Progetto di Modellazione del Paziente (PMP) in Assistenza Domiciliare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto di Modellazione del Paziente (PMP) in Assistenza Domiciliare"

Transcript

1 Progetto di Modellazione del Paziente (PMP) in Assistenza Domiciliare Politecnico di Milano Dipartimento di Meccanica ASL Lecco Dipartimento della Fragilità Report di fine progetto Gennaio 27 Giulia Asquer Valeria Borsani Andrea Matta Politecnico di Milano Dipartimento di Meccanica Gianlorenzo Scaccabarozzi ASL di Lecco Dipartimento della Fragilità / Servizi Cure Domiciliari

2 Ringraziamenti Si ringraziano i responsabili infermieristici, medici ed informatici del servizio di Cure Domiciliari della ASL di Lecco per la preziosa e competente collaborazione. Finanziamento Questo progetto è stato in parte finanziato da: Fondazione Lu.V.I. Sapio Life S.p.A. Pagina 2/94

3 Indice generale Introduzione Il percorso di cura del paziente nel servizio di cure domiciliari di ASL Lecco Descrizione del servizio Dati disponibili Analisi della letteratura Panoramica della letteratura Osservazioni di interesse A three compartment model of the patient flows in a geriatric department: a decision support approach [Mc Clean et al., 1998] [26] Description and prediction of physical functional disability in psoriatic: a longitudinal analysis using a Markov model approach [Husted et al., 25] [18] Estimates of the Cost-Effectiveness of a Single Course of Interferon-α2b in Patients with Histologically Mild Chronic Hepatitis C [Bennett et al., 1997] [36] Modello stocastico Identificazione delle variabili di stato Caratteristiche del campione Risultati dell analisi statistica Altre rilevazioni statisticamente significative Conclusioni sull analisi statistica Descrizione del modello Calcolo delle variabili di interesse Numero medio di pazienti in carico Numero medio di giorni di cura Numero medio di accessi Validazione e Applicazione Costruzione dei modelli Primo profilo 6: Osp. Dom. CP Primo profilo 1: Estemporanea Primo profilo 5: Osp. Dom Validazione Validazione del modello sui dati degli anni 24 e Applicazione del modello ai dati del Applicazione software...33 Conclusioni...38 Bibliografia...39 Allegato A: Catene di Markov a tempo discreto...41 Allegato B: Manuale utente prototipo software...42 Allegato C: Presentazione al Congresso SICP Allegato D: Articolo inviato a rivista internazionale...59 Allegato E: Presentazione finale progetto PMP...85 Pagina 3/94

4 Indice delle Figure Figura.1. Schema dell idea di risoluzione... 7 Figura 3.1. Distribuzione dei pazienti per età e distretto di appartenenza Figura 3.2. Distribuzione dei pazienti per indice di Karnofsky. Campione scremato Figura 3.3. Distribuzione dei pazienti per indice ADL. Campione scremato Figura 3.4. Linearità del numero totale di accessi in funzione del carico di lavoro. Test di analisi di regressione con R-sq=93% Figura 3.5. Schema generale della catena di Markov del modello Figura 4.1. Andamento delle probabilità di stato nel tempo per pazienti in CP con primo profilo 6. Assi di riferimento delle ordinate: Profilo 6 e End asse sinistro, Profili 7 e 8 asse destro Figura 4.2. Andamento delle probabilità di stato nel tempo, per pazienti in CE con primo profilo 1. Assi di riferimento delle ordinate: Profilo 1 e End asse sinistro, somma dei Profili 2-1 asse destro.. 24 Figura 4.3. Andamento delle probabilità di stato nel tempo, per pazienti in ADI con primo profilo 5. Assi di riferimento delle ordinate: Profilo 5 e End asse sinistro, somma dei Profili diversi dal 5 asse destro Figura 4.4. Andamento del numero medio di pazienti n assistiti in periodi successivi, per pazienti con primo profilo 6. Confronto tra dati reali (24-25) e risultati del modello. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura 4.5. Andamento del numero medio di pazienti n assistiti in periodi successivi, per pazienti con primo profilo 1. Confronto tra dati reali (24-25) e risultati del modello. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura 4.6. Andamento del numero medio di pazienti n assistiti in periodi successivi, per pazienti con primo profilo 5. Confronto tra dati reali (24-25) e risultati del modello. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura 4.7. Andamento del numero medio di accessi per paziente in carico v c per periodi successivi, per pazienti con primo profilo 6; confronto tra dati reali (24-25) e risultati del modello. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura 4.8. Andamento del numero medio totale di accessi v T per la struttura per periodi successivi, per pazienti con primo profilo 6; confronto tra dati reali (24-25) e risultati del modello. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura 4.9. Andamento del numero medio di accessi per paziente in carico v c periodi successivi, per pazienti con primo profilo 1; confronto tra dati reali (24-25) e risultati del modello. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura 4.1. Andamento del numero medio totale di accessi v T per la struttura per periodi successivi, per pazienti con primo profilo 1; confronto tra dati reali (24-25) e risultati del modello. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura Andamento del numero medio di accessi per paziente in carico v c per periodi successivi, per pazienti con primo profilo 5; confronto tra dati reali (24-25) e risultati del modello. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura Andamento del numero medio totale di accessi v T per la struttura per periodi successivi, per pazienti con primo profilo 5; confronto tra dati reali (24-25) e risultati del modello. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura Andamento del numero medio di pazienti n assistiti in periodi successivi, per pazienti con primo profilo 6. Confronto tra dati reali e previsioni ottenute. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura Andamento del numero medio di accessi per paziente in carico v c per periodi successivi, per pazienti con primo profilo 6; confronto tra dati reali e previsioni ottenute. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura Andamento del numero medio totale di accessi per la struttura v T periodi successivi, per pazienti con primo profilo 6; confronto tra dati reali e previsioni ottenute. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura Andamento del numero medio di pazienti n assistiti in periodi successivi, per pazienti con primo profilo 1. Confronto tra dati reali e previsioni ottenute. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura Andamento del numero medio di accessi per paziente in carico v c per periodi successivi, per pazienti con primo profilo 1; confronto tra dati reali (26) e previsioni ottenute. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura Andamento del numero medio totale di accessi per la struttura v T periodi successivi, per pazienti con primo profilo 1; confronto tra dati reali (26) e previsioni ottenute. Differenze in valore assoluto indicate tramite barre verticali Figura 5.1. Schermata iniziale con la scelta di una delle tre opzioni principali Pagina 4/94

5 Figura 5.2. Informazioni sul numero di pazienti e sul numero di accessi previsti per la struttura nel tempo (Funzione 2) Figura 5.3. Informazioni su accessi e carico di lavoro previsti per operatore; dettaglio per un operatore sui suoi accessi e carico di lavoro settimanali, dettaglio sui pazienti a lui assegnati (Funzione 3) Figura 5.4. Schermate per l assegnamento tra paziente e operatore (Funzione 4). Visualizzazione dei pazienti non assegnati: schermata di sinistra; Assegnamento effettuato: schermata di destra Figura 5.5. Schermate per la modifica della disponibilità massima dell operatore (Funzione 5). Schermata di sinistra: visualizzazione caratteristiche operatore. Schermata di destra: modifica ore di disponibilità settimanale Figura 5.6. Schermata per l impostazione di valori differenti da quelli di default per il numero di accessi ed il carico di lavoro per profilo attivato (Funzione 6) Indice delle Tabelle Tabella 1.1. Specifiche delle tipologie di profili di cura attivati dalla struttura Tabella 1.2. Tipologia di dati registrati per ogni paziente nel DB del provider durante il suo percorso di cura Tabella 3.1. Distribuzione dei pazienti a seconda del gruppo di patologia rilevata come prima patologia (numero e percentuale rispetto al totale) Tabella 3.2. Distribuzione del campione scremato di pazienti a seconda del gruppo di prima patologia rilevata Tabella 3.3. Suddivisione dei pazienti a seconda del primo profilo di cura attivato (numero e percentuale sul totale). Dati dal campione scremato Tabella 3.4. Suddivisione dei pazienti a seconda delle GdC (numero e percentuale sul totale). Dati dal campione scremato Tabella 3.5. Suddivisione dei pazienti a seconda del numero di accessi ricevuti (numero e percentuale sul totale). Dati dal campione scremato Tabella 3.6. Suddivisione dei pazienti a seconda del carico di lavoro richiesto (numero e percentuale sul totale). Dati dal campione scremato Tabella 3.7. Risultati del test di significatività (test ANOVA General Linear Model) dei fattori considerati su giorni di cura, numero di accessi e carico di lavoro totale ( = fattore significativo; - = fattore non significativo); il valore di P-value è indicato tra parentesi Tabella 3.8. Giorni di cura rispetto al KPS. Dati di dettaglio Tabella 3.9. Giorni di cura rispetto al primo profilo. Dati di dettaglio Tabella 3.1. Durata media di un profilo (in giorni) in dipendenza del primo profilo attivato Tabella 4.1. Matrice delle probabilità di transizione per i pazienti con profilo iniziale Tabella 4.2. Matrice delle probabilità di transizione per i pazienti con profilo iniziale Tabella 4.3. Matrice delle probabilità di transizione per i pazienti con profilo iniziale Tabella 4.4. Vettore di costo c per pazienti con primo profilo Tabella 4.5. Vettore di costo c per pazienti con primo profilo Tabella 4.6. Matrice degli accessi C per pazienti con primo profilo 1 (dal periodo al periodo 6) Tabella 4.7. Numero medio di giorni di cura e cumulata del numero medio degli accessi richiesti da un paziente (dati reali, stima ottenuta dai modelli ed errore percentuale) Pagina 5/94

6 Introduzione I servizi di assistenza domiciliare (AD) comprendono servizi medici, paramedici e sociali, forniti ai pazienti presso il loro domicilio. Le persone che ne usufruiscono sono per lo più anziani o persone affette da malattie terminali. Grazie a questi servizi, esse riescono ad alleviare il dolore e a mantenere o migliorare le proprie condizioni di vita. Queste prestazioni possono tuttavia essere fornite anche ad altre categorie di pazienti quali bambini, pazienti post-chirurgici, pazienti colpiti da ictus cerebrale, ecc. Il vantaggio principale apportato dalla AD è rappresentato dalla diminuzione significativa del tasso di ospedalizzazione e dalla riduzione dei costi dell intero sistema sanitario [1, 2], oltre che dalla possibilità di curare i pazienti all interno del loro ambiente famigliare. Le strutture (provider) che si occupano della fornitura di questo servizio utilizzano sia risorse materiali (farmaci, attrezzature mediche, ausili in generale quali letti antidecubito, sedie a rotelle, ecc.), sia risorse umane (infermieri, medici, fisioterapisti, OSA, assistenti sociali e volontari). Tutte queste risorse richiedono però un adeguata gestione, al fine di evitare ritardi e raggiungere un livello di servizio di alta qualità. Di conseguenza, la loro pianificazione all interno delle strutture di AD è un'attività chiave che coinvolge decisioni di lungo, medio e breve periodo 1 [3,4]. Tuttavia, tale pianificazione presenta spesso numerose difficoltà, legate a precise ragioni pratiche. Innanzitutto, il numero di pazienti assistiti in linea è generalmente elevato 2 e le strutture di AD non sempre posseggono le strumentazioni sufficienti per controllare le attività logistiche ed organizzative legate all esecuzione della cura [5, 6] e che spesso devono rispondere a diversi eventi imprevisti, tra cui i più frequenti sono: la variazione improvvisa dello stato clinico o sociale del paziente, che può richiedere una revisione non pianificata del suo piano terapeutico; l indisponibilità degli operatori della struttura (medici, infermieri, fisioterapisti, OSA, ), che può causare il cambiamento dei programmi stabiliti; la richiesta imprevista di risorse materiali non immediatamente disponibili; i problemi di viabilità, che possono causare ritardi nel raggiungere il domicilio del paziente; la variabilità della frequenza di arrivo di nuovi pazienti, a seconda delle variazioni delle condizioni dell ambiente esterno. Queste fonti di incertezza portano ad una elevata variabilità delle attività da gestire e ad una continua revisione della pianificazione di breve periodo. Di conseguenza, anche il carico di lavoro degli operatori è influenzato da una bassa stabilità, che può causare difficoltà al fornitore del servizio di AD nel dimensionare ed organizzare le risorse. Una delle soluzioni tipicamente adottate per far fronte a questo problema è quella di non assegnare pazienti ad alcuni operatori (denominati jolly), che hanno invece il compito di supplire ai colleghi in caso di insorgenza di eventi imprevisti. Questo porta però a cambiamenti di programma e ad una più elevata turnazione del personale che visita uno stesso paziente, il quale, invece, preferisce generalmente essere assistito sempre dagli stessi operatori [6]. Lo scopo del presente progetto (in seguito denominato per brevità PMP) è lo sviluppo di un modello stocastico 3 semplice che possa rappresentare l evoluzione dei pazienti assistiti da un servizio di AD, a partire dalle loro condizioni e dai loro bisogni iniziali. Il modello proposto cerca di descrivere la variabilità del paziente, senza entrare nell ambito clinico, ma considerando soltanto i dati organizzativi standard raccolti dagli operatori del provider. Figura.1 mostra lo schema della risoluzione proposta. All interno della struttura di AD, i dati riguardanti i pazienti (dati anagrafici, test funzionali e clinici, condizioni sociali) vengono generalmente raccolti all interno di un DataBase (DB) (1). Queste informazioni vengono utilizzate dai professionisti sanitari per redigere un piano di cura e pianificarne l esecuzione (2). La terapia viene quindi eseguita a domicilio (3), dove vengono raccolti i dati aggiornati, che serviranno per controllare e rivedere i piani precedentemente stabiliti (4). Il modello proposto si propone, tramite l analisi dei dati storici raccolti nel DB, di prevedere l evoluzione nel tempo delle condizioni di un paziente medio, nei termini di alcune variabili di interesse (quali la durata di presa in carico, il numero totale di accessi previsti, il carico di lavoro per ciascun operatore, ecc.) che possono sostenere ed orientare sia il dimensionamento delle risorse (pianificazione di medio periodo), sia la stesura del piano degli accessi settimanali (pianificazione di breve periodo). Riguardo 1 Per decisioni di lungo, medio e breve periodo si intendono quelle decisioni le cui ripercussioni saranno visibili nell arco temporale di anni, mesi o settimane rispettivamente. 2 Per i provider italiani, questo numero varia generalmente tra i 1 e i 6 pazienti al giorno, a seconda della capacità di servizio della struttura [7]. 3 I modelli stocastici (stocastico = dovuto al caso, aleatorio, dal greco stochastikòs=congetturale) tengono in considerazione le variazioni (causali e non) delle variabili di input, e quindi forniscono risultati (output) in termini di "probabilità". Pagina 6/94

7 ad un possibile utilizzo pratico, l operatore potrebbe quindi inserire le informazioni correnti sulle condizioni del paziente e sugli assegnamenti organizzativi relativi ad esso, ed ottenere informazioni di supporto alla fase (2). La stima del numero di accessi in un periodo pianificato aumenta così il controllo sulla variabilità del carico di lavoro degli operatori e, conseguentemente, fornisce uno strumento di supporto alla pianificazione delle risorse umane. Dati storici (2) MODELLO OUTPUT Previsione dell evoluzione di un paziente medio Misura di variabili di interesse Dimensionamento delle risorse Pianificazione delle visite (3) INPUT Informazioni aggiornate su pazienti e assegnamenti (1) DataBase Esecuzione della cura Raccolta nuovi dati (4) Figura.1. Schema dell idea di risoluzione. Lo studio in questione è stato svolto in collaborazione con il Dipartimento della Fragilità / Servizi Cure Domiciliari della ASL di Lecco, la cui organizzazione è stata descritta in una precedente ricerca [7]. Pagina 7/94

8 1. Il percorso di cura del paziente nel servizio di cure domiciliari di ASL Lecco Lo sviluppo e l'utilizzo di un modello stocastico vengono pesantemente influenzati dalla disponibilità di dati e informazioni sul sistema da modellizzare. Ciò è particolarmente rilevante nel settore della sanità, in cui i dati possono essere incompleti, incoerenti o sottoposti a vincoli di riservatezza. L'obiettivo di questa Sezione è quello di descrivere il servizio fornito dal Dipartimento della Fragilità / Cure domiciliari della ASL di Lecco, ponendo l attenzione sul percorso di cura del paziente, sugli attori coinvolti e sulle informazioni che possono essere raccolte ad ogni step del processo. Per ulteriori dettagli sulla descrizione dei processi in AD in una generale struttura, ci si può riferire al lavoro di Chahed et al. [3, 4] Descrizione del servizio Il percorso di cura di un paziente in AD attraversa tre fasi: ammissione, fornitura del servizio di cura e dimissione. La fase di ammissione consiste dei seguenti tre step: Esecuzione della prima visita: un operatore, in genere un infermiere, effettua la prima visita a domicilio del paziente, raccogliendo i suoi dati personali e altre utili informazioni riguardanti le sue condizioni cliniche, funzionali e sociali. Valutazione multidimensionale (VMD): le condizioni del paziente vengono indagate tramite l esecuzione di alcuni test che permettono di valutarne le capacità funzionali, come la Karnofsky Performance Status Scale (KPS) [8], la Activities of Daily Living Scale (ADL) [9], la Instrumental Activities of Daily Living Scale (IADL) [1] ed il Global Evaluation Functional Index (GEFI) [11]. Inizio della cura: sulla base delle informazioni raccolte, la struttura di AD decide quale tipo di servizio è necessario fornire. Viene stabilito un Piano di Assistenza Individuale (PAI) preliminare, che definisce il tipo e la quantità di accessi per il periodo immediatamente successivo (solitamente un mese), le risorse necessarie e le eventuali particolari terapie richieste. Durante questo periodo, i bisogni del paziente vengono continuamente tenuti sotto valutazione. Nella fase di esecuzione della cura, il paziente riceve il servizio del provider, secondo quanto stabilito nel PAI preliminare. Il PAI viene successivamente controllato ogni settimana e rivisto a scadenza mensile, o comunque ogni qualvolta un cambiamento delle condizioni cliniche o sociali del paziente richiede il passaggio ad un differente piano di cura. Ad ogni revisione, il PAI può essere quindi confermato o variato. Infine, al termine dell assistenza, il paziente viene dimesso dalla struttura di AD. Per facilitare il rimborso del servizio da parte del Servizio Sanitario Regionale, ASL Lecco ha classificato i PAI in dieci classi, chiamati profili di cura, caratterizzati da differenti livelli di costo. I profili di cura, le cui specifiche vengono riportate in dettaglio in Tabella 1.1, vengono identificati tramite numeri che vanno da 1 a 1. Essi possono essere raggruppati sotto tre generi di servizio: Servizio di Cure Estemporanee (CE): viene fornito a pazienti che necessitano di cure per un lungo periodo, a frequenza di accessi molto bassa. Il profilo di cura 1 appartiene a questo tipo di servizio. Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI): è caratterizzato da una intensità di cura medioalta. Sono inclusi in questo tipo di servizio i profili di cura 1, 9, 2, 3, 4 e 5 (qui ordinati per valore crescente di numero di accessi richiesti durante il periodo di cura). Servizio di Cure Palliative (CP): viene fornito a pazienti affetti da malattie terminali, generalmente oncologiche. Questo servizio include i profili di cura 8, 7 e 6 (qui ordinati per valore crescente di numero di accessi richiesti durante il periodo di cura). Pagina 8/94

9 ID profilo di cura Denominazione Descrizione 1 Estemporanea 2 1 ADI 3 2 ADI 4 3 ADI Prestazioni di natura esclusivamente sanitaria che non richiedono la stesura di un piano di assistenza individuale Prestazioni sanitarie infermieristiche e/o riabilitative e/o socioassistenziali. Tre livelli assistenziali che si differenziano in base al mix delle risorse professionali e all intensità assistenziale richiesta 5 Osp. Dom. 6 Osp. Dom. CP Cure domiciliari sanitarie e/o specialistiche rivolte a persone in condizione di fragilità che necessitano di trattamenti di alta intensità e/o specialistici. Due diversi profili per l area critici (Osp. Dom.) e l area Cure Palliative (Osp. Dom. CP) 7 CP ADI 8 CP FollowUp 9 Credit Cure domiciliari a livello infermieristico e/o specialistico e/o riabilitativo e/o socio-assistenziale rivolto ai malati in fase di fine vita Prestazioni necessarie al paziente malato terminale in fase postacuta Prestazioni di bassa intensità di natura infermieristica e riabilitativa di mantenimento 1 ADI FollowUp Prestazioni necessarie al paziente generico in fase post-acuta Tabella 1.1. Specifiche delle tipologie di profili di cura attivati dalla struttura. Al momento della definizione del PAI, il paziente viene inserito in uno dei suddetti possibili profili di cura, considerando il tipo ed il numero di accessi da lui richiesti. Tali sono infatti i fattori che maggiormente influenzano il livello di costo Dati disponibili Durante il percorso di cura, la struttura di AD registra sul suo DB un elevato numero di dati relativi al paziente: informazioni personali, condizioni cliniche, funzionali e sociali, servizio di cura fornito (Tabella 1.2). Fase di cura Dati raccolti Tipo di dati Prima visita Ammissione VMD Inizio della cura Fornitura del servizio di cura Età Area geografica Disponibilità del caregiver Stato civile Professione Prima patologia Patologie concomitanti Risultati dei test: indici KPS, ADL, IADL, GEFI Data di ammissione ID del paziente Profilo di cura Data di inizio e fine del PAI Dati riguardanti gli accessi eseguiti: tipo, prestazioni eseguite durante l accesso, durata, ID e tipo di operatore coinvolto Anagrafico / personale Clinico Funzionale / sociale Riguardante il servizio Riguardante il servizio Dimissione Esito (guarigione, passaggio ad altro servizio, decesso) Riguardante il servizio Tabella 1.2. Tipologia di dati registrati per ogni paziente nel DB del provider durante il suo percorso di cura. Dai dati raccolti, il provider calcola alcuni indicatori utili, tra i quali si distinguono i giorni di cura (cioè la durata della cura, dall ammissione alla dimissione), il numero totale di accessi effettuati a domicilio del paziente, l'utilizzazione delle risorse dedicate al paziente, il rapporto fra il numero di accessi ed i giorni di cura [12]. Pagina 9/94

10 2. Analisi della letteratura Dopo aver inquadrato i parametri caratterizzanti il problema e la tipologia di dati a disposizione, è stata effettuata un analisi della letteratura, con lo scopo di individuare le possibili metodologie di risoluzione di problematiche simili a quella affrontata nel progetto in questione Panoramica della letteratura In letteratura è possibile trovare un numero abbastanza ampio di studi focalizzati sullo sviluppo di modelli stocastici atti a rappresentare il percorso di cura di un paziente medio all interno di un sistema sanitario; nessuna di queste ricerche riguarda tuttavia i sistemi di Assistenza Domiciliare. I modelli stocastici presentati vengono sviluppati sotto punti di vista differenti, a seconda degli specifici obiettivi in questione. Alcuni modelli valutano l evoluzione delle condizioni dei pazienti, con lo scopo principale di fornire indicatori che possano supportare la fase di stesura del piano terapeutico. In tale ambito, Pauler et al. [13] sviluppano alcuni modelli Bayesiani per prevedere il valore di alcuni indicatori clinici utili alla diagnosi degli stadi di progressione del cancro alla prostata. Altri lavori simili, sempre sviluppati con tecniche Bayesiane, vengono proposti da Bergamaschi et al. [14], Berzuini et al. [15], Verotta [16], Alagoz et al. [17]. Husted et al. [18] propongono invece un modello Markoviano per studiare l evoluzione delle capacità funzionali nei pazienti affetti da artrite psoriasica. Altri modelli Markoviani per stimare i percorsi di cura dei pazienti sono poi proposti da Magherini et al. [19], Verbeek et al. [2], Kousignian et al. [21] e Altman et al. [22]. La simulazione viene invece usata da Flessa [23] per modellare l epidemiologia della malaria, con lo scopo di supportare i decisori coinvolti nei programmi di controllo di questa patologia, sia dal punto di vista clinico che organizzativo. Altri ricercatori hanno come scopo principale lo sviluppo di modelli stocastici per studiare e stimare gli indicatori del consumo di risorse dipendente dall evoluzione delle condizioni del paziente. Questo tipo di ricerca permette lo sviluppo di strumenti di supporto per la pianificazione delle risorse stesse. A questo proposito, Congdon [24] usa tecniche Bayesiane per prevedere i tassi di ricovero in ospedale di pazienti provenienti dal loro domicilio, con lo scopo di facilitare la riconfigurazione dei servizi di emergenza ospedalieri. Anche Marshall et al. [25] affrontano lo stesso tipo di problema, utilizzando la medesima tecnica. McClean and Millard [26] sfruttano invece la teoria di Markov per stimare il tasso di occupazione dei posti letto in un ospedale geriatrico, valutando differenti opzioni di cura e ottimizzando così la fase di presa di decisioni. Altre soluzioni ottenute con modelli di Markov sono quelle presentate da Taylor et al. [27,28,29], McClean et al. [3, 31], Krahn et al. [32], Marshall et al. [33, 34]. Un sistema di reti di code con blocking è invece applicato da Koizumi et al. [35] per analizzare i processi di congestione del servizio nelle strutture di cura per malattie mentali. Nel campo della valutazione del rapporto tra risorse consumate e benefici clinici ottenuti, Bennett et al. [36] propongono un modello di catena di Markov per stimare il rapporto costi/benefici di una particolare terapia con interferone in pazienti affetti da epatite C cronica; lo stesso metodo di soluzione viene utilizzato poi da Emparan et al. [37] e Remák et al. [38], che nei loro lavori perseguono scopi simili a Bennett Osservazioni di interesse I casi di studio analizzati nella letteratura presentano almeno quattro caratteristiche comuni: 1. L importanza dei dati a disposizione. Gli studiosi hanno spesso costruito i loro modelli in funzione dei dati a loro disposizione, rinunciando a volte ad alcune valutazioni o ponendo ipotesi restrittive per ovviare alla mancanza delle informazioni necessarie. Per questo un attenta analisi dei dati a disposizione è essenziale per poter comprendere in quale ambito di precisione o approssimazione ci si deve muovere nella realizzazione dello studio. 2. L individuazione di semplificazioni del problema. I problemi trattati in questo genere di ricerche sono spesso molto complessi, in quanto devono considerare l evoluzione delle condizioni di salute dei pazienti, causata da moltissimi fattori, a volte difficilmente prevedibili. Questo porta spesso a dover porre alcune semplificazioni (per esempio aggregare i pazienti in categorie, considerare solo pazienti appartenenti ad una specifica patologia, ecc ) per poter in primo luogo effettuare un analisi adeguata dei dati. 3. Il sostegno da parte dei professionisti sanitari. Nel determinare i parametri necessari alla costruzione dei modelli è fondamentale basarsi sulle indicazioni di esperti del settore sanitario. Pagina 1/94

11 Questo permette di realizzare modelli realistici ed effettuare eventuali semplificazioni in modo coerente e adatto alla problematica in esame. 4. Il confronto mancante con i dati reali. Nei lavori analizzati manca spesso un confronto con i dati reali, essenziale per ottenere una valutazione oggettiva dell errore commesso dal modello sviluppato. Tenendo conto di tutte queste osservazioni e dello scopo che il progetto si prefigge, si è cercato di individuare la metodologia di risoluzione che potesse essere più adatta. Come risulta dalla panoramica della letteratura presentata nella Sezione 2.1., le tecniche per la risoluzione di questo tipo di problematiche possono essere numerose. All interno di questo progetto, si è deciso di optare per la tecnica delle catene di Markov, considerandone la maggiore semplicità di utilizzo. Sotto tali premesse, alcuni tra gli articoli analizzati si presentano particolarmente significativi, in quanto affini, per metodologia (utilizzo delle catene di Markov) e per scopo, a ciò che si vorrebbe sviluppare; le Sezioni , e riportano in particolare tre di questi lavori. Per ognuno di essi viene evidenziato l obiettivo specifico e viene descritta la metodologia sviluppata; si utilizza inoltre una scheda riassuntiva, che riporta input, output e un confronto con il progetto PMP riguardo ad alcuni argomenti specifici. Per conoscere le caratteristiche salienti del metodo delle catene di Markov, si fa riferimento al breve approfondimento presentato in Allegato A A three compartment model of the patient flows in a geriatric department: a decision support approach [Mc Clean et al., 1998] [26] Scopo Il lavoro è svolto nell ambito del ricovero ospedaliero di pazienti anziani, che spesso richiedono degenze a lungo termine. Sulla base della previsione del rapporto costi/benefici, lo scopo è quello di fornire uno strumento di supporto nell identificazione della migliore strategia di cura per coloro che operano all interno di una struttura ospedaliera geriatrica. Descrizione della metodologia Si è lavorato allo sviluppo di un modello con catena di Markov che simula il flusso di pazienti all interno di una struttura ospedaliera geriatria, con lo scopo di prevedere la loro evoluzione ed i costi di assistenza ad essa correlati. All interno dell ospedale, i pazienti vengono generalmente ammessi in uno stato di cura per acuti o in riabilitazione, passando successivamente ad uno stato di cure a lungo termine, alla dimissione o al decesso. Si è riscontrata l impossibilità di ottenere dati reali precisi sui tempi di transizione da uno stato all altro, optando perciò per la descrizione dei tempi di permanenza negli stati tramite una distribuzione esponenziale mista teorica, già utilizzata con successo in letteratura [27]. Un ulteriore dato utilizzato è quello relativo al costo giornaliero legato ad un paziente assistito all interno di un determinato stato di cura. Scheda riassuntiva Input Costi giornalieri abbinati agli stati di cura. Valori delle probabilità di transizione giornaliere, ricavate tramite confronto con distribuzione esponenziale teorica. Distribuzione iniziale di pazienti negli stati (all inizio della giornata). Output Vettore delle probabilità di distribuzione dei pazienti fra gli stati di cura in funzione del tempo (in giorni). Stima dei costi in base alla strategia di cura. Confronto con il progetto Argomento McClean e Millard Progetto PMP Collegamento stato di cura del paziente costo di assistenza Stima dei tassi di transizione tra stati di cura Vengono considerati i costi economici giornalieri. Viene considerata una distribuzione esponenziale mista teorica, ricavata dalla letteratura, a causa della mancanza di dati reali utilizzabili. Vengono considerati costi mensili di assistenza in ore di lavoro richieste. La possibilità di utilizzare un DB aggiornato permette di ricavare le informazioni necessarie direttamente dai dati reali. Pagina 11/94

12 2.2.2 Description and prediction of physical functional disability in psoriatic: a longitudinal analysis using a Markov model approach [Husted et al., 25] [18] Scopo Lo scopo del lavoro è quello di descrivere l evoluzione nel tempo delle capacità funzionali in pazienti affetti da artrite psoriasica, identificando i fattori che possono causarne il peggioramento o il miglioramento. Pertanto, lo studio presenta finalità riguardanti più il campo clinico che organizzativo. Descrizione della metodologia Si è sviluppato un modello con catena di Markov che cattura tutti i possibili cambiamenti nel tempo delle condizioni di un paziente, rappresentando le transizioni tra diversi stadi di disabilità funzionale. La raccolta dati è stata eseguita presso una clinica specializzata Canadese, che raccoglie periodicamente, ad intervalli di 6 o 12 mesi, informazioni varie (funzionali, cliniche e anagrafiche) sui pazienti assistiti. La ricerca ha comportato la stesura di un apposito questionario, denominato HAQ (Health Assessment Questionnaire). Il questionario è stato somministrato ai pazienti per dieci anni, ad intervalli periodici (annuali o semestrali) o ad ogni cambiamento riconosciuto di condizioni. I punteggi conseguiti nel questionario corrispondono ad uno dei tre stati di disabilità definiti (assente, moderata o grave), in cui il paziente viene registrato. Questo tipo di raccolta dati è stato molto utile per la costruzione del modello di Markov corrispondente, in quanto ha permesso di avere un idea precisa dei tassi di transizione del paziente da uno stato di disabilità all altro, sotto l ipotesi che l evoluzione futura del paziente dipenda solamente dal suo stato presente e non anche da quelli passati. Scheda riassuntiva Input Mappatura tramite questionari dei cambiamenti di stato di disabilità lungo un periodo di 1 anni. Raccolta parallela di altre variabili cliniche e anagrafiche. Output Stima del tempo di permanenza in ogni stato di disabilità. Valutazione dell influenza sui tassi di transizione (miglioramento o peggioramento) delle variabili cliniche e anagrafiche raccolte. Confronto con il progetto Argomento Husted et al. Progetto PMP Stima dei tassi di transizione tra stati di disabilità Valutazione dell influenza di alcune variabili sui tassi di transizione Viene utilizzato il questionario HAQ per mappare l andamento delle condizioni del paziente nel tempo. È da sottolineare come i pazienti considerati cambino generalmente le loro condizioni di disabilità in tempi molto lunghi, nell ordine di anni. Viene valutata l influenza di variabili anagrafiche e cliniche sui tassi di transizione tra gli stati di condizioni funzionali. Nel nostro caso, i test di VMD già utilizzati all interno della struttura di AD potrebbero essere usati come questionari da somministrare periodicamente. Ciononostante, questa ipotesi è da scartare, in quanto le condizioni dei pazienti evolvono spesso nell arco di un mese. Ciò richiederebbe un monitoraggio pressoché continuo, che comporterebbe un carico di lavoro eccessivo sia per l operatore che deve somministrare i questionari, sia per il paziente che vi deve rispondere. Questo tipo di valutazione potrebbe risultare interessante anche per il progetto in questione. Si è valutato infatti il possibile impatto di alcune caratteristiche sociali del paziente (es. età, sesso, presenza del caregiver, ) sui tassi di transizione verso un miglioramento o un peggioramento delle sue condizioni (vedi Sezione ). Pagina 12/94

13 2.2.3 Estimates of the Cost-Effectiveness of a Single Course of Interferon-α2b in Patients with Histologically Mild Chronic Hepatitis C [Bennett et al., 1997] [36] Scopo La stima del rapporto costi/benefici della cura con interferone rispetto a quella standard nei pazienti affetti da epatite C cronica è la finalità principale di questo lavoro. Descrizione della metodologia È stato sviluppato un modello con catena di Markov per prevedere, sulla base dei dati storici a disposizione, le modalità di risposta di pazienti affetti da epatite C cronica ad un singolo ciclo di cura con interferone della durata di sei mesi. Gli stati sono caratterizzati da variabili cliniche e istologiche; il tempo è rappresentato da cicli di un anno, in cui il paziente può rimanere stabile nello stato in cui si trova, peggiorare o migliorare, oltre che arrivare al decesso, come conseguenza della propria malattia o per cause naturali. I dati necessari alla costruzione del modello sono stati ottenuti da ricerche in letteratura, opinioni di esperti sanitari, dati sui costi ospedalieri e sui tariffari dei medici. Oltre che una previsione sul rapporto costo/benefici, il modello permette di prevedere l aspettativa e il livello di qualità di vita dei pazienti, in una prospettiva di gestione generale e migliorativa della cura. Scheda riassuntiva Input Tassi di transizione annuali stimati sia da letteratura che da opinioni di esperti sanitari (gli stati sono caratterizzati da variabili cliniche e istologiche). Costi relativi all assistenza del paziente in ognuno dei possibili stati, comprensivi sia dell assistenza in struttura che a domicilio. Output Stima del tempo di sopravvivenza. Stima della qualità di vita. Stima dei costi. Stima del rapporto costo/efficacia (ottenuta risolvendo il modello nel caso di due terapie distinte). Confronto con il progetto Argomento Bennet et al. Progetto PMP Stima dei tassi di transizione Determinazione dei costi relativi ad ogni stato Stima del tempo di sopravvivenza Stima della qualità di vita Vengono utilizzate essenzialmente indicazioni derivanti da precedenti studi di letteratura, supportato dall opinione di professionisti sanitari. I tempi di permanenza di un paziente in alcuni stati sono dell ordine di anni. Il lavoro riporta una quantificazione economica dei costi a domicilio. Viene stimato il tempo di sopravvivenza dei pazienti in cura. Si prevede l andamento della qualità della vita, tramite appositi indici. Nel nostro caso, non sembrano esistere riferimenti in letteratura riguardo a tempi di permanenza dei pazienti nei vari stadi di assistenza in AD. Pertanto ci si è basati sui dati del DB a nostra disposizione, con il supporto del personale sanitario. I tempi di permanenza sono in termini di mesi. Il progetto non considera i costi economici, ma i costi in termini di ore lavorative necessarie. Viene stimato il tempo di permanenza dei pazienti all interno del servizio di AD, considerando l uscita dal servizio sia come caso di decesso che come semplice cessazione della cura a domicilio. Il progetto per ora non stima indicatori relativi alla qualità della vita, anche se questo fattore potrebbe essere interessante, soprattutto nel caso di patologie degenerative, come può essere la patologia oncologica, curata a domicilio tramite il servizio di CP. Pagina 13/94

14 3. Modello stocastico In questa sezione viene proposta una catena di Markov per modellare l evoluzione dei pazienti assistiti in AD. La tecnica della catena di Markov è stata scelta a causa della relativa semplicità di modellizzazione, anche se possono essere usate numerose altre tecniche per raggiungere lo stesso obiettivo, come evidente dalla letteratura riportata in Sezione 2. Per sviluppare la catena di Markov, è necessario in primo luogo definirne le variabili di stato, cioè quelle variabili che rappresentano in modo significativo il paziente durante il suo percorso di cura. Questa fase presenta una elevata complessità, dovuta principalmente al grande numero di variabili possibili. Il numero di variabili di stato identificate deve permettere di ottenere un modello realistico e, allo stesso tempo, non molto complesso. La seguente sottosezione 3.1 descrive questo processo, sostenuto da analisi statistiche che identificano i fattori più significativi sui giorni di cura (GdC), sul numero di accessi eseguiti e sul carico di lavoro ad essi correlato, che sono le principali variabili di interesse del modello proposto. Conoscere le condizioni di ingresso di un paziente permetterebbe, per esempio, di prevedere la durata del suo percorso di cura o il numero di accessi che richiederà nel tempo. Gli esperti sanitari che operano all interno della struttura di ASL Lecco hanno supportato la definizione delle semplificazioni necessarie e l'analisi dei risultati. La descrizione del modello di catena di Markov e la definizione delle variabili di interesse è presentata rispettivamente nelle sottosezioni 3.2 e Identificazione delle variabili di stato Il DB del provider include un numero elevato di dati riguardanti le condizioni del paziente ed il suo percorso di cura (Sezione 1.2). Allo scopo di identificare quali di questi dati possono essere realmente utili nell identificazione delle variabili di stato del modello, è stata eseguita un analisi statistica. In particolare, lo scopo di questa analisi è stata l identificazione di quelle informazioni legate al paziente che possono essere indicative dei giorni di cura e del numero totale di accessi che esso richiederà durante l assistenza Caratteristiche del campione Il campione analizzato include le informazioni sui percorsi di cura di tutti i pazienti ammessi nella struttura negli anni 24 e 25. L anno 23 è stato caratterizzato da alcuni cambiamenti organizzativi in materia di standard di ammissione; esso è quindi considerato anno di transizione e, come tale, non è stato preso in considerazione nell analisi. I pazienti inclusi sono 3796 (1973 ammessi nel 24 e 1823 ammessi nel 25), di età compresa tra i 2 e i 13 anni, suddivisi sui tre distretti serviti da ASL Lecco. In particolare, il 4.46% dei pazienti appartiene al distretto di Merate, il 45.57% a quello di Lecco ed il 13.96% a quello di Bellano. Figura 3.1 presenta nello specifico la distribuzione dei pazienti per età e distretto. 6 Numero pazienti Merate Lecco Bellano Fascia di età 1-13 Figura 3.1. Distribuzione dei pazienti per età e distretto di appartenenza. Pagina 14/94

15 Facendo riferimento alla prima patologia rilevata, i pazienti possono essere suddivisi nei gruppi di patologie indicati in Tabella 3.1. Gruppo di patologia n % sul totale Tumori - cachessia Demenze Malattie neurologiche progressive Ictus cerebri emiparesi tetraparesi paraparesi Malattie cardiovascolari Lesioni cutanee Broncopatie croniche e insufficienza respiratoria 1.26 Parologie osteoarticolari Coma 5.13 Patologie gastroenteriche e degli organi splancnici Altro Non specificata Tabella 3.1. Distribuzione dei pazienti a seconda del gruppo di patologia rilevata come prima patologia (numero e percentuale rispetto al totale). Per quanto riguarda invece le informazioni funzionali, ottenute tramite l esecuzione dei test multidimensionali, per circa il 7% dei pazienti è stato registrato almeno una volta l indice ADL (2673 pazienti), per il 54% l indice IADL (254), per il 34% l indice di KPS (132), e per il 36% l indice GEFI (1364). I professionisti sanitari operanti nella struttura di AD hanno indicato nella disponibilità del caregiver e nella prima patologia le informazioni più rappresentative della condizione sociale e clinica del paziente. Per questo motivo, dall'analisi sono stati esclusi i dati riguardanti lo stato civile, la professione e le patologie concomitanti. Di conseguenza, le informazioni sul percorso di cura del paziente potenzialmente significative sono: età, area geografica, disponibilità del caregiver, prima patologia, indici KPS, ADL, IADL e GEFI e primo profilo attivato. Scrematura del campione In prima battuta, sono stati inclusi nell analisi solamente i pazienti per i quali erano stati registrati i risultati di tutti e quattro i test funzionali. Tale decisione ha portato però alla riduzione della popolazione del campione a 31 pazienti. Un Kruskal-Wallis 4 test ha riconosciuto IADL e GEFI come non realmente significativi per le variabili considerate (il numero totale di accessi e il numero di giorni di cura). Per questo motivo, si è scelto di considerare tutti i pazienti per i quali fossero almeno presenti i valori dei test ADL e KPS. Questo campione finale, comprendente 166 pazienti, è stato considerato sufficientemente popolato per essere sottoposto all'analisi in modo ragionevole. Rispetto al campione iniziale, esso presenta una diversa distribuzione dei pazienti nelle diverse patologie (mostrata in Tabella 3.2), in quanto include solo le categorie con patologia riconosciuta e che presentano almeno i due indici di valutazione ADL e KPS. Gruppo di patologia n % sul totale Tumori - cachessia 642 6,23% Demenze 9,84% Malattie neurologiche progressive 15 1,41% Ictus cerebri emiparesi tetraparesi paraparesi 57 5,35% Malattie cardiovascolari 9,84% Lesioni cutanee 97 9,1% Broncopatie croniche e insufficienza respiratoria 1,9% Parologie osteoarticolari 27 19,42% Coma 1,9% Patologie gastroenteriche e degli organi splancnici 13 1,22% Altro 15 1,41% Tabella 3.2. Distribuzione del campione scremato di pazienti a seconda del gruppo di prima patologia rilevata. 4 Il test di Kruskal-Wallis ha dimostrato la non significatività dell indice GEFI sui giorni di cura (P-value=.135) e sul numero di accessi (P-value=.181) e la non significatività dell indice IADL sui giorni di cura (P-value=.646) e sul numero di accessi (P-value=.26). I valori di P-value riscontrati non risultano tuttavia molto elevati. Un ulteriore analisi su una popolazione maggiore sarebbe auspicabile per poter indagare al meglio le suddette non significatività. Pagina 15/94

16 La distribuzione degli indici KPS e ADL per questo gruppo di pazienti è presentata nelle Figure 3.2 e 3.3 rispettivamente Numero pazienti Numero pazienti Valore indice KPS Figura 3.2. Distribuzione dei pazienti per indice di Karnofsky. Campione scremato Valore indice ADL Figura 3.3. Distribuzione dei pazienti per indice ADL. Campione scremato. Tra le caratteristiche rilevate, si è posta particolare attenzione al primo profilo di cura attivato. I pazienti appartenenti al campione scremato presentano i primi profili mostrati in Tabella 3.3. ID primo profilo N % sul totale Tabella 3.3. Suddivisione dei pazienti a seconda del primo profilo di cura attivato (numero e percentuale sul totale). Dati dal campione scremato. La distribuzione dei pazienti a seconda del numero di giornate di cura, inteso come numero di giornate di assistenza senza dimissioni e riammissioni intermedie, viene riportata in Tabella 3.4, che evidenzia come oltre il 3% dei pazienti presentino una durata del percorso di cura inferiore al mese. GdC >365 N % sul totale Tabella 3.4. Suddivisione dei pazienti a seconda delle GdC (numero e percentuale sul totale). Dati dal campione scremato. Le Tabelle 3.5 e 3.6 presentano la distribuzione dei pazienti appartenenti al campione scremato rispettivamente a seconda del numero di accessi ricevuti e del carico di lavoro richiesto. N accessi N % sul totale Tabella 3.5. Suddivisione dei pazienti a seconda del numero di accessi ricevuti (numero e percentuale sul totale). Dati dal campione scremato. Carico di lavoro (minuti) >6 N % sul totale Tabella 3.6. Suddivisione dei pazienti a seconda del carico di lavoro richiesto (numero e percentuale sul totale). Dati dal campione scremato. Si evidenzia graficamente, inoltre, la linearità del rapporto tra il numero di accessi ed il carico di lavoro (numero di minuti per l accesso al domicilio) richiesti per ciascun paziente (Figura 3.4). Pagina 16/94

17 8 Scatterplot of N totale accessi vs N totale minuti 7 6 N totale accessi N totale minuti Figura 3.4. Linearità del numero totale di accessi in funzione del carico di lavoro. Test di analisi di regressione con R-sq=93% Risultati dell analisi statistica Sulla base del campione individuato, si mostrano di seguito i risultati delle analisi svolte mediante analisi della varianza e sviluppate a supporto della costruzione del modello. Innanzitutto è stata effettuata un analisi di significatività dell anno di presa in carico sui giorni di cura e sul numero di accessi totali eseguiti, considerando i pazienti appartenenti al campione e già dimessi. Come atteso, il comportamento delle due variabili analizzate presenta valori non significativamente differenti 5 per i pazienti ammessi nel 24 e per quelli ammessi nel 25. Sono state quindi valutate le influenze dei fattori raccolti (dati anagrafici, clinici, funzionali, sociali e tipologia del primo profilo attivato) rispetto alle variabili caratterizzanti il servizio (giorni di cura, numero di accessi, carico di lavoro totale). Il test ANOVA General Linear Model ha rilevato la significatività, con un livello di confidenza del 95% della patologia, del primo profilo attivato e dell indice KPS su tutti e tre le variabili considerate (Tabella 3.7). Fattori Variabili Giorni di cura Numero di accessi Carico di lavoro Patologia (P-value) (<.1) (<.1) (.1) Primo profilo attivato (P-value) (<.1) (<.5) (<.5) Indice KPS (P-value) (<.1) (<.1) (.1) Indice ADL (P-value) - (.38) - (.113) - (.212) Età (P-value) - (.497) - (.219) - (.199) Distretto (P-value) - (.966) - (.234) - (.136) Caregiver (P-value) - (.24) - (.496) - (.679) Tabella 3.7. Risultati del test di significatività (test ANOVA General Linear Model) dei fattori considerati su giorni di cura, numero di accessi e carico di lavoro totale ( = fattore significativo; - = fattore non significativo); il valore di P-value è indicato tra parentesi. Si sottolinea in particolare la significatività dell indice KPS e dei primo profilo di cura attivato sui giorni di cura. Le Tabelle 3.8 e 3.9 ne mostrano l andamento. 5 Il test ANOVA one-way ha dimostrato la non significatività dell anno di ammissione sul numero di accessi (Pvalue=.12) con intervallo di confidenza del 95%; il test di Kruskal-Wallis ha dimostrato la non significatività dell anno di ammissione sui giorni di cura (P-value=.99). Pagina 17/94

18 KPS N pazienti GdC Media Dev.St Tabella 3.8. Giorni di cura rispetto al KPS. Dati di dettaglio. Primo profilo N pazienti GdC Media Dev.St Tabella 3.9. Giorni di cura rispetto al primo profilo. Dati di dettaglio. I valori delle deviazioni standard mettono in evidenza l elevata variabilità dei dati a disposizione Altre rilevazioni statisticamente significative Numero di accessi medi e tipologia di profilo attivato Si è rilevata una significatività 6 tra il tipo di profilo attivato ed il numero di accessi effettuati durante la sua durata. Questa osservazione, unita alla significatività del primo profilo sul numero di accessi, permetterà di mettere in relazione queste due informazioni anche in fase di validazione (Sezione 4.2.1). Durata media di un profilo e tipologia del primo profilo attivato È stata rilevata significatività 7 anche per la durata media di ciascun profilo a seconda della tipologia di primo profilo attivato. In Tabella 3.1 sono visualizzate le durate per ciascun profilo. ID primo profilo Durata media di un profilo (giorni) Tabella 3.1. Durata media di un profilo (in giorni) in dipendenza del primo profilo attivato Conclusioni sull analisi statistica L analisi della varianza eseguita sul campione scremato dimostra che i fattori prima patologia, primo profilo attivato ed indice KPS sono significativi sul numero totale di accessi e sui giorni di cura, mentre gli altri fattori potenziali non risultano significativi. Poiché i professionisti dell AD definiscono il PAI, e di conseguenza il profilo di cura, tenendo conto delle condizioni cliniche del paziente e dei risultati della VMD, l assegnamento di un paziente ad un profilo di cura è strettamente legato alla sua patologia ed al suo KPS. Queste osservazioni suggeriscono di considerare il profilo di cura come variabile di stato della catena di Markov che rappresenta il paziente durante il suo percorso di cura. In altri termini, si assume che il profilo di cura del paziente tenga conto sia della patologia che dell indice KPS. Questa idea è stata supportata dai professionisti sanitari e da un altro test ANOVA, che ha verificato la significatività del profilo di cura sul numero di accessi eseguiti durante la sua durata, cioè il servizio fornito ai pazienti dipende dai loro profili di cura. Essendo il primo profilo di cura un fattore significativo sulle principali variabili di interesse, è necessario sviluppare un modello con catena di Markov per ogni possibile primo profilo di cura assegnato ai pazienti. Un ulteriore analisi ha sottolineato la significatività del primo profilo di cura sulla durata media di un qualsiasi profilo di cura del paziente. 6 Il test ANOVA one-way con intervallo di confidenza del 95% ha dimostrato la significatività del tipo di profilo attivato sul numero di accessi effettuati durante la sua durata (P-value<.1). 7 Il test ANOVA one-way con intervallo di confidenza del 95% ha dimostrato la significatività del primo profilo attivato sulla durata media di un profilo di cura (P-value<.1). Pagina 18/94

19 3.2. Descrizione del modello In questa sotto-sezione viene presentata la catena di Markov che caratterizza il modello generico del percorso di cura di un paziente che entra nel servizio di AD con un determinato primo profilo. Sulla base dell'analisi dei dati presentata nella Sezione 3.1, si suppone come unica variabile di stato il profilo di cura assegnato al paziente. Viene dichiarato inoltre un ulteriore stato, denominato End, che permette di includere i pazienti dimessi dalla struttura. Lo stato generico all interno del modello viene indicato con l'indice i, dove i = 1 S ed S è il numero totale di stati della catena (2 S 11). In ogni catena di Markov che corrisponde ad un diverso primo profilo di cura, lo stato S corrisponde allo stato End. La Figura 3.5 mostra una generica rappresentazione della catena sviluppata. 1 i End S-1 Figura 3.5. Schema generale della catena di Markov del modello. Al momento dell ammissione al servizio, i pazienti vengono inseriti dal provider all interno di un profilo iniziale di cura, che può essere cambiato durante il percorso di cura a seconda delle loro esigenze. Questi cambiamenti possono avvenire periodicamente, al momento della revisione mensile del PAI, o in caso di necessità di modifica della cura. Nel modello sviluppato, si presuppone che il paziente cambi il suo profilo di cura in un tempo discreto compreso tra il periodo k e il periodo k+1 secondo una matrice di probabilità di transizione; si assume implicitamente come ipotesi che il paziente non cambi il suo stato durante un periodo di tempo, ma solamente quando accade un evento. Questo ultimo presupposto è coerente con quanto avviene nella pratica, dove, come spiegato nella Sezione 1, le transizioni dei pazienti fra i profili di cura vengono registrate a determinati intervalli di tempo all interno del DB del provider. La matrice delle probabilità di transizione, indicata con P, guida l evoluzione del paziente durante il suo percorso di cura. Queste probabilità di transizione possono variare con il tempo e con il cambiamento delle condizioni del paziente, cioè la catena di Markov può essere non omogenea [39]. In questo caso, a causa del numero insufficiente di dati a disposizione, non è stato possibile eseguire un'analisi che verificasse la proprietà di omogeneità. Tuttavia, sulla base di una valutazione qualitativa, le probabilità di transizione sono sembrate indipendenti dal tempo e la catena di Markov è stata considerata omogenea, con probabilità di transizione invarianti durante il percorso di cura. La stessa ipotesi è stata posta da McClean et al. [26]. Un argomento a sostegno di questa ipotesi è il fatto che la classificazione dei profili di cura è stata fatta tramite intervalli: ad ogni profilo di cura corrisponde un range di costi. Di conseguenza è possibile cambiare il livello di servizio fornito al paziente, modificando il numero di accessi o, più in generale, la quantità di risorse consumate, senza cambiare il profilo di cura, a meno che tali modifiche causino una grande variazione di costo. Può quindi accadere che la frequenza degli accessi venga aumentata o diminuita nel tempo, a seconda delle esigenze, mentre il profilo di cura del paziente rimane costante. È importante notare che l ipotesi di omogeneità è posta soltanto sulla probabilità di passaggio del paziente da un profilo di cura ad un altro (cioè sulla probabilità di transizione), e non sulla quantità di accessi richiesti dalla cura del paziente. La matrice delle probabilità di transizione P viene ricavata dal campione di dati reali in esame, riguardanti il percorso di cura del paziente per profili successivi; considerando n ij come numero totale di transizioni reali avvenute dallo stato i allo stato j, gli elementi che della matrice p ij vengono calcolati come segue: p ij = S n j= 1 ij n ij i, j = 1, K, S (1) Pagina 19/94

20 La matrice delle probabilità di transizione P permette di calcolare il vettore di probabilità di stato π(k) per ogni periodo di tempo k attraverso le equazioni [39]: k ( k) = π () P π k = 1,2, K (2) dove π() è il vettore i cui elementi esprimono le probabilità di essere in un determinato stato al periodo iniziale. Una ulteriore ipotesi alla base del modello è la distribuzione geometrica dei tempi di permanenza in ciascuno stato. Questo presupposto è stato verificato soltanto per pochi stati: la maggior parte dei tempi di permanenza sono risultati comunque non geometricamente distribuiti. Di conseguenza, il modello può fornire soltanto risultati approssimativi. L'esattezza di questa approssimazione è valutata nella Sezione 4, confrontando i risultati del modello con i relativi valori reali ottenuti dal DB del provider Calcolo delle variabili di interesse Il vettore delle probabilità di stato π(k), che rappresenta le probabilità per un paziente di essere nei vari stati al periodo k, può essere utilizzato per ricavare alcune importanti variabili utili a sostenere le attività di pianificazione della struttura di AD Numero medio di pazienti in carico Una previsione circa la variazione del numero di pazienti nel tempo può essere importante per la pianificazione delle risorse di medio-lungo termine. Il provider di AD deve infatti pianificare le sue risorse in base a questo parametro. Il numero medio di pazienti n(k) assistiti dalla struttura al periodo k è calcolato come segue: S 1 i= 1 ( k) = n ( k) n π k = 1,2, K (3) i dove il n è il numero di pazienti al periodo iniziale e π i (k) sono gli elementi del vettore π(k); la sommatoria descrive, invece, la probabilità per il paziente di essere all interno del servizio al periodo k Numero medio di giorni di cura La stima del numero medio di giorni di cura per un paziente assistito dal provider di AD può risultare importante, soprattutto nel campo del controllo di qualità del servizio. Il numero medio di giorni di cura, indicato con D c, è ottenuto tramite la seguente espressione: S 1 D = d π ( k) (4) c k = i= 1 i dove d è la durata media del profilo di cura ottenuta dai dati reali (Sezione 3.1.3) Numero medio di accessi Per valutare questa variabile, è stato introdotto un nuovo vettore di costo degli accessi c = [c(1),,c(s)]. Ogni elemento c(i) del vettore esprime il numero medio di accessi richiesti da un paziente durante il suo profilo di cura i (con i = 1,,S). L'ultimo elemento c(s), relativo ai pazienti dimessi dalla struttura, ha valore nullo. Le probabilità di stato, insieme al vettore c, possono fornire informazioni sul numero di accessi richiesti da un paziente durante il suo intero percorso di cura. Pagina 2/94

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA

LA VALUTAZIONE ECONOMICA LA VALUTAZIONE ECONOMICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Introdurre il concetto di valutazione economica Definire le principali caratteristiche di una corretta analisi economica Acquisire le conoscenze delle

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Cure Domiciliari: definizione

Cure Domiciliari: definizione Cure Domiciliari: definizione E un complesso di cure mediche, infermieristiche, riabilitative, Socio-assistenziali integrate fra loro, erogate al domicilio del paziente. S.S.V.D. Cure Domiciliari Struttura

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO Gruppo di Lavoro Federsanità ANCI Veneto e Friuli Venezia Giulia Salute e Welfare a Nordest Udine, Fondazione CRUP- 23 febbraio 2009 Dott. Daniele

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI)

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI) Assistenza programmata al domicilio (ADI) Le Cure domiciliari hanno assunto una valenza sempre più strategica a causa dell aumento dell aspettativa di vita e del concomitante incremento della patologia

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG Esami ematochimici: emocromo, glicemia, creatinina, ALT, Colesterolo, Trigliceridi, Na, K, Cl, VES, TSH reflex, Dosaggio vit B12

Dettagli

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano Ernesto Palummeri Dipartimento Interaziendale di Gerontologia e Geriatria ASL 3 Genovese

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO

PROPOSTA DI PROGETTO PROPOSTA DI PROGETTO IL NETWORK SANITARIO E SOCIO SANITARIO PER LE PERSONE AFFETTE DA DEMENZA: SVILUPPO DI UN MODELO DI COLLABORAZIONE PERMANENTE TRA CENTRO DI DECADIMENTO COGNITIVO MEDICO DI MEDICINA

Dettagli

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio Dott. Gianfranco Conati U.O.C. Geriatria Ospedale Civile

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta LA CONTINUITA ASSISTENZIALE: La LETTERA di DIMISSIONE INFERMIERISTICA Infermiera Luisa Valleise Cardiologia- Utic Aosta PARLIAMO DI DIMISSIONE A DOMICILIO A.D.I. Quali possibilità ha il paziente anziano

Dettagli

La RSA come modello di cura intermedia

La RSA come modello di cura intermedia Un modello di governance sociosanitaria nel territorio: il punto unico di accesso e la presa in carico della persona La RSA come modello di cura intermedia Relatore: Maria Assunta Pintus Direttore RSA

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

Dall identificazione precoce alla presa in carico nel giusto setting di cura

Dall identificazione precoce alla presa in carico nel giusto setting di cura Dall identificazione precoce alla presa in carico nel giusto setting di cura Il progetto Teseo Arianna e InterRAI Palliative Care nelle UCP domiciliari Fabrizio Limonta Direttore dipartimento PAC ASL Lecco

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo AZIENDA USL 2 LUCCA Corso di aggiornamento La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo Capannori, 25 maggio 2013 I percorsi di valutazione dell anziano Dott. Marco Farnè Responsabile

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD)

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) INDICATORI SIAD - SISTEMA ASSISTENZA DOMICILIARE Schede descrittive degli Indicatori per la lettura integrata dei fenomeni sanitari

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

L infermiere casemanager

L infermiere casemanager L infermiere casemanager Valentina Sangiorgi U.C.S.C. di Roma Policlinico Universitario A.Gemelli Firenze 29-11/1-12-2007 La riorganizzazione delle cure primarie e l integrazione del sistema L aumento

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD)

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) INDICATORI SIAD - SISTEMA ASSISTENZA DOMICILIARE Schede descrittive degli Indicatori per la lettura integrata dei fenomeni sanitari

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

LE DIMISSIONI PROTETTE

LE DIMISSIONI PROTETTE DOTT.SSA LUCIANA LABATE UOC PNEUMOLOGIA OSP. FALLACARA TRIGGIANO (BA) LE DIMISSIONI PROTETTE LE DIMISSIONI PROTETTE: L invecchiamento della popolazione e la nuova organizzazione sanitaria basata sulla

Dettagli

ALLEGATO _F _ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _F _ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _F _ Dgr n. del pag. 1/6 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 8.7 Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli

14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli 14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli I servizi socio-sanitari della IHG per l Alzheimer: UVA, Reparti di degenza, Centro Diurno, Assistenza domiciliare,

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

La soluzione innovativa per la gestione della cartella socio-sanitaria basata sulla tecnologia web. ...in rete!

La soluzione innovativa per la gestione della cartella socio-sanitaria basata sulla tecnologia web. ...in rete! La soluzione innovativa per la gestione della cartella socio-sanitaria basata sulla tecnologia web....in rete! Le soluzioni informatiche stanno evolvendo rapidamente grazie al grande impulso dovuto alla

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedaleterritorio

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedaleterritorio nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedaleterritorio Dott. Massimo Luzzani S.S.D. Cure palliative E.O. Ospedali Galliera Genova

Dettagli

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina La nostra storia inizia MARZO 2007 L infermiere CASE Manager in Medicina Interna (PROGETTO FLORENCE) CASE

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

OBSERVATION TREATMENT (AOT)

OBSERVATION TREATMENT (AOT) ABSTRACT Valutazione dell efficacia dell ACTION OBSERVATION TREATMENT (AOT) sull impairment funzionale in pazienti con Demenza di Alzheimer di grado lieve-moderato - Studio randomizzato e controllato Il

Dettagli

DAY SURGERY collaborazione ospedale-territorio

DAY SURGERY collaborazione ospedale-territorio DAY SURGERY collaborazione ospedale-territorio PROPOSTA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Aurelio Sessa Presidente SIMG Lombardia Piùdi 1/3 dei DRG chirurgici vengono trattati in regime di day surgery Il

Dettagli

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Signora/Signore, Questa Guida vuole essere un pratico strumento per orientarla nel nostro Servizio di erogazione del Voucher Socio-Sanitario

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Unità Complessa di Oncologia Critica Territoriale e Cure Palliative - ADI Gianvito Corona Firenze, 2 dicembre 2010 Palazzo dei

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale dott. Daniele Donato ULSS 16 Padova Regione Veneto 27 giugno 2008 - Precenicco Premesse-1 Transizione Demografica Maschi Italia 2005

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Università degli Studi di Trieste. Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo

Università degli Studi di Trieste. Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo Università degli Studi di Trieste Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo Prognostic value of multidimensional prognostic index on long term mortality, discharge

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T )

UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T ) UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T ) 1) Definizione e funzioni L Unità di Degenza Territoriale è una struttura sanitaria extraospedaliera distrettuale destinata alla degenza la cui funzione è quella

Dettagli

Le strutture territoriali nelle regioni:

Le strutture territoriali nelle regioni: 2014 MOTORE SANITA' Il nuovo patto stato-regioni: tra tagli ed efficienza 1 Marzo 2014 Le strutture territoriali nelle regioni: luoghi La e strumenti fantasia al innovativi potere di integrazione e di

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

U.O.S.D. Nucleo per le Cure Palliative Responsabile: Dr. Pietro Manno

U.O.S.D. Nucleo per le Cure Palliative Responsabile: Dr. Pietro Manno Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria UNITÀ OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE NUCLEO PER LE CURE PALLIATIVE RESPONSABILE: DOTT. PIETRO MANNO OVEST VICENTINO Telefono / Fax: 0444-708386;

Dettagli

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO 1. Quadro generale Il dolore in ambito oncologico è diventato una questione sociale, una sfida per la persona che lo vive, ma anche per il mondo medico e

Dettagli

Carta dei Servizi ADI rev. 2 del 12.01.2015 - ADIvoucher pag. 1 di 7

Carta dei Servizi ADI rev. 2 del 12.01.2015 - ADIvoucher pag. 1 di 7 Struttura accreditata con le AASSLL di BERGAMO, BRESCIA, COMO, CREMONA, LECCO, LODI, MANTOVA, MILANO, MILANO 1, MILANO 2, MONZA e BRIANZA, PAVIA e VARESE per offrire il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA I SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE DI SEREGNO E IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DELL ASLMI3 DISTRETTO DI SEREGNO PER L EROGAZIONE

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli