Review Giornale Italiano di Ecografia Cardiovascolare Settembre 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Review ... ... ... Giornale Italiano di Ecografia Cardiovascolare Settembre 2006"

Transcript

1 giec n print :49 Pagina 29 Review NELLA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE DIASTOLICA IN PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO E FIBRILLAZIONE ATRIALE Titolo breve: Scompenso, fibrillazione atriale e funzione diastolica Titolo inglese: Role of Doppler Echocardiography for the evaluation of diastolic function in patients affected by heart failure and atrial fibrillation RIASSUNTO La fibrillazione atriale (F.A.) è una condizione comune nei pazienti con scompenso cardiaco cronico, rappresentando l aritmia sostenuta più frequente. Secondo le linee guida internazionali, nello scompenso cardiaco è opportuno un accurato studio della funzione diastolica ventricolare, indipendentemente dal ritmo di base. Nei pazienti con F.A. la perdita della contrazione atriale, il mancato controllo della frequenza cardiaca, l irregolarità dei cicli cardiaci, associata all elevata variabilità delle condizioni di carico, influenzano sia il flusso transmitralico che quello venoso polmonare. Nonostante ciò, lo studio della diastole e la stima della pressione di incuneamento capillare polmonare (PCWP) possono essere ottenute, in modo abbastanza accurato, anche nei pazienti con scompenso e fibrillazione atriale. Nuovi parametri doppler meno carico-dipendenti sono stati introdotti, e tra questi la velocità di propagazione del flusso mitralico (Vp). Infine, il Doppler tissutale aumenta l accuratezza diagnostica nello studio della diastole anche nei pazienti con fibrillazione atriale. ABSTRACT Atrial fibrillation is a frequent arrhythmia in patients with heart failure. According to the International Guidelines, in patients with Heart Failure is important to obtain a complete study of left ventricular diastolic function. In patients with Atrial Fibrillation the lose of atrial contraction, the variability of ventricular frequency, the variability of R-R intervals, can influence the study of mitral and pulmonary flow. Howewer, the evaluation of wedge capillaries pressure is obtained with a high accuracy also in patients with atrial fibrillation and heart failure. New Doppler parameters, as mitral flow velocity propagation and tissue Doppler velocities, have showed a good accuracy in the evaluation of diastolic parameters in patients with atrial fibrillation.... Indirizzo per la corrispondenza: Scipione Carerj, MD U.O.C. di Emodinamica, Policlinico Universitario G. Martino Via Consolare Valeria, Gazzi Messina Italia Tel Fax Giornale Italiano di Ecografia Cardiovascolare Settembre 2006

2 giec n print :49 Pagina 30 INTRODUZIONE Negli ultimi trenta anni l ecocardiografia Doppler è emersa come un alternativa non invasiva al cateterismo La fibrillazione atriale è una condizione comune nei pazienti con scompenso cardiaco cronico e disfunzione ventricolare sinistra, rappresentando l aritmia cardiaco per la valutazione della funzione ventricolare e di tutte le variabili emodinamiche ad essa connesse sostenuta più frequente. La prevalenza di questa aritmia nei grandi trials clinici varia tra il 13 ed il 50% e risulta correlata alla severità dello scompenso cardiaco 1-7. Studi osservazionali su grandi popolazioni hanno rilevato che l incidenza e la prevalenza DALLA FISIOPATOLOGIA ALLA VALUTAZIONE ECOCARDIOGRAFICA della fibrillazione atriale aumentano parallelamente all incremento dell età e della severità della cardiopatia. Una recente analisi dell Euro Heart Failure Survey, condotto su oltre undicimila pazienti affetti da scompenso cardiaco cronico, ha evidenziato Un esame Doppler ben condotto è in grado di fornire dati tanto accurati quanto quelli ricavati dal cateterismo cardiaco Lo studio di modelli sperimentali di scompenso car- che il 23% presentava fibrillazione atriale 3. diaco 12 ha permesso di dimostrare chiaramente che Attualmente le linee guida delle società scientifiche internazionali indicano l opportunità di sottoporre ad esame ecocardiografico tutti i pazienti con diagnosi sospetta o certa di scompenso cardiaco cronico, al fine di evidenziare eventuali cause correggibili, segni prognostici e valutare l efficacia della terapia instaurata Nonostante ciò, dal 18 al 50% circa dei pazienti ricoverati in ambiente ospedaliero o sottoposti a visita ambulatoriale con diagnosi sospetta o certa di scompenso cardiaco non vengono sottoposti a valutazione della funzione ventricolare. Dei pazienti studiati, inoltre, risulta che circa la metà presentano normale funzione sistolica ventricolare sinistra. In questi pazienti, le anomalie del rilasciamento ventricolare sinistro e quindi la disfunzione diastolica sono solitamente la causa dei sintomi di scompenso cardiaco. Pertanto, la funzione diastolica del ventricolo sinistro ricopre un ruolo rilevante nel produrre i segni ed i sintomi dello scompenso cardiaco cronico anche in assenza di disfunzione sistolica. Data la complessità delle interrelazioni esistenti tra gli eventi che compongono la fase del riempimento ventricolare sinistro, in passato la valutazione della funzione diastolica è stata limitata al laboratorio di emodinamica, dove venivano eseguiti complessi calcoli delle relazioni pressione-volume e determinazioni della velocità di riduzione della pressione endoventricolare su curve pressorie di elevata accuratezza 8. accanto allo sviluppo ed all evoluzione delle diverse forme di cardiopatia, si assiste invariabilmente ad una progressione verso gradi crescenti di disfunzione diastolica ventricolare sinistra. Negli stadi precoci di disfunzione, l alterato rilasciamento del ventricolo sinistro causa, in condizioni di riposo, una riduzione del riempimento diastolico precoce a parità di pressioni di riempimento. Questo effetto si traduce in un iniziale riduzione della velocità dell onda E, in un prolungamento del tempo di decelerazione dell onda E ed in un incremento della percentuale di riempimento ventricolare dovuto alla contrazione atriale (figura 1). Con il progredire dell entità della disfunzione diastolica, la pressione atriale sinistra aumenta, aumentando a sua volta il gradiente pressorio attraverso la valvola mitrale. A questa mutata situazione emodinamica si accompagna un graduale incremento della velocità dell onda E ed una riduzione dell effettivo rilasciamento ventricolare attivo cui consegue un accorciamento del tempo di decelerazione dell onda E. Negli stadi più avanzati della disfunzione gli ulteriori incrementi delle pressioni di riempimento, determinano più alti rapporti E/A e ad ancor più ridotti tempi di decelerazione dell onda E (figura 2). La correlazione tra i diversi pattern velocimetrici del flusso transmitralico e l entità della disfunzione diastolica è in grado di stratificare la prognosi, indipendentemente dal grado di disfunzione sistolica Giornale Italiano di Ecografia Cardiovascolare Settembre 2006

3 giec n print :49 Pagina 31 Fig. 1 (Disfunzione diastolica di 1 grado) Doppler pulsato flussimetrico in paziente con ritmo sinusale. E evidente un rapporto E-A inferiore a 1, ed un tempo di decelerazione dell onda E (DT) = 240 mm/sec. Il 20% circa dei pazienti affetti da scompenso cardiaco cronico presenta fibrillazione atriale In Inoltre, la valutazione seriata non-invasiva delle tale condizione la perdita della contrazione atriale pressioni di riempimento ventricolare sinistro, in da un lato, e del controllo della frequenza cardiaca pazienti con scompenso cardiaco, può svolgere un dall altro, influenza sia il flusso transmitralico che ruolo molto importante anche nel monitoraggio quello venoso polmonare, e la relazione tra le variabili Doppler e la pressione di riempimento ventrico- degli effetti del trattamento attuato. Numerosi studi hanno dimostrato che questo tipo di monitoraggio lare sinistro diventa più complessa. La perdita della può essere effettuato combinando diversi parametri contrazione atriale comporta una profonda alterazione della fase di riempimento ventricolare sinistro ecocardiografici e Doppler Il disegno della mag- che, in questa condizione, dipende esclusivamente dalla fase di rilasciamento attivo. Parallelamente il Doppler flussimetrico transmitralico registra la presenza di un unica onda E monofasica (figura 3). A livello del flusso venoso polmonare si registra la perdita dell onda A reverse e la scomparsa della prima componente (S1) del flusso sistolico anterogrado, quest ultima dovuta alla perdita del rilasciamento attivo atriale sinistro. Oltre a questi effetti sul riempimento ventricolare e atriale sinistro dovuti alla perdita della contrazione atriale, l irregolarità dei cicli cardiaci, associata all elevata variabilità delle condizioni di carico, produce spiccate variazioni battito-battito nelle velocità sia trans-mitraliche che del flusso venoso polmonare. Nonostante tutto, Fig. 2 la valutazione della funzione diastolica ventricolare (Disfunzione diastolica di 3 grado) Doppler pulsato flussimetrico transmitralico in paziente con ritmo sinusale, è evidente rapporto E-A maggiore di 2, ed un tempo di decelerazione capillare polmonare (PCWP) possono essere otte- sinistra e la stima della pressione di incuneamento mitralica (DT) inferiore a 140 mm/sec. nute, in modo abbastanza accurato, anche nei Giornale Italiano di Ecografia Cardiovascolare Settembre gior parte degli studi precedentemente riportati ha comunque previsto l esclusione dei pazienti in fibrillazione atriale, verosimilmente per le difficoltà legate alla spiccata variabilità inter-ciclo dei parametri Doppler. I risultati degli stessi studi e l applicabilità dei parametri presi in esame sarebbe quindi da limitare ai pazienti in ritmo sinusale. Pertanto, è utile analizzare in maniera indipendente le esperienze scientifiche fin qui maturate nello studio ecocardiografico-doppler della funzione diastolica nei pazienti affetti da scompenso cardiaco in fibrillazione atriale. LA DIASTOLE IN CORSO DI FIBRILLAZIONE ATRIALE

4 giec n print :49 Pagina 32 Fig. 3 (Disfunzione diastolica in paziente con fibrillazione atriale) Doppler pulsato flussimetrico mitralico in paziente con fibrillazione atriale. Tempo di decelerazione dell onda E (DT) = 126 mm/sec. Nei pazienti in fibrillazione atriale, gli indici calcolati sulla fase precoce del riempimento ventricolare sinistro, cioè il tempo di rilasciamento isovolumetrico, il tempo di decelerazione, la velocità di decelerazione, e la frazione sistolica del flusso venoso polmonare sono correlate alla PCWP quasi quanto lo sono nei pazienti in ritmo sinusale Temporelli e coll. hanno dimostrato che valori di tempo di decelerazione dell onda E (DT) 120ms sono in grado di predire, con elevata accuratezza (sensibilità 100%; specificità 96%), alti valori di PCWP ( 20mmHg) in pazienti con scompenso cardiaco in fibrillazione atriale 20. Nagueh e coll. 21 hanno dimostrato che il picco di accelerazione dell onda E (PAcc), il tempo di rilasciamento isovolumetrico, il tempo di decelerazione dell onda E ed il rapporto della velocità di E per la velocità di propagazione al color M-mode, del flusso mitralico precoce (E/Vp) sono fortemente correlati alla pressione di riempimento ventricolare sinistra 21. In modo particolare, la velocità di propagazione del flusso mitralico (protodiastolico) dalla base all apice del ventricolo sinistro (Vp), 22 risulta strettamente correlata con la costante di rilasciamento isovolumetrico ventricolare sinistro (τ, tau) 23. In pazienti con alterato rilasciamento ventricolare ed elevata pressione telediastolica, la propagazione del flusso di riempimento diminuisce rapidamente nonostante l aumento della velocità di picco dell onda E al doppler pulsato (figura 4). Conseguentemente, all aumentare della severità dello scompenso cardiaco, aumenta il rapporto E/Vp che può essere un indice più sensibile della velocità di E e della Vp da sole nell identificare elevate pressioni di riempimento ventricolari sinistre. Recentemente Oyama e coll. 24 hanno dimostrato che un valore di cut-off del rapporto E/Vp di 1,7 è in grado di predire con una buona accuratezza la presenza di elevati valori di PCWP (>15mmHg) in pazienti con scompenso cardiaco in fibrillazione atriale 24. Negli ultimi anni il Doppler tissutale è diventato una tecnologia ampiamente diffusa. La velocità del rilasciamento precoce diastolico (Ea) ventricolare pazienti affetti da scompenso cardiaco in fibrillazione atriale. L irregolarità dei cicli cardiaci che caratterizza la fibrillazione atriale produce variazioni battito-battito della contrattilità, del precarico, del post-carico e del grado di rigurgito mitralico che comportano una maggiore variabilità delle misure Doppler rispetto al ritmo sinusale. Per cercare di minimizzare questi limiti i pazienti, da sottoporre a studio Doppler della funzione diastolica, dovrebbero ricevere terapia medica ottimizzata che comprenda anche farmaci in grado di ridurre sufficientemente e di regolarizzare quanto più possibile la frequenza ventricolare. Inoltre, gli intervalli cardiaci più brevi (<600ms) non dovrebbero essere analizzati perché spesso si associano a fusione delle onde di flusso venoso polmonare. L incrementata variabilità osservata in corso di fibrillazione atriale impone che la valutazione dei parametri Doppler ed il calcolo delle loro medie vengano effettuati su un numero di battiti tre volte superiore a quello necessario per i pazienti in ritmo sinusale, cioè tra i 5 e i 10 battiti. E da sottolineare che per ottenere dati clinicamente significativi va applicata una metodologia molto meticolosa cui si devono dedicare importanti risorse di tempo che possono limitare l applicazione di questi parametri nella pratica clinica. sinistro registrata a livello dell annulus mitralico è 32 Giornale Italiano di Ecografia Cardiovascolare Settembre 2006

5 giec n print :49 Pagina 33 Fig.4 Color M-mode in paziente con fibrillazione atriale. Calcolo della velocità di propagazione protodiastolica all interno del ventricolo sinistro. flussimetrico, e l inizio dell onda Ea a livello dell annulus mitralico (T E-Ea ). Come riferimento fisso per la misura degli intervalli di tempo gli autori hanno considerato il picco dell onda R della traccia elettrocardiografica. Data la notevole differenza dei tempi diastolici al variare anche minimo della lunghezza del ciclo cardiaco, solo i cicli con variabilità </= 5 ms sono stati considerati per le misurazioni flussimetriche e tissutali da includere nel calcolo del suddetto parametro. Ai fini della determinazione del TE-Ea, è stata considerata la media degli intervalli di tempo per i quattro segmenti dell annulus mitralico. Dividendo la popolazione dei pazienti con fibrillazione atriale in due sottogruppi in base al valore della PCWP gli autori hanno dimostrato che valori di IVRT/TE-Ea<5,59 sono in grado di identificare i pazienti con PCWP>15mmHg. Sohn e coll. hanno valutato la sensibilità e la specificità della velocità dell onda E in pazienti con fibrillazione atriale non reumatica 30. Essi hanno dimostrato che una velocità dell onda E < 8 cm/s ha una sensibilità del 73% ed una specificità del 100% nell identificare una normale funzione diastolica (tau >/= 50ms). Essi, inoltre, hanno dimostrato che un rapporto E/E1 >/= 11 si associa in questi pazienti a una pressione telediastolica >/= 15 mm Hg con una sensibilità del 75% ed una specificità del 93% 30. L applicazione dello Strain Rate Imaging (SRI) allo studio della diastole ventricolare ha messo in evidenza nuovi concetti fisiologici e fisiopatologici. Dall analisi della curva protodiatolica (SRe) e telediastolica (SRa) di SR è emerso che, nei soggetti con funzione diastolica normale (valutata mediante i metodi tradizionali), le componenti SRe e SRa dei segmenti apicali risultano ritardate rispetto a quelle dei segmenti medi e basali. Durante la diastole quindi, le due fasi diastoliche procedono temporalmente in senso base-apice con un ritardo misurabile Nei soggetti con disfunzione diastolica, si osserva un incremento del ritardo in senso base-apice sia per la componente SRe che SRa, che correla con la riduzione della velocità Em dell annulus mitralico 31. Benchè i dati ottenuti sino ad oggi, si riferiscano a pazienti in ritmo sinusale, è ipotizzabile che lo SRI risultata essere una misura, relativamente indipendente dalle condizioni di carico, della capacità di rilasciamento miocardico in pazienti con cardiopatia strutturale Crescenti evidenze scientifiche supportano l idea che l associazione dei parametri Doppler flussimetrici e tissutali possa aumentare l accuratezza diagnostica nello studio della funzione diastolica del ventricolo sinistro nei pazienti in ritmo sinusale Il rapporto delle velocità diastoliche precoci registrate a livello transmitralico, con il Doppler pulsato, ed a livello del segmento laterale dell annulus mitralico, con il Doppler tissutale (E/Ea), è risultato positivamente correlato alla pressione di riempimento del ventricolo sinistro misurata invasivamente. Valori di E/Ea>15 sono risultati predittivi (sensibilità 92%, specificità 90%) di elevate PCWP (>15mmHg) in pazienti con disfunzione sistolica in ritmo sinusale 29. Recentemente Nagueh e coll. 28 hanno valutato la capacità di diversi parametri Doppler flussimetrici e tissutali nel predire i valori di pressione atriale sinistra in pazienti con valvulopatia mitralica 28. Dei 51 pazienti studiati 13 presentavano fibrillazione atriale. In questi pazienti il parametro più significativamente correlato alla PCWP è risultato il rapporto tra il tempo di rilasciamento isovolumetrico ventricolare sinistro (IVRT) e la differenza temporale tra l inizio dell onda E, registrata a livello transmitralico con metodo possa essere di aiuto nella valutazione della funzione Giornale Italiano di Ecografia Cardiovascolare Settembre

6 giec n print :49 Pagina 34 diastolica nei pazienti in F.A., potendo anche permettere di svelare gradi di disfunzione diastolica non identificabili con i metodi di studio tradizionali. CONSIDERAZIONI FINALI L ecocardiografia Doppler è ad oggi riconosciuta come uno strumento affidabile e riproducibile per la valutazione della funzione diastolica in presenza di differenti cardiopatie. Numerosi studi hanno ormai chiaramente dimostrato che la pressione di riempimento ventricolare sinistra e la PCWP media possono essere stimate con lo studio di variabili flussimetriche mitraliche e venose polmonari. In modo particolare, un eccellente correlazione inversa è stata trovata tra il DT e la PCWP in pazienti con severa disfunzione sistolica ventricolare sinistra sia in ritmo sinusale che in fibrillazione atriale. Nonostante ciò, l elevata variabilità delle condizioni emodinamiche in corso di fibrillazione atriale, impone l utilizzo di parametri Doppler che siano meno dipendenti dalle condizioni di carico. La combinazione di parametri flussimetrici con parametri differenti derivati dall analisi del flusso transmitralico con il Color M-mode o dall analisi Doppler tissutale e dalle tecniche da esso derivate, potrebbe essere di grande utilità in questo particolare contesto clinico. Ulteriori studi sono, comunque, necessari per valutare, con rigore scientifico, la capacità dei nuovi parametri. B I B L I O G R A F I A 1. Effects of Enalapril on mortality in severe congestive heart failure. Results of the Cooperative North Scandinavian Enalapril Survival Study (CONSENSUS). The CONSENSUS Trial Study Group. N Engl J Med 1987;316: Kannel WB, Belanger AJ. Epidemiology of heart failure. Am Heart J 1991;121: Cleland JG, Swedberg K, Follath F et al. The EuroHeart Failure survey programme-a survey on the quality of care among patients with heart failure in Europe. Part 1: patient characteristics and diagnosis. Eur Heart J 2003;24: The Task Force for the Diagnosis and Treatment of Chronic Heart Failure of the European Society of Cardiology. Guidelines for the diagnosis and treatment of chronic heart failure: executive summary (update 2005). Eur Heart J 2005;26: Hunt SA, Abraham WT, Chin MH et al. ACC/AHA guideline update for the diagnosis and management of chronic heart failure in the adult Summary article. Circulation 2005 (in press). 6. Lenzen MJ, Scholte op Reimer WJM, Boersma E et al. Differences between patients with a preservend and a depressed left ventricular function: a report from the EuroHeart Failure Survey. Eur Heart J 2004;25: Cleland JGF, Cohen-Solal A, Cosin Aguilar J et al. Management of heart failure in primary care (the IMPROVE- MENT of Heart Failure Programme): an international survey. Lancet 2002;360: Mirsky I. Assessment of diastolic function: suggested methods and future considerations. Circulation 1984;69: Nishimura RA, Tajik AJ. Quantitative hemodinamics by Doppler echocardiography: a noninvasive alternative to cardiac catheterization. Prog Cardiovasc Dis 1994;36: Oh JK. Echocardiography as a noninvasive Swan-Ganz catheter. Circulation 2005;111: DeMaria AN, Wisenbaugh T. Identification and treatment of diastolic dysfunction: role of transmitral Doppler recordings. J Am Coll Cardiol 1987;9: Ohno M, Cheng CP, Little WC. Mechanism of altered filling patterns of left ventricular filling during the development of congestive heart failure. Circulation 1994;89: Rihal CS, Nishimura RA, Hatle LK, Bailey KR, Tajik AJ. Systolic and diastolic dysfunction in patients with clinical diagnosis of dilated cardiomyopathy: relation to symptoms and prognosis. Circulation 1994;90: Xie GY, Berk MR, Smith MD, Gurley JC, De Maria AN. Prognostic value of Doppler transmitral flow patterns in patients with congestive heart failure. J Am Coll Cardiol 1994;24: Pozzoli M, Capomolla S, Opasich C, et al. Left ventricular filling pattern and pulmonary wedge pressure are closely related in patients with recent anterior myocardial infarction and left ventricular dysfunction. Eur Heart J 1992;13: Kopecky SI, Gersh BJ, McGoon MD, et al. The natural histo- 34 Giornale Italiano di Ecografia Cardiovascolare Settembre 2006

7 giec n print :49 Pagina 35 ry of lone atrial fibrillation: a population-based study over three decades. New Engl J Med 1987;317: Kannel WB, Abbott RD, Savane DD, Mc Namara PM. Epidemiologic features of chronic atrial fibrillation. New Engl J Med 1982;306: Traversi E, Corbelli F, Pozzoli M. Doppler echocardiography reliably predicts pulmonary artery wedge pressure in patients with chronic heart failure even when atrial fibrillation is present. Eur J Heart Fail 2001;3: Pozzoli M, Capomolla S, Pinna G, et al. Doppler echocardiography reliably predicts pulmonary artery wedge pressure in patients with chronic heart failure with and without mitral regurgitation. J Am Coll Cardiol 1996;27: Temporelli PL, Scapellato F, Corrà U, Eleuteri E, Imparato A, Giannuzzi P. Estimation of pulmonary wedge pressure by transmitral Doppler in patients with chronic heart failure and atrial fibrillation. Am J Cardiol 1999;83: Nagueh SF, Kopelen HA, Quinones MA. Assessment of left ventricular filling pressure by Doppler in the presence of atrial fibrillation. Circulation 1996;94: Garcia MJ, Smedira NG, Greenberg NL, et al. Color M-mode Doppler flow propagation velocity is a preload insensitive index of left ventricular relaxation: animal and human validation. J Am Coll Cardiol 2000;35: Brun P, Tribouilloy C, Duval AM et al. Left ventricular flow propagation during early filling is related to wall relaxation: a color M-mode Doppler analysis. J Am Coll Cardiol 1992;20: Oyama R, Murata K, Tanaka N, et al. Is the ratio of transmitral peak E-wave velocity to color flow propagation velocity useful for evaluating the severity of heart failure in atrial fibrillation. Circ J 2004;68: Nagueh SF, Middleton KJ, Kopelen HA, et al. Doppler tissue imaging: a noninvasive technique for evaluation of left ventricular relaxation and estimation of filling pressures. J Am Coll Cardiol 1997;30: Sohn DW, Chai IH, Lee DJ, et al. Assessment of mitral annulus velocity by Doppler tissue imaging in the evaluation of left ventricular diastolic function. J Am Coll Cardiol 1997;30: Ommen S, Nishimura RA, Appleton CP, et al. Clinical utility of Doppler echocardiography and tissue Doppler imaging in the estimation of left ventricular filling pressures: a comparative simultaneous Doppler-catheterization study. Circulation 2000;102: Diwan A, McCulloch M, Lawrie GM, Reardon MJ, Nagueh SF. Doppler estimation of left ventricular filling pressures in patients with mitral valve disease. Circulation 2005;111: Dokainish H, Zoghbi WA, Lakkis NM, et al. Optimal noninvasive assessment of left ventricular filling pressures A comparison of tissue Doppler echocardiography and B-type natriuretic peptide in patients with pulmonary artery catheters. Circulation 2004;109: Sohn DW, Song JM, Zo JH, Chai IH, Kim HS, Chum HG, Kim HC. Mitral annulus velocity in the evaluation of left ventricular diastolic function in atrial fibrillation. J Am Soc Echocardiogr. 1999; 12(11): StØylen A, SlØrdahl S, Skjelvan GK, Heimdal A, Skjaerpe T. Strain Rate imaging in normal and reduced diastolic function: comparison with pulsed doppler tissue imaging of the mitral annulus. J Am Soc Echocardiogr 2001; 14: Voigt JU, Lindenmeier G, Werner D et al. Strain rate imaging for the assessment of preload-dependent changes in regional left ventricular diastolic longitudinal function. J Am Soc Echocardiogr 2002; 15: Giornale Italiano di Ecografia Cardiovascolare Settembre 2006

APPLICAZIONE DELL ESAME ECOCARDIOGRAFICO: DOPPLER TISSUTALE PULSATO IN CANI DI RAZZA BOXER

APPLICAZIONE DELL ESAME ECOCARDIOGRAFICO: DOPPLER TISSUTALE PULSATO IN CANI DI RAZZA BOXER ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA DI BOLOGNA Dottorato di Ricerca in ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA UMANA E VETERINARIA XX CICLO AA.AA. 2005-2007 Coordinatore: Chiarissimo Prof. Luigi Bolondi APPLICAZIONE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA U.O. Ambulatori Cardiologici Specialistici di Screening e Pre-ospedalizzazione LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D Federica Sambugaro DOPPLER

Dettagli

STENOSI MITRALICA. 5 mm) Ispessimento esteso per 1/3 della lunghezza delle corde

STENOSI MITRALICA. 5 mm) Ispessimento esteso per 1/3 della lunghezza delle corde STENOSI MITRALICA Valutazione anatomica La valvola mitralica è facilmente esplorabile con tecnica ecocardiografica sia dall'approccio parasternale che apicale. La causa di gran lunga più frequente della

Dettagli

THREE-DIMENSIONAL ECHOCARDIOGRAPHIC EVALUATION OF LEFT VENTRICULAR DYSSYNCHRONY IN PEDIATRIC TRANSPLANTED HEART: A PILOT STUDY

THREE-DIMENSIONAL ECHOCARDIOGRAPHIC EVALUATION OF LEFT VENTRICULAR DYSSYNCHRONY IN PEDIATRIC TRANSPLANTED HEART: A PILOT STUDY THREE-DIMENSIONAL ECHOCARDIOGRAPHIC EVALUATION OF LEFT VENTRICULAR DYSSYNCHRONY IN PEDIATRIC TRANSPLANTED HEART: A PILOT STUDY C. Esposito, R. Iacobelli, A. Toscano, A. Del Pasqua, F. Parisi, G. Grutter,

Dettagli

Studio mediante ecocardiocolordoppler negli atleti di endurance

Studio mediante ecocardiocolordoppler negli atleti di endurance Studio mediante ecocardiocolordoppler negli atleti di endurance A cura del Dott. Luigi Ferritto Introduzione Gli intensi allenamenti, a cui si sottopongono gli atleti che praticano attività sportiva agonistica,

Dettagli

Idoneità alla guida e sincope *

Idoneità alla guida e sincope * TITOLETTO ARTICOLO Idoneità alla guida e sincope * Introduzione Occorre inizialmente sottolineare come tutti i dati disponibili suggeriscano che lo stato clinico del conducente di un autoveicolo, se si

Dettagli

Il Doppler tissutale pulsato illustrato ad uno specializzando in cardiologia

Il Doppler tissutale pulsato illustrato ad uno specializzando in cardiologia Il Doppler tissutale pulsato illustrato ad uno specializzando in cardiologia Maurizio Galderisi, Stefano Nistri, Gerardo Ansalone, Frank Lloyd Dini, Giovanni Di Salvo, Sabina Gallina, Donato Mele, Roberta

Dettagli

Dott.ssa ROMITO ROBERTA Cardiologia D Urgenza Policlinico di Bari ECG ED ECOCARDIOGRAFIA NELLA BPCO: QUALE RUOLO

Dott.ssa ROMITO ROBERTA Cardiologia D Urgenza Policlinico di Bari ECG ED ECOCARDIOGRAFIA NELLA BPCO: QUALE RUOLO Dott.ssa ROMITO ROBERTA Cardiologia D Urgenza Policlinico di Bari ECG ED ECOCARDIOGRAFIA NELLA BPCO: QUALE RUOLO Fisiopatologia del cuore polmonare cronico Ipossia Acidosi ipercapnica Viscosità ematica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DOTTORATO DI RICERCA IN FISIOPATOLOGIA CLINICA E MEDICINA SPERIMENTALE INDIRIZZO MALATTIE DEL CUORE E DEI VASI COORDINATORE

Dettagli

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN DIAGNOSI ECOGRAFICA NELLE NEFROPATIE VASCOLARI ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN il GSER si occupa di mettere a punto dei criteri condivisi sulla metodologia di indagine, sulla

Dettagli

Le insufficienze valvolari

Le insufficienze valvolari 1 Le insufficienze valvolari La prima considerazione da fare parlando delle insufficienze valvolari è che una lieve insufficienza valvolare può essere fisiologica per tutte le quattro valvole cardiache.

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

www.slidetube.it L ecocardiordiografia

www.slidetube.it L ecocardiordiografia L ecocardiordiografia L ecocardiografia è la metodica non invasiva che permette di eseguire uno studio anatomico e funzionale del cuore mediante gli ultrasuoni. I primi tentativi di utilizzare gli ultrasuoni

Dettagli

Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico. Sergio del Rosso, Luigi Grisoni

Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico. Sergio del Rosso, Luigi Grisoni Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico Novara, Maggio 2012 Sergio del Rosso, Luigi Grisoni Le componenti del sistema Le prestazioni della terapia sono soggette e alle caratteristiche

Dettagli

STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE

STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA U.O. Ambulatori Cardiologici Specialistici di Screening e Pre-ospedalizzazione STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE Federica Sambugaro VALVOLA AORTICA Aspetto normale Parasternale

Dettagli

QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA

QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA 1 QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA L ecocardiografia bidimensionale permette un adeguata valutazione dell anatomia valvolare aortica, ma la quantizzazione del vizio è affidata essenzialmente alla

Dettagli

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Antonello Vado Laboratorio di elettrofisiologia Ospedale S.Croce e Carle. Cuneo Dal device management al disease management L effetto cumulativo

Dettagli

Arriva al cuore del problema. Cardiopet probnp. Un semplice esame del sangue può aiutarvi a diagnosticare una cardiopatia.

Arriva al cuore del problema. Cardiopet probnp. Un semplice esame del sangue può aiutarvi a diagnosticare una cardiopatia. Arriva al cuore del problema Un semplice esame del sangue può aiutarvi a diagnosticare una cardiopatia IDEXX Vet Med Lab per diagnosticare un problema cardiaco del vostro paziente Diagnosi precoce delle

Dettagli

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti CAD VALVULOPATIA MIOCARDIOPATIA ecocardiografia + +++ ++ SPECT +++ - - MRI ++ + +++

Dettagli

Survey sull utilizzo dei peptidi natriuretici nella gestione del paziente con scompenso cardiaco in Medicina Generale italiana.

Survey sull utilizzo dei peptidi natriuretici nella gestione del paziente con scompenso cardiaco in Medicina Generale italiana. Survey sull utilizzo dei peptidi natriuretici nella gestione del paziente con cardiaco in Medicina Generale italiana. Razionale Gaetano D Ambrosio Il dosaggio dei peptidi natriuretici (PN), inizialmente

Dettagli

VETIMAGING DR.GABELLINI GIOVANNI

VETIMAGING DR.GABELLINI GIOVANNI STATO: APERTO ESPORTATO IL: 21 MAG 2015 14:30 VETIMAGING DR.GABELLINI GIOVANNI service di diagnostica per immagini e cardiologia veterinaria TEL 3298872139 EMAIL ecovetcdvr@gmail.com. vetimagingrimini@gmail.com

Dettagli

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache Dott. Eliezer Joseph Tassone Valvulopatie: l entità del problema Incremento del numero di persone appartenenti alle fasce di età più avanzata

Dettagli

PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS

PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS Fase del compenso 1 Il dotto venoso, nel proseguo della gravidanza fisiologica tende a ridurre la sua portata, passando dal 70% fino

Dettagli

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE www.clinicaveterinariagransasso.it www.veterinaryechocardiography.eu TRATTAMENTO DEL DOTTO ARTERIOSO PERVIO (PDA) Patent Ductus Arteriosus

Dettagli

Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE

Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE Giugno 2014 EPLERENONE 25 mg 50 mg cpr

Dettagli

Materiale del sito http://www.lezionidimedicina.altervista.org/ L ECOCARDIOGRAMMA

Materiale del sito http://www.lezionidimedicina.altervista.org/ L ECOCARDIOGRAMMA L ECOCARDIOGRAMMA E uno strumento che serve a comprendere l anatomia cardiaca ( fisiologica e patologica ) e a dare informazioni sullo stato delle valvole e sulla contrazione ventricolare. PRINCIPI L orecchio

Dettagli

Chirurgia valvolare: Quali nuovi dati deve trasmettere il Clinico al Chirurgo

Chirurgia valvolare: Quali nuovi dati deve trasmettere il Clinico al Chirurgo Sinagoghè Glaukias Update in Imaging Chirurgia valvolare: Quali nuovi dati deve trasmettere il Clinico al Chirurgo G.Casolo Dipartimento Cardiologico Ospedale di Careggi Firenze Panorama attuale della

Dettagli

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 1 SURVEY: ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 ISPIT è partito nel mese di OTTOBRE 2009 concluso nel mese di FEBBRAIO 2010. Sono stati reclutati 1585 PAZIENTI in 67 CENTRI ISPAF è

Dettagli

Appropriatezza Diagnos/ca Cardiologica

Appropriatezza Diagnos/ca Cardiologica Flavio Acquistapace MD FMH Cardiologia Centro Medico Cardiologico Ticino MANNO Gruppo MIP Medico In Pra8ca - Cuoreinsalte SUMSI Ecocardiografia Appropriatezza Diagnos/ca Cardiologica 3. Appropriatezza

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA L insufficienza cardiaca (HF) è una sindrome clinica complessa che può dipendere da qualunque disturbo cardiaco

Dettagli

Funzione e disfunzione diastolica ventricolare sinistra: un target cardiaco unico per malattie sistemiche diverse

Funzione e disfunzione diastolica ventricolare sinistra: un target cardiaco unico per malattie sistemiche diverse Funzione e disfunzione diastolica ventricolare sinistra: un target cardiaco unico per malattie sistemiche diverse Mimma Antonella Caserta, Alberto Milan, Diego Naso, Corrado Magnino, Elisabetta Puglisi,

Dettagli

Performance of 3-Dimensional Echocardiography in Measuring Left Ventricular Volumes and Ejection Fraction. A Systematic Review and Meta-Analysis.

Performance of 3-Dimensional Echocardiography in Measuring Left Ventricular Volumes and Ejection Fraction. A Systematic Review and Meta-Analysis. Performance of 3-Dimensional Echocardiography in Measuring Left Ventricular Volumes and Ejection Fraction. A Systematic Review and Meta-Analysis. Jennifer L. Doros, Dennis C. Lezotte,David A. Weitzenkamp,

Dettagli

Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L.

Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L. Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L. Scelsi Unità Scompenso Cardiaco e Trapianti Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

U. O. Medicina dello Sport Ruolo della ecocardiografia In Medicina Sportiva

U. O. Medicina dello Sport Ruolo della ecocardiografia In Medicina Sportiva Ruolo della ecocardiografia In iva Dott. Massimo Baldi Specialista Cardiologo U.O. Oggetto di questa presentazione è la valutazione ecocardiografica di un particolare sottogruppo di soggetti: Persone affette

Dettagli

L ecocardiografia nel Policlinico di Bari: oggi è possibile guardare nel cuore anche in tre dimensioni

L ecocardiografia nel Policlinico di Bari: oggi è possibile guardare nel cuore anche in tre dimensioni ASSISTENZA L ecocardiografia nel Policlinico di Bari: oggi è possibile guardare nel cuore anche in tre dimensioni Paolo Colonna, Ennio Michelotto, Margherita Sorino, Vittoria Ostuni, Maria Ida Pansini,

Dettagli

Monitoraggio emodinamico attraverso l ecocardiografia transesofagea*

Monitoraggio emodinamico attraverso l ecocardiografia transesofagea* opinioni/ipotesi Monitoraggio emodinamico attraverso l ecocardiografia transesofagea* Relazione tra pressione, flusso e funzione Jan I. Poelaert, MD, PhD, FCCP; Guido Schüpfer, MD (CHEST Edizione Italiana

Dettagli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli SINOSSI DELLO STUDIO DYDA 2 TRIAL Effects of the dipeptidyl peptidase-4 (DPP-4) inhibitor linagliptin on left ventricular myocardial DYsfunction in patients with type 2 DiAbetes mellitus and concentric

Dettagli

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insufficienza Mitralica Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insuffi cienza Mitralica

Dettagli

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia L obiettivo ultimo della riabilitazione cardiologica Recuperare e mantenere al livello più elevato possibile le condizioni fisiologiche, psicologiche,

Dettagli

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio L elettrocardiogramma nel paziente con soffio Dott. Roberto Santilli Med.Vet., PhD, D.E.C.V.I.M.-C.A. (Cardiology) Clinica Veterinaria Malpensa Samarate Varese - Italy Tecnica Elettrocardiografia Monitoraggio

Dettagli

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA di I Livello 23-24-25 Gennaio 2014 Palermo Grand Hotel Piazza Borsa PRIMO GIORNO 23 GENNAIO 2014 8,30 Registrazione dei partecipanti e consegna del materiale didattico ECM Presentazione

Dettagli

La variabilità della frequenza cardiaca

La variabilità della frequenza cardiaca Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia C Corso integrato di metodologia medico-scientifica e scienze umane II Fisica ed epistemologia La variabilità della frequenza cardiaca Prof. C. Cammarota Dipartimento

Dettagli

PREVALENZA DI RIGURGITI VALVOLARI INSIGNIFICANTI NEGLI ATLETI (Prevalence of Trivial Valve Regurgitation in Athletes)

PREVALENZA DI RIGURGITI VALVOLARI INSIGNIFICANTI NEGLI ATLETI (Prevalence of Trivial Valve Regurgitation in Athletes) PREVALENZA DI RIGURGITI VALVOLARI INSIGNIFICANTI NEGLI ATLETI (Prevalence of Trivial Valve Regurgitation in Athletes) a cura di Luigi Ferritto L'Ecocardiografia Color-Doppler ha, da sempre, evidenziato

Dettagli

IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri

IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri Laboratorio per lo studio dei segnali cardiorespiratori. Il laboratorio per lo studio dei segnali cardiorespiratori svolge attività clinica e di ricerca nell ambito dell

Dettagli

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia Lo Scompenso Cardiaco Cronico (SCC): un modello di collaborazione ospedale-territorio per la qualità dell assistenza e l economia l delle risorse Orbassano, 9 novembre 2010 Modalità di valutazione del

Dettagli

RIGURGITO MITRALICO E TRICUSPIDALE DIASTOLICO IN DUE CANI CON BLOCCO ATRIOVENTRICOLARE COMPLETO SPONTANEO

RIGURGITO MITRALICO E TRICUSPIDALE DIASTOLICO IN DUE CANI CON BLOCCO ATRIOVENTRICOLARE COMPLETO SPONTANEO RIGURGITO MITRALICO E TRICUSPIDALE DIASTOLICO IN DUE CANI CON BLOCCO ATRIOVENTRICOLARE COMPLETO SPONTANEO DIASTOLIC MITRAL AND TRICUSPID REGURGITATION IN TWO DOGS WITH NATURALLY OCCURRING COMPLETE ATRIOVENTRICULAR

Dettagli

Cardiologia Pratica: Integrazione Ospedale-Territorio

Cardiologia Pratica: Integrazione Ospedale-Territorio Cardiologia Pratica: Integrazione OspedaleTerritorio 28 Marzo 2009 Cardiopatia ischemica e scompenso cardiaco Fabrizio CASTELLI U.O.C. di CardiologiaOspedale Sandro Pertini Definizione Lo Scompenso Cardiaco

Dettagli

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it C U R R I C U L U M V I T A E DOTT. CROSIO MANLIO PIZZORNI INFORMAZIONI PERSONALI Nome PIZZORNI CROSIO MANLIO Indirizzo Telefono 010 315191 Cell. 328 0473249 E-mail VIA TRENTO 5 /15, 16145 Genova crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

Dettagli

Come si fa e come si legge un cateterismo cardiaco destro: esempi pratici. Francesca Luisi U.O. di Pneumologia e UTIR Ospedale San Giuseppe Milano

Come si fa e come si legge un cateterismo cardiaco destro: esempi pratici. Francesca Luisi U.O. di Pneumologia e UTIR Ospedale San Giuseppe Milano Come si fa e come si legge un cateterismo cardiaco destro: esempi pratici Francesca Luisi U.O. di Pneumologia e UTIR Ospedale San Giuseppe Milano INDICAZIONI AL CATETERISMO CARDIACO DESTRO INDICAZIONI

Dettagli

L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici. www.fisiokinesiterapia.biz

L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici. www.fisiokinesiterapia.biz L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici www.fisiokinesiterapia.biz FOCOLAI DI AUSCULTAZIONE ANATOMICI E ELETTIVI M- F. MITRALE > itto T- F.TRICUSPIDE > IV spazio intercostale (S.I.),

Dettagli

Ruolo dell ecocardiografia nella selezione dei pazienti da candidare alla terapia di resincronizzazione ventricolare

Ruolo dell ecocardiografia nella selezione dei pazienti da candidare alla terapia di resincronizzazione ventricolare Ruolo dell ecocardiografia nella selezione dei pazienti da candidare alla terapia di resincronizzazione ventricolare Luigi P. Badano 1, Mara Baldassi 1, Stefano Ghio 2, Donato Mele 3, Fausto Rigo 4, Paolo

Dettagli

ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE

ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE 1 Giornata Mercoledì 05 Marzo 2014 09,00-11,00 - Serie di Relazioni su Tema Preordinato Presentazione del Seminario Fisica degli Ultrasuoni Dott. P. Trambaiolo /A. Posteraro

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. ABBREVIAZIONI 5. APPROCCIO TERAPEUTICO FASI NOME/COGNOME (Funzioni) FIRMA DATA Redazione Verifica Approvazione Pagina 2 di 7 1.

Dettagli

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È La fibrillazione atriale è l aritmia più comune nella popolazione. Durante la il ritmo del cuore non è più controllato dalla normale centralina (il nodo del seno), ma da

Dettagli

ESERCIZIO FISICO E SCOMPENSO CARDIACO. I RISULTATI INCORAGGIANTI DELLO STUDIO HF-ACTION

ESERCIZIO FISICO E SCOMPENSO CARDIACO. I RISULTATI INCORAGGIANTI DELLO STUDIO HF-ACTION Rel. 13/21 8-2-21 14:35 Pagina 119 ESERCIZIO FISICO E SCOMPENSO CARDIACO. I RISULTATI INCORAGGIANTI DELLO STUDIO HF-ACTION E. Gronda, A. Municinò, B. Andreuzzi, L. Genovese Divisione di Cardiologia, Dipartimento

Dettagli

Emergenze emodinamiche in terapia intensiva

Emergenze emodinamiche in terapia intensiva 3 Meeting di Rianimazione-Emergenza e Terapia Intensiva Avezzano 8-9-10 Giugno 2006 Sala Conferenze ARSSA Corso di Aggiornamento Teorico-Pratico per Infermieri Professionali: Nursing in Area Critica Relazione

Dettagli

Dott. Flavia Celani. Medico Chirurgo Specialista in Cardiologia. Stato civile: nubile. Nazionalità: italiana. Data di nascita: 20/02/1975

Dott. Flavia Celani. Medico Chirurgo Specialista in Cardiologia. Stato civile: nubile. Nazionalità: italiana. Data di nascita: 20/02/1975 E-mail: flaviacelani@libero.it Dott. Flavia Celani Medico Chirurgo Specialista in Cardiologia Informazioni personali Stato civile: nubile Nazionalità: italiana Data di nascita: 20/02/1975 Luogo di nascita:

Dettagli

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Statine e scompenso cardiaco: un associazione imprevista Verona, 21 Gennaio 2006 Mariantonietta Cicoira, MD, PhD Divisione di Cardiologia Direttore:

Dettagli

Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare?

Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare? Siamo pronti per nuovi programmi nazionali, e a quali benefici potrebbero portare? Il cuore Francesco Grigioni Istituto di Cardiologia Università di Bologna Agenzia sanitaria e sociale regionale PREVALENZA

Dettagli

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex CONTROPULSATORE AORTICO Anni 50: la perfusione coronarica avviene prevalentemente durante la diastole Anni 60: l aspirazione di sangue arterioso durante la sistole con reinfusione durante la diastole riduce

Dettagli

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca Obiettivi dell incontro Epidemiologia OBIETTIVO DELL INCONTRO Parlare dei nuovi orientamenti nel trattamento dell operando

Dettagli

Fisiologia cardiovascolare

Fisiologia cardiovascolare Corso Integrato di Fisiologia Umana Fisiologia cardiovascolare La funzione cardiaca: accoppiamento funzionale tra cuore e sistema vascolare Anno accademico 2007-2008 1 Il lavoro del cuore Il lavoro del

Dettagli

Il paziente con Scompenso Acuto di nuova diagnosi o instabilizzato. Alunni GF.

Il paziente con Scompenso Acuto di nuova diagnosi o instabilizzato. Alunni GF. Consensus Conference: Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Firenze 3-4 dicembre 2005 Il paziente con Scompenso Acuto di nuova diagnosi o instabilizzato Alunni GF. Il gruppo di

Dettagli

La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola

La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano (CN) Gheorgiade Heart

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

Aggiornamenti Scientifici FADOI

Aggiornamenti Scientifici FADOI Sintesi delle linee guida AIAC (Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione) Franco Giada 1, Giuseppe Inama 2, Manuel Bertaglia 3, Claudio Pedrinazzi 2, Michele Gulizia 4, Renato Pietro Ricci

Dettagli

CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA Corso teorico-pratico (livello intermedio/avanzato)

CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA Corso teorico-pratico (livello intermedio/avanzato) CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA Corso teorico-pratico (livello intermedio/avanzato) Razionale del Corso Il Corso è di livello intermedio/avanzato, rivolto a Medici Specialisti in Cardiologia, Medicina Interna

Dettagli

LE NUOVE TECNICHE DI IMAGING DELLA ECORDIOGRAFIA E LE NUOVE INDICAZIONI CLINICHE

LE NUOVE TECNICHE DI IMAGING DELLA ECORDIOGRAFIA E LE NUOVE INDICAZIONI CLINICHE Scientifico Trimestrale ISSN 1123-9166 RASSEGNA MEDICO-CHIRURGICA Autorizzazione del Tribunale di Benevento n. 100 del 10-4-1980 http://web.tiscali.it/rmc B. MOSCATO - F. MOSCATO A. ROSA - A. BENCIVENGA

Dettagli

Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto

Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto Dr. Ruggero Tomei Divisione Clinicizzata di Cardiologia Direttore Prof. Corrado Vassanelli SDR Del QT corto Si caratterizza per la presenza sull ecg di base

Dettagli

Margherita De Cristofaro Via Nizza 134-Salerno. Direttore di Struttura Complessa di Cardiologia

Margherita De Cristofaro Via Nizza 134-Salerno. Direttore di Struttura Complessa di Cardiologia Curriculum Formativo e Professionale della: dott.ssa MARGHERITA DE CRISTOFARO Aggiornato al novembre 2011 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Margherita De Cristofaro Via Nizza 134-Salerno Telefono 0828797108

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2 Relazione dei primi 18 mesi di attività Per cardiopatia congenita si intende comunemente una importante anomalia strutturale del cuore

Dettagli

TERAPIA DI RESINCRONIZZAZIONE VENTRICOLARE NEI PAZIENTI CON FIBRILLAZIONE ATRIALE PERMANENTE: LO STUDIO INTERNAZIONALE MULTICENTRICO OPSITE

TERAPIA DI RESINCRONIZZAZIONE VENTRICOLARE NEI PAZIENTI CON FIBRILLAZIONE ATRIALE PERMANENTE: LO STUDIO INTERNAZIONALE MULTICENTRICO OPSITE TERAPIA DI RESINCRONIZZAZIONE VENTRICOLARE NEI PAZIENTI CON FIBRILLAZIONE ATRIALE PERMANENTE: LO STUDIO INTERNAZIONALE MULTICENTRICO OPSITE Puggioni E. per conto degli investigatori OPSITE Dipartimento

Dettagli

I SOFFI CARDIACI approfondimenti

I SOFFI CARDIACI approfondimenti Semeiotica e Metodologia Clinica 5 I SOFFI CARDIACI approfondimenti A cura di FV Costa & C.Ferri Soffi cardiaci 1. DEFINIZIONE: Rumori cardiaci generati da moti vorticosi del flusso ematico, di durata

Dettagli

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto DIPARTIMENTO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Salerno Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto Card iochiru rgia Dipartimento Cuore ANATOMIA DELLE

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

Medicina basata sull Evidenza

Medicina basata sull Evidenza Medicina basata sull Evidenza Numerosi trattamenti tatta t possono o ridurre il rischio dei maggiori eventi cardiovascolari in grandi gruppi di pazienti Prescrizione di tutti i farmaci benefici a tutti

Dettagli

L ATRIO SINISTRO NELL INSUFFICIENZA MITRALICA: UN MEDIATORE DELLA STORIA CLINICA ALL OMBRA DEL VENTRICOLO SINISTRO

L ATRIO SINISTRO NELL INSUFFICIENZA MITRALICA: UN MEDIATORE DELLA STORIA CLINICA ALL OMBRA DEL VENTRICOLO SINISTRO L ATRIO SINISTRO NELL INSUFFICIENZA MITRALICA: UN MEDIATORE DELLA STORIA CLINICA ALL OMBRA DEL VENTRICOLO SINISTRO G. La Canna, F. Maisano, O. Alfieri Sezione Ecocardiografia - Divisione di Cardiochirurgia,

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO AVANZATO Nuove modalità di approccio diagnostico, valutazione prognostica e gestione terapeutica

SCOMPENSO CARDIACO AVANZATO Nuove modalità di approccio diagnostico, valutazione prognostica e gestione terapeutica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia Dottorato di ricerca in Ipertensione e prevenzione del rischio cardiovascolare SCOMPENSO CARDIACO AVANZATO Nuove modalità di approccio

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

PROGNOSI NEL SOGGETTO CON SCOMPENSO CARDIACO. CHE RUOLO HA L INSUFFICIENZA DELLA TRICUSPIDE?

PROGNOSI NEL SOGGETTO CON SCOMPENSO CARDIACO. CHE RUOLO HA L INSUFFICIENZA DELLA TRICUSPIDE? 08_08 20/02/14 15.35 Pagina 73 PROGNOSI NEL SOGGETTO CON SCOMPENSO CARDIACO. CHE RUOLO HA L INSUFFICIENZA DELLA TRICUSPIDE? D. Bellavia, A. Calabrese, E. D Elia, M. Gori, A. Iacovoni, R. Sebastiani, C.

Dettagli

INSUFFICIENZA AORTICA

INSUFFICIENZA AORTICA 1 INSUFFICIENZA AORTICA Valutazione anatomica I meccanismi alla base dell insufficienza aortica possono essere primitivi, cioè dovuti a un danno delle cuspidi, o secondari, cioè dovuti ad un alterazione

Dettagli

La rete cardiologica per la SCA:

La rete cardiologica per la SCA: La rete cardiologica per la SCA: quali vantaggi per le persone con diabete dall organizzazione e dalle innovazioni tecnologiche? Antonio Manari U.O. Cardiologia i Interventistica ti ti Azienda Ospedaliera

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

Cardiomiopatia ipertrofica: Genetica HCM. Classificazione e caratteristiche:

Cardiomiopatia ipertrofica: Genetica HCM. Classificazione e caratteristiche: Cardiomiopatia ipertrofica: Scoperta verso la fine del 1800 Prima correlazione clinica/ anatomo-patologico e del 1958 ( TearBHJ) Nel 1960 in emodinamica Cuore a scarpa di ballerina Caratterizzazione clinica

Dettagli

... Giovanni Corrado, Giovanni Foglia-Manzillo, Luca Sormani e Mauro Santarone UO di Cardiologia - Ospedale generale Valduce - Como

... Giovanni Corrado, Giovanni Foglia-Manzillo, Luca Sormani e Mauro Santarone UO di Cardiologia - Ospedale generale Valduce - Como giec n.2-2006 31-07-2006 12:30 Pagina 31 Review DELLE DIMENSIONI E DELLA FUNZIONE SISTOLICA GLOBALE DEL VENTRICOLO SINISTRO RIASSUNTO La stima delle dimensioni e della funzione sistolica globale del ventricolo

Dettagli

Slow Medicine in Cardiologia

Slow Medicine in Cardiologia Slow Medicine a Padova: fare di più non significa fare meglio Slow Medicine in Cardiologia Domenico Marchese Direttore Area Cardiologica ULSS 16 Padova Padova, 12 Febbraio 2015 Gli esami strumentali in

Dettagli

Dirigente Medico di I livello, con incarico a tempo indeterminato, presso la U.O.C. di Cardiologia U.T.I.C.

Dirigente Medico di I livello, con incarico a tempo indeterminato, presso la U.O.C. di Cardiologia U.T.I.C. CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome Salvatore Rumolo Data di nascita 08/02/1961 Qualifica Dirigente Medico di I livello Disciplina Cardiologia Matricola 75407 Incarico attuale Num. Tel. e Fax

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 31/01/1977 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Lassandro Pepe Leonardo I Fascia ASL DI TARANTO - TA Dirigente ASL I fascia

Dettagli

L INSUFFICIENZA MITRALICA IMPORTANTE: È PREFERIBILE L INTERVENTO RIPARATIVO PRECOCE?

L INSUFFICIENZA MITRALICA IMPORTANTE: È PREFERIBILE L INTERVENTO RIPARATIVO PRECOCE? 34_34 20/02/14 16.04 Pagina 321 L INSUFFICIENZA MITRALICA IMPORTANTE: È PREFERIBILE L INTERVENTO RIPARATIVO PRECOCE? G. Di Pasquale, G.V. Coutsoumbas, L. Riva, S. Zagnoni Unità Operativa di Cardiologia,

Dettagli

LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE

LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE Paolo Donateo per conto dello Steering Committee degllo studio ISSUE 2 (vedi appendice) Centro Aritmologico, Dipartimento di

Dettagli

Indice. Prima parte Test elettrocardiografici

Indice. Prima parte Test elettrocardiografici Prima parte Test elettrocardiografici 1 Elettrocardiogramma... 3 Introduzione... 3 Basi dell elettrocardiogramma... 3 Applicazioni cliniche dell ECG... 3 Ingrandimenti delle camere cardiache... 4 Disturbi

Dettagli

Progresso e tecnologia per la prevenzione dell ictus e la gestione dell ipertensione

Progresso e tecnologia per la prevenzione dell ictus e la gestione dell ipertensione Progresso e tecnologia per la prevenzione dell ictus e la gestione dell ipertensione La 3 a generazione di Microlife Qualità totale Grande innovazione Estrema semplificazione Protocollo BHS: A/A Pazienti

Dettagli

L assistenza integrata ospedale-territorio nel paziente con SCC

L assistenza integrata ospedale-territorio nel paziente con SCC L assistenza integrata ospedale-territorio nel paziente con SCC Le criticità - Assistenza spesso incoordinata - Inerzia nell adesione alla mission - Coinvolgimento dei singoli ma non della massa - Inerzia

Dettagli

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio o strumento innovativo? Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

La classificazione NYHA e la disfunzione meccanica in cardiologia forense

La classificazione NYHA e la disfunzione meccanica in cardiologia forense La classificazione NYHA e la disfunzione meccanica in cardiologia forense Armando MORI Dirigente medico-legale 1 livello Sede INPS - Perugia LA CLASSIFICAZIONE NYHA L utilizzo estensivo di sofisticate

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Lezione 2 Attività elettrica sopraventricolare Corso di elettrocardiografia essenziale L onda P normale Alterazioni della morfologia Alterazioni della frequenza ; aritmie sopraventricolari La conduzione

Dettagli