Newsletter novembre 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter novembre 2006"

Transcript

1 - Newsletter novembre 2006 Anno 3 numero 8 New technologies New Technologies Achille contro Damocle: stent medicati vs stent tradizionali Quality in Health Care Achille contro Damocle: stent medicati vs stent tradizionali Drug eluting stents: an ounce of prevention for a pound of flesh? S. Kaul, G. Diamond, Cardiosource, American College of Cardiology, SOMMARIO Saper chiedere scusa: una nuova skill medica La decodifica del DNA del sistema di produzione Toyota per il miglioramento della pratica clinica Health Care Management Gestione della variabilità della domanda di accesso alle cure. Lezioni dal sistema Sanitario Nazionale Inglese Programmi di hospitalist efficaci per ridurre i costi degli ospedali Health Policy & Public Health Costi e benefici della regolamentazione per i nuovi farmaci: verso un punto di equilibrio Le politiche per la vaccinazione antinfluenzale hanno il sostegno dell evidenza? Evidence Based Medicine Curarsi o farsi curare: un'analisi di costo-efficacia Dibattito intorno alle meta analisi Cochrane e dell industria FOCUS Neuroradiologia.Visualizzazione a tensore di diffusione Gli stent medicati a rilascio di farmaci (DES drugeluting stents), e la loro azione di riduzione del tasso di restenosi dopo una procedura di angioplastica, hanno modificato in maniera significativa la cardiologia interventistica. Da quando sono stati introdotti nella pratica clinica (2002), la percentuale di utilizzo di questi nuovi stent, rispetto a quelli considerati tradizionali (Bare Metal Stent), è cresciuta sino ad arrivare in alcune situazioni ad oltre il 50% di tutti gli stent utilizzati. Ciò ha portato anche un significativo aumento dei costi che negli USA è stimato in 4-5- miliardi di dollari annui. Oggi, a distanza di 5 anni dall introduzione, ne vengono riconsiderati sia i vantaggi che gli svantaggi. Tra gli svantaggi emerge l aumento del rischio di trombosi nei pazienti trattati con questa tipologia di stent; a quelli inizialmente considerati vantaggi, quali ad esempio la riduzione del tasso di restenosi, non è corrisposto nel tempo una riduzione significativa di mortalità. Ciò porta a rimettere in discussione gli stessi meccanismi con cui viene prodotta l evidenza scientifica che supporta l adozione di nuovi devices: è da ridiscutere non solo le strategie con cui vengono disegnati gli studi clinici endpoint surrogati ma anche la trasferibilità stessa dei risultati di tali studi alla popolazione generale. Inoltre l analisi della pratica clinica quotidiana negli USA, ha evidenziato come l utilizzo di questi stent sia stato per oltre l 80% dei casi al di fuori di quelle che erano le indicazioni di utilizzo approvate dall FDA americana. Per questo una recentissima nota dell FDA ricorda come l utilizzo di questi stent debba essere considerato sicuro ed efficace solo nell ambito delle indicazioni approvate. Ecco che dunque l iniziale entusiasmo per questi nuovi stent, che sembravano aver risolto il tallone di achille della restenosi, si è trasformato nell ansia di vivere sotto la spada di Damocle della trombosi. Pagina 1

2 Master in Health Technology Assessment and Management The Ulysses Program , 4th edition Module I - Montreal - October 2007 Course 1 - Health Technology Assessment: principles and practice Course 2 - Methods A: Efficacy evaluation, synthesis methods, biostatistics Module II - Barcelona - May 2008 Course 3 - Methods B: Economic evaluation Course 4 - Health Systems, economics of health care, equity, HTA and policy-making Module III - Rome - October 2008 Course 5 - Institutional management and impact evaluation Course 6 - Ethical, sociocultural and legal issues: including dissemination methods and evaluation of impact Module IV - Ottawa - May 2009 Course 7 - Clinical decision making: best practices, decision analysis, quality assurance, and patient participation Course 8 - Presentations of research/policies analysis projects Deadline for applications: July 15th Quality in health care Saper chiedere scusa: una nuova skill medica Apology in Medical Practice A. Lazare, JAMA, 20 September 2006, vol. 296 No. 11, Le scuse sono uno degli strumenti di conciliazione più efficaci fra gli individui. Scusarsi con il paziente può aiutare i medici ad evitare di essere citati in giudizio, in particolare se le scuse sono accompagnate da un risarcimento. Questa idea contrasta, però, con la lunga tradizione che ha voluto i medici infallibili e, soprattutto, raramente consapevoli dei propri errori. Questo approccio più soft sta catturando l'interesse generale, in quanto ha contribuito a ridurre gli errori medici, nonché i costi delle assicurazioni per negligenza. Il comportamento pater- nalistico, un tempo adottato da molti medici, è oggi sostituito dalla convinzione che sia opportuno raccontare al paziente tutta la verità, ciò rappresenta un gran cambiamento riguardo ai rapporti con i pazienti. Questo articolo descrive come deve essere strutturato un vero e proprio discorso di scuse. Ci sono 4 parti fondamentali. La prima deve essere incentrata sul riconoscimento del danno, sull identità di chi ha causato il danno, i particolari del danno e l affermazione che il comportamento seguito è stato inaccettabile. La seconda parte della conversazione deve contemplare la spiegazione dei motivi che hanno causato il danno. Questa è una fase delicata in quanto le spiegazioni possono sia mitigare, sia aggravare la posizione del medico. A volte dire non c è alcuna scusa per quello che è successo oppure stiamo indagando per capire cosa è successo possono essere sicuramente le parole più oneste e dignitose. Nella terza ipotetica parte di un discorso di scuse è necessario esprimere rimorso, vergogna e umiltà. Il rimorso è un senso profondo di rammarico. La vergogna è l emozione Evidenze dimostrano che l ammissione del danno e le conseguenti scuse non fanno che rafforzare il rapporto medicopaziente, riducendo le richieste di risarcimento. Pagina 2

3 legata al fatto di non essere stato capace di rispettare i propri standard di performance. Umiltà è lo stato dell essere umile non arrogante. La mancanza di rimorso e vergogna, nonché l arroganza, non fanno altro che aumentare ancor di più la pretesa di scuse da parte dei pazienti e dei familiari. La quarta parte di un discorso di scuse deve far riferimento al risarcimento, che può variare da una riprogrammazione a breve di un appuntamento, all eliminazione delle spese a carico del paziente. Non è necessario che un discorso efficace contenga le quattro parti, tuttavia, quando le scuse non sono efficaci, significa che c è stato un errore nella formulazione del discorso. La sincerità e il timing sono anch esse fondamentali. Scuse non tempestive o poco sincere possono peggiorare la situazione. In ogni caso l errore più comune è quello di non riconoscere la responsabilità del danno utilizzando ad esempio frasi generiche o compassionevoli. Evidenze dimostrano che l ammissione del danno e le conseguenti scuse non fanno che rafforzare il rapporto medico paziente, riducendo le richieste di risarcimento. E pertanto essenziale che i medici sviluppino abilità e principi etici da utilizzare nei rapporti con i pazienti e colleghi per fare in modo che un discorso di scuse sia realmente efficace. La decodifica del DNA del sistema di produzione Toyota per il miglioramento della pratica clinica Effectiveness of Toyota Process Redesign in Reducing Thyroid Gland Fine-Needle Aspiration Error S. S. Raab et al, American Journal of Clinical Pathology, 2006, 126: Toyota è una delle aziende più rinomate al mondo, al centro dell'attenzione di giornalisti, ricercatori e manager per il suo sistema di produzione, riferimento manageriale per la gestione delle organizzazioni. La ragione del successo risiede nella grande attenzione che Toyota dedica ai principi fondamentali della qualità piuttosto che a strumenti specifici e/o ai singoli processi. L aver costruito un sistema basato sui principi anziché su gli strumenti, consente all organizzazione di raggiungere importanti successi, evitando l adozione di un sistema di governo poco flessibile che lavora bene nel breve periodo ma che non resiste alla prova del tempo. In questi ultimi anni si è cercato di traslare il sistema di produzione Toyota anche alle organizzazioni sanitarie, ottenendo importanti miglioramenti nella gestione amministrativa e del personale, migliorando la qualità delle cure erogate, fornendo in generale un servizio più efficiente ed efficace. L obiettivo dell articolo è dimostrare che la reinge- gnerizzazione di processo, attraverso i paradigmi del sistema di produzione Toyota, ha provocato una riduzione di errori diagnostici per i pazienti soggetti a valutazione citologica dei noduli tiroidei. L applicazione del sistema di produzione Toyota ad un sistema diagnostico è particolarmente agevole in quanto si focalizza sulla q u a l i t à d e l prodotto (campione e diagnosi). Inoltre le fasi che compongono l implementazione di un test diagnostico sono assimilabili agli step che caratterizzano la realizzazione di un prodotto manifatturiero. I principi su cui si basa il sistema di produzione Toyota sono 4: 1) regole di processo. Il prodotto, l informazione, il servizio acquistano valore se il flusso operativo che li caratterizza risulta lineare senza loop e diramazioni. 2) regole di connessione. Il passaggio di consegne tra due persone deve essere codificato, ad una richiesta chiara e ben definita deve corrispondere una risposta appropriata. 3) regole di attività. l assegnazione dei compiti è ben definita sia per il contenuto, che per la sequenza delle operazioni. 4) regole di miglioramento. Un problema intercettato viene immediatamente risolto, rimuovendo le cause remote che lo hanno generato. In questo studio (2424 pazienti arruolati) è stata comparata la frequenza degli errori della diagnostica tramite aspirazione, prima e dopo l implementazione di un sistema di verifica. La riduzione degli errori è stata incentrata su due iniziative: l utilizzo di terminologia standardizzata e un servizio immediato di interpretazione dei risultati. I risultati indicano che il processo di analisi sistematica degli errori, l analisi delle cause remote, insieme con la reingegnerizzazione del processo ispirata al sistema di produzione Toyota, hanno migliorato sensibilmente la performance dell esame citologico con ago sottile, per l indagine dei noduli tiroidei con una riduzione sensibile dei falsi negativi (dal 41.8% al 19.1%) e di campioni non interpretabili. L applicazione del sistema di produzione Toyota ad un sistema diagnostico è particolarmente agevole in quanto si focalizza sulla qualità del prodotto. Pagina 3

4 Health care management Gestione della variabilità della domanda di accesso alle cure. Lezioni dal sistema Sanitario Nazionale Inglese Managing Variation in Demand: Lessons from the UK National Health Service P. Walley, Journal of Healthcare Management 51:5 September/October 2006 Il problema della formazione di code per l accesso alle cure sanitarie, sia di elezione che di emergenza, interessa da molto tempo il Regno Unito. Il Servizio Sanitario Nazionale (NHS) offre un primo esempio di sistema che ha sperimentato l impatto che la variabilità della domanda ha sui processi di cura e le conseguenze della mancata gestione della stessa. La formazione di code è frequente quando gli schemi di arrivo o i tempi di prestazione sono associati a elementi casuali. Spesso la loro formazione non è dovuta a un insufficienza nella capacità produttiva, ma alla mancata attenzione al fenomeno e a interventi di risposta inappropriati. Gli autori discutono le importanti lezioni che sono emerse da uno sperimentazione che aveva l obiettivo di gestire la variabilità della domanda nel NHS, coinvolgendo circa 200 ospedali dotati di pronto soccorso in Inghilterra. Durante il progetto i manager locali presentavano report mensili al team nazionale, in cui dettagliavano i miglioramenti osservati. Attraverso la sintesi nazionale dei dati sono state identificate alcune raccomandazioni per aiutare i manager a misurare, controllare e ridurre la variabilità della domanda e della capacità produttiva. Tra le raccomandazioni emerse si è evidenziata l opportunità di: 1-Comprendere realmente la domanda. Prima dell implementazione del programma si credeva che la domanda di cure fosse random e per questo non prevedibile. In realtà gli arrivi si concentrano in particolari ore del giorno e in particolari giorni della settimana, inoltre eventi climatici (come il freddo o il caldo eccessivo) o speciali (come feste pubbliche) influenzano gli schemi di arrivo. 2- Predisporre la capacità produttiva giusta. Ad esempio osservando la domanda nelle 24 ore si è osservato che i pazienti con malattie più gravi tendono ad arrivare con maggior regolarità durante le ore del giorno, con un autoambulanza, mentre di sera si osservano maggiormente arrivi di pazienti con leggeri shock. Predisporre una capacità produttiva sovrabbondante potrebbe essere un modo per far fronte alle punte di domanda. 3- Pianificare processi che riescano ad assorbire la domanda. Potrebbe essere utile introdurre un modello di trattamento See and Treat per pazienti che presentano infortuni minori, senza farli passare dal triage, predisponendo un team che si occupa solo di tali pazienti. In questo modo si ridurrebbero le code, a volte lunghissime, dei pazienti con codici non urgenti. Programmi di hospitalist efficaci per ridurre i costi degli ospedali Hospital embrace hospitalist concept to streamline patient flow, reduce costs R. Greeno, Managed Health Care Executive April 2006 In un sistema come quello statunitense, dove i medici sono per lo più consulenti esterni delle strutture ospedaliere, si è sentito il bisogno di introdurre la nuova figura dell hospitalist, medico dipendente dell ospedale, con il compito di coordinare sia le attività dei diversi specialisti consulenti sia le informazioni da veicolare al paziente. Un programma di hospitalist ben strutturato può favorire l impiego di pratiche cliniche migliori e il raggiungimento di obiettivi di pay for performance, di conseguenza, ridurre i costi per singolo caso e i tempi di ricovero. Secondo due studi pubblicati nel 2002 negli Annals of Internal Medicine, i pazienti seguiti da hospitalist hanno comportato costi minori, ricoveri più brevi e risultati migliori, perfino tassi di sopravvivenza più alti. L introduzione di un team di hospitalist può essere per un ospedale la migliore strategia per realizzare obiettivi chiave: 1- Standardizzare la cura sulle basi dell Evidence Based Medicine. Quando prende decisioni sui trattamenti da eseguire sui pazienti, l hospitalist usa protocolli clinici standardizzati e linee guida di best practice, e lo fa durante tutto il periodo di ricovero. Attraverso dispositivi tascabili può accedere alle linee guida in tempo reale e seguire tempestivamente le indicazioni necessarie. 2-Assicurare continuità delle cure. L hospitalist è l anello di congiunzione tra il paziente e il suo team di cura, dal momento del ricovero fino alle dimissioni e oltre. Assicura la continuità nella cura, in quanto comunica sia con le famiglie che con i clinici, e contribuisce ad un percorso di cura armonico e continuo, senza ritardi. 3-Raggiungere obiettivi di pay for performance. Standardizzando le cure e migliorando gli outcome del paziente, l hospitalist fa sì che l ospedale possa qualificarsi per ottenere bonus pay for performan- ce dalle assicurazioni. Un programma di hospitalist efficace dispone di sistemi di monitoraggio facilmente interrogabili ed accessibili. 4- Migliorare la qualità e i costi. Le skill acquisite durante un costante presidio dell ospedale, fanno dell hospitalist un esperto in grado di decidere la cura più efficace nel minor tempo possibile. Ne scaturisce un più rapido processo decisionale, migliori risultati nelle cure, ricoveri più brevi e riammissioni meno frequenti. Gli ospedali americani stanno abbracciando l hospitalist come un modo per ottimizzare il flusso dei pazienti, aumentare la sicurezza e ridurre i costi. Pagina 4

5 Health policy and public health Costi e benefici della regolamentazione per i nuovi farmaci: verso un punto di equilibrio The cost and benefits of regulation for reimbursement of new drugs J. Lundkvist et al., Health Policy 79 (2006) Una regolamentazione più severa del pricing e delle procedure di rimborso dei farmaci compaorta sia costi che benefici. Uno dei costi potenziali è il ritardo con cui il farmaco oggetto di decisione viene introdotto sul mercato. Obiettivo dello studio che presentiamo è discutere e analizzare il time lag tra il momento dell autorizzazione ed il momento del rimborso dei nuovi farmaci in Svezia ed in Finlandia. La ricerca si basa su un campione di 242 farmaci autorizzati dalle istituzioni di regolamentazione in Svezia ed in Finlandia fra gennaio 1995 e aprile I dati raccolti hanno riguardato le date di autorizzazione, le caratteristiche delle compagnie produttrici, i requisiti di valutazione economica richiesti dalle autorità competenti, la classificazione anatomica e terapeutica, il valore terapeutico e i dati di vendita. Si è ipotizzata la possibilità che il time lag dipenda dall utilizzo di linee guida più stringenti sui requisiti di costo-efficacia per il rimborso. Dei 242 farmaci 138 sono stati rimborsati in Svezia e i rimanenti 104 in Finlandia. La media totale del time lag si aggira intorno a 175 giorni, 114 in Svezia e 256 in Finlandia. Un modello di regressione ha mostrato come farmaci a basso potenziale di vendita presentano un time lag maggiore, mentre i time lag più brevi sono associati ai farmaci provenienti da compagnie con alte capacità di introduzione di nuovi farmaci sul mercato. Inoltre, la richiesta di evidenze sul rapporto costoefficacia, allunga i tempi fra autorizzazione e rimborso. Questo studio dimostra come il time lag fra autorizzazione e rimborso sia significativo in entrambi i paesi. L evidenza secondo cui i requisiti di costo-efficacia influenzino significativamente i tempi per il rimborso, fa riflettere sulla necessità di una regolamentazione equilibrata, che sia in grado di minimizzare i costi e massimizzare i benefici. L evidenza secondo cui i requisiti di costo-efficacia influenzino significativamente i tempi per il rimborso, fa riflettere sulla necessità di una regolamentazione equilibrata, che sia in grado di minimizzare i costi e massimizzare i benefici. Le politiche per la vaccinazione antinfluenzale hanno il sostegno dell evidenza? Influenza vaccination: policy versus evidence T. Jefferson, BMJ Oct 28;333(7574):912-5 Ogni anno si ripropone il quesito se sia opportuno o meno incentivare le politiche a favore della vaccinazione antinfluenzale. Nel tempo sono state definite delle classi di popolazione ad alto rischio, sostanzialmente anziani, bambini e alcune categorie di professionisti, ma ancora non è chiara la misura del beneficio che questi traggono dalla vaccinazione. L autore riporta una serie di informazioni raccolte dalla letteratura, che mostra l estrema varietà di dati presentati sul tema. In particolare, a prestar fede alle ottimistiche previsioni del WHO, sembra che nelle persone anziane il vaccino possa abbassare del 75/80% il rischio di malattia e di morte. Ma l analisi di Jefferson propone una serie di riflessioni che sembrano indicare la necessità di rivedere molto al ribasso tali stime, per diverse ragioni. In primo luogo spesso le fonti sono studi singoli di breve periodo che esaminano gli effetti di uno specifico vaccino su un unico ceppo virale, mentre dovrebbero essere studi pluriennali e con stratificazioni della popolazione sulla base del differente profilo di rischio. La maggior parte degli studi poi non presenta nessun tipo di randomizzazione e gli outcome sono misurati solo in alcuni aspetti (solitamente solo il numero di persone colpite da influenza). Un ulteriore limite è che quasi mai questi studi includono dati sulla safety del vaccino. L autore ipotizza che questo gap tra policy ed evidenza sia dovuto a diversi fattori: intanto l estrema confusione tra il concetto di influenza e quello di malattie con sintomi influenzali, che porta a sopravvalutare sia l incidenza,sia l efficacia dei vaccini, poi la frequente fret- ta di decidere da parte dei decision maker, con il rischio di effettuare scelte poco fondate; investire risorse in maniera non ottimale trascurando l impiego di risorse laddove l evidenza di efficacia è già consolidata, disincentivando spesso la realizzazione di ulteriori studi. L autore conclude citando una massima del 1972 di Archie Cochrane secondo cui dovremmo usare solo ciò che abbiamo testato e trovato rispondente ai nostri obiettivi: il messaggio sembra ancora valido. Pagina 5

6 Evidence based medicine Curarsi o farsi curare: un'analisi di costo-efficacia Is self-care a cost-effective use of resources? Evidence from a randomized trial in inflammatory bowel disease G. Richardson, Journal of Health Service Research Policy, 11 (4): I ricoveri ospedalieri per le malattie croniche possono essere ridotti attraverso un adeguato programma di selfmanagement. Pazienti sufficientemente informati circa il possibile decorso della loro malattia possono raggiungere un grado di consapevolezza tale da potersi rivolgere in modo autonomo ed appropriato allo specialista che li segue, evitando così inutili allarmismi e ricoveri. Avendo rinvenuto un vuoto di evidenza scientifica, un gruppo di studiosi inglesi ha condotto uno studio costeffectiveness per le malattie infiammatorie Ibd (Inflammatory Bowel Disease), le quali sono caratterizzate da una infiammazione cronica o ulcerazione dell intestino. E il caso della colite ulcerosa e della malattia di Crohn. L analisi economica si è basata su un trial randomizzato a livello di ospedale. 19 ospedali con dipartimenti di gastroenteorologia sono stati assegnati al gruppo tradizionale o al gruppo di self-management. Ai pazienti facenti riferimento agli ospedali del gruppo di selfmanagement è stata consegnata una guida evidence-based con tutte le indicazioni per gestire nel modo più autonomo possibile la propria patologia. Lo studio ha coinvolto complessivamente 651 pazienti per i quali si sono raccolti dati clinici e di costo anche tramite questionari e diari in un arco di tempo di 12 mesi. Lo studio dimostra che tra i due approcci, tradizionale e selfmanagement, non ci sono significative variazioni in termini di stato di salute del paziente. La differenza sostanziale si ha nei costi. Dall analisi di sensibilità risulta che l approccio del selfmanagement ha una probabilità del 83.4% di essere cost-saving e di essere cost-effective, ad un valore soglia per QALY di , dell 81.9%. Inoltre, l approccio tradizionale ha un costo incrementale per QALYs di , nonostante il costo addizionale per paziente sia solo di 9. Gli autori sottolineano la necessità di indagare come a livello territoriale la rete dei servizi disponibile possa effettivamente far fronte alla diffusione dell approccio basato sul self-management. Dibattito intorno alle meta-analisi Cochrane e dell industria Cohrane reviews compared with industry supported meta-analyses and other metaanalyses of the same drugs: systematic review A. W. Jørgensen, et al. British Medical Journal, October 2006; 333: Il British Medical Journal (BMJ) ha pubblicato recentemente uno studio che metteva a confronto i risultati di alcune selezionate meta-analisi condotte dalla Cochrane e di analoghi studi realizzati da parte dell industria. Le conclusioni erano a sfavore dell industria, data la minore trasparenza nella comunicazione dei risultati e il minor rigore metodologico. L aspetto più significativo è stato il dibattito online che ne è seguito. Per i lettori il punto critico non è rappresentato da chi conduce la meta-analisi, ma dal rigore metodologico della stessa. Inoltre, è stato fatto notare come la comunicazione dei risultati sia legata anche alle esigenze editoriali delle riviste scientifiche che pubblicano gli studi. Ad esempio, il dibattuto caso della meta-analisi condotta dalla Merck nel 2001 su rofecoxib è incentrato sul paper pubblicato dal BMJ, il quale rappresenta una versione ridotta del report finale. Versione che risente delle decisioni degli editori del BMJ di eliminare dei paragrafici relativi alle limitazioni dello studio. I lettori difendono anche il caso rofecoxib in quanto lo studio rappresentò una collaborazione sperimentale tra l industria e l università. La Merck fornì i dati di dettaglio dei trial, mentre l università predispose il protocollo, effettuò l estrazione dei dati, la loro analisi e fornì l interpretazione dei risultati. I lettori sono critici anche verso i lavori della Cochrane. E stato citato uno studio del 2006 da cui risulta come una meta-analisi della Cochrane sulla terapia laser dell osteoartrite non avesse selezionato tutti gli studi rilevanti e avesse trascurato l analisi per sottogruppi. In conclusione, qualora si voglia effettuare una lettura critica di un articolo, l attenzione non deve tanto essere focalizzata tanto su chi conduce l analisi, ma deve spostarsi sulla metodologia e la completezza dei dati e dei risultati. È necessario sottolineare le limitazioni dello studio. Infatti oltre a ciò che dice lo studio, bisognerebbe essere coscienti di ciò che non dice. Pagina 6

7 Focus: le tecnologie del futuro Neuroradiologia.Visualizzazione a tensore di diffusione Diffusion Tensor Imaging Emily Singer. Ten Emerging Technologies A partire dal mese di giugno e ancora nel prossimo numero, La Newsletter UVT proporrà un approfondimento dedicato a tecnologie del futuro ancora in via di sviluppo ma destinate ad avere un impatto significativo sulla medicina del prossimo decennio. Nei prossimi numeri verranno trattati temi come la riprogrammazione nucleare, la visualizzazione a tensore di diffusione e la nanobiomeccanica. Kelvin Lim si serve di una nuova tecnica di visualizzazione cerebrale per studiare la schizofrenia. Un neurologo o uno psichiatra avrebbero qualche difficoltà a individuare, in una serie di radiografie del cervello, quella appartenente a uno schizofrenico. Sebbene questo tipo di pazienti soffra di gravi problemi mentali - conversazioni allucinate e immaginari complotti sono tra i sintomi più noti - il loro cervello ha un aspetto più o meno normale. Questa contraddizione ha sempre affascinato Kelvin Lim, neuroscienziato e psichiatra della Medical School della Università del Minnesota, dove lo studioso ha iniziato a impiegare tecniche di visualizzazione come la risonanza magnetica nucleare (RNM) per analizzare il cervello schizofrenico nei primi anni Lim ha individuato minuti indizi di una struttura cerebrale modificata, ma per capire come questi problemi possano condurre ai sintomi della schizofrenia, era necessaria un indagine più approfondita della neuroanatomia dei pazienti rispetto a quanto potevano garantire le normali scansioni. Poi, nel 1996, un collega gli parlò della visualizzazione a tensore di diffusione (DTI, diffusion tensor imaging), una variante della RMN di recente invenzione, che per la prima volta consentiva agli scienziati di studiare i collegamenti tra le varie aree del cervello. Da allora Lim è stato uno dei pionieri dell impiego della DTI per lo studio delle malattie psichiatriche. È stato uno dei primi a servirsi di questa tecnologia per scoprire minuscole aberrazioni strutturali nel cervello degli schizofrenici. Recentemente il suo gruppo ha scoperto che i problemi cognitivi e mnemonici associati alla schizofrenia, due aspetti importanti ma sottovalutati nel trattamento della malattia, sono collegati a difetti nelle fibre nervose prossime all ippocampo, un area del cervello fondamentale per l apprendimento e la memoria. Le normali tecniche di visualizzazione, come la RMN strutturale, mostrano le principali caratteristiche anatomiche del cervello: la materia grigia, costituita dai corpi delle cellule nervose. Ma i neuroscienziati ritengono che alcune patologie possono essere radicate a circoscritte problematiche di circuiteria riguardanti gli assoni, le lunghe e sottili code dei neuroni su cui viaggiano i segnali elettrici e che costituiscano la materia bianca del cervello. Con la DTI i ricercatori possono, per la prima volta, osservare i complessi reticoli di fibre nervose che collegano le diverse parti del cervello. Lim e i suoi colleghi sperano che questa visuale più acuta possa aiutarli a definire meglio le malattie neurologiche e psichiatriche, dando così luogo a terapie più mirate. Nella DTI, i radiologi utilizzano specifiche frequenze radio e campi magnetici impulsivi per seguire il movimento delle molecole d acqua nel cervello. Nella maggior parte del tessuto cerebrale, le molecole d acqua si diffondono in ogni possibile direzione. Ma tendono a farlo longitudinalmente agli assoni, il cui rivestimento di mielina, una sostanza bianca e grassa, intrappola l acqua. Gli scienziati possono ricreare l immagine degli assoni, analizzando la direzione dell acqua che si diffonde in questo modo. Seguendo le orme di Lim, altri neuroscienziati hanno iniziato a servirsi della DTI per studiare una varietà di patologie, comprese la dipendenza da droghe, l epilessia, le ferite traumatiche cerebrali e alcune malattie degenerative. Per esempio, gli studi basati sulla DTI rivelano che l alcolismo cronico degrada le connessioni in materia bianca nel cervello, fatto che potrebbe spiegare le difficoltà cognitive riscontrate in chi beve troppo. Altri progetti DTI comprendono l analisi di come le cicatrici neurologiche, che restano dopo gli ictus, la sclerosi multipla e la sclerosi laterale a- miotrofica (meglio conosciuta come morbo di Lou Gehrig) sono collegate alle disabilità nei pazienti. Per svelare i misteri delle alterazioni neurologiche e psichiatriche Lim sta ulteriormente estendendo i limiti della tecnologia combinandola con le sue scoperte in altri campi, come la genetica. La sua equipe ha per esempio scoperto che gli individui sani, ma esposti a rischio genetico di sviluppare il morbo di Alzheimer, mostrano piccolissimi difetti strutturali in specifiche parti del cervello che non sono condivisi con i non portatori. Come tali difetti possano essere collegati ai problemi neurologici dell Alzheimer non è ancora chiaro, ma i ricercatori tentano di individuare il legame. Lim e colleghi continuano inoltre ad affinare la stessa DTI, cercando di ottenere immagini sempre più ravvicinate della microarchitettura cerebrale. Per esempio, le attuali tecniche possono rappresentare con una certa facilità le aree del cervello con grandi fasci di fibre che vanno tutte nella stessa direzione, come il corpo calloso che collega tra loro i due emisferi cerebrali, ma hanno parecchi problemi quando si tratta di aree come quella in cui le fibre lasciano il corpo calloso per andare verso altre parti dell encefalo, che appare come un groviglio di fili. I ricercatori sperano che gli strumenti per lo studio della materia bianca, come appunto la DTI, li aiuteranno a svelare i misteri dei cervelli sani o malati. Lim è convinto che le ricerche da lui condotte sulla schizofrenia e l Alzheimer possano portare nel giro di 10 o 20 anni a test diagnostici più efficaci e a dare nuova speranza alla prossima generazione di pazienti. Pagina 7

8 La nostra redazione: Dott.ssa Mirella Corio, Dott.ssa Rossella Di Bidino, Ing. Alberto Fiore, Dott.ssa Carmen Furno, Ing. Lorenzo Leogrande, Dott. Marco Oradei, Dott.ssa Amelia Pandi, Dott. Matteo Ruggeri. Grafica: Dott.ssa Amelia Pandi Coordinamento: Dott. Marco Marchetti Prof. Americo Cicchetti Comitato Scientifico: Prof. Cesare Catananti,, UCSC Prof. Gualtiero Ricciardi, Istituto di Igiene, UCSC Prof. Renaldo Battista, Université de Montréal, Montréal, CA Prof. Alicia Granados, Universitat de Barcelona, ES UNITA' DI VALUTAZIONE DELLE TECNOLOGIE DIREZIONE SANITARIA POLICLINICO UNIVERSITARIO "A. GEMELLI" UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE L.go A. Gemelli, Roma, Italia Tel Fax:

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Piano degli studi Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello

Dettagli

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE Lo screening e il trattamento della depressione. Quali sono le strategie più convenienti? Recentemente, due articoli e un editoriale sono apparsi sul British Medical Journal per discutere dei programmi

Dettagli

Health Technology Assessment

Health Technology Assessment Health Technology Assessment Strumento strategico per la valutazione delle Tecnologie Sanitarie 1 Tecnologia e Sanita Lo sviluppo di spazi e strutture a supporto dei percorsi assistenziali deve tenere

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare NOTIZIARIO DI MEDICINA NUCLEARE ED IMAGING MOLECOLARE 12 dicembre 2011 Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare Cosa sono le Revisioni Sistematiche e le Meta- Analisi?

Dettagli

Il malato complesso: possibili modelli di management

Il malato complesso: possibili modelli di management Il malato complesso: possibili modelli di management Walter Ricciardi, Maria Lucia Specchia Istituto di Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore Agenda La gestione del malato complesso Gli

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

Analisi costo-efficacia (CEA)

Analisi costo-efficacia (CEA) Analisi costo-efficacia (CEA) 37 Analisi costo-efficacia (CEA) ASPETTI FONDAMENTALI È una tecnica di analisi completa che permette di confrontare programmi ed interventi sanitari alternativi, che producono

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011 Diagnostica per immagini e Radioterapia nel 2011: Fare sistema L amministrazione dei sistemi complessi di diagnostica per immagini nei contesti aggiornati e le nuove tecnologie Mirco Magnani Modelli di

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema HEALTH NEEDS ASSESSMENT Sintesi di una selezione di articoli sul tema 1 INDICE 1. Wright J, Williams R, Wikinson JR Development and importance of health needs assessment, BMJ 1998; 316: 1310-1313 (25 April)

Dettagli

Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria

Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria settembre 2004 Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria G Franco 10 Orientamenti della Regione Emilia- Romagna sulla sorveglianza sanitaria dei lavoratori Appropriatezza dell intervento

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE

IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE Manuela Brusoni Versione italiana a cura di Lisa Cosmi Copyright 2006 SDA Bocconi, Milano Caso Manuela Brusoni Lisa Cosmi IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ

Dettagli

HTA & Sostenibilità del Sistema sanitario

HTA & Sostenibilità del Sistema sanitario HTA & Sostenibilità del Sistema sanitario L esperienza in Ires Piemonte Torino, 17 Aprile 2015 Chiara Rivoiro Valeria Romano Il primo passo: PSSR 2007-2010 Riteniamo che le funzioni di un moderno technology

Dettagli

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi a cura di Pompeo Pindozzi La malattia di Alzheimer: COS E IL PROGETTO CRONOS LA RETE ASSISTENZIALE DEL PROGETTO CRONOS: OPERATORI E STRUTTURE COINVOLTE Il progetto cronos è il più ampio studio clinico-epidemiologico

Dettagli

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario FLAVIA CARETTA Dipartimento

Dettagli

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari 38 giugno 2015 corso di perfezionamento in HTA ISSN 2038-4238 Mensile - Anno VII - Poste Italiane S.p.A. Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 Comma 1 - DCB Roma contiene

Dettagli

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Il concetto di market access ed i suoi quattro elementi base Il ruolo dell Health Technology Assessmemt

Dettagli

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015 Agenzia sanitaria e sociale regionale Biblioteca Periodici in nel 2015 PERIODICI ITALIANI Adverse drug reaction bullettin (ed. italiana) 1978 Carta e online Ambiente e sicurezza sul lavoro 1995 Carta e

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO in collaborazione con ALTEMS Alta Scuola di Economia e Management Sanitario INTRODUZIONE ALL HTA. COME FARNE UNO STRUMENTO OPERATIVO: DALL

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura del Laboratorio HTA della SIFO HTA PER LA VALUTAZIONE DEI FARMACI Codice 313-122539 Verona, c/o Centro Culturale Marani 8 maggio 2015 Con il patrocinio di Sihta

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli

I conflitti di interesse delle associazioni. Cinzia Colombo IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

I conflitti di interesse delle associazioni. Cinzia Colombo IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri I conflitti di interesse delle associazioni Cinzia Colombo IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri I conflitti di interesse delle associazioni di pazienti Cinzia Colombo IRCCS - Istituto

Dettagli

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici XXV GIORNATE CARDIOLOGICHE TORINESI ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS and GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici Patrizia Massariello 28 settembre

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA?

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Convegno La cura alla fine della vita Brescia 20 febbraio 2010 QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Flavia Caretta Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica del

Dettagli

Master Universitario di II Livello in

Master Universitario di II Livello in Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Anno Accademico 2009-2010 Master Universitario di II Livello 1 Presentazione

Dettagli

Convegno di studio su Privacy e Telemedicina

Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario App mediche: gadget elettronici o dispositivi medici? Criticità

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate

Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate Intervista a 1 e 2 Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate nel cancro al colon retto Abstract Il Cancro Colon Rettale (CCR) rappresenta uno dei tumori più diffusi e aggressivi. I nuovi farmaci

Dettagli

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari Gabriella Serio Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP SONO UNO STANDARD IN BASE AL QUALE GLI STUDI CLINICI SONO

Dettagli

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA 1. Definizione di Health Technology Assessment (HTA). L HTA si basa su attività scientifiche multidisciplinari rivolte alla continua

Dettagli

IL PERCORSO CLINICO ASSISTENZIALE

IL PERCORSO CLINICO ASSISTENZIALE IL PERCORSO CLINICO ASSISTENZIALE Pubblicato sulla Rivista Scienza della Riabilitazione Vol. 11,N 1-2 Gennaio-Giugno 2010 ISSN 1590-6647 a cura della Dott.ssa Alessandra Minardi P.O.Percorsi Assistenziali

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA

LA VALUTAZIONE ECONOMICA LA VALUTAZIONE ECONOMICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Introdurre il concetto di valutazione economica Definire le principali caratteristiche di una corretta analisi economica Acquisire le conoscenze delle

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Definire il ruolo dell epidemiologia nella valutazione dei bisogni sanitari e nell allocazione delle risorse Acquisire le conoscenze sulle principali

Dettagli

Semantica e tassonomia del risk management:

Semantica e tassonomia del risk management: Il risk management nelle attività del territorio Semantica e tassonomia del risk management: la gestione del rischio nei servizi sanitari di base Dott.ssa Simona Amato 22 maggio 2013 Errare humanum est,

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA)

BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA) BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA) Premessa L Health Tecnology Assessment è la complessiva e sistematica valutazione multidisciplinare (descrizione,

Dettagli

Linking hospital payment to innovation and value. Giuditta Callea and Aleksandra Torbica

Linking hospital payment to innovation and value. Giuditta Callea and Aleksandra Torbica Linking hospital payment to innovation and value Giuditta Callea and Aleksandra Torbica XVII Convegno Nazionale AIES Roma, 15-16 novembre 2012 Background Il sistema di rimborso degli ospedali è un fattore

Dettagli

L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana. Lorenzo Leogrande Presidente AIIC

L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana. Lorenzo Leogrande Presidente AIIC L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana Lorenzo Leogrande Presidente AIIC 1 L AIIC ASSOCIAZIONE ITALIANA INGEGNERI CLINICI Fondata nel 1993 MISSION: Promuovere l'ingegnere Clinico e l'ingegneria Clinica

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Aggiornare la cassetta degli strumenti a disposizione, allineando competenze e metodi di lavoro alle best practice internazionali. Il Risk Manager e il

Dettagli

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8 INDICE 1. Scopo 2. Campo applicazione 3. Modalità applicative e Responsabilità 4. Bibliografia e Webgrafia 6. Distribuzione ALLEGATO A rev. Data Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura

L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura www.fondazioneistud.it L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura 12 maggio 2011 Maria Giulia Marini Fondazione ISTUD La sfida per i servizi sanitari

Dettagli

1st page. Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica

1st page. Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica 1st page Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica 1 2nd page Le tecniche di produzione di immagini aiutano i medici a vedere

Dettagli

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie: Esperienze a confronto Venezia 23 Febbraio 2009 Giovanna Scroccaro Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie:

Dettagli

Specificare quale ospedale, dipartimento e/o soggetti inoltrano la proposta

Specificare quale ospedale, dipartimento e/o soggetti inoltrano la proposta 1. Chi è il proponente? - l ospedale - il dipartimento - un singolo soggetto Specificare quale ospedale, dipartimento e/o soggetti inoltrano la proposta 2. Chi sono i soggetti coinvolti nella proposta?

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it STUDI EPIDEMIOLOGICI Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA Studi sulla distribuzione di malattie nella popolazione in esame Tempo, luogo, persone affette da malattie

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Introduzione Il lavoro è proseguito con l indicazione di una Esistono diverse Linee Guida che prendono serie di premesse che preludono alle

Dettagli

Analisi costo- utilità ACU

Analisi costo- utilità ACU Analisi costo- utilità ACU Dott.ssa Letizia Orzella Servizio Attività Specialistica e Territoriale - ASP Indice Che cosa è Perché è stata sviluppata A cosa serve Quando si deve utilizzare Quando NON si

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Realizzato da: Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano Istituto Superiore di Sanità Che cos è un tumore?

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Docenti: Dott. Michele Coluccini m.coluccini@inpe.pisa.it

Docenti: Dott. Michele Coluccini m.coluccini@inpe.pisa.it 1 Corso Teorico Pratico: Il Laboratorio di Biomeccanica Posturale KISS- Health: Le nuove tecnologie per analizzare il movimento del corpo nella pratica clinica 20-21 Marzo 2015 Ex Convento dei Cappuccini,

Dettagli

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma DEA sistema ad alto rischio 1 Elevatissimo numero di transazioni (relazionali,

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 REGIONE VENETO Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 TITOLO DEL PROGETTO Elaborazione di un protocollo condiviso di gestione dei pazienti esterni con dolore toracico in regime di consulenza cardiologica

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta LA FONDAZIONE La Fondazione L Istituto Neurologico Carlo Besta, fondato nel 1918 e classificato dal 1981 come Istituto di Ricerca e

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Problematiche degli Eventi Avversi Silvana Romano Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Particolare attenzione Ambienti Attrezzature Formazione del personale Le Aziende Sanitarie Programmi di

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

CAPITOLO 3. Sabina Nuti*

CAPITOLO 3. Sabina Nuti* CAPITOLO 3 FIDUCIA E TRASPARENZA NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Sabina Nuti* Il tema della fiducia dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione ed in particolare del sistema sanitario pubblico,

Dettagli

L evoluzione dell associazionismo di cittadini e pazienti

L evoluzione dell associazionismo di cittadini e pazienti L evoluzione dell associazionismo di cittadini e pazienti Paola Mosconi Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Istituto Mario Negri Pistoia Percorso «Conoscere per scegliere»

Dettagli

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità

Dettagli

MSKQ2014 - Versione B

MSKQ2014 - Versione B MSKQ2014 - Versione B 2014/B Edizione Originale Italiana MSKQ Versione B: Copyright 2009 - Alessandra Solari, Fondazione IRCCS Istituto Neurologico C. Besta, Via Celoria 11, 20133 Milano solari@istituto-besta.it

Dettagli

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Giuditta Callea Cergas Università Bocconi La ricerca Impatto del sistema di

Dettagli

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord PREMESSA Il quadro economico, sociale e demografico attuale è caratterizzato in maniera oramai strutturale

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

WEB BABEL SYNDROME E SECONDO PARERE

WEB BABEL SYNDROME E SECONDO PARERE Università di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di chirurgia generale WEB BABEL SYNDROME E SECONDO PARERE Prof. Beniamino Palmieri Dr Tommaso Iannitti Dr Valentina Rottigni Web Babel Syndrome E la ricerca

Dettagli

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10.

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10. Il Mulino - Rivisteweb Marco Trabucchi Editoriale (doi: 10.1450/75605) Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013 Copyright c by Società editrice il Mulino, Bologna. Tutti i diritti

Dettagli

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Gli stakeholder SONO I PORTATORI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DELL AZIENDA (che sono quindi

Dettagli

Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche

Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche www.aggm.it Agenzia Giornalistica Global Media Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche A Napoli il Congresso mondiale della Società Internazionale

Dettagli

Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute

Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute Roma, 7-8 giugno 2007 Conferenza nazionale sui dispositivi medici Attualità e prospettive Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute Dott. Filippo Palumbo D.G. Programmazione Sanitaria Ministero

Dettagli

Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget

Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget 1. Il nuovo sistema di budget consente al manager di focalizzarsi sulle aeree che richiedono attenzione. La mensilizzazione del budget consente ai

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004)

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) Ministero della Salute Commissione oncologica nazionale (D.M. 26.5.2004) MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) PER UN PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE Roma, ottobre 2006

Dettagli