COMPETENZE DELL INFERMIERE E DEL MEDICO: NECESSITÀ DI UN DIBATTITO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPETENZE DELL INFERMIERE E DEL MEDICO: NECESSITÀ DI UN DIBATTITO"

Transcript

1 ANNO XIV N Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB TV - Autorizzazione Tribunale TV n 995 del

2 Editoriale Competenze dell infermiere e del medico: necessità di un dibattito pag. 2 Sicurezza assistito La sicurezza della persona assistita: i modelli internazionali 2 pag. 4 Recensioni La signora della lampada di Gilbert Sinouè pag. 12 Comunicazioni Informativa sulla posta elettronica certificata PEC Editoriale pag. 13 COMPETENZE DELL INFERMIERE E DEL MEDICO: NECESSITÀ DI UN DIBATTITO a cura del Consiglio Direttivo Considerata l importanza della questione trattata nei recenti articoli pubblicati nel Sole 24 ore Sanità n. 26 e n. 30/2010 relativa alle competenze e ambiti di autonomia delle professioni sanitarie, in particolare medica e infermieristica, il Consiglio Direttivo del Collegio Ipasvi di Treviso intende esprimere il proprio parere, in linea con quanto già dichiarato dalla Federazione Nazionale Ipasvi. E stata soprattutto la realizzazione di alcune sperimentazioni nelle Regioni Emilia e Toscana relative al Modello See and Treat in Pronto Soccorso, che ha suscitato un dibattito acceso sul rapporto tra medici e infermieri. Gli articoli affrontano temi inerenti gli ambiti di responsabilità sotto il profilo legale dell infermiere, in merito a nuove funzioni ad esso assegnate nell ambito di queste sperimentazioni, nonché a chi spetta l autorità primaria nella gestione del percorso di cura del paziente. E ormai noto che il campo proprio di autonomia e responsabilità dell infermiere è definito dalla Legge 42/1999 all articolo 1, che identifica tre criteri guida: I criteri guida sono: Il contenuto dei decreti ministeriali istitutivi dei profili professionali (DM 14 settembre 1994, n. 739) la formazione dell infermiere che viene determinata dall analisi degli ordinamenti didattici dei corsi di laurea in infermieristica e dai master di formazione post-base gli impegni etico-morali contenuti nel Codice Deontologico dell Infermiere del Il ruolo che la normativa riconosce all infermiere diventa a volte difficile da esercitare pienamente nei diversi contesti in cui l infermiere opera, in quanto richiede di superare le resistenze al cambiamento sempre presenti nelle organizzazioni e perché ciò può toccare poteri che non si vogliono perdere. Dal riconoscimento di un campo esclusivo di competenza ne deriva il principio del rispetto reciproco delle competenze professionali di tutte le professioni sanitarie e non solo di quella medica. Dal riconoscimento dell autonomia professionale ne deriva che il rapporto tra la professione medica e la professione infermieristica è di collaborazione professionale e non di dipendenza gerarchica, che si concretizza l integrazione professionale nell ambito di interventi complementari, indirizzati dalla formazione ricevuta e dai modelli organizzativi implementati e condivisi con i professionisti. Modelli organizzativi nuovi come il see and treat in pronto soccorso, che prevede la gestione totale di tutto il percorso, dalla presa in carico alla dimissione, dell assistito con problemi minori che si presenta in Pronto Soccorso, aprono alla necessità di un dibattito tra le diversi professioni, che deve essere orientato alla finalità primaria di tutela della salute dell assistito, ma tenendo anche in considerazione la necessità di trovare modalità di risposta nuove ai bisogni di salute della popolazione.

3 Nuovi modelli richiedono di ridisegnare i processi di lavoro e i percorsi di presa in carico dell assistito e inevitabilmente di ridefinire gli ambiti di competenza di tutti i professionisti sanitari, compresi gli infermieri. La Presidente Nazionale Annalisa Silvestro sottolinea nel suo articolo pubblicato sul Sole 24 ore Sanità che non sa quanto possa essere utile in questa fase storica riuscire a definire puntualmente sia l atto medico che l atto infermieristico senza cadere in rigide e inagibili strettoie professionali. Le organizzazioni sanitarie infatti possono avere percorsi clinico-assistenziali e processi organizzativi diversi, che richiedono professionisti con competenze specifiche diverse, pur nel rispetto di quanto definito dai profili professionali. Questo comporta che l infermiere abbia una forte identità professionale e chiaro il suo specifico professionale, perché possa nel quotidiano esercitarlo e farlo riconoscere e comprendere agli altri professionisti. Proprio perché i contesti organizzativi sono diversi è fondamentale l azione che ogni singolo infermiere svolge in ogni specifica realtà lavorativa per chiarire il suo specifico professionale. Il valore della centralità della persona assistita si concretizza nella capacità di lavorare secondo un approccio multiprofessionale, riconoscendo l importanza del contributo di tutti, impegno richiamato anche nel nostro Codice Deontologico dell Infermiere Questo impegno alla collaborazione in équipe si associa alla consapevolezza di ogni infermiere del suo rilevante ruolo nella risoluzione di bisogni di salute delle persone assistite e della collettività. Editoriale Il Consiglio Direttivo del Collegio IPASVI Treviso porge i migliori auguri di Buon Natale e di un felice 2011 a tutti i colleghi e alle loro famiglie 3

4 Sicurezza assistito LA SICUREZZA DELLA PERSONA ASSISTITA: I MODELLI INTERNAZIONALI A cura di Elisa Bologna e Maria Luisa Buffon - Consiglieri Collegio Ipasvi di Treviso Introduzione Nel precedente numero del Notiziario Noi e vi abbiamo presentato l approccio al tema della sicurezza della persona assistita e gestione del rischio clinico proposto dal Ministero della Salute. Le iniziative proposte dal Ministero sono molteplici è le due sicuramente più significative sono l Osservatorio Nazionale sugli Eventi Sentinella e Elaborazione e disseminazione di Raccomandazioni rivolte ai professionisti, finalizzate a fornire alle strutture sanitarie un quadro di riferimento da adattare ed implementare nelle singole realtà, al fine di evitare che gli eventi sentinella accadano. Molte regioni, tra cui il Veneto, hanno cercato di indirizzare le aziende sanitarie ad adottare modelli strutturati di gestione del rischio; la Regione Veneto ha definito un assetto organizzativo per la gestione della sicurezza in azienda che ogni azienda sanitaria deve adottare. Questo tema verrà affrontato in dettaglio nei prossimi numeri del Notiziario. La spinta agli aspetti della sicurezza dell assistito deriva non solo dalla sempre maggior enfasi rivolta dai mass media agli errori in ambito sanitario ma anche dalla pubblicazione di dati su tale fenomeno, per cui anche a livello mondiale le organizzazioni sanitarie più importante si sono attivate per promuovere l adozione di modelli sanitari che garantiscano cure sicure. In questo articolo intendiamo quindi presentarvi l approccio che uno dei più autorevoli Istituti in ambito sanitario l Organizzazione Mondiale della Sanità propone sul tema della sicurezza. Nel 2005 infatti l Organizzazione Mondiale della Sanità avviò una ricerca mondiale ed identificò sei aree rispetto alla sicurezza del paziente. Una di queste aree di azione è lo sviluppo di raccomandazioni denominate patient safety solution. Ogni raccomandazione descrive in dettaglio: il problema e dell impatto del problema sulla salute della persona il contesto le Proposte d azione l applicabilità l Opportunità di coinvolgimento per il paziente e famigliari la forza delle evidenze i potenziali ostacoli all applicazione i rischi di conseguenze non previste. Le raccomandazioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità hanno l obiettivo di fornire al professionista dei suggerimenti d azione validi per ridurre al minimo la possibilità di errore e riguardano i seguenti ambiti: Gestione di farmaci con nome simile o suono simile denominati LASA; Modalità per assicurare l accuratezza nella somministrazione del farmaco Modalità di utilizzo delle soluzioni elettrolitiche concentrate Modalità di comunicazione durante le consegne tra professionisti sanitari; Corretta identificazione del paziente; Esecuzione di corrette procedure chirurgiche nel corretto sito corporeo Modalità per evitare la connessione errata di linee infusive e cateteri Igiene delle mani per la prevenzione delle infezioni correlate a procedure assistenziali Utilizzo monouso dei presidi per iniezione Di seguito si presenta una sintesi delle Raccomandazioni pubblicate; i testi integrali in inglese sono reperibili nel sito dell OMS all indirizzo: 4

5 Gestione di farmaci con nome simile o suono simile denominati LASA I farmaci denominati LASA sono quelli con nomi e suoni simili ad esempio Lanoxin- Laroxyl, Diamox-Zimox, Daflon-Deflan; e alcuni farmaci che hanno le confezioni simili ad esempio Tachipirina(supposte pediatriche)- Tachipirina(supposte per adulti) e Alginor (gocce per adulti 5%)-Alginor (gocce pediatriche1%). L esistenza di farmaci con nomi simili rappresenta una delle più comuni cause di errore nella somministrazione di farmaci. Inoltre a contribuire maggiormente questa possibilità di errore si sommano le piccole scritte, l incompleta conoscenza del nome del farmaco (ad esempio si conosce il nome commerciale e non il principio attivo o si conosce solo la sigla), delle forme farmaceutiche e dei dosaggi. Vengono suggerite delle strategie di azione che ogni azienda sanitaria dovrebbe naturalmente adattare al suo contesto: Fase di stoccaggio: lo stoccaggio dovrebbe essere effettuato evidenziando il nome, il principio attivo in caratteri più grandi rispetto al nome commerciale promuovere l utilizzo del metodo tall man nello stoccaggio dei farmaci: significa che le prime tre lettere del principio attivo vengono scritte in maiuscolo ad esempio amoxicillina va scritto AMOxicillina; i farmaci problematici, ad esempio con nome simile ma principio attivo diverso come Losec (omeprazolo) e Lasix (furosemide) andrebbero immagazzinati in ordine non alfabetico o in posti differenti, utilizzare tecniche come il grassetto o colori differenti per ridurre la confusione associata all uso di farmaci LASA con etichetta simile, ad esempio gli elettroliti concentrati. Fase di prescrizione limitare l uso delle prescrizioni verbali ai soli casi di imminente pericolo di vita eliminare le prescrizioni telefoniche includere sia il nome commerciale che il principio attivo nella prescrizione utilizzare la prescrizione informatizzata. Fase di preparazione la preparazione delle diluizioni dovrebbe essere effettuata evidenziando il nome il principio attivo in caratteri più grandi rispetto al nome commerciale. Fase di somministrazione verificare l obiettivo della prescrizione medica rispetto al problema clinico leggere attentamente l etichetta prima della somministrazione piuttosto che fidarsi di colori, forme, scritte, localizzazione del farmaco. Fase di educazione della persona assistita e del caregiver fornire all assistito e/o al caregiver la prescrizione scritta del farmaco compreso il nome commerciale e principio attivo, le indicazioni all uso, e informazioni sui possibili effetti collaterali sensibilizzare e istruire gli assistiti e i caregiver rispetto ai problemi potenziali legati all utilizzo di farmaci LASA e come evitarli ad esempio come leggere le lettere Tall man della prescrizione o dell etichetta che descrive il contenuto della fleboclisi. Sicurezza assistito 5

6 Sicurezza assistito Fase di gestione del farmaco: il servizio farmacia dovrebbe effettuare una revisione annuale dei farmaci LASA e diffonderla; l infermiere ha la responsabilità di conoscerla e, se necessario, rivedere le modalità di stoccaggio e somministrazione di tali farmaci l infermiere coordinatore deve assicurare che ogni fase del processo di gestione del farmaco sia eseguita da personale infermieristico competente e qualificato comprendere nella formazione continua e durante la formazione accademica l insegnamento ai farmaci LASA e ai loro potenziali rischi. Modalità per assicurare l accuratezza nella somministrazione della terapia Gli errori nel processo farmaci sono comuni e frequenti e si verificano in particolare al momento della prescrizione e della somministrazione. Buona parte di tali errori avvengono nei trasferimenti dell assistito, ad esempio al ricovero in ospedale, al trasferimento ad un'altra unità operativa interna all ospedale, alla dimissione, alla presa in carico presso case di riposo o in assistenza domiciliare, ecc Al fine di evitare gli errori e di assicurare la continuità terapeutica dovrebbe essere effettuato il processo denominato riconciliazione dei farmaci. Tale processo prevede: 1) compilazione di una lista accurata e completa dei farmaci assunti dal paziente fino a quel momento 2) confronto di questa lista con la nuova prescrizione terapeutica 3) identificazione e risoluzione di ogni discrepanza tra la lista dei farmaci e la nuova prescrizione terapeutica; se presente un errore segnalazione e documentazione dell errore in modo chiaro. 4) Il professionista che ha in carico l assistito dovrebbe comunicare la lista della terapia al collega che si prenderà in carico la persona sia all interno della stessa unità operativa sia nel momento del trasferimento, nonché alla dimissione spiegarla a chi si prenderà cura dell assistito. Il processo di riconciliazione dovrebbe essere effettuato al momento del ricovero, al trasferimento e in fase di dimissione e da un professionista diverso dal prescrittore in quanto finalizzato a rilevare gli errori di prescrizione; in altri Stati tale controllo viene effettuato da un farmacista o un infermiere esperto in farmacologia. Le strategie d azione che vengono consigliate sono le seguenti: definire metodi standardizzati per realizzare il processo di riconciliazione dei farmaci, garantendo il collegamento e documentando tutte le informazioni inerenti le terapie farmacologiche, nonché informando sui risultati i care givers al momento della dimissione e del trasferimento Includere nel processo di riconciliazione il controllo delle informazioni rispetto a prescrizioni di farmaci da banco, preparati di erbe, vitamine, integratori alimentari valutare con il paziente la lista dei medicinali da assumere a domicilio definendo il grado di compliance della persona rispetto alla prescrizione. 6

7 Modalità di utilizzo delle soluzioni elettrolitiche concentrate Sono riportate in letteratura descrizioni di errori di somministrazione di elettroliti concentrati. Il più delle volte non è clinicamente possibile rimediare al danno apportato da una non corretta somministrazione intravenosa di elettroliti e il risultato è la morte della persona. Standardizzare le dosi, le unità di misura e la terminologia sono delle precauzioni da utilizzare per la somministrazione degli elettroliti. Inoltre, deve essere evitato mescolare specifiche concentrazioni di differenti elettroliti (ad esempio soluzioni di cloruro di potassio - KCL con soluzioni di sodio cloruro -NaCl). Sicurezza assistito Le azioni suggerite sono le seguenti: riporre le soluzioni elettrolitiche in armadi e ambienti separati dagli altri farmaci, chiusi a chiave; la prescrizione del medico deve includere la dose di infusione e la velocità di somministrazione per quella data soluzione le soluzioni elettrolitiche devono essere prelevate solo ed esclusivamente al momento della somministrazione e non devono essere lasciate nei carrelli della terapia, negli armadi con gli altri farmaci, nelle stanze dei degenti; valutare la correttezza del soluzione diluita degli elettroliti da parte di un secondo professionista, che dovrebbe utilizzare una check list contenente informazioni per la valutazione del calcolo della concentrazione, la dose da infondere con pompa e le corrette linee infusive la soluzione preparata deve essere accompagnata da una etichetta con la scritta attenzione alto rischio la somministrazione deve essere effettuata da infermieri esperti per la somministrazione si dovrebbe usare una pompa volumetrica o siringa infusiva, in mancanza di questi sistemi precisi si utilizza un sistema di regolazione del flusso, dial flow, tuttavia l infusione e il paziente devono essere costantemente monitorati gli armadi contenenti le fiale di potassio devono avere sulle porte la scritta deve essere diluito ben evidente ordinare il potassio attraverso una richiesta motivata e limitata a casi strettamente necessari; l approvvigionamento dovrebbe essere gestito attraverso un registro di carico e scarico Norme editoriali Noi e... pubblica previa approvazione del Comitato di Redazione articoli, relazioni, documenti relativi alla formazione e all esercizio professionale infermieristico. Ogni articolo è sotto la responsabilità diretta degli autori e quindi deve essere firmato. I lavori vanno inviati al Direttore di Noi e... - Collegio IPASVI di Treviso - Via Montello, Treviso. È gradito l invio dei contributi su supporto elettronico. Il testo deve essere dattiloscritto preferibilmente come segue: carattere consigliato Times New Roman, corpo 12, interlinea 1,5, non si devono superare 10 facciate, salvo consenso del comitato di redazione; tabelle e figure vanno numerate progressivamente. Il comitato di redazione è disponibile per ulteriori informazioni. 7

8 Sicurezza assistito Modalità di comunicazione durante le consegne tra professionisti sanitari Durante la permanenza in ospedale, un paziente può essere preso in carico da un numero considerevole di professionisti sanitari, Inoltre, il paziente può essere trasferito in differenti aree dell ospedale per effettuare indagini e con molta probabilità nell arco della giornata viene preso in carico da almeno tre gruppi differenti di professionisti sanitari implementando in questo modo il rischio di errori ad ogni cambio turno. La comunicazione durante la consegna da un professionista ad un altro, o da un professionista ai famigliari ha lo scopo di garantire assistenza sicura alla persona. La mancata o inadeguata comunicazione durante le consegne è una delle cause più frequenti di errori. Al fine di ridurre il rischio di errori, le raccomandazioni dell OMS prevedono: standardizzare le modalità di comunicazione al momento della consegna tra professionisti, al cambio turno, tra unità operative diverse interessate nel processo di cura di una persona utilizzare la tecnica SBAR (situation background assessment recommendation) come metodo di trasferimento di informazioni: la tecnica prevede che ad ogni cambio consegna siano fornite informazioni scritte complete e accurate sulla situazione clinico-assistenziale attuale della persona, la sua storia clinica, la valutazione dei bisogni di salute della persona compresi i bisogni di assistenza infermieristica e sulle raccomandazioni da seguire; definire un tempo adeguato per la consegna che permetta la comunicazione delle informazioni sull assistito, la richiesta di delucidazioni in merito ai problemi di salute e, se necessario, ripetere le informazioni ottenute al momento della consegna; le informazioni dovrebbero comprendere cambiamenti significativi clinico - assistenziali della persona, bisogni di assistenza infermieristica, piano assistenziale, prestazioni infermieristiche, prescrizioni mediche, terapie, esami, indagini diagnostiche, visite specialistiche; lo strumento a garanzia della trasmissione delle informazioni è la cartella infermieristica che l infermiere deve compilare in modo accurato e completo; lo scambio di informazioni dovrebbe riguardare solo le informazioni finalizzate a garantire un assistenza sicura alla persona al momento della dimissione dall ospedale il paziente e il caregiver devono ricevere le corrette e fondamentali informazioni riguardanti il livello di autonomia raggiunto, i risultati assistenziali, i bisogni di assistenza infermieristica ancora aperti; lo strumento a garanzia della trasmissione delle informazioni è la cartella infermieristica; la formazione dei professionisti dovrebbe comprendere delle simulazioni rispetto la comunicazione efficace durante la consegna infermieristica. Corretta identificazione del paziente Le situazioni in cui il paziente rischia di non essere identificato sono rappresentate dalla somministrazione dei farmaci, fleboclisi, trasfusioni di sangue, interventi chirurgici. Le azioni suggerite per ridurre gli errori di identificazione del paziente sono: 8

9 adottare modalità per definire la responsabilità del professionista sanitario nell identificare il giusto paziente prevedere una modalità attraverso cui due professionisti identificano la persona prima dell ammissione all ospedale, prima del trasferimento ad altro ospedale o ad altra unità operativa, prima di effettuare cure alla persona, compresa l identificazione del numero di stanza standardizzare l approccio all identificazione del paziente attraverso l uso di bande identificative informatizzate provvedere alla creazione di un protocollo per identificazione del paziente per cui non è possibile l identificazione e per la distinzione dei pazienti con lo stesso cognome e nome provvedere alla ripetizione del controllo identificativo del paziente prima di inserire i dati del paziente nel computer per prevenire errori automatici da parte del sistema informatico incoraggiare il paziente a partecipare a tutti gli step del processo di cura educare i pazienti all importanza e alla rilevanza della corretta identificazione comunque nel rispetto della loro privacy incoraggiare l applicazione delle etichette identificative rispetto alle provette di sangue davanti alla persona interessata creare protocolli per la messa in discussione dei referti di analisi non compatibili con la condizione clinica della persona prevedere nei corsi per neoassunti e nella formazione permanente l effettuazione di simulazioni sulle procedure di identificazione del paziente. Sicurezza assistito Esecuzione di corrette procedure chirurgiche nel corretto sito corporeo La casistica rispetto a procedure chirurgiche eseguite in siti sbagliati, ad esempio il lato corporeo o l organo sbagliato rappresenta una sporadica sebbene non remota possibilità di errore, che si configura, secondo il Ministero della Salute, come evento sentinella. I casi riportati in letteratura evidenziano che l errore è dovuto ad un inefficace, imprecisa o mancata comunicazione tra professionisti sanitari. Le azioni suggerite per ridurre tali errori sono: elaborare e applicare dei protocolli e delle check list di verifica di tutti gli step inerenti l identificazione della persona, il sito corretto di intervento chirurgico, l applicazione di impianti protesici; l Oms ha redatto una check list che il Ministero della Salute ha recepito e diffuso nel sito e che abbiamo già presentato nel numero 2/2009 del Notiziario NOI e del Collegio di Treviso; marchiare il sito da operare in modo inconfondibile per identificare correttamente il punto di intervento chirurgico. 9

10 Sicurezza assistito Modalità per evitare la connessione errata di linee infusive e cateteri Modalità per evitare la connessione errata di linee infusive e cateteri Il professionista potrebbe inavvertitamente connettere linee infusive, cateteri e altri dispositivi in modo sbagliato e somministrare farmaci o liquidi da una via non idonea. educare le persone non professioniste, come gli operatori di supporto e i caregiver o famigliari, a non toccare, sconnettere, modificare le connessioni delle linee infusive e le velocità di somministrazione dei farmaci e in caso di bisogno chiedere ai professionisti sanitari. Le azioni suggerite per ridurre tali errori sono: prevedere, al momento del cambio consegne, un protocollo standardizzato di gestione delle linee infusive, che includa l osservazione di tutte le linee infusive presenti sul paziente al momento della presa in carico da parte dell infermiere Igiene delle mani per la prevenzione delle infezioni correlate a procedure assistenziali Le evidenze scientifiche dimostrano che un corretto lavaggio delle mani riduce l incidenza delle infezioni nosocomiali. Tuttavia a livello mondiale da parte dei professionisti sanitari si riscontra un comportamento di non rispetto del lavaggio delle mani. Le azioni suggerite sono: ogni infermiere deve applicare i protocolli sul lavaggio delle mani che prevedono il rispetto della giusta tecnica, il lavaggio mediante acqua e presidi necessari per l igiene delle mani e quando non possibile l utilizzo di soluzioni alcoliche, la disponibilità di dispenser ad ogni postazione paziente, l esposizione di promemoria inerenti il lavaggio delle mani, il monitoraggio dell aderenza all igiene delle mani. 10

11 Utilizzo monouso dei presidi per iniezione Una delle maggiori preoccupazioni mondiali è la diffusione dei virus HIV, HBV, HCV causati dal riutilizzo dei dispositivi di iniezione. Questo problema riguarda in particolare i Paesi sottosviluppati e in Italia esiste una legge che vieta il riutilizzo dei presidi monouso. Sicurezza assistito Considerazioni conclusive L Organizzazione Mondiale della Sanità individua gli ambiti di sicurezza per l assistito che dovrebbero essere preservati e le azioni da mettere in atto per garantire prestazioni sanitarie sicure. Alcuni di questi ambiti, come l utilizzo degli elettroliti concentrati, l igiene delle mani, l utiizzo di check list di verifica di sala operatoria, la somministrazione di farmaci LASA, la corretta identificazione del paziente sono stati affrontati anche dal Ministero della Salute, che ha emanato raccomandazioni che dovrebbero diventare prassi consolidate nelle aziende ULSS e nelle strutture socio-sanitarie private. Altri ambiti sono più nuovi come la sicurezza della prescrizione e somministrazione dei farmaci attraverso il processo di riconciliazione dei farmaci, le modalità per evitare la connessione errata di linee infusive e cateteri, le modalità per assicurare che le consegne infermieristiche avvengano in modo garantire un assistenza sicura. In questi ambiti c è ancora molto da fare e l infermiere dovrebbe conoscerli e attivarsi per garantire nell esercizio professionale l erogazione di prestazioni secondo tali standard di sicurezza. Rimane responsabilità primaria della Direzione Infermieristica e degli Infermieri Coordinatori, in collaborazione con i responsabili della sicurezza del paziente aziendali e i servizi qualità, promuovere iniziative e realizzare progetti finalizzati a formare gli infermieri ad acquisire conoscenze e abilità nell applicare queste raccomandazioni. Si pensi solamente al tema della sicurezza nella trasmissione delle informazioni durante la consegna infermieristica; recenti studi dimostrano che la causa principale di molti errori è la mancata io inadeguata comunicazione che genera problemi nella presa in carico da parte del professionista o della struttura che riceve l assistito. Adottare la tecnica SBAR (situation background assessment recommendation), proposta dalle raccomandazione dell OMS e sopracitata, durante la consegna infermieristica sarebbe un imperativo etico-deontologico e professionale. Attualmente la trasmissione verbale delle informazioni, i tempi stretti e le continue interruzioni durante le consegne infermieristiche, la non conoscenza del piano diagnostico-terapeutico dell assistito dovuta a problemi comunicativi tra medici e gli infermieri, determina un passaggio di informazioni non completo durante le consegne infermieristiche. Alla responsabilità che ha in primis la direzione infermieristica, i Coordinatori Infermeiristici, i referenti sicurezza del paziente e i servizi qualità di individuare strategie per implementare queste raccomandazioni si affianca la responsabilità dell infermiere a partecipare alle iniziative atte a favorire la sicurezza ed a segnalare eventuali problematiche che possono mettere a rischio la sicurezza della persona. Tale dovere è sancito anche dal Codice deontologico dell Infermiere 2009, che all art. 29 afferma: L infermiere concorre a promuovere le migliori condizioni di sicurezza dell assistito e dei famigliari e lo sviluppo della cultura dell imparare dall errore. Partecipa alle iniziative della gestione del rischio clinico. Ognuna di queste raccomandazioni meriterebbe un analisi approfondita; nell insieme essere rappresentano un quadro di riferimento per l infermiere, il coordinatore infermieristico e la direzione infermieristica inerente gli ambiti ritenuti, a livello internazionale, i più significativi per garantire la sicurezza ed evitare gli errori. Bibliografia WHO, Patient Safety Research, Better K nowledge for Safer Care,2009 WHO, Patient Safety Solutions Preamble - May 2007 WHO, Look-Alike, Sound-Alike Medication Names, Patient Safety Solutions, volume 1, solution 1 May 2007 WHO, Patient Identification, Patient Safety Solutions, volume 1, solution 2 May 2007 WHO, Communication During Patient Hand-Overs, Patient Safety Solutions, volume 1, solution 3 May 2007 WHO, Performance of Correct Procedure at Correct Body Site, Patient Safety Solutions, volume 1, solution 4 May 2007 WHO, Control of Concentrated Electrolyte Solutions, Patient Safety Solutions, volume 1, solution 5 May 2007 WHO, Assuring Medication Accuracy at Transitions in Care, Patient Safety Solutions, volume 1, solution 6 May 2007 WHO, Avoiding Catheter and Tubing Mis-Connections, Patient Safety Solutions, volume 1, solution 7 May 2007 WHO, Single Use of Injection Devices, Patient Safety Solutions, volume 1, solution 8 May 2007 WHO, Improved Hand Hygiene to Prevent Health Care-Associated Infections, Patient Safety Solutions, volume 1, solution 9 May

12 Recensioni LA SIGNORA DELLA LAMPADA di Gilbert Sinouè Neri Pozzi Editori pagine - Euro 15,00 - anno di pubblicazione 2010 Breve commento al nuovo libro dell autore francese a cura di Mirca Durighello - Consigliere Collegio IPASVI di Treviso E un libro che si legge in poco tempo, in quanto l autore è rius c i t o, attraverso la narrazione romanzata, a delineare piacevolmente la vita dell infermiera, fondatrice dell assistenza infermieristica. Infatti, fu la prima infermiera ad utilizzare la statistica e l epidemiologia per promuovere la riorganizzazione degli ospedali ed istituire le prime scuole d insegnamento per infermiere; incoraggiando l'uso delle capacità tecniche ed intellettuali. Questo non è poco, visto che stiamo parlando dei primi dell ottocento. Consiglio di leggerlo a tutti i professionisti infermieri per diversi motivi. Prima di tutto per conoscere la vita della signora della lampada e le varie tappe della sua vita attraverso i documenti e le lettere intercorse tra tante personalità vicine a questa figura, a volte emblematica e complessa; che comunque testimoniano la sua straordinaria intuizione di collocare la figura dell infermiera come professionista e non solo come una pratica compassionevole. La Nightingale si era posta alcune domande che in quel contesto storico avevano una rilevanza strategica; pensiamo alla guerra di Crimea e a tutte le sue atrocità. Si chiedeva quali fossero gli obiettivi dell assistenza infermieristica; quali fossero le strategie per affrontare i problemi igienico sanitari; quale fosse il ruolo dell infermiere per fronteggiare la malattia e la morte dal punto di vista dell assistenza; quale fosse il modo per migliorare i risultati dell assistenza sanitaria. Lei ha saputo dare delle risposte a questi quesiti tramite la raccolta di dati, derivanti dalle osservazioni effettuate prima e dopo gli interventi di perfezionamento delle condizioni di vita negli ospedali, con l applicazione di modelli di statistica rappresentativa. Aveva, inoltre, migliorato l igiene, dimostrando con documenti l evidenza della sua teoria che si basava su quella ambientale; dove affermava che tutte le condizioni e le forze esterne influenzano la vita e lo sviluppo di un organismo. Di conseguenza l ambiente psicologico può essere influenzato da questo ambiente fisico negativo. Nel libro di Sinouè, a più riprese, si evidenziano le dispute che la protagonista suscita con la classe medica, sottolineando che la professione infermieristica è completamente estranea ai principi medici di diagnosi e terapia. Ella, comunque, valorizza il miglioramento delle condizioni di lavoro dei medici, che di conseguenza influenzeranno anche gli esiti sui pazienti. Concludendo, il libro racconta la vita di una donna controversa, anticonformista, capace di ribellarsi al destino che le aveva attribuito la società benestante in cui viveva. Da un lato si poteva definire femminista, ma era anche in netto contrasto con le pioniere che lottavano per il diritto di voto e per accedere alla professione medica. Insomma, seppure l usignolo (traduzione di Nightingale ) fosse, a volte, contraddittoria il suo merito è riconosciuto per aver saputo valorizzare la la nostra professione infermieristica. 12

13 Comunicazioni Collegio Ipasvi della provincia di Treviso Informativa sulla POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC Come noto entro il 29 novembre 2009 tutti gli infermieri, assistenti sanitarie ed infermiere pediatriche (così come tutti i professionisti iscritti in albi) devono comunicare al proprio collegio/ordine professionale di appartenenza il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (la cosiddetta PEC). COS E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA La posta elettronica certificata è un particolare tipo di che consente di attestare sia l invio della documentazione elettronica che la consegna della stessa (art. 1 d.p.r. del 11/02/2005 n. 68). La posta elettronica ordinaria (quella che tutti abbiamo usato fino ad oggi e che potremo continuare ad usare) si può appoggiare su qualsiasi gestore di servizi di posta elettronica (come ad esempio il gestore della posta elettronica o o ). La posta elettronica certificata invece può essere fornita solo da determinati gestori iscritti nel registro tenuto dal CNIPA (Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione). L elenco dei gestori è pubblicato sul sito Internet del CNIPA all indirizzo: (PEC)/Elenco_pubblico_dei_gestori/. La posta elettronica certificata consiste in un indirizzo di questo tipo o (a seconda dei gestori). COME FUNZIONA LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Una volta attivata, la posta elettronica certificata funziona come una normale casella di posta elettronica, semplicemente si avrà un indirizzo come uno di quelli sopra descritti. La particolarità più importante sarà che ad ogni invio di si avrà un messaggio di conferma dell invio ed un messaggio di conferma del recapito (que- Orario di apertura Collegio IP.AS.VI di Treviso Lunedì dalle ore alle ore Martedì dalle ore alle ore Giovedì dalle ore alle ore

14 Comunicazioni st ultimo solo se l invio è avvenuto verso un altra PEC). La PEC può essere tranquillamente utilizzata in aggiunta alla propria casella di posta elettronica già attiva, senza dover rinunciare all uso di quest ultima. A COSA SERVE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Grazie alla posta elettronica certificata è possibile inviare comunicazioni via garantendosi la prova ai fini legali dell avvenuto invio e dell avvenuta consegna della corrispondenza telematica, così come avviene per le tradizionali raccomandate a/r cartacee (art. 14 d.p.r. 28/12/2000 n. 445 e artt. 4 e 6 d.p.r. 11/02/2005 n. 68). Per permettere ciò è necessario che sia il mittente che il destinatario siano dotati di un indirizzo di posta elettronica certificata. La posta elettronica certificata, inoltre, dovrebbe diventare il mezzo di comunicazione preferenziale fra pubblica amministrazione e professionisti (art. 16 c. 9 del d.l. 29/11/2008 n. 185). COME SI ATTIVA LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Per attivare una casella di posta elettronica certificata è necessario rivolgersi ad uno dei gestori presenti nell elenco (PEC)/Elenco_pubblico_dei_gestori/ Si precisa che non tutti i gestori presenti nel suindicato elenco forniscono effettivamente il servizio di posta elettronica certificata al pubblico. Normalmente la procedura può essere effettuata interamente online direttamente sul sito Internet del gestore. La posta elettronica certificata è un servizio a pagamento il cui costo va da 5 a 50 circa all anno a seconda del gestore. COSA SUCCEDE SE NON ATTIVO LA POSTA ELETTRONICA CERTI- FICATA ENTRO IL 29 NOVEMBRE 2009 L obbligo di dotarsi di posta elettronica certificata è sancito dall art. 16 del d.l. 29/11/2008 n. 185 che prevede al comma 7 che I professionisti iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge dello Stato comunicano ai rispettivi ordini o collegi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata o analogo indirizzo di posta elettronica di cui al comma 6 entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Non vi è traccia però nello stesso provvedimento normativo di sanzioni collegate alla mancata attivazione dell indirizzo di posta elettronica certificata. COME COMUNICARE AL COLLEGIO IPASVI DI TREVISO L INDI- RIZZO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA? La comunicazione deve essere fatta dagli iscritti al Collegio IPASVI di Treviso con il modulo riportato nella pagina seguente, che andrà inviato al Collegio tramite posta, fax o , unitamente a copia di un documento di identità in corso di validità, o presentato personalmente in segreteria in orario di ufficio. 14

15 Comunicazioni DA COMPILARE IN STAMPATELLO Al Presidente del Collegio Provinciale INFERMIERI PROFESSIONALI ASSISTENTI SANITARI VIGILATRICI D INFANZIA della Provincia di Treviso TREVISO - Via Montello, 31 Tel Fax Oggetto: Comunicazione attivazione indirizzo di posta elettronica certificata (PEC). l sottoscritt nat a Prov. il Tel. Cell. iscritt all Albo Ipasvi della Provincia di Treviso, consapevole delle responsabilità e delle pene stabilite dalla legge per false attestazioni o mendaci dichiarazioni sotto la sua personale responsabilità (art. 76 DPR 28/12/2000 n. 445) e in ottemperanza a quanto disposto dalla Legge n. 2 del 28 gennaio 2009 sulla Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, recante misure urgenti per il sostegno a famiglie, lavoro, occupazione e impresa e per ridisegnare in funzione anti-crisi il quadro strategico nazionale DICHIARA ai sensi degli art. 47 del DPR 28/11/2000 n. 445 che il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) è il seguente (pregasi scrivere in maniera chiara e distinguendo bene le lettere minuscole dalle maiuscole): e si impegna a comunicare per iscritto a questo Collegio ogni sua successiva variazione. Si allega copia documento di identità. 15

16 Quadrimestrale di informazione del Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia della Provincia di Treviso. Direttore Responsabile Buffon Maria Luisa ATTENZIONE Comitato di redazione Massari Elva Buffon Maria Luisa Bologna Elisa Durighello Mirca NUOVA Redazione Via Montello, Treviso Tel Fax Composizione e stampa Tipografia Tonellato snc Strada Scudetto, 13 Treviso Tel Fax Chiuso in macchina il??/11??/2010 D.Leg.tivo 196/ Codice in materia di protezione dei dati personali Il Collegio IP.AS.VI. é in posseso dei dati personali anagrafici di ogni iscritto in quanto da lui stesso forniti al momento della presentazione della domanda di iscrizione. Tutti i dati sono conservati presso l archivio del Collegio e trattati esclusivamente da personale incaricato ed unicamente per adempiere agli scopi istituzionali.

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA)

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA) REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Funzione di Staff Risk Management Responsabile Dr.ssa Manuela Serva PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK-

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl Preparato da Verificato da Verifica per validazione Approvato da Data

Dettagli

Procedura generale sanitaria Prescrizione e somministrazione della terapia

Procedura generale sanitaria Prescrizione e somministrazione della terapia Pagina di 1/12 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo... 3 2. Campo di applicazione... 3 3. Diagramma di flusso... 3 4. Responsabilità... 4 5. Descrizione delle attività... 5 5.1. Prescrizione della terapia...

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Collegio IPASVI di TORINO Torino, 22 novembre 2012 Hanno collaborato alla realizzazione

Dettagli

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8 INDICE 1. Scopo 2. Campo applicazione 3. Modalità applicative e Responsabilità 4. Bibliografia e Webgrafia 6. Distribuzione ALLEGATO A rev. Data Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

COLLEGIO IPASVI TREVISO Via Montello, 31 31100 Treviso Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO

COLLEGIO IPASVI TREVISO Via Montello, 31 31100 Treviso Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO COLLEGIO IPASVI TREVISO Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO IL MORAL DISTRESS (MD) PERCEPITO DAGLI INFERMIERI IN UN OSPEDALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO: Presentazione dei Risultati di una Ricerca

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del OGGETTO: Attivazione dell applicativo regionale informatizzato per la prescrizione, la dispensazione e il monitoraggio dell ormone della crescita (GH). NOTA PER LA TRASPARENZA: il presente provvedimento

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Gestione del farmaco sperimentale Santina Fasani, GMO Country Head Novartis Oncologia Italia Università degli Studi di Firenze, 26 settembre

Dettagli

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute 1. Procedura in paziente sbagliato 2. Procedura chirurgica in parte del corpo sbagliata (lato, organo o parte) 3. Errata procedura 4. Strumento o altro

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

Progetto Ministero della Salute SIFO

Progetto Ministero della Salute SIFO XXVIII Congresso Nazionale SIFO INNOVAZIONE E SALUTE PUBBLICA Efficacia a confronto con: Equità, Economia, Etica Progetto Ministero della Salute SIFO Favorire l implementazione della Raccomandazione Prevenzione

Dettagli

1. BANDO DI CONCORSO 2. MODULO D ISCRIZIONE AL CONCORSO 3. SCHEDA DI RICERCA

1. BANDO DI CONCORSO 2. MODULO D ISCRIZIONE AL CONCORSO 3. SCHEDA DI RICERCA PERCORSI ASSISTENZIALI IDEATI DA INFERMIERI CON INFERMIERI: REALIZZAZIONE DI UNITA DI DEGENZA INFERMIERISTICA NELL OTTICA DELLA RIFORMA DEL SISTEMA SANITARIO REGIONE LOMBARDIA DESTINATARI: INFERMIERI ISCRITTI

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

La PEC in cinque punti. Dott.ssa Silvia Morselli. Che cos è?

La PEC in cinque punti. Dott.ssa Silvia Morselli. Che cos è? La PEC in cinque punti Dott.ssa Silvia Morselli Che cos è? PEC è l acronimo di POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Il suo funzionamento è simile a quello della normale posta elettronica tradizionale, ma con

Dettagli

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova La Cartella Infermieristica Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova Ruolo infermieristico Profilo professionale, DM 17 gennaio 1997 n 70 Codice deontologico/ patto

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA Patrizio Di Denia Agenzia sanitaria Emilia-Romagna Riferimenti normativi Il Piano Sanitario Nazionale 2006 2008 prevede che le attività di monitoraggio

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Giancarlo Fabio Renato Giancarlo Marialuisa Antonio Marino Massimo Raffaele Antonio Floriano Ermanno Raffaele

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Via Vinicio Cortese, CATANZARO

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Via Vinicio Cortese, CATANZARO AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Via Vinicio Cortese, CATANZARO PROCEDURA AZIENDALE PER LA CORRETTA GESTIONE DEI FARMACI LASA REDAZIONE VERIFICA Direttore Di Presidio Ospedale Lamezia Terme:

Dettagli

Vigilanza sui farmaci e sui dispositivi medici

Vigilanza sui farmaci e sui dispositivi medici 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è quello di descrivere gli standard tecnici per l espletamento delle attività di vigilanza sui farmaci e sui dispositivi ; tali standard tecnici

Dettagli

Accreditamento. Rischio clinico. Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico

Accreditamento. Rischio clinico. Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico Accreditamento Rischio clinico Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico Page 1 Il coordinatore : ha la responsabilità di sostenere lo sviluppo di una cultura basata sulla necessità

Dettagli

MANUALE UTENTE CARESTUDIO 2.0

MANUALE UTENTE CARESTUDIO 2.0 MANUALE UTENTE CARESTUDIO 2.0 Documento tecnico Pag. 1 di 19 Indice 1. Introduzione... 3 2. Accesso al sistema... 4 3. Gestione Cartella e Prescrizione... 6 3.1 Identificazione dell assistito... 7 3.2

Dettagli

PROCEDURA STE STE 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

PROCEDURA STE STE 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 15 Documento Codice documento STE 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 15 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

Patient Safety Walkaround: esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto

Patient Safety Walkaround: esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto Patient Safety Walkaround: esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto Dott.ssa Silvia Pierotti Azienda ULSS 18 Rovigo Direzione Medica Ospedaliera 1 Indice Patient Safety Walkaround (SWR) - descrizione

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Standard generali della qualità dei servizi. Attività assistenziale

Standard generali della qualità dei servizi. Attività assistenziale Standard generali della qualità dei servizi Attività assistenziale Fattori di Qualità Elementi misurabili Specificità Indicatore Valore Atteso Fonte Adeguatezza della segnaletica /no Accessibilità fisica,

Dettagli

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI 15 A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI MANUALE DI SICUREZZA IN SALA OPERATORIA RACCOMANDAZIONI

Dettagli

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media Pag. 2 di 7 SCOPO L Azienda USL 7 di Siena, all interno delle attività della, prevede la gestione dell informazione verso i mass media (stampa, radiofonici, televisivi ed on line). Nella complessa rete

Dettagli

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali SICUREZZA DEL PAZIENTE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Ancona 15.03.2010 I.N.R.C.A. Ancona Dr.Moretti Vincenzo Progetto Ministeriale

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA Il percorso di adozione del Fascicolo Sanitario Elettronico in Italia Lidia Di Minco Direttore Ufficio Nuovo Sistema Informativo

Dettagli

Giornata di presentazione

Giornata di presentazione Giornata di presentazione Roma, 20 giugno 2014 Sala Auditorium, Ministero della Salute Linee di indirizzo sugli strumenti per concorrere a ridurre gli errori in terapia farmacologica nell ambito dei servizi

Dettagli

La documentazione clinica

La documentazione clinica La documentazione clinica P. Spolaore Sabato 30 novembre 2002, Camposampiero La documentazione sanitaria deve evidenziare: 1. l evento dannoso (trasfusione) 2. la menomazione psico-fisica permanente 3.

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri

Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri Il documento sulle competenze specialistiche degli infermieri Il documento una storia complessa che inizia nel 2011 con l attivazione di un tavolo congiunto tra il Ministero della salute e alcune Regioni

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Aspetti legali, assicurativi e privacy nelle sperimentazioni cliniche Francesco Mazza Direttore Legale, Fiscale e Rapporti con le Associazioni,

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013

Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013 Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013 U.O. per la Qualità e Rischio Clinico Via S. Sofia

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI A. ASPETTI ANAGRAFICI A 1 - U.O. coinvolte: Ser.D Bassano e Ser.D Asiago A 2 -Ambito di appartenenza: (selezionare) A 3 - Responsabile Buona Prassi: Sanitario

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

INDAGINE REGIONALE. La gestione del rischio clinico nei reparti ospedalieri e nei Centri di Servizi per anziani

INDAGINE REGIONALE. La gestione del rischio clinico nei reparti ospedalieri e nei Centri di Servizi per anziani INDAGINE REGIONALE La gestione del rischio clinico nei reparti ospedalieri e nei Centri di Servizi per anziani 1 Premessa Il Ministero della Salute sta sviluppando un sistema di allerta per quelle condizioni

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE PER LA CORRETTA GESTIONE E SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI

PROCEDURA AZIENDALE PER LA CORRETTA GESTIONE E SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori di UU.OO. e Servizi Coordinatori Tecnici e Infermieristici Servizio Infermieristico Direzioni Mediche di Presidio Rev. Causale Redazione Verifica Approvazione DG 00 08..2012

Dettagli

Dall osservazione strutturata all audit per il controllo delle ICA: l esperienza dell AOU Maggiore

Dall osservazione strutturata all audit per il controllo delle ICA: l esperienza dell AOU Maggiore Dall osservazione strutturata all audit per il controllo delle ICA: l esperienza dell AOU Maggiore della Carità di Novara Rel.: Barbara SUARDI ICI Sig.ra Rita NEGRI Inf. Sig.ra Carla GUENZI Comitato Infezioni

Dettagli

Il Risk assessment nei sistemi sanitari

Il Risk assessment nei sistemi sanitari Il Risk assessment nei sistemi sanitari Aula Magna Università degli Studi di Milano 20 Novembre 2007 Piano Sanitario Nazionale 2006-2008 www.ministerosalute.it Cap. 4.4 La promozione del Governo clinico

Dettagli

Concorso Nazionale di Ricerca Collegio IPASVI Chieti I edizione 2015

Concorso Nazionale di Ricerca Collegio IPASVI Chieti I edizione 2015 Concorso Nazionale di Ricerca Collegio IPASVI Chieti L opportunità di indire un premio per stimolare la ricerca in ambito infermieristico nasce da una rielaborazione del pensiero di Virginia Henderson

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III. RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Segnalazioni, analisi e follow up di eventi effettivi o potenziali

Segnalazioni, analisi e follow up di eventi effettivi o potenziali U.O. Accreditamento e Qualità PR.UQ.QPS-ISMETT001 PROCEDURA Pagina 1 di 7 INDICE I. POLITICA... 2 II. SCOPO..... 2 III. AMBITO DI APPLICAZIONE.... 2 IV. DEFINIZIONI. 2 V. PROCEDURA..... 3 REV. PROPOSTA

Dettagli

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Dott. Marco Gaietta Specializzando in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano Obiettivo dello studio Valutare la corrispondenza

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Direzione del Servizio Infermieristico e Tecnico GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Annita Caminati e Roberta Mazzoni RISK MANAGEMENT Insieme di attività coordinate per gestire un organizzazione

Dettagli

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future Dott. Pietro Paolo Faronato Direttore Generale Azienda ULSS 1 Belluno Padova, 27 settembre 2013 1 Verso la Sanità Digitale Sanità

Dettagli

NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI

NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI E.O. Ospedale Galliera LINEE DI ATTIVITA' NEL NUOVO OSPEDALE PER INTENSITA' DI CURE NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI 21 OTTOBRE 2010 a cura di Fernanda Stefani E.O. Ospedale Galliera Filo conduttore del processo

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

Codice Privacy Codice Privacy

Codice Privacy Codice Privacy AZIENDA USL DI TERAMO ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI IN AMBITO SANITARIO TRATTAMENTO DEI DATI IN AMBITO SANITARIO Il trattamento dei dati in ambito sanitario deve essere ispirato alle direttive

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI AREA FORMAZIONE POST LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI AREA FORMAZIONE POST LAUREAM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI AREA FORMAZIONE POST LAUREAM GV/mldb Decreto Rettorale del 20/04/2005 Rep. n. 738-2005 Prot. n. 13730 Oggetto: Bando concernente

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Linee di indirizzo regionali per la sicurezza in chirurgia

Linee di indirizzo regionali per la sicurezza in chirurgia Linee di indirizzo regionali per la sicurezza in chirurgia PREMESSA Lo scopo di questo documento è di definire a livello regionale un percorso comune sulla sicurezza degli interventi chirurgici. Le linee

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI ÄRZTE- UND ZAHNÄRZTEKAMMER BOLZANO 39100 BOZEN IMPORTANTE

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI ÄRZTE- UND ZAHNÄRZTEKAMMER BOLZANO 39100 BOZEN IMPORTANTE ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI ÄRZTE- UND ZAHNÄRZTEKAMMER BOLZANO 39100 BOZEN Tel. (0471/976619 Via Cassa di Risparmio 15 Sparkassenstraße Fax 0471/976616 e-mail: info@ordinemedici.bz.it

Dettagli

sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria

sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria Pagina 1 di 6 sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria Rev. Data Causale della modifica Condivisa/Valutata 0.0 Coord. Sanitario Distretto Ospedaliero AG 1 Coord. Sanitario Distretto Ospedaliero

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO SOMMARIO PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 CRITERI LOGISTICI

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

Progetto per l informatizzazione e l automazione della gestione dei farmaci in reparto.

Progetto per l informatizzazione e l automazione della gestione dei farmaci in reparto. ULSS n. 5 Ovest Vicentino Progetto per l informatizzazione e l automazione della gestione dei farmaci in reparto. (Progetto segnalato dal Forum PA Sanità 2005) Problematiche cliniche Errori umani in: Prescrizione

Dettagli

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari 38 giugno 2015 corso di perfezionamento in HTA ISSN 2038-4238 Mensile - Anno VII - Poste Italiane S.p.A. Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 Comma 1 - DCB Roma contiene

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

COMITATO DI BIOETICA PER LA PRATICA CLINICA REGOLAMENTO

COMITATO DI BIOETICA PER LA PRATICA CLINICA REGOLAMENTO Ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli Isola Tiberina COMITATO DI BIOETICA PER LA PRATICA CLINICA REGOLAMENTO I. FINALITÀ I.1 È costituito presso l'ospedale S. Giovanni Calibita dell'ordine Ospedaliero

Dettagli

AVVISO. per la predisposizione di un elenco docenti per i Corsi O.S.S.

AVVISO. per la predisposizione di un elenco docenti per i Corsi O.S.S. Allegato n. 1 parte integrante del provvedimento n.728 del 26/08/2013 AVVISO per la predisposizione di un elenco docenti per i Corsi O.S.S. Articolo1 Definizione 1. Il presente avviso è finalizzato alla

Dettagli

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ROSARIA CACCO Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

AXA MPS TUTTA LA VITA

AXA MPS TUTTA LA VITA PROTEZIONE SALUTE INDIPENDENZA FUTURO AXA MPS TUTTA LA VITA PROTEZIONE E SERENITÀ ANCHE NELLE AVVERSITÀ In esclusiva per i clienti AXA MPS Tutta la Vita, la Compagnia, in collaborazione con AXA Assistance

Dettagli

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO 17.01.2013 1 di 5 LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori di Dipartimento Servizio Infermieristico Direttori UU.OO. Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev. Data Causale Redazione

Dettagli

Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione. Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM

Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione. Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM Agenda - Introduzione - Prescrizioni farmacologiche in degenza - Preparazione e somministrazione di farmaci

Dettagli

Relazione. La documentazione sanitaria

Relazione. La documentazione sanitaria e-mail serv.infermieristico@ausl6palermo.org La professione infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente Relazione La documentazione sanitaria Palermo,

Dettagli

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA)

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo del Medico Prof. F. Tremolada Già Direttore Dipartimento di Medicina ULSS16 e UOC Medicina, Ospedale S. Antonio, Padova L esperienza della Medicina Ospedale

Dettagli

-------------------------------- ---------------------------------

-------------------------------- --------------------------------- Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione: 10.01.2013 CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

La Responsabilità Professionale: la documentazione. Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati

La Responsabilità Professionale: la documentazione. Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati La Responsabilità Professionale: la documentazione Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati OTTICA DI SISTEMA NELLA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Estryn-Beharl et al. 2004 e Kaissi et al., 2003 sostengono

Dettagli

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Il Registro Tumori Piemonte (RTP) raccoglie i casi di neoplasia maligna insorti

Dettagli

LA CARTELLA CLINICA D.

LA CARTELLA CLINICA D. Lezioni SIO on-line I parte LA CARTELLA CLINICA D. Casolino,, V. Mallardi* F. Soprani, D.Padovani U.O. ORL AUSL di Ravenna *Cattedra ORL Università Politecnica delle Marche LA CARTELLA CLINICA, QUESTA

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA

PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA ALL.1 PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA Questo protocollo nasce dall esigenza di rivedere ed uniformare sul territorio dell intera Regione

Dettagli

Versione del 23 febbraio 2012 1

Versione del 23 febbraio 2012 1 Versione del 23 febbraio 2012 1 FAQ ESAMI DI STATO PROFESSIONE MEDICO CHIRURGO ISCRIZIONI 1) Che cos è l Esame di Stato? 2) E possibile iscriversi in più sedi o contemporaneamente ad altri esami di stato?

Dettagli

Lezione 4.: La cartella clinica

Lezione 4.: La cartella clinica Lezione 4.: La cartella clinica 4 novembre 2009 Prof. Paolo Danesino Dipartimento di Medicina Legale Antonio Fornari Cartella clinica Regolamento Igienico sanitario Pio Istituto di Santo Spirito di Roma

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica

La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica Luca Benci www.lucabenci.it Twitter @Luca_Benci Le competenze specialistiche nei profili Il percorso formativo viene

Dettagli