REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO. PER IL TRENTINO - ALTO ADIGE/SÜDTIROL - SEDE di TRENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO. PER IL TRENTINO - ALTO ADIGE/SÜDTIROL - SEDE di TRENTO"

Transcript

1 Delibera n. 3/2014/CSE REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO - ALTO ADIGE/SÜDTIROL - SEDE di TRENTO COLLEGIO DI CONTROLLO SULLE SPESE ELETTORALI composto dai magistrati: Consigliere Paolo VALLETTA Presidente Consigliere Gianfranco POSTAL Componente Primo Ref. Dario PROVVIDERA Componente - relatore VISTA la legge 10 dicembre 1993, n.515, recante disposizioni sulla disciplina delle campagne elettorali alla Camera ed al Senato; VISTA la legge 6 luglio 2012, n. 96, e in particolare, l art. 13, comma 6, che attribuisce alle Sezioni regionali di controllo della Corte dei conti la verifica della conformità alla legge delle spese sostenute da partiti, movimenti, liste e gruppi di candidati per le campagne elettorali nei Comuni con popolazione superiore a abitanti; VISTA la documentazione pervenuta a titolo di rendicontazione delle spese elettorali di partiti, liste e movimenti per le consultazioni comunali svoltesi dal 26 maggio al 9 giugno 2013 nel Comune di Pergine Valsugana, nonché l ulteriore documentazione pervenuta a seguito di specifiche richieste integrative; VISTA la deliberazione della Sezione delle Autonomie della Corte di conti n. 24/2013 che approva i Primi indirizzi interpretativi inerenti l applicazione dell art. 13 della legge 6 luglio 2012, n. 96, sul controllo delle spese elettorali nei Comuni con popolazione superiore a abitanti ; VISTO il decreto n. 1 del 22/11/2013 del Presidente di questa Sezione regionale di controllo con il quale viene nominato il Collegio di controllo sulle spese elettorali; VISTA la deliberazione n. 1/2014/DORG del 23 gennaio 2014 di insediamento di questo Collegio; CONSIDERATO che dall esame della documentazione acquisita, in base al controllo di competenza di questo Collegio, sono emerse le considerazioni riportate nell unito referto; UDITO il relatore designato dal Collegio, Dario PROVVIDERA; DELIBERA Di approvare il Referto sui finanziamenti dichiarati e sulle spese sostenute da partiti, movimenti, liste e gruppi di candidati nella campagna elettorale per le elezioni comunali di Pergine Valsugana del 26 maggio e 9 giugno 2013 che si allega alla presente delibera

2 costituendone parte integrante. DICHIARA La conclusione dell attività di controllo intestata a questo Collegio. DISPONE La trasmissione di copia della presente deliberazione, con allegato referto finale, al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana, e, per conoscenza, al Commissariato del Governo per la Provincia di Trento, al Presidente della Corte di Appello di Trento e al Collegio regionale di garanzia elettorale presso la medesima Corte di Appello, al Presidente della Provincia Autonoma di Trento e alla Regione Autonoma Trentino- Alto Adige, Ripartizione II Affari istituzionali. Trento, 11 febbraio 2014 f.to Paolo VALLETTA f.to Gianfranco POSTAL f.to Dario PROVVIDERA Presidente Componente Componente Depositato in Segreteria in data 11 febbraio 2014 Il Responsabile della Segreteria f.to Marco Ulacco 2

3 Referto sui consuntivi delle spese e dei finanziamenti di partiti, movimenti, liste e gruppi di candidati nella campagna elettorale per le elezioni comunali di Pergine Valsugana del 26 maggio e 9 giugno I. Premessa Il presente referto, redatto ai sensi dell art. 12, comma 3, della legge 10 dicembre 1993, n. 515, come modificato dall art. 13, comma 6, lett. c) della legge 6 luglio 2012, n. 96, concerne gli esiti dei controlli eseguiti sui conti consuntivi delle spese sostenute dai partiti, movimenti, liste e gruppi di candidati nella campagna elettorale per le elezioni comunali di Pergine Valsugana (TN), tenutesi il 26 maggio e il 9 giugno La sezione delle Autonomie della Corte dei Conti, con delibera n. 24/INPR/2013 del 1 ottobre 2013 concernente i Primi indirizzi interpretativi inerenti l applicazione dell art. 13 della legge 6 luglio 2012, n. 96, sul controllo delle spese elettorali nei Comuni con popolazione superiore a abitanti, ha stabilito che la normativa soprarichiamata radica la competenza dell apposito Collegio di controllo, costituito presso le Sezioni regionali di controllo della Corte dei conti, ad eseguire una verifica della legittimità e della regolarità dei consuntivi presentati dai partiti e dalle altre formazioni politiche che hanno partecipato alla campagna elettorale per il rinnovo degli organi rappresentativi dei Comuni con popolazione superiore a abitanti facenti parte dei rispettivi ambiti territoriali di competenza. Il Collegio di controllo costituito presso la Sezione di controllo per il Trentino Alto Adige/Südtirol, sede di Trento, è chiamato a svolgere, come disposto dalla Sezione delle Autonomie nella delibera citata, un attività istruttoria che si compendia nella disamina dei documenti trasmessi in allegato ai conti consuntivi, nell ambito di una verifica della conformità alla legge delle spese sostenute dagli aventi diritto e della regolarità della documentazione prodotta a prova delle spese stesse. La conformità alla legge delle spese sostenute, in base alla tipologia delle spese elettorali ammissibili indicate ai commi 1 e 2 dell art. 11 della legge 515 del 1993, è data dalla connessione, diretta o indiretta, della spesa con le finalità elettorali secondo un principio di inerenza e di congruità anche sotto il profilo temporale. Il controllo di legittimità e regolarità della Corte dei conti è rivolto, inoltre, ad assicurare la conoscenza dei mezzi finanziari impiegati nella competizione elettorale a copertura delle relative spese: conoscenza che risponde all esigenza di trasparenza e alla necessità di garantire efficaci forme di contrasto al fenomeno della corruzione nel finanziamento di partiti e movimenti politici. Nel riscontrare la documentazione acquisita il Collegio ha ravvisato l esigenza che gli incassi dei finanziamenti e i pagamenti delle connesse spese operati dai partiti, movimenti, e liste partecipanti alle consultazioni elettorali transitino su specifico conto corrente dedicato. II. Normativa di riferimento La legge 6 luglio 2012, n. 96 disciplina all articolo 13 i limiti massimi delle spese elettorali dei candidati e dei partiti, movimenti e liste che partecipano alle elezioni comunali dei comuni con più di abitanti. La soglia massima indicata in tale normativa è calcolata nella misura di un euro per ciascun avente diritto al voto iscritto nelle liste elettorali comunali. Per il comune di Pergine Valsugana ( abitanti), pertanto, si è calcolata tale soglia massima facendo riferimento al numero degli iscritti nelle liste elettorali comunali (16.403).

4 L art. 12 della legge n. 515/93 (come modificato dall art. 13 della legge n. 96/2012) prescrive ai rappresentanti dei partiti/movimenti/liste/gruppi di candidati che si presentano alle elezioni l obbligo di presentare al Presidente del Consiglio comunale entro quarantacinque giorni dall insediamento per il successivo invio alla Corte dei conti, il consuntivo relativo alle spese per la campagna elettorale e alle relative fonti di finanziamento. La tipologia delle spese elettorali è indicata nell art. 11, comma 1, della legge n. 515/93: Per spese relative alla campagna elettorale si intendono quelle relative: a) alla produzione, all'acquisto o all'affitto di materiali e di mezzi per la propaganda; b) alla distribuzione e diffusione dei materiali e dei mezzi di cui alla lettera a), compresa l'acquisizione di spazi sugli organi di informazione, sulle radio e televisioni private, nei cinema e nei teatri; c) all'organizzazione di manifestazioni di propaganda, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, anche di carattere sociale, culturale e sportivo; d) alla stampa, distribuzione e raccolta dei moduli, all'autenticazione delle firme e all'espletamento di ogni altra operazione richiesta dalla legge per la presentazione delle liste elettorali; e) al personale utilizzato e ad ogni prestazione o servizio inerente alla campagna elettorale. Il comma 2 dello stesso articolo precisa, inoltre, che Le spese relative ai locali per le sedi elettorali, quelle di viaggio e soggiorno, telefoniche e postali, nonché gli oneri passivi, sono calcolati in misura forfettaria, in percentuale fissa del 30 per cento dell'ammontare complessivo delle spese ammissibili e documentate. III. Attività del Collegio Va preliminarmente evidenziato che il Collegio di controllo, come previsto e disciplinato dalla legge n. 96/2012, ha natura di organo incardinato presso la Sezione Regionale della Corte competente per territorio, costituendone un articolazione dotata di propria competenza funzionale. Alla Sezione regionale, giudice naturale competente per legge, devono essere trasmessi i consuntivi relativi alle spese per la campagna elettorale ed alla stessa è affidata l applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie per il caso di mancato deposito di detti consuntivi. Con riguardo alle spese relative alla campagna elettorale per le elezioni comunali di Pergine Valsugana tenutesi il 26 maggio e il 9 giugno 2013, tutti i consuntivi - relativi alle tredici liste che risultano aver partecipato alla competizione elettorale in base alla nota n del 5 agosto 2013 inviata dal responsabile dell Ufficio elettorale comunale - sono stati trasmessi a questa Corte, ai sensi dell'art. 12 della legge n. 515/93 e dell'art. 13 della legge n. 96/2012, in parte direttamente dai rappresentanti/delegati di lista e in parte tramite il Presidente del Consiglio comunale. Conseguentemente, per l effettuazione dei controlli sui rendiconti pervenuti la Sezione ha operato a mezzo di apposito Collegio istituito al suo interno con procedura formalizzata, come indicato dalla delibera della Sezione delle Autonomie n. 24/INPR/2013 e con le modalità definite nella delibera di questa stessa Sezione di controllo n. 1/2014/DORG. L art. 12, comma 3, della legge 515 del 1995 prevede che tali controlli devono concludersi entro sei mesi dalla presentazione dei consuntivi alla Sezione regionale di controllo della Corte dei conti competente per territorio, salvo che il Collegio di cui al comma 2, con delibera motivata, non stabilisca un termine ulteriore, comunque non superiore ad altri tre mesi. Essendo stata inviata dal Presidente del Consiglio comunale di Pergine alla Sezione di controllo di Trento in data 13 agosto l ultima nota di trasmissione dei consuntivi che costituiscono l oggetto del controllo del Collegio della Sezione di Trento, si è ritenuto che da tale data decorresse il soprarichiamato termine di sei mesi, potendo il Collegio medesimo 2

5 avviare da quel momento l esame di tutti i consuntivi e svolgere l attività istruttoria di sua competenza. Il Collegio ha svolto e terminato la propria attività entro il termine del 13 febbraio Dall elenco dei delegati di lista/partito/movimento/gruppo, trasmesso con specifica nota dal Responsabile dell Ufficio elettorale comunale, si è rilevato, in alcuni casi, la non corrispondenza con i nominativi dei soggetti che hanno dichiarato le spese sostenute nella campagna elettorale in Nell espletamento dell attività di controllo, il Collegio, con la collaborazione della struttura di supporto a ciò predisposta ai sensi della già citata delibera n. 1/DORG/2014, ha effettuato l istruttoria mediante richiesta di integrazione documentale ai soggetti interessati, concernente, in particolare, le fatture delle spese dichiarate recanti la tipologia di prestazione e/o servizio reso e la data di pagamento, nonché le quietanze di tali spese. La soglia massima di impegno che, in base alla normativa più sopra richiamata, ammonta ad euro , risulta rispettata da tutte le liste in base alla dichiarazioni di spesa fornite. Si è rilevato che quasi tutte le liste non hanno presentato dichiarazioni di spesa relativa alle tipologie di cui al comma 2 dell art. 11 della legge n. 515/1993. Occorre ricordare che le spese cd. forfettarie ivi previste (spese relative ai locali per le sedi elettorali, quelle di viaggio e soggiorno, telefoniche e postali, nonché gli oneri passivi) rientrano nel calcolo utile a determinare la spesa complessiva ai fini del rispetto della soglia massima sopraindicata. Si prende atto, inoltre, che una delle liste presenti alla competizione elettorale non ha affrontato spese né ricevuto contributi e finanziamenti, in base alla dichiarazione negativa del proprio rappresentante delegato, ritenuta dal Collegio di controllo idonea ai fini dell assolvimento dell obbligo della rendicontazione. Le liste hanno fornito dichiarazioni in merito alle fonti di finanziamento delle relative spese, come disposto dall art. 12 della legge n. 515/1993, nei termini più avanti puntualmente indicati. Tale precetto normativo è da interpretarsi come da consolidata giurisprudenza di questa Corte (per tutte: delibera 11/CSE/Reg.2010 del 10 luglio 2012) nel senso che debbano essere indicati sia le fonti c.d. esterne finanziamenti erogati da terzi - sia le fonti interne, derivanti cioè da disponibilità proprie della formazione politica. Ancora il citato art. 12 stabilisce che le funzioni istruttorie dei Collegi non possono eccedere l ambito di una verifica della conformità alla legge delle spese sostenute dagli aventi diritto e della regolarità della documentazione prodotta a prova delle spese stesse. La Sezione delle Autonomie ha precisato (del. 24/INPR/2013) che in ipotesi di mancanza di idonea prova documentale, particolare attenzione dovrà essere rivolta alle fonti di finanziamento delle spese per la campagna elettorale, in quanto, non essendo previste forme di rimborso, il controllo di legittimità e regolarità della Corte dei conti è rivolto, fondamentalmente, ad assicurare la conoscenza dei mezzi finanziari impiegati nella competizione elettorale a copertura delle relative spese. Tale esigenza di trasparenza è particolarmente avvertita in quanto strumentale a garantire efficaci forme di contrasto al fenomeno della corruzione nel finanziamento di partiti e movimenti politici. In tal senso, il controllo non potrà limitarsi alle risorse cd. interne, derivanti cioè da disponibilità proprie delle formazioni politiche, ma si estenderà soprattutto alle fonti esterne, vale a dire ai finanziamenti erogati da terzi. Sull ambito di tali funzioni della Corte con riguardo alle indicazioni delle fonti di finanziamento, si è pronunciata la Corte di Cassazione (sentenza n del 18 febbraio 1999) affermando che il controllo di legittimità e regolarità della Corte dei conti non si estende alle risorse proprie tratte dai bilanci dei singoli partiti. Ne consegue che la dichiarazione di finanziamento con mezzi propri è sufficiente a costituire esaustiva prova 3

6 della copertura delle spese - essendo preclusa al Collegio di controllo la facoltà di chiedere prove documentali sull entità della somma utilizzata e sulla sua regolarizzazione contabile - e di tale dichiarazione la formazione politica si assume la completa responsabilità. Per quanto concerne i profili di pertinenza temporale della campagna elettorale e di congruo riferimento ad essa delle spese dichiarate, si segnala un caso di bonifico effettuato in data solo a seguito della richiesta documentale del Collegio. Al riguardo, il Collegio ha ritenuto di prendere in considerazione il periodo dalla data di convocazione dei comizi elettorali (decreto pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Trentino-Alto Adige in data 11 aprile 2013) a quella di svolgimento delle elezioni (ballottaggio del 9 giugno 2013) facendo, comunque, salva ogni diversa valutazione in ordine alla singola spesa al di fuori degli indicati limiti temporali, ove risulti inequivocabilmente riferita alla consultazione elettorale indicata. Altri due casi sono stati oggetto di particolare attenzione del Collegio: il primo attinente ad una dichiarazione di spese sostenute per euro 4.163,00, documentata con diverse fatture per un importo diverso da quello dichiarato; il secondo relativo ad una dichiarazione di spesa pari ad euro 5.584,60 cui fa riscontro un pagamento con bonifici pari ad euro 4.038,64. Nel primo caso il Collegio ha riscontrato, attraverso opportuna richiesta di documentazione integrativa, che la spesa originariamente dichiarata risultava errata, mentre nel secondo caso ha ritenuto di dover segnalare che parte della spesa non risulta ancora pagata. Di seguito vengono riportate in dettaglio, per ciascuna delle tredici liste che hanno partecipato alla competizione elettorale in esame, le valutazioni del Collegio sul consuntivo presentato e sulla documentazione integrativa richiesta. 1. Lista Movimento Cinque Stelle La dichiarazione relativa alle spese elettorali sostenute dalla lista Movimento Cinque Stelle per le elezioni del Consiglio comunale di Pergine Valsugana, tenutesi il 26 maggio 2013 con ballottaggio il 9 giugno successivo, è stata presentata dal sig. Nicola Gottardi delegato della lista ed è pervenuta al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana, in data 24 luglio 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/1993. Il suddetto delegato ha dichiarato che il partito per la campagna elettorale delle predette elezioni, non ha sostenuto spese, non ha assunto obbligazioni e non ha ricevuto finanziamenti o contributi. Il Collegio ha ritenuto tale attestazione utile ai fini dell assolvimento dell obbligo della rendicontazione di cui all art. 12, comma 1, della legge n. 515/ Lista Verdi e Democratici per il Trentino Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla lista Verdi e democratico per le elezioni del Consiglio comunale di Pergine Valsugana per il Trentino tenutesi il 26 maggio 2013, con ballottaggio il 9 giugno successivo è stato presentato dal sig. Giorgio Pedrotti in qualità di tesoriere dei Verdi del Trentino, ed è pervenuto al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana in data 6 agosto 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/1993. Le spese dichiarate, relative alle tipologie di cui all art. 11 legge 10 dicembre 1993, n. 515, ammontano complessivamente ad euro 4.458,43 così suddivise: a) euro 3429,56 per spese di cui all art. 11, comma 1, della legge n. 515/1993; b) euro 1028,87 per spese di cui all art. 11, comma 2, della legge n. 515/

7 Le fonti di finanziamento dichiarate sono costituite da fondi attinti dal bilancio dei Verdi del Trentino, non essendo stata promossa alcuna raccolta fondi di carattere straordinario e finalizzata alle elezioni del Consiglio comunale di Pergine Valsugana. 3. Lista Partito Socialista Italiano Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla lista Partito Socialista Italiano per le ballottaggio il 9 giugno successivo, è stato presentato dal sig. Claudio Tasin in qualità di rappresentante della lista ed è pervenuto al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana, in data 9 agosto 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/1993. Sono state dichiarate spese relative alle tipologie di cui all art. 11, comma 1, della legge 10 dicembre 1993, n. 515 per euro 3.176,54. E stata dichiarata la totale copertura delle spese con i fondi della sezione locale del partito. 4. Lista Unione per il Trentino Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla lista Unione per il Trentino per le ballottaggio il 9 giugno successivo, è stato presentato dal sig. Gianpiero Passamani e dal sig. Gerardo Lazzeri, delegati della lista, ed è pervenuto al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana, in data 6 agosto 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/1993. Sono state dichiarate spese relative alle tipologie di cui all art. 11, comma 1, della legge 10 dicembre 1993, n. 515 per euro ,93. E stata dichiarata la totale copertura delle spese con i fondi della sezione locale del partito, senza ricorso a finanziamenti e senza l assunzione di obbligazioni. 5

8 5. Lista Lega Nord Trentino Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla lista Lega Nord Trentino per le ballottaggio il 9 giugno successivo, è stato presentato dal sig. Maurizio Fugatti in qualità di segretario Nazionale della Lega Nord Trentino e dal sig. Enrico Mattivi in qualità di delegato della lista ed è stato inviato al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana in data 7 agosto 2013 rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/1993. Sono state dichiarate spese relative alle tipologie di cui all art. 11, comma 1, della legge 10 dicembre 1993, n. 515 per euro 1.292,20. E stata dichiarata la totale copertura delle spese con fondi del Partito Lega Nord Trentino, senza ricorso a finanziamenti e senza l assunzione di obbligazioni. 6. Lista Partito Democratico del Trentino Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla lista Partito Democratico del Trentino per le elezioni del Consiglio comunale di Pergine Valsugana, tenutesi il 26 maggio 2013 con ballottaggio il 9 giugno successivo, è stato presentato dai sigg. Giulio Bertoldi e Luciano Eccher quali delegati di lista, ed è stato inviato al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana in data 24 luglio 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/1993. Le spese dichiarate, relative alle tipologie di cui all art. 11, comma 1, della legge 10 dicembre 1993, n. 515, ammontano complessivamente ad euro 9.562,49. E stata dichiarata la totale copertura delle spese con fondi della sezione provinciale del Partito Democratico del Trentino, senza ricorso a finanziamenti e senza l assunzione di obbligazioni. 6

9 7. Lista Rifondazione Comunista Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla lista Rifondazione Comunista per le ballottaggio il 9 giugno successivo, è stato presentato dal sig. Tommaso Mosna quale rappresentante della lista, ed è pervenuto al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana in data 18 luglio 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/1993. Le spese dichiarate, relative alle tipologie di cui all art. 11, comma 1, della legge 10 dicembre 1993, n. 515, ammontano complessivamente ad euro 610,40. E stata dichiarata la totale copertura delle spese con fondi del partito Rifondazione Comunista, senza ricorso a finanziamenti e senza l assunzione di obbligazioni. 8. Lista Pergine Città Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla lista Lista Pergine Città per le ballottaggio il 9 giugno successivo, è stato presentato dal sig. Gretter Beniamino quale rappresentante della lista, ed è pervenuto al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana in data 9 luglio 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/1993. Le spese dichiarate, relative alle tipologie di cui all art. 11, comma 1, della legge 10 dicembre 1993, n. 515, ammontano complessivamente ad euro 2.059,20. E stata dichiarata la totale copertura delle spese con fondi personali, senza ricorso a finanziamenti e senza l assunzione di obbligazioni. 9. Lista per Pergine Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla Lista per Pergine per le ballottaggio il 9 giugno successivo, è stato presentato dalla sig.ra Casagrande Daniela a firma di rappresentante della lista, ed è pervenuto al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana in data 9 luglio 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/

10 Le spese dichiarate, relative alle tipologie di cui all art. 11, comma 1, della legge 10 dicembre 1993, n. 515, ammontano complessivamente ad euro 5.029,44 di cui euro 4.484,16 ricomprese nella fattura di euro 6.155,76 condivisa con la lista Patto per Pergine. E stata dichiarata la totale copertura delle spese con fondi personali, senza ricorso a finanziamenti e senza l assunzione di obbligazioni. 10. Lista Patto per Pergine Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla lista Patto per Pergine per le ballottaggio il 9 giugno successivo, è stato presentato dalla sig.ra Daniela Casagrande come rappresentante della lista, ed è pervenuto al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana in data 9 luglio 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/1993. La sig.ra Casagrande Daniela, tuttavia, non risulta far parte dei candidati della lista Patto per Pergine ma risulta essere capolista della lista per Pergine. Le spese dichiarate, relative alle tipologie di cui all art. 11, comma 1, legge 10 dicembre 1993, n. 515, ammontano complessivamente ad euro 1.471,60, e risultano pagate con bonifico 6.155,76 dalla Sig.ra Casagrande, bonifico che comprende i pagamenti delle spese della Lista per Pergine. E stata dichiarata la totale copertura delle spese con fondi personali, senza ricorso a finanziamenti e senza l assunzione di obbligazioni. esame, salvo quanto rilevato rispetto alla fonte di finanziamento accertata. 11. Lista Alternativa Pergine Futura Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla lista Alternativa Pergine futura per le ballottaggio il 9 giugno successivo, è stato presentato dal sig. Lino Piva in qualità di rappresentante della lista ed è pervenuto al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana, in data 8 agosto 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/

11 Le spese dichiarate, relative alle tipologie di cui all art. 11, comma 1, della legge 10 dicembre 1993, n. 515, ammontano ad euro 1.856,40. E stata dichiarata la totale copertura delle spese con fondi personali, senza ricorso a finanziamenti e senza l assunzione di obbligazioni. 12. Lista Partito Autonomista Trentino Tirolese Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla lista Partito Autonomista Trentino Tirolese per le elezioni del Consiglio comunale di Pergine Valsugana, tenutesi il 26 maggio 2013 con ballottaggio il 9 giugno successivo, è stato presentato dalla sig.ra Roberta Bergamo e dal sig. Nicola Vaiz, delegati della lista, ed è pervenuto al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana, in data 8 agosto 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/1993. In data 30 luglio 2013 la lista ha dichiarato spese relative alle tipologie di cui all art. 11, comma 1, della legge 10 dicembre 1993, n. 515 per un ammontare pari ad euro 4.163,00. La documentazione presentata a corredo evidenziava fatture pari ad euro 4.563,00 e un pagamento con bonifico per euro 507,19. Il Collegio ha richiesto documentazione integrativa a chiarimento della differenza riscontrata, ricevendo ulteriore fattura di spesa per euro 624,00 e giustificativi di pagamento con bonifici per l intera spesa rideterminata in euro 5.187,00. E stata dichiarata la totale copertura delle spese con fondi personali, senza ricorso a finanziamenti e senza l assunzione di obbligazioni. espletata, ritiene di non formulare osservazioni in ordine al consuntivo, così come rideterminato relativamente alla spesa originariamente dichiarata. 13. Lista Movimento la Stella Il consuntivo delle spese elettorali sostenute dalla lista Movimento la Stella per le ballottaggio il 9 giugno successivo, è stato presentato dal sig. Andrea Morghen in qualità di rappresentante della lista ed è pervenuto al Presidente del Consiglio comunale di Pergine Valsugana, in data 8 agosto 2013, rispettando il termine previsto dall art. 12, comma 1, della legge n. 515/1993. Sono state dichiarate spese, relative alle tipologie di cui all art. 11, comma 1, della legge 10 dicembre 1993, n. 515, per euro 5.584,60; delle quali risultano pagate spese per euro 4.038,64. Il rappresentante di lista dichiarante ha precisato che due fatture (la n. 914 del per euro 1.288,56 e la n del per euro 257,40) sono ancora in sospeso perché non è stato raggiunto un accordo sulla spartizione delle spese. E stata indicata la fonte di finanziamento per euro 3.090,00 (di cui euro 2.040,00 con fondi personali ed euro 1.050,00 con fondi del Movimento); non è stata indicata la fonte dei 9

12 residui euro 948,64, ma risultano bonifici per euro 4.038,64 eseguiti operando su unico conto corrente di addebito, intestato a La Stella. espletata, ritiene di dichiarare la regolarità del consuntivo, segnalando che la somma di euro 1.545,96 non risulta ancora pagata. 10

L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica.

L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica. L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica. 1. Accesso ai mezzi di informazione. 1. Non oltre il quinto giorno

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI,

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI, Delibera n. SCCLEG/16/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato presieduta dal Presidente

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA NELLA sua riunione di Consiglio del 1 luglio 2010; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Sezione delle autonomie. Adunanza del 9 aprile 2015 Presieduta dal Presidente della Corte Presidente della Sezione delle autonomie Raffaele SQUITIERI

Sezione delle autonomie. Adunanza del 9 aprile 2015 Presieduta dal Presidente della Corte Presidente della Sezione delle autonomie Raffaele SQUITIERI Corte dei Conti N. 15 /SEZAUT/2015/QMIG Sezione delle autonomie Adunanza del 9 aprile 2015 Presieduta dal Presidente della Corte Presidente della Sezione delle autonomie Raffaele SQUITIERI Composta dai

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 1. Il Senato della

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO Approvato con verbale n. 108 Consiglio Comunale del 20 ottobre 2010 Capo I DISPOSIZIONI GENERALI sul DIRITTO di

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei progetti di ricerca ai sensi dell articolo 20, comma 1, della

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Generali Art. 2 Oggetto del Regolamento Art. 3 Diritto di informazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli