Maurizio Muratore. Giacché

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Maurizio Muratore. Giacché"

Transcript

1

2

3 Maurizio Muratore Giacché S eduto su una barella mezzo nudo flesso su me stesso, tenuto da una gentile infermiera, pronto a sottopormi ad un anestesia peridurale, forse o certamente per smorzare la mia tensione e distrarmi da quello a cui mi stavo sottoponendo, mi chiese: Giacché (conoscendo la mia specialità) controllami questa mano, perché mi duole la notte, obbligandomi a toccare la sua mano. Certamente è un esempio estremo ma, mi piace ricordare, è abitudine, alle nostre latitudini, cogliere la palla al balzo, anche nelle più bizzarre circostanze come cene, inaugurazioni, grandi magazzini, per strada, in ascensore, per un consulto veloce al malcapitato medico. L esordio, in questi casi, è sempre un enfatico Giacché. Quando ti vedono è come se si illuminassero, quasi a dire che, se non ci fosse stata quell occasione, non si sarebbero mai ricordati di quella grave patologia della quale, in realtà soffrono in silenzio da sempre, ma i cui sintomi sono comparsi, come d incanto, giustappunto quando vedono l amico medico, specialista, guarda caso, proprio di quella malattia. Credo che a tutti voi sia capitato, mentre svolgevate una visita, che l assistente del paziente esordisse con Giacché mi trovo, può per favore. In realtà è un termine molto utilizzato, una buona abitudine, nel nostro Salento: rappresenta una richiesta di favore, nelle intenzioni, di poca importanza; una valutazione ovviamente veloce, superficiale, dove non è necessario che si metta a disposizione la tua professionalità ed esperienza e, comunque, necessariamente a costo zero. Come se volessero dire butta un occhio, non tutti e due e non così approfonditamente e in maniera così professionale da richiedere una parcella. Udire quella parola oramai fa sorridere ma nello stesso tempo fa riflettere: quello che potrebbe apparire come un atto di scortesia, inopportunità, per noi, uomini del Sud, è un abitudine che nelle intenzioni non vuole essere irrispettosa, tutt altro. E espressione del nostro modo di fare, di agire con atteggiamento sempre estremamente familiare, amichevole, confidenziale, fraterno, semplice, godibile. E manifestazione delle caratteristiche della nostra meridionale disponibilità. Difficilmente riusciamo a scrollarcele di dosso. Giacchè 3

4

5

6

7 Sorridere, a bordo di Nave Cavour L ultima iniziativa è stata appena intrapresa, in accordo con la Marina Militare: poter usufruire dell attrezzato ospedale presente su Nave Cavour, ormeggiata a Taranto, per fornire assistenza gratuita ai bambini affetti dalle malattie della famiglia del labbro leporino. E stato il dottor Scopelliti ed illustrarci tutti i dettagli del progetto. Dottore, Fondazione Operation Smile donerà un sorriso ai bambini del Sud Italia affetti da patologie maxillo facciali. Come selezionerete i vostri pazienti? Avvalendoci della collaborazione degli Ordini professionali e delle comunità scientifiche. Per reperire pazienti, facciamo in genere riferimento a tutti i nostri contatti sul territorio, chiedendo ai medici, che sono in grado, per primi, di diagnosticare le malformazioni del volto nei bambini, di individuarli. Ecco perché ci rivolgiamo direttamente alla fonte, ovvero a chi è direttamente a contatto con il bambino, sin dalla nascita: i neonatologi, i centri di terapia intensiva neonatale, i pediatri ed anche i ginecologi, che possono valutare una malformazione già in fase gestazionale, tramite l ecografia morfologica che si effettua al quinto mese. Di quali patologie vi occupate? Di tutte le patologie facciali che rientrano nel grande capitolo della labiopalatoschisi, cioè tutte le malformazioni che vanno sotto il capitolo generico del labbro leporino, e che possono interessare sia l arcata dentaria, che il palato duro, che il palato molle. La gravità varia a seconda che la malattia interessi più strutture anatomiche. Quanto sono frequenti in Italia? Sono relativamente frequenti, in quanto incidono nell ordine di circa uno su nati. Significa che ogni anno nel nostro Paese ci sono circa mille nuovi nati con malformazioni del volto in genere e in particolare con labbro leporino. E possibile conoscere il dato pugliese? In maniera certa, purtroppo no. Questa mancanza rientra tra le varie carenze del sistema sanitario che abbiamo riscontrato negli anni di attività. Infatti non esiste un Registro nazionale delle malforma- 7

8 zioni ma solo Registri regionali, peraltro presenti solo in otto Regioni su 21. E la Puglia è una delle Regioni che ne sono sprovviste. Quindi anche il dato epidemiologico nazionale è un dato statistico deduttivo ma non un dato reale. Riusciamo a dedurre, sulla base delle percentuali riscontrate in otto Regioni, a quanto possa ammontare la diffusione della patologia su scala nazionale, ma non abbiamo il dato certo. Quali altre carenze nel sistema italiano avete riscontrato attraverso la vostra esperienza sul campo? Abbiamo testato la mancanza di un centro di eccellenza che possa seguire il bambino in tutte le fasi della crescita. Infatti l impegno della Fondazione Operation Smile è stato anche fornire l opportunità di utilizzare gli strumenti scientifici a sua disposizione per avviare, anche qui in Italia, la ricerca strutturale ed organizzata in questo settore. Sulla base di quegli studi, anche la tipologia assistenziale va riorganizzata. Perché a differenza di altre patologie, la patologia malformativa va seguita per tutto il periodo dello sviluppo, in quanto il singolo trattamento chirurgico effettuato in età infantile si può rivelare non esaustivo nel corso della crescita. Fare affidamento esclusivamente sui centri di chirurgia pediatrica o sugli ospedali pediatrici, che oggi sono le uniche strutture, in Italia, a trattare le patologie del labbro leporino, non è sufficiente perché il bambino a 12 anni verrà riversato nei centri di chirurgia maxillo-facciale che potranno applicare protocolli terapeutici differenti da quelli praticati nelle prime strutture. Qual è la situazione nel resto del mondo? E molto differente. In 30 anni di attività, siamo riusciti a creare, in almeno dieci Paesi in via di sviluppo, centri di eccellenza dedicati, ovvero specializzati nelle malformazioni del viso, che prevedono non solo che i bambini possano accedere alle cure in età precoce, ma che vengano seguiti fino alla fine della crescita. Si tratta di strutture preparate ad intervenire, con un preciso timing, su tutte le patologie secondarie che possono presentarsi nelle successive fasi dello sviluppo. Alla luce della competenza acquisita, Operation Smile ha ritenuto necessario intervenire anche come organo consultivo nei confronti del Ministero al fine di tracciare il percorso verso il traguardo da raggiungere, anche in Italia. Il trattamento eccellente delle patologie maxillo-facciali in Italia non è invece garantito? In questo momento esistono dei centri di eccellenza a livello regionale che costituiscono punti di riferimento per il trattamento delle labiopalatoschisi ma general- 8

9 mente sono centri che riguardano gli ospedali pediatrici e che quindi forniscono un ottimo trattamento primario al bambino ma non hanno contezza di ciò che succede durante la crescita. I bambini, arrivati all età di anni, vengono ereditati da centri secondariamente specializzati nel trattamento delle patologie che non sono in collegamento diagnostico-terapeutico quindi non garantiscono l utilizzo di un unico protocollo rispetto ai centri pediatrici. In Italia, oggi, l unica realtà che assomiglia da vicino a quelle presenti nel resto del mondo in America ma anche nei Paesi in via di sviluppo - è il centro di Milano, presso l ospedale San Paolo. Al San Paolo, dove c era un centro regionale di riferimento per la labiopalatoschisi e per la chirurgia maxillo-facciale, Operation Smile ha fatto un investimento ed ha realizzato la prima Smile House, un centro di eccellenza che tratta il bambino dalla nascita fino al completo sviluppo della faccia. E la unica realtà organizzata e strutturata, perché ha, nello staff, non solo il chirurgo, ma anche l ortodontista, il logopedista, il foniatra, l otorinolaringoiatra, gli psicologi e tutti gli specialisti a servizio della patologia. Per il resto, in Italia il settore vive ancora di improvvisazione organizzativa, con centri che stanno gradualmente assumendo un atteggiamento di responsabilità nei confronti della patologia ed altri che invece non sentono l esigenza di evolversi. Quello che stiamo facendo ora, è proprio questo secondo passaggio. Oltre all esperimento della Smile House, ne abbiamo condotto un secondo, presso una struttura privata di Roma che ci è stata offerta gratuitamente per un fine settimana al mese: solo nel 2012 abbiamo operato oltre 60 bambini. A questo punto abbiamo avuto l opportunità meravigliosa di avere a disposizione l ospedale di Nave Cavour per iniziare un attività in una Regione strategicamente collocata dal punto di vista geografico; la struttura di Taranto ci permette infatti di servire Calabria, Sicilia, Molise, Puglia e zone limitrofe. La proposta della Marina per noi è stata davvero allettante. Conosciamo già Nave Cavour in quanto ci abbiamo già lavorato in occasione del disastro di Haiti e siamo certi che risponda in maniera perfettamente idonea al bisogno medico offrendo un ospedale chirurgico attrezzato di tutto punto per far fronte agli interventi. Quali sono i traguardi raggiunti dalla Smile House di Milano? Abbiamo preso il centro regionale di riferimento che già svolgeva circa interventi all anno e siamo riusciti a portarlo ad un livello di organizzazione tale da poterne garantire circa 120. Ma più che la risposta numerica, ci interessa l aver implementato il centro di tutti quei servizi che un tempo non metteva a disposizione. Abbiamo fatto dei contratti di ricerca; abbiamo integrato l attività con la presenza dello psicologo e dell ortodontista e di tutte le figure professionali necessarie per garantire l assistenza continuata e coordinata delle patologie. Relativamente all emergenza di Haiti, qual è stato il vostro impegno? Operation Smile era presente ad Haiti immediatamente dopo il terremoto. In genere noi non ci occupiamo di assistenza in generale, ma sempre di patologie maxillo-facciali. In quella circostanza però, come anche in occasione dello tsunami che si verificò in Indonesia, l organizzazione, proprio perché ha una dinamica molto efficiente e in grado di rispondere a qualsiasi tipo di esigenza organizzativa, ha prestato assistenza a 360 gradi, anche in quel caso in collaborazione con la Marina. Il problema di Haiti è che negli ospedali da campo alcuni interventi particolarmente delicati come quelli che riguardano i bambini o particolari soggetti a rischio di infezioni non potevano essere svolti. Quindi, rilevato questo dato dall organizzazione internazionale, abbiamo stretto un accordo con 9

10 la Marina Militare e con il Ministero della Difesa, che ci hanno consentito di salire a bordo della Nave Cavour per svolgere attività superspecialistica, cioè tutto quello che veniva svolto nei presidi dove Operation smile operava. Così i pazienti che non potevano essere operati nel campo venivano portati a bordo; abbiamo fatto circa 50 interventi, e siamo riusciti a fare un lavoro molto più selettivo e superspecialistico che altrimenti non si sarebbe potuto svolgere. Il capo di Stato maggiore, vedendo i risultati ottenuti in quell occasione ed anche la metodologia portata avanti siamo saliti su Nave Cavour dopo quattro giorni di mia ispezione a bordo ci ha nuovamente convocati offrendoci questa opportunità. Haiti ha quindi solidificato la vostra collaborazione con la Marina Da quel momento hanno scelto di impiegare la Nave non solo per uso militare ma di metterla a disposizione anche per usi civili. Quindi, sapendo che noi avevamo già operato a bordo e sapevamo come utilizzare al meglio la nave, ci hanno offerto una possibilità che io ho colto al volo. Bisogna considerare anche un altro aspetto: a Taranto è emerso un dato epidemiologico preoccupante che riguarda un aumento delle patologie legate all inquinamento ambientale. La nostra iniziativa si può leggere anche come una risposta intelligente verso queste popolazioni che in questo momento sono particolarmente esposte al problema. Inoltre, abbiamo pensato anche ad un piano B: se la nave dovesse servire per scopi militari e quindi essere indisponibile in alcuni periodi, saremmo ospitati dall ospedale militare. In Puglia avete calcolato il numero dei potenziali pazienti? L attività chirurgica dovrebbe arrivare a dare, a regime, la possibilità ad otto-dieci bambini ogni fine settimana, di poter usufruire delle cure necessarie. Significa raggiungere i livelli dei centri di eccellenza, ovvero bambini operati ogni anno. Potenzialmente la tipologia di assistenza fornita corrisponderebbe alle esigenze di un centro di eccellenza che svolge questo lavoro in maniera continuata e coordinata. Certo, in questo caso non sarà possibile 10

11 avere a disposizione tutte le figure professionali necessarie e dovremmo ricorrere a personale esterno ed infatti mi sto interessando a cercare, sul territorio, colleghi che vogliano fare parte del team e che siano disposti a professionalizzare la loro competenza. Prevediamo anche progetti di formazione del personale. Qual è il costo complessivo di questo progetto? Dal momento che abbiamo a disposizione l uso della nave a titolo gratuito, il progetto pugliese su Nave Cavour ha un costo di solo 80 euro a paziente quando, normalmente, il costo è di euro. L abbattimento delle spese dipende dal fatto che il costo dell ospedale viene assorbito totalmente dalla Marina. Ai nostri volontari viene dunque garantita solo la trasferta, perché per vitto e alloggio saremo a totale carico di Nave Cavour. Per il paziente la prestazione è totalmente gratuita: dovrà preoccuparsi solo di raggiungerci a Taranto. Dopodiché sarà completamente ospitato, con un genitore, a bordo della Nave, fino alle dimissioni. Con due notti di ospedalizzazione siamo in grado di fornire l assistenza completa. Ecco la lettera che Operation smile ha inviato ai presidenti degli Ordini dei medici ed ai colleghi snaitari in generale, per sensibilizzare al progetto e chiedere collaborazione: 11

12 Ennio Brunetta: Il mio metodo? Una medicina più umana RECUPERARE LE RADICI UMANISTICHE DELLA MEDICINA. E LA RICETTA DEL DOTT BRUNETTA, PRESIDENTE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ARTE E MEDICINA CON SEDE A LECCE Dott. Brunetta, Lei da diverso tempo porta avanti una particolare ricerca sul rapporto medico-paziente. Ce ne vuole parlare? Da diversi anni, 8 per l esattezza, sono fortemente impegnato nel recupero e la valorizzazione di quegli aspetti umani e culturali che, oggi più che mai, devono animare la professione del medico. Il punto centrale della mia ricerca è il processo di Umanizzazione della Medicina attraverso l arte, l arte intesa come mezzo di comunicazione tra medico e paziente. A mio avviso oggi è il momento giusto per il recupero delle radici umanistiche della medicina, di quell umanesimo che si fonda sul rispetto, l ascolto, lo spirito critico, la speranza e la solidarietà. Negli Stati Uniti, in Canada e in Francia, ad esempio, ci sono reparti nelle strutture ospedaliere che coinvolgono artisti nei processi di cura. Programmi di ricerca vengono avviati per studiare gli effetti dell arte sulla mente. Oggi Arte, Medicina e il Pianeta Sanità hanno ripreso a parlarsi dopo decenni di allontanamento. Le origini del conflitto sono da ricercare nelle profonde forze storiche, nella metamorfosi del concetto di responsabilità, nella trasformazione dei modelli organizzativi della sanità. E l avvento della tecnologia non ha favorito un processo di avvicinamento? No, tutt altro. La tecnologia ha favorito il processo di allontanamento del paziente dal medico. E nata così la medicina difensiva, fenomeno individuato nell ambito del Congresso degli Stati Uniti d America e che pesa 12

13 sulla spesa sanitaria totale per l 11.8%. A bilanciare questo processo di allontanamento, per fortuna da oltre vent anni sono diventati sempre più numerosi i medici che si sono rivolti all arte e l hanno introdotta negli spazi di cura, l hanno coltivata, e tutt ora continuano a farlo, come forma di sostegno alla propria attività clinica, proponendola ai pazienti come efficace supporto terapeutico e stimolo di guarigione. Sembrerebbe delinearsi un nuovo orizzonte per la medicina? Si, esattamente, un orizzonte in cui l arte diviene una reale e concreta azione di cambiamento dell essere medici, pazienti, cittadini; questo nuovo orizzonte arriva a dare nuovo senso a vecchie pratiche e rinnovato significato a relazioni umane che esistono da sempre e che oggi più che mai necessitano di un recupero dei propri valori fondanti: il rispetto, l ascolto, lo spirito critico, la speranza e la solidarietà. E proprio grazie all apertura di questa nuova prospettiva che oggi negli ospedali si dipinge, si suona, si danza, si fa teatro, riuscendo così a stimolare la capacità umana a risuonare con ciò che ci circonda in modo empatico. Quest empatia può però essere sfruttata non solo durante la cura ma anche, e soprattutto, nella fase precedente e cioè durante l elaborazione di un anamnesi. Quindi secondo Lei suono, movimento, colore e parole possono mettere in moto un processo di guarigione sin dalla fase dell anamnesi? Infatti, la condivisione di momenti di bellezza, secondo me, apre canali di comunicazione nuovi le cui potenzialità si vedono già in studio dove la condivisione di emozioni migliora il rapporto medicopaziente. Per questa via la medicina abbandona il caposaldo ottocentesco della relazione causaeffetto nel riconoscimento e trattamento della malattia e torna ad avere un approccio olistico al paziente, come accadeva ai tempi della scuola di Kos nell antica Grecia e come tuttora accade presso la medicina orientale. E guardi bene che tutto ciò comporta una nuova concezione di salute non solo in termini individuali ma anche dal punto di vista sociale. Ciò infatti implicherebbe un coinvolgimento degli organi di governo che, oggi più che mai, hanno necessità di controllare la spesa sanitaria, con conseguenti ricadute positive sull economia. E necessario perciò trovare nuove forme di comunicazione tra medico e paziente e ciò può avvenire anche attraverso l arte. Intorno a questa ricerca Lei ha elaborato un progetto molto particolare, vero? Si, Lei fa riferimento a Arte e medicina nei castelli, una settimana ricca di appuntamenti dedicati al confronto sulle potenzialità dell incontro tra arte e medicina. Si tratta di un progetto che intende 13

14 mettere in rete discipline, competenze e professionalità diverse tra loro e fare sistema al fine di permettere la crescita di un territorio attraverso una potente azione di comunicazione intorno al tema dell umanizzazione della medicina. Ne è Lei il promotore? Non solo. Siamo in tre il Salotto Culturale Samà, il Salento Guitar Festival e Arte e Medicina di Lecce seppur con differenti missioni ad avere un comune obiettivo: creare un azione replicabile negli anni che possa segnare un percorso attraverso luoghi del Salento delle tre province di Lecce, Brindisi e Taranto. Tutto ciò al fine di riscoprire il forte nesso esistente tra arte e medicina. Arte e medicina nei castelli si svolgerà dal 12 al 19 settembre all interno di alcuni dei castelli delle tre province. Attraverso incontri, eventi, lezioni-concerto, mostre e performance i castelli ritorneranno a vivere riscoprendo la loro funzione di contenitori di cultura, si apriranno così al territorio e incontreranno la cultura dei luoghi, portando conoscenza intorno al tema dell umanizzazione della medicina. La mattina ci saranno incontri in cui alla lezione su temi quali i neuroni specchio e l effetto placebo e nocebo ecc. si alternerà il concerto o il reading, il pomeriggio e la sera visite guidate per i siti archeologici del territorio, momenti d incontro con l artigianato e le produzioni locali. Il programma dei singoli appuntamenti sarà affidato non solo a me ma anche alla direzione artistica dei responsabili del Salotto Culturale Samà e del Salento Guitar Festival. Altre collaborazioni? Stiamo tessendo una tela molto interessante di soggetti pubblici e privati che hanno già ampiamente manifestato la propria adesione al progetto e siamo in fase di formalizzazione. Ma ho già da ora l onore di menzionare la collaborazione con la Scuola Internazionale di Umanizzazione della Medicina di Torino, grazie all interesse manifestato dalla direttrice, la dott.ssa Rossana Becarelli, medico e antropologo. Mi permetta di sottolineare che l evento nell insieme sarà occasione unica in Italia per uno scambio di esperienze tra il gruppo di medici artisti nazionale e i medici artisti locali. E anche prevista la partecipazione di pazienti-artisti e del personale parasanitario tutto, invitato a partecipare. Anzi, colgo l occasione per invitare tutti i colleghi medici artisti che, se interessati, potranno mettersi in contatto direttamente con me al numero o scrivere alla mail 14

15 di Gino Peccarisi Medici si diventa. Ma il sistema Italia non aiuta gli studenti UN PERCORSO SCOLASTICO DA RIPENSARE IN UN PAESE CHE ATTENDE STABILITÀ POLITICA E RISCATTO SOCIALE L e immatricolazioni alle Università italiane sono in calo, a testimonianza del periodo di crisi che attanaglia il nostro Paese, maggiormente colpito rispetto al resto dell Europa. Sostenere le spese per permettere ai figli il proseguimento degli studi universitari diventa proibitivo per le famiglie che, specie al Sud, hanno serie difficoltà quando devono fare i conti col bilancio familiare. E, tuttavia, quanto sopra, sembra non valere per le immatricolazioni a Medicina e Chirurgia come attestato dal Consiglio Universitario Nazionale; la laurea in Medicina pone prospettive non solo per la professione medica e ospedaliera tradizionale ma anche per altre attività quali la dirigenza sanitaria, esperti in materia di sicurezza sul lavoro, ricerca in ambito scientifico, per citare alcuni esempi. Così anche chi non è pronto ad affrontare l ardua sfida alla malattia, potrebbe essere calamitato verso una scelta che, per opinione consolidata, offre buone occasioni di lavoro. I medici italiani continuano a essere molto apprezzati fuori dai confini nazionali e il New England Journal of Medicine pone l Italia al quarto posto nel mondo per la Sanità. 15

16 Diverse migliaia di studenti si cimentano ogni anno con i test di accesso e chi non riesce a superare gli ostacoli in Italia, è pronto ad affrontare il percorso universitario all estero. I Paesi dell Est e la Spagna in testa permettono ai nostri giovani i percorsi alternativi e, in alcuni casi come succede in Albania, docenti di Università italiane sono i titolari di cattedra. Gli studenti intraprendono così l iter universitario superando le difficoltà che deriverebbero dalla conoscenza della lingua straniera mentre in Spagna corsi intensivi permettono l integrazione per superare l empasse. Il ministro Profumo, prima di abbandonare il suo ruolo, ha spostato quest anno la data per lo svolgimento del test di ammissione alla facoltà di medicina e odontoiatria da settembre al 23 luglio. Il prossimo anno sarà invece espletato in aprile. Un fulmine a ciel sereno per chi sperava di avere più tempo per il ripasso delle materie su cui verte l esame. I più sfortunati potrebbero affrontare la prova immediatamente dopo il colloquio di maturità. Il Miur giustifica la scelta con l adeguamento alle regole europee. In Italia è messo in discussione il percorso scolastico con studenti disorientati fra l impegno a conseguire la maturità con una buona valutazione e la possibilità di prepararsi per superare i test di iscrizione all Università. Il ruolo della scuola deve essere ripensato. Uno studente che ambisce a diventare medico è costretto a studiare materie che non riguarderanno i test di accesso; la valutazione della maturità perde di significato perché l anticipo in aprile precederà l esame finale e, paradossalmente, potrebbero essere idonei studenti bocciati al liceo. Crescono nel frattempo le organizzazioni che garantiscono la preparazione degli studenti e, accanto alle più quotate Alpha test e Cepu, fioriscono col passare degli anni, una miriade di nuove opportunità. Si predispongono corsi di preparazione anche per gli studenti del terzo e quarto anno delle scuole superiori, perfettamente compatibili con l impegno scolastico. Il percorso ufficiale, unico in grado di garantire una preparazione uguale per tutti, tarda a rinnovarsi. Il ricorso a soluzioni alternative, che richiedono un impegno economico supplementare per le famiglie, crea una differenza fra i cittadini, nonostante la Costituzione garantisca il diritto allo studio che non sembra alla portata di tutti. I ragazzi dovrebbero essere liberi di scegliere il proprio futuro non influenzato dalle incognite di un solo giorno in cui si svolgono le selezioni; i licei sono propedeutici agli studi universitari che rappresentano un percorso obbligato. L insuccesso porta a soluzioni 16

17 di ripiego che creano giovani delusi e frustrati per una valutazione che si vorrebbe più influenzata dal merito. L enorme numero di aspiranti a indossare il camice bianco non può più prescindere dal numero chiuso perché le Università hanno una limitata disponibilità di posti e la pletora del passato non ha permesso a tutti uguali opportunità. Con determinazione e ostinazione bisogna competere con i mezzi a disposizione, pur nella consapevolezza che il metodo attuale non selezionerà i più meritevoli. Il ministro Profumo, nell illustrare le prove di selezione, ha spiegato che la valutazione riguarderà le conoscenze acquisite in cultura generale, matematica, fisica, chimica e biologia. Un test preliminare di simulazione, non vincolante, sarà organizzato prima delle prove ufficiali e sul web saranno disponibili alcuni mezzi per esercitarsi. L anticipazione delle date continua a generare polemiche ma sembra necessario per motivi organizzativi. Le graduatorie, infatti, hanno bisogno di almeno due mesi per essere consolidate e molti studenti accedevano al corso di laurea a lezioni già iniziate. Prove tecniche di trasmissione di un Italia che attende da qualche tempo una politica forte, attenta e sensibile ai temi della ricerca, dell Università e della scuola per realizzare strategie in ambito europeo. Queste non devono essere sempre copia di ciò che altri fanno; siamo in grado di essere da esempio, avendone uomini e mezzi. Nell attesa si accarezzano sogni difficili da realizzare in balia di incertezze e paure per un futuro difficile da prevedere. E, anche quando la formazione individuale garantirebbe un apporto al progresso generale, le opportunità continuano a essere offerte fuori dai confini nazionali. I nostri uomini migliori manterranno alto il prestigio di una nazione, fra i primi posti al mondo per la Sanità, ma continueranno a sviluppare le potenzialità all estero da dove giunge l eco del loro impegno e dell apporto che incessantemente danno alla scienza e al progresso. Siamo in attesa di stabilità politica e di riscatto sociale in un Paese che auspichiamo sia in grado di investire sulle proprie potenzialità, al momento sopite, ma che con prepotenza vorrebbero essere scoperte. 17

18 Imaging funzionale cerebrale: la spettroscopia a risonanza magnetica STORIA, EVOLUZIONE E TRAGUARDI DI UNA NON RECENTE APPLICAZIONE CLINICA a cura di Ruggiero e Maria Luisa Calabrese Introduzione Il termine imaging funzionale racchiude una serie di tecniche di RM capaci di studiare l encefalo, valutandone caratteristiche strutturali (imaging di diffusione, perfusione e trattografia), biochimiche (spettroscopia) e di attivazione neuronale (fmri). In particolare, la spettroscopia protonica con risonanza magnetica (MRS) permette di valutare in vivo, con tecnica non invasiva, i livelli di alcuni metaboliti in specifiche aree cerebrali, selezionate dall operatore e di rilevare anomalie biochimiche che contribuiscono, assieme all indagine RM convenzionale, ad una diagnosi differenziale delle lesioni focali. Erroneamente si è portati a credere che la spettroscopia a RM sia una recente applicazione clinica, in realtà questa è stata la prima applicazione scoperta. Il concetto iniziale per l applicazione medica della Risonanza magnetica nucleare (come si chiamava in passato) nasce tra gli anni Quaranta e gli anni Settanta con la scoperta che in vitro determinati nuclei posizionati in un campo magnetico potevano assorbire l energia di una radiofrequenza con caratteristiche specifiche, per poi tornare allo stato iniziale cedendo l energia ricevuta (Felix Bloch e Edward Purcell 1946). Questa avvincente scoperta aprì la strada ad una nuova metodica di studio che permise di sviluppare una tecnica spettroscopica di laboratorio in grado di esaminare la struttura molecolare di composti organici. Molti anni dopo numerose importanti scoperte, tra cui la relazione tra la frequenza di precessione degli 18

19 spin e la forza del campo magnetico spiegata da Joseph Larmor. Damadian studiò lo spettro del sodio e del potassio in cellule animali, riuscendo a realizzare un apparecchiatura in grado di captare le emissioni radio degli atomi sottoposti a un campo magnetico e sollecitati da radiofrequenze. Dopo alcuni studi propose al mondo scientifico di prendere in considerazione la risonanza magnetica per la rivelazione delle malattie dell uomo, avendo scoperto che certi tumori del topo hanno elevati tempi di rilassamento rispetto ai tessuti sani. Nel 1974 brevettò la prima apparecchiatura RMN per lo studio del corpo umano, una sorta di grande spettroscopio in vivo. Come attestato dalla National Science Foundation, il brevetto includeva l idea di usare la RMN per analizzare l intero corpo umano per localizzare tessuti cancerosi. Tuttavia, non veniva descritta con precisione alcuna metodica su come effettuare l indagine su tutto il corpo o per ottenere immagini da tale tipo di esame. Quindi la risonanza magnetica nasce come indagine di spettroscopia da laboratorio e non come esame di diagnostica per immagini, questo sino alla scoperta gound-breaking di Damadian nel 1974, che culminò in seguito con la costruzione del primo scanner di risonanza magnetica che chiamò Indomabile. Principi di funzionamento Nella spettroscopia il segnale derivante da un dato elemento viene separato in funzione delle sue varie forme chimiche. La base di questo processo risiede sul principio che il campo magnetico che agisce sul nucleo atomico viene minimamente, ma in maniera significativa, modificato dai micro campi magnetici prodotti dagli elettroni presenti nella stessa molecola. In altre parole, la frequenza di un dato elemento viene ad essere influenzata dal contesto chimico della molecola in cui risiede. C - Brevetto del 1974 di apparato e metodo per l individuazione del cancro nei tessuti di Raymond Damadian Foto Raymond Vahan Damadian e il primo tomografo a RM della storia battezzato Indomabile 19

Imaging funzionale cerebrale: la spettroscopia a risonanza magnetica STORIA, EVOLUZIONE E TRAGUARDI DI UNA NON RECENTE APPLICAZIONE CLINICA

Imaging funzionale cerebrale: la spettroscopia a risonanza magnetica STORIA, EVOLUZIONE E TRAGUARDI DI UNA NON RECENTE APPLICAZIONE CLINICA Imaging funzionale cerebrale: la spettroscopia a risonanza magnetica STORIA, EVOLUZIONE E TRAGUARDI DI UNA NON RECENTE APPLICAZIONE CLINICA a cura di Ruggiero e Maria Luisa Calabrese Introduzione Il termine

Dettagli

Risonanza Magnetica. Spettroscopica. Franco Franco Alessandrini Verona

Risonanza Magnetica. Spettroscopica. Franco Franco Alessandrini Verona Risonanza Magnetica Spettroscopica Franco Franco Alessandrini Alessandrini Servizio Servizio di di Neuroradiologia Neuroradiologia Ospedale Ospedale Civile Civile maggiore maggiore Bgo. Bgo. Trento Trento

Dettagli

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria Consensus Meeting L Osservazione Temporanea e Breve in Pronto Soccorso Pediatrico Trieste, 14-15 ottobre 2005 Documento finale Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria 1 INDICE

Dettagli

MAGNETIC RESONANCE imaging and spectroscopy

MAGNETIC RESONANCE imaging and spectroscopy Applicazioni della NMR Struttura e funzioni di macromolecole Metabolismo Identificazione di molecole presenza/assenza di molecole Imaging MRI Magnetic Resonance Imaging MAGNETIC RESONANCE imaging and spectroscopy

Dettagli

Malattie acute complesse e terapia intensiva e sub intensiva pediatrica: rapporti con la rete Pasquale Di Pietro*, Nicola Pirozzi**

Malattie acute complesse e terapia intensiva e sub intensiva pediatrica: rapporti con la rete Pasquale Di Pietro*, Nicola Pirozzi** Malattie acute complesse e terapia intensiva e sub intensiva pediatrica: rapporti con la rete Pasquale Di Pietro*, Nicola Pirozzi** *Coordinatore DEA IRCCS G. Gaslini Genova **Coordinatore DEA - Ospedale

Dettagli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli Dott.ssa Maria Carla Attilia Pisano Medicina D Urgenza PS-AMC Primario Dott V. Piedimonte .. un unità

Dettagli

Ing. Anna Gaglianese anna.gaglianese@for.unipi.it

Ing. Anna Gaglianese anna.gaglianese@for.unipi.it Spettroscopia MRS Ing. Anna Gaglianese anna.gaglianese@for.unipi.it La risonanza magnetica nucleare (NMR) è un metodo non invasivo utilizzato per ottenere immagini cliniche e studi sul metabolismo in vivo.

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità È con vivo piacere che ho accettato l invito dell Associazione Calabro-Lombarda a trattare questo spinoso argomento. Sarebbe molto bello sentir parlare

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

GUIDA AL PRONTO SOCCORSO

GUIDA AL PRONTO SOCCORSO Corso M. Abbiate, 21 13100 VERCELLI Tel. +39 0161 5931 fax +39 0161 210284 www.aslvc.piemonte.it P.I. / Cod. Fisc. 01811110020 GUIDA AL PRONTO SOCCORSO Il Pronto Soccorso è la porta dell ospedale verso

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

L organizzazione delle Diagnostiche nelle maxiemergenze

L organizzazione delle Diagnostiche nelle maxiemergenze L organizzazione delle Diagnostiche nelle maxiemergenze I notevoli progressi tecnologici dell Imaging biomedicale hanno profondamente innovato l iter diagnostico strumentale nella gestione delle emergenze.

Dettagli

C). Quindi, con la spettroscopia NMR, le informazioni sulla struttura molecolare vengono dedotte osservando il comportamento dei nuclei atomici.

C). Quindi, con la spettroscopia NMR, le informazioni sulla struttura molecolare vengono dedotte osservando il comportamento dei nuclei atomici. La spettroscopia di Risonanza Magnetica Nucleare (NMR) è una tecnica analitica strumentale che permette di ottenere dettagliate informazioni sulla struttura molecolare dei composti in esame. La spettroscopia

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES

FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES Manifesto FIMEUC per le forze politiche scese in campo per il rinnovo del governo ORGANICI In

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BIANCHI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 MAGGIO 2008 Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

Dettagli

Il centro PET di Taranto sotto la lente di ingrandimento

Il centro PET di Taranto sotto la lente di ingrandimento ASSISTENZA SANITARIA Il centro PET di Taranto sotto la lente di ingrandimento Risultati di eccellenza quelli riscontrati fra l utenza, sia dal punto di vista sanitario che dell accoglienza. Unico punto

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO. Scopri un nuovo modo di stare bene

CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO. Scopri un nuovo modo di stare bene CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO Scopri un nuovo modo di stare bene Piazza Sant Agostino 1-20123 Milano www.cmsantagostino.it Pag. 1 di 7 INDICE 1. LA MISSION pag. 3 2. IL TARGET pag. 3 3. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

RUOLO DELL IMAGING TEMPESTIVO RICONOSCIMENTO LESIONE ESPANSIVA LOCALIZZAZIONE TOPOGRAFICA (SOVRA O SOTTO TENTORIALE -INTRA O EXTRA ASSIALE)

RUOLO DELL IMAGING TEMPESTIVO RICONOSCIMENTO LESIONE ESPANSIVA LOCALIZZAZIONE TOPOGRAFICA (SOVRA O SOTTO TENTORIALE -INTRA O EXTRA ASSIALE) Dr L.Romano RUOLO DELL IMAGING TEMPESTIVO RICONOSCIMENTO LESIONE ESPANSIVA LOCALIZZAZIONE TOPOGRAFICA (SOVRA O SOTTO TENTORIALE -INTRA O EXTRA ASSIALE) CARATTERIZZAZIONE DELLA LESIONE VALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

L ASSISTENZA INTEGRATA NEL WOUND CARE: IL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO E LA MULTIDISCIPLINARIETA PER L ORGANIZZAZIONE DELLE CURE

L ASSISTENZA INTEGRATA NEL WOUND CARE: IL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO E LA MULTIDISCIPLINARIETA PER L ORGANIZZAZIONE DELLE CURE L ASSISTENZA INTEGRATA NEL WOUND CARE: IL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO E LA MULTIDISCIPLINARIETA PER L ORGANIZZAZIONE DELLE CURE Angela Sammartino Specialist in Wound Care CONSULENTE OSSERVATORIO LDP,

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Arcispedale S. Maria Nuova Infrastruttura Statistica, Qualità e Studi Clinici Direttore p. t - dott. Salvatore De Franco PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Presentazione del Ministro della Salute Roma,

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 148 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Sandri, Bond, Caner, Lazzarini, Toscani, Cappon, Bozza, Corazzari, Tosato, Cenci,

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella DIPARTIMENTO EMATOLOGIA, ONCOLOGIA E MEDICINA DI LABORATORIO - DIRETTORE: PROF. F.W. GRIGIONI DIPARTIMENTO EMERGENZA/URGENZA, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI - DIRETTORE: PROF. A.D. PINNA DIPARTIMENTO

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA.

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. La Scuola di specializzazione in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica afferisce all Area Chirurgica Classe delle Chirurgie

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Prof. Paolo Randaccio Dott.ssa Antonella Fais Dott. Giovanni Angelo Porcu Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica,

Dettagli

Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie

Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie FORUM DELL ORIENTAMENTO 2015 per Studenti delle Scuole Superiori 3 e 4 Febbraio 2015 Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie Formazione

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA Rete ospedaliera Il sistema urgenza-emergenza in Italia, secondo quanto regolamentato dalle linee guida 1/96 in applicazione del DPR 27 marzo

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE

IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE Manuela Brusoni Versione italiana a cura di Lisa Cosmi Copyright 2006 SDA Bocconi, Milano Caso Manuela Brusoni Lisa Cosmi IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ

Dettagli

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA ADOS = Associazione Donne Operate al Seno Siamo un associazione di

Dettagli

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum La sorveglianza della mortalità materna in Italia: validazione del progetto pilota e prospettive future 5 Marzo 2015 Istituto Superiore di Sanità La Sorveglianza Ostetrica come occasione di integrazione

Dettagli

Odontoiatria e Protesi Dentaria

Odontoiatria e Protesi Dentaria Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria Classe LM- - Odontoiatria e protesi dentaria Test di accesso: 8 settembre 0 - N studenti*: 0+ (stranieri residenti all estero)

Dettagli

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE QUESITO (posto in data 2 giugno 2010) A quale medico spetta, per legge, l accompagnamento di un malato durante il trasporto da un ospedale

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

AIRFA newsletter. Cari Amici, gentili Famiglie, N 4, Marzo 2014. Devolvi il 5 per mille all Airfa. Codice fiscale N 94073140637

AIRFA newsletter. Cari Amici, gentili Famiglie, N 4, Marzo 2014. Devolvi il 5 per mille all Airfa. Codice fiscale N 94073140637 AIRFA newsletter N 4, Marzo 2014 Cari Amici, gentili Famiglie, l Associazione Italiana per Ricerca sull Anemia di Fanconi (AIRFA), in collaborazione con alcuni centri clinico/scientifici italiani e l Associazione

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Nucleare

Unità Operativa di Medicina Nucleare Parte Seconda (per il Medico di Famiglia) INDICAZIONI "APPROPRIATE" Nonostante la documentata efficacia diagnostica, la diffusione dei tomografi PET/CT sul territorio nazionale e regionale è ancora limitata

Dettagli

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia Autonoma di Bolzano Via Alessandro Volta, 3 I-39100 Bolzano (BZ) Tel. +39 0471 976619 Fax. +39 0471 976616 E-Mail: info@ordinemedici.bz.it

Dettagli

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO 1 OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO QUESITO (posto in data 21 gennaio 2010) Presso il nostro presidio ospedaliero è in funzione una guardia h 24 di rianimazione

Dettagli

ATTIVITA FORMATIVE DI TIROCINIO

ATTIVITA FORMATIVE DI TIROCINIO ATTIVITA FORMATIVE DI TIROCINIO Gli OBIETTIVI del toricinio sono: formare lo studente-logopedista nella conoscenza e nella pratica degli ATTI PROFESSIONALI SPECIFICI: osservazione, valutazione, programmazione,

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2016

PROGRAMMA FORMATIVO 2016 PROGRAMMA FORMATIVO 2016 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it U.O. POLITICHE PER

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Indicatori di attività Anno 2012 Anno 2013 N. Ricoveri Regime Ordinario 493 461. N. ricoveri Regime diurno 324 130

Indicatori di attività Anno 2012 Anno 2013 N. Ricoveri Regime Ordinario 493 461. N. ricoveri Regime diurno 324 130 AZIENDA SANITARIA LOCALE BT BARLETTA ANDRIA - TRANI AVVISO PUBBLICO, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO QUINQUENNALE DI DIREZIONE DELLA STRUTTURA COMPLESSA NEUROCHIRURGIA DEL PRESIDIO

Dettagli

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA Beatrice Berluti, Andrea Luigi Tranquilli Istituto di Scienze Materno-infantili Sezione di Clinica Ostetrica e Ginecologica Parlare di malattie autoimmuni in gravidanza

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

MI CHIAMO GIANCARLO FURLO' E SONO UN MMG.(MEDICO DI MEDICINA GENERALE)

MI CHIAMO GIANCARLO FURLO' E SONO UN MMG.(MEDICO DI MEDICINA GENERALE) BUONASERA A TUTTI E GRAZIE PER L'INVITO E L'OPPORTUNITA' CHE MI AVETE DATO DI RIFLETTERE SUL MIO LAVORO E DI CONDIVIDERE CON VOI QUESTE RIFLESSIONI IN RELAZIONE AL MANDATO DI QUESTA SERATA CHE E' RICOMINCIARE

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate AZIENDA OSPEDALIER A UNIVERSITA DI PADOVA ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate Preparato da Ref. GdL Dott.ssa C. Destro. Verificato da Direttore S.C. Qualità

Dettagli

Lecce, 19 Novembre 2012. - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi

Lecce, 19 Novembre 2012. - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi Lecce, 19 Novembre 2012 - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi - Al Presidente della Conferenza Stato-Regioni Ministro per gli Affari regionali, Turismo e Sport, Dr. Piero Gnudi - Ai Sigg. Presidenti

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC Centro Gestione Rischio Clinico DISCLAIM SUL CASO PRESENTATO Il presente caso è stato costruito esclusivamente a fini didattici; si è preso ispirazione da un

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE SCREENING ECOGRAFICO DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE DEL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE SCREENING ECOGRAFICO DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE DEL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE ENTE ECCLESIASTICO CIVILMENTE RICONOSCIUTO 16122 GENOVA Corso Solferino, 1A Tel 010/55221 Sede Legale: Salita Sup. S. Rocchino, 31/A STRUTTURA COMPLESSA DI OSTETRICIA

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

Nota metodologica. Avvertenze

Nota metodologica. Avvertenze 1 Nota metodologica Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA

NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA Le storie delle famiglie che vivono l esperienza della nascita pretermine di un figlio Ministero della Salute, Roma 16 settembre 2015 Con la

Dettagli

Incidentalomi del Surrene. Il Punto di Vista del Radiologo. E. Squillaci

Incidentalomi del Surrene. Il Punto di Vista del Radiologo. E. Squillaci Department of Diagnostic and Molecular Imaging, Interventional Radiology, Nuclear Medicine and Radiotherapy University "Tor Vergata Rome Italy Incidentalomi del Surrene. Il Punto di Vista del Radiologo

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA Direzione Medica di Presidio ARCISPEDALE SANT'ANNA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA A cura

Dettagli

Telemedicina a Messina: la città è già proiettata nel futuro Presentato il progetto RESPECT sul trauma cranico

Telemedicina a Messina: la città è già proiettata nel futuro Presentato il progetto RESPECT sul trauma cranico Telemedicina a Messina: la città è già proiettata nel futuro Presentato il progetto RESPECT sul trauma cranico Mercoledì 7 giugno 2006 si è tenuta al Policlinico Universitario di Messina la conferenza

Dettagli

L innovazione nella logistica ospedaliera

L innovazione nella logistica ospedaliera L innovazione nella logistica ospedaliera Trasporto paziente Movimentazione interna Milano, 28 settembre 2009 Maurizio Da Bove La logistica in sanità Il concetto di logistica in sanità riguarda due tipi

Dettagli

REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991

REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991 REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991. Profilo oggettivo DESCRIZIONE DEL FABBISOGNO Contesto organizzativo in

Dettagli

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale Novara, 5 marzo 2013 CONTINUITA E CENTRALITA DEL PAZIENTE: LE DIRETTRICI DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELL ASL NO Oggi, martedì 5 marzo 2013 alle 11.00, alla presenza del Presidente della Regione Piemonte,

Dettagli

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali.

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

MANIFESTO FIMEUC 2014-16

MANIFESTO FIMEUC 2014-16 Federazione Italiana di Medicina di Emergenza-Urgenza e Catastrofi SIMEU. SIMEUP. CoMES. SMI. SNAMI-ES. SPES. CIMO-ASMD. ANAAO MANIFESTO FIMEUC 2014-16 SISTEMA EMERGENZA URGENZA: ANALISI CRITICITA E PROPOSTE

Dettagli

"La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale".

La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale. LEGGE REGIONALE 8 maggio 1987, N. 16 "La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale". (BURL n. 19, 1º suppl. ord. del 13 Maggio 1987 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1987-05-08;16 Titolo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

(su proposta della Presidente Marini) LA GIUNTA REGIONALE

(su proposta della Presidente Marini) LA GIUNTA REGIONALE 1890 Sezione II ATTI DELLA REGIONE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 giugno 2011, n. 631. Progetto di cooperazione internazionale rivolto a minori extracomunitari - Approvazione schema di protocollo

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 918 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARINELLO, VINCENZO ANTONIO FONTANA, MISURACA, PAGANO Norme per l assistenza alla nascita

Dettagli