Unione per il Trentino. Programma elezioni provinciali 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unione per il Trentino. Programma elezioni provinciali 2013"

Transcript

1 Unione per il Trentino. Programma elezioni provinciali 2013 Gruppo di lavoro coordinato da Mauro Colaone. Hanno fornito contributi specifici : Vittoria Agostini, Elena Alberti, Renzo Anderle, Eleonora Angeli, Mauro Betta, Enrico Bramerini, Enzo Caresani, Marcello Carli, Amos Collini, Donatella Conzatti, Nicola Ferrante, Mauro Gilmozzi, Alessandro Giori, Stefano Graif, Paola Matonti, Giuseppe Melchionna, Tiziano Mellarini, Andrea Merler, Renzo Michelini, Enzo Passaro, Fabio Pipinato, Marco Raffaelli, Alessio Rauzi, Alessio Zanghellini. 1

2 PREMESSA L Italia sta attraversando la peggior crisi dal dopoguerra ad oggi. Generata dall intreccio di cause globali e nazionali, manifesta caratteristiche strutturali e di sistema. Essa infatti investe le istituzioni e la politica, l economia e il sociale, producendo gravi effetti : crea disagio verso la democrazia e le sue istituzioni, impoverisce il tessuto produttivo, aumenta la disoccupazione, impoverisce i ceti medi, amplia le disuguaglianze nella società. Noi sosteniamo il governo delle larghe intese, presieduto da Enrico Letta, ne apprezziamo l attenzione verso la nostra Autonomia e gli sforzi per superare la difficile fase di crisi che stanno producendo spiragli positivi, mentre rimane ancora preoccupante lo stato dell occupazione. Anche in Trentino la crisi si fa sentire, mettendo in difficoltà gli istituti autonomistici, creando indifferenza e malessere verso la politica, diffondendosi all economia reale : la famiglie, le imprese il mondo del lavoro. Nell opinione pubblica trentina trovano spazio coloro che auspicano la fine dei politici e dei partiti e si appellano alla società civile esclusivamente facendo leva sull antipolitica. Ciò genera una pericolosa frammentazione nel quadro politico con il rischio di ingovernabilità e instabilità nel governo dell Autonomia e nelle comunità indifferenza e disaffezione o comunque un accettazione passiva ed acritica dei fondamenti complessi e impegnativi della nostra Autonomia. La leadership di Dellai appare irripetibile e insostituibile sia nella sua grande capacità di visione politica sia nella sua forte modalità di esercizio del potere. La sua azione di governo ha dato al Trentino un lungo periodo di buona amministrazione e immesso nel sistema molti fattori di modernizzazione, ma ha anche goduto di una fase di grande vantaggio per l autonomia. Stabilità di governo, buona amministrazione, modernizzazione del Trentino ormai vicino ai migliori standart europei sono l eredità che ci lascia ed obiettivi da perseguire con continuità e costanza anche nelle prossime legislature provinciali. Oggi l Autonomia potrebbe subire un rallentamento della fase di crescita,pur avendo acquisito nuove competenze,a causa di una probabile riduzione delle risorse economiche a disposizione. Le forze politiche del centrosinistra autonomista sono dunque di fronte ad un momento cruciale della loro esperienza dovendo affrontare con capacità e coraggio le molte sfide del nostro tempo. L Unione intende svolgere in questa alleanza un ruolo centrale e di stimolo,consapevole che una realtà in rapido cambiamento richiede risposte altrettanto rapide di cambiamento nelle istituzioni, nel modo di fare politica e nel definire e riorientare le priorità L Unione per il Trentino con il suo programma vuole proporre un patto a tutti i trentini basato su alcuni obiettivi di fondo : Accompagnare le nostre proposte con l impegno a perseguire un nuovo modo di fare politica in modo di avvicinare e convincere l opinione pubblica a considerare positivamente il ruolo dei partiti come strumenti fondamentali della democrazia dove contano più le idee delle singole persone. Proporre alcune indicazioni sul tema dell Autonomia, sul funzionamento delle nostre istituzioni e sugli assetti burocratici, promuovendo lo snellimento dei percorsi imprenditoriali sia singoli che collettivi. 2

3 Indicare soluzioni per attenuare gli effetti economici e sociali della crisi e velocizzarne l uscita stimolando la crescita del sistema trentino e l occupazione, soprattutto di quella giovanile e delle donne con l obiettivo dell equità dei trattamenti retributivi e del rispetto della dignità delle prestazioni del proprio ruolo lavorativo. Proporre soluzioni per rilanciare lo sviluppo del tessuto produttivo in tutti i comparti. Innovare il sistema sociale della nostra provincia. A chi ritiene indispensabile avere una visione per il Trentino dei prossimi anni diciamo che bisogna essere pragmatici. Prima di tutto bisogna uscire dalle difficoltà economiche, sociali e politiche del presente, destinate a durare ancora per i prossimi anni e ciò non dipende solo da noi ma dai destini del nostro Paese e dell Europa, anche se possiamo e dobbiamo fare molto grazie alle risorse della nostra Autonomia. Ma non vogliamo bandire il futuro dal nostro linguaggio e vogliamo distinguerci dal quadro politico nazionale tutto ripiegato sul presente o impegnato solo sulla difesa di leader personali in un orizzonte che non va aldilà di pochi mesi. Superato lo scoglio della crisi il nostro orizzonte è quello di continuare il riformismo moderno ed europeo che ha caratterizzato le precedenti legislature governate dal centrosinistra autonomista sotto la guida di Lorenzo Dellai. Da buoni montanari sappiamo che la legna si fa con il caldo dell estate se non si vuole passare l inverno al freddo. 3

4 UN PARTITO TERRITORIALE PER IL BUON GOVERNO Un partito aperto per unire i trentini e al servizio della comunità ( Tesi congressuale ). Un partito che sappia spostare il baricentro del suo agire politico dalle istituzioni alla società ( mozione congressuale). Avviare una fase costituente, denominata Upt 3.0, in cui coinvolgere tutti i soggetti e le organizzazioni che condividono l idea che la riforma della politica e l evoluzione dei movimenti e dei partiti debba trovare una sintesi ed un progetto comune dentro una visione d insieme, in diretta sintonia con le passioni della comunità ( documento politico 10 luglio 2012 ). Sono questi gli obiettivi condivisi, ma non ancora pienamente realizzati, dagli iscritti e dai simpatizzanti dell Upt. Dove unire significa saper cogliere l inedito di percorsi unificanti ai quali appartiene il futuro. Dove il richiamo alla società e all Upt 3.0 significa la necessità di individuare un nuovo modo di fare politica e una nuova forma per il nostro partito. Unire La ragione sociale del nostro partito è unire il Trentino. La società trentina non sta solo subendo gli effetti delle globalizzazione e di una cultura post-moderna che genera la solitudine delle moltitudini e ci immerge in una nuova società liquida. E attraversata anche dalle faglie antiche e recenti di un policentrismo esasperato : l antagonismo tra il centro,altre realtà urbane e le valli; quello tra comuni e comunità di valle, dove tutti si affannano a non essere da meno, con il risultato di essere tutti da poco. E dunque bisogna tenere uniti i policentri, le reti e i poli, le rappresentanze e le regioni alpine a cominciare dall euro-regione. Chi ci riesce ha vinto. Chi continua nella battaglia ha perso. Un nuovo modo di fare politica C è un bisogno urgente di un netto cambio di passo del modo di fare politica perché ce lo chiede l opinione pubblica e perché è il solo modo di acquistare credibilità. Garantire stabilità, governabilità e buona amministrazione sono obiettivi molto importanti, ma non più sufficienti per vincere le sfide di oggi e non farci travolgere dalla sfiducia e dal risentimento che circonda tutti i partiti. Alla crisi dei partiti di massa, avvenuta nei primi anni novanta, non basta più la risposta del partitogoverno dove alcuni pochi individui gli esperti o comunque gli eletti dispongono delle conoscenze per prendere le decisioni necessarie al pubblico interesse. Anzi il partito-governo, soprattutto in un momento di grande difficoltà come l attuale, può produrre effetti negativi : crea un distacco, a volte il vuoto, tra istituzioni e società e il venir meno della rappresentanza sempre meno capace di composizione e aggregazione degli interessi, dei bisogni e dei conflitti indebolisce il radicamento territoriale e il dialogo con i cittadini sulla sostanza delle cose da fare determina la dominanza degli eletti nelle istituzioni con la perdita di peso degli iscritti e dei simpatizzanti e dei loro organi, anche in relazione al fatto che le risorse del partito dipendono quasi esclusivamente dai versamenti degli eletti e dal finanziamento pubblico. 4

5 Occorre, dunque, trovare un modo nuovo di fare politica, anche perché la crisi è figlia anche della crisi dei partiti che hanno bisogno di un radicale processo di trasformazione. Per questo siamo convinti che si debba spostare il baricentro del nostro agire politico dalle istituzioni alla società dove c è la politica reale : i bisogni, le domande,gli interessi, i conflitti. Si tratta di promuovere nei territori un confronto aperto fra le conoscenze parziali detenute dalla moltitudine degli individui, in modo da favorire l innovazione e consentire la decisione pubblica da sottoporre a un continua verifica degli esiti, sfruttando le grandi potenzialità della Rete. Né i corpi intermedi, rappresentanti di interessi economici e sociali pur fondamentali, né la Rete, piattaforma potente di partecipazione, possono sostituire i partiti come interfaccia fra società e governo della cosa pubblica. Serve, dunque, un partito laboratorio che,attraverso un forte radicamento territoriale e animato dalla partecipazione e dal volontariato, sia capace di promuovere un confronto sociale aperto e regolato per arrivare ad individuare priorità e grandi scelte, soluzioni operative e ragionevoli da rappresentare a chi governa. Un processo di questo tipo di democrazia deliberativa - è certamente di radicale trasformazione nel modo di fare politica, ma in Trentino vi sono particolari fattori che possono favorirlo : infatti nella cultura sociale trentina l interesse della comunità prevale ancora rispetto all interesse dell individuo. Lo Statuto del nostro partito prevede una organizzazione territoriale per sviluppare la crescita economica, sociale e culturale delle vallate del Trentino, favorendo la partecipazione diretta e attiva dei territori. Non solo bisogna far funzionare appieno questi organismi, ma bisogna soprattutto che essi sappiano mobilitare la società assolvendo alla loro funzione di strumento di congiunzione con le rappresentanze istituzionali. Se rinunciamo ad instaurare una dialettica corretta tra partito ed eletti ( nei consigli comunali, delle comunità di valle, in consiglio provinciale e nei rispettivi esecutivi ) finiremo per renderci invisibili come partito o avere un ruolo di mera testimonianza di proposte e decisioni politiche prese altrove e calate dall alto o diventare solo soggetti utili nelle fasi elettorali. Per cambiare il modo di fare politica è opportuno: discutere di appropriate forme di distinzione tra dirigenza del partito e rappresentanze istituzionali espresse dal partito; dare un forte impulso all autofinanziamento del partito in modo anche di evitare i signori delle tessere ; organizzare percorsi di formazione non tradizionali, ma indirizzati a formare dirigenti territoriali in grado di organizzare, condurre e indirizzare dibattiti e confronti aperti con la popolazione. La nostra identità : i principi e i valori di riferimento E un campo molto ampio che investe diversità e sensibilità differenti e presenti anche nel nostro partito. Ci limitiamo, perciò, a sottolineare solo alcuni principi e valori da tutti riconosciuti, ma in grado di fornire unità e coesione. Sono quelli che fanno riferimento alla democrazia, alla nostra Autonomia, al riformismo e, soprattutto, alla territorialità. 5

6 Democrazia e Autonomia Siamo un partito democratico perché la società trentina è profondamente democratica e si riconosce appieno nei valori, nei diritti e doveri della Costituzione repubblicana che ha riconosciuto per la prima volta nelle lunga nostra storia l Autonomia della nostra Provincia. In una visione aperta ci deve essere anche il riferimento alla Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea : dignità, libertà, eguaglianza, solidarietà, cittadinanza, giustizia. Siamo un partito autonomista perché l Autonomia è la nostra storia e il diritto all autonomia è la nostra identità. Vogliamo che essa diventi sempre di più un laboratorio politico in grado di dare alla nostra comunità più avanzati livelli di democrazia partecipativa, di trasparenza nell impegno a perseguire l interesse pubblico e la salvaguardia dei beni comuni. Riformismo Siamo un partito riformista perché ci richiamiamo ad una tradizione politica e amministrativa popolare che ha saputo in questa nostra terra indicare lo sviluppo futuro. Essere riformisti vuol dire in buona sostanza avere la capacità di anticipare prima che i problemi siano lasciati irrisolti a marcire.oggi tutti si proclamano riformisti e territoriali, ma non tutti i riformismi sono uguali perciò bisogna dire da che parte si sta. Noi pensiamo che il riformismo liberista, quello del meno stato e più mercato e della sola competitività e produttività, pur portatore di valenze positive, dia solo risposte di tutela di limitati interessi sociali. Occorre mettere insieme competitività e solidarietà, che è parte integrante dei valori più profondi del Trentino, dando voce alla dimensione valoriale della comunità. Territorialità Soprattutto siamo un partito territoriale. Ciò significa essenzialmente due cose: la prima è una forte convinzione che nella terra dell Autonomia speciale ci debbano essere una logica differente, una asimmetria tra il sistema politico locale e quello nazionale. Ciò non vuol dire non avere rapporti con le forze politiche nazionali, ma questi rapporti, se dovessero essere ritenuti opportuni, dovranno avvenire su base confederata tale da assicurare piena autonomia statutaria, organizzativa, finanziaria al nostro partito. La seconda sta nel fatto che noi pensiamo, sulla scia della ricerca e di un forte pensiero sul tema dello sviluppo locale (Olivetti, De Rita, Bonomi, Cacciari), che quel che conta è l esistenza di un progetto collettivo radicato sul territorio inteso come luogo di vita comune e dunque da preservare e da curare per il benessere di tutti. Allo stesso tempo dobbiamo essere un partito aperto perché per noi il locale non è un microcosmo chiuso ma l universale è il locale senza le mura. Si tratta, quindi, di dar vita ad una rete di relazioni trasversali, virtuose e solidali, volte a sperimentare pratiche di rafforzamento democratico, di interazioni tra attori sociali, ambiente fisico e patrimoni collettivi. 6

7 Su queste basi dobbiamo fondare un nuovo modo di fare politica, mettendo in secondo piano riferimenti politici ormai datati come quelli di destra e sinistra o di moderati e di centro e rafforzando invece la nostra specificità territoriale in grado di esprimere un buon governo. L Upt deve fare propria una parola chiave : la fiducia. Dobbiamo essere portatori di fiducia nelle istituzioni autonomistiche, nella politica e in un ruolo rinnovato del partito. Solo così,- forti delle nostre radici, dei nostri valori e delle nostre proposte - sapremo affrontare uniti, insieme a tutta la comunità trentina, le sfide del nostro tempo. AUTONOMIA,GOVERNO DELLE ISTITUZIONI,BUROCRAZIA. l Autonomia e il nuovo Statuto Siamo di fronte ad un passaggio importante e complesso per il futuro della nostra Autonomia. Si deve promuovere un percorso di ulteriore modifica dello Statuto speciale per rinnovare il valore dell Autonomia e costruire un nuovo ruolo della Regione in una prospettiva euroregionale. E un percorso che deve essere condiviso con tutte le forze politiche della coalizione del centrosinistra autonomista, ma che deve anche essere allargato al più ampio schieramento possibile. Tuttavia, nonostante le complessità politiche e tecnico-giuridiche della riforma, non è sufficiente un coinvolgimento delle sole forze politiche e degli esperti, pur indispensabile, ma riteniamo che si debba dar vita ad un processo partecipativo ampio con tutte le rappresentanze della comunità. Risulta indispensabile, di fronte ai numerosi contenziosi istituzionali, garantire miglior certezza nei rapporti tra Provincie autonome di Trento e Bolzano, la Regione Trentino Alto Adige/Sudtirol e lo Stato italiano sulla base di quanto stabilito dalla Costituzione, dallo Statuto speciale di autonomia e dalle norme di attuazione dello stesso e degli accordi sottoscritti dai rappresentanti delle Provincie autonome e del Governo nazionale, a partire dall Accordo di Milano che potrà dirsi superato solo quando pienamente realizzato. Ma a riguardo del nuovo Statuto l Upt ha una propria e specifica visione : quella di realizzare La Comunità autonoma del Trentino, rafforzando l impianto autonomistico e di governo, ponendo le premesse perché su questo disegno istituzionale possa crescere una corrispondente consapevolezza culturale e una adeguata base politica. Si tratta di un obiettivo ambizioso che vuole adeguare l Autonomia trentina unitamente a quella sudtirolese - ai processi istituzionali in atto a livello europeo, sulla logica dell Euroregione e del GECT, ma anche con ampie relazioni con le Terre alte in una visione pan-alpina. Il governo provinciale Il governo della PAT è stato profondamente riformato con la cancellazione dell incompatibilità tra Consiglieri ed Assessori e con la riduzione degli stessi a 6. Ciò significa che nella nuova Giunta gli Assessori 7

8 non saranno solo dei semplici nominati dal Presidente, ma anche portatori di una rappresentanza politica. Appare, quindi, opportuna una conduzione collegiale nell elaborazione degli indirizzi e nei processi deliberativi dell esecutivo. L elezione diretta del Presidente con un sistema maggioritario costituisce un cardine fondamentale per assicurare governabilità e stabilità alla Provincia, dopo un periodo negativo nel quale era possibile fare e disfare le giunte provinciali a piacimento. E, tuttavia, ci pare opportuno ricercare più adeguati bilanciamenti tra potere esecutivo e quello legislativo. Si tratta di assegnare un ruolo più significativo al Consiglio provinciale soprattutto in termini di controllo degli effetti dell azione di governo e delle leggi approvate dall assemblea legislativa. La Comunità di Valle La CdV rappresenta la capacità e la sfida di guardare al Trentino dei prossimi dieci anni dieci anni, un Trentino policentrico dove la Provincia rivesta sempre più un ruolo di indirizzo e di controllo e le diverse articolazioni territoriali diventino protagoniste dello sviluppo del proprio territorio con funzioni e competenze di gestione, svolte con efficacia, efficienza ed economicità. Per questo dobbiamo difendere la riforma istituzionale come ina straordinaria opportunità per generare coesione, partecipazione democratica, responsabilità di scelta e cooperazione nella gestione del territorio. La CdV è un valore non solo un centro di costo, dove peraltro la quasi totalità del bilancio è impegnato in servizi per i cittadini. Ma siamo anche convinti che la riforma, pur complessa e difficile, va velocizzata apportando gli opportuni aggiustamenti rispetto a criticità emerse e registrate nella sua fase di avvio; criticità che hanno causato e causano antagonismo e contrapposizione tra Comunità e Comuni. Vanno introdotti cambiamenti nella composizione e nelle funzionalità degli organi della CdV volti a favorire una forte integrazione e fiducia tra eletti e Sindaci, cercando di superare la dicotomia di una legge istitutiva che promuove l associazionismo tra Comuni e la successiva introduzione dell elezione diretta del Presidente e di parte dei componenti dell Assemblea che tende a considerare la CdV come un livello politico/istituzionale sovraordinato ai Comuni. Nelle gestioni associate, che costituiscono la centralità delle funzioni della CdV, l azione di governo deve spettare ai Sindaci in una logica d insieme, di solidarietà e di inclusione priva di competitività con l obiettivo di migliorare la qualità dei servizi e nel contempo di riqualificare la spesa pubblica. Vanno accelerati i trasferimenti di competenze dalla PAT alla Cd nel campo socio-sanitario e dei servizi pubblici a rilevanza economica, non escludendo sub-ambiti, costi standart e assicurandi adeguate risorse finanziarie e di personale. In tema invece dei numerosi e piccoli Comuni che caratterizza il Trentino, dove peraltro essi rivestono no solo funzioni amministrative come tutti gli altri ma hanno anche una dimensione patrimoniale in quanto proprietari di vasti territori silvo-pastorali, occorre prendere atto che le politiche di incentivo alle unioni 8

9 hanno prodotto scarsissimi risultati, peraltro con costi che non possiamo più permetterci, se non per casi di effettiva e volontaria fusione.. L Upt si impegna a costruire Comunità di Valle che diventino Comunità di Comuni ed insieme comunità di cittadini pluralistiche dove il vivere insieme significhi negoziazione e conciliazione degli interessi e l unità sia un risultato non una condizione data a priori e dove si sappia evitare la scorciatoia pericolosa del comunitarismo identitario chiuso in se stesso L Euregio e la governance multilivello L economia trentina è stretta in una morsa, presa tra la concorrenza dei paesi in via di sviluppo sui settori tradizionali e di quelli avanzati sulle produzioni più innovative. La globalizzazione sta destabilizzando il nostro territorio e mette in crisi attività che subiscono la competizione con i paesi emergenti, ma al tempo stesso sta creando anche nuove opportunità legate alla valorizzazione dei beni locali collettivi competitivi. Il Trentino si contraddistingue per tre tipi di dotazioni, che appaiono di particolare rilievo: il saper fare diffuso legato alla sua vocazione agricola e industriale, i beni culturali e ambientali, le conoscenze scientifiche accumulate nell università, nei centri di ricerca e nella rete museale. A ciò si aggiunge il capitale sociale, ossia una buona rete di relazioni formali e informali tra imprese, servizi e associazionismo. La creazione di vantaggi competitivi per mezzo di questi beni locali richiede però un nuovo modello di governance. La capacità competitiva del nostro territorio aumenterà se potrà far leva sulla reciproca integrazione fra le risorse, grazie alla collaborazione tra soggetti istituzionali e privati, per costruire le condizioni dell'innovazione e garantire al tempo stesso la coesione sociale, guardando al tempo stesso oltre confine. Il buon governo deve contemplare ormai una governance multilivello, partendo dall evidenza che l azione politica della Provincia autonoma non può limitarsi all ambito locale, ma per esprimersi al meglio deve interessare il livello interregionale, pur nel rispetto del principio di sussidiarietà. L autonomia ha portato a livello locale una serie sempre più ampia di competenze, dalla disoccupazione al disagio sociale, dall istruzione al traffico, dalla sicurezza alla tutela dell'ambiente. Nello stesso tempo, il nostro destino di cittadini trentini si gioca sempre più su scala sovranazionale e invita il governo provinciale a cooperare con organismi e network sovra-regionali per assicurarci una serie di benefici e capacità competitive. Nel Trentino esiste già un impostazione istituzionale e operativa multi-scala, che vede la politica territoriale articolata in ambiti di micro, meso e macro-livello, dal comunale, al comunitario, al provinciale e, infine, al meta-regionale con l euroregione Tirolo-Alto Adige-Trentino. Con quest ultimo ambito, la governance contempla il livello europeo e coinvolge, nella definizione e attuazione di strategie territoriali, enti non più semplicemente locali bensì glocali (globali e locali insieme). Ciò è coerente con la geografia dei territori che si va definendo in Europa, dove agglomerazioni urbane, citta-regione e regioni urbane policentriche vanno delineando il quadro del nuovo assetto territoriale, nel quale sono scritti ex novo i confini della nazioni e la maglia delle divisioni amministrative per costruire 9

10 nuove aggregazioni fra aree locali sulla base dell affinità di strategie competitive, così da creare nuovi soggetti territoriali trans-locali. Il partito è impegnato su iniziative politiche orientate a influenzare secondo tale approccio l azione di governo provinciale in settori chiave come la formazione, la cult, la ricerca e l innovazione, lo sviluppo economico, il sistema del credito e l ambiente di montagna, che richiedono iniziative coordinate tra attori locali e soggetti sovra-regionali in grado di articolare politiche sinergiche e coerenti così da integrare risorse e opportunità di ambiti territoriali diversi. La burocrazia e le società pubbliche di sistema Periodicamente, soprattutto in presenza di scadenze elettorali, si alza il coro di chi indica nella burocrazia la madre di tutti i mali ed usa questo argomento, insieme a quello dell antipolitica, come tema di propaganda. Noi non ci uniamo a questo coro perché siamo consapevoli, invece, che possiamo contare su una pubblica amministrazione fatta di uomini e donne capaci, preparati ed onesti, in grado di dare un servizio adeguato alla comunità. Ciò non significa sottendere o attenuare la necessità di definire un più moderno ed efficiente ruolo della P.A. che sia di servizio e non di ostacolo per la vita quotidiana dei cittadini, delle famiglie e delle imprese, contribuendo in maniera determinante allo sviluppo economico ed alla soluzione anche dei piccoli problemi che la gente evidenzia nel proprio vissuto quotidiano. Di questa necessità dovrà farsi carico il nuovo governo provinciale, agendo su due direttrici. La prima riguarda lo snellimento e la semplificazione degli iter burocratici per fornire agli utenti centri di riferimento per la soluzione dei problemi in tempi certi e ragionevoli. A questo scopo appare necessario rivedere la legge sul procedimento amministrativo. La seconda riguarda il la riforma l impianto amministrativo. Vogliamo proporre al centrosinistra autonomista un ragionamento per una riorganizzazione basato sulla piena e coerente attuazione del principio della distinzione dei ruoli tra livello politico e livello tecnico/amministrativo, presente nella nostra normativa ma di fatto in gran parte disatteso. Tale principio presuppone la capacità da parte dell esecutivo di svolgere le attività di propria attribuzione, come quelle di fornire alla macchina burocratica gli indirizzi e gli obiettivi, le risorse finanziarie ed umane per raggiungerli e di valutarne i risultati e la capacità della burocrazia, in un quadro di leale collaborazione, di attuare questi indirizzi ed obiettivi con efficacia, efficienza, economicità, trasparenza e imparzialità. Ciò implica che la nomina dei vertici della burocrazia avvenga sulla base delle capacità, dei meriti e dei risultati raggiunti ( merit system ) e la non intromissione del livello politico in termini di discrezionalità nei singoli procedimenti amministrativi. Vogliamo ragionare attorno ad un ipotesi organizzativa che rafforzi gli staff del Presidente e, soprattutto degli Assessori, mettendoli nelle condizioni di svolgere in piena autonomia la funzione politica di indirizzo e di valutazione dei risultati assegnati ai dirigenti e che, preveda servizi maggiormente accorpati con un numero ridotto di uffici che, diversamente dal sistema attuale abbiano rilevanza esterna. Ad ogni modo va corretta l ipertrofia 10

11 di una macchina amministrativa che conta 14 agenzie, 12 società di sistema e oltre duecento tra uffici e incarichi speciali. Proponiamo, dunque, una nuova organizzazione che riponga fiducia, anziché richiederla, nella burocrazia e che non può essere perseguita solo con la riqualificazione della spesa pubblica ( spending rewiew ), che ad ogni modo va attuata senza tagli lineari, ma con progetti che riducano sprechi e duplicazioni migliorino le sinergie tra uffici e servizi, tra agenzie e società di sistema. Per quanto riguarda le società pubbliche di sistema va continuata nella prossima legislatura l azione per una loro ridefinizione e accorpamento, applicando ad esse le regole della P.A. per quanto riguarda l assunzione di personale. Si ritiene inoltre opportuno introdurre un sistema di valutazione delle attività e dei risultati attraverso un analisi di costi-benefici. ECONOMIA, LAVORO E WELFARE In questi settori puntiamo a creare nuovi strumenti di gestione che tengano conto delle trasformazione in atto del mercato del lavoro e di un quadro economico- finanziario e produttivo in continua evoluzione..si tratta, in definitiva, di uscire da una fase economico- sociale, ancorata a criteri sorpassati per allargare gli orizzonti verso un nuovo progetto che assicuri un welfare ed un tessuto produttivo sostenibili ed al passo coi tempi..bisogna avere il coraggio di rilanciare il ruolo del Trentino laboratorio sperimentale del Paese e dell Europa aprendo una nuova stagione dell Autonomia.Le future carenze di risorse devono indurci non a ridurre le tutele e le reti protettive attualmente garantite, bensì ad investire su una serie di fattori propedeutici alla crescita economica, alla partecipazione fattiva della comunità alla gestione del welfare ed alla produzione di politiche attive per il miglioramento delle performances produttive del territorio. Le ulteriori competenze acquisite recentemente possono e devono contribuire a proporci quale terra di sperimentazione di nuove soluzioni meno costose e più avanzate sul piano della partecipazione della comunità. La cultura del lavoro e la solidarietà tra generazioni, il volontariato e la cooperazione devono essere i valori dai quali partire per lanciare un nuovo modello che non si basi solo sulla entità delle risorse finanziarie messe in campo e, quindi, su semplici e costosi elementi di assistenzialismo,, bensì sul contributo attivo e fattivo che ogni cittadino deve dedicare alla collettività. Bisogna vivere la propria comunità non come un contribuente passivo che rivendica tutele,diritti e servizi ma come membro attivo fruitore e contemporaneamente erogatore di attività di pubblica utilità per il benessere collettivo, partecipando, in base alle proprie competenze e capacità, alla gestione complessiva della cosa pubblica. L equilibrio demografico un tempo contribuiva a conservare un rapporto sostenibile tra entrate ed uscite del bilancio complessivo assicurando le tutele necessarie in ogni campo dell economia e del sociale. La crisi attuale e la diminuzione delle nascite ha creato ora condizioni economiche che mettono fortemente in discussione il welfare soprattutto nell assistenza all infanzia,agli anziani e nella sanità in generale. Oggi le 11

12 spese nei comparti interessati sono ingenti ed assorbono percentualmente fette ingenti del bilancio attuale. Considerando che per il futuro si prevede un sostanzioso aumento della popolazione anziana è evidente che non è più procrastinabile l esigenza di rivedere un serie di parametri revisionando radicalmente gli strumenti gestionali ed i principi che regolamentano il welfare state. Economia L economia del Trentino, anche se in forme più attenuate rispetto al resto del Paese, sta vivendo una fase recessiva grave e prolungata. Uscire dalla recessione e avviare una fase di crescita non dipende solo da noi perché tutto ciò è strettamente legato all evolversi della situazione nazionale ed europea. Non ci salviamo da soli, anche se l Autonomia ha risorse e strumenti per attenuare gli effetti della crisi e per accelerare la fase della crescita di cui si intravedono i primi segnali. E qui che ci giochiamo il nostro futuro. Occorre assicurare continuità d azione a quanto fatto dalla Provincia nella precedente legislatura : in Trentino la crisi è stata contrastata con una robusta manovra finanziaria orientata alla salvaguardia delle imprese, a sostenere l occupazione e le fasce deboli. Più complesso è l obiettivo di un rilancio della crescita economica e dell occupazione dove il ruolo della spesa pubblica (lavori pubblici, investimenti e contributi di sostegno) riveste un ruolo strategico e fondamentale che però deve essere ripensato con una azione dinamica e fortemente innovativa che tenga conto delle trasformazioni in atto nel contesto economico, finanziario e produttivo. Si discute molto e in varie sedi di come cambiare il modello di sviluppo del Trentino, di innovazione e di ricerca, di internazionalizzazione, di maggior selezioni dei sostegni pubblici che dovrebbero essere più di sistema che di settore. Ma non dobbiamo mai dimenticarci che su un fattore possiamo e dobbiamo far conto : la nostra capacità e volontà di essere un corpo sociale coeso, forte, solidale. E, dunque, il modello di sviluppo su cui dobbiamo puntare è quello che valorizza al massimo il nostro capitale sociale e la nostra capacità di iniziativa per costruire un progetto organico per il territorio alpino, fondendo insieme le risorse e i valori della montagna con la nostra capacità organizzativa e gestionale, per produrre sviluppo e benessere economico garantendo sostenibilità e tutela ambientale. Il territorio è la nostra grande ricchezza per le sue eccellenze ambientali e paesaggistiche di valenza mondiale e per le sue risorse come l acqua, le foreste, i beni collettivi,. Questa ricchezza va gestita in modo sostenibile e durevole per le generazioni future. Noi ci proclamiamo territoriali perché riteniamo fondamentale l elaborazione e l implementazione di una strategia fondata sul territorio, vale a dire nel concepire il locale come luogo di interazione tra attori sociali, ambiente fisico e patrimoni territoriali, culturali e sociali.. In questo senso dobbiamo pensare alle comunità come ad altrettanti laboratori di analisi critica e di autogoverno per la difesa dei beni comuni e meritano particolare attenzione i settori economici direttamente legati al territorio come l agricoltura e foreste e il turismo. 12

13 Le imprese Le imprese trentine chiedono alla politica : semplificazione e velocizzazione delle procedure e delle pratiche amministrative sostegno di iniziative produttive flessibilità e semplificazione dei rapporti di lavoro ulteriore potenziamento delle reti telematiche infrastrutture efficienti per la mobilità delle merci e dei servizi all interno del Trentino e verso l esterno (viabilità, organizzazione e gestione della mobilità delle persone - lavoratori, studenti, ospiti - e delle merci) disponibilità di credito bancario maggior efficienza della P.A., sia in termini di spesa, che di erogazione di servizi Nella passata legislatura sono state date molte risposte a queste domande anche in materia di riduzione della pressione fiscale ( Irap ) e di sostegno al credito con azioni che vanno continuate e possibilmente ampliate. E tuttavia occorre avere ben presente che le trasformazioni in atto del mercato, del lavoro e del quadro economico-finanziario impongono di ripensare la politica dei contributi alle imprese selezionando quelle iniziative che promuovono occupazione soprattutto di giovani e donne -, che accrescono prodotti e processi innovativi, che investono in settori strategici. Obiettivo prioritario è quello di sostenere incentivare la competitività e la produttività delle imprese trentine, per sviluppare l occupazione e il PIL trentino, da cui deriva grandissima parte delle risorse finanziarie dell Autonomia e senza le quali non sarebbe sostenibile il livello di welfare goduto da tutti i trentini. Alcune azioni puntuali : orientare e sostenere le capacità lavorative, intellettuali, innovative e creative dei trentini verso le attività produttive private. La P.A. che non può più essere il rifugio occupazionale delle nuove generazioni trentine mettere in campo quelle azioni in grado di attrarre iniziative, capitali, know-how innovativo dall esterno, capaci di fornire input di competitività del sistema produttivo locale in prospettiva di lungo periodo; che, in particolare, siano disponibili ad investire sulle risorse giovani del Trentino creare e sostenere tutte quelle iniziative in tutti i campi economici in grado di esportare prodotti e servizi trentini, di investire in tecnologie o prodotti fortemente innovativi, di creare alleanza produttive e di R&S con aziende leaders internazionali favorire la possibilità per i giovani di creare nuove attività in Trentino; in particolare per quelli che hanno maturato esperienze di studio e di lavoro in altre regioni (italiane ed estere) e per quelli che hanno effettuato percorsi formativi di elevata qualificazione (in Trentino e in altri contesti) finanziare quei progetti di rilevanza produttiva sostenuti prevalentemente da risorse pubbliche che abbiano una effettiva e documentabile auto-sostenibilità finanziaria, economica e gestionale (cioè, che non dipendano da ulteriori risorse pubbliche) 13

14 revocare i finanziamenti per le aziende che evadono o eludono le imposte per concorrenza sleale e mancato rispetto delle regole legislative ed etiche nei confronti della comunità trentina distinguere le scelte di natura politico-programmatica da quelle di natura valutativa tecnicoeconomica relativa a specifici provvedimenti snellire, semplificare e concentrare le procedure autorizzative (in particolare, quelle relative ad aspetti urbanistici) per lo sviluppo delle imprese esistenti e per la creazione di nuove imprese valorizzare le relazioni internazionali attivate dalla Provincia oltre che a fini culturali e umanitari anche per l apertura di nuove relazioni economiche completare e potenziare la cablatura del Trentino (fino all ultimo miglio delle imprese e delle abitazioni) per creare le condizioni per la creazione di imprese di servizio avanzate sviluppare e sostenere gli investimenti in energie rinnovabili e in edilizia sostenibile fornire alle imprese energia prodotta in Trentino a prezzi competitivi (compatibilmente con normative europee e con la presenza di un mercato libero dell energia, peraltro regolamentato) intensificare le relazioni tra agricoltura, turismo e artigianato, sia nel campo dei prodotti, che della realizzazione di strutture, macchinari, attrezzature destinare prioritariamente le risorse disponibili al finanziamento di iniziative in campo turistico che siano coerenti con progetti di sistema (prodotti bel definiti, target specifici, iniziative con esplicita funzionalità reciproca e con requisiti di sostenibilità) sostenere lo sviluppo o la creazione di servizi complementari al turismo (di tipo culturale, sportivo, ricreativo, informativo, ecc.) che hanno anche ricadute di natura sociale per la qualità della vita dei trentini destinare a nuove imprese avviate da giovani - per un periodo determinato - spazi produttivi per esperienze di start-up, in particolare di quello innovativo (a fronte di progetti opportunamente documentati e valutati) destinare il massimo delle risorse specifiche consentito dai parametri UE, per finanziamenti a nuove imprese avviate da giovani ampliare e potenziare lo strumento del prestito d onore per motivi di studio o per l avvio di nuove imprese organizzare una presenza importante per le nostre imprese e i nostri prodotti al prossimo EXPO di Milano Linee guida per alcuni settori Agricoltura e foreste Il sistema agricolo trentino è caratterizzato da alcuni importanti elementi distintivi: territorio svantaggiato di montagna con alta frammentazione fondiaria, forte legame alla proprietà fondiaria, aziende di piccole dimensione, elevata età media degli addetti, produzioni ad alto valore aggiunto e di qualità, importante servizio di formazione e assistenza tecnica, elevato grado di organizzazione dell offerta, importante livello 14

15 di organizzazione degli strumenti ed opere di infrastrutturazione (viabilità, bonifiche, irrigazione), importante patrimonio malghivo, necessaria connessione con il turismo. Va anche sottolineato che le produzioni specializzate frutticoltura e viticoltura - occupano poco più di 20 mila ettari, una parte ridotta della superficie agricola provinciale anche se determinano gran parte della produzione lorda vendibile, mentre per tutto il resto del territorio agricolo, quello della zootecnia e produzioni minori, si manifestano in misura maggiore gli svantaggi della montagna con gravi fenomeni di abbandono delle coltivazioni e, dunque, avrebbe bisogno delle maggiori attenzioni. Le proposte programmatiche del prossimo governo provinciale dovranno necessariamente confrontarsi con i temi posti dall Europa con la nuova politica agricola (PAC ) che individua tre macro obiettivi e sei priorità : competitivita': 1. Promuovere la conoscenza l'innovazione e la formazione; 2. Promuovere la competitività e la redditività delle aziende agricole ; 3. Incentivare l'organizzazione delle filiere e la gestione dei rischi; gestione sostenibile: 1. Incoraggiare Preservare gli ecosistemi agricoli e forestali; 2. l'uso sostenibile delle risorse e delle attività agricole; sviluppo equilibrato delle zone rurali: 1. Promuovere l'inclusione sociale e la riduzione della povertà nelle zone rurali. Tenuto conto di questi obiettivi e priorità si individuano alcune azioni di intervento: rivedere alcuni aspetti di governance della Fondazione Mach, riequilibrando e qualificando le rappresentanze in seno al consiglio di amministrazione ; ridisegnare in chiave innovativa il settore del CTT ( Centro di Trasferimento Tecnologico; aggiungere percorsi di formazione scolastica una collaborazione con le scuole professionali alberghiere. accompagnare il settore agricolo verso un ragionevole utilizzo degli strumenti finanziari fino ad ora preclusi o scarsamente utilizzati. Sia per sviluppare progetti finanziari come ad esempio i fondi di garanzia ed i fondi di rotazione (utili a supplire alle ridotte disponibilità della finanza pubblica), ma anche quali supporti tecnici di analisi e sviluppo di nuovi prodotti/processi, come incubatori e startup; attivare un progetto di Banca della terra inteso come banco di garanzia al mercato degli affitti sia di fondi privati che di concessioni di proprietà pubbliche, ma anche come borsa di scambio tra domanda e offerta; accrescere la competitività delle nostre micro aziende attraverso la razionalizzazione delle operazioni colturali con un approccio organizzato dei processi di meccanizzazione; indirizzare verso una demarcazione più chiara ed un utilizzo più attento dei vari strumenti di sostegno, inteso a sostenere investimenti produttivi che abbiano una concreta ricaduta sul 15

16 territorio e sempre meno ad aiutare percorsi di incentivo alla gestione; che siano rivolti alle filiere e alle reti di impresa, dando spazio di priorità ai giovani; concentrare le attenzioni verso attività di tutela delle nostre produzioni e sviluppare una strategia di lotta nei confronti delle contraffazioni e delle imitazioni; rafforzare gli strumenti di garanzia, di gestione del rischio e di mutualità. Il sistema cooperativo tanto importante per non dire fondamentale all economia del nostro territorio deve completare un importante processo di formazione e qualificazione dei propri amministratori ed al contempo rinnovare i propri schemi organizzativi nel senso di dare maggiore responsabilità ai propri associati. Il sistema forestale trentino svolge un importante azione multifunzionale a vantaggio del territorio e della comunità (salvaguardia della biodiversità, difesa idrogeologica, valenza paesaggistica e ambientale, funzioni turistico-ricreative, risorsa economica e produttiva) e va considerato in una logica di conservazione, miglioramento e promozione della qualità e dello sviluppo territoriale. Ma se elevate e di vera e propri eccellenza sono le prestazioni ambientali,paesaggistiche e sociali fornite dalle foreste trentine, altrettanto non si può dire per gli aspetti economici. E in questa direzione devono essere rivolte politiche adeguate per dare vita ad una filiera foresta-legno-energia produttiva e competitiva. Per raggiungere questo obiettivo si individuano alcune azioni prioritarie : Promuovere in campo forestale processi di aggregazione tra proprietari pubblici e privati avvalendosi dell esperienza pluridecennale maturata nel settore agricolo Diminuire il costo ormai insostenibile della redazione dei piani decennali di assestamento, considerandoli concretamente come piani aziendali e dunque limitati agli aspetti produttivi così come prescrivono le norme provinciali in vigore Aumentare al 70-80% la quota annua del volume dei tagli, attualmente pari a poco più del 50% dell accrescimento in volume annuo dei boschi trentini Attivare un progetto pluriennale di sistemazione della viabilità forestale esistente per consentire il trasporto di legname di maggiori lunghezze richiesto dal mercato e di residui legnosi per scopi energetici Valorizzare il legname trentino attraverso forme di vendita e commercializzazione anche innovative e maggiormente orientate al mercato Incentivare l uso energetico dei residui legnosi delle utilizzazioni forestali Sostenere le imprese artigiane di utilizzazione boschiva, promuovendo la meccanizzazione e rendendo concreta la loro equiparazione agli imprenditori agricoli professionali, prevista dalla normativa provinciale in vigore, al fine di diminuire i costi fissi di queste imprese Promuovere e sostenere le imprese di prima trasformazione del legname che producono semilavorati a maggior valore aggiunto Il turismo Rappresenta un settore economico di primaria importanza per il Trentino, dal quale sembra difficile prescindere nell ambito di un qualsiasi disegno di sviluppo locale. Al di là dell impatto (diretto, indiretto e indotto) che l attività turistica ha sull economia provinciale, bisogna infatti considerare come il Trentino 16

17 abbia ormai sviluppato una autentica vocazione turistica, che coinvolge non solo le valli montane e i laghi, ma anche le città e le zone di produzione agricola. Il turismo montano, tuttavia, attraversa una fase delicata del proprio sviluppo, in cui ai cambiamenti nella domanda e all intensificazione della competizione a livello internazionale, si sono aggiunte le sfide del cambiamento climatico, e in particolare del global warming, che mette in dubbio la tenuta della stagione invernale, fondamentale per la maggior parte delle stazioni alpine. Risposte strategiche di attori pubblici e privati : una maggiore specializzazione territoriale dell offerta il rafforzamento della dimensione di rete fra gli operatori locali; la ricerca di maggiore innovazione a livello di prodotto, processo, organizzazione, commercializzazione; l avvio di un processo di ridisegno organizzativo del sistema della promozione turistica territoriale, che tenga conto anche della mutata disponibilità dei finanziamenti pubblici, e affronti importanti innovazioni che siano in grado di combinare efficienza ed efficacia; l ottimizzazione dell intervento pubblico, sia nella realizzazione di infrastrutture e nella fornitura di beni pubblici, sia nell attività di produzione normativa e nella politica degli incentivi positivi (contributi) e negativi (tasse, divieti, tutela del territorio). Introduzione della Card del Trentino Azioni prioritarie : favorire la crescita dell imprenditorialità locale, puntando sulla qualità (ma non necessariamente sul lusso ); differenziare e innovare i prodotti turistici, in modo da attrarre più segmenti di domanda e prolungare le stagioni; attivare efficaci forme di promozione e di commercializzazione, considerando anche le opportunità offerte dalle nuove tecnologie; attivare politiche e progetti su mobilità (gestione dei flussi di traffico), energia e acqua; salvaguardare l ambiente (impedire lo sfruttamento irreversibile delle risorse paesaggistiche e naturali, coniugare lo sviluppo con la sostenibilità del turismo, limitare l antropizzazione in quota). Il lavoro I cambiamenti tecnologici, organizzativi, contrattuali, professionali ed economici che stanno investendo da circa un ventennio il mondo del lavoro, hanno determinato un nuovo assetto del sistema della domanda e dell'offerta, modificando radicalmente il rapporto tra contesto sociale, lavoratori ed imprese. Emergono nuove professionalità e tipologie di lavoro, più mobili e flessibili, sulle quali dobbiamo investire, ma anche nuove forme di precarietà ed instabilità. Nella nostra società molto spesso la domanda chi sei si traduce in che lavoro fai, in questo modo il lavoro diviene un forte indicatore per rendere la persona socialmente riconoscibile. Le svariate ricerche in campo psicosociale hanno messo in rilievo come il lavoro rivesta un 17

18 ruolo fondamentale all interno della società contemporanea, tanto da essere annoverato tra i valori principali dell individuo. Il lavoro e l occupazione dovranno essere al centro della prossima azione di governo. E vero che i sui tassi di disoccupazione e di occupazione in Trentino registrano valori più bassi rispetto al resto del Paese, ma deve preoccupare una tendenza locale che non accenna ancora ad invertire la rotta. Per rilanciare l occupazione non bastano solo gli interventi finanziari, pur importanti, ma bisogne mettere al centro dell azione politica il lavoro in tutte le sue accezioni (dipendente, autonomo, subordinato, etc) ma soprattutto investire sulla cultura del lavoro quale strumento di realizzazione delle singole persone e del diritto di cittadinanza. Il lavoro deve essere inteso come fattore di sviluppo congiuntamente agli altri fattori dell economia e della produzione: non è solo il capitale ed il management che assicurano le performances delle imprese nel mercato ma anche e soprattutto il coinvolgimento delle maestranze nella gestione delle aziende. Partendo da questi presupposti la Provincia, forte delle sue speciali competenze, potrebbe sperimentare nuove forme di gestione aziendale congiunta tra maestranze e recupererebbe con questo ed altri provvedimenti innovativi la funzione di laboratorio sperimentale, già esercitato nel passato in tutti i campi dell economia e del lavoro ad esempio con la nascita dell Agenzia del lavoro. Una tradizione consolidata quella di un Trentino fucina di innovazione che dovrebbe essere ripresa e potenziata anche alla luce delle nuove competenze acquisite che riguardano la gestione degli ammortizzatori sociali. Per quanto riguarda gli ammortizzatori si sottolinea l importanza che i criteri di erogazione siano innovativi ma che soprattutto siano coniugati con le politiche per la famiglia e per l istruzione. La tutela dei lavoratori non può essere considerata solo in termini assistenzialistici, ma va declinata con le c politiche attive del lavoro. : non può essere realizzata solo da interventi di sostegno al reddito, seppure importanti ma non sufficienti ad assicurare un futuro, bensì dalla creazione di opportunità lavorative all interno di un mercato del lavoro aperto,dinamico e fruibile direttamente dai singoli supportati da eventuali percorsi di riqualificazione e/o riconversione professionale. Ma non è più concepibile avere lavoratori che restano inattivi per mesi Il loro contributo alla comunità può essere assicurato utilizzandoli anche in attività di carattere sociale e di utilità pubblica. Far crescere cultura del lavoro è un obiettivo fondamentale per la funzione che esso ha per le singole persone e per a comunità, così come contrastare la tendenza ad investire di più nelle rendite finanziarie od in borsa piuttosto che nelle proprie imprese e l eccessiva flessibilità che ha precarizzato in modo insostenibile i rapporti di lavoro creando diffusa incertezza in termini di prospettiva. Per tutti questi motivi ci impegniamo come partito a proporre una unificazione di tutte le materie relative al mondo del lavoro sotto un unica ragia politica, anche per attuare una concreta semplificazione burocratica per le imprese e per i lavoratori. Questo obiettivo èuò essere raggiunto : ripristinando le competenze di un Assessorato del Lavoro che si occupi del lavoro nel suo complesso, delle crisi industriali, degli ammortizzatori sociali, superando l attuale frammentazione di competenze tra vari assessorati 18

19 riformando l Agenzia del Lavoro che accorpi, oltre alle attuali competenze, anche quelle del Servizio Lavoro e dell Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro dell Azienda per i Servizi Sanitri, esclusa la competenza sulla medicina del lavoro. Welfare ( servizi sociali e sanità) Servizi sociali Partire dal bisogno e non dalle risorse diventa cruciale per aiutare amministratori e cittadini ad orientare e sostenere le politiche di un determinato territorio e ad avere un più efficace ed efficiente gestione della spesa. Diventa strategico affinare le modalità di conoscenza dei problemi per progettare servizi che si lascino davvero interrogare sul bisogno delle nostre comunità, nella consapevolezza che si tratta di un processo complesso che sempre più richiede ai servizi di guardare alla comunità come interlocutore privilegiato sia per la comprensione dei problemi che per la loro parziale risoluzione, nella consapevolezza che la comunità è portatrice di conoscenze e risorse. Assumere nuove strategie di riconoscimento dei problemi nell ottica di un maggiore protagonismo della comunità stessa. I limiti dell azione dei sistemi di welfare sono sempre più evidenti e la sfida viene posta da questioni complesse (invecchiamento, disoccupazione..) richiede sforzi congiunti quindi necessita sempre più di una molteplicità di soggetti più o meno organizzati, più o meno formali. In questa condivisione di intenti possiamo includere: la pubblica amministrazione, il privato sociale, la società civile e la cittadinanza attiva. Un esempio che va in questa direzione è il quaderno dei cantieri di coesione sociale - Un quaderno che descrive in maniera approfondita alcuni dei progetti di coesione sociale realizzati in questi anni dai Poli sociali in collaborazione con Circoscrizioni, Enti, Associazioni e gruppi di cittadini. Sulla scorta di questi nuovi approcci, possiamo ragionare su un nuovo decentramento che risponda meglio alle nuove esigenze dei cittadini. In una realtà, come quella trentina, dove una parte molto rilevante del PIL è generato da servizi, diventa strategico il coinvolgimento del privato, a condizione che il sistema di accreditamento sia rigoroso e puntuale così come quello della valutazione ( che dovrebbero essere in capo ad un medesimo soggetto) e che il sistema dei voucher e buoni di servizio siano sottoposti a efficaci controlli, anche da parte degli utenti. La cultura dell integrazione socio-sanitaria e il rapporto pubblico-privato hanno un importanza strategica e deve permeare tutti i livelli: dalla programmazione all erogazione dei servizi, con visioni condivise e reciproca disponibilità al cambiamento. L integrazione socio sanitaria ha lo scopo di garantire le cinque aree di fragilità/cronicità: materno infantile, anziani, disabilità, salute mentale, dipendenze L UpT intende favorire le politiche a sostegno dei cittadini che appartengono a queste aree impegnandosi in alcune azioni: affrontare in maniera organica, diversificata e con modelli innovativi le problematiche dei disabili, degli anziani, dei malati cronici e terminali. 19

20 aumentare gli spazi per la gestione della cronicità e creare posti letto per i terminali costruendo Hospice sul territorio. coordinare le attività dei circoli pensionati e anziani nell ambito della promozione dell invecchiamento sano e attivo, rinforzando le opportunità culturali, di socializzazione e solidarietà rispondere alla carenza di informazioni orientamento e accompagnamento alla famiglia promuovere azioni di sostegno alla genitorialità in un ottica di corresponsabilità e auto mutuo aiuto (esempio virtuoso del Telefono Argento) favorire un percorso utile alla risoluzione dei problemi relativi al tema della libera circolazione delle persone con disabilità per un territorio trentino senza barriere individuare forme di organizzazioni autonome di spazi con modalità flessibile e poco formalizzata in cui coinvolgere bambini, adolescenti e giovani promuovere percorso di cittadinanza attiva che coinvolgano bambini, adolescenti e giovani promuovere percorsi formativi misti (politici, esperti e volontari) sui temi della sussidiarietà, del welfare relazionale e sullo sviluppo di comunità al fine di rafforzare l impegno nella promozione della coesione sociale come opera collettiva e non demandabile solo agli enti pubblici recuperare la corresponsabilità dei luoghi/non luoghi spazi comuni sperimentando nuove forme di collaborazione tra pubblico e privato Sanità Per tutti, la promozione della salute deve essere considerata non tanto una condizione astratta, quanto un mezzo finalizzato ad un obiettivo che, in termini operativi, si può esprimere come una risorsa che permette alle persone di condurre una vita produttiva sotto il profilo personale, sociale ed economico. Chi ha problemi di salute deve poter essere al centro dell interesse sociale e venir seguito correttamente per tutto il percorso di una malattia (stato che rende deboli le persone). Occorre puntare su terapie moderne che consentano tempi di degenza ridotti e su una riorganizzazione dei sistemi sanitari, partendo dalla consapevolezza che si ha però bisogno di un maggior impegno della medicina territoriale che dovrà affrontare il processo di deospedalizzazione precoce ed accompagnare il paziente, assicurandogli assistenza fino al termine di un periodo di cura. Medicina territoriale ed ospedali, quindi, dovranno saper lavorare in sinergia per tradurre in reale opportunità le nuove conquiste della medicina moderna (chirurgia mininvasiva, robotica, tecniche endoscopiche ed endovascolari, medicina genetica, ecc.) elevando così gli standard delle prestazioni a costi 20

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli