Più soldi alle regioni del Sud

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Più soldi alle regioni del Sud"

Transcript

1 Organo Ufficiale Ipasvi di Napoli Anno XVII n 1 Sped. Abb. Post. art. 2 Comma 20/c legge 662/96 Filiale di Napoli Trecento milioni dai fondi Fas La sanità riparte a pagg.10,11 Infermieri di Napoli - Salerno - Caserta - Avellino - Benevento Più soldi alle regioni del Sud Alla Conferenza Stato-Regioni Caldoro punta i piedi e chiede la revisione dei criteri di riparto del fondo nazionale. Fazio: Ok

2 Per una Sanità con al centro il cittadino

3 Aprile L Editoriale di Carlo Celentano Un avanguardia meridionalista Nel primo numero di Napolisana Campania abbiamo sottolineato due spunti interessanti che ritengo oggi sia giunto il tempo di riprenderli per meglio argomentare. Mi riferisco all impegno degli infermieri per una sanità migliore, calibrata sul cittadino, ma anche attenta alle ambizioni e alle istanze professionali degli infermieri. E questa una delle strade su cui si è mosso ormai da un anno a questa parte il coordinamento regionale della Campania e questa stessa rivista. A questa strategia è strettamente collegato un altro dei punti essenziali già trattati: la necessità di legare l impegno per una sanità migliore ad un azione collettiva che tenga insieme tutte le regioni del sud, spesso oppresse dagli stessi identici vizi e dagli stessi problemi. In una parola, gli infermieri si candidano ad unire il meridione d Italia partendo dai bisogni di salute, di assistenza sanitaria e di benessere fisico. La domanda di salute come cemento per riequilibrare il divario Nord-Sud. Storicamente l Italia meridionale denuncia un forte deficit rispetto al Nord in termini di strutture sanitarie pubbliche e per numero di posti letto. Così che mentre nel centro-nord già a partire dalla riforma Mariotti detto numero era in linea con le direttive Oms, nell Italia meridionale, al contrario, si è reso necessario provvedere alla costruzione di nuovi ospedali, ma lasciando non risolti i nodi tra ricovero ospedaliero, day hospital, assistenza ambulatoriale, assistenza domiciliare. Alla carenza di strutture si è poi associato il grave ritardo nella ricerca e nella prestazione di servizi sanitari ad alta specializzazione. Un deficit che non tocca la responsabilità delle risorse umane, vale a dire ai ricercatori e agli operatori sanitari dotati invece di alta capacità professionale, ma alle strutture. Lo dimostrano lo scarso numero di Istituti di ricovero e di cura a carattere scientifico (IRCCS), di Enti di ricerca, nonché delle Cliniche universitarie e della loro povera o insufficiente dotazione. Se messe insieme, le note appena accennate formulano un autentico cahiers de doleance, che rappresenta nel suo complesso il gap che il complesso delle regioni meridionali denunciano nei confronti del nord sul versante sanitario. Un gap che incide negativamente non solo sulla qualità delle prestazioni sanitarie per le popolazioni meridionali, ma si ripercuotono naturalmente anche in sede finanziaria. Abbiamo un solo modo per uscire da questo stato di subordine: smettere di considerare i ritardi strutturali, organizzativi, finanziari e metodologici che opprino la sanità al Sud come delle problematiche che appartengono a questa o a quella realtà. Esse vanno considerate come i mali comuni che le regioni del sud soffrono e che insieme vanno affrontati. Così come insieme le professioni sanitarie del Sud devono operare. Spetta agli infermieri dare l esempio. Siamo il gruppo professionale più numeroso ed anche quello più motivato. Diamo un esempio di unità anche alle altre professioni. Insieme potremo trovare quella forza e quella determinazione per rovesciare un processo che altrimenti isolati e demotivati sarà difficile da bloccare. Sfruttiamo questa energia: Insieme per una sanità e un Sud migliore.

4 Supplemento di Napolisana - Rivista periodica di aggiornamenti professionali, attualità e cultura Organo ufficiale del Collegio Ipasvi di Napoli in collaborazione con i Collegi Ipasvi di: Avellino, Benevento, Caserta, Salerno - ANNO XVII- N. 1 APRILE 2011 AUTORIZZAZIONE DEL TRIBUNALE DI NAPOLI N DEL 27/9/1995 Direttore editoriale Ciro Carbone Direttore responsabile Pino De Martino Comitato Scientifico-editoriale Addolorata Capasso, Antonio Cerciello, Suor Odilia D Avella, Elio Drigo, Elena Di Mauro, Lucia Farina, Armando Ferrara, Maddalena Finizio, Cesare Formisano, Paolo Giliberti, Antonio Giordano, Antonio Grella, Gesualda La Porta, Ottavio Lucarelli Ugo Maiellaro, Angelo Montemarano, Concetta Morra, Marta Nucchi, Filippina Onofaro, Anna Palumbo, Marco Papa Virginia Rossi, Francesco Rossi, Armido Rubino, Loredana Sasso, Nicola Scarpato, Bruno Schettini, Goffredo Sciaudone, Annalisa Silvestro, Maria Triassi, Maria Vicario, Bruno Zamparelli Redazione Gianclaudio Acunzo, Guido Amato, Gennaro Ascione, Giuseppe Bianchi, Giuseppe De Falco, Giovanni De Rosa, Davide Gatta, Mariagrazia Greco, Luigi Lembo, Veronica Minieri, Alessandro Oliviero, Antonietta Peluso, Gennaro Sanges, Costantino Voltura. Hanno collaborato a questo numero A. Affinito, Margherita Ascione, Anna Buonocore Carlo Celentano, Ferdinando Chiacchio, Dario De Martino Mario Falco, Angelo Iannace, Sebastiano Odierna, Concetta Pane, Peppe Papa, Salvatore Sorrentino, Michele Spiotta, Pippo Trio Editore Collegio Ipasvi Napoli, Via Costantinopoli, n 27, Cap , Napoli, Tel , Fax Redazione e direzione via Costantinopoli 27, Cap , Napoli Fax Spedizione in abb. pos. /art. 2, comma 20/c, L. 662/96 Filiale di Napoli La riproduzione e la ristampa anche parziali di articoli e immagini del giornale sono formalmente vietate senza la debita autorizzazione dell editore. LA RIVISTA VIENE INVIATA GRATUITAMENTE AGLI ISCRITTI GRAFICA, IMPAGINAZIONE E STAMPA QUORUM - NAPOLI - TEL/FAX In Primo piano 3 L Editoriale Un avanguardia meridionalista di Carlo Celentano 6 Politica Sanitaria Fazio promuove il piano di rientro e annuncia: Presto più soldi Il Ministro della Salute elogia il governo regionale della Campania per la serietà dell azione riformatrice. Assicurazioni su un più equo riparto dei fondi nazionali di Pino De Martino

5 In questo NUMERO 10 8 Politica sanitaria Ricoveri impropri e disabilità: due voci che pesano sul deficit Il sistema salute regionale genera ancora disavanzi nonostante la dura lotta agli sprechi attivata dalla Regione Politica sanitaria Trecento milioni dai fondi Fas, la sanità riparte Il Governo sblocca i finanziamenti per risanare i conti. Premiato il piano regionale di rientro di Pippo Trio 13 Politica sanitaria Nasce il più grande polo ospedaliero polispecialistico della Campania La nuova struttura sarà a vocazione cardiochirurgica, cardiologica e pneumologica. Oltre mille i posti letto di Dario De Martino Politica sanitaria Annalisa Silvestro: I medici temono il pieno riconoscimento degli infermieri In Primo Piano Intervista tratta Da Quotidiano Salute gionale on line di Anna Buonocore 12 Politica sanitaria Caldoro: Troppi sprechi, ma promuovo medici e infermieri Cresce la solidarietà ed il volontariato. Si costituisce il nucleo Cives di Salerno 18 I Collegi Ipasvi della Campania informano

6 6 Aprile 2011 Politica Sanitaria Fazio promuove il piano di rientr Il Ministro della Salute elogia il governo regionale della Campania per la serietà dell azione riformatrice. Assicurazioni su un più equo riparto dei fondi nazionali di Pino De Martino I l ministro per la Salute, Ferruccio Fazio, elogia la Giunta Caldoro per la gestione del piano di rientro del deficit sanitario e annuncia l adozione di un nuovo criterio per il riparto dei fondi per la sanità che dovrebbe portare più soldi alla Campania. La vostra Regione ha detto Fazio nel corso di un convegno - sta affrontando con coraggio il piano di rientro. Noi lo seguiamo e pensiamo che sia una strada nuova e che ce la possano fare. Rispondendo al presidente della Giunta Regionale, Stefano Caldoro, che aveva ribadito la richiesta di una ripartizione piu' equilibrata del fondo sanitario tra le regioni, Fazio ha detto: 'Entro due anni potremo ripartire il fondo sanitario in base al parametro della diffusione delle malattie e non piu' di quello dell'eta', che e' piu' approssimativo e penalizza regioni come la Campania con un indice di vecchiaia di 90, rispetto a quello nazionale che e' di 140. La Campania - ha detto Fazio - viene penalizzata come regione piu' giovane con il 16% di ultra sessantacinquenni contro il 20% nazionale. Dobbiamo pero' condividere i nuovi criteri di ripartizione del Fondo con la Conferenza Stato-Regioni'. Dunque un altro motivo di sofferenza per la Campania, ha detto Fazio, e' la mancata riassegnazione del fondino de-

7 Aprile o e annuncia: Presto più soldi stinato alle regioni che sono in piano di rientro. 'Sarei favorevole al ripristino del fondino a partire da quest'anno', ha aggiunto Fazio. 'Con il governatore Caldoro - ha concluso il ministro della Salute - siamo d'accordo sulla sostanza delle richieste per una ripartizione piu' equilibrata del fondo sanitario, ma per la scelta dei criteri di riparto lasciamo spazio ai tecnici del ministero'. Era stato proprio il Governatore Stefano Caldoro ad aprire la vertenza per una più equa ripartizione dei fondi nazionali. Il governatore campano, ha siglato un patto bipartisan con i colleghi Nichi Vendola (Puglia), Vito De Filippo (Basilicata), Giuseppe Scopelliti (Calabria) e Michele Iorio (Molise). L obiettivo dell intesa, formalizzata in un documento sottoscritto dai rispettivi assessori e commissari (in prima linea c è il senatore del Pdl Raffaele Calabrò), è ottenere una modifica dei criteri che sono alla base della distribuzione delle risorse nazionali. Attualmente le risorse vengono distribuite solo in base all età degli abitanti: ciò significa che regioni come la Campania, che ha la popolazione più giovane d Italia, vengono fortemente penalizzate. Da qui la battaglia delle Regioni del Sud per chiedere all esecutivo di prendere in considerazione, nell ambito del riparto, anche le condizioni socio-economiche dei vari territori: secondo gli esperti, infatti, la disoccupazione e la scarsa qualità della vita incidono in maniera significativa sul numero delle malattie e di conseguenza sui costi di Asl e ospedali. Un altro aspetto potrebbe essere l attenzione alla reale entità delle patologie per i diversi livelli di età. Il momento è cruciale e si sposa con il meccanismo del federalismo che sta per essere definito. E allora, avverte Caldoro, «il Sud non può partire penalizzato. È come se dovessimo fare una gara di 100 metri partendo venti metri indietro».

8 8 Aprile 2011 Politica Sanitaria Ricoveri impropri e disabilità: due voci che pesano sul deficit di Pippo Trio R egione in difficoltà sul socio-sanitario. Finanziamenti insufficienti, si sconta il maxi-deficit. Una regione con tossicodipendenze e disabilità in aumento. Mentre i fondi restano gli stessi. Il rapporto "Osservasalute 2010", presentato alla Cattolica, mette in evidenza una Campania dove crescono i disagi socio-sanitari, quelli che mettono a dura prova i servizi di assistenza proprio per la compresenza di difficoltà legate a salute e condizione sociale dei cittadini. Nonostante i numeri parlino chiaro, Napoli e le altre province restano agli ultimi posti per la quantità di risorse a loro destinate dal Fondo Sanitario Nazionale (Fsn). Un discrimine, su cui peraltro la Regione si sta battendo a Roma, legato ancora all'enorme disavanzo accumulato dalla sanità campana nello scorso decennio: più di 1300 euro per ciascun residente. Si narra della Campania «regione più giovane d'italia», parametro anagrafico che notoriamente riduce ancora di più la quota del Fsn ad essa riservata. Ma la Campania è più "giovane" delle altre regioni anche perché l'aspettativa media di vita è inferiore. Il rapporto su questo è illuminante: i maschi campani vivono in media 76 anni, le donne 81, ed entrambi i valori sono più bassi della media nazionale (78,7 e 84 anni). Gli scienziati dell'osservatorio Nazionale sulla Salute, autori del report, non lasciano nascosti dati che evidenziano una Campania attanagliata dal dramma socio-sanitario. Si parte dalla tossicodipendenza. Nel giro di due anni il numero di utenti campani dei Sert (Servizi di assistenza per i tossicodipendenti) è cresciuto in modo molto significativo, andando da 27 a 34 utenze ogni 10mila abitanti. Cifre molto più alte di regioni come Lombardia e Veneto, ferme a 27 casi su 10mila, e in generale lontane dalla media nazionale, che sfiora i 29 casi su 10mila. Purtroppo l'aumento campano riflette l'uso di droghe pesanti e micidiali come eroina e cocaina, il cui consumo risulta in entrambi i casi in aumento. Risulta invece in leggero calo, magra consolazione, il consumo di alcolici, mentre ulteriore preoccupazione suscita la crescita delle percentuali di disturbi psichici tra i residenti campani: si è passati in un quinquennio da 27 a 37 casi su 10mila abitanti. Un aumento molto indicativo a fronte di un trend nazionale che invece è in leggera diminuzione. Ancora, la Campania ha come altro problema la sedentarietà, con oltre il 50 per cento della popolazione che dichiara di non praticare alcuna attività fisica, il che moltiplica i casi di sovrappeso e obesità, e i con-

9 Aprile Il sistema salute regionale genera ancora disavanzi nonostante la dura lotta agli sprechi attivata dalla Regione seguenti problemi cardiorespiratori. Infine, la disabilità, altro fenomeno che non viene adeguatamente considerato per la ripartizione delle risorse sanitarie: la Campania, infatti, detiene in assoluto la seconda quota (dopo la Lombardia) di alunni disabili nel sistema scolastico: oltre 21mila (4mila in più in 5 anni) sui 174mila totali, tutti ragazzi che necessitano di sostegno e assistenza specializzata. Il quadro non lascia dubbi, eppure la Campania resta la penultima regione (meglio solo della Calabria) per finanziamento sanitario procapite: euro l'anno, contro una media nazionale di Intanto, come se non bastasse, è boom di ricoveri impropi. La lotta agli sprechi avanza, ma la situazione rimane critica: la Campania è in testa per incidenza di ricoveri impropri. Sono il 20 per cento del totale, tra le prestazioni in regime ordinario assicurate agli ammalati colpiti da patologie acute. La media nazionale? È del 15 per cento. E questo non è l'unico primato negativo. La regione, insieme con il Lazio e la Sicilia, ha generato due terzi dei disavanzi accumulati dal sistema sanitario nazionale nel periodo Tanto che, solo in Campania, il deficit pro-capite ha toccato i 124 euro. Più del doppio della media nazionale, di 54 euro. E con un passivo di 775 milioni, nel 2009, su 3260 milioni indicati a carico del sistema sanitario nazionale. I conti in rosso sono segnalati e analizzati nel Rapporto 2010 dell Osservatorio sulla funzionalità delle aziende sanitarie italiane (Oasi), il dossier realizzato ogni anno dal Centro di ricerche sulla gestione dell'assistenza sanitaria e sociale dell'università Bocconi, è stato presentato nell'aula magna della facoltà di medicina e chirurgia della Sun. Obiettivo: confrontare i modelli gestionali a livello nazionale, regionale e internazionale per stimolare il rinnovamento dei sistemi sanitari. In Campania i posti letto del privato accreditato sono infatti il 35 per cento dell offerta totale, mentre le strutture residenziali private accreditate rappresentano il 47 per cento dell offerta e gli ambulatori e laboratori privati accreditati l 80 per cento. Statistiche al di sopra della media, anche in materia di ricoveri: le cliniche infatti ne assicurano il 31 per cento, rispetto a una media nazionale del 23 per cento.

10 10 Aprile 2011 Politica Sanitaria Trecento milioni dai fondi Fas, la s Il governo sblocca i finanziamenti per risanare i conti. Premiato il piano regionale di rientro di Anna Buonocore D opo mesi di tira e molla arriva una boccata d'ossigeno per le casse della regione Campania: il Consiglio dei ministri ha dato l'ok, su una delibera del Cipe, per l'utilizzo dei fondi per le aree sottoutilizzate a copertura dei deficit sanitari nelle regioni Lazio, Abruzzo e Campania. Per le casse di Santa Lucia in arrivo un tesoretto di circa 322 milioni di euro. Va detto che i fondi sbloccati dal governo sono stati presi dal Fas-Par (piani di azione regionali) e non dal Fas Infrastrutture, le cui risorse resteranno al comparto come ha chiarito il ministro Altero Matteoli. «Nella riunione del Cipe - spiega - non è stato deciso di deviare i 200 milioni di fondi Fas per la Campania dalle infrastrutture per coprire il buco del comparto sanità, e ciò vale anche per l Abruzzo. Mentre i fondi Fas della Regione Lazio saranno utilizzati per il buco della sanità». Insomma, solo il Lazio ha beneficiato per scelta propria sia dei fondi del Fas-Par che dei fondi del Fas Infrastrutture. Soddisfatto il governatore Stefano Caldoro che, però, preferisce aspettare i decreti attuativi prima di commentare la

11 Aprile anità riparte manovra attesa da quasi un anno. Anche se, è chiaro, questo credito sbloccato sta a significare come il governo abbia giudicato credibile il piano di rientro sanitario della Campania. Dieci mesi fa, infatti, arrivò sempre dal Consiglio dei ministri una doccia fredda per alcuni governatori alle prese con i deficit delle sanità regionali. A cominciare da Caldoro insediatosi sulla poltrona di palazzo Santa Lucia da pochi giorni. L'assise di governo, infatti, in considerazione del mancato raggiungimento degli obiettivi previsti dai piani di rientro e dagli equilibri di finanza pubblica, decise di non poter consentire a Lazio, Campania, Molise e Calabria di utilizzare le risorse del Fondo per le aree sottoutilizzate (i Fas, appunto), relative ai programmi di interesse strategico regionale, a copertura dei deficit del settore sanitario. Poi a luglio scorso il segnale che questi fondi (chiesti invano dall'ex governatore Antonio Bassolino) potessero sbloccarsi. Arriva, infatti, il primo vialibera del ministero della Salute al piano ospedaliere della Campania dopo un incontro tra la struttura tecnica del ministro Fazio e il governatore campano Stefano Caldoro, presente anche in qualità di commissario di governo. Era il primo vero atto importante della nuova giunta campana che faceva prevedere uno sblocco. Mai attuato definitivamente per i niet del ministro dell' Economia Giulio Tremonti. Ma già da mesi Palazzo Santa Lucia era chiamato a coprire un deficit di 750 milioni di euro. Un indebitamento a cui si sta facendo fronte con il ticket su farmaci, codici bianchi, specialistica, cure termali; con l'aumento delle addizionali Irap e Irpef dal primo gennaio e con la lotta agli sprechi ingaggiata in Asl e ospedali. Senza contare il piano di razionlizzazione della rete ospedaliera e territoriale: ovvero la riduzione di posti letto e la riconversione di altri 953 da acuti in posti per riabilitazione e lungo-degenza, la chiusura degli ospedali con meno di 100 letti e la riorganizzazione di Asl e distretti per un risparmio di 250 milioni. Ma il punto di partenza è un altro: in Campania si effettuano ricoveri, però oltre 200mila di questi sono considerati impropri e quindi da evitare. Per questo rimane l'obiettivo di arrivare a poco più di 600mila per costruire un sistema virtuoso migliorando i servizi, evitando i sovraffollamenti e le tristi scene degli ammalati in barella. Ora però la boccata d'ossigeno di questi fondi che, sommati all'aumento delle addizionali di Irap e Irpef, riusciranno a coprire circa 500 milioni di deficit sanitario. Solo ora la macchina sanitaria potrà ripartire ed evitare il corto circuito sfiorato in più di un'occasione. Basti pensare che le Asi hanno i conti correnti pignorati (per 1,5 miliardi) e questo costringe la giunta ad effettuare ogni mese un'anticipazione di liquidità per pagare gli stipendi.

12 12 Aprile 2011 Politica Sanitaria Caldoro: Troppi sprechi, ma promuovo medici e infermieri Conti in rosso voragini nei bilanci e l Asl Napoli 1 additata come esempio negativo di gestione a livello nazionale. Il pianeta della Sanità in Campania, dall arrivo del neo governatore Stefano Caldoro, è stato stravolto. Dopo aver presentato al Governo un piano di riordino e di riequilibrio della spesa serio, il Governatore ha potuto contare sullo sblocco di fondi molto attesi, ed ha dato mandato ai commissari straordinari di fare luce sulla reale situazione di Asl ed ospedali. Un iniziativa che ha messo in evidenza un disastro, al quale dice il governatore bisogna porre rimedio con il rigore dei conti e della spesa. Ma il presidente della Campania ha ribadito che la stella polare dell azione del governo regionale nel comparto sanità, sarà il cittadino-utente. Caldoro ha anche dato le pagelle al comparto: promossi medici e personale sanitario, bocciati i colpevoli della disorganizzazione e delle attuali inefficienze Primari scelti dai manager Il governatore difende la nuova norma: «La legge precedente era solo una bandiera ideologica» di Peppe Papa Sulla scelta dei primari ospedalieri «la Campania rappresentava un anomalia e noi dobbiamo far funzionare la sanità con la meritocrazia e con la responsabilità» Così il governatore della Campania Stefano Caldoro chiarisce il senso della nuova normativa che regolerà la nomina dei primari negli ospedali della Campania. La norma collegata alla legge di bilancio prevede che i primari ospedalieri siano scelti dai manager e non più sulla base di graduatorie. «Forse due regioni hanno ancora una legge come quella in vigore in Campania che di fatto è stata applicata solo quindici volte, in tutte le Asl della Campania, che contano migliaia e migliaia di medici», ha aggiunto Caldoro ricordando che la modifica è stata assunta dalla Commissione consiliare ma che la «giunta se ne prende responsabilità». «La Campania non può essere un anomalia, con leggi non applicate che sembrano essere più bandiere ideologiche che non producono alcun effetto», ha aggiunto ancora Caldoro. «La legge della Campania? Era un modo per camuffare il finto rigore - ha concluso - ed eludere le responsabilità. Se noi guardiamo al Veneto, alla Lombardia dobbiamo avere le stesse leggi che hanno le regioni virtuose, che fanno funzionare la sanità con la meritocrazia e con la responsabilità». Va ricordato che il testo attuale si limita a imporre ai manager di scegliere i primari attingendo a una rosa di tre candidati. Spiega la ratio del nuovo ordinamento il senatore Raffaele Calabrò: «È evidente afferma che la scelta dei primari diventa più discrezionale di quanto non lo fosse in precedenza, quando si doveva tener conto del giudizio della commissione di valutazione tecnica. La scelta torna al direttore generale che, come avviene in tutta Italia, può disporre di una rosa di candidati di qualità, nella quale scegliere il profilo professionale più adatto al conseguimento degli obiettivi aziendali. Oggi la medicina diventa sempre più specialistica. Il nuovo criterio di scelta, dunque, consente la possibilità di dare un indirizzo più specifico a un determinato settore. In sintesi, il contrappeso della maggiore discrezionalità è la maggiore responsabilizzazione dei manager». Negativo il giudizio di Maria Triassi, direttore della scuola di Igiene della facoltà di Medicina dell Università Federico II. «Il provvedimento non valorizza la meritocrazia; la legge regionale aveva comunque fatto fare un passo avanti verso il merito. Si torna alla normativa nazionale che dà ampio margine di discrezionalità. Tra due concorrenti può essere scelto quello meno titolato». Contrario anche il segretario regionale dell Anao Bruno Zuccarelli. Che spiega: «Prima di abrogare la riforma del 2006, sarebbe stato meglio sperimentarne l attuazione. Così invece si ritorna alla normativa del 1994 che ha mostrato molti limiti». La normativa precedente, è bene ricordarlo, era frutto di una gestione della sanità tutta centrata sulla personalità dell ex assessore Angelo Montemarano, che ha portato al grave deficit di bilancio di cui tutti sanno e ad un arretramento notevole dei livelli di qualità assistenziale. Nettamente più possibilista il presidente dell Ordine dei Medici di Napoli Gabriele Peperoni. «Non vorrei commenta che il cittadino campano capisse che i primari possano essere scelti per strada e messi in un certo posto solo per il favore politico. Esiste, infatti, una legge nazionale che prevede che per partecipare a un concorso per primario occorrono determinati requisiti».

13 Aprile Politica Sanitaria Nasce il più grande polo ospedaliero polispecialistico della Campania La nuova struttura sarà a vocazione cardiochirurgica, cardiologica e pneumologica. Oltre mille i posti letto di Dario De Martino Dal primo gennaio prossimo sono sciolte le aziende Monaldi e Cotugno per effetto del decreto del commissario ad acta alla Sanità in Campania, il presidente della Regione Stefano Caldoro. Contestualmente, il Cto lascia la Asl Napoli 1, cui apparteneva, e transita nella nuova struttura. In conseguenza del provvedimento, il Centro traumatologico ortopedico non erogherà più, nè in pronto soccorso nè in regime ordinario, le prestazioni di oculistica, urologia, psicologia clinica, medicina sportiva e Nad, ovvero la nutrizione artificiale domiciliare, per le quali l Asl Na 1 individuerà altri presidi, mentre resteranno in capo alla nuova azienda l ortopedia, la riabilitazione, la neurochirurgia della Sun ed i servizi sanitari correlati (rianimazione, laboratori e quant altro). «Nasce così - sottolinea il direttore generale Antonio Giordano - il più grande polo ospedaliero polispecialistico della Campania, con vocazione cardiochirurgia, cardiologica e pneumologica presso l ex Monaldi, per le malattie infettive e le malattie epatiche presso l ex Cotugno, l ortotraumatologia e la riabilitazione presso l ex Cto. Nella programmazione regionale la nuova Aorn avrà oltre mille posti letto, rispetto ai novecento attuali, e sarà oggetto di riorganizzazione e aggiornamento strutturali e tecnologici con l obiettivo di pervenire alla creazione di centri di eccellenza nelle branche di competenza». Al Monaldi-Cotugno- Cto, che rappresenterà la più grande azienda in termini di posti letto tra Napoli e provincia, è stata affidata la missione dell alta specializzazione anche per il recupero della mobilità passiva, nel rispetto della riorganizzazione della rete ospedaliera definita all interno del piano di rientro dal debito sanitario, ed approvata dal governo nazionale.

14 14 Aprile 2011 Politica Sanitaria Annalisa Silvestro: I medici tem degli infermieri Pubblichiamo di seguito l intervista rilasciata dalla Presidente nazionale Ipasvi, Annalisa Silvestro al giornale on line Quotidiano salute. Annalisa Silvestro è presidente della Federazione nazionale dei Collegi Ipasvi, la rappresentanza istituzionale della professione infermieristica. La sua presidenza ha dunque coinciso con l ingresso della formazione infermieristica in ambito universitario, salutato all inizio come una conquista ma che oggi, a dieci anni di distanza, solleva anche qualche critica. Presidente Silvestro, molti infermieri lamentano che l ingresso degli infermieri all Università non abbia prodotto nessun cambiamento nei modelli organizzativi e dunque nel riconoscimento della professione. Lei cosa ne pensa? È vero, anche perché nel momento in cui qualche Regione ha voluto formalizzare l attribuzione di maggiori competenze e responsabilità agli infermieri, anche in considerazione del fatto che hanno adesso un percorso di formazione molto più elevato e strutturato, abbiamo avuto le reazioni dei medici. In realtà c è una parte del mondo sanitario che non vuole modificare gli attuali assetti perché teme che si mettano in discussione equilibri di potere che si basano su modelli molto antichi, che avevano ragione di essere impostati in quel modo quando l unica figura sanitaria intellettualmente riconosciuta e con un profilo formativo elevato era il medico. Finché le cose avvengono in maniera informale sono accettate, ma se si chiede che i cambiamenti siano di struttura e di modello, allora scattano le sensibilità. Ma il cambiamento di modello organizzativo che lei immagina è funzionale solo alla crescita della professione infermieristica? Non mi sembra. Stante la piramide demografica e stante l andamento epidemiologico, abbiamo oggi una popolazione che chiede sempre meno risposta per le acuzie, che comunque c è, mentre è sempre più orientata a

15 Aprile ono il pieno riconoscimento chiedere una risposta sanitaria rispetto alla cronicità, dove il medico ha un ruolo molto rilevante ma non centrale, mentre è centrale la risposta assistenziale e dunque la competenza e la responsabilità degli infermieri. D altra parte il sistema, per reggersi, deve sviluppare le potenzialità fornite delle competenze ulteriori acquisite dai professionisti che ci lavorano. Altrimenti, per come è organizzato ora non è in grado di sostenersi. Anche perché questi professionisti altrimenti esploderanno, chiedendo che vengano loro pienamente riconosciute le responsabilità che competono loro e che peraltro già ricoprono. Pensa ad un crollo del sistema sanitario? Il rischio è gravissimo. Anche perché nel momento in cui il dottor Pizza, presidente dell Ordine dei medici di Bologna, presenta un esposto alla procura della Repubblica di Bologna e di Firenze dicendo che gli infermieri esondano nelle loro competenze e quindi abusano della professione medica, sposta il terreno del confronto dall ambito professionale a quello giuridico. E gli esiti possono essere due: il primo è che la magistratura intervenga per dire cosa possano fare gli uni e gli altri, il secondo che riconosca che si sta abusando della professione medica. In questo secondo caso, io sarò costretta a dire a tutti gli infermieri di fare non uno, ma due o tre passi indietro. Ma mi chiedo come potrà reggere il sistema. Lei punta l attenzione soprattutto sulle responsabilità dei medici. Crede che la politica invece abbia capito l urgenza di un cambiamento di modello organizzativo? Per la politica nazionale ho dei dubbi, perché sente meno la pressione delle istanze che vengono dalla concreata agibilità dei servizi sanitari e quindi tenderà a mantenere gli equilibri attuali anche per evitare di entrare in rotta di collisione con degli stakeholder non di poco conto. Per quanto riguarda i livelli politici locali, quindi Regioni e Province, sono invece moderatamente ottimista, perché sono maggiormente sottoposti alla pressioni dei cittadini che chiedono risposte, non vogliono aspettare in Pronto Soccorso sei ore, vogliono avere l infermiere a domicilio, ecc. E se si vogliono dare risposte positive è indispensabile mettere in discussione il sistema attuale. La legge del 2001 prevedeva anche uno sviluppo di carriera per gli infermieri, che nei fatti però trova ancora pochi riscontri. Siete delusi? L interpretazione di quella legge è stata molto restrittiva: si è ritenuto di poter risolvere il nodo posto dalle professioni sanitarie, e in particolare dall infermieristica che è la più numerosa, individuando un dirigente infermieristico in ogni azienda. E per questo ruolo in effetti ora si stanno facendo i concorsi dappertutto. Ma è evidente che questa non è certo una soluzione sufficiente. Anche perché basta guardarsi intorno: le amministrazioni hanno un numero di dirigenti rilevante, i medici entrano addirittura tutti come dirigenti, pensare che per gli infermieri ce ne sia uno solo in ogni Azienda è davvero poco. Non si tratta solo di sviluppare la progressione di carriera sul versante dell organizzazione e del management, ma di costruire la possibilità di sviluppo di carriera nella clinica: se ho degli infermieri che si assumono alcune responsabilità cliniche, dovrò valorizzarli. E con ciò torno al punto: se il sistema riconosce, anche economicamente, il ruolo e la responsabilità dei professionisti, dovranno riconoscergliele anche i medici. Alcuni ritengono che l attuale formazione universitaria degli infermieri li avvicini troppo al modello medico. Mi sembra che sia un problema superabile quando poi si entra nella realtà operativa e nella comunità professionale. Certo questo comporta ulteriore impegno e fatica nell affiancamento e nell inserimento, cosa che potrebbe essere contenuta se l impostazione accademica forse diversa. Adesso, con la riforma Gelmini, vedremo cosa riusciremo a fare rispetto al mantenimento del nostro settore scientifico disciplinare e alle docenze infermieristiche. Anche perché questo è un vero paradosso: i medici si tengono il corso di Laurea in Infermieristica dentro la facoltà di Medicina e Chirurgia, vogliono avere la titolarità degli insegnamenti e poi si lamentano perché questi professionisti, che hanno contribuito a creare, sono più vicini a loro di quanto a loro stessi interesserebbe.

16 16 Aprile 2011 In Primo Piano Cresce la solidarietà e il volontariato Si costituisce il nucleo Cives di Salerno Nasce a Salerno presso la sede del Collegio Ipasvi l 8 ottobre 2010 il nucleo provinciale Cives. Preso atto che Salerno, su 101 collegi presenti in Italia, dà vita al 14 nucleo in Italia, si attesta un grande valore degno di elogio al Presidente, al Consiglio Direttivo e agli infermieri salernitani. Gli infermieri che hanno realizzato il progetto ed hanno formato l assemblea costituente del Cives di Salerno sono: Albano Andrea, Ardovino Giovanni, Barba Mario, D Andretta Gennaro, De Vivo Luigi, De Vivo Salvatore, Faiella Prisco, Falciano Emilia Ortensia, Forlano Giuseppe, Galdi Maddalena, Garone Elia, Gruosso Antonio, Magliano Giovanni, Mancino Pasqualina, Murino Ofelia, Pecoraro Giuseppina, Radeanu Ruxandra, Ricciardi Carmine, Tramontano Antonio, Trimarco Tiziana, Tripari Giantonio. Le motivazioni che hanno spinto il Consiglio Direttivo e i membri dei Revisori dei Conti del Collegio Ipasvi di Salerno e gli infermieri dell assemblea costituente sono di carattere sociale che onora la professione infermieristica, consapevoli dell importanza di realizzare anche in emergenza una risposta sanitaria di alto livello. Attraverso quanto sancito dallo Statuto Cives e la volontà dell Assemblea Costituente ecco gli organi del Nucleo provinciale Cives di Salerno. Comitato Direttivo Provinciale: Forlano Giuseppe (Referente) Tripari Giantonio (vice Referente) Albano Andrea (Segretario) Ardovino Giovanni (Consigliere) Galdi Maddalena (Consigliere) Revisori dei Conti: Barba Mario (Presidente) De Vivo Luigi (componente) Pecoraro Giuseppina (componente) Comitato di Garanzia: Celentano Carlo (Presidente) Faiella Prisco (componente) Tramontano Antonio (componente) In Campania è molto sentito il volontariato: il terremoto dell'irpinia, le frane di Sarno e Quindici, il Bradisismo della Zona Flegrea, l attività del Vesuvio. Il Presidente della Repubblica Sandro Pertini proprio in occasione del terremoto dell'irpinia, denunciò, rivolgendosi alla Nazione, l'irresponsabilità, l'inerzia, i ritardi di una Pubblica Amministrazione disorganizzata e incapace di portare soccorsi con l'immediatezza che quella sciagura richiedeva. Nel 1992 fu istituito, con la legge 225, il Servizio Nazionale della Protezione civile, e alle or-

17 Aprile ganizzazioni di volontariato che vi aderiscono, è stato espressamente riconosciuto il ruolo di "struttura operativa nazionale", parte integrante del sistema pubblico, alla stregua delle altre componenti istituzionali, come il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, le Forze Armate, le Forze di Polizia, il Corpo forestale dello Stato, ecc. Tra queste il Cives -Coordinamento Infermieri Volontari dell Emergenza Sanitaria-.Cives è nata nel 1998 per volontà della Federazione Nazionale Collegi Ipasvi, ed è un'associazione di volontariato Nazionale articolata su base provinciale formata esclusivamente da infermieri regolarmente iscritti ai Collegi provinciali Ipasvi. La professione infermieristica attraverso Cives interviene non solo nelle prime fasi dell'emergenza, ma anche in seguito, quando si rendono necessarie competenze diverse come: Emergenza e Terapia Intensiva Ospedaliera, Area Medica, Area Chirurgica, Area Pediatrica, Emodialisi, Ortopedia e Traumatologia, Area di salute mentale, Sanità pubblica e assistenza territoriale in modo da garantire una presenza qualificata in tutti i settori della sanità. Protezione Civile, 2 raduno nazionale dei volontari Con Cives gli infermieri italiani ai vertici nazionali del volontariato Il 24, 25 e 26 Settembre 2010 si è tenuto a Milano il 2 Raduno Nazionale dei volontari di Protezione Civile, in occasione della ricorrenza di San Pio da Pietrelcina, patrono e protettore dei Volontari. Quest'anno l'evento è stato arricchito anche da due appuntamenti collaterali quali l'allestimento dell'ospedale da Campo, presso l'ippodromo di San Siro, da parte dei volontari dell'associazione Nazionale Alpini; e il convegno internazionale "La Sanità in Emergenza: esperienze a confronto" curato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile. Da venerdì 24 settembre all'arena Civica, nelle 84 tende pneumatiche del Dipartimento Nazionale, sono stati accolti i volontari delle Associazioni della Consulta Nazionale, tra queste il Cives che a livello nazionale è una delle 22 Organizzazioni di Volontariato che rappresenta gli infermieri dediti al Volontariato e che hanno aderito alle iniziative della "Settimana della Protezione Civile". Sotto una pioggia battente, i volontari si sono schierati in Piazza Duomo per la benedizione di uomini e mezzi, da parte del Mons. Manganini. Grande emozione ha suscitato l'intervento del Capo Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, Guido Bertolaso, che ancora una volta ha ringraziato sentitamente i volontari per il loro fondamentale e insostituibile aiuto. Si sono succeduti sul palco, tra le gli altri, anche il Sindaco di Milano, Letizia Moratti, l'assessore Regionale alla Protezione Civile, Romano La Russa, l'on. Giuseppe Zamberletti, papà della Protezione Civile e il Direttore della Direzione Specialistica Protezione Civile. In chiusura, domenica 26 settembre, si è tenuto, presso l'ippodromo di San Siro, il convegno internazionale "La Sanità in Emergenza: esperienze a confronto", sempre alla presenza del Dott. Bertolaso, dove i relatori presenti hanno potuto confrontarsi in merito alle proprie esperienze maturate in situazioni di emergenza. Nella stessa giornata, è stato ancora possibile visitare l'ospedale da Campo degli Alpini, dove è stato illustrato ai visitatori, il funzionamento dei vari settori che compongono l'ospedale, tra cui anche una sala operatoria e una farmacia. Tra gli eventi, il 25 settembre si è costituito il Nucleo Cives di Varese guidati da Luigi Platamone e Santo Salvatore, supportati dal Presidente del Collegio IPASVI di Varese Aurelio Filippini e tutto il Consiglio Direttivo.

18 18 Aprile 2011 I Collegi della Campania informano QUI NAPOLI Il governo della complessità e di Margherita Ascione* e Concetta Pane* A d Orvieto, nella splendida cornice della magnifica sala dei 400 del Centro Congressi di Palazzo del Popolo, si è tenuto nei giorni 25 e 26 febbraio c.a. un corso di formazione, informazione e aggiornamento dal titolo: Il governo della complessità e dei percorsi assistenziali organizzato dal Comitato Infermieri Dirigenti con il patrocinio del Comune di Orvieto, dell ASL n. 4 Terni e della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto. I percorsi assistenziali sono strumenti di gestione clinica, usati per definire, in accordo all Evidence- Based Medicine (EBM), nel contesto applicativo locale, il miglior processo assistenziale per rispondere a specifici bisogni di salute. I percorsi assistenziali, quindi, pongono l attenzione sul miglioramento dei processi per ridurne la variabilità non necessaria e per aumentare la qualità dell assistenza e del servizio offerti (Panella 2004; Pearson et al. 1995; Kitchiner et al. 1996). Il corso, nella 1ª sessione Innovazione nella sanità ha previsto vari interventi: il dott. Fontana, dirigente di Struttura Medicina Convenzionata Territoriale, Progetti di qualità e Ricerca della Regione Lombardia, ha illustrato il nuovo Piano Sanitario Nazionale con gli obiettivi prioritari da conseguire: semplificare le modalità di accesso burocratico amministrative, tutelare e curare le fasce più deboli: i malati psichiatrici, gli anziani non autosufficienti, i disabili favorendo anche la loro integrazione nella vita quotidiana, diffondere le cure palliative e la terapia per alleviare il dolore, gestire efficacemente i servizi sanitari. Interessante è stato l intervento della dott.ssa Grazia Monti, dirigente sanitario del S.C. Servizio di Assistenza infermieristica e Ostetrica Azienda Sanitaria di Firenze, che ha relazionato sul Lean-thinking metodo guida per un semplice e quotidiano miglioramento del team sanitario nella riduzione degli sprechi, nel migliorare le prestazioni e guadagnare in efficienza risparmiando. La dott.ssa Daniela Tartaglini, ricercatore MED 45 e direttore del Servizio infermieristico del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, è intervenuta sui percorsi di accoglienza che sono attuati al Campus Bio- Medico: qui l accoglienza è ritenuta condizione di fondo per il percorso assistenziale, non solo rivolto al malato ospite, ma anche agli operatori dell ospedale. La Dirigente Infermieristica Tecnica Riabilitativa Aziendale dell A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda di Milano, la dott.ssa Giovanna Bollini, ha presentato un progetto interaziendale che ha coinvolto e interessato 8 aziende ospedaliere

19 Aprile Ridisegnare il percorso dei pazienti all'interno della rete dei servizi della salute, coniugando l'efficienza con la qualità dei risultati e l'innovazione. dei percorsi assistenziali della regione Lombardia, dove infermieri e medici insieme hanno attuato una valutazione assistenziale e clinica dei pazienti utilizzando strumenti come l IIA (Indice di Intensità Assistenziale), il MEWS (Modified Early Warning Score) e il CIRS (Cumulative Illness Rating Scale), successivamente stimato la congruenza tra valutazione infermieristica dell intensità assistenziale e valutazione medica della complessità clinica con la stima dell appropriatezza dei tempi. Altro intervento interessante è stato quello del dott. Mirco Gregorini, Bed Manager dell Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer di Firenze, che ha descritto il il Bed Management, uno strumento in grado di ottimizzare i Patient Flow (percorsi di cura) e la corretta logistica dei pazienti, assicurando un uso adeguato della risorsa posto letto. Importanti ed interessanti sono state le relazioni degli altri relatori al convegno, quali il dott. Carmine Clemente, direttore del Corso di perfezionamento Sociologia della Salute, dei Sistemi Sociali e Sanitari dell Università degli Studi di Bari, che è intervenuto sul passaggio dall organizzazione funzionale alla gestione per processi, il dott. Enrico Desideri, Direttore Generale del Usl 8 di Arezzo, che ha parlato dell Ospedale per Intensità di Cura e la dott.ssa Mara Pellizzari, responsabile del Servizio Infermieristico Aziendale dell ASS5 Bassa Friulana di Udine, che ha illustrato la media-bassa assistenza e l integrazione con la rete territoriale. Massiccia è stata la presenza di circa 500 partecipanti, provenienti da ogni regione italiana, che hanno assistito con interesse anche al dibattito del g. 26, con il confronto di esperienze provenienti dalle regioni Lombardia, Toscana, Lazio, Friuli ed Emilia Romagna e che ha coinvolto tutti gli astanti. Questo a significare che la presa in carico dei pazienti, da parte del personale infermieristico e medico, sulla base dell analisi dei problemi di salute e dell offerta dei servizi, deve essere costruita da un sistema di standard assistenziali e di competenza professionale. Qui trova la giusta collocazione il ruolo del dirigente infermieristico che può apportare, con le sue competenze e conoscenze di metodi manageriali innovativi, un processo di reengineering del sistema, permettendo il raggiungimento e il mantenimento di elevati standard assistenziali, il miglioramento delle prestazioni ed l efficienza, risparmiando negli sprechi. Sarebbe auspicabile che un evento, così qualificante, sia organizzato anche nella nostra regione dove i modelli assistenziali vertono ancora su un modello per funzioni e non per obiettivi. *Infermiere pediatriche Asl Na3/Sud

20 20 Aprile 2011 I Collegi della Campania informano QUI SALERNO In corsia con spirito di servizio In ospedale come in politica per Spirito di servizio così esordisce Sebastiano Odierna, già Infermiere Anestesista e di Rianimazione, Assessore alle Politiche Sociali e Sanitarie della Provincia di Salerno. L esperienza quindicennale come infermiere mi ha dato l opportunità di maturare un forte senso di umanità, altruismo, disponibilità assieme alla coscienza che il lavoro va vissuto come servizio per la collettività. Ho sempre cercato di trasfondere nel mio modo di fare politica questi valori oltre alle altre qualità proprie di un buon infermiere. Cercare di essere sempre attivo nel fare del bene, guardarmi intorno con attenzione per rendermi utile per le categorie di cittadini deboli, approfondire le mie competenze, capacità progettuali ed abilità tecniche non sono altro che un modo di continuare a fare l infermiere nella polìs. L Assessore Sebastiano Odierna dall atto del conferimento delle deleghe alle Politiche sociali e sanitarie, alla sicurezza alimentare e al personale, lo scorso giugno, ha principalmente profuso le sue energie per promuovere sul territorio provinciale politiche sociali e opportunità per le persone e le famiglie in coordinamento con le politiche per la non autosufficienza; politiche per l immigrazione e per la prevenzione e riduzione delle condizioni di bisogno e contrasto della povertà e si è adoperato per rendere effettiva sul territorio provinciale la tutela della salute dei cittadini. Molti i progetti promossi dall'assessore Odierna nei settori sopra elencanti, tra i quali: Progetto "TURISMO ACCESSIBILE. Un progetto innovativo e di grande rilievo sociale: una ricerca sul Turismo Accessibile che ha preso in esame le aspettative dei ragazzi disabili dai 18 ai 35 anni in merito alla possibilità di usufruire di un turismo che sia davvero accessibile. L accessibilità rappresenta un criterio innovativo del modo di pensare i luoghi in cui la gente vive la propria quotidianità ed il proprio tempo libero. Bisogna, quindi, sdoganare questo concetto da temi riguardanti solamente categorie particolari perché dove una persona con difficoltà di movimento vive bene, gli altri vivono ancora meglio ha sottolineato l Assessore Odierna E stato un onore il fatto che sia stata scelta la Provincia di Salerno per effettuare questa importantissima ricerca. Costituzione OSSERVATORIO PER- MANENTE PROVINCIALE SULLA CONDIZIONE MINORILE in collaborazione con il Tribunale dei Minorenni di Salerno, la Procura della Repubblica Presso il Tribunale di Salerno e il Dipartimento di Scienze dell educazione dell Università degli Studi di Salerno. L Osservatorio ha lo scopo di analizzare, attraverso la raccolta e l integrazione dei dati provenienti da tutte le risorse istituzionali e sociali del territorio, la reale situazione dei minori nella nostra provincia, i problemi che esigono interventi di protezione e di promozione, le reali risorse di cui ci si può avvalere dichiara l Assessore Odierna -. Attraverso l Osser-

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE

LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE Dati sull accesso ai corsi e modalità di iscrizione nell a.a. 2004-05 Angelo Mastrillo Segretario aggiunto della Conferenza Nazionale Corsi di Laurea delle

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte

CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte Nata a Parigi (Francia) l 8 maggio 1959 CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte Diploma di laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l Università Federico II di Napoli il 30-10-1984 con il

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di Verbale 5 Pag. n. 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA ATTI della Riunione di consultazione del Comitato di indirizzo della Facoltà di Medicina e Chirurgia L anno 2010 (Duemiladieci) in questo giorno di

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Snc, Via Arcangelo Sepe 83054 S. Angelo dei Lombardi (AV) gaetanosicuranza@virgilio.it TITOLI SCIENTIFICI

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Snc, Via Arcangelo Sepe 83054 S. Angelo dei Lombardi (AV) gaetanosicuranza@virgilio.it TITOLI SCIENTIFICI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome GAETANO SICURANZA Indirizzo Telefono 0816060241 Fax 0816060203 E-mail Snc, Via Arcangelo Sepe 83054 S. Angelo dei Lombardi (AV) gaetanosicuranza@virgilio.it

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE di ANTONIO ROCCO nato a San Paolo del Brasile il 19/05/1955.

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE di ANTONIO ROCCO nato a San Paolo del Brasile il 19/05/1955. CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE di ANTONIO ROCCO nato a San Paolo del Brasile il 19/05/1955. PERCORSO PROFESSIONALE RUOLO : Sanitario PROFILO PROFESSIONALE : C. P. S. E. Infermiere Categoria : Ds

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE TERZA SESSIONE IL PERCORSO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: I NODI DELLA RETE Giovanna Beretta Dirigente Struttura Complessa Medicina Fisica e Riabilitativa. A.O. Niguarda, Milano Buongiorno a tutti. Ringrazio

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

Come va la nostra Sanità?

Come va la nostra Sanità? Come va la nostra Sanità? Dopo un lungo periodo di commissariamento imposto dai governi centrali per correggere gli sprechi di molte regioni,quasi sempre meridionali, la Campania, per bocca del suo governatore,

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Giuseppe Marmo marmogiuseppe@tiscali.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010)

Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 104 del 24.09.2012 Oggetto: Istituzione del Registro Tumori

Dettagli

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità È con vivo piacere che ho accettato l invito dell Associazione Calabro-Lombarda a trattare questo spinoso argomento. Sarebbe molto bello sentir parlare

Dettagli

COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO

COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO EVOLUZIONE DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ATTRAVERSO LE COMPETENZE SPECIALISTICHE. CHI HA PAURA DEL CAMBIAMENTO? MODALITÀ DI

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I A.G.C. 19 - Piano Sanitario Regionale e Rapporti con le UU.SS.LL. - Deliberazione n. 1274 del 16 luglio 2009 Piano di rientro - Interventi per il raggiungimento dell obiettivo di razionalizzazione e contenimento

Dettagli

1 Workshop NAZIONALE. Villa Pallavicini - Via M. E. Lepido, 196 - Bologna

1 Workshop NAZIONALE. Villa Pallavicini - Via M. E. Lepido, 196 - Bologna Istituto Petroniano Studi Sociali Emilia Romagna 1 Workshop NAZIONALE Venerdì 11 Ottobre 2013 CON NOI E DOPO DI NOI Assistenza e presa in carico delle persone in stato di minima responsività tra SUAP e

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

Organizzazione dei Servizi Sociali. La riforma sanitaria. Scienze filosofiche e dell educazione Prof. Mauro Serio

Organizzazione dei Servizi Sociali. La riforma sanitaria. Scienze filosofiche e dell educazione Prof. Mauro Serio Organizzazione dei Servizi Sociali La riforma sanitaria Scienze filosofiche e dell educazione Prof. Mauro Serio 1 2 Premessa alla riforma Legge 132/1968 - Riforma ospedaliera. Istituisce gli Enti Ospedalieri.

Dettagli

Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia

Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia L aziendalizzazione della sanità in Italia è il titolo del Rapporto Oasi 2011, analisi annuale sul Sistema sanitario nazionale a cura

Dettagli

Gaetano Biagio Data di nascita 21/04/1959 Collaboratore Professionale Sanitario Esperto - Infermiere Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2)

Gaetano Biagio Data di nascita 21/04/1959 Collaboratore Professionale Sanitario Esperto - Infermiere Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Gaetano Biagio Data di nascita 21/04/1959 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto - Infermiere Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Numero

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

CURRICULUM VITAE Dott.ssa Anna PUGLIESE

CURRICULUM VITAE Dott.ssa Anna PUGLIESE CURRICULUM VITAE Dott.ssa Anna PUGLIESE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PUGLIESE Anna Data di nascita 24 marzo 1955 Qualifica Dirigente Medico I Livello Amministrazione ASL Avellino Incarico attuale Dirigente

Dettagli

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA.

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. All.4 POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. In linea con quanto programmato negli anni accademici precedenti, l Ateneo intende riaffermare il ruolo centrale di istituzione scientifica

Dettagli

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Margherita [COGNOME, ] De Florio Data di nascita 21/04/1947 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Regione

Dettagli

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo.

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. (Organizzazione Mondiale della Sanità) Il progetto Accettazione

Dettagli

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi Titolo del Workshop La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad Abstract / sintesi degli interventi Presentazione Il workshop, partendo dalla presentazione dei

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

Dott. Francesco Proia

Dott. Francesco Proia Dirigente in comando, dall ASL RM D, presso il Ministero della Salute, Dipartimento della Qualità, Direzione Generale delle Risorse Umane e delle Professioni Sanitarie TITOLI DI STUDIO Laurea in Sociologia

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

Obesità? Cambio vita: in campo il Cardarelli

Obesità? Cambio vita: in campo il Cardarelli Obesità? Cambio vita: in campo il Cardarelli http://denaro.it/blog/2012/10/26/obesita-cambio-vita-in-campo-il-cardarelli/ Page 1 of 7 28/10/2012 Obesità? Cambio vita: in campo il Cardarelli Oltre 700 mila

Dettagli

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella manovra Finanziaria 2008 La sanità nella manovra Finanziaria 2008/1 Più risorse per i livelli essenziali di assistenza e cresce il Fondo per i non autosufficienti Potenziato il piano pluriennale

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE

LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE Dati sull accesso ai corsi e modalità di iscrizione nell a.a.2003-4 Angelo Mastrillo Segretario aggiunto della Conferenza Nazionale Corsi di Laurea delle Professioni

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate

Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate 1. L azione dell Assistente Sanitaria per l indagine nella convivenza del malato. I Convegno delle Assistenti Sanitarie dei Consorzi Provinciali Antitubercolari,

Dettagli

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008 Atti Parlamentari 1 Camera Deputati Senato Repubblica COMITATO PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI SCHENGEN, DI VIGILANZA SULL ATTIVITÀ DI EUROPOL, DI CON- TROLLO E VIGILANZA IN MATERIA

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA Sanità ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA. FORMIGONI NON RICORDA NÈ I SUOI VIAGGI NÈ I NUMERI DELLA SANITÀ LOMBARDA La Lombardia è la Regione italiana più

Dettagli

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9 Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9.1. Gli investimenti strutturali per la riqualificazione dell offerta sanitaria Le politiche di zione degli investimenti pubblici dedicati al patrimonio

Dettagli

Rassegna Stampa del 29.09.2011. - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia

Rassegna Stampa del 29.09.2011. - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 29.09.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di - Le notizie ed i contenuti riportati sono a cura dell Ufficio Stampa di. La riproduzione e la diffusione -anche parziale è vietata Piani

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI LAURO ROSANNA Nazionalità Italiana Data di nascita 09/04/1960 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Date (da a) Dal 1 /09/2005 a tutt oggi

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL REGNO SIMONE Indirizzo Telefono cell. az. 3284206123 Fax Lavoro 055 5662559 E-mail s.delregno@meyer.it

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

digenerale@aosgmoscati.av.it

digenerale@aosgmoscati.av.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROSATO GIUSEPPE Indirizzo Telefono 0825203004 Fax 0825203637 E-mail N. 2, Fraternità della Misericordia, 83100 Avellino digenerale@aosgmoscati.av.it Nazionalità

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Andamento spesa sanitaria nazionale e regionale 2008-2014 Pubblichiamo l aggiornamento dei dati sulla spesa sanitaria nazionale e regionale relativi al periodo 2008-2014, con particolare attenzione alle

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 L ESPERIENZA DELL ULSS 15 DEL VENETO : 25 ANNI DI INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Gianfranco Pozzobon, direttore dei servizi sociali ULSS 15 - Padova Ho

Dettagli

Sintesi della Relazione della Segretaria regionale Cisl Sardegna per le politiche sociali Oriana Putzolu

Sintesi della Relazione della Segretaria regionale Cisl Sardegna per le politiche sociali Oriana Putzolu Sintesi della Relazione della Segretaria regionale Cisl Sardegna per le politiche sociali Oriana Putzolu «Vertenzialità e stato di attuazione delle politiche di inclusione sociale in Sardegna» Cagliari,

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ANTONIO BATTISTA VIA NICOLA FORNELLI,33 71121, FOGGIA (FG), ITALIA Telefono 3479086169 Fax E-mail

Dettagli

EDILIZIA SANITARIA, AL VIA UN PIANO DA 264 MILIONI DI EURO PER 87 INTERVENTI

EDILIZIA SANITARIA, AL VIA UN PIANO DA 264 MILIONI DI EURO PER 87 INTERVENTI EDILIZIA SANITARIA, AL VIA UN PIANO DA 264 MILIONI DI EURO PER 87 INTERVENTI Una bella notizia perché i cittadini potranno contare su reti e strutture sanitarie più efficienti e sicure e altamente tecnologiche.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

orrei, molto brevemente, rappresentare il ruolo che svolge il San

orrei, molto brevemente, rappresentare il ruolo che svolge il San Il Direttore Generale DISCORSO DEL DIRETTORE GENERALE Dott. Domenico ALESSIO DEL 28 SETTEMBRE 2010 Senato della Repubblica Palazzo Giustiniani Sala Zuccari L incontro di oggi coincide con la Giornata mondiale

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA LEGA LAGUNA NORD EST FAVARO VENETO MARCON QUARTO D ALTINO PORTEGRANDI 8 Settembre 2013 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Articolo 32 La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino FONDAZIONE BRUNO KESSLER IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE Garanzia Giovani in Trentino Rapporto di monitoraggio 2015 1 Aprile 2014 - Giugno 2015 FBK-IRVAPP in collaborazione

Dettagli

Disposizioni per garantire l accesso alle Cure palliative e alla Terapia del dolore (Legge 38 marzo 2010)

Disposizioni per garantire l accesso alle Cure palliative e alla Terapia del dolore (Legge 38 marzo 2010) Unione Giuristi Cattolici Italiani Sezione di Trani Renato Dell Andro (venerdì, 25 febbraio 2011 ) Disposizioni per garantire l accesso alle Cure palliative e alla Terapia del dolore (Legge 38 marzo 2010)

Dettagli

AGENZIE BIOTESTAMENTO: SACCONI, QUELLO CHE CONTA E' ANDARE AVANTI PD UNITO NELL'AFFOSSARE LA LEGGE

AGENZIE BIOTESTAMENTO: SACCONI, QUELLO CHE CONTA E' ANDARE AVANTI PD UNITO NELL'AFFOSSARE LA LEGGE AGENZIE BIOTESTAMENTO: SACCONI, QUELLO CHE CONTA E' ANDARE AVANTI PD UNITO NELL'AFFOSSARE LA LEGGE (ANSA) - ROMA, 9 MAR - Sul disegno di legge sul testamento biologico, di cui oggi la Camera continua la

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE 1. INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome: Di Bernardo Carmine Luogo e data di nascita: Napoli 30/11/1958 Residenza: Pesaro Via N. Bixio n.38 Recapito telefonico: 339/8371439

Dettagli

BUDGET SANIT 24 GIUGNO 2010. apportate dalla L. 883/78 che cancellava completamente. il sistema mutualistico e rappresentava a tutti gli effetti

BUDGET SANIT 24 GIUGNO 2010. apportate dalla L. 883/78 che cancellava completamente. il sistema mutualistico e rappresentava a tutti gli effetti IL DIRETTORE GENERALE BUDGET SANIT 24 GIUGNO 2010 Le profonde trasformazioni nel settore della Sanità apportate dalla L. 883/78 che cancellava completamente il sistema mutualistico e rappresentava a tutti

Dettagli

Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita

Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita La nascita prematura Tavolo tecnico Lazio 21 novembre 2014 O.N.Da e la nascita pretermine: perché La percentuale di nascite pretermine

Dettagli

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015

Il REPORT SONO OLTRE 888 MILA I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA, QUASI 772 MILA AL NETTO DELLE CANCELLAZIONI. Roma, 4 Dicembre 2015 Roma, 4 Dicembre 2015 I giovani presi in carico sono 553.507. A più di 239 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 38.000 gli iscritti a dodici settimane dal lancio. A partire

Dettagli

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1 Oggetto: OSSERVAZIONI AL PIANO PROVINCIALE PER LA SALUTE E ALLE LINEE GUIDA PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA PROVINCIALE DA PARTE DEL CONSIGLIO PER LA SALUTE DELLA COMUNITA DELLE GIUDICARIE

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

19.08.1955 AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII DIRETTORE USC DIREZIONE MEDICA PRESIDIO OSPEDALIERO

19.08.1955 AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII DIRETTORE USC DIREZIONE MEDICA PRESIDIO OSPEDALIERO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Nome FABIO PEZZOLI Telefono 0352675175 E-mail Nazionalità Fax 0352674971 fpezzoli@hpg23.it ITALIANA Data di nascita Amministrazione Incarico

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287. Disposizioni per la realizzazione della rete di cure palliative

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287. Disposizioni per la realizzazione della rete di cure palliative Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BAIO, ADRAGNA e PAPANIA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per la realizzazione della rete

Dettagli