La rilevazione AcEMC sulla percezione degli operatori sanitari.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La rilevazione AcEMC sulla percezione degli operatori sanitari."

Transcript

1 La rilevazione AcEMC sulla percezione degli operatori sanitari. Gianfranco Cervellin Emergency Department Academic Hospital of Parma, Italy

2 sottotitolo Cure versus care?

3 È chiaramente definita la fragilità?

4 Fragile In genere più riferito agli oggetti Fragile In genere più riferito ai soggetti Frail

5

6 Biomedic paradigm (Fried LP et al., 2004) Bio-psyco-social paradigm (Gobbens RJ et al., 2010) Frailty index (Rockwood K et al., 2007)

7 Six frailty scores were described with respect to their value as a screening or diagnostic test. The reported AUCs of ROCs varied from 0.55 for functional decline in people admitted to an accident and emergency department to 0.87 for prediction of mortality on the basis of a co-morbidity score. These frailty scores are of limited value for both screening and diagnostic purposes in daily practice. As diagnostic instruments they can best be used to exclude frailty.

8 Frailty is common in discharged older ED patients.

9 Al momento siamo fermi alla ricerca di un metodo

10 Molti studi su fratture, D-dimero, troponina, BNP, PCR, trauma cranico, CAP, delirium. anziani in ED, ma. (quasi) nessuno studio su come gli operatori percepiscono la qualità delle cure e dell assistenza agli anziani in ED.

11 Ann Emerg Med. 2014;63: Review 28 articles found 6 themes. Emergency staff should: 1. assume a leadership role with both the medical and social needs 2. initiate communication frequently 3. minimize potential barriers to communication 4. check on patients during prolonged periods of waiting 5. attend to distress caused by physical discomforts in the emergency care setting 6. address general elder care needs, including the care transition and involvement of caregivers when necessary

12 J Am Geriatr Soc 2014;62: A Parma A.V.O. (Associazione Volontari Ospedalieri) In altre sedi A.V.O. / altre organizzazioni / nulla

13 The dark side of the quality of care

14 A total of 971 surveys were mailed, with 433 useable surveys among the 485 (50%) respondents. The surveyed emergency physicians anticipated a major impact on emergency department patient flow and bed availability in the hospital and ICU as the population ages. For each of seven clinical presentations (abdominal pain, altered mental status, chest pain, dizziness/vertigo, fever without a source, headache, multisystem trauma), 45% or more of the emergency physicians have more difficulty in the management of older compared with younger patients. Most respondents reported that each of these presentations required more time and resources for older patients. The majority believed research, the availability of continuing medical education, and time spent during residency training regarding geriatric emergency medicine was inadequate.

15 LA domanda Che percezione hanno gli operatori sanitari della qualità delle cure e dell assistenza erogate nei nostri PS?

16 Il questionario

17 NB Ai fini del presente questionario si definisce anziano il paziente ultraottantenne o, se di età compresa tra 65 e 80 anni, con definita fragilità.

18 NB (2) Risposta 1 = completo disaccordo Risposta 5 = completo accordo

19 NB (3) Età /_/_/ Sesso M /_/ F /_/ Ruolo: Medico /_/ Infermiere /_/ OSS/ausiliario /_/

20 Hanno risposto Alessandria Aosta Biella Bologna S.Orsola Cuneo Fermo Imola Lodi Matera Novara Padova Parma S. Donà di Piave Verona Berna (CH) Provenienza non identificata: 67 (13.5%)

21 Sesso Maschio Femmina NA Risposte: 513

22 Ruolo Medico Infermiere OSS/Aux NA Risposte: 518

23 Età < >60 NA Risposte: 490

24 1: La cura dell anziano nel mio PS è di qualità pari a quella dell adulto NA NA Risposte: = 71.8%

25 1: La cura dell anziano nel mio PS è di qualità pari a quella dell adulto Medico Infermiere OSS/Aux NA

26 2: La competenza e attitudine comunicative del personale del PS con il paz. anziano sono mediamente di qualità pari a quelle espresse con il paz. adulto NA NA Risposte: = 61.7%

27 2: La competenza e attitudine comunicative del personale del PS con il paz. anziano sono mediamente di qualità pari a quelle espresse con il paz. adulto Medico Infermiere OSS/Aux NA

28 3: Le documentazioni sanitaria e sociale dei pazienti anziani che giungono dal proprio domicilio, inviati da MMG, sono in genere di buona qualità NA NA Risposte: = 49.1%

29 3: Le documentazioni sanitaria e sociale dei pazienti anziani che giungono dal proprio domicilio, inviati da MMG, sono in genere di buona qualità Medico Infermiere OSS/Aux NA

30 4: Le documentazioni sanitaria e sociale dei pazienti anziani che giungono da struttura protetta sono in genere di buona qualità NA NA Risposte: = 43%

31 4: Le documentazioni sanitaria e sociale dei pazienti anziani che giungono da struttura protetta sono in genere di buona qualità Medico Infermiere OSS/Aux NA

32 5: Per alcuni sintomi aspecifici di pertinenza geriatrica (delirium, immobilità, cadute etc.) vengono sempre ricercate cause mediche NA NA Risposte: = 52.1%

33 5: Per alcuni sintomi aspecifici di pertinenza geriatrica (delirium, immobilità, cadute etc.) vengono sempre ricercate cause mediche Medico Infermiere OSS/Aux NA

34 6: La disposizione ad accettare il paz. anziano da parte dei reparti ospedalieri è pari a quella espressa nei confronti del paz. adulto NA NA Risposte: 519

35 6: La disposizione ad accettare il paz. anziano da parte dei reparti ospedalieri è pari a quella espressa nei confronti del paz. adulto Medico Infermiere OSS/Aux NA

36 7: Nel corso della processazione del paz. anziano nel mio PS viene in genere prestata attenzione ai bisogni assistenziali di base (pasti, igiene, cavo orale, minzione, evacuazioni etc.) NA NA Risposte: 522

37 7: Nel corso della processazione del paz. anziano nel mio PS viene in genere prestata attenzione ai bisogni assistenziali di base (pasti, igiene, cavo orale, minzione, evacuazioni etc.) Medico Infermiere OSS/Aux NA

38 8: Nel tuo PS sono utilizzati strumenti oggettivi (es.: scale) per la valutazione funzionale, cognitiva e sociale dell anziano NA NA Risposte: = 68.1%

39 8: Nel tuo PS sono utilizzati strumenti oggettivi (es.: scale) per la valutazione funzionale, cognitiva e sociale dell anziano Medico Infermiere OSS/Aux NA

40 9: Nella pratica quotidiana del PS sarebbe possibile utilizzare strumenti oggettivi (es.: scale) per la valutazione funzionale, cognitiva e sociale dell anziano? NA NA Risposte: 509

41 9: Nella pratica quotidiana del PS sarebbe possibile utilizzare strumenti oggettivi (es.: scale) per la valutazione funzionale, cognitiva e sociale dell anziano? Medico Infermiere OSS/Aux NA

42 10: Nella pratica quotidiana del PS sarebbe utile utilizzare strumenti oggettivi (es.: scale) per la valutazione funzionale, cognitiva e sociale dell anziano? NA NA Risposte: 519

43 10: Nella pratica quotidiana del PS sarebbe utile utilizzare strumenti oggettivi (es.: scale) per la valutazione funzionale, cognitiva e sociale dell anziano? Medico Infermiere OSS/Aux NA

44 11: Prima della dimissione di un paz. anziano viene di norma eseguita una rapida valutazione funzionale, cognitiva e sociale del paziente NA NA Risposte: 519

45 11: Prima della dimissione di un paz. anziano viene di norma eseguita una rapida valutazione funzionale, cognitiva e sociale del paziente Medico Infermiere OSS/Aux NA

46 12: Nel mio PS l età del paz. influisce, di per sé, sull attribuzione del codice di priorità al triage, o su eventuali precedenze a parità di codice NA NA Risposte: 518

47 12: Nel mio PS l età del paz. influisce, di per sé, sull attribuzione del codice di priorità al triage, o su eventuali precedenze a parità di codice Medico Infermiere OSS/Aux NA

48 13: Nel mio Ospedale sono previsti percorsi diagnostico-terapeutici post-accesso al PS, specifici per paz. anziani NA NA Risposte: = 64.1%

49 13: Nel mio Ospedale sono previsti percorsi diagnostico-terapeutici post-accesso al PS, specifici per paz. anziani Medico Infermiere OSS/Aux NA

50 14: Nel mio Ospedale il concetto di futilità (*) delle cure è esplicito e incluso in protocolli operativi Risposte: NA 1+2 = 70.1%? (*) per futilità si intende genericamente l inutilità di un atto diagnostico o terapeutico ai fini del miglioramento dello stato di salute del paziente NA

51 14: Nel mio Ospedale il concetto di futilità (*) delle cure è esplicito e incluso in protocolli operativi Medico Infermiere OSS/Aux NA NR (*) per futilità si intende genericamente l inutilità di un atto diagnostico o terapeutico ai fini del miglioramento dello stato di salute del paziente

52 Defining Medical Futility and Improving End-of-Life Care Quantitative Futility Qualitative Futility Medical Futility: Seeking a Contemporary Definition Exceptions and Cautions Beyond Futility to an Ethic of Care The Heuristic Value of Defining Medical Futility Establishing Standards of Practice

53 Forse.l uso del termine futilità è futile.

54 No influences by age and gender (we all are politically correct!)

55 Un particolare ringraziamento a : Massimo Pesenti Compagnoni Membri del Direttivo AcEMC Pier Dante (alias Pier Pier, Pier etc.) Piccioni Marinella, insostituibile segretaria AcEMC Tutti i colleghi che si sono impegnati a raccogliere e spedire i questionari Tutti i medici, infermieri e OSS che hanno risposto al questionario

56 Thank you! Grazie! Merci! Danke! Gracias! 谢 谢 ありが Arigato! Obrigado! Спасибо! Hvala!!شكرا Shokran! Ευχαριστώ!

57

58

59

60

61

62

63 All ED visits involving patients aged 65 and older, extracted from the 2010 dataset of an Local Health Agency, in North-Eastern Italy (no. = ). Patients were referred by primary care professionals (PCPs) in 43.1% of cases, 1.4% came from nursing homes (NH), and 55.5% were self-referred (SR). The average costs for all procedures were lower for the SR patients (mean = ± SD ) than for those referred by PCPs (mean = ± SD ) or NH (mean = ± SD ).

64 Prognostic stratification of elderly ED patients with the SC is comparable with that obtained with direct patient evaluation. The SC, previously validated in hospitalized patients, predicts ED readmissions and future hospitalizations even in patients discharged directly from the ED.

65

66 Aust N Z J Public Health 2006; 30:143-6 Older decedents were not more likely to be hospitalised than younger decedents in the final three years of life. Moreover, once hospitalised, their in-patient costs were lower. In-patient costs were heavily concentrated in the three last quarters of life.

67 The epidemiological load Facing problems with older people in the ED: Atypical presentations and comorbidity; Delirium and cognitive impairment; Polypharmacy; Functional status; Quality of care New models of care for older people in the ED: Triage; Clinical evaluation; Discharge

68 J Am Geriatr Soc 2007;55:

69 Ann Emerg Med. 2008;51:

70 there is a lack of outcome information with respect to older health service users. 23,114 consecutive acute medical admissions between 2002 and day in-hospital mortality was 20.7% in the over 75 age category versus 4.5% in those younger acute illness severity is more important than co-morbidity in explaining the outcome in older patients admitted as medical emergencies.

71

72

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Il delirium: problematiche extraospedaliere

Il delirium: problematiche extraospedaliere Roma, 19 marzo 2015 Il delirium: problematiche extraospedaliere Marco Trabucchi Università di Roma Tor Vergata Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Associazione Italiana Psicogeriatria 1 Intensive Care

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

La demenza nell ospedale per acuti. -in pronto soccorso- Chiara Mussi Cattedra di Geriatria e Gerontologia Università di Modena e Reggio Emilia

La demenza nell ospedale per acuti. -in pronto soccorso- Chiara Mussi Cattedra di Geriatria e Gerontologia Università di Modena e Reggio Emilia La demenza nell ospedale per acuti -in pronto soccorso- Chiara Mussi Cattedra di Geriatria e Gerontologia Università di Modena e Reggio Emilia L anziano al pronto soccorso Il numero di anziani che accede

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

I Progetti Regionali sulla fragilità

I Progetti Regionali sulla fragilità I Progetti Regionali sulla fragilità Dr. Antonio Brambilla Dr. Oreste Capelli Assessorato Politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna Il Sostegno alla Fragilità e la Prevenzione della Non Autosufficienza,

Dettagli

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma La gestione del rischio al Triage Presented to Parliament by the Secretary of State for Health by Command of

Dettagli

Implementazione strumento interrai- Home Care

Implementazione strumento interrai- Home Care Implementazione strumento interrai- Home Care Francesco Landi Dipartimento di Scienze Gerontologiche-Geriatriche Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica Sacro Cuore - Roma MODELLI INNOVATIVI PER

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

La comunicazione con il paziente anziano

La comunicazione con il paziente anziano 29 Aprile 2011 La comunicazione con il paziente anziano Sara Morghen Outline Introduzione Specificità della comunicazione con l anziano Perché comunicare Come comunicare Conclusioni Introduzione La comunicazione

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia Rif.: 1300001193 Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia walter bergamaschi D.G. Sistemi Informativi Ministero della Salute Bologna, 13 ottobre 2005 "We need to shift

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Maria Luisa Moro La rete dei servizi si è profondamente modificata Long term care facility with ventilator and psychiatric patients Long

Dettagli

ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION

ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION CUSLS BL1 ~ PROVIDER CANINE ULTRASOUND LIFE SUPPORT 'USCMC LEVEL 1 CERTIFICATION SKILL SET ENTRY COURSE FOR USLS BL1-P [ULTRASOUND LIFE SUPPORT - BASIC LEVEL 1 - PROVIDER] ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Convegno. 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it

Convegno. 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it Convegno 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it Criteri di appropriatezza clinica, tecnologica e strutturale nell assistenza all anziano La fragilità Niccolò

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Clinical Governance Medicina Patient Oriented

Clinical Governance Medicina Patient Oriented Clinical Governance Medicina Patient Oriented Dr. Mario Felici Resp. U.O. Medicina Interna e Geriatria Osp. S. Donato USL 8 Arezzo Perché parlare di Clinical Governance e Medicina Patient Oriented? In

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

La Medicina d Emergenza Urgenza

La Medicina d Emergenza Urgenza SIMEU Società Italiana di Medicina d Emergenza Urgenza La Medicina d Emergenza Urgenza Anna Maria Ferrari Presidente SIMEU (www.simeu.it) ANMU SIMPS 1996 Federazione:FIMUPS 2000 SIMEU STATUTO... promuovere

Dettagli

La rete dei servizi per le demenze: luci ed ombre. Carlo Adriano Biagini

La rete dei servizi per le demenze: luci ed ombre. Carlo Adriano Biagini La rete dei servizi per le demenze: luci ed ombre Carlo Adriano Biagini Demenza e rete dei servizi: le luci 2000 Inizio progetto CRONOS, individuazione dei Centri UVA (Unità Valutative Alzheimer) per l'erogazione

Dettagli

Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana

Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana Simposio SIGG 28 Novembre 2008 Le risposte alle questioni etiche e legali nell assistenza all anziano Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana Laura D Addio Quando nasce

Dettagli

Parte V - PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE SINDROMI GERIATRICHE. Elisabetta Tonon, Maria Chiara Cavallini, Irene Fedi, Iacopo Iacomelli

Parte V - PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE SINDROMI GERIATRICHE. Elisabetta Tonon, Maria Chiara Cavallini, Irene Fedi, Iacopo Iacomelli Parte V - PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE SINDROMI GERIATRICHE Elisabetta Tonon, Maria Chiara Cavallini, Irene Fedi, Iacopo Iacomelli INTRODUZIONE (1) SINDROMI GERIATRICHE condizioni patologiche, tipiche

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

- RIASSUNTO DELLA TESI -

- RIASSUNTO DELLA TESI - PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI 3 Corso triennale di Formazione Specifica in Medicina Generale Triennio 2007-2010 - RIASSUNTO DELLA TESI - DOTT.SSA

Dettagli

IL RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLA COSTRUZIONE DI UNA CULTURA GERIATRICA E MULTIPROFESSIONALE: LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE

IL RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLA COSTRUZIONE DI UNA CULTURA GERIATRICA E MULTIPROFESSIONALE: LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IL RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLA COSTRUZIONE DI UNA CULTURA GERIATRICA E MULTIPROFESSIONALE: LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE DR.SSA PAOLA FORTI RICERCATORE UNIVERSITÀ UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM

Dettagli

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano DONATO Giuseppe*, FURNARI Giacomo, ZACCARI Clara ^ *medico di Medicina Generale (MMG) presso ASL RmF-distretto 2, medico referente

Dettagli

La verifica ed il controllo di qualità. Fabrizia Lattanzio Roma

La verifica ed il controllo di qualità. Fabrizia Lattanzio Roma La verifica ed il controllo di qualità Fabrizia Lattanzio Roma Qualità Insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un entit entità,, che conferiscono ad essa la capacità di soddisfare esigenze espresse

Dettagli

RUOLO DEI CARE GIVERS

RUOLO DEI CARE GIVERS RUOLO DEI CARE GIVERS Antonella Surbone, MD PhD FACP Professor of Medicine New York University Novi Ligure, January 16 th, 2009 Demographics of ageing Elderly population in the US people > 65 are the

Dettagli

Gestione del fine vita in RSA

Gestione del fine vita in RSA CONVEGNO SIGG LIGURIA GENOVA, 28 FEBBRAIO 2014 Gestione del fine vita in RSA Vito Curiale Centre Hospitalier Princesse Grace, Monaco Centre de Gérontologie Clinique Rainier III Cour t Séjour Gériarique

Dettagli

Metodologia per la rilevazione delle complicanze in colonscopia e loro valutazione. Luisa Paterlini Cinzia Campari

Metodologia per la rilevazione delle complicanze in colonscopia e loro valutazione. Luisa Paterlini Cinzia Campari Metodologia per la rilevazione delle complicanze in colonscopia e loro valutazione Luisa Paterlini Cinzia Campari Perché parlare di complicanze Perché le complicanze esistono Perché monitoriamo la qualità

Dettagli

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini SC Pneumologia AO O.I.R.M.-S.ANNA -Torino 1900 STETOSCOPIO 1950 CENTRALIZZAZIONE OSPEDALIERA CURE DOMICILIARI

Dettagli

Costi e Sostenibilità delle Cure Domiciliari. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I Roma Ass. contro Leucemie, Linfomi e Mieloma

Costi e Sostenibilità delle Cure Domiciliari. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I Roma Ass. contro Leucemie, Linfomi e Mieloma Costi e Sostenibilità delle Cure Domiciliari Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I Roma Ass. contro Leucemie, Linfomi e Mieloma Una modalità assistenziale E sostenibile quando: E EFFICIENTE:

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

III sessione TAVOLA ROTONDA: La Rete dei Servizi. L Ospedale.. c èc. posto per la Geriatria! Alberto Cester

III sessione TAVOLA ROTONDA: La Rete dei Servizi. L Ospedale.. c èc. posto per la Geriatria! Alberto Cester III sessione TAVOLA ROTONDA: La Rete dei Servizi L Ospedale.. c èc posto per la Geriatria! Alberto Cester Direttore del Dipartimento di Geriatria, Lungo- Degenza e Riabilitazione Az. ULSS 13 di Mirano

Dettagli

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine Matteo Balestrieri Cattedra di Psichiatria - Università di Udine ) "$$ "! $$ #$ " " (& %" &! '& *+,-,. //# 012)2"$ 3.4 4 5,!.#&&, 0 (67 4-!$6 7 4-8, 9:.7

Dettagli

L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE

L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE AMIETIP- FIRENZE, 1 DICEMBRE 2011 L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE ACCADEMIA MEDICA INFERMIERISTICA DI EMERGENZA E TERAPIA INTENSIVA

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO ALESSANDRIA 28 MARZO 2013 DOTT.SSA DEMICHELIS M ONCOLOGIA MEDICA TORINO L'infermiere e la VALUTAZIONE DELL ANZIANO L INVECCHIAMENTO E processo attraverso il

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra

La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra Dr. A. Zurlo U.O. Geriatria e Ortogeriatria AOUFE Convegno L Appropriatezza in Endoscopia Digestiva Ferrara 25/11/2011 La letteratura

Dettagli

Il delirium II/II. Firenze 1 dicembre 2007. 8 Corso Multiprofessionale di Nursing

Il delirium II/II. Firenze 1 dicembre 2007. 8 Corso Multiprofessionale di Nursing Firenze 1 dicembre 2007 8 Corso Multiprofessionale di Nursing Il delirium II/II M.Pozzebon U.O.C. Geriatria U.S.D. Continuità delle Cure P.O. Treviso Delirium: sindrome multifattoriale che deriva dall

Dettagli

Governo Clinico. e HTA. Misurare i processidi salute e assistenziali per migliorare gli outcome di salute e di cura. Il contributo del gruppo

Governo Clinico. e HTA. Misurare i processidi salute e assistenziali per migliorare gli outcome di salute e di cura. Il contributo del gruppo Misurare i processidi salute e assistenziali per migliorare gli outcome di salute e di cura. Il contributo del gruppo Governo Clinico e HTA Alessandro Ozzello CoME faremo Misurare i processidi salute e

Dettagli

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1 Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010 A. Zagari 1 Dimissione protetta Definizione È la dimissione di un utente che necessita di prestazioni sanitarie o socio-sanitarie erogabili

Dettagli

LA GOVERNANCE INTEGRATA

LA GOVERNANCE INTEGRATA XXIX Congresso Nazionale SIFO 2008 Napoli,12-15 ottobre 2008 Funzioni clinico Assistenziali nell area critica LA GOVERNANCE INTEGRATA l esperienza della APSS di Trento Giovanni M. Guarrera Unità per la

Dettagli

L infermiere coordinatore di percorso nella pianificazione della dimissione dell anziano fragile

L infermiere coordinatore di percorso nella pianificazione della dimissione dell anziano fragile L infermiere coordinatore di percorso nella pianificazione della dimissione dell anziano fragile di Federica Ferrarese, Martina Faccini, Sarah Tommasi, Paolo Tosoni, Claudia Bozzini, Claudio Bellamoli*,

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Presentazione di Salute e Persone Senza Dimora

Presentazione di Salute e Persone Senza Dimora Piazza Grande Onlus Presentazione di Salute e Persone Senza Dimora Intervento nell ambito della Modifica all articolo 19 della legge 23 dicembre 1978, n.833, in materia di assistenza sanitaria alle persone

Dettagli

Gestione di un limite fra accanimento ed eutanasia

Gestione di un limite fra accanimento ed eutanasia Società Medico-Chirurgica Vicentina. Prendersi cura di chi cura. Vicenza, 27.10.2007 Gestione di un limite fra accanimento ed eutanasia Nereo Zamperetti Dipartimento di Anestesia e Rianimazione Ospedale

Dettagli

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA (COMPUTER ANALYSIS POSTURE BED AND SITTING) FT. Costante Emaldi FT. Rita Raccagni Will you care for me in my old age? SISTEMA a rilevazione di pressione

Dettagli

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera.

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 26-27 settembre 2014 Relatore Dr Alessandro Morettini Le riammissioni in Medicina Interna

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere

Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere Maria Chiara Rossi Reggio Emilia 10 e 11 aprile 2015 Centro Internazionale

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

Il triage nell'anziano al Pronto Soccorso: punti di forza e di debolezza

Il triage nell'anziano al Pronto Soccorso: punti di forza e di debolezza Il triage nell'anziano al Pronto Soccorso: punti di forza e di debolezza Dott.. Giovanni Pinelli Medicina d Urgenza NOCSAE di Baggiovara (AUSL di Modena) Obiettivi da conseguire con l attivazione di un

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Convegno ANCE - Gardacuore 98 Convegno ANCE - 12-13 Settembre 1998 Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Plinio Pinna Pintor Paradigma di Donabedian Oggetti della Verifica

Dettagli

L Infermiere della Riabilitazione

L Infermiere della Riabilitazione L Infermiere della Riabilitazione 5 marzo 2008 dott. Marco Martinelli RIABILITAZIONE: oggetto misterioso? La riabilitazione è tutto quanto consente un recupero - anche parziale - della funzione compromessa

Dettagli

SIMEUP 10 Congresso Nazionale. Torino, 27-29 marzo 2014. Expert Meeting sul dolore: Un percorso virtuoso

SIMEUP 10 Congresso Nazionale. Torino, 27-29 marzo 2014. Expert Meeting sul dolore: Un percorso virtuoso SIMEUP 10 Congresso Nazionale Torino, 27-29 marzo 2014 Expert Meeting sul dolore: Un percorso virtuoso DOLORE DOLORE Problema trasversale Problema frequente 60% accessi in PS 60% pazienti oncologici 100%

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

Analgesia e sedazione non farmacologia nel bambino

Analgesia e sedazione non farmacologia nel bambino AOU CAGLIARI IL DOLORE NEL BAMBINO: UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE S.I.M.E.U.P. Analgesia e sedazione non farmacologia nel bambino dott.ssa Simona Caprilli Psicologa Psicoterapeuta 15 maggio 2010 POLICLINICO

Dettagli

Il legame diseguale delle competenze del cardiologo e del rianimatore nelle terapie intensive e sub intensive

Il legame diseguale delle competenze del cardiologo e del rianimatore nelle terapie intensive e sub intensive Il legame diseguale delle competenze del cardiologo e del rianimatore nelle terapie intensive e sub intensive S Valente AOU Careggi, Firenze Lucca 28-11-2013 Il legame diseguale delle competenze del cardiologo

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA Presidio Ospedaliero S. Maria delle Grazie Pozzuoli Unità Operativa Complessa di Medicina (Dir.ff P. Di Bonito) Unità Operativa Dipartimentale di Geriatria (Resp. L. Di Fraia) PROGETTO INEME ALLA FAMIGLIA

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

La complessità assistenziale: quali indicatori?

La complessità assistenziale: quali indicatori? Journal Club 26 marzo 2010 Aspetti clinici e organizzativi delle cure e dell assistenza agli anziani La complessità assistenziale: quali indicatori? Ermellina Zanetti asd 1 La complessità assistenziale:

Dettagli

Cirio Franco, nato a Torino l 8/8/1962 Tel. 0112403521 franco.cirio@unito.it. Studi compiuti

Cirio Franco, nato a Torino l 8/8/1962 Tel. 0112403521 franco.cirio@unito.it. Studi compiuti Cirio Franco, nato a Torino l 8/8/1962 Tel. 0112403521 franco.cirio@unito.it Studi compiuti Diploma di Laurea magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche conseguito presso l Università Cattolica

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010

Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010 Risultati del Questionario sulla soddisfazione degli utenti di Technology Innovation - 2010 User satisfaction survey Technology Innovation 2010 Survey results Ricordiamo che l intervallo di valutazione

Dettagli

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011 37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI Dr. Leonardo la Pietra Bologna, 10 giugno 2011 Associazione Italiana Documentazione Sanitaria www.aidosimera.it Healthcare

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE IN SALUTE MENTALE. Antonio Lora

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE IN SALUTE MENTALE. Antonio Lora LA CONTINUITA ASSISTENZIALE IN SALUTE MENTALE Antonio Lora Il ruolo della continuità terapeutica in salute mentale Un esempio concreto: la continuità nei disturbi mentali gravi in Lombardia La continuità

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Institute of Communication and Health Università della Svizzera Italiana (Lugano) ehealth: definizioni

Dettagli

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 ASL To5 310.000 cittadini 60.000 > 65 enni 1.000 ricoverati in RSA in convenzione 6.000 progetti UVG in 10 anni,

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile La prevenzione della disabilità nell anziano fragile: sperimentazione di un modello in due Società della Salute Firenze - 4 maggio 2011 I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano

Dettagli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli Dott.ssa Maria Carla Attilia Pisano Medicina D Urgenza PS-AMC Primario Dott V. Piedimonte .. un unità

Dettagli

E BRIANZA SOLIDALE. AIAS Città di Monza ONLUS Brianza Solidale - 09 novembre 2015 Dott. Gaetano Santonocito

E BRIANZA SOLIDALE. AIAS Città di Monza ONLUS Brianza Solidale - 09 novembre 2015 Dott. Gaetano Santonocito A.I.A.S. E BRIANZA SOLIDALE? MISSION Assistenza sanitaria e sociale a favore delle persone disabili ed in particolare di quelle affette da patologie encefaliche svolgendo ogni possibile azione che miri

Dettagli

Flussi intraospedalieri del Paz ricoverato. Lungodegenza e Terapia Riabilitativa

Flussi intraospedalieri del Paz ricoverato. Lungodegenza e Terapia Riabilitativa 29 settembre 1 ottobre 2011 PERCORSI IN MEDICINA INTERNA I MODELLI ORGANIZZATIVI L organizzazione per intensità di cura: esperienza preliminare ed errori da evitare V. Arienti Medicina Interna A, Ospedale

Dettagli

CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007)

CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007) CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007) DATI ANAGRAFICI Nome e Cognome Elisabetta Flora Olga Trinchero Data e luogo di nascita 20 Gennaio 1969, Genova Residenza Milano Nazionalità Italiana

Dettagli

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario FLAVIA CARETTA Dipartimento

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 Il ruolo del Clinical Research Coordinator Data manager nella fase di conduzione dello studio clinico Maurizio

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli