LAVORO PRODOTTO DAI BAMBINI E DALLE BAMBINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA ELEMENTARE A TEMPO PIENO DI TERZO DI AQUILEIA a.s.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAVORO PRODOTTO DAI BAMBINI E DALLE BAMBINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA ELEMENTARE A TEMPO PIENO DI TERZO DI AQUILEIA a.s."

Transcript

1 LAVORO PRODOTTO DAI BAMBINI E DALLE BAMBINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA ELEMENTARE A TEMPO PIENO DI TERZO DI AQUILEIA a.s. 2003/2004 Campi incolti in cui canne palustri sventolano come bandiere. Cielo azzurro dove uccelli gridano e volano Sole bollente e splendente come palla di fuoco. Acqua tranquilla con qualche fremito fra le canne. Un odore libero, natura silenziosa, siamo immersi nella tua libertà. Alex.

2

3 UNITÂT BILENGÂL SUL TEME DA PLANURE pag. 1 TEME: LA PLANURE CONTEST DI COMUNICAZION: IN TE SCUELE, FÛR DE SCUELE TESCJ SCRITS PAR: - DESCRIVI - CONTÀ - INFORMÀ SCIENTIFICAMENTRI - CONTÀ IN FORME POETICHE IN LENGHE NATIVE FURLANE INTEGRAZION DI ARGOMENTS: - STORICS, - SCIENTIFICS, - GJEOGRAFICS ABILITÂTS: - SCOLTÀ - FEVELÀ - LEI - SCRIVI IN LENGHE SECONDE ITALIANE JUTORIS DI COMUNICAZION: - TECNOLOGJIE - DOCUMENTS FOTOGRAFICS - DISENS DAI FRUTS LAVORO PRODOTTO DAI BAMBINI E DALLE BAMBINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA ELEMENTARE A TEMPO PIENO DI TERZO DI AQUILEIA a.s. 2003/2004

4 pag. 2 Adolfo Agata Alex Biagio Carmela Davide Debora Denise Diego Elisabetta Federico Francesco Gabriele Jessica Manfredi Marco Massimo Mattia Michela Pamela Samuele Sara F. Sara G. Tarik

5 pag. 3 INTRODUZIONE Per alcuni il Friuli contadino e un immagine felice di un mondo semplice, a contatto con la Natura, per altri non e stato altro che povertà, ignoranza, sofferenza, fatica ingrata, da dimenticare e rifiutare come segno di povertà. Di fatto le radici dell identità friulana non derivano da una civiltà legata alle città, ma da un modo di vivere sparso in tanti villaggi, legati alla coltivazione delle campagne. La lingua friulana, che e lo specchio con il quale confrontarci, contiene vocaboli di argomento agrario in grande quantità. Sono poche inoltre le famiglie che non abbiano fra i loro antenati degli agricoltori. Sino a mezzo secolo fa la coltivazione dei campi e l allevamento del bestiame erano le attività principali dei friulani,eppure, nello spazio di una o più generazioni, si è compiuta una rivoluzione. Con l ausilio delle tecnologie sono servite sempre meno le braccia. Sono scomparse le famiglie patriarcali necessarie all economia contadina ed il calendario delle semine e dei raccolti non regola più la vita dei paesi. Si sono chiuse stalle e latterie e le leggi dei mercati globali regolano la scelta dei prodotti da coltivare, l importare può diventare più conveniente del produrre in proprio. Il cammino dell agricoltura in Friuli e stato lungo. Gli humiles coloro che erano legati all humus, cioè alla terra, hanno espresso un autentica civiltà per cui possiamo dire che nelle campagne vi e il nostro passato, quello che conta. Cibi in scatola, surgelati, manipolazioni genetiche, transgeniche, largo uso della chimica hanno modificato tutto. Se laborare era l antico verbo del contadino e non a caso significava anche soffrire, oggi quella dell imprenditore agricolo e una professione come un altra che richiede tante conoscenze e approfondita preparazione. La rottura con il passato ha segnato anche un cambiamento nell alimentazione con l introduzione di nuove coltivazioni e l abbandono delle tradizionali, nonché (nel caso della bassa pianura) un mutamento nel paesaggio in seguito alla bonifica integrale, cioè all estensione della superficie da coltivare anche là dove non era possibile. sintetizzato da: una civiltà che sta scomparendo alle soglie del terzo millennio Agricoltura e storia rurale nella pianura friulana di qua e di là del Tagliamento di Roberto Tirelli

6 pag. 4 Il nestri percors di aprofondiment sul teme de planure al scomence une vore lontan...

7 pag. 5 Al va 9000 ains indaûr a scuvierzi cuant che une piçule comunitât di cjaçadôrs e pastôrs a decidût di fermâsi in un puest di non Samardenchie su lis rivis di un flum par coltivà le tiare. Il 19 di gjenar sin lâts a visitâlu e dopo a vin scrit in italian Sammardenchia si trova nell alta pianura friulana. Conserva reperti del periodo Neolitico, periodo durante il quale gli uomini costruivano i loro insediamenti vicino ad un fiume. Il fiume serviva per: abbeverare gli animali, bere, irrigare, cucinare. Gli uomini facevano degli scambi con popoli del Veneto, Sicilia, Piemonte. Ce lo testimoniano i tipi di pietre che lì sono state ritrovate. Qui l uomo da cacciatore diventa agricoltore. Infatti nelle vetrine del museo abbiamo visto strumenti ricostruiti come gli antichi che servivano per coltivare le terre e praticare l agricoltura. Elisabetta

8 pag. 6 In alta pianura, in Friuli, a Sammardenchia la guida ha detto che gli uomini neolitici di settemila anni prima della nascita di Cristo costruivano ripari vicino ai fiumi per abbeverarsi, per cucinare e un po per lavarsi e per annaffiare le piante che coltivavano. Gli uomini che cacciavano e raccoglievano frutti si misero poi a coltivare: cereali, farro, nocciole, more. Si misero anche a costruire strumenti di pietra, osso e legno e modellavano vasi in argilla e terracotta; confezionavano vestiti di pelle o di lana. Tutte queste informazioni noi le abbiamo ricevute grazie agli archeologi che hanno trovato i reperti e poi studiati e ora sono ordinati nelle teche del museo di Sammardenchia dove sono raccolti sia quelli originali che quelli rifatti. Michela Nell alta pianura friulana, 7000 anni prima della nascita di Cristo i primitivi del Neolitico decisero di fermarsi per coltivare. Si erano riuniti per fare un villaggio vicino ad un fiume e avevano scoperto che si può coltivare: il farro, le nocciole, le more ed altri frutti. Gli uomini costruivano quegli strumenti di pietra, ossa, legno e scavavano buche per immagazzinare i loro cibi. Grazie agli archeologi che hanno trovato i reperti oggi noi possiamo conoscere quello che faceva l uomo del Neolitico. Tarik

9 pag. 7 In 9000 ains di storie che piçule striche di teren che e are stade tirade vie al bosc e ie diventade un teritori grandonon plen di cjamps cultivâts in mut intensîf, tan pôcs arbui e cualchi râr cjamp pustot. Dopo ve scuviert lis lontanis origjinis dal lavôr dal contadin o sin lâts fûr de scuele cul pulmin a viodi cemût che ie le planure uè ator dal nestri pais. Davide

10 pag. 8

11 pag. 9

12 pag. 10 Une volte che si sin cjalâts ben atôr o vin ripuartât in lenghe scrite ce che o vin viodût in campagne. Cualchidun di no a l à scrit: Îr sin lâts in tai cjamps cul pulmin. Dut un moment a vin scomençât a cjalà dut chel che al stave ator di no. A erin stradis blancjis e vonde dretis, tacadis da lis fuesis ben taiadis, cjamps a forme di retangul ben scuadrâts, cjasis grandononis, ma une ca, une la e une o dôs boschetis. Agata A sin montâts sul pulmin e a sin partìs e lunc al viaç si sin inacuarts che lis stradis intai cjamps a no son asfaltadis, ma a son di glerie e che su l ôr da strade a son fuesis ben taiadis e cjamps taiâs che a sameavin un mâr di vert. La plui part a erin coltivâs e un pôcs erin pustots. Massimo Pamela

13 pag. 11 Federico Po dopo che o sin rivâs si sin mitûts a cjalâsi ator e o vin viodût: cjamps coltivâts, tancju fossâi ben taiâs, cjasis e cjasâi, pôcs arbui, poçs cjamp no coltivâts, stradis blancjis e dretis. Samuele I cjamps a erin scuadrats cui cjasâi un cà e un là; a erin poçs arbui par parâsi dal soreli, lis stradis a erin blancjis e plenis di glerie e intai ôrs dai fossâi a ere arbe verde. Biagio

14 pag. 12 Finît di cjalâsi ator sin lâts a visità une piçule aziende di arlevament. Eco dai piçui tocs di cemût che o vin contat in talian

15 pag. 13 Visita ad una piccola azienda agricola di Terzo Arrivati alla fattoria, il signor Fonzar ci ha spiegato che le mucche dovevano mangiare tanto, così facevano più latte. Le mucche, una volta, facevano al massimo dieci litri di latte, adesso ne fanno cinquanta. Ci ha detto che adesso non si munge più a mano, ma con le mungitrici. Federico Arrivati all azienda,un signore ci ha detto che una volta le mucche si mungevano con le mani e invece oggi si mungono con le mungitrici. Le mucche sono animali che mangiano tanto. Oggi mangiano: fiocchi di cotone, insilati di mais, barbabietole, fieno,granoturco, farina. Francesco Denise

16 pag. 14 Una volta, nelle stalle, non si mungeva con le mungitrici, ma a mano e non era molto igienico. Il signore ci ha spiegato anche che le mucche devono mangiare delle cose precise: crochette di barbabietole, fiocchi di cotone, insilato, soia, farina e tante altre cose. Il signor Paolo ci ha spiegato il sistema di mungitura. Il latte delle mucche arriva agli appositi macchinari che portano direttamente alla sala di mungitura dove viene pulito e raffreddato perché viene fuori dalle mammelle alla temperatura di 38 gradi. Il latte viene portato poi nella sala di raccolta del latte, poi viene messo in un grandissimo contenitore di acciaio e viene mescolato con una grande pala che si muove con l elettricità. Sara F.

17 pag. 15 Abilitas comunicativis e varietats testuals Dopo che sin stâs te stale a viodi lis vacjis e i vidieluts o vin provât ducj a descrivju, di mut che cui c al saveve al furlan lu insegnâs a chei altris e dopo cu le mestre o vin provât a scrivi inte grafie juste. Chi us contin di Nerino il vidielut che a l e stat al simpaticon di Debora e Agata. Noi descriviamo un vitellino che si chiama Nerino e vive nella stalla del signor Fonzar. E di color bianco e nero, ha una macchia bianca che parte dalla fronte e stringendosi si allarga sul muso. I suoi occhi sono azzurri e rotondi, le sue orecchie sono corte e nere, il suo muso e di misura media, la sua schiena non e molto dritta. Ha il pelo molto morbido e una codina che arriva quasi a terra. E molto fine e la muove con leggerezza; il ciuffetto e simile ad una pennello. Le gambe non lo reggono molto bene. Sono bianche con piccolissimi puntini neri. E un pochino pauroso, simpatico, curioso. Mangia latte e fieno. In te stale dal siôr Fonzar a l era un vidielut di non Nerino No o descrivin un vidielut che al si clame Nerino e al vîf inte stale dal siôr Fonzar. Lui a l e di colôr blanc e neri e al à une magle blancje che a scomençe dal cerneli e a si slargje sul nas. I soi voi a son celescj e taronts; lis sôs orelis a son curtis e neris il so nas a l è medio; la so schene no iè tant drete. Lui a l à il pêl une vore fof e une codute che va cuasi fin partiare. La codute e ie fine e la môf cun gracie; il zufut al somee un pinel. Lis gjambis no lu tegnin su tant ben; a son blancjis cun pontins piçui e neris. Lui a l è un pôc spaurôs, ma simpatic e al mangja fen e al bêf al lat da so mame. Debora, Agata

18 pag. 16 O vin imparât a descrivi ancje in mut scientific La mucca La mucca e un animale molto grande. Ha quattro zampe,con due unghie per zampa e una coda molto lunga che le serve per scacciare le mosche. Il pelo può essere tappezzato di bianco e nero, marrone e bianco,marroncino e mattone. La testa ha le corna, due orecchie, due grosse narici e una bocca sempre in movimento, In mezzo alle gambe posteriori ci sono le mammelle. Gli organi interni comprendono: l esofago che va ad attaccarsi allo stomaco che e diviso in quattro parti chiamate: rumine, reticolo, abomaso, omaso che si congiungono all intestino, un cuore, il fegato, i polmoni per respirare. Il tutto e sostenuto dalle ossa della spina dorsale con le costole, che si collegano alla testa e alle zampe. La mucca vive nella stalla e nei pascoli. Si nutre di erba, fieno e mangimi e beve molta acqua. La mucca una volta era utile per lavorare i campi, adesso viene invece utilizzata per fare i vitellini, per produrre il latte, formaggi e tutti i suoi derivati e la carne. Sara F. La vacje e ie un animâl une vore grant: e à cuatri giambis cun dôs ongulis par giambe, une code une vore lungje che i servîs par parà vie lis moscjis. Il pêl al po esi a tacis blancjis e neris, maron e blanc, maronsin e colôr modon. Il cjâf a l à i cuars, dôs orelis, lis busis dal nas e une bocje. Intal mieç des gjambis daûr a son i luvris. Par dentri e à l esofago che al va a tacâsi al stomi e a l è dividût in cuatri pârs: rumine, reticolo, abomaso, omaso che si tachin cu l intestin. La vacje e à un cûr par vivi, il fiât, e i polmons che servissin par respirà. Dut a l è tignût su dai ues, da spine dorsâl cu lis cuestis che si tachin al cjâf e lis giambis. La vacje a vîf inte stale e intai pascui. A mangje arbe, fen, e mangims e a bêf tanta ma tanta aga. La vacje une volte e servive par lavorà i cjamps, cumò a servìs par fa i vidielus, par fa il lat, il formadi e dut chel che si tire fûr dal lat e la cjar. Marco Alex

19 pag. 17 Dopo le visite ale aziende o vin volût save miôr cemût che ie la vite in campagne cusi o vin domandât tantis robis al siôr Clementin Franco che a l è un imprenditôr agricul di Tiars. Lu vin clamât a scuole e i vin fat tantis domandis. Lui nus à contat tantis robis. A Terzo ci sono tanti campi coltivati? Si, tutto il terreno disponibile è coltivato perché ci sono tanti piccoli agricoltori che hanno bisogno di lavorare tutta la terra per poter ricavare abbastanza frutti per vivere. L AGRICOLTURA A TERZO INTERVISTA AL SIG. CLEMENTIN FRANCO Quali piante si coltivano? Vengono coltivate le piante che servono per l alimentazione degli uomini e degli animali da allevamento. Per il consumo degli uomini si coltivano: frumento, mais, orzo, barbabietole, soia, viti e alberi da frutto; per gli animali si semina soprattutto erba medica, che poi tagliata e fatta asciugare diventa fieno. Il fieno viene raccolto in rotoballe e così può essere conservato per tutto l inverno. Per dar da mangiare agli animali del cortile e della stalla si utilizzano anche il mais e altri cereali. Tutto ciò che serve per l alimentazione dell uomo e degli animali (che poi ci daranno la carne, il latte e i suoi derivati, le uova, ecc.) ci viene dalla terra. LA TERRA CI DA TUTTO. Quante volte si semina? La maggior parte delle piante (cereali, soia, barbabietole, ecc.) si semina una volta all anno. L erba medica, una volta seminata può produrre per 3-4 anni. Gli alberi da frutta una volta piantati producono per anni; ogni anno vanno comunque governati: potati, tenuti puliti, protetti dai parassiti. Però basta una calamità (una grandinata, una tromba d aria,...) e il contadino non raccoglie niente. A volte anche un lungo periodo di siccità impedisce alle piante

20 pag. 18 di crescere bene. L acqua e il sole sono elementi fondamentali perché il lavoro del contadino vada a buon fine. In altri tipi di lavoro si produce e si guadagna tutto l anno, nella nostra attività si lavora tutto l anno, ma si raccoglie una volta sola. Quanto stanno le piante a crescere? Dipende. Il frumento si semina in ottobre e si raccoglie in giugno, il mais invece si semina in aprile e si raccoglie in settembre-ottobre. Quante volte si ara? Di solito si ara una volta all anno. In inverno si preparano i terreni per la semina. Prima si ara, cioè si rivolta la terra e la si spezza in grossi pezzi (zolle), poi si erpica con l erpice o con i frangizolle (cioè la si sminuzza in piccoli pezzi). La pioggia, la neve e il vento completeranno il lavoro. In primavera i semini, che verranno piantati con la seminatrice, troveranno un terreno pronto e soffice. Ci sono alberi da frutto qui a Terzo? Si, ma non molti; ci sono soprattutto vigneti, meleti, pescheti. Perché ci sono pochi alberi in pianura? In tempi antichi la pianura era coperta da boschi, poi gli uomini per mangiare hanno imparato a seminare le piante che servivano per sfamarsi, cioè a coltivare la terra,perciò hanno tagliato gli alberi e al loro posto hanno seminato le piante utili alla loro sopravvivenza. Col passare degli anni i boschi sono stati completamente sostituiti dalle coltivazioni delle piante utili all uomo. Negli ultimi anni invece ci si è accorti che gli alberi sono molto importanti per la salute e l equilibrio di un territorio. Si torna ai percorsi antichi, a pensare di usare sì la terra, ma non di sfruttarla. Quanti tipi di alberi ci sono in pianura? Ci sarebbero tantissime varietà: querce, robinie, salici, carpini, frassini, pioppi. Sotto le piante coltivate ci possono essere altre erbe? Sulla terra cresce tutto: quello che noi seminiamo, ma anche erbe spontanee, che impediscono alle colture di

21 pag. 19 crescere e che pertanto noi chiamiamo infestanti. Una volta si cercava di togliere queste erbe con le mani, poi con mezzi meccanici. Oggi si utilizzano anche strumenti chimici (diserbanti), che gli scienziati hanno preparato per eliminare le piante cattive e tenere quelle utili. E vero che si sporcano le falde acquifere con il diserbante? Sì, è vero. In questi ultimi anni gli scienziati stanno studiando dei prodotti per combattere le piante infestanti senza però far male alla gente. Infatti i prodotti chimici, con le piogge, filtrano nei terreni e arrivano fino alle falde. Noi beviamo la acqua delle falde che contiene prodotti che ci possono far male. Neanche noi agricoltori siamo contenti di usare questi prodotti, ma sono quelli che ci offre la scienza o meglio la industrie chimica specializzata del settore. Quante volte all anno bisogna usare il diserbante? Una volta si utilizzavano diserbanti molto potenti una sola volta all anno, ma erano molto dannosi e sono poi stati vietati. Oggi si utilizzano diserbanti più leggeri, ma per 2 o 3 volte. Per il frumento è sufficiente una volta sola quando la pianta è piccola. Così per il granoturco: quando la pianta cresce, fa ombra e senza la luce del sole sotto non crescono neanche le erbe infestanti. lo pratico un agricoltura senza chimica, quindi utilizzo solo il mio lavoro e le macchine per controllare le erbe. E un agricoltura moderna? In realtà è un agricoltura antica, che è sempre esistita, fatta senza l uso di prodotti chimici, ma solo usando gli scarti degli allevamenti e i concimi naturali. Ci sono molti tipi di concimi? Ci sono vari tipi di concimi che contengono sostanze diverse, a seconda delle piante da coltivare. Una volta si usava solo il letame, ma con il letame sono necessari grandissimi quantitativi. Quanto concime bisogna buttare su una pianta? La quantità varia; non si può buttare tanto, perché non è detto che se butto di più

22 pag. 20 la pianta cresce di più, anzi viene danneggiata. Con l aiuto dei tecnici e con l esperienza bisogna calcolare la quantità esatta. Anche per fare il contadino bisogna studiare, imparare, conoscere. Quanti campi lavorate in un giorno? No si può quantificare. Certamente una volta, quando si eseguivano tanti lavori a mano, ci volevano molte persone per lavorare i campi. Oggi con i moderni trattori e attrezzi, poche persone riescono a lavorare un gran numero di campi. Quanto è grande un campo? Di solito si misura in ettari. Un campo di calcio corrisponde a circa due campi agricoli. Il contadino deve naturalmente conoscere bene l estensione delle sue terre per calcolare esattamente i quantitativi di semi, di concimi, di diserbanti, ecc. che deve acquistare. Perché una volta c era l aratro di legno? Gli uomini cercano sempre di creare strumenti migliori, più efficaci per svolgere un determinato lavoro. Con le macchine più grandi e più potenti si riesce in poco tempo a fare tanto lavoro. Per questo gli scienziati studiano per rendere sempre più perfetti gli strumenti e fare meno fatica. A Terzo ci sono tanti agricoltori? Una volta c erano molti agricoltori, ora ce ne sono sempre di meno.

23 pag. 21 Dopo ve savût tantis robis su lis coltivazions e su l intervent da l om in planure o vin decidût di tornà fûr par cjalà, insiemit cuntune biologhe, lis plantis spontanis, chês che nassin cence fa nuie intai nestris prâts. Jessica

24 pag. 22 intal dopodimisdì la biologhe di non Livia a nus à spiegât le diference tra un cjamp coltivât e un no coltivât. Nus à insegnât ancje tanc nons di flôrs spontanis come: la lenghe di vacje, la borse dal pastôr, lis talis, il plantain, lis scarpis da Madone e tanc altris. E arin ducj ingrumadis intun toc di prât, che a no l ere mai stat taiât, dongje da cjase di Agata. Dopo la Livia nus à puartât intun cjamp di vuardin e chi o vin cjatât une sole arbe spontanie. Chês che no clamin arbes a son in realtât tancj tipos di plantis che fasin spighetis o semencis e son la plui part graminacee. Sara F.

25 pag. 23

26 pag. 24 Borsacchina, borsa da patore Capsella bursapastoris Tarassacco, soffione Taraxacum officinale Guselâr Tala, pissecian Centuviel Centocchio, erba gallina Stellaria media Latat Euphorbia platyphyllos

27 pag. 25 Stellaria nemorum Caryophyllaceae Jerbe gialine Geranium dissectum Jarbe di tai Lenghe di vacie, pan e vin Rumex, lingua di bue Rumex obtusifolius Plantain Lingua di cane Plantago lanceolata

28 pag. 26 Ale fin dal nestri lavôr us contin le visite ale idrovore di Canale Anfora par fâus capì come che si viôt da cheste vecje foto che dut il teritori che o vin visitât, tanc agns fa a l ere plat, i cjamps no erin cultivâts, tante part dal teritori e are dut un pantan a no erin cjasis, no erin stradis, cualchi volta ere pussibil spostâsi sôl cu la barcjâ. Osservando una vecchia foto, conservata nell idrovora, abbiamo notato che tanti anni fa il territorio tutt intorno era piatto, i campi non erano coltivati, larghi tratti erano acquitrinosi, non c erano abitazioni, non c erano strade asfaltate, a volte era possibile spostarsi solo con le barche. Visita all idrovora di Ca Anfora L idrovorista ci ha spiegato che un tempo l acqua ristagnava nei campi, il territorio era paludoso, non si poteva praticare con profitto l agricoltura e la malaria colpiva le popolazioni. Per questo sono state fatte grandi opere di bonifica, per liberare questi terreni dalle acque: cioè sono stati costruiti argini verso il mare, canali di scolo, collettori e le idrovore.

29 pag. 27 Draga escavatrice a vapore. - D. Beltrame 1954 Scavo di canale principale di bonifica bacino di IV Partita Aquileiense

30 pag. 28 L idrovora L idrovora è una grande costruzione all interno della quale ci sono potenti pompe: L idrovorista (che è il custode dell idrovora, cioè colui che controlla che l impianto sia funzionante) ci ha spiegato che all idrovora arriva il canale principale che raccoglie le acque di tutti i canali della zona.

31 pag. 29 Quando il livello dell acqua del canale principale si alza e supera un certo livello (quota 7) le pompe automaticamente entrano in funzione: pompano l acqua del canale e la spingono verso il mare.

32 pag. 30 Più precisamente l acqua aspirata passa sotto l idrovora, viene riversata su un canale dall altra parte dell idrovora, poi viene inviata al canale Anfora; si getta nel Terzo, da questo al Natissa e infine arriva al mare. Se non ci fossero le pompe, dopo le piogge abbondanti, l acqua uscirebbe dai canali, invaderebbe i campi e tornerebbe la palude.

33 pag. 31 Il nestri lavôr su le planure chest agn al finìs a chi. A l è stat un biel percors parcè che nus à permetût di là plui voltis fûr da scuele e chest l è stat une vore plui interessant che lei lis nozions intai libris, sui bancs di scuole. Su lis pagjinis di chest lavôr o volin di un grazie a tancj che nus an dât une man. a la mestre Miriam Pravisani, a Antonio Cerrone, a la mestre Sbrina Flapp, al siôr Giorgio Bertoli dell assocjazion Urban Center di Viles che nus àn judât cu le tecnologjie a meti adun il lavôr; a lis guidis che nus an compagnât intal teritori: la biologa Livia che nus à dedicât part dal so timp par spiegânus tantis robis e l idrovorist di Ca Anfora che nus à compagnât a visità l idrovore; a la mame di Agata che nus à ospitât inta so cjase intal Salmastri; al siôr Fonzar che nus à fat viodi la so aziende; al siôr Clementin Franco che l è simpri pront a cjacaranus di agricolture e di un tre agn ormai l è simpri disponibil a seguî i nestris percors di aprofondiment; a l autist dal pulmin e al sindic di Tiars che nus à mitût a disposizion il pulmin par fa lis osservazion dal vîf; a le Regjon che sperin nus finanzie al lavôr che o vin prodot. I fruts e lis frutis de tiarze classe di Tiarc.

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Intervista a Giulio Cicchetti

Intervista a Giulio Cicchetti Intervista a Giulio Cicchetti Signor Cicchetti, ci parla della sua azienda agraria? Cosa ci fa col farro? Come lo tratta? La specie del ferro qui è duro; il farro si raccoglie ad Agosto e si coltiva a

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

La visita alla fattoria didattica

La visita alla fattoria didattica La visita alla fattoria didattica Martedì 13 ottobre siamo andati alla fattoria didattica insieme alla 2. La classe 2 era accompagnata dalla maestra Isa e dalla maestra Viviana e noi di classe terza eravamo

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Ticino Bormida. Sesia Trebbia Oglio. Piancavallo, 23 aprile 2012

Ticino Bormida. Sesia Trebbia Oglio. Piancavallo, 23 aprile 2012 Piancavallo, 23 aprile 2012 La Pianura Padana è la più importante pianura italiana. La parte più in alto della Pianura Padana è a un altitudine di 200 metri, la parte più bassa arriva a 0 metri sul livello

Dettagli

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015.

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015. INCIPIT Inizia così il nostro viaggio alla scoperta del legame che unisce territorio, cibo e cultura. In particolare vengono proposte due attività introduttive al fine di far emergere le conoscenze pregresse

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

GLI ANIMALI. Percorso didattico per la classe prima VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO

GLI ANIMALI. Percorso didattico per la classe prima VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO GLI ANIMALI VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI Percorso didattico per la classe prima ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO QUALI ANIMALI ABBIAMO? Iniziamo il percorso con una conversazione: parliamo con

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Molti di noi ogni mattina fanno colazione con il latte insieme ad altri alimenti.

Molti di noi ogni mattina fanno colazione con il latte insieme ad altri alimenti. Molti di noi ogni mattina fanno colazione con il latte insieme ad altri alimenti. Sappiamo che sono le mucche a donarci il latte, ma come si produce il latte? Qual è il suo ciclo? Ci aiutiamo con delle

Dettagli

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti:

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti: Museo Nazionale Preistorico Etnografico L. Pigorini w w w.pigorini/beniculturali.it Scuola dell infanzia Una serie di percorsi ludico-didattici rivolti in particolare alla scuola dell infanzia, per dare

Dettagli

Le muffe e il metodo scientifico. Scuola dell infanzia Santa Rosa Sezione Blu Ottobre-novembre 2010

Le muffe e il metodo scientifico. Scuola dell infanzia Santa Rosa Sezione Blu Ottobre-novembre 2010 Le muffe e il metodo scientifico Scuola dell infanzia Santa Rosa Sezione Blu Ottobre-novembre 2010 Un impasto di acqua e farina, dimenticato alcuni giorni in laboratorio, si è coperto di macchie e peletti

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici L AGRICOLTURA L'agricoltura è l'attività economica che consiste

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita.

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. Sin dalla creazione l uomo con i pochi mezzi e i pochi materiali che aveva a disposizione

Dettagli

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE (Disegni e idee dei bambini) Noi, prima di introdurre il cibo nella bocca, la apriamo. Ora siamo pronti ad introdurre il cibo in bocca. Introdotto il cibo, la bocca

Dettagli

SCUOLA INFANZIA ANDERSEN PROGETTO ACQUA SEZIONE D ARANCIONI A.S. 20013/20014 INSEGNANTI ANNA VIGNA EANDI, MARISA COVELLO

SCUOLA INFANZIA ANDERSEN PROGETTO ACQUA SEZIONE D ARANCIONI A.S. 20013/20014 INSEGNANTI ANNA VIGNA EANDI, MARISA COVELLO CARI GENITORI, IN QUESTI FOGLI E CONTENUTA UNA PARTE DEL PROGETTO SVOLTO QUEST ANNO. NOI INSEGNANTI ABBIAMO PENSATO CHE FOSSE IMPORTANTE CHE VENISSE RESITUITO ALLE FAMIGLIE NON SOLO IL LAVORO INDIVIDUALE

Dettagli

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale»

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future Torino, 24 marzo 2015 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» L AGRICOLTURA

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE LA CAMPAGNA 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: casa rurae... azienda agricoa... agricotura moderna...

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione Scheda per gli insegnanti Clima e neve WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L inverno per gli animali Clima e orsi polari Svolgimento della lezione - Ogni bambino riceve un biglietto con una caratteristica riguardante

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia.

Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia. Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia. eka 1 L Etiopia è forse il più antico stato africano. E riuscito a restare indipendente durante tutto il periodo coloniale, fatta eccezione per l occupazione

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale Scuola Primaria Paritaria «San Giuseppe» Foggia Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale 17 e 24 aprile 2012 Dott. Felice Lipari odontoiatra IL SORRISO Ciao, amici, sapete che il nostro sorriso

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria INIZIA Indice arcaica Bang Big primaria secondaria terziaria La Pangea quaternaria Le ere L' evoluzione dell'uomo ETA DELLA PIETRA NEOLITICO

Dettagli

Diario del 29 maggio 2013

Diario del 29 maggio 2013 Nel mio territorio Una giornata in fattoria didattica alla scoperta dell ambiente e dell attività agricola Diario del 29 maggio 2013 1 l avventura ha inizio START Eccoci qui ancora una volta per un avventura

Dettagli

Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007

Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007 Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007 L olio aromatico Scuola Municipale dell Infanzia Via Fattori in collaborazione con la Redazione del Centro Multimediale di Documentazione Pedagogica della

Dettagli

Un orto di classe. Curare la terra, nutrire la vita. Classi 3 A e 3 C Scuola Primaria A. Bergonzi a.s. 2014/2015

Un orto di classe. Curare la terra, nutrire la vita. Classi 3 A e 3 C Scuola Primaria A. Bergonzi a.s. 2014/2015 Un orto di classe Curare la terra, nutrire la vita Classi 3 A e 3 C Scuola Primaria A. Bergonzi a.s. 2014/2015 C'era una volta... Già dalla classe prima i nostri alunni hanno familiarizzato con l orto

Dettagli

IL LIBRO DELLE NOSTRE STORIE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA MONDOVI BORGO FERRONE SEZIONE GIALLI

IL LIBRO DELLE NOSTRE STORIE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA MONDOVI BORGO FERRONE SEZIONE GIALLI IL LIBRO DELLE NOSTRE STORIE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA MONDOVI BORGO FERRONE SEZIONE GIALLI Storie illustrate e inventate dai bambini durante le attività di apprendimento cooperativo L aereo

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI Scheda 13 L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI 1. Leggi attentamente il paragrafo seguente, ritaglialo e incollalo sul quaderno. Trova un titolo adeguato e scrivilo; quindi ritaglia ed incolla i disegni che rappresentano

Dettagli

I SETTORI DELL'ECONOMIA

I SETTORI DELL'ECONOMIA I SETTORI DELL'ECONOMIA L'ECONOMIA È L'INSIEME DELLE ATTIVITÀ CHE SERVONO A DARE BENI E SERVIZI ALLA POPOLAZIONE L'ECONOMIA HA TRE SETTORI: SETTORE PRIMARIO SONO LAVORI A CONTATTO CON L'AMBIENTE NATURALE:

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Alla fine del 1700 in Inghilterra c è un grande sviluppo dell industria. Gli inventori costruiscono delle macchine per lavorare il cotone. Le macchine fanno in poco tempo e in

Dettagli

L idrovora di Ca Vendramin: le nostre ricerche. Classe IV B T.I.M. I.P.S.I.A. Porto Tolle (Ro)

L idrovora di Ca Vendramin: le nostre ricerche. Classe IV B T.I.M. I.P.S.I.A. Porto Tolle (Ro) L idrovora di Ca Vendramin: le nostre ricerche. Classe IV B T.I.M. I.P.S.I.A. Porto Tolle (Ro) Il Polesine può essere considerato una zona unica nel suo genere in quanto formatasi dall accumulo di sedimenti

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e Il Folletto Gigetto e L' a q u i l a r e a l e Abbiamo scritto questo libro per tutti i bambini delle Scuole dell Infanzia, così potranno conoscere il nostro amico Gigetto e, chissà che un giorno non vada

Dettagli

SCATTI INQUINATI INQUINAMENTO DEL SUOLO IN CITTA

SCATTI INQUINATI INQUINAMENTO DEL SUOLO IN CITTA SCATTI INQUINATI In questo periodo a scuola ci siamo occupati dell inquinamento del suolo, dell acqua e dell aria, abbiamo pensato di fotografare, con l aiuto dei genitori, esempi di inquinamento che abbiamo

Dettagli

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali.

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali. il testo: Uguali e diversi. Alle radici dell umanità. 01 Le nostre lontane origini L homo sapiens sapiens è comparso in Africa circa 40000 (quarantamila) anni fa. L homo sapiens è il risultato di una lunga

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa.

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa. Che tipo di terreno sei tu? di Linda Edwards Voglio dare una mano! Anche io! Anche io! Posso, per favore? Evangelici.net Kids Corner Gesù I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava

Dettagli

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA Scheda 1 Introduzione Lo scopo di questo gruppo di schede è di presentare alcuni aspetti della grande trasformazione dei modi di produrre, consumare e vivere avvenuta in alcuni paesi europei (Inghilterra,

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

PAN Tradizione da oltre 120 anni

PAN Tradizione da oltre 120 anni Tradizione da oltre 120 anni La nostra famiglia vive nel mondo delle mele già da molte generazioni. Nel 1888 Giovanni Maria Pan - partendo da Belvedere di Tezze presso Bassano del Grappa - si trasferì

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo NOME FILE: L evoluzione dell uomo_a2 CODICE DOCUMENTO: S STORIA A A2 P 2 DESCRIZIONE DOCUMENTO: proposta di testo semplificato di storia SCUOLA: primaria CLASSE: 3^ LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz

Dettagli

Attraversando il deserto un cammino di speranza

Attraversando il deserto un cammino di speranza Attraversando il deserto un cammino di speranza Kusi Evans e Albert Kwabena mi colpiscono da subito in una burrascosa giornata di febbraio lungo le rive di un canale che stanno disboscando con la loro

Dettagli

IL LATTE E I CINQUE SENSI

IL LATTE E I CINQUE SENSI I.C. CARLO URBANI JESI SCUOLA PRIMARIA MONTE TABOR CLASSI IV A E IV B IL LATTE E I CINQUE SENSI PROGETTO A SCUOLA DI LATTE 1ª TAPPA: ALLA SCOPERTA DEL LATTE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 1 Bianco è il colore

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO TUTELA DELLA BIODIVERSITA ED AGRICOLTURA BIOLOGICA Domenica 25 Ottobre 2015 con inizio

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 E bello conoscere il percorso del chicco di grano da semplice semino a pane quotidiano e osservare quanta cura e quanto lavoro c è dietro ogni fettina

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

IDEE SOSTENIBILI IN MOVIMENTO: CON IL LUDOBUS LA SCIENZA SI TRASFORMA IN ESPERIENZA

IDEE SOSTENIBILI IN MOVIMENTO: CON IL LUDOBUS LA SCIENZA SI TRASFORMA IN ESPERIENZA IDEE SOSTENIBILI IN MOVIMENTO: CON IL LUDOBUS LA SCIENZA SI TRASFORMA IN ESPERIENZA Il progetto In compagnia di tre amici, Elettra, Semino e Azzurro, andiamo a presentarvi le iniziative del progetto Idee

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

BioFATTORIA SOLIDALE DEL CIRCEO. Fattoria Didattica e Visite

BioFATTORIA SOLIDALE DEL CIRCEO. Fattoria Didattica e Visite BioFATTORIA SOLIDALE DEL CIRCEO Fattoria Didattica e Visite La BioFattoria Solidale del Circeo opera su un terreno di 175 ettari all interno della Tenuta Mazzocchio (Azienda storica dell Agro Pontino che

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

LA FATTORIA IN TASCA: strumenti per esplorare l agricoltura

LA FATTORIA IN TASCA: strumenti per esplorare l agricoltura PER UNA CULTURA DELL ALIMENTAZIONE Convegno Internazionale Milano, 16 Ottobre 2015 LA FATTORIA IN TASCA: strumenti per esplorare l agricoltura Prof.ssa Elisabetta Nigris Università degli Studi Milano Bicocca

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli

Agriturismo Il Tiglio Fattoria didattica riconosciuta dalla Regione Piemonte

Agriturismo Il Tiglio Fattoria didattica riconosciuta dalla Regione Piemonte Agriturismo Il Tiglio Fattoria didattica riconosciuta dalla Regione Piemonte La storia del mais San Secondo di Pinerolo (To) - Via Colombini n.28 Tel. 0121 323575 - Bruna 3332854076 - Flavio 3495863630

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare...

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... VOLUME 1 CAPITOLO 3 IL MARE E LE COSTE MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... onda... spiaggia... costa...

Dettagli

L'agricoltura biologica

L'agricoltura biologica Testo della carta N 105 L'agricoltura biologica Bio è meglio? L'agricoltura biologica viene considerata generalmente la forma di produzione che meglio si adatta all'ambiente. L'obiettivo è un circuito

Dettagli

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE ASL CITTA DI MILANO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Via Statuto n 5-MILANO LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE da: Linee Guida per una sana Alimentazione degli

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

-Percorsi e laboratori didattici per la scuola dell'infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado-

-Percorsi e laboratori didattici per la scuola dell'infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado- -Percorsi e laboratori didattici per la scuola dell'infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado- Il Museo Il Museo della vita contadina Cjase Cocèl si trova a Fagagna (Udine) in Via Lisignana 22. La

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Scuola dell infanzia San Biagio Sez. E (aula gialla) Bambini destinatari:bambini di 4/5 anni scuola dell infanzia. Docente: Agata Costa

Scuola dell infanzia San Biagio Sez. E (aula gialla) Bambini destinatari:bambini di 4/5 anni scuola dell infanzia. Docente: Agata Costa Scuola dell infanzia San Biagio Sez. E (aula gialla) Bambini destinatari:bambini di 4/5 anni scuola dell infanzia. Docente: Agata Costa Laboratorio di attività aducativo -didattiche per: sensibilizzare

Dettagli

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Il 31 Ottobre sono venuti a scuola gli esperti della SILEA. Abbiamo sistemato nel cortile della scuola una compostiera per produrre il compost a scuola. OCCORRENTE:

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Immagini dell autore.

Immagini dell autore. Sfida con la morte Immagini dell autore. Oscar Davila Toro SFIDA CON LA MORTE romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato ai miei genitori, che

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna Il mistero del Natale dimenticato Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna MILLE FIOCCHI BIANCHI Quell anno faceva tanto freddo e a Paesello ognuno se ne stava rintanato al calduccio nella sua casetta.

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: IL 1300 BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre lo studio dei fatti più importanti del 1300 DIDATTIZZAZIONE e

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri Homo Sapiens Sapiens ed Energia Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri 1 Il punto di vista energetico... E solo uno degli innumerevoli punti di vista utili per valutare

Dettagli

REPUBBLICA indipendente dal 1961 ESTENSIONE: 72.000 Km 2. PENULTIMA nella scala di sviluppo RISORSE: agricoltura, pesca, minerali preziosi

REPUBBLICA indipendente dal 1961 ESTENSIONE: 72.000 Km 2. PENULTIMA nella scala di sviluppo RISORSE: agricoltura, pesca, minerali preziosi Nella Parrocchia del Beato CONFORTI di Padre Antonio Guiotto 9L1GA MAKENI Sierra Leone - West Africa SIERRA LEONE in AFRICA REPUBBLICA indipendente dal 1961 ESTENSIONE: 72.000 Km 2 POPOLAZIONE: 6 milioni

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

presenta il progetto FATTORIA DIDATTICA

presenta il progetto FATTORIA DIDATTICA presenta il progetto FATTORIA DIDATTICA Una fattoria didattica è l ambiente ideale per consentire al bambino di stabilire un contatto vero con la natura e il mondo agricolo. Trascorrere una giornata in

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

L origine del riso. Tratto da La fata della luna di F.Lazzarato Edizioni Mondadori)

L origine del riso. Tratto da La fata della luna di F.Lazzarato Edizioni Mondadori) L origine del riso 1 C erano al tempo degli dei, due giovani sposi che si volevano molto bene. La loro 2 vita era felice e facile perché la terra era così fertile che bastava allungare una 3 mano per raccogliere

Dettagli

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto (come gli spinarelli???) Come lo metto (stare ad ascoltare)

Dettagli

Fattoria didattica La Fattoria del gelato

Fattoria didattica La Fattoria del gelato di Dellerba Felice Via Grange, 44-10044 Pianezza (To) mappa Telefono: 3421379875 Fax: 0119675431 - e-mail: info@lafattoriadelgelato.it - www.lafattoriadelgelato.it Referente per le attività didattiche:

Dettagli

Note sull agricoltura meridionale

Note sull agricoltura meridionale Note sull agricoltura meridionale Antonio Stola NOTE SULL AGRICOLTURA MERIDIONALE manuale www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Antonio Stola Tutti i diritti riservati Vorrei dedicare questo mio lavoro

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli