Conferenza Europea del Volontariato Venezia 31 marzo 1 aprile 2011

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conferenza Europea del Volontariato Venezia 31 marzo 1 aprile 2011"

Transcript

1 Conferenza Europea del Volontariato Venezia 31 marzo 1 aprile 2011 Profili dei partecipanti europei INDICE Vicente Ballesteros Alarcon, Plataforma andaluza del voluntariado (ES) Elza Maria Pires Chambel, National Council for the Promotion of Volunteering (CNPV) (PT) Eva Hambach, Flemish Volunteer Centre (BE) Frank Heuberger, BBE Bundesnetzwerk Bürgerschaftliches Engagment (DE) Soňa Hrončoková, C.A.R.D.O (SK) Vahida Huzejrović, Slovene Philanthropy (SL) Anica Mikuš Kos, Slovene Philanthropy (SL) Mirela Rajkovic, South East European Youth Network (SEEYN) (BiH) Heidi Sandberg, Forum for Voluntary Social Work (SE) Susana Szabo, France Bénévolat (FR) Gisela Lucke, BBE Bundesnetzwerk Bürgerschaftliches Engagment (DE) Olga Sozanská, Hestia National Volunteer Centre (CZ) Karl Monsen-Elvik, Volunteer Development Scotland (UK) Nwadi Okereke, Volunteering England (UK) Mike Nussbaum, Volunteering England (UK) Dati personali Vicente Ballesteros Alarcon Plataforma andaluza del voluntariado (ES) (per i cartella partecipanti e per giornalisti) VICENTE BALLESTEROS ALARCON Spagna Istruzione: -Laurea in Teologia, Filosofia e Servizio Sociale. - Dottorato di Ricerca, Università di Granada, in Antropologia e Servizio Sociale sul Volontariato con gli Anziani. Professione: -Professore presso l Università di Granada. Facolta delle Scienze dell educazione. Esperienza sociale -Vice-presidente della Piattaforma del Volontariato andalusa Spagna. Rappresentante della piattaforma del Volontariato Andalusa presso il Centro Europeo del Volontariato CEV.

2 Dati dell - 26 anni come Volontario presso Confraternita Cristiana di Granada per I malati e le persone con disabilità La mia posizione nell Presentazione della mia Sito dell PLATAFORMA ANDALUZA DEL VOLUNTARIADO VICE-PRESIDENTE La Piattafroma Andalusa del Volontariato, PAV, è un ente no profit, aconfessionale e apolitico, composto dall insieme delle piattaforme del volontariato dell Andalusia, che a sua volta sono composte circa da 70 a 10 enti ciascuna. Così la Piattaforma Andalusa rappresenta circa 700 organizazzioni dell Andalusia. E un ente con personalità giuridica il cui obiettivo principale è quello di consolidare un sistema di coordinamento e promozione del volontariato tra le varie associazioni e istituzioni, amministrazioni pubbliche e istituzioni private e cittadini in generale nel territorio dell Andalusia.. La PAV al momento consiste di otto piattaforme e Reti provinciali del Volontariato, che operano in tutte le province andaluse. Le piattaforme provinciali a loro volta gestiscono i centri di servizio al volontariato provinciali.. Gruppo di lavoro Il mio gruppo di lavoro X Sussidiarietà : quale partenariato per le politiche del welfare Il Ruolo del Volontariato nella strategia Europea 2020 Politiche di riconoscimento e di sostegno del volontariato Cittadinanza attiva e radicamento nel territorio Giovani e partecipazione: valori, priorità, obiettivi e strumenti Torna su Elza Maria Pires Chambel National Council for the Promotion of Volunteering (CNPV) (PT) Dati Personali Elza Maria Pires Chambel Portogallo (per cartella partecipanti e Laurea in legge dall Università di Coimbra, Portogallo; Coordinatore Nazionale per l Anno Europeo del Volontariato 2011 in

3 giornalisti) Portogallol; Presidente del Consiglio Nazionale per la Promozione del Volontariato da ottobre 2006; Consigliere dell OIL e dell UNDP per I progetti sociali di sviluppo locale in Angola e Cabo Verde, dal 2002; In pensione dalla pubblica amministrazione dal luglio 30, 2002; Membro del Consiglio d Amministrazione dell Istituto della Solidarietà e Previdenza Sociale, e Direttore Regionale della Previdenza Sociale di Lisbona e della Valle del Tago, da dicembre 2001 a luglio 30, 2002; Presidente del Consiglio d Amministrazione dei Servizi Sociali del Ministero del Lavoro e della Solidarietà Sociale. Da Maggio 1999 a dicembre 2001; Commissario della Regione Meridionale nel programma regionale di lotta alla povertà da gennaio 1996 fino a luglio 2002, e dal Novembre 1999, assumendo anche il ruolo di Commissario della regione Settentrionale nella lotta alla povertà; Presidente del Consiglio d amministrazione dell Istituto nazionale di assicurazione e malattia occupazionale, da settembre 1992 fino a febbraio 1995; Consulente tecnico in Capo dell OIL per la realizzazione dell Istituto Nazionale di Sicurezza Sociale dell Angola (Luanda, Angola da Marzo 1991 fino a Settembre 1992); Presidente del Comitato della Sicurezza Sociale del Centro Regionale di Santarèm da 1979 al febbraio 1990; Dati dell La mia posizione nell Presentazione della mia Sito dell Consiglio Nazionale per la Promozione del Volontariato (CNPV) Presidente del CNPV Coordinatore Nazionale per l AEV 2011 in Portogallo Creata in 1999, CNPV è un ente pubblico portoghese, composto da 23 rappresentanti Consiglieri di enti pubblici ( da vari ministeri) e privati ( dalle ONG), con una vasta gamma di attività sul volontariato e le sue questioni. Le competenze del CNPV stabilite per legge, e I suoi obiettivi sono: la promozione del volontariato, il ordinamento del volontariato e il rafforzamento delle abilità dei volontari; Gruppo di Lavoro Il mio gruppo di lavoro Sussidiarietà : quale partenariato per le politiche del welfare Il Ruolo del Volontariato nella strategia Europea 2020 X Politiche di riconoscimento e di sostegno del volontariato Cittadinanza attiva e radicamento nel territorio Giovani e partecipazione: valori, priorità, obiettivi e strumenti Torna su

4 Eva Hambach Centro Fiammingo del Volontariato (BE) Personal details (per cartella partecipanti e giornalisti) Eva Hambach Belgio Attualmente sono Direttore del Centro Fiammingo del Volontariato (Belgio) e Presidente Centro Europeo del Volontariato. Nel mio campo, seguo gli sviluppi delle politiche sul volontariato a livello fiammingo, belga ed europeo Sono vice-presidente del Consiglio Superiore del Volontariato del Belgio. Dati dell La mia posizione nell Presentazione della mia Sito dell Centro Fiammingo del volontariato Direttore Il Centro Fiammingo del volontariato (Vlaams Steunpunt Vrijwilligerswerk vzw) ha come obiettivo la promozione del volontariato e il sostegno all impegno volontario. Per realizzare questo obiettivo, l associazione fornisce guida e supporto alle organizzazioni di volontari in vari settori e protegge i loro interessi. Questo è fatto attraverso l offerta dei servizi come supporto degli esperti, informazioni, consigli, programmi e prodotti educativi, pubblicazioni, materiali, tecniche o attrezzatura. Questa sintesi non è limitante Il gruppo di lavoro Il mio gruppo di lavoro Sussidiarietà : quale partenariato per le politiche del welfare X Il Ruolo del Volontariato nella strategia Europea 2020 Politiche di riconoscimento e di sostegno del volontariato Cittadinanza attiva e radicamento nel territorio Giovani e partecipazione: valori, priorità, obiettivi e strumenti TORNA SU

5 Dati personali Frank Heuberger BBE Bundesnetzwerk Bürgerschaftliches Engagment (DE) (per cartella partecipanti e giornalisti ) Frank Dr. Heuberger Germany Dr. Frank W. Heuberger è stato fino alla fine del 2010 Capo dell Ufficio di Coordinamento della Società Civile e Partecipazione Civica, della Cancelleria di Stato del Reno- Palatinato, in Germania. È il rappresentante per gli affari europei del Bundesnetzwerk Bürgerschaftliches Engagement (BBE/National Network for Civil Society) e Vice Presidente della Rete Europea della Associazioni Nazionali della Società Civile (ENNA). É anche il cofondatore del Centro per la cittadinanza d impresa della Germania (CCCD). Al centro del suo lavoro è l analisi del cambio sociale, I modelli di partecipazione civile e politica a livello locale, statale e europeo, il potenziale della Responsabilita sociale d impresa/cittadinanza corporative e le prospettive di una società civile europea. Dal 1990 al 1995 Frank W. Heuberger ha insegnato come Assistant Professor di Sociologia all Università di Boston e lavorato come Senior Research Associate presso l Institute for the Study of Economic Culture (ISEC), Boston, USA. Presta servizio in molti comitati consultivi e ha pubblicato in maniera diffusa anche sull interdipendenza del cambiamento economico e sociale, la Società civile, la partecipazione civica e la Cittadinanza corporativa. Dati dell La mia posizione nell Presentazione della mia Sito dell Bundesnetzwerk Bürgerschaftliches Engagement (BBE) Rappresentante per gli affari europei. Per ulteriori informazioni su BBE: Gruppo di lavoro Il mio gruppo di lavoro Sussidiarietà : quale partenariato per le politiche del welfare Il Ruolo del Volontariato nella strategia Europea 2020 Politiche di riconoscimento e di sostegno del volontariato X Cittadinanza attiva e radicamento nel territorio Giovani e partecipazione: valori, priorità, obiettivi e strumenti Argomento della mia Situazione del Volontariato in Germania 2011

6 presentazione iniziale) Sito per ulteriori info sul tema 1. Quale impatto della crisi sociale e finanziaria sul volontariato nel suo? 2. Quale relazione tra le istituzioni pubbliche e il volontariato organizzato nel suo paese? 3. L infrastruttura permanente del volontariato: quali sono gli elementi principali dal suo punto di vista? BACK TO THE TOP Soňa Hrončoková C.A.R.D.O (SK) Dati personali (per cartella participanti e giornalisti) Soňa Hrončoková Slovakia Soňa Hrončoková (1983), Laureata del Dipartimento di Sociologia, Facultà di Filosofia all Università Comenius in Bratislava. Dal ha lavorato come Tutor Esterno in un CA Dive Maky, con bambini Rom. Nel 2010 ha iniziato a far volontariato in C.A.R.D.O un centro nazionale di volontariato su progetti volti allo sviluppo, promozione, e creazione di un quadro legale per il volontariato in Slovacchia e alla realizzazione di programme di volontariato in strutture sociali e sanitarie. Dal 2011 lavora per C.A.R.D.O come Project Manager. Dati dell La mia posizione nell Presentazione della mia Sito C.A.R.D.O Project Manager La futura legge sul volontariato in Slovacchia.

7 Gruppo di lavoro Il mio gruppo di lavoro Argomento della mia presentazione iniziale Sito per ulteriori informazioni sul tema Sussidiarietà : quale partenariato per le politiche del welfare Il Ruolo del Volontariato nella strategia Europea 2020 X Politiche di riconoscimento e di sostegno del volontariato Cittadinanza attiva e radicamento nel territorio Giovani e partecipazione: valori, priorità, obiettivi e strumenti La futura legge sul volontariato in Slovacchia BACK TO THE TOP Vahida Huzejrović Slovene Philanthropy (SL) DAti personali (per cartella participanti e giornalisti ) Vahida Huzejrovid Slovenia Sono un insegnante di professione e sono stata attiva nel campo della promozione e sviluppo del volontariato dal dopo l'arrivo in Slovenia (le mie origini sono in Bosnia-Erzegovina). Ho acquisito un'esperienza molto ricca in questo settore, attiva in Slovene Philanthropy dal 1993, oltre ad essere coinvolta nella ONG - OSMIJEH Gracanica, Associazione per il supporto psicologico e lo sviluppo del volontariato. In OSMIJEH, sono volontaria sin dalla sua fondazione (1996) e lavora sulla promozione e lo sviluppo del volontariato tra tutte le generazioni e in diversi settori. In breve, le mie aree di competenza sono: I progetti di sviluppo, coordinamento e gestione delle comunità,locale, regionale e internazionale e programmi in materia di:assistenza psicologica ai gruppi vulnerabili, la tutela della salute mentale, lavoro di volontari per lo sviluppo, rafforzamento delle capacità dei diversi gruppi e soggetti interessati (bambini, giovani, anziani, insegnanti, rappresentanti CAF, ecc), l advocacy il lobby sulla politica, la pianificazione strategica, la proposta di scrittura, raccolta fondi, ecc DAti dell La mia posizione nell Slovene Philanthropy Coordinatore dei progetti di cooperazione allo sviluppo

8 Presentazione della mia La Slovene Philanthropy è un'organizzazione non governativa, senza scopo di lucro, e apolitica istituita nel 1992 con l'obiettivo di sviluppare e promuovere diverse forme di attività umanitarie in Slovenia e all'estero. L'obiettivo di Slovene Philanthropy è quello di incoraggiare e diffondere il volontariato e le altre opere di beneficenza in campo sociale con lo sviluppo di programmi di impegno volontario, in particolare l impegno volontario dei giovani e degli anziani, attraverso la promozione del volontariato attraverso la formazione e l'educazione dei volontari, organizzatori e mentori del volontariato, sensibilizzando l'opinione pubblica sull'importanza dei volontari e sviluppare una rete di volontariato in tutte le organizzazioni della Slovenia. Una parte considerevole delle attività dell si svolgono anche in paesi colpiti da conflitti armati, soprattutto nei paesi dell ex Jugoslavia e di altri paesi del Sud-Est Europa e della Federazione russa, e il Caucaso settentrionale. Sito dell Gruppo di lavoro Il mio gruppo di lavoro Argomento della mia presentazione iniziale Sussidiarietà : quale partenariato per le politiche del welfare Il Ruolo del Volontariato nella strategia Europea 2020 Politiche di riconoscimento e di sostegno del volontariato X Cittadinanza attiva e radicamento nel territorio Giovani e partecipazione: valori, priorità, obiettivi e strumenti Volontariato nelle scuole Volontariato in Bosnia Erzegovina e alcuni modelli di buone pratiche Volontariato dei giovani nei paesi post-socialisti del Sud e Est Europa. TORNA SU Anica Mikuš Kos Slovene Philanthropy (SL) Dati Personali (Per cartella Anica Mikuš Kos Slovenia Consulente in psichiatra infantile in pensione, presidente di Slovene Philanthropy

9 partecipanti e giornalisti) Attiva nel campo del volontariato dal Ha sviluppato volontariato negli ospedali, nel campo della tutela della salute mentale infantile, nelle zone colpite dalla guerra e dalla povertà. Particolare esperienza nello sviluppo del volontariato basato nelle scuole dei bambini e dei giovani. Ha sviluppato il volontariato nelle scuole in Albania, in tutti i paesi derivanti dalla ex Jugoslavia e nel Nord Caucaso (Ossezia del Nord Alania, Cecenia, Inguscezia) Ha pubblicato 4 libri sull impegno volontario, le linee guida per lo sviluppo volontariato nelle scuole in sloveno, inglese, arabo, albanese, tamil, bosniaco, serbo,circa 100 documenti. Dal 1992 è stata eletta Presidente della Slovene Philanthropy - Associazione per la promozione del volontariato in Slovenia membro del Comitato Direttivo dell Associazione Internazionale per il Volontariato -IAVE. Dati dell La mia posizione nell Presentazione della mia Slovene Philanthropy Presidente La Slovene Philanthropy è un'organizzazione non governativa, senza scopo di lucro, e apolitica istituita nel 1992 con l'obiettivo di sviluppare e promuovere diverse forme di attività umanitarie in Slovenia e all'estero. L'obiettivo di Slovene Philanthropy è quello di incoraggiare e diffondere il volontariato e le altre opere di beneficenza in campo sociale con lo sviluppo di programmi di impegno volontario, in particolare l impegno volontario dei giovani e degli anziani, attraverso la promozione del volontariato attraverso la formazione e l'educazione dei volontari, organizzatori e mentori del volontariato, sensibilizzando l'opinione pubblica sull'importanza dei volontari e sviluppare una rete di volontariato in tutte le organizzazioni della Slovenia. Una parte considerevole delle attività dell si svolgono anche in paesi colpiti da conflitti armati, soprattutto nei paesi dell ex Jugoslavia e di altri paesi del Sud-Est Europa e della Federazione russa, e il Caucaso settentrionale. Sito dell Gruppo di lavoro Il mio gruppo di Sussidiarietà : quale partenariato per le politiche del welfare

10 lavoro Il Ruolo del Volontariato nella strategia Europea 2020 Politiche di riconoscimento e di sostegno del volontariato Cittadinanza attiva e radicamento nel territorio X Giovani e partecipazione: valori, priorità, obiettivi e strumenti Argomento della mia presentazione iniziale Il volontariato nelle scuole Il volontariato in Slovenia ed alcuni modelli di buone pratiche Il volontariato dei giovani nei paesi post-socialisti del Sud ed Est Europa esperienza di aiuto umanitario e allo sviluppo di Slovene Philanthropy TORNA SU Dettagli personali Mirela Rajkovic South East European Youth Network (SEEYN) (BiH) (per cartelle partecipanti e giornalisti) Mirela Rajkovic Bosnia and Herzegovina Dal settembre 2010 Training Manager nella Segreteria della Rete dei Giovani del Sud Est Europeo (SEEYN - South East European Youth Network). Oltre a questo è coinvolta nel processo di lobbying e advocacy per la Legge sul Volontariato nella Federazione di Bosnia ed Erzegovina. Dal 2007 ha partecipato al processo di sviluppo di politiche nazionali di volontariato in Montenegro (mediante la partecipazione alla ADP- Zid, un'organizzazione del SEEYN), che è terminato nel Ha partecipato a gruppi di lavoro intersettoriali che hanno preparato la Strategia Nazionale per il Volontariato e la futura legge per il volontariato. Ha anche partecipato ad attività di advocacy e lobbying per la futura legge. Il mio principale campo di competenza è la gestione dei volontari i tutti i suoi elementi: motivazione, reclutamento,selezione, orientamento, formazione, tutoraggio / supervisione,valutazione e riconoscimento. Dati dell La mia posizione nell Presentazione dell South East European Youth Network Training Manager La South Eastern European Youth Network (SEEYN) è una rete che coinvolge 15 organizzazioni non governative membri e diverse Organizzazioni Partner

11 provenienti da Albania, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Kosovo, sotto l'egida delle Nazioni Unite (UNSCR1244), Macedonia, Montenegro, Serbia e la Slovenia, nonché di un membro a statuto speciale dalla Danimarca. E 'un tentativo di superare le differenze tra società che hanno una tradizione recente di conflitti con il portare i giovani provenienti da tutta la regione del Sud Est Europa a lavorare insieme. "La visione di SEEYN è quella di raggiungere una regione stabile con una comprensione reciproca ben sviluppata, senza pregiudizi tra i giovani attraverso la loro mobilità, la cooperazione e il ruolo attivo nella società". SEEYN mira a promuovere i valori sociali, la pace e la comprensione attraverso scambi di base di volontari, azioni di advocacy e di costruzione di capacità nelle organizzazioni. SEEYN ha come obiettivo strategico quello di diventare un Istituto Regionale per il volontariato nell'europa sudorientale riconosciuto e ha stabilito di concentrarsi sul volontariato, per il periodo del Anno di fondazione: 2000 Ubicazione della sede centrale: Sarajevo, Bosnia-Erzegovina Struttura: assemblea generale, comitato direttivo, direttore esecutivo 1. Il servizio di SEEYN Il SEEYN e i suoi formatori offrono formazione e consulenza per organizzazioni e istituzioni che vogliono sviluppare diverse forme di volontariato. Nel 2009 abbiamo organizzato corsi di formazione per i leader di scambi giovanili e 2 corsi di formazione per formatori giovani con il supporto di Gioventù in Azione. Nel primo semestre del 2008 abbiamo svolto 40 corsi di formazione in-house con l'obiettivo di sostenere la capacità del volontariato delle organizzazioni dei paesi dell'europa sudorientale. Nel 2007 abbiamo svolto 40 corsi di formazione, nonché un seminario e un TC sostenuto da Gioventù in Azione. SEEYN ha svolto nel corsi di formazione su temi come la gestione dei volontari, il ciclo di gestione dei progetti, raccolta fondi, PR, programma Gioventù e 2 corsi di formazione per formatori. Principali utenti dei nostri corsi di formazione sono le Organizzazioni partner del programma UNV RIVERSEE (finanziato anche dal Programma Giovani / GiA). SEEYN ha svolto la formazione alle organizzazioni sia ospitanti così come a quelle di invio prima della partenza e dopo l arrivo. SEEYN inoltre ha fornito supporto agli organizzatori di campi di lavoro nella regione. I nostri formatori hanno una significativa esperienza nella cooperazione europea per la gioventù e nei programmi di sviluppo nei paesi dell'europa sudorientale. SEEYN ritiene la promozione e l advocacy per il volontariato necessari per il suo ulteriore sviluppo nella regione. Pertanto, abbiamo sostenuto la celebrazione della Giornata internazionale dei volontari. La Giornata

12 internazionale del volontariato di SEEYN e il Premio SEEYN hanno riunito più di 100 organizzazioni e aziende private a Sarajevo nel settembre Questo evento promozionale ed educativo è stato sostenuto da tutte le ambasciate regionali in Bosnia Erzegovina. Nel 2007 i nostri membri hanno organizzato sei mesi della campagna nazionale di promozione in ciascun membro. SEEYN ei suoi membri sono pro-attivi nello sviluppo di un quadro legale per il volontariato nei paesi dell'europa sudorientale. Per questo motivo, abbiamo tenuto la conferenza: Innovazioni Verso un Servizio per il Volontariato Sostenibile: L Inclusione sociale giovanile per lo sviluppo nell Europa sud-orientale - che ha riunito le parti interessate, a Sarajevo nel giugno SEEYN ha attuato diverse ricerche sul volontariato a livello regionale - Volontariato e Istituzioni Pubbliche (2004), "Volontari del SEE in SEE" - la ricerca sulla legislazione del volontariato (2005) e la ricerca tra i volontari dei campi di lavoro " Noi siamo volontari, noi possiamo!" nell'europa sudorientale e sul volontariato locale in Bosnia Erzegovina (2006 / 7). Abbiamo pubblicato i risultati di quelle ricerche, nonché manuali e libri (ad esempio Manuale sui Campi di Lavoro e il Manuale per la gestione).nel 2008 abbiamo tradotto T - KIT 5 Il Servizio di Volontariato Internazionale in tutte le lingue regionali. 2. Programmi di scambio e di sviluppo di SEEYN SEEYN organizza e sostiene gli scambi a breve e lungo termine di volontari nella regione dal Abbiamo scambiato più di 50 volontari a lungo termine nella regione. SEEYN ei suoi membri hanno anche partecipato a 3 scambi multilaterali SVE con YAP e molti altri scambi multilaterali e bilaterali SVE con altri partner. Nel 2008 la Rete (il Segretariato ei suoi membri) ha ospitato circa 20 volontari SVE. Nel 2007, il Programma RIVER-SEE, che era stato finanziato e gestito dalla UNV / UNDP, è stata trasferito a SEEYN per la sua attuazione ed esecuzione nel L obiettivo del programma River SEE è quello di contribuire all'integrazione regionale, alla coesione sociale e alla riduzione della povertà nei Balcani e supporta gli scambi regionali di volontari a lungo termine. Il SEEYN sta sostenendo anche gli scambi a breve termine - i campi di volontariato internazionale in cui i volontari offrono il loro sostengo a un gruppo di azione nella comunità per un periodo di 2 settimane. Nel 2008, abbiamo sostenuto 70 campi di lavoro internazionali nella regione dell'europa sudorientale, che raccolgono circa 1000 volontari internazionali. Un significativo numero di campi di lavoro è incentrato su aspetti ambientali e sociali. SEEYN ha avviato lo sviluppo di club locali del volontariato in tre scuole superiori di ciascuno dei paesi membri. Dal 2008 SEEYN ha anche iniziato a supportare centri locale di servizio per il volontariato basati all'interno delle organizzazioni aderenti. Al momento, tali centri operano in quattro paesi membri. I centri di volontariato locali mettono in contatto i cittadini interessati a fare volontariato con le esigenze dei gruppi socialmente vulnerabili della comunità. 3. Manutenzione della Rete SEEYN

13 La terza area di intervento si rivolge ai membri di SEEYN. Fornisce un supporto costante ai membri della rete e ai loro partner con attività di costruzione di capacità, promozione, sostegno finanziario e lo scambio di informazioni ed esperienze. I membri di SEEYN sono riusciti a creare procedure e strutture efficaci e si dedicano a garantire la sostenibilità della rete. SEEYN ha un obiettivo strategico di diventare un Istituto Regionale per il Volontariato riconosciuto nel SEE. Obettivi SEEYN secondo le aree di intervento: 1. Servizio SEEYN 1.1. Ricerca e Pubblicazione L obiettivo è di sviluppare la conoscenza base del settore no profit in ambito del servizio volontario (SV) in SEE secondo aspetti teorici ed esempi pratici. Servizio alle ONG Gli obiettivi sono: 1) permettere a ONG e altre istituzioni di supportare ed implementare servizio volontario di alta qualità. 2) dare vita a modelli tramite il servizio volontario Public Affairs L obiettivo è di rendere noto al pubblico l impatto del servizio volontario. 2. Programmi di scambio e lo sviluppo SEEYN Gli obiettivi sono 1) che i partecipanti ai campi di lavoro prendano parte in attività sociali, stimolanti, che riguardino il self-management e il contatto con altre culture, 2) che i benefici dei campi di lavoro siano moltiplicati attraverso la promozione da parte dei partecipanti al SV, 3) implementare la il numero di operatori dediti allo sviluppo regionale in ambito di SV in SEE per contribuire al sostentamento e alla progressione di valori sociali. 3. Manutenzione della rete SEEYN Gli obiettivi sono 1) offrire servizi ai membri della rete, 2) sostenere risorse di network, 3) migliorare la governante SEEYN in termini di trasparenza, efficienza ed efficacia. Sito dell organizzazione Cooperazione Internazionale Uno dei principali partner e donatori di SEEEYN è il Programma per il Vicinato istituito dal Ministero degli esteri danese. Con altre reti supportate dal MAE danese in SEE abbiamo una proficua collaborazione nei progetti regionali Albert Einstein (advocacy per la legislazione e il riconoscimento del volontatriato), No weapons, You are right (pubblicazione per scuole secondarie concernente i diritti umani), EU is not member of your political party (impiego giovanile), Volunteerism and public institutions, Balkan Footnote (scambio tra 9 scuole in regione), Eco Bus Tour, Corridor 8 (progetto oltreconfine tra Bulgaria, Macedonia e Albania) e altri. SEEYN è un agenzia di coordinamento dell iniziativa regionale UNV RIVERSEE. SEEYN coopera con MS in Danimarca dal 2000 non solo in regioni SEE ma anche con partner in Africa. SEEYN è membro dell del centro Europeo per il Volontariato (CEV), youth CAN ed il network nazionale della fondazione Anna Lindth nonché partner dell Alleanza per il Servizio Volontario Internazionale.

14 Gruppo di Lavoro Il mio gruppo di lavoro Argomento della mia presentazione iniziale Sussidiarietà : quale partenariato per le politiche del welfare Il Ruolo del Volontariato nella strategia Europea 2020 Politiche di riconoscimento e di sostegno del volontariato Cittadinanza attiva e radicamento nel territorio X Giovani e partecipazione: valori, priorità, obiettivi e strumenti SEEYN è un organizzazione di network che comprende 15 ONG provenienti da Albania, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Macedonia, Montenegro, Kosovo, Serbia e Slovenia. E un tentativo di superare le differenze tra società vittime di recenti conflitti facendo lavorare insieme giovani provenienti da tutto il sud-est Europa. In seguito alla distruzione della società negli anni 90 il SEE è tenuto a ricostruire strutture e valori da zero. Nel 2000 le organizzazioni membri del SEEYN si unirono in un network nel intento di creare una rete transnazionale giovanile in grado di sviluppare nel SEE un idea di cittadinanza attiva postnazionale. Sin dall inizio il SEEYN ha tentato di trovare il miglior modo per venire incontro alle necessità di riconciliazione e peace building nella regione. Uno dei primi passi è stato riconoscere che i giovani competenti sono garanti dello sviluppo del SEE come regione stabile. Si è tentato di rendere i giovani attivi fornendo strumenti per supportare il loro ruolo chiave nello sviluppo della propria comunità, del paese e dell intera regione in base alla promozione di valori prosaici. Dal 2003 SEEYN focalizza la propria attività sul volontariato in quanto si riscontra che il volontariato giovanile sta contribuendo allo sviluppo di valori sociali positivi. Nel contempo si riconosce nel volontariato l espressione della cittadinanza attiva, lo sviluppo della responsabilità sociale e personale e l impatto positivo sui servizi sociali resi più accessibili, meno costosi e di maggiore qualità. Il volontariato è quindi divenuto un efficace strumento nel processo di riconciliazione della regione. Abbiamo scelto di operare tramite volontariato in vista delle potenzialità e dei benefici che ne derivano, sviluppando la nostra teoria su come il volontariato può essere di aiuto nel SEE. Durante gli ultimi 10 anni di attività molto è cambiato. E aumentato nel SEE il numero di giovani volontari, siamo in grado di offrire maggior qualità nei programmi, il volontariato è maggiormente riconosciuto nelle istituzioni e in alcuni paesi dell area esiste legislazione a supporto. Alcune ricerche dimostrano inoltre come il volontariato tenda ad abbattere pregiudizi, stereotipi e barriere tra giovani nel SEE. E anche dimostrata la maggiore mobilità della gioventù nei paesi SEE, i giovani si mobilitano in regione senza paure e pregiudizi. In questo periodo i nostri membri sono divenuti protagonisti nei loro paesi implementando programmi di sviluppo locale (centri di volontariato, servizio volontario alla comunità locale) grazie all esperienza acquisita nel network. BACK TO THE TOP

15 Heidi Sandberg Forum for Voluntary Social Work (SE) Dettagli Personali (per cartelle partecipanti e giornalisti) Heidi Sandberg Sweden Lavoro nel Forum per il Volontariato nel sociale, l organizzazione nazionale svedese di raccordo del settore. Il mio ruolo è quello di project facilitator e project manager. Ho partecipato allo sviluppo dei centri di volontariato svedesi, allo sviluppo a lungo termine delle ONG nel settore sociale e allo Swedish Compact l accordo tra Governo, Associazione di autorità e regioni locali e organizzazioni della sfera sociale. Dettagli dell organizzazione La mia posizione nell Presentazione dell Sito dell organizzazione Forum for Voluntary Social Work Project facilitator e Project Manager Piattaforma per le organizzazioni di volontariato nel sociale svedesi Obiettivo: Migliorare le condizioni per il volontariato Attività: Lavoro di lobby, conoscenza e supporto Ne sono membri circa 40 organizzazioni nazionali di ONG di volontariato in Svezia Amministra Volontärbyrån servizio di incontro fra domanda e offerta di volontari online Amministra Techsoup - Amministra Frivilligcentralprojektet progetto del Centro di Volontariato Gruppo di lavoro Il mio gruppo di lavoro Sussidiarietà : quale partenariato per le politiche del welfare Il Ruolo del Volontariato nella strategia Europea 2020 X Politiche di riconoscimento e di sostegno del volontariato Cittadinanza attiva e radicamento nel territorio Giovani e partecipazione: valori, priorità, obiettivi e strumenti

16 Argomento della mia presentazione iniziale Sito per approfondimenti sul tema In Svezia è stato raggiunto un accordo di dialogo civile riguardante tre enti nazionali: Governo, le organizzazioni nella sfera sociale e l Associazione delle autorità e regioni locali. Parlerò delle idee dietro all accordo e come esso si stia diffondendo nella società con la potenzialità di cambiare radicalmente come lavorano i soggetti coinvolti. BACK TO THE TOP Susana Szabo France Bénévolat (FR) Dettagli Personali (per cartelle partecipanti e giornalisti) Susana Szabo France Nata in Ungheria, vivo e lavoro in Francia dal 1980 nel settore delle ONG coordinando le attività di rappresentanza delle ONG nel Consiglio Sociale ed Economico Francese. Attualmente, da volontaria, dirigo le attività internazionali di France Benevolat, il principale network di centri volontariato in Francia. Sono membro del Consiglio del Centro Europeo di Volontariato e uno dei vicepresidenti. Ho contribuito a lanciare EYV2011-FRANCE, una piattaforma di 62 ONG francesi impegnate a implementare l anno europeo del volontariato in Francia. Dettagli dell La mia posizione nell Presentazione della mia Sito dell organizzazione France Bénévolat Membro del Bureau e del Consiglio di France Bénévolat e responsabile delle relazioni internazionali. France Bénévolat è un network nazionale di 300 centri di volontariato in Francia che mira alla promozione ed al riconoscimento del volontariato. Sviluppa altresì servizi ed attività per le ONG facendo incontrare potenziali volontari con le opportunità disponibili e sviluppando materiali di supporto nonché sessioni formative per volontari. Gruppo di Lavoro

17 Il mo gruppo di lavoro Argomento della mia presentazione iniziale Sito per approfondimenti Sussidiarietà : quale partenariato per le politiche del welfare Il Ruolo del Volontariato nella strategia Europea 2020 Politiche di riconoscimento e di sostegno del volontariato Cittadinanza attiva e radicamento nel territorio X Giovani e partecipazione: valori, priorità, obiettivi e strumenti IL passaporto del Volontario di France Bénévolat' : uno strumento per il riconoscimento delle competenze e delle abilità acquisite con il volontariato Gisela Lucke BBE Bundesnetzwerk Bürgerschaftliches Engagment (DE) TORNA SU Gisela Lucke è tedesca ed è nel Board del CEV dal 2005, come volontaria di ARBES, la rete regionale per il volontariato del Baden- Wuerttemberg, Germania. È ora membro del gruppo di lavoro impegno e partecipazione in Europa del BBE, la rete federale per l impegno civico in Germania. In precedenza, ha fatto parte dell organizzazione dei genitori-insegnanti e la presidentessa per 25 scuole della città in cui vive, 10 anni fa ha creato e ancora gestisce con altre donne un agenzia per il volontariato nella sua città ed è stata a lungo un giudice di pace nella sua contea. Tutte questi ruoli li svolge da volontaria. TORNA SU Olga Sozanská Hestia National Volunteer Centre (CZ) Olga Sozanska è della Repubblica ceca ed è attualmente la presidentessa di Hestia, il Centro Nazionale per il volontariato. Jn precedenza lavorava come consulente e psicoterapeuta al Centro di Counselling sul Matrimonio e la Famiglia È psicologa, e per tutta la vita ha svolto in molti casi il ruolo di insegnante e supervisore in corsi di formazione per psicologi, assistenti sociali e volontari. Olga ha una vasta esperienza pratica nel far impegnare i volontari in situazioni di crisi (la guerra in Bosnia, l alluvione di Praga), nel promuovere l attivismo nella comunità attraverso le arti e nello sviluppare schemi di sostegno al volontariato nelle società post-comuniste. È uno dei pionieri del fare rete a livello europeo e dello sviluppo delle politiche sul volontariato e uno dei protagonisti per l Europa dell Est dell Anno internazionale dei Volontari Karl Monsen-Elvik Volunteer Development Scotland (UK) TORNA SU Karl Monsen-Elvik è scozzese ed è programme leader sulla ricerca e lo sviluppo con Volunteer Development Scotland. In precedenza, Karl è stato il Direttore per lo sviluppo al Centro per il Volontariato del North Lanarkshire e Vice-presidente di Volunteer Development Scotland. Al momento è un trustee alla Haemophilia Society del Regno Unito.

18 Volunteer Development Scotland (VDS) è il centro risorse e documentazione scozzese per il volontariato, un attore chiave nella Strategia di Sviluppo del Volontariato del Governo scozzese. Alcune delle iniziative di VDS che degne di nota nel contesto europeo di sviluppo di buone pratiche sono: il passaporto del volontario per i giovani tra i anni, i premi al volontariato giovanile, lo schema Investire nei Volontari standard di qualità per le organizzazioni di volontariato, il kit per la valutazione dell impatto del volontariato e le banche del tempo. TORNA SU Nwadi Okereke Volunteering England (UK) Nwadi Okereke è britannica e Management consultant e formatore sulla raccolta fondi, le strategie e le tecniche di gestione generali alle reti d volontariato e le organizzazioni ad ombrello nel Regno Unito. Nwadi è uno dei direttori non esecutivi di Volunteering England è ha una vasta esperienza in leadership e management nelle ONG, nelle istituzioni educative, associazioni professionali e di categoria. Nwadi è esperta nella promozione della diversità attraverso il volontariato specialmente nelle comunità nere urbane. Volunteering England è uno degli elementi più importanti dell infrastruttura del volontariato nel Regno Unito, costituito dall unione dei centri per il volontariato locali e le agenzie per lo sviluppo del volontariato. Fornisce ricerche, formazione e quadri di qualità per le organizzazioni di volontariato e spicca nel lavoro politico con il governo. Mike Nussbaum Volunteering England (UK) TORNA SU Mike Nussbaum è stato attivamente coinvolto nel cambiamento sociale e lo sviluppo della comunità per quasi 50 anni. Da quando è andato in pensione Mike ha assunto vari ruoli nel settore del volontariato nazionale ma particolarmente nella promozione e lo sviluppo del ruolo del volontariato. Nel 2003 ha guidato la fusione di tre organizzazioni di volontariato nazionali per formare un singolo organismo nazionale incentrato sul volontariato ed ha assistito nella creazione di standard di qualità nazionali per i centri di volontariato e per la gestione dei volontari. È stato cruciale nel persuadere il governo britannico della necessità dell Ufficio per il Terzo settore come una funzione chiave dell Ufficio del Gabinetto. Attualmente è vice presidente di Volunteering England, ne è stato il suo presidente fondatore per dieci anni fino al settembre Mike è impegnato in varie charities sia a livello locale, nazionale e in via più generale nel contesto europeo. Mike è presidente di Centro per il Volontariato di Milton Keynes, membro del Board per Bucks Vision, che in precedenza era l Associazione per i Ciechi e Ipovedenti di Bucks e un trustee per le Reti dei Trustee delle Charities. Svolge regolarmente il ruolo di ambasciatore e di presentatore alle conferenze per il CEV Centro Europeo del Volontariato. Nel 2005 Mike ha ricevuto un Premo Nazionale Anno del Volontario per i servizi resi al volontariato, e nel 2008 la Open University gli ha conferito il Dottorato Honoris Causa come riconoscimento per gli oltre 40 anni al servizio del pubblico. TORNA SU