La lettera di san Paolo ai Galati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La lettera di san Paolo ai Galati"

Transcript

1 Claudio Doglio La lettera di san Paolo ai Galati primo incontro Gal 1,1-24 Queste riflessioni sono state tenute presso la parrocchia di S. Pietro alla Foce, in Genova durante la Quaresima del 2008 Riccardo Becchi ha trascritto con diligenza il seguente testo dalla registrazione

2 Sommario Presentazione introduttiva...3 Motivo della lettera: un altro vangelo...3 Struttura letteraria...4 L introduzione...4 La prima parte...5 La seconda parte...6 La sezione conclusiva...7 Come è stata scritta questa lettera?...8 Siamo sicuri che sia una lettera ispirata?...8 Una lettera di fuoco ad una comunità in crisi...9 Un prescritto polemico...10 Paolo, apostolo da parte di Dio...10 Gesù Cristo è l unico vangelo...10 Le opere della legge...11 La tesi generale della lettera...12 La rivelazione fondamentale nella vita di Paolo...13 Un autoritratto dell intransigente fariseo...13 Apostolo delle genti...14 Carne e sangue...14 Il breve soggiorno a Gerusalemme...15 Glorificavano Dio a causa mia!...15 C. DOGLIO Lettera ai Galati 2

3 La lettera ai Galati In questi nostri incontri vogliamo leggere e meditare la parola di Dio nello spirito che l ha ispirata. Iniziamo quindi con una preghiera al Signore affinché ci renda pienamente disponibili ad accogliere questa parola come una autentica rivelazione di Dio per la nostra vita. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Illumina, o Signore, le nostre scelte, rendi il nostro cuore disponibile all ascolto della tua parola e fa che l impegno quaresimale lasci una traccia profonda nella nostra vita. Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo Maria, madre della Chiesa, prega per noi. Prima di addentrarci nella lettura continua e nella meditazione di questo scritto di Paolo, è utile iniziare con una sintesi introduttiva di tutta la lettera. Infatti, come succede quando si legge in libro, o si assiste a una proiezione cinematografica, spesso alcuni elementi posti all inizio vengono compresi soltanto alla fine. Questa sintesi servirà proprio per poter recepire già a una prima lettura tutte le sfumature, gli accenni e le varie notizie che si svilupperanno nel corso della lettera. Avendo chiaro il quadro globale del testo, le sue motivazioni e gli elementi storici di fondo, tutto apparirà più facilmente comprensibile senza incorrere in dubbi, interpretazioni imprecise o distorte. Presentazione introduttiva Durante il soggiorno ad Efeso e il conflitto con la chiesa di Corinto, Paolo deve affrontare anche altre difficoltà che provengono da tutt altra parte, dalla Galazia. In quest epoca, la Galazia era una vasta provincia romana che corrispondeva a tutta l Anatolia centrale. Durante i suoi viaggi via terra tra la Siria e la Grecia, Paolo doveva attraversarla. Già durante il suo primo viaggio missionario aveva evangelizzato, nel sud di questa provincia, le regioni della Pisidia e della Licaonia. In seguito, era ripassato due volte per questa strada mentre si recava a Corinto; un altra volta andando a Efeso aveva attraversato la Galazia settentrionale, dove vivevano delle popolazioni contadine poco urbanizzate e anche lì aveva fondato delle chiese. Motivo della lettera: un altro vangelo Ora, anche in queste comunità cristiane di Galazia scoppia la crisi e la contestazione nei confronti di Paolo. Siamo intorno all anno 56: davvero un anno difficile per l apostolo. I responsabili della crisi sono dei predicatori giudaizzanti, sopraggiunti nelle chiese di Galazia, i quali annunciano un altro vangelo, contestano l autorità di Paolo, turbando profondamente la comunità (cfr. Gal 1,7), e sostengono la necessità della Legge di Mosè e della circoncisione per essere veri cristiani. Questi giudeo-cristiani pretendono di dipendere dalla Chiesa madre di Gerusalemme e vogliono imporre un «secondo» Vangelo, che comporta fra l altro la circoncisione e l adozione del calendario ebraico. Alla domanda dei Galati, perché tutto questo non è stato detto loro prima, i nuovi apostoli hanno risposto, probabilmente, che Paolo è un missionario accomodante, che addomestica il suo insegnamento per ottenere il favore di coloro che lo ascoltano. Il Cristo risuscitato, il dono dello Spirito Santo sono importanti, ma non sono tutto: insegnano costoro. L osservanza della legge di Mosè, invece, permette di andare anche più lontano. I nuovi missionari non fanno nessun torto a Paolo, affermano semplicemente di completare e migliorare l istruzione religiosa dei Galati. Se Paolo se ne ha a male, è lui che vuole il litigio, non loro. Di fronte a questa provocazione dottrinale Paolo è costretto a difendersi e a scrivere un apologia del suo operato e della sua teologia: è la lettera ai Galati, scritta da Efeso negli anni Un testo molto importante nella storia del cristianesimo per diversi motivi: innanzi tutto C. DOGLIO Lettera ai Galati 3

4 perché è il testo paolino che ci offre il maggior numero di notizie autobiografiche sull apostolo; poi perché contiene in bella sintesi quello che Paolo chiama il «suo Vangelo»; infine perché è stata al centro delle controversie teologiche fra cattolici e protestanti, che hanno animato la Chiesa nel Struttura letteraria La lettera ha uno schema tripartito: la prima parte (1,11-2,21) ha decisamente un carattere autobiografico; la seconda parte (3,1-5,12) è dedicata alla discussione del problema dottrinale; infine la terza parte (5,13-6,10) ha carattere parenetico, contiene infatti le esortazioni morali dell apostolo. L argomento di tutta la lettera è generale e unico: si tratta della difesa del Vangelo di Paolo: dapprima con argomenti storici; poi con argomenti dottrinali; e infine con esortazioni contro le false conseguenze pratiche. La strutturazione della lettera in tre parti è evidenziata dalle apostrofi, che A. Viard (1964) ha identificato nel testo: si tratta di alcuni blocchi letterari che contengono dei rimproveri diretti ai Galati e segnano nettamente il passaggio da una argomentazione all altra (1,6-10; 3,1-5; 4,8-11; 5,7-12). Nella lettera ai Galati si nota la compresenza di molti generi letterari, ma il tono unificante di tutta l opera è la polemica: Paolo scrive una lettera di fuoco, reagendo con immediatezza e vivacità alle brutte notizie che gli sono giunte dalla Galazia. Un ruolo molto importante nello svolgimento dello scritto hanno i midrash scritturistici, cioè gli esempi di esegesi biblica condotta con tipico metodo rabbinico. La dottrina che aveva imparato a Gerusalemme ai piedi di Gamaliele non era andata perduta: solo che adesso la usa proprio per combattere l insegnamento dei giudaizzanti. H.D. Betz (1975) ha proposto di considerare la lettera ai Galati una «arringa giudiziaria», riconoscendo in essa le varie parti catalogate dalla retorica classica: exordium, narratio, propositio, probatio, conclusio. L interpretazione è un po forzata, anche se il tono generale della lettera si avvicina molto al genere delle requisitorie giudiziarie. Lo stile che Paolo adopera in questa lettera è caratteristico e originale: emerge innanzi tutto la spontaneità tumultuosa ed esplosiva delle affermazioni, talvolta enigmatiche perché erano rivolte a persone che capivano bene, senza bisogno di troppe spiegazioni. Al tono irruente si devono aggiungere altri due elementi di originalità: le argomentazione di tipo rabbinico e le preziose sfumature autobiografiche e personali. L introduzione Il saluto iniziale ha già un tono polemico. Paolo, infatti, si presenta come «apostolo non da parte di uomini, né per mezzo di uomo, ma per mezzo di Gesù Cristo e di Dio Padre che lo ha risuscitato dai morti» (1,1): la sua autorità, intende dire, non è di origine umana, ma proviene direttamente dal Dio di Gesù Cristo. L implicita risposta a chi metteva in dubbio la sua funzione è evidente. Il tono polemico si accende subito dopo, quando, invece del solito ringraziamento, l apostolo inizia con un invettiva contro i Galati: è la prima delle «apostrofi» che caratterizzano la lettera. 1, 1-5 Saluto iniziale 6-10 apostrofe (invece del solito ringraziamento). Paolo si scalda non per difendere il proprio onore, ma per salvaguardare l unico vangelo di Gesù Cristo. Con la presente lettera proprio questo vuole fare: difendere il Vangelo. È facile immaginare che i predicatori giudaizzanti sopraggiunti in Galazia abbiano disprezzato Paolo, mettendo in dubbio la sua autorità e soprattutto sostenendo che egli non era in comunione con la comunità di Gerusalemme e dei suoi capi. Sembra di poter dedurre dal testo paolino che C. DOGLIO Lettera ai Galati 4

5 gli era mossa l accusa di essere un «libero battitore», quindi estraneo all autentica vita della Chiesa. La prima parte La prima parte della lettera, dunque, è dedicata alla propria autodifesa con argomenti storici: Paolo intende dimostrare l origine del suo ministero, l accordo con la chiesa di Gerusalemme e la coerenza della sua predicazione. Origine da una rivelazione diretta di Cristo: 1, Paolo era un Giudeo fanatico che perseguitava la Chiesa nel tempo della sua conversione, non si rivolse agli uomini contatto tardivo e breve a Gerusalemme con Kefa e Giacomo non era conosciuto personalmente dalle chiese di Giudea Approvazione dei notabili di Gerusalemme 2, 1-2 dopo 14 anni, Paolo espose il suo vangelo ai notabili 3-5 Paolo non cedette ai falsi fratelli e difese la verità del vangelo 6-10 i notabili non gli imposero niente, riconobbero la sua missione Dimostrazione di coerenza 2, ad Antiochia Paolo si oppose alla falsa manovra di Kefa «giustificàti dalla fede, non dalle opere» Il lungo brano autobiografico è di decisiva importanza per la conoscenza della vita e della personalità di Paolo. Egli lo inizia con una dichiarazione di principio, che riprende il motivo del saluto iniziale. L argomento che guida il racconto della propria vita è dunque l origine della sua predicazione: Paolo racconta alcuni eventi decisivi della sua esistenza per far vedere con chiarezza che la buona notizia da lui predicata gli è stata rivelata da Dio, che lo ha scelto e lo ha mandato. Alla vocazione diretta di Dio si è aggiunto l accordo con gli apostoli di Gerusalemme: Paolo è andato a trovare Pietro, che egli chiama sempre con il titolo originale aramaico «Kephas» (la Roccia), e Giacomo capo della comunità giudeo-cristiana di Gerusalemme. E, quando era stato sollevato il problema dell accoglienza dei pagani nella chiesa, al concilio apostolico, coloro che erano le «colonne» (Giacomo, Cefa e Giovanni) gli diedero la mano in segno di accordo e di comunione. Dunque il Vangelo predicato da Paolo non è invenzione personale, ma corrisponde perfettamente alla rivelazione di Dio ed è condiviso dagli altri apostoli di Gesù Cristo. Non si può quindi accusare Paolo di essere un «indipendente». Anzi, egli si è dimostrato il più coerente ai principi di fede e il caso di Antiochia lo ha rivelato in modo chiaro: era Pietro che stava un po da una parte e un po dall altra, mentre Paolo aveva le idee molto chiare e le ha sempre difese con coerenza. A questo punto dell autobiografia, in un immaginario dialogo con Pietro, l apostolo sintetizza la dottrina della salvezza che egli ha sempre predicato: «Sapendo che l uomo non è giustificato da opere di legge ma soltanto per mezzo della fede di Gesù Cristo, abbiamo creduto anche noi in Gesù Cristo per essere giustificati dalla fede di Cristo e non da opere di legge; poiché da opere di legge non verrà mai giustificato nessuno» (2,16). E aggiunge una splendida testimonianza sulla propria vita spirituale: «Sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me. Questa vita nella carne, io la vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me» (2,20). C. DOGLIO Lettera ai Galati 5

6 La seconda parte Una nuova, durissima apostrofe segna il passaggio dalla prima alla seconda parte, dagli argomenti storici agli argomenti dottrinali (3,1-5). Con la familiarità che gli viene dalla conoscenza e con la furia dell irritazione Paolo si rivolge ai Galati, chiamandoli «stupidi!». Il loro comportamento è stato stupido e la serie di domande retoriche che l apostolo rivolge loro serve proprio ad evidenziare la stupidità della loro situazione attuale. Il terreno è pronto per dimostrare con riflessioni bibliche e teologiche lo sbaglio dei Galati e la correttezza del Vangelo paolino. Difesa del vangelo con argomenti dottrinali (1 a parte) 3, 1-5 Apostrofe: lo Spirito ricevuto mediante la fede, non le opere 6-7 Abramo credette, la fede rende figli di Abramo 8-14 benedizione di Abramo o maledizione della Legge la Legge non può annullare la promessa fatta prima ad Abramo funzione provvisoria della Legge: come un pedagogo la fede invece ci fa figli di Dio in Cristo seme d Abramo 4, 1-3 paragone con il periodo di tutela dei minorenni 4-7 conclusione: «Siamo figli, non più servi!» La prima ricerca scritturistica parte dall esempio di Abramo, padre di Israele, ma anche padre di ogni uomo che crede in Dio. I predicatori giudaizzanti che turbavano i cristiani di Galazia avevano buon gioco a minare ipocritamente la felicità che deriva dalla fede in una salvezza gratuita e immeritata. Com è possibile, infatti, essere sicuri di avere la fede e di essere salvati? Per essere sicuri, assolutamente sicuri, è necessario avere un segno portato sulla propria carne: quale tentazione. «Volete essere salvati? Questo è il vero modo, insistono i nemici di Paolo: fatevi circoncidere e così apparterrete alla famiglia di Abramo al quale è stata promessa la salvezza». Paolo li rimprovera severamente smontando questo ragionamento: «Vi è stato detto: sarete salvati se apparterrete alla stirpe di Abramo, il che, dicono, implica la circoncisione. D accordo quanto alla razza di Abramo. Ma la promessa è stata fatta ad Abramo e alla sua discendenza. Ora, la sua discendenza è Cristo e siete voi che vi siete rivestiti di Cristo. Dunque voi appartenete già alla stirpe di Abramo, voi già siete la discendenza di Abramo e di conseguenza gli eredi della promessa; non avete nessun bisogno della circoncisione» (cfr. 3,16-19). Con queste parole Paolo re-interpreta tutta la storia sacra, rivela come Gesù e i cristiani siano i veri eredi della promessa fatta ad Abramo, come la libertà del Vangelo abbia reso caduca la schiavitù della legge mosaica. La Legge ha avuto una funzione provvisoria, come un pedagogo che istruisce un giovane finché non sia cresciuto, dopodiché si ritira; come un tutore che cura il patrimonio dell erede finché non raggiunge la maggiore età, dopodiché perde ogni suo potere. Così la legge di Mosè aveva il compito di guidare a Cristo; ormai che è giunto il Cristo, la legge non serve più per la salvezza: è sufficiente la grazia di Cristo, Figlio di Dio che ci ha fatti come lui figli ed eredi. «E che voi siete figli ne è prova il fatto che Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio che grida: Abbà, Padre! Quindi non sei più schiavo, ma figlio; e se figlio, sei anche erede per volontà di Dio» (4,6-7). Una nuova apostrofe segna il passaggio a un altra ricerca scritturistica: «Ma un tempo, per la vostra ignoranza di Dio, eravate sottomessi a divinità, che in realtà non lo sono; ora invece che avete conosciuto Dio, anzi da lui siete stati conosciuti, come potete rivolgervi di nuovo a quei deboli e miserabili elementi, ai quali di nuovo come un tempo volete servire? Voi infatti osservate giorni, mesi, stagioni e anni! Temo per voi che io mi sia affaticato invano a vostro C. DOGLIO Lettera ai Galati 6

7 riguardo» (4,8-11). La libertà dei figli non può essere così facilmente disprezzata per ritornare alla schiavitù. Difesa del vangelo con argomenti dottrinali (2 a parte) 4, 8-11 Apostrofe: non ritornate alla schiavitù! Intermezzo: appello ai ricordi e ai sentimenti figlio della schiava / figlio della libera: carne e promessa la schiava = alleanza del Sinai per la schiavitù la libera = Gerusalemme celeste, madre nostra nessun compromesso tra i due figli 5, 1-6 conclusione: «Siamo liberi, non più schiavi!» Prima di passare a un nuovo argomento dottrinale, Paolo si abbandona per un momento ai ricordi personali e cerca di toccare i suoi ascoltatori per via sentimentale. Come è possibile, si domanda l apostolo, che l atteggiamento dei Galati nei suoi confronti sia così cambiato: lo avevano accolto come un angelo di Dio e si sarebbero cavati gli occhi per darglieli. Che cosa dunque è cambiato? Sono certamente gli oppositori che li hanno traviati, li hanno plagiati con un comportamento falsamente premuroso. Nonostante tutto Paolo si sente ancora il loro padre; anzi, come una madre, egli sta soffrendo i dolori del parto per darli nuovamente alla luce. La seconda ricerca scritturistica riguarda i due figli di Abramo: Ismaele, nato dalla serva, e Isacco, nato dalla donna libera. Con una lettura allegorica, Paolo identifica le due donne di Abramo con le due alleanza: Agar la schiava rappresenta la vecchia alleanza stipulata al Sinai, mentre Sara la donna libera è il simbolo della nuova alleanza stipulata nella Pasqua di Gesù Cristo. Infatti il figlio di Agar è generato in forza della natura, mentre il figlio di Sara nasce in virtù della promessa divina, cioè per un intervento di grazia. Quindi Agar è la figura della Gerusalemme terrestre e Ismaele rappresenta l Israele secondo la carne, mentre Sara è la figura della Gerusalemme celeste e Isacco rappresenta il popolo nuovo generato per la fede di Cristo. La conclusione è molto importante: un autentico inno alla libertà cristiana (5,1-6). La sezione conclusiva Un ultima apostrofe segna la fine della parte dottrinale e introduce la sezione conclusiva, in cui l apostolo offre alcune precisazioni per la vita cristiana. La sezione conclusiva 5, 7-12 Apostrofe: contro coloro che turbano la comunità L amore del prossimo compendio della Legge non le opere della carne, ma il frutto dello Spirito 6, 1-5 non la superbia, ma la comprensione e l aiuto 6-10 vari consigli a fare il bene Epilogo autografo Parole di fuoco Paolo riserva nel finale a quei predicatori che insegnano ai Galati la necessità della circoncisione: «Chi vi turba, subirà la sua condanna, chiunque egli sia... Dovrebbero farsi mutilare coloro che vi turbano!» (5,10.12). Per chi è in Cristo non conta né la circoncisione né la non circoncisione; determinante è la fede che opera per mezzo della carità. Infatti tutta la legge trova la sua pienezza nel precetto dell amore. C. DOGLIO Lettera ai Galati 7

8 Il cristiano ha ottenuto la vita di Dio grazie al dono dello Spirito: se dunque vive dello Spirito, è necessario che si comporti anche concretamente secondo le indicazioni e i frutti dello Spirito. «Ora quelli che sono di Cristo Gesù hanno crocifisso la loro carne con le sue passioni e i suoi desideri» (5,24). Una serie finale di brevi raccomandazioni è conclusa dall epilogo autografo di Paolo, che riprende alcune idee importanti già espresse nel corso della lettera e le sigilla con nuova forza e particolare calore (6,11-18). Come è stata scritta questa lettera? Questa lettera, come le altre di Paolo, è stata scritta sotto dettatura a un amanuense che, su una tavoletta cerata, ha inciso con un pennino il testo, tutto in caratteri maiuscoli della lingua greca. Una volta terminato, il testo è ricopiato dalla tavoletta cerata nel foglio di papiro o di pergamena: un lavoro piuttosto complesso che richiedeva tempi piuttosto lunghi. La scrittura definitiva veniva scritta con un pennellino e questo era il compito di un collaboratore. Tutti gli autori antichi si servivano di scrivani che scrivevano in colonne parallele su una striscia pergamena o di papiro che veniva poi arrotolata e sigillata. Se le lettere erano rivolte a più comunità ne venivano fatte diverse copie. Quando il testo è definitivo, magari dopo eventuali cambiamenti o correzioni fatte sulle tavolette cerate qualcuno rilegge il testo e un gruppo di collaboratori riporta il testo su pergamena o papiro. Ci sono quindi più copie che vengono mandate alle varie comunità cristiane come quelle di Iconio, Listra, Derbe. Nelle comunità ci sono poi dei presbiteri, degli incaricati che ricevono questa lettera e in una riunione c è qualcuno che a nome degli altri legge. Ci ha scritto Paolo, sentite cosa dice: Mi meraviglio.... Siamo sicuri che sia una lettera ispirata? La conferma della ortodossia delle cose dette da Paolo non viene da lui stesso, ma dalla Chiesa, perché sono altri il gruppo di cristiani fondatori della comunità di Gerusalemme che hanno riconosciuto che quella lettera è valida, l hanno considerata ispirata e inserita nel canone. Non è ispirata perché l ha scritta Paolo, ma è la comunità cristiana che l ha riconosciuta come ispirata e quindi viene valorizzata da altri, non da lui. Inoltre la vita di Paolo comprovava quello che lui diceva. Il canone non l ha fatto Paolo, lui ha scritto semplicemente delle lettere motivate dalle condizioni storico religiose del momento e i suoi scritti sono stati ritenuti ispirati 10/20 anni dopo la sua morte. Non è assolutamente detto che i Galati che avevano ricevuto la lettera fossero d accordo con il suo contenuto; d altra parte anche la Prima lettera ai Corinzi non venne accettata e quando, sempre a quella comunità, scrisse una lettera apologetica sempre nell anno 56 ottenne un effetto contrario. Andò a Corinto improvvisamente, ma fu preso a schiaffi da qualcuno che lo invitò a tornare da dove era venuto. Fu allora che scrisse quella parte della Seconda Lettera ai Corinzi dove dice: ne ho prese ma gliene ho dette. La diffusione della evangelizzazione avveniva in una situazione difficile. C è stata sicuramente un po di enfasi nel racconto di questo periodo storico e non corrisponde al vero parlare di estrema facilità dello sviluppo del messaggio cristiano perché, anche nell epoca d oro dell espansione della parola di Dio, non era tutto oro quello che brillava. Le difficoltà che hanno incontrato gli apostoli sono state numerose anche perché il loro messaggio sconvolgeva non solo spiritualmente, ma anche la vita vera e propria nel suo svolgersi quotidiano. Il fatto che la vita di Paolo fosse assolutamente coerente con la sua predicazione gli permise di dire: Fate quello che avete visto fare a me. Ci vuole un coraggio enorme per sostenere, senza presunzione, una affermazione del genere. Ma in questo non fu mai smentito. C. DOGLIO Lettera ai Galati 8

9 Una lettera di fuoco ad una comunità in crisi Iniziamo adesso la meditazione, la riflessione e l esegesi di questo testo così importante nella vita dei destinatari, ma anche oggi fondamentale per la corretta interpretazione della nostra fede. La lettera ai Galati è considerata il Vangelo di Paolo. Noi dicendo vangelo pensiamo immediatamente ai quattro libri del Nuovo Testamento così intitolati e li consideriamo come una presentazione della vita di Gesù. Il concetto di vangelo riguarda invece la persona di Gesù e il senso della sua opera, per cui il termine vangelo precede il significato che comunemente noi diamo oggi a questo termine. Prima di indicare un libro, prima di essere il racconto scritto degli evangelisti, il vangelo cioè la buona notizia è stata sia la predicazione degli apostoli su Gesù, sia Gesù stesso e Paolo è l apostolo che ha presentato alla gente del suo tempo quella buona notizia. La lettera ai Galati contiene il vangelo come lo ha presentato Paolo; è una lettera scritta realmente a una comunità che viveva nel centro della Anatolia l attuale Turchia in una regione chiamata Galazia; un nome che un po ci sorprende, ma che ha una ragione storica. Era infatti abitata dai Galli, abitanti della Gallia l attuale Francia che lì, in mezzo alla Turchia, erano emigrati e si erano insediati. L impero romano aveva organizzato il territorio in province e aveva chiamato Galazia la regione centrale dell Anantolia. Paolo aveva visitato questa regione durante il suo primo viaggio missionario, intorno agli anni 45/48 e in quella occasione si era fermato in diverse città: ad Antiochia di Pisidia, a Iconio, a Listra, a Derbe. In quelle città aveva dato vita a piccoli gruppi di cristiani, in parte provenienti dal mondo giudaico, in parte provenienti dal mondo greco. Erano nate così delle comunità che riconoscevano Gesù come il Cristo, il Figlio di Dio, il salvatore della loro vita e avevano iniziato una vita cristiana rimanendo nel contesto del mondo culturale greco romano antico. Paolo, insieme a Barnaba, aveva dato vita a queste varie comunità, dopodiché aveva continuato il suo ministero altrove. Nell anno 56, mentre si trova a Efeso, sulla costa occidentale dell Anatolia, gli giunge notizia che le comunità cristiane di Galazia si sono allontanate dalla sua predicazione. Quei gruppi cristiani che si trovavano nella regione di Galazia non tutta la popolazione di Galazia sono sì rimasti cristiani, ma si sono allontanati dalla sua impostazione; hanno cioè dato ascolto a qualche altro predicatore cristiano che ha proposto loro una impostazione molto più giudaizzante del suo messaggio, legata cioè alle tradizioni giudaiche, soprattutto incentrata sulla necessità delle opere. L anno 56 è un anno orribile per san Paolo; è stato un anno segnato da tanti problemi e dispiaceri: gli hanno dato parecchi problemi i cristiani di Corinto, gli stanno dando dei seri problemi i capi a Efeso, la salute non lo aiuta, qualche collaboratore viene anche aggredito e ridotto in fin di vita (Epafrodito cf. Fil 2,27), Paolo è arrestato e condannato a morte, poi la condanna verrà sospesa. In ogni caso è un anno pieno di problemi ai quali si aggiunge anche il problema della crisi di Galazia; gli arriva infatti notizia che quelle comunità cristiane gli hanno girato le spalle. Paolo è addolorato e arrabbiato; è un uomo focoso ha un carattere vivace, irruente e reagisce in modo vigoroso, verbalmente violento. La lettera ai Galati è una lettera di fuoco, scritta di getto in un momento di passionale reazione; è però una lettera scritta con la testa. È scritta col cuore di un uomo appassionato, ma l apostolo non ha perso la testa; è una lettera pensata, ragionata, ma è una lettera di difesa. Usando un termine classico facendo il paragone con l apologia di Socrate viene considerata la apologia di san Paolo; apologia, cioè difesa. Paolo non difende se stesso, difende il proprio vangelo. Quando Paolo scrive queste parole, nell anno 56, non esistono ancora i quattro Vangeli e quindi lui fa riferimento alla predicazione, alla sua predicazione. C. DOGLIO Lettera ai Galati 9

10 Avremo modo in seguito di leggere tutta la lettera e di approfondire il messaggio in modo tale da avere il quadro del vangelo di Paolo, incentrato sul grande tema della giustificazione per fede. Un prescritto polemico Come per tutte le lettere di Paolo l inizio contiene il nome del mittente, le sue caratteristiche, il nome dei destinatari, il saluto. Gal 1, 1 Paolo, apostolo non da parte di uomini, né per mezzo di uomo, ma per mezzo di Gesù Cristo e di Dio Padre che lo ha risuscitato dai morti, 2 e tutti i fratelli che sono con me, alle Chiese della Galazia. 3 Grazia a voi e pace da parte di Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo, 4 che ha dato se stesso per i nostri peccati, per strapparci da questo mondo perverso, secondo la volontà di Dio e Padre nostro, 5 al quale sia gloria nei secoli dei secoli. Amen. Il pre-scritto, cioè la parte introduttiva, contiene un saluto e anche una sintesi teologica che finisce con una formula liturgica chiusa dall Amen. Però, come si può già notare, questo inizio è velatamente polemico. In tutti gli altri casi Paolo si presenta come apostolo, mentre qui ci tiene a sottolineare che è apostolo, ma non da parte di uomini. Paolo, apostolo da parte di Dio Apostolo è un termine greco che ha una valenza di passivo, significa mandato, inviato e quindi, dietro a questo nome, si immagina un complemento di agente. Mandato da chi? Paolo inviato è diventato quasi un termine tecnico, ma qui Paolo ragiona e spiega: Colui che mi ha mandato non è un uomo, né colui che mi ha reso apostolo è un uomo; io sono stato reso apostolo da parte di Dio Padre che ha risuscitato Gesù Cristo dai morti. La nota polemica iniziale consiste nel fatto che l autorità che sta dietro di me non è uno qualsiasi, io non ho un incarico umano, ma ho avuto un incarico divino, per cui l autorevolezza con cui vi scrivo non viene dalla mia persona, ma da Colui che mi ha mandato. C è una idea giudaica importantissima in base alla quale l inviato ha la stessa autorità di colui che lo ha inviato. Anche nel nostro ambito uno che ha la delega ha lo stesso potere di chi lo ha delegato. Se un personaggio importante mi ha delegato a rappresentarlo e a votare, non sono io che voto, ma colui che rappresento; ho la delega e la mia parola ha l autorità di colui che mi ha mandato. Paolo fa forza proprio su questa idea. Noi sappiamo che dietro a queste parole c è una contestazione alla sua persona e al suo insegnamento ed egli allora ribadisce fin dall inizio questa sua posizione. Come al solito augura grazia e pace che vengono da Dio Padre, dal Signore Gesù Cristo, il quale ha dato se stesso per i nostri peccati. Io sono stato mandato da colui che ha dato se stesso «per strapparci da questo mondo perverso». È una espressione pesante. Notiamo che l umore di Paolo non è dei migliori; sente che c è un mondo perverso e lui c è dentro fino al collo perché di grane ne ha in abbondanza e si rende conto che sono grane causate proprio dalla cattiveria, dalla malignità, dall intenzionale opposizione al vangelo. Proprio perché sta annunciando qualche cosa di dirompente e salvante si accorge che ha una guerra contro. Gesù Cristo ha dato se stesso per strapparci da questo mondo perverso, ma voi finite per essere più dalla parte del mondo perverso che dalla parte di Gesù Cristo che vi vuole tirare fuori. Gesù Cristo è l unico vangelo Nelle altre lettere di Paolo, subito dopo l indirizzo di saluto, c è una preghiera, cioè una formula di ringraziamento, di lode, di ricordo. Qui no! L esordio è caratterizzato da una invettiva e ci sono, nel corso della lettera, dei passaggi quasi delle parentesi qualificate come apostrofi, modi con cui l autore apostrofa, cioè aggredisce verbalmente i destinatari non facendo i complimenti. Proviamo infatti a tornare indietro: C. DOGLIO Lettera ai Galati 10

11 5 al quale sia gloria nei secoli dei secoli. Amen. 6 Mi meraviglio che così in fretta da colui che vi ha chiamati con la grazia di Cristo passiate a un altro vangelo. 7 In realtà, però, non ce n'è un altro; solo che vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo. 8 Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema! 9 L'abbiamo gia detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema! 10 Infatti, è forse il favore degli uomini che intendo guadagnarmi, o non piuttosto quello di Dio? Oppure cerco di piacere agli uomini? Se ancora io piacessi agli uomini, non sarei più servitore di Cristo! Il tono di queste affermazioni è decisamente forte, imperioso, aspro, aggressivo e, di conseguenza, questo brano non si può leggere con voce piana e regolare, senza un minimo di veemenza. Paolo quando scrive queste cose si arrabbia, ma non si arrabbia per motivi suoi; anche noi, d altra parte, ci scaldiamo quando ci sono delle cose che ci danno fastidio. Anche la Rosina del Barbiere di Siviglia dice che è tanto buona, docile, si lascia reggere e si fa guidare, però se la toccano dove è il suo debole promette di diventare una vipera! Anche noi, se ci toccano dov è il nostro debole, reagiamo con forza. Ma che cosa sta tanto a cuore a Paolo? Il vangelo! L apostolo si scalda così perché gli interessa che i Galati restino fedeli alla sua evangelizzazione. Pensate alla passione che lo lega, non a un libro, ma a una persona. Paolo, quando parla di vangelo, pensa a Gesù Cristo; non sta difendendo un libro, sta difendendo una persona, il senso della vita offerto da quella persona. Se viene aggredito, insultato qualcuno della nostra famiglia o qualcuno che ci sta a cuore, anche noi reagiamo per difenderlo. Ecco allora che Paolo reagisce in questo modo perché si è accorto che era aggredito non tanto lui stesso, ma Colui che gli era caro; si è reso conto che la situazione venutasi a creare in Galazia è la rovina della vita cristiana e allora le sue parole non nascondono il suo rimprovero e il suo disappunto: Mi meraviglio che abbiate fatto così presto a cambiare bandiera, a passare a un altro vangelo. Poi però afferma: Non ce n è un altro!. Avete semplicemente lasciato il vangelo per qualcos altro che non è assolutamente un vangelo, una buona notizia. È possibile che vi abbiano detto che va bene così, ma non è vero: bene così non va proprio. Le opere della legge Che cosa hanno detto questi predicatori? Sostanzialmente hanno detto che ci vogliono delle osservanze rituali, sono indispensabili alcune pratiche, ci vuole l osservanza della legge di Mosè; più avanti si parlerà delle opere della legge. Fate bene attenzione lo chiariremo ancora tante volte, ma credo che sia necessaria fin da subito una precisazione non sta parlando delle opere della carità cristiana, sta parlando delle opere della legge, dell osservanza precisa, legalistica, letterale, delle norme della legge mosaica. Faccio tre esempi, proprio per chiarire bene la situazione; le tre opere della legge, fondamentali per la tradizione giudaica, sono: la concisione, l osservanza del sabato, l osservanza delle regole alimentari, ovvero la distinzione dei cibi puri da quelli impuri. La tradizione giudaica, ancora oggi, è rimasta fedele a questa osservanza e ritiene che queste cose siano importanti: sono fondate nella rivelazione biblica. La predicazione di Gesù Cristo non ha abolito, ma ha completato, cambiando l impostazione. La novità che cercheremo di mettere in evidenza sta proprio nella persona di Gesù Cristo, nel suo ruolo, perché è lui, come persona, che caratterizza la novità e trasforma la persona, mentre ci può essere una semplice osservanza religiosa di regole senza però la trasformazione del cuore. Come cristiani noi dovremmo essere tranquilli perché Paolo sta parlando di altre situazioni, sta parlando di cristiani giudaizzanti, una situazione molto distante dalla nostra attuale. Noi siamo perfettamente convinti che il vangelo di Paolo sia quello corretto e che la sua impostazione sia buona; in realtà questo testo ha da dire qualcosa anche a noi perché anche noi, continuamente, C. DOGLIO Lettera ai Galati 11

12 rischiamo di ricadere in una condizione di religiosità naturale. La mentalità stessa di religione porta infatti con sé questo modo di ragionare, quello cioè di comperare il divino, di ottenere qualcosa dando qualcosa. È il criterio del commercio, è il commercio religioso, per cui si tiene buona la divinità dandole ciò che vuole in modo tale che la divinità possa farci dei favori. È lo schema classico, universalmente diffuso e conservato; si tratta poi di vedere dove si colloca la divinità e come la si caratterizza. Paolo rivoluziona questa interpretazione e anche noi abbiamo bisogno di una rivoluzione del genere perché abitualmente ritorniamo sempre indietro; le nostre strutture religiose lentamente ritornano alle pratiche, alla formalità e rischiano di perdere l essenziale, cioè l incontro con la persona di Gesù Il vangelo di Gesù Cristo è un capovolgimento di questo criterio religioso, di questo rapporto dell uomo con Dio, perché non è fondato su una relazione di dare e avere, non è un sistema di compra vendita, di osservanza di regole per avere dei favori, ma è una relazione di vita strettamente personale, di dono totale della vita. Proprio perché ritiene che l elemento centrale sia così importante, Paolo si scalda e per due volte adopera la parola anátema «avna,qema» (anáthema) che noi potremmo tradurre con scomunicato o forse, in modo ancora più forte, con maledetto. È una espressione che ritorna nell Antico Testamento per indicare ciò che veniva votato allo sterminio, cioè doveva essere distrutto e raso al suolo. «Se uno vi predica un vangelo diverso, sia maledetto». L apostolo adopera subito una espressione durissima per dire che non ci sono mezzi termini; non stiamo trattando una questione marginale: questa è una questione di vita o di morte, assolutamente primaria; è un discorso serio, fondamentale, per cui non lo si può sottovalutare né prendere alla leggera. Forse qualcuno di voi pensa che io dica queste cose perché cerco il favore degli uomini? Ma neanche per sogno; ho lasciato perdere queste cose da un pezzo. Se volessi ingraziarmi le vostre orecchie vi direi ben altre cose; non cerco il vostro favore, non vi dico le cose per farvi piacere, ma cerco di dirvi la verità e sono appassionatamente convinto che sia questa e che voi abbiate preso una strada sbagliata. Questa è la prima apostrofe ben vigorosa: ha messo in chiaro che la questione fondamentale è il vangelo e non ce n è un altro. La tesi generale della lettera Adesso parte con la dimostrazione della tesi generale; i versetti 11 e 12 contengono la tesi generale della prima parte: 11 Vi dichiaro dunque, fratelli, che il vangelo da me annunziato non è modellato sull'uomo; 12 infatti io non l'ho ricevuto né l'ho imparato da uomini, ma per rivelazione di Gesù Cristo. Ecco la prima idea importante: il contenuto di questa predicazione non è una mia idea. «Non è modellato sull uomo» significa che non è fatto secondo la mentalità dell uomo. È interessante; vuol dire che è un vangelo non istintivamente prodotto dal pensiero dell uomo. Qualunque ragionamento umano, di tipo religioso, non arriva a questo messaggio. È una rivelazione e in greco Paolo adopera proprio la parola apocalisse. In qualche modo la Lettera ai Galati è l apocalisse di san Paolo, è la sua rivelazione, lui toglie il velo per mostrare che quell elemento fondamentale non è frutto del suo ragionamento, cioè non è mio. Io ve l ho comunicato, ma non è un prodotto mio, non l ho pensato io, io l ho ricevuto. A me è stato dato in un modo straordinario, tanto è vero che anch io sono stato rivoltato come un calzino da questa rivelazione. A questo punto Paolo comincia a parlare di sé: Io in partenza avevo tutt altre idee, ma sono stato cambiato. Il primo argomento che Paolo adopera nella sua dimostrazione è autobiografico. In nessun altro passo del suo epistolario Paolo parla tanto diffusamente di sé raccontando la propria vita; qui lo fa per offrire una dimostrazione: la sua vicenda personale è la dimostrazione del vangelo di Gesù Cristo, dell importanza della persona di Cristo nella vita dell uomo, della sua stretta e personale relazione con ognuno; Gesù stesso è il vangelo, la buona notizia per tutti. C. DOGLIO Lettera ai Galati 12

13 La rivelazione fondamentale nella vita di Paolo L argomento forte che gli interessa è il proprio cambiamento. Paolo infatti era religioso fin da piccolo e la sua conversione non è stata il passaggio dall incredulità alla fede, dall ateismo alla pratica religiosa; il suo cambiamento è una maturazione di persona religiosa, da sempre religiosa e molto osservante. Un autoritratto dell intransigente fariseo Il punto di partenza era però quello di una persona malamente religiosa, fissata religiosamente, ma con delle fissazioni sbagliate, con delle idee religiose sbagliate; quello che Paolo ritiene straordinario è proprio il fatto del suo cambiamento. È straordinario che io sia cambiato così. 13 Voi avete certamente sentito parlare della mia condotta di un tempo nel giudaismo, come io perseguitassi fieramente la Chiesa di Dio e la devastassi, 14 superando nel giudaismo la maggior parte dei miei coetanei e connazionali, accanito com'ero nel sostenere le tradizioni dei padri. È un bell autoritratto quello che Paolo fa di sé, è il ritratto di una persona religiosamente fanatica noi oggi diremmo un fondamentalista, se non addirittura un terrorista un uomo talmente convinto delle proprie idee religiose da essere accanito contro gli altri, difensore delle proprie idee contro gli altri al punto da superare tutti. È la situazione del giovane Paolo che, rispetto ai suoi coetanei, li superava tutti, era molto più religioso degli altri, molto più convinto, al punto da perseguitare fieramente la Chiesa di Dio e questo lo faceva perché attaccato alle tradizioni dei padri. Ma che cosa è avvenuto, che cosa lo ha cambiato? 15 Ma quando colui che mi scelse fin dal seno di mia madre e mi chiamò con la sua grazia si compiacque 16 di rivelare a me suo Figlio perché lo annunziassi in mezzo ai pagani, subito, senza consultare nessun uomo, 17 senza andare a Gerusalemme da coloro che erano apostoli prima di me, mi recai in Arabia e poi ritornai a Damasco. Qui c è il nucleo che ci interessa. La frase decisiva è «si compiacque di rivelare a me suo Figlio»; il soggetto è Dio. Dio si compiacque di rivelare a me. Il verbo rivelare è di nuovo il verbo «avpokalu,ptw» (apokalýpto), il verbo che indica la rimozione del velo. Paolo parla della propria esperienza sulla via di Damasco, ma non dice neanche che era sulla via di Damasco e, se non avessimo gli Atti degli Apostoli, non sapremmo dove questo è capitato. In questo racconto non c è nessun particolare descrittivo, ma solo l interpretazione dell evento che lui chiama apocalisse. È stata infatti la sua rivelazione! Prima abbiamo usato rivelazione in senso attivo: Paolo rivela ai Galati il vero vangelo. Qui invece lo stesso concetto viene adoperato in senso passivo: Dio infatti gli si è rivelato e «si è compiaciuto», cioè la benevolenza di Dio si è manifestata nel fargli conoscere il Figlio: ha tolto il velo dagli occhi di Paolo. Dio «lo aveva già scelto fin dal seno di sua madre»: è una frase antica, la adopera il profeta Geremia, la riprende anche il servo del Signore nel libro di Isaia e Paolo la applica a sé con una forza notevole. Il Signore mi aveva scelto fin dal seno di mia madre, ancora prima che nascessi : il Signore mi aveva scelto e mi aveva chiamato con la sua grazia, quindi da ragazzo. Paolo dice di avere sentito la chiamata della benevolenza di Dio, scelto da sempre, fin dal suo concepimento. Da ragazzino è cresciuto consapevole di questa chiamata e ha risposto, ma malamente, sino al momento in cui Dio si compiacque di rivelare a me suo Figlio. Nel momento in cui viene tolto il velo, Paolo si accorge di qualche cosa di eccezionale che prima non era riuscito a capire. Dio ha rivelato a me suo Figlio perché io lo annunziassi in mezzo alle genti ; ha rivelato a me chi è suo Figlio in modo tale che io poi lo possa rivelare ad altri. C. DOGLIO Lettera ai Galati 13

14 Apostolo delle genti La parola pagano ha assunto oggi una sfumatura negativa che non rispecchia affatto il significato originale. Etimologicamente è legata al pagus cioè al villaggio e quindi è nata come parola dispregiativa per indicare gli ultimi rimasti della vecchia religione, le persone confinate nei villaggi di campagna più sperduti. Definire quindi i romani o gli ateniesi come pagani è un controsenso, difatti il testo greco parla «e;qnh» (èthne), cioè le genti. In italiano abbiamo introdotto una parola strana gentili ; quando però oggi uno dice gentile pensa a tutt altra cosa, non certo ai non ebrei. Anche in questo caso siamo però di fronte a un termine diventato ormai tecnico e che in ambito neotestamentario indica, per comune consuetudine, i non circoncisi, cioè tutti i non ebrei. Quando si dice genti si intende i non ebrei perché in una mentalità ebraica il mondo si divide in due parti: gli ebrei e gli altri. La mentalità ebraica è strettamente chiusa nella propria visione, mentre la novità che Paolo ha sperimentato è quella dell apertura e in questo ha avuto notevoli difficoltà a imporsi, anche contro Pietro che era più conservatore. Paolo era un dottore della legge, un accanito difensore di quella legge, ma è avvenuto qualche cosa nella sua persona che gli ha fatto capire la necessità del superamento di quei vincoli nazionalistici. Il fatto che sia cambiato uno come Paolo è un segno della grazia e la Lettera ai Galati serve proprio per dire io sono un segno ; quindi il vangelo di Paolo è l annuncio che quell uomo dà con la sua vita; la sua vita diventa una prova che il messaggio evangelico è vero. Infatti Paolo era convinto che Gesù avesse torto, che Gesù fosse un imbroglione, un predicatore: o pazzo o ingannatore; sicuramente non poteva essere quello che pretendeva di essere. Paolo ne era convinto e invece, in un attimo, ha avuto la percezione forte che Gesù aveva ragione, che Gesù non era un mentitore o un esaltato, ma era veramente il Figlio di Dio. È stato un lampo, una illuminazione istantanea, in un attimo ha capito che Gesù aveva ragione; contemporaneamente però, in quello stesso attimo, ha capito che lui aveva torto e quindi tutta la sua vita, la sua impalcatura concettuale, religiosa, crollava. Umanamente è stato un crollo, un disastro, gli è caduto il mondo addosso, è caduto lui come mentalità, con tutto l orgoglio religioso di chi è assolutamente convinto di sapere le cose. Improvvisamente si è accorto di avere sbagliato tutto. Ha dovuto cominciare. Carne e sangue La traduzione italiana che dice: «senza consultare nessun uomo» è una traduzione a senso e contiene una interpretazione che non mi sembra corretta. Letteralmente il greco dice «non ho dato retta né alla carne né al sangue» e potrebbe voler dire non ho consultato nessun uomo. Secondo me, però, vuol dire non ho seguito il mio istinto, non mi sono lasciato portare da quello che istintivamente diceva il mio carattere ; in quel momento, quando Dio mi ha rivelato suo Figlio, io non ho dato ascolto né alla carne né al sangue, ma sono partito subito. Infatti la carne e il sangue è sicuramente una espressione di tipo aramaico, corrisponde è un modo di dire. Come noi potremmo dire il mio carattere, il mio istinto, loro dicevano la carne e il sangue per indicare qualcosa che nasce da me; sono proprio io, fa parte di me, sono fatto così. È una espressione idiomatica aramaica. Questa interpretazione trova una conferma nella espressione con la quale l evangelista Matteo racconta la professione di fede di Pietro. In quella circostanza tutti e tre gli evangelisti sinottici ricordano che Gesù chiede: «Chi sono io per la gente, e voi chi dite che io sia?»; i tre sinottici hanno risposte un po differenti: Mc 8,29 Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». Lc 9, 20 Pietro, prendendo la parola, rispose: «Il Cristo di Dio» Mt 16, 16 Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». A questo punto però solo Matteo aggiunge una reazione di Gesù che dice: C. DOGLIO Lettera ai Galati 14

15 17 «Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli. C è una somiglianza fortissima; Pietro ha detto a Gesù «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente» e Gesù reagisce dicendogli: Sei fortunato, non ci sei arrivato con le tue forze, non sono la carne e il sangue, ma è il Padre mio che ti ha rivelato chi sono io. Stesse parole, stesso riferimento apocalittico. Il testo di Matteo non dipende da Paolo, né Paolo dipende letterariamente da Matteo; sono due tradizioni autonome e indipendenti, che però coincidono su questi elementi fondamentali e importanti. I due apostoli sono stati beneficiari di una rivelazione e quello che hanno compreso non viene dalla loro carne e dal loro sangue cioè dalle loro forze, dalla loro umanità ma è un dono divino. Vi è certamente venuto in mente che la terminologia carne e sangue è anche eucaristica; è la carne e il sangue di Gesù, cioè proprio la concretezza della umanità che egli dà ai suoi discepoli. Non è la carne e il sangue di Paolo che hanno determinato il cambiamento, ma è un intervento dall alto a cui lui ha ceduto. Si è ritirato in Arabia, vuol dire nel deserto verso l oriente, nella zona di Palmira, tanto per capirci, a est di Damasco; poi è ritornato a Damasco. Ha avuto bisogno di qualche anno di calma per riflettere su quanto è cambiato nella sua mente e nella sua vita. Il breve soggiorno a Gerusalemme L illuminazione è avvenuta in un istante, ma l assimilazione dell idea ha richiesto alcuni anni, difatti così continua: 18 In seguito, dopo tre anni andai a Gerusalemme per consultare Cefa, Paolo chiama sempre Pietro con il nome aramaico, è la formula più arcaica, proprio quella adoperata da Gesù, e rimasi presso di lui quindici giorni; 19 degli apostoli non vidi nessun altro, se non Giacomo, il fratello del Signore. Giacomo di Alfeo, che noi chiamiamo Minore, è conosciuto con il titolo di fratello del Signore in quanto parente stretto; è una terminologia di onore che non indica una fratellanza di sangue. È uno dei tanti passi su cui qualcuno vuole discutere sui fratelli di Gesù. In base ad alcuni dati della tradizione antica giudeo cristiana questo Giacomo sarebbe figlio di Alfeo, fratello di Giuseppe, per cui è cugino primo di Gesù. È praticamente l erede della famiglia e la comunità cristiana di Gerusalemme è riunita intorno a Giacomo, fratello del Signore; è il parente stretto e, in un ambiente che dà grande peso ai rapporti familiari, il parente di Gesù, quello che appartiene proprio al suo clan familiare, ha il ruolo più importante. Nella tradizione ecclesiastica il primo vescovo di Gerusalemme è sempre stato considerato Giacomo, mai Pietro; a Gerusalemme il vescovo era Giacomo; Pietro è diventato vescovo quando è andato a Roma. Questo modo di parlare corrisponde ad uno schema moderno, però è importante notare questa antica tradizione. A Gerusalemme l autorità massima era Giacomo! 20 In ciò che vi scrivo, io attesto davanti a Dio che non mentisco. Paolo sta raccontando qualcosa che è avvenuto a sé per poter dire: io vi parlo con autorità, perché è avvenuto qualche cosa nella mia vita che dà credibilità a quello che vi sto annunciando. 21 Quindi andai nelle regioni della Siria e della Cilicia. Siria è la regione di Antiochia e la Cilicia è la sua regione natale, la cui capitale è Tarso. Glorificavano Dio a causa mia! Paolo quindi a Gerusalemme c è stato 15 giorni, dopo di che hanno tentato di fargli la pelle perché era diventato un personaggio scomodo. I cristiani infatti non si fidavano di lui, lo consideravano una spia, uno che si era infiltrato nella comunità per poter conoscere meglio e C. DOGLIO Lettera ai Galati 15

16 provocare dei danni. Le autorità giudaiche lo consideravano un traditore, uno che era partito per arrestare i cristiani e invece era passato dalla loro parte. In 15 giorni si è quindi bruciato le possibilità di ministero a Gerusalemme, ha subíto un attentato, ha evitato l uccisione, ma ha capito che non era più ambiente per lui; ha dovuto fare i bagagli e andarsene. Questo comportò un fallimento per la sua vita umana; era andato a Gerusalemme per fare carriera, per diventare un pezzo grosso nel sinedrio, un dottore della legge, una autorità e adesso, che ha circa 35 anni, non è più nessuno. La sua è una situazione dantesca: nel mezzo del cammino della vita c è un fallimento, un dramma, per cui perde tutto, torna a casa senza niente; non ha fatto carriera, non è diventato nessuno, non ha grandi prospettive, è mal visto un po da tutti. Si ritira nel privato, si ritira a casa sua a intrecciare stuoie. 22 Ma ero sconosciuto personalmente alle Chiese della Giudea che sono in Cristo; 23 soltanto avevano sentito dire: «Colui che una volta ci perseguitava, va ora annunziando la fede che un tempo voleva distruggere». 24 E glorificavano Dio a causa mia. Di persona non mi conoscevano, ma parlavano di me, ero diventato un caso. Raccontavano del grande cambiamento che era capitato in me e dicevano che era Dio che lo aveva compiuto per cui glorificavano lui, cioè sottolineavano la potenza con cui Dio è entrato nella mia vita e mi ha cambiato. Il discorso autobiografico continua ancora e riprende un altro episodio avvenuto dopo quattordici anni. Per tutto questo tempo Paolo conduce una vita abbastanza tranquilla e ritirata. Dopo quattordici anni di silenzio, di vita privata, c è il Concilio di Gerusalemme dove c è il chiarimento della sua posizione nell ambito della comunità cristiana.. È proprio a questo che Paolo tende, per dire che c è stato un accordo preciso, un riconoscimento della sua onestà intellettuale, della sua profonda e sincera adesione alla fede in Gesù. Paolo non è un libero battitore, non è uno che ha e propone delle idee personali e strane; quello che sta insegnando è veramente il vangelo di Gesù. Se altri non lo hanno capito e lo insegnano male, peggio per loro, e mi stupisco che voi, avendo cominciato con me, dice Paolo, poi seguiate degli altri, degli imbecilli. Il tono della lettera è proprio questo! Dobbiamo anche valorizzare questo tono umano forte perché è un segno della grazia; Paolo ha un carattere tale che senza la grazia sarebbe stato un tremendo bisbetico; con la grazia di Dio è diventato un appassionato riformatore e la Lettera ai Galati ci può far bene per andare all essenziale e riformare, anche noi, la nostra idea di vangelo. C. DOGLIO Lettera ai Galati 16

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11)

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) Introduzione: Sermone Filippesi 3:4-7. Nell ultimo sermone in Filippesi, in 3:1-3, abbiamo visto che ci sono falsi insegnanti, che predicano la

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità

CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità Per un alleanza educativa Scuola-Genitori 29 Settembre 2012: Le relazioni familiari oggi:dalla mia famiglia alle famiglie Mt 13,53-58

Dettagli

Basilica di S. Pietro in Sylvis 1 giugno 2008 1 giugno 2008

Basilica di S. Pietro in Sylvis 1 giugno 2008 1 giugno 2008 Basilica di S. Pietro in Sylvis 1 giugno 2008 1 giugno 2008 PER CONOSCERE PAOLO. UN DIALOGO ECUMENICO. RIFLESSIONE SU GAL 2,1-14. 1. Il testo di Gal 2,1-14. * Il discorso di Paolo si svolge in due momenti:

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3. Daall Vaangeello sseeccondo Maarrcco 9,, 30--37

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3. Daall Vaangeello sseeccondo Maarrcco 9,, 30--37 1 Oleggio 24/9/2006 XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3 Dal Vangelo secondo Marco 9, 30-37 Riifflleessssiionii -- prreeghiieerraa La Chiesa, oggi, ci fa leggere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo www.aiutobiblico.org pagina 1 Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo filename:50-0308.a01 di Marco defelice, www.aiutobiblico.org la Cosa più Eccellente Fratelli, noi siamo stati creati a immagine di

Dettagli

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO!

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Domenica 31 Marzo 2013 QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Gesù è risorto e noi vogliamo risorgere con lui. GEREMIA 29:11 Dio dice io so i pensieri che medito per voi, pensieri di pace e non di male

Dettagli

La chiesa primitiva e l Impero Romano

La chiesa primitiva e l Impero Romano La chiesa primitiva e l Impero Romano L Impero Romano La situazione dell Impero L Impero romano e l Ellenismo 323 a.c.-1 sec. d.c. Il Giudaismo tradizionale e quello ellenizzato. Impero Romano: circa 50

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Dopo aver ascoltato la predicazione del vangelo di Cristo (Giovanni 6:45; Atti 2:37; Romani 10:17; Atti 16:32); dopo aver creduto che Gesù è il

Dopo aver ascoltato la predicazione del vangelo di Cristo (Giovanni 6:45; Atti 2:37; Romani 10:17; Atti 16:32); dopo aver creduto che Gesù è il Dopo aver ascoltato la predicazione del vangelo di Cristo (Giovanni 6:45; Atti 2:37; Romani 10:17; Atti 16:32); dopo aver creduto che Gesù è il Cristo, il Figlio del Dio vivente (Giovanni 11:27; Matteo

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Studio biblico Il Nuovo Testamento Chiesa Evangelica Biblica - Ancona

Studio biblico Il Nuovo Testamento Chiesa Evangelica Biblica - Ancona Lezione 3 Il Libro di Matteo (Dove ci sono righe vuote, scrivi il versetto o la verità centrale del brano.) 1. I Quattro Vangeli Entrando nel Nuovo Testamento, ricorda che ci sono quattro Vangeli; Matteo.

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola!

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola! Che cos'è la Chiesa Gesù disse: "Edificherò la mia chiesa" (Matteo 16:18).Cosa intendeva dire parlando di "chiesa"? Che significato aveva questa parola per i discepoli? Avrete notato che la parola chiesa

Dettagli

PRENDERE LA PROPRIA CROCE

PRENDERE LA PROPRIA CROCE PRENDERE LA PROPRIA CROCE Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a sé stesso, prenda la sua croce e mi segua. 25 Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà;

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Letture: Genesi 22, 1-19 Salmo 116 (114-115) Romani 8, 31-34 Vangelo: Marco 9, 2-10

Letture: Genesi 22, 1-19 Salmo 116 (114-115) Romani 8, 31-34 Vangelo: Marco 9, 2-10 1 Oleggio 08/3/2009 II Domenica di Quaresima Letture: Genesi 22, 1-19 Salmo 116 (114-115) Romani 8, 31-34 Vangelo: Marco 9, 2-10 Il cammino interiore. Lek lekà Anche i bambini e le bambine di quarta elementare

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli