Lezione 2 Studio ecografico dell aterosclerosi pre-clinica:spessore mio-intimale e funzione endoteliale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 2 Studio ecografico dell aterosclerosi pre-clinica:spessore mio-intimale e funzione endoteliale"

Transcript

1 CORSO DI CERTIFICAZIONE DI COMPETENZA in ECOGRAFIA VASCOLARE GENERALE Lezione 2 Studio ecografico dell aterosclerosi pre-clinica:spessore mio-intimale e funzione endoteliale Settore formazione : Direttore: Paolo G. Pino Marco Campana, Antonella Moreo, Fausto Rigo, Ketty Savino

2 DISFUNZIONE ENDOTELIALE ATEROSCLEROSI Recenti scoperte Condizioni morfofunzionali che precedono il restringimento del vaso e l inizio dei sintomi: INFIAMMAZIONE CALCIFICAZIONE Carattezzazione Placca Ossidazione lipoproteine Precoci modificazioni molecolari e cellulari del processo aterogenetico Adesione monociti Formazione Foam cells Ispessimento parietale

3 Ecografia vascolare A causa del remodeling della tunica media lo sviluppo iniziale della placca aterosclerotica non è accompagnato da una riduzione del lume vascolare. In questa fase non sono osservabili modificazioni angiografiche, mentre l Ecografia è in grado di visualizzare le alterazioni morfo-funzionali della parete arteriosa Dipartimento Cardio-Toracico Università di Pisa

4

5 METODI DI VALUTAZIONE ANATOMICA ECOGRAFIA TRANSCUTANEA - ECOGRAFIA (arterie carotidi) - ULTRASONOGRAFIA INTRAVSCOLARE (arterie periferiche) VALUTAZIONE SMI SPESSORE INTIMALE monocita cell. schiumosa Danno e disfunzione endoteliale Espressione molecole di adesione, adesione migrazione monociti I macrofagi fagocitano ox-ldl attraverso scavenger receptor Migrazione e proliferazione miociti Placca ateromasica

6 SPESSORE MEDIO-INTIMALE INTIMALE CAROTIDEO DEFINIZIONE Spessore del complesso intima-media media della parete carotidea Misurabile come distanza tra l interfaccia sangue- intima e l interfaccia media-avventiziaavventizia Dip. Cardio-Toracico - Università di Pisa

7 IMPORTANZA CLINICA DELLO SPESSORE MEDIO-INTIMALE CAROTIDEO Marker di aterosclerosi periferica Marker di aterosclerosi coronarica Studio dell efficacia degli interventi terapeutici Dipartimento Cardio-Toracico - Università di Pisa

8 VALUTAZIONE DELL IMT ANATOMIA ECOGRAFIA PA Avventizia Media Intima Lume vascolare IMT misura non valida PP Intima Media Avventizia IMT misura valida Dipartimento Cardio-Toracico Università di Pisa

9

10 INTIMA-MEDIA THICKNESS METHODS OF MEASUREMENT: MANUAL CURSOR PLACEMENT

11 INTIMA-MEDIA THICKNESS METHODS OF MEASUREMENT: AUTOMATED COMPUTERIZED EDGE-DETECTION

12 The three most frequently used measurements in clinical trials are as follows: Mean of the maximum IMT of the 4 far walls of the carotid bifurcations and distal common carotid arteries (CBM max) Mean maximum thickness (M max) of up to 12 different sites (right and left, near and far walls, distal common, bifurcation and proximal internal carotid) Overall single maximum IMT (T max) INTIMA-MEDIA THICKNESS METHODS OF MEASUREMENT Dipartimento Cardio-Toracico - Università di Pisa

13 Doppler TSA- IMT Misurare IMT sulla parete posteriore della carotide comune ad 1 cm dalla biforcazione in un segmento di carotide di circa 1 cm, prendendo almeno 2-3 proiezioni (valore medio o massimo) immagini zoomate misurazioni ripetute o operatori indipendenti segnare le misure IMT delle 2 CC separatamente segnalare se valore medio o massimo

14 SPESSORE MEDIO-INTIMALE CAROTIDEO METODI DI CALCOLO RIPRODUCIBILITA DATI variabilita intra ed interosservatore? Dipartimento Cardio-Toracico - Università di Pisa

15

16

17 Complesso intima-media Correlazione con fattori di rischio CV Età, familiarità per malattie CV Fumo Diabete, sindrome metabolica & insulino-resistenza Ipertensione arteriosa, ipertrofia ventricolare sin Dislipidemie ( LDLc, trigliceridi, LP(a), HDLc) Fattori emocoagulativi ( PAI1, tpa e D-Dimero, Viscosità plasmatica, WWF, fibrinog., VIIIc) Omocisteina Nuovi FDR (CMV, Clamidia, parodontopatie, livelli di antiossidanti, D allele dell ACE, sideremia e ferritina)...

18 Complesso intima-media Correlazione con score riassuntivo dei fattori di rischio CV 12 R = 0,719 p < 0,0001 SMARTscore ,2 0,4 0,6 0,8 10 1,2 0 Common carotid IMT (mm) Lupi, ESC 2002 La diagnosi precoce di aterosclerosi coronarica - Torino 20/11/2004

19 Complesso intima-media Correlazione con AS coronarica Anderson, JACC 1995 La diagnosi precoce di aterosclerosi coronarica - Torino 20/11/2004

20 Complesso intima-media Correlazione con malattia AS vascolare (ARIC study) P<0.01 Burke, Stroke 1995

21 Complesso intima-media Correlazione con prognosi (CH Study) p<0.01 vs 1t Quintile O Leary, NEJM 1999

22 Complesso intima-media Correlazione con prognosi (CH Study) Crouse, Circulation 2003

23 Complesso intima-media End-point surrogati e studi di intervento farmacologico p<0.05 vs Pravastatina Taylor, Circulation 2002 (ARBITER study)

24 Lo Studio della Funzione Endoteliale

25 L ENDOTELIO NELLA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE ENDOTHELIAL CELLS (ARE) MORE THAN A SHEAT OF NUCLEATED CELLOPHANE LORD FLOREY, 1966 RUOLO CENTRALE NELLA REGOLAZIONE DELL OMEOSTASI CARDIOCIRCOLATORIA 1998 TONO VASCOLARE ADESIONE E AGGREGAZIONE PIASTRINICA COAGULAZIONE LOCALE CRESCITA VASCOLARE INFIAMMAZIONE

26

27 Malattie Cardiovascolari e Disfunzione Endoteliale Aterosclerosi Vasospasmo Danno da riperfusione Riocclusione Scompenso cardiaco DISFUNZIONE ENDOTELIALE Trombosi Iperlipidemia Angiopatia diabetica Reazioni immuni Ipertensione Arteriopatie obliteranti periferiche Infiammazione Dipartimento Cardio Toracico Università di Pisa

28 How is endothelial function assessed?

29 FISIOLOGIA DELL ENDOTELIO SANGUE CELLULE PMN Monociti Piastrine FORZE ELASTICHE Shear stress Pressione SOSTANZE VASOATTIVE Acetilcolina Peptidi ( trombina, sostanza P, vasopressina) Chinine (bradichinina) Amine (serotonina) Nucleotidi (ATP; ADP) Metaboliti (leucotriene C4) ENDOTELIO FATTORI DI DERIVAZIONE ENDOTELIALI MUSCOLATURA LISCIA VASCOLARE rilasciamento contrazione proliferazione Dipartimento Cardio Toracico Università di Pisa

30 PRINCIPALI MECCANISMI INTRACELLULARI MEDIANTI L AZIONE DELL NO Ach BRADICHININA SHEAR STRESS CELLULA ENDOTELIALE M L-Arg R-NO CELLULA MUSCOLARE LISCIA? K + NO GTP cgmp? GC G-Kinasi Ca ++ /Mg ++ ATPasi Ca ++ Ca ++ VASODILATAZIONE

31 EFFETTI VASOPROTETTORI DELL NO Vasodilatazione (attraverso rilasciamento della cellule della muscolatura liscia) Inibizione della crescita (attraverso azioni sulla cellula della muscolatura liscia) Inibizione dell adesione/aggregazione piastrinica Inibizione delle interazioni endotelio/leucociti Controbilancia l effetti dell anione superossido? Dip. Cardio-Toracico - Università di Pisa

32 ASSESSMENT OF ENDOTHELIAL FUNCTION IN HUMANS STUDY OF VASCULAR REACTIVITY

33 STUDY OF VASCULAR REACTVITY MICROCIRCULATION: CORONARY CUTANEOUS MUSCLE MACROCIRCULATION: - EPICARDIAL ARTERIES - BRACHIAL, RADIAL, FEMORAL ARTERIES

34 VALUTAZIONE CLINICA DELL ENDOTELIO MACROCIRCOLO CORONARIE ART.PERIFERICHE (art.radiale,art.femorale ANGIOGRAFIA QUANTITATIVA + IVUS ULTRASONOGRAFIA NON INVASIVA (ECO-DOPPLER TRANSCUTANEO) Dipartimento Cardio Toracico Università di Pisa

35

36 FLOW (Q) Endothelium SHEAR STRESS (τ) = 4µQ πr 2

37 ENDOTHELIUM-INDEPENDENT STIMULI NITRATES: SODIUM NITROPRUSSIDE, NITROGLYCERIN DIRECT VASODILATORS: PAPAVERINE, ADENOSINE (?)

38 NON INVASIVE EVALUATION OF ENDOTHELIAL FUNCTION IN THE BRACHIAL ARTERY Technique Subject preparation Equipment: high resolution ultrasound with broad-band ( 7 to 12 Mhz) linear array transducers Image acquisition : 2D gray-scale imaging, Stereotactic probeholding device

39 NON INVASIVE EVALUATION OF ENDOTHELIAL FUNCTION IN THE BRACHIAL ARTERY FMD endothelium-dependent TIMING OF FMD Sinoway et al. Circ Res 1989

40 STIMULUS: REACTIVE HYPEREMIA BASELINE AFTER ISCHEMIA Flow velocity (Doppler) Reactive hyperemia is calculated as maximal per cent flow increment above baseline after ischemia. Arterial flow: flow velocity x heart rate x vessel area (πr 2 ).

41 NO IS RESPONSIBLE FOR FMD OF HUMAN PERIPHERAL CONDUIT ARTERIES IN VIVO JOANNIDES R CIRCULATION 1995 LIEBERMAN Am J Cardiol 1996

42 FMD following wrist and upper arm occlusion in humans: the contribution of NO Doshi S Clinical Science 2001 Dilatation following upper arm occlusion is greater than that observed after wrist occlusion. L-NMMA infusion revealed that FMD following upper arm occlusion is substantial component not mediated by NO, most probably related to tissue ischaemia around the brachial artery.

43 NON INVASIVE EVALUATION OF ENDOTHELIAL FUNCTION IN THE BRACHIAL ARTERY FMD endothelium-independent: NTG

44 NON INVASIVE EVALUATION OF ENDOTHELIAL FUNCTION IN THE BRACHIAL ARTERY Analysis: Anatomic landmarks 1. Caliper measurement 2. Computerized measurement

45 CALIPER MEASUREMENT (manual) OF FMD BASELINE baseline: cm diameter (cm) s: cm FMD = 6.9% AFTER REACTIVE HYPEREMIA cuff inflation TIME (seconds) cuff deflation 40 HEALTHY SUBJECTS (21-51 YEARS) 4 MEASUREMENTS (BASELINE, 1-2 DAYS, 1-2 WEEKS, 2-4 MONTHS) FMD 7±1% (RANGE 0-17%) REPRODUCIBILITY (INTEROBSERVER VARIABILITY): 1.2±0.4 (17%) VARIATION COEFFICIENT AMONG DIFFERENT MEASUREMENTS: 1.8 (25%) SORENSEN KE ET AL. BR HEART J 1995

46 COMPUTERIZED MEASUREMENT edge-detection software system

47 ENDOTHELIUM-DEPENDENT RESPONSE flow velocity by * doppler % of diameter FMD max FMD 60 s FMD AUC ISCHEMIA seconds * *

48 NON INVASIVE EVALUATION OF ENDOTHELIAL FUNCTION IN THE BRACHIAL ARTERY Validation and Relevance of The Method CALIPER MEASUREMENT (manual) OF FMD 40 healthy subjects (21-51 years) 4 measurements (baseline, 1-2 days, 1-2 weeks, 2-4 months) fmd 7±1% (range 0-17%) reproducibility (interobserver variability): 1.2±0.4 (17%) var. coeff. : 1.8 (25%) Sorensen ke et al. br heart j 1995 COMPUTERIZED MEASUREMENT 40 healthy subjects (26-56 years) 2 measurements in the same day max FMD (56 sec) 6.5±2.9% Var. Coeff: 10% FMD (60 sec) 4.2±2.5% Var. Coeff: 18 % FMD AUC (56 sec) 525±260% Var. Coeff: 21 % max FMD, FMD 60 sec e FMD AUC are significantly related (r= ) Beux F Ultrasound Med Biol 2001

49 CLINICAL EVALUATION OF ENDOTHELIUM Flow- mediated vasodilation in patients with CAD Brachial artery diameter (% change) * Normal CAD * p < * Reactive hyperemia Nitroglycerin E. H. Lieberman Am. J. of Cardiol.1996

50 NON INVASIVE EVALUATION OF ENDOTHELIAL FUNCTION IN THE BRACHIAL ARTERY Validation and Relevance of The Method BRACHIAL ARTERY DIAMETER ( % change) REACTIVE HYPEREMIA * P = 0.08 * * P < CLOSE RELATION OF ENDOTHELIAL FUNCTION IN THE HUMAN CORONARY AND PERIPHERAL CIRCULATIONS * * CAD (angio) and Coronary Endothelial Dysfunction * (n= 26) (n=11) (n=7) No CAD(angio) and Coronary Endothelial Dysfunction No CAD (angio) and Normal Coronary Endothelial function (n= 26) (n=11) (n=7) T. Anderson et al. JACC 1995

51 Ultrasound Study Early Disease Asymptomatic Children and young adults with RF for ATS- Lancet 1992 Hypercolesterolemia in Children-J Clin Invest 1994 Active Smoking- Circul Passive Smoking-EHJ Diabete Mellitus JACC 1996 Hyperhomocisteinemia- Circul 1997 Studies of Reversibility Antioxidant Vit.C in CAD- Circul.1996 L-arginina in Hypercholest.-J Clin Invest Estrogen Therapy- Clin Endocr.

52 EVALUATION OF ENDOTHELIAL FUNCTION IN THE BRACHIAL ARTERY ADVANTAGES non invasive procedure large repeatibility over the time correlation with coronary circulation correlation with clinical end-points DISADVANTAGES reproducibility low degree of response large number of subjects to study limited possibility to assess mechanisms

53 European Heart Journal (2005) 26,

54 GUIDELINES FOR THE ULTRASOUND ASSESEMENT OF ENDOTHELIAL DEPENDENT FMD OF BRACHIAL ARTERY JACC 2002

55 Ruolo della disfunzione endoteliale nella stratificazione del rischio cardiovascolare

56 Long-Term Follow-Up of Patients With Mild Coronary Artery Disease and Endothelial Dysfunction Suwaidi J, Circulation. 2000;101:948 Follow-up (average 28 month; 11 to 52 months) was obtained in 157 patients with mildly diseased coronary arteries (angiographically coronary artery lesions <40 40% lumen diameter stenosis without evidence of coronary spasm) Coronary vascular reactivity evaluation: graded administration of intracoronary acetylcholine, adenosine, and nitroglycerin and intracoronary ultrasound at the time of diagnostic study Patients were divided on the basis of their response to acetylcholine into 3 groups: group 1 (n=83 83), patients with normal endothelial function; group 2 (n=32 32), patients with mild endothelial dysfunction; and group 3 (n=42 42), patients with severe endothelial dysfunction. % Change CBF (Ach) * 24 P< Group 1 Group 2 Group 3 CBF: Volumetric coronary blood flow; Normal coronary endothelium: CBF of >50%; mild: CBF between 0% to 50%; severe: percent change in CBF <0%. * % Cardiac events P< Group 1 Group 2 Group 3

57 Long-Term Follow-Up of Patients With Mild Coronary Artery Disease and Endothelial Dysfunction Suwaidi J, Circulation. 2000;101:948 September 1995 ECG of 58-year year-old patient at time of endothelial function evaluation (September 7, 1995). Mean percent change in CBF in response to acetylcholine was -35%. July, 1997 B, ECG when patient presented with 3 hours of typical anginal pain and elevated creatine kinase to 800 U (July 6,1997), revealing new T-wave inversion in anterolateral leads.

58 Long-Term Follow-Up of Patients With Mild Coronary Artery Disease and Endothelial Dysfunction A, Coronary angiogram (left coronary artery in left cranial view) of 51-year year- old patient at time of endothelial function evaluation (January 11, 1996), demonstrating 20% diameter stenosis in mid-lad (arrow). Mean percent change in CBF in response to acetylcholine was %. Suwaidi J, Circulation. 2000;101:948 50%. January B, Patient who presented on August 1, 1997, with progressive exertional angina and dyspnea. Exercise sestamibi revealed large, reversible anterolateral perfusion defect, and repeated coronary angiography revealed 95% diameter stenosis in mid-lad (arrow). Patient successfully underwent percutaneous coronary angioplasty and stent placement with resolution of symptoms Aug. 1997

59 Peripheral vascular endothelial function testing as a noninvasive indicator of coronary artery disease Subjects with CAD by ExMPI (n = 23) had a lower FMD (6.3 ± 0.7%) than those without CAD by ExMPI (n = 71) ( ± 0.6%; P = ). Flow-mediated dilation was highly predictive for CAD with an odds ratio of 1.32 for each percent decrease in FMD (p = ). Twenty-one of 23 subjects who were positive for ExMPI had an FMD <10 10% (sensitivity 91%), whereas only two of 40 subjects with an FMD 10% were ExMPI- positive (negative predictive value: 95%). Individuals with an FMD <10 10% exercised for a shorter duration than those with an FMD 10% (456 ± 24 vs. 544 ± 31 s, respectively; P = ). (ExMPI) Kuvin JT, JACC Vol.38,7 2001:1843

60 Impaired Flow-Mediated Dilation and Risk of Restenosis in Patients Undergoing Coronary Stent Implantation Was studied 136 patients with single-vessel CAD undergoing percutaneous coronary intervention (PCI) with stenting and at least 6 months of follow-up. All patients underwent ultrasound detection of brachial artery reactivity 30 days after PCI

61 Risk Stratification for Postoperative Cardiovascular Events via Noninvasive Assessment of Endothelial Function Gokce N, Circulation. 2002;105: Was preoperatively examined brachial artery vasodilation using ultrasound in 187 patients undergoing vascular surgery. Patients were prospectively followed for 30 days and 1.2 years after surgery High (>8.1%) High (>8.1%) Forty-five patients had a postoperative event, including cardiac death (3), myocardial infarction (12 12), unstable angina/ischemic ventricular fibrillation (2), stroke (3), or elevated troponin I, reflecting myocardial necrosis (25 25). Preoperative endothelium-dependent dependent FMD was significantly lower in patients with an event (4.9±3.1%) than in those without an event (7.3±5%; P< ), whereas endothelium-independent independent vasodilation to nitroglycerin was similar in both groups. When a flow-mediated dilation cutpoint of 8.1% was used, endothelial function had a sensitivity of 95%, specificity of 37%, and negative predictive value of 98% for events. Middle ( %) Low tertile (<4.2%) Middle ( %) Low tertile (<4.2%)

62 Endothelial Dysfunction and Cardiovascular Risk Prediction in Peripheral Arterial Disease Additive Value of FMD to Ankle-BrachialPressure Index FMD > median FMD < median 131 patients monitored for a mean of 23 ±10 months. 18 had a coronary cerebrovascular event, peripheral event. event, 12 a and 9 a The median FMD was lower in patients with an event than in those without (5.8% versus 7.6%, P ) The cardiovascular event rate was higher in patients with FMD below the median versus those with FMD above the median (P ). Below-median ABPI and FMD combined was more accurate in predicting risk Brevetti G, Circulation. 2003; 108:2093

63 Prognostic Role of Reversible Endothelial Dysfunction in Hypertensive Postmenopausal Women A total of 400 consecutive postmenopausal women with mild-to to-moderate hypertension and impaired FMD underwent ultrasonography of the brachial artery at baseline and after six months, while optimal control of blood pressure was achieved using antihypertensive therapy. They were then followed up for a mean period of 67 months (range 57 to 78). Modena M.G. J Am Coll Cardiol 2002;40:505

64 CONCLUSIONI Lo funzione endoteliale rappresenta un marker della salute salute vascolare e gioca un ruolo importante nella patogenesi e nella prognosi delle malattie cardiovascolari. Lo studio della funzione endoteliale rappresenta un valido strumento clinico. La mancanza di una procedura standardizzata dello studio della funzione endoteliale ne limitano a tutt oggi l impiego nella pratica clinica quotidiana. Dipartimento Cardio Toracico Università di Pisa

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Lorenzo Ghiadoni, Agostino Virdis, Stefano Taddei Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università di Pisa The Cardiovascular

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE

AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE Centro Cardiovascolare Azienda per i Servizi Sanitari n. 1 Triestina Area Vascolare AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE Processo patologico L aterosclerosi è una malattia lenta e progressiva delle arterie

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia

Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa di Cardiologia INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 31/01/1977 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Lassandro Pepe Leonardo I Fascia ASL DI TARANTO - TA Dirigente ASL I fascia

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Medicina basata sull Evidenza

Medicina basata sull Evidenza Medicina basata sull Evidenza Numerosi trattamenti tatta t possono o ridurre il rischio dei maggiori eventi cardiovascolari in grandi gruppi di pazienti Prescrizione di tutti i farmaci benefici a tutti

Dettagli

Markers strumentali non

Markers strumentali non Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Medicina Interna P.L. Mattioli Markers strumentali non invasivi di Aterosclerosi Dr. Vittorio Emanuele Matricola 68292 INTRODUZIONE Grazie

Dettagli

valutazione rischio malattie cardiovascolari

valutazione rischio malattie cardiovascolari Giovanni Liguori n DE arteriogenica veno-occlusiva induratio penis plastica n priapismo n alto flusso basso flusso trauma del pene n valutazione rischio malattie cardiovascolari n necessità approfondimento

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

Insufficienza renale dislipidemia e aterosclerosi

Insufficienza renale dislipidemia e aterosclerosi Insufficienza renale dislipidemia e aterosclerosi (Schiffrin, Circ 7) end-stage coronaropatia alterazione VS morte cardiovascolare (Best, JACC ) (PREVEND Study, Hillige, Circ ) libero da morte cardiaca

Dettagli

CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI

CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI Lega Friulana per il Cuore CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

ATTIVITÀ FISICA COME STRUMENTO PER LA PREVENZIONE DELL ATEROSCLEROSI. Pablo Werba. Exercise is Medicine Milano, 3 dicembre 2011

ATTIVITÀ FISICA COME STRUMENTO PER LA PREVENZIONE DELL ATEROSCLEROSI. Pablo Werba. Exercise is Medicine Milano, 3 dicembre 2011 ATTIVITÀ FISICA COME STRUMENTO PER LA PREVENZIONE DELL ATEROSCLEROSI Pablo Werba Exercise is Medicine Milano, 3 dicembre 2011 Overview Aterosclerosi e le sue fasi Prevenzione e riabilitazione Motivazione

Dettagli

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Equivalenza degli antiaggreganti nelle SCA? STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Lo studio PCI-CURE Lancet 2001; 358: 427

Dettagli

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Francesco Di Pede Dipartimento Cardiologico ULSS 10 Portogruaro-San Donà di Piave CIRCA IL 20% DEI PAZIENTI IN FIBRILLAZIONE

Dettagli

Statine nella cardiopatia ischemica in monoterapia: perchè?

Statine nella cardiopatia ischemica in monoterapia: perchè? Santa Margherita Ligure 2 a Giornata Cardiologica del Tigullio 12 Febbraio, 212 Statine nella cardiopatia ischemica in monoterapia: perchè? Diego Ardissino La medicina delle evidenze scientifiche Medicina

Dettagli

POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI

POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI 1 DISLIPIDEMIA NEL SOGGETTO AFFETTO DA SINDROME COL.ME ALTAMORE GIUSEPPE POLICLINICO MILITARE CELIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA CAPO U.O.C. DI

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Definizione Una sindrome coronarica acuta èun quadro clinico

Dettagli

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN DIAGNOSI ECOGRAFICA NELLE NEFROPATIE VASCOLARI ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN il GSER si occupa di mettere a punto dei criteri condivisi sulla metodologia di indagine, sulla

Dettagli

Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida

Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida Ciro Indolfi, MD, FACC, FESC Division of Cardiology Magna Graecia University Catanzaro Centro di Riferimento

Dettagli

U. Oliviero, V. Apuzzi, G. Bosso, A. Valvano

U. Oliviero, V. Apuzzi, G. Bosso, A. Valvano RASSEGNE Valutazione non invasiva della funzione endoteliale: la flow-mediated dilation Non-invasive assessment of endothelial function: the flow-mediated dilation U. Oliviero, V. Apuzzi, G. Bosso, A.

Dettagli

DAVIDE - Ex fumatore - Post infartuato - 60 anni - In trattamento con una statina

DAVIDE - Ex fumatore - Post infartuato - 60 anni - In trattamento con una statina Enzo Manzato enzo manzato DAVIDE - Ex fumatore - Post infartuato - 60 anni - In trattamento con una statina C- LDL*: 130 mg/dl HDL: 50 mg/dl TG: 150 mg/dl * C-Tot: 210 mg/dl ANDREA - Ex fumatore - Post

Dettagli

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza 21 marzo IV Sessione: Rischio Cardiovascolare e infezione da HIV Michele Bombelli Clinica Medica Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza Le nuove linee guida ACC/AHA sul trattamento

Dettagli

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto Riassunto 1 Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Spesa sanitaria e cardiopatia ischemica 1.3 Fattori di rischio coronarico come causa di cardiopatia ischemica 1.3.1 Prospettive future 1.3.2 Nutrizione e malattie

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

Slow Medicine in Cardiologia

Slow Medicine in Cardiologia Slow Medicine a Padova: fare di più non significa fare meglio Slow Medicine in Cardiologia Domenico Marchese Direttore Area Cardiologica ULSS 16 Padova Padova, 12 Febbraio 2015 Gli esami strumentali in

Dettagli

M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA

M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA 15-20 milioni/anno di accessi in PS per dolore toracico 2-4% Dimissione impropria o mancato riconoscimento

Dettagli

Importanza della valutazione del danno d'organo nel paziente a rischio intermedio

Importanza della valutazione del danno d'organo nel paziente a rischio intermedio Importanza della valutazione del danno d'organo nel paziente a rischio intermedio Le Carte del Rischio CV Età Sesso Fumo Colesterolo totale Colesterolo HLD Pressione arteriosa ALTO >20% MODERATO 10-20%

Dettagli

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Guanti in vinile Stent coronarici Valvola aortica percutanea Mammografo

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

LA RIDUZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE ATTRAVERSO UNA TERAPIA IPOLIPEMIZZANTE INTENSIVA

LA RIDUZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE ATTRAVERSO UNA TERAPIA IPOLIPEMIZZANTE INTENSIVA LA RIDUZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE ATTRAVERSO UNA TERAPIA IPOLIPEMIZZANTE INTENSIVA Enzo Manzato Servizio scientifico offerto alla classe medica da MSD Italia S.r.l 05-13-VYT-2011-IT-5484-SS Linee

Dettagli

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Terza causa di morte (10-12%) e prima di disabilità Prevalenza 6,5% (tra i 65-84 aa.) 194.000 Ictus/anno 907.000 Disabili SPREAD 2003 EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Stenosi carotidea Sintomatologia

Dettagli

STENOSI CAROTIDEA. Influenza del controllo glicemico. Este, 29 novembre 2013. giuseppe panebianco

STENOSI CAROTIDEA. Influenza del controllo glicemico. Este, 29 novembre 2013. giuseppe panebianco STENOSI CAROTIDEA Influenza del controllo glicemico Este, 29 novembre 2013 giuseppe panebianco Difficoltà di determinare una correlazione tra correzione terapeutica dell iperglicemia e riduzione delle

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

La rete cardiologica per la SCA:

La rete cardiologica per la SCA: La rete cardiologica per la SCA: quali vantaggi per le persone con diabete dall organizzazione e dalle innovazioni tecnologiche? Antonio Manari U.O. Cardiologia i Interventistica ti ti Azienda Ospedaliera

Dettagli

5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico

5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico 5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Innovazione e Formazione nella Medicina di Laboratorio Sala Magna Complesso Monumentale dello Steri Palermo 2-4 Dicembre 2014

Dettagli

Diagnosi di disfunzione del microcircolo coronarico in pazienti diabetici con sindrome X cardiaca: confronto tra le metodiche attualmente in uso

Diagnosi di disfunzione del microcircolo coronarico in pazienti diabetici con sindrome X cardiaca: confronto tra le metodiche attualmente in uso 63 Recenti Prog Med 2013; 104: 63-68 Diagnosi di disfunzione del microcircolo coronarico in pazienti diabetici con sindrome X cardiaca: confronto tra le metodiche attualmente in uso Vincenzo Sucato, Salvatore

Dettagli

CONGRESSO INTERSOCIETARIO. LA SINDROME METABOLICA Una sfida per l area l. endocrino-metabolica Cuneo, 8-98

CONGRESSO INTERSOCIETARIO. LA SINDROME METABOLICA Una sfida per l area l. endocrino-metabolica Cuneo, 8-98 CONGRESSO INTERSOCIETARIO LA SINDROME METABOLICA Una sfida per l area l endocrino-metabolica Cuneo, 8-98 9 ottobre 2004 Eterogenità clinica della sindrome metabolica Dislipidemia e sindrome metabolica

Dettagli

UN CASO DI PIEDE DIABETICO

UN CASO DI PIEDE DIABETICO UN CASO DI PIEDE DIABETICO DATI ANAMNESTICI DIABETE MELLITO DALL ETA DI 45 ANNI IPERTENSIONE ARTERIOSA DALL ETA DI 45 ANNI DISLIPIDEMIA TIPO IV INTERVENTO DI ANGIOPLASTICA CORONARICA A 49 ANNI RETINOPATIA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE CARDIOVASCOLARI, RESPIRATORIE, NEFROLOGICHE E GERIATRICHE. CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL Prof. F. Ciciarello.

DIPARTIMENTO DI SCIENZE CARDIOVASCOLARI, RESPIRATORIE, NEFROLOGICHE E GERIATRICHE. CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL Prof. F. Ciciarello. DIPARTIMENTO DI SCIENZE CARDIOVASCOLARI, RESPIRATORIE, NEFROLOGICHE E GERIATRICHE. CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL Prof. F. Ciciarello. DATI PERSONALI Nome e Cognome Francesco Ciciarello Luogo e data

Dettagli

IPERTENSIONE E DISLIPIDEMIA: LINEE-GUIDA E OBIETTIVI TERAPEUTICI

IPERTENSIONE E DISLIPIDEMIA: LINEE-GUIDA E OBIETTIVI TERAPEUTICI IPERTENSIONE E DISLIPIDEMIA: LINEE-GUIDA E OBIETTIVI TERAPEUTICI Linee-guida ipertensione: The Seventh Report of the Joint National Committee on Prevention, Detection, Evaluation and Treatment of High

Dettagli

La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie. Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico

La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie. Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico Caso clinico Sig.ra G.A di 66 anni : entra per dolore stenocardico protratto

Dettagli

Lo studio della funzione endoteliale

Lo studio della funzione endoteliale RASSEGNA Lo studio della funzione endoteliale Utilità clinica e limiti nello screening precoce dell aterosclerosi e nella stratificazione della prognosi E. Orsini, C. Panesi* ASL 5 Pisa, U.O. Malattie

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

Funzione endoteliale, metodiche di studio ed implicazioni per la disfunzione erettile

Funzione endoteliale, metodiche di studio ed implicazioni per la disfunzione erettile ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO / REVIEW GIMSeR 2005;12:230-236 Funzione endoteliale, metodiche di studio ed implicazioni per la disfunzione erettile Endothelial Function, Diagnostic Procedures and Clinical

Dettagli

07/06/2009. Factors Markedly Increase Individual Cardiovascular Risk. Esami non invasivi per la patologia coronarica

07/06/2009. Factors Markedly Increase Individual Cardiovascular Risk. Esami non invasivi per la patologia coronarica LO STUDIO FUNZIONALE INCRUENTO DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA: LA SCINTIGRAFIA La ricerca dell ischemia inducibile: cosa può darci di più per giustificare l incremento del rischio biologico? Factors Markedly

Dettagli

Prof. Vitantonio Di Bello. DIPARTIMENTO CARDIO TORACICO e VASCOLARE UNIVERSITA DI PISA

Prof. Vitantonio Di Bello. DIPARTIMENTO CARDIO TORACICO e VASCOLARE UNIVERSITA DI PISA Il rilievo di lesioni aterosclerotiche in distretti periferici autorizza le indagini per la ricerca di ischemia miocardica? Prof. Vitantonio Di Bello DIPARTIMENTO CARDIO TORACICO e VASCOLARE UNIVERSITA

Dettagli

L effetto pleiotropico delle statine: una sintesi.

L effetto pleiotropico delle statine: una sintesi. L effetto pleiotropico delle statine: una sintesi. Il principale effetto pleiotropico delle statine consiste nella riduzione delle proteine regolatrici che legano la guanosinatrifosfato (GTP) attraverso

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti CAD VALVULOPATIA MIOCARDIOPATIA ecocardiografia + +++ ++ SPECT +++ - - MRI ++ + +++

Dettagli

B.Castiglioni SS Cardiologia Interventistica U.O. Cardiologia 2 Dipartimento Cardiovascolare Ospedale di Circolo Fondazione Macchi - Varese

B.Castiglioni SS Cardiologia Interventistica U.O. Cardiologia 2 Dipartimento Cardiovascolare Ospedale di Circolo Fondazione Macchi - Varese B.Castiglioni SS Cardiologia Interventistica U.O. Cardiologia 2 Dipartimento Cardiovascolare Ospedale di Circolo Fondazione Macchi - Varese Epidemiologia e Dimensioni del problema Indicatori di rischio

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

NUOVE PROSPETTIVE NELLA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Dott. P. Bellotti

NUOVE PROSPETTIVE NELLA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Dott. P. Bellotti NUOVE PROSPETTIVE NELLA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI Dott. P. Bellotti Le malattie cardiovascolari sono provocata dall'accumulo sulle pareti delle arterie di colesterolo ed altre sostanze,

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz ARTERIOPATIA OBLITERANTE PERIFERICA (AOP) Presenza di lesioni stenosanti od ostruenti delle arterie degli arti inferiori Aterosclerosi causa più frequente di PAD altrte cause (rare: arteriti) www.fisiokinesiterapia.biz

Dettagli

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Paolo Rubartelli - Genova Key points: Chi usa la fibrinolisi nello STEMI, deve essere pronto a integrare, in maniera individualizzata, la strategia farmacologica

Dettagli

Cateterismo cardiaco e coronarografia

Cateterismo cardiaco e coronarografia Cateterismo cardiaco e coronarografia Nel suo significato più ampio indica l inserzione di un catetere all interno delle cavità cardiache (destra e sinistra). Viene eseguito per: analizzare campioni di

Dettagli

IST. DI RICOV. E CURA A CARATT.SCIENT. OSPEDALE "S.DE BELLIS

IST. DI RICOV. E CURA A CARATT.SCIENT. OSPEDALE S.DE BELLIS INFORMAZIONI PERSONALI Nome Maiorano Antonella Data di nascita 11/02/1970 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico IST. DI RICOV. E CURA A CARATT.SCIENT.

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

Complicanze macroangiopatiche nel diabete

Complicanze macroangiopatiche nel diabete Complicanze macroangiopatiche nel diabete Diabete mellito e mortalità cardiovascolare Framingham Study: 20 anni di follow-up 18 Mortalità cardiaca ogni 1000 persone 16 14 12 10 8 6 4 2 17 8 17 4 DM No-DM

Dettagli

XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma

XXVII Congresso Nazionale GISE STUDIO AFTER. Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry. Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma XXVII Congresso Nazionale GISE Genova 3-6 OTTOBRE 2006 STUDIO AFTER Angioplasty Follow-up: Tests and Events Registry Pietro Mazzarotto Ospedale San Carlo - Roma per i Ricercatori dello studio AFTER Test

Dettagli

MODIFICARE LO STILE DI VITA : SERVE? Dr. Antonio Musto

MODIFICARE LO STILE DI VITA : SERVE? Dr. Antonio Musto MODIFICARE LO STILE DI VITA : SERVE? Dr. Antonio Musto MODIFICARE LO STILE DI VITA Lo sviluppo della malattia coronaria è fortemente correlato alle caratteristiche dello stile di vita e dei fattori di

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo SANNA MICHELA VICOLO TURI, 38-19038 SARZANA SP Telefono 338 7982690 Fax E-mail MICHELASANNA@ALICE.IT

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores

SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores SMI permette in alcuni casi non usare il contrasto per via endovenosa e determinare un vantaggio significativo per

Dettagli

L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile

L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile Malattia coronarica e donna: differenze di genere Garbagnate M.se 13 marzo 2010 Maddalena Lettino Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo, Pavia

Dettagli

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche variabili Derivazione embriologica: Mesoderma La patologia

Dettagli

Il problema delle calcificazioni. Este 29.11.2013

Il problema delle calcificazioni. Este 29.11.2013 Il problema delle calcificazioni Este 29.11.2013 il tratto extracranico delle arterie carotidi si presta in maniera ottimale allo studio mediante eco-color-doppler I miglioramenti tecnologici apportati

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM 10 MAGGIO 2014, ore 08:30 Centro Analisi Monza MONZA (MB) STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM Specialista in Medicina Interna Numero pazienti esaminati 340 15,88 84,12 Maschi Femmine Analisi

Dettagli

MICROALBUMINURIA COME MARCATORE DI RISCHIO CARDIOVASCOLARE. Michele Meschi

MICROALBUMINURIA COME MARCATORE DI RISCHIO CARDIOVASCOLARE. Michele Meschi MICROALBUMINURIA COME MARCATORE DI RISCHIO CARDIOVASCOLARE Michele Medicina Interna a Indirizzo Nefro-Cardiovascolare Ospedale «Santa Maria» di Borgo Val di Taro Azienda USL Parma Evidence points to a

Dettagli

ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna

ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna La cardiopatia ischemica è una delle principali cause di morbilità e mortalità nei pazienti diabetici

Dettagli

I target di intervento nei pazienti ad alto rischio

I target di intervento nei pazienti ad alto rischio XI CONGRESSO REGIONALE DI ANGIOLOGIA E PATOLOGIA VASCOLARE REGIONE CALABRIA CROTONE-LIDO DEGLI SCOGLI 19 OTTOBRE 2013 La Dislipidemia tra burocrazia e clinica: I target di intervento nei pazienti ad alto

Dettagli

Dirigente Medico di I livello, con incarico a tempo indeterminato, presso la U.O.C. di Cardiologia U.T.I.C.

Dirigente Medico di I livello, con incarico a tempo indeterminato, presso la U.O.C. di Cardiologia U.T.I.C. CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome Salvatore Rumolo Data di nascita 08/02/1961 Qualifica Dirigente Medico di I livello Disciplina Cardiologia Matricola 75407 Incarico attuale Num. Tel. e Fax

Dettagli

Le Sindromi Coronariche Acute. www.fisiokinesiterapia.biz

Le Sindromi Coronariche Acute. www.fisiokinesiterapia.biz Le Sindromi Coronariche Acute www.fisiokinesiterapia.biz Sindromi Coronariche Acute Classificazione SINDROME CORONARICA ACUTA Senza soprasl.. ST Con soprasl.. ST IMA senza ST soprasl. IMA senza ST (NSTEMI)

Dettagli

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE:

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Milan, 4 Dicembre 2014 From Nutrition to Health: an EXPO challenge Session: Nutritional diseases:prevention and solutions LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Dati dallo studio Moli-sani

Dettagli

Appropriatezza Diagnos/ca Cardiologica

Appropriatezza Diagnos/ca Cardiologica Flavio Acquistapace MD FMH Cardiologia Centro Medico Cardiologico Ticino MANNO Gruppo MIP Medico In Pra8ca - Cuoreinsalte SUMSI Ecocardiografia Appropriatezza Diagnos/ca Cardiologica 3. Appropriatezza

Dettagli

L aterosclerosi: una malattia polidistrettuale

L aterosclerosi: una malattia polidistrettuale L aterosclerosi: una malattia polidistrettuale Claudio Rapezzi, Pamela Gallo Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare, Azienda Ospedaliera-Universitaria Policlinico S.Orsola-Malpighi, Bologna Key words: Atherosclerosis;

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

Hs CRP e MPO: punto di vista del Laboratorio. Dr. Maria Morello

Hs CRP e MPO: punto di vista del Laboratorio. Dr. Maria Morello Hs CRP e MPO: punto di vista del Laboratorio Dr. Maria Morello L Aterosclerosi è una patologia infiammatoria cronica multifattoriale controllata dal sisitema immunitario in cui vengono coinvolti vari elementi

Dettagli

Ipertensione e diabete: le evidenze dei grandi trials.. e le donne?

Ipertensione e diabete: le evidenze dei grandi trials.. e le donne? Ipertensione e diabete: le evidenze dei grandi trials.. e le donne? La medicina basata sull evidenza per la prevenzione e il trattamento delle Malattie Cardiovascolari RISULTATI DEI GRANDI TRIALS TRIALS

Dettagli

ATTIVITA DI RICERCA 1

ATTIVITA DI RICERCA 1 ATTIVITA DI RICERCA 1 A) RELAZIONE TRA PROFILO PRESSORIO E NAFLD IN PAZIENTI IPERTESI Premesse. E noto come la mancata caduta notturna della pressione arteriosa sia un indice prognostico indipendente,

Dettagli

Programma di Valutazione Esterna di Qualità. Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia

Programma di Valutazione Esterna di Qualità. Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia Programma di Valutazione Esterna di Qualità Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia In epidemiologia, che cosa vediamo? Eventi Cardiovascolari Diabete tipo 2 Sindrome Metabolica Iperlipidemia familiare

Dettagli

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ A cura del Dott. Sergio Fasullo DTA CON ALTERAZIONI ECG

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT Anatomia Arterie coronarie Le arterie coronarie principali sono due: la coronaria sinistra e la coronaria destra Coronaria sinistra: il primo tratto della coronaria sinistra, viene denominato tronco comune;

Dettagli

P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione

P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione Signora Dieta Mediterranea: più di 50 anni ma non li dimostra Giovedì 29 Ottobre 2009 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Conferenze Via del Pozzetto,

Dettagli

ATEROSCLEROSI. Athere pappa Sclerosis indurimento. Morfologicamente o in termini dei processi biologici coinvolti nella genesi e progressione

ATEROSCLEROSI. Athere pappa Sclerosis indurimento. Morfologicamente o in termini dei processi biologici coinvolti nella genesi e progressione ATEROSCLEROSI Athere pappa Sclerosis indurimento Morfologicamente o in termini dei processi biologici coinvolti nella genesi e progressione L aterosclerosi colpisce soprattutto le grosse arterie elastiche

Dettagli

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida Appropriatezza Prescrittiva Statine revisione delle linee guida perchè altre linee guida sulle statine per coniugare nella nostra realtà appropriatezza clinica sostenibilità economica perchè le statine

Dettagli

Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up

Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up Esami Routine Valori o risultato al Intervento baseline ECG Routine Neg per IVS Programmare Eco in 3-4 mesi (se compatibile

Dettagli

1. La cardiopatia ischemica cronica sintomatica

1. La cardiopatia ischemica cronica sintomatica Cardiopatia ischemica cronica sintomatica: il nuovo che avanza dopo oltre 100 anni di nitroderivati 5 1. La cardiopatia ischemica cronica sintomatica Introduzione La malattia coronarica, di cui l angina

Dettagli

STATINE DA SOLE O ASSOCIATE AD EZETIMIBE? DUBBI E CERTEZZE DOPO LO STUDIO ENHANCE

STATINE DA SOLE O ASSOCIATE AD EZETIMIBE? DUBBI E CERTEZZE DOPO LO STUDIO ENHANCE Rel. 06/2009 13-02-2009 16:29 Pagina 55 STATINE DA SOLE O ASSOCIATE AD EZETIMIBE? DUBBI E CERTEZZE DOPO LO STUDIO ENHANCE F. Prati U.O.C. Cardiologia II Azienda Ospedaliera San Giovanni - Addolorata, Roma.

Dettagli

SINDROME METABOLOCA: DIAGNOSI TROMBOSI

SINDROME METABOLOCA: DIAGNOSI TROMBOSI Patologia Generale SINDROME METABOLOCA: DIAGNOSI Nella scorsa lezione sulla Sindrome metabolica ho dimenticato di parlarvi della diagnosi: dunque abbiamo detto che andiamo a misurare la circonferenza vita,

Dettagli

ATEROSCLEROSI LESIONI FORMATIVE: a) strie lipidiche - sono un evento precoce, che compare nell adolescenza (15 aorta - 20-30 anni coronarie e

ATEROSCLEROSI LESIONI FORMATIVE: a) strie lipidiche - sono un evento precoce, che compare nell adolescenza (15 aorta - 20-30 anni coronarie e ATEROSCLEROSI LESIONI FORMATIVE: a) strie lipidiche - sono un evento precoce, che compare nell adolescenza (15 aorta - 20-30 anni coronarie e carotidi). Possono sia evolvere in ateroma che regredire. Sono

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli