Croce!J?çssa I tauana I[ Commissario Straordinario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Croce!J?çssa I tauana I[ Commissario Straordinario"

Transcript

1 Croce!J?çssa I tauana I[ Commissario Straordinario Ai Commissari dei Comitati Regionali CRI Ai Vertici delle Componenti Volontaristiche CRI LORO SEDI Ho piacere di condividere con Voi (v. allegato) la relazione sulla sperimentazione della Componente Unica nella Provincia di Trento inviatami dal Commissario Provinciale CRI di Trento. Cordiali saluti,

2 . / CROCE Protocollo n. 250/-:r- I> Oggetto: Relazione Allegati: uno RACCOMANDATA AR ;ROCE CO~/1rL \. " ;->ìtr!.'~le CG;'~".,' ~..', i:, -....,-".~._-, >""_....~-, _,-~'..,.r:o '-.,...~ , Al Signor Commissario Avv. Francesco Rocca Via Toscana, ROMA Straordinario in allegato alla presente invio la prima relazione sull'andamento della'sperimentazione della Componente unica nella Provincia di Trento, nel rispetto di quanto disposto nella tua ordinanza di autorizzazione alla stessa. Resto a disposizione per commenti e valutazioni e invio un cordiale saluto

3 CROCE Relazione sull'andamento della sperimentazione Componente Unica in Trentino PRIMA DELLE ELEZIONI Il percorso di avvicinamento all'appuntamento delle elezioni per la Componente Unica è passato attraverso una serie di incontri necessari per far capire a tutti i volontari il progetto, le finalità e gli obbiettivi che ci siamo prefissi. Gli incontri si sono così svolti: Incontro con i Componenti di quello che era il Consiglio di Comitato della Croce Rossa Trentina prima del commissariamento alla presenza dei commissari dei Comitati Locali ; Incontro con i vertici delle Componenti interessate per concordare gli interventi da fare; Incontro con i Vertici dei Gruppi di Volontari (VdS, Pionieri, Sezione Femminile) per coinvolgere nel progetto e considerare immediatamente eventuali dubbi Incontro in ogni Gruppo di Volontari (VdS, Pionieri, Sezione Femminile) in Trentino per parlare direttamente con le Volontarie ed i Volontari Trentini per presentare il progetto, raccogliere i dubbi e trattare le obiezioni Invio a mezzo posta a tutte le Volontarie e Volontari del Trentina interessati dal progetto di un documento che spiegava la nuova struttura e gli obiettivi, ed invitava a partecipare alle elezioni. Nonostante lo sforzo profuso per far arrivare nel modo più possibile capillare l'informazione, come credo sia normale in una situazione di cambiamento come la nostra, si è evidenziata che una parte dei Volontari non ha compreso l'intero progetto. Le maggiori difficoltà le hanno avute le persone "anziane" (di servizio e d'età) e quelle persone che in fondo sono solo interessate a donare il proprio tempo agli altri senza preoccuparsi più di tanto di come, sia a livello politico che amministrativo, l'associazione si muove. Esiste una naturale e prevedibile difficoltà ad affrontare il cambiamento, che diventa in alcuni casi paura di perdere qualcosa (la propria autonomia o i propri servizi) o addirittura di perdere quel ruolo di "comando" che permette la visibilità. Fino dal primo momento, dalla stesura del regolamento fino ai primi incontri, e a tutt'oggi, visto la difficoltà di far comprendere alla totalità delle volontarie e dei volontari il nostro obiettivo, la nostra priorità è stata ed è quella di riuscire a far comprendere lo scopo principe del progetto: potenziare le attività che la Croce Rossa svolge condividendo le esperienze che ogni "ex-componente" ha fatto, per dare la vera opportunità a tutti i Volontari, senza distinzioni o restrizioni di alcun genere, di trovare il proprio spazio. Dando nel contempo alla Croce Rossa, finalmente UNITA, la possibilità di sviluppare, sia qualitativamente che quantitativamente, i servizi che presta. Sicuramente quindi, non si vuole togliere nulla ad alcuno, ma si vuole crescere nell'ottica del principio di Unità valorizzando il più possibile tutte le forze in campo. LE ELEZIONI I La presentazione delle liste elettorali è avvenuta in modo regolare e, a parte un caso, rispettando i \ tempi dettati. In alcuni casi, la difficoltà di comprendere il nuovo regolamento che prevede un Coordinatore del Gruppo votato dalla base e dei Delegati di Area scelti dal coordinatore ha portato un po' di ritardo nella presentazione di alcune candidature. Si è potuto notare in alcune realtà periferiche, la difficoltà di trovare un ricambio al vertice arrivando a cercare un "volto nuovo" fino all'ultimo momento, per poi dover riproporre come candidato in 1

4 CROCE alcuni gruppi, il precedente Commissario, anche se lo stesso era disposto o orientato, anche per necessità reali, a lasciare la propria carica. Questa difficoltà era già stata riscontrata sul nostro territorio, nelle piccole realtà periferiche, alle ultime elezioni dei Volontari del Soccorso, dove su 22 gruppi presenti le candidature proposte per il ruolo di Ispettore erano 23. Andrebbe quindi riconsiderata, almeno per le elezioni a livello locale, la possibilità di proporre i tre mandati consecutivi e non i due. In questo caso specifico però una nota comunque positiva è l'essere riusciti in 5 località ad avere più di un candidato al ruolo di coordinatore. Nelle candidature raccolte, risulta una sola candidatura dell'attuale Sezione Femminile su 9 gruppi presenti sul territorio Provinciale. In molte realtà, fin dai primi incontri con i Commissari delle tre Componenti, la richiesta da parte dei Commissari della Sezione Femminile era di rivestire il ruolo di delegato dell'area socio assistenziale. Sicuramente in molti casi la molteplicità delle attività che normalmente affronta un delegato alla gestione di un Gruppo di Volontari della Croce Rossa, ha contribuito a consolidare l'idea di sviluppare in modo serio ed al meglio la parte riguardante l'area interessata, già dalle stesse svolta in precedenza. Per quanto riguarda la componente giovane non si sono riscontrati problemi, anche perché nelle nostre realtà già i giovani lavoravano fianco a fianco agli attuali volontari e quindi sono ben a conoscenza delle attività dei Gruppi. Non ci sono state candidature da parte di attuali Pionieri, perché il numero oggi in forza di questa Componente è davvero esiguo e presente solo in 5 gruppi del territorio Trentino. DOPO LE ELEZIONI Le elezioni si sono svolte regolarmente è nell'insieme possiamo dire che tutto è andato bene. La partecipazione al voto è stata ovunque superiore al 50% degli aventi diritto, con punte di eccellenza in alcune realtà e minor interesse in altre. In definitiva il risultato, in termini sia di partecipazione che elettorale, è da considerare positivo e senza grosse difficoltà operative. In un solo gruppo dove abbiamo voluto sperimentare un doppio seggio per facilitare i problemi territoriali di distanze, ci sono state delle difficoltà portandoci a ragionare che la strada sperimentata non è ottima le. Un ottimo risultato è che in ogni Gruppo i Delegati di Area provengono da ogni ex-componente. Questo sta a significare, a nostro avviso, che l'integrazione è avviata e che nessun "ex-ispettore" (la maggior parte dei nuovi Coordinatori) ha voluto escludere nessuno. Si è proceduto con una serie di riunioni congiunte dei 3 ex-vertici, che INSIEME guideranno questo primo anno di test, e con loro si è indetta la prima riunione con tutti i coordinatori dei gruppi per ribadire il concetto di unità e di operatività con questa nuova impostazione Abbiamo poi riunito lo staff operativo delle tre componenti sviluppando assieme un programmi di attività per il 2010 condiviso. Abbiamo poi convocato separatamente i DELEGATI di ogni AREA per capire le difficoltà e per raccogliere le proposte. La prima cosa fatta è stata valutare insieme nuovamente il regolamento, verificandone la reale attuazione pratica. Dalle riunioni sono nate alcune considerazioni che ci hanno portato a fare immediatamente delle variazioni al regolamento (allegato 1) per renderlo immediatamente attuabile. PRIME VALUTAZIONI Siamo sempre più convinti che l'unica strada per portare la Croce Rossa Italiana al passo con i tempi sia quella della Componente Unica. La maggior parte di noi, da qualsiasi Componente provengano, è felice e speranzosa in questo nuovo progetto. 2

5 CROCE Certamente il rischio maggiore è che i nuovi coordinatori, essendo di gran lunga la riproposta dei vecchi ispettori, rischino di continuare come hanno sempre fatto senza rendersi conto della differenza rispetto al passato. Per questo abbiamo deciso di seguire un piano che preveda tra l'altro: Far partire in ogni gruppo tutte le macro aree e verificare che sia fatto immediatamente. Riunioni periodiche dei coordinatori per verificare passo a passo i problemi che incontrano Organizzazione di una giornata di corso per i coordinatori dei Gruppi svolta in data 5 dicembre ed un corso sempre per i coordinatori per la gestione del gruppo svolta in data 12 dicembre riunioni provinciali, periodiche dei Delegati delle macro aree per condividere programmi, idee, strategie (anche con qualche seminario per imparare, dove e quando possibile) Modifica del sito CRI Trentino con la nuova organizzazione Creare per ogni gruppo oltre all. del gruppo stesso anche delle per macro aree: es. volontaritrento~critrentino. it; areasanitariatrento~critrentino. it areasocialetrento~critrentino. it Riunioni mensili del gruppo di coordinamento della componente unica Suggerire per ogni macro area delle possibili attività partendo dalla CRI per arrivare alle vocazioni del territorio LA FORMAZIONE Crediamo che il nuovo progetto avrà ancora maggiori possibilità di successo se terremo in grande considerazione la formazione del personale. Saranno quindi utili e necessari corsi specifici per i Coordinatori e per i Delegati di Area. Corsi che li formino alloro ruolo e che ribadiscano costantemente i fondamenti della nostra Associazione. SOCIO SOSTENITORE: (un contributo per la ex-sezione Femminile) Importante, per la riuscita del progetto componente unica, è anche poter prevedere all'interno del nuovo statuto il socio sostenitore, necessario per tutte quelle persone, attualmente Sezione Femminile, che donano denaro per sostenere le attività, ma non svolgono realmente attività in modo attivo, risultando anche in diverse casi non residenti nella provincia dove hanno donato. IL BELLO DI STARE NELLA GRI Per dare un'idea concreta del fatto che la CRI è UNA, crediamo sia utile creare, anche a livello provinciale, una figura "trasversale" che si occupi di creare gruppo. Di tenere informati tutti (anche attraverso newsletter specifiche) e di creare momenti di aggregazione. LA COMPONENTE Una grande scommessa GIOVANE per noi, con grandi obiettivi di sviluppo. Per la componente giovane è iniziato un progetto di sviluppo del giovane sulla traccia di quello che, nella nostra provincia, fanno Vigili del fuoco volontari (che attualmente contano 1200 allievi pompieri dai dieci ai diciotto anni) il cui obiettivo risulta quello di portare la cultura della Croce rossa, i Principi, i valori ai più giovani, anche coinvolgendo persone che hanno più di 18 anni ed anche più di 25 se necessario. Si ritiene infatti che l'unione delle forze in campo fa la forza, e la forza dovrebbe portarci a far conoscere la Croce Rossa ad un numero di giovani sempre maggiore, per arrivare nel più breve tempo possibile ad imitare, sia nel numero che nella qualità e serietà, i vigili del fuoco volontari. 3

6 CROCE 1\progetto che stiamo condividendo con i giovani è ambizioso, ma porterà sicuramente dei risultati. Siamo sempre più convinti che il limite di età posto ai 26 anni non è altro che un motivo in più per creare differenze e per creare attriti all'interno dei gruppi, che comunque vivono questa divisione come una spartizione di potere, come vedere nell'altro un avversario. In Trentino mai come in questo momento c'è un interesse indirizzato verso il giovane, interesse creato dalla possibilità che con questo regolamento ci sia collaborazione, ci sia condivisione, ci sia crescita, proseguendo una strada fianco a fianco con l'unico obbiettivo e sotto un unico Emblema e ideale. I PRIMI PROGETTI Le attività Giovanili quindi hanno la priorità rispetto alle altre attività. Stiamo già programmando contatti con le scuole in ogni sede, e la possibilità di realizzare un CAMPUS in primavera. Esistono contatti con il Comune della Città Capoluogo per entrare nel più breve tempo possibile nelle scuole. Si sta valutando la possibilità di dare ulteriori crediti formativi a chi frequenta corsi CRI Nell'area Socio Assistenziale prevediamo almeno 3 progetti entro il mese di Giugno del 2010, per dare ampio spazio a quest'area e far comprendere a tutti (interni ed esterni alla CRI) che la finalità Socio Assistenziale è alla base della nostra Associazione. Per questo i Delegati di Area stanno discutendo sul tipo di attività da mettere in atto. La terza priorità va all'area Internazionale. Sia per quanto riguarda la divulgazione del Diritto Internazionale Umanitario che per quanto riguarda la formazione circa l'etica, i PRINCIPI della nostra Associazione in qualsiasi campo. Sono previsti inoltre alcuni progetti internazionali in collaborazione e su richiesta dell'assessorato alla Solidarietà Internazionale della Provincia di Trento (si stanno valutando possibilità di collaborazione in progetti che riguardano GAZA, IL TOGa, LO ZIMBABWUE, IL CIAO da attivare in collaborazione e con il benestare del Comitato Centrale.). Per concludere, riteniamo che la strada che stiamo percorrendo è sicuramente ancora in salita, ma possiamo tranquillamente affermare che l'idea alla base della sperimentazione sta entrando nei nostri gruppi con grande velocità. Dopo cosi poco tempo già qualcuno afferma si essersi accorto che l'aria è cambiata che il rinnovamento ha dato una nuova spinta. Un volontario che ho incontrato mi ha detto "quando avete spiegato il progetto mi sono tenuto in disparte perché non capivo e non volevo giudicare negativamente la cosa nell'immediato, ora sono convinto che la strada è giusta e giudico estremamente positivo quello che state portando avanti". Tuttavia non vanno sottaciute alcune minime problematicità operative riscontrare, ancora con qualche difficoltà a ricondurre in un alveo comune. Principalmente la difficoltà, già sopra segnalata, di coesione OPERATIVA al progetto in alcuni gruppi tra l'ex Comitato Femminile e l'ex Componente VdS, dovuta probabilmente non all'idea di componente unica in quanto tale, ma ad una diversità di approccio operativo radicata nelle due rispettive ex-componenti, dovuta alla specifica storia/attività di ciascuna. In ogni caso, con le spiegazioni e puntualizzazioni sopra descritte, la sperimentazione della componente unica ha superato il primo mese, ora stanno iniziando i nuovi corsi per aspiranti, con una buona adesione di partecipanti ed anche questo ci conforta nell'idea di unicità della componente nella diversità delle attività, infatti ai partecipanti è particolarmente gradita l'idea di poter fare tante cose, quante sono quelle che la CRI offre, pur rimanendo "gruppo unico", solo Volontari della Croce Rossa Italiana. Trento, 26/01/2010 4

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Anno 2004-2005 REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA DI Carbonia Iglesias REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2

Dettagli

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Approvato dall Assemblea provinciale il 13 giugno 2011 1 REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO

REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO Premessa Il presente regolamento definisce le regole di funzionamento del Gruppo Movimento 5 Stelle CASTELFIDARDO (in breve M5S CASTELFIDARDO), ed è

Dettagli

Ciao a tutti, Sono Adriano Benini, Volontario attivo del Comitato Locale Alte Groane di Misinto, candidato alla carica di Presidente.

Ciao a tutti, Sono Adriano Benini, Volontario attivo del Comitato Locale Alte Groane di Misinto, candidato alla carica di Presidente. Ciao a tutti, Sono Adriano Benini, Volontario attivo del Comitato Locale Alte Groane di Misinto, candidato alla carica di Presidente. Mi piace, anzi ci piace, iniziare cosi perché ci hanno sempre insegnato

Dettagli

Via del Vecchio Politecnico,7-20121 Milano. T el. 02.7600.2015 F ax 02.7602.0494

Via del Vecchio Politecnico,7-20121 Milano. T el. 02.7600.2015 F ax 02.7602.0494 Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace Via del Vecchio Politecnico,7-20121 Milano T el. 02.7600.2015 F ax 02.7602.0494 www.aias-sicurezza.it

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA

CROCE ROSSA ITALIANA CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO NAZIONALE V.d.S. II CORSO FORMAZIONE QUADRI VOLONTARI del SOCCORSO Proposte di modifica al Regolamento Unico delle componenti civili CRI Riccione 11 novembre 2006 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE DEL PARTITO DEMOCRATICO A ROMA

REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE DEL PARTITO DEMOCRATICO A ROMA REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE DEL PARTITO DEMOCRATICO A ROMA Il presente regolamento disciplina le modalità di costituzione del Partito Democratico nelle realtà territoriali della città di Roma. Si prevedono

Dettagli

Regolamento per la formazione dei comitati di quartieri Approvato con delib. del CC N. 128 del 15 luglio 2010

Regolamento per la formazione dei comitati di quartieri Approvato con delib. del CC N. 128 del 15 luglio 2010 Regolamento per la formazione dei comitati di quartieri Approvato con delib. del CC N. 128 del 15 luglio 2010 Il presente regolamento contiene: A) Delimitazioni ambiti territoriali dei comitati di quartieri

Dettagli

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI.

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI. CONAPO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza" Sezione Provinciale PAVIA email : conapo.pavia@conapo.it uuu SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04

STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04 PROVINCIA DI ROVIGO STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04 COMUNI DI: BOSARO, CANARO, CRESPINO, FRASSINELLE POLESINE, GAVELLO, GUARDA VENETA, PAPOZZE, POLESELLA, PONTECCHIO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO 1. COSTITUZIONE. In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - promuovere le politiche di

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi di Spinea. Le

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO *********************************************** N. 2/2012 DEL 12 Settembre 2012

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO *********************************************** N. 2/2012 DEL 12 Settembre 2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO *********************************************** OGGETTO: O.d.G. N. 2/2012 DEL 12 Settembre 2012 1) Lettura del verbale Seduta del 10 Agosto 2012. 2) Comunicazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMPONENTI VOLONTARISTICHE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMPONENTI VOLONTARISTICHE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMPONENTI VOLONTARISTICHE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA TITOLO I - DISPOSIZIONE GENERALI - ART. 1 (OGGETTO DEL REGOLAMENTO) Il presente Regolamento

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI Il seguente Regolamento Nazionale è stato approvato con O.C. N 1378 del 17 luglio 2003 CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI Art. 1 (Attività di truccatori) I Truccatori ed

Dettagli

Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager

Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager Provincia autonoma di Trento - Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili Provincia autonoma di Trento - Agenzia del Lavoro

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE FABIO SASSI O N L U S DIGNITA ALLA FINE DELLA VITA UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE FABIO SASSI ABBIAMO ANCORA BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO PER FARE DI PIÙ E SEMPRE MEGLIO Cara amica, caro

Dettagli

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS Premessa Il Regolamento è un documento interno all'associazione, approvato dal Consiglio Direttivo e da questo modificabile, in ogni momento, con le maggioranze previste

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

regolamento elettorale Confartigianato Imprese Varese

regolamento elettorale Confartigianato Imprese Varese regolamento elettorale Confartigianato Imprese Varese Articolo 1 Elettorato Attivo... pag. 2 Articolo 2 - Convocazione... pag. 2 Articolo 3 - Competenze... pag. 2 Articolo 4 - Riunioni... pag. 3 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPI ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DEI CORPI DEL TRENTINO CORPO DI BONDONE

REGOLAMENTO GRUPPI ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DEI CORPI DEL TRENTINO CORPO DI BONDONE REGOLAMENTO GRUPPI ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DEI CORPI DEL TRENTINO CORPO DI BONDONE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE DI BONDONE IN DATA 26 SETTEMBRE 2003 Art. 1 Costituzione Il Corpo dei VVF

Dettagli

Corpo Vigili del Fuoco Volontari Predazzo

Corpo Vigili del Fuoco Volontari Predazzo COMUNE DI PREDAZZO PROVINCIA DI TRENTO Regolamento Gruppi Allievi Vigili del Fuoco. Corpo Vigili del Fuoco Volontari Predazzo Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 dd. 28.04.2011, ed

Dettagli

CGIL CISL UIL LOMBARDIA

CGIL CISL UIL LOMBARDIA CGIL CISL UIL LOMBARDIA GUIDA APPLICATIVA ALL'ACCORDO DEL 22 GIUGNO 1995 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL-CISL-UIL, RELATIVO AL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA - DECRETO LEGISLATIVO 19 SETTEMBRE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL PERIODICO DI INFORMAZIONE

REGOLAMENTO PER IL PERIODICO DI INFORMAZIONE COMUNE DI NOVALEDO REGOLAMENTO PER IL PERIODICO DI INFORMAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale nr. 07 del 31.03.2011 Modificato con Deliberazione del Consiglio Comunale nr. 27 del 18.06.2015

Dettagli

VOLONTARIATO, EXPO 2015 ED IL SISTEMA DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO

VOLONTARIATO, EXPO 2015 ED IL SISTEMA DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOLONTARIATO, EXPO 2015 ED IL SISTEMA DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO PREMESSA L Italia, che ospiterà l Esposizione Universale del 2015, si caratterizza per un tessuto associativo tra i più

Dettagli

Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana

Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana Premessa La Croce Rossa Italiana riconosce nella formazione continua e permanente dei propri Soci il valore aggiunto dell'associazione.

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. Tra

PROTOCOLLO D'INTESA. Tra PROTOCOLLO D'INTESA Tra Il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Direzione Generale per lo studente, l'integrazione, la partecipazione e la comunicazione e la Croce Rossa Italiana

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

REGOLAMENTO RAGGRUPPAMENTI

REGOLAMENTO RAGGRUPPAMENTI REGOLAMENTO RAGGRUPPAMENTI 79 TITOLO I COSTITUZIONE COMPOSIZIONE 1) Le Associazioni affiliate alla F.O.I. ONLUS presenti in una Regione geografica costituiscono un Raggruppamento. In ogni Regione è presente

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO INDICE ARTICOLO 1 ISTITUZIONE ARTICOLO 2 - IMPEGNI DELL AMMINISTRAZIONE ARTICOLO 3 - FINALITA DEL FORUM ARTICOLO 4 - AREE DI INTERESSE ARTICOLO 5 COMPETENZE

Dettagli

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) Premessa I Consigli Comunali dei ragazzi (CCR) sono una realtà in diversi Paesi Europei. Queste forme di rappresentanza dei giovani si stanno diffondendo

Dettagli

CONSIGLIO PROVINCIALE. Composizione

CONSIGLIO PROVINCIALE. Composizione Regolamento del Consiglio e della Presidenza Provinciale delle Acli milanesi che specifica il regolamento delle Acli lombarde in coerenza con le norme del Regolamento approvato dal Consiglio nazionale

Dettagli

Basi del Processo Decisionale con il Consenso

Basi del Processo Decisionale con il Consenso Basi del Processo Decisionale con il Consenso Questo documento è pensato per servire come introduzione al processo decisionale basato sul consenso per le comunità che stanno provando sul campo le proposte

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5585/C16 Anno scolastico 2015-2016 Como, li 26.09.2015 Comunicazione n. 39 Alle Studentesse, agli Studenti e alle loro Famiglie Ai Docenti Ai Docenti collaboratori del dirigente scolastico Al

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.)

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei ragazzi e delle ragazze di Martellago.

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

COMUNE DI PINZOLO GRUPPI ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

COMUNE DI PINZOLO GRUPPI ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO GRUPPI ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DEI CORPI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DI PINZOLO E MADONNA DI CAMPIGLIO Approvato con delibera consiliare n. 18 dd. 20.03.2003 INDICE

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Regolamento del Comitato per le Pari Opportunità dell Ordine degli Avvocati di Chieti

Regolamento del Comitato per le Pari Opportunità dell Ordine degli Avvocati di Chieti Regolamento del Comitato per le Pari Opportunità dell Ordine degli Avvocati di Chieti Articolo 1 Costituzione E costituito, presso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Chieti, ai sensi dell art.

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR.

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. (Confucio) Numero 3 SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Nell ultima seduta del Consiglio sono state graditissime ospiti

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04)

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) Art. 1 Istituzione il Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano, riconosciuto: l importanza

Dettagli

_Come segnalare che avete un dibattito in programma?

_Come segnalare che avete un dibattito in programma? _Come segnalare che avete un dibattito in programma? Tutto quello che sarà prodotto dalle scuole sarà reso pubblico alla pagina https://labuonascuola.gov.it/dibattiti/, e una sezione della pagina sarà

Dettagli

UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA

UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA Sintesi del Documento Programmatico in occasione dei Congressi Territoriali UISP in Emilia Romagna gennaio 2013 - Mauro Rozzi 1. Premessa: le riflessioni/visione

Dettagli

STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C.

STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C. STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C. Associazione Professionale di Consulenti Tecnici di Pianificazione, Coordinatori dell Emergenza ed Istruttori

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO TEATE SOCCORSO di Chieti (legge 266/91) Titolo I Principi generali

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO TEATE SOCCORSO di Chieti (legge 266/91) Titolo I Principi generali STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO TEATE SOCCORSO di Chieti (legge 266/91) Titolo I Principi generali Art.1 Denominazione, sede E costituita l associazione di Volontariato ai sensi della Legge 266/91

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO APERTO POLIVALENTE ANZIANI ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 Art. 1 Sede (Art. 1 dello Statuto) La Sede può essere trasferita su delibera dell Assemblea Straordinaria. Quando ricorra motivo

Dettagli

Parlamento delle Idee

Parlamento delle Idee Il 14 aprile 2015 siamo andati a Potenza per far visita alla sede della Regione Basilicata. Siamo stati accolti in una delle tante sale che la compongono e ci è stato mostrato un breve filmato che spiegava

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE

LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE L intervista LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE, VITO DE FILIPPO, SPIEGA LE RAGIONI CHE HANNO SPINTO IL GOVERNO REGIONALE A PROMUOVERE UNA LEGGE PER IL SOSTEGNO

Dettagli

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Un progetto socialmente responsabile in collaborazione tra Assolombarda Coni Lombardia Fondazione Sodalitas Impresa & Sport è un progetto che nasce da

Dettagli

Prefazione. Saluto del Commissario Straordinario C.R.I. Saluto del Commissario Regionale C.R.I. Abruzzo

Prefazione. Saluto del Commissario Straordinario C.R.I. Saluto del Commissario Regionale C.R.I. Abruzzo Prefazione Il calendario 2011 della Croce Rossa Italiana della Provincia di Teramo è dedicato agli oltre mille tra Volontarie e Volontari che, dopo aver svolto la loro attività lavorativa, impegnano parte

Dettagli

Regolamento del Forum Comunale Giovani

Regolamento del Forum Comunale Giovani COMUNE DI CASTELVENERE Provincia di Benevento ------ Regolamento del Forum Comunale Giovani 1 INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9 - Art. 10 - Art. 11 -

Dettagli

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation Cari membri della fondazione, dopo un'ampia discussione sia all'interno del Consiglio che all'interno dell'esecutivo, siamo giunti alla conclusione, pacifica e condivisa, che la Fondazione abbia raggiunto

Dettagli

STATUTO FEDERCONGRESSI&EVENTI

STATUTO FEDERCONGRESSI&EVENTI STATUTO FEDERCONGRESSI&EVENTI ARTICOLO 1 COSTITUZIONE E SEDE E costituita l associazione senza scopo di lucro Federcongressi&eventi, in appresso denominata "Associazione" (già Federcongressi, organismo

Dettagli

LIONS, BAMBINI AL CENTRO. Guida alla pianificazione

LIONS, BAMBINI AL CENTRO. Guida alla pianificazione LIONS, BAMBINI AL CENTRO Guida alla pianificazione INTRODUZIONE I Lions di tutto il mondo sono coinvolti attivamente per aiutare i bambini e i giovani a crescere bene, specialmente quelli che vivono in

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE

PROGRAMMA ELETTORALE PROGRAMMA ELETTORALE Elezioni Presidenza del Comitato C.R.I. di Foggia Candidato Presidente Raffaele Pio Di Sabato pagina 1 di 5 PROGRAMMA ELETTORALE Cari VOLONTARI tutti siete consapevoli che l Associazione

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

Associazione AMA BERGAMO Metodologia dell auto mutuo aiuto Come funziona un gruppo Risorse e difficoltà Dr.ssa Bruna Allievi Treviglio 28 marzo 2015 I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Obiettivi 1. Sviluppo di

Dettagli

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Mi faccia dire innanzitutto, che è davvero molto bello entrare in questa gigantesca tensostruttura

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 27 febbraio 2013

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 27 febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 27 febbraio 2013 N. 6-C-2013 Ill.mi Signori Avvocati PRESIDENTI DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

STATUTO A.N.P.AS. Comitato Regionale Liguria

STATUTO A.N.P.AS. Comitato Regionale Liguria Adottato con delibera assembleare del 27 giugno 1999 e modificato con delibera assembleare 29/04/2007 Depositato Notaio Bechini Ugo 8/11/2007 Repertorio Numero 8369 / Numero 4889 di raccolta. STATUTO A.N.P.AS.

Dettagli

Comune di Paduli Provincia di Benevento

Comune di Paduli Provincia di Benevento Comune di Paduli Provincia di Benevento Regolamento di funzionamento del Forum dei giovani di Paduli (BN) per la partecipazione giovanile, in attuazione della carta europea della partecipazione dei giovani

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace STATUTO AIAS (approvato nell Assemblea Straordinaria dell 11/12/12 presso Aula Morandi FAST Milano) Art. 1 Costituzione e denominazione 1. L Associazione Italiana fra Addetti alla Sicurezza, denominata

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

Guida di sensibilizzazione alla Garanzia Giovani

Guida di sensibilizzazione alla Garanzia Giovani Guida di sensibilizzazione alla Garanzia Giovani Il mondo è davvero pieno di pericoli, e vi sono molti posti oscuri; ma si trovano ancora delle cose belle, e nonostante che l'amore sia ovunque mescolato

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R.

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei Ragazzi e delle Ragazze di Martellago.

Dettagli

INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007

INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007 PROVINCIA DI BOLOGNA ASSESSORATO SANITA SERVIZI SOCIALI, ASSOCIAZIONISMO, VOLONTARIATO INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007 PREMESSA UFFICIO TERZO SETTORE Tel. 051/6598609-051/6598276-

Dettagli

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni del Codice Civile in tema di Associazioni, e delle leggi

Dettagli

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Articolo 1 Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi e al

Dettagli

Il processo di partecipazione si articola in 4 momenti

Il processo di partecipazione si articola in 4 momenti Questa che andrete a leggere è una simulazione di un bellissimo progetto realizzato a Canegrate, 12000 abitanti, nel milanese. Abbiamo sostituito date, nomi, cifre e progetti per renderlo aderente alla

Dettagli

E un idea nata per caso

E un idea nata per caso Che cos è? E un idea nata per caso E possibile realizzare ciclabili vicine, parallele o immediatamente affiancate alle grandi vie presenti nel Paese? Collegamenti sostenibili ed ecologici che permetterebbero

Dettagli

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno Informazioni per le strutture interessate al riconoscimento Introduzione... p. 2 I. Proposte... p. 2 II. Prospettive.

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK Articolo 1: FINALITA E ATTIVITA Relativamente alla sua attività di ente gestore del Centro Servizi Volontariato della provincia di Trento, ex art. 15 legge 266/91

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE VOLONTARI DEL SOCCORSO

REGOLAMENTO NAZIONALE VOLONTARI DEL SOCCORSO REGOLAMENTO NAZIONALE VOLONTARI DEL SOCCORSO TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Ai sensi dell ART. 14 dello Statuto della C.R.I. approvato con R.D. 21 gennaio 1929, n. 111, e successive modificazioni

Dettagli

Avete mai sentito parlare della corsa del topo?

Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete presente il criceto che corre nella ruota fino allo sfinimento tutti i giorni? Beh, forse non ne avete piena consapevolezza ma anche voi, anche noi

Dettagli

VERBALE DELL ASSEMBLEA DELLA FEDERAZIONE DEL VOLONTARIATO PROVINCIALE DI VERONA DEL 2.05.2007 Il giorno 2 Maggio 2007 alle ore 20.

VERBALE DELL ASSEMBLEA DELLA FEDERAZIONE DEL VOLONTARIATO PROVINCIALE DI VERONA DEL 2.05.2007 Il giorno 2 Maggio 2007 alle ore 20. VERBALE DELL ASSEMBLEA DELLA FEDERAZIONE DEL VOLONTARIATO PROVINCIALE DI VERONA DEL 2.05.2007 Il giorno 2 Maggio 2007 alle ore 20.30, in seconda convocazione in quanto la prima convocazione è andata deserta

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per FORMATORI PSTI

CORSO DI FORMAZIONE per FORMATORI PSTI Mod PSTI_FORM_00 CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO NAZIONALE V.d.S. CORSO DI FORMAZIONE per FORMATORI PSTI Pagina 1 di 28 Mod PSTI_FORM_01 CROCE ROSSA ITALIANA Corso formativo per Formatori PSTI - CRI Versione

Dettagli

In questi mesi molti non avendo più ricevuto questo notiziario periodico ma solamente alcuni avvisi e

In questi mesi molti non avendo più ricevuto questo notiziario periodico ma solamente alcuni avvisi e CARI SOCI, In questi mesi molti non avendo più ricevuto questo notiziario periodico ma solamente alcuni avvisi e segnalazioni, si saranno chiesti, oppure lo hanno fatto di persona ad alcuni componenti

Dettagli

- COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

- COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera di C.C. n. 16 del 13/05/2003 - Art. 1 - Allo scopo

Dettagli

REGOLAMENTO Settore Giovanile, Minibasket e Scuola (SGMS) COSTITUZIONE, SCOPI E COMPITI

REGOLAMENTO Settore Giovanile, Minibasket e Scuola (SGMS) COSTITUZIONE, SCOPI E COMPITI REGOLAMENTO Settore Giovanile, Minibasket e Scuola (SGMS) COSTITUZIONE, SCOPI E COMPITI Art. 1 FUNZIONI E SEDE 1. Il Settore Giovanile Minibasket e Scuola (SGMS) costituisce un organismo tecnico di settore

Dettagli

Customer Document and Record Manager. Trasmettere, condividere e gestire Documenti in modo semplice e sicuro!

Customer Document and Record Manager. Trasmettere, condividere e gestire Documenti in modo semplice e sicuro! Customer Document and Record Manager Trasmettere, condividere e gestire Documenti in modo semplice e sicuro! La gestione documentale Le aziende e gli studi professionali producono grandi quantità di documenti,

Dettagli

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE )

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) ANNO SCOLASTICO 2013/2014 RETE Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA

Dettagli