Respiratory Care in Neuromuscular Diseases

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Respiratory Care in Neuromuscular Diseases"

Transcript

1 Sestri Levante, 19 ottobre 2012 Respiratory Care in Neuromuscular Diseases Respiratory Care in ALS Paolo Banfi MD Pulmonologist Department of Neuromuscular Disease Fondazione Don Gnocchi Milan - Italy

2 Charcot

3 PHYSIOLOGY IN ALS MUSCULAR WEAKNESS Bulbar muscles Expiratory muscles Inspiratory muscles Obstructive apnea Bronchoaspiration Ineffective cough Alveolar Hypoventilation Microatelectasis EARLY DETECTION

4 ALS: different phenotypes for different approach 1.Classic (Charcot s) phenotype 2.Bulbar phenotype 3. Flail arm phenotype 4.Flail leg phenotype 5.Pyramidal phenotype (predominant upper motor neuron ALS) 6.Respiratory phenotype 7.Pure lower motor neuron 8. Pure upper motor neuron

5 Flail arm phenotype

6 Flail leg phenotype

7

8 funzionalità respiratoria % Tempo

9 DIAGNOSIS Symptoms and signs Assessment of respiratory muscles weakness Evaluation of nocturnal hypoventilation Assessment of diurnal hypoventilation NON INVASIVE SIMPLE ACCESIBLE REPEATABLE

10 FVC in ALS FVC<80%of predicted and FEV1<80% of predicted with a normal FEV1/FVC ratio indicate the presence of restrictive lung disease. The average decline of VC in ALS is 2.3% per month and follows a linear course (Schiffman & Belsh, 1993). Median survival of patients with ALS with baseline FVC< 75% at diagnosis has been shown to be 2.91 yrs, compared with 4.08 yrs with baseline > 75% (Czaplinski et al., 2006) Because FVC has been shown to predict survival and disease progression in ALS, it is useful as an inclusion or exclusion criteria for clinical trials (Brinkman et al., 1977; Czaplinski et al., 2006) Postoperative risk with PEG increases when FVC declines below 50% of predicted (Kasarskis et al., 1999)

11 Normal VC is 60 to 70 ml/kg of ideal body weight. Patients whose VC drops 30 ml/kg will experience decreased expiratory flow rates, weak cough, impaired secretion clearance, and risk of atelectasis (Bella & Chad, 1998; Mehta, 2006) If a patient's VC falls to 15 ml/kg or 1 L, he or she is considered to be in acute respiratory failure. Continuous ventilation, invasively or noninvasively, is usually required at this point (Mehta, 2006) FVC of < 30% of predicted is used as an admission criterion for hospice care.

12 Riduzione della FVC nella SLA NIV NIV H 24

13

14 Nocturnal SaO2 and TcCO2 in control and NIV groups Mean nocturnal SaO2 % Time TcCO2 > 6.5 kpa 5 20 SaO2 % Percent time TcCO2 > 6.5 kpa: p=0.005 p= Group 1 Control Group 2 NIV Months Group 1 Control Group 2 NIV p=0.031 p=0.049 Months Significant reduction in time TcCO2 > 6.5 kpa and increase in mean SaO2 in NIV group

15 NIV criteria: Symptoms of sleep-disordered breathing such as morning headache, daytime fatigue or dyspnea, and 1 of the following: (1) PaCO2 level of >45 mm Hg; (2) nocturnal In the oximetry absence of demonstrating hypercapnoea, oxygen saturation at 88% for measurement 5 consecutive of HCO3 minutes; may be very usefull and a value >30 mmol/l is a criterion of hypoventilation. (3) maximal inspiratory pressure of <60 cm H2O; or (4) forced vital capacity of <50% (Lyall predicted. RA, Brain 2001)

16 Mechanical ventilation for amyotrophic lateral sclerosis/motor neuron disease (Review) Radunovic A, Annane D, Jewitt K, Mustfa N Analysis of Evidence Does NIV improve respiratory function or increase survival? Conclusions: NIV is probably effective in prolonging survival (one Class I, three Class III studies). NIV is probably effective in slowing the rate of FVC decline (one Class I, one Class III study). Recommendation: NIV should be considered to treat respiratory insufficiency in ALS, both to lengthen survival and to slow the rate of FVC decline (Level B).

17 Mechanical ventilation for amyotrophic lateral sclerosis/motor neuron disease (Review) Radunovic A, Annane D, Jewitt K, Mustfa N Analysis of Evidence How do invasive ventilation and NIV affect QOL? Conclusions: NIV is possibly effective in raising QOL for patients with ALS who have respiratory insufficiency (five Class III studies). Tracheostomy invasive ventilation (TIV) is possibly effective in preserving QOL for patients with ALS, but possibly with a greater burden for their caregivers (two Class III studies). Recommendations: NIV may be considered to enhance QOL in patients with ALS who have respiratory insufficiency (Level C). TIV may be considered to preserve QOL in patients with ALS who want long-term ventilatory support. (Level C).

18 Effect of NIV on sleep quality Mellies U et al ERJ 2003;22:631-4

19

20

21 Non invasive ventilation and ALS 25 Moderate to substantial improvement of QoL and survival.. in spite of disease progression..indicating that treatment did NOT prolong suffering ALS-FRS 10 Pre NIV Bourke, S.C., et al., Noninvasive ventilation in ALS: indications and effect on quality of life. Neurology, (2): p

22

23 Conclusioni: NIV può esser usata come alternativa alla TPPV. I pazienti con adeguata funzione della muscolatura bulbare possono utilizzare la MAC come prevenzione di distress respiratorio. about 20% of ALS patients can use NPPV up to a continous level to prolong survival for an additional 14 to 17 months, and in some cases for > 7 years..

24

25 Mechanical ventilation for amyotrophic lateral sclerosis/motor neuron disease (Review) Radunovic A, Annane D, Jewitt K, Mustfa N Analysis of Evidence What factors influence acceptance of invasive ventilation and NIV? Conclusions: Nocturnal oximetry is possibly effective in detecting early respiratory insufficiency and the early use of NIV possibly increases compliance (two Class III studies). Bulbar involvement and executive dysfunction possibly lower compliance with NIV (two Class III studies). Recommendation: NIV may be considered at the earliest sign of nocturnal hypoventilation or respiratory insufficiency in order to improve compliance with NIV in patients with ALS (Level C).

26 Non-invasive mechanical ventilation (NIMV) in patients with amyotrophic lateral sclerosis (ALS): our experience. Banfi P 1 *, Roma E 1, Robbiani A 2, Malnis D 2, Aliprandi G 3, Tonni M 4 and Silani V 5. 1 Pulmonary Division-A.O.Mellini-Chiari,Italy; 2Home Care Dept.-ASL Provincia di Milano-Magenta,Italy;3Lung Function Unit-Ancelle delle Carità, Domus Salutis-Brescia,Italy; 4Univ.Brescia Physiotherapy school,brescia,italy; 5Dept. Neurology, Neuroscience -Univ. Milan Med. School, IRCCS Ist. Auxologico, Milan, Italy.

27 BASELINE 6 MONTHS 12 MONTHS 18 MONTHS 24 MONTHS 30 MONTHS 36 MONTHS Survival FVC% 82 77,8 70,9 61,8 54, ,8 po2 s.r pco2 s.r po2 vent pco2 vent SpO2 mean T90% Pat. In NIMV NIMV h/day 1,5 6,8 11,2 12,6 15,2 22,8 We have not ABG at 30 and 36 months in supine spontaneous breathing because all the patients was in NIV all time. Four patients had an acute respiratory distress between 12th and 18th month, 5 patients between 24th and 30th was tracheotomized and 4 death, between 30th and 36th again 2 tracheotomized and 9 death: they wasn t considered in the statistical evaluation.

28

29 H 24 NIV

30 Daylight NIV Ventilated few minutes Non ventilated few minutes

31 INVASIVE VENTILATION Improves survival Easier management of secretions Effectiveness independent of bulbar dysfunction Quality of life. (totally locked-in state, TLS) Greatly increased costs Increased family and carer burden Ethical issues

32 Performing the tracheostomy Prefer an elective surgical procedure rather than the percutaneous technique in order to: Minimize the risk of malposition (lateral stoma) Remove a piece of the tracheal wall Manage a "good" skin hole The objective is to facilitate recannulation

33

34 85 to 90% of total lung capacity Glottic closure follows for about 0.2 s and sufficient intrathoracic pressures are generated to obtain peak transient expiratory flows PCFs 360 to 1000L/min Inspiratory Muscle Weakness Expiratory Muscle Weakness Bulbar Muscle Weakness

35

36 For patients with progressive neuromuscular diseases, ARF most often occurs during otherwise benign upper respiratory tract infections (URTIs). Bach JR. Conventional approaches to managing neuromuscular ventilatory failure. In: Bach JR, ed. Pulmonary Rehabilitation: the obstructive and paralytic conditions. Philadelphia: Hanly & Belfus, 1996; During these episodes, already severe pulmonary dysfunction is further compromised by bronchial mucus plugging and by further weakening and fatigue of inspiratory and expiratory muscles Mier-Jedrzejowicz A, Brophy C, Green M. Respiratory muscle weakness during upper respiratory tract infections. Am Rev Respir Dis 1988; 138:5-7

37 Causes of Acute Respiratory Failure in Neuromuscular Patients Admitted to Hospital Common Acute bronchitis/upper respiratory tracts infections Pneumonia Atelectasis Heart failure

38 CPF cough peak flows collected using a peak flow meter CPF normal values range from 400 to 1200 liters/min for adults Soudon P, Steens M, Toussaint M: Desobstruction tracheobronchique chez les patients restrictifs majeurs paralises. Respir Care 1999;3:1 25

39 Mechanical ventilation for amyotrophic lateral sclerosis/motor neuron disease (Review) Radunovic A, Annane D, Jewitt K, Mustfa N Analysis of Evidence Conclusions: Mechanical insufflation/exsufflation (MI-E) is possibly effective for clearing upper airway secretions in patients with ALS who have reduced peak cough flow, although the clinically meaningful difference is unknown (four Class III studies). High frequency chest wall oscillation (HFCWO) is unproven for adjunctive airway secretion management (two Class III studies with conflicting results).

40 Mechanical ventilation for amyotrophic lateral sclerosis/motor neuron disease (Review) Radunovic A, Annane D, Jewitt K, Mustfa N Clinical Context

41 The most commonly used mechanical insufflator exsufflators

42

43 NO

44 Efficacy of Mechanical Insufflation-Exsufflation in Medically Stable Patients with Amyotrophic Lateral Sclerosis (Sancho J, Chest 2004;125: ) The upper airway CT scans of the three patients showed exsufflation cycle closing of the nasopharynx, with retraction of the uvula, and reduction of the lateral diameter of the pharynx. This narrowing was greatest at the oropharynx. In the patient with PCFMI-E < 2.7 L/s, the maximum reduction of the diameter of the pharynx was 77%; in the patient with bulbar dysfunction and PCFMI-E > 2.7 L/s, it was 60%; and in the patient without bulbar impairment and PCFMI-E > 2.7 L/s, it was 45%.

45 Oropharynx CT scan of a bulbar ALS patient with PCFMI-E < 2.7 L/s. Left, A: baseline. Right, B: during the exsufflation cycle Oropharynx CT scan of a nonbulbar ALS patient with PCFMI-E > 2.7 L/s. Left, A: baseline. Right, B: during the exsufflation cycle.

46

47 Neurologo Pneumologo Palliativista Fisiatra Fisioterapista Associazioni Infermiere professionale Nutrizionista 118 Tecnico di ergonomia Psicologo Logopedista Foniatra simultaneous care : approccio olistico alla SLA

48 Caratteristiche dei Programmi di Assistenza Domiciliare Multidisciplinarità Alto livello di preparazione Medico/Infermieristica Supervisione di infermieri dedicati Continuità assistenziale Supervisione di un medico specialista Adeguata copertura finanziaria Buona interazione con le Società di Servizio Ottimo link tra Ospedale-Territorio Buona interazione tra MMG e Operatori domiciliari Adeguata presa in carico degli aspetti psicosociali Presa in carico delle problematiche di fine vita ma ora c è la spending review!

49 Consulta Ministeriale sulle Malattie NeuroMuscolari (D.M ) PERCORSO ASSISTENZIALE OSPEDALE-TERRITORIO Assistenza domiciliare multidisciplinare Individuazione di progetti finalizzati a realizzare o potenziare percorsi assistenziali domiciliari che consentano una presa in carico globale della persona affetta da SLA e dei suoi familiari Definizione del Piano Assistenziale Individuale (PAI) da parte dei CdR in relazione all analisi del complesso delle funzionalità e dei bisogni assistenziali da trasmettere all ASL di appartenenza e al MMG del paziente. Precoce attivazione, in accordo con la persona affetta da SLA o di suo familiare, l Unità di Valutazione Multidimensionale (UVM) del territorio/asl e MMG della Persona affetta da SLA per una corretta e tempestiva presa in carico territoriale.

50 Assistenza domiciliare L UVM deve promuovere l integrazione tra ospedale, territorio, servizi e figure professionali e promuovere risposte più efficaci per i bisogni dei pazienti. Lo staff delle UVM è costituito dalle seguenti figure professionali: il Direttore Sanitario o un suo delegato; il case manager; un Dirigente medico dell Area intensiva e/o respiratoria; un Dirigente medico dell Area distrettuale/o cure primarie, intermedie, della protesica ed assistenza domiciliare; un Assistente sociale; un rappresentante dell Area amministrativa.

51 Assistenza domiciliare Compiti specifici dell Unità di Valutazione Multidimensionale: la formulazione del PAI anche su indicazione dei CdR; la facilitazione dei percorsi di accesso ai diversi punti della rete assistenziale di volta in volta coinvolti e a presidi, protesi ed ausili: per quest ultimo aspetto si ritiene utile la creazione di Portali on line che possano mettere in diretta relazione CdR, UVM, ASL (ufficio protesi); l interfaccia più semplice, agile e meno burocratica possibile tra la persona con SLA e i suoi familiari e gli uffici della Pubblica Amministrazione; il raccordo tra CdR e Medico di Medicina Generale.

52 Assistenza domiciliare Il PAI sarà costituito da un documento scritto e prevede i seguenti elementi: dati identificativi del Paziente esito della valutazione multidimensionale con esplicitazione dei bisogni assistenziali definizione degli obiettivi di assistenza e delle azioni da intraprendere cronoprogramma degli interventi elenco dei servizi attivati e attribuzione delle responsabilità per gli specifici segmenti assistenziali indicatori per il monitoraggio e la valutazione dell assistenza.

53 Assistenza domiciliare Interventi al domicilio sulla persona con SLA, la ASL deve essere in grado di assicurare le seguenti figure professionali: MMG; neurologo; anestesista/pneumologo; nutrizionista; fisiatra; gastroenterologo; logopedista; fisioterapista motorio e respiratorio; terapista occupazionale; psicologo.

54 Assistenza domiciliare Collaborazione con il CdR al quale sono affidati le ospedalizzazioni per la gestione della fasi critiche: 1) adattamento alla ventilazione meccanica non invasiva 2) predisposizione di PEG o RIG, adattamento alla NE totale, ed eventuale adattamento a minima alimentazione idonea per os 3) esecuzione di tracheostomia e adattamento a ventilazione meccanica per via tracheostomica 4) eventuali problemi acuti non gestibili a domicilio (polmonite con instabilità degli scambi gassosi; sepsi severa; cardiopatia ischemica; problemi della PEG non gestibili a domicilio) 5) eventuali accessi in DH per: verifica dell adattamento a ventilazione meccanica; sostituzioni di sondino PEG o cannula tracheostomica; esami diagnostici complessi.

55 Comunicazione di rete nell ambito del percorso assistenziale della persona affetta da SLA CdR II livello PRI CdR I livello PAI ASL ADI UVM MMG

56 Quali modelli di cure?

57 Le criticità nell assistenza al malato SLA Comunicazione ancora oggi inadeguata della diagnosi Assenza di presa in cura globale Assenza di sostegno psicologico al nucleo familiare Assenza di corsie preferenziali Assenza di assistenza pre tracheostomia Infermieri e operatori non qualificati Assenza di cure domiciliari qualificate Assenza di controllo sulla qualità dell assistenza domiciliare Difficile gestione del malato in ospedale Scarsa presenza dei medici di base Fonte AISLA

58 LIVELLI DI ASSISTENZA DEI PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIA NEUROMUSCOLARE (Dott. M. Corbo, Dott. P. Banfi, Dott. C. Lunetta, Dott. M. Melazzini) LIVELLO 1:Paziente con deficit stenico modesto (al bilancio muscolare valore medio di MRC 4) e/o PEG LIVELLO 2:Paziente con deficit stenico intermedio (al bilancio muscolare valore medio di MRC 3 e/o PEG e/o NIV per un periodo < 12 ore (prevalentemente notturna) LIVELLO 3:Paziente con tetraparesi (al bilancio muscolare valore medio di MRC compreso tra 2 e 3) e/o PEG e/o NIV per un periodo compreso tra ore die LIVELLO 4:Paziente con tetraplegia (al bilancio muscolare valore medio di MRC compreso tra 0 e 1) e/o PEG e/o NIV per un periodo > 16 ore die o ventilazione assistita in tracheostomia Legenda: MRC: Medical Research Council. Aids to the examination of the peripheral nervous system, Memorandum no. 45, Her Majesty's Stationery Office, London, 1981

59

60 Laura che stira (Duccio Guidotti)

Focus sulla Sclerosi Laterale Amiotrofica

Focus sulla Sclerosi Laterale Amiotrofica Caserta 11-12 maggio 2012 Focus sulla Sclerosi Laterale Amiotrofica Valutazione del deficit restrittivo neuromuscolare Paolo Banfi Practice Guidelines Clinical practice guidelines are explicit descriptions

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Centro di riferimento SLA

Centro di riferimento SLA Centro di riferimento SLA Più di 1200 pazienti dal 1988 al 2011 121 ricoveri nel 2010 Circa 90 nuovi pazienti/anno Circa 250 paz sottoposti a NIV Circa 25 PEG/anno Numerosi studi hanno confermato che

Dettagli

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera L INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DAL TERRITORIO ALLA MEDICINA D URGENZA Nola 28 SETTEMBRE 2010 Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera Pietro Di Cicco

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca' Granda MILANO. Dipartimento Cardiotoracovascolare

Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca' Granda MILANO. Dipartimento Cardiotoracovascolare Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca' Granda MILANO Dipartimento Cardiotoracovascolare VALUTAZIONE DEI MUSCOLI RESPIRATORI ANAMNESI ESAME CLINICO DEL PAZIENTE PROVE DI FUNZIONALITA RESPIRATORIA PROVE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Carpenè Nicoletta Data di nascita 22/11/1976

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Carpenè Nicoletta Data di nascita 22/11/1976 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Carpenè Nicoletta Data di nascita 22/11/1976 Qualifica Amministrazione Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA Incarico attuale Incarico di studio - U.O. Pneumologia

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium

Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium Proposals for scientific collaborations 8th March 2012- Liegi Matilde Leonardi, Scientific Director Coma Research Centre M. Leonardi -

Dettagli

APPROCCIO PRATICO CLINICO AL PAZIENTE CON DISPNEA

APPROCCIO PRATICO CLINICO AL PAZIENTE CON DISPNEA 101 SIMPOSIO FAPPTO Diagnosi e trattamento delle malattie respiratorie croniche: un approccio pratico - Torino Sabato 28 Marzo 2015 APPROCCIO PRATICO CLINICO AL PAZIENTE CON DISPNEA Riccardo Pellegrino

Dettagli

PROGETTO CCM 2009. Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie

PROGETTO CCM 2009. Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie PROGETTO CCM 009 Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Allegato TITOLO: Organizzazione di un percorso assistenziale finalizzato a prevenire le complicanze e migliorare la qualità

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

La gestione del paziente pneumologico-neuromuscolare

La gestione del paziente pneumologico-neuromuscolare A.O.R.N. MONALDI U.O.C. Fisiopatologia, Malattie e Riabilitazione Respiratoria Direttore: Prof. Mario Caputi La gestione del paziente pneumologico-neuromuscolare Giuseppe Fiorentino Focus sulla Sclerosi

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

Sclerosi Laterale Amiotrofica: I problemi respiratori e la ventilazione

Sclerosi Laterale Amiotrofica: I problemi respiratori e la ventilazione Sclerosi Laterale Amiotrofica: I problemi respiratori e la ventilazione Obbiettivi della NIMV Trattamento di pazienti con malattia acuta Svezzamento dalla ventilazione meccanica (se possibile) Migliorare

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

di Prof. John R. Bach

di Prof. John R. Bach PREFAZIONE di Prof. John R. Bach Professor of Physical Medicine and Rehabilitation, Professor of Neurosciences, Vice Chairman of the Department of PM&R, Director of Research and Associate Medical Director

Dettagli

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Dispensa realizzata in occasione della prima sessione DEL CORSO DI FORMAZIONE 2011 per persone affette da patologie neuromuscolari e

Dettagli

Le persone affette da demenza al domicilio

Le persone affette da demenza al domicilio Azienda di Servizi alla Persona ISTITUTI MILANESI MARTINITT E STELLINE E PIO ALBERGO TRIVULZIO LE CURE DOMICILIARI PER L ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Brescia, 15 dicembre 2012 Le persone affette da demenza

Dettagli

LA CHIRURGIA NELLE GRAVI DEFORMITA VERTEBRALI NEUROLOGICHE E NEUROMUSCOLARI

LA CHIRURGIA NELLE GRAVI DEFORMITA VERTEBRALI NEUROLOGICHE E NEUROMUSCOLARI LA CHIRURGIA NELLE GRAVI DEFORMITA VERTEBRALI NEUROLOGICHE E NEUROMUSCOLARI M. Brayda-Bruno Spine Care Group U.O. Chirurgia Vertebrale III - Scoliosi IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi MILANO Deformità

Dettagli

I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE

I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE SCODITTI CRISTINA Fondazione S.Maugeri, Sede di Cassano delle Murge (BA) Reparto di Pneumologia I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE QUALI TEST FUNZIONALI? PFT DLCO 6 MWT CPET VALORE DIAGNOSTICO

Dettagli

Insufficienza respiratoria end stage

Insufficienza respiratoria end stage Azienda Ospedaliera - Universitaria di Ferrara Arcispedale S.Anna Insufficienza respiratoria end stage Dr. Stefano Putinati U.O. di Pneumologia INSUFFICIENZA RESPIRATORIA DEFINIZIONE Si parla di insufficienza

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA IN BPCO RIACUTIZZATA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA IN BPCO RIACUTIZZATA Gruppo: INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA IN BPCO RIACUTIZZATA 2 medici di medicina di emergenza urgenza 1 medico neurologo 1 farmacista ospedaliero 2 infermieri 1 fisioterapista Si parte FASE 1 FASE 2

Dettagli

Ventilazione Meccanica Non Invasiva nelle Malattie Neuromuscolari

Ventilazione Meccanica Non Invasiva nelle Malattie Neuromuscolari Savona, febbraio 2009 Ventilazione Meccanica Non Invasiva nelle Malattie Neuromuscolari Patrizia Zoccali UTSR UO di Pneumologia Imperia Guillain Barrè Dalla clinica ai meccanismi genetici e molecolari

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

High tech e Slow Medicine, una contraddizione? Le decisioni di fine vita nell insufficienza respiratoria avanzata Tra lento e precipitoso

High tech e Slow Medicine, una contraddizione? Le decisioni di fine vita nell insufficienza respiratoria avanzata Tra lento e precipitoso High tech e Slow Medicine, una contraddizione? Le decisioni di fine vita nell insufficienza respiratoria avanzata Tra lento e precipitoso Napoli, 22.5.2013 Sclerosi laterale amiotrofica [SLA] Deficit della

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

I Progetti Regionali sulla fragilità

I Progetti Regionali sulla fragilità I Progetti Regionali sulla fragilità Dr. Antonio Brambilla Dr. Oreste Capelli Assessorato Politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna Il Sostegno alla Fragilità e la Prevenzione della Non Autosufficienza,

Dettagli

Percorso di assistenza domiciliare per i pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica: risultati

Percorso di assistenza domiciliare per i pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica: risultati Assistenza domiciliare per pazienti SLA: risultati Ann Ig 2013; 25 (Suppl. 1): 201-208 201 Percorso di assistenza domiciliare per i pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica: risultati F. De Angelis

Dettagli

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening o L Adeguamento delle linee-guida dello screening del cervicocarcinoma o I Vaccini anti-hpv e gli Screening o Modelli di interazione tra screening

Dettagli

14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli

14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli 14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli I servizi socio-sanitari della IHG per l Alzheimer: UVA, Reparti di degenza, Centro Diurno, Assistenza domiciliare,

Dettagli

IL TEAM MULTIDISCIPLINARE

IL TEAM MULTIDISCIPLINARE IL TEAM MULTIDISCIPLINARE Vincenzo Silani U.O.. Neurologia e Lab. Neuroscienze Università degli tudi di Milano IRCCS Istituto Auxologico Italiano - Milano CENTRO SLA IRCCS ISTITUTO AUXOLOGICO ITALIANO

Dettagli

F ORMATO EUROPEO ESPERIENZE LAVORATIVE E DOCENZE PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO ESPERIENZE LAVORATIVE E DOCENZE PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE ESPERIENZE LAVORATIVE E DOCENZE COLLABORAZIONI LIBERO-PROFESSIONALE IN SEDE AMBULATORIALE E A DOMICILIO IN PAZIENTI AD ELEVATA INTENSITA ASSISTENZIALE: NOVEMBRE

Dettagli

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano DONATO Giuseppe*, FURNARI Giacomo, ZACCARI Clara ^ *medico di Medicina Generale (MMG) presso ASL RmF-distretto 2, medico referente

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

PROBLEMATICHE RESPIRATORIE IN FASE ACUTA. Autori: Gruppo Fisioterapisti Respiratori Azienda Ospedaliera Ospedale Ca Granda Niguarda U.S.U.

PROBLEMATICHE RESPIRATORIE IN FASE ACUTA. Autori: Gruppo Fisioterapisti Respiratori Azienda Ospedaliera Ospedale Ca Granda Niguarda U.S.U. PROBLEMATICHE RESPIRATORIE IN FASE ACUTA Autori: Gruppo Fisioterapisti Respiratori Azienda Ospedaliera Ospedale Ca Granda Niguarda U.S.U. Niguarda Pamela Frigerio, Marta Lazzeri, Elisabetta Restelli, Maurizio

Dettagli

Associazione Riabilitatori Insufficienza Respiratoria. GraphicArt FraDabro 2014

Associazione Riabilitatori Insufficienza Respiratoria. GraphicArt FraDabro 2014 Associazione Riabilitatori Insufficienza Respiratoria TOSSE Meccanismo protezione delle vie aeree infezioni di origine virale o batterica agenti irritanti ( fumo, polveri, gas) stimoli termici (aria molto

Dettagli

Nel pool degli specialisti che dovrebbe prendere in cura il paziente non è al momento previsto alcun psicologo, fisiatra/fisioterapista e logopedista

Nel pool degli specialisti che dovrebbe prendere in cura il paziente non è al momento previsto alcun psicologo, fisiatra/fisioterapista e logopedista PUNTO 1. Molto spesso il medico di base non riesce ad identificare i segnali prognostici della malattia ritardando la diagnosi e quindi l inizio della terapia farmacologica Erogare ai medici di base la

Dettagli

LA CPAP. Il circuito l interfaccia il montaggio Il monitoraggio. Nacar Alberto ASL NA 1 M.U.San Paolo. 28 settembre 2010 NOLA

LA CPAP. Il circuito l interfaccia il montaggio Il monitoraggio. Nacar Alberto ASL NA 1 M.U.San Paolo. 28 settembre 2010 NOLA LA CPAP Il circuito l interfaccia il montaggio Il monitoraggio 28 settembre 2010 NOLA Nacar Alberto ASL NA 1 M.U.San Paolo CPAP (continous positive airway pressure) Pressione positiva continua delle vie

Dettagli

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Maria Luisa Moro La rete dei servizi si è profondamente modificata Long term care facility with ventilator and psychiatric patients Long

Dettagli

CPAP nell edema edema polmonare acuto

CPAP nell edema edema polmonare acuto CPAP nell edema edema polmonare acuto Nola 28 settembre 2010 G. Foccillo Un po di storia.. 1912 Maintenance of lung expansion during thoracic surgery (S. Brunnel) 1936 Left-sided heart failure with pulmonary

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2013 DATI GENERALI DEL PROGETTO

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2013 DATI GENERALI DEL PROGETTO PROGETTO ESECUTIVO PROGRAMMA CCM 2013 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: La telemedicina in aiuto del bambino e della sua famiglia: progetto pilota multicentrico di telemonitoraggio domiciliare nelle gravi

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA (COMPUTER ANALYSIS POSTURE BED AND SITTING) FT. Costante Emaldi FT. Rita Raccagni Will you care for me in my old age? SISTEMA a rilevazione di pressione

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

U. O. Accettazione Medico-Chirurgica Responsabile: Dr. Vittorio Helzel

U. O. Accettazione Medico-Chirurgica Responsabile: Dr. Vittorio Helzel Presidio Ospedaliero dei Pellegrini U. O. Accettazione Medico-Chirurgica Responsabile: Dr. Vittorio Helzel l INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DAL TERRITORIO ALLA MEDICINA D URGENZA 28 Settembre 2010 Nola

Dettagli

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 PDTA della persona con SLA esperienza dell area bolognese Fabrizio Salvi Antonella Dallari Manuela Panìco L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 3 Da un incontro

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine Matteo Balestrieri Cattedra di Psichiatria - Università di Udine ) "$$ "! $$ #$ " " (& %" &! '& *+,-,. //# 012)2"$ 3.4 4 5,!.#&&, 0 (67 4-!$6 7 4-8, 9:.7

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma Diagnosi e Terapia delle Aritmie Cardiache: Ablazione transcatetere endoepicardica di Tachicardia Ventricolare in paziente con Malattia di Anderson-Fabry Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014 Laboratorio

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

BPCO e disturbi del sonno: più che una associazione. Riccardo Drigo

BPCO e disturbi del sonno: più che una associazione. Riccardo Drigo BPCO e disturbi del sonno: più che una associazione Riccardo Drigo BPCO: quale impatto sul sonno Sonno: quale impatto sulla BPCO Overlap OSA e BPCO Sleep quality in chronic obstructive pulmonary disease

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

L Infermiere della Riabilitazione

L Infermiere della Riabilitazione L Infermiere della Riabilitazione 5 marzo 2008 dott. Marco Martinelli RIABILITAZIONE: oggetto misterioso? La riabilitazione è tutto quanto consente un recupero - anche parziale - della funzione compromessa

Dettagli

La TC nella valutazione del Fenotipo della BPCO

La TC nella valutazione del Fenotipo della BPCO 4 Master universitario Pneumologia Interventistica La TC nella valutazione del Fenotipo della BPCO Gianna Camiciottoli Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Firenze

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Gerardo Favaretto Dipartimento di Salute Mentale www.ulss.tv.it In particolare: I dati di prevalenza progetto

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri

per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri La cura oltre il paziente : corsi per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri Chi è il caregiver? Un inchiesta tra i familiari Il caregiver E una donna nel 70% dei casi E un figlia/o nel 47% E il coniuge

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

CRITERI DI DIMISSIONE DALLA TERAPIA INTENSIVA

CRITERI DI DIMISSIONE DALLA TERAPIA INTENSIVA CRITERI DI DIMISSIONE DALLA TERAPIA INTENSIVA Il paziente può essere considerato dimissibile dalla Terapia Intensiva (T.I.) quando sono presenti tutti i criteri generali di dimissione dalla T.I (vedi tabella

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli

Direzione Sanitaria II Distretto. Dott. Fabio De Angelis

Direzione Sanitaria II Distretto. Dott. Fabio De Angelis Direzione Sanitaria II Distretto Dott. Fabio De Angelis COMPLESSITA ORGANIZZATIVA Necessità di modelli organizzativi più coerenti ed efficaci per la gestione dei pazienti domiciliari COMPLESSITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

Artrosi primaria Cuff Arthropaty Necrosi Avascolare Fratture a più frammenti Pseudoartrosi Artrite reumatoide Spondilite anchilosante Delitala 1945 Neer fu il primo a comprendere che le protesi vincolate

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza 21 marzo IV Sessione: Rischio Cardiovascolare e infezione da HIV Michele Bombelli Clinica Medica Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza Le nuove linee guida ACC/AHA sul trattamento

Dettagli

Le cure di fine vita nel paziente anziano La rete dei servizi. Il ruolo dell Università

Le cure di fine vita nel paziente anziano La rete dei servizi. Il ruolo dell Università Le cure di fine vita nel paziente anziano La rete dei servizi Il ruolo dell Università Mauro Zamboni Clinica Geriatrica Università di Verona Rovereto, 16 Ottobre 2009 Auditorium Melotti, MaRT Theoretical

Dettagli

Vivere con la SLA Mario Melazzini

Vivere con la SLA Mario Melazzini Vivere con la SLA Mario Melazzini " I have the highest respect for my consultant neurologist as a man who can label and diagnose neurological illnesses, but in the context of my illness he is no more use

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Le cure di fine vita in pneumologia?

Le cure di fine vita in pneumologia? Le cure di fine vita in pneumologia? Michele Vitacca MD Fondazione S. Maugeri IRCCS Respiratory Unit and weaning center Lumezzane (BS) Italy michele.vitacca@fsm.it Agenda Il razionale Il razionale Lo stato

Dettagli

Il delirium: problematiche extraospedaliere

Il delirium: problematiche extraospedaliere Roma, 19 marzo 2015 Il delirium: problematiche extraospedaliere Marco Trabucchi Università di Roma Tor Vergata Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Associazione Italiana Psicogeriatria 1 Intensive Care

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Antonello Casaletto U. O. D. Chirurgia Toracica Responsabile: Dr. G. Urciuoli Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo POTENZA Ruolo

Dettagli

La Sclerosi Laterale Amiotrofica quale paradigma di malattia complessa: dalla multidisciplinarietà all interdisciplinarietà

La Sclerosi Laterale Amiotrofica quale paradigma di malattia complessa: dalla multidisciplinarietà all interdisciplinarietà Assistenza interdisciplinare alle persone che soffrono di Sclerosi Laterale Amiotrofica La Sclerosi Laterale Amiotrofica quale paradigma di malattia complessa: dalla multidisciplinarietà all interdisciplinarietà

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Le UVA calabresi organizzazione rispetto alla prevenzione e alla terapia

Le UVA calabresi organizzazione rispetto alla prevenzione e alla terapia Progetto Obiettivi di Piano 2010 per le Demenze Formazione Medici di Medicina Generale Le UVA calabresi organizzazione rispetto alla prevenzione e alla terapia Rosanna Colao Centro Regionale di Neurogenetica

Dettagli

DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL PROF.

DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL PROF. DIPARTIMENTO DI Medicina Interna, Immunologia Clinica, Nutrizione Clinica ed Endocrinologia CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL PROF. Francesco Di Sabato DATI PERSONALI Nome e Cognome Francesco Di Sabato

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica - Sede Reggio Emilia L EQUIPE MULTIDIMENSIONALE NEL PROCESSO DI SVEZZAMENTO DALLA VENTILAZIONE

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli

Scheda Curriculum Vitae

Scheda Curriculum Vitae < INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Paolo Banfi Innocente Via Soperga, 54-20127 Milano Telefono 00390239703341 Fax E-mail pabanfi@dongnocchi.it Nazionalità Italiana Data di nascita 25/09/1954 Codice

Dettagli

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia HTA e screening Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia L Aquila 20 Giugno 2012 Perchè? Obiettivi di un Sistema Sanitario Dare una risposta alle aspettative dei cittadini fornendo servizi di altà qualità

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

Criteri di appropriatezza diagnosticoterapeutica RADIOTERAPIA. prof Giampaolo Biti Università di Firenze

Criteri di appropriatezza diagnosticoterapeutica RADIOTERAPIA. prof Giampaolo Biti Università di Firenze Criteri di appropriatezza diagnosticoterapeutica in oncologia RADIOTERAPIA prof Giampaolo Biti Università di Firenze DEFINIZIONE Appropriatezza Capacità di assicurare, utilizzando le risorse disponibili

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli