sensibili come ad esempio al medico di famiglia) [1] Singola Il medico di riferimento [2] Singola Un medico diverso da quello di riferimento [3] Testo Altro (da specificare) [4] Singola Non ricordo codice domanda: 04 Durante il ricovero si è rivolto al suo medico di riferimento? (ad esempio per chiedere informazioni sullo stato di salute, per chiedere chiarimenti sulla terapia farmacologia, per chiedere il giorno della dimissione ecc...) [1] Singola Sì 102 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

9 La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento [2] Singola No [3] Singola Non so codice domanda: 05 Durante il ricovero i suoi familiari (o le persone a lei vicine) hanno avuto difficoltà a parlare con il medico di riferimento delle sue condizioni di salute? [1] Singola Sì, sempre [2] Singola Qualche volta [3] Singola Mai [4] Singola Non c erano con me parenti o persone a me vicine [5] Singola Non ce n è stato bisogno [6] Singola Non so codice domanda: 06 Il suo medico di riferimento ha ascoltato attentamente quello che lei aveva da dirgli? [1] Singola Sì, completamente [2] Singola Sì, in parte [3] Singola No [4] Singola Non ricordo [5] Singola Non ho avuto nulla da dirgli codice domanda: 07 Le spiegazioni che le ha dato sono state chiare? (riguardo la sua salute, le medicine da prendere, esami da effettuare) [1] Singola Sì, completamente [2] Singola Sì, in parte [3] Singola No [4] Singola Non ricordo [5] Singola Non ho ricevuto spiegazioni codice domanda: 08 Il suo medico di riferimento le ha dedicato tempo a sufficienza per discutere dei suoi problemi di salute? [1] Singola Sì, completamente [2] Singola Sì, in parte [3] Singola No [4] Singola Non ricordo codice domanda: 09 Ha avuto fiducia nel medico di riferimento che l ha assistita in ospedale? 103 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

10 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. [1] Singola Sì, completamente [2] Singola Sì, in parte [3] Singola No [4] Singola Non so codice domanda: 10 Il suo medico di riferimento l ha informata su come migliorare/mantenere il suo stato di salute dopo la dimissione? (programmazione di visite di controllo, medicine da prendere, alimentazione, ecc...) [1] Singola Sì, completamente [2] Singola Sì, in parte [3] Singola No [4] Singola Non ricordo codice domanda: 11 Da 1 a 5 quanto ritiene utile la presenza di un medico di riferimento durante il ricovero in ospedale? [1] Singola 1 (Molto poco) [2] Singola 2 (Poco) [3] Singola 3 (Così così) [4] Singola 4 (Molto) [5] Singola 5 (Moltissimo) [6] Singola Non so codice domanda: 12 Da 1 a 5 quanto è soddisfatto del servizio ospedaliero? [1] Singola 1 (Molto poco) [2] Singola 2 (Poco) [3] Singola 3 (Così così) [4] Singola 4 (Molto) [5] Singola 5 (Moltissimo) [6] Singola Non so codice domanda: 13 In generale, come considera il suo stato di salute? (in questo momento)(nel caso in cui a rispondere sia una persona diversa dal paziente, occorre rilevare lo stato di salute DEL PAZIENTE al momento dell intervista) [1] Singola Pessimo [2] Singola Cattivo 104 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

11 La percezione dei pazienti sul progetto del medico di riferimento [3] Singola Soddisfacente [4] Singola Molto buono [5] Singola Eccellente [6] Singola Non so [7] Singola Non rilevato codice domanda: 14 Sesso [1] Singola Maschio [2] Singola Femmina [3] Singola Non rilevato codice domanda: 15 Quante altre persone vivono in casa con lei? [0] Singola Sono ospite di una RSA [1] Testo Numero persone [2] Singola Non rilevato codice domanda: 16 Anno nascita [1] Testo Anno (specificare) [2] Singola Non rilevato codice domanda: 17 Titolo di studio [1] Singola Nessuno [2] Singola Licenza elementare [3] Singola Media inferiore [4] Singola Media superiore [5] Singola Titolo universitario (laurea, laurea breve, diploma) [6] Singola Non rilevato Bibliografia Berwick D (2009), What «patient-centered» should mean: confessions of an extremist, in «Health Aff (Millwood)», 28(4), pp. w Coffman J. e Rundall G. (2005), The impact of hospitalist on the cost and the quality of inpatient care in the United State. A research synthesis, in «Med. Care Res. Rev.», 62, pp Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

12 Tiziano Carradori, Francesca Bravi, Elisa Carretta, Bianca Caruso et al. Coulter A., Fitzpatrick R. e Cornowell J. (2009), The Point of Care. Measures of Patients Experience in Hospital: Purpose, Methods and Uses, in «The King s fund», July. De Lepeleire J., Iliffe S., Mann E. e Degryse J.M. (2009), Frailty: An Emerging Concept for General Practice, in«br. J. Gen. Pract.», 59(562), pp. e De Silva A. (1999), A framework for Measuring Responsiveness, Geneva, World Health Organisation, Global Programme on Evidence for Health Policy (unpublished paper). Delbanco T., Berwick D.M., Boufford J.I., Edgman-Levitan S., Ollenschläger G., Plamping D. e Rockefeller R.G. (2001), Healthcare in a Land Called PeoplePower: Nothing About Me Without Me, in «Health Expect», 4(3), pp Epstein A.J. (2001), The Role of Public Clinics in Preventable Hospitalizations among Vulnerable Populations, in «Health Serv. Res.», 36(2), pp European Observatory on Health Systems and Policies Series (2006), Primary Care in the Driver s Seat? Gillies R.R., Chenok K.E., Shortell S.M., Pawlson G. e Wimbush J.J. (2006), The Impact of health Plan Delivery System Organization on Clinical Quality and Patient Satisfaction, in «Health Serv. Res.», 41, pp Goll M. (2010), Ageing in the European Union: Where Exactly?, in «Eurostat Statistics in focus», 26, pp Haggerty J.L., Pineault R., Beaulieu M.D., Brunelle Y., Gauthier J., Goulet F. e Rodrigue J. (2008), Practice features Associated with Patient-reported Accessibility, Continuity, and Coordination of Primary Health Care, in «Ann. Fam. Med.», 6(2), pp Haggerty J.L., Reid R.J., Freeman G.K., Starfield B.H., Adair C.E. e McKendry R. (2003), Continuity of Care: A Multidisciplinary Review, in «BMJ», 327, pp Hofmarcher M.M., Oxley H. e Rusticelli E. (2007), Improved Health System Performance throught Better Care Coordination, OECD health working paper No. 30, in Horton R. (2005), The Neglected Epidemic of Chronic Disease, in «Lancet», 366, 9496, pp Institute of Medicine (IOM) (2004), Crossing The Quality Chasm: A New Health System for the 21st Century, Washington, National Academy Press. Kaplan R.M. e Ong M. (2007), Rational and Public Health Implication of Changing CHD Risk Factor Definitions, in «Annu. Rev. Public Health», 28, pp Plochg T. e Katzinga N. (2002), Comunity-based Integrated Care: Myth or Must?, in «Int. J. Qual. Health Care», 14, pp Williams M.V. (2008), Hospitalists and the Hospital Medicine System of Care Are Good for Patient Care, in «Arch. Intern. Med.», 168(12), pp WHO (2005), Preventing Chronic Disease: A Vital Investment. In the World 60% of all Deaths Are Due to Chronic Diseases. 106 Tendenze nuove - 1-2/2011 nuova serie

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Il servizio di Ricovero Ospedaliero Ordinario: l esperienza della Casa di Cura Privata Montevergine S.p.A.

Il servizio di Ricovero Ospedaliero Ordinario: l esperienza della Casa di Cura Privata Montevergine S.p.A. Il servizio di Ricovero Ospedaliero Ordinario: l esperienza della Casa di Cura Privata Montevergine S.p.A. Report 2014-2015 A cura di Federica Covre, Anna Maria Murante e Sabina Nuti 2014 2015 Il Servizio

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

See and Treat in Pronto Soccorso: l esperienza dei pazienti toscani - REGIONE TOSCANA - A cura del Laboratorio Management e Sanità

See and Treat in Pronto Soccorso: l esperienza dei pazienti toscani - REGIONE TOSCANA - A cura del Laboratorio Management e Sanità See and Treat in Pronto Soccorso: l esperienza dei pazienti toscani - REGIONE TOSCANA - A cura del Laboratorio Management e Sanità Anno 2011 A cura del Laboratorio Management e Sanità Responsabile scientifico

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello 1^ Semestre 2011

La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello 1^ Semestre 2011 Sede Legale Viale Strasburgo n.233 90146 Palermo Tel 0917801111 - P.I. 05841780827 UNITA OPERATIVA QUALITA -COMUNICAZIONE-URP La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti - 1^ Semestre

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo AZIENDA USL 2 LUCCA Corso di aggiornamento La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo Capannori, 25 maggio 2013 I percorsi di valutazione dell anziano Dott. Marco Farnè Responsabile

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Casa della Salute di San Secondo Parmense. - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20

Casa della Salute di San Secondo Parmense. - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20 L - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20 i presupposti Per portare a compimento il sistema delle cure primarie, la RER ha progettato la realizzazione delle Case della Salute ( CdS ),

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Clinical Governance Medicina Patient Oriented

Clinical Governance Medicina Patient Oriented Clinical Governance Medicina Patient Oriented Dr. Mario Felici Resp. U.O. Medicina Interna e Geriatria Osp. S. Donato USL 8 Arezzo Perché parlare di Clinical Governance e Medicina Patient Oriented? In

Dettagli

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Cerismas 27/05/09 - Il balanced scorecard nelle aziende sanitarie, 5 anni dopo... Paolo Tedeschi, Ricercatore in economia e gestione

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo.

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. (Organizzazione Mondiale della Sanità) Il progetto Accettazione

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità

Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità Roberto Tarquini David Coletta Dipartimento Interaziendale per la Continuità dell Assistenza

Dettagli

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo XXXVI CONGRESSO ANNUALE AIE Bari, 29-31 ottobre 2012 Sistema

Dettagli

1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia

1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia 1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia Prof.ssa Maria Pia Fantini Dott.ssa Lorenza Luciano Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica Alma Mater Studiorum Università di Bologna Percorso

Dettagli

Il modello di servizio @ccura

Il modello di servizio @ccura Il modello di servizio @ccura la cura con una @ in più Elisa Mattavelli Luca M. Munari @ccura Srl Chi è @ccura? @ccura è una disease management company costituita allo scopo di progettare, sviluppare e

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera.

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 26-27 settembre 2014 Relatore Dr Alessandro Morettini Le riammissioni in Medicina Interna

Dettagli

La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche

La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche Paola Rucci Unità metodologica, epidemiologica e statistica DIBINEM, Università di Bologna Bambini con condizioni croniche Almeno 1 condizione cronica

Dettagli

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA Presidio Ospedaliero S. Maria delle Grazie Pozzuoli Unità Operativa Complessa di Medicina (Dir.ff P. Di Bonito) Unità Operativa Dipartimentale di Geriatria (Resp. L. Di Fraia) PROGETTO INEME ALLA FAMIGLIA

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

Il programma nazionale buone pratiche

Il programma nazionale buone pratiche Il programma nazionale buone pratiche Dott. Giovanni Caracci Dirigente Sezione Qualità e Accreditamento Agenas Il razionale, il mandato, le teorie di riferimento Le fasi, le attività, gli strumenti Attività

Dettagli

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma 1 m a r c o l o m b a r d i r o m a 2 4 a p r i l e 2 0 1 5 m l o m b a r d i @ a u s l. p r. i t Case della Salute: programmazione

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Università degli Studi di Padova Scuola di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia - A.A. 2014-15 Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Docenti: prof.ssa Anna Chiara Frigo

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI?

IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI? IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI? A cura di Antonio Sebastiano, Francesca Scolari e Roberto Pigni Castellanza, 7 febbraio 2013

Dettagli

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE IL SISTEMA SANITARIO: un sistema adattativo complesso Un sistema complesso adattativo è un insieme di agenti individuali che hanno libertà di agire in modi non sempre

Dettagli

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia Rif.: 1300001193 Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia walter bergamaschi D.G. Sistemi Informativi Ministero della Salute Bologna, 13 ottobre 2005 "We need to shift

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

Questionario di gradimento dell Assistenza domiciliare

Questionario di gradimento dell Assistenza domiciliare Questionario di gradimento dell Assistenza domiciliare Gentile Signora/Signore, il questionario che Le chiediamo di compilare ha lo scopo di farci capire se l assistenza domiciliare che Le è stata fornita

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

Customer satisfaction 2012

Customer satisfaction 2012 Customer satisfaction 2012 Ospedale S. Paolo Presentazione risultati Febbraio 2013 Indice Dati generali Servizi Ambulatoriali Laboratorio Degenze Questionari Analisi in dettaglio ambulatori Criticità ambulatori

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE TERZA SESSIONE IL PERCORSO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: I NODI DELLA RETE Giovanna Beretta Dirigente Struttura Complessa Medicina Fisica e Riabilitativa. A.O. Niguarda, Milano Buongiorno a tutti. Ringrazio

Dettagli

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE Colais P, Pinnarelli L, Perucci CA, Braga M, Davoli M, Fusco D Bari, 29-31 ottobre 2012 Background (1) In

Dettagli

IL PROGETTO EUBIOSIA

IL PROGETTO EUBIOSIA INTEGRATAZIONE PUBBLICO NON PROFIT Esperienze di assistenza domiciliare agli anziani IL PROGETTO EUBIOSIA Raffaella Pannuti Presidente Fondazione ANT Italia ONLUS BACKGROUND AUMENTO DELLA MORTALITÀ PER

Dettagli

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it STUDI EPIDEMIOLOGICI Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA Studi sulla distribuzione di malattie nella popolazione in esame Tempo, luogo, persone affette da malattie

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

IL CONSUMO DI CARNE A MILANO, BOLOGNA, ROMA, NAPOLI E PALERMO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI OTTOBRE 2007

IL CONSUMO DI CARNE A MILANO, BOLOGNA, ROMA, NAPOLI E PALERMO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI OTTOBRE 2007 IL CONSUMO DI CARNE A MILANO, BOLOGNA, ROMA, NAPOLI E PALERMO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI OTTOBRE 2007 1 OBIETTIVO DELLA RICERCA L obiettivo principale è quello di indagare le opinioni, le attitudini e

Dettagli

Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio

Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio Ultima revisione giugno 2011 1 Indice Premessa Gruppi omogenei di Malattie Rare Caratteristiche della rete Istituto per le MR (IMR e

Dettagli

Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco

Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco Serena Broccoli, Gerardo Lupi, Walther Orsi Programma salute Anziani Milano, 17 ottobre 2008 Studio

Dettagli

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Dati e Informazioni Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Autoreferenza Autoda sé stesso Referenza Informazione relativa alle capacità professionali di una persona rilasciata da chi ha avuto in passato rapporti

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Metabolico Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Metabolico Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Metabolico Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Agenda Punto Insieme Sanità: Fare Aderenza Obiettivi del Tavolo Metabolico L Aderenza del paziente Diabetico 2 Fare Aderenza

Dettagli

Lo sguardo dei pazienti: la qualità percepita dell assistenza infermieristica

Lo sguardo dei pazienti: la qualità percepita dell assistenza infermieristica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ABILITANTE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE RIASSUNTO DELL ELABORATO FINALE Lo

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani Metodologia Tipologia d'indagine: Indagine ad hoc su questionario semi-strutturato Modalità di rilevazione: interviste

Dettagli

SISTEMI DI CLASSIFICAZIONE DEI PAZIENTI E RISK ADJUSTMENT N. NANTE G.MESSINA E mail

SISTEMI DI CLASSIFICAZIONE DEI PAZIENTI E RISK ADJUSTMENT N. NANTE G.MESSINA E mail SISTEMI DI CLASSIFICAZIONE DEI PAZIENTI E RISK ADJUSTMENT G.MESSINA (computer assisted learning) Orario 8 Marzo 2006 ore 14-19.30 Conoscere i principali sistemi di classificazione dei pazienti e la loro

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

Indirizzi per l attuazione della sanità d iniziativa a livello territoriale e per la gestione dei percorsi territorio ospedale territorio

Indirizzi per l attuazione della sanità d iniziativa a livello territoriale e per la gestione dei percorsi territorio ospedale territorio Indirizzi per l attuazione della sanità d iniziativa a livello territoriale e per la gestione dei percorsi territorio ospedale territorio Premessa Il Piano Sanitario Regionale (PSR) 2008-2010, alla luce

Dettagli

AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE

AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE AGGIORNAMENTI IN NEFROLOGIA IPERTENSIONE E DIABETE Isola d Elba 3-5 ottobre 2014 Centro Congressi la Biodola COMPLESSITA CURA CAMBIAMENTO DEL BISOGNO DI CURE Paziente fragile frequent user a forte necessità

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP)

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP) Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio Fabio SAMANI RESPONSABILE NAZIONALE AREA DELLA RICERCA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE Il

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Unità di Degenza a Didattica Integrata. laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere

Unità di Degenza a Didattica Integrata. laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere Unità di Degenza a Didattica Integrata laboratorio per la messa in prova di nursing avanzato nella formazione di base dell Infermiere Padova 2 maggio 204 Dott. Graziano Cosaro Degenza Didattica Integrata

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente.

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Azienda USL di Parma Dipartimento delle Cure Primarie del Distretto di Fidenza Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E)

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) a cura di Domenico Cerasuolo, Manuela Furlan, Stefania Pizzini, Maria Giulia Sinigaglia INTRODUZIONE La valutazione interna riguarda la verifica della soddisfazione

Dettagli

Sistema informativo e programmazione sanitaria

Sistema informativo e programmazione sanitaria 1^ Conferenza Regionale sulla Salute Mentale Verona, 9-109 maggio 2008 Sistema informativo e programmazione sanitaria Paolo Spolaore Centro Regionale di Riferimento per il Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Mattone Patient File 19 giugno 2007 Principi generali sul Fascicolo Sanitario

Dettagli

Il progetto regionale di ricerca MACONDO

Il progetto regionale di ricerca MACONDO Il progetto regionale di ricerca MACONDO Reggio Emilia, 12-12 12-20082008 Relatrice: Cristina Pedroni Cos è MACONDO? Un progetto multicentrico di Ricerca Oncologica(di durata triennale) che coinvolge la

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO A CURA DEL Centro studi SIC Sanità in Cifre Anno 2013 Nota metodologica Metodologia: Questionario strutturato, somministrato a diverse

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14 REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14,1752'8=,21( ),1$/,7$ '(/5(*2/$0(172 Il presente regolamento ha la finalità di richiamare le norme generali

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

Un indice di fragilità per la presa in carico delle persone a rischio di non autosufficenza

Un indice di fragilità per la presa in carico delle persone a rischio di non autosufficenza DISTRETTO CITTÀ DI BOLOGNA Un indice di fragilità per la presa in carico delle persone a rischio di non autosufficenza Roma 23 maggio 2013 Cavazza G. Malvi C. Pavanello K. Barbani E.Imici D. Cappiello

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

INTEGRAZIONE PROFESSIONALE E CONTINUITA DELLE CURE: EVIDENZE DISPONIBILI E GAP DI MANAGEMENT

INTEGRAZIONE PROFESSIONALE E CONTINUITA DELLE CURE: EVIDENZE DISPONIBILI E GAP DI MANAGEMENT Il Distretto Socio Sanitario: una identità incompiuta? Esperienze a confronto INTEGRAZIONE PROFESSIONALE E CONTINUITA DELLE CURE: EVIDENZE DISPONIBILI E GAP DI MANAGEMENT di Francesco Longo Direttore CERGAS

Dettagli

Il malato complesso: possibili modelli di management

Il malato complesso: possibili modelli di management Il malato complesso: possibili modelli di management Walter Ricciardi, Maria Lucia Specchia Istituto di Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore Agenda La gestione del malato complesso Gli

Dettagli

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità?

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? 25 novembre 2011 L ospedale organizzato per livelli di assistenza e i

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE L ambulatorio infermieristico: un nuovo modello organizzativo volto a rispondere alle nuove e crescenti necessità sanitarie della cittadinanza. Indagine conoscitiva condotta presso la ASL di Lecce 1 OMS,

Dettagli

Customer satisfaction 2012

Customer satisfaction 2012 Customer satisfaction 2012 Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta Presentazione risultati (Gennaio 2013) DATI GENERALI 2 Il campione 2012 Totale rilevazioni Primo 1349 Secondo 1299 Totale 2012

Dettagli

La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative?

La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative? Cure palliative in Geriatria: la sedazione terminale? La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative? Evelina Bianchi Geriatria di Vicenza SEDAZIONE TERMINALE (ST) le mie convinzioni e la premessa

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia VALUTAZIONE DELLA TIPOLOGIA E DELLA PRIORITÀ DEGLI ACCESSI AGLI AMBULATORI

Dettagli

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO Delle strategie REGIONALI (B) a cura di Sara Barsanti Introduzione L area di valutazione del conseguimento delle strategie regionali (area B) ha

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia Diabete e confini Valerio Miselli, Reggio Emilia I mutamenti demografici e sociali in corso, la necessità di presa in carico del cittadino durante l intero arco della vita, pongono il tema dell integrazione

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO 1. Quadro generale Il dolore in ambito oncologico è diventato una questione sociale, una sfida per la persona che lo vive, ma anche per il mondo medico e

Dettagli

PROGRAMMA PER LA PRESIDENZA SItI 2016/2018 di FAUSTO FRANCIA. 3 ottobre 2014. Per un ruolo strategico degli Igienisti

PROGRAMMA PER LA PRESIDENZA SItI 2016/2018 di FAUSTO FRANCIA. 3 ottobre 2014. Per un ruolo strategico degli Igienisti PROGRAMMA PER LA PRESIDENZA SItI 2016/2018 di FAUSTO FRANCIA 3 ottobre 2014 Concetti chiave: unità delle componenti, SItI casa di tutti gli igienisti dei diversi settori operativi, lo sviluppo delle nuove

Dettagli