IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA"

Transcript

1 IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA

2 Premessa Il progetto CLEAR, ha come obiettivo finale l approvazione del bilancio ambientale da parte dell ente. Nella costruzione e approvazione del bilancio ambientale il percorso seguito per arrivare al risultato è importante quanto il prodotto finale. E altrettanto importante che il bilancio ambientale segua lo stesso iter del bilancio economico-finanziario, con l esame in Giunta, Commissione e in Consiglio. A regime, esso dovrà essere esaminato insieme agli altri documenti di bilancio, come un vero e proprio conto satellite. Definiamo per prima cosa il significato di alcuni termini utilizzati in questo documento: - ambiti di rendicontazione, ovvero ciascuna delle classi in cui sono state suddivise le specifiche attività dell ente. Tale classificazione è stata effettuata attraverso l applicazione di uno schema comune a tutti i partner che aderiscono alla sperimentazione di CLEAR. - obiettivi strategici di lungo periodo: impegni che vanno oltre il mandato dell amministrazione e che sono realizzati attraverso un insieme coordinato di politiche di medio-breve periodo; - politiche: obiettivi strategici di medio o breve periodo contenuti nel programma di mandato, nella relazione previsionale e programmatica o che sono indicati dall amministratore; - azioni: generalmente contenute nel PEG individuano le principali azioni realizzate o che si intende realizzare nel breve periodo per perseguire gli obiettivi della politica dell ente. Per la realizzazione di questa esperienza è stato utilizzato come modello di riferimento il SERIÉÉ che ricostruisce i flussi monetari legati alla protezione ambientale, identifica gli operatori sui quali grava effettivamente la spesa, valuta l impatto delle misure di protezione ambientale sul sistema economico (effetti positivi generati dallo sviluppo di attività economiche finalizzate alla protezione ambientale; effetti negativi dovuti all incremento dei costi). Il SERIÉÉ ha una struttura che prevede la compilazione di diversi moduli ognuno con un scopo preciso: - il conto satellite della spesa per la protezione ambientale EPEA - il conto satellite dell uso e gestione delle risorse naturali (acqua, foreste, energia, ecc.) - il sistema di registrazione delle eco-industrie - l analisi input-output delle attività di protezione ambientale Per la sperimentazione del progetto CLEAR, si è scelto di concentrare l analisi sul primo conto satellite (EPEA) in quanto esso descrive contabilmente le spese affrontate per la realizzazione delle attività per la protezione ambientale (dette ATTIVITA CARATTERISTICHE vedi tab.1), descrive i risultati delle attività caratteristiche e i canali di finanziamento della spesa di protezione ambientale adottati dai diversi settori istituzionali.

3 Tale conto satellite può essere determinato per ogni settore istituzionale: PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ISTITUZIONI SENZA SCOPO DI LUCRO IMPRESE NON FINANZIARIE FAMIGLIE ALTRO L applicazione di tale conto alla P.A. è realizzata mediante l analisi delle spese sostenute per la realizzazione delle suddette ATTIVITA CARATTERISTICHE il cui scopo principale è la prevenzione, la riduzione e l eliminazione dell inquinamento così come di ogni altra causa di degrado ambientale. L analisi e la definizione della spesa per la protezione ambientale avviene grazie alla combinazione tra: - contesto coinvolto: media ambientale (es. aria), - tipo di inquinamento (es. inquin. aria), - tipo di degrado (es. degrado biodiversità), - tipo di disturbo (es. rifiuti), - tipo di attività svolta (es. gestione, monitoraggio), - la spesa corrispondente. Tabella 1: elenco degli ambiti cui si applica il conto EPEA e relative attività caratteristiche. CONTESTI COINVOLTI LE ATTIVITA' CARATTERISTICHE -Paesaggio -Patrimonio Culturale -Aree Naturalistiche E Aree - Protette -Risorse Idriche -Energia -Aria -Rifiuti -Elettrosmog -Mobilita Sostenibile -Suolo -Lavori Pubblici - Infrastrutture -Altro -Manutenzione -Gestione -Valorizzazione -Monitoraggio - Controllo -Pianificazione - Programmazione -Educazione-Formazione -Informazione-Comunicazione -Partecipazione -Sistemi Di Gestione -Personale E Amministrative Il risultato acquisito attraverso l applicazione del conto EPEA al bilancio consuntivo della Provincia di Ferrara ha coinvolto le annualità del 2000 e del 2001 con l indicazione delle somme liquidate sia con riferimento alle spese correnti che agli investimenti come dato di base chiedendo anche l indicazione della somme impegnate.

4 La riclassificazione delle spese La riclassificazione delle uscite dei bilanci considerati ha avuto come linee guida i principi seguenti : - le azioni sono state scelte perché rilevanti dal punto di vista ambientale, - le azioni sono state specificate attribuendo a ciascuna un determinato ambito di rendicontazione; - le azioni sono state riclassificate sulla base della struttura del conto EPEA. Si tenga presente che la scelta delle azioni ha preso in considerazione come tester per questa sperimentazione solo quei servizi che hanno una più consistente implicazione ambientale, vale a dire: Settore pianificazione territoriale e ambiente Settore agricoltura Settore tecnico Settore programmazione e pianificazione economica e finanziaria Servizio pianificazione territoriale Servizio ambiente Servizio produzioni e sviluppo agricolo Servizio aiuti alle imprese Servizio protezione flora e fauna Servizio progettazione edilizia, monumenti e strade Servizio manutenzione fabbricati, impianti tecnologici, sicurezza Servizio viabilità Servizio attività produttive Servizio turismo Le spese correnti e gli investimenti Relativamente alla tipologia di spesa che è stata considerata, la parte più consistente del bilancio ambientale rientra tra le spese correnti annoverando: - i costi del personale (sono state considerati per semplicità solo i costi relativi agli elementi in forza al servizio Ambiente ma a regime dovranno essere individuati con m aggiro precisione le figure all interno di ciascun servizio che completamente o in parte possono costituire una spesa del bilancio ambientale), - l erogazione di contributi soprattutto rivolti al settore agricolo a vario titolo, - le spese di monitoraggio e controllo - le spese di amministrazione generale dell ambiente, mentre tra gli investimenti spiccano in maggior misura le spese di manutenzione di apparecchiature di controllo degli inquinanti nelle varie matrici ambientali e la realizzazione di progetti specifici.

5 Di seguito vengono brevemente richiamati i criteri seguiti per l assegnazione della somma imputata nei bilanci al conto EPEA e quindi le ragioni dell inserimento di una determinata spesa nel bilancio ambientale. 1. Protezione dell aria e del clima 1.a il monitoraggio dell aria, 1.b il controllo dell efficienza degli impianti termici, 1.c l utilizzo di combustibili alternativi sia per il riscaldamento che per l autotrazione, 2. Gestione acque di scarico 2.a depurazione e/o risanamento della risorsa idrica 2.b acquisto di prodotti ambientalmente compatibili 2.c monitoraggio e controllo della qualità delle acque interne, costiere e marine (manutenzione e gestione di apparecchiature,..) 2.d attività di pianificazione, programmazione e adempimenti legislativi (autorizzazioni). 3. Gestione rifiuti 3.a attività di pianificazione, programmazione e adempimenti legislativi (autorizzazioni), 3.b attività di promozione e divulgazione di buone pratiche. 3.c monitoraggio e controllo. 4. Protezione di suolo e acque sotterranee 4.a gestione corretta del territorio e delle oasi, 4.b trasferimenti per bonifica di siti inquinati, 4.c ripristino di coperture boschive, 4.d supporto ad attività di protezione del suolo e delle acque sotterranee. 5. Abbattimento di rumore e vibrazioni 5.a riorganizzazione della mobilità mediante l intensificazione del trasporto pubblico 5.b pianificazione dei trasporti 5.c monitoraggio e controllo 6. Protezione di biodiversità e paesaggio 6.a protezione della fauna selvatica terrestre e acquatica, 6.b sussidi a strutture che favoriscono il passaggio, lo stanziamento e il ripopolamento della fauna selvatica, 6.c monitoraggio e controllo delle specie,

6 6.d studi, ricerche, censimenti ecc. in campo naturalistico, 6.e gestione e manutenzione dei centri di protezione della fauna, di R.N. e Parchi 6.f gestione della fauna e della flora, 6.g attività di rimboschimento. 7. Protezione contro le radiazioni 7.a monitoraggio e controllo. 8. Ricerca e sviluppo per protezione ambientale 8.a attivazione di progetti pilota nel campo della gestione ambientale, 8.b studi, ricerche in campo ambientale. 9. Altre attività di protezione ambientale 9.a attività di formazione e insegnamento con scopo di protezione ambientale, 9.b informazione al pubblico, 9.c produzione di documenti reports, locandine ecc. a carattere ambientale, 9.d realizzazione di convegni a tema ambientale, 9.e amministrazione generale dell ambiente, 9.f attività che non possono essere incluse in altre categorie. Le spese non ambientali Anche nella scelta di cosa escludere dal bilancio ambientale sono stati seguiti dei principi che sono stati condivisi anche dagli altri enti partners e cioè non sono state considerate: - Azioni volte al miglioramento dell impatto visivo e architettonico; - Azioni riguardanti la sicurezza; - Azioni riguardanti il sociale; - Costruzione di nuove strade; - Manutenzione ordinaria e straordinaria di strade ed edifici; - Cartelli stradali; - Taglio di alberi in fregio a strade, spalate di neve e dispersione di sale; - Azioni di protezione civile se rivolte alla sicurezza sociale.

7 Di seguito viene mostrato lo schema finale del conto EPEA con la somma totale delle spese ambientali. Spese correnti Codice Descrizione 1. Protezione dell'aria e del clima Gestione delle acque di scarico Trattamento dei rifiuti Protezione del suolo, sottosuolo e falde acquifere Abbattimento rumori (verso l'esterno) e vibrazioni Protezione del paesaggio e della natura, recupero corpi idrici superficiali inquinati Protezione contro le radiazioni Spese per ricerca e sviluppo ambientale Altre attività di protezione dell'ambiente Totale Spese investimento Codice Descrizione 1. Protezione dell'aria e del clima Gestione delle acque di scarico Trattamento dei rifiuti Protezione del suolo, sottosuolo e falde acquifere Abbattimento rumori (verso l'esterno) e vibrazioni Protezione del paesaggio e della natura, recupero corpi idrici superficiali inquinati Protezione contro le radiazioni Spese per ricerca e sviluppo ambientale Altre attività di protezione dell'ambiente Totale

8 Spese ambientali spese correnti investimenti 1 protezione dell'aria e del clima 1.1 prevenzione della formazione degli inquinanti nell'aria tramite modifiche del processo produttivo per la protezione dell'aria per la protezione del clima 1.2 trattamento gas esausti per la protezione dell'aria per la protezione del clima 1.3 misurazione, controllo e operazioni di laboratorio connesse al monitoraggio degli inquinanti dell'aria altre attività TOTALE gestione delle acque di scarico 2.1 Prevenzione dell'inquinamento delle acque di scarico tramite modifiche del processo produttivo 2.2 Impianti di raccolta e trasporto delle acque di scarico meteoriche, civili ed industriali 2.3 trattamento delle acque di scarico trattamento delle acque di raffreddamento e riscaldamento

9 Spese ambientali spese correnti investimenti 2.5 misurazione, controllo e operazioni di laboratorio connesse al monitoraggio dell'acqua altre attività TOTALE trattamento rifiuti 3.1 prevenzione della formazione di rifiuti o tramite modifiche del processo produttivo 3.2 raccolta e trasporto trattamento e smaltimento rifiuti pericolosi incenerimento discarica altro 3.4 trattamento e smaltimento rifiuti non pericolosi incenerimento discarica altro 3.5 misurazione, controllo e operazioni di laboratorio connesse al monitoraggio della produzione e staccaggio dei rifiuti 3.6 altre attività TOTALE

10 Spese ambientali spese correnti investimenti 4 Protezione del suolo sottosuolo e falde acquifere 4.1 prevenzione di infiltrazione di inquinanti nel suolo e nelle acque sotterranee 4.2 decontaminazione del suolo misurazione, controllo e operazioni di laboratorio connesse al monitoraggio delle falde inquinate altre attività TOTALE abbattimento rumori (verso l'esterno) e vibrazioni 5.1abbattimento rumori e vibrazioni da strada o ferrovia modifiche del processo produttivo che riducono rumore o vibrazioni costruzione di barriere antirumore 5.2 abbattimento rumori e vibrazioni da traffico aereo modifiche del processo produttivo che riducono rumore o vibrazioni costruzione di barriere antirumore

11 Spese ambientali spese correnti investimenti 5.3 riduzione rumori e vibrazioni nei processi industriali 5.4 misurazione, controllo e operazioni di laboratorio connesse al monitoraggio dei siti e delle falde inquinati TOTALE Protezione del paesaggio della natura, recupero corpi idrici superficiali inquinati 6.1 Protezione delle specie protezione del paesaggio e habitat naturale di cui : protezione delle foreste ripristino paesaggio 6.4 ripristino e pulizia corpi idrici superficiali misurazione, controllo e operazioni di laboratorio connesse al monitoraggio dei siti e delle falde inquinati altre attività TOTALE Protezione contro le radiazioni 7.1 protezione dell'ambiente

12 Spese ambientali spese correnti investimenti 7.2 misurazione, controllo e operazioni di laboratorio connesse al monitoraggio dei siti e delle falde inquinati 7.3 altre attività TOTALE spese per la ricerca e sviluppo ambientale 8.1 protezione dell'aria e del clima protezione dell'aria protezione del clima 8.2 protezione delle acque 8.3 rifiuti 8.4 protezione del suolo sottosuolo e falde acquifere abbattiemnto rumore e vibrazioni 8.6 protezione natura e paesaggio protezione contro le radiazioni 8.8 altre attività TOTALE altre attività di protezione dell'ambiente 9.1 amministrazione generale dell'ambiente

13 Spese ambientali 9.2 attività di formazione e informazione in campo ambientale 9.3 spese non ripartibili spese correnti investimenti attività non imputabili in altri conti TOTALE TOTALE

14 I PRINCIPI CONTABILI DI RICLASSIFICAZIONE Per ciò che concerne i principi contabili di riclassificazione l aspetto più problematico è rappresentato dall imputazione al conto EPEA delle spese promiscue (in parte ambientali ed in parte no). Bisogna cercare la strada della chiarezza contabile e nello stesso tempo della agilità e precisione dei principi di riclassificazione affinché il metodo applicato non sia facilmente sottoposto a critiche e a valutazioni soggettive e discrezionali. Il caso più semplice si presenta quando la spesa ambientale si determina sulla base di un costo sostenuto e identificabile (per es. il costo relativo all installazione dei pannelli solari sul tetto). Nel caso in cui ci si trovi di fronte ad un intervento che non riguarda solo l aspetto ambientale ma per esempio anche la sicurezza (vedi la rotonda) ciò che bisogna ricercare per definire l imputazione al conto EPEA è: il principale motivo dell intervento (l inquinamento atmosferico o la sicurezza?) oppure l impatto più diretto dell intervento (il miglioramento della qualità dell aria o la maggiore fluidità del traffico?) In conclusione l imputazione delle spese sostenute dall ente ai diversi conti dell EPEA deve avvenire necessariamente: in base ad una tipologia di costo realmente sostenuta e quantificabile, in mancanza di questo dato in base al principale motivo che ha fatto scaturire la necessità dell intervento e quindi la spesa oppure in base all impatto più diretto dell intervento. In questa fase di sperimentazione si è scelto tuttavia dove possibile di imputare solo spese per le quali fosse certa e identificabile la funzione ambientale. Altro aspetto problematico è rappresentato da quelle spese ambientali che sono imputabili a più di una classe di attività di protezione ambientale (per esempio le zone pedonali: riducono il rumore da traffico come riducono l inquinamento atmosferico). In questo caso il conto EPEA da un indicazione in quanto predispone un conto, il 9.3 spese non ripartibili, in cui vanno inserite proprio queste tipologie di spese. Nell ipotesi in cui queste spese non ripartibili si volessero comunque attribuire ad un contesto/attività piuttosto che ad un altro valgono, anche in questo caso, come per le spese promiscue, i tre principi: l imputazione di un costo realmente sostenuto e quantificabile il principale motivo che ha fatto scaturire la necessità dell intervento e quindi la spesa l impatto più diretto dell intervento. Il conto EPEA presenterà le spese ambientali sostenute nel 2000 e nel 2001 distinte fra spese correnti e spese in c/capitale. 14

15 Principali documenti esaminati: 1) Bilancio consuntivo 2000 e 2001; 2) Report della ragioneria riportante la descrizione degli importi impegnati e pagati nei due esercizi considerati. 15

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali 10 gennaio 2014 Anni 2004-2011 LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI Nel 2011 l ammontare della spesa ambientale delle amministrazioni regionali italiane è pari a 4.094 milioni di euro, con

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 L Istat diffonde, per la prima volta, la serie storica dei dati relativi alle spese per la protezione dell ambiente di un amministrazione

Dettagli

Parte 1: VERIFICA PROGETTO

Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1a: analisi aspetti ambientali Aspetto ambientale Impatto Rientra nel progetto Utilizzo di risorse idriche nelle proprietà Impoverimento risorse idriche dell ente Perdite

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette. 17 marzo 2010.

Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette. 17 marzo 2010. Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette 17 marzo 2010 Lucia Naviglio 17.3.2010 naviglio.lucia@gmail.com 1 parchi ed energia Promozione

Dettagli

Prima applicazione del conto EPEA per l Italia

Prima applicazione del conto EPEA per l Italia Prima applicazione del conto EPEA per l Italia Conto satellite delle spese per la protezione dell ambiente per i settori della gestione delle acque reflue e della gestione dei rifiuti Anno 1997 Istat -

Dettagli

LA CONTABILITA' AMBIENTALE IN EUROPA - EUROSTAT

LA CONTABILITA' AMBIENTALE IN EUROPA - EUROSTAT LA CONTABILITA' AMBIENTALE IN EUROPA - EUROSTAT Fin dalla pubblicazione del V Programma Comunitario d'azione a favore dell'ambiente è emerso subito l'orientamento dell'unione Europea verso modelli di crescita

Dettagli

Comune di Varese Ligure. Bilancio ambientale. Consuntivo 2002-2003 Linee di previsione per il 2004

Comune di Varese Ligure. Bilancio ambientale. Consuntivo 2002-2003 Linee di previsione per il 2004 Bilancio ambientale Consuntivo 2002-2003 Linee di previsione per il 2004 Marzo 2004 Sommario 1. Aspetti metodologici 2. Impegni prioritari dell Ente 3. Conti fisici 4. Conti monetari 5. Priorità per l

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica V.A.S.

Valutazione Ambientale Strategica V.A.S. COMUNE DI PETRALIA SOTTANA (PA) Piano Regolatore Generale Valutazione Ambientale Strategica V.A.S. Allegato III: QUESTIONARIO DI CONSULTAZIONE Ai sensi dell Allegato VI del D.L.vo n. 152 del 3/4/2006 e

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Il piano dei conti per la contabilità delle spese ambientali: metodologia di implementazione

Il piano dei conti per la contabilità delle spese ambientali: metodologia di implementazione Il piano dei conti per la contabilità delle spese ambientali: metodologia di implementazione Gruppo UPI Istat per la sperimentazione della contabilità ambientale nelle Province 4 a Riunione Carolina Ardi,

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO

FC10U QUESTIONARIO UNICO FC10U QUESTIONARIO UNICO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PER I COMUNI, LE UNIONI DI COMUNI E LE COMUNITÀ MONTANE MODULO 1 DATI STRUTTURALI Quadro A - Elementi specifici dell'ente locale

Dettagli

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi 01 Servizi istituzionali, generali e di gestione 01 Organi istituzionali Beni e servizi costo: 157.246,06 Beni e servizi costo: 16.519.667,82

Dettagli

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: GANGI Corso di formazione per ESPERTO AGROAMBIENTALE Progetto Formativo

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo ECOMONDO Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli Nicola Di Nuzzo Workshop Pronto intervento ambientale: le professionalità per gestire l inaspettato 7 novembre 2013 Emergenza fiume Lambro

Dettagli

La manovra di assestamento

La manovra di assestamento Allegato 3 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Con il presente disegno di legge Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2015 e Bilancio pluriennale per il triennio 2015 2017 e Bilancio di previsione conoscitivo

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO N.16/C DEL 29/03/2010

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO N.16/C DEL 29/03/2010 ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO N.16/C DEL 29/03/2010 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AD ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE, ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, SOCIETA O ENTI OPERANTI NEL CAMPO DELLA

Dettagli

Contabilità Ambientale e Bilancio Ambientale

Contabilità Ambientale e Bilancio Ambientale Introduzione Progetto CAmBiA 2007 Contabilità Ambientale e Bilancio Ambientale Relazione Tecnica Finale L Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo (si seguito AMP) dall atto del suo affidamento

Dettagli

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

PROGETTO OBBLIG AZIONE

PROGETTO OBBLIG AZIONE Conoscenze della difesa agronomica, Saper individuare gli elementi di pericolosità nei trattamenti con fitofarmaci. Saper individuare gli elementi che caratterizzano la difesa alle gelate primaverili.

Dettagli

ALLEGATO I SCHEDE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE

ALLEGATO I SCHEDE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE ALLEGATO I SCHEDE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 4 Scheda di monitoraggio ambientale per la Misura 2.3 Completamento e sviluppo di strutture insediative per il sistema economico 5 Richiedente: Titolo del'intervento:

Dettagli

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI Introduzione INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI I seguenti schemi vogliono rappresentare, per le principali componenti ambientali (aria, acqua, rumore, campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti)

Dettagli

CENTRO COMMERCIALE ORTONA CENTER AMPLIAMENTO SUPERFICIE DI VENDITA STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE

CENTRO COMMERCIALE ORTONA CENTER AMPLIAMENTO SUPERFICIE DI VENDITA STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE CENTRO COMMERCIALE ORTONA CENTER AMPLIAMENTO SUPERFICIE DI VENDITA STUDIO PRELIMINARE AMBIENTALE PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA VALUTAZIONE D IMPATTO AMBIENTALE ai sensi del D.Lgs n.152/2006

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.11.2015 L 307/17 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/2174 DELLA COMMISSIONE del 24 novembre 2015 relativo al compendio indicativo dei beni e servizi ambientali, al formato per la trasmissione dei dati

Dettagli

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Il rischio di danno ambientale coinvolge potenzialmente TUTTE le aziende manifatturiere, ANCHE LA VOSTRA. Vi invitiamo a scorrere le successive slides

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO. Bilancio Ambientale Consuntivo 2003 INDICE. Relazione al Bilancio Ambientale Consuntivo 2003

COMUNE DI GROSSETO. Bilancio Ambientale Consuntivo 2003 INDICE. Relazione al Bilancio Ambientale Consuntivo 2003 COMUNE DI GROSSETO Bilancio Ambientale Consuntivo INDICE Relazione al Bilancio Ambientale Consuntivo 1. La contabilità ambientale: il cammino intrapreso dal Comune di Grosseto. 2. La struttura del Bilancio

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI

3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI 3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI La tavola riassume le criticità più significative che interessano l intero territorio comunale di Valeggio sul Mincio alla luce dell analisi operata dal Documento Preliminare

Dettagli

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE COMUNE DI TRIGGIANO COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE 1 - PREMESSA Il progetto proposto all Amministrazione Comunale di Triggiano prevede la

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta RAPPORTO FINALE TASK 4.1 PIANO DI MONITORAGGIO Territorio e Area industriale della Provincia di Rovigo Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta Data emissione 20-10-2006 Il Piano di

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - entrata pag 1 Riepilogo generale per missione - spesa pag 51 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - spesa pag 13 Quadro generale

Dettagli

1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura

1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PIANO DI SVILUPPO RURALE REGOLAMENTO CE 1257/1999 MISURA 9.6 Gestione delle risorse idriche in agricoltura Regolamento CE 445/02 lettera q PARTE I ADEMPIMENTI

Dettagli

Elenco delle attività assegnate

Elenco delle attività assegnate Microstruttura Direzione Ambiente anno 2015 Elenco delle attività assegnate Allegato B SUPPORTARE L ATTIVITÀ DELLA DIREZIONE AT-391/16 Attività di segreteria e supporto amministrativo AT-468 Attività connesse

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

The Environmental Technologies Eve

The Environmental Technologies Eve The Environmental Technologies Eve Milano, 24-27 gennaio 2006 24-27 gennaio 2006 Aria di rinnovamento a TAU, che diventa INTERNATIONAL Da quest anno la mostra si presenta completamente rinnovata: nuova

Dettagli

l agenzia delle aziende

l agenzia delle aziende l agenzia un nuovo servizio di ETRA dedicato alle imprese del territorio l agenzia Futuro sostenibile l agenzia Nasce un nuovo servizio per rispondere rapidamente alle aziende. Un numero diretto per dialogare

Dettagli

L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana

L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana Ambiente e industria L esperienza di Ecosind, focalizzata sullo studio e la sperimentazione di nuove tecnologie e metodologie

Dettagli

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Il PSR Marche e le aree Natura 2000 Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Workshop provinciale - 16 aprile 2013 Sede Provincia di Macerata - Sala Convegni Località Piediripa

Dettagli

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE 8.2 Cost of degradation 8.2.1 INFORMAZIONE UTILIZZATA Fonti di informazione I datasets su cui sono state effettuate le successive elaborazioni sono stati forniti da:

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI 13 dicembre 2011 Direzione Ambiente Relatore: Ing. Giorgio Schellino La situazione dei siti contaminati in Piemonte 700 siti contaminati con procedimento

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Sergio Ceradini Arpalazio Sezione provinciale di Roma Convegno Tutela del territorio, gestione dei rifiuti e controlli ambientali

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale - Regio Decreto 19.10.1930, n. 1398 (art. 674) Approvazione del testo definitivo del Codice Penale (Suppl. Ord. alla G.U. n. 253 del 28.10.1930 - Legge 08.07.1986, n. 349 Istituzione del Ministero dell'ambiente

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

I Sistemi Informativi Geografici nella gestione dei dati ambientali

I Sistemi Informativi Geografici nella gestione dei dati ambientali I Sistemi Informativi Geografici nella gestione dei dati ambientali Valentina Beltrame valentina.beltrame@provincia.bologna.it Cos è informazione ambientale In materia di accesso all informazione ambientale

Dettagli

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

Tassi di Assenza e Presenza rilevati nel mese di Settembre 2014

Tassi di Assenza e Presenza rilevati nel mese di Settembre 2014 REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 2562 7,29 % 15,95 % 76,76 % 10001000 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE, PIANIFICAZIONE STRATEGICA, CONTROLLO DI GESTIONE E STATISTICA 13 7,69 % 13,29 % 79,02 % 10002000 SERVIZIO AUDIT

Dettagli

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 27 marzo 2008 Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida SITI NATURA 2000 LAZIO DGR

Dettagli

Cap. II L attuazione delle politiche di sviluppo in Abruzzo del periodo 2000-2006: inquadramento programmatiche e dati finanziari.

Cap. II L attuazione delle politiche di sviluppo in Abruzzo del periodo 2000-2006: inquadramento programmatiche e dati finanziari. Cap. II L attuazione delle politiche di sviluppo in Abruzzo del periodo 2000-2006: inquadramento programmatiche e dati finanziari. Premessa Per politiche di sviluppo intendiamo sia azioni di promozione

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

Deliberazione della Giunta regionale n. 648 del 14 giugno 2007

Deliberazione della Giunta regionale n. 648 del 14 giugno 2007 Deliberazione della Giunta regionale n. 648 del 14 giugno 2007 Programma 2007 degli interventi in materia ambientale a valere sui capitoli 2055, 2067, 2068, 2069 e 2269. Riparto e criteri di finanziamento.

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell'ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987, n. 59,

Dettagli

Allegato C Classificazione dei settori di intervento

Allegato C Classificazione dei settori di intervento Allegato C Classificazione dei settori di intervento L'accluso elenco dei campi d'intervento dei Fondi strutturali, compilato ai sensi dell'articolo 36 della proposta di regolamento generale, intende fornire

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Indicatori ambientali urbani 2007 La posizione di Padova rispetto alla media nazionale L'Istat ha presentato i risultati dell'indagine ambientale

Dettagli

A1 - IDENTIFICAZIONE DELL IMPIANTO

A1 - IDENTIFICAZIONE DELL IMPIANTO SCHEDA A INFORMAZIONI GENERALI A1 - IDENTIFICAZIONE DELL IMPIANTO denominazione Numero attività IPPC non IPPC Superficie coperta m 2 Indirizzo impianto Comune Codice Comune Provincia Codice Provincia Frazione

Dettagli

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Tavola rotonda: L ISPRA e il Sistema Paese sui temi della Biodiversità La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Obiettivo strategico: tutelare la Biodiversità

Dettagli

All. 2. Profili professionali

All. 2. Profili professionali Profili professionali All. 2 Commerciale energie rinnovabili Mansioni La figura professionale individuata è un tecnico-commerciale con una specifica conoscenza del mercato e del territorio su cui opera.

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i.

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Allegato 1 Stima degli effetti ambientali attesi

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

ALLEGATO B3: SCHEMA RIASSUNTIVO DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI DELLA STRATEGIA PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITÁ IN SLOVENIA

ALLEGATO B3: SCHEMA RIASSUNTIVO DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI DELLA STRATEGIA PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITÁ IN SLOVENIA ALLEGATO B3: DESCRIZIONE ALLEGATO B3: SCHEMA RIASSUNTIVO DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI DELLA STRATEGIA PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITÁ IN SLOVENIA 1 Partnership: PROVINCIA DI TRIESTE (CAPOFILA

Dettagli

Quadro di Riferimento Programmatico

Quadro di Riferimento Programmatico ALLEGATO II Indirizzi per l elaborazione dello Studio preliminare ambientale ai fini della procedura di verifica di assoggettabilità alla VIA di progetti inerenti le attività estrattive Finalità e requisiti

Dettagli

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso CONVEGNO Contaminazione delle acque sotterranee e tecnologie innovative di bonifica in Lombardia LUNEDÌ 28 SETTEMBRE 2015, ORE 8.45 17.00 REGIONE LOMBARDIA, PALAZZO PIRELLI AUDITORIUM "GIORGIO GABER«Introduzione

Dettagli

TRA. La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone. Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott.

TRA. La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone. Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott. TRA La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott. PREMESSO che 1. l'art, 19 del D. Lgs. 267/2000 individua le competenze

Dettagli

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti DIREZIONE GENERALE SICUREZZA 626 Datore di lavoro DIRETTORE GENERALE SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI, MONITORAGGIO, VALUTAZIONE E QUALITA TOTALE COORDINAMENTO DEI DIRIGENTI FORMAZIONE E CONTRATTI COLLETTIVI

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

Corso di formazione ambientale per esperti analisti in tema di OGM l Annuario dei dati ambientali APAT

Corso di formazione ambientale per esperti analisti in tema di OGM l Annuario dei dati ambientali APAT Corso di formazione ambientale per esperti analisti in tema di OGM l Annuario dei dati ambientali APAT Dr.ssa Mariaconcetta Giunta IAM-STA, APAT Roma, 13 Maggio 2005 Che cos è l Annuario? L Annuario è

Dettagli

Roma, 29-30 Luglio 2009 UPI, Piazza Cardelli 4

Roma, 29-30 Luglio 2009 UPI, Piazza Cardelli 4 Roma, 29-30 Luglio 2009 UPI, Piazza Cardelli 4 Nei casi in cui si accerta che spese cui è attribuito un certo titolo/intervento, in realtà dovrebbero appartenere ad un altro titolo/intervento, ai fini

Dettagli

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile . Comune di Casamarciano Regione Campania Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile Questionario conoscitivo ed analisi percettiva della qualità dell ambiente e della situazione socio-economica nel Comune

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 PREMESSE GENERALI Reparto Ambiente Polizia Municipale Viale Brigate Partigiane 19 16129 GENOVA Comune di Genova

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

31-5-2007 Supplemento ordinario alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale -n.125. Allegato I

31-5-2007 Supplemento ordinario alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale -n.125. Allegato I Allegato I ö 4 ö INDICE A. Premessa... Pag. 9 B. Identificazione della normativa ambientale rilevante di settore... ý 11 Emissioniinatmosfera... ý 11 Refluiliquidi... ý 11 Rifiuti... ý 12 Nuovoregimeautorizzativo...

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

Le misure del nuovo PSR

Le misure del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani ARIA- SUOLO: NOVITA' PER IL PSR 2014-2020 Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia

Dettagli

denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Aggiornamento: Febbraio 2014

denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Aggiornamento: Febbraio 2014 Progetto di realizzazione del pozzo denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Elementi informativi dallo Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni. Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014

DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni. Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014 DOSSIER L impatto della Legge di stabilità su servizi e funzioni Assemblea Presidenti Province Roma, 29 Ottobre 2014 Le funzioni delle Province oggi Fino al 31 dicembre 2014 le Province sono tenute ad

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 (OMISSIS) 4.3.4. Bonifica dei Siti Inquinati 4.3.4.1. Obiettivo Specifico e Obiettivi Operativi Restituire all uso collettivo le aree compromesse da

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Il ruolo di ARPA in materia di inquinamento acustico

Il ruolo di ARPA in materia di inquinamento acustico Il ruolo di ARPA in materia di inquinamento acustico Convegno studi La normale tollerabilità del rumore Mantova, 27 novembre 2009 Francesco Ferrari Quando nasce A.R.P.A. Il 18 aprile 1993 un referendum

Dettagli