PULSION PiCCO plus. PiCCO......Simple Safe Speedy - Specific

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PULSION PiCCO plus. PiCCO......Simple Safe Speedy - Specific"

Transcript

1 PULSION PiCCO plus PiCCO......Simple Safe Speedy - Specific

2 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output) COMPONENTI LINEA VENOSA CENTRALE LINEA ARTERIOSA Introduttore Dilatatore Seldinger Cavo di collegamento Catetere da : 3F (pediatrico da 6 cm) 4F (radiale da 50 cm) 5F (femorale da 20 cm)

3 Configuration Central venous line (CV) CV Thermodilution catheter with lumen for arterial pressure measurement Axillary (A) Brachial (B) Femoral (F) Radial (R), long catheter F A B R Arterial pressure transducer

4 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output)

5 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output)

6 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output)

7 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output)

8 The PiCCO-Technology is also available as a module for Philips IntelliVue / CMS patient monitoring systems.

9 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output) Sistema di monitoraggio Monitoraggio in continuo*: pressione arteriosa frequenza cardiaca stroke volume gittata cardiaca stroke volume variation resistenze vascolari sistemiche Monitoraggio volumetrico: volume di sangue intratoracico (precarico) acqua polmonare *= dopo calibrazione iniziale.

10 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output) Calibrazione del sistema principio della termodiluizione Si inietta il più velocemente possibile il volume noto (15-20 ml) di soluzione salina o glucosata fredda o a temperatura ambiente nella vena centrale.

11 PiCCO plus setup Central venous catheter Injectate temperature sensor housing PV4046 AP TB37.0 AP (CVP) 5 SVRI 2762 PC CI 3.24 HR 78 AUX adapter cable PC81200 Interface cable PC80150 PCCI SVI 42 SVV 5% dpmx 1140 (GEDI) 625 Injectate temperature sensor cable PC80109 DPT Monitor cable PMK-206 PULSION disposable pressure transducer PV8115 Arterial thermodilution catheter Connection cable to bedside monitor PMK - XXX

12 Per misurare a. Transpulmonary la termodiluizione Thermodilution transpolmonare si richiede semplicemente l'iniezione venosa centrale di un liquido freddo(< 8 C) o Tiepido(< 24 C) di Soluzione fisiologica CV Bolo Cuore Destro Polmoni Cuore sinistro PiCCO Catetere In arteria femorale

13 PiCCO Thermodilution Cardiac Output Dopo l'iniezione venosa centrale nell'indicatore, il termostato nella punta del catetere arterioso misura le variazioni di temperatura a valle. La gittata cardiaca è calcolata con l'analisi della curva di termodiluizione utilizzando una versione modificata dell algoritmo Stewart-Hamilton : -T b Injection t

14 Transpulmonary thermodilution: Cardiac Output T b injection t Metodo Stewart-Hamilton CO TDa (T b T i ) T b Vi dt K T b = Blood temperature T i = Injectate temperature V i = Injectate volume T b. dt = Area under the thermodilution curve K = Correction constant, made up of specific weight and specific heat of blood and injectate

15 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output) Monitoraggio Continuo Gittata cardiaca (C.O): Sull analisi dell onda pressoria è possibile il monitoraggio continuo della C.O. ovvero si osservano battito per battito le variazioni istantanee della C.O.

16 b. Arterial Pulse Contour Analysis L analisi del contorno del polso arterioso fornisce un continuo battito per battito, parametri ottenuti dalla forma dell'onda di pressione arteriosa. L'algoritmo è in grado di calcolare ogni singolo volume corsa (SV), dopo essere stato calibrato da un iniziale termodiluizione transpolmonare. - T - P t Calibration t P [mm Hg] SV t [s]

17 Arterial Pulse Contour Analysis P [mm Hg] t [s]

18 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output) Monitoraggio Continuo Stroke volume (S.V.): E direttamente proporzionale all area sottesa alla curva della pressione arteriosa. Gittata cardiaca in continuo (CCO)= SVxFC P.A.[mm Hg] Sec.

19 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output) Monitoraggio Continuo Resistenze vascolari sistemiche (S.V.R.): A B Il flusso ematico in un condotto (vaso sanguigno) e garantito da un ΔP (pressione A > pressione B) Il condotto, con le sue pareti, offre resistenza al flusso ematico Pertanto F= ΔP/R Da cui R= ΔP/F SVR = PAm-PVC 80 (cost.) C.O.

20 Cardiac Output and Systemic Vascular Resistances Come analisi del contorno del polso si misura continuamente la gittata sistolica e la pressione arteriosa, la gittata cardiaca (CO) e le resistenze vascolari sistemiche (SVR) è calcolato come segue: SVR is calculated as (mean arterial pressure - central venous pressure) / CO CO is calculated as stroke volume x heart rate (SVxHR)

21 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output) Monitoraggio Continuo Frequenza cardiaca Gittata cardiaca Stroke volume Pressione arteriosa Resistenze vascolari sistemiche

22 Monitoraggio PiCCO Volumetric Parameters Volumetrico Global Enddiastolic Volume GEDV Intrathoracic Blood Volume ITBV Extravascular Lung Water EVLW* Questi parametri volumetrici sono ottenuti per l'analisi avanzata della curva di termodiluizione. Advanced Thermodilution Curve Analysis Tb injection recirculation ln Tb e -1 At MTt DSt t * not available in USA

23 Methodology of volumetric monitoring (I) c (I) injection recirculation ln c (I) e -1 At MTt DSt t MTt: tempo medio di transito half of the indicator passed the point of detection DSt: Tempo discendente exponential downslope time of TD curve

24 Monitoraggio Volumetrico COa X ttd Volumi termici (ITTV-PTV) Volumi intravascolari Indicatori di precarico (GEDV-ITBV) Volume extravascolare Indicatore di edema polmonare (EVLW)

25 Methodology of volumetric monitoring (II) injection detection V1 V2 V3 V4 flow Vall = V1 + V2 + V3 + V4 = MTt x Flow La MTT determina il volume intero dell'indicatore attraversato dal punto di iniezione fino al punto di rilevazione. V3 = largest volume = DSt x Flow Il DST determina il più grande singolo volume (min. 20% più grande!) In una serie di camere di miscelazione

26 Methodology of volumetric monitoring (III) PTV RAEDV RVEDV LAEDV LVEDV ITTV PTV = Volume polmonare termico largest thermal volume in the series of mixing chambers (DSt Volume) ITTV = Volume termico intratoracico volume from the point of injection to the point of detection (MTt Volume)

27 Methodology of volumetric monitoring (IV) GEDV RAEDV RVEDV PTV LAEDV LVEDV GEDV = Volume globale di fine diastole End-diastolic volume of the 4 heart chambers GEDV = ITTV - PTV

28 Calculation of volumes ITTV = CO * MTt TDa RAEDV RVEDV LAEDV LVEDV PTV PTV = CO * DSt TDa PTV GEDV = ITTV - PTV RAEDV RVEDV LAEDV LVEDV ITBV = 1.25 * GEDV RAEDV RVEDV PBV LAEDV LVEDV EVLW = ITTV - ITBV EVLW EVLW

29 Global Enddiastolic Volume Global Enddiastolic Volume (GEDV) = Volume globale nelle 4 camere del cuore.

30 Intrathoracic Blood Volume Intrathoracic Blood Volume (ITBV) : è il volume delle 4 camere del cuore + il volume di sangue nei vasi polmonari.

31 Extravascular Lung Water* Extravascular Lung Water (EVLW)*. è la quantità di contenuto di acqua nei polmoni. Esso consente la quantificazione capezzale del grado di edema polmonare * not available in USA

32 Intrathoracic Blood Volume (ITBV) Cardiac Preload is Volume, NOT Pressure RAEDV RVEDV PBV LAEDV LVEDV Volume management requires volume measurement

33 Clinical validation Liquido extra-vascolare polmonare EVLW EVLW

34 EVLW Extravascular Lung Water Direct quantification in ml Water content of the lungs High accuracy and reproducibility Fast bedside determination

35 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output) Monitoraggio Volumetrico ITBV= corretta quantificazione del precarico cardiaco, permette di valutare in modo opportuno la funzione cardiaca sia in termini di riempimento che di funzionalità. Ciò consente di impiegare inotropi o la somministrazione di volume nel modo più efficace. EVLW= corretta quantificazione dell acqua extravascolare polmonare, permette di valutare in modo opportuno l edema polmonare. Ciò consente di guidare la somministrazione di liquidi o diuretici. I.T.B.V.I.= v.n ml/m² E.V.L.W.I.= v.n ml/kg

36 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output) Indicazioni: nei pazienti in cui si rende necessario un monitoraggio cardiovascolare volumetrico. Es. pazienti degenti in reparti di terapia intensiva, ustionati,grossa chirurgia. Controindicazioni: nei pazienti con by-pass aorto-bifemorale; nei pazienti con arteriopatie degli arti; nei pazienti con contropulsatore aortico.

37 Clinical Application Drugs

38 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output) CI l/min/m2) <3.0 >3.0 ITBVI (ml/m2) <1000 >1000 <1000 >1000 EVLWI (ml/kg) <10 >10 <10 >10 <10 >10 <10 >10 V+ V+! Ino. Ino. V+ V+! OK! V- Ino. V- V+ = carico volemico (! = con cautela ) V- = restrizione volemica Ino. = inotropi

39 Interazione cuore-polmoni in IPPV In inspirazione: Ptransmurale (Pintracardiaca-Pintratoracica) Precarico Vsx, Postcarico Vsx Precarico Vdx, Postcarico Vdx Interdipendenza ventricolare Variazione ciclica di VSsx (max in inspirazione, min in espirazione) Fluttuazione dell onda di PA, maggiore con il ridursi del volume intravascolare, durante IPPV INDICI DINAMICI DI PRECARICO IN IPPV I sistemi di monitoraggio beat-to-beat misurano questa fluttuazione

40 Determination of the Stroke Volume Variation (SVV) SVmax SVmin SVmean SVV = SVmax SVmin SVmean SVmax and SVmin are determined over last 30 s window Only applicable in controlled mechanically ventilated patients

41 Stroke Volume Variation (SVV) Nei pazienti ventilati meccanicamente senza aritmia, SVV riflette la sensibilità del cuore ai cambiamenti ciclici nel precarico cardiaco indotto da ventilazione meccanica. 1,14,17,18,19 SVV può prevedere se la gittata sistolica aumenta con l'espansione del volume.

42 SVV clinical application SVV è un parametro dinamico, misurato in continuo Applicabile solo nei pazienti in ventilazione meccanica controllata SVV la prognosi per la reazione del cuore in volume e di carico corrisponde direttamente alla pendenza della curva di Frank - Starling. Berkenstadt et al, Eur J Anaesthesiol 17 (19): 49, 2000 Reuter et al, Eur J. Anaesthesiol 17 (Suppl 19): 163, 2000 Reuter et al, Britisch Journal of Anaesthesia 88 (1) 124-6, 2002

43 How to manage my patient with the PiCCO-Technology? Parametri emodinamici normali Cardiac Index CI l/min/m 2 Global Enddiastolic Blood Volume Index GEDVI ml/m 2 Intrathoracic Blood Volume Index ITBVI ml/m 2 Stroke Volume Variation SVV 10 % Extravascular Lung Water Index ELWI* ml/kg

44 PiCCO (Pulse Continuos Cardiac Output) Complicanze Ematoma Lesione arteria femorale Infezioni Embolia gassosa

45 Less Invasiveness Short Set-up Time 2. What are the advantages of the PiCCO-Technology? - Only central venous and arterial access required - No pulmonary artery catheter required - Applicable also in small children - Can be installed within minutes Dynamic, Continuous Measurement - Cardiac Output, Afterload and Volume Responsiveness are measured beat-by-beat No Chest X-ray Cost Effective More Specific Parameters Extravascular Lung Water* - To confirm correct catheter position no x-ray is necessary - Less expensive than pulmonary artery catheter technique - Arterial PiCCO catheter can be in place for >10 days - Potential to reduce ICU stay and costs - PiCCO parameters are easy to use and interpret even for less experienced clinical staff - Lung edema can be excluded or quantified at the bed-side * not available in USA

46 PiCCO - Advantages Dynamic and less invasive beat by beat measurement; No right heart catheter (RHC), Measurement of flow, preload, afterload and contractility Quantification of extravascular lung water Direct clinically applicable parameters, no interpretation necessary Reduces ICU stay and costs TD-Catheter: Less time required for placement; can be in place up to 10 days; Quick and simple handling; Short response time Easy to apply in paediatric patients

47 PiCCO......Simple Safe Speedy Specific

LiDCO System: le ragioni di una scelta

LiDCO System: le ragioni di una scelta Corsi STAT Congresso Nazionale a Corsi (11-13 febbraio 2005) UDINE Italy LiDCO System: le ragioni di una scelta L. Belloni, A. Natale A.O.R.N. SAN SEBASTIANO A.O.R.N. San Sebastiano MISURAZIONE DELLA GITTATA

Dettagli

Il monitoraggio emodinamico volumetrico

Il monitoraggio emodinamico volumetrico SEDA S.p.A. Il monitoraggio emodinamico volumetrico SEDA S.p.A. Via Tolstoi 7 20090 Trezzano S/N (Milano) Tel 02/48424.1; Fax 02/48424290 sito internet: www.sedaitaly.it certificazione UNI EN ISO 9001:2000

Dettagli

MONITORAGGIO INVASIVO CARDIAC0 CATETERISMO DESTRO. www.slidetube.it

MONITORAGGIO INVASIVO CARDIAC0 CATETERISMO DESTRO. www.slidetube.it MONITORAGGIO INVASIVO CARDIAC0 CATETERISMO DESTRO Definizione di gittata cardiaca La gittata cardiaca (L/min) e quantità di sangue espulsa dal ventricolo sinistro in un minuto. Frequenza cardiaca (battiti

Dettagli

Interpretazione clinica dei parametri volumetrici

Interpretazione clinica dei parametri volumetrici SEDA S.p.A. Interpretazione clinica dei parametri volumetrici SEDA S.p.A. Via Tolstoi 7 20090 Trezzano S/N (Milano) Tel 02/48424.1; Fax 02/48424290 sito internet: www.sedaitaly.it certificazione UNI EN

Dettagli

Principi Di Emodinamica

Principi Di Emodinamica Principi Di Emodinamica L Emodinamica studia le relazioni esisten3 nel sistema cardiovascolare tra: pressione volume flusso resistenza Relazione tra flusso, pressione e resistenza L intensità del flusso

Dettagli

Monitoraggi e supporti delle funzioni vitali in ICU

Monitoraggi e supporti delle funzioni vitali in ICU Monitoraggi e supporti delle funzioni vitali in ICU Quello che ancora non ci eravamo detti Stefano Bambi Infermiere, Master in Infermieristica in Anestesia e Terapia Intensiva SOD Pronto Soccorso Medico-Chirurgico,

Dettagli

haemodynamic monitoring

haemodynamic monitoring haemodynamic monitoring Mostcare Up è l unico monitor in grado di seguire in tempo reale, di battito in battito, ogni minima variazione emodinamica del paziente. L algoritmo brevettato basato sul metodo

Dettagli

Shock settico: trattare già dal Triage?

Shock settico: trattare già dal Triage? Pillola d emergenza SETTEMBRE 2011, Numero 37 In questa pillola di Agostino Nocerino due aggiornamenti di rilievo: - Shock settico: trattare già dal triage? - Il monitoraggio emodinamico avanzato del bambino

Dettagli

Come si fa e come si legge un cateterismo cardiaco destro: esempi pratici. Francesca Luisi U.O. di Pneumologia e UTIR Ospedale San Giuseppe Milano

Come si fa e come si legge un cateterismo cardiaco destro: esempi pratici. Francesca Luisi U.O. di Pneumologia e UTIR Ospedale San Giuseppe Milano Come si fa e come si legge un cateterismo cardiaco destro: esempi pratici Francesca Luisi U.O. di Pneumologia e UTIR Ospedale San Giuseppe Milano INDICAZIONI AL CATETERISMO CARDIACO DESTRO INDICAZIONI

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex CONTROPULSATORE AORTICO Anni 50: la perfusione coronarica avviene prevalentemente durante la diastole Anni 60: l aspirazione di sangue arterioso durante la sistole con reinfusione durante la diastole riduce

Dettagli

GC = F x Gs. Gli aumenti di GC sono possibili grazie ad aumenti della frequenza cardiaca e della gittata sistolica.

GC = F x Gs. Gli aumenti di GC sono possibili grazie ad aumenti della frequenza cardiaca e della gittata sistolica. Volume di sangue espulso dal cuore in un minuto. Dipende dalle esigenze metaboliche dell organismo e quindi dal consumo di O 2 Consumo O 2 medio in condizioni basali 250 ml/min GC = 5 l/min Consumo O 2

Dettagli

Tecnologie per lo studio della sincope. Ing. Valentina Viscardi

Tecnologie per lo studio della sincope. Ing. Valentina Viscardi Tecnologie per lo studio della sincope Ing. Valentina Viscardi 1 Tecnologie per lo studio della sincope: - Nexfin (monitoraggio pressorio battitobattito non invasivo) - V-Patch h(loop recorder esterno)

Dettagli

Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico. Sergio del Rosso, Luigi Grisoni

Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico. Sergio del Rosso, Luigi Grisoni Teoria di riferimento per il funzionamento del Contropulsatore Aortico Novara, Maggio 2012 Sergio del Rosso, Luigi Grisoni Le componenti del sistema Le prestazioni della terapia sono soggette e alle caratteristiche

Dettagli

03/03/2009. -Diuretici -Morfina -Inotropi

03/03/2009. -Diuretici -Morfina -Inotropi Insufficienza cardiaca in cui il cuore non è più in grado di assicurare un apporto di ossigeno adeguato alle esigenze dei tessuti 6 Congresso Nazionale Emergenza Urgenza - Qualità e Prospettive in Emergenza

Dettagli

Fisiologia cardiovascolare

Fisiologia cardiovascolare Corso Integrato di Fisiologia Umana Fisiologia cardiovascolare La funzione cardiaca: accoppiamento funzionale tra cuore e sistema vascolare Anno accademico 2007-2008 1 Il lavoro del cuore Il lavoro del

Dettagli

Monitoraggio emodinamico invasivo

Monitoraggio emodinamico invasivo Monitoraggio emodinamico invasivo Definizione di gittata cardiaca La gittata cardiaca (L/min): quantità di sangue espulsa dal ventricolo in un minuto. ml/battito (quantità di sangue espulsa dal Frequenza

Dettagli

Apparato Cardiocircolatorio 2 cuore

Apparato Cardiocircolatorio 2 cuore Apparato Cardiocircolatorio 2 cuore Il cuore Fisiologia cellulare e generale (4.3 pg 127) Il cardiomiocita Elettrofisiologia: canali ionici, PDA Contrattilità: calcio, miosina. Diversi tipi di cardiomiociti

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera L INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DAL TERRITORIO ALLA MEDICINA D URGENZA Nola 28 SETTEMBRE 2010 Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera Pietro Di Cicco

Dettagli

Rapporto Pressione/Volume

Rapporto Pressione/Volume Flusso Ematico: Q = ΔP/R Distribuzione GC a riposo Rapporto Pressione/Volume Il sistema circolatorio è costituito da vasi con proprietà elastiche diverse (vedi arterie vs arteriole) Caratteristiche di

Dettagli

IL CIRCOLO SISTEMICO

IL CIRCOLO SISTEMICO IL CIRCOLO SISTEMICO Trasporto rapido delle sostanze (convezione) Adattamento del trasporto delle sostanze FUNZIONE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO Omeostasi Comunicazione chimica Sistema cardiovascolare Schema

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOLOGIA CARDIOVASCOLARE... 2. La portata cardiaca... 2 I determinanti dello stroke volume... 2. La pressione del sangue...

ELEMENTI DI FISIOLOGIA CARDIOVASCOLARE... 2. La portata cardiaca... 2 I determinanti dello stroke volume... 2. La pressione del sangue... ELEMENTI DI FISIOLOGIA CARDIOVASCOLARE... 2 La portata cardiaca... 2 I determinanti dello stroke volume... 2 La pressione del sangue... 4 Portata cardiaca e pressione arteriosa.... 5 LO SHOCK.... 6 Segni

Dettagli

QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA

QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA 1 QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA L ecocardiografia bidimensionale permette un adeguata valutazione dell anatomia valvolare aortica, ma la quantizzazione del vizio è affidata essenzialmente alla

Dettagli

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE www.clinicaveterinariagransasso.it www.veterinaryechocardiography.eu TRATTAMENTO DEL DOTTO ARTERIOSO PERVIO (PDA) Patent Ductus Arteriosus

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Cateterismo cardiaco e coronarografia

Cateterismo cardiaco e coronarografia Cateterismo cardiaco e coronarografia Nel suo significato più ampio indica l inserzione di un catetere all interno delle cavità cardiache (destra e sinistra). Viene eseguito per: analizzare campioni di

Dettagli

VETIMAGING DR.GABELLINI GIOVANNI

VETIMAGING DR.GABELLINI GIOVANNI STATO: APERTO ESPORTATO IL: 21 MAG 2015 14:30 VETIMAGING DR.GABELLINI GIOVANNI service di diagnostica per immagini e cardiologia veterinaria TEL 3298872139 EMAIL ecovetcdvr@gmail.com. vetimagingrimini@gmail.com

Dettagli

Dall equazione del flusso si ricava la P arteriosa come il prodotto del flusso (GC) per la resistenza (RPT):

Dall equazione del flusso si ricava la P arteriosa come il prodotto del flusso (GC) per la resistenza (RPT): Dall equazione del flusso si ricava la P arteriosa come il prodotto del flusso (GC) per la resistenza (RPT): Il volume di sangue nelle arterie determina il valore di Pa. Esso dipende dal volume immesso

Dettagli

Il Monitoraggio Emodinamico

Il Monitoraggio Emodinamico Corso di Formazione Per Infermieri di Area Critica AORN Monaldi Maggio Settembre 2009 Il Monitoraggio Emodinamico Corso di Formazione per Infermieri di Area Critica Dott. A. Rispo Monitoraggio emodinamico

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

Da equazione del flusso: Pa = GC. RPT

Da equazione del flusso: Pa = GC. RPT Da equazione del flusso: Pa = GC. RPT GC = 5l/min Pa media = 100 mmhg RPT = 20 mmhg/l/min Ventricolo sinistro Arterie elastiche Arteriole Il volume di sangue nelle arterie determina il valore di Pa. Esso

Dettagli

LA PRESSIONE ARTERIOSA

LA PRESSIONE ARTERIOSA LA PRESSIONE ARTERIOSA La pressione arteriosa è quella forza con cui il sangue viene spinto attraverso i vasi. Dipende dalla quantità di sangue che il cuore spinge quando pompa e dalle resistenze che il

Dettagli

EVENTI MECCANICI DEL CUORE: IL CICLO CARDIACO

EVENTI MECCANICI DEL CUORE: IL CICLO CARDIACO EVENTI MECCANICI DEL CUORE: IL CICLO CARDIACO Lezione 17 1 LE VALVOLE CARDIACHE Sono lamine flessibili e resistenti di tessuto fibroso rivestito da endotelio I movimenti dei lembi valvolari sono passivi

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM Fuel Transmission Pipeline HEL.PE El Venizelos Airport YEAR: 2001-2006 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak

Dettagli

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L' APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO è un sistema complesso costituito dal cuore e da una serie di condotti, i vasi sanguigni dentro i quali scorre il sangue. Il modo più semplice

Dettagli

Pressione Brachiale e Centrale. Attualità

Pressione Brachiale e Centrale. Attualità Pressione Brachiale e Centrale Attualità Prevenzione cardiovascolare Arterial Stiffness Per più di un secolo i medici hanno misurato la Pressione Arteriosa Brachiale ritenendola assimilabile a quella centrale.

Dettagli

" IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA"

 IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA " IL NUOVO INFERMIERE DI CADIOLOGIA" Novara, 10 maggio 2013 Altomare Consiglia Ospedale Luigi Sacco Milano Ablazione con Catetere Singolo Tradizionale Irrigato Non Irrigato Ablazione con Device One-Shot

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale 01/12/2014 1 Monitoraggio della pressione in arteria polmonare Determinazioni della gittata cardiaca Monitoraggio della saturazione

Dettagli

Dichiarazione. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei.

Dichiarazione. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei. Per le lezioni del prof. P.P. Battaglini Schemi di Dichiarazione Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei. Queste immagini vengono utilizzate per l

Dettagli

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010 Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella CASO CLINICO M.D., donna di 73 aa, ipertensione arteriosa

Dettagli

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della CO 2 in direzione opposta. L aria che respiriamo è una

Dettagli

SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores

SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores SMI permette in alcuni casi non usare il contrasto per via endovenosa e determinare un vantaggio significativo per

Dettagli

g d MostCare P. R. A. Il monitoraggio emodinamico in un battito

g d MostCare P. R. A. Il monitoraggio emodinamico in un battito .Pre ss u MostCare P. R. A. M re Re nalytical Me A g in tho d r d co Il monitoraggio emodinamico in un battito Qual è la migliore strategia terapeutica per il paziente? Un medico deve prender continue

Dettagli

STENOSI MITRALICA. 5 mm) Ispessimento esteso per 1/3 della lunghezza delle corde

STENOSI MITRALICA. 5 mm) Ispessimento esteso per 1/3 della lunghezza delle corde STENOSI MITRALICA Valutazione anatomica La valvola mitralica è facilmente esplorabile con tecnica ecocardiografica sia dall'approccio parasternale che apicale. La causa di gran lunga più frequente della

Dettagli

PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS

PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS Fase del compenso 1 Il dotto venoso, nel proseguo della gravidanza fisiologica tende a ridurre la sua portata, passando dal 70% fino

Dettagli

IL MONITORAGGIO EMODINAMICO IN ARTERIA POLMONARE

IL MONITORAGGIO EMODINAMICO IN ARTERIA POLMONARE AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE DI ALTA SPECIALIZZAZIONE SANTA MARIA DELLA MISERICORDIA - UDINE- DIPARTIMENTO DI SCIENZE CARDIOVASCOLARI ISTITUTO DI CARDIOLOGIA PRIMARI DOTT. PAOLO MARIA FIORETTI

Dettagli

CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia. AOU Novara

CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia. AOU Novara NURSING DEL PAZIENTE CONTROPULSATO CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia terapia intensiva AOU Novara NURSING DEL PAZIENTE CONTROPULSATO Il rapporto tra infermiere e

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE

FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE Lega Friulana per il Cuore FUNZIONAMENTO DI CUORE E CORONARIE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della Lega

Dettagli

Quick start manual Manuale rapido. Version 3.0

Quick start manual Manuale rapido. Version 3.0 Quick start manual Manuale rapido Version 3.0 1 Scope of delivery Contenuto della fornitura CITREX Mini USB cable, power cable Cavo di alimentazione Mini USB Plug-in power supply Alimentatore per rete

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2009-2010 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Rho - Malpensa Pipeline

Dettagli

INFERMIERISTICA IN AREA CRITICA Pz Cardiochirurgico. www.slidetube.it

INFERMIERISTICA IN AREA CRITICA Pz Cardiochirurgico. www.slidetube.it INFERMIERISTICA IN AREA CRITICA Pz Cardiochirurgico Paziente cardiochirurgico Pre-operatorio Interventi Post-operatorio Degenza Pre-operatorio Modello di percezione e gestione della salute (ambito conoscitivo,

Dettagli

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona Sala Cardiologia Interventista, Presidio ospedaliero Santa Corona Pietra Ligure (SV), ASL2 STROKE

Dettagli

PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA

PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA LOTTO n. 1 - KIT OSSIGENANTE PER PAZIENTI DI PESO DA A 40 Kg Dimensioni superficie della membrana. MAX10 - minore o uguale a 1,3 m 2 10 - da 1,3 m 2 a 1,5 m 2 5 Minimo

Dettagli

Misure di.. FORZA. P = F v

Misure di.. FORZA. P = F v Misure di.. FORZA In FISICA prodotto di una massa per una F = m a accelerazione In FISIOLOGIA capacità di vincere una resistenza o di opporsi ad essa attraverso una contrazione muscolare POTENZA P = F

Dettagli

Valutazione emodinamica con PRAM nei pazienti ventilati artificialmente

Valutazione emodinamica con PRAM nei pazienti ventilati artificialmente PROGRAMMA DI RICERCA Valutazione emodinamica con PRAM nei pazienti ventilati artificialmente Promotore: DAI Cardiologico e dei Vasi AOU Careggi Firenze Coordinatori dello Studio: Dott.ssa Serafina Valente,

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

LINEA RISCALDAMENTO HEATING LINE CATALOGO GENERALE GENERAL CATALOGUE

LINEA RISCALDAMENTO HEATING LINE CATALOGO GENERALE GENERAL CATALOGUE CATALOGO GENERALE GENERAL CATALOGUE LINEA RISCALDAMENTO Il vaso di espansione per impianti termici sopporta la dilatazione di volume dell acqua causata dall aumento di temperatura nel circuito e protegge

Dettagli

FISIOLOGIA DELLA RESPIRAZIONE

FISIOLOGIA DELLA RESPIRAZIONE FISIOLOGIA DELLA RESPIRAZIONE SCAMBIO E TRASPORTO DEI GAS La composizione dell aria alveolare differisce rispetto all aria ambiente. A livello alveolare si verifica la continua diffusione della del sangue

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

Progresso e tecnologia per la prevenzione dell ictus e la gestione dell ipertensione

Progresso e tecnologia per la prevenzione dell ictus e la gestione dell ipertensione Progresso e tecnologia per la prevenzione dell ictus e la gestione dell ipertensione La 3 a generazione di Microlife Qualità totale Grande innovazione Estrema semplificazione Protocollo BHS: A/A Pazienti

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrara-Ravenna Pipeline located

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrera - Cremona Pipeline which

Dettagli

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA

ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA ANALISI COMPUTERIZZATA DELLA POSTURA A LETTO E SEDUTA (COMPUTER ANALYSIS POSTURE BED AND SITTING) FT. Costante Emaldi FT. Rita Raccagni Will you care for me in my old age? SISTEMA a rilevazione di pressione

Dettagli

RPS TL System. Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy

RPS TL System. Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy RPS TL da 280 kwp a 1460 kwp RPS TL from 280 kwp to 1460 kwp RPS TL System L elevata affidabilità e la modularità della costruzione sono solo alcuni

Dettagli

le tracce di un cardioanestesista

le tracce di un cardioanestesista le tracce di un cardioanestesista Rappresentazione grafica, esattamente fedele alla realtà, di un monitor in condizioni standard durante un intervento cardiochirurgico. Vedi le nostre "curve" PREPARAZIONE

Dettagli

Principali funzioni cliniche del SimMan 3G

Principali funzioni cliniche del SimMan 3G Avatar SimMan 3G SimMan 3G è un manichino capace di produrre segni clinici (dilatazione delle pupille, movimento delle palpebre, cianosi labiale, ecchimosi, sanguinamento), di riconoscere e rispondere

Dettagli

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI:

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI: IL CICLO CARDIACO LO SCHEMA ILLUSTRA L ANDAMENTO TEMPORALE DI PRESSIONE, FLUSSO E VOLUME VENTRICOLARE, I PRINCIPALI PARAMETRI EMODINAMICI, DURANTE IL CICLO CARDIACO. TRA LA CHIUSURA DELLA VALVOLA MITRALE

Dettagli

Lezione 16 PRESSIONE SANGUIGNA Misura indiretta Sistole & Diastole Ventricolare Toni di Korotkoff Pressione Arteriosa Media

Lezione 16 PRESSIONE SANGUIGNA Misura indiretta Sistole & Diastole Ventricolare Toni di Korotkoff Pressione Arteriosa Media Lezioni di Fisiologia con Biopac Student Lab Lezione 6 PRESSIONE SANGUIGNA Misura indiretta Sistole & Diastole Ventricolare Toni di Korotkoff Pressione Arteriosa Media Revisione Manuale PL3.7.3 0008 (US:

Dettagli

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1 PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO SpO2 < 90% con O 2 in maschera a 10 l/min Acidosi respiratoria con ph < 7.25 Evidenza clinica di imminente distress

Dettagli

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan Ipotensione Ortostatica Raffaello Furlan OUT LINE Definizione e Diagnosi Etiopatogenesi Cause Problematiche particolari Terapia Definizione Ipotensione Ortostatica: diminuzione della pressione arteriosa

Dettagli

La variabilità della frequenza cardiaca

La variabilità della frequenza cardiaca Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia C Corso integrato di metodologia medico-scientifica e scienze umane II Fisica ed epistemologia La variabilità della frequenza cardiaca Prof. C. Cammarota Dipartimento

Dettagli

Funzione miocardica Algoritmo fisiologico Resistenze vascolari sistemiche (postcarico)

Funzione miocardica Algoritmo fisiologico Resistenze vascolari sistemiche (postcarico) Anestesia nei pazienti con cardiopatia valvolare Un articolo eccellente per ricchezza di contenuti e chiarezza dell esposizione. Gli algoritmi riassuntivi delle singole patologie riportate nelle figure

Dettagli

STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE

STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA U.O. Ambulatori Cardiologici Specialistici di Screening e Pre-ospedalizzazione STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE Federica Sambugaro VALVOLA AORTICA Aspetto normale Parasternale

Dettagli

TECNICHE DI IMAGING:

TECNICHE DI IMAGING: P. Torricelli R. Romagnoli Il percorso diagnostico dell embolia polmonare : TC spirale, RM, Angiopneumografia Cattedra e Servizio di Radiologia 1 Università di Modena e Reggio Emilia La diagnosi clinica

Dettagli

P aria (livello del mare) = 760 mmhg. Composizione: O 2 : 20.84% N 2 : 78.62% CO 2 : 0.04% po 2 = 159 mmhg. pn 2 = 597mmHg. pco 2 = 0.

P aria (livello del mare) = 760 mmhg. Composizione: O 2 : 20.84% N 2 : 78.62% CO 2 : 0.04% po 2 = 159 mmhg. pn 2 = 597mmHg. pco 2 = 0. Scambi alveolari Aria atmosferica = miscela di gas (principalmente O 2, N 2, CO 2 ) La velocità di diffusione di un gas (quantità di gas che diffonde nell unità di tempo) è direttamente proporzionale alla

Dettagli

Le insufficienze valvolari

Le insufficienze valvolari 1 Le insufficienze valvolari La prima considerazione da fare parlando delle insufficienze valvolari è che una lieve insufficienza valvolare può essere fisiologica per tutte le quattro valvole cardiache.

Dettagli

CHIUSURA PERCUTANEA DELL AURICOLA SINISTRA: DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA

CHIUSURA PERCUTANEA DELL AURICOLA SINISTRA: DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona S.S. Emodinamica Ospedale Santa Corona Caterina Varaldo S.C. Cardiologia Ospedale San Paolo CHIUSURA PERCUTANEA DELL AURICOLA SINISTRA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

Conoscere il rigurgito mitralico (MR) Cause Sintomi Opzioni di trattamento

Conoscere il rigurgito mitralico (MR) Cause Sintomi Opzioni di trattamento Conoscere il rigurgito mitralico (MR) Cause Sintomi Opzioni di trattamento Come funziona il cuore Il cuore pompa il sangue attraverso i polmoni per ossigenarlo, quindi pompa il sangue arricchito di ossigeno

Dettagli

Cateterismo arterioso

Cateterismo arterioso Per cateterismo arterioso s intende l introduzione di una cannula o di un catetere all interno di un arteria palpabile (a eccezione dell arteria carotide). Il cateterismo arterioso permette di misurare

Dettagli

Utilità clinica del monitoraggio pressorio delle 24 ore. Dott. Vincenzo Tucci Primario di Medicina Interna P.O. di Crotone

Utilità clinica del monitoraggio pressorio delle 24 ore. Dott. Vincenzo Tucci Primario di Medicina Interna P.O. di Crotone Utilità clinica del monitoraggio pressorio delle 24 ore Dott. Vincenzo Tucci Primario di Medicina Interna P.O. di Crotone Cenni storici: dagli albori alla sfigmomanometria Nel 1610 un famoso medico veneziano,

Dettagli

IL CONTROPULSATORE AORTICO

IL CONTROPULSATORE AORTICO Alessandro Chiuppani Michela Bambagioni Tuberi IL CONTROPULSATORE AORTICO UO di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna Generalità del contropulsatore La contropulsazione aortica e una tecnica di assistenza

Dettagli

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN DIAGNOSI ECOGRAFICA NELLE NEFROPATIE VASCOLARI ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN il GSER si occupa di mettere a punto dei criteri condivisi sulla metodologia di indagine, sulla

Dettagli

ATTIVITÀ FISICA COME STRUMENTO PER LA PREVENZIONE DELL ATEROSCLEROSI. Pablo Werba. Exercise is Medicine Milano, 3 dicembre 2011

ATTIVITÀ FISICA COME STRUMENTO PER LA PREVENZIONE DELL ATEROSCLEROSI. Pablo Werba. Exercise is Medicine Milano, 3 dicembre 2011 ATTIVITÀ FISICA COME STRUMENTO PER LA PREVENZIONE DELL ATEROSCLEROSI Pablo Werba Exercise is Medicine Milano, 3 dicembre 2011 Overview Aterosclerosi e le sue fasi Prevenzione e riabilitazione Motivazione

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA L insufficienza cardiaca (HF) è una sindrome clinica complessa che può dipendere da qualunque disturbo cardiaco

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia L obiettivo ultimo della riabilitazione cardiologica Recuperare e mantenere al livello più elevato possibile le condizioni fisiologiche, psicologiche,

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2001 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for the transportation system for

Dettagli

L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali tra benefici e complicanze

L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali tra benefici e complicanze Struttura Complessa di Cardiologia Universitaria Città della Scienza e della Salute, Torino Direttore: Prof. Fiorenzo Gaita L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali

Dettagli

MANUALE DELL UTENTE. Monitor emodinamico VERSIONE 4

MANUALE DELL UTENTE. Monitor emodinamico VERSIONE 4 L i D C O MANUALE DELL UTENTE Monitor emodinamico VERSIONE 4 Istruzioni di sicurezza Istruzioni di sicurezza (vedere anche manutenzione e pulizia, paragrafo 3.6) 1. Leggere attentamente le seguenti istruzioni

Dettagli

AVVISO n.20015. 20 Novembre 2012 ExtraMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.20015. 20 Novembre 2012 ExtraMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.20015 20 Novembre 2012 ExtraMOT Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifica Regolamento ExtraMOT: Controlli automatici delle negoziazioni - Automatic

Dettagli

group CONTROLLO MACCHINA EZ Dig PRO MACHINE CONTROL

group CONTROLLO MACCHINA EZ Dig PRO MACHINE CONTROL group CONTROLLO MACCHINA EZ Dig PRO MACHINE CONTROL edizione/edition 11-2012 group CONTROLLO MACCHINA EZ Dig PRO Endless Digging Endless Digging EZ-Dig Pro è l innovativo sistema per il controllo macchina,

Dettagli

Roma, 3 Novembre 2011

Roma, 3 Novembre 2011 Quali strumenti diagnostici e come ventilare in Pronto Soccorso dott. Fabrizio Giostra Medicina d Urgenza e Pronto Soccorso Direttore dott. Mario Cavazza Policlinico S.Orsola-Malpighi, Bologna Roma, 3

Dettagli

Assistenza respiratoria

Assistenza respiratoria Assistenza respiratoria -fisiologia della respirazione - l insufficienza respiratoria - modalità di supporto ventilatorio Fisiologia della respirazione Finalità: scambio di gas : apporto di O2 ai tessuti

Dettagli

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Antonello Vado Laboratorio di elettrofisiologia Ospedale S.Croce e Carle. Cuneo Dal device management al disease management L effetto cumulativo

Dettagli