In questo numero: Editoriale Ossigenoterapia iperbarica adiuvante nella fascite necrotizzante estesa: caso clinico... 7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In questo numero: Editoriale... 6. Ossigenoterapia iperbarica adiuvante nella fascite necrotizzante estesa: caso clinico... 7"

Transcript

1 ANNO XXXI N. 3 Settembre 2009 Periodico Trimestrale - e 5,00 MEDICINA SUBACQUEA E IPERBARICA In questo numero: Editoriale... 6 Ossigenoterapia iperbarica adiuvante nella fascite necrotizzante estesa: caso clinico... 7 Safe and effective use of Hyperbaric Oxygen Therapy for late hepatic artery thrombosis in split liver transplantation: a case report Treating periodontitis: the hyperbaryc oxygen therapy may be a valid, fast, adjunct treatment alternative to antibiotics. Clinical study on 30 patients Calendario Congressi ISSN Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in A.P. D.L. 353/2003 (convertito in L. 27/02/04 n. 46) art. 1 comma 1-DCB-BO. In caso di mancato recapito restituire alla Agenzia di Base Imola Centro-Bo per la restituzione al mittente che si impegna a pagare la relativa tariffa Simsi rivista 3 09 imp.indd 1 23/12/

2 Simsi rivista 3 09 imp.indd 2 23/12/

3 MEDICINA SUBACQUEA E IPERBARICA Rivista Ufficiale della Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica ANNO XXXI N. 3 - SETTEMBRE 2009 DIRETTORE SCIENTIFICO Marco Brauzzi (Grosseto) Presidente SIMSI COMITATO SCIENTIFICO G. Bosco (Chieti), M. Brauzzi (Grosseto), C. Costanzo (Roma), G. De Martino (Napoli), P. Della Torre (Salerno), D. Garbo (Palermo), R.M. Infascelli (Napoli), A. Lamorgese (Fano, PU), P. Longobardi (Ravenna), E. Marino (Palermo), R. Moroni (Brescia), E. Nasole (Villafranca, VR), F. Ruocco (Firenze), G. Vezzani (Fidenza, PR), G. Vivona (Napoli) DIRETTORE EDITORIALE E. Nasole (Villafranca, VR) BOARD EDITORIALE Dott. Gerardo Bosco (Chieti) Dott. Fabio Faralli (La Spezia) Prof. Paolo Pelaia (Ancona) REDAZIONE Istituto Iperbarico S.p.A. - Via Francia, Villafranca di Verona (VR) Tel Autorizzazione del Tribunale di Napoli n. 56 del 24/05/2004 Direttore Responsabile: Mirabella Giuseppe Ospedale Santobono - Via M. Fiore, Napoli Editrice La Mandragora Via Selice, Imola (BO) Tel Fax L Editrice La Mandragora è iscritta al ROC col n Abbonamenti: annuo e 20,00, un numero e 5,00, arretrati il doppio. Chi volesse sottoscrivere l abbonamento deve effettuare bonifico a SIMSI, IBAN IT 07 T , completo dei dati identificativi del versante e indicando come causale Abbonamento rivista SIMSI STAMPA: Industrie Grafiche Galeati di Imola (BO) Chiuso in tipografia l 8 settembre 2009 Associato all USPI: Unione Stampa Periodica Italiana AVVISO AI SOCI Sono in riscossione le quote associative per l anno Ricordiamo che le modalità di rinnovo sono riportate alla pagina 30 di questa rivista. Simsi rivista 3 09 imp.indd 3 23/12/

4 Norme per gli autori La rivista medicina Subacquea ed Iperbarica pubblica articoli scientifici originali su argomenti di medicina subacquea ed iperbarica e di altre branche specialistiche correlate a tale specialità. I contributi possono essere redatti come editoriali, articoli originali, reviews, casi clinici, note di tecnica, note di terapia, nuove tecnologie, articoli originali brevi, articoli speciali, lettere alla direzione. I contributi scientifici devono essere preparati seguendo rigorosamente le norme per gli Autori pubblicate di seguito, che sono conformi agli Uniform Requirements for Manuscripts Submitted to Biomedical Editors editi a cura dell International Committee of Medical Journal Editors (N Engl J Med 1991;324: BMJ 1991;302:338-41). Non saranno presi in considerazione gli articoli che non si uniformano agli standard internazionali. La rivista recepisce i principi presentati nella Dichiarazione di Helsinki e ribadisce che tutte le ricerche che coinvolgano esseri umani siano condotte in conformità ad essi. La rivista recepisce altresì gli International Guiding Principles for Biomedical Research Involving Animals raccomandati dalla WHO e richiede che tutte le ricerche su animali siano condotte in conformità ad essi. Gli Autori accettano implicitamente che il lavoro venga sottoposto in modo anonimo all esame del Comitato di Lettura e in caso di accettazione a revisione editoriale. A tutti sarà dato cenno di ricevimento. La correzione delle bozze di stampa dovrà essere limitata alla semplice revisione tipografica; eventuali modificazioni del testo saranno se il caso addebitate agli Autori. Le bozze corrette dovranno essere rispedite entro 5 giorni a Medicina Subacquea ed Iperbarica Editrice La Mandragora via Selice, Imola (BO). In caso di ritardo, la Redazione della rivista potrà correggere d ufficio le bozze in base all originale pervenuto. Spedizione dei contributi I lavori in lingua italiana o inglese devono essere inviati (incluse figure e tabelle con relative didascalie) alla sede editoriale della rivista Medicina Subacquea ed Iperbarica : Istituto Iperbarico S.p.A. - Via Francia, Villafranca di Verona (VR) - Tel in formato cartaceo e/o via . Gli articoli scientifici possono essere redatti nelle seguenti forme: Editoriale. Su invito (del Direttore Responsabile, della Direzione, del Redattore Capo), deve riguardare un argomento di grande rilevanza in cui l Autore esprime la sua opinione personale. L articolo non deve essere suddiviso in sezioni. Articolo originale. Deve portare un contributo originale all argomento trattato. L articolo deve essere suddiviso nelle sezioni: introduzione, materiali e metodi, risultati, discussione, conclusioni. Review. Deve presentare lo stato delle conoscenze sull argomento e una analisi critica e aggiornata sull argomento stesso. L articolo può essere suddiviso in sezioni a discrezione dell Autore. Caso clinico. Descrizione di casi clinici di particolare interesse. L articolo deve essere suddiviso nelle sezioni: introduzione, caso clinico o casistica clinica, discussione, conclusioni. Nota di tecnica. Descrizione di una nuova tecnica chirurgica o di modifiche di tecniche già in uso. L articolo può essere suddiviso in sezioni a discrezione dell Autore. Nota di terapia. Presentazione e valutazione di farmaci. L articolo deve essere suddiviso nelle sezioni: introduzione, materiali e metodi, risultati, discussione, conclusioni. Nuove tecnologie. Presentazione e valutazione di nuove attrezzature. L articolo deve essere suddiviso nelle sezioni: introduzione, materiali e metodi, risultati, discussione, conclusioni. Articolo originale breve. Presenta un contributo originale ad un argomento di grande attualità esposto in forma sintetica. L articolo deve essere suddiviso in sezioni come gli articoli originali. Articolo speciale. Presenta ricerche sulla storia della medicina subacquea ed iperbarica, sulla didattica e sugli aspetti economici e legislativi che riguardano tale disciplina. L articolo può essere suddiviso in sezioni a discrezione dell Autore. Lettera alla direzione. Verranno pubblicati solo commenti e osservazioni critiche debitamente documentati in merito ad articoli pubblicati sulla Rivista. Preparazione del contributo scientifico Il lavoro deve essere articolato nelle seguenti sezioni: Pagina di titolo Titolo conciso, senza abbreviazioni, con traduzione in inglese. Nome, Cognome degli Autori. Istituto e Università o Divisione e Ospedale di appartenenza di ciascun Autore. Nome, indirizzo e numero telefonico dell Autore al quale dovranno essere inviate la corrispondenza e le bozze di stampa. Dati di eventuali Congressi ai quali il lavoro sia già stato presentato. Menzione di eventuali finanziamenti o contratti di ricerca. Ringraziamenti. Riassunto Il riassunto (in italiano e in inglese) non deve superare né essere inferiore alle parole e deve essere «strutturato». Il riassunto strutturato si compone delle seguenti parti: 1) Obiettivo: lo specifico problema sollevato e l ipotesi di studio. 2) Metodi: a) disegno sperimentale: tipo di indagine condotta (prospettica, comparativa, retrospettiva, randomizzata, ecc.) e durata del follow-up; b) ambiente: collocazione e livello delle prestazioni fornite dal reparto di appartenenza dei pazienti in studio (in modo che il lettore possa stabilire l applicabilità del dato alle sue condizioni di lavoro); c) pazienti o partecipanti: principali criteri di selezione e di eleggibilità, caratteristiche socio-demografiche, patologie e numero dei pazienti ammessi e che hanno completato lo studio; d) interventi: caratteristiche essenziali del trattamento o dell intervento eseguito (o la loro assenza); e) rilevamenti: cosa è stato misurato e come, in base a quanto programmato prima della raccolta dei dati. 3) Risultati: i principali. 4) Conclusioni: significato e possibile applicazione dei dati suffragati dall evidenza sperimentale. Parole chiave Per le parole chiave usare i termini del Medical Subjects Heading (MeSH) dell Index Medicus. Il riassunto in lingua inglese deve essere la traduzione del riassunto in lingua italiana e la rivista si riserva la facoltà di curarne la corretta forma. Gli Editoriali e le Lettere alla Direzione non necessitano di riassunto e parole chiave. Testo Il testo deve essere composto da: Introduzione. Illustrante lo stato attuale delle conoscenze sull argomento trattato e lo scopo della ricerca. Materiali e metodi. Descrivere chiaramente i soggetti sottoposti a osservazioni o a esperimento (pazienti o animali da esperimento, inclusi i controlli). Identificare metodologie, impianti (nome e indirizzo del costruttore tra parentesi) e procedure con dettaglio sufficiente a permettere ad altri studiosi di riprodurre i risultati. Menzionare le metodologie già definite, incluse quelle statistiche; menzionare e fornire brevi descrizioni circa metodologie che sono state pubblicate ma non sono ben conosciute; descrivere metodologie nuove o modificate in modo sostanziale; giustificare il loro utilizzo e valutarne i limiti. Di tutti i farmaci si deve citare nome generico, dosaggio e vie di somministrazione. I nomi commerciali dei farmaci vanno citati tra parentesi. Unità di misura, simboli, abbreviazioni devono essere conformi agli standard internazionali. Le misure di lunghezza, altezza, peso e volume dovrebbero essere riportate in unità del sistema metrico (metro, chilogrammo, litro) o in loro multipli decimali. Le temperature dovrebbero essere espresse in gradi Celsius. Le pressioni arteriose in millimetri di mercurio. Tutte le misurazioni ematologiche e di chimica clinica dovrebbero essere espresse in unità del sistema metrico nei termini dell International System of Units (SI). Si scoraggia l uso di simboli e sigle poco comuni. Essi vanno comunque spiegati alla prima apparizione nel testo. Risultati. I risultati vanno riportati sotto forma di tabelle e grafici eventualmente elaborati statisticamente, con una presentazione concisa nel testo. Discussione e conclusioni. Commento sui risultati con eventuale confronto con i dati della letteratura. Bisogna inoltre definire il loro significato ai fini della pratica clinica e della ricerca sperimentale. L argomentazione logica deve essere rigorosa ed attenersi ai dati sperimentali. Bibliografia. La bibliografia, che deve comprendere i soli Autori citati nel testo, va numerata con numeri arabi in ordine consecutivo di prima citazione nel testo. Il richiamo delle voci bibliografiche nel testo deve essere fatto con numeri arabi posti tra parentesi. La bibliografia deve essere citata nello stile standardizzato approvato dall International Committee of Medical Journals Editors. RIVISTE. Per ogni voce si devono riportare il cognome e l iniziale del nome degli Autori (elencare tutti gli Autori fino a tre, se quattro o più elencare solo i primi tre nomi seguiti da: et al.), il titolo originale dell articolo, il titolo della rivista (attenendosi alle abbreviazioni usate dall Index Medicus), l anno di pubblicazione, il numero del volume, il numero di pagina iniziale e finale. Nelle citazioni bibliografiche seguire attentamente la punteggiatura standard internazionale. Esempi: Articolo standard. Sutherland DE, Simmons RL, Howard RJ. Intracapsular technique of transplant nephrectomy. Surg Gynecol Obstet 1978;146: ARTICOLO A NOME DI UNA COMMISSIONE. International Committee of Medical Journal Editors. Uniform requirements for manuscripts submitted to biomedical journals. Ann Int Med 1988;108: LIBRI E MONOGRAFIE. Per pubblicazioni non periodiche dovranno essere indicati i nomi degli Autori, il titolo, l edizione, il luogo di pubblicazione, l editore e l anno di pubblicazione. Esempi: LIBRO DI UNO O PIÙ AUTORI. Rossi G. Manuale di otorinolaringologia. IV edizione, Torino: Edizioni Minerva Medica, CAPITOLO DI UN LIBRO. De Meester TR. Gastroesophageal reflux disease. In: Moody FG, Carey LC, Scott Jones R, Kelly KA, Nahrwold DL, Skinner DB editors. Surgical treatment of digestive diseases. Chicago: Year Book Medical Publishers, 1986: ATTI CONGRESSUALI. DuPont B. Bone marrow transplantation in severe combined immunodeficiency with an unrelated MLC compatible donor. In: White HJ, Smith R, editors. Proceedings of the third annual meeting of the International Society for Experimental Hematology. Houston: International Society for Experimental Hematology, 1974:44-6. MONOGRAFIA DI UNA SERIE. Hunninghake GW, Gadek JE, Szapiel SV, Wattel F, Hinckley J, Hamre P et al. The human alveolar macrophage. In: Harris CC, editor. Cultured human cells and tissues in biomedical research. New York: Academic Press, 1980:54-6. (Stoner GD, editor. Methods and perspectives in cell biology;vol 1). Tabelle Ogni tabella deve essere preparata graficamente secondo lo schema di impaginazione della rivista, numerata in cifre romane, corredata da un breve titolo. Eventuali annotazioni devono essere inserite al piede della tabella e non nel titolo. Le tabelle devono essere richiamate nel testo. Figure Le fotografie devono essere inviate sotto forma cartacea o elettronica che abbia buona risoluzione. Esse devono riportare la numerazione in cifre arabe e devono essere richiamate nel testo. Il numero delle fotografie deve essere limitato alla parte essenziale ai fini del lavoro. Le foto istologiche devono sempre essere accompagnate dal rapporto di ingrandimento e dal metodo di colorazione. Disegni, grafici e schemi possono essere realizzati con il computer. Gli esami radiologici vanno presentati in copia fotografica su carta o in formato elettronico. Elettrocardiogrammi, elettroencefalogrammi, ecc. devono essere inviati in forma originale o eventualmente fotografati, mai fotocopiati. Lettere, numeri, simboli dovrebbero essere di dimensioni tali che quando ridotti per la pubblicazione risultino ancora leggibili. Simsi rivista 3 09 imp.indd 4 23/12/

5 Struttura Indirizzo Località Telefono Casa di Cura Habilita SpA Servizio di Medicina Iperbarica I.L.M.I. Istituto Clinico Città di Brescia O.T.I.P. S.I.PI. Istituto Iperbarico SpA OTI Medicale Vicenza A.T.I.P. OTI Service Iperbarico di Bolzano srl Via Bologna, Zingonia (BG) 035/ Viale Premuda, Milano (MI) 02/ Via Gualla, Brescia (BS) 030/ Via Pola, Torino (TO) 011/ Largo Don Guanella, Fara Novarese (NO) 0321/ Via Francia, Villafranca (VR) 045/ Via Avieri, Torri di Quartesolo (VI) 0444/ Via Cornaro, Padova (PD) 049/ Via delle Macchine, Porto Marghera (VE) 041/ Via del Vigneto, Bolzano (BZ) 0471/ Centro Iperbarico srl (Bologna) Via Tranquillo Cremona, 8/ Bologna (BO) 051/ / Centro Iperbarico srl (Ravenna) www. iperbaricoravenna.it Via A. Torre, Ravenna (RA) 0544/ Iperbarica Adriatica Via delle Querce, 7/A Fano (PS) 0721/ fax 0721/ OTI Prosperius Via F.lli Rosselli, Firenze (FI) 055/ Centro Iperbarico Sassarese Via della Torre Località Platamona Sassari (SS) 079/ fax 079/ IPER - Istituto di Medicina Iperbarica web.tiscalinet.it/ipersrl CE.M.S.I. S. Anna Hospital Centro Iperbarico Villa Salus Via Celle, Pozzuoli (NA) 081/ Via Margotta, Salerno (SA) 089/ Viale Pio X, Catanzaro (CZ) 0961/ Via Prov.le Brucoli, Augusta (SR) 0931/ Simsi rivista 3 09 imp.indd 5 23/12/

6 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre Si sta concludendo il primo anno di presidenza, intenso e pieno di eventi. Ho assunto l incarico pieno di entusiasmo e voglia di essere all altezza del compito che i colleghi, con il loro voto, avevano voluto attribuirmi. Si sono tenuti 4 consigli direttivi, tutti intensamente partecipati, estremamente propositivi e costruttivi. Abbiamo discusso argomenti talvolta veramente scottanti con equilibrio, serenità e con la consapevolezza della importanza delle decisioni da assumere. Di queste una delle più importanti è stata la scelta della sede del prossimo congresso nazionale che, come ormai a tutti è noto, si terrà a Villafranca di Verona nel novembre del L organizzazione è stata affidata al nostro impareggiabile Tesoriere, Manuel Nasole. Il comitato organizzatore si è già più volte riunito e sono sicuro che si tratterà di un evento indimenticabile, come lo sono stati tutti i passati Congressi. Il programma è, ovviamente, ancora preliminare e verrà dettagliato nei particolari nei prossimi consigli direttivi, a partire da quello che si terrà a Grosseto nel prossimo febbraio. Nel corso dell anno ho partecipato, in rappresentanza della Società, a numerosi congressi, in Italia ed all estero. Molti di questi hanno visto una nutrita e qualificata partecipazione della società con consiglieri e delegati regionali in prima fila. I viaggi sono stati tanti, dal Nord Est al profondo Sud Ovest d Italia (nonostante le proteste di Mara...); ovunque ho incontrato gente motivata, veramente interessata alla medicina subacquea ed iperbarica, platee numerose ed attente. Mi ha fatto molto piacere ed ho capito che il nostro impegno deve costantemente aumentare allo scopo di fornire a queste persone un servizio ed una collaborazione sempre più efficienti. Ed i punti nodali sono numerosi: una rivista di qualità sempre crescente, con una visibilità anche sul Medline, linee guida sulle indicazioni alla ossigenoterapia iperbarica sempre aggiornate, un sito web che consenta la interattività e quindi il dialogo costante tra tutti i soci anche senza muoversi da casa. Abbiamo di recente sottoscritto una convenzione con l ANIO (Associazione Italiana Infezioni Ossee)che convoglierà moltissimi pazienti affetti da queste patologie verso i nostri centri iperbarici. Anche in questo caso abbiamo ricevuto attestazioni di stima e di gratitudine da parte degli specialisti ortopedici ed infettivologi convenuti a Caltanissetta per il congresso nazionale della Associazione. La relazione sulla ossigenoterapia iperbarica è stata tenuta dal nostro Consigliere Domenico Mimmo Garbo con la collaborazione del nostro delegato regionale, Salvo VASTA. A quest ultimo va la nostra gratitudine per averci ospitato nella rivista web di cui è Direttore, Time Out Intensiva. Il lavoro resta comunque tanto (come quello che dovrà fare il Livorno per cercare di salvarsi...) ma mi aspetto che tutti, consiglieri, delegati regionali, soci e/o simpatizzanti facciano il loro dovere. Cominciando da una maggiore puntualità nel pagamento della quota di iscrizione annuale Concludo annunciando che, nella assemblea che si è tenuta a Salsomaggiore il 21 novembre 2009, i proff.ri Giuliano VEZZANI e Giovanni DE MARTINO, in considerazione della loro veneranda età e, scherzi a parte, della loro lunga ed estremamente qualificata partecipazione alla crescita scientifica della Società, cui hanno dato un contributo di estrema importanza, sono stati acclamati soci onorari della SIMSI. Vi abbraccio tutti ed auguro con tanto affetto ed amicizia a tutti Voi ed alle Vostre famiglie Buon Natale e felice Anno nuovo. Marco Brauzzi Editoriale Simsi rivista 3 09 imp.indd 6 23/12/

7 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre Ossigenoterapia iperbarica adiuvante nella fascite necrotizzante estesa: caso clinico Andrea Maria Scarpa*, dr Alessandro Garau**, dr.ssa Enrica Puddu***, dr.ssa M.D. Demuro, dr Cesare Iesu, dr Paolo Castaldi * Università degli Studi di Cagliari ** Direttore Chirurgia d Urgenza P.O. Marino Cagliari *** Dirigente medico Rianimazione Lanusei, Farmacista P.O. Marino Cagliari Dirigente medico responsabile del Centro di Medicina Iperbarica G. Boero P.O. Marino ASL8 Cagliari Direttore Rianimazione e Medicina Iperbarica G. Boero P.O. Marino ASL8 Cagliari Summary Necrotising fasciitis is an uncommon, life-threatening infection, normally provoked by anaerobic bacteria. It is characterised by deep destructive necrosis of skin, subcutaneous tissues and fasciae. We report our.ndings and results on treating an Intensive Care Unit patient with extended necrotizing gangrene by multimodal approach: intensive medical care (aggressive resuscitation, ventilation support, CRRT, nutritional support, broad-spectrum antibiotics), prompt and repeated surgical debridment and HBO therapy. A 42-year-old woman, obese, fatty liver disease, uterine multiple myomas, anxiety and depression, treated by metionin sulphate. She was admitted with epidermolisis and subcutaneous fat necrosis, extended between right hipocondrium and ipsilateral leg, complicated by severe sepsis. The therapeutic tissue excision totalized 25% of body surface. SAPSII total score was 60, and SOFA 11. A multidisciplinary approach was planned with cooperation of surgeon and microbiologist. An aggressive treatment was instituted with careful check of cardiorespiratory function, renal function, artificial nutrition, haemofiltration and targeted antibiotics. In seventy days the patient had a complete recovery. Multidisciplinary approach in intensive care service to- Indirizzo per la richiesta di estratti: Paolo Castaldi U.O. Anestesia, Rianimazione, Terapia iperbarica I.O. Marino - ASL 8 Via Einaudi, Cagliari gether with HBO have played a cornerstone role in permitting the rescue of a such life threatening and challenging case. Key words: Necrotising fasciitis, HBO therapy, multidisciplinary approach. Introduzione Le infezioni necrotizzanti sono caratteristicamente sostenute da batteri anaerobi quali i Clostridi e i Bacteroides. Esse hanno la tendenza a diffondere nei tessuti molli, scollando i piani anatomici lungo le linee di separazione connettivali e fasciali, causando tipicamente necrosi tissutale, trombosi vasale, aree di ischemia, che a loro volta costituiscono terreno favorevole alla diffusione dell infezione. L esempio più tipico è quello della fascite necrotizzante, cioè l infezione dei tessuti muscoloaponeurotici e sottocutanei (1). L agente patogeno può raggiungere la sede di infezione dall esterno, come accade nelle ferite sia chirurgiche che lacero contuse, o per traslocazione come accade invece nelle lesioni delle mucose intestinali e genitali in cui l infezione è spesso polimicrobica per la presenza della flora commensale (enterobatteri, clostridi, bacteroides). I germi patogeni colonizzano il tessuto adiposo attraverso minime lesioni sottocutanee spesso invisibili. I vasi del sottocute vanno incontro a trombosi, con conseguente gangrena umida. La combinazione di edema, ischemia e infiammazione del tessuto sottocutaneo provoca un ipossia tessutale. Questo microclima favorisce la crescita di anaerobi obbligati come i Clostridi e anaerobi facoltativi come E. coli. L idrogeno e azoto prodotti dal metabolismo anaerobio, sostengono la formazione di sacche di gas sottocutanee obiettivabili con il caratteristico crepitio alla palpazione e visibili mediante esame radiologico. La cute diventa ipoestesica ed assume un aspetto nerastro e quando Ossigenoterapia iperbarica adiuvante nella fascite necrotizzante estesa: caso clinico Autori vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 7 23/12/

8 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre cede lo strato dermo-epidermico lascia fuoriuscire un abbondante quantità di materiale bruno e fetido originato dalla necrosi colliquativa in ambiente anaerobio. La terapia si avvantaggia di un approccio multidisciplinare e consiste in un precoce intervento chirurgico di necrosectomia ed ampia toilette tissutale, mirata alla riduzione per asportazione della carica batterica e all esposizione all aria dell ambiente anaerobio. Di concerto alla terapia chirurgica si somministra terapia antibiotica ad ampio spettro dapprima empirica poi mirata sull antibiogramma. Inoltre in occasione della 7ª Consensus Conference Europea nella Medicina Iperbarica tenutasi a Lille nel dicembre 2004, il Collegio Giudicante ha classificato il trattamento iperbarico delle infezioni gravi dei tessuti molli, con indicazione di Tipo I (indicazione fortemente raccomandata che ha un ruolo di rilevanza maggiore per l evoluzione del paziente) livello C (consenso di opinione di esperti). Caso clinico Si tratta di una donna di 42 anni, obesa (BMI:31,25), affetta da steatosi epatica, fibromatosi uterina e sindrome ansioso depressiva trattata con ademetionina solfato per via parenterale che viene ricoverata in ospedale per una sepsi grave con epidermolisi e liponecrosi. La storia clinica esordisce con una sindrome gastroenterica, caratterizzata da malessere generale, diarrea e febbre elevata (39 C). Per la marcata astenia, la paziente subisce una caduta accidentale e si procura una lesione contusiva all anca dx che alla prima visita appare come un area ecchimotica ed abrasa. Uno stato di disidratazione progressiva, febbre continua, cianosi labiale e rallentamento del sensorio ne giustificano il ricovero in un reparto ospedaliero di medicina. In seconda giornata, per il peggioramento delle condizioni e per la comparsa di un quadro settico la paziente viene trasferita nel reparto di Terapia Intensiva dello stesso ospedale. All esame obiettivo l addome è dolente ed una vasta area ipoestesica e necrotica si estende dall ipocondrio destro, alla fossa iliaca fino al 3 medio della coscia omolaterale. Viene posta diagnosi di Flemmone gangrenoso e si procede all escissione chirurgica della cellulite necrotizzante con ampia rimozione di tessuto fino al 25% della superficie corporea (vedi foto 1, 2). Gli esami emocolturali risultano positivi per Str. Pyogenes di gruppo A sensibile alla piperacillina/tazobactam che viene associata in terapia a clindamicina e metronidazolo. La paziente presenta un progressivo peggioramento clinico fino allo stato di shock settico in un quadro di sospetta fascite necrotizzante e disfunzione multiorgano (insufficienza epato renale, discoagulopatia, insufficienza cardiocircolatoria e respiratoria). Viene trasferita presso la UTI dell ospedale Marino di Cagliari essendovi l indicazione all Ossigeno Terapia Iperbarica. Al momento del ricovero nell UTI dell Ospedale Marino lo stato di shock settico generalizzato fa sì che le condizioni generali ed emodinamiche siano talmente compromesse da enumerare 60 punti al SAPSII e 11 al SOFA. Nonostante le gravi condizioni si decide di iniziare immediato trattamento OTI, poche ore dopo il ricovero all Ospedale Marino. Nella tabella 1 sono elencati i 17 trattamenti somministrati alla paziente. Si operò quindi al fine di ristabilire il quadro emodinamico, respiratorio e renale con emofiltrazione continua (CRRT), interrotta soltanto per il tempo necessario alla somministrazione dell OTI. Ad un primo miglioramento delle condizioni generali successivo all OTI, seguono durante la degenza in UTI reiterati episodi di recrudescenza della sepsi e dello shock settico, aggravati dall insorgenza di una grave candidiasi sistemica trattata con antimicotici (echinocandine, azoli). Fin dall inizio e per tutta la durata della degenza in UTI il sostegno cardiorespiratorio viene affiancato ad quotidiano curettage dell estesa ferita, e da sbrigliamento chirurgico. L OTI in queste circostanze demarca prontamente le vaste zone necrotiche rendendo più efficace il lavoro del chirurgo. Al periodico sbrigliamento si aggiungono i seguenti interventi chirurgici: 10 a Giornata: avvicinamento dei margini mediante trazione dei lembi con filo di sutura che verranno revisionati continuamente (vedi foto 3); 40 a Giornata: creazione di un lembo peduncolato e suo impianto (vedi foto 4, 5, 6, 7). Al 63 giorno di degenza la micosi non è eradicata, ma ben controllata, la paziente recupera una discreta omeostasi generale ed un equilibrio metabolico che ne consentono la dimissione dalla UTI e il trasferimento in un reparto di chirurgia dello stesso Ospedale Marino per ultimare il trattamento chirurgico delle restanti lesioni. Viene dimessa dal reparto di chirurgia con una piccola ul- Ossigenoterapia iperbarica adiuvante nella fascite necrotizzante estesa: caso clinico Autori vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 8 23/12/

9 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre cera di ca. 4 cm in regione sacrale lungo la linea interglutea, si presenta a visita di controllo il 5 novembre pienamente guarita (vedi foto 8) ed attualmente è in stato di benessere. Discussione Lo stato di sepsi severa ha richiesto un intensità di cure per il sostegno delle funzioni vitali e contemporaneamente per il controllo dell infezione batterica e infine per la ricostruzione dei tessuti lesi. Si è pianificato un approccio multidisciplinare che ha visto l intervento precoce e ripetuto del chirurgo, del microbiologo, del rianimatore. Il chirurgo ha operato nella prima fase dell asportazione del tessuto necrotico, del curettage e dello sbrigliamento sino alla fase della ricostruzione. È stato necessario un trattamento aggressivo ed intensivo della sepsi in rianimazione con controllo della funzione cardiorespiratoria e renale, con ventilazione meccanica, sostegno inotropo e volemico, emofiltrazione continua, controllo della discoagulopatia, nutrizione artificiale, controlli ripetuti microbiologici e antibioticoterapia mirata. Il trattamento precoce e ripetuto di ossigenoterapia iperbarica ha prima interrotto la rapida progressione della Data Ora ATA Terapia 04/04/ :37 2,8 30 O Aria 05/04/2007 9:51 2,8 30 O Aria 05/04/ :35 2,8 30 O Aria 06/04/ :40 2,8 30 O Aria 06/04/2007 9:48 2,8 30 O Aria 07/04/ :13 2,8 30 O Aria 07/04/ :19 2,8 30 O Aria 08/04/ :02 2,8 30 O Aria 09/04/ :20 2,8 30 O Aria 10/04/ :37 2,8 30 O Aria 11/04/ :32 2,8 30 O Aria 14/04/2007 9:52 2,8 30 O Aria 06/06/ :00 2,4 30 O Aria 07/06/2007 9:40 2,5 30 O Aria 07/06/ :00 2,4 30 O Aria 08/06/2007 9:40 2,5 30 O Aria Tabella 1. Elenco e modalità dei trattamenti OTI somministrati alla paziente. 04/04 05/04 06/04 07/04 08/04 09/04 11/04 12/04 13/04 14/04 ph 7,45 7,51 7,42 7,40 7,42 7,42 7,45 7,43 7,45 7,44 pco 2 48, ,5 40, ,9 38,4 39,9 36,2 35,4 po %shunt 8,9 8,7 10,2 6,3 7,8 7,3 8,2 6,7 2,8 2,7 FiO 2 % P/F HCO 3 33, , , ,4 26,3 25,3 23,8 BE 8,3 8,6 3,6 0,8 2,3 2,0 2,9 2,5 1,9 0,4 Na K 2,8 3,0 3,3 3,6 3,5 3,4 4,2 3,7 3,3 3,2 Cl Lac 1,9 1,6 1,3 2,1 2,1 2,1 1,8 1,4 1,1 1,3 Bil 1,9 2,5 4,3 5,9 7,1 5,0 3,0 1,8 1,6 1, ,1 20,1 20,1 20,1 10 ATA 5 0 2,09 4,44 6, ATA 2ATA 3ATA Sa O2 Plasma Grafico 1. Confronto fra il volume di ossigeno disciolto nel plasma e quello legato all emoglobina alla pressione di 1, 2, 3. Ossigenoterapia iperbarica adiuvante nella fascite necrotizzante estesa: caso clinico Autori vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 9 23/12/

10 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre Foto 1. Foto 2. Foto 3. Foto 4. Foto 5. Foto 6. necrosi, successivamente ha demarcato le zone sofferenti dal tessuto sano, infine ha facilitato la fase di rigenerazione e ricostruzione dei tessuti lesionati. I protocolli di terapia iperbarica in caso di infezione necrotizzante dei tessuti molli prevedono trattamenti a 2,8 / 2,5 ATA della durata minima di 80 minuti, il primo giorno sono consigliate 3 sedute una ogni 8 ore, una seduta ogni 12 ore nei successivi sette giorni e una ogni 24 ore nella settimana successiva. Lo schema può variare in base alle condizioni del paziente e all andamento clinico, usualmente si ritengono utili almeno dieci sedute. La ratio nel trattamento di questo tipo di lesioni con OTI si estrinseca nel concomitante effetto dei meccanismi fondamentali di azione dell ossigeno iperbarico: Ossigenoterapia iperbarica adiuvante nella fascite necrotizzante estesa: caso clinico Autori vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 10 23/12/

11 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre Foto 7. Foto 8. a) Meccanismo barometrico La legge di Boyle e Mariotte recita che in condizioni di temperatura costante la pressione di un gas è inversamente proporzionale al suo volume, ovvero che il prodotto della pressione del gas per il volume da esso occupato è costante. Quindi raddoppiando la pressione da 1 ATA a 2 ATA dimezzeremo il volume del nostro gas. Nel caso della gangrena gassosa, l aumento della pressione, ridurrà il volume della raccolta saccata di gas e conseguentemente la pressione che questo esercita sui tessuti circostanti riducendo quindi seppur in modo sensibile il quadro ischemico. L utilità di tale effetto risulta evidente, solo in quei casi in cui piccole raccolte di gas siano sfuggite al curettage chirurgico, perché non ancora evidenti al momento del trattamento chirurgico, o in quei casi in cui l accesso chirurgico alla raccolta/sacca gassosa fosse impossibile o sconsigliato. b) Meccanismi reologici L ossigeno è diffuso nell organismo mediante il sangue, un sistema bifasico, costituito appunto da una fase liquida, il plasma, e da una fase corpuscolata che contiene i globuli rossi. La quantità di ossigeno disciolta nel plasma in ambiente normobarico è pressoché trascurabile (0,285 ml in 100 ml di sangue) mentre è rilevante l ossigeno legato all emoglobina contenuta nei globuli rossi. In ossigenoterapia iperbarica si incrementa la fase disciolta nel plasma. I globuli rossi, in condizioni fisiologiche, hanno una superficie caricata negativamente grazie alla quale si respingono e restano separati. In condizioni di acidosi però, la presenza di ioni (generati anche dal metabolismo anaerobio dei batteri sopracitati) tende a neutralizzare le cariche superficiali degli eritrociti, riducendo in questo modo le forze di repulsione e favorendo il fenomeno dell aggregazione (rouleaux) innescando così un meccanismo a catena acidosi, trombosi, ischemia che sostiene il microclima ideale per la replicazione batterica che a sua volta sostiene l acidosi; l aumentata pressione parziale arteriosa di ossigeno tende a ripristinare il ph fisiologico, riequilibrando le normali forze repulsive fra i globuli rossi, riducendo così le trombosi e conseguentemente l ischemia. c) Meccanismo batteriostatico L ossigeno iperbarico agisce sul germe prima come batteriostatico poi come battericida (6). Tali effetti sono giustificabili in prima battuta con la tossicità diretta dell ossigeno sui batteri, specie gli anaerobi, il clostridium perfrigens per esempio cresce rapidamente in presenza di tensione di ossigeno inferiore ai 300 mmhg (7). In secondo luogo l aumento della pressione parziale d ossigeno migliora la risposta immunitaria e potenzia la capacità di fagocitosi. Per semplicità possiamo suddividere le popolazioni batteriche responsive all OTI in due grandi famiglie, la prima detta EOS (extremly oxygen sensitive) di cui fanno parte batteri perlopiù anaerobi caratterizzati dall assenza di meccanismi di difesa contro i radicali liberi, estremamente sensibili per questo motivo alla perossidazione dei lipidi di membrana (9); al secondo gruppo appartengono invece tutti i batteri aerobi, in cui non abbiamo una tossicità diretta dell ossigeno, ma in cui l ossigeno migliora l efficacia dei leucociti, e sostiene l aumentato fabbisogno di ossigeno dei fagociti (burst oxydation), due meccanismi di difesa, questi, che sono gravemente compromessi nei distretti ipossici. d) stimola i processi riparativi Promuove i processi riparativi con l aumento del metabolismo cellulare, la riattivazione di fibroblasti, osteoblasti, della collagenosintesi, incrementa la sintesi di matrice extracellulare, ha un effetto di stimolo sulla neoformazione vascolare. Il nostro programma di ossigenoterapia iperbarica è stato fortemente condizionato dalla gravità dello stato clinico. Ossigenoterapia iperbarica adiuvante nella fascite necrotizzante estesa: caso clinico Autori vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 11 23/12/

12 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre Infine particolar attenzione è stata messa nelle medicazioni continue e ripetute, con materiali avanzati, con idrofibre e ioni argento, sfruttando così sia la capacità assorbente e gelificante della medicazione che le proprietà antimicrobiche. Conclusioni L approccio multidisciplinare, l intensità di cure, l ossigenoterapia iperbarica ha permesso la risoluzione di un quadro complesso di fascite necrotizzante e sepsi, nel quale era atteso un esito infausto anche in relazione all elevata mortalità che si associa a queste infezioni. Il curettage ripetuto e attento, il trattamento antibiotico mirato, le medicazioni avanzate, l ossigenoterapia iperbarica, il sostegno delle funzioni vitali ed il trattamento della sepsi sono stati gli elementi che hanno costituito i cardini del trattamento terapeutico. L OTI, anche in situazioni estreme, può essere una terapia adiuvante nel trattamento delle infezioni dei tessuti molli, ma rappresenta a parere di chi scrive un sostegno indispensabile in quei pazienti in cui la gravità delle lesioni, e la compromissione sistemica possono minare la sopravvivenza del paziente. Il caso descritto appare come un interessante esemplificazione dei concetti esposti sopra e degli effetti dell OTI. Riassunto La fascite necrotizzante è un infezione rara e potenzialmente mortale, normalmente sostenuta da anaerobi. Caratterizzata da una profonda e importante necrosi che colpisce la pelle, il sottocute fino ad arrivare alla fascia. Vi riportiamo la nostra esperienza nell approccio multidisciplinare (trattamento rianimatorio aggressivo, supporto cardiopolmonare, renale e antibiotico terapia ad ampio spettro) con sbrigliamento chirurgico continuo e OTI in una paziente di Terapia Intensiva con un estesa necrosi gangrenosa. Si tratta di una donna di 42 anni, obesa (BMI:31,25), affetta da steatosi epatica, fibromatosi uterina e sindrome ansioso depressiva trattata con ademetionina solfato per via parenterale che viene ricoverata in ospedale per una sepsi grave con epidermolisi e lipo necrosi che si estende dall ipocondrio destro alla fossa iliaca fino al 3 medio della coscia omolaterale. Al termine dell escissione chirurgica della cellulite necrotizzante è rimossa una superficie di tessuto pari al 25% dell intera superficie corporea. Il SAPSII è 60, il SOFA 11. Si è pianificato un approccio multidisciplinare che ha visto l intervento precoce e ripetuto del chirurgo, del microbiologo, del rianimatore. L approccio multidisciplinare, l intensità di cure, l ossigenoterapia iperbarica ha permesso la risoluzione di un quadro complesso di fascite necrotizzante e sepsi, nel quale era atteso un esito infausto anche in relazione all elevata mortalità che si associa a queste infezioni. In circa 70 giorni la paziente ha avuto una completa guarigione. Parola chiave: Fascite necrotizzante, ossigenoterapia iperbarica, approccio multidisciplinare. Bibliografia 1) Dionigi R. Chirurgia 4 a edizione Elsevier 2006 Edizione in Cd-rom, Sezione 1 Capitolo 13 paragrafo 5. 2) Auboyer C, Charier D, Jospé R, Mahul P, Molliex S. Celluliti, fasciti, miositi, gangrena gassosa. Encycl Méd Chir (Editions Scientifiques et Médicales Elsevier SAS, Paris, tutti i diritti riservati), Anestesia-Rianimazione, H-10, 2001, 11 p. 3) Dahl PR, Perniciaro C, Holmkvist KA, O Connor MI and Gibson LE. Rochester, Minnesota, and Jacksonville, Florida Fulminant group A streptococcal necrotizing fasciitis: Clinical and pathologic findings in 7 patients. J Am Acad Dermatol 2002;47: ) Derancourt C. Quelle prise en charge pour les cellulites et fasciites necrosantes. Méd Mal Infect 2000: 30 Suppl 5: Editions scientifiques et médicales Elsevier SAS. 5) Boerema I, Meyne NG, Brummelkamp Wh, Bouma S, Mensch MH, Kamermans F, et al. Life without blood. Ned Tijdschr Geneeskd 1960;104: ) Pallotta R. La medicina subacquea ed iperbarica. Rocco Curto Editore, Vol. 2:678. 7) Pallotta R. La medicina subacquea ed iperbarica. Rocco Curto Editore, Vol. 2:698. 8) ECHM. 7 th European Consensus Conference Lille 3-4 December ) Park KM. Effects of hyperbaric oxygen in infectious disease: Basic mechanism. In: Kindwall EP, Whelan HT, editors. Hyperbaric medicine practice. Flagstaff AZ: Best Publishing Company; 1999: ) Borne M, Vincenti-Roquette I, Saby C, Raynaud L, Brinquin L. Ossigenoterapia iperbarica. Principi e indicazioni. Encycl Méd Chir (Editions Scientifiques et Médicales Elsevier SAS, Paris, tutti i diritti riservati), Anestesia-Rianimazione, A-10, ) Young MH, Aronoff DM, Engleberg NC. Necrotizing fasciitis: pathogenesis and treatment. Expert Rev Anti Infect Ther Apr;3(2): Review. Ossigenoterapia iperbarica adiuvante nella fascite necrotizzante estesa: caso clinico Autori vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 12 23/12/

13 Simsi rivista 3 09 imp.indd 13 23/12/

14 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre Safe and effective use of Hyperbaric Oxygen Therapy for late hepatic artery thrombosis in split liver transplantation: a case report L. Maffi*, A. Franchello**, A. Ricchiuti**, R. Romagnoli**, M. Salizzoni** * O.T.I.P Center, Torino, Italy - ** Liver Transplantation Center, Torino, Italy Abstract Hepatic artery thrombosis (HAT) occurring after liver transplantation (LT)is a significant complication with a reported incidence of 5% in adults and 9% to 18% in children (1, 2); it can lead to septic complications related to bile leak, bilioma, abscess or cholangitis, forcing an immediate or delayed retransplantation. Clinical reports demonstrated the safety and the efficacy of HBO therapy to reduce hepatocytes necrosis and to carry patients with early HAT after LT to a delayed retransplantation or even to restore graft arterial flow, probably because of the development of collateral vessels (3-5). We describe the use of HBO therapy in a particular case of late HAT after split liver transplantation. Keywords: Hepatic artery thrombosis, liver transplantation, hyperbaric oxygenation Case report A 64-year-old woman underwent liver transplantation in may 2005 because of HCV related cirrhosis. She received a left split graft from a 22-years-old donor. The weight of the left graft (segments I-II-III-IV) was 480 gr and the Graft-to-Recipient Body Weight (GRBW) ratio was 0.9. The common hepatic artery of the donor was end-to-end anastomosed to the common hepatic artery of the recipient. An end-to-end PDS 7/0 continous suture was uti- lized for reconstruction of the biliary tract. Primary immunosuppressive therapy was represented by Cyclosporine, Steroids and Azathioprine. The first postoperative course turned out without complications and the patient was discharged on postoperative day 11. Routine controls, biochemical tests and hepatic Doppler Ultrasonography was carried out following the protocol of our Center. Two months after LT, the patient had a biopsy-proven hepatitis C recurrence (Ishak score: Grading 5/18, Staging 2/6); antiviral therapy (Ribavirine + PEG-Interferon) was administered throughout 6 months and subsequent hepatic biopsy proved a resolution of the hepatitis damages, but showed an aspecif initial cholangitis. Cholangio-MR evidenced the presence of biliary sludge in extrahepatic biliary tract that was medically treated. Because of a new increase of cholestatic indexes associated to a dilatation of intahepatic bilary ducts, 20 months after transplantation the patient was submitted to a Percutaneous Transhepatic Cholangiography (PTC) with dilatation of an anastomotical stricture. The procedure had not efficacy because of an early stricture recurrence after two consecutive procedures. An internal-external biliary drainage was maintained and 23 months after LT the patient underwent a surgical conversion of the biliary anastomosis in a Roux-en-Y hepatico-jejunoanastomosis. An intra-operative accidental hepatic artery injury occurred: the damaged tract was removed and an end-to-end anastomosis with interposition of an iliac arterial graft was performed. Indirizzo per la richiesta di estratti: Lidio Maffi c/o OTIP s.r.l. Via Pola, Torino Questo articolo è stato pubblicato in forma definitiva dai medesimi autori su Transplant Int Oct 6 con il titolo Hyperbaric oxygen therapy in liver transplantation; is its use limited to the management of hepatic artery thrombosis?. Ossigenoterapia Safe and effective iperbarica use of Hyperbaric adiuvante Oxygen nella fascite Therapy necrotizzante estesa: caso clinico Maffi, Franchello, Ricchiuti, Romagnoli, Autori Salizzoni vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 14 23/12/

15 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre Figure 1. Doppler US showing the absence of intrahepatic arterial blood flow. Figure 2. A CT-scan performed on POD 6 confirmed the absence of intrahepatic arterial blood flow. Figure 3. A CT-scan performed on POD 6 showed the presence of ischemic areas in the contest of segments II-III. Ossigenoterapia Safe and effective iperbarica use of Hyperbaric adiuvante Oxygen nella fascite Therapy necrotizzante estesa: caso clinico Maffi, Franchello, Ricchiuti, Romagnoli, Autori Salizzoni vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 15 23/12/

16 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre Ultrasound flowmeter at the end of surgery showed a regular patency of intrahepatic arterial blood flow. Patient was started on systemic heparin. On post-operative day (POD) 1, a Doppler US showed the absence of intrahepatic arterial flow (Fig. 1); a CT-scan achieved on POD 6 confirmed the absence of blood flow inside the graft and evidenced the presence of ischemic areas in the contest of segments II-III (Fig. 2,3). Bilirubin and the indexes of citolisis and cholestasis were normal, as the other biochemical assays, except a mild leukocitosis (9.65 x 10 9 /L). HBO therapy was proposed with the purpose of to reduce the graft ischemic damages. In the absence of absolute or relative contraindications (6), the patient underwent 20 HBO therapy sessions, performed once a day in a multiplaces chamber (Drass s.p.a. Type 1502,6+2 places) considering the following protocol: 12 minutes for compression time, 30 minutes for breathing O 2 at 2,5 ATA, 3 minutes for breathing in environmental air, 30 minutes for breathing O2 at 2,5 ATA and 15 minutes for decompression time. During HBO therapy arterial O2 saturation was assessed; biochemical tests and Doppler US was performed throughout HBO therapy. At the end of HBO sessions biochemical tests and white blood cells count were normal. Doppler US showed the presence of intrahepatic arterial blood flow, since the 4th day after beginning of HBO application. A CT-scan performed at the end of HBO sessions (fig. 4) showed a significant decrease of ischemic areas and the presence of intrahepatic arterial vessels revascularization, confirmed by hepatic Doppler. Five months later, the patient underwent a percutaneous transhepatic biliary anastomosis dilatation and stone removal; two sessions of PTC restored a regular bile flow. A Doppler US performed 18 months after HBO showed the presence of arterial flow inside the graft; ischemic areas completely disappeared and intrahepatic biliary tree was not enlarged. Actually (20 months after HAT) the patient is asymptomatic and the biochemical tests are normal. Discussion HAT after LT is a severe complication that occurs more frequently in pediatric patients or when a partial livers (split, living donor graft) are used (7). Current management of HAT after LT involves the attempt of urgent revascularization when possible, the use of anticoagulant or fibrinolitic therapy, an appropriate antibiotic coverage, the drainage of intrahepatic collections or bile duct strictures, and a retransplantation in the occurrence of irreversible liver failure or septic complications localized in the liver. Hyperbaric oxygen therapy has been described to have a therapeutic effect in several conditions such as wound Figure 4. A CT-scan performed at the end of HBO sessions showed a significant decrease of ischaemic areas and the presence of intrahepatic arterial blood flow. healing, carbon monoxide poisoning, acute necrotizing infections, ischemic disease, and a useful effect on liver diseases and liver regeneration after hepatectomy (3, 8-17). Recently, it has been observed that HBO is also effective on hepatic artery thrombosis after liver transplantation (3, 4, 15): in that condition, HBO treatment can improve hepatocellular necrosis (5) and, when retransplantation is required, the procedure can be performed in a more stable clinical condition (3). HAT after LT produces an hypoxic injury on the liver that can cause hepatic gangrene and liver failure or, conversely, ischemia-reperfusion injury if the flow in the hepatic artery is restored. The ischemic damages cause a depletion of L-arginine, precursor of the nitric oxide (NO), and an elevation of Endothelin 1 (ET-1) that induces an increase of congestion and flow disorders, promoting worsening of hypoxic injury with activation of Kupfer cells and release of proinfiammatory cytochines (TNF, IL-1,IL-2, IL-8) associated to an increased expression of adhesion molecules (18). Three enzyme isoforms account for NO syntesis: neuronal NO syntase (nnos), inducible NO syntase (inos), endothelial NO syntase (enos); nnos and enos are controlled by intracellular levels of calcium-calmodulin and phosphorylation, and require also O2 and L-arginine(19). Hyperbaric hyperoxia increases enos and nnos activities in systemic vascular bed, by modulation of intracellular Ca++ levels (20) and by production of superoxide H 2 O 2, that enhances the conversion of N-hydroxy-L-arginine to citrulline and NO (21); HBO modulates also Ossigenoterapia Safe and effective iperbarica use of Hyperbaric adiuvante Oxygen nella fascite Therapy necrotizzante estesa: caso clinico Maffi, Franchello, Ricchiuti, Romagnoli, Autori Salizzoni vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 16 23/12/

17 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre inos activation and its greater production of superoxide radicals (18). Many studies showed that HBO therapy may produce an increase by 125% on blood oxygen content, and the oxygen tension is higly increased in plasma and other tissue fluids (22-24); it may reduce the effects of interruption of arterial blood flow when HAT occurs by increasing portal blood oxygen content and enhancing the development of hepatic artery collateral vessels (3, 15, 25). When tissue oxygen tension falls below 30 mmhg, in fact, fibroblasts fail to function and neovascularization is stopped (26, 27). We described the application of HBO therapy in a particular case of HAT occurred in a late period post-transplantation, but strictly related to a iatrogenic hepatic artery lesion occurred performing an hepatico-jejunoanastomosis for anastomotical biliary stricture. The graft was a left split liver with an immediate and a long term good function; intercurrent hepatic artery thrombosis was immediately life-threatening for the patient because of the development of hepatic abscess with the risk of its septic consequences. The immediate arterial recanalization failed, such as medical anticoagulation and antiaggregation; the long term prospective for the patient was to lose the graft for intrahepatic biliary complications if early infective complications were overcome (28). HBO therapy avoided a very technically complex late retransplantation: abscess was totally cleared and intrahepatic arterial flow was restored. Five months after HBO an intrahepatic biliary stricture occurred, but it was successfully treated by a percutaneous approach. There is actually an experimental evidence that HBO may attenuate hepatic reperfusion injury (29). Ischemia-Reperfusion Injury is one of the main causes of liver disfunction, such as Primary Non Function (PNF) or Delayed Non Function (DNF) and it is responsible of increased morbidity and risk of death (1, 2). Each graft is subjected to IRI, but partial and marginal grafts are more susceptible to that particular type of damage. The shortage of donation forced to extend selection criteria, and to utilize partial or poor quality grafts (1), and consequently early non function became a relevant clinical problem. Protective strategies against Ischemia/Reperfusion injury are different, varying from medical to surgical techniques; HBO treatment may be effective in ameliorating the function of neutrophils in oxidatively bacteria killing, improving their ability to generate oxygen-derivated toxic radicals (30); HBO stimulates down-regulation of cell surface adhesion molecules like ICAM-1(31) leading to a reduction of neutrophil adhesion, and it also improves, in endothelial cell model, the syntesis of fibrinolytic enzymes with stimulation of tissue plasminogen activator[t-pa], urokinase plasminogen activator and plasminogen activator inhibitor type 1[PAI-1] (32). Finally, HBO up-regulates the synthesis of VEGF-A, the most specific growth factor for neovascularization (33). All these properties may lead to hypothesize that the use of HBO treatment could reduce a possible malfunction of poor quality grafts (considering macrovescicular steatosis or donor age). Furthermore, many in vitro and in vivo studies confirmed the ability of HBO treatment to stimulate hepatocyte regeneration (9, 10, 34, 35), and these data may suggest a possible role in improving the initial disfunction of the partial grafts. In conclusion, our experience suggested that HBO therapy is a safe technique and it is effective in reducing the risk of hepatic necrosis after HAT even in a particular case like a late thrombosis in split liver transplantation. Given its useful effects on liver regeneration and on IRI, further studies are needed to evaluate if HBO therapy may also be useful in the postoperative course of malfunctioning partial and marginal grafts. Riassunto La Trombosi dell arteria epatica è una frequente complicazione che si verifica dopo il trapianto di fegato (LT), con una incidenza del 5% segnalata negli adulti e dal 9% al 18% nei bambini (1, 2), ma si riscontrano anche complicanze settiche connesse alla perdita di bile, bilioma, ascessi o di colangite, che costringono a un nuovo trapianto immediato o differito. Studi clinici hanno dimostrato la sicurezza e l efficacia della ossigenoterapia iperbarica per ridurre la necrosi degli epatociti, per posticipare un nuovo trapianto epatico in pazienti con Trombosi dell arteria epatica subito dopo l attuazione di un LT o infine per ripristinare un flusso arterioso epatico, probabilmente per lo sviluppo di circoli collaterali (3-5). Si riporta l uso della ossigenoterapia iperbarica in un caso particolare di Trombosi dell arteria epatica non immediata in un paziente sottoposto a trapianto di fegato split. Parole chiave: Trombosi dell arteria epatica, Trapianto di fegato, ossigenoterapia iperbarica. References 1) Starzl TE, Demetris AJ. Liver transplantation: a 31-year perspective, part I and II. Curr Probl Surg 1990; 27: ) Drazan K, Shaked A, Olthoff KM, Imagawa D, Jurim O, Kiai K, et al. Etiology and management of symptomatic adult hepatic artery thrombosis after orthotopic liver transplantation (OLT). Am Surg 1996; 62: ) Mazariegos GV, O Toole K, Mieles LA, Dvorchik I, Meza M, Briassoulis G, et al. Hyperbaric oxygen therapy for hepatic artery thrombosis after liver transplantation in children. Liver Transpl Surg 1999; 5: ) Grover I, Conley L, Alzate G, Lavine J, Van Hoesen K, Khanna A. Hyperbaric oxygen therapy for hepatic artery thrombosis following liver transplantation: current concepts. Ped Transpl 2006; 10: Ossigenoterapia Safe and effective iperbarica use of Hyperbaric adiuvante Oxygen nella fascite Therapy necrotizzante estesa: caso clinico Maffi, Franchello, Ricchiuti, Romagnoli, Autori Salizzoni vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 17 23/12/

18 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre ) Castro e Silva O, Sankarankutty AK, Martinelli ALC, Souza FF, Teixeira AC, Feres O, et al. Therapeutic effect of hyperbaric oxygen in hepatic artery thrombosis and functional cholestasis after orthotopic liver transplantation. Transpl Proc 2006; 38: ) Oriani G, Marroni A, Wattel F. Handbook on Hyperbaric Medicine. Springer edition; 1996; ) Stange BJ, Glanemann M, Nuessler NC, Settmacher U, Steinmüller T, Neuhaus P. Hepatic artery thrombosis after adul orthotopic liver transplantation. Liver Transpl 2003; 9: ) Nagamine K, Kubota T, Togo S, Nagashima Y, Mori M, Shimada H. Benefical effect of hyperbaric oxygen therapy on liver regeneration after 90% hepatectomy in rats. Eur Surg Res 2004; 36: ) Ozden TA, Uzun H, Bohloli M, Toklu AS, Plaksoy M, Simsek G, et al. The effects of hyperbaric oxygen treatment on oxidant and antioxidants levels during liver re generation in rats. Tohoku J Exp Med 2004; 203: ) Kurir TT, Markotic A, Katalinic V, Bozanic D, Cikes V, Zemunic T, et al. Effect of hyperbaric oxygenation on the regeneration of the liver after partial hepatectomy in rats. Braz J Med Biol Res 2004; 37: ) Asanuma Y, Sato T, Yasui O, Kurokawa T, Royama K. Treatment for postoperative liver failure after major hepatectomy under hepatic total vascular exclusion. J Artif Organs 2003; 6: ) Liu W, Zhao W, Lu X, Zheng X, Luo C. Clinical pathological study of treatment of chronic epatitis with hyperbaric oxygenation. Chin Med J 2002; 115: ) Uwagawa T, Unemura Y, Yamazaki K. Hyperbaric oxygenation after portal vein embolization for regeneration of the predicted remnant liver. J Surg Res 2001; 100: ) Chen MF, Chen HM, Ueng SW, Shyr MH. Hyperbaric oxygen pretreatment attenuates hepatic reperfusion injury. Liver 1998; 18: ) Dubost T, Goubaux B, Duhalde M, Raucoules-Aime M, Wolkiewiez J, Gugenheim J. Use of hyperbaric oxygen for hepatic artery thrombosis following adult orthotopic liver transplantation. Eur J Anaesthesiol 2002; 19: ) Bhattacharya M, Kumar PG, Sahni TK. Hyperbaric oxygen therapy in parenchimal liver disease. J Assoc Physicians India 1996; 44: ) Ponikvar R, Buturovic J, Cizman M, Mekjavic I, Kandus A, Premru V, et al. Hyperbaric oxygenation, plasma exchange, and hemodyalisis for treatment of acute liver failure in a 3-year-old child. Artif Organs 1998; 22: ) Muralidharan, V. and Chistophi, C. Hyperbaric oxygen therapy and liver transplantation. HPB 2007; 9: ) Perry JM, Marletta MA. Effects of transition metals on nitric oxide synthase catalysis. Proc Nat Acad Sci 1998; 95: ) Wang WJ, Ho XP, Yan YL, Yan TH, Li CL. Intrasynaptosomal free calcium and nitric oxide metabolism in central nervous system oxygen toxicity. Aviat Space Environ Med 1998; 69: ) Clague MJ,Wishnok JS, Marletta MA. Formation of N- cyanoornithine from NG-Hydroxy-L-arginine and hydrogen peroxide by neuronal nitric oxide synthase: implications for mechanism. Biochemistry 1997; 36: ) Bird AD, Telfer AB. Effect of hyperbaric oxygen on limb circulation. Lancet 1965;1: ) Boerema I, Meune NG, Brummelkamp WK. Life without blood. A study of the influence of high atmospheric pressure and hypotermia on dilution of the blood. J Cardiovasc Surg 1960;1: ) Bassett BE, Bennett PB. Introduction to the physical and physiological bases of hyperbaric therapy. In: Hunt TK, Davis JC eds Hyperbaric oxygen therapy. Bethesda MD, USA,1977: ) Wong J, Zhang Y, Lee SS. Hemodinamic characterization of arterialized and non arterialized liver transplant in the rat. Can J Gastroenterol 2001;15: ) Hunt TK, Pai MP. The effect of vaying ambient oxigen tensions on wound metabolism and collagen synthesis. Surg Gynecol Obstet 1972;135: ) Hunt TK, Zederfelt B, Goldstick TK. Oxigen and healing. Am J Surg 1969;118; ) Vivarelli M, La Barba G, Cucchetti A, Lauro A, Del Gaudio M, Ravaioli M, et al. Can antiplatelet prophylaxis reduce the incidence of hepatic artery thrombosis after liver transplantation? Liver Transpl May;13(5): ) Luongo C, Francesco I, Cuzzocrea S, Filippelli A, Scafuro MA, Mangoni G, et al. Effects of hyperbaric oxigen exposure on zymosan-induced shock model. Crit Care Med 1998;26: ) Howe CW. Experimental studies on determinants of wound infection. Surg Gynecol Obstet 1966;123: ) Buras JA, Stahl GL, Svoboda KK, Reenstra WR. Hyperbaric oxygen downregulates ICAM-1 expression induced by hypoxia and hypoglycemia: the role of NOS. Am J Cell Physiol 2000; 278:C ) Tjärnström J, Holmdahl L, Falk P, Falkenberg M, Arnell P, Risberg B.. Effects of hyperbaric oxygen on expression of fibrinolytic factors of human endothelium in a simulated ischaemia/reperfusion situation. Scand J Clin Lab Invest 2001;61: ) Ferrara N. Vascular endothelial growth factor:basic science and clinical progress. Endocr Rev 2004; 25: ) Mizuguchi T, Oshima H, Imaizumi H, Kohara H, Kawamoto M, Nobuoka T, et al. Hyperbaric oxygen stimulates cell proliferation and normalizes multidrug resistance protein-2 protein localization in primary rat hepatocytes. Wound Repair Regen 2005; 13: ) Ren P, Kang Z, Gu G, Liu Y, Xu W, Tao H, Zhang JH, Sun X, Ji H. Hyperbaric oxygen preconditioning promotes angiogenesis in rat liver after partial hepatectomy. Life Sci. 2008;83: Ossigenoterapia Safe and effective iperbarica use of Hyperbaric adiuvante Oxygen nella fascite Therapy necrotizzante estesa: caso clinico Maffi, Franchello, Ricchiuti, Romagnoli, Autori Salizzoni vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 18 23/12/

19 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre Treating periodontitis: the hyperbaryc oxygen therapy may be a valid, fast, adjunct treatment alternative to antibiotics. Clinical study on 30 patients S. Spanio di Spilimbergo*, L. Ditri**, R. Squaquara*, C. Cusino*, B.B. Gharb*, P.L. Grimaldi*, C. Scarparo***, E. Padula* * Department of Maxillofacial Surgery, Regional Hospital S. Bortolo, Via Rodolfi 37, 36100, Vicenza - Italy ** Center for Hyperbaric Oxygen Therapy - O.T.I.- Torri di Quartesolo, Vicenza- Italy *** Microbiology, at the Regional Hospital S. Bortolo, Vicenza - Italy Abstract Aim. Overgrowth of anaerobic bacteria and decreased nourishment of the mucosa are two of the main causes of periodontitis. Hyperbaric Oxygen therapy (HBO) highly increases oxygen saturation in all body tissues, adversing the growth of anaerobic bacterias. This study was designed to assess the effectiveness of the HBO in the treatment of chronic periodontitis. Patients and methods - Thirty consecutive patients affected by severe periodontitis meeting the inclusion criteria and consenting to participate in the study were selected in the Outpatient Clinic of the Maxillofacial Surgery Department. Patients who refused treatment with HBO were used as the control group (10 patients). Both groups underwent manual mechanical, non- surgical, root scaling. In the experiment group, the patients completed a cycle of HBO and underwent root scaling on the day of the last HBO session. No systemic antibiotics were given. The controls received a 7 days course of systemic antibiotics (Amoxicillin/Clavulanic Acid and Metronidazole) starting the day before root scaling. Microbiological sampling from gingival pockets and clinical assessment were performed up to 78 weeks from therapy beginning. Results - In the HBO group all of the patients showed immediate macroscopic improvement of the gingival status after only three sessions of HBO therapy. Twenty-eight (90%) patients showed a good, stable clinical outcome up to the 78 weeks of follow-up. In Indirizzo per la richiesta di estratti: S. Spanio di Spilimbergo Dipartimento di Chirurgia maxillofacciale Ospedale Regionale San Bortolo Vicenza the control group, 9 patients showed the maximum clinical improvement immediately after finishing the antibiotic therapy. After 78 weeks, the clinical and microbiological outcome were comparable in both groups. Conclusions - HBO treatment proved to be as effective as antibiotics as an adjunct therapy in the management of severe periodontitis. It showed to act faster, without the possible disadvantages of the systemic antibiotic therapy. Scientific rationale for clinical practice - Infection by Gram negative and anaerobic bacteria growing in poorly nourished tissues is well recognized as the primary etiologic determinant of the periodontal disease. Hyperbaric Oxygen therapy (HBO) increasing the tissue oxygen saturation can oppose the growth of anaerobes and act as an effective therapy when added to the classical root scaling. Principal findings, and practical implications - Patients treated with HBO showed also an immediate improvement of the gingival status, after only 3 sessions. The results were comparable to those of the patients treated with antibiotics as an adjunct therapy. Keywords: periodontitis, hyperbaric oxygen therapy (HBO), antibiotics in periodontitis, anaerobic bacteria. Introduction The treatment modalities available for chronic periodontitis are traditionally surgical and non-surgical mechanical procedures, which include oral hygiene measures, scaling and root planning. However, the debate on the most effective therapy is still open among the experts. The principle predictors of the outcome seem being the depth of periodontal pockets, the degree of tissue destruction and the presence of infected root surfaces with Ossigenoterapia Treating periodontitis: iperbarica the hyperbaryc adiuvante nella oxygen fascite therapy necrotizzante estesa: caso Spanio, clinico Ditri, Squaquara, Cusino, Gharb, Grimaldi, Scarparo, Autori Padula vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 19 23/12/

20 Medicina Subacquea e Iperbarica N. 3 - Settembre concavities or furcations (1-3). The response of some patients with periodontitis to both non-surgical and surgical treatment can be poor, irrespective of the stage of disease (4, 5) and the chronic and aggressive periodontitis most of the times appears to be refractory to the clinician s best efforts. For the patients resistant to the routine mechanical therapy, the putative microrganisms and the antibiotic sensitivities of these pathogens should be looked for (5, 6) as systemic antibiotics have proved to enhance the cure rate for some of the more aggressive forms of periodontitis. (3, 7-10) However, the empirical use of large-spectrum antibiotics is efficient in up to 80% of the cases (7, 10) and the reliability of the bacterial cultures is not absolute (6). Finally, these antibiotics can produce resistance in the microorganisms and cause adverse reactions in the patients (10). Considering all of the above mentioned issues, we started to consider substitutive treatments to antibiotics. These alternatives should have been as efficient as antibiotics, without increasing the biological and economic costs. As the causative agents of the active disease are reputed being facultative anaerobes bacterias, like Actinobacillus Actinomycetemcomitans and Porphyromonas Gingi valis (11, 12) we decided to employ Hyperbaric Oxygen Thearpy (HBO) in the treatment periodontitis. HBO increasing the oxygen saturation in all body tissues (13-23) including mucosae (13, 17, 18, 22, 24) has an adverse effect on the growth of anaerobic bacterias (22, 24). During a previous clinical experience (13)- from we had already witnessed a favourable effect of the HBO on the gingival status of patients affected by osteoradionecrosis and post-radiation infections, who were also affected by generalized periodontitis. In this patient population, 67 patients (79,76%) experienced (13) a quite complete healing of periodontitis for more than 1 year period, while 17 patients (20,23%) showed a mild improvement. In the literature, we found only two papers which report the use of HBO in treating periodontitis (17, 18). Both papers described good results. We decided to perform the present study on efficacy of HBO in treating just severe generalized periodontitis, in cases without other concomitant diseases and to evaluate its effects compared to the outcome of a control group of patients who underwent systemic and local antibiotic therapy. Materials and methods A prospective study was designed to assess the effectiveness of HBO and root scaling compared to systemic antibiotic therapy and root scaling in the management of chronic periodontitis. The protocol of the study was approved by the Institutional Review Board (IRB) of our hospital and written fully informed consent was obtained from the patients prior to the treatment. Diagnosis and staging of severe chronic periodontitis were made based on history and clinical examination according to the criteria of the American Society of Periodontology.. Patient who had received previous treatments were excluded. Patients who refused the treatment with HBO formed the control group. Between January 2006 and November 2006, 30 consecutive patients were were enrolled in the present study. These 30 patients underwent Hyperbaric Oxygen therapy (HBO), as part of the treatment of periodontitis: there were 27 men and 13 women; the age ranged between 25 and 68 years (average age 45 years). The average followup was 15 months. Eight patients were smokers, smoking less than 10 cigarettes daily. The control group consisted of 10 patients: 6 males and 4 females; the age ranged between 36 and 51 years (average age 42 years). Three patients were smokers. Mainly these patients refused HBO therapy because they cannot afford to lose working days. All patients, HBO group and control group, presented with generalised periodontitis. All the occlusion interferences were eliminated before starting any treatment. No patients had received antibiotic therapy within the previous 4 weeks. The symptoms included: bleeding or suppuration on probing, with a probing depth of 6 mm. The teeth showing mobility have been splinted to the adjacent teeth just before starting the root scaling. Both groups underwent the same kind of manual mechanical, non-surgical, root scaling. In the HBO group, the root scaling was started on the day of the last HBO session. In the control group, the patients were given Amoxicillin/Clavulanic acid (1 g three times daily) and Metronidazole (200 mg once daily) from the day before the scaling for one week. Moreover, the patients were given two applications of 25% Metronidazole gel in all sites with probing depths more than 4 mm for 15 days. HBO therapy was performed according to the following protocol: 10 preoperative sessions, one session daily; exposure to pure oxygen pressure (2,5 Atmosphere = 15 meters of sea water) for 90 minutes in each session. The patients were treated in a multiplace chamber (Galeazzi, Milano-Italy) where 8-10 people can be seated. The chamber was compressed with air, and the patients breathed 100% oxygen through tightly fitting masks. After the root scaling, all patients (HBO and control group patients) were instructed about maintaining oral hygiene and they were summoned every two months for plaque control. The first visit and the following probing tests were performed by the same investigator and by another of the authors. X-rays of the tested teeth were taken at the time of the clinical examination. The examination (25) was performed in the same way in the HBO group and in the control group: on the same two teeth, chosen during the first visit, for each oral quadrant. Four sites for each tooth Ossigenoterapia Treating periodontitis: iperbarica the hyperbaryc adiuvante nella oxygen fascite therapy necrotizzante estesa: caso Spanio, clinico Ditri, Squaquara, Cusino, Gharb, Grimaldi, Scarparo, Autori Padula vari Simsi rivista 3 09 imp.indd 20 23/12/

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA)

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Percorso Sepsi Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Giulio Toccafondi Centro Gestione Rischio Clinico,

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Torino 15-17 novembre 2012

Torino 15-17 novembre 2012 Programma scientifico preliminare Torino 15-17 novembre 2012 Centro Congressi Curia Metropolitana Cari amici e colleghi, sono orgoglioso di annunciarvi che il prossimo congresso nazionale della Società

Dettagli

Allegato al D.R. N. 943 del 28.09.2010 Università G. d Annunzio Chieti-Pescara Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze e Imaging

Allegato al D.R. N. 943 del 28.09.2010 Università G. d Annunzio Chieti-Pescara Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze e Imaging Allegato al D.R. N. 943 del 28.09.2010 Università G. d Annunzio Chieti-Pescara Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze e Imaging MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN : ASSISTENZA

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PREVENA

SCHEDA PRODOTTO PREVENA NOME COMMERCIALE NOME GENERICO PRODUTTORE FORNITORE INDICAZIONE D USO INTERVENTO DI RIFERIMENTO SCHEDA PRODOTTO PREVENA Sistema di gestione delle incisioni con medicazione KCL KCL Il sistema di gestione

Dettagli

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O.

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Il supporto del chirurgo generale Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Treviglio Rispettando il principio del trattamento guidato dai

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome Lorenzo Emmi Francesca Chiarini Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Autoimmuni Sistemiche

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI DALMASSO Anna Maria Cuneo Azienda Ospedaliera S.Croce e Carle Cuneo Audit clinico: marzo- giugno 2013 Le ulcere cutanee infette inquadramento diagnostico

Dettagli

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative Allegato al n. 4 2008 DI CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana Società Italiana BANDO DI CONCORSO NAZIONALE PER L ASSEGNAZIONE DI DUE PREMI PER ARTICOLI SCIENTIFICI SUL TEMA L APPROCCIO

Dettagli

ELENCO MODERATORI E RELATORI

ELENCO MODERATORI E RELATORI ELENCO MODERATORI E RELATORI Bosco D. (Padova) Brauzzi M. (Milano) Brianti E. Parma Caberti L. (Vaio, Parma) Camporesi E.M. (Tampa, FL, USA) Cantadori L. (Vaio, Parma) Ditri L. (Vicenza) Fabi M. (Parma)

Dettagli

CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI

CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI Il sottoscritto dr. Stefano Colucci, nato a Napoli il 20/02/1963, e residente in Fontana Liri (FR), V.le XXIX Maggio 26, dichiara il seguente curriculum vitae:

Dettagli

L ERRORE. Giorgio Minoli : Ospedale Valduce COMO

L ERRORE. Giorgio Minoli : Ospedale Valduce COMO L ERRORE Giorgio Minoli : Ospedale Valduce COMO DEFINIZIONE Danno o disagio imputabile alle cure mediche (prestate durante un periodo di degenza) che causa un prolungamento della degenza, un peggioramento

Dettagli

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Carlo Feo Sezione e U.O. di Chirurgia Generale Università degli Studi di Ferrara Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara Introduzione Costituzione di

Dettagli

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Creata nel 1977 Per la Verifica di Qualità delle cure - Per lo Studio della Medicina Interdisciplinare SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico

Dettagli

Italian Journal Of Legal Medicine

Italian Journal Of Legal Medicine Versione On Line: ISSN 2281-8987 Italian Journal Of Legal Medicine Volume 1, Number 1. December 2012 Editore: Centro Medico Legale SRL - Sede Legale: Viale Brigata Bisagno 14/21 sc D 16121 GENOVA C.F./P.IVA/n.

Dettagli

NOMENCLATURA E MODALITA DI SEGNALAZIONE

NOMENCLATURA E MODALITA DI SEGNALAZIONE REAZIONI ED EVENTI AVVERSI: NOMENCLATURA E MODALITA DI SEGNALAZIONE Alberto Bosi Cattedra di Ematologia Università degli Studi di Firenze CONVEGNO AIRT 2013 BOLOGNA 13 APRILE 2013 DOVERE DI NOTIFICA Decreto

Dettagli

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v :

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v : Corso Lesione da Pressione Ottobre-Dicembre 2012 Regione Toscana Azienda USL n.3 Pistoia Assistenza Infermieristica nella Prevenzione e trattamento delle LDP Premessa: La prevenzione e il trattamento delle

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

Deep. Cavitation Radio Frequency

Deep. Cavitation Radio Frequency La Cavitazione-Radiofrequenza, è un apparecchiatura medicale non invasiva per il dimagrimento e rimodellamento corporeo. unisce in un unico trattamento due tecnologie (Cavitazione e Radiofrequenza) e trasferisce

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE D Alicandro G, Infascelli R M, Aprea G, Silvestro M, Iuliano P SC di Anestesia, Rianimazione e Terapia Iperbarica A.O. Santobono-Pausilipon

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 IMPEGNO NOVARTIS 2 CONSIDERAZIONI INIZIALI In Italia l impegno nella «terapia farmacologica

Dettagli

IMPLACLEAN IL DENTIFRICIO AMICO DEGLI IMPIANTI

IMPLACLEAN IL DENTIFRICIO AMICO DEGLI IMPIANTI IMPLACLEAN IL DENTIFRICIO AMICO DEGLI IMPIANTI sicuro per protesi su impianti dentali tecnologia unica ad ossigeno attivo anionico contiene lattoferrina bassa concentrazione di fluoruro ph neutro non abrasivo

Dettagli

STUDIO SUL FABBISOGNO DI CELLULE E TESSUTI NEL LAZIO E SULLA FATTIBILITÀ DI UN LABORATORIO GMP (GOOD MANUFACTURING PRACTICE) A ROMA.

STUDIO SUL FABBISOGNO DI CELLULE E TESSUTI NEL LAZIO E SULLA FATTIBILITÀ DI UN LABORATORIO GMP (GOOD MANUFACTURING PRACTICE) A ROMA. STUDIO SUL FABBISOGNO DI CELLULE E TESSUTI NEL LAZIO E SULLA FATTIBILITÀ DI UN LABORATORIO GMP (GOOD MANUFACTURING PRACTICE) A ROMA Sintesi Roma, 25 luglio 2013 Con l espressione Medicina Rigenerativa

Dettagli

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Breast Unit Città della Salute e della Scienza-Torino

Dettagli

ASL 3 Genovese Via Bertani 4 16125 Genova

ASL 3 Genovese Via Bertani 4 16125 Genova ASL 3 Genovese Via Bertani 4 16125 Genova CURRICULUM VITAE DOTT. Bersini Mauro INFORMAZIONI PERSONALI Nome BERSINI MAURO Data di nascita 19/05/1946 Qualifica MEDICO CHIRURGO Amministrazione ASL 3 GENOVESE

Dettagli

SIT Sistema Informativo Trapianti

SIT Sistema Informativo Trapianti VII SESSIONE I risultati dei trapianti risultano uniformi in Italia ma ogni regione ha sviluppato modelli organizzativi diversi e centri di trapianto eterogenei per caratteristiche e volumi di attività:

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica:

La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica: Norme per gli autori La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica: articoli (ricerche originali); contributi (revisioni della letteratura, messe a punto

Dettagli

Medicazioni a pressione negativa: Proposta di un registro regionale. L. Traldi & P.L. Ipponi

Medicazioni a pressione negativa: Proposta di un registro regionale. L. Traldi & P.L. Ipponi Medicazioni a pressione negativa: Proposta di un registro regionale L. Traldi & P.L. Ipponi DO YOU SPEAK NEGATIVE PRESSURE WOUND THERAPY LANGUAGE POTENZIALITÀ DELLA NPWT IN CHIRURGIA GENERALE: TRA EVIDENZA

Dettagli

La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici

La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici Ordine degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici Dott. Ing. Luca Radice Presidente commissione Bioingegneria Ordine Ingegneri

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE

La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE Pietro Vecchiarelli U.O.C. Rianimazione Ospedale Belcolle- AUSL Viterbo Viterbo 1 La Malnutrizione ha un impatto

Dettagli

SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores

SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores SMI permette in alcuni casi non usare il contrasto per via endovenosa e determinare un vantaggio significativo per

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

Introduzione alla Crush Syndrome

Introduzione alla Crush Syndrome Introduzione alla Crush Syndrome Prof. Paolo Zuccoli Primario Anestesia e Rianimazione Un po di storia Prima citazione nella letteratura tedesca nel 1909 Citazioni nella letteratura bellica medica britannica

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Obiettivi La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio Italian Journal of Laboratory Medicine pubblica articoli in lingua italiana o inglese, su argomenti clinici, sperimentali

Dettagli

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi Riv. It. Ost. Gin. - 2007 - Vol. 14 - Organizzazione di una Breast Unit: L esempio della Campania S. Burlizzi pag. 660 Organizzazione di una breast unit: l esempio della Campania Stefano Burlizzi Unità

Dettagli

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski.

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Autori: Amato G., Madeyski P. Babbo G.A., Bartelloni A. Casa di cura Sileno e Anna Rizzola. S. Donà di Piave

Dettagli

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Riflessioni etiche e professionali Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Progressi nella scienza e ricerca miglior cura delle malattie allungamento della vita miglioramento qualità

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

ASP PALERMO. in relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69 INFORMAZIONI PERSONALI

ASP PALERMO. in relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69 INFORMAZIONI PERSONALI in relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69 ASP PALERMO INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome MILIA Mario Data di nascita Palermo, 18 Maggio 1956 Posto di lavoro

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

Le infezioni dei Tessuti Molli a rapida evoluzione. Gestione di Pronto Soccorso

Le infezioni dei Tessuti Molli a rapida evoluzione. Gestione di Pronto Soccorso Le infezioni dei Tessuti Molli a rapida evoluzione Gestione di Pronto Soccorso Infezioni dei tessuti molli Rapidità/Gravità dell evoluzione Caso clinico (donna di 32 anni senza precedenti problemi di salute)

Dettagli

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L'AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Marzo 2011 Restrizione dell indicazione terapeutica della specialità medicinale ZERIT

Dettagli

INFEZIONI DEI TESSUTI MOLLI E INFEZIONI OSSEE

INFEZIONI DEI TESSUTI MOLLI E INFEZIONI OSSEE Istituto Iperbarico di Bolzano INFEZIONI DEI TESSUTI MOLLI E INFEZIONI OSSEE Esperienze a confronto per un approccio multidisciplinare e coordinato 30 SETTEMBRE 2010 CENTRO CONGRESSI HOTEL FOUR POINTS

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

CHIRURGIA IMPLANTARE

CHIRURGIA IMPLANTARE corso base di CHIRURGIA IMPLANTARE pratico-clinico su pazienti dott. Christian BACCI dott. Filippo CARLI dott. Nicola LUCCHIARI dott. Gastone ZANETTE previsti 50 crediti 18-19 marzo 15-16 aprile 20-21

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 17/02/1979 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell Ufficio/U.O./Servizio

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE. Data di nascita 26/06/1959 Qualifica

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE. Data di nascita 26/06/1959 Qualifica MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome AMATO TOMMASO Data di nascita 26/06/1959 Qualifica Dirigente medico I livello a rapporto esclusivo Chirurgia Generale Ospedale San

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Dirigente - U.O. di Anestesia e Rianimazione

Dirigente - U.O. di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Lattante Caterina Data di nascita 06/04/1975 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente medico I livello AZIENDA OSPEDALIERA 'S. MARIA'

Dettagli

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE Pasquale Mosella Presidente AssoDiagnostici Roma, 16 aprile 2015 IL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE IN ITALIA Numero Totale di posti letto * 242.299 Posti per

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

L importanza della diagnosi precoce in età pediatrica E PIOZZI

L importanza della diagnosi precoce in età pediatrica E PIOZZI L importanza della diagnosi precoce in età pediatrica E PIOZZI ETA Pediatrica L età pediatrica comprende la fascia 018 anni In termini oftalmologici la diagnosi precoce riduce la fascia ideale per la diagnosi

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

La terapia amputativa

La terapia amputativa Sesto San Giovanni 27.01.2006 IX Giornata Milanese di Chirurgia della Mano Il Piede Diabetico Ischemico La terapia amputativa Dott. Giacomo Clerici Policlinico MultiMedica UO per la Prevenzione e la Cura

Dettagli

SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY

SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY SUHMS SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY INCIDENTE SUBACQUEO Valutazione e terapia per medici d urgenza e pronto soccorso RACCOMANDAZIONI 2012-2015 DELLA SOCIETÀ SVIZZERA DI MEDICINA SUBACQUEA

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Wound management with modernity and innovation IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus

Dettagli

Le infezioni dei presidi elettronici intracardiaci (CIED) Sagone Antonio MD E.P. Lab. H. L. Sacco Milano

Le infezioni dei presidi elettronici intracardiaci (CIED) Sagone Antonio MD E.P. Lab. H. L. Sacco Milano Le infezioni dei presidi elettronici intracardiaci (CIED) Sagone Antonio MD E.P. Lab. H. L. Sacco Milano Le infezioni nei presidi elettronici intracardiaci A livello mondiale, si contano circa 3.25 milioni

Dettagli

Diploma di Epatologia presso la British Post Graduate Medica Federation di Londra, UK

Diploma di Epatologia presso la British Post Graduate Medica Federation di Londra, UK Maurizio d Aquino Curriculum dell attività clinica organizzativa e scientifica 1978 Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Padova - Titolo

Dettagli

Allegato 1: Elenco delle Pubblicazioni Scientifiche Pagina 1 di 5. Lavori in estenso

Allegato 1: Elenco delle Pubblicazioni Scientifiche Pagina 1 di 5. Lavori in estenso Allegato 1: Elenco delle Pubblicazioni Scientifiche Pagina 1 di 5 Lavori in estenso 1) T. Bachetti, L. Comini, S. Curello, D. Bastianon, F. Callea, R. ARGINASE PATHWAY IN HUMAN ENDOTHELIAL CELLS IN PATHOPHYSIOLOGIC

Dettagli

Dipartimento di Oncologia direttore dr. Gianpiero Fasola

Dipartimento di Oncologia direttore dr. Gianpiero Fasola Dipartimento di Oncologia direttore dr. Gianpiero Fasola Misurare la qualità e la sicurezza dei pazienti adottando i percorsi clinici: l'esperienza dell'azienda Ospedaliero- Universitaria S. Maria della

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia

La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia Mangiarsi la malattia Pisa 11 Ottobre 2014 La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia Prof. Stefano Bombardieri Unità Operativa di Reumatologia Universitaria Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

Terapie ablative locali dell HCC

Terapie ablative locali dell HCC 1 Terapie ablative locali dell HCC V. Arienti, L. Baldini, S. Pretolani Centro di Ricerca e Formazione in Ecografia Internistica ed Interventistica Divisione di Medicina Interna - Ospedale Maggiore Bologna

Dettagli

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS)

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) In Italia, ogni anno, si stimano 14.700 casi di CIN 2/3 e 47.000 CIN1 È INDICATO:

Dettagli

Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile

Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile VII Congresso Regionale A.N.I.M.O. Napoli 10 Aprile 2014 Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile Relatore Dott.ssa Marilù CIRILLO CLOSTRIDIUM DIFFICILE (CD) Batterio Gram Positivo

Dettagli

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire la possibilità di donare tale sangue per uso allogenico

Dettagli

Ilaria Lista C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M

Ilaria Lista C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M Ilaria Lista C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M 1998: 2002: 2003: TITOLI DI STUDIO si iscrive all'istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Durante il corso di studi è eletta

Dettagli

1,8 2,6 (vn > Ossigeno: Fonte di Benessere nella Romagna Wellness Valley. Pasquale Longobardi

1,8 2,6 (vn > Ossigeno: Fonte di Benessere nella Romagna Wellness Valley. Pasquale Longobardi Ossigeno: Fonte di Benessere nella Romagna Wellness Valley Pasquale Longobardi Direttore sanitario Centro Iperbarico Ravenna; Ricercatore affiliato Istituto Scienze per la Vita - Scuola Superiore S. Anna

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO Alfredo Guarino Outline della presentazione Dimensioni del problema Cause e conseguenze dell uso inappropriato di antibiotici Strategie per la razionalizzazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La tesi di Laurea è parte integrante e conclusiva del percorso formativo dello studente.

Dettagli

Nuove regole per il trattamento dei pazienti critici in Italia

Nuove regole per il trattamento dei pazienti critici in Italia Intensive Care Med (2004) 3:239-240 Ed. Italiana Pubblicato online il 15 Giugno 2004 Springer-Verlag 2004 N. Zamperetti G. Conti Nuove regole per il trattamento dei pazienti critici in Italia N. Zamperetti

Dettagli

La DCS in donne che praticano attivita subacquea

La DCS in donne che praticano attivita subacquea La DCS in donne che praticano attivita subacquea G.VIVONA,G.PESCATORE,G.CICCARELLI,P.DE LUCA,V.MAZZA Università degli Studi di Napoli Federico II Area Funzionale di Anestesia Rianimazione e Terapia Iperbarica

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus et in cute NUOVE

Dettagli

Clostridium perfrigens

Clostridium perfrigens Clostridi Bacilli G+, mobili, raramente capsulati. producono spore con diametro maggiore di quello batterico Anaerobi obbligati, non hanno citocromi e catalasi, producono ATP fermentando zuccheri o aminoacidi.

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I

ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I MODELLO INFORMATIVO Informazioni relative all intervento di ESPIANTO/ESTRAZIONE DI PACEMAKER (PM)-DEFIBRILLATORE (ICD)/ELETTROCATETERE-I Io sottoscritto/a nato/a. il. dichiaro di essere stato/a informato/a

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria Nicola Principi Principali cefalosporine orali Farmaco

Dettagli

UN CASO DI PIEDE DIABETICO

UN CASO DI PIEDE DIABETICO UN CASO DI PIEDE DIABETICO DATI ANAMNESTICI DIABETE MELLITO DALL ETA DI 45 ANNI IPERTENSIONE ARTERIOSA DALL ETA DI 45 ANNI DISLIPIDEMIA TIPO IV INTERVENTO DI ANGIOPLASTICA CORONARICA A 49 ANNI RETINOPATIA

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D.

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D. CURRICULUM VITAE Ariela Benigni Biol.Sci.D., Ph.D. Dati Personali: Nome: Ariela Benigni Data e luogo di nascita: 16 Dicembre, 1955 - Bergamo Cittadinanza: Italiana Tel. 035 42131 E-mail: ariela.benigni@marionegri.it

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli