Casa di Cura "Città di Aprilia"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Casa di Cura "Città di Aprilia""

Transcript

1 PATOLOGIE ACUTE MEDICO CHIRURGICHE un approccio evidence based per protocolli diagnostico terapeutici 1

2 INDICE 1. INSUFFICIENZARESPIRATORIAACUTA 2. ALCALOSIRESPIRATORIA 3. ACIDOSIRESPIRATORIA 4. ALCALOSIMETABOLICA 5. ACIDOSIMETABOLICA 6. PAZIENTEINSTATODIINCOSCIENZA 7. FIBRILLAZIONE ATRIALE 8. PERICARDITE 9. ARTERIOPATIACRONICA DEGLIARTI INFERIORI 10. STENOSICAROTIDEA 11. ANEMIA EMOLITICA 12. TROMBOFLEBITEDEGLIARTIINFERIORI 13. SINDROMENEFROSICA SINDROMENEFRITICA 14. MENINGITE 15. CIRROSIEPATICA 16. VARICIESOFAGEE 17. COLECISTITE 18. ASCESSI(INTRA)ADDOMINALI 19. PANCREATITEACUTA 20. POLMONITE ACQUISITAIN COMUNITÀ (COMMUNITY ACQUIREDPNEUMONIA,CAP 21. EMBOLIAPOLMONARE 22. INFARTODELMIOCARDIOSENZASOPRASLIVELLAMENTODELTRATTOST(NSTEMI) 23. INFARTOMIOCARDICOCONSOPRASLIVELLAMENTODELTRATTOST (STEMI) 24. IPERTENSIONE PORTALE 25. INTERVENTOCHIRURGICOINPAZIENTI CONRECENTEANGIOPLASTICAEINTRATTAMENTOCON TERAPIAANTIAGGREGANTE 2

3 INSUFFICIENZARESPIRATORIAACUTA 3

4 CRITERIPERDEFINIRE LINSUFFICIENZA RESPIRATORIA(IR) 1 IR di tipo 1, ipossiemica: PaO2 3DS (deviazioni standard) sotto il livello normale aggiustatoper letà: PaO2 =109 mmhg 0,43 xetà (anni) oppure PaO2=106,603 mmhg 0,2447xetà (anni) ±7,31 (SEE) PaO2 standard (valoredella PaO2 correttaper il grado di iperventilazione) =1,66x PaCO2+PaO2 66,4(quandoPaCO2<40mmHg) IR di tipo2, ipossiemica eipercapnica: PaCO2 2DS sopra 40 mmhg, cioè >45 mmhg. Valori normali di PaCO2:maschi= 36,8 39,4 mmhg;femmine=35,5 38,1 mmhg EZIOLOGIA 2 IRditipo2(ipercapnica) o Bronchite cronica ed enfisema (BPCO) o Asmagrave o Overdosedistupefacenti o Avvelenamenti o Miastenia o Polineuropatia o Poliomielite o Disturbimuscolariprimari o Porfiria o Cordotomiacervicale o Lesionidelmidollospinaleedella testa o Ipoventilazione alveolare primaria o Sindrome di ipoventilazione da obesità o Edemapolmonare o Sindrome da distress respiratorio delladulto o Mixedema o Tetano IRditipo1(ipossiemica) o Bronchite cronica ed enfisema (BPCO) o Polmonite o Edemapolmonare o Fibrosipolmonare o Asma o Pneumotorace o Emboliapolmonare o Ipertensionearteriosapolmonare o Pneumoconiosio o Malattiepolmonarigranulomatose o Cardiopatiacongenitalcianotica o Bronchiectasia o Sindrome da distress respiratorio delladulto o Sindromelipido embolica o Cifoscoliosi o Obesità» ³ ¹¹ ± ¼ Ì» ¼ Ì» ²»² ª ¼ ³±² ± ¹¹ ± 4

5 DIAGNOSIDIFFERENZIALE 2 Ipertensionepolmonare,primaria Ipertensionepolmonare,secondario Ischemiamiocardica Malattiapolmonarerestrittiva Paralisidiaframmatica Pneumotorace Polmonare Polmoniteacquisitain comunità Polmonitedaaspirazione Polmonitebatterica Polmonitevirale Shockcardiogeno Shockvolemico Sindromedadistressrespiratorio Ventilazionemeccanica Ventilazionenoninvasiva Acidosirespiratoria Apnea notturna Asma Atelettasia Cardiomiopatiadilatativa Cardiomiopatiaipertrofica Cardiomiopatia,cardiopatiadiabetica Cianosi Cuorepolmonare Edemapolmonarecardiogeno Edemapolmonareneurogeno Enfisema Fibrosipolmonareidiopatica Fibrosipolmonareinterstiziale (nonidiopatica) Infartomiocardico CRITERIPERLADIAGNOSIDISINDROMEDA DISTRESSRESPIRATORIOACUTA 3 5 Presentazioneclinica tachipneaedispnea,crepitiisuauscultazione Ambito clinico insulto diretto (aspirazione) oprocesso sistemico che causa malattie polmonari(sepsi) Repertoradiologico allagamentoalveolarein3o4quadranti Meccanicapolmonare ridotta compliance(<40ml/cmdiacqua) Scambiogassoso ipossiaseverarefrattariaallaossigenoterapia(pao 2 /FIO 2 <200) Caratteristichevascolaripolmonarinormali pressionepolmonarecapillare<18mmhg 5

6 INQUADRAMENTODIAGNOSTICOESSENZIALE 2,6 Laboratorio *Emocromocompleto(anemia,policitemia) *Creatinina(monitoraggiocomplicanzerenali) *Transaminasi(monitoraggiocomplicanzeepatiche) *Potassio,magnesio,fosfati *CPK,TroponinaI(identificazionediinfartomiocardicorecente) *TSH(valutazionepossibileipotirodismo) Diagnosticaperimmagini Radiografiadeltorace *Evidenzadiaumentovolumetricodelcuore,ridistribuzionevascolare,cuffingperibronchiale, effusione pleurica, opacità "adali di pipistrello" insede perilare *Differenziazionetracausacardiogenaenoncardiogena Ecocardiografia *L'ecocardiografianondeveessereeffettuatadiroutineintuttiipazienticoninsufficienza respiratoria.tuttavia,sitrattadiuntestutilenelsospettodiunacausacardiaca *Ilriscontrodidilatazioneventricolaresinistra,anomaliedimovimentodellapareteregionalio globali, ograve insufficienzamitralica, è indicativodi edemapolmonare cardiogeno. *Unadimensionedelcuorenormaleenormalefunzionesistolicaediastolicainunpaziente con edemapolmonaresuggerisceunasindromedadistressrespiratorioacuto(ards). *L'ecocardiografiafornisceunastimadellafunzionedelventricolodestroedellapressione arteriosapolmonareneipazienticoninsufficienzarespiratoriaipercapnica Elettrocardiogramma *Effettuare unecgper valutare lapossibilità diuna IR a causacardiovascolare e per identificare disritmieconseguentiadipossiemiae/oacidosigrave. 6

7 GESTIONEDELPAZIENTECON INSUFFICIENZARESPIRATORIACRONICARIACUTIZZATA DEFINIZIONEDEI3LIVELLIDICURA* 1 7

8 2,6 11 TERAPIA Obiettivo della terapia: raggiungimento di una pressione capillare polmonare di mm Hg e di un indice cardiaco superiorea2,2l/min/m 2,mantenendo unaadeguatapressionearteriosaeperfusionedegliorgani. DIURETICI Furosemide pazienti sintomatici con scompenso cardiaco non già in trattamento con diuretici: mg ev pazienti già in trattamento con diuretici: mg ev pazienti i cui sintomi sono refrattari alla dose iniziale dopo 1 ora di somministrazione o cob significativa insufficienza renale: mg ev Dosi più alte e titolazione del dosaggio più rapido possono essere appropriati per i pazienti con distress respiratorio grave Metolazone 5-10 mg per os prima del ridosaggio della furosemide NITRATI Nitroglicerina Nitrospray: 1 puff (0.4 mg) equivalente a una singola SL 1/150; può essere ripetuta ogni 3-5 min se le condizioni emodinamiche lo permettono, senza superare 1.2 mg Pomata: applicare 1-cm di nitropasta alla parete toracica Infusione endovenosa: iniziare con 20 mcg/min ev e titolare fino al raggiungimento delleffetto con incrementi di 5-10 mcg ogni 3-5 min Nitroprussiato di sodio mcg/min ev; titolare fino ad un dosaggio efficace di mcg/min e fino al raggiungimento di una pressione sistolica 90 mmhg ANALGESICI Morfina solfato 2-5 mg ev ripetutti ogni min fino al raggiungimento di una frequenza respiratoria <20 atti/min o di una pressione sistolica <100 mmhg INOTROPI Dopamina 5 mcg/kg/min aumentati fino a 20 mcg/kg/min ev con incrementi progressivi di 5 mcg/kg/min Adrenalina mcg/kg/min ev aumentati in base alla risposta emodinamica; non superare i 10 mcg/kg/min Dobutamina 2.5 mcg/kg/min ev inizialmente; range terapeutico: mcg/kg/min BRONCODILATATORI Terbutalina 0.25 mg (0.25 cc alla concentrazione di 1 mg/ml) sc; non superare I 0.5 mg sc ogni 4 ore Albuterolo 5 mg/ml di soluzione per nebulizzazione, solitamente disciolta come cc in 2.5 cc di acqua e nebulizzata prn nel setting acuto Teofillina Concentrazione target: 10 mcg/ml Dosaggio = (concentrazione target livello corrente) x 0.5 (peso corporeo ideale); in alternativa, 1 mg/kg determina un aumento di circa 2 mcg/ml dei livelli sierici Ipratropio bromuro 0.5 mg mediante nebulizzatore CORTICOSTEROIDI Metilprednisolone Il dosaggio ottimale non è stabilito con certezza 125 mg ev ogni 6 ore somministrati nelle prime ore di terapia 8

9 CRITERIEINTERVENTIDITERAPIAINTENSIVAINTERMEDIARESPIRATORIA 1 CRITERIDIAMMISSIONEIN UNITÀ DI TERAPIAINTENSIVAINTERMEDIA RESPIRATORIA(UTIIR)OINRIANIMAZIONE 1 dispnea marcata che non risponde al trattamento farmacologico iniziale in reparto statoconfusionaleoletargia segni di sovraccarico ofatica dei muscoli respiratori (tachipnea, paradosso addominale) ipossia che persiste o si aggrava nonostante la somministrazione di O2; PaO/FiO2<300 acidosirespiratoriapersistenteoingravescenteconph<7,30 necessità immediatadiventilazionemeccanica CRITERIDIAMMISSIONEINRIANIMAZIONEGENERALE 1 1.coma,arrestorespiratorioe/ocardiaco 2.complicanzedidecorsopostoperatorio(emorragie,infezioni) 3.insufficienzamultipla dorgano (multipleorganfailure) 4.sindromedadistressrespiratorio delladulto (ARDS) 5.shock,sepsi,politrauma 6.graviprecedentineurologici(ictus,emorragiacerebrale) 9

10 VALUTAZIONEDELLA GRAVITÀ DELLARIACUTIZZAZIONE EINDICAZIONIALLAVENTILAZIONEMECCANICA 1 Indicazioni assolute alla ventilazione meccanica nellinsufficienza respiratoria acuta deterioramentodellostatodicoscienza arrestocardiacoorespiratorio esaurimentooestremafaticadeimuscolirespiratori fallimentodeltrattamentoconservativo GRAVITÀDELLINSUFFICIENZA RESPIRATORIA, LUOGODICURAETIPODIINTERVENTO 1 10

11 MONITORAGGIODELPAZIENTE 7,8 Monitoraggiocardiaco Pressionearteriosa Pulsossimetria SaO2 Capnometria Emogasanalisiarteriosa ogni min dopo listituzione della ventilazione meccanica CONDIZIONICHEPRECLUDONOLAVENTILAZIONEINMASCHERA 1 coma mancatacollaborazionedapartedelpaziente chirurgiaaddominalealta necessità di frequenti aspirazioni e lamancata protezione delle vie aeree edentuliae/ogravialterazionidelmassicciofacciale CONDIZIONIPERINIZIARELOSVEZZAMENTODALLAVENTILAZIONEMECCANICA 1 risoluzione della causache ha determinato listituzione della VM valutazione clinica delle modalità di respiro del paziente durante un tentativo di respirazione spontanea (impiego di muscoli accessori della respirazione, asincronia toracicoaddominaleorespiroparadosso) statodivigilanzaconservatoconbuonorientamentospaziotemporale riflessodellatosseeriflessofaringeointatti stabilità emodinamica temperaturacorporea <38 C livellodihb>10g/dl* bilancioidroelettroliticonormale non necessità di impiegare sostanze vasoattive e sedativi *IllivellodiHb è uncriterioancoracontroverso(boles2007) CRITERIDIDIMISSIONEDALLAUTIIR 1 completo oparziale svezzamento dalla ventilazione meccanica con buona autonomia respiratoria recuperodi autonomianella vita di relazione(alimentazione autonoma;non necessità di particolaresupportonutrizionale) condizionigeneralistabili chiusura(quando possibile)di uneventuale tracheotomia 11

12 CRITERIDIDIMISSIONE DALLOSPEDALE 1 terapiabroncodilatatriceinalatoriarichiestamenodi6voltealgiorno capacità delpazientedicamminarenellastanza capacità delpazientedinutrirsiedormiresenzagravedispnea controllodellaeventuale iperreattività bronchiale stabilità clinica anche senza terapia parenterale da almeno12 24 ore emoganalisi stabile da almeno ore pienacomprensionedella gestioneterapeutica domiciliareda partedelpaziente odichi seneprendecura avvenuta pianificazione del follow up edellassistenza domiciliare coinvolgimento consapevole del paziente, della famiglia edel medico di base nella terapiadomiciliare INDICAZIONIALLAVENTILAZIONEMECCANICADOPOLADIMISSIONE 1 paziente con respiro spontaneo gravemente compromesso: inadeguato drive respiratorio econseguente ipoventilazione centrale (emorragia cerebrale, ictus), grave insufficienzadeimuscoli (lesionidelmidollospinale,malattieneuromuscolariinfaseavanzata) pazienti con insufficienza respiratoria acuta dopo ripetuti tentativi di weaning: insufficienzarespiratoriapostoperatoria,insufficienzarespiratoriariacutizzata pazienti con insufficienza respiratoria cronica riacutizzata con indicazioni alla VMD: malattie neuromuscolari,patologiedellaparetetoracica,overlapsyndrome BIBLIOGRAFIA 1. Consiglio Sanitario RegioneToscana.SNLGRegioni.Linee guida sullinsufficienza respiratoria.agosto SpearmanCB,EganDF,EganJ. Fundamentalsofrespiratorytherapy.4 th ed.stlouis,mo:mosby; Bernard GR, Artigas A, Brigham KL, Carlet J, Falke K, Hudson L, Lamy M, Legall JR, Morris A, Spragg R. The American European Consensus Conference on ARDS. Definitions, mechanisms, relevant outcomes, and clinical trial coordination.am J Respir Crit Care Med.1994 Mar;149(3 Pt 1): Ware LB,Matthay MA. The acute respiratory distress syndrome. N Engl J Med.2000 May 4;342(18): Mortelliti MP, Manning HL. Acute respiratory distress syndrome. Am Fam Physician May 1;65(9): Guidelinesforstandardsofcareforpatientswithacute respiratoryfailureon mechanicalventilatory support. Task Force on Guidelines;Society of Critical Care Medicine.Crit Care Med.1991 Feb;19(2): Nee PA, Al Jubouri MA, Gray AJ, O'Donnell C, Strong D. Critical care in the emergency department: acute respiratoryfailure. EmergMedJ.2010Nov26.[Epubaheadofprint] 8. AndrewsP, Azoulay E,Antonelli M, etal. Year in review in intensive care medicine I.Acute respiratory failure and acute lung injury, ventilation, hemodynamics, education, renal failure. Intensive Care Med. Feb 2006;32(2): Albert RK, Martin TR, Lewis SW.Controlled clinical trial of methylprednisolone in patients with chronic bronchitis and acute respiratory insufficiency. AnnInternMed.Jun 1980;92(6): Connors AF Jr, Dawson NV, Thomas C, et al.outcomes following acute exacerbation of severe chronic obstructive lung disease. The SUPPORT investigators (Study to Understand Prognoses and Preferences for Outcomes and Risks of Treatments). AmJRespirCritCareMed.Oct 1996;154(4 Pt 1): SantacruzJF,Diaz GuzmanZavala E,Arroliga AC.Updatein ARDSmanagement:recentrandomizedcontrolled trialsthatchanged ourpractice. CleveClinJMed.Mar2006;73(3):217 9,223 5,229passim. 12

13 ALCALOSIRESPIRATORIA 13

14 VARIAZIONEATTESADELLACONCENTRAZIONEDIBICARBONATI 1 3 Alcalosi respiratoria Acuta: ibicarbonati (HCO3 )siriduconodi2meq/l per ciascunariduzionedi 10mmHgdellaPCO 2 ; HCO3=0.2( PCO 2 );compensazionemassima:hco3 =12 20mEq/L Alcalosirespiratoriacronica: ibicarbonati (HCO3 )siriduconodi5meq/lperciascunariduzionedi 10mmHgdellaPCO 2 ; HCO3=0.5( PCO2);compensazionemassima:HCO3 =12 20mEq/L VARIAZIONEATTESADELPH 1 3 Alcalosirespiratoriaacuta:0.008 X(40 PCO 2 ) Alcalosirespiratoriacronica:0.017X(40 PCO 2 ) EZIOLOGIA 2,3 Acidosimetabolica Alcalosimetabolica Asma Colpodicalore DisturbodiPanico Edemapolmonare,adaltaquota Edemapolmonare,cardiogeno FibrillazioneAtriale Fibrosipolmonareidiopatica Flutteratriale Traumacranico Infartomiocardico Ipertiroidismo Gravidanza Meningite Pneumotorace Polmonare Polmoniteacquisitain comunità Polmonitebatterica Polmonitevirale Sepsibatterica Tachicardiaatriale Tossicità da salicilati Tossicità da teofillina DIAGNOSIDIFFERENZIALE 2,3 Sistemanervosocentrale Dolore Sindromedaiperventilazione Ansia Psicosi Febbre Accidentecerebrovascolare Meningite Encefalite Tumore Trauma Ipossia Altaquota Anemiagrave Shunt destro sinistro Farmaci Progesterone Metilxantine Salicilati Catecolamine Nicotina Causeendocrine Gravidanza Ipertiroidismo Causepolmonari Pneumotorace/emotorace Polmonite Edemapolmonare Emboliapolmonare Aspirazione Malattiapolmonareinterstiziale Asma Enfisema Bronchitecronica Altrecause Sepsi Insufficienzaepatica Ventilazionemeccanica Caloreesaurimento Fasedirecuperodiacidosimetabolica Insufficienzacardiacacongestizia 14

15 PERCORSODIAGNOSTICO 2,3 Esamidilaboratorio Emogasanalisiarteriosa(aumentodelpH>7.44,riduzionedellaPCO 2 <36mmHg) Dosaggiodeglielettroliti(sodio,potassio,calcio,fosfati) Dosaggiodeibicarbonati Emocromo completo(aumentodei leucociti incasodi sepsi,riduzione dellematocrito incasodi anemiagrave) Transaminasi Esami colturali:emocoltura,urinocoltura,coltura dellespettorato Diagnosticaperimmagini Radiografia del torace: ricerca di possibili cause evidenziabili radiograficamente (polmonite, edema polmonare, polmonite da aspirazione, pneumotorace, malattia interstizialepolmonare) TACdeltorace AngiografiaTAC(nelsospetto diemboliapolmonare) TAC del cranio (nel sospetto di iperventilazione di origine centrale, accidente cerebrovascolareotraumacranico) RMNcerebrale(incasodiTACcranicanegativaononconclusiva) Puntura lombare (nel sospetto di processo infettivo acarico del SNC) con analisi citologica (nel sospettodimetastasimeningee) TERAPIA TrattamentourgentenonnecessariofinoaquandoilpHnondiventa>7.5 2.Correzionedellapatologia sottostante 3.Correzione dellapco 2 (attenzioneanonridurre tropporapidamente nei pazienti conalcalosi respiratoria cronicaperevitareilrischiodiacidosimetabolicadovutaameccanismocompensatoriorenale) 4. Ridurre il tidal volume ela frequenza respiratoria nei pazienti in ventilazione meccanica con alcalosi respiratoria 5. Una sedazione inadeguata e uno scarso controllo del dolore può costituire leziologia dellalcalosi respiratorianeipazienti cherespiranoaldisopradellafrequenza regolatadalventilatore 6.La rirespirazione della CO2 espirata in un sacchetto di cartone solitamente riesce utile,se il paziente può esseretranquillizzatoabbastanza damettereunsacchettosulviso 7. Nell'iperventilazione dovuta aipossiemia, sono indicati la somministrazione di O 2 eil trattamento volto alla correzione dell'alterazione dello scambio gassoso polmonare. La correzione dell'alcalosi respiratoria mediante aumento della concentrazione della CO2 inspirata attraverso il ricircolo ventilatorio può essere pericolosaneipazienticondisturbi delsnc, poiché questisintomipossonoessereassociaticonunbassoph dellcr. 15

16 BIBLIOGRAFIA 1. Kazmaier S, Weyland A, Buhre W, et al.effects of respiratory alkalosis and acidosis on myocardial blood flow and metabolisminpatientswithcoronaryarterydisease. Anesthesiology.Oct1998;89(4): Effros RM, Wesson JA.Acid Base Balance.In: Mason RJ, Broaddus VC, Murray JF, Nadel JA, eds. Murray and Nadel'sTextbookofRespiratoryMedicine.Vol1.4 th ed.philadelphia,pa:elseviersaunders;2005: DuBose TD, Jr. Acidosis and Alkalosis.In: Kasper DL, Braunwald E, Fauci AS, Hauser Sl, Longo DL, Jameson JL,eds. Harrison'sPrinciplesofInternalMedicine.16th.NewYork,NY: McGraw Hill;2005: Phillipson EA, Duffin J.Hypoventilation and Hyperventilation Syndromes.In: Mason RJ, Broaddus VC, Murray JF, Nadel JA, eds. Murray and Nadel's Textbook of Respiratory Medicine.Vol 2.4 th ed. Philadelphia, PA:Elsevier Saunders;2005: , GoldmanA. Clinicaltetanybyforced respiration. JAMA.1922;78: HaldaneJS,PoultonEP. Theeffectsofwantofoxygenonrespiration. JPhysiol.1908;37: Kirsch DB,JozefowiczRF.Neurologiccomplicationsofrespiratorydisease. NeurolClin.Feb2002;20(1):247 64,viii. 8. GardnerWN.Thepathophysiologyofhyperventilation disorders. Chest.Feb1996;109(2):

17 ACIDOSIRESPIRATORIA 17

18 VALORIDIRIFERIMENTO 1,2 RangenormaledellaPaCO 2 :36 44mmHg Acidosirespiratoriaacuta: PaCO2>45mmHgconacademia(pH<7.35) Acidosi respiratoria cronica: PaCO2 >45 mmhg con ph normale oquasi normale, secondario a compensazionerenaleeadelevatilivellidibicarbonatisierici VARIAZIONEATTESADELLACONCENTRAZIONEDIBICARBONATI 3,4 Acidosi respiratoria acuta: ibicarbonati aumentano di 1mEq/L per ciascun aumento di 10 mmhg dellapaco 2 Acidosi respiratoria cronica: ibicarbonati aumentano di 3.5 meq/l per ciascun aumento di 10 mmhgdellapaco 2 Acidosirespiratoriaacuta: 0.008X(40 PaCO 2 ) Acidosirespiratoriacronica: 0.003X(40 PaCO 2 ) VARIAZIONEATTESADELPH 3,4 BPCO enfisema,asma,bronchitecronica EZIOLOGIA 5,6 Malattie neuromuscolari sclerosi laterale amiotrofica, disfunzione e paralisi del diaframma,sindromediguillain Barré, miasteniagrave,distrofiamuscolare Disturbi della parete toracica cifoscoliosi grave; esiti di toracoplastica; lembo costale fluttuante, più raramentespondiliteanchilosante,pettoescavatoopettocarenato Sindrome obesità ipoventilazione Apneaostruttivadelsonno Depressione del SNC farmaci (ad es. narcotici, barbiturici, benzodiazepine, altri agenti deprimenti del SNC), disturbi neurologici (ad es. encefalite, malattia del tronco cerebrale,trauma),ipoventilazionealveolareprimaria Altremalattiepolmonariedellevierespiratorie stenosilaringeaetracheale Ventilazionepolmonareprotettivanellasindromedadistressrespiratorio DIAGNOSIDIFFERENZIALE 5,6 Abusodioppiacei Asma Botulismo Bronchitecronica Enfisema Obesità BPCO Usodisedativi,ipnotici,ansiolitici Disturbideldiaframma Paralisidiaframmatica Altriproblemidaconsiderare Sclerosi lateraleamiotrofica Distrofiamuscolare Gravecifoscoliosi sindrome di Guillain Barré Miasteniagravis 18

19 PERCORSODIAGNOSTICO 1,2,6 Esamidilaboratorio Emogasanalisi arteriosa (riduzione del ph <7.35, aumento della PaCO 2 >45 mmhg) Dosaggiodeibicarbonate Ormonitiroidei(eventualeipotiroidismo) Emocromocompleto(eventualepolicitemia) Esametossicologico(oppioidi,barbiturici,benzodiazepine) Diagnosticaperimmagini Radiografia del torace (ricerca di cause polmonari, studio del diaframma, pneumotorace,atelettasia,evidenzadiingrandimentodelventricolodestro) TAC del torace (in caso di radiografia non conclusiva oper effettuare una diagnosidifferenziale) TAC cerebrale (nel sospetto di causa centrale di ipoventilazione, stroke, tumori, traumi;particolare attenzioneaitraumidelponteedelmidollo) RMN cerebrale (in caso di TAC negativa onon conclusiva, in particolare per evidenziarealterazionideltroncocerebrale) Fluoroscopia (snifftest fluoroscopio per evidenziareelevazione parossisticadel diaframmaparalizzato,ancheinpresenzadirefertoradiograficonormale) Altritest Spirometria(diagnosidibroncopatiaostruttiva) Elettormiografiaevelocità diconduzionenervosa(diagnosididisturbineuromuscolari) Misurazione della pressione transdiaframmatica (diagnosi di debolezza dei muscoli respiratori) TERAPIA 2, Correzionedellapatologia sottostante 2. Deve essere usata cautela nella correzione dell ipercapnia cronica. Una correzione troppo rapida della ipercapnia può causare alcalosi metabolica. Unalcalinizzazione delle liquido cerebrospinale può portare a crisiepilettiche. 3. L'infusione di bicarbonato di sodio è raramente indicata. Questa misura può essere considerata, dopo l'arresto cardiopolmonare in presenza di un ph molto basso (<7,0 7,1). Nella maggior parte delle altre situazioni,il bicarbonato di sodio non ha alcun ruolo nel trattamento dellacidosi respiratoria. 4. Broncodilatatori come i beta agonisti (ad es. salbutamolo, salmeterolo), agenti anticolinergici (ad es. ipratropio bromuro, tiotropio) emetilxantine (ad es. teofillina) sono utili nel trattamento di pazienti con malattiapolmonareostruttivaegravebroncospasmo. 5.Iltrattamento deve esseredirettoadaiutare oaumentarelaventilazione.terapie chepossonosalvarela vita includono l'intubazione endotracheale con ventilazione meccanica eventilazione apressione positiva non invasiva (NIPPV) come la ventilazione nasale continua apressione positiva ela ventilazione nasale bilevel. 6. L'ossigenoterapia può essere indicata in quanto molti pazienti con ipercapnia sono anche ipossiemici. L'ossigenoterapia è indicata per prevenirelesequele diipossiemia dilunga data,madeveessere usata con cautela perchépuò peggiorarel'ipercapnia inalcunesituazioni. 19

20 BRONCODILATATORI Albuterolo 2 4mgperdoseperossuddivisitid/qid;nonsuperare32mg/die MDI:12puffogni46ore; nonsuperare12inalazioni/die Nebulizzatore: diluire 0,5ml(2,5 mg) disoluzione per inalazione allo0,5% in12,5 mldi NS; somministrare 2,5 5mgogni46orediluitiin25mldisoluzionesalinasterileoacqua tramitenebulizzatore Usopediatrico <2anni:nonraccomandato 2 5 anni: mg/kg/dose per os suddivisi tid;non superare 12 mg/die 5 12 anni:2 mg/dose per os suddivisi tid/qid;non superare 24 mg/die >12anni:somministrarecomenegliadulti Uso dellmdi <12anni:12inalazioni qidcondistanziatore >12anni:somministrarecomenegliadulti Nebulizzatore <5 anni: diluire ml ( mg) di soluzione per inalazione allo 0.5% in ml di NS e somministrareogni46oreindosiugualmenteripartite >5anni:somministrarecomenegliadulti Ipratropio MDI:24puffogni46ore Nebulizzatore:250mcgdiluitiin2,5mldiNSogni46ore Usopediatrico MDI:12pufftid;nonsuperarei6puff/die Nebulizzatore:250mcgdiluitiinNStid Teofillina Iniziale:10mg/kg/dieperossuddivisiogni812ore;5,6mg/kgcomedosedicaricoevin20min,seguitada un'infusionedimantenimentodi0,1 1,1mg/kg/h Mantenimento: 10 mg/kg/die per os qd obid, regolando la dose con incrementi del 25% per mantenere il livelloditeofillinanelsierodi515mcg/ml;nonsuperaregli800mg/die Usopediatrico <6settimane:nonraccomandato Da6settimane a6mesi: 0,5 mg/kg/hcome dosedi carico evnelle prime 12 ore,seguitada un'infusione di mantenimento di 12 mg/kg/die; è possibile somministrare linfusione continua dividendo la dose totale giornalieradi24h Da 6mesi a1anno: 0,6 0,7 mg/kg/h come dose di carico ev nelle prime 12 ore, seguita da un'infusione di mantenimentodi15 mg/kg/die; è possibilesomministrareininfusionecontinua,comesopra >1anno:somministrarecomenegliadulti Tiotropio Inalareilcontenutodi1cap(18mcg)medianteildeviceqd ANTAGONISTIDELLEBENZODIAZEPINE Flumazenil 0.2mgev inizialmente in più di30 secondi,ripetere aintervalli di1minuto con 0,5mgin più di30 secondi finoaraggiungereuna rispostasoddisfacenteoincasocontrariosomministrare3mg; è possibile effettuare unulteriore titolazione fino ad un totale di 5 mg Usopediatrico 0,01 mg/kg ev inizialmente in più di 15 secondi, ripetere ad intervalli di 1min con 0,005 0,01 mg/kg; non superare0,2mgperdose 20

21 ANTAGONISTIDEGLIOPPIOIDI Naloxone mg ev/im/sc q2 3min prn; incrementare di mg nei pazienti oppioido dipendenti; può essere necessario ripetere la dose q20 60 min; se non si osserva nessuna risposta dopo la somministrazione di 10 mg,riformulareladiagnosi Usopediatrico 0.1 mg/kg ev/im/sc,ripeterre q2 3min prn CRITERIPER LAMMISSIONE INICU 2,10 Confusione Letargia Affaticamentodeimuscolirespiratori BassopH Necessità diintubazione tracheale eventilazione meccanica TERAPIAPOST DIMISSIONE 11,12 Ossigenoterapia: va continuata domiciliarmente nei pazienti dimessi con una PaO2 <55 mmhg o <59mmHgconevidenzadipolicitemiaocuorepolmonare.Rivalutazionedopo13mesi Ventilazione non invasiva: può essere impiegata nel trattamento alungo termine di pazienti con disturbi neuromuscolari, BPCO con ipercapnia, ipoventilazione alveolare primaria esindrome obesità ipoventilazione BIBLIOGRAFIA 1. Martinez Maldonado M, Sanchez Montserrat R. Respiratory acidosis and alkalosis. Clin Nephrol. May 1977;7(5): Murray J, Nadel J. Hypoventilation syndromes. In: Textbook of Respiratory Medicine. Vol 2. 4th ed. Philadelphia,Pa:WBSaunders;2005: KassirerJP,MadiasNE. Respiratoryacid basedisorders.hosppract.dec1980;15(12):57 9,65 71.[Medline]. 4. KellumJA.Determinantsofplasmaacid basebalance.critcareclin.apr2005;21(2): SternsRH.Fluid,electrolyte,andacid basedisturbances.jamersocnephrol.2003;2(1): WisemanAC,LinasS.Disordersofpotassiumandacid basebalance.amjkidneydis.may2005;45(5): EpsteinSK,SinghN.Respiratoryacidosis.RespirCare.Apr2001;46(4): [Medline]. 8. Fall PJ. Astepwise approach to acid base disorders. Practical patient evaluation for metabolic acidosis and otherconditions.postgradmed.mar2000;107(3):249 50,253 4,257 8passim. [Medline]. 9. GluckSL.Acid base. Lancet.Aug81998;352(9126): KirschDB,JozefowiczRF.Neurologiccomplicationsofrespiratorydisease.NeurolClin.Feb2002;20(1):247 64, viii. 11. Caruana Montaldo B, Gleeson K, Zwillich CW. The control of breathing in clinical practice. Chest. Jan 2000;117(1): HooperRG, Browning M. Acid base changes and ventilatormode during maintenance ventilation. Crit Care Med.Jan1985;13(1):

22 ALCALOSIMETABOLICA 22

23 VALORIDIRIFERIMENTO 1,2 Valori normali: la PaCO 2 aumenta di mmhg per ogni incremento di 1 meq/l della concentrazioneplasmaticadeibicarbonati EquazionediHenderson Hasselbalchperilcalcolodellaconcentrazionesiericadibicarbonati: ph=6.10+log(hco3 0.03XPaCO 2 ) Inalternativa,HCO3 =24XPaCO 2 [H+] EZIOLOGIA 3 5 Alcalosicloruro responsiva(cloruriurinari<20meq/l) Perdita di secrezioni gastriche vomito,aspirazione nasogastrica Perditadisecrezionicoliche cloridorreacongenita,edemavilloso Tiazidici ediuretici dellansa (dopo sospensione) Post ipercapnia Fibrosicistica Alcalosicloruro resistente(cloruriurinari>20meq/l) Inpresenzadiipertensione o iperaldosteronismoprimario adenomasurrenalico,iperplasiasurrenalicabilaterale, carcinomasurrenalico,iperaldosteronismoglucocorticoide rimediabile o 11B HSD2 Genetica,liquirizia,tabaccodamasticare,carbenoxolone o DeficitdiCAH 11 idrossilasiodi17 idrossilasi o Usodidiureticineltrattamentodell'ipertensione o SindromediCushing o Mineralcorticoidioglucocorticoidiesogeni o SindromediLiddle o Iipertensionerenovascolare Inassenzadiipertensione o SindromediBartter o SindromediGitelman o Gravedeplezionedipotassio o Usoditiazidiciediureticidell'ansa o Ipomagnesiemia Altrecause Somministrazioneesogenadialcali terapiacon bicarbonatodisodioincorsodiinsufficienza renale,metabolismo dellacido lattico ochetoacidi Sindromelatte alcali Ipercalcemia Somministrazionedipenicillinapervia endovenosa Sindromedarefeeding Emotrasfusionemassiva 23

24 OBIETTIVITÀ CLINICA 3,5 Segninonspecifici(daridottaconcentrazionedelcalcioionizzato) Tetania,segnodiChvostek,segnodiTrousseau) Alterazionidellostatomentale Crisiepilettiche Segnidavariazionedadeplezionedelvolume Edema Turgorecutaneo Variazionedelpesocorporeo Alterazionidellaminzione Segnicorrelatiallasindrome dicushing Obesità Facieslunare Gobbadibufalo Irsutismo Striecutanee Acne Segnicorrelati alliperplasia surrenalicacongenita Ipertensione Ritardodellacrescita Sviluppoprematurodeicaratterisessuali Virilizzazione(nellebambine) Ambiguità sessuale PERCORSODIAGNOSTICO 5,6 Esamidilaboratorio Dosaggiodeglielettrolitisierici Emogasanalisi Concentrazioneurinariadelsodio Attività reninica plasmatica e aldosteronemia Attività reninicabassaelivelliplasmaticidialdosteroneelevati: iperaldosteronismoprimario, iperaldosteronismo glucocorticoide reversibile Attività reninicabassaebassilivellidialdosterone:sindromedicushing,usodisteroidi esogeni,iperplasia surrenalica congenita,deficit di 11B HSD,tumori deossicorticosterone surrenale secernenti, sindromediliddle Attività reninicaelivellidialdosteroneentrambielevate:stenosi dellarteria renale,usodi diuretici,tumori renina secernenti,sindrome di Bartter,sindrome di Gitelman Livellidialdosteronedelle24oredopocaricosalino(diagnosidiiperaldosteronismoprimario) Cortisoloplasmaticoduranteilsonno,cortisololiberourinariodelle24ore,testdisoppressionecon desametasone(diagnosidisindromedicushing) Dosaggiodegliandrogeniplasmaticiourinari(deidroepiandrosterone,testosterone) Diagnosticaperimmagini TACoRMNsurrenale Perladiagnosidiipertensionerenovascolare: Ecografiarenale Renogrammaconcaptopril RMNrenale Angiografiarenale 24

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

EDEMA POLMONARE ACUTO

EDEMA POLMONARE ACUTO EDEMA POLMONARE ACUTO Giuseppe Giancaspro, DEU Policlinico Umberto I, Università " La Sapienza ", Roma I. DEFINIZIONE Gravissima sindrome clinica caratterizzata da un aumento dell' acqua extravascolare

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario pag. 1 di 16 Sommario Premessa... 2 Percorso diagnostico... 3 Esame clinico all ingresso in Reparto... 3 Indagini da eseguire... 3 Monitoraggio nel corso del ricovero... 5 Trattamento... 6 Trattamento

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821. Scopo del Lavoro

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821. Scopo del Lavoro REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821.Linee Guida della Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva ed Ossigenoterapia Scopo del Lavoro La broncopneumopatia

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto

Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto SESSIONE 4 Follo w-up del p aziente BPC O e int egrazio ne funzionale centro sp ecialistico- med icina gen erale Simulazioni cliniche interattive Caso clinico 1 Caso clinico 1 - step 1 Caso clinico 1 -

Dettagli

La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza

La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza La gestione avanzata delle vie aeree in emergenza (Cosa fare e/o non fare in assenza e/o in attesa dell esperto) A cura di E. Bigi S. Baroncini - C. Coniglio - G. Desiderio A. Guidetti M. Liberti M. Menarini

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER L'ANESTESIA NEI PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIE NEUROMUSCOLARI

RACCOMANDAZIONI PER L'ANESTESIA NEI PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIE NEUROMUSCOLARI A cura di F. Racca, T. Mongini, N. Passoni RACCOMANDAZIONI PER L'ANESTESIA NEI PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIE NEUROMUSCOLARI In collaborazione con Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Onlus Sezione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA y = -10x +10,33 1 atm = colonna di 0.762 m di mercurio (Torricelli) a quanti metri di acqua corrisponde? 0.762 x 13.5 = 10.33 m, ~ 10m (13.5 : approx

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Stat Profile CCX Critical Care Xpress

Stat Profile CCX Critical Care Xpress Stat Profile CCX Critical Care Xpress Semplicemente la miglior soluzione strumentale e gestionale dell emogasanalisi e dei parametri biochimici d urgenza Stat Profile CCX Critical Care Xpress PIU TEST...

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli