Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza"

Transcript

1 Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema scolastico ed educativo. Istruzione e Università. Servizi alla persona e alla comunità Osservatorio del Sistema Sociosanitario. La fonte informativa è rappresentata dalla Banca Dati delle e dei servizi socio-assistenziali e socio- sanitari realizzata nell ambito del Sistema Informativo delle Politiche Sociali della Regione Emilia-Romagna. Questa banca dati viene alimentata attraverso la rilevazione statistica annuale, attuata congiuntamente da Regione e Province, in raccordo con l ISTAT e rappresenta il monitoraggio dell offerta dei servizi in materia. I dati riportati sono relativi al 31/12/2009 e sono pertinenti ai seguenti settori assistenziali: Settore ANZIANI; Settore DISABILI; Settore MINORI; Settore ADULTI IN DIFFICOLTA ; Settore MULTIUTENZA; Settore IMMIGRATI. Le per ANZIANI attive in provincia di Piacenza alla data del 31/12/2009 sono 82, per un numero complessivo di posti autorizzati. La tipologia di struttura più diffusa è la Casa Protetta. Assieme alla Residenza Sanitaria Assistenziale (R.S.A.), la Casa Protetta è destinata ad accogliere, temporaneamente o permanentemente, anziani non autosufficienti di grado medio ed elevato che non necessitano di specifiche prestazioni ospedaliere. Dei posti che complessivamente offrono queste, sono convenzionati con l Azienda USL. Le altre residenziali sono rivolte ad anziani non autosufficienti di grado lieve (casa di riposo e comunità alloggio) o ad anziani di parziale autosufficienza (residenza protetta e alloggi con servizi). Il centro diurno infine offre ospitalità diurna ad anziani con diversa condizione di non autosufficienza; dei 220 posti, 157 sono convenzionati con l Azienda USL. Gli ospiti delle 82 per anziani presenti in provincia di Piacenza al 31/12/2009 sono 2.585, donne, pari al 70%. 1

2 La distribuzione degli ospiti per età evidenzia che gli ultraottantaquatrenni sono la categoria più numerosa (50%) ed al loro interno le donne rappresentano l 80%. Il 5% degli ospiti ha meno di 65. Complessivamente, tra residenziali e centri diruni, gli ospiti su posti convenzionati sono 1.339, pari al 51,8% del totale ospiti. Dal 2005 al 2009 il numero complessivo di posti disponibili nelle per anziani è rimasto sostenzialmente stabile, a fronte di un aumento del numero delle. Si è infatti registrato un cambiamento nella tipologia di offerta: le case protette sono aumentate di 3 unità, i centri diurni di 2, le residenze protette di 2 ed è attiva dal 2009 una struttura di alloggi con servizi. Queste nuove hanno comportato 160 posti in più, a fronte di una diminuzione di 163 posti nelle case di riposo. Strutture per anziani, posti-letto e ospiti per tipologia di struttura al 31/12/2009 Tipologia struttura Totali Posti Ospiti al 31/12/2009 conv.ausl M F Totali conv.ausl Casa protetta Residenza sanitaria assistenziale Casa di riposo Comunità Alloggio Residenza protetta Alloggi con servizi Totale residenziali Centro diurno Totale complessivo Strutture per anziani e posti-letto per tipologia di struttura e distretto al 31/12/2009 Tipologia struttura Città di Piacenza Levante Ponente Posti Posti Posti Casa protetta Residenza sanitaria assistenziale Casa di riposo Comunità Alloggio Residenza protetta Alloggi con servizi Totale residenziali convenzionati (CP-RSA) Centro diurno convenzionati Totale complessivo

3 Ospiti in per anziani per fascia di età al 31/12/2009 <65 5% % > 84 50% % Nota: dati relativi a 73 su 82 Ospiti in per anziani per genere e fascia di età al 31/12/ % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% < > 84 totale Femmine Maschi Nota: dati relativi a 73 su 82 Le per DISABILI al 31/12/2009 sono 30, 16 destinate all ospitalità residenziale e 14 centri diurni. Complessivamente i posti disponibili sono 416, 177 in residenziali e 239 in Centri Socio-riabilitativi diurni e Centro di terapia occupazionale. Gli ospiti presenti al 31/12/2009 ammontano complessivamente a 350 unità (196 maschi e 154 femmine). La suddivisione degli ospiti per età vede la prevalenza degli utenti in età compresa tra 25 e 44 (54,8%), seguiti da quelli in età compresa tra 45 e 64 (33,8% del totale). Dal 2005 al 2009 l offerta di per disabili è aumentata di 7, con un incremento di 109 posti. 3

4 Strutture per disabili, posti-letto e ospiti per tipologia di struttura al 31/12/2009 Ospiti al 31/12/2009 Tipologia struttura posti M F Totali Centro socio-occupaz.o di terapia occupaz Centro socio-riabilitativo diurno Centro socio-riabilitativo residenziale Gruppo appartamento Residenza protetta Totale Strutture per disabili e posti-letto per tipologia di struttura e distretto al 31/12/2009 Tipologia struttura Città di Piacenza Levante Ponente Posti Posti Posti Centro socio-occupaz.o di terapia occupaz Centro socio-riabilitativo diurno Centro socio-riabilitativo residenziale Gruppo appartamento Residenza protetta Totale Ospiti in per disabili per fascia di età al 31/12/2009 > 64 2,1% ,4% ,9% ,8% ,8% Nota: dati relativi a 24 su 30 Al 31/12/2009 sono attivi 41 SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, 40 servizi comunali (che possono rivolgersi sia ad anziani che a disabili), e 1 servizio socio-educativo per disabili gestito da una cooperativa sociale per conto del Comune di Piacenza. Complessivamente gli utenti dei SAD ammontano a unità, anziani, 152 disabili e 40 utenti con altre tipologie di disagio. Gli utenti anziani sono a grande maggioranza 4

5 ultrasettantacinquenni (80%). Le donne sono 764, pari al 66% del totale. I minorenni rappresentano il 10,5% degli utenti disabili e il 27,5% degli utenti di altro tipo. Gli utenti anziani in condizione di non autosufficienza certificata, con corresponsione di oneri sanitari, sono 870 e rappresentano il 75,3% degli assistiti. Dal 2005 al 2009 gli utenti dei Servizi di assistenza domiciliare sono aumentati di 329 unità, 232 tra gli anziani e 97 tra gli altri utenti. Utenti dei Servizi di Assistenza Domiciliare per tipologia e genere al 31/12/2009 Utenti al 31/12/2009 Tipologia Utenti M F Totali conv.ausl ANZIANI DISABILI (<65 ) ALTRI (Alcolisti, tossicodipendenti, non specificato (<65 ) TOTALE Utenti dei Servizi di Assistenza Domiciliare per tipologia e distretto al 31/12/2009 Tipologia Utenti Città di Piacenza Levante Ponente Totali conv.ausl Totali conv.ausl Totali conv.ausl ANZIANI DISABILI (<65 ) ALTRI (Alcolisti, tossicodipendenti, non specificato (<65 ) TOTALE Utenti anziani dei Servizi di Assistenza Domiciliare per condizione di autosufficienza al 31/12/2009 8,7% 5,1% 10,9% Non autosufficienti certificati ASL con oneri a rilievo sanitario Non autosufficienti certificati ASL senza oneri a rilievo sanitario 75,3% Non autosufficienti di grado lieve Autosufficienti 5

6 Utenti anziani dei Servizi di Assistenza Domiciliare per fascia di età al 31/12/2009 < 65 4% % > 74 80% Le socio-assistenziali per MINORI presenti sul territorio provinciale alla data del 31/12/2009 sono complessivamente 19, 8 a carattere residenziale e 11 di tipo diurno. Tra le residenziali, 5 sono comunità educative (destinate a preadolescenti e adolescenti ai quali la famiglia non sia in grado di assicurare temporaneamente le proprie cure, o per i quali non sia possibile, per un periodo anche prolungato, la permanenza nel nucleo familiare originario). Una struttura è di tipo familiare (caratterizzata dalla convivenza continuativa e stabile di due o più adulti che offrono ai minori un ambiente familiare sostitutivo); un altra struttura è una comunità socioeducativa ad alta autonomia (che ospita ragazzi prossimi alla maggiore età e giovani entro i ventuno, provenienti da situazioni di accoglienza, per i quali l esperienza della assunzione di responsabilità individuale e di gruppo e strumento per la maturazione personale e l acquisizione della piena autonomia). Un ulteriore struttura, infine, è di pronta accoglienza (destinata a minori in situazione di grave pregiudizio che necessitano di una risposta urgente e temporanea di ospitalità) e si rivolge ai minori stranieri non accompagnati. Gli 11 centri diurni svolgono accoglienza in regime semi-residenziale, in modo costante e continuo nel tempo, prevedendo il rientro quotidiano dei minori in famiglia. Va ricordato che non sono rilevati i numerosi centri di aggregazione presenti in tutta la provincia e che, oltre ad accogliere minori inviati dai servizi sociali territoriali, sono aperti anche a iscrizioni libere. Gli ospiti presenti nelle per minori alla data del 31/12/2009 sono complessivamente 337, 46 in comunità residenziali e 291 in centri diurni. Complessivamente il 60% degli ospiti è di genere maschile. Nelle residenziali la classe di età più rappresentata è quella compresa tra 15 e 17 (76%), seguita da quella compresa tra 11 e 14 (15%). Dal 2005 al 2009 l offerta di per minori ha registrato un aumento nelle residenziali (+2, pari a +21 posti) e un aumento di posti nelle diurne (+32). 6

7 Strutture per minori, posti-letto e ospiti per tipologia di struttura al 31/12/2009 Ospiti al 31/12/2009 Tipologia struttura posti M F Totali Comunità educativa Comunità di pronta accoglienza Comunità di tipo familiare Comunità socio-educativa ad alta autonomia Totale residenziali Centro diurno Totale complessivo Strutture per minori e posti-letto per tipologia di struttura e distretto al 31/12/2009 Tipologia struttura Comunità educativa Città di Piacenza Levante Ponente Posti Posti Posti Comunità di pronta accoglienza Comunità di tipo familiare Comunità socio-educativa ad alta autonomia Totale residenziali Centro diurno Totale complessivo Ospiti in residenziali per minori per fascia di età al 31/12/ % % % % Nota: dati relativi a 6 su 8 7

8 Esistono infine rivolte ad ADULTI IN DIFFICOLTA altre di tipo MULTIUTENZA e specifiche per IMMIGRATI. Per gli adulti in difficoltà al 31/12/2009 sono presenti 13, 1 centro diurno (finalizzato alla socializzazione e al sostegno psico-sociale) e 12 centri residenziali, 7 specifici di assistenza psichiatrica ( residenziali sanitarie con una elevata componente sociale, destinate ad accogliere persone affette da patologia psichiatrica). Le per multiutenza accolgono persone con caratteristiche diverse. In particolare è attiva 1 Casa della Carità (che fonda la propria attività prevalentemente su prestazioni gratuite e spontanee), 3 Case Famiglia (dove l accoglienza è volta a garantire un contesto di vita caratterizzato da rapporti individualizzati per assicurare sviluppo e maturazione affettiva, educazione e assistenza), 5 con appartamenti per l accoglienza di persone singole o nuclei familiari (destinati a progetti di reinserimento sociale effettuati dai servizi per persone singole o famiglie) e 5 Appartementi/Case di accoglienza per donne e madri (rivolte appunto a donne sole o con figli che si trovano in situazioni di difficoltà). Per i cittadini immigrati è presente 1 Centro di accoglienza abitativa, ossia struttura a carattere residenziale-alloggiativo offerta a cittadini stranieri per il tempo necessario al loro raggiungimento dell autonomia personale. Complessivamente sono 253 gli ospiti nelle in oggetto (145 maschi e 106 femmine), 127 nei centri per Adulti in difficoltà, 97 nelle per Multiutenza e 32 nel centro di accoglienza abitativa per immigrati. Suddividendo tutti gli utenti per fascia di età si nota che il 50% è rappresentato da persone tra i 18 e i 44, il 30% ha tra i 45 e i 64, il 17% è minorenne e il 3% è anziano Strutture per altri utenti, posti-letto e ospiti per tipologia di struttura al 31/12/2009 Ospiti al 31/12/2009 Tipologia struttura posti M F Totali ADULTI IN DIFFICOLTA' CENTRO DIURNO CENTRO RESIDENZIALE BASSA SOGLIA CENTRO RESIDENZIALE PRIMA ACCOGLIENZA CENTRO RESIDENZIALE SECONDA ACCOGLIENZA STRUTTURE RESIDENZIALI ASSISTENZA PSICHIATRICA MULTIUTENZA STRUTTURA CON APPARTAMENTI ACCOGLIENZA TEMPORANEA PERSONE SINGOLE O NUCLEI FAMILIARI APPARTAMENTO/CASA ACCOGLIENZA TEMPORANEA DONNE-MADRI CASA DELLA CARITA' CASA FAMIGLIA COMUNITA' MADRE-BAMBINO IMMIGRATI CENTRO DI ACCOGLIENZA ABITATIVA TOTALE COMPLESSIVO

9 Strutture per altri utenti e posti-letto per tipologia di struttura e distretto al 31/12/2009 Tipologia struttura ADULTI IN DIFFICOLTA' Città di Piacenza Levante Ponente Posti Posti Posti CENTRO DIURNO CENTRO RESIDENZIALE BASSA SOGLIA CENTRO RESIDENZIALE PRIMA ACCOGLIENZA CENTRO RESIDENZIALE SECONDA ACCOGLIENZA STRUTTURE RESIDENZIALI ASSISTENZA PSICHIATRICA MULTIUTENZA STRUTTURA CON APPARTAMENTI ACCOGLIENZA TEMPORANEA PERSONE SINGOLE O NUCLEI FAMILIARI APPARTAMENTO/CASA ACCOGLIENZA TEMPORANEA DONNE-MADRI CASA DELLA CARITA' CASA FAMIGLIA COMUNITA' MADRE-BAMBINO IMMIGRATI CENTRO DI ACCOGLIENZA ABITATIVA TOTALE COMPLESSIVO Ospiti in per adulti in difficoltà, multiutenza, immigrati per fascia di età al 31/12/2009 >64 3% % % % 9

10 Numero di, posti e ospiti al negli 2005, 2007, 2009 per tipologia di anno 2005 anno 2007 anno 2009 posti ospiti 31/12 posti ospiti 31/12 posti ospiti 31/12 Anziani - residenziale Anziani - diurno Disabili - residenziale Disabili - diurno Minori - residenziale Minori - diurno Adulti in difficoltà (*) Multiutenza Immigrati Totale Ass.dom.anziani Ass.dom.disabili e altro Totale complessivo ospiti/utenti 31/ (*) dal 2009 iniziata la rilevazione delle residenziali di assistenza psichiatrica 10

Provincia di Piacenza Ufficio Sistema Sociale e Socio-sanitario

Provincia di Piacenza Ufficio Sistema Sociale e Socio-sanitario Provincia di Piacenza Ufficio Sistema Sociale e Socio-sanitario LE STRUTTURE SOCIIO-ASSIISTENZIIALII E SOCIIO-SANIITARIIE NELLA PROVIINCIIA DII PIIACENZA ESTRATTO DATII RIIFERIITII AL 31//12//2003 Osservatorio

Dettagli

Provincia di Piacenza Ufficio Politiche Socio-sanitarie

Provincia di Piacenza Ufficio Politiche Socio-sanitarie Provincia di Piacenza Ufficio Politiche Socio-sanitarie LE STRUTTURE SOCIIO-ASSIISTENZIIALII E SOCIIO-SANIITARIIE NELLA PROVIINCIIA DII PIIACENZA Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali ESTRATTO

Dettagli

STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI PER MINORI Dati riferiti al 31/12/2010 DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA. Non compresi i centri di aggregazione

STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI PER MINORI Dati riferiti al 31/12/2010 DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA. Non compresi i centri di aggregazione DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA CASA DEL FANCIULLO, LOC. I VACCARI, 29100 PIACENZA PC Tel.: 0523/506128; Fax: 0523/506128.Email: casadelfanciullo@tin.it. COMUNITA' EDUCATIVA - 7 posti (+1 di pronta accogl.)

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

I servizi sociosanitari. provincia di Piacenza

I servizi sociosanitari. provincia di Piacenza Provincia di Piacenza I servizi sociosanitari in provincia di Piacenza (parte integrante del documento CRITERI PER L UTILIZZO DEI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER SPESE DI INVESTIMENTO (L.R. 2/03, artt.

Dettagli

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour.

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Centro di Solidarietà di Reggio Emilia/Italy Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Relazione 1: Il sistema della protezione di minori con problemi

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE

R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE di R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ ASSESSORATO AL WELFARE GLI INVESTIMENTI PER QUALIFICARE L OFFERTA DI STRUTTURE PER LE PERSONE

Dettagli

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it Hai un familiare anziano o con disabilità gravissima che assisti a domicilio e ritieni di avere bisogno di essere sostenuto / aiutato? Regione Lombardia mette a disposizione dei servizi per aiutarti nel

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Art. 2 (Soggetti destinatari)

Art. 2 (Soggetti destinatari) Testo vigente LEGGE REGIONALE 6 novembre 2002, n. 20 Disciplina in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture e dei servizi sociali a ciclo residenziale e semiresidenziale ( B.U. 14 novembre

Dettagli

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna 1 Gestione delle CRA (Casa Residenza Anziani) Gestione di ricoveri temporanei di sollievo per famiglie che assistono un anziano al domicilio Gestione dei CD

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

2.1.2 Servizi sociali

2.1.2 Servizi sociali 2.1.2 Servizi sociali Roma Capitale, nell ambito delle proprie competenze, assicura alle persone e alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali con livelli quantitativi e qualitativi

Dettagli

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art.

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. 9, Preambolo IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE Visto

Dettagli

II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA

II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA II. SERVIZI, RISORSE INFORMALI, DOMANDA ESPRESSA E DOMANDA SODDISFATTA 1. SERVIZI E RISORSE 1.1 L ASSISTENZA TERRITORIALE I servizi che il territorio riminese è in grado di offrire ai diversi target di

Dettagli

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana Allegato parte integrante Allegato 2 1. ATTIVITA SOCIO-ASSISTENZIALI DI LIVELLO LOCALE 1.1 Corrispettivi per i servizi di livello locale erogati nel 2012 Corrispettivo giornaliero o orario da applicare

Dettagli

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Caratteristiche generali dell'indagine L indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali e socio-sanitari, prevista dal Programma

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

AREA ANZIANI PREMESSA

AREA ANZIANI PREMESSA DISTRETTO VALLI TARO E CENO DOCUMENTO DI INTEGRAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISTRETTUALE FUNZIONALE ALL AVVIO DEL PROCESSO DI ACCREDITAMENTO (DGR 514/2009) BIENNIO 2010/2011 Approvato nella seduta del Comitato

Dettagli

La comunità in cui viviamo

La comunità in cui viviamo La comunità in cui viviamo Profilo demografico del territorio Dinamica e struttura della popolazione Tab. 1.1 Popolazione residente in serie storica. Periodo 2003-2009 Territorio 01/01/03 01/01/04 01/01/05

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI DOMANDA DI ADEONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MIRI Per aderire a Isperantzia Onlus Federazione Sarda Comunità per Minori è necessario seguire le indicazioni di seguito riportate: completare

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

Allegato A alla Convenzione Costitutiva

Allegato A alla Convenzione Costitutiva ALLEGATO A VALDARNO INFERIORE PARTE I - convenzione della Società della Salute Art. 5, comma 1, lettera d) e art.19, comma 1- ATTIVITA DELL AREA SOCIO ASSISTENZIALE da ricomprendere nella descrizione delle

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Prime note circa le modifiche alla DGR 846/07

Prime note circa le modifiche alla DGR 846/07 O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA Reggio Emilia Prime note circa le modifiche alla DGR 846/07 TESTO ATTUALE 1.3.2 Personale a) Personale educativo

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

INPS Gestione Dipendenti Pubblici

INPS Gestione Dipendenti Pubblici Assistenza domiciliare ai non Autosufficienti Progetti innovativi per l assistenza domiciliare Per dipendenti pubblici, pensionati pubblici e i loro familiari non autosufficienti INPS Gestione Dipendenti

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

2.3 I SERVIZI SOCIALI

2.3 I SERVIZI SOCIALI 2.3.2 Il Servizio Sociale Apertura: Indirizzo: Recapiti: tel. Il Servizio alla Persona, ha preso avvio il: I servizi socio-assistenziali sono rivolti a tutti i cittadini residenti nel Comune di Pomezia.

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze Missione

www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze Missione 22 www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze L area dipendenze raggruppa attività e servizi rivolti alle persone con problemi di dipendenza da sostanze legali e illegali, di dipendenza senza sostanza,

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

Direzione Politiche Sociali

Direzione Politiche Sociali Direzione Politiche Sociali Commissione Consiliare 13 luglio 2015 1 Assistenza Domiciliare Handicappati Gravi: Servizio di assistenza e sostegno per persone con disabilità dai 18 ai 64 anni per consentire

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini Simona Benedetti Persone Persone assistite assistite In aumento anziani, famiglie e minori seguiti Anno 2007 2008 2009 2010 Anziani 1475 1718

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARIE PER DISABILI Dati riferiti al 31/12/2007 DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA

STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARIE PER DISABILI Dati riferiti al 31/12/2007 DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA CASA FAMIGLIA, VIA SCALABRINI 19, 29100 PIACENZA PC - Tel.: 0523/337922; Fax 0523/344266; Email aiaspiacenza@yahoo.it. GRUPPO APPARTAMENTO - 7 posti Ente gestore: ASSOCIAZIONE

Dettagli

Nota Esplicativa. Home Care Premium 2012. Home Care Premium 2012 Nota Esplicativa del 2 luglio 2013

Nota Esplicativa. Home Care Premium 2012. Home Care Premium 2012 Nota Esplicativa del 2 luglio 2013 1 Home Care Premium 2012 Nota Esplicativa 2 luglio 2013 2 Gentili Colleghi, sulla base delle richieste di chiarimento da parte degli utenti e degli Ambiti convenzionati si è proceduto con la pubblicazione

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARIE PER DISABILI Dati riferiti al 31/12/2010 DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA

STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARIE PER DISABILI Dati riferiti al 31/12/2010 DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA CASA FAMIGLIA, VIA SCALABRINI 19, 29100 PIACENZA PC - Tel./Fax: 0523/318392; Email aiaspiacenza@yahoo.it GRUPPO APPARTAMENTO - 6 posti (+1 emerg.) Ente gestore: ASSOCIAZIONE

Dettagli

SFIDE E FUTURO DELLA TUTELA MINORILE NELL AMBITO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

SFIDE E FUTURO DELLA TUTELA MINORILE NELL AMBITO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SFIDE E FUTURO DELLA TUTELA MINORILE NELL AMBITO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO dati, fatti e prospettive dott.ssa Anna Berloffa "Tienimi...und lass mich gehen" Bolzano 22 maggio 2014 Inquadramento

Dettagli

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE Rapporto sui dati delle Zone sociosanitarie/società della salute della Regione Toscana Anni 2007-2009 GENNAIO 2011 INDICE Nota metodologica

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di:

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di: Comune Capofila Aalatri PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000 Comuni di: Acuto, Alatri, Anagni, Collepardo, Filettino, Fiuggi, Guarcino, Paliano, Piglio, Serrone, Sgurgola, Torre Cajetani,Trevi nel Lazio,

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Alcool, disagio psichico e terza età.

Alcool, disagio psichico e terza età. Alcool, disagio psichico e terza età. L ANZIANO PROBLEMATICO E L ACCOGLIENZA NEI SERVIZI 1 DOTT.SSA ANTONELLA SPADA COORDINATRICE DI STRUTTURA DELL ASP DISTRETTO DI FIDENZA PUNTI AFFRONTATI: 1) PRESENTAZIONE

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 4.2 Sostegno agli oneri relativi ai minori inseriti in strutture di tipo familiare SOTTOMISURA 4.2 1. TITOLO DELL INTERVENTO SOSTEGNO

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel La tutela della non autosufficienza in provincia di Trento Quadro normativo di riferimento: L.P. 12/07/1991 n. 14 L.P. 28/05/1998 n. 6 L.P. 24/07/2012 n. 15 Direttive Provinciali in materia di R.S.A. Contenuti:

Dettagli

AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI

AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI Catalogo delle Tipologie di Servizio Trento 2002 3.1 CENTRI SERVIZI A RETE Centro a ciclo semiresidenziale

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

Consorzio Società della Salute Colline Metallifere. Relazione al bilancio di esercizio 2013

Consorzio Società della Salute Colline Metallifere. Relazione al bilancio di esercizio 2013 Consorzio Società della Salute Colline Metallifere Relazione al bilancio di esercizio 2013 Nella presente relazione al bilancio di esercizio 2013 si intendono evidenziare le informazioni sull'attività

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

Comune di Monchio delle Corti

Comune di Monchio delle Corti Comune di Monchio delle Corti PROVINCIA DI PARMA C.A.P. 43010 Tel. 0521.896521 Fax 0521.896714 Cod. Fisc. e Part. IVA 00341170348 REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ARTICOLO 1 Il Servizio di Assistenza

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

The social landscape in Bologna: problems and policies

The social landscape in Bologna: problems and policies The social landscape in Bologna: problems and policies Alessandro Martelli University of Bologna Faculty of Political Science Forlì, Department of Sociology DRAFT PLEASE DO NOT QUOTE! a.martelli@unibo.it

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI AREA WELFARE SETTORE SERVIZIO SOCIALE E SOCIO-SANITARIO LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA TERRITORIALE RIVOLTA A MINORI E AD ADULTI IN SITUAZIONE DI DISAGIO, NON AFFETTI DA HANDICAP CERTIFICATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 maggio 2010 OBIETTIVI Il programma provinciale per il

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI Descrizione Gli anziani non autosufficienti che non possono essere più assistiti nel proprio ambiente di vita e familiare e che non necessitano di un ricovero

Dettagli

PIANO DI ZONA anni 2007-2009. Area Disabilità

PIANO DI ZONA anni 2007-2009. Area Disabilità PIANO DI ZONA anni 2007-2009 Area Disabilità 1 Nel Piano di Zona confluiscono Piano locale della disabilità Integrazione scolastica e sociale minori Servizio di integrazione Lavorativa 2 Le nuove linee

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale

REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale SOGGETTO ATTUATORE RIQUALIFICATI 13 ADDETTI GENERICI DI ASSISTENZA IN OPERATORI SOCIO SANITARI ILL I PPROFFI R ILLO L Operatore Socio Sanitario svolge attività indirizzata a soddisfare i bisogni primari

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Il contesto demografico, epidemiologico e sociale Gli anziani a Cesena Aumento del 35% della popolazione

Dettagli

Regolamento Affidamento Familiare

Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione, l erogazione e l accesso all affidamento familiare rivolto ai minori e alle loro famiglie

Dettagli

Sala Operativa Sociale

Sala Operativa Sociale Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute 800440022 Sala Operativa Sociale Dott.ssa Angelina Di Prinzio Roma, 09 Novembre 2010 EVOLUZIONE DELLA DOMANDA SOCIALE Dai dati quantitativi e

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO LINEE GUIDA DISTRETTO 4 ASL MI 2 Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12.2014) 1. FINALITA Con il presente documento

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli