XXXIII CONFERENZA NAZIONALE DI CITOMETRIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XXXIII CONFERENZA NAZIONALE DI CITOMETRIA"

Transcript

1 Vol. 23, Num. 3 Dicembre 2014 Poste Italiane S.p.A. - Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 com. 1 - DCB - Roma ISSN Contiene I.A. P e r i o d i c o d e l l a S o c i e t à I t a l i a n a d i C i t o m e t r i a Flow cytometric analysis of circulating endothelial cells and endothelial progenitors for clinical purposes in oncology: urgent need for methodological standardization Tumori solidi pediatrici: allestimento e caratterizzazione di linee tumorali primarie per un progetto di applicazione clinica del trapianto aploidentico di cellule staminali ematopoietiche XXXIII CONFERENZA NAZIONALE DI CITOMETRIA AGGIORNAMENTI E INNOVAZIONI DELLA CITOMETRIA IN APPLICAZIONI CLINICHE E DI RICERCA Palazzo Ducale - Lucca, settembre 2015

2

3

4

5 Periodico della Società Italiana di Citometria Vol. 23, Num. 3 DIRETTORE RESPONSABILE Raffaele De Vita COMITATO EDITORIALE Marco Danova Dipartimento di Medicina A.O. di Pavia S.C. di Medicina Interna e Oncologia Medica Ospedale Civile di Vigevano Raffaele De Vita Unità Biologia delle Radiazioni e Salute dell Uomo ENEA - Centro Ricerche Casaccia Roma Eugenio Erba Istituto Ricerche Farmacologiche Mario Negri Milano Giuseppe Starace Istituto Medicina Sperimentale CNR Roma Volume 23, numero 3 - Dicembre 2014 Lettere GIC Periodico della Società Italiana di Citometria Autorizz. del trib. di Roma n 512/92 del 17/9/92 Edizione quadrimestrale Spedizione in abbonamento postale Peer Review Journal ISSN Grafica: Renato Cafieri Stampa: Redazione: Società Italiana di Citometria SOMMARIO Dicembre 2014 Premio di Studio Francesco Mauro 2 LA CITOMETRIA E LE SUE APPLICAZIONI NELLA RICERCA DI BASE E NELLA CLINICA XXXIII Conferenza Nazionale di Citometria 6 AGGIORNAMENTI E INNOVAZIONI DELLA CITOMETRIA IN APPLICAZIONI CLINICHE E DI RICERCA Palazzo Ducale - Lucca, settembre 2015 Elenco/Albo Citometristi GIC Esperti a che punto siamo? 8 Sessione di esami 2015 scritto e orale Lucca settembre Flow cytometric analysis of circulating endothelial cells and endothelial progenitors for clinical purposes in oncology: urgent need for methodological standardization 9 Marco Danova, Mariangela Manzoni, Giuditta Comolli, Martina Torchio, Giuliano Mazzini Tumori solidi pediatrici: allestimento e caratterizzazione di linee tumorali primarie per un progetto di applicazione clinica del trapianto aploidentico di cellule staminali ematopoietiche 25 Comini Marta, Bolda Federica, Beghin Alessandra, D'Ippolito Carmelita, Ruggeri Loredana, Alberti Daniele, Bercich Luisa, Carella Graziella, Porta Fulvio, Caruso Arnaldo, Lanfranchi Arnalda c/o Unità Biologia delle Radiazioni e Salute dell Uomo ENEA Centro Ricerche Casaccia, s.p. 016 Via Anguillarese, ROMA 06/ Fax 06/ Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana In copertina: Lucca, sede della XXXIII Conferenza Nazionale di Citometria Aggiornamenti e innovazioni della Citometria in applicazioni cliniche e di ricerca, Palazzo Ducale, dal 22 al 25 settembre 2015, piazza Anfiteatro vista dall alto. Lettere GIC Vol. 23, Num. 3 - Dicembre SOMMARIO 5

6 6 Società Italiana di Citometria XXXIII CONFERENZA NAZIONALE DI CITOMETRIA AGGIORNAMENTI E INNOVAZIONI DELLA CITOMETRIA IN APPLICAZIONI CLINICHE E DI RICERCA Palazzo Ducale Lucca, settembre 2015 Cellule staminali e terapie cellulari Ciclo cellulare e apoptosi Citogenetica molecolare Ematologia clinica e sperimentale Immunologia clinica e sperimentale Medicina trasfusionale Microbiologia clinica e sperimentale Microscopia Nuove tecnologie e metodologie citometriche Oncologia clinica e sperimentale Qualifiche e certificazioni in citometria Scienze ambientali e biotecnologie Tossicologia e Radioterapia SCUOLA NAZIONALE DI CITOMETRIA Corsi di aggiornamento La formazione continua del Citometrista 22 settembre 2015 Elementi base di Citometria in Ematologia Coordinatori: A. Aiello, A. Kunkl Elementi base di Citometria in Immunologia Coordinatori: A. Fattorossi, L. Zamai Elementi base di Citometria in Ricerca Coordinatori: R. Casotti, G. Pirozzi con il Patrocinio di Presidenza del Consiglio dei Ministri Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Istituto Nazionale Tumori Fondazione G. Pascale Stazione Zoologica Anton Dohrn Provincia di Lucca Comune di Lucca Con il Patrocinio ed il supporto della Provincia di Lucca Comitato Organizzatore R. De Vita (Roma) E. Erba (Milano) G. Mazzini (Pavia) G. Pirozzi (Napoli) Comitato Scientifico A. Aiello (Milano) R. Chianese (Ivrea) I. D Agnano (Roma) M. Danova (Pavia) R. De Palma (Napoli) L. Del Vecchio (Napoli) M.G. Della Porta (Pavia) A. Fattorossi (Roma) D. Fenoglio (Genova) G. Gaipa (Monza) A. Kunkl (Genova) F. Lanza (Cremona) S. Lucretti (Roma) A. Manti (Urbino) O. Nappi (Napoli) M. Rocchi (Bari) M. Spanò (Roma) V. Tirino (Napoli) C. Usai (Genova) A. Venditti (Roma) L. Zamai (Urbino) Segreteria Scientifica Società Italiana di Citometria c/o Unità Biologia delle Radiazioni e Salute dell'uomo ENEA Centro Ricerche Casaccia s.p. 016 Via Anguillarese, Roma tel fax Segreteria Organizzativa Italymeeting s.r.l. Via Parsano, 6/b Sorrento NA tel fax XXXIII CONFERENZA NAZIONALE DI CITOMETRIA Lettere GIC Vol. 23, Num. 3 - Dicembre 2014

7 QUOTE DI ISCRIZIONE Conferenza dopo il 31 maggio Soci GIC Senior** 280,00 330,00 Non strutt. Soci GIC Senior** 150,00 200,00 Soci GIC* 300,00 350,00 Non strutt. Soci GIC* 180,00 230,00 Non Soci GIC 320,00 370,00 Corso 40,00 Crediti formativi ECM 30,00 Le quote sono IVA esclusa *In regola con la quota associativa 2015 **iscritti da almeno 3 anni e in regola con le quote Coloro che intendono usufruire della quota ridotta per i giovani non strutturati dovranno inviare, insieme alla scheda di iscrizione, una autocertificazione vistata dal Responsabile della Struttura di appartenenza, che ne attesti la posizione. La quota include il volume degli Atti della Conferenza, il materiale congressuale, le colazioni di lavoro, le pause caffè e le attività previste dal programma sociale. I contributi scientifici saranno presentati sotto forma di relazioni su invito, comunicazioni orali e poster; gli abstract devono essere redatti in inglese e dovranno pervenire alla Segreteria GIC entro il 15 giugno. Gli abstract accettati saranno disponibili online nel sito Web di CYTOMETRY B. Saranno assegnati 4 Premi Poster GIC in diverse discipline. Nell ambito della Conferenza è prevista l annuale Assemblea Sociale GIC, la consegna dei Premi di Studio GIC e la presentazione di materiale e di apparecchiature da parte delle principali Aziende del settore. ACCREDITAMENTO E.C.M. per Corsi e Conferenza: Biologo, Medico, Chimico, Farmacista, Tecnico S.L.B. e Veterinario ELENCO/ALBO DEI CITOMETRISTI ESPERTI SESSIONE DI ESAMI 2015 Il GIC ha istituito un Albo per la figura professionale di Citometrista, suddiviso per specifici settori disciplinari. Si svolgerà una sessione di esami, martedì 22, riservato a Colleghi con una specifica e documentata esperienza professionale. Questa andrà dettagliata nella apposita scheda CV da allegare alla domanda d'iscrizione all'esame insieme al versamento di una quota associativa straordinaria di 25,00. Coloro che supereranno l'esame scritto potranno sostenere l'esame orale, il giorno seguente, nella stessa sede. L'esame si svolgerà solo se perverranno almeno 5 iscrizioni. CALENDARIO martedì 22 settembre Corsi di Aggiornamento Esame scritto Elenco/Albo Registrazione e allestimento dei poster Seminari introduttivi: Immunoematologia e Metodologie Analitiche Apertura Conferenza Lettura Magistrale mercoledì 23 settembre Sessione Plenaria Sessioni Parallele Sessione Poster giovedì 24 settembre Sessione Plenaria Sessioni Parallele Sessioni Parallele Sessione Poster Assemblea dei Soci venerdì 25 settembre Sessioni Parallele Sessione Plenaria PROGRAMMA SOCIALE PRELIMINARE martedì 22 settembre Registrazione con Caffè Brindisi di Benvenuto giovedì 24 settembre Degustazione Sapere i Sapori a Km 0 venerdì 25 settembree Sorteggio Premi scheda valutazione evento Colazione Speciale di saluto* Visita culturale* *è indispensabile la prenotazione alla Segreteria GIC con un messaggio entro il 1 settembre 2015 RIEPILOGO SCADENZE 31 maggio scheda iscrizione per quota ridotta 15 giugno scheda iscrizione e abstract per comunicazioni orali e poster 30 giugno scheda e CV per Esame scritto Elenco/Albo dei Citometristi 15 luglio prenotazione alberghiera 1 settembre prenotazione per le visite culturali Ulteriori informazioni ed aggiornamenti e le schede per l iscrizione, consultare il sito GIC: Lettere GIC Vol. 23, Num. 3 - Dicembre 2014 XXXIII CONFERENZA NAZIONALE DI CITOMETRIA 7

8 Elenco/Albo Citometristi GIC Esperti a che punto siamo? Sessione di esami 2015 scritto e orale Lucca settembre Lo avevamo annunciato ufficialmente a Lucca 2013 ( Qualifica di Citometrista su Lettere GIC Vol. 22 Num. 1 Aprile 2013) e abbiamo quasi terminato il Primo ciclo di esami di ammissione, con il Secondo che ripartirà nuovamente da Lucca fra pochi mesi, settembre p.v. con la nuova sessione di esami scritto e orale che svolgeremo, questa volta, negli stessi giorni. Ricordiamo (per i neo-soci) che il GIC si è fatto promotore di un percorso che intende riconoscere, a beneficio esclusivo dei propri iscritti, e su base volontaria, la figura professionale di Citometrista Esperto istituendo uno specifico Elenco, con le peculiarità di Albo; quindi, si è posto l obiettivo di riconoscere l eccellenza professionale del citometrista, la qualità delle analisi e delle applicazioni citometriche in Italia. Il GIC con questa iniziativa si pone anche l obiettivo di promuovere la formazione e l aggiornamento continuo dei Ricercatori e degli Operatori professionali di questa disciplina. In pratica è un invito, nell ambito delle proprie aree di competenza, ad attuare con correttezza e competenza la gestione degli specifici processi analitici in tutti i loro aspetti dalla preparazione del campione, alla misura, alla interpretazione dei risultati e alla loro refertazione. L Elenco/Albo, sarà caratterizzato da una struttura organizzativa nella quale saranno riconosciute figure con profili professionali, con diversi livelli e differenti aree applicative specialistiche. In pratica sarà articolato in due livelli professionali: Citometrista Esperto Livello Base Citometrista Esperto Livello Avanzato, entrambi articolati in specifiche aree di competenza ovvero nei quattro principali campi applicativi della citometria: ematologia, immunologia, ricerca e ambiente/microbiologia. Tornando al percorso, in realtà il Primo ciclo ha avuto inizio con la seduta di esami scritti ad Urbino, lo scorso settembre, e con le sessioni di esami orali di Napoli (svolta in febbraio) e di Milano e Roma (in marzo): avremo così i primi idonei ad essere iscritti all Elenco/Albo. Sebbene per una valutazione globale bisognerà attendere la conclusione dei lavori delle Commissioni, possiamo tentare una prima valutazione preliminare di come sta andando questa iniziativa GIC (che si è rivelata molto impegnativa dal punto di vista organizzativo) che ha visto un notevole interesse da parte dei Soci. I più giovani sono stati ovviamente i primi a volersi cimentare con un percorso di qualificazione, anche perché sono quelli che più sentono l esigenza di un riconoscimento che attesti le loro capacità professionali, in un contesto di precarietà del mondo del lavoro, mai così grave come quello che stiamo vivendo. Ci preme dire subito che sembra stia andando abbastanza bene e lo possiamo affermare sulla base dei risultati dello scritto di Urbino. Abbiamo avuto circa 50 iscritti suddivisi nelle diverse aree e possiamo dire che i risultati degli esami sono stati soddisfacenti con una discreta preparazione nel loro campo di attività professionale. Va però sottolineato che entrando nel merito dei quesiti inclusi nello scritto ed a quelli più frequentemente errati è emersa una carenza di fondo che se volessimo fare un paragone con l esame per la patente di guida potremmo affermare che i citometristi italiani guidano bene e magari conoscono anche il codice della strada, ma pochi sanno a cosa serve il carburatore.e come la Motorizzazione è inflessibile con il numero di quiz anche noi abbiamo cercato di esserlo! Si potrebbe infatti discutere che una buona analisi citometrica non richiede che l operatore conosca l ottica o i principi di base della fluorescenza, ma noi riteniamo che un esperto debba avere un bagaglio culturale che includa anche queste conoscenze di base. È dunque emerso (ma i primi segnali erano già stati evidenziati nei colloqui di idoneità) che molti giovani (ma non solo.) sono arrivati alla citometria partendo dalle applicazioni anziché dalle basi metodologiche/strumentali; e questo è ancor più evidente in ambito clinico (ematologia e immunologia) dove più routinarie sono appunto le applicazioni e minori le possibilità formative di tipo tecno/metodologico. E dunque come GIC ci sentiamo se non responsabili certamente sensibili a queste carenze di base e sarà nostro dovere ed impegno cercare di colmarle con adeguate iniziative formative. In realtà lo abbiamo sempre fatto in passato e potremmo dire che la formazione citometrica è parte del DNA del GIC, che infatti è nato agli albori della Citometria in Italia, proprio per divulgarne le applicazioni, ma sulla base di concrete conoscenze citometriche anche strumentali. Cogliamo quindi l occasione proprio a Lucca di tornare sui nostri passi per rilanciare una iniziativa formativa ovvero i Corsi pre-congressuali che in passato hanno fatto parte di una nostra tradizione radicata. Vorremmo poter soddisfare le esigenze di tutti (nel senso delle varie aree applicative) e dunque ne programmiamo tre, sui tre indirizzi immunologia, ematologia e ricerca (eventuali richieste di aggiornamento in ambito ambientale verranno accorpate al Corso ricerca ) in cui abbiamo anche strutturato il programma di Qualifica ; da quanto abbiamo riferito più sopra ci sembra che le lacune principali siano di base e su questa formazione di base vorremmo puntare, ma per rendere questo lavoro più mirato vorremmo il consenso di chi vi parteciperà. A questo scopo troverete nella Domanda di iscrizione una apposita opzione di preferenza (base o avanzato) che ci aiuterà a definire l impostazione finale dei Corsi in modo che i docenti designati sappiano quali sono le aspettative degli allievi con cui dovranno interagire. 8 ATTIVITÀ SCIENTIFICA Lettere GIC Vol. 23, Num. 3 - Dicembre 2014

9 Flow cytometric analysis of circulating endothelial cells and endothelial progenitors for clinical purposes in oncology: urgent need for methodological standardization Marco Danova 1, Mariangela Manzoni 2, Giuditta Comolli 3, Martina Torchio 1, Giuliano Mazzini 4 1S.C. Medicina Interna ed Oncologia Medica, Ospedale Civile di Vigevano, A.O. Di Pavia, Vigevano (Pavia), Italy. 2S.C. Oncologia Medica, Ospedale Maggiore di Crema, Crema (Cremona), Italy. 3S.C. Microbiologia e Virologia, Laboratori Biotecnologie,IRCCS Fondazione S. Matteo, Pavia, Italy. 4Istituto di Genetica Molecolare, Consiglio Nazionale delle Ricerche, IGM-CNR, Pavia, Italy. - Abstract The possibility to quantify circulating endothelial cells (CECs) and endothelial progenitor cells (EPCs) represent a promising tool for monitoring the clinical outcome of tumors with the potential to assess the response to various treatments. The number of CECs and EPCs is very low and they cannot be identified using a single marker and often need to be discriminated by using a combination of antigens with different cell surface expression. Flow cytometric detection of CECs and EPCs in whole blood is the most commonly utilized method in clinical studies, but remains a technically challenging in that no standardized protocol for reproducible enumeration of these cells is available. In this review, we cover the most commonly utilized protocols to define CECs and EPCs by flow cytometry (FCM) in different oncological settings. For this purpose we have carefully evaluated the most significant clinical studies, published from 2008 to 2013 that utilized FCM for CEC and/or EPC detection in cancer patients. The multitude of flow cytometric methodologies applied, together with the heterogeneity of the patients enrolled in the different trials, greatly limits comparability of results. A lack of both a consensus on CEC and EPC phenotype and of an inter-laboratory standardized FCM assay has resulted in a great heterogeneity in the reported blood levels of CECs and EPCs. Consequently, inter-laboratory variability limits the interpretation of CEC/EPC potential to predict survival and / or response to therapy. Moreover, reproducibility in their quantification/characterization will only be achieved with careful inter-laboratory standardization of methodologies utilized. Riassunto La possibilità di quantificare le cellule endoteliali circolanti (CECs) e i progenitori endoteliali circolanti (EPCs) rappresenta uno strumento promettente per monitorare l outcome clinico dei tumori e per valutare la loro risposta a vari trattamenti. Il numero di CECs e di EPCs è molto basso e non sono identificabili con un solo marcatore ma solo mediante una combinazione di antigeni diversamente espressi sulla superficie delle cellule. La Lettere GIC Vol. 23, Num. 3 - Dicembre 2014 valutazione delle CECs e delle EPCs nel sangue periferico mediante la citometria a flusso (FCM) rappresenta la metodica più comunemente utilizzata negli studi clinici, pur rimanendo una sfida dal punto di vista tecnico, non esistendo ad oggi un protocollo standardizzato e riproducibile per la conta di queste cellule. In questo articolo, abbiamo considerato i protocolli citofluorimetrici per la definizione di CECs e EPCs più comunemente impiegati in diversi tipi di neoplasie solide ed in diversi setting di malattia, valutando gli studi più significativi tra quelli pubblicati tra il 2008 ed il Il numero di differenti metodologie basate sulla FCM, insieme all eterogeneità dei pazienti arruolati negli studi clinici, limita in modo significativo la comparabilità dei risultati. La mancanza di un consenso sulla definizione del fenotipo di CECs ed EPCs e su un unica procedura analitica sufficientemente standardizzata si traduce prima di tutto in una grande variabilità dei livelli di CECs ed EPCs basali riportati negli studi. La grande variabilità interlaboratorio limita fortemente l inter - pretazione di un potenziale valore delle CECs e delle EPCs nel predire la sopravvivenza e/o la risposta alla terapia. Una futura utilizzazione in ambito clinico di questi biomarkers potrà quindi essere raggiunta solo mediante programmi di standardizzazione delle metodologie utilizzate tra i differenti laboratori. Key words: biomarkers, circulating endothelial cells, endothelial progenitor cells, flow cytometry, solid tumors. Introduction Circulating endothelial cells (CECs) and endothelial progenitor cells (EPCs) have been indicated as potential surrogate biomarkers of angiogenesis in cancer and other diseases (1-3). Recent studies have demonstrated that the number of these cells the peripheral blood (PB) of cancer patients (pts) is altered by disease status and treatments, such as chemotherapy (CT) and anti-angiogenetic therapies. However, CECs and particularly EPCs represent a small and heterogeneous cell population in human blood and this makes a standardized and repro- ATTIVITÀ SCIENTIFICA 9

10 ducible approach for their monitoring technically challenging (4). In addition, despite extensive research, there is still debate about EPC defining markers. The focus of most studies in humans has been on the expression of stem cell markers such as cluster differentiation (CD) 34 or CD133 and endothelial antigens (Ags) such as CD31 or the kinase-insert domain (KDR), or type 2 vascular endothelial growth factor receptor (VEGFR-2). Flow cytometry (FCM) is the most widely utilized method for rare event analysis such as CEC and EPC quantification since it has the advantage of simultaneous determination of stem and endothelial markers in a multiparametric approach and is at the same time, a quantitative method (5,6). With expanding interest in the field of clinical applications for CEC and EPC quantification, the development of standardized protocols for analysis is mandatory. To date, a large variety of flow cytometric methods to detect CECs and EPCs in pts with solid tumors have been utilized, based on different combinations of surface markers, sample-handling and staining protocols, gating strategies and data analysis programs (6). We conducted an extensive review of the scientific literature, in particular a Medline search using the the terms: CECs, EPCs, FCM, biomarkers and clinical oncology. Here we report the more important methodological findings reported in the literature which have contributed to the different results observed across various studies. Flow cytometry protocols for the study of CEC and EPC quantification in Clinical Oncology Considering the methodologies described from 2008 to 2013 in various tumor types, the published papers were analysed for the flow cytometric approach and the baseline values for CECs and EPCs reported (Table 1) as well as for the panel of endothelial markers utilized (Table 2), with the aim of emphasizing the pre-analytical and analyt- Table 1: Methodological differences and results among different FCM-based studies of CECs and EPCs in solid tumors (FCM= flow cytometry; CECs=circulating endothelial cells; EPCs= endothelial progenitor cells; PB= peripheral blood; pts= patients; WBC= white blood cell; nr= number; n.a.= not assessed; ml= milliliter; µl= microliter; MNCs= mononuclear cells; PBMNCs= peripheral blood mononuclear cells; not reported= data no reported or mentioned within the study). 10 ATTIVITÀ SCIENTIFICA Lettere GIC Vol. 23, Num. 3 - Dicembre 2014

11 Table 2: Immuno phe - notype of EPCs utilized in various clinical studies (CD= cluster differen - tiation; VEGFR= va scu - lar endothelial growth factor receptor; n.a.= not assessed; not reported= data no reported or mentioned within the study). ical factors that should be carefully taken into account when quantifying CECs and EPCs for clinical purposes. Breast cancer (7) - Venous PB, from pts with advanced disease, 10 milliliters (ml) was collected in ethylenediamine-tetra-acetic acid (EDTA)-containing tubes. The PB mononuclear cell (MNC) layer was isolated using Ficoll density-gradient centrifugation within 12 hours of blood collection. MNCs were then labeled with fluorescein isothiocyanate (FITC-conjugated anti-cd14 (BD Pharmingen, San Jose, CA), phycoerythrin (PE)-conjugated anti-cd146 (BD Pharmingen, San Jose, CA) or PE-conjugated anti-cd133 (Milteny Biotec, Auburn, CA) with FITC-conjugated anti-vegfr2 (BD Pharmingen, San Jose, CA). The frequency of circulating EPCs was determined by measuring of cells co-expressing CD133 and VEGFR2 after gating for CD14-positive Lettere GIC Vol. 23, Num. 3 - Dicembre 2014 cells. Analysis was performed using a Beckman Coulter (Fullerton, CA) flow cytometer and data were analyzed using associated software. Results were reported as number of EPCs per 5 million MNCs. Head and Neck cancer (8) - Blood samples were taken via venipuncture using a 6 ml EDTA tube. FACS analysis was carried out within three hours. Two hundreds microliters (µl) blood containing EDTA were used per sample. To avoid unspecific binding via Fc-receptors, samples were incubated with 10 µl FcR-blocking reagent (Milteny Biotec, Bergisch Gladbach, Germany) for 15 minutes at room temperature (RT). Next, the cells were incubated with fluorochrome-labeled mononuclear antihuman mouse antibodies or appropriate isotype controls for 20 minutes at RT. CEC: 40 µl CD31-FITC (Becton Dickinson, Biosciences, NJ), 5 µl CD146-PE (Becton ATTIVITÀ SCIENTIFICA 11

12 Dickinson), 20 µl CD45-peridinincyanine (PeCy)5 (Becton Dickinson) and 5 µl 7-aminoactinomicin (ADD) (Becton Dickinson, Biosciences). EPC: 2 µl KDR-Biotin (Abcam, Cambridge, UK), 20 µl CD133-PE (Miltenyi Biotec), 5 µl 7ADD (Becton Dickinson, Biosciences) and 10 µl of CD3, CD33 and CD19-PE-Cy5 (Becton Dickinson). Mature CECs were defined as negative for the haematopoietic marker CD45 and positive for the endothelial markers CD146 (P1H12) and CD31. EPCs were defined as positive for CD133 and VEGFR-2 and negative for the lymphocyte markers CD3, CD19. Dead cells were excluded by the use of 7-ADD. CECs and EPCs were expressed as number of events identified as CECs or EPCs per analyzed events. Breast cancer (9) - Peripheral blood samples were collected using 4 ml Vacutainer tubes containing sodium citrate (3.2%). From these samples, 50 µl of anticoagulated blood was aliquoted for analysis of monocyte activation, and 3 ml was aliquoted for analysis of CECs. All samples were stored at RT and processed within three hours. For the CEC analysis, normal donor blood spiked with human umbilical vascular endothelial cells (HUVECs) at approximate equivalent numbers (50:50 mixture) per leukocyte count was used as a positive control for all experiments. In preparation for the analysis of CECs, samples were first enriched using a negative selection/depletion strategy. Anticoagulated blood samples (3 ml) were transferred to 4 ml Vacutainer cell preparation tubes (CPT) (Becton Dickinson, BioSciences Canada, Mississauga, ON). These tubes contain a citrate anticoagulant with a Ficoll Hypaque (Amersham Biosciences, Freiburg, Germany) density fluid and a polyester gel barrier which permits one-step separation of mononuclear cells from whole blood via centrifugation. In addition, 50 ml of Rosette Sep1 Human CD45 depletion cocktail (StemCellTechno - logies, Vancouver, BC) was added to samples before centrifugation, incubated for 20 minutes at RT, and then centrifuged at 1,700g for 30 minutes with the brake off in order to produce an enriched sample of nucleated cells depleted of CD451 leukocytes. This cell layer was collected, washed twice with phosphate buffered saline (PBS), and re-suspended in 100 ml of PBS 1 1% bovine serum albumin 1 mm-edta. Samples were stained with 10 µl of anti-human PE-CD146 (clonep1h12; BD Biosciences) and 10 µl of antihuman FITC-CD45 (Beckman Coulter, Fullerton CA) at RT for 15 minutes in the dark. Samples were then washed, fixed, and permeabilized with the Intra- Prep Fix/Perm Kit (Beckman Coulter), re-suspended in 500 µl of propidium iodide (PI) (Beckman Coulter), and incubated for 45 minutes before flow cytometric analysis. A four color XL-MCL (Beckman Coulter) was configured to detect the FITC-CD45 signalling FL1 (525 nanometers, nm, band pass filter), PE-CD146 in FL2 (575 nm band pass filter), and PI FL3 (625 nm band pass filter). Flow cytometric data collection was standardized by using a 600 events acquisition time for each sample. Flow rates were kept below 350 events/second to minimize the effect of coincidence events, and two wash cycles with distilled water were processed through the flow cytometer between each sample to minimize cell carry over between samples. Events which were CD146-positive, CD45-negative were considered to be CEC events; they were expressed as number of events considered CECs per 600 detected events. Various solid tumors (10,11) - The first 3 ml of PB (potentially contaminated with endothelial cells from the venipuncture) were discarded and pts bearing catheters were excluded from the study. Blood was collected in cell processing tubes (Becton Dickinson) containing sodium citrate and Ficoll. Within two hours, tubes were centrifuged at RT for 25 minutes at 1,600 g. The MNCs were transferred to a cryotube and an equal volume of freezing medium (RPMI 1640 with 20% DMSO for a final 10% concentration) was added to the cell suspension. Samples underwent a controlled freeze using an isopropanol bath in a -80 C freezer. Samples were then stored in liquid nitrogen until the day of shipping, in abundant dry ice and always took <7 days. After shipping, the tubes were kept in liquid nitrogen up to the day of thawing, which was performed by washing the cells using the same storage medium. Samples were enumerated within 60 minutes after thawing. CECs and EPCs were evaluated by six-color FCM using the nuclear stain Syto16 and 7-AAD and a panel of MoAbs including anti-cd45 (to exclude hematopoietic cells), anti- CD133, anti-cd31, and anti-cd146. Cell suspensions were evaluated after red cell lysis by a FACSCanto (Becton Dickinson). After acquisition of at least 1 x 10 6 cells per blood sample, analyses were considered informative when an adequate number of cells (>100, typically ) was collected in the CEC enumeration gates. CECs were defined as DNA (Syto16)-positive, negative for the hematopoietic marker CD45, positive for the endothelial markers CD31 and CD146, and negative for the progenitor marker CD133. EPCs were identified by the expression of CD133. The combination of Syto16 and 7-AAD was used to gain insight into CEC viability. Necrotic cells were identified as Syto16low/7-AAD+, apoptotic cells as Syto16low/7-AAD-, and viable cells as Syto16-bright / 7-AAD-negative. To assess and validate the reproducibility of the procedure, in three separate series of studies, a fresh and a frozen/thawed sample were evaluated in triplicate by the same operator (for the analysis of intra-reader variability) and by three different operators (for the analysis of inter-reader variability). For the evaluation of variability over time, fresh samples were evaluated on the same day of collection and after 24, 48, and 72 hours; frozen samples were thawed and investigated after 0, 2, 7, and 14 days of storage in liquid nitrogen. Finally, duplicate frozen samples were sent from Houston to Milan and read in duplicate (evaluated by two different laboratories, which were blinded to each other s results) in the two laboratories after > 6 months 12 ATTIVITÀ SCIENTIFICA Lettere GIC Vol. 23, Num. 3 - Dicembre 2014

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

BEIA EBV VCA IgG Quant 21850

BEIA EBV VCA IgG Quant 21850 BEIA EBV VCA IgG Quant 21850 Edizione 20-04-2013 Solo per uso professionale TECHNOGENETICS SRL N 00528 Pag. 1-28 BEIA EBV VCA IgG Quant Ed. 20-04-2013 INTRODUZIONE Il kit BEIA EBV VCA IgG Quant è un test

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER Price ExWorks Gallarate 60.000,00euro 95 needles, width of quilting 240cm, 64 rotative hooks, Pegasus software, year of production 1999

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org 48 Congresso Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors COMITATI Presidente del Congresso: Carlo Signorelli, Presidente Presidente Comitato organizzatore: Francesco Auxilia,

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 CLASSE I - IP20 IT Avvertenze La sicurezza elettrica di questo apparecchio è garantita con l uso appropriato di queste istruzioni. Pertanto

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale Sheet nr.1 for the Italian tax authorities DOMANDA DI RIMBORSO PARZIALE-APPLICATION FOR PARTIAL REFUND * applicata sui canoni pagati da residenti dell'italia

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 adempimenti di inizio anno 15 lunedì C.di C. 3AG 13.30 14.15 programmazione - visite studio - varie solo docenti 15 lunedì C.di

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Mitogen-stimulated DAT: a new method for the diagnosis of AIHA

Mitogen-stimulated DAT: a new method for the diagnosis of AIHA Mitogen-stimulated DAT: a new method for the diagnosis of AIHA Wilma Barcellini, Anna Zaninoni, Francesca Guia Imperiali, Alberto Zanella IRCCS, Department of Haematology, Ospedale Maggiore Policlinico,

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni:

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: premium access user guide powwownow per ogni occasione Making a Call Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: 1. Tell your fellow conference call participants what

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

I l Cotto Nobile Arrotat o

I l Cotto Nobile Arrotat o I l Cotto Nobile Arrotat o RAPPORTO DI PROVA N. 227338 Data: 25062007 Denominazione campione sottoposto a prova: NOBILE ARROTATO UNI EN ISO 105454:2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione

Dettagli