DEFINIZIONI La vibrazione meccanica è il movimento oscillatorio di un corpo attorno alla posizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEFINIZIONI La vibrazione meccanica è il movimento oscillatorio di un corpo attorno alla posizione"

Transcript

1 ing. Guido Saule 1

2 DEFINIZIONI La vibrazione meccanica è il movimento oscillatorio di un corpo attorno alla posizione di equilibrio, conseguente all azione di una forza variabile nel tempo. 2

3 PREMESSA Qualsiasi sistema dissipa per attriti interni o esterni parte dell energia che riceve dall esterno (smorzamento) con conseguente progressiva riduzione dell ampiezza del moto nel caso di oscillazioni libere Lo smorzamento è un elemento di notevole importanza nei casi reali, perché è sempre presente, è la causa del degrado dell energia, è l elemento su cui si deve agire per controllare vibrazioni indesiderate: ammortizzatore ruote veicoli impugnature utensili guanti antivibranti 3

4 PREMESSA 4

5 TIPI DI VIBRAZIONI (WBV) (HAV) 5

6 VIBRAZIONI CORPO INTERO 6

7 VIBRAZIONI CORPO INTERO 7

8 VIBRAZIONI CORPO INTERO 8

9 VIBRAZIONI CORPO INTERO EFFETTI SUL CORPO UMANO 9

10 VIBRAZIONI CORPO INTERO VALORI DA NON SUPERARE (PERIODO DI 8 ORE) Valore di azione giornaliero: 0,5 m/s² Valore limite di esposizione: 1,0 m/s² 1,5 m/s² per periodi brevi 10

11 VIBRAZIONI MANO-BRACCIO Le attività lavorative che espongono i lavoratori a vibrazioni di tale tipo (HAV) sono tutte quelle che utilizzano attrezzature vibranti con impugnatura. 11

12 VIBRAZIONI MANO-BRACCIO 12

13 VIBRAZIONI MANO-BRACCIO Tipologia di utensile Scalpellatori, Scrostatori, Rivettatori Martelli Perforatori Martelli Demolitori e Picconatori Trapani a percussione Avvitatori ad impulso Martelli Sabbiatori Cesoie e Roditrici per metalli Levigatrici orbitali e roto-orbitali Seghe circolari e seghetti alternativi Smerigliatrici Angolari e Assiali Smerigliatrici Diritte per lavori leggeri Motoseghe Decespugliatori Tagliaerba Principali lavorazioni Edilizia - lapidei, metalmeccanica Edilizia - lavorazioni lapidei Edilizia - estrazione lapidei Metalmeccanica Metalmeccanica, Autocarrozzerie Fonderie - metalmeccanica Metalmeccanica Metalmeccanica - Lapidei - Legno Metalmeccanica - Lapidei - Legno Metalmeccanica - Lapidei - Legno Metalmeccanica - Lapidei - Legno Lavorazioni agricolo-forestali Lavorazioni agricolo-forestali Manutenzione aree verdi 13

14 VIBRAZIONI MANO-BRACCIO Tipologia di utensile Motocoltivatori Chiodatrici Compattatori vibro-cemento Iniettori elettrici e pneumatici Limatrici rotative ad asse flessibile Manubri di motociclette Cubettatrici Ribattitrici Trapani da dentista Principali lavorazioni Lavorazioni agricolo-forestali Palletts, legno Produzione vibrati in cemento Produzione vibrati in cemento Metalmeccanica, Lavorazioni artistiche Trasporti etc. Lavorazioni lapidei (porfido) Calzaturifici Odontoiatria Fonte: Banca Dati ISPESL 14

15 VIBRAZIONI MANO-BRACCIO EFFETTI SUL CORPO UMANO 15

16 VIBRAZIONI MANO-BRACCIO 16

17 VIBRAZIONI MANO-BRACCIO VALORI DA NON SUPERARE (PERIODO DI 8 ORE) Valore di azione giornaliero: 2,5 m/s² Valore limite di esposizione: 5,0 m/s² 20 m/s² per periodi brevi 17

18 OBBLIGHI DATORE DI LAVORO Nel caso vengano superati i VALORI DI AZIONE deve applicare un piano di lavoro volto a ridurre al minimo l'esposizione a vibrazioni, considerando in particolare: 18

19 OBBLIGHI DATORE DI LAVORO a) altri metodi di lavoro che richiedano una minore esposizione a vibrazioni meccaniche; b) scelta di attrezzature adeguate concepite nel rispetto dei principi ergonomici e che producano, tenuto conto del lavoro da svolgere, il minor livello possibile di vibrazioni; c) fornitura di attrezzature accessorie per ridurre i rischi di lesioni provocate da vibrazioni, per esempio sedili che attenuino efficacemente le vibrazioni trasmesse al corpo intero o maniglie che riducano la vibrazione trasmessa al sistema mano-braccio; d) adeguati programmi di manutenzione delle attrezzature di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul luogo di lavoro; e) la progettazione e l'assetto dei luoghi e dei posti di lavoro; f) adeguata informazione e formazione per insegnare ai lavoratori ad utilizzare correttamente e in modo sicuro le attrezzature di lavoro, riducendo al minimo l'esposizione a vibrazioni meccaniche; g) la limitazione della durata e dell'intensità dell'esposizione; h) orari di lavoro adeguati con appropriati periodi di riposo; i) la fornitura ai lavoratori esposti di indumenti di protezione dal freddo e dall'umidità 19

20 OBBLIGHI DATORE DI LAVORO SORVEGLIANZA SANITARIA ALMENO UNA VOLTA ALL ANNO! 20

21 VALUTAZIONE DEL RISCHIO 21

22 LE FASI DELLA VALUTAZIONE 22

23 LE FASI DELLA VALUTAZIONE altrimenti: 23

24 LE FASI DELLA VALUTAZIONE 24

25 LE FASI DELLA VALUTAZIONE 25

26 MANO-BRACCIO x, y, z 26

27 MANO-BRACCIO 27

28 MANO-BRACCIO UNI EN ISO (2004) Aw(sum) = (a wx² + a wy² + a wz² )½ A(8) = A (w)sum (T e /480) 1/2 A(8) = [ A8i 2 ] 1/2 dove: A8 i : A(8) parziale relativo all operazione i-esima A8 i = A (wsumi) (Te i /480) 1/2 Te i : Tempo di esposizione relativo alla operazione i-esima (minuti) A (wsumi) : A (wsum) associata all operazione i-esima 28

29 MANO-BRACCIO Misurazione con accelerometro ISO (2001) 29

30 OGGETTO: Sistema MANO-BRACCIO DATA: 29 maggio 2006 ORA: 11:21 rilevamento n.: TT15 ATTREZZATURA: smerigliatrice angolare SIGLA AZIENDALE: ATR - 99 MARCA: STAR MODELLO: PAG 820 ANNO COSTRUZIONE: ALIMENTAZIONE: elettrica MATERIALE DA LAVORARE: metallo DATI DI TARGA (vibrazioni attrezzatura) 5 m/s² FONTE: costruttore Esempio di scheda di valutazione per mano braccio STRUMENTAZIONE UTILIZZATA MODELLO impugnatura: SX Analizzatore multicanale SVAN 948 Calibratore Accelerometro Kit fissaggio accelerometro VALORI calibratura interna DYTRAN 3023M2 mod. 3023M2 VALORE ASSE X Aeq,hw : 8,93 VALORE ASSE Y Aeq,hw : 2,47 VALORE ASSE Z Aeq,hw : 2,15 A(w) sum [coincide con A(8) per tempi di esposizione pari a 480 min.] 9,50 m/s² IMPUGNATURA PIU SOLLECITATA Note: l uso dei DPI comporta una riduzione delle vibrazioni pari al 40 % (linee guida ISPESL) senza DPI con DPI A (8) m/s² m/s² 1,37 0,82 DESCRIZIONE ESPOSIZIONE GIORNALIERA MAX ESPOSIZ. GIORNO ATTIVITA mestiere tempo A(8) < 5 m/s² - senza DPI taglio tubo di ferro 3 - addetto rete aerea 10 minuti 2 ore 13 minuti segue: grafico continuo tempo/accelerazione 30

31 CORPO INTERO 31

32 CORPO INTERO ISO (1997) 32

33 CORPO INTERO A(8) = A (wmax) (T e /480) 1/2 A(8) = [ A8i 2 ] 1/2 A8 i : A(8) parziale relativo all operazione i-esima A8 i = A (wmaxi) (Te i /480) 1/2 Te i :Tempo di esposizione relativo alla operazione i-esima (minuti) A (wmaxi) :A (wmax) associata all operazione i-esima 33

34 CORPO INTERO Misurazione con accelerometro 34

35 OGGETTO: Sistema CORPO INTERO DATA: 29 maggio 2006 rilevamento n.: TT31 VEICOLO: autobus urbano MARCA e MODELLO: BREDA M240/E3 NU ANNO IMMATRICOLAZIONE: 2001 NUMERO AZIENDALE 1032 QUANTITA (numero di vetture in dotazione) 50 Esempio di scheda di valutazione per corpo intero LINEA 34 TRENO 1 PERCORSO Largo Barriera Erta S.Anna ORA dalle 15:05 alle 15:21 DURATA PROVA 16 minuti VELOCITA MEDIA (su percorso analizzato) 18 Km/h MARCA SEDILE FISA STRUMENTAZIONE UTILIZZATA MODELLO Analizzatore multicanale SVAN 948 Calibratore calibratura interna Accelerometro DYTRAN 3143M1 Kit fissaggio accelerometro mod. 3023M2 VALORI VALORE ASSE X Aeq,hw : 0,168 VALORE ASSE Y Aeq,hw : 0,193 VALORE ASSE Z Aeq,hw : 0,371 Aw, max: [coincide con A(8) per tempi di esposizione pari a 480 min.] 0,37 m/s² Note: valore rilevato su una media di misure prese sul sedile dell autista A (8) 0,29 m/s² DESCRIZIONE ATTIVITA percorsi di linea nell ambito urbano segue: grafico continuo tempo/accelerazione ESPOSIZIONE GIORNALIERA mestiere tempo di guida 20 conducente di linea e G.T. 4 ore 48 minuti (n. 18 percorsi da 16 min.) 35

36 Esempio di valori rilevati dallo strumento riferiti alla scheda precedente 36

37 FATTORI DI CORERZIONE Per i coefficienti moltiplicativi da utilizzare per valori dichiarati dal costruttore e per quelli di riduzione nel caso vengano usati guanti antivibranti fare riferimento alle LINEE GUIDA dell ISPESL (http://www.ispesl.it/vibrationdatabase) 37

38 BANCA DATI ISPESL 38

39 BANCA DATI ISPESL 39

40 BANCA DATI ISPESL 40

41 BANCA DATI ISPESL 41

42 BANCA DATI ISPESL 42

43 TESTO UNICO SULLA SICUREZZA TITOLO VIII-CAPO III ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI 43

44 D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO TITOLO VIII-CAPO III ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI 44

45 D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO TITOLO VIII-CAPO III ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI 45

46 D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO TITOLO VIII-CAPO III ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI 46

47 D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO TITOLO VIII-CAPO III ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI 47

48 D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO TITOLO VIII-CAPO III ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI 48

49 D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO TITOLO VIII-CAPO III ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI 49

50 D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO TITOLO VIII-CAPO III ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI 50

51 GRAZIE PER L ATTENZIONE 51

Il rischio vibrazioni

Il rischio vibrazioni Il rischio vibrazioni Il D. Lgs. 187/05 e la sua integrazione nel processo di valutazione dei rischi Dr. Franco Zanin SPISAL - Az. ULSS 6 Vicenza Definizione Le vibrazioni sono oscillazioni meccaniche

Dettagli

LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO

LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO ISPESL Istituto Superiore per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO Vibrazioni meccaniche nei luoghi di lavoro: stato della normativa IDENTIFICAZIONE E CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONE MECCANICHE IN UNA AZIENDA ELETTROMECCANICA

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONE MECCANICHE IN UNA AZIENDA ELETTROMECCANICA LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONE MECCANICHE IN UNA AZIENDA ELETTROMECCANICA Applicazione del Decreto Legislativo n 187 del 19 agosto 2005 a cura dell ing. L. CHESI Resp. Qualità,

Dettagli

Guida all utilizzo della Banca Dati Vibrazioni

Guida all utilizzo della Banca Dati Vibrazioni Guida all utilizzo della Banca Dati Vibrazioni SOMMARIO 1. Scopo della Banca Dati Vibrazioni 2. Decreto Legislativo n. 187 del 19 agosto 2005 2.1 Ambito d applicazione 2.2 Obblighi prescritti dal Decreto

Dettagli

LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE

LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A cura di Claudio Arcari e Mariacristina Mazzari Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Piacenza

Dettagli

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI AGGIORNAMENTO R.S.P.P. e A.S.P.P IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI Giorgio Zecchi e Alessandra Cattini SPSAL Reggio Emilia 2 4 novembre 2011 PRINCIPI GENERALI CHE COSA E UNA VIBRAZIONE?? La VIBRAZIONE

Dettagli

VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI. Iole Pinto

VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI. Iole Pinto VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI Iole Pinto AUSL 7 di Siena Dipartimento di Prevenzione, U.F. Igiene e Tossicologia - Settore Agenti Fisici Strada di Ruffolo 53100 Siena (Italy) e_mail:

Dettagli

La valutazione del rischio da vibrazioni trasmesse al corpo: azioni preventive e casi-studio

La valutazione del rischio da vibrazioni trasmesse al corpo: azioni preventive e casi-studio La valutazione del rischio da vibrazioni trasmesse al corpo: azioni preventive e casi-studio studio Ing. Maurizio Muratore INAIL Friuli V. Giulia - CONTARP (Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione)

Dettagli

Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni Attrezzature portatili o trasportabili

Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni Attrezzature portatili o trasportabili Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni 16 7 X/Y Avvitatrici pneumatiche Bussola per dadi 28662-7 13 28 17 X Bocciardatrici pneumatiche o martelli pneumatici scalpellatori

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO SENZA MISURAZIONI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO SENZA MISURAZIONI VALUTAZIONE DEL RISCHIO SENZA MISURAZIONI BANCA DATI ISPESL E DATI DEL COSTRUTTORE A cura di Claudio Arcari e Mariacristina Mazzari Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Piacenza Piacenza, 9 marzo

Dettagli

Il rischio vibrazioni è legato principalmente a determinate mansioni che un lavoratore svolge nella sua attività.

Il rischio vibrazioni è legato principalmente a determinate mansioni che un lavoratore svolge nella sua attività. Prof. Stefano Lonati Il rischio vibrazioni è legato principalmente a determinate mansioni che un lavoratore svolge nella sua attività. L uso di macchinari vibrogeni può riscontrarsi: nei cantieri edili

Dettagli

Vibrazioni. Aspetti fisici di base. Principali sorgenti. Descrittori del rischio. Esempi di calcolo di esposizione giornaliera

Vibrazioni. Aspetti fisici di base. Principali sorgenti. Descrittori del rischio. Esempi di calcolo di esposizione giornaliera Vibrazioni Aspetti fisici di base Principali sorgenti Descrittori del rischio Esempi di calcolo di esposizione giornaliera Andrea Guerzoni - SPSAL AUSL Ferrara - 10/11/06 VIBRAZIONI VIBRAZIONE: oscillazione

Dettagli

I rischi da Vibrazioni

I rischi da Vibrazioni I rischi da Vibrazioni Omar Nicolini - Az.USL di Modena (o.nicolini@ausl.mo.it) 1 Vibrazioni rischi Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: Hand-Arm Vibration HAV Vibrazioni trasmesse al corpo intero:

Dettagli

Vibrazioni. Decreto Legislativo 81/2008

Vibrazioni. Decreto Legislativo 81/2008 Vibrazioni Decreto Legislativo 81/2008 D. lgs. n. 81 del 09 aprile 2008 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Attuazione dell articolo 1 della legge n. 123 del 3 agosto 2007, in materia di tutela

Dettagli

RISCHI FISICI RUMORE & VIBRAZIONI

RISCHI FISICI RUMORE & VIBRAZIONI INCONTRO DEL 9 E 10 MAGGIO 2013 RISCHI FISICI RUMORE & VIBRAZIONI PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 d.lgs.n 81 Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO 1 VIBRAZIONI TRASMESSE AL SISTEMA MANO-BRACCIO E' noto che l esposizione umana a vibrazioni meccaniche può rappresentare

Dettagli

La valutazione del rischio RUMORE E VIBRAZIONI

La valutazione del rischio RUMORE E VIBRAZIONI La valutazione del rischio RUMORE E VIBRAZIONI Il suono è una perturbazione meccanica emessa da una sorgente che si propaga in un mezzo elastico (gas, liquido, solido) sotto forma di vibrazioni e che è

Dettagli

propagazione RICEVITORE SORGENTE

propagazione RICEVITORE SORGENTE Giornate degli RLS La valutazione del rischio RUMOREE E VIBRAZIONI: esperienze lavorative ed eventuali proposte di soluzione Il suonoè una perturbazione meccanica emessa da una sorgente che si propaga

Dettagli

I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione

I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione Nei cantieri edili, si possono individuare alcune tipologie di rischio nel campo dell igiene del lavoro legati all uso di macchine e attrezzature.

Dettagli

STIMA DEL RISCHIO: BANCHE DATI, VALORI FORNITI DAI COSTRUTTORI E MISURE SUL CAMPO

STIMA DEL RISCHIO: BANCHE DATI, VALORI FORNITI DAI COSTRUTTORI E MISURE SUL CAMPO STIMA DEL RISCHIO: BANCHE DATI, VALORI FORNITI DAI COSTRUTTORI E MISURE SUL CAMPO PIETRO NATALETTI ISPESL Dipartimento Igiene del Lavoro Alessandria, 16 giugno 2010 Articolo 202 Valutazione dei rischi

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 03

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 03 Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 03 ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE IL PROGRAMMA DELLE MISURE TECNICHE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO Azienda Sede BLUCAR COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via Diaz 18 Datore di lavoro Rossi Paolo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione De

Dettagli

D. Lgs. 187/05 Attuazione della direttiva 2002/44/CE sulle prescrizioni minime di di sicurezza e di di salute relative all esposizione dei dei

D. Lgs. 187/05 Attuazione della direttiva 2002/44/CE sulle prescrizioni minime di di sicurezza e di di salute relative all esposizione dei dei DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI SANITA SANITA PUBBLICA PUBBLICA SERVIZI SERVIZI PREVENZIONE PREVENZIONE E E SICUREZZA SICUREZZA AMBIENTI AMBIENTI DI DI LAVORO LAVORO D. Lgs. 187/05 Attuazione della direttiva

Dettagli

NORME DI CARATTERE GENERALE Sicurezza macchine - Edizione 2011

NORME DI CARATTERE GENERALE Sicurezza macchine - Edizione 2011 NORME DI CARATTERE GERALE Codice UNI/TR 11232-1:2007 UNI/TR 11232-2:2007 UNI ISO/TR 14121-2:2010 UNI 1005-1:2009 UNI 1005-2:2009 UNI 1005-3:2009 UNI 1005-4:2009 UNI 1032:2009 UNI 1032:2009 UNI 1037:2008

Dettagli

Capo II. Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro

Capo II. Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro articolo. Capo II Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro Art. 198. Linee Guida per i settori della musica delle attivita' ricreative e dei call center 1. Su

Dettagli

LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE DATI PARLIAMO DI:

LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE DATI PARLIAMO DI: LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A cura di Claudio Arcari e Mariacristina Mazzari Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Piacenza

Dettagli

DPI per rumore e vibrazioni

DPI per rumore e vibrazioni DPI per rumore e vibrazioni Otoprotettori Eliminazione del rischio Guanti antivibranti Riduzione del rischio in relazione al tipo di utensile I normali guanti di lavoro amplificano le vibrazioni 1 Guanti

Dettagli

Rischio vibrazioni. Introduzione. Generalità sul rischio da vibrazioni. scheda 05 1/6

Rischio vibrazioni. Introduzione. Generalità sul rischio da vibrazioni. scheda 05 1/6 05 Rischio vibrazioni Introduzione Si ricorda che ai sensi dell art. 6 del D.Lgs 187/05 è necessario informare i lavoratori esposti a vibrazioni meccaniche, come previsto dagli artt. 21 e 22 del D.Lgs

Dettagli

La valutazione del rischio Vibrazione ed i suoi aspetti applicativi

La valutazione del rischio Vibrazione ed i suoi aspetti applicativi Modulo A 2-4.3. La valutazione del rischio Vibrazione ed i suoi aspetti applicativi E-mail: luigi.chiarenza@alice.it - Cell. 392.256.11.21 In collaborazione con Organizzato da 23/05/2015 Vibrazioni Le

Dettagli

I Rischi da Vibrazioni Meccaniche

I Rischi da Vibrazioni Meccaniche I Rischi da Vibrazioni Meccaniche Servizio Prevenzione e Protezione Tipologia di utensile Scalpellatori, Scrostatori, Rivettatori Martelli Perforatori Martelli Demolitori e Picconatori Trapani a percussione

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE: CONFRONTO TRA MISURAZIONI SUL CAMPO E USO DI BANCHE DATI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE: CONFRONTO TRA MISURAZIONI SUL CAMPO E USO DI BANCHE DATI Vol. 4, n. 2, 55-81 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE: CONFRONTO TRA MISURAZIONI SUL CAMPO E USO DI BANCHE DATI Luigi Monica*, Pietro Nataletti**, Giuseppe Vignali*** * Istituto

Dettagli

Vibrazioni Meccaniche

Vibrazioni Meccaniche AGENTI FISICI AGENTI FISICI Vibrazioni Meccaniche Vibrazioni Meccaniche Anno 2010 Vibrazioni v.02 1 PREMESSA MALATTIE CAUSATE DA VIBRAZIONI MECCANICHE TRASMESSE AL SISTEMA MANO BRACCIO AGRICOLTURA LAVORAZIONI

Dettagli

Powertools TRAPANI ELETTRICI MARTELLI PNEUMATICI UTENSILI ELETTRICI

Powertools TRAPANI ELETTRICI MARTELLI PNEUMATICI UTENSILI ELETTRICI TRAPANI ELETTRICI Fig. C5.007 Mandrino mm. 13 Regolazione elettronica della velocità Asta regolazione profondità foro Fig. C5.015 Impugnatura soft grip supplementare orientabile Pulsante per funzionamento

Dettagli

Vibrazioni trasmesse al corpo intero: l evoluzione tecnologica nelle azioni preventive e casi studio

Vibrazioni trasmesse al corpo intero: l evoluzione tecnologica nelle azioni preventive e casi studio Vibrazioni trasmesse al corpo intero: l evoluzione tecnologica nelle azioni preventive e casi studio Ing. Maurizio Muratore INAIL Friuli V. Giulia - CONTARP (Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione)

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 Aprile 2008, n. 81 e s.m.i. TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

DECRETO LEGISLATIVO 9 Aprile 2008, n. 81 e s.m.i. TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Decreto Legislativo 81/08 Testo Unico della Sicurezza DECRETO LEGISLATIVO 9 Aprile 2008, n. 81 e s.m.i. TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO INDICE 1 PREMESSA pag. 2 PARTE I - VIBRAZIONI TRASMESSE AL SISTEMA MANO- pag. BRACCIO 2.1 IDENTIFICAZIONE E CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO INDICE 1 PREMESSA pag. 4 2 PARTE I - VIBRAZIONI TRASMESSE AL pag. 6 SISTEMA MANO-BRACCIO 2.1 IDENTIFICAZIONE E CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

Componenti ISPESL. con funzioni di Presidente del Gruppo di Lavoro. con funzioni di vice Presidente del Gruppo di Lavoro

Componenti ISPESL. con funzioni di Presidente del Gruppo di Lavoro. con funzioni di vice Presidente del Gruppo di Lavoro Gruppo di Lavoro nazionale per la predisposizione di procedure operative standardizzate per la valutazione del rischio da rumore e vibrazioni in ambienti di lavoro Componenti ISPESL Dr. Francesco Benvenuti

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA SICUREZZA SUL LAVORO: COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA Dott. Roberto BEDINI Ai fini del DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 per agenti fisici si intendono: il RUMORE,

Dettagli

Codice : CTC36LI-ON Codice a barre : 5411074120856 Prezzo : 24,00. Caratteristiche :

Codice : CTC36LI-ON Codice a barre : 5411074120856 Prezzo : 24,00. Caratteristiche : CTC36LI-ON Cacciavite a batteria ricaricabile Potenza : 3,6 V Velocità a vuoto : 180 giri al minuto Batteria al LITIO 1300 ma/h Avvita e svita Fornito con LED per illuminare la zona di lavoro + caricatore

Dettagli

Valutazione e Prevenzione del Rischio da Vibrazioni

Valutazione e Prevenzione del Rischio da Vibrazioni Valutazione e Prevenzione del Rischio da Vibrazioni Introduzione Sicurezza sui Luoghi di Lavoro E' noto che l esposizione umana a vibrazioni meccaniche può rappresentare un fattore di rischio rilevante

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Rischi di esposizione a vibrazioni

D.Lgs. 81/08. Rischi di esposizione a vibrazioni Rischi di esposizione a vibrazioni Definizioni Normativa D.Lgs. 81/08 titolo VIII capo III a) vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: vibrazioni meccaniche che, se trasmesse al sistema manobraccio

Dettagli

continua equivalente su 8 ore, calcolata come il più

continua equivalente su 8 ore, calcolata come il più WBV Parametro descrittore del rischio D.Lgs Lgs.. 187/05, all. IB La valutazione del livello di esposizione alle vibrazioni si basa sul calcolo dell'esposizione giornaliera A (8) espressa come l'accelerazione

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Edile A.A. 2011-12. Agenti fisici. 1 Sicurezza in edilizia

Corso di laurea in Ingegneria Edile A.A. 2011-12. Agenti fisici. 1 Sicurezza in edilizia Agenti fisici 1 Titolo VIII (art. 180) Definizioni e Campo di applicazione Per agenti fisici si intendono il rumore, gli ultrasuoni, gli infrasuoni, le vibrazioni meccaniche, i campi elettromagnetici,

Dettagli

Guida all utilizzo della Banca Dati Vibrazioni

Guida all utilizzo della Banca Dati Vibrazioni SOMMARIO 1. Scopo della Banca Dati Vibrazioni 2. Decreto Legislativo n. 187 del 19 agosto 2005 2.1 Ambito d applicazione 2.2 Obblighi prescritti dal Decreto 2.2.1 La riduzione del rischio 2.2.2 Identificazione

Dettagli

Modulo Protezione Lavoratori

Modulo Protezione Lavoratori Modulo Protezione Lavoratori Il modulo Protezione Lavoratori viene utilizzato per raccogliere ed elaborare i rilievi di rumore e di vibrazioni effettuati negli ambienti di lavoro. Verifica dell esposizione

Dettagli

ESPOSIZIONE ALLE VIBRAZIONI

ESPOSIZIONE ALLE VIBRAZIONI Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it ESPOSIZIONE ALLE VIBRAZIONI DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 TITOLO VIII CAPO III 1 Le vibrazioni meccaniche possono essere definite come un movimento oscillatorio

Dettagli

Norme tecniche per macchinari 1

Norme tecniche per macchinari 1 Legge federale sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (LSIT) Norme tecniche per macchinari 1 Visto l articolo 4a della legge federale del 19 marzo 1976 (modificata il 18 giugno

Dettagli

Guida all'utilizzo della Banca Dati Vibrazioni

Guida all'utilizzo della Banca Dati Vibrazioni SOMMARIO 1. Scopo della Banca Dati Vibrazioni 2. Decreto Legislativo n. 81 del 30 aprile 2008 2.1 Ambito d'applicazione 2.2 Obblighi prescritti dal Decreto 2.2.1 La riduzione del rischio 2.2.2 Identificazione

Dettagli

VIBRAZIONI MECCANICHE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca

VIBRAZIONI MECCANICHE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca VIBRAZIONI MECCANICHE Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca Visto il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 187(N), recante attuazione della Direttiva 2002/44/CE(N) sulle prescrizioni minime di sicurezza e di

Dettagli

Cap 12 12 -- Misure di vi braz di vi ioni

Cap 12 12 -- Misure di vi braz di vi ioni Cap 12 - Misure di vibrazioni Le vibrazioni sono poi da sempre uno strumento di diagnostica di macchine e sistemi meccanici 1 Le direttive CEE 89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE e 93/68/CEE, obbliga tutti

Dettagli

Installazione Impianti Elettrici

Installazione Impianti Elettrici Grugliasco Data: 08/05/2011 POS ditta ELMA di FACCIO Maurizio PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (D.Lgs.528/99 626/94 494/96 sue modifiche ed integrazioni ) Installazione Impianti Elettrici Committente: FAC-SIMILE

Dettagli

LA BANCA DATI VIBRAZIONI DELL ISPESL

LA BANCA DATI VIBRAZIONI DELL ISPESL LA BANCA DATI VIBRAZIONI DELL ISPESL SOMMARIO 1. Scopo della Banca Dati Vibrazioni 2. Decreto Legislativo n. 187 del 19 agosto 2005 2.1 Ambito d applicazione 2.2 Obblighi prescritti dal Decreto 2.2.1 La

Dettagli

Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy 626VIBRAZIONI

Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy 626VIBRAZIONI SOFTWARE Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy 626VIBRAZIONI VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI ALLE VIBRAZIONI AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 187 Gruppo Infotel

Dettagli

Rischio vibrazioni Come proteggere la salute dei lavoratori

Rischio vibrazioni Come proteggere la salute dei lavoratori Rischio vibrazioni Come proteggere la salute dei lavoratori Nella vostra azienda si utilizzano apparecchi, macchinari o veicoli che generano vibrazioni? Siete responsabili della tutela della salute e vi

Dettagli

CORSO DIAGGIORNAMENTO PER RSPP 40 ore

CORSO DIAGGIORNAMENTO PER RSPP 40 ore 21/03/2012 ing. Stefano Casini CORSO DIAGGIORNAMENTO PER RSPP 40 ore Rischi fisici: rumore e vibrazioni RUMORE CORSO DI AGGIORNAMENTO PER RSPP 40 ore Rischi fisici: rumore e vibrazioni 21/0372012 ing.

Dettagli

COMMISSIONE TECNICA VIBRAZIONI LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NEL TRASPORTO PUBBLICO COLLETTIVO

COMMISSIONE TECNICA VIBRAZIONI LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NEL TRASPORTO PUBBLICO COLLETTIVO Pagina 1/26 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI NEL TRASPORTO PUBBLICO COLLETTIVO Edizione: febbraio 2006 Pagina 2/26 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO... 4

Dettagli

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI AGGIORNAMENTO R.S.P.P. e A.S.P.P nella SCUOLA IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI Giorgio Zecchi e Alessandra Cattini SPSAL Reggio Emilia 26 ottobre 2011 PRINCIPI GENERALI CHE COSA E UNA VIBRAZIONE??

Dettagli

LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI. Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena

LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI. Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI Iole Pinto Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena 1. Introduzione Il D.L. 9 Aprile 2008 n. 81 titolo

Dettagli

DI COSA PARLIAMO. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6. effetti delle vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio

DI COSA PARLIAMO. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6. effetti delle vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio DI COSA PARLIAMO Le lavorazioni in cui si impugnano utensili vibranti, o materiali, sottoposti a vibrazioni o impatti possono indurre un insieme di disturbi neurologici e circolatori digitali e lesioni

Dettagli

UTENSILI ELETTRICI E MACCHINE

UTENSILI ELETTRICI E MACCHINE 7 UTENSILI ELETTRICI E MACCHINE NEW NEW pag 1111 pag 1112 pag 1117 pag 1118 pag 1121 pag 1124 pag 1127 pag 1129 pag 1171 NEW pag 1141 pag 1141 pag 1142 pag 1145 pag 1182 pag 1158 pag 1159 pag 1160 pag

Dettagli

Valutazione del rischio di esposizione a vibrazioni meccaniche per il personale di Met.Ro. Ro. Spa

Valutazione del rischio di esposizione a vibrazioni meccaniche per il personale di Met.Ro. Ro. Spa Valutazione del rischio di esposizione a vibrazioni meccaniche per il personale di Met.Ro Ro. Spa Ing. 1 Linee gestite da Metropolitana di Roma - Linea A Metropolitana di Roma - Linea B Ferrovia Roma-Lido

Dettagli

Vibrazioni corpo intero

Vibrazioni corpo intero Vibrazioni corpo intero Le vibrazioni che interessano maggiormente l intero corpo hanno frequenze comprese tra 1 e 80 Hz. La sensibilità massima si ha per la direzione longitudinale Z nella gamma di frequenze

Dettagli

IGIENE DEL LAVORO - ARGOMENTI

IGIENE DEL LAVORO - ARGOMENTI IGIENE DEL LAVORO - ARGOMENTI - Rischio da agenti fisici: rumore, vibrazioni - Rischio da agenti chimici - Rischio da agenti cancerogeni - Rischio da agenti biologici - I videoterminali - Il microclima

Dettagli

IL RISCHIO DA VIBRAZIONI

IL RISCHIO DA VIBRAZIONI IL RISCHIO DA VIBRAZIONI E' noto che l esposizione umana a vibrazioni meccaniche può rappresentare un fattore di rischio rilevante per i lavoratori esposti. L angiopatia (affezione dei vasi sanguigni.

Dettagli

I protocolli sanitari in edilizia 4 maggio 2004

I protocolli sanitari in edilizia 4 maggio 2004 Regione Piemonte -Piano di formazione SPRESAL Corso di medicina del lavoro I protocolli sanitari in edilizia 4 maggio 2004 Relatore dott. Flavio Coato Responsabile progetto di prevenzione in edilizia d1ella

Dettagli

Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: evoluzione dei dispositivi di protezione, azioni preventive e casi-studio

Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: evoluzione dei dispositivi di protezione, azioni preventive e casi-studio Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: evoluzione dei dispositivi di protezione, azioni preventive e casi-studio Ing. Maurizio Muratore INAIL Friuli V. Giulia - CONTARP (Consulenza Tecnica Accertamento

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA RUMORE E VIBRAZIONI IN AMBIENTI DI LAVORO VIBRAZIONI DEGLI EDIFICI E DELLE STRUTTURE CIVILI IN COLLABORAZIONE CON 28 MAGGIO 2008 SONORA SRL VIBRAZIONI GENERALITÀ - ASPETTI FENOMELOGICI VIBRAZIONI - GENERALITÀ

Dettagli

ELETTROUTENSILI. Vince e Convince PICCOLI ELETTRODOMESTICI

ELETTROUTENSILI. Vince e Convince PICCOLI ELETTRODOMESTICI Vince e Convince PICCOLI ELETTRODOMESTICI UTENSILE MULTIFUNZIONE 60 ACCESSORI MOD.M01148 / EAN 8053626071482 - POTENZA 135W - 230V/50HZ - VELOCITA A VUOTO 8000-32500/min - ACCESSORI: 1 ASTA FLESSIBILE

Dettagli

VIBRAZIONI. Cenni sull esposizione alle vibrazioni Nuova legislazione italiana (D.L. N.187N. del 19 agosto 2005)

VIBRAZIONI. Cenni sull esposizione alle vibrazioni Nuova legislazione italiana (D.L. N.187N. del 19 agosto 2005) Cenni sull esposizione alle vibrazioni Nuova legislazione italiana (D.L. N.187N del 19 agosto 2005) Le vibrazioni meccaniche sono prodotte dal movimento oscillatorio di un corpo intorno ad una posizione

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE DEL 12/03/1998

DECRETO MINISTERIALE DEL 12/03/1998 DECRETO MINISTERIALE DEL 12/03/1998 ELENCO RIEPILOGATIVO DI NORME ARMONIZZATE ADOTTATE AI SENSI DEL COMMA 2 DELL'ART. 3 DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996, N. 459, CONCERNENTE:

Dettagli

!"#" $ $ $ / (() - + + 0 + 0 & + 0 & Pagina 1 di 71

!# $ $ $ / (() - + + 0 + 0 & + 0 & Pagina 1 di 71 "" Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate e le eventuali sostanze utilizzate. I rischi sono stati analizzati in riferimento

Dettagli

Riduzione delle vibrazioni meccaniche sulle macchine

Riduzione delle vibrazioni meccaniche sulle macchine Riduzione delle vibrazioni meccaniche sulle macchine Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it Metodi

Dettagli

ffiwwffiwwwry tú; suos SffiYrytrreffi MA& 1JTffiruffi$ffiru$

ffiwwffiwwwry tú; suos SffiYrytrreffi MA& 1JTffiruffi$ffiru$ ffiwwwwwffiwwww@wff ffiwwffiwwwry SffiYrytrreffi MA& 1JTffiruffi$ffiru$ tú; suos Indice 1. PREMESSA... 3 2. METODICA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI UTILIZZATA... 3 3. VIBRAZIONI TRASMESSE AL SISTEMA MANO-BRACCIO...

Dettagli

Come le aziende interagiscono con i valutatori per la definizione dell esposizione al rumore e alle vibrazioni dei loro dipendenti

Come le aziende interagiscono con i valutatori per la definizione dell esposizione al rumore e alle vibrazioni dei loro dipendenti Come le aziende interagiscono con i valutatori per la definizione dell esposizione al rumore e alle vibrazioni dei loro dipendenti Preti C.(1), Deboli R.(1), Calvo A.(2) (1) IMAMOTER CNR, Strada delle

Dettagli

Produzione documentale tecnica sulla problematica delle vibrazioni connessa all uso delle macchine agricole

Produzione documentale tecnica sulla problematica delle vibrazioni connessa all uso delle macchine agricole ENTE NAZIONALE PER LA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA Produzione documentale tecnica sulla problematica delle vibrazioni connessa all uso delle macchine agricole Roma, marzo 2005 Dott. Antonella Covatta CIA Confederazione

Dettagli

SORGENTI DI RISCHIO: VIBRAZIONI MANO-BRACCIO

SORGENTI DI RISCHIO: VIBRAZIONI MANO-BRACCIO LE VIBRAZIONI MECCANICHE Le attività lavorative svolte a bordo di mezzi di trasporto o di movimentazione espongono il corpo a vibrazioni o impatti che possono risultare nocivi per i soggetti esposti. Le

Dettagli

Srl www.gnuttibortolo.com SETTEMBRE 2015

Srl www.gnuttibortolo.com SETTEMBRE 2015 Srl Gnutti Bortolo Srl DISTRIBUZIONE INDUSTRIALE dal 1937 Via Monsuello 34-25065 Lumezzane - Brescia Tel.0308926200 Fax. 0308926216 Email. info@gnuttibortolo.com www.gnuttibortolo.com SETTEMBRE 2015 Smerigliatrici

Dettagli

Collana MultiCompact. Sicurezza, qualità e privacy VIBRAZIONI

Collana MultiCompact. Sicurezza, qualità e privacy VIBRAZIONI SOFTWARE Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy VIBRAZIONI Redazione e calcolo dell esposizione dei lavoratori ai rischi da vibrazioni meccaniche con il software Blumatica VIBRAZIONI Lt Seconda

Dettagli

LINEE GUIDA EUROPEE PER L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2002/44/CE. Dipartimento di Sanità Pubblica, AUSL di Piacenza.

LINEE GUIDA EUROPEE PER L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2002/44/CE. Dipartimento di Sanità Pubblica, AUSL di Piacenza. LINEE GUIDA EUROPEE PER L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2002/44/CE Mariacristina Mazzari, Claudio Arcari Dipartimento di Sanità Pubblica, AUSL di Piacenza. 1 - INTRODUZIONE Le linee guida di buona pratica

Dettagli

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE LUOGHI, LOCALI E POSTI DI LAVORO (riferiti alle attività prevalenti svolte dall'impresa) 1-ATTIVITÀ DI CANTIERE N. SCHEDA Scavi e movimento terra 1.1.1 X

Dettagli

CANTIERE: Via Don Sapino ang. via G. Prati, Venaria (TO)

CANTIERE: Via Don Sapino ang. via G. Prati, Venaria (TO) ALLEGATO B Comune di Venaria Provincia di TO ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell'esposizione al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art.

Dettagli

ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORMA) DI TIPO C ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE

ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORMA) DI TIPO C ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORMA) DI TIPO C ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE Per la spiegazione delle sigle vedere il paragrafo LE NORME ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE

Dettagli

CATALOGO Marzo 2015 CATALOGO. Pneumatica e lampade. http://www.attrezzieutensili.it PAG 1/38 Atttrezzi&utensili

CATALOGO Marzo 2015 CATALOGO. Pneumatica e lampade. http://www.attrezzieutensili.it PAG 1/38 Atttrezzi&utensili Marzo 2015 CATALOGO Pneumatica e lampade http://www.attrezzieutensili.it PAG 1/38 Atttrezzi&utensili PNEUMATICA E LAMPADE Avvitatori pneumatici Levigatrici Smerigliatrici Lampade e Torce Lampade portatili

Dettagli

La problematica della gestione dei rischi fisici nel settore agro forestale

La problematica della gestione dei rischi fisici nel settore agro forestale Rumore e vibrazioni meccaniche nel testo unico sulla sicurezza negli ambienti di lavoro Alessandria, 15 e 16 giugno 2010 La problematica della gestione dei rischi fisici nel settore agro forestale Dr.

Dettagli

Programma e calendario. Corso di aggiornamento - 40 ore COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. dal 03 marzo al 02 aprile 2015

Programma e calendario. Corso di aggiornamento - 40 ore COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. dal 03 marzo al 02 aprile 2015 Programma e calendario Corso di aggiornamento - 40 ore COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI (D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) dal 03 marzo al 02 aprile 2015 I MODULO prevenzione attraverso

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Amministrazione straordinaria. Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture

Provincia dell Ogliastra Amministrazione straordinaria. Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture Provincia dell Ogliastra Amministrazione straordinaria Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI tel. 0782 473600 fax 0782 41053 via Mameli 08048 TORTOLÌ tel. 0782 600900

Dettagli

ARIA COMPRESSA AVVITATORI CON ATTACCO QUADRO UTENSILI PER TAGLIO E PERFORAZIONE VARIE RACCORDI ED INNESTI. Avvitatori con attacco quadro 3/8 pag.

ARIA COMPRESSA AVVITATORI CON ATTACCO QUADRO UTENSILI PER TAGLIO E PERFORAZIONE VARIE RACCORDI ED INNESTI. Avvitatori con attacco quadro 3/8 pag. ARIA COMPRESSA AVVITATORI CON ATTACCO QUADRO Avvitatori con attacco quadro pag. 202 Avvitatori con attacco quadro pag. 203 Avvitatori con attacco quadro 3/4 pag. 204 Avvitatori con attacco quadro 1 pag.

Dettagli

Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO?

Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO? Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO? La sorveglianza epidemiologica e la ricerca attiva delle malattie muscoloscheletriche

Dettagli

RISCHIO FISICO - RUMORE Prevenzione

RISCHIO FISICO - RUMORE Prevenzione RISCHIO FISICO - RUMORE Definizioni Il RUMORE è un suono indesiderato generato dalla vibrazione di un corpo che provoca una variazione di pressione nell aria percepibile da un organo di ricezione. Lo strumento

Dettagli

(/(1&2'(//(1250(,168332572$//$',5(77,9$ &(³0$&&+,1(

(/(1&2'(//(1250(,168332572$//$',5(77,9$ &(³0$&&+,1( (/&2'(//250(,168332572$//$',5(77,9$ &(³0$&&+,1( Le 1RUPH WHFQLFKH sono documenti elaborati con il consenso delle parti interessate, la cui osservanza è volontaria. Non hanno valore legale, a meno che non

Dettagli

VIBRAZIONE DELLE MACCHINE

VIBRAZIONE DELLE MACCHINE ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info Le vibrazioni i i nei cantieri i VIBRAZIONE DELLE MACCHINE Possiamo chiamare vibrazione del macchinario una complessa forma di movimento provocata da molteplici

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO SEGNALETICA DI COSA RISCHIO! RIFERIMENTO - Vibrazioni e scuotimenti; - Rumore; - Contusioni, lesioni, schiacciamenti, dovuti a: caduta dell utensile sull operatore; proiezione materiale in lavorazione;

Dettagli

RIPARI DI PROTEZIONE TIPI E CRITERI DI SCELTA

RIPARI DI PROTEZIONE TIPI E CRITERI DI SCELTA RIPARI DI PROTEZIONE TIPI E CRITERI DI SCELTA Tipologia: fisso a segregazione totale barriera distanziatrice - a tunnel mobile motorizzato a chiusura automatica regolabile interbloccato interbloccato con

Dettagli

I PROFESSIONISTI IN AZIONE SETTEMBRE - DICEMBRE 2014 ROBUSTEZZA GARANTITA

I PROFESSIONISTI IN AZIONE SETTEMBRE - DICEMBRE 2014 ROBUSTEZZA GARANTITA I PROFESSIONISTI IN AZIONE SETTEMBRE - DICEMBRE 2014 ROBUSTEZZA GARANTITA AMPLIAMENTO GAMMA XR TORCIA LED DCL050-XJ Utilizza la tecnologia LED per fornire durata maggiore e una miglior illuminazione; Luminosità

Dettagli

Lo sviluppo tecnologico, con il relativo aumento esponenziale del rischio da esposizione, non e stato seguito da adeguate misure preventive.

Lo sviluppo tecnologico, con il relativo aumento esponenziale del rischio da esposizione, non e stato seguito da adeguate misure preventive. AGENTI FISICI IL RUMORE INTRODUZIONE Il rumore negli ambienti di lavoro è ormai diventato uno dei problemi più importanti tra quelli compresi nell igiene del lavoro. La continua meccanizzazione della produzione

Dettagli

Corso Integrato di Medicina del Lavoro 5 anno, 2 semestre [ aa 2006 2007 ] Prof. Plinio Carta

Corso Integrato di Medicina del Lavoro 5 anno, 2 semestre [ aa 2006 2007 ] Prof. Plinio Carta Corso Integrato di Medicina del Lavoro 5 anno, 2 semestre [ aa 2006 2007 ] Prof. Plinio Carta Servizio di Medicina Preventiva dei Lavoratori e di Fisiopatologia Respiratoria Dipartimento di Sanità Pubblica

Dettagli

COCITO dott. IVANO VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI A VIBRAZIONI MECCANICHE

COCITO dott. IVANO VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI A VIBRAZIONI MECCANICHE COCITO dott. IVANO Sicurezza e ambiente Sede - C.so Piave, 115-12051 ALBA (CN) Codice Fiscale : CCTVNI56A17I367Q - Partita IVA : 03309440042 Tel. 0173-282311 331-4675928 e-mail : carbisou@alice.it VALUTAZIONE

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PROGETTO DI ALLESTIMENTO DELLA MOSTRA GRAN GALA REALE PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (D.Lgs 9 Aprile 2008 n. 81, art. 100 e Allegato XV) Valutazione dei rischi PROGETTO

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHIO VIBRAZIONI

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHIO VIBRAZIONI LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHIO VIBRAZIONI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli