Al Corso per l abilitazione ad Allenatore di base svoltosi a Perugia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Al Corso per l abilitazione ad Allenatore di base svoltosi a Perugia"

Transcript

1 PROPOSTE ESEMPLIFICATIVE DI UNITÀ DI LAVORO PER LA FORMAZIONE DEL GIOVANE CALCIATORE di Biagio Savarese* Nel contesto dei corsi periferici Uefa B per l abilitazione ad allenatori di giovani e dilettanti il Settore Tecnico illustrerà periodicamente attraverso le pagine di questo Notiziario l attività di studio che gli allievi svolgono durante la quarta settimana del corso. Al Corso per l abilitazione ad Allenatore di base svoltosi a Perugia negli scorsi mesi di maggio e giugno gli aspiranti tecnici, suddivisi in sottogruppi, hanno elaborato una unità di lavoro (seduta di allenamento), inserita in microciclo settimanale, relativa alle diverse categorie del Settore giovanile. La filosofia che ha indirizzato i lavori ha tenuto in considerazione soprattutto le attese dei giovani praticanti e, quindi, le attività sono state strutturate attraverso alternanza continua tra esercizio e minipartita dando ampia prevalenza al metodo induttivo. Gli esercizi, richiedendo attenzione continua, hanno avuto breve durata (massimo 4-6 minuti) onde consentire la giusta applicazione per tempi adeguati, mentre le minipartite, maggiormente accattivanti, di durata superiore (8-10 minuti), hanno rappresentato la libera espressione della fantasia motoria e della interpretazione individuale; talvolta è stata utilizzata la minipartita regolamentata a riprendere l obiettivo tecnico dominante. Le sedute di allenamento relative alle categorie agonistiche, ovvero Giovanissimi e Allievi, sono state strutturate attraverso unità di lavoro che prevedono una fase di riscaldamento tecnica o tecnico-tattica eliminando le corse che, in questa fase, non producono effetti concretamente utili alla formazione; a seguire attività situazionali, esercitazioni per l apprendimento e l interpretazione del ruolo; poi specializzazione, ed esercitazioni-partita per favorire l espressione delle personali abilità in piena autonomia: aspetto, quest ultimo, determinante nella formazione, anche calcistica, di ogni allievo. Le attività così articolate realizzano una partecipazione attiva e, al contempo, gioiosa: reali obiettivi dell esercitarsi calcistico dei giovani. Il solo obiettivo delle proposte presentate è quello di indurre alla riflessione tutti coloro che sono interessati alla formazione del giovane calciatore. CATEGORIE CUI SI RIFERISCONO LE RELAZIONI CHE SEGUONO: PICCOLI AMICI (6-8 anni) PULCINI (8-10) ESORDIENTI (10-12) GIOVANISSIMI (12-14) ALLIEVI (14-16) * Docente ai Corsi di Base per allenatori. 27

2 PICCOLI AMICI Docenti: Prof. Biagio Savarese, Prof. Fausto Cannavacciuolo Corsisti: Riccardo Baldinelli, Claudio Calzolari, Maurizio Morbidelli, Luca Tomassini Categoria: PICCOLI AMICI Obiettivo Tecnico: CALCIARE Riscaldamento con gioco 1 di 2: bambini sono disposti in cerchio, chiamano per nome il compagno a cui vogliono passare la palla e vanno ad occupare il posto del compagno a cui è arrivato il pallone. Prima esercitazione: bambini con un pallone in mano a testa devono lasciare la palla e colpirla con una parte del corpo (es. piede dx, piede sx, coscia dx, coscia sx, testa, ecc.); ogni 30 secondi cambio parte del corpo. dimensioni: 15x15 mt. tempo: 6 (2 con mano + 4 con piedi). dimensioni: 30x20 mt. tempo: 8 (ogni 30 cambio). Terza esercitazione: bambini divisi a gruppi di nr. 04 ciascuno vengono disposti sui quattro angoli di un quadrato e si devono passare il pallone tra loro prima in senso orario poi in senso antiorario. Quarta esercitazione: bambini divisi in due squadre, le due squadre a loro volta vengono divise in due gruppi disposti uno di fronte all altro, che dovranno effettuare un percorso motorio con ostacoli, cerchi, ecc. dimensioni: 10x10 mt. tempo: 4 (dopo 2 cambio senso). dimensioni: 30 mt. tempo: 6 (dopo 3 cambio posizione). 28

3 Riscaldamento con gioco 2 di 2: bambini vengono divisi in due squadre da 6 ciascuna; viene chiamato un numero dall istruttore e un bambino per squadra corre a prendere il pallone messo tra le due righe; chi arriva per primo prende la palla e deve cercare di fare gol mentre l altro deve cercare di difendere la porta (1vs1). Seconda esercitazione: bambini divisi in coppie vengono disposti uno di fronte all altro e devono passarsi il pallone tra i due cinesini (ad una larghezza di 1,5 mt.). dimensioni: 15x15 mt. tempo: 4 dimensioni: 10 mt. tempo: 3 nr. 01 istruttore; nr. 12 bambini; nr. 02 allenamenti settimanali; struttura: campo di calcio; tempo allenamento: 90 circa; metodo privilegiato: induttivo. MATERIALE: nr. 13 palloni; tappetini; paletti; conetti; casacche; cerchi; ostacoli. SUCCESSIONE SEDUTA: - 06 Riscaldamento con gioco 1 di 2-04 Riscaldamento con gioco 2 di 2-08 Prima esercitazione - 14 Esercitazione partita nr Pausa - 03 Seconda esercitazione - 12 Esercitazione partita nr Pausa - 04 Terza esercitazione - 12 Esercitazione partita nr Pausa - 06 Quarta esercitazione - 12 Esercitazione partita nr. 04. Esercitazione partita nr. 01: tempo: vs2 (10x15 mt.) e 4vs4 (20x30 mt.) (ogni 3 cambio), - 5 6vs6 (30x40 mt.). Esercitazione partita nr. 02: tempo: vs3 (15x25 mt.), - 8 6vs6 (30x40 mt.). Esercitazione partita nr. 03: tempo: vs2 (15x25 mt.), - 8 6vs6 (30x40 mt.). Esercitazione partita nr. 04: tempo: vs6 (30x40 mt.) (con regole: gol solo di interno piede), - 6 6vs6 (30x40 mt.). 29

4 PULCINI Docente: Prof. Biagio Savarese Corsisti: Luca Musotti, Filippo Sdringola, Paolo Testi, Simone Titoli Categoria: PULCINI Periodo: MARZO (seduta del martedì; si effettuano 2 sedute settimanali più la partita) Obiettivo - tema tecnico dominante: CALCIARE LA PALLA Durata seduta: 1h 25 min Allenatori: 2 Numero bambini presenti: 16 Materiali utilizzati: palloni, casacche, porticine, paletti, conetti, cinesini, ostacoli, nastro, medusa, modulatore di frequenza Misura campo centrale: 60x40 mt Misura campi esterni: 30x10 mt Stazione 1 Stazione 2 Stazione 3 Stazione 4 L allenamento si basa sull alternanza di esercitazioni all interno delle stazioni (della durata di 3 minuti) con minipartite e giochi a tema (dove i bambini lavoreranno all interno del campo centrale). 30

5 DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELL ALLENAMENTO RISCALDAMENTO: 6-7 minuti di tecnica individuale con colpi di interno piede, collo piede, esterno piede, coscia e testa; gli esercizi vengono svolti in movimento da tutti i bambini (sia chi lavora sia chi fa lavorare). 3 minuti: gioco lo scalpo. FASE CENTRALE: ogni gruppo (formato da 4 bambini) parte da una stazione scelta casualmente dai tecnici e svolge l esercitazione per la durata di 3 minuti; alla fine ci saranno 2 minuti di recupero, dopodiché tutti i bambini svolgeranno qualche minipartita o gioco a tema per poi tornare all interno delle stazioni ruotando i gruppi in senso orario. STAZIONE 1: 3 bambini esterni al quadrato ciascuno dietro a un conetto e uno all interno; il bambino con la palla deve avere sempre due soluzioni, mentre chi sta al centro deve cercare di intercettare il passaggio. GIOCO A TEMA 1: 7 porticine di 1 metro ciascuna sparse in ogni metà campo; partita a tema 4c4 su due campi: il gol è valido quando un bambino fa passare la palla dentro una porticina e un compagno la riprende. Durata: 8 minuti. STAZIONE 2: il bambino con la palla sceglie di andare verso un conetto; il bambino che è al cono dello stesso colore diventa il compagno mentre l altro deve difendere; così si sviluppa un 2c1 e finita l azione i bambini ruotano le posizioni. GIOCO A TEMA 2: si costruisce un esagono con i cinesini al centro del campo e un percorso a slalom di fronte alle due porte; due squadre da 8 giocatori, una deve fare 5 giri dell esagono passando la palla all esterno (un bambino ogni cinesino) in massimo 2 minuti, mentre l altra cerca di fare più gol possibili facendo slalom e tiro in porta. Alla fine dei due minuti le squadre si invertono. Durata: 4 minuti. STAZIONE 3: percorso motorio; un bambino parte dalla medusa con la palla in mano (equilibrio e propriocettività), mette la palla a terra e fa un passaggio lateralmente al tappetino (capacità di differenziazione), riprende la palla e fa lo slalom tra i conetti (tecnica e coordinazione), passa la palla sotto al primo ostacolo e lo aggira a sinistra, poi la riprende e la passa sotto al secondo ostacolo aggirandolo a destra (capacità di differenziazione), riprende la palla e fa un altro passaggio lateralmente al modulatore di frequenza mentre lo percorre in rapidità, riprende la palla e tira in porta (porta grande 1 punto, piccola 2 punti). GIOCO A TEMA 3: partita 4+1c3, i 4 devono fare gol sulla porta piccola, mentre i 3 possono tirare nella porta grande dove c è l 1. Durata totale: 7 minuti (3+3 minuti gioco cambiando la squadra in superiorità, 1 minuto recupero). GIOCO A TEMA 3: partita su spazio ridotto 5+1c5+1, i 4 restanti fanno un percorso tecnico in cui ci sono passaggi corti, passaggi lunghi e tiri a bersaglio, quando lo hanno finito si cambiano con 4 che stanno facendo la minipartita. Durata: 5 minuti. GIOCO A TEMA 3: partita 6+1c6+1, i 2 restanti fanno il percorso tecnico uguale al precedente. Durata: 5 minuti. STAZIONE 4: i bambini lavorano a coppie; il bambino di spalle al cono deve far passare la palla sopra il nastro, l altro controlla la palla e gliela ripassa sotto al nastro, il primo bambino la controlla e cerca di colpire il cono alle sue spalle; poi i bambini si cambiano di posizione. GIOCO A TEMA 4: partita a tutto campo 9c7. Durata: 12 minuti (due tempi da 6 minuti con cambio della squadra in inferiorità). FASE FINALE: partita libera 8c8 a tutto campo. Durata: 8 minuti. 31

6 ESORDIENTI MATERIA:TECNICA E TATTICA CALCISTICA Docente: Prof. Biagio Savarese Corsisti: Leonardo Catana, Paolo Cerbini, Daniele Lillacci, Ivano Luci Esordienti: 2 anno 4 microciclo: Marzo Materiali: cinesini + 8 paletti + 8 casacche + 16 palloni Seduta di allenamento: Venerdì Obiettivo tecnico dominante: CALCIARE Obiettivo tattico: passaggio in profondità, smarcamento-marcamento, intercettamento Obiettivo condizionale dominante: rapidità. Tempo di lavoro: 90 Allievi: 16 (14+2) Istruttori: 2 MESSA IN MOVIMENTO: 16 1 gruppo 4 Partita pallamano 4:4 passaggio di collo (1 ), interno piede (1 ), collo in drop (1 ), interno piede in drop (1 ), chi passa corre in avanti; gol al volo su porticine con area delimitata in cui non possono entrare i difensori e si può inserire 1 solo attaccante. 2 gruppo 2 Gioco torello nel quadrato (4 paletti) con angolo libero; chi sbaglia va al centro passaggio interno piede (1 ) + esterno piede (1 ). 2 gruppo 2 Gioco del tiro 2:2 gol valido dalla cintola in giù. 1 gruppo 4 Tecnica individuale per passaggio interno piede dx e sx palla radente + interno piede dx e sx palla alta collo piede dx e sx palla alta + coscia dx e sx palla alta, passaggio e giro dietro cinesino. Dopo 30 cambio ruoli. Ripetere 2 volte. 2 gruppo 4 3:3 su campo ridotto per passaggio in profondità al compagno dietro la linea di fondo (chi esegue il passaggio va dietro la linea). FASE CENTRALE: Esercitazione partita 11:5 (2 linee difensive). Tutto campo 32

7 10 Esercitazione partita 7:7 (gialli vs blu) (portieri lavorano a parte). Gol eseguendo passaggio in profondità per compagno che si smarca dietro la linea di fondo. 4 PAUSA 1 gruppo (blu) 4 Tecnica di base per passaggio interno piede dx e sx palla radente (30 ); interno piede dx e sx palla alta (30 ); collo piede dx e sx palla alta (30 ); di coscia dx e sx palla alta (30 ). Dopo ogni 30 cambio ruoli. 2 ripetizioni. 2 gruppo (gialli) 4 Esercitazione al tiro 1:1 P gioca con che controlla e gioca; palla in profondità a dx o sx; il ricevente conclude prima dell intervento dell avversario; (cambio ruoli dopo ogni azione). FASE CENTRALE: 36 6 Partita a tema: 5:5 + 2 P nel campo centrale per passaggio in profondità all attaccante marcato dal difensore dietro linea (cambio ruoli dopo ogni conclusione); 3 variante: chi gioca palla si inserisce dietro linea per 2:1; 3 variante: si inserisce dietro la linea 1 compagno che non ha giocato palla. 6 Esercitazione partita 7:7 (4:3 nella metà campo) i difensori devono trasmettere palla agli attaccanti. Gol valido dopo passaggio in profondità. Recupero: Esercitazione 11: 5 (2 linee difensive); 6 con regole; 8 libera. Tutto campo 4 Defaticamento 33

8 GIOVANISSIMI Docenti: Biagio Savarese, Fausto Cannavacciuolo Relatori: Ettore De Vito, Marco Facchini, Giovanni Innocenzi, Angelo Mattonelli, Leonardo Paris, Alessandro Virgili Obiettivo tecnico dominante: CALCIARE PALLA Obiettivo fisico: rapidità e reattività Staff tecnico: allenatore e preparatore portieri Categoria: GIOVANISSIMI Numero giocatori: 20 ( portieri) Durata allenamento: 1 h e 15 m Unità di allenamento: 4 di 4, venerdì Attrezzatura: palloni, casacche, cinesini RISCALDAMENTO TECNICO (15 minuti) OBIETTIVI: intensità, tempi brevi e alternanza degli esercizi, occupazione corretta dello spazio. SPAZIO: rettangolo 25x35 mt. GIOCATORI: 18 con un pallone a testa (i portieri si riscaldano a parte con il proprio preparatore). ESERCIZI (10 minuti): Palleggi e stop varie modalità; Conduzione palla libera per tutto lo spazio; Conduzione palla sulla metà del rettangolo (guida nel traffico); 9 giocatori con palla, 9 senza: conduzione palla e dribbling (poi cambio); 9 giocatori con palla sulle mani, fermi sparsi nel rettangolo: i giocatori senza palla vanno incontro, gesto tecnico vario e cercano il compagno lontano (poi cambio). PSICOCINETICA (5 minuti): 3 gruppi da 6 con casacche di 3 colori diversi: possesso palla e lavoro a terne con passaggio da un colore all altro. STRETCHING (3 minuti) 34

9 LAVORO A STAZIONI (10 minuti) OBIETTIVI: Esercitazione al tiro in porta, rapidità, reattività, coordinazione. GIOCATORI: 3 gruppi da 6 giocatori (2 serie da 4 minuti intervallate da recupero di 2 minuti). A) 4 attaccanti, 2 centrocampisti (offensivi): prima serie: 3 postazioni da 2 giocatori al limite dell area e il portiere in porta, una centrale e due ai vertici; dribblare un cinesino e concludere in porta; seconda serie: esercitazione al tiro 2 contro 1. B) 5 centrocampisti, 1 difensore: minipartita 3 contro 3 nella metà del rettangolo usato precedentemente per il riscaldamento tecnico. C) 6 difensori: lavoro in un circuito con skip, andature varie, gesto tecnico e scatto 5 mt. (distanza totale 15 mt.). Nella seconda serie i gruppi B e C si invertono. RECUPERO (2 minuti) RUOLIZZAZIONE e SPECIALIZZAZIONE DEL RUOLO (8 minuti) Esercitazione 6 contro 4 (4 centrocampisti e 2 attaccanti contro 4 difensori). Gli altri 8 tecnica di base a coppie. Durata 4 minuti poi cambio. ESERCITAZIONE PARTITA (33 minuti) 11 contro 0 (10 minuti): ad alta intensità curando particolarmente l organizzazione e i tempi di gioco. Gli altri 7 tecnica di base in rapidità poi cambio (dopo 5 minuti). 11 contro 9 (15 minuti): curando particolarmente lo sviluppo delle palle inattive. 11 contro 9 (8 minuti): partita libera. DEFATICAMENTO (4 minuti) 35

10 ALLIEVI Docenti: Biagio Savarese, Fausto Cannavacciuolo Materie: Tecnica e Tattica, Teoria della Metodologia Obiettivi: CALCIARE, RESISTENZA LATTACIDA Relatori: Balducci, Campese, Gazzani, Mencaroni, Mercuri, Sugoni, Zenari STAFF TECNICO CATEGORIA MODULO Num. GIOCATORI ROSA GIOCATORI ATTREZZI: Allenatore Allievi nazionali 18 giocatori 2 portieri palloni, casacche, Prep. Atletico (in caso di necessità si attinge dagli Allievi I Anno). 6 difensori 6 centrocampisti cinesini, coni, porte mobili. 4 attaccanti PIANIFICAZIONE LAVORO SETTIMANALE MICROCICLO: 4 SEDUTE SETTIMANALI PARTITA DOMENICALE MARTEDÌ MERCOLEDÌ (90 minuti) GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA Riscaldamento tecnico (tecnica individuale); Potenza aerobica; Tecnica dinamica; Esercitazione partita. Obiettivo tecnico: calciare; Obiettivo fisico: resistenza lattacida. Riscaldamento tecnico finalizzato alla Tecnica individuale (calciare); Resistenza lattacida; Tecnica dinamica (calciare). Partita amichevole o esercitazione 11vsN. Riscaldamento tecnico (tecnica individuale e tattica); Velocità; Sviluppi tattici (Possesso e non possesso 11vsN); Palle inattive. Partita campionato. 1 RISCALDAMENTO TECNICO (TECNICA INDIVIDUALE) DURATA FASE 20 min CAMPO 30X40 metri ESERCITAZIONE 9 vs 9 con 9 palloni ESERCITAZIONE 2 min 2 min 9 vs 9 con 9 palloni I giocatori si MUOVONO liberamente all interno del campo. PASSAGGIO con le mani. Dopo il passaggio vengono eseguiti esercizi di mobilizzazione a piacere. Variazione PASSAGGIO con i piedi (interno-esternocollo) o di testa, da palla in mano. Variazione Palla a terra. PASSAGGIO con i piedi (interno-esterno-collo). Variazione Il ricevente deve SMARCARSI con un movimento di passaggio tra la porticina. 36

11 CAMPO 30X40 metri ESERCITAZIONE 9 vs 9 con 9 palloni ESERCITAZIONE 2 min 2 min 9 vs 9 con 1 palloni Variazioni PASSAGGIO CONDIZIONATO all attraversamento della porticina. Il ricevente deve SMARCARSI dietro la porticina. Variazione Il ricevente restituisce la palla al compagno nelle stesse modalità e si ripropone per un nuovo smarcamento-passaggio fuori dalla porticina. Gioco possesso palla 5 passaggi senza intercetto vale 1 punto. Variazione L esecuzione del PASSAGGIO attraverso la porticina determina 1 punto aggiuntivo. A TUTTO CAMPO ESERCITAZIONE TATTICA 11 vs 7 Trasferimento e rafforzamento dei condizionamenti frutto della propria sensibilità tattica, che la squadra deve incamerare per la gestione efficace della fase di possesso e non possesso palla. Impostazioni di tattica individuale, coppie, catena, reparto. Rotazione dei giocatori dalla squadra a 11 a quella a 7. Regole di profondità e di ampiezza nello svolgimento della fase di possesso palla. Tempo di lavoro: 12 minuti. 12 min 2 FASE CENTRALE (RESISTENZA LATTACIDA E TECNICA DINAMICA) DURATA FASE 50 min CAMPO 30X40 metri 2.1- ESERCITAZ. PARTITA 1P+4G vs 4G+1P 4 min CAMPO 30X40 metri 2.2- ESERCITAZ. PARTITA 1P+4G vs 4G+1P 8 min Partita 4vs4 a 2 tocchi. Gli altri 4vs4, rimanendo all interno del campo, eseguono esercizi di stretching a terra. I portieri rimangono sempre in porta. Ogni 2 minuti rotazione dell attività delle squadre. Tempo di lavoro: 4 minuti. Partita con sponda 4vs4 a 2 tocchi. Gli altri 4vs4 si posizionano in zona offensiva lateralmente e a fianco dei pali. Devono con 1 tocco giocare di sponda con i compagni in partita. Ogni 2 minuti rotazione dell attività delle squadre. Tempo di lavoro: 2 serie X 4 minuti. 37

12 ALLIEVI 4 CAMPI 15X10 metri 2.3- ESERCITAZ. PARTITA 4 campi con PARTITA 2 vs 2 7 min 2.4- ESERCITAZ. PARTITA 11 vs 7 a tutto campo 16 min Partita 2vs2 a pressione con palla sempre in gioco. Il possesso iniziale viene aggiudicato al giocatore che arriva al controllo del pallone posto al centro del campo. I giocatori devono eseguire il percorso: +5m-5m+7,5m. Tempo di lavoro: 2 serie X 2 minuti (30 partita + 90 recupero). Recupero attivo con palla o senza palla. Tempo di lavoro: 3 minuti. Trasferimento e rafforzamento dei condizionamenti frutto della propria sensibilità tattica, che la squadra deve incamerare per la gestione efficace della fase di possesso e non possesso palla. Impostazioni di tattica individuale, coppie, catena, reparto. Rotazione dei giocatori dalla squadra a 11 a quella a 7. Regole di profondità e di ampiezza nello svolgimento della fase di possesso palla. Impostazioni di tattica di reparto, reparto e parte di reparto, reparto + reparto. Rotazione dei giocatori dalla squadra a 11 a quella a 7. Regole di profondità, di ampiezza e contro-movimento nello svolgimento della fase di possesso palla. Tempo di lavoro: 16 minuti. Ogni campo è gestito da: allenatore, preparatore atletico e dai due portieri. METÀ CAMPO RUOLIZZAZIONE REPARTO E INDIVIDUALE 5 min METÀ CAMPO ESERCITAZIONE REPARTO 5 min GRUPPO DIFENSORI 4+2 Esercitazione di reparto e individuale. Esercitazioni con circolazione palla della difesa a 4 avendo 2 giocatori che svolgono opposizione passiva (rotazione continua tra i giocatori tra fase attiva e passiva). GRUPPO CENTROCAMPISTI ATTACCANTI Sviluppi tattici in fase di possesso palla del con rotazione continua dei giocatori per ruolo. Tempo di lavoro: 5 minuti. Sviluppi tattici reparto + reparto del con partita 6vs4. I difensori svolgeranno opposizione semi-passiva (o attiva a seconda della qualità) sugli esterni e attiva in area di rigore. Viene eseguita rotazione continua dei giocatori. Tempo di lavoro: 2 serie x 5 minuti. 3 FASE FINALE DURATA FASE 20 min A TUTTO CAMPO ESERCITAZIONE PARTITA 11 vs 7 12 min PARTITA FINALE 8 min Trasferimento e rafforzamento dei condizionamenti frutto della propria sensibilità tattica, che la squadra deve incamerare per la gestione efficace della fase di possesso e non possesso palla. Impostazioni di tattica intera squadra. Regole scaglionamento, presa posizione nello svolgimento della fase di non possesso palla (subito dopo aver perso il possesso palla). Rotazione dei giocatori dalla squadra a 11 a quella a 7. Tempo di lavoro: 12 minuti. Partita finale 1+8 vs 8+1. Tocco libero. Esercitazione di scarico fisico e psicologico. Esercizi defaticanti. Tempo di lavoro: 8 minuti. 38

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

Esercizi aerobici con palla

Esercizi aerobici con palla Esercizi aerobici con palla Passaggio, conduzione, cross, colpo di testa, dribbling, tiro e difesa individuale sono gli aspetti tecnici stimolati dal circuito. Forza veloce, agilità e forza pliometrica

Dettagli

Giovanissimi fascia B

Giovanissimi fascia B Giovanissimi fascia B Stagione calcistica 2012-13 Preparazione precampionato Allenatore: Erbetta Maurizio La preparazione proposta è relativa agli allenamenti precampionato della squadra giovanissimi 99

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2 PASSAGGIO ESERCITAZIONE 1 - I giocatori vengono divisi in 3 gruppi di diverso colore. 1A) Con le mani passare la palla al colore diverso 1B) Con i piedi passare la palla al colore diverso 2A) Con le mani

Dettagli

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC.

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC. N.66 LUGLIO-AGOSTO 2009 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

GUIDA DELLA PALLA. L'esercizio poi continua con gli altri partecipanti. Dopo un certo numero di prove in un senso, si deve cambiare il verso.

GUIDA DELLA PALLA. L'esercizio poi continua con gli altri partecipanti. Dopo un certo numero di prove in un senso, si deve cambiare il verso. GUID DELL PLL 1 1 2 2 GUID DI PLLONI DIVERSI 4 giocatori posizionati con la palla sul vertice di un quadrato di 15 mt di lato, partono in guida della palla verso il vertice seguente dove lasciano la propria

Dettagli

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina.

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina. PARTITA BOWLING si gioca una partita normale con due o più palloni. Chi abbatte il cono lascia il pallone agli avversari e corre verso la propria porta a sistemare il cono in linea con gli altri. Vince

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE PROGRAMMA TECNICO Il Programma Tecnico vuole essere uno strumento di lavoro e di supporto, agli istruttori e ai tecnici della nostra Scuola Calcio, alla formazione dei bambini e delle bambine che muovono

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

La scuola Calcio Barcellona

La scuola Calcio Barcellona La scuola Calcio Barcellona di Raffaele Barra Istruttore CONI FIGC, laureando in Comunicazione, dopo varie esperienze in altre società (nelle categorie pulcini ed esordienti) da 2 anni milita nel Sottomarina

Dettagli

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa

Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi. Premessa Schema di mesociclo di 4 settimane preparazione precampionato per categoria Allievi Premessa Si presentano N 21 sedute allenanti comprensive di N 4 partite amichevoli e la 1^ di campionato, suddivise in

Dettagli

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti!

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! AncheiopossoAllenare.com allenare online con gli info-prodotti di ancheiopossoallenare.com presenta: Marco Mirisola 15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! Salve a tutti e benvenuto/a oggi

Dettagli

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure.

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. GUIDA GEOMETRICA Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. I bambini conducono la palla attorno a diverse figure geometriche. vince chi

Dettagli

Preparazione precampionato: il programma di lavoro per una squadra di categoria Juniores/Berretti/Primavera.

Preparazione precampionato: il programma di lavoro per una squadra di categoria Juniores/Berretti/Primavera. N.55 LUGLIO-AGOSTO 2008 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

ALLIEVI. Programma MILAN LAB

ALLIEVI. Programma MILAN LAB ALLIEVI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO ALLIEVI CAPACITÀ MOTORIE 100% CAPACITÀ COORDINATIVE 10% 90% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità/Velocità 20% Resistenza 30% Forza (didattica) 20% Flessibilità

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete Smarcamento Mini partite 3>3 su un quadrato di 15x15. Goal valido solo dopo aver effettuato uno stop agli angoli del campo di gioco. 4>2 su un quadrato di 15x15. Il goal viene realizzato su stop su uno

Dettagli

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi Categoria Esordienti Guida e Dominio della palla Guida e Dominio della palla Stefano Bellinzaghi A B C I giocatori distribuiti nelle 4 file eseguono conduzioni, cambi di direzione e combinazioni tra guida

Dettagli

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 IMPARARE LA TECNICA CON IL GIOCO Stefano Faletti FONDAMENTALI TECNICI RICEVERE CONTROLLARE COLPIRE lo STOP GUIDA DELLA PALLA DRIBBLING PASSAGGIO TIRO COLPO

Dettagli

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 Mesociclo: settembre/ottobre Obiettivo motorio/coordinativo: sviluppo cap. oculo-manuale, oculo-podale, di anticipazione e scelta

Dettagli

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite ASSOCIAZIONE SVIZZERA DI FOOTBALL Dipartimento tecnico Servizio istruzione Modulo di perfezionamento 2015/16 Giocare meglio - Giochi e esercizi Giocare meglio Giochi e esercizi Calcio di base Calcio d

Dettagli

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno JSS Coach Muscella Date N Players 10 Where Torino Goals Tec Training Guide JSS - Juventus 2-3 Anno Conduzione Age Range 2 Anno N TG 31 Goals Tactic Concetto di fase offensiva Goals Tec Sec Project JSS

Dettagli

Un Metodo Allenante Per i Piccoli Amici

Un Metodo Allenante Per i Piccoli Amici Un Metodo Allenante Per i Piccoli Amici di Maurizio Calamita Ex giocatore di calcio professionista Ha allenato il Torino calcio categoria allevi nazionali Patentino di Seconda Categoria Quando vuoi allenare

Dettagli

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 2 CONTRO 2 Esercizio n 1: 2 contro 2 + 2 jolly ( difensore centrale e centravanti 9 ) Obiettivi: insegnare passaggi filtranti e appoggi Misure campo: 12

Dettagli

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco:

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco: Il gioco se usato e svolto in una maniera consona, farà si che l' allievo si diverta e nello stesso tempo raggiunga degli scopi precisi che voi vi siete proposti. Con un gioco si possono lavorare diversi

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Corso di perfezionamento I giochi di transizione

Corso di perfezionamento I giochi di transizione Contenuto della lezione pratica Osservazioni preliminari Corso di perfezionamento I giochi di transizione La durata del gioco dipende dall intensità. L allenatore deve controllare lo stato fisico dei suoi

Dettagli

Preparazione precampionato (primi 14 giorni)

Preparazione precampionato (primi 14 giorni) SETTORE TECNICO FIGC Preparazione precampionato (primi 14 giorni) RELATORE: Prof. Ferretto Ferretti Tesi del CORSO UEFA PRO LICENCE 2010/11 Candidato: Vincenzo Montella Indice Introduzione pag. 3 Legenda

Dettagli

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012

Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012 Sei Bravo a Scuola di Calcio 2012 INDICAZIONI GENERALI (Categoria e ) Nelle attività del nuovo progetto tecnico, il numero dei giovani coinvolti è sempre di 14 giocatori per squadra () e 12 giocatori per

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Allenare nel settore giovanile

Allenare nel settore giovanile ALLENARE NEL SETTORE GIOVANILE: la sovrapposizione, sviluppo tattico offensivo ANDREA PAGAN Allenatore di BASE diploma B UEFA PREMESSA Credo che la programmazione e l allenamento della fase offensiva sia

Dettagli

CATEGORIA PULCINI. Si passera dalla fase del essere POTER giocare, alla fase del SAPER giocare.

CATEGORIA PULCINI. Si passera dalla fase del essere POTER giocare, alla fase del SAPER giocare. Dagli 8 ai 10 ani anni il ragazzo apprende il linguaggio del proprio corpo ed è in grado di rapportarsi con l attrezzo palla. Io, il mio corpo,la palla, sono quelle le parole che il ragazzo utilizzerà.

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

U.S. GROSSETO 1912 F.C.

U.S. GROSSETO 1912 F.C. U.S. GROSSETO 9 F.C. Categoria : Esordienti nno : 999 Tecnico : Bruni Prima fase 0 PRIMO GIORNO DI RDUNO DECICTO : PRESENTZIONE E CONSEGN SCHED NGRFIC Fase Centrale 0 0 :. corsa con circonduzioni delle

Dettagli

riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio

riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio guida + passaggio Dividere i giocatori in gruppi di 6 o più.

Dettagli

Possesso palla in allenamento

Possesso palla in allenamento Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Il possesso palla inteso come esercitazione sta assumendo un importanza sempre maggiore nelle sedute

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI CARICO MENTALE

PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI CARICO MENTALE PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI Prima di inoltrarmi ad analizzare le proposte da proporre ai bambini di 5-6 anni, spiego un concetto, a mio parere, importante, il: CARICO MENTALE Quando

Dettagli

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero GIOCHI MINIBASKET Questi giochi sono stati tratti da alcuni libri e talvolta modificati per adattarli al nostro gioco. Adatti per diverse età. Buon lavoro. 1) Il gioco dei nomi Obiettivi: conoscere i compagni,

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno JSS Coach Comito Date N Players 10 Where Torino Conduzione N TG 53 Conduzione veloce verso Sec Conduzione con cambi di direzione Giochi individuali con mani e piedi in uno spazio delimitato. Lanci e prese.

Dettagli

Schede operative categoria Pulcini

Schede operative categoria Pulcini Schede operative categoria Pulcini CATEGORIA PULCINI società: istruttore: stagione sportiva: programmazione didattica modulo 1 MESE DI: RICORDATI CHE OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: 8 FATTORE TECNICO-COORDINATIVO:

Dettagli

Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato

Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato SECONDO PERIODO COMPETITIVO Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato 89 19 SETTIMANA DI LAVORO 58 ALLENAMENTO seduta unica 15 minuti Resistenza: metodo intermittente. 3 Intermittente (45

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI Programmazione attività annuale Le attività che verranno proposte ai nostri bambini dovranno tenere in considerazione l età ed i fattori ambientali. Tutti gli obbiettivi

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri Federazione Italiana Pallacanestro Settore Giovanile Minibasket e Scuola Lezioni Integrate Minibasket I Fondamentali con palla Traguardi di Competenza. Partiamo dalle linee guida: Motorio/funzionale padronanza,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ufficio del Coordinatore Federale Regionale - Puglia REGOLAMENTO UFFICIALE PUGLIA "Sei Bravo a... Scuola di Calcio" - 2010 "4c4: un gioco

Dettagli

Allenamento: il primo macrociclo di lavoro (girone d andata) per una squadra della categoria Allievi.

Allenamento: il primo macrociclo di lavoro (girone d andata) per una squadra della categoria Allievi. N.59 DICEMBRE 2008 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

CAMPIONATO ALLIEVI REGIONALI GIRONE D Anno Calcistico 2011/2012 Real Castelnuovo Anno 1995 1 TROFEO ALLENATORE D ORO AIAC PROVINCIA DI LUCCA

CAMPIONATO ALLIEVI REGIONALI GIRONE D Anno Calcistico 2011/2012 Real Castelnuovo Anno 1995 1 TROFEO ALLENATORE D ORO AIAC PROVINCIA DI LUCCA CAMPIONATO ALLIEVI REGIONALI GIRONE D Anno Calcistico 2011/2012 Real Castelnuovo Anno 1995 1 TROFEO ALLENATORE D ORO AIAC PROVINCIA DI LUCCA RELAZIONE TECNICA su: MACROCICLO dal 19/03/2012 al 24/03/2012

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO (Categoria Pulcini ed Esordienti) PREMESSA Il riscaldamento ha un ruolo fondamentale sia all interno della seduta di allenamento, che nei minuti precedenti la

Dettagli

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a?

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a? CARATTERISTICHE GENERALI DEI GIOCHI INDIVIDUALI CON UN ATTREZZO Gioco con l attrezzo Manipolazioni, da solo: lanciare, afferrare, Per riuscire a gestire far rotolare, l attrezzo. calciare. Per riuscire

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

www.mistergatti.it - 30 minuti di tecnica ( passaggi a due o tre - rasoterra - mezza altezza - palleggi- colpi di testa)

www.mistergatti.it - 30 minuti di tecnica ( passaggi a due o tre - rasoterra - mezza altezza - palleggi- colpi di testa) 20/08/2012 Preparazione precampionato categoria giovanissimi 1 settimana -10 minuti di corsa lenta - 5 allunghi sui 30 mt con recupero di 20 secondi dopo ogni allungo - 30 minuti di tecnica ( passaggi

Dettagli

ATTIVITA' DI BASE. Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente

ATTIVITA' DI BASE. Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente ATTIVITA' DI BASE Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente Come nella passata edizione le squadre si affronteranno in due momenti, che per questa stagione sportiva si sintetizzano

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

PARTITE A TEMA. Introduzione

PARTITE A TEMA. Introduzione PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione

Dettagli

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi.

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi. N. FEBBRAIO 006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE VIA E.FRANCALANCI

Dettagli

Indicazioni metodologiche per la preparazione atletica del calciatore

Indicazioni metodologiche per la preparazione atletica del calciatore Indicazioni metodologiche per la preparazione atletica del calciatore Claudio Albertini Genova 31 Maggio 2007 Approccio Specialistico e Approccio Sistemico L impostazione tradizionale della preparazione

Dettagli

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 LA FORAZIONE DELLE ABILITA TECNICHE 47 6.1 GESTO TECNICO E ABILITA OTORIE I gesti tecnici sono abilità fondamentali nel gioco del calcio da svilupparsi nel tempo mediante progressioni didattiche

Dettagli

Relazione Minibasket n 2

Relazione Minibasket n 2 Prof. Piergiorgio Manfre Basket Verbano Relazione Minibasket n 2 Ipotesi di lezioni per allievi 9 10 anni Premessa................................................... Proposte didattiche-tecniche.................................

Dettagli

Prima esercitazione... Percorso coordinativo

Prima esercitazione... Percorso coordinativo Prima esercitazione.... Percorso coordinativo Alla partenza, il bambino dovrà prendere un cinesino posto vicino, passare sotto l ostacolo strisciando al suolo, correre tra i coni, inserire il cinesino

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base PICCOLI AMICI Obiettivi: Il lavoro svolto con i bambini dei Piccoli Amici (5, 6 e 7 anni) è prevalentemente basato sul gioco in generale, ed evidenzia l aspetto ludico motorio della attività. Si lavorerà

Dettagli

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey > Abilità nei giochi 8ª Classe Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey La valutazione dell abilità nei giochi avviene durante e al termine processo d apprendimento. Giochi Pallacanestro Calcio Pallamano

Dettagli

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO SCHEDE ESERCIZI categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO TECNICA GIOCO DI POSSESSO PALLA: 8 10 PASSAGGI autore / docente / tutor: PROF. MARCHI ERNESTO WWW..CENTROSTUDICALCIO..IT

Dettagli

CONOSCERE IL DRIBBLING

CONOSCERE IL DRIBBLING CONOSCERE IL DRIBBLING CHI DOVE COME QUANDO PERCHE Giocatore Spazio Modalità Tempo Finalità Difensore Centrocampista Attaccante 1.In ogni zona del campo, considerando criteri, finalità e % di riuscita

Dettagli

La preparazione precampionato di una formazione di Serie C1.

La preparazione precampionato di una formazione di Serie C1. N.44 LUGLIO - AGOSTO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

divertire USCITA ALTA

divertire USCITA ALTA INTRODUZIONE In questo mio piccolo e modesto pensiero di lavoro, vorrei farvi partecipi della mia realtà (oppure da condividere), dove essendo l unico nella mia zona che si preoccupa della cura tecnica

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI ARGOMENTO DIFENSIVO: logiche del gioco; sviluppo mobilità laterale e in arretramento; capacità di combinazione e dissociazione. OBIETTIVO: passaggio (anticipazione

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE Corso MSTER nno 2000 / 2001 L DIDTTIC DELL DIFES TRE di DVIDE BLLRDINI relatori : prof. prof. Roberto Clagluna Franco Ferrari 1 INDICE : PREMESS 4 LE CRTTERISTICHE DEI DIFENSORI 6 L DIDTTIC. 7 CONCLUSIONI.

Dettagli

Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio "US Albinia" Programmazione attività stagione 2011 2012

Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio US Albinia Programmazione attività stagione 2011 2012 Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio "US Albinia" Programmazione attività stagione 2011 2012 A. CATEGORIA ESORDIENTI (1999 2000) Allenatore: Luciano FUSINI (All. Base) A.1 Attività Federale

Dettagli

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Premessa Per attività programmata s intende partire da un analisi della situazione, stabilire gli obiettivi

Dettagli

Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES

Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES PREPARAZIONE PRECAMPIONATO Obiettivi prima settimana Incremento di capacità e potenza aerobica Miglioramento della capacità di

Dettagli

GIOCHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCIO

GIOCHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCIO GICHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCI MAG LIBER: un bambino è il mago deve rincorrere e toccare i suoi compagni, quando vieni preso ti devi fermare mantenendo una posizione decisa dall istruttore. Se un

Dettagli

Allenare il possesso palla con le partite a tema.

Allenare il possesso palla con le partite a tema. N.30 APRILE 2006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE

Dettagli

La preparazione precampionato per la categoria Promozione, e le categorie I, II e III.

La preparazione precampionato per la categoria Promozione, e le categorie I, II e III. N.22 LUGLIO-AGOSTO 2005 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO

Dettagli

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica Da 3 contro 3 a 1 contro 1 Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo - Ho il pallone / non ho il pallone / recupero il pallone/ perdo il pallone Sviluppo attraverso la creazione di superiorità

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

IL MINIBASKET in ITALIA :

IL MINIBASKET in ITALIA : IL MINIBASKET in ITALIA : l Emozione, la Scoperta e il Gioco. I primi intervento per l angolo tecnico del nostro sito li voglio prendere da una delle esperienze professionalmente più gratificanti della

Dettagli

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3.

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3. N.26 DICEMBRE 2005 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO

Dettagli

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche:

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche: L ATTACCO Appunti Principali problematiche: L attacco deve essere considerato come tema permanente di ogni seduta di allenamento. Ore di lavoro specifico sull attacco della nazionale juniores femminile:

Dettagli

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA "Sei Bravo a... Scuola di Calcio" 2014-15

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA Sei Bravo a... Scuola di Calcio 2014-15 CRITERI GENERALI - Le squadre devono presentarsi con almeno 14 giocatori. - 14 Bambini iscritti nella lista dovranno cimentarsi nei 3 giochi previsti e nel gioco partita 7c7. - La durata di ciascuna "partita

Dettagli

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI)

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) 10.00 12.00 ALLENATORE Guido Cantamesse ASSISTENTi Nazareno Lombardi Carlo Grassi PREP. FISICO Cosimo De Milo ******************** ATTIVAZIONE

Dettagli

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!.

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. Dopo avere dedicato ampio spazio nei precedenti interventi al modello culturale del nostro Minibasket raccontando l esperienza finlandese, ora vorrei rivolgere

Dettagli

PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.)

PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) Sede e campo sportivo U. Orlandini via Vivaldi, 8 30029 Santo Stino di Livenza - Venezia Telefono - Fax 0421 / 310914 e-mail: calciosanstino@libero.it sito web : www.calciosanstino.it Matricola F.I.G.C.:

Dettagli

ISTRUTTORI DI SCUOLA CALCIO SGS

ISTRUTTORI DI SCUOLA CALCIO SGS CORSO CONI-FIGC ISTRUTTORI DI SCUOLA CALCIO SGS Lombardia delegazione Lodi Il Tiro in Porta Tesi di Schipani Fabio s.s 2011-2012 - Introduzione - 5 giochi spiegazione varianti - Conclusioni finali Pagina

Dettagli

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 INTRODURRE LA DIFESA DI SQUADRA NEL PRIMO ANNO DI ATTIVITA GIOVANILE: la proposta deve essere divertente ed allettante

Dettagli

I GIOCHI DI POSIZIONE: UN MEZZO UTILISSIMO PER INSEGNARE CALCIO

I GIOCHI DI POSIZIONE: UN MEZZO UTILISSIMO PER INSEGNARE CALCIO WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT Scuola Calcio Tattica Capacità di Gioco I GIOCHI DI POSIZIONE: UN MEZZO UTILISSIMO PER INSEGNARE CALCIO A cura di Ernesto Marchi WWW.CENTROSTUDICALCIO.IT I GIOCHI DI POSIZIONE

Dettagli

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE ALLENAMENTO 1D FEMMINILE Corsisti: Ballardini Samuele, Ceccarini Barbara, Rossi Giacomo INTRODUZIONE Nelle ultime partite la squadra allenata (1 divisione femminile) ha avuto un'efficacia in attacco del

Dettagli

La coordinazione nel giovane portiere di calcio

La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione rappresenta la base di una buona capacità senso-motoria di apprendimento. Prima di eseguire una determinata azione motoria, è necessario

Dettagli