Lezione del 27/03/2007. Premesse generali sull omicidio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione del 27/03/2007. Premesse generali sull omicidio"

Transcript

1 Lezione del 27/03/2007 Premesse generali sull omicidio L omicidio, (dal latino homo=uomo e cidium=caedes=uccisione), consiste nella morte di un uomo cagionata da altro uomo con dolo, colpa senza il concorso di cause di giustificazione. L interesse tutelato è il bene maggiore dell uomo, la vita, pertanto non si potrà avere omicidio se l oggetto dell azione lesiva non era vivo al momento del fatto. Il requisito della vita è sufficiente e necessario; infatti, se la persona su cui cade l azione fosse già morta, si avrebbe un caso di inesistenza dell oggetto dell azione. Oggetto materiale dell azione criminosa è un altro uomo, diverso dall agente, in quanto la legge italiana non punisce il suicidio. Il sesso, l età, la razza, la condizione sociale ecc della vittima sono indifferenti ai fini dell esistenza del reato; finchè non si verifica la morte la vita è tutelata, quindi risponde di omicidio chi uccide una persona affetta da malattia inguaribile prossima alla morte (eutanasia). L omicidio si configura come delitto contro la vita ed ha una duplice ed importante valenza, sia di tipo sociale che di tipo giuridico. In ambito sociale, inteso come collettività, esso rappresenta un avvenimento abnorme, che turba le normali relazioni tra i cittadini e che suscita pubblico allarme. In ambito giuridico, l omicidio è un fatto contrario al diritto e viola, la vita umana, bene essenziale, tutelato dalla legge. Lo studio del fenomeno omicidio, data la sua complessità per cause, modalità, dinamiche psicologiche e moventi, comporta un approccio di tipo interdisciplinare, che coinvolge differenti figure professionali, quali criminologi, psicologi, giuristi, ma soprattutto medici legali. 1

2 Attività del medico legale Le indagini che il medico legale deve compiere in caso di omicidio, richiedono un attività assai complessa, avente ad oggetto l ispezione esterna del cadavere, l esecuzione dell autopsia e la partecipazione al sopralluogo giudiziario (ispezione della scena del crimine). Attraverso l autopsia giudiziaria, (indagine medica post-mortem che consiste in un attento e dettagliato esame del cadavere in toto e dei relativi organi), il medico legale ricerca le cause, le modalità, le lesività che hanno provocato la morte del soggetto, stabilisce l epoca del decesso e chiarisce ogni altra circostanza rilevante per le indagini (modalità di esecuzione del delitto, la natura del mezzo letifero, le risultanze che confermano l omicidio o depongono per il suicidio). Il DL 28 luglio 1989 n.271 dispone: Se per la morte di una persona sorge sospetto di reato, il procuratore della Repubblica accerta la causa della morte e, se lo ravvisa necessario, ordina l autopsia secondo le modalità previste dall articolo 360 del c.p.p 1, ovvero fa richiesta di incidente probatorio 2 dopo avere compiuto le indagini occorrenti per l identificazione. Per l esecuzione dell autopsia il medico deve attenersi alle istruzioni sulla ricerca medico-legale delle autopsie giudiziarie che consta di tre parti: l ispezione esterna, che contiene la descrizione degli indumenti, i caratteri identificativi della persona, i fenomeni cadaverici ( primari e consecutivi) e le lesioni riscontrate; l esame interno, che consiste nell apertura del cranio, torace e dell addome con la descrizione degli organi ivi contenuti. la relazione peritale, che comprende la diagnosi anatomica delle alterazioni riscontrate e la diagnosi medico-legale, in relazione alla causa della morte ed ai quesiti posti dal magistrato. I quesiti posti al medico legale, non solo riguardano la causa, i mezzi di produzione e il tempo della morte ma si estendono ad ogni altra circostanza rilevante. 1 l autopsia è un accertamento tecnico non ripetibile perché compiuto sul cadavere, il cui stato è soggetto a modificazioni derivanti dai fenomeni post-mortali, con alterazione e degradazione dei reperti 2 art. 392 c.p.p meccanismo processuale previsto per introdurre un momento di anticipazione, sin dallo svolgimento delle indagini preliminari, di formazione della prova; tale meccanismo si giustifica per l esigenza di assicurare quelle fonti di prova che,per determinati motivi, rischiano di non pervenire al dibattimento o di pervenirvi in stato di inquinamento 2

3 Circostanze rilevanti, in tutti i casi di omicidio, sono le concause preesistenti o simultanee o sopravvenute, dipendenti o indipendenti del colpevole; sono le modalità di esecuzione del delitto; sono la sopravvivenza per qualche tempo della vittima e le azioni coordinate e coscienti da essa compiute; sono la natura insidiosa del mezzo letifero o il suo impiego in modo tormentoso o crudele; sono le risultanze che confermano l omicidio o depongono per il suicidio spontaneo o istigato o fanno concludere per disgrazia accidentale; sono altresì, le condizioni fisiche della vittima, minorate o da ostacolare la difesa. Nel caso di omicidio da arma da fuoco, ad esempio, le circostanze rilevanti riguardano: l identificazione dell arma; la distanza di sparo; la direzione ed il numero dei colpi; la successione degli spari e quali di essi risultano mortali; il riconoscimento delle polveri usate; la posizione reciproca della vittima e dell omicida al momento del fatto; la causale dell omicidio. Nel caso di veneficio invece occorre stabilire: la natura della sostanza tossica responsabile della morte; la via di somministrazione, la quantità somministrata; il veicolo col quale il veleno è stato introdotto nell organismo, la via di eliminazione, il tempo e il luogo dove è avvenuta l assunzione del veleno. Nel caso di infanticidio si pongono problemi del tutto particolari che riguardano: la dimostrazione della vita del feto durante o dopo il parto; l accertamento e la durata della vita autonoma; la vitalità ed il grado di sviluppo del neonato; le cause della morte e quali siano state, in caso di morte violenta, i mezzi che l hanno provocata. Nel caso di incidenti stradali necessita accertare la dinamica dell incidente; identificare il veicolo investitore; stabilire il meccanismo della morte e quello delle singole lesioni riscontrate; reperire materiali biologici sul veicolo (sangue ) e materiali estranei sulla vittima (tracce di asfalto, di terra ); determinare il contenuto di alcool nel sangue del cadavere in relazione ad un eventuale stato di ubriachezza della vittima; accertare, infine, la presenza di processi morbosi che possano aver cagionato nella vittima un improvviso malore ed essere stati in tutto o in parte responsabili dell incidente. 3

4 L accertamento della causa della morte si basa sui risultati dell autopsia, interpretati alla luce delle nozioni dell anatomia patologica, della traumatologia, della tossicologia ( scienza che studia i veleni) e dell asfissiologia. Il medico si avvale altresì delle ricerche complementari di istologia ( scienza che studia i tessuti) e di tossicologia (scienza che studia i veleni) ed utilizza anche le risultanze del sopralluogo e dell istruttoria giudiziaria elaborando infine la sintesi conclusiva e la risposta ai diversi quesiti Definizioni: L omicidio in senso proprio è quello comune, doloso o colposo, quando non ricorrono circostanze aggravanti. L assassinio è l uccisione di un uomo mediante un azione vile, ed è sempre aggravato e punito con pene più severe. Si definisce veneficio l uccisione dolosa di una persona mediante il veleno e, per l insidiosità del mezzo utilizzato, è considerato un omicidio aggravato. Il termine parricidio, che inizialmente significava l uccisione del pater familias, più comunemente viene utilizzato per indicare l uccisione tra ascendenti o discendenti. L uccisione del coniuge è detta uxoricidio, quella del fratello o della sorella è detta fratricidio, mentre la criminologia attuale definisce come femicidio l uccisione di soggetto di sesso femminile e figlicidio l uccisione del figlio. Gli omicidi possono essere altresì definiti in base al numero di vittime coinvolte nell atto omicidiario. Si definisce omicidio singolo quando l omicida effettua un uccisione casuale o premeditata di una singola vittima, e nel caso in cui il soggetto compia un altro omicidio a distanza di tempo, per poterlo considerare ancora come atto singolo, non deve configurarsi alcun tipo di nesso (di movente, di causa etc.) con il primo evento delittuoso. Una classificazione degli omicidi multipli, che coinvolgono quindi più vittime, è stata proposta nel 1986 dall FBI (Federal Bureau of Investigation) e comprende: omicidio doppio: in cui ci sono due vittime nello stesso luogo, nello stesso tempo -omicidio triplo: in cui ci sono tre vittime coinvolte contemporaneamente nell atto delittuoso -mass murder: in cui ci sono quattro o più vittime, in identità di luogo e di tempo 4

5 - spree murder: caratterizzato da due o più vittime coinvolte in un unico evento criminale, anche se in luoghi diversi ed in un lasso di tempo breve (dell ordine di ore). -serial murder: caratterizzato invece da tre o più vittime, uccise attraverso atti delittuosi separati, correlato al fenomeno del cooling-off cioè il godimento psicologico dell omicida attraverso la fantasia compulsiva basata sui precedenti delitti.. I moventi più disparati spingono all atto omicidiario, tra i quali ricordiamo quelli di più frequente riscontro nelle cronache quotidiane quali l appropriazione di ricchezze (ad esempio in corso di rapina), il successo personale, l etero- aggressività o l istigazione da parte del branco, la vendetta, la gelosia, l odio, la pulsione sessuale non controllata i motivi ideologici o religiosi, le patologie psichiatriche o la difesa da un aggressione. La fenomenologia dell omicidio studia le distribuzione e la frequenza del delitto per territorio ed epoche di tempo,esamina le caratteristiche degli autori e delle vittime e i rapporti che li vincolano, inoltre analizza le motivazioni e le modalità di esecuzione materiale del fatto stesso. L omicidio nel diritto Come precedentemente ricordato, l omicidio è annoverato tra i delitti contro la vita e dal punto di vista dell elemento soggettivo di reato, il Codice penale ne distingue tre figure: l omicidio doloso, l omicidio preterintenzionale e l omicidio colposo. Altre fattispecie considerate, per la loro peculiarità sono: l infanticidio e feticidio, l omicidio del consenziente, la morte conseguente ad altro delitto, l istigazione al suicidio. L omicidio doloso o volontario è così sanzionato dal codice penale: Chiunque cagioni la morte di un uomo è punito con la reclusione non inferiore ad anni ventuno (art. 575). Scopo della tutela è la vita umana e soggetto passivo del delitto è la persona vivente, quali che siano le sue qualità. Gli elementi costitutivi dell omicidio doloso sono tre ed in particolare 1. l intenzione di uccidere, 2. l uso di mezzi idonei per uccidere 3. l effetto letale con essi ottenuto. 5

6 L elemento psicologico di tale fattispecie delittuosa consiste nell intenzione di cagionare la morte altrui, come conseguenza preveduta e voluta della propria condotta (c.d. animus necandi). La volontarietà dell omicidio può essere altresì provata da una serie di elementi quali il tipo di arma utilizzata, la lesività verso parti vitali del corpo della vittima, le caratteristiche ed il numero delle lesioni. Il fatto materiale dell omicidio si compone di due elementi: l azione adeguata che può essere positiva (commissiva) o negativa (omissiva) e l evento. L omicidio si configura come un reato a forma libera poiché le modalità ed i mezzi impiegati possono essere di qualsiasi specie, purchè idonei da soli (idoneità assoluta) o in sinergismo con altre cause (idoneità relativa) a determinare l evento. I mezzi usati per commettere il delitto in questione possono essere materiali (armi bianche, da fuoco, asfissie ), morali (trauma psichico violento ad un soggetto cardiopatico), diretti o indiretti, a seconda che vengano usati per contatto immediato con la vittima o lasciati agire da sé.(es. provocare la morte di un minore esponendolo a basse temperature). La morte è l evento che segna il momento consumativo del delitto di omicidio la cui mancanza fa sussistere il reato di tentato omicidio. L omicidio risulta aggravato quando si agisce per motivi abietti o futili, quando si adoperano sevizie verso le persone, se vi è stata premeditazione, se il fatto è commesso contro l ascendente o il discendente, se si adopera un mezzo venefico o insidioso (art. 577c.p). In base all art.62 cp, si possono altresì applicare le circostanze attenuanti, qualora si abbia agito per moventi di elevato valore morale e sociale, per reazione in stato d ira, ed il concorso doloso della persona offesa. CIRCOSTANZE AGGRAVANTI Le circostanze aggravanti sono quelle comuni (art.61) e quelle speciali (artt ) che riflettono l elemento psicologico del reato, la modalità dell azione, i mezzi usati, la connessione con altri reati, le qualità del reo, ed i rapporti del reo con la vittima. Le aggravanti speciali, vanno desunte dal coordinamento degli art cp; esse sussistono quando: si abbia agito per motivi abietti o futili, si abbia adoperato sevizie o agito con crudeltà verso le persone, vi è stata premeditazione, il fatto è commesso contro l ascendente o il discendente, sia stato adoperato un mezzo venefico o un altro mezzo insidioso, si è commesso il fatto per eseguirne o occultarne un altro, ovvero per conseguire il prodotto o il profitto ovvero l impunità di un altro reato, il fatto è commesso dal latitante per sottrarsi all arresto, alla cattura, o alla carcerazione, ovvero per procurarsi i mezzi durante la latitanza, il fatto è commesso dall associato a delinquere per sottrarsi all arresto, alla 6

7 cattura o alla carcerazione, il fatto è commesso nell atto di compiere violenza sessuale, il fatto è commesso contro il coniuge, il fratello o la sorella, il padre o la madre adottivi, il figlio adottivo o contro un affine in linea retta. La pena per l omicidio doloso semplice è dai 21ai 24 anni; La pena è della reclusione dai 24 a 30 anni se il fatto è commesso contro il coniuge,il fratello o la sorella, il padre o la madre adottivi, o il figlio adottivo. Si applica la pena dell ergastolo se il fatto è commesso: contro l ascendente o il discendente,con mezzo insidioso, con premeditazione. Tra tutte le aggravanti quelle che riguardano più da vicino la medicina legale sono la premeditazione e l uso di mezzi venefici o insidiosi. La premeditazione: è un aggravante soggettiva che riguarda l elemento psicologico dell omicidio ed esprime la maggiore intensità del dolo. La premeditazione consiste nel meditare, nel preparare l uccisione di un uomo prima di effettuarla e si ha quando il reo ha dimostrato continuità e perseveranza nel proposito criminoso (elemento ideologico) e quando è intercorso un lasso di tempo apprezzabile tra risoluzione ed attuazione, nell attesa o nella ricerca del momento più opportuno per realizzare l intento (elemento cronologico); tale durata in termini minimi non è determinabile con esattezza, in quanto si richiede che il reo, nell intervallo tra determinazione ed esecuzione del delitto, abbia avuto modo di riflettere (sez.i 91/ ). La premeditazione presuppone un accurata preordinazione dei mezzi del delitto (macchinazione); non occorre invece la freddezza del calcolo o la pacatezza d animo, come ritenevano i classici. Secondo la Suprema Corte sono necessari entrambi gli elementi,(ideologico e cronologico) i quali, completandosi ed arricchendosi reciprocamente, concorrono a concretare la particolare intensità e qualità del dolo richiesto per la premeditazione, (sez.i 87/176340). In tema di premeditazione, per la ricorrenza dell elemento cronologico è necessario che tra l insorgenza e l attuazione del proposito criminale sia intercorso un apprezzabile lasso di tempo. 7

8 Uso di mezzi venefici o insidiosi Mezzo venefico: è ogni sostanza dotata di azione tossica; esso è potenzialmente insidioso, poiché avendo la proprietà di essere solubile, può essere somministrato di nascosto con cibi e bevande traendo in inganno la vittima. Gli altri mezzi insidiosi impiegati per l omicidio sono le colture di batteri o di virus patogeni propinate con cibi o bevande; l uso di trabocchetti, esplosivi occultati, armi di fantasia, e così via. L insidiosità dipende non tanto dalla natura del mezzo usato, quanto dalle modalità fraudolente dell impiego, tali da sorprendere la vittima senza darle modo di difendersi e agevolare così il conseguimento del fine criminoso. Fatti aggravanti, perché dotati d insidiosità o perché denotano premeditazione, sono l agguato, ossia l attesa della vittima in un luogo per il quale essa dovrà passare; la prodizione, cioè l attirare la vittima in un luogo opportuno carpendone la buona fede, e il mandato, che consiste nel dare ad altri l incarico di uccidere in propria vece. 8

9 L omicidio preterintenzionale L omicidio preterintenzionale viene così sancito dall art.584 cp chiunque con atti diretti a commettere uno dei delitti preveduti dagli artt.581 (percosse) 3 e 582 (lesione personale) 4, cagiona la morte di un uomo. Esso consiste perciò nell uccisione non voluta di un uomo cagionata da atti volontari di percosse o lesioni personali.(es. a seguito di una rissa un uomo cade a terra colpendo la testa e muore). E un delitto punito con la reclusione dai 10 ai 18 anni. Differiscono dall omicidio doloso l elemento soggettivo e la condotta, poiché in quello preterintenzionale la volontà è solo quella di percuotere o di ledere. Per la sussistenza del reato occorrono due condizioni: Una condotta diretta a commettere il delitto di percosse o di lesione personale Un rapporto di causalità tra la morte della persona e gli atti diretti a percuotere o ledere. Ne consegue che l indagine sugli atti compiuti e sui mezzi adoperati deve dimostrare, da un lato, che vi era stata l intenzione di ledere o di percuotere, dall altro il nesso causale con i mezzi adoperati peraltro non idonei a cagionare la morte(pugno). Occorre tenere distinto l omicidio preterintenzionale dalla morte conseguente ad altro delitto (art586) poiché questa deriva da un delitto diverso dalle percosse o dalla lesione personale. Il delitto si consuma nel luogo e nel momento in cui avviene la morte della vittima. Il tentativo di omicidio preterintenzionale non è possibile perché, non verificandosi la morte, il colpevole risponde solo del delitto meno grave (percossa o lesione). Il delitto è aggravato (at.585) quando ricorre alcuna delle circostanze previste per l omicidio doloso (art ) e quando il fatto è commesso con armi, con sostanze corrosive, o con materiali esplodenti. E altresì aggravato quando ricorrono le aggravanti comuni dell art.61 in quanto applicabili. 3 Art 581- Percosse- Chiunque percuote taluno, se dal fatto non deriva una malattia nel corpo o nella mente, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a 309. Tale disposizione non si applica quando la legge considera la violenza come elemento costi- tutivo o come circostanza aggravante di un altro reato. 4 Art Lesione personale Chiunque cagiona ad alcuno una lesione personale, dalla quale deriva una malattia nel corpo o nella mente è punito con la reclusione da tre mesi a tre anni. Se la malattia ha una durata non superiore a venti giorni e non concorre alcuna delle circostanze aggravanti previste negli artt. 583 e 585 c.p, il delitto è punibile a querela della persona offesa 9

10 L omicidio colposo Consiste nel cagionare, per colpa, la morte di una persona (art.589c.p). Questo delitto si riscontra sempre più frequentemente, soprattutto correlato con casi di malpractice in campo medico. L elemento psicologico è la volontarietà della condotta colposa, dovuta a imprudenza o negligenza oppure alla trasgressione di norme statuite, da cui deriva l evento mortale non voluto, sebbene prevedibile ed evitabile con una diversa condotta. La condotta colposa si manifesta in numerose forme delle attività umane, in particolare, violando i regolamenti del traffico stradale o le norme di prevenzione contro gli infortuni sul lavoro, oppure compiendo errori nell esercizio delle attività professionali specialmente in quelle sanitarie. La pena statuita dal Codice per l omicidio colposo, che è la reclusione da 6 mesi a 5 anni, è stata aumentata da 1 a 5 anni quando il fatto è commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale o di quelle per la prevenzione degli infortuni sul lavoro (legge 11 maggio1966 n.296). L omicidio colposo è aggravato quando ricorrono le circostanze aggravanti comuni, purchè applicabili, dell art.61, tra cui quella particolare dell aver agito nonostante la previsione dell evento (colpa cosciente). E chiaro che all omicidio colposo non si possono estendere le aggravanti degli artt che riguardano solo l omicidio doloso. 10

11 Il delitto tentato L iter criminis che porta alla risoluzione criminosa è caratterizzato dal susseguirsi di diverse fasi: la fase dell ideazione, la fase dell esecuzione la fase della consumazione e realizzazione dell evento. Nei reati di evento ( omicidio), la consumazione presuppone, oltre al compimento dell azione, anche la produzione dell evento; nel caso di omicidio la fattispecie ricorrerà solo nel momento in cui si verifica la morte di un uomo. Sul piano penale il delitto tentato rappresenta un delitto di minor grado, ma ma costituisce un titolo autonomo di reato, essendo un delitto perfetto dal punto di vista strutturale. Nel delitto tentato l evento finale non si realizza o circostanze indipendenti dalla volontà del soggetto agente (delitto tentato), oppure l azione giunge a compimento senza però produrre l evento richiesto per la sussistenza di reato. (delitto mancato) Il Codice vigente all art.56 sancisce: Chi compie atti idonei diretti in modo non equivoco a cagionare un delitto, risponde del delitto tentato, se l azione non si compie o l evento non si verifica (art.56). Atto è l impiego del mezzo, ad un mezzo in astratto idoneo può corrispondere un atto inidoneo o viceversa; ad esempio uno spillo può risultare idoneo a uccidere se applicato ad un emofiliaco. Univocità degli atti:secondo la concezione soggettiva, indicherebbe l esigenza che in sede processuale sia raggiunta la prova del proposito criminoso. Gli elementi costitutivi del delitto tentato sono due: quello psicologico, rappresentato dall intenzione di commettere il delitto, e quello materiale, estrinsecato da un azione imperfetta, incompleta o incompiuta messa in atto per raggiungere lo scopo prefissato. I requisiti che contraddistinguono il tentativo di reato sono rappresentati dalle caratteristiche dell azione che deve essere: univoca e diretta in modo non equivoco a commettere il delitto tipica e conforme al modello legale previsto per ciascun delitto, idonea a produrre l evento e siano posti in opera atti o mezzi che fanno prevedere come certa o probabile la realizzazione dell evento. Si ha inidoneità assoluta quando l azione è di per sé incapace di produrre l evento; l inidoneità assoluta esclude il tentativo punibile e fa sussistere il reato impossibile (es.somministrare una sostanza innocua credendola veleno). Si ha inidoneità relativa quando l azione avrebbe attitudine a produrre l evento, ma questo manca per circostanze che hanno fatto fallire il successo; l inidoneità relativa lascia sussistere il tentativo punibile. 11

12 Il Codice penale prevede il tentativo solo per i delitti, escludendo che possa esservi il tentativo di contravvenzione; lo prevede unicamente per i delitti dolosi data l impossibilità logica del tentativo colposo o preterintenzionale, in quanto la colpa si connota per l assenza della volontà delittuosa, mentre nel delitto preterintenzionale se il soggetto passivo sopravvive, la responsabilità rimane circoscritta al delitto di lesione o percosse. PERICOLOSITA DEGLI ATTI: è un elemento ulteriore che integra e meglio caratterizza l azione del tentativo, la quale diventa pericolosa quando siano posti in opera atti o mezzi che fanno prevedere come certa o probabile la realizzazione dell evento. 12

13 Il nostro codice contempla forme attenuate di omicidio doloso, che considera come figure autonome di reato; esse sono: Infanticidio o feticidio in condizioni di abbandono morale o materiale art. 578 c.p. Omicidio del consenziente art.579 c.p (eutanasia) Istigazione o aiuto al suicidio art. 580 c.p. La normativa penale dell infanticidio L art.578 del Codice penale, che prevedeva l infanticidio per causa d onore( l azione doveva essere compiuta al fine di evitare il disonore causato dalla notorietà della gravidanza illegittima ), è stato così modificato dalla legge 5 agosto 1981, n.442, sotto la rubrica di infanticidio in condizioni di abbandono materiale e morale La madre che cagiona la morte del proprio neonato immediatamente dopo il parto, o del feto durante il parto, quando il fatto è determinato da condizioni di abbandono materiale e morale connesse al parto, è punita con la reclusione da 4 a 12 anni. Trattasi di un delitto contro la vita, ma diverso dall omicidio, costituito dai seguenti elementi: L intenzione di uccidere L avere agito in condizioni di abbandono materiale e morale connesse al parto (letteralmente significa lo stato della persona lasciata sola, priva di aiuto, bisognosa di soccorso e di assistenza.entrambe le condizioni devono sussistere al momento del fatto, essendo presupposto del reato. L avere usato mezzi idonei a produrre la morte del neonato o del feto L essersi verificata la morte del prodotto del concepimento in conseguenza dei mezzi adoperati. Si distinguono due forme: L INFANTICIDIO che consiste nell uccisione del neonato immediatamente dopo il parto;per neonato s intende l essere umano completamente espulso, anche se unito ancora alla madre dal cordone ombelicale. IL FETICIDIO che consiste nella soppressione del feto durante il parto, prima che egli abbia iniziato la vita extrauterina. Il soggetto attivo è soltanto la madre, che uccide il figlio appena nato o mentre sta nascendo, perciò si tratta di un reato esclusivo o proprio, che non può essere commesso da altre persone, ad esempio da un prossimo congiunto della donna, che risponderebbe di omicidio comune. 13

14 L elemento psicologico richiede un dolo generico, consistente nella coscienza e nella volontà della madre di sopprimere il proprio neonato o il proprio feto nascente, essendo consapevole di trovarsi in una condizione di abbandono materiale e morale. Il fatto materiale si estrinseca con una condotta commissiva od omissiva e con l impiego di mezzi idonei, che possono essere di varia natura. Secondo un autorevole dottrina si è ritenuto che l infanticidio, nella nuova formulazione, sia da considerare non già un delitto a sé stante, bensì una specie di omicidio volontario e ciò per due motivi: la soppressione della causa d onore la pena prevista per il concorrente, pari a quella dell omicidio volontario. Tuttavia, l autonomia dell infanticidio resta caratterizzata dalla diversa rubrica del reato, dallo stato di abbandono della madre e dall azione delittuosa vincolata ad un preciso momento, cioè in circostanza del parto. La consumazione del delitto coincide con la morte del feto nascente o del neonato. Rispetto all infanticidio, che è la forma più comune di soppressione dolosa del prodotto di concepimento, il feticidio è un evento raro e limitato a quei casi in cui la madre uccida il feto appena questi ha disimpegnato la testa, mediante traumi inferti al cranio o con la costrizione esercitata sul collo, prima che sia completata la sua espulsione. Per l infanticidio, invece, occorre, che l uccisione avvenga immediatamente dopo il parto. Di solito, la madre cerca di liberarsi subito del figlio, ma può accadere che essa, rimasta priva di sensi, a seguito del travaglio del parto, uccida il neonato qualche tempo dopo la sua espulsione, appena ripresa la conoscenza. Occorre precisare che l immediatezza riguarda l azione e non l evento, perciò sussiste l infanticidio anche quando la morte del neonato accada a distanza di tempo dalla nascita, se questo ad esempio venga chiuso in uno spazio confinato appena partorito e venga a morte più tardi per asfissia lenta. Il c.p. all articolo 578 c.p regola il concorso di persone nel reato, distinguendo due ipotesi: per coloro che concorrono nel fatto si applica la reclusione non inferiore ad anni 21, pena identica a quella comminata per l omicidio doloso comune; per coloro che hanno agito allo scopo di favorire la madre, la pena può essere diminuita da un terzo a due terzi, che nel minimo può scendere a 7 anni di reclusione. Il diverso trattamento è basato sulla cooperazione prestata all infanticida, secondo che il concorrente abbia agito disinteressatamente per favorire la madre in stato abbandono, ovvero abbia concorso per un motivo diverso, ad esempio a scopo di lucro. 14

15 All infanticidio non si applicano le circostanze aggravanti stabilite dall art.61 c.p (motivi abietti o futili, sevizie o crudeltà, infante privo di difesa) e ciò per espressa disposizione di legge. Non si applicano neppure quelle speciali contemplate dagli articoli 576 e 577 c.p, perché l infanticidio è un delitto autonomo rispetto all omicidio. Sono ammesse le attenuanti comuni e generiche che siano compatibili con la fattispecie delittuosa in esame. L infanticidio può concorrere col delitto di soppressione o di occultamento del cadavere del neonato (art.411 e 412, c.p.). Vitalità del neonato Nel reato di infanticidio, assume notevole importanza sia in campo medico-legale e di conseguenza giuridico, la dimostrazione della vitalità del neonato quindi dell eventuale durata della vita autonoma e delle cause della morte. L elemento sostanziale che definisce il reato di infanticidio è, la vitalità del neonato cioè l attitudine del nato al proseguimento della vita autonoma, dopo il completo distacco dall organismo materno. Dal punto di vista medico-legale, in caso di sospetto di infanticidio, risulta di primaria importanza la ricerca nel nato dei segni o prove di vita autonoma, le cosiddette docimasie (termine di origine greca che significa dimostro, sono appunto delle dimostrazioni della vita autonoma del nuovo nato che è appena iniziata. Mediante l ispezione dei polmoni.) La funzione primariamente indagata è quella respiratoria, che inizia alcuni secondi dopo la nascita, immediatamente dopo un breve periodo di apnea fisiologica. Gli accertamenti medico-legali effettuati in sede di autopsia hanno il fine di accertare l avvenuta respirazione da parte del nato, possono essere diretti (docimasie respiratorie polmonari) 5 o indiretti 5 Le docimasie respiratorie polmonari sono caratterizzate dell esame dei polmoni del neonato, sia dal punto di vista macroscopico esterno ed interno che microscopico, effettuato con tecniche differenti. --Docimasia radiologica: consiste nel sottoporre il cadavere del neonato, a torace chiuso, ad un esame radiologico dei campi polmonari, per evidenziare alcune modificazioni caratteristiche dell avvenuta respirazione (es. trasparenza ed espansione polmonare, abbassamento del diaframma ) -Docimasia ottica: consiste nella minuziosa osservazione della superficie polmonare effettuata ad occhio nudo o con l ausilio di una lente di ingrandimento. Il polmone che ha respirato ha un colorito roseo, una consistenza soffice, di aspetto espanso con superficie vescicolare per la presenza di bollicine di aria negli alveoli; il taglio del tessuto produce un rumore crepitante e determina la fuoriuscita di liquido schiumoso bianco rosaceo. Contrariamente, il polmone del neonato che non ha respirato, si presenta di colorito rosso scuro, di consistenza compatta, di aspetto 15

16 (docimasie respiratorie extrapolmonari) 6,volte ad evidenziare le differenze tra la struttura e l aspetto dei polmoni che hanno respirato e quelli che non hanno respirato. Cause di morte del feto o neonato: Nel reato di infanticidio si considerano soprattutto le cause delittuose, rappresentate in massima parte da traumi violenti (traumi cranici, lesioni da precipitazione, ferite penetranti), da asfissia indotta come nei casi di strangolamento, strozzamento, soffocamento o annegamento, o da abbandono del neonato a condizioni atmosferiche sfavorevoli. parenchimatoso ; il taglio del tessuto non determina alcun rumore e sovente si ha la fuoriuscita di sangue contenuto nei capillari. - Docimasia idrostatica: consiste nel prelevare in toto, il complesso cuore-polmoni, dopo avere effettuato la legatura della trachea, ed immergerlo in acqua, quindi osservare il fenomeno di galleggiamento. I polmoni che hanno respirato, insufflati di aria, galleggiano nell acqua, avendo un peso specifico inferiore a quest ultima, contrariamente ai polmoni fetali parenchimatosi che tendono ad affondare. Successivamente, si ripete l esame sui polmoni separati e su parti di essi. Esistono tuttavia alcune circostanze che possono alterare il risultato dell indagine stessa, come ad esempio la ventilazione assistita in corso di manovre rianimatorie (che peraltro esclude il delitto di infanticidio) o il fenomeno postmortale della putrefazione che induce un aumento di gas, determinando galleggiamento anche in polmone fetale. - Docimasia istologica: l esame microscopico di sezioni tissutali polmonari è di fondamentale importanza, potendo evidenziare nel polmone che ha respirato, la dilatazione delle cavità alveolari, con i setti di divisione sottili e distesi, l appiattimento delle cellule epiteliali oltre che la completa apertura del lume bronchiale. Nel polmone fetale, invece, le cavità alveolari, non distese dall insufflazione di aria presentano un aspetto a fessura, con setti molto spessi e cellule epiteliali di rivestimento di forma cubico-cilindrica, inoltre sono presenti detriti cellulari amorfi nel lume ristretto delle vie aeree. 6 Le docimasie respiratorie extrapolmonari si basano sulla dimostrazione dell aria inspirata nello stomaco e nell intestino (docimasia gastro-intestinale), e nell orecchio medio a livello della cavità del timpano (docimasia auricolare). Possono essere eseguite altre prove, che tuttavia possono assumere un significato, a volte, incostante: -Docimasia alimentare: consiste nella ricerca nel tubo digerente del neonato di alimenti ingeriti o digeriti; -Docimasia batteriologica:consiste nel ricercare, a livello intestinale, sterile nella vita fetale, la presenza di colonie del battere Escherichia Coli. -Docimasia renale: consiste nel ricercare, a livello tubulare renale, cristalli di acido urico. 16

DELITTI CONTRO LA VITA

DELITTI CONTRO LA VITA DELITTI CONTRO LA VITA Omicidio doloso Omicidio colposo Omicidio preterintenzionale Omicidio del consenziente Morte conseguente ad altro delitto Istigazione o aiuto al suicidio infanticidio OMICIDIO DOLOSO

Dettagli

Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria

Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria 1. Referto 2. Denuncia di reato REFERTO IL REFERTO E L ATTO SCRITTO CON IL QUALE L ESERCENTE UNA PROFESSIONE SANITARIA RIFERISCE ALL AUTORITA GIUDIZIARIA

Dettagli

dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA

dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA dott. Daniel Segre I PRINCIPI GIURIDICI DELL AUTODIFESA OBIETTIVI DEL CORSO MGA PARTE GIURIDICA Conoscere il quadro giuridico Riconoscere l ambito della legittima difesa Difendersi dalle leggi Evitare

Dettagli

La tipologia dei reati in materia di Igiene e Sicurezza del Lavoro

La tipologia dei reati in materia di Igiene e Sicurezza del Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI v.le Mameli, 72 int. 201/C - 0721.403718 v.le Mameli, 72 int. 201/C - 0721.403718 61100 :andreani@pesaro.com 61100 :andreani@pesaro.com La tipologia dei reati in materia

Dettagli

Omissione di referto

Omissione di referto Omissione di referto Art. 365 c.p. Chiunque, avendo nell esercizio di una professione sanitaria prestata la propria assistenza o opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto per il quale

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l. IL 30/06/2009 PARTE SPECIALE C 1.1

Dettagli

Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE. Avv. Ramona Lucchetti

Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE. Avv. Ramona Lucchetti Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE Avv. Ramona Lucchetti D.Lgs n. 81/2008 D.Lgs n. 106/2009 SINERGIA LEGISLATIVA NELLA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SINERGIA DEI SOGGETTI INTERESSATI ALLA

Dettagli

Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale.

Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale. ARPA EMILIA-ROMAGNA Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale. Selezione pubblica per collaboratore amministrativo professionale (Cat. D) A cura

Dettagli

di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli

di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli L ANZIANO MALTRATTATO NEL CONTESTO FAMILIARE. OBBLIGHI E DOVERI DELL ASSISTENTE SOCIALE di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli Studi didip

Dettagli

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio NOTE SU obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio 1 È previsto dall art 365 codice penale quale delitto

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini Con l allocuzione di responsabilità in medicina si intende la consapevolezza dell impegno assunto o di un comportamento, correlata alle funzioni

Dettagli

Codice Penale art. 437

Codice Penale art. 437 Codice Penale art. 437 TITOLO VI Dei delitti contro l'incolumità pubblica Dei delitti di comune pericolo mediante violenza Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro. [I]. Chiunque

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

PARTE PRIMA DEI REATI IN GENERALE

PARTE PRIMA DEI REATI IN GENERALE PARTE PRIMA DEI REATI IN GENERALE GUIDA Sezione Prima. DIRITTO PENALE E LEGGE PENALE. Sezione Seconda. IL REATO. Sezione Terza. LE FORME DI MANIFESTAZIONE DEL REATO. Sezione Quarta. LE SANZIONI PENALI.

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV.

SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV. SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV.MAURO DALLA CHIESA TENTATO OMICIDIO A SCOPO DI RAPINA VITTIMA AGGRESSORE direttore punto

Dettagli

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO Le informazioni sono state fornite dal Ministero della Promozione Femminile

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5579 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONGIORNO, CARFAGNA Modifiche agli articoli 576 e 577 del codice penale, in materia di circostanze

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE CONSENSO INFORMATO Partecipazione attiva del soggetto malato Rapporto Medico Paziente a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE Conoscenza del proprio stato di salute Conoscenza delle

Dettagli

La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici

La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici Il regolamento di polizia mortuaria - DPR 285/1990 La legge n.31/2006 Legge SIDS Scopo della relazione è 1) analizzare i rapporti tra Autorità

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Con la legge n. 189/2004 è stato introdotto nel Codice Penale il TITOLO IX-BIS DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI il quale modifica

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI PROCURA della REPUBBLICA Presso il TRIBUNALE per i minorenni di TORINO LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI Codice di procedura penale Il regolamento di polizia mortuaria - DPR 285/1990

Dettagli

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE Consuela Cigalotti Possono aver luogo in momenti diversi nel complesso iter in cui si articola il procedimento penale. INDAGINI PRELIMINARI

Dettagli

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di 1 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di controllo del settore doganale. Il nuovo testo è stato

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

CENNI DI LEGISLAZIONE

CENNI DI LEGISLAZIONE CENNI DI LEGISLAZIONE L articolo 593 del Codice Penale prescrive, in via generale, che ogni cittadino che trovi un corpo umano inanimato o una persona ferita o altrimenti in pericolo, deve prestare l assistenza

Dettagli

L attuale situazione normativa in Italia

L attuale situazione normativa in Italia L attuale situazione normativa in Italia Eutanasia e suicidio assistito Rifiuto dei trattamenti sanitari Testamento biologico Cure palliative Avv. Nicola Menardo Grande Stevens Studio Legale Associato

Dettagli

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1.1 Attività di consulenza e gestione

Dettagli

Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it

Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it Corso integrato: MEDICINA LEGALE Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it Programma: Definizione della medicina legale; Metodologia medico-legale;

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

1 I principi fondamentali del diritto penale italiano

1 I principi fondamentali del diritto penale italiano Nozioni generali di diritto penale Sommario I principi fondamentali del diritto penale italiano. 2 Il reato in genere. 3 L elemento oggettivo del reato. 4 Il momento perfezionativo e consumativo del reato.

Dettagli

PERICOLO o FATTORE DI RISCHIO

PERICOLO o FATTORE DI RISCHIO Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Definizione parole-chiave MODULO B Unità didattica A3-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 PERICOLO o FATTORE DI

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione VII. Sicurezza e salute sul lavoro

PARTE SPECIALE Sezione VII. Sicurezza e salute sul lavoro PARTE SPECIALE Sezione VII Sicurezza e salute sul lavoro PARTE SPECIALE Sezione VII Sommario 1.Le fattispecie dei reati presupposto (Art. 25 septies D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 4 3.Regole

Dettagli

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE . DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Moderna definizione della DEONTOLOGIA Strumento di informazione e guida permanente nell esercizio professionale, diretto sin dalla preparazione universitaria a realizzare una

Dettagli

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE PRINCIPIO DI CUI ALL ART. 32 COSTITUZIONE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA GRAZIE PER AVER SCARICATO LA MIA GUIDA ALLA GESTIONE DELLE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA QUESTA GUIDA,

Dettagli

1 - L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA. ELEMENTI DI ETICA MEDICA E IL CODICE DEONTOLOGICO

1 - L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA. ELEMENTI DI ETICA MEDICA E IL CODICE DEONTOLOGICO Indice INTRODUZIONE..................................................... XI Capitolo 1 - L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA. ELEMENTI DI ETICA MEDICA E IL CODICE DEONTOLOGICO Generalità............................................................

Dettagli

La relazione di cura

La relazione di cura La relazione di cura Il valore della corretta informazione al paziente, del consenso e del dissenso informato. Lecco 31-10-09 a cura di S. Fucci - Giurista e Bioeticista sefucci@tiscali.it LA LIBERTÀ DEL

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso integrato: MEDICINA E SANITA PUBBLICA 2 Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Prof. Mario PICOZZI Recapito: mario.picozzi@uninsubria.it Orario ricevimento: Da concordare via email con il docente Programma:

Dettagli

Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici

Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici avv. Mauro Crosato Presidente ASFO triveneto. Padova, 7 luglio 2015 Tipi di responsabilità Responsabilità penale; Responsabilità

Dettagli

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE Informativa n. 38 del 21 settembre 2011 La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE 1 Premessa... 2 2 Operatività

Dettagli

Pubblico Dipendente colui che

Pubblico Dipendente colui che È Pubblico Dipendente colui che svolge attività a servizio della Pubblica Amministrazione dalla Costituzione Art. 97 I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO ARGOMENTI DELLA LEZIONE IL RUOLO GIURIDICO DEL VOLONTARIO NEL SOCCORSO SANITARIO LE CAUSE DI NON PUNIBILITA (LO STATO DI NECESSITA E IL T.S.O.)

Dettagli

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI P&D.IT La terza sezione della Corte di Cassazione interviene sulla vexata questio

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

I DELITTI CONTRO LA VITA

I DELITTI CONTRO LA VITA SAPIENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FACOLTA DI MEDICINA e ODONTOIATRIA Dipartimento di Neurologia e Psichiatria CATTEDRA DI PSICOPATOLOGIA FORENSE Osservatorio dei Comportamenti e della Devianza Direttore

Dettagli

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA La prova scritta del Concorso di accesso in Magistratura LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA 1. Premessa. 2. La scelta delle tracce da parte della commissione. 3. La correzione delle

Dettagli

FATTI GIURIDICI UMANI: LECITI ILLECITI: A) PENALI B) CIVILI C) AMMINISTRATIVI

FATTI GIURIDICI UMANI: LECITI ILLECITI: A) PENALI B) CIVILI C) AMMINISTRATIVI Corso di MEDICINA LEGALE prof. MAURO BACCI NOZIONI GENERALI DI DIRITTO FATTO O FENOMENO GIURIDICO perdita, acquisto o modificazione di un diritto FATTO GIURIDICO NATURALE indipendente dalla volontà FATTO

Dettagli

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli

2. Definizione di salute pubblica

2. Definizione di salute pubblica 2. Definizione di salute pubblica L individuazione del concetto di salute pubblica è estremamente complesso: il problema infatti non è quello di stabilire l esatta etimologia dell espressione, ma di capire

Dettagli

Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01

Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1) L attivita legale esterna- Outsorcing D impresa Un azienda all avanguardia per migliorare la propria produttività

Dettagli

Ost. Matteo Parro. Servizi Violenza Sessuale - SVS

Ost. Matteo Parro. Servizi Violenza Sessuale - SVS Servizi Violenza Sessuale - SVS Assistenza e Gestione delle Donne Vittime di Violenza VIOLENZA: serie di comportamenti di tipo violento di un uomo su una donna e/o un minore che producono gravi effetti

Dettagli

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA Gruppo Te.M.A. Territoriale Multidimensionale Abuso Il termine Abuso all Infanzia indica ogni forma di violenza fisica e psicologica ai danni

Dettagli

SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI ANNO ACCADEMICO 2014-2015 CORSO DI LAUREA

SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI ANNO ACCADEMICO 2014-2015 CORSO DI LAUREA SCUOLA SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI ANNO ACCADEMICO 2014-2015 CORSO DI LAUREA GIURISPRUDENZA SEDE DI PALERMO MAGISTRALE INSEGNAMENTO MEDICINA LEGALE E DELLE ASSICURAZIONI AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE D: REATI IN TEMA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Approvato dal Consiglio

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE H: REATI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE Dossier n. 113 Ufficio Documentazione e Studi 29 ottobre 2015 IL REATO DI OMICIDIO STRADALE L Aula della Camera ha approvato in seconda lettura il testo unificato che prevede l introduzione del reato di

Dettagli

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale SISTEMA GAROFOLI La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale DIRITTO PENALE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

Dettagli

GIUSTIZIA RIPARATIVA.

GIUSTIZIA RIPARATIVA. GIUSTIZIA RIPARATIVA. Motori di questo approccio originale alla giustizia sono forse due presupposti fondamentali quanto semplici: - l insoddisfazione verso i precedenti modelli di giustizia (retributivo/riabilitativo)

Dettagli

INAIL: Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL: Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Logo INAIL INAIL: Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Detiene le banche dati sugli infortuni sul lavoro e le malattie lavoro correlate Assicura i lavoratori contro gli

Dettagli

CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO

CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO M. Cucci*, A. Migliorini*, E. Caracciolo**, O. Campari* *Istituto di Medicina Legale e delle Assicurazioni dell Università

Dettagli

RESPONSABILITA PENALE MEDICA

RESPONSABILITA PENALE MEDICA RESPONSABILITA PENALE MEDICA Tema antico Se il medico cura alcuno di una grave ferita colla lancetta di bronzo e lo uccide, o gli apre una piaga con la lancetta di bronzo e l'occhio è perduto, gli si dovranno

Dettagli

PARTE PRIMA Medicina legale generale - Metodologia - Semeiotica

PARTE PRIMA Medicina legale generale - Metodologia - Semeiotica Indice delle materie PARTE PRIMA Medicina legale generale - Metodologia - Semeiotica 1. Nozioni preliminari 3 Definizione della medicina legale 3 Partizione della medicina legale 4 Storia della medicina

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

LE ALTRE CATEGORIE DEL DANNO INGIUSTO Consuela Cigalotti DANNO INGIUSTO Secondo la definizione del codice civile è da considerarsi danno ingiusto,, il danno prodotto non iure,, ( comportamento non giustificato

Dettagli

ORGANI DI VIGILANZA E SANZIONI

ORGANI DI VIGILANZA E SANZIONI ORGANI DI VIGILANZA E SANZIONI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Gli organi di vigilanza e controllo Aziende U.S.L. Vigili del Fuoco Ispettorato del lavoro Carabinieri Il ruolo delle Aziende

Dettagli

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari Newsletter 231 n. 3/2014 I reati Tributari 1. Premessa I reati Tributari di cui al D.lgs 10 marzo 2000, n. 74 non sono ancora - contemplati tra i reati presupposto della responsabilità amministrativa degli

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

Il Contratto di Assicurazione

Il Contratto di Assicurazione Il Contratto di Assicurazione Concas Alessandra Il Contratto di Assicurazione, è un contratto mediante il quale una parte, che prende il nome di assicurato, versa all'altra parte, che prende il nome di

Dettagli

SECONDA PROVA ESAME AVVOCATO 2015: PARERE PENALE

SECONDA PROVA ESAME AVVOCATO 2015: PARERE PENALE SECONDA PROVA ESAME AVVOCATO 2015: PARERE PENALE PRIMA TRACCIA Tizio, alla guida della sua autovettura a bordo della quale si trova anche Caio, a causa della eccessiva velocità perde il controllo del veicolo

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX IL NEGOZIO GIURIDICO (PARTE II) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

CORSO ORDINARIO DI PREPARAZIONE ALL ESAME PER AVVOCATO 2014 PROGRAMMA DI DIRITTO CIVILE E PROCEDURA CIVILE

CORSO ORDINARIO DI PREPARAZIONE ALL ESAME PER AVVOCATO 2014 PROGRAMMA DI DIRITTO CIVILE E PROCEDURA CIVILE CORSO ORDINARIO DI PREPARAZIONE ALL ESAME PER AVVOCATO 2014 Il corso si articolerà in appuntamenti teorico-pratici. Verranno analizzati sia casi concreti sia gli istituti generali della parte sostanziale

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1.

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66 NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. 1. Il capo I del Titolo IX del libro secondo e gli articoli 530,

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 11 aprile

Dettagli

Parte I Il delitto di rapina

Parte I Il delitto di rapina INDICE SOMMARIO Capitolo I Premessa... pag. 1 1.1. Elementi comuni alle fattispecie in esame...» 2 1.2. Nozione di patrimonio...» 4 1.3. Altruità della cosa e del danno...» 7 1.4. Profitto e danno...»

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 147 del 03.11.1998 Modificato con delibera

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE

LA TUTELA DELLA SALUTE CAPITOLO I LA TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA 1. Salute e Costituzione L articolo 32 della Costituzione della Repubblica Italiana recita: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo

Dettagli

967 scippi ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 138 nel 2006), ma di considerevoli proporzioni anche nella Capitale (da 269 reati ogni 100 mila abitanti

967 scippi ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 138 nel 2006), ma di considerevoli proporzioni anche nella Capitale (da 269 reati ogni 100 mila abitanti 17. Criminalità L analisi dei dati sulla criminalità relativi al 2006 evidenzia una diffusione di reati nella provincia di Roma significativamente più elevata di quella rilevata complessivamente nel territorio

Dettagli

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101 SISTEMA DISCIPLINARE EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO DI ADOTTATO DA RISORSA SOCIALE GERA D ADDA... 4 2. IL SISTEMA DISCIPLINARE DI RISORSA SOCIALE GERA

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MISURACA, AMATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MISURACA, AMATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6230 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MISURACA, AMATO Nuove norme in materia di responsabilità e di risarcimento per i danni derivanti

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

Legge 5 dicembre 2005, n. 251

Legge 5 dicembre 2005, n. 251 Legge 5 dicembre 2005, n. 251 " Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per

Dettagli

QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE

QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE di Teodoro Lateana Nell attuale sistema normativo, tra le fattispecie di reato aventi natura delittuosa (azioni volontarie che producono

Dettagli

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita ELENCO DELLE

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA concetti di RISCHIO, DANNO, PREVENZIONE E PROTEZIONE protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino -Direzione Territoriale del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELLOTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELLOTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4323 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BELLOTTI Modifiche al testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli