BAMBINI POVERI. Accendiamo la luce negli occhi dei

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BAMBINI POVERI. Accendiamo la luce negli occhi dei"

Transcript

1 Autoriz.Tribunale di Milano n.106 del 21/02/2006 Stampe Periodiche Magazine semestrale Anno XX Numero 1 Giugno 2018 Accendiamo la luce negli occhi dei BAMBINI POVERI Il nostro programma nazionale contro la povertà delle famiglie sbarca anche a Napoli Cresce il nostro impegno per chi sceglie l affido familiare in Italia e all estero Come siamo al fianco dei bambini colpiti dal cambiamento climatico in tutto il mondo

2 Nuovi rami crescono Il nostro 2017 ha richiesto grande impegno. Quello necessario per gestire le attività con migliaia di bambini e per sviluppare la nostra missione in nuovi Paesi, sviluppando migliori metodologie di aiuto. In 20 anni di lavoro abbiamo consolidato una responsabilità: dare ai bambini più vulnerabili una diversa opportunità di vita. Da questo impegno sono nati nuovi rami dell Albero della Vita. Nei programmi italiani abbiamo dato slancio alle attività di contrasto alla povertà minorile, sviluppando il programma Varcare la Soglia anche a Roma, Genova, Catanzaro e Napoli e realizzando importanti attività di ricerca e di sensibilizzazione di istituzioni e popolazione su un tema che investe 1 milione e 300 mila bambini. Abbiamo anche rilanciato il nostro programma sugli affidi etero-familiari e gli interventi per la tutela di mamme e bambini. Nel campo dell accoglienza dei migranti, le nostre attività a Milano sono diventate un riferimento a livello europeo. Nei programmi internazionali abbiamo attivato nuovi progetti di protezione e a breve apriremo un orizzonte in altri Paesi africani dove, oltre a promuovere il diritto alla scolarizzazione, ci occuperemo di bambini coinvolti nelle emergenze migratorie e colpiti dagli effetti dei cambiamenti climatici: dopo anni di interventi specifici sui problemi legati al clima, infatti, ora abbiamo preparato una strategia di lavoro per operare con programmi di educazione e soccorso dopo calamità naturali. Nell ultimo anno ci siamo fatti più vicini a voi sostenitori in tanti incontri e iniziative. In fondo L Albero della Vita è una visione condivisa, un emozione comune che produce miglioramenti nella vita dei bambini. Ci inorgoglisce sapere che alla base del nostro quotidiano impegno ci siete voi che ci seguite e ci sostenete con il vostro prezioso contributo. Grazie di cuore. Ivano Abbruzzi Presidente Fondazione Sommario 2 ALLA CAMERA DEI DEPUTATI Le nostre iniziative contro la povertà 3 VARCARE LA SOGLIA Apriamo una sede anche a Napoli 4 ZEROSEI L inaugurazione della nuova casa per i bimbi L Albero della Vita onlus 5 AFFIDO La prima volta di madre e figlia 8 INIZIATIVE Un anno di intesa con Auchan 6 MIGRAZIONE Un modello di accoglienza che funziona 9 CAMBIAMENTI CLIMATICI Il nuovo approccio dei nostri progetti 7 TERREMOTO Continua l intervento per le famiglie 10 Nel Giardino del Re Anno 20 n. 1 Giugno 2018 Magazine semestrale - Registrazione Tribunale di Milano n 106 del 21/02/2006 PROGETTI NEL MONDO I nostri interventi in Africa, America e Asia Direttore responsabile: Fulvia Degl Innocenti Progetto editoriale: L Albero della Vita onlus Realizzazione editoriale: Fondazione L Albero della Vita Onlus Sede nazionale: Via Vittor Pisani, 13, Milano - Tel Alessandro Giulio Midlarz Grafica e impaginazione: Riccardo Reccagni Stampa: INNOVAIRRE Srl Iconografia: archivio FADV Copertina: foto A. G. Midlarz

3 LA FONDAZIONE IN CIFRE Haiti Supportiamo la scuola di infanzia e la clinica del Villaggio Italiano e, con il Sostegno a Distanza, aiutiamo tutta la comunità di Waf Jeremie Beneficiari Numero progetti: 3 Costo totale: euro* Europa Interveniamo per combattere il fenomeno delle mutilazioni genitali femminili, promuoviamo l affido e proteggiamo le ragazze migranti dalla violenza e dagli abusi Numero progetti: 2 Beneficiari Italia Contrastiamo la povertà delle famiglie con figli minorenni e operiamo nelle zone colpite dal sisma e per i migranti Beneficiari Costo totale: euro Numero progetti: 22 Costo totale: euro Nepal Assistiamo le popolazioni terremotate con progetti di scolarizzazione, imprenditoria femminile e agricoltura sostenibile Beneficiari Costo totale: euro* Numero progetti: 3 Perù Lavoriamo per lo sviluppo dell agricoltura sostenibile tra le famiglie andine e per il contrasto alla violenza famigliare nella zona amazzonica Beneficiari Numero progetti: Costo totale: euro* Kenya India e Bangladesh Ci impegniamo per portare istruzione, salute e cibo sano con il Sostegno a DIstanza, per lo sviluppo delle comunità, per combattere la tratta e per tutelare i bambini disabili Beneficiari Numero progetti: 10 Costo totale: euro* Ci occupiamo di salute materno-infantile nelle baraccopoli di Nairobi, di minori in conflitto con la legge e di sviluppo nelle zone aride del Nord Beneficiari Numero progetti: 5 Costo totale: ,17 euro TOTALE BENEFICIARI: TOTALE PROGETTI: 50 TOTALE COSTI: Dati dal Bilancio Sociale 2017 *Esclusi i costi di coordinamento e gestione amministrativa Fondazione L Albero della Vita 1

4 PROGETTI IN ITALIA CONTRASTO ALLA POVERTÀ Nuove risorse per i minori Le nostre iniziative per contrastare la povertà delle famiglie con figli minorenni continuano sia a livello istituzionale sia sul fronte della sensibilizzazione. Ecco quelle lanciate negli ultimi mesi vono in condizioni socio economiche vulnerabili e che sono dunque tristemente candidati a diventare poveri. Rimasta sui social network per un mese, #votacontrolapovertà si è inserita all interno della grande campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi #iodonofiducia con cui da due anni promuoviamo un modo diverso di contrastare la povertà, dando fiducia e nuove opportunità alle famiglie. bambini sono il centro del nostro I mondo. Sono da sempre il cuore dei nostri progetti, del nostro impegno e anche del nostro modo di interagire con le istituzioni. Lo sono soprattutto quelli più vulnerabili, come i circa due milioni che vivono in povertà oggi in Italia. Un numero che, purtroppo, è in aumento. L incontro con le istituzioni Per questo motivo lo scorso 15 novembre alla Camera dei Deputati L Albero della Vita ha organizzato una conferenza dal titolo Italia: poveri bambini - Per una definizione di bisogno che riscriva le regole dell aiuto, con l obiettivo di circoscrivere meglio gli strumenti che possono concretamente aiutare i bambini a crescere e le loro famiglie ad attivare le proprie capacità per uscire dall emergenza. All evento, realizzato in collaborazione con Human Foundation, Alleanza contro la povertà, Ordine Assistenti sociali Consiglio nazionale e con la partnership pedagogica di Fondazione Patrizio Paoletti, hanno preso parte molti rappresentanti delle istituzioni nazionali e territoriali. E non sono mancate le video-testimonianze di alcune delle famiglie con figli minorenni che partecipano al nostro programma nazionale di contrasto alla povertà Varcare La Soglia, attivo in alcune città italiane. I nostri candidati speciali Più recentemente abbiamo avviato un altra iniziativa che pone l attenzione sull emergenza povertà tra i minori nel nostro Paese. In vista delle elezioni politiche, infatti, abbiamo lanciato la campagna web #votacontrolapovertà: Francesca, Luca e Stefania, rispettivamente di 5, 7 e 8 anni, sono i tre piccoli candidati dallo sguardo limpido e intenso che L Albero della Vita ha proposto in rappresentanza dei tantissimi bambini italiani che vi- Doniamo fiducia alle mamme Il nostro secondo esperimento sociale ha sottolineato il ruolo cruciale delle madri per far uscire le famiglie dalla povertà Come si comportano gli italiani di fronte alla richiesta di aiuto di una mamma in difficoltà, da tempo senza lavoro e in cerca di un opportunità per dare alla sua bambina un infanzia serena e un futuro migliore? Lo abbiamo verificato realizzando il nostro secondo esperimento sociale per promuovere la campagna di sensibilizzazione #iodonofiducia sul tema della povertà assoluta in Italia. Dopo l esperimento del 2016 che aveva avuto come protagonista il piccolo Stefano, questa volta abbiamo portato microfoni e telecamere per le strade di Roma per sottolineare il ruolo centrale della figura materna sia per la crescita del bambino sia come motore per fare ripartire una famiglia in gravi difficoltà economiche. Secondo gli ultimi dati Istat (luglio 2017) elaborati per Fondazione L Albero della Vita, infatti, le donne in povertà assoluta in Italia sono circa 2 milioni e mezzo (ovvero il 7,9% dell intera popolazione femminile). Fare in modo che ritrovino la fiducia in se stesse, nelle proprie capacità e nel rapporto con gli altri è uno degli obiettivi di 2 Fondazione L Albero della Vita

5 CONTRASTO ALLA POVERTÀ Missione Napoli! Nel 2018 vogliamo portare il programma Varcare la Soglia nel difficile quartiere di Ponticelli, dove famiglie vivono in un clima di forte disagio e rischiano di essere escluse dalla società Patrizia aveva un marito violento, che l ha picchiata per anni e ha persino cercato di ucciderla davanti al loro bambino. Lei ora lo ha denunciato e ha cominciato le pratiche per separarsi. Porta ancora i segni delle violenze ed è costretta a seguire una terapia alla schiena ma ha ben chiaro cosa deve fare per riprendersi la sua vita. Oggi lavora come badante, sta frequentando un corso di formazione per migliorare il suo curriculum e frequenta insieme al figlio i colloqui con i nostri educatori. Quella di Patrizia è solo una delle centinaia di famiglie che negli ultimi quattro anni, da quando abbiamo avviato il nostro programma contro la povertà, abbiamo aiutato a rialzare la testa a Milano, Genova, Roma, Palermo e Catanzaro. Ma ora Varcare la Soglia, il nostro programma di contrasto alla povertà delle famiglie. Ed è anche un passaggio necessario perché possano uscire dalla loro condizione, per poter trovare un lavoro dopo averlo perso, per riallacciare i legami familiari deteriorati dallo sconforto e dall incertezza economica e sociale. Per avviare il progetto Varcare la Soglia a Napoli il tuo contributo è importante SOSTIENICI! Chiama il numero o scrivici una mail a vogliamo lanciarci in un altra sfida importante: portare il nostro modello di intervento in Campania, aprendo una sede di Varcare la Soglia in una città meravigliosa ma ricca di contraddizioni come Napoli. Il contesto napoletano Ci attiveremo nel quartiere di Ponticelli, una zona di Napoli Est abitata da 70mila persone e dove i tassi di criminalità, disoccupazione, evasione scolastica e disagio socio-culturale sono molto alti. Dove vedere la nostra campagna #iodonofiducia: sulla pagina Facebook di Fondazione L Albero della Vita albero.della.vita.onlus/videos / / Sul canale YouTube dell Ente La maggior parte delle famiglie che abbiamo già contattato vivono con meno di 500 euro al mese e non soltanto non sono in grado di fronteggiare alcuna spesa imprevista, ma spesso non possono nemmeno fare la spesa settimanale o pagare le bollette. Apriremo la nostra sede all incrocio di due importanti strade che collegano il centro storico con la periferia, in modo da essere facilmente raggiungibili dalle famiglie ma anche per farci accettare più rapidamente dal territorio. In queste fasi preparatorie abbiamo comunque già preso contatti con le realtà locali, con le scuole e naturalmente con le istituzioni. Le famiglie beneficiarie di Varcare la Soglia a Ponticelli saranno individuate in accordo con i servizi sociali e gli enti che operano da diversi anni nel quartiere. Per il primo anno contiamo di lavorare con circa 40 famiglie, 70 adulti e 120 bambini. Abbiamo le idee chiare sulla rotta da seguire per aiutarle a dare una svolta alle loro vite. Ora non ci resta che sbarcare nel Golfo. Grazie di cuore al Rotary Club Napoli Est per il suo importante sostegno alla ristrutturazione della nuova sede del progetto Varcare La Soglia a Napoli, nel quartiere Ponticelli. Fondazione L Albero della Vita 3

6 PROGETTI IN ITALIA TUTELA Bellissima e... pronta! Dopo diversi mesi di ricerca e altrettanti per i lavori di ristrutturazione, la nuova ZeroSei ha potuto finalmente accogliere i suoi dieci bambini l nostro grande sogno si è realizzato: dalla scorsa estate i bambini I di ZeroSei, la nostra comunità che accoglie bimbi di 0-6 anni abbandonati o allontanati per gravi motivi dal nucleo familiare, hanno una casa tutta nuova. Luca, Daniel, Marika e tutti gli altri piccoli sgranavano i loro occhioni curiosi quando li abbiamo portati per la prima volta nella nuova sede, una bellissima struttura che siamo riusciti prima ad acquistare e poi a ristrut- Buon compleanno Bussola! Sembra ieri ma sono già passati 20 anni! Per la Bussola proviamo un sentimento speciale perché è stato il nostro primo progetto, quello con cui nel 1998 L Albero della Vita è stato fondato ufficialmente. La comunità era nata per rispondere alle richieste dei Servizi Sociali e del Tribunale dei Minori di prendersi cura di bimbi piccoli allontanati dalla famiglia di origine. Così Grazie infinite per la CAMPAGNA #mettinmotozerosei ai volontari/fundraiser Nicoletta Curcio, Enrica Gironi, Emanuele Patti, Pierfelice Tragella e Marco Pavesi e a tutti coloro che hanno fatto una donazione per l acquisto dei mezzi, in particolare Scpa srl, IGP Decaux, ASD Yoga Anahata, Bnp Paribas turare grazie alla generosità di tanti donatori e aziende. I piccoli hanno impiegato un nulla ad ambientarsi nella gigantesca e luminosa sala giochi e nelle loro coloratissime camerette, così come ad accogliere il decimo bambino che è entrato nella comunità proprio nei giorni del trasferimento. La festa di inaugurazione organizzata dopo le vacanze estive è stata l occasione perfetta per ringraziare tutti coloro che ci hanno aiutato a raccogliere i fondi 20 ANNI abbiamo creato un luogo protetto, sereno ed educativo, che accoglie bambini tra i 3 e i 12 anni provenienti da situazioni di grave disagio, incuria, abbandono o violenza. Da quando abbiamo aperto ne abbiamo accolti ben 85! Con i 10 che vivono oggi nella casa celebreremo con grandi festeggiamenti e una bella torta il raggiungimento di questo importante traguardo. per la CAMPAGNA #BrumBrumBussola ai volontari/fundraiser Giacomo Ceriani Sebregondi, L équipe di Bussola, i piccoli Dario e Benedetta; a tutti i donatori, in particolare a Banco BPM, Futuro, Vroc Italy e ai dipendenti di Salesforce La Rondine si rinnova Dall avvio del progetto, nel 2006, La Rondine ha accolto decine di madri in grande difficoltà insieme ai loro bambini. I nostri educatori le hanno guidate nel ricostruirsi una identità e una vita sociale e lavorativa, mettendo a loro disposizione degli alloggi in cui sono diventate autonome. Ora è giunto il momento di dare una rinfrescata agli spazi: inizieremo ristrutturando due degli appartamenti in cui sono ospitate ma ci attiveremo anche per trovare nuove case da trasformare in alloggi per l autonomia. In questi anni, infatti, abbiamo ricevuto molte richieste di inserimento ma non avevamo posti liberi. Almeno fino a ora. necessari e per condividere la bellezza di questo sogno diventato realtà. Ma l inaugurazione non è stata l unica bella notizia degli ultimi mesi. Nuovi mezzi per i bambini Già da tempo dovevamo sostituire il vecchio pulmino con cui trasportiamo i bimbi di ZeroSei alla materna, dal pediatra, in piscina, a fare ippoterapia e al mare. Ci serviva un mezzo più idoneo e sicuro per loro e voi ce l avete regalato! Anzi, ce ne avete regalati due visto che, grazie alla campagna di crowdfunding #mettinmotozerosei lanciata nei mesi scorsi sul sito retedeldono.it da alcuni dei nostri preziosi volontari, sono stati raccolti abbastanza soldi per poter acquistare anche un utilitaria che ci permette di organizzare meglio gli spostamenti di pochi bambini alla volta. E, come se non bastasse, stiamo per raggiungere l obiettivo anche nell altra campagna attiva, #Brum- BrumBussola, con cui compreremo un pulmino da 9 posti per trasportare i nostri bambini della Bussola. Tutti insieme come in una normale famiglia! 4 Fondazione L Albero della Vita

7 AFFIDO Condividere una possibilità Abbiamo realizzato il primo affido di madre e figlia Non finiremo mai di emozionarci. Finora non ci era mai capitato di realizzare un affido di mamma e bambino in un colpo solo, invece è successo pochi mesi fa, dopo più di 120 affidi e oltre dieci anni di esperienza maturata in questo settore! Al centro di questa storia a lieto fine c è Luz, una ragazza di 21 anni arrivata in Italia dall Ecuador quando ne aveva 15. All epoca sperava di stare con la madre ma le cose con lei sono andate male e Luz si è ritrovata sola. Dopo un paio d anni è rimasta incinta di un ragazzo che, alla notizia In 11 anni 126 affidi famiglie sensibilizzate della gravidanza, l ha abbandonata. Ha deciso di tenere il bambino ed è entrata in una comunità mamma-bambino dove ha affrontato con impegno e coraggio la sfida che la attendeva. Un modello positivo Dopo la nascita di Emily, che oggi è una bambina sveglia e curiosa, Luz ha imparato a prendersi cura di sé e ha creato un buon legame con la figlia. La ragazza non era ancora in grado di occuparsi di Emily ma non era una mamma inadeguata e, d altronde, la Portiamo l affido in Kenya Vivere in una famiglia come alternativa agli istituti minorili I bambini e i ragazzi che seguiamo da anni nei centri di riabilitazione per minori in conflitto con la legge di Nairobi avranno presto la possibilità di essere accolti in una famiglia. L avvio di un programma sperimentale di affido familiare è, infatti, una delle misure alternative previste dal nuovo grande progetto di protezione minorile finanziato dall Agenzia Italiana di Cooperazione allo Sviluppo che sta per essere avviato e di cui L Albero della Vita è capofila. Continuiamo così il nostro intervento nel Paese africano in favore dei minori che vivono negli istituti privati o che sono tenuti in custodia nei centri di riabilitazione, spesso con la sola colpa di vivere in strada perché non hanno una famiglia che si occupi di loro. Una famiglia oltre la frontiera È partito il progetto internazionale FORUM, per promuovere l affido dei piccoli migranti soli Cosa succede se il mondo dell affido incontra quello della migrazione? La risposta è FORUM, acronimo di For Unaccompanied Migrant Children, un importante progetto coordinato dalla nostra Fondazione e finanziato dalla Commissione Europea. Siamo partiti dall idea che è più sano far crescere un ragazzo migrante in una famiglia piuttosto che in una struttura di prima accoglienza, sia per lui sia per i costi dello Stato. Così stiamo gettando le basi per sviluppare l affido dei minori stranieri non accompagnati in 6 Paesi europei molto esposti al fenomeno migratorio, inclusa l Italia (nel 2016 arrivarono minori soli). Insieme al partner Eurochild svilupperemo quindi gli incontri con le istituzioni e con i ragazzi e rafforzeremo le competenze degli operatori del settore. piccola era già da troppo tempo in comunità. Che fare? Alla giovane mamma serviva un modello familiare positivo da prendere come riferimento. E così, dopo che ci è arrivata la richiesta dei servizi sociali, abbiamo cominciato a cercare una famiglia affidataria che potesse accoglierle entrambe. L abbiamo trovata in Emanuela e Marco, una bella coppia con già tre figli naturali, che hanno aperto loro le braccia e la porta di casa. Io sono fortunata e loro coraggiosi, ha detto Luz agli operatori nel periodo di avvicinamento. Loro, i coraggiosi, oggi sono felici della scelta fatta, anche perché Luz vuole cominciare a studiare per trovare un lavoro che le dia l indipendenza. Mentre i suoi occhi sono pieni di gratitudine per chi ha dato a lei e a sua figlia la possibilità di crescere all interno di quella famiglia che non ha mai avuto. ACCOGLI UN BAMBINO NELLA TUA VITA, DIVENTA GENITORE AFFIDATARIO Per informazioni sul progetto Affido chiama il numero o scrivi ad Fondazione L Albero della Vita 5

8 PROGETTI IN ITALIA MIGRAZIONE Verso una nuova vita Far rinascere chi ha perso tutto... Il nostro modello di accoglienza per migranti funziona e raccoglie il riconoscimento delle istituzioni 10 anni Affoussiata ha subito una A mutilazione genitale. A 16 è stata costretta a sposare un uomo molto più grande, che non si è mai occupato dei 4 figli. Poi, alla morte del marito, la vita di questa ragazza cresciuta in un villaggio della Costa d Avorio è addirittura peggiorata. I parenti dell uomo, infatti, pretendevano che si risposasse con il cognato e lei ha dovuto rifugiarsi da un amica con i figli. Ma non era al sicuro, le davano la caccia e volevano fare infibulare la figlia minore, Dudù. Le rimaneva quindi la decisione più dolorosa: una notte ha abbandonato il Paese con la piccola, lasciando i figli grandi con l amica e iniziando un viaggio lungo e pericoloso. In Libia mamma e figlia hanno passato tre mesi per strada nascondendosi dai banditi, dormendo in spiaggia. Quando sono salite su una barca diretta in Italia erano impaurite, terrorizzate quando hanno avuto un avaria. Sono state salvate da una nave della Croce Rossa Italiana. 290 bambini accolti a Faro in Città negli ultimi 18 mesi 195 famiglie L accoglienza al Faro Ho sempre pensato che l Italia mi avrebbe portato qualcosa di buono, ci ha detto quando è arrivata al Faro in Città, la grande struttura per l accoglienza dei migranti che abbiamo aperto nel 2016 a Milano. Qui di storie di ordinaria follia come la sua ne sentiamo molte. Ma sempre qui le famiglie hanno la possibilità di ricostruirsi una vita. Oggi, mentre Dudù frequenta l asilo e gioca con gli altri bambini, Affoussiata studia l italiano e cerca lavoro. I suoi pensieri vanno ai figli che ha lasciato a casa ma, con l aiuto degli educatori, conta di rivederli presto. Faro in Città rappresenta un modello di Foto di Alessandro Midlarz x2 La marcia per l integrazione C eravamo anche noi la scorsa primavera alla marcia 20 maggio senza muri, la grande mobilitazione nazionale per l integrazione e contro tutti i razzismi che si è svolta a Milano. Insieme ai nostri educatori, hanno partecipato molti beneficiari di Faro in Città e Varcare la Soglia, i nostri progetti in cui siamo in prima linea nella lotta alla povertà e per la creazione di un nuovo modello di accoglienza. Naturalmente non mancheremo nemmeno all edizione di quest anno! accoglienza che funziona e lo testimoniano degli importanti riconoscimenti: dopo un monitoraggio, il Comune di Milano ci ha indicato tra le eccellenze dei centri per l accoglienza straordinaria. Mentre Eurochild e SOS Children s Villages ci hanno selezionato tra le buone pratiche per l accoglienza dei minori in Europa all interno del Compendium per la protezione e l integrazione dei bambini rifugiati e migranti in Europa. Un nuovo spazio per le mamme Nulla si crea, tutto si trasforma! Negli ultimi mesi abbiamo ristrutturato la vecchia casa dove era ospitata la nostra comunità di bimbi ZeroSei e l abbiamo fatta diventare un rifugio dove i nostri educatori accoglieranno le mamme migranti sole con i loro bambini. Un luogo protetto dove possono crescere e ritrovare il calore di una casa vera e un grande sostegno all autonomia. In difesa delle ragazze migranti Safe Women in Migration A gennaio è partito SWIM, Safe Women In Migration, un importante progetto internazionale coordinato da L Albero della Vita e studiato per proteggere le ragazze e le donne richiedenti asilo dalla violenza che rischiano di subire durante il loro percorso migratorio e la permanenza nei centri di accoglienza. Il progetto, cofinanziato dalla Comunità Europea e sviluppato insieme ai partner di 5 Paesi, ha un triplice obiettivo: sensibilizzare le istituzioni, formare gli operatori del settore per individuare ed evitare le situazioni di pericolo e informare le donne sui loro diritti e le possibilità di essere supportate. Sono obiettivi importanti perché il fenomeno della violenza sulle migranti è molto diffuso ma sottostimato e ha gravi ripercussioni psicofisiche sulle donne. 6 Fondazione L Albero della Vita

9 EMERGENZA Uscire dal guscio Una ludoteca, i laboratori per i piccoli, uno psicologo per le famiglie... Così stiamo aiutando bambini e genitori a ritrovare la gioia della normalità e superare il trauma del terremoto nelle Marche Ogni giorno, dalla notte della scossa, Andrea costruisce case immaginarie. Le monta e le smonta con il suo lego magnetico e vuole che siano sempre più belle e più grandi perché devono poter ospitare tutti: la mamma e il papà, i nonni, i cugini e naturalmente gli amici. Ha creato un posticino anche per il gatto, che ancora non c è ma che dice - prima o poi arriverà in famiglia. Andrea ha 8 anni e vive in uno dei tanti paesini del Centro Italia che nel 2016 sono stati colpiti da violentissime scosse di terremoto. La sua casa vera è una delle poche a non essere crollate ma è stata dichiarata inagibile per sempre. Presto una ruspa la abbatterà. Dentro, i suoi giocattoli sono tutti caduti dalle La cena solidale mensole della cameretta e sono rimasti sparpagliati per terra, tracce di vita vissuta e di quotidianità rimasta sospesa. Oggi il piccolo abita con i suoi genitori in una delle casette in legno costruite dalle istituzioni per fronteggiare l emergenza. Emozioni da liberare La loro è una delle numerose famiglie che L Albero della Vita conosce bene perché le segue fin dai giorni successivi al primo grave sisma. All inizio nelle tendopoli, poi negli alberghi sulla costa dove erano state trasferite e anche adesso che sono tornate nei loro paesi feriti. La nostra vita è cambiata Hanno partecipato oltre 130 persone alla cena solidale Ritorno a casa, che si è svolta lo scorso autunno a Brescia e che aveva lo scopo di raccogliere fondi a supporto del nostro intervento ad Arquata del Tronto (AP). Ringraziamo tutti i partecipanti, Leonardo Cavalli, Loredana Gorni, Oliviero Saleri, Marina Toselli, Vincenzo Regis e, soprattutto, la Fondazione Lonati. radicalmente racconta la mamma di Andrea ma si è anche riempita di persone meravigliose. Sono grata all équipe de L Albero della Vita che sta seguendo mio figlio: lo stanno aiutando a uscire dal guscio in cui si era rinchiuso, a dare un nome alle emozioni, a capire che ciò che viene distrutto si può ricostruire anche più bello e più grande di prima. Lavori in corso Qualche mese fa la nostra Cooperativa ha partecipato e vinto un bando di Fondazione Mediolanum, grazie al quale abbiamo potuto aprire, ad Acquasanta Terme, una ludoteca che oggi è frequentata da oltre 40 ragazzi che fanno i compiti e partecipano alle attività dei nostri educatori. All interno dello stesso progetto, una psicologa ora segue i loro genitori perché è fondamentale che tutto il nucleo famigliare riesca a superare il trauma. Siamo poi tornati ad Arquata del Tronto e anche qui i nostri psicologi e gli educatori visitano due volte alla settimana le famiglie che vivono nei nuovi quartieri e organizzano laboratori artistici con cui i bambini si divertono e imparano a esprimere tutte le loro emozioni, anche le più delicate. E così, mentre Andrea costruisce case, L Albero della Vita continua a impegnarsi per ricostruire le storie delle persone. Foto di Valentina Tamborra x2 Grazie di cuore a Giochi Preziosi SpA, DHL Express, Prénatal Retail Group SpA e ai loro dipendenti per l importante sostegno che hanno dato ai nostri progetti nelle zone terremotate Fondazione L Albero della Vita 7

10 PROGETTI IN ITALIA INIZIATIVE Un anno dopo 12 mesi fa è cominciata l importante collaborazione con Auchan Retail Italia a sostegno dei nostri progetti contro la povertà delle famiglie con bambini. Carlo Delmenico racconta com è andata a nostra collaborazione con la «LFondazione è iniziata con un evento di raccolta fondi per Varcare la Soglia, il programma di contrasto alla povertà, con cui abbiamo supportato le mamme in difficoltà. In particolare abbiamo sostenuto la cooperativa sociale de L Albero della Vita grazie a un iniziativa che ha coinvolto un importante azienda che produce detergenti. Il passo successivo è stato contribuire al successo di #iodonofiducia, la campagna di comunicazione di cui abbiamo condiviso sia la centralità del ruolo della donna sia il tema del contrasto alla povertà familiare. La nostra azienda ha condiviso il valore cruciale che la onlus ha attribuito alla fiducia come fattore di cambiamento perché proprio la fiducia è il cardine della relazione con i nostri clienti. Abbiamo poi coinvolto Fondazione Auchan per la Gioventù per dare un impulso concreto al programma di supporto scolastico ed educativo offerto da Varcare la Soglia ai bambini dello Zen, quartiere difficile di Palermo. Inoltre, il 25 novembre, per la giornata contro la violenza sulle donne, in otto Gallerie Auchan abbiamo ospitato l evento di sensibilizzazione #crediamocitutte con l obiettivo di far riflettere i giovani sull importanza di valorizzare le risorse di ogni individuo, in particolare delle donne, e di rispettare le diversità stigmatizzando ogni violenza. Coinvolgere i nostri collaboratori è stato un altro tassello importante della partnership. In particolare l abbiamo fatto in due importanti iniziative: lo scorso novembre un operatrice de L Albero della Vita e una della Casa delle Donne Maltrattate di Milano hanno offerto informazioni e orientamento alle colleghe e ai colleghi della nostra sede centrale di Assago. I colleghi dell Auchan Conca d Oro di Palermo, invece, qualche settimana fa hanno ospitato i bambini dello Zen per una visita al punto vendita e a un laboratorio di pasticceria, per poi avviare un attività di supporto continuativo tramite dei laboratori scolastici». Carlo Delmenico Direttore Responsabilità Sociale d Impresa di Auchan Retail Italia Valutiamo il nostro lavoro Dopo aver vinto il social bond di Ubi Banca, abbiamo iniziato a misurare l impatto del nostro programma contro la povertà Quali risultati reali abbiamo ottenuto? Quanto è cambiata davvero la vita delle famiglie povere con figli minorenni a tre anni dall avvio del programma Varcare la Soglia? I genitori hanno trovato lavoro? Si sono inseriti nella società? A queste domande risponderà la prima valutazione sull impatto sociale che abbiamo promosso in collaborazione con Human Foundation, una fondazione esperta del settore. L analisi dei costi e dei benefici che la nostra strategia operativa ha generato terminerà nei prossimi mesi. In parallelo, in accordo con Ubi Banca che lo scorso anno ci ha assegnato il suo prezioso social bond, sempre grazie a Human Foundation è in corso il calcolo dello Sroi, un indice numerico che misurerà l efficacia del programma. Costruire un futuro Ringraziamo Bank of America Merril Lynch che, con il suo supporto finanziario unito all impegno dei suoi impiegati, sostiene un progetto rivolto a contrastare la dispersione scolastica e al contempo indirizzare al mondo del lavoro i ragazzi di Vivi ciò che Sei e gli utenti di Faro in Città. L affido è una scelta d amore L incontro a Palermo con la Fondazione Auchan per la Gioventù Anche quest anno, in occasione del lancio di Love Heart una collezione di abiti creata per San Valentino, il noto marchio di moda Twinset ha dimostrato la sua generosità sostenendo il progetto Affido de L Albero della Vita. 8 Fondazione L Albero della Vita

11 PROGETTI NEL MONDO PROTEZIONE - SVILUPPO Il cambiamento inizia da noi Nel 2050 ci saranno 150 milioni di migranti climatici. È un fenomeno globale con conseguenze potenzialmente devastanti. Dobbiamo intervenire subito per aumentare la resilienza dei bambini Ondate di calore più intense, siccità e carestie, tempeste e alluvioni più frequenti e violente, aumento del livello del mare che sommergerà aree di costa densamente popolate e ne influenzerà l agricoltura e il sostentamento... La maggioranza degli scienziati concorda sulla gravità crescente degli effetti dei cambiamenti climatici e sottolinea come nei Paesi in via di sviluppo, meno preparati a sviluppare strategie per fronteggiare le emergenze, le popolazioni siano più a rischio. E più di tutti saranno i bambini a soffrire le conseguenze peggiori. Globalmente, infatti, rispetto a 40 anni fa i disastri naturali si verificano cinque volte più di frequente e se una famiglia può trovare la forza per assorbire lo shock e reagire a un evento climatico estremo, come la perdita della casa, ciò diventa molto più difficile in caso di eventi ripetuti nel tempo. I cambiamenti climatici non minacciano solo la sopravvivenza dei bambini ma anche il loro sviluppo, l alimentazione, l educazione e l accesso alle cure sanitarie. È un tema cui la nostra Fondazione dedica da sempre grande attenzione ma ora vogliamo fare di più, ponendolo al centro dei nostri interventi presenti e futuri: in ogni nostro progetto lavoreremo per fare aumentare la resilienza dei bambini e delle loro famiglie, ovvero la loro capacità di resistere e di reagire alle situazioni di emergenza. Punteremo sulla formazione, li coinvolgeremo per renderli più coscienti del problema e daremo loro gli strumenti per migliorare l ambiente, per risparmiare e riciclare. Perché il cambiamento inizia da noi. E anche da loro. Fondazione L Albero della Vita 9

12 PROGETTI NEL MONDO PROTEZIONE - SICUREZZA ALIMENTARE Si rinnova il centro per bambini disabili Vi ricordate il viaggio del Goodfellas Team, quel gruppo di ragazzi dal cuore d oro che due estati fa era partito dall Italia per visitare i nostri progetti in India? Il loro intento era trovare fondi in favore del Day Care Center, il centro per bambini disabili di Baruipur Ebbene, oggi le loro generose intenzioni sono diventate realtà! INDIA Effetti immediati Con tutte le donazioni che sono riusciti a raccogliere, infatti, abbiamo effettuato alcuni importanti lavori di ristrutturazione all interno del centro e abbiamo potuto acquistare molti attrezzi e apparecchi tecnici: ultrasuoni, stimolatori muscolari, lampade a infrarossi, carrozzine e persino un vogatore con sedile scorrevole e una macchina per misurare l ossigenazione del sangue. Abbiamo poi costruito un capannone che permetterà alle mamme e ai bambini di rimanere riparati dal freddo e dalle piogge durante l attesa per le terapie. Ed è stata addirittura messa a nuovo la piscina per l idroterapia: a causa delle crepe non era più funzionale mentre oggi è tornata a risplendere ed è anche stata dotata di acqua calda. Grazie di cuore Goodfellas! Agrumi che portano il futuro NEPAL L agricoltura sostenibile dà reddito e dignità alle famiglie Prosegue il nostro sostegno alle famiglie del distretto di Lalitpur, dove siamo presenti già dall emergenza post terremoto, nel Alcuni mesi fa, infatti, abbiamo lanciato un progetto che permetterà a circa 600 poverissimi contadini di produrre lime e mandarini, agrumi la cui coltivazione ben si adatta alle condizioni climatiche locali. Abbiamo già provveduto a distribuire le prime piantine, ad allestire dei sistemi di irrigazione per gli agricoltori e a cominciare le lezioni di agricoltura biologica, per insegnare a coltivare le piante senza pesticidi chimici. L obiettivo è creare nei prossimi anni una catena di produzione e commercializzazione degli agrumi per dare reddito e autosufficienza agli abitanti. Intanto i nostri interventi all insegna dello sviluppo sostenibile proseguono anche al confine tra India e Bangladesh, un territorio paludoso e flagellato da sempre più frequenti inondazioni, dove stiamo insegnando alle comunità a prendersi cura dell ambiente e a prevenire gli effetti dei cambiamenti climatici. Stop al traffico di minori INDIA Una marcia per sensibilizzare le comunità che vivono nelle zone tra India e Bangladesh Lungo il confine tra il Bangladesh e lo Stato indiano del Bengala Occidentale corre una delle più note e famigerate rotte utilizzate dai trafficanti di esseri umani, soprattutto di bambini. Proprio qui, insieme all organizzazione internazionale Oasis, abbiamo partecipato a una marcia per rendere più consapevoli le comunità sui rischi che corrono i loro figli di essere caricati su un treno e portati via per sempre. Tappa dopo tappa fino ad arrivare a Calcutta, per 10 Fondazione L Albero della Vita

13 SVILUPPO - SOSTEGNO A DISTANZA Ridiamo loro i diritti negati Parte un nuovo importante progetto nei centri di accoglienza per migliorare la vita di 700 bambini di Haiti Si intitola Accogliere per reinserire ed è in partenza proprio in queste settimane il nuovo importante progetto che per i prossimi due anni ci vedrà impegnati in 8 centri di accoglienza per minori di Haiti con l obiettivo di restituire a 700 ragazzi i diritti di base e di garantire loro gli strumenti per costruirsi una vita migliore. L Albero della Vita è partner di questo progetto finanziato in larga parte dall Aics, l Agenzia Italiana per la Cooperazione allo HAITI Sviluppo, ed è chiamata a portare la propria esperienza nella formazione degli operatori che interagiscono con i giovani. Insieme ai partner costruiremo un progetto di vita per ognuno di loro, li prepareremo all uscita dai centri insegnandogli una professione attraverso i laboratori, ponendo particolare attenzione sui diritti e sulle potenzialità dei ragazzi disabili che ad Haiti, fino a oggi, non hanno alcuna possibilità di essere integrati nella società. Le nuove KENYA fattorie modello Grazie alle fattorie bambini dispongono di acqua pulita e cibo fresco Acqua e cibo sano per le scuole colpite dai cambiamenti climatici Fino all anno scorso, nelle scuole dell arida savana dei Samburu i bambini potevano bere solo un bicchiere d acqua al giorno e la situazione continuava a peggiorare a causa dei cambiamenti climatici. Ma oggi le pompe che abbiamo installato sono in funzione e i bimbi corrono a riempire le loro tazze alla fine di ogni lezione. Basterebbe questo fatto per raccontare la felice conclusione del progetto Mai più senza cibo, realizzato con il supporto finanziario della Regione Lombardia e in collaborazione con i partner NutriAid e Caritas Maralal. Nell ultimo anno abbiamo creato 6 fattorie modello in altrettante scuole comprando sementi, tubi, pannelli solari e materiali vari con cui i bambini hanno imparato a piantare e coltivare e le scuole a produrre cibo ad alto potere nutritivo. alcuni giorni hanno marciato con noi, e poi partecipato agli incontri con le popolazioni locali, oltre 100 corridori internazionali, tanti volontari delle organizzazioni che combattono questo fenomeno e molti dei bambini che beneficiano dei nostri progetti. REGALA IL SORRISO A UN BAMBINO Sostienilo a distanza Bastano 85 centesimi al giorno per cambiargli la vita Per info: numero verde

14 PROGETTI NEL MONDO PROTEZIONE - SICUREZZA ALIMENTARE Insieme per una città migliore PERÙ Con adulti e bambini combattiamo il degrado e la violenza famigliare Marco Antonio ha solo 10 anni ma apprende in fretta: ha già capito quanto la sua allegria, il suo impegno e il suo atteggiamento positivo possono migliorare la sua vita e quella delle persone che stanno intorno a lui. Vive nella zona di Cardoso, nel distretto di Belén, una delle zone più inquinate dell Amazzonia peruviana e, insieme a molti altri suoi coetanei, sta partecipando alle attività previste dal nostro progetto Tutti insieme contro la violenza familiare che combatte il fenomeno degli abusi domestici migliorando il piano urbanistico della città e la vivibilità negli spazi pubblici. È risaputo ormai scientificamente che il degrado è un fattore importante che innesca la violenza all interno delle famiglie e dunque stiamo intervenendo in diverse zone di Belén ripulendo, ripristinando e rendendo più sicuri molti luoghi fatiscenti. Dopo aver partecipato alla riqualificazione del porto di Santa Rosa, Marco Antonio si è dato molto da fare per ricostruire un parco giochi per bambini che si trova nel suo quartiere. Sogna di vivere in una città pulita e sicura, dove tutti i bambini possano giocare in libertà e senza paura. Bastano azioni semplici per cambiare - dice a tutti i suoi compagni - come non sporcare le strade e il parco, essere gentili con i vicini e dare alla mamma un bacio ogni giorno. La prima pietra PERÙ Sono cominciati i lavori per costruire la fabbrica in cui i nostri contadini produrranno la preziosa farina di tarwi Le autorità che contano c erano tutte, dal presidente della Provincia ad alcuni deputati nazionali, fino ai rappresentanti delle associazioni dei produttori di tarwi. Alla loro presenza lo scorso gennaio a Caraz abbiamo celebrato la posa della prima pietra della prima fabbrica al mondo per la trasformazione in farina, latte e altri derivati del tarwi, il lupino dalle incredibili proprietà nutrizionali che da anni insegniamo a coltivare in modo agroecologico alle famiglie della provincia peruviana di Huaylas. Il finanziamento al progetto giunto dal Ministero degli Esteri italiano ha dato l impulso decisivo per inaugurare il cantiere. Una volta a regime, la fabbrica darà la possibilità di trasformare in farina il raccolto di oltre 500 famiglie che vivono in sei distretti provinciali e che si sono organizzati in 22 associazioni. Il passo successivo sarà ottenere la certificazione organica e poi vendere la farina sia sul mercato nazionale sia su quello internazionale, dove il tarwi è sempre più apprezzato dagli chef. Una filiera produttiva che migliorerà ulteriormente il tenore di vita delle famiglie contadine delle Ande. Numeri che parlano KENYA Tiriamo le somme a 4 anni dall inizio del progetto che aiuta le mamme e i bambini delle baraccopoli di Nairobi Per quattro anni gli operatori del nostro partner Provide International hanno battuto baracca per baracca Korogocho e Kayole, due dei più grandi e poveri slum della capitale keniana, alla ricerca degli invisibili ovvero donne incinte e bambini malnutriti da assistere e inserire nei programmi sanitari delle cliniche. La maggior parte di loro, infatti, non ha mai fatto una visita medica né sa cosa sia un ginecologo. Oggi sono gli ultimi numeri aggiornati del progetto Mother&Child a rendere merito al loro prezioso lavoro donne visitate donne prese in carico dalle cliniche donne incinte identificate mamme e bambini vaccinati bambini curati dai parassiti 140 neonati inseriti nei programmi pediatrici bambini inseriti nei programmi nutrizionali preservativi distribuiti 4 campi medici organizzati Foto di Municipalidad Provincial de Huaylas 12 Fondazione L Albero della Vita

15 Continua a sostenerci! TESTAMENTO SOLIDALE Scegli di esserci nel sorriso di un bambino SICUREZZA ALIMENTARE Migliaia di bambini possono avere un futuro migliore grazie al tuo lascito testamentario a Fondazione L Albero della Vita. Con questo gesto che va oltre il tempo, semplice e non vincolante, puoi regalare educazione, cibo e cure mediche a tanti piccoli. Da 20 anni, infatti, la nostra Fondazione è accanto ai bambini più disagiati in Italia e nel mondo e il tuo lascito ci permetterà di realizzare nuovi progetti d amore. Lo sguardo felice di un bimbo è la tua eredità migliore. Per informazioni telefonaci al numero o scrivi a BAZAR Fai un regalo originale e solidale Una bomboniera colorata per condividere la gioia di un giorno indimenticabile, uno dei nostri originali portachiavi in metallo, una pergamena per ringraziare qualcuno o dello squisito cioccolato equo-solidale per portare dolcezza nella vita di una persona cara Tramite il Bazar Solidale della Cooperativa de L Albero della Vita hai davvero tante occasioni per fare un regalo speciale e generoso. Vai sul sito e scegli il tipo di dono che preferisci per sorprendere i tuoi cari e per compiere un gesto d amore e di solidarietà nei confronti dei tanti bambini abbandonati, maltrattati, abusati che, ogni giorno, aiutiamo perché possano sperare in un futuro migliore! BOMBONIERE REGALI SPECIALI REGALI SOLIDALI BIGLIETTI AUGURALI LETTERE AZIENDALI E-CARD SOLIDALI CENA DI SOLIDARIETÀ Partecipa anche tu nel 2018 alla quarta edizione Anche quest anno si svolgerà A night for children la cena di raccolta fondi nata nel 2015 per sostenere i progetti della nostra Fondazione in favore dei bambini fragili. Sono stati davvero tanti i sostenitori e i testimonial d eccezione che hanno partecipato alle scorse edizioni, nelle quali abbiamo avuto il piacere di conoscervi di persona e di godere del vostro insostituibile supporto. Per sapere come partecipare alla quarta edizione della nostra cena di gala, contattaci al numero o scrivici a COME PUOI AIUTARCI Ogni contributo è importante per aiutare i bambini in difficoltà in Italia e nel mondo CON BOLLETTINO POSTALE C/C numero intestato a Fondazione L Albero della Vita Onlus CON BONIFICO BANCARIO IBAN: IT31H intestato a Fondazione L Albero della Vita Onlus CON UNA DONAZIONE REGOLARE Diventa una stella dei bambini. Per info chiama il CON PAYPAL Online sul sito Un metodo veloce, facile e sicuro: basta avere un conto Paypal o una carta di credito, anche prepagata. CON LASCITO TESTAMENTARIO Per realizzare nuovi progetti d amore per i bambini. Per info telefona al numero o scrivi a: CON CARTA DI CREDITO Donazioni online sul sito

16