Formulario SEZIONE A. SCHEDA RIEPILOGATIVA DELL INTERVENTO. 1.Denominazione soggetto proponente. 2. Area tematica. 3. Titolo del progetto di ricerca

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formulario SEZIONE A. SCHEDA RIEPILOGATIVA DELL INTERVENTO. 1.Denominazione soggetto proponente. 2. Area tematica. 3. Titolo del progetto di ricerca"

Transcript

1 Formulario Percorsi finalizzati al rafforzamento della Capacità amministrativa della Pubblica amministrazione con particolare riguardo alle attività della Regione Puglia tipologia progettuale : assegni di ricerca (compilare il presente allegato in riferimento all intero progetto presentato dall Ateneo per il quale si chiede il finanziamento di assegni di ricerca) SEZIONE A. SCHEDA RIEPILOGATIVA DELL INTERVENTO 1.Denominazione soggetto proponente 2. Area tematica 3. Titolo del progetto di ricerca

2 Sezione B DESCRIZIONE SOGGETTO PROPONENTE 1. Denominazione 2. Ragione sociale 3. Indirizzo: Città e CAP. Tel..Fax. . Partita IVA. Codice Fiscale Legale Rappresentante: Responsabile scientifico: Nome e Cognome.. Titolo..Funzione

3 Dipartimento/Istituto/Altra articolazione interna di afferenza Tel..Fax. . -Allegare curriculum responsabile del progetto Informazioni per eventuali comunicazioni: Tipologia Referente Nome e Cognome Telefono

4 Sezione C PROGETTO DI RICERCA 1.Descrizione del progetto di ricerca Motivazioni scientifiche della proposta C.1.1 Idea alla base del progetto, descrizione dell intervento, motivazione della ricerca e obiettivi.. C.1.2 Indicare come le attività dell assegnista partecipino al conseguimento degli obiettivi generali del progetto di ricerca

5 2.Profilo specifico da formare (Descrivere il profilo dell assegnista che sarà formato con il progetto di ricerca) 3.Innovazione, risultati attesi e trasferibilità C.3.1Descrivere gli aspetti innovativi del progetto (metodologie). Descrivere l eventuale carattere sperimentale del percorso o di alcuni aspetti dello stesso... C.3.2 Replicabilità dei risultati e loro trasferibilità (Descrivere la replicabilità dei risultati del progetto, ovvero la possibilità che le soluzioni innovative da esso individuate possano essere replicate e/o adattate a contesti diversi da quello specifico del progetto, attraverso : processi di qualificazione professionale e di disseminazione di competenze, trasferimento di tecnologie a contesti applicativi diversi, definizione di modelli organizzativi, standard e protocolli).

6 4. Collaborazioni degli Atenei con le Sezioni regionali (Descrivere le tipologie di collaborazioni/le motivazioni scientifiche) 5. Criteri di valutazione C.5.1 Qualità e coerenza progettuale (Descrivere i contenuti tecnico-scientifici del progetto al fine di una valutazione della sua validità. Descrivere altresì la sostenibilità economico finanziaria del progetto ovvero la sua fattibilità e i risultati attesi in termini di ricadute economiche, i vantaggi competitivi e di redditività prodotti e la loro attendibilità). C.5.2 Coerenza e congruenza del progetto con l azione messa a bando e le linee di programmazione regionale (Descrivere la capacità del percorso di alta formazione tramite la ricerca di conferire all assegnista/i competenze ed esperienze effettivamente spendibili nell ambito delle attività della Pubblica Amministrazione. Descrivere inoltre la coerenza del progetto con gli ambiti settoriali strategici e le priorità tecnologiche indicati dal bando e con le indicazioni derivanti dai principali strumenti di programmazione regionale)

7 . C.5.3 Coerenza e correttezza del piano finanziario con le finalità del bando. C.5.4 Soggetti coinvolti: qualità ed esperienza del partenariato proponente (Descrivere l affidabilità del team di ricerca in termini di esperienze già acquisite nella conduzione di progetti analoghi, la qualificazione, la congruità e la coerenza delle competenze e delle esperienze tecnico-scientifiche dell insieme dei soggetti attuatori nelle attività di ricerca proposte. Nella descrizione prestare particolare attenzione ai vantaggi che possono derivare all assegnista/i in termini di esperienza e apprendimenti conseguiti dal lavoro in team ed in termini di capitale relazionale sviluppato nell ambito del progetto).. 6. Impatto C.6.1 Rapporto con il contesto amministrativo regionale (Descrivere lo scenario di riferimento, ovvero gli aspetti che caratterizzano la realtà amministrativa regionale)...

8 C.6.2 Ricaduta delle finalità relative al rafforzamento della capacità amministrativa della Pubblica Amministrazione (Descrivere le possibili applicazioni pratiche dei contenuti del percorso presso la Regione Puglia). 7.Monitoraggio e verifica (Descrivere brevemente le modalità organizzative, di valutazione e monitoraggio adottate oltre quelle richieste dal bando, mettendo in evidenza i ruoli e i contributi dei diversi soggetti coinvolti).. Sezione D ALTRE INFORMAZIONI Pianificazione temporale (Indicare i tempi previsti per l attuazione del progetto di ricerca) Data prevista per l inizio delle attività del progetto di ricerca Data prevista di conclusione del progetto di ricerca.. Periodo stage presso Sezione regionale

9 Altre informazioni a completamento della descrizione dell intervento Luogo, data Note: -Il formulario deve essere compilato in tutte le sue parti, fatto salvo quanto già indicato in conformità all avviso. - SOTTOSCRIZIONE DEL FORMULARIO