PERCORSI INFERMIERISTICI IN EMERGENZA/URGENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSI INFERMIERISTICI IN EMERGENZA/URGENZA"

Transcript

1 PERCORSI INFERMIERISTICI IN EMERGENZA/URGENZA Dott. Maurizio Pocaforza Infermiere, DEU Az. Osp. Reggio Emilia Relazione dell intervento al Convegno Nazionale SIMEU - Rimini, 19 novembre Molto spesso si sente parlare di percorsi infermieristici, specie nell ambito dell emergenza urgenza: quello che si fa in ambulanza, quanto l infermiere attiva dal bancone del triage, altro ancora su percorsi assistenziali intraospedalieri, etc. Davvero molte iniziative. Non voglio pertanto, con queste righe, annoiarvi oltre condensando in un Bignami queste esperienze, ne ribadendo le solite notizie. Decido quindi di proporre una meta-riflessione sull argomento, cercando di fare un salto e guardare dall alto questo panorama, con un ottica che provi a stimolare la riflessione culturale in tutta la comunità professionale. Quando mi chiesero di parlare di percorsi infermieristici nel DEU accettai con entusiasmo. Bell argomento! Quante cose da dire!! Da dove comincerò?! Mi misi a tavolino a cercare di riorganizzare le idee e mi posi la domanda: quali sono i percorsi dove un infermiere può iniziare e finire da solo la sua opera, in completa autonomia? Sembrava facile fino ad un minuto prima ma improvvisamente... Il vuoto. Le risposte non arrivavano o comunque non mi soddisfacevano... E poi, dopo un po di tempo... Ecco! Ci sono! L ho trovato! Ho un punto di partenza perfetto! L unico vero e genuino percorso infermieristico del Dipartimento Emergenza Urgenza è... quello che ogni giorno mi porta dagli spogliatoi al bancone di triage! Sono effettivamente da solo, posso prendere le decisioni che voglio (se passare dal bar o direttamente in reparto), se fare il furbo e timbrare prima per rubare qualche minuto (e poi risponderne, ovviamente), se prendere l ascensore oppure le ripide scale etc etc... Sono anche orgoglioso di questa mia autonomia e mi fa sentire un vero professionista! Poi, appena giro dietro al bancone di triage, effettivamente qualcosa cambia e il gioco si rompe... 1

2 Battuta a parte, che però nasconde un fondo di pungente verità, mi guardo un po in giro ed effettivamente scopro alcune cose interessanti: qualche germoglio sboccia. Numerose esperienze, sia nel pre- che nell intraospedaliero, volgono a dare all infermiere qualche autonomia ; percorsi parziali (triage avanzati o post triage ), altri percorsi più vasti ma vigilati (con firma del medico al termine) e tanto altro ancora. Certamente ottimi segnali ma, a pensarci bene, non vorrei che finissero per divenire un po dei surrogati di una vera autonomia. Effettivamente tante di quelle cose le abbiamo sempre fatte ma di nascosto, senza firmarle ben venga quindi la possibilità, per esempio, di reperire un accesso venoso periferico ad un paziente dopo aver fatto triage e fare due esami ematici... ma mi aspetterei qualcosa di più! Insisto, quindi, e divento un po pretenzioso... ma vediamo cosa succede a scatenare così la mia curiosità! Voglio qualcosa di davvero infermieristico, dalla I alla O!. Arriva nel frattempo (finalmente) la bomba del see and treat toscano (con tutto il corteo di polemiche e vicende giudiziarie ben noto) ma non vorrei parlarne qui (un po per scaramanzia e un po perché ne sapete più di me). Cercherò quindi di andare oltre e darvi ulteriori stimoli in merito. Come dicevo, in casa trovo materiale poco convincente e decido di aprire la finestra e mi chiedo: esistono dei percorsi in emergenza/urgenza nei quali gli infermieri possono davvero accompagnare in autonomia il paziente verso la risoluzione di un suo problema di salute? Mi sporgo quindi dalla finestra, tiro su lo sguardo ed in un secondo trovo mille risposte! Incredibile Ce ne sono di queste esperienze fuori da nostro Paese, eccome! Sono partiti i paesi anglosassoni (come al solito...) nei primi ani 90 Per darvi un idea più precisa cito solo un dato ma esemplare: negli Stati Uniti i pazienti degli ED (Emergency Department) gestiti in questi percorsi erano 5.2 milioni nel 1997 (il 5.5% di tutti quelli dell ED) per divenire 15.2 milioni nel 2006 (12.7% del totale). Pertanto gli ED con tali percorsi salirono dal 28.3% in 1997 al 77.2% nel Nello specifico gli esempi sono davvero tanti: cito i percorsi cardiologici, le richieste di indagini radiologiche, i percorsi per le coliche renali, per arrivare a prescrizioni farmacologiche e tanto altro ancora... 2

3 Inevitabile chiedersi cosa c è di diverso?! Perché se in Italia è così difficile anche solo ipotizzare certe cose, nel resto del Mondo c è invece così abbondanza?! Approfondisco ancora l argomento alla ricerca di una risposta ed eccola qua! Questi non sono infermieri tradizionali (permettetemi il termine) bensì professionisti, sempre infermieri, ma con qualcosa in più! Questi signori hanno semplicemente inventato un gradino intermedio fra le figure classiche del medico e l infermiere. C è chi, f r a d i n o i, l o v u o l e d e fi n i r e provocatoriamente un piccolo medico ma io sono fra quelli che lo definiscono orgogliosamente un grande infermiere. Sarà questione di forma ma a mio avviso la discussione è ben più seria e va affrontata con lucidità, onestà e competenza. Più in generale, tralasciando le varie denominazioni e differenze specifiche di ogni sistema (Nurse Practitioner, Advanced Practice Nurse, Physician Assistant...), questi professionisti sono definiti MIDLEVEL PROVIDERS (fornitori di livelli intermedi, se mi passate la traduzione letterale, ma solo per essere più chiari). Non mi accontento ancora perché mi chiedo se in realtà funzioneranno. Spesso discutiamo pretenziosamente sulle nostre opinioni ma qua si parla invece di dati, di fatti e quindi non c è molto spazio per ulteriori chiacchiere da bar. Guardo, come dicevo, ancora meglio nel dettaglio e anche stavolta resto sorpreso. Dimostrano grandi performance: un alta qualità ad una garantita sicurezza. Stesse performance addirittura su molti ambiti specialistici (per esempio, cito l identica appropriatezza nella richiesta di indagini radiologiche). Ma, soprattutto, stessi outcomes sui pazienti. Interessanti, infine, anche gli studi che mostrano gli stessi errori commessi! Concludo serenamente che, nel panorama occidentale, il vero protagonista di questi efficientissimi percorsi infermieristici è quindi questo ENP (Emergency 3

4 Nurse Practitioner, per lo più si trova questo nome, poi esistono altre tipizzazioni) Grande idea che hanno avuto!!! S e d o i n f r e t t a l e n t u s i a s m o e torno a guardarmi in casa... Ma noi quindi?! Che succede da n o i? C h e aspettiamo, viene da dire? Questi hanno anche già dibattuto a lungo dell impatto di queste scelte a distanza di 10/20 anni e noi siamo ancora qui a girarci intorno con circospezione! Come facciamo a parlare, nel 2010, di PERCORSI INFERMIERISTICI se continuiamo a tenere le nostre grandi idee rinchiuse in una bolla d acciaio?! Mi appare quasi ridicolo, a volte, sentire di certe elucubrazioni pindariche per cercare scappatoie organizzative e legali volte a partorire dei mezzi lavori che lasciano forse più amaro in bocca che un reale cambiamento in termini di qualità nei nostri sitemi. Con l attuale stato delle cose, il percorso al quale ambire rischia di restare davvero poco più che quello che dagli spogliatoi ci porta al triage dei Pronto Soccorso... Sulla strada, in realtà, forse un pertugio stavolta si sta aprendo Ma come fare, quindi, alla vigilia di un momento così straordinario, a portare a casa un buon risultato? 4

5 Realizzarlo è certamente un puzzle complicato ma la strada vincente per il cambiamento passa inevitabilmente da due capisaldi: le REGOLE e le AZIONI. Poi, una volta chiarito ciò, i singoli percorsi infermieristici si delineeranno in ogni realtà, secondo le specifiche necessità e ispirandosi ad un modello piuttosto che ad un altro. Ma la VISION con cui si deve iniziare questo gioco è fondamentale. Innanzitutto le REGOLE. Mancano ancora le fonti alte, superiori (e scusate se è poco!); non abbiamo, ad oggi, leggi nazionali e regionali (a parte i soliti noti fuori dal coro e tanto dibattuti) che permettano questa espansione. L infermiere, di contro, è pronto: via il mansionario da molti anni (ormai anacronistico anche parlarne), una formazione post base che sta sfornando squadroni di professionisti competenti e molto motivati, una mentalità di apertura a queste strade che si diffonde sempre più fra gli infermieri, anche i più scettici. Mi fermo qui. Il dibattito in merito agli aspetti regolamentatori su tutto ciò è molto forte ed aspro in questi giorni e non entro volutamente oltre nel merito. Le AZIONI. Una volta chiare le regole, si deve disegnare con precisione questo nuovo protagonista, senza ambiguità e con coraggio. E qui mi sale dal profondo dell animo il solito timore... Ma siamo davvero tutti d accordo, noi infermieri, sul fatto che sia ora di creare un professionista dedicato a questi percorsi? Non ne sarei così convinto... Io ho paura che, quando ci saranno da decidere le regole d ingaggio, si scatenerà il solito putiferio fratricida Da veri maestri, da sempre, del divide et impera (nell accezione masochista del noi ci dividiamo e gli atri ìmperano...) non sarebbe una sorpresa scoprire anche stavolta di avere i nemici più acerrimi in casa ma spero, stavolta, di sbagliarmi. Dobbiamo accettare questo inevitabile cambiamento e sostenerlo con tutte le nostre forze! Come ogni buon sistema di qualità, al termine del processo, si misurerà il risultato e si discuterà del nuovo futuro. 5

6 Chi si schiera contro a questo imminente cambiamento, sostiene che, con queste nuove soluzioni, si creerebbe il caos... A me sembra lapalissiano sostenere invece che, con più efficienza, si può solo generare ordine in un caos che invece già esiste e ci si ostina a spazzare sotto il tappeto tutti i giorni!! Disse Anthony Burgess che quando il nostro modo di pensare e di sentire, e soprattutto il nostro sistema nervoso rifiutano certe innovazioni, vuol dire che il futuro è arrivato e che ciò che si deve fare è mettersi al passo con esso. Penso che questa citazione descriva bene la sensazione che opprime certi commentatori che, invece che mettersi al passo preferiscono arroccarsi su arroganti prese di posizione completamente fuori luogo. Tutto questo caos (interno ed esterno) non è dettato altro che da paura ed interessi personali. Non c è altra scusa che regga! E il momento di avere coraggio. Chi vogliamo che sia l infermiere del futuro dell emergenza/urgenza? Se vogliamo davvero pensare al futuro spazziamo via gli stereotipi e osiamo. Tutto passa dalla volontà di innovare e per farlo ci vuole coraggio (oltre ad onestà intellettuale). Siamo arrivati, signori. Non c è ancora molto tempo per discutere, né per lamentarsi. E il nostro turno. I veri percorsi i n f e r m i e r i s t i c i saranno vincolati a d u n n u o v o p r o t a g o n i s t a, o v v i a m e n t e infermiere. Questo futuro 6

7 dipenderà dall onestà e dal coraggio che oggi TUTTI (infermieri e non) riusciremo a mettere in gioco. Vi saluto con uno speciale e personale in bocca al lupo al lavoro che hanno iniziato i colleghi toscani, ai quali va tutta la mia attenzione, stima e solidarietà. 7

8 BIBLIOGRAFIA CONSULTATA American Academy of Nurse Practitioner. (2010). Nurse Practitioner Facts. Austin: AANP. American Academy of Nurse Practitioner. (2010). Quality of Nurse Practitioner practice. Austin: AANP. Andreucci, A., Colamaria, N., Picchi, N., & Merola, A. (2010). Da "attesa passiva" ad "attesa attiva": il modello "triage Clinico Avanzato". XXIX congresso nazionale ANIARTI. RImini: ANIARTI. Benci, L. (2010, 09 03). See and Treat, diritto di infermiere. Il Sole 24 ore Sanità, Cherry, M. (2005). A nurse led fast track service for patients with renal colic. Emergency Nurse, 13 (8), Cole, A., & Shanley, E. (1998). Complementary therapies as a means of developing the scope of professional nursing practice. Journal of Advanced Nursing, 27 (6), Considine, J., Martin, R., DeVilliers, S., Winter, C., & Jenkins, J. (2006). Emergency nurse practitioner care and emergency department patient flow: Case control study. Emergency Medicine Australasia, 18 (4), Curtin, E. (2010). Development of the role of Advanced Nurse Practitioner in Emergency Cardiology. Tratto il giorno 25/11/2010 da The National Council for the Professional Development of Nursing and Midwifery: %20V%208Nov%20ANP%20Masterclass.ppt Cooper, M., Lindsay, G., Kinn, S., & Swann, I. (2002). Evaluating emergency nurse practitioner service: a randomized controlled trial. Journal of Advanced Nursing, 40 (6), Davies Gray, M. (2003). Nurse led fast track for vulnerable older people. Emergency Nurse, 11 (5), Davies Gray, M. (2005). Nurse-led fast track for the frail aged through the emergency department. Australasian Emergency Nursing Journal, 8 (3), 110. Drummond, A. J., & Bingley, M. (2003). Nurse practitioners in the emergency department: a discussion paper. Canadian Journal of Emergency Medicine, 5 (4), Elliot, D., Aitken, L., & Chaboyer, W. (2007). Critical Care Nursing. Marrickville, Australia: Elsevier Australia. Fan, J., & Woolfrey, K. (2006). The effect of triage-applied Ottawa Ankle Rules on the length of stay in a Canadian urgent care department: a randomized controlled trial. Academic Emergency Medicine, 13 (2), Health Service Executive. (2009). A Guiding Framework for the Implementation of Nurse Prescribing of Medical Ionising Radiation (X-Ra. Dublin: HSE. Heltoft, G. (2009). Nurse-led emergency clinic provides high quality care. Danish Journal of Nursing, 109 (4), Hudson, P., & Marshall, A. (2008). Extending the nursing role in emergency departments: challenges for Australia. Australasian Emergency Nursing Journal, 11 (1),

9 Jennings, N., Lee, G., Chao, K., & Keating, S. (2009). A survey of patient satisfaction in a metropolitan Emergency Department: comparing nurse practitioners and emergency physicians. International journal of nursing practice, 15 (3), Jennings, N., O'Reilly, G., Lee, G., Cameron, P., Free, B., & Bailey, M. (2008). Evaluating outcomes of the emergency nurse practitioner role in a major urban emergency department, Melbourne, Australia. Journal of clinical nursing, 17 (8), Lockwood, E., & Fealy, G. (2008). Nurse prescribing as an aspect of future role expansion: the views of Irish clinical nurse specialists. Journal of Nursing Management, 16 (7), Marshall, J., Edwards, C., & Lambert, M. (1997). Administration of medicines by emergency nurse practitioners according to protocols in an accident and emergency department. Journal of accident & emergency medicine, 14 (4), Mason, S., Coleman, P., O Keeffe, C., Ratcliffe, J., & Nicholl, J. (2006). The evolution of the emergency care practitioner role in England: experiences and impact. Emergency Medical Journal (23), Menchine, M. D., Wiechmann, W., & Rudkin, S. (2009). Trends in Midlevel Provider Utilization in Emergency Departments from 1997 to Academic Emergency Medicine (16), National Council fo the professional development of nursing and midwifery. (2005). Clinical Nurse Specialist and Advanced Nurse Practitioner roles in Emergency Departments. Dublin: National Council fo the professional development of nursing and midwifery. National Council for the Professional Development of Nursing and Midwifery. (2008). Enhanced Nursing Practice in Emergency Departments. National Council for the Professional Development of Nursing and Midwifery. Norris, T., & Melby, V. (2006). The Acute Care Nurse Practitioner: challenging existing boundaries of emergency nurses in the United Kingdom. Journal of Clinical Nursing, 15 (3), Nursing, R. C. (2010). Advanced nurse practitioners. An RCN guide to the advanced nurse practitioner role, competences and programme accreditation. London: RCN. Pedersen, G., & Storm, J. (2009). Emergency department X-rays requested by physicians or nurses. Ugeskrift for laeger (danish), 171 (21), Rogers, T., Ross, N., & Spooner, D. (2004). Evaluation of a 'See and Treat' pilot study introduced to an emergency department. Accident and emergency nursing, 12 (1), Swann, G. (2010). New roles in emergency care. London, United Kingdom: National Health System - Evidence, emergency and urgent care. Tellini, S., Colzi, S., & Francesconi, L. (2010). Triage e Post-Triage: esperienza di un Pronto Soccorso di I livello della Toscana. XXIX Congresso nazionale. Rimini: ANIARTI. The American Journal for Nurse Practitioners.. (2010). Crisis in Emergency Departments: The Nurse Practitioner Role. Tratto il giorno 2010 da WebNPonline: 9

10 Ulrich, C. M. (2010). Nurse Practitioners: What Does the Public Need to Know? The American Journal of Bioethics, 10 (8), Van der Linden, C., Reijnen, R., & de Vos, R. (2010). Diagnostic accuracy of emergency nurse practitioners versus physicians related to minor illnesses and injuries. Journal of Emergency Nursing, 36 (4), White, M. Nurse Practitioner/Advanced Practice Nursing roles in the United Kingdom. Royal College of Nursing. London: RCN. Wright, S., Erwin, T., Blanton, D., & Covington, C. (1992). Fast Track in the emergency department: a one-yearfast Track in the emergency department: a one-year experience with nurse practitioners. Journal of Emergency Medicine, 10 (3), E tutti gli articoli in merito alla polemica dell esposto sui quotidiani di questi giorni... (vedi breve rassegna su 10

THE SEE AND TREAT OF MANCHESTER TRIAGE SYSTEM 7-19 ottobre 2013

THE SEE AND TREAT OF MANCHESTER TRIAGE SYSTEM 7-19 ottobre 2013 I CONGRESSO SIMEU REGIONE BASILICATA THE SEE AND TREAT OF MANCHESTER TRIAGE SYSTEM 7-19 ottobre 2013 RELATRICE INF. ROSA MATARO CROWDING ED OVERCROWDING NEI PRONTO SOCCORSO... UN FENOMENO CHE AVANZA EFFETTI

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE BRUNO Emiliano Nato a Torre Annunziata il 01/04/1973 residente a Beinasco (To) Via Principe Amedeo 31 Recapito tel. 011 3497206 / 3383088341 e-mail: unosettetre@libero.it

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

Nuovi profili sanitari ed il nuovo rischio clinico

Nuovi profili sanitari ed il nuovo rischio clinico Nuovi profili sanitari ed il nuovo rischio clinico - Professore Ordinario di Igiene, Università degli Studi di Pavia. Direttore Scuola di Specializzazione - Igiene e Medicina Preventiva - Direttore Sanitario,

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica - Sede Reggio Emilia L EQUIPE MULTIDIMENSIONALE NEL PROCESSO DI SVEZZAMENTO DALLA VENTILAZIONE

Dettagli

Triage avanzato, attivazione e gestione dei percorsi al triage

Triage avanzato, attivazione e gestione dei percorsi al triage relatore: Luca Gelati Infermiere Coordinatore Pronto Soccorso 118, Ospedali Mirandola e Finale E., AUSL Modena Triage avanzato, attivazione e gestione dei percorsi al triage Riflessioni L attività di Triage

Dettagli

Il Triage : novità e responsabilità

Il Triage : novità e responsabilità Il Triage : novità e responsabilità Luciano Pinto Direttivo Nazionale Simeup Il triage nel PS in Italia incompleta diffusione nel territorio nazionale scarsa diffusione di un modello uniforme e condiviso

Dettagli

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Creata nel 1977 Per la Verifica di Qualità delle cure - Per lo Studio della Medicina Interdisciplinare SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico

Dettagli

Clinical Governance Medicina Patient Oriented

Clinical Governance Medicina Patient Oriented Clinical Governance Medicina Patient Oriented Dr. Mario Felici Resp. U.O. Medicina Interna e Geriatria Osp. S. Donato USL 8 Arezzo Perché parlare di Clinical Governance e Medicina Patient Oriented? In

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze CPSI Gaetano Crescenzo S.C. di Endocrinologia A. O. Ordine Mauriziano di Torino L International Society of Endocrinology e stata

Dettagli

L infermiere di famiglia e di comunità: una risorsa per le cure primarie prospettive nazionali ed internazionali. Relatore Paola Obbia.

L infermiere di famiglia e di comunità: una risorsa per le cure primarie prospettive nazionali ed internazionali. Relatore Paola Obbia. L infermiere di famiglia e di comunità: una risorsa per le cure primarie prospettive nazionali ed internazionali Relatore Paola Obbia Affiliazione L infermiere di famiglia e di comunità. un idea dell OMS

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE COGNOME: SOLLAZZO NOME: FRANCA TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI: 1990- Diploma di INFERMIERA PROFESSIONALE presso la Scuola per Infermieri Professionali nel Presidio Ospedaliero

Dettagli

19% SUICIDIO O TENTATO SUICIDIO DI PAZIENTE IN OSPEDALE casi 166. 16,8% MORTE O GRAVE DANNO PER CADUTA DI PAZIENTE casi 147

19% SUICIDIO O TENTATO SUICIDIO DI PAZIENTE IN OSPEDALE casi 166. 16,8% MORTE O GRAVE DANNO PER CADUTA DI PAZIENTE casi 147 19% SUICIDIO O TENTATO SUICIDIO DI PAZIENTE IN OSPEDALE casi 166 16,8% MORTE O GRAVE DANNO PER CADUTA DI PAZIENTE casi 147 5% REAZIONE TRASFUSIONALE PER INCOMPATIBILITÀ AB0 casi 44 4% MORTE, COMA O GRAVI

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana

Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana Simposio SIGG 28 Novembre 2008 Le risposte alle questioni etiche e legali nell assistenza all anziano Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana Laura D Addio Quando nasce

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Le fasi del processo di assistenza ACCERTAMENTO DIAGNOSI OBIETTIVI

Dettagli

32 Congresso Aniarti Napoli 6-8 Novembre 2013

32 Congresso Aniarti Napoli 6-8 Novembre 2013 MIGLIORARE LA PRESA IN CARICO DELL ASSISTITO AL TRIAGE A TUTELA DEL CITTADINO E DELL EFFICACIA DEL SISTEMA Paola Bosco, O. Passeri, P. Cherubini, F. Morandi, A. Nastri, L. Ruzzo, A. Santoro SOVRAFFOLLAMENTO.

Dettagli

Formato Europeo Curriculum Vitae

Formato Europeo Curriculum Vitae Formato Europeo Curriculum Vitae Io sottoscritta MINOZZI CINZIA nata a Modena il 08/05/1972 valendosi delle disposizioni di cui all art. 46 del DPR n. 445 del 28/12/2000 e consapevole che chi dichiarerà

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione

Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione L'afasia è una disabilità acquisita della comunicazione dovuta ad un danno alle aree cerebrali del linguaggio,

Dettagli

La programmazione del personale sanitario in Italia: scenario attuale e prospettive future

La programmazione del personale sanitario in Italia: scenario attuale e prospettive future La programmazione del personale sanitario in Italia: scenario attuale e prospettive future DOTT. GIOVANNI LEONARDI WP5 Leader DIRETTORE GENERALE DELLE PROFESSIONI SANITARIE E DELLE RISORSE UMANE DEL SSN

Dettagli

Azienda Ospedaliera C.T.O. / Maria Adelaide. Via Zuretti 29, Torino

Azienda Ospedaliera C.T.O. / Maria Adelaide. Via Zuretti 29, Torino CURRICULUM VITAE PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome GAVETTI Dario Indirizzo 2, VIA MARIA VITTORIA, CAP 10123, TORINO, ITALIA Telefono 347-4225638 Fax *** E-mail dario.gavetti@cto.to.it Nazionalità

Dettagli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli Dott.ssa Maria Carla Attilia Pisano Medicina D Urgenza PS-AMC Primario Dott V. Piedimonte .. un unità

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Conti Fabio Via Popoli 46 Roma Telefono 338-7676707 - 0620908259 Fax E-mail fabio.conti@ptvonline.it Nazionalità Italiana

Dettagli

See and Treat infermieristico in DEA

See and Treat infermieristico in DEA See and Treat infermieristico in DEA Analisi proattiva dell errore umano e delle vulnerabilità di sistema Monica Giusti, Giovanni Becattini, Stefano Bambi Azienda Sanitaria Fiorentina - Firenze Azienda

Dettagli

Informazione per Infermieri. Gestione ambulanze

Informazione per Infermieri. Gestione ambulanze Informazione per Infermieri Gestione ambulanze premessa Il trasferimento di un paziente da una U.O. ad un altra è un momento estremamente critico in quanto chi riceve non conosce il paziente Chi trasferisce

Dettagli

CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007)

CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007) CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007) DATI ANAGRAFICI Nome e Cognome Elisabetta Flora Olga Trinchero Data e luogo di nascita 20 Gennaio 1969, Genova Residenza Milano Nazionalità Italiana

Dettagli

ESPERIENZE AVANZATE DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA IN AMBITO OSPEDALIERO

ESPERIENZE AVANZATE DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA IN AMBITO OSPEDALIERO Attualità sul task shifting in Sanità Pubblica Allargare le competenze dei nuovi professionisti della prevenzione Verona 22 settembre 2014 ESPERIENZE AVANZATE DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA IN AMBITO OSPEDALIERO

Dettagli

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 2 Pronto Soccorso Futuro Manager 3 Prestazioni il problema delle prestazioni

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

La Medicina d Emergenza Urgenza

La Medicina d Emergenza Urgenza SIMEU Società Italiana di Medicina d Emergenza Urgenza La Medicina d Emergenza Urgenza Anna Maria Ferrari Presidente SIMEU (www.simeu.it) ANMU SIMPS 1996 Federazione:FIMUPS 2000 SIMEU STATUTO... promuovere

Dettagli

Quando si prende in considerazione l aspetto della formazione nelle aziende sanitarie é necessario fare prima alcune riflessioni.

Quando si prende in considerazione l aspetto della formazione nelle aziende sanitarie é necessario fare prima alcune riflessioni. Timeoutintensiva, N 26, Dicembre 203 La Simulazione nella Formazione degli Infermieri nelle Aziende Sanitarie Ospedaliere: Alcune Riflessioni. F.Marchese, G.Cappello, S.Giammona, R.Lombardo, M.Ziino Colanino

Dettagli

Dal birthplan alla personalizzazione dell'assistenza: riflessione sul modello inglese e neozelandese. Francesca Perego

Dal birthplan alla personalizzazione dell'assistenza: riflessione sul modello inglese e neozelandese. Francesca Perego Dal birthplan alla personalizzazione dell'assistenza: riflessione sul modello inglese e neozelandese Francesca Perego BIRTHPLAN Documento in cui dichiarare le proprie esigenze Lista delle nostre decisioni

Dettagli

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche Codice colore in Pronto Soccorso: Valutazione della corretta attribuzione da parte dell infermiere di triage M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche T. Campanelli, Coordinatore

Dettagli

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera.

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 26-27 settembre 2014 Relatore Dr Alessandro Morettini Le riammissioni in Medicina Interna

Dettagli

See & Treat in pronto soccorso: dal medico all infermiere con competenze avanzate. Una revisione della letteratura

See & Treat in pronto soccorso: dal medico all infermiere con competenze avanzate. Una revisione della letteratura Stefano Bambi 1 Monica Giusti 2 Giovanni Becattini 1 1Dipartimento di Emergenza, Accettazione ed Accoglienza AO Universitaria Careggi, Firenze 2Dipartimento di Emergenza/ Accettazione Ospedale S. Maria

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

Consensus Conference sui modelli gestionali nello scompenso cardiaco

Consensus Conference sui modelli gestionali nello scompenso cardiaco Firenze, 3-4 Dicembre 2005 Consensus Conference sui modelli gestionali nello scompenso cardiaco Perché una Consensus Conference sullo scompenso cardiaco: metodologia, tempistica e aspetti organizzativi

Dettagli

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 il Nino Cartabellotta 3. Strumentiti

Dettagli

Giovanni Becattini Infermiere Dirigente Direttore DipIO AUSL 7 di Siena CD ANIARTI. Il Triage in un sistema dell emergenza in cambiamento

Giovanni Becattini Infermiere Dirigente Direttore DipIO AUSL 7 di Siena CD ANIARTI. Il Triage in un sistema dell emergenza in cambiamento . Giovanni Becattini Infermiere Dirigente Direttore DipIO AUSL 7 di Siena CD ANIARTI Il Triage in un sistema dell emergenza in cambiamento Il Contesto: la popolazione Il Triage in un sistema dell emergenza

Dettagli

Governance assistenziale

Governance assistenziale Governance assistenziale Dr.ssa Barbara Mangiacavalli Una premessa La crescita esponenziale del volume e della complessità della conoscenza biomedica che ha reso sempre più difficile l aggiornamento professionale

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Ancona, Mole Vanvitelliana

Ancona, Mole Vanvitelliana Società Italiana di Medicina di Emergenza - Urgenza Regione Marche Triage: Tutti Riuniti Intorno all Accettazione e Gestione dell Emergenza 17 novembre 2015 sede dell Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Cristian Vender. Sesso Maschile - Data di nascita 19/12/1973 - Nazionalità Italiana

Cristian Vender. Sesso Maschile - Data di nascita 19/12/1973 - Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI Cristian Vender Residente a Roma Telefono: +39 3287682849 cristianvender@libero.it Sesso Maschile - Data di nascita 19/12/1973 - Nazionalità Italiana POSIZIONE RICOPERTA Collaboratore

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015 Pagina 1 di 6 rassegna stampa 4/5/6/7 Aprile 2015 IL CITTADINO Lodi In ospedale cantieri avanti tutta (04/04/2015) Foroni respinge il matrimonio con pavia: «lodi autonoma» (04/04/2015) Lettere & opinioni

Dettagli

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA?

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Convegno La cura alla fine della vita Brescia 20 febbraio 2010 QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Flavia Caretta Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica del

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 6 Al Pronto Soccorso CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax e-mail Nazionalità Data di nascita Seligardi Matteo via Giovanni Falcone 3, Rio Saliceto (RE) 3478710887 seligardi.matteo@asmn.re.it

Dettagli

AZIENDA USL RIMINI Direzione Infermieristica e Tecnica Direttore Dssa Antonietta Santullo

AZIENDA USL RIMINI Direzione Infermieristica e Tecnica Direttore Dssa Antonietta Santullo AZIENDA USL RIMINI Direzione Infermieristica e Tecnica Direttore Dssa Antonietta Santullo INTEGRAZIONE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO IN UN PRONTO SOCCORSO Lorella Fabbri Responsabile formazione e sviluppo

Dettagli

- RIASSUNTO DELLA TESI -

- RIASSUNTO DELLA TESI - PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI 3 Corso triennale di Formazione Specifica in Medicina Generale Triennio 2007-2010 - RIASSUNTO DELLA TESI - DOTT.SSA

Dettagli

PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE

PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE Susanna Riva, Maurizio Berardino Dipartimento Emergenza ed Accettazione Novembre 2011: Donazione Geraldine Morano alla SC Anestesia e Rianimazione CTO Borsa di studio per

Dettagli

Le abilità sociali e le regole. La scuola diventa autorevole

Le abilità sociali e le regole. La scuola diventa autorevole Le abilità sociali e le regole La scuola diventa autorevole Il perché delle regole e delle abilità sociali? Le abilità sociali permettono di mettere in atto tutti quei comportamenti che fanno sì che si

Dettagli

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa National Community Education Initiative Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa Asking Questions Can Help: An aid for people seeing the palliative care team Italian

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia Autonoma di Bolzano Via Alessandro Volta, 3 I-39100 Bolzano (BZ) Tel. +39 0471 976619 Fax. +39 0471 976616 E-Mail: info@ordinemedici.bz.it

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

cappellettipa@yahoo.it

cappellettipa@yahoo.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLETTI PAOLA Indirizzo VIA MARLENGO 21/G, 39012 MERANO (BZ) Telefono 0473/220049 cellulare 3285624344 Fax E-mail cappellettipa@yahoo.it

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE

L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE AMIETIP- FIRENZE, 1 DICEMBRE 2011 L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE ACCADEMIA MEDICA INFERMIERISTICA DI EMERGENZA E TERAPIA INTENSIVA

Dettagli

Una nuova cultura medica per le

Una nuova cultura medica per le Una nuova cultura medica per le sfide della sanità del 21 secolo Prof. Walter Ricciardi Direttore Istituto di Igiene Università ità Cattolica del Sacro Cuore Roma Coordinatore Comitato Scientifico SIMM

Dettagli

La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia

La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia C.P.S.I. Gian Luca Vergano S.O.R.E.U. Pianura A.A.T. 118 Pavia A.R.E.U. Regione Lombardia Congresso Regionale S.I.M.E.U. Fondazione I.R.C.C.S.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E M.04.P.01.064 rev.02/all. 04 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PAOLA BOSCO Telefono 329/8603898 Fax 02/55033261 E-mail paola.bosco@policlinico.mi.it

Dettagli

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici XXV GIORNATE CARDIOLOGICHE TORINESI ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS and GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici Patrizia Massariello 28 settembre

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Inserimento nell èquipe assistenziale dell OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria

Inserimento nell èquipe assistenziale dell OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria ORGANIZZAZIONE In una regione dove da tempo si sta provvedendo alla formazione complementare in assistenza sanitaria degli OSS qualche infermiere ha sentito l esigenza di studiare il problema del dove

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LANZARONE SALVATORE Telefono 011 6933445 Cellulare 393 8727518 VIA ILARIO VERNERO 2,10090 ROSTA (TO) E-mail lanzarone.salvatore77@gmail.com

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Cognome(i) / Nome(i) Amico Mario Indirizzo(i) Via della Treggia, 110-06125 Perugia (Italia) Telefono(i) 075/5899471

Dettagli

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza Joint Policy Statement Guidelines for Care of Children in the Emergency Department Dichiarazione politica comune - Linee guida per l assi- stenza pediatrica nei dipartimenti di emergenza American Academy

Dettagli

ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION

ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION CUSLS BL1 ~ PROVIDER CANINE ULTRASOUND LIFE SUPPORT 'USCMC LEVEL 1 CERTIFICATION SKILL SET ENTRY COURSE FOR USLS BL1-P [ULTRASOUND LIFE SUPPORT - BASIC LEVEL 1 - PROVIDER] ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION

Dettagli

MANCHESTER. OGGETTO: Relazione di Mattia De Giorgi in merito al progetto formativo ENPROS Leonardo da Vinci.

MANCHESTER. OGGETTO: Relazione di Mattia De Giorgi in merito al progetto formativo ENPROS Leonardo da Vinci. MANCHESTER OGGETTO: Relazione di Mattia De Giorgi in merito al progetto formativo ENPROS Leonardo da Vinci. Il sottoscritto Mattia De Giorgi, Infermiere della ASL n 8 Cagliari in servizio presso il Pronto

Dettagli

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema HEALTH NEEDS ASSESSMENT Sintesi di una selezione di articoli sul tema 1 INDICE 1. Wright J, Williams R, Wikinson JR Development and importance of health needs assessment, BMJ 1998; 316: 1310-1313 (25 April)

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Violenza e aggressioni verso gli operatori di Triage: dati preliminari di uno studio qualitativo.

Violenza e aggressioni verso gli operatori di Triage: dati preliminari di uno studio qualitativo. relatore: Nicola Ramacciati Infermiere Coordinatore, Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Perugia Violenza e aggressioni verso gli operatori di Triage: dati preliminari di uno studio qualitativo. Il

Dettagli

Cristian Vender. Sesso Maschile - Data di nascita 19/12/1973 - Nazionalità Italiana

Cristian Vender. Sesso Maschile - Data di nascita 19/12/1973 - Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI Cristian Vender POSIZIONE RICOPERTA ESPERIENZA PERSONALE Da 8/2010 alla data attuale Da 1/2005 alla data attuale Da 8/2012 alla data attuale Da 11/2003 alla data attuale Da 4/2009

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

CHE CHI DICE NO: PAOLO ZAMBONI di Bernardo Iovene

CHE CHI DICE NO: PAOLO ZAMBONI di Bernardo Iovene CHE CHI DICE NO: PAOLO ZAMBONI di Bernardo Iovene Abbiamo chiesto di poter fare uno studio pilota, cioè iniziale per capire se trattare queste ostruzioni con un intervento mini invasivo che consiste nel

Dettagli

Curriculum F ORMA. Informazioni. Settore professionale. Nome(i) / Cognome(i) Fax. .it, scelsi@aniarti.it. Cittadinanza. Luogo e Data di nascita

Curriculum F ORMA. Informazioni. Settore professionale. Nome(i) / Cognome(i) Fax. .it, scelsi@aniarti.it. Cittadinanza. Luogo e Data di nascita F ORMA TO E U ROPEO P ER IL C URRICUL UM Curriculum Vitae Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Silvia Scelsi Telefono(i) Fax E-mail s_scelsi@yahoo.it, sscelsi@ares118..it, scelsi@aniarti.it

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Dati e Informazioni Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Autoreferenza Autoda sé stesso Referenza Informazione relativa alle capacità professionali di una persona rilasciata da chi ha avuto in passato rapporti

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

Infermiere e PICC. Infermiere e PICC Considerazioni logistiche e medico-legali. Problema. Infermiere e PICC. Infermiere e PICC.

Infermiere e PICC. Infermiere e PICC Considerazioni logistiche e medico-legali. Problema. Infermiere e PICC. Infermiere e PICC. Considerazioni logistiche e medico-legali Giancarlo Scoppettuolo Ivano Migliorini Antonio La Greca Università Cattolica, Roma Problema Può l infermiere l posizionare i PICC???? Alcuni dati di fatto e alcune

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ROSARIA CACCO Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

Federico Lega UK NHS. Federico Lega

Federico Lega UK NHS. Federico Lega 1 UK NHS Federico Lega 2 PRINCIPI FONDANTI Universale Integrato Accesso equo Senza costi per l utente Prevalentemente finanziato con tributi centrali 83% della spesa sanitaria UK 7,3% del PIL > 8,5% con

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli