XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XV N. 208

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XV N. 208"

Transcript

1 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica dell anno è sfociato nella nomina del Mobility M anager aziendale, in forza al Servizio Sviluppo Organizzativo e delle Risorse Umane e in una convenzione con l'atac avente decorrenza nell anno successivo. Il progetto ha visto triplicare il numero dei dipendenti abbonati M etrebus ATAC rispetto all anno precedente, proprio grazie agli incentivi mobility. Si è proseguito poi nel costante aggiornamento della collocazione logisticodistributiva del personale nella nuova Sede della Fondazione di Piazza Vittorio con studi e predisposizione delle postazioni lavorative nominative in linea con la reale, dinamica configurazione delle singole unità organizzative. La dinamicità della configurazione è stata conseguenza diretta dei numerosi aggiornamenti dovuti a trasferimenti, assunzioni, cessazioni, promozioni del personale, nonché alle ristrutturazioni organizzative, ciascuno con ripercussioni sulla razionalizzazione dell assetto distributivo, sia dal punto di vista generale che dal punto di vista particolare. Numerosi sono stati le riunioni, i sopralluoghi, nonché le progettazioni grafiche ad hoc, ivi compreso uno studio specifico sugli accessi alla nuova sede con previsione di tornelli vari, il tutto nell intento di agevolare un adeguata e fluida collocazione delle persone nel momento in cui si realizzerà il trasloco dall attuale Sede. Durante l'esercizio 2011 il Servizio Controllo di G estione nell ambito delle proprie com petenze ha svolto le seguenti attività: PIANIFICAZIONE In accordo con il modello di pianificazione definito nel più ampio Sistema Integrato di Controllo Interno, nell esercizio 2011, si è proceduto a censire tutte le attività istituzionali ordinarie di tutta la struttura organizzativa, in tre livelli principali: M acroprocesso - processo e sottoprocesso. La gestione separata delle attività istituzionali straordinarie - Iniziative Speciali - ha impegnato il Servizio Controllo di Gestione, nelle seguenti attività: Presentazione delle proposte alla Direzione Generale per la valutazione riguardo ogni singola Iniziativa: Presentazione in Comitato Esecutivo delle Iniziative approvate e della relativa incentivazione; Ricezione della scheda di programmazione e verifica della congruità delle informazioni con quelle rilevate nella scheda di pianificazione; Gestione di opportuni momenti di controllo e ri-modulazione a Stato Avanzamento Lavori; Richiesta di un SAL finale corredato da una relazione conclusiva da parte del Responsabile dell iniziativa. Gestione dell assegnazione dell incentivo. CONTROLLO Nel corso del 2011, è stato implementato il cruscotto dedicato alla gestione delle Risorse Umane. Il progetto è stato realizzato interam ente con risorse interne. Le attività del Servizio stanno proseguendo con la progettazione di ulteriori cruscotti tematici che interesseranno altri Servizi. Nello specifico si sta provvedendo a reingegnerizzare il cruscotto di monitoraggio dell andam ento del Patrimonio Immobiliare, alla luce dell affidamento di parte del Patrimonio Immobiliare stesso alla nuova Società costituita in house Enpam RE e dell istituzione della nuova Area G estione Patrimonio.

2 C am era dei D eputati S enato della R epubblica GESTIONE DEL RISCHIO Per l annualità 2011, il Servizio Controllo di Gestione, quale struttura preposta al coordinamento relativo alla individuazione, alla valutazione e al monitoraggio dei rischi, ha predisposto le attività tenendo conto di due obiettivi fondamentali: aggiornare le linee di attività della struttura organizzativa; in relazione alle linee guida relative al Sistema Integrato di Controllo per la Fondazione ENPAM è stato deciso di prevedere una rivisitazione delle linee di attività istituzionali ordinarie di ogni Dipartimento/Servizio articolate in una scala a tre livelli rappresentante i macroprocessi, i processi e i sottoprocessi; creare una cultura manageriale orientata al rischio. Come già effettuato nen'annualità 2009, la metodologia adottata, denominata Control Risk Self Assessm ent (CRSA), ha previsto che la gestione dei rischi aziendali parta da una auto-valutazione effettuata da tutto il management aziendale con la sola guida di un soggetto facilitatore (CdG) che abbia il ruolo di fornire omogeneità e sistematicità al processo. Ad ogni responsabile di unità organizzativa è stato chiesto di verificare, per ogni macroprocesso, processo e sottoprocesso, il livello di rischio aziendale ottenuto come valutazione dei rischi eventualmente associabili, la probabilità di accadimento degli stessi e l impatto aziendale. Per ogni tipologia di rischio è stata verificata l esistenza dei controlli in essere, una valutazione dell efficacia degli stessi e delle possibili azioni di miglioramento. I rischi sono stati selezionati da un anagrafica appositamente studiata dal Servizio Controllo di Gestione per la realtà ENPAM ed integrata con i suggerimenti della Struttura organizzativa. Sulla base delle informazioni ricevute, per la valutazione dei rischi, il Servizio sta predisponendo una mappa dei rischi rilevati all interno di tutta la struttura evidenziando le aree maggiormente esposte. CERTIFICAZIONE DI QUALITA ISO 9001:2008 Nell ambito degli strumenti di controllo di tipo ex ante, il Sistema Integrato di Controllo, prevede l applicazione di un Sistema di Gestione della Qualità (SGQ) in accordo con la normativa UNI EN ISO 9001:2008. Allo scopo, il Consiglio di Amministrazione, con delibera n 42 del 24 settembre 2010, ha approvato l istituzione della Funzione Qualità all interno del Servizio Controllo di Gestione, il cui compito precipuo è consentire alla Fondazione Enpam, attraverso un apposito Sistema di Gestione, di svolgere il proprio ruolo istituzionale nel rispetto delle indicazioni nella legislazione italiana. L applicazione del SGQ, implementato, nella sua fase sperimentale, nei Servizi Investimenti Gestione Finanziaria e Controllo di Gestione, è proseguita, per l annualità 2011, nelle seguenti attività: esecuzione degli audit interni dei Servizi certificati; attività propedeutica alla certificazione delle nuove procedure relative al SAT/Call Center da parte dell Organismo internazionale di certificazione Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management - SQS. Attualmente la Funzione Qualità è impegnata nella gestione della fase di implementazione del SGQ concernente: ^ le procedure relative alla nuova Area Gestione Patrimonio istituita ai sensi delibera CdA 28/2011. della

3 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica COMITATO DI CONTROLLO INTERNO Con l obiettivo di una sem pre maggior tutela degli interessi degli iscritti, la Fondazione ha previsto, con delibera n 42 del 24 settem bre 2010 l istituzione di uno specifico Comitato, detto di Controllo Interno, indipendente dallamministrazione, volto al monitoraggio della corretta applicazione del nuovo modello di controllo, an adempimento degli obblighi informativi e all applicazione delle procedure operative nonché di supporto al Servizio Controllo di G estione nella m anutenzione evolutiva dello stesso. Il Servizio si è occupato, nel corso del 2011, di supportare i lavori del Comitato di Controllo Interno fungendo da elem ento di raccordo tra la struttura organizzativa e il Comitato stesso. In particolare, nel 2011, il Servizio ha fornito la propria collaborazione al Comitato al fine di avviare la prima fase di verifica sugli investimenti mobiliari effettuati dalla Fondazione negli ultimi anni, richiesta dalla Presidenza dell Ente. Nel citato esercizio il Servizio ha partecipato a tutti gli incontri programmati. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Per le specifiche com petenze, il Servizio promuove o viene coinvolto dalla struttura, nella progettazione e/o nella realizzazione di attività e progetti interni tipicamente legati all organizzazione aziendale. L obiettivo prefissato è quello di configurare nuove procedure o ottimizzare le esistential fine di standardizzare, in un'ottica di tracciabilità e trasparenza, le attività svolte, nonché a rappresentare un utile guida di riferimento per tutti gli attori coinvolti sia interni che esterni alla Fondazione. Per quanto riguarda le attività dei Servizi Integrativi, si evidenzia quanto segue: In linea generale, il Servizio Relazioni Istituzionali e Servizi Integrativi ha il compito di assistere gli organi della Fondazione nello svolgimento di alcune funzioni istituzionali e relazionali loro proprie, in attuazione delle politiche della Fondazione ste ssa. In particolare al predetto Servizio sono attribuite le seguenti com petenze: assistere gli organi della Fondazione nelle relazioni istituzionali con enti e istituzioni, private e pubbliche, associazioni di categoria ed iscritti; gestire e sviluppare i rapporti della Fondazione con i predetti soggetti per conto della Fondazione ed a beneficio delle attività della stessa; promuovere e sviluppare nuovi servizi dedicati agli associati ed ai dipendenti della Fondazione; coordinarsi con l Area della Comunicazione nell azione di promozione, com unicazione ed informazione a servizio degli organi della Fondazione. Nel seguito, si procede ad un analisi di m aggior dettaglio. Polizza Sanitaria Per quanto riguarda l assistenza sanitaria integrativa in favore degli iscritti an Enpam, l attività è risultata particolarmente com plessa, in quanto, a seguito della decisione assunta dal Consiglio di Amministrazione di voler esternaiizzare per l anno 2012 le attività di gestione inerenti la polizza sanitaria, si è cercato di condurre con diversi broker assicurativi, una trattativa che oltre alla ricerca di una migliore copertura assicurativa possibile per la malattia, prevedesse, a differenza degli anni passati, l assunzione da parte del broker delle attività inerenti la raccolta dei moduli di adesione, l incasso dei premi e la trasmissione alla com pagnia dell elenco degli assicurati.

4 C am era dei D eputati Sen a to della R ep ubblica D urante l an n o 2011 si so n o raccolte le ad esio n e ai d u e Piani sanitari previsti dalla convenzione ENPAM/UNISALUTE, iscritti h anno aderito al Piano S anitario B ase, ch e prev ed ev a la copertura p er i Grandi Interventi Chirurgici e p er i Gravi Eventi M orbosi, piano sanitario se n z a limiti di età, m entre iscritti han n o aderito al Piano Sanitario B ase più Integrativo, aperto solo a coloro che al 31/12/2010 non av ev an o an co ra com piuto 80 anni di età, infine 164 iscritti han n o aderito al Piano Sanitario B ase p er s e stessi (ultraottantenni) e al Piano sanitario B ase più Integrativo p er i loro familiari (under 80 anni). Dal m e s e di settem b re si so n o avviati gli incontri con diversi broker assicurativi e so n o state ap p ro v ate dal Consiglio di A m m inistrazione nel novem bre 2011 d u e convenzioni p er l an n o 2012, una con U nisalute SpA tram ite il broker P revidenza Popolare, l altra con R eale M utua A ssicurazioni tram ite il Broker MGM. Nei m esi di gen n aio e febbraio, dopo diversi incontri con il broker MGM, la F ondazione ha dovuto rinunciare alla sottoscrizione della convenzione con la R eale M utua A ssicurazioni, p er impossibilità del broker MGM di assu m ersi l o n ere form ale di ricevere in prim a p erso n a i moduli di ad e sio n e d a parte degli iscritti Enpam. Il 16/3/2011 è scaduto definitivam ente il term ine p er aderire alla C onvenzione 2012 ed il broker P revidenza P opolare ha riferito di av er ricevuto circa adesioni. Servizi Integrativi e C onvenzioni L attività del Servizio ha riguardato inoltre l offerta agli iscritti di ulteriori Servizi Integrativi, pubblicizzati attraverso il sito internet den E npam. A q u esto sco p o è stata avviata la realizzazione di una procedura ch e consentirà uniformità nella stipula delle sin gole C onvenzioni. Oltre al rinnovo delle Convenzioni già esistenti, alle quali tuttavia so n o stati apportati sensibili m iglioramenti, so n o stati avviati incontri con diverse aziende m erceologiche e so n o state sottoscritte nuove C onvenzioni soprattutto nel setto re Viaggi, R ent a car, soggiorni alberghieri, corsi di inglese ecc. Infine so n o state rinnovate e sottoscritte nuove convenzioni con i principali Istituti di credito. Mutui Nel co rso dell esercizio 2011, p er q uanto attiene all attività relativa all ero g azio n e e alla gestio n e dei mutui agli Ordini provinciali dei medici chirurghi e degli odontoiatri e ai dipendenti della F ondazione, so n o stati erogati agli Ordini provinciali di S assari, Terni e Viterbo, p er l'acquisto e la ristrutturazione delle Sedi. Inoltre, a seguito dell approvazione da parte del Consiglio di A m m inistrazione del nuovo regolam ento p er la co n cessio n e dei mutui ai dipendenti della F ondazione si è riscontrato un notevole increm ento nelle erogazioni rispetto agli esercizi precedenti, nel corso dell anno 2011 so n o stati deliberati 41 mutui. R elazioni Istituzionali Nell am bito delle attività c o n n e sse alle relazioni con le istituzioni e con gli iscritti, il Servizio ha contribuito fattivam ente alla realizzazione di due convegni: - Un giorno per il futuro, svoltosi p re sso l Università La S ap ien za di R om a in d ata 25 m aggio 2011; - Le Strategie del Cambiamento, svoltosi a R om a nelle g io rn ate del 4 e 5 n ovem b re 2011, d u rante il quale si è d iscu sso di revisione dello Statuto, g estio n e del patrim onio e riforma previdenziale (con illustri e qualificati ospiti com e il Prof. Mario Monti e il Prof. Giuliano Amato).

5 Cam era dei D eputati Senato della R epubblica Sull attività del D ipartim ento Affari G enerali ha inciso in termini particolarm ente onerosi una novità intervenuta nel corso dell anno: l obbligo per la F ondazione Enpam, com e per gli altri Enti Previdenziali Privatizzati, di attenersi alle disposizioni del C odice dei Contratti pubblici. Tale obbligo d iscen d e dall art. 32 com m a 12 della legge n. 111/2011 di conversione del D.L. n. 98/2011 che ha e s te s o all Enpam l applicazione del decreto legislativo n. 163/2006. Ulteriore fattore di innovazione riviene dall en trata in vigore nella su a interezza della legge n. 136/2010 in m ateria di norm ativa antim afia con i connessi obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari degli appalti. P ertanto l anno 2011, in termini di variazioni procedurali, adem pim enti amministrativi, asso g g ettam ento alle disposizioni e ai controlli dell Autorità p er la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (AVCP) ha com portato un notevole im patto per il Dipartim ento Affari G enerali e in particolare per il Servizio Acquisti e Appalti. Tale Servizio è stato im pegnato an c h e nella revisione della disciplina regolam entare (quale quella relativa al Fondo econom ale) co n se g u en te alle modifiche legislative. I principali progetti sviluppati nel corso dell esercizio 2011 che hanno inciso sulle s p e s e e sugli investim enti della D irezione dei S.l. e del Servizio S istem i Informativi P revidenza p o sso n o così riassum ersi: - R elativam ente alle attività proprie della Direzione del Dipartimento, si è continuato nelle funzioni di m anutenzione ed aggiornam ento del sistem a, già in uso, di G estione della R ichiesta IT, volto a ottim izzare la gestione delle richieste di attività relative, in q u esta prima fase, a num. 3 processi standardizzati: m anutenzione correttiva, m anutenzione evolutivo/adeguativa e sviluppo nuovi applicativi, tutti correlati alle procedure del settore della Previdenza. L attività svolta nel corso del 2011 ha riguardato principalm ente il m onitoraggio delle richieste inserite nel sistem a e l inserim ento delle richieste relative a nuovi progetti. E stata altresì realizzata una vista dati finalizzata alla reportistica per l analisi e il controllo degli indicatori di perform ance dei processi di g estione delle richieste IT, attraverso un estrazio n e di alcuni dati relativi ai ticket e alle attività registrate. - Nella s te s s a ottica di continuare a garantire trasp a ren z a ed inform azione circa l'erogazione dei Servizi IT, nonché per l esig en z a di razionalizzazione dei processi organizzativi aziendali, per il 2011 si è altresì proceduto alla realizzazione di un C atalogo dei Servizi IT, co n sisten te in una descrizione puntuale dei servizi IT disponibili, delle relative m odalità di ero g azio n e e dei livelli di servizio stabiliti. - Nell am bito delle attività collegate alla privacy ed alla sicurezza dei dati, oltre alla c o n su eta redazione an n u ale del DPS, nel 2011 ci si è concentrati in m odo particolare sulla form azione del p erso n ale com e elem ento im prescindibile del sistem a di protezione dei dati personali, così com e richiam ato dallo s te sso Disciplinare T ecnico in m ateria di M isure Minime di S icurezza di cui al D.Lgs. 196/2003. Pertanto, è stato proposto e su ccessiv am en te realizzato un percorso formativo sugli aspetti generali della vigente norm ativa, gli obblighi derivanti, le responsabilità ed i rischi co n n essi col trattam ento dei dati personali, sensibili e non, dedicati a due diverse categorie di dipendenti: personale am m inistrativo e p erso n ale IT della Fondazione.

6 Camera dei Deputati Senato della Repubblica Nel corso del 2011 sono state anche svolte le necessarie attività di gestione dei dati analitici ed aggregati utili alla stesura del Bilancio Tecnico dei Fondi di Previdenza, in linea con le specifiche fornite dallo Studio Attuariale incaricato. A tal proposito, nel corso dello stesso esercizio è stato avviato un progetto volto ad ottimizzare le attività di accesso ai dati statistici, fornendo maggiore autonomia agli uffici competenti nel reperire in modo più veloce i dati e soddisfare così un più alto numero di richieste. Sono state eseguite le attività di definizione dei modelli standard per il reperimento dei dati, di definizione delle relazioni tra le informazioni presenti nei vari database e di creazione dell ambiente operativo m esso a disposizione del Servizio com petente. Un piano di lavoro che si è continuato a realizzare nell anno 2011, congiuntamente al Dipartimento della Previdenza, è quello relativo alla trasmissione al Casellario degli Attivi dei dati anagrafici e contributivi di tutti gli iscritti. Tale attività ha richiesto una serie di interventi a livello informatico sulle procedure istituzionali in uso, soprattutto per indicare i periodi di effettiva competenza dei contributi versati; oltre a ciò, si è proceduto ad un implementazione degli archivi informatici anche per continuare a trasmettere al Casellario i contributi relativi alle ricongiunzioni e stornare quelli già utilizzati per le liquidazioni già effettuate. Inoltre, è in fase di studio il progetto di fusione tra il Casellario degli Attivi e quello dei Pensionati, al fine di costituire un identità propria ed unica per ciascun contribuente, riunendo i dati contributivi delle varie C asse previdenziali. I rinnovi contrattuali relativi ai Medici convenzionati hanno definito nuove aliquote e metodi di calcolo che sono stati progressivamente recepiti anche nelle procedure informatiche da rilasciare agli utenti, così da permettere calcoli ed ipotesi coerenti con le nuove normative. Si è, inoltre, proceduto a rendere uniformi i diversi file (modelli D, dati acquisisti tramite portale, modelli di regime sanzionatorio etc...) che pervengono all Ente da varie sorgenti e che vengono smistati nelle banche dati di competenza. Tutte le attività sono state svolte dalle risorse interne al dipartimento. Nello specifico, nel 2011 si è proceduto all adeguam ento delle procedure riguardanti la procedura Gestione Pratiche per Ufficio Previdenza Interna (Procedura Esonero-UE) e integrazione con Esoneri del Fondo Generale Quota A e la procedura Gestione informatizzata delle dichiarazioni e contributi dovuti da Società in regime di accreditamento col S.S.N. (modelli DFS). Relativamente alle procedure collegate alle pensioni erogate dall Ente, nel corso dell anno 2011 sono state realizzate le attività di gestione della tassazione/detassazione delle erogazioni prestazioni assistenziali; sono state distinte, tramite nuove voci di assegno, le prestazioni non tassate da quelle tassate secondo l attuale regime IRPEF. Si è poi proceduto al ricalcolo automatizzato del Casellario INPS per le doppie pensioni ed alla realizzazione della nuova reportistica per l invio delle lettere di comunicazione sulla variazione della tassazione. Si è poi garantita una trasmissione più frequente, al Casellario centrale delle pensioni, delle comunicazioni dei file di aggiornamento e sono stati elaborati nuovi criteri di creazione tabelle per addizionali comunali. Infine, è stata realizzata la procedura che permette un aggiornamento automatico mensile degli IBAN comunicati tramite portale. Inoltre, qui di seguito vengono descritte le principali attività progettuali sviluppate nel corso dell esercizio 2011 dal S ervizio S istem i Informativi Generali. Gestione Sistemi e Sicurezza: nel corso del 2011 ci si è orientati al naturale aggiornamento ed allineamento delle tecnologie in uso ai più moderni sistemi, ivi compresi quelli di sicurezza, presenti sul mercato. Nello specifico, sono state svolte attività di rivisitazione ed aggiornamento delle licenze degli applicativi in esercizio, al fine di allineare i sistemi alle attuali esigenze tecniche, attraverso la scelta di soluzioni e piattaforme open a utenze illimitate. Contestualm ente all aggiom am ento delle

7 Camera dei D eputati Senato della R epubblica release degli applicativi, sono state altresì riviste le attuali policy di sicurezza, al fine di garantire la sicurezza dei dati e dei sistemi gestiti all interno dell Ente. Le attività di aggiornam ento hanno altresì riguardato il licensing delle com ponenti di prodotti di sviluppo e di produzione dei S.l. - Apparati rete (Bilanciatori): nell ambito delle attività di aggiornam ento tecnologico dei sistemi, si rileva poi lo studio finalizzato ad analizzare le soluzioni più adeguate per dotarsi di sistemi di bilanciam ento hardw are open source, anche al fine di ottimizzare la gestione delle ridondanze dei sistem i strategici e, nel contem po, raddoppiare le perform ances elaborative. - Ammodernamento apparecchiature informatiche (Server, PC, scanner e stampanti) e pacchetti software: Relativam ente al consueto am m odernam ento delle apparecchiature e delle infrastrutture informatiche presenti negli uffici dell Ente, nonché an aggiornam ento dei pacchetti softw are Microsoft, è attualm ente in corso di espletam ento la gara europea di Procedura aperta per l affidam ento della fornitura di hardw are, PC, notebook, server, stam panti, scan n er e apparati di rete, m entre è stata aggiudicata all inizio dell anno in corso la gara per l affidam ento delle licenze Microsoft richieste. - Reingegnerizzazione procedure Oracle Applications: nel corso del 2011, in ragione della sopravvenuta situazione di gestione diretta da parte della neo-costituita Società Enpam Reai E state, sono state intraprese le attività di reingegnerizzazione del licensing delle applicazioni e di reinstallazione di parte degli ambienti operativi anche finalizzate alla separazione del sistem a di gestione contabile/patrim oniale della F ondazione da quello dell E.R.E. In relazione alle attività com petenti del Servizio Tributario, si illustrano quelle caratterizzanti l esercizio 2011: - Definizione agevolata degli atti notificati all Ente in data 29/2/2012, a seguito dell ispezione della Guardia di Finanza effettuata dal 3/5 al 23/6/2011, m ediante adesione agli inviti al contraddittorio e pagam ento delle som m e richieste. La problem atica dei Pronti Contro Termine con B anca Commerciale S am m arinese si è m anifestata nell ottobre 2009, allorché la GDF verificò bonifici del in se d e di controllo incrociato di alcune B anche Riminesi. L Ente ha posto in e sse re una serie di atti per eliminare ogni effetto delle originarie violazioni riportate, all esito dell ispezione del m aggio / giugno 2011, nel PVC notificato il 23 giugno In data 3/8/2011, l Ente ha formulato e depositato p resso la Direzione Regionale del Lazio dell Agenzia delle Entrate una prima serie di osservazioni formali al P rocesso V erbale notificato. S uccessivam ente, con invito a com parire il giorno 7/11/2011, notificato il 19/10/2011, l Agenzia delle Entrate di Rom a I, com petente per territorio, ha invitato l Ente al contraddittorio, per fornire chiarim enti in merito al p ro c esso verbale. Dopo una serie di articolate discussioni e com e richiesto dalla ste ssa Agenzia delle Entrate, la Fondazione in data 23/11/2011 ha formulato ulteriori puntuali osservazioni sia in fatto che in diritto al processo verbale, inerenti specificam ente l insussistenza di obblighi di com pilazione del c.d. quadro RW in relazione alle operazioni di pronti contro term ine effettuate con la B anca Com m erciale Sam m arinese, depositando, altresì, docum entazione com provante l inesistenza di giacenze sul conto estero di m ero transito al 31/12 di ciascun anno in contestazione. In pari data è stata, altresì, depositata istanza di accertam ento con adesione.

8 C am era dei D eputati S enato della R epubblica In data 29/2/2012, all esito dell istruttoria, l Agenzia delle Entrate, a totale definizione dell ispezione e del processo verbale di constatazione citati, ha notificato all Ente tre provvedimenti ovvero due inviti al contraddittorio con adesione e sanzioni minime e ridotte ad 1/6 ed un avviso di accertam ento che accolgono i motivi e le argomentazioni formulate dall Ente: quanto all annualità 2005 si è preso atto dell intervenuta ed eccepita decad en za; il ravvedimento operoso per l annualità 2008, è stato ritenuto valido e correttam ente effettuato anche in presenza di un controllo incrociato a carico dell Ente ma avente ad oggetto annualità diverse; conseguentem ente è stata accolta l istanza di rim essione in termini dell Ente per poter usufruire delle sanzioni ridotte ad un sesto; è stata accolta la richiesta dell Ente di tenere conto del credito di imposta per le ritenute versate allo stato estero, ex art. 165 D.P.R. n.917/86, pur in m ancanza di convenzione internazionale e deh inserimento di quei redditi nelle dichiarazioni a suo tem po presentate; sono stati accolti i rilievi dell Ente volti a dim ostrare l insussistenza dell obbligo di presentazione del quadro RW per i pronti contro termine stipulati con BCS, con conseguente venir m eno delle ipotetiche pesanti sanzioni previste dalla legge in tale ipotesi e n essu n a contestazione per la m ancata compilazione del quadro RW per le annualità dal 2004 al 2009 sui PCT sam m arinesi; l Agenzia, preso atto dell assoluta correttezza e buona fede dell Ente, in ordine agli investimenti diretti in altre im prese di fondi esteri c.d. di private equità em ersi nel corso dell ispezione della Finanza (Absolute Venture SCA, The European Small C aps Co LTD, Network Capital Partners I )ha unicam ente contestato, esam inate queste fattispecie e visti i correlati documenti di supporto, la m ancata compilazione del quadro RW dal 2004 al 2008, in effetti non avvenuta, considerate le incertezze interpretative della norma e copiose e contraddittorie circolari applicative, applicando nell avviso di accertam ento il regime più favorevole del cumulo giuridico, le sanzioni minime e ridotte ad 1/3. L Ente: - in data 2/3/2012 ha aderito, ex art. 5 com m a 1 bis D. Lgs. N. 218/1997, ai due inviti per accertam ento con adesione n. TK /2012, codice atto per l anno 2006, per complessivi ,42 e n. TK /2012, codice atto per l anno 2007, per complessivi ,62, atti notificati all Ente dall Agenzia delle Entrate di Roma in data 29/2/2012 ed ha disposto il pagam ento delle som m e richieste dall Agenzia (oltre 2 gg. di interessi legali) al fine di definire ogni contestazione scaturente dal PVC notificato il 23/6/2011; il pagam ento è in effetti avvenuto; la definizione degli inviti si è perfezionata con il versam ento delle intere som m e dovute e con la com unicazione all Agenzia dell avvenuta adesione ai contenuti dei due inviti per il 2006 ed il Tali comunicazioni in originale con le relative quietanze sono state inviate all Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Rom a I Ufficio Controlli in d ata 7/3/2012; - quanto all avviso di contestazione n. TK3C , per l importo com plessivo di ,22, pure notificato l Ente in data 29/2/2012, l Ente ha disposto il pagam ento di quanto richiesto dall Agenzia al fine di definire ogni contestazione scaturente dal PVC notificato il 23/6/2011; il pagam ento è in effetti avvenuto. Le som m e richieste erano dovute, m ediante adesione agli inviti e pagam ento dell avviso, trattandosi di interessi da pronti contro termine sam m arinesi non p reced en tem en te inseriti nella b a se imponibile ai fini IRES e

9 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica nelle conseguenti dichiarazioni dei redditi dal 2006 (redditi 2005) al 2008 (redditi 2007) - (per i redditi 2008 vi è stato il ravvedim ento operoso). La com plessa attività tecnico professionale svolta dal 2009 al 2012 sia dal Servizio Tributario che dai Professionisti esterni, con la migliore applicazione possibile degli istituti deflattivi del contenzioso (accertam ento con adesione, invito al contraddittorio, etc.) in contraddittorio con l Agenzia, ha determ inato, nonostante la laboriosa ispezione della guardia di Finanza del m aggio-giugno 2011, l irrogazione di tre provvedimenti di importo asso lu tam en te limitato (rispetto a quanto astrattam ente l Agenzia avrebbe potuto irrogare qualora a v e sse contestato gli obblighi di com pilazione del quadro RW per tutti i flussi in uscita, entrate e per gli stock relativi ai PCT Sam m arinesi dal 2004 al 2008, con possibili sanzioni - in tale ipotesi - per som m e ben superiori). Rebus sic stantibus, la posizione fiscale dell Ente è stata regolarizzata e l immagine dell Ente ste sso ripristinata (si ram m enta un articolo denigratorio e non corrispondente alla realtà del Corriere della Sera). D egno di nota ap p are il contenzioso avverso avviso di liquidazione n , notificato all Ente quale condebitore solidale in d ata 29/12/2011, recante im posta di registro in m isura fissa, im posta di bollo, im posta di registro proporzionale (oltre sanzioni per o m essa registrazione ed interessi, per un importo com plessivo di ,30) relativa alla caparra penitenziale contenuta nel prelim inare di cessio n e di quote del Fondo Immobiliare denom inato Ippocrate stipulato nel diccem bre 2006 m ediante scam bio di corrispondenza: detto avviso si b a sa sull erroneo presupposto che l acquisto delle quote di Fondo Immobiliare da parte dell Ente costituisca un com portam ento abusivo avente quale unica finalità la cessione/acquisizione indiretta dell'immobile sen z a l applicazione dell lva o dell im posrta di registro e, co n seguen tem en te, che e s s a d o v esse e s s e re ta ssa ta com e s e si fo sse in p resen za di una cessio n e form ale e diretta dell'immobile. Tale atto è stato prontam ente im pugnato e ne è già stata so sp e sa dalla Com m issione Tributaria di Milano in via cautelare l esecutorietà, stan te l infondatezza della pretesa impositiva, considerato che l acquisto delle quote del fondo non è avvenuto per acquisire indirettam ente l immobile ottenendo indebiti vantaggi fiscali, com e apoditticam ente prospettato dall Agenzia, m a al contrario a seguito di una opzione econom ico-gestionale dell Ente che ha scelto di non effettuare un investim ento diretto di tipo operativo, bensì un investim ento finanziario in quote di fondi ed ha inteso giovarsi della com petenza, autonom ia e delle capacità proprie di una S ocietà di G estione del Risparmio, controllata dalla Banca d Italia. In oltre il servizio Tributario ha seguito e trattato altri procedim enti tributari otten en d o risultati positivi di cui si riepiloga, di seguito, lo stato attuale: - E npam /C om une di A bano - im pugnazione silenzio rifiuto per rimborsi ICI su immobile vincolato - pagam ento parziale sp o n tan eo del C om une per , udienza di discussione fissata al 17/4 p.v. per gli importi residui in contestazione ( circa, probabile accordo); - E npam /C om une di Arcidosso - im pugnazione avviso TARSU - m ancato esb o rso per ,00 - S enten za di I grado favorevole - condanna del C om une alle sp ese; - Enpam /Sogeat/A g. Entrate Napoli - im posta di Registro, Ipotecaria e C atastale - importo avviso ,00 - S en ten za di I grado favorevole del 7/11/2011; - Cofer S.r.l./Ag. Entrate - INVIM - importo avviso im pugnato ,00 - S en ten za di I grado favorevole del 28/11/2011 ;

Camera dei D eputati - 1 0 2 5 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 1 0 2 5 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 1 0 2 5 - Senato della Repubblica gestione delle situazioni che potenzialmente generano conflitto d interessi, anche in considerazione del criterio generale di buona amministrazione

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina. SettoreAttività Produttive e Farmacia-Gare e Contratti-Patrimonio-Demografico-Statistico DETERMINAZIONE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina. SettoreAttività Produttive e Farmacia-Gare e Contratti-Patrimonio-Demografico-Statistico DETERMINAZIONE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina SettoreAttività Produttive e Farmacia-Gare e Contratti-Patrimonio-Demografico-Statistico Servizio: Patrimonio N.22 formia lì, 16.11. 2015 DETERMINAZIONE OGGETTO: affidamento

Dettagli

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione dell istituto dell ACCERTAMENTO CON ADESIONE e dell AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 11/09/2015 1 Circolare 16/07/2015,

Dettagli

OGGETTO: Istruzioni sulla trattazione delle richieste di consulenza giuridica

OGGETTO: Istruzioni sulla trattazione delle richieste di consulenza giuridica CIRCOLARE n. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 AGOSTO 2011 OGGETTO: Istruzioni sulla trattazione delle richieste di consulenza giuridica Indice 1. Premessa... 2. Informazione e assistenza ai contribuenti.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E PER L ESERCIZIO DELL AUTOTUTELA IN MATERIA TRIBUTARIA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E PER L ESERCIZIO DELL AUTOTUTELA IN MATERIA TRIBUTARIA COMUNE DI VILLA POMA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E PER L ESERCIZIO DELL AUTOTUTELA IN MATERIA TRIBUTARIA INDICE TITOLO I Disposizioni

Dettagli

Notizie Flash marzo 2011

Notizie Flash marzo 2011 Notizie Flash marzo 2011 Quota A - pagamento contributi 2011 Nel mese di aprile Equitalia Esatri S.p.A. di Milano avvia l attività di notifica degli avvisi di pagamento. I contributi possono essere versati

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni

Cassa depositi e prestiti società per azioni Direzione Finanziamenti Pubblici Roma, 22 luglio 2008 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1273 Oggetto: Revisione delle condizioni generali per l accesso al credito della gestione

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina DETERMINAZIONE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina DETERMINAZIONE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina Settore: Sviluppo Economico e Bilancio Servizio: BILANCIO N. 07 lì, 19 Gennaio 2015 DETERMINAZIONE OGGETTO: RINNOVO ABBONAMENTI - QUOTIDIANI, PUBBLICAZIONI, RIVISTE

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO CENTRALE

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo

Modello di organizzazione, gestione e controllo Modello di organizzazione, gestione e controllo Decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 SINTESI principi e regole del sistema del Modello di organizzazione e gestione Le ragioni di adozione del modello

Dettagli

Aprile 2010. Quota A - pagamento contributi 2010

Aprile 2010. Quota A - pagamento contributi 2010 Aprile 2010 Quota A - pagamento contributi 2010 Nel mese di aprile Equitalia Esatri S.p.A. di Milano ha avviato l attività di notifica degli avvisi di pagamento. I contributi possono essere versati in

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento generale delle entrate comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 8 del 25.01.1999 Modificato con deliberazioni del Consiglio Comunale

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Notizie Flash. Quota A - pagamento contributi 2010. Contributi di riscatto. Quota B - redditi professionali 2009

Notizie Flash. Quota A - pagamento contributi 2010. Contributi di riscatto. Quota B - redditi professionali 2009 Notizie Flash Quota A - pagamento contributi 2010 Il 30 giugno è scaduta la seconda rata del contributo di Quota A. Qualora l avviso sia pervenuto dopo la scadenza di una o più rate, il pagamento delle

Dettagli

C e n t r o d i F o r m a z i o n e S t u d i

C e n t r o d i F o r m a z i o n e S t u d i C e n t r o d i F o r m a z i o n e S t u d i /$9252$8721202,QWURGX]LRQH Ogni anno il governo em ana uno o più decreti, denom inati decreti flussi, con i quali sono fissate le quote m assim e di cittadini

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI UFFICI

DESCRIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI UFFICI DESCRIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI UFFICI DIREZIONE GENERALE INFORMATION TECHNOLOGY SEGRETERIA GENERALE E RISORSE UMANE COMUNICAZIONE AUDIT INTERNO DIREZIONE SERVIZI AGLI ISCRITTI DIREZIONE PATRIMONIO

Dettagli

SEGMENTAZIONE TIPOLOGICA

SEGMENTAZIONE TIPOLOGICA INDICE Premessa 1 Obiettivi 4 Temi dell indagine 5 Metodologia 7 Profilo del campione sesso ed età - 10 Profilo del campione istruzione e professione intervistato - 11 Profilo del campione numero medio

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del disciplinare di servizio

Art. 1 - Oggetto del disciplinare di servizio DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI DI ANALISI DELLA BANCA DATI IMU, FINALIZZATA ALL ATTIVITÀ DI EMISSIONE AVVISI DI ACCERTAMENTO E RISCOSSIONE DA PARTE DELL ENTE DELLE VIOLAZIONI IMU. Art. 1 - Oggetto

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone Prot. N. 27036 Approvazione del nuovo modello di cartella di pagamento e dei fogli Avvertenze relativi ai ruoli dell Agenzia delle entrate, ai sensi dell art. 25 del decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

Notizie Flash Luglio 2011

Notizie Flash Luglio 2011 Notizie Flash Luglio 2011 Terremoto Abruzzo sospensione riscossione contributi Il decreto legge del 29 dicembre 2010, n. 225 (c.d. milleproroghe ), convertito con modificazioni dall art. 1, comma 1, L.

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N -006 GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE FINANZIARIE RESPONSABILE DOTT. GIULIO PINCHETTI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione formale avverrà in sede di P.E.G.,

Dettagli

Come aderire alla voluntary disclosure

Come aderire alla voluntary disclosure Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 56 21.02.2014 Come aderire alla voluntary disclosure La regolarizzazione spontanea di attività e investimenti all estero può essere richiesta

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 10.02.1999 INDICE

Dettagli

INDICE CIRCOLARI F.N.A.A.R.C. 2004

INDICE CIRCOLARI F.N.A.A.R.C. 2004 INDICE CIRCOLARI F.N.A.A.R.C. 2004 1. TASSO DI INTERESSE LEGALE - MODIFICA - DECRETO DEL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DEL 1 DICEMBRE 2003 19.01.2004 2. IMPOSTE DIRETTE E INDIRETTE - LA TECNO-TREMONTI

Dettagli

Pisa. Bozza. Approvazione.

Pisa. Bozza. Approvazione. DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSORZIO N. 04 DEL 05.02.2015 Struttura proponente: Direzione Generale. OGGETTO: Gestione in forma associata della centrale di committenza. Convenzione con la Provincia di Pisa.

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE

DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE L anno duemilaquattordici (2014), il giorno del mese di con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge, TRA Il comune di Campotosto

Dettagli

Al Presidente Ai Consiglieri di Amministrazione

Al Presidente Ai Consiglieri di Amministrazione Direzione centrale delle entrate contributive Direzione centrale organizzazione Direzione centrale pianificazione e controllo di gestione Direzione centrale prestazioni Direzione centrale prestazioni a

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE Prefazione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Presentazione alla prima edizione CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE

Dettagli

ISTITUTI DEFLATIVI DEL CONTENZIOSO GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO

ISTITUTI DEFLATIVI DEL CONTENZIOSO GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO ISTITUTI DEFLATIVI DEL CONTENZIOSO GRUPPO DI LAVORO SUL CONTENZIOSO TRIBUTARIO agg. Febbraio 2014 ADESIONE AI P.V.C. AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE (ART. 5-bis D. LGS. 218/1997) - processi verbali di

Dettagli

Quota A - pagamento contributi 2010

Quota A - pagamento contributi 2010 Flash portale giugno 2010 Quota A - pagamento contributi 2010 Il 30 giugno scade la seconda rata del contributo di Quota A. Qualora l avviso pervenga dopo la scadenza di una o più rate, il pagamento delle

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Chiarezza e trasparenza delle disposizioni tributarie Art.3 Chiarezza e motivazione degli atti Art.4

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XV N. 208

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XV N. 208 Camera dei D eputati - 3 3 7 - Senato della Repubblica Tale importo, confrontato con quello del precedente esercizio ( 387.473.120), evidenzia un lieve decremento della spesa complessiva pari allo 0,10%.

Dettagli

Consiglio regionale della Calabria

Consiglio regionale della Calabria Consiglio regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/BA DELIBERAZIONE N. 194 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA - CAMPISANO P. c/ RTI Smart card n. xxxxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Nella

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011 CIRCOLARE N. 15/E Roma, 14 aprile 2011 Direzione Centrale Normativa Oggetto: Articolo 42, decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 Reti di imprese

Dettagli

LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012

LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012 AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Regionale delle Marche LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012 1 LA NORMA La mediazione ( Il reclamo e la mediazione ) è stata inserita nel

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 15/1/1999 Modificato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Cam era dei D eputati - 369 - Senato della Repubblica

Cam era dei D eputati - 369 - Senato della Repubblica Cam era dei D eputati - 369 - Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XV N. 278 Pensioni a superstiti Fondo Medici di M edicina Generale Fondo Specialisti Ambulatoriali

Dettagli

Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate

Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate DISPONIBILI ONLINE IL MODELLO DEFINITIVO PER LA RICHIESTA DI ACCESSO ALLA PROCEDURA DI COLLABORAZIONE VOLONTARIA, LE ISTRUZIONI

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma L attività istruttoria tributaria. Accertamento e Processo Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Prof.ssa Rossella Miceli L attività istruttoria tributaria. I PARTE 1 Poteri

Dettagli

Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative

Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative n 14 del 06 aprile 2012 circolare n 272 del 05 aprile 2012 referente BERENZI/mr Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative L Agenzia delle entrate ha fornito dei chiarimenti (Circolare

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA Adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI SERVIZIO DI ANALISI E ALLINEAMENTO DATABASE IMU SU SOFT-WARE IN USO PRESSO GLI UFFICI COMUNALI.

DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI SERVIZIO DI ANALISI E ALLINEAMENTO DATABASE IMU SU SOFT-WARE IN USO PRESSO GLI UFFICI COMUNALI. DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI SERVIZIO DI ANALISI E ALLINEAMENTO DATABASE IMU SU SOFT-WARE IN USO PRESSO GLI UFFICI COMUNALI. Art. 1 - Oggetto del disciplinare di servizio 1. Il presente disciplinare

Dettagli

Capitolo 1: Come cambia da Gennaio 2010 la compensazione dei crediti Iva superiori a 10.000 Euro

Capitolo 1: Come cambia da Gennaio 2010 la compensazione dei crediti Iva superiori a 10.000 Euro Indice Introduzione - Sintesi delle disposizioni più significative, introdotte dalla Legge di conversione del D.L 78/2009 - Termini attuativi delle disposizioni - Il Milleproroghe differimento dei termini

Dettagli

COMUNE DI CASTELLETTO SOPRA TICINO Provincia di NOVARA

COMUNE DI CASTELLETTO SOPRA TICINO Provincia di NOVARA COMUNE DI CASTELLETTO SOPRA TICINO Provincia di NOVARA AREA FINANZIARIA SERVIZI SOCIALI Piazza F.lli Cervi 28053 CASTELLETTO SOPRA TICINO cod. fiscale e p. IVA 00212680037 Telefono ufficio Ragioneria -

Dettagli

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE La collaborazione volontaria (detta anche voluntary disclosure, in seguito "VD") consente entro la data del 30 settembre 2015 la regolarizzazione:

Dettagli

Roma, 25/10/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 136

Roma, 25/10/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 136 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Coordinamento Generale Statistico

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione REGOLAMENTO IN MATERIA DI DEFINIZIONE DELL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI LOCALI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE E SUO RAVVEDIMENTO PER ULTERIORI PERIODI D'IMPOSTA. CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità della

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Notizie Flash giugno 2011

Notizie Flash giugno 2011 Notizie Flash giugno 2011 Terremoto Abruzzo sospensione riscossione contributi Il decreto legge del 29 dicembre 2010, n. 225 (c.d. milleproroghe ), convertito con modificazioni dall art. 1, comma 1, L.

Dettagli

INFORMATIVA SANATORIA DEI CONTRIBUTI ENPAM DOVUTI PER LA LIBERA PROFESSIONE

INFORMATIVA SANATORIA DEI CONTRIBUTI ENPAM DOVUTI PER LA LIBERA PROFESSIONE INFORMATIVA SANATORIA DEI CONTRIBUTI ENPAM DOVUTI PER LA LIBERA PROFESSIONE Scadenza: 31 maggio 2008 Su richiesta dell Anaao Assomed dell ottobre del 2007, l ENPAM ha riaperto i termini per sanare i contributi

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 1 1 PREMESSA In attuazione della delega per la riforma del sistema fiscale

Dettagli

Provincia di Bologna CONTROLLI. L ABC dell Associazionismo Palazzo Malvezzi 6 novembre 2010. Relatore - Andrea Bonaveri

Provincia di Bologna CONTROLLI. L ABC dell Associazionismo Palazzo Malvezzi 6 novembre 2010. Relatore - Andrea Bonaveri Provincia di Bologna CONTROLLI L ABC dell Associazionismo Palazzo Malvezzi 6 novembre 2010 ACCERTAMENTI E VERIFICHE FISCALI su associazioni senza scopo di lucro SOGGETTI CONTROLLABILI Associazioni senza

Dettagli

Delibera n. 14/11/CIR. Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA

Delibera n. 14/11/CIR. Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA Delibera n. 14/11/CIR Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA NELLA sua riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 9 febbraio 2011;

Dettagli

DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE PRECOMPILATA Vito Dulcamare DICHIARAZIONE PRECOMPILATA ART. 1 D.LGS. 21/11/2014 N. 175 Nova Siri 12 maggio 2015 1 MODULISTICA FISCALE PER IL 2014 MODULISTICA PER 2013 MODULISTICA PER 2014 MODELLO 730 MODELLO 730 MODELLO

Dettagli

Prot. n. 19/SPR/16 Roma, 10 febbraio 2016 CONVENZIONE TRA LA CONFSAL-UNSA BENI CULTURALI E LO STUDIO LEGALE PRINCIPATO

Prot. n. 19/SPR/16 Roma, 10 febbraio 2016 CONVENZIONE TRA LA CONFSAL-UNSA BENI CULTURALI E LO STUDIO LEGALE PRINCIPATO FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA COORDINAMENTO PROVINCIALE DI ROMA c/o Ministero per i Beni e le Attività Culturali Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma Tel. 0667232348-2889 Fax. 066785552 info@unsabeniculturali.it

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

COMUNALI. Esecutivo dal 1.1.1999. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI. Art. 1. Oggetto del regolamento.

COMUNALI. Esecutivo dal 1.1.1999. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI. Art. 1. Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 98 in data 28 dicembre 1998. Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011 CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 luglio 2011 OGGETTO: Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell autotrasporto di cose per conto di terzi - Applicazione

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 3 dicembre

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

CIRCOLARE N. 1. Roma, 15 gennaio 2010

CIRCOLARE N. 1. Roma, 15 gennaio 2010 CIRCOLARE N. 1 Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 15 gennaio 2010 OGGETTO: Controllo preventivo delle compensazioni dei crediti relativi all imposta sul valore

Dettagli

CITTÀ DI VENARIA REALE PROVINCIA DI TORINO

CITTÀ DI VENARIA REALE PROVINCIA DI TORINO CITTÀ DI VENARIA REALE PROVINCIA DI TORINO SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE SERVIZIO GESTIONE E SVILUPPO DELLE R.U. ESTERNALIZZAZIONE DELLE PRESTAZIONI RELATIVE ALL ELABORAZIONE DELLE PAGHE E DEI CONSEGUENTI

Dettagli

SETTORE 2 DIPENDENTE CATEGORIA SERVIZIO/UFFICIO FARRIS GIANCARLO C ISTRUTTORE CONTABILE RAGIONERIA RAGIONERIA CONTABILE

SETTORE 2 DIPENDENTE CATEGORIA SERVIZIO/UFFICIO FARRIS GIANCARLO C ISTRUTTORE CONTABILE RAGIONERIA RAGIONERIA CONTABILE SETTORE 2 RESPONSABILE LINDIRI DANIELA DIPENDENTE CATEGORIA SERVIZIO/UFFICIO FARRIS GIANCARLO C ISTRUTTORE CONTABILE RAGIONERIA NONNIS GINO D ISTRUTTORE DIRETTIVO CONTABILE RAGIONERIA GRAMAI ANNARELLA

Dettagli

Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014

Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014 Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014 Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con Decreto 24.09.2014,

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

DELIBERA N. 99/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX BERNARDINI / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per

DELIBERA N. 99/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX BERNARDINI / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per DELIBERA N. 99/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX BERNARDINI / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

eng002/ /Accordo_amministrativo.htm 1/6

eng002/ /Accordo_amministrativo.htm 1/6 TUNISIA ACCORDO AMMINISTRATIVO per l applicazione della convenzione in materia di sicurezza sociale firmata a Tunisi il 7 dicembre 1984 tra la Repubblica italiana e la Repubblica tunisina Titolo I Disposizioni

Dettagli

Il contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto

Il contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto Il contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto di V aleria Filippo SC H ED A RIEPILO G ATIV A Articolo 7, com m a 2, lett. c) e d) M odifiche alla legge 28 giugno 2012, n. 92 il progetto

Dettagli

CRI TERI PER LA DETERMI NAZI ONE DELL ESI TO DELLO SCRUTI NI O FI NALE

CRI TERI PER LA DETERMI NAZI ONE DELL ESI TO DELLO SCRUTI NI O FI NALE CRI TERI PER LA DETERMI NAZI ONE DELL ESI TO DELLO SCRUTI NI O FI NALE Prem esso che la valutazione non è un sem plice calcolo m atem at ico di voti conseguiti nelle singole discipline, m a investe una

Dettagli

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino ART.1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Il Comune di San

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE 1/2015 Genova, 16/01/2015

CIRCOLARE 1/2015 Genova, 16/01/2015 STUDIO ASSOCIATO CONSULENTI DEL LAVORO BARILLARI LAPOLLA CAVALLERI 16128 - GENOVA - VIA CORSICA, 9/2 SC. B - TEL. 010 5455511 - FAX 010 5704028 E-MAIL: barillari@tpservice.it lapolla@tpservice.it cavalleri@tpservice.it

Dettagli

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE servizi per la gestione delle risorse economico-finanziarie servizi di provveditorato ed economato servizi tributari servizio del personale servizi istituzionali

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

Circolare Informativa n 24/2013

Circolare Informativa n 24/2013 Circolare Informativa n 24/2013 Responsabilità solidale nell Appalto - Enti previdenziali ed assicurativi e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) Riferimenti

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

Aspetti operativi del nuovo processo tributario

Aspetti operativi del nuovo processo tributario di Armando Urbano Aspetti operativi del nuovo processo tributario L accertamento esecutivo Il contributo unificato La nuova nota di iscrizione a ruolo Le controversie minori: Reclamo e mediazione La chiusura

Dettagli

Oggetto: principali novità in tema di Ravvedimento operoso, Certificazione unica, Intrastat

Oggetto: principali novità in tema di Ravvedimento operoso, Certificazione unica, Intrastat Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Filippo Foresti Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Valentina

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI CONSULENZA LEGALE, AMMINISTRATIVA, SOCIETARIA E FINANZIARIA PER IMPORTO INFERIORE A. 100.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI CONSULENZA LEGALE, AMMINISTRATIVA, SOCIETARIA E FINANZIARIA PER IMPORTO INFERIORE A. 100. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI CONSULENZA LEGALE, AMMINISTRATIVA, SOCIETARIA E FINANZIARIA PER IMPORTO INFERIORE A 100.000 Euro DATA APPROVAZIONE 22 SETTEMBRE 2015 1 Sommario Art. 1 - Procedura

Dettagli

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa...

Dettagli