Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009"

Transcript

1 Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 a cura di DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE CARITAS/MIGRANTES Via Aurelia ROMA tel. ++39/06/ fax. ++39/06/ Migranti in Veneto dati di serie storica : il Veneto passa da 6^ a 3^ regione per stranieri soggiornanti (da a ) : 1^ regione per incremento di stranieri residenti : 1^ regione per l incremento dei permessi di soggiorno (+276). 2000: continua ad essere la 3^ regione per soggiornanti ( ), dopo Lombardia e Lazio. Regolarizzazione 2002: 4^ regione per domande depositate (61.000). Fine 2002: 2^ regione dopo la Lombardia, con cittadini stranieri residenti (11,9 sul totale nazionale) di cui oltre minori (12,8) e nati da genitori stranieri (13,4). Una posizione che ha continuato a mantenere fino ad oggi, pur con un progressivo rallentamento degli incrementi rispetto ad altre regioni del Sud, fino a valori inferiori alla media nazionale (come per le altre regioni di testa: Lombardia, Lazio, Emilia Romagna). Cittadini stranieri residenti in regione e nelle province venete (2008) Cittadini stranieri residenti in Veneto residenti, rimane la 2^ regione italiana dopo la Lombardia (+12,5 rispetto al 2007, leggermente rallentato rispetto all aumento dell anno precedente, e inferiore alla media italiana pari a +13,2: terzultima, precede Trentino e Lombardia), di cui donne (penultima regione italiana, appena prima della stessa Lombardia; le donne segnalano però rispetto al 2007 un aumento superiore a quello degli uomini, +14,1), minori (rimane la 2^ regione italiana). Caratteristiche della popolazione straniera residente 48,6 di donne, inferiore alla media nazionale (pari al 50,8); 24,3 di minori sul totale residenti stranieri, di poco inferiore al 2007 (resta la 1^ regione); 2,2 di neonati figli di genitori stranieri sul totale stranieri residenti (1^ regione italiana); 0,09 di morti sui residenti, fra i tassi più bassi a livello nazionale (media Italia: 0,11). Confronti a livello nazionale In Veneto sono rilevati l 11,7 degli stranieri residenti in Italia, il 12,8 dei minori stranieri e ben il 13,9 dei nati, con solo il 10,1 dei morti. Crescono le acquisizioni di cittadinanza: nel 2008 (2^ regione italiana), leggermente sopra la media nazionale. Dal 2002 al 2008: nuovi cittadini italiani, 6,7 degli stranieri residenti al 2008 (nel 2007, il 79,7 per matrimonio e il 20,3 per residenza, in Italia 82,2 17,8 ). Quanto alle incidenze, il Veneto si colloca: al 3 posto per incidenza degli stranieri residenti su popolazione (9,3; media Italia: 6,5); al 2 posto per incidenza dei neonati stranieri sul totale nati (20,7; media Italia:12,6); al 4 posto per incidenza dei minori stranieri sul totale minori (13,4; media Italia: 8,5). I residenti stranieri nelle province del Veneto Permangono le tre fasce di concentrazione provinciale, nell ordine: I. Verona, Treviso, Vicenza (62,2 dei residenti stranieri in Veneto) II. Padova, Venezia (31,6) III. Rovigo, Belluno (6,2). 1

2 Verona guadagna posizioni su Treviso e diventa la 1^ provincia veneta per stranieri residenti. La fascia centrale prosegue in un incremento più vivace rispetto alle altre due (+16,7 rispetto al 2007); nella prima fascia rimane comunque alta la di nuovi nati e di minori. Nel contesto italiano, per popolazione straniera, neonati, minori, nati in Italia e acquisizioni di cittadinanza, in val. assol.: le province in prima fascia si collocano tra il 6 e il 12 posto; le province in seconda fascia tra il 10 e il 20 posto; le province in terza fascia tra il 50 e il 75 posto. Si va però notando una tendenza a far rientrare parte della famiglia in patria a tempo indefinito per poter sopportare la crisi di lavoro, tendenza che ancora non emerge nei dati statistici. Principali nazioni di provenienza (2008) La crescita dei romeni su base annua torna a livelli più normali (+19 rispetto al +78 dello scorso anno, dovuto all ingresso nell UE; comunque pari a persone); continua la forte crescita dei provenienti dalla Moldavia (+32, persone, sia al maschile che al femminile) seguiti dai macedoni (+ 25, persone). Altri aumenti sopra la media regionale: dal Bangladesh (+ 18, persone in più) e dall Ucraina (+18, persone), seguono Cina e India (+15, risp e ). I gruppi di Marocco e Albania, pur aumentando in valore assoluto (di e di persone), vedono un aumento inferiore alla media veneta (+9) e perdono in peso. I gruppi a crescita minore sono i senegalesi (8), i ghanesi (8) e i bosniaci (+8). I serbi, pur aggiungendo i kossovari, stralciati da quest anno, decrescono (-7, ). In generale, i gruppi di persone che provengono dall Europa dell Est, sia comunitari che non comunitari, e dall Asia continuano a crescere più dei gruppi provenienti dall Africa e dai Balcani, già protagonisti della prima stagione migratoria. I gruppi provenienti dall America sono presenze da sempre meno significative in regione. Minori e nuovi nati stranieri in Veneto (2008) Minori cittadini stranieri minorenni residenti, il 12,8 sul totale nazionale, (2^ regione per val. assol., 1^ per incid. su stranieri resid.) il 13,4 di tutti i minori residenti in regione (4^ regione italiana, media Italia: 8,5). Nati in Italia: 59,0 (media nazionale: 60,1) Aumento del 12,1 rispetto al 2007 (nella media nazionale): ragazzi e ragazze. Di costoro, l 84,3 sono nati in Italia. Nuovi nati neonati figli di entrambi i genitori stranieri (2^ regione dopo la Lombardia), il 20,7 di tutti i neonati del 2008 (2^ regione dopo l Emilia Romagna), crescono di neonati rispetto al 2007 (+14,4, superiore alla media italiana: +13,2). 2,2 sui residenti stranieri (1^ regione, media Italia: 1,9). L incidenza dei neonati sui soli residenti italiani per il 2008 rimane dello 0,9. Nuovi nati e minori nelle province venete Nati: Verona 1^ in Veneto (2.158 neonati stranieri) e 6^ in Italia, Vicenza 8^ in Italia per incidenza sul totale nati (23,4). Tutte le province venete si collocano tra il 12 e il 24 di incidenza. Maggiori aumenti rispetto al 2007: Padova e Verona per valori assoluti (rispettivamente +395 e +348 nati), Belluno e Padova per aumento (rispettivamente +32,4 e +27,1). 2

3 Minori: Treviso 1^ in Veneto (25.464) e 6^ in Italia; prime per incrementi su 2007: Padova in valore assoluto (+2.661, +16,9) e Venezia in (+17,7). Alunni con cittadinanza straniera in Veneto (anno scolastico ) alunni stranieri (2^ regione italiana per valore assoluto dopo la Lombardia), 11,0 di incidenza degli stranieri sul totale degli alunni (4^ regione, media Italia: 7,0). Rallenta ancora l aumento su base annua (7,8, inferiore al dato nazionale, pari al 9,6). Maggiori presenze nella primaria (38,5 del totale alunni stranieri, 12,9 di incid. media). Su base provinciale: o Treviso (17.492, 13,1 sul totale alunni), Vicenza (16.576, 12,2) e Verona (15.677, 11,9). L aumento maggiore, a Rovigo, si allinea col dato naz. (+9,9). o Aumenti su base annua contenuti in val. assol., il più alto a Venezia (+850 alunni). o A livello nazionale, Treviso, Vicenza e Verona fra le prime 8, Padova e Venezia entro le prime 20. Per incidenza percentuale, la prima, Treviso, è 12^. I dati relativi alla presenza di alunni di cittadinanza straniera rappresentano un indicatore significativo di inserimento. Rimane valida la considerazione circa la grande disomogeneità dell incidenza all interno di uno stesso territorio: in provincia di Treviso, ad esempio, permangono situazioni di zone come la Pedemontana con scuole in cui oltre il 35 degli alunni è straniero e altre scuole vicine in cui si arriva poco sopra l 1. Cittadinanze: il primo gruppo romeno ( alunni) marocchino (11.391) e albanese (8.637) continuano a raggruppare oltre il 40 degli alunni di cittadinanza non italiana. Il 40,6 di questi alunni, pari ragazzi, è nato in Italia, da genitori stranieri: le scuole per l infanzia e primaria ne concentrano l 86,1, con un incidenza sul totale degli alunni stranieri pari rispettivamente al 77,4 e al 48,6. Lavoratori stranieri in Veneto tra il 2008 e l inizio del anno 2008 Lavoratori stranieri occupati occupati netti nati all estero (18,5 del totale occupati) in Veneto +126 rispetto ai del 2000, per il 90,1 extracomunitari ( ). Rappresentano il 10,7 dei lavoratori stranieri presenti in Italia, rispetto al 9 degli occupati netti totali, italiani e stranieri. Ripartizione provinciale degli occupati netti stranieri in tre macro-aree: Verona (74.430, il 23,2 del totale veneto) e Treviso ( il 20,2): 43,5 del totale regionale; Padova (54.071, il 16,9), Vicenza (53.425, il 16,7), Venezia (52.275, il 16,3): 54,9; Belluno (12.080, il 3,8) e Rovigo (9.384, il 2,8): 6,7. Maggior aumento rispetto al 2007: Rovigo (+16,5). Persone inserite per la prima volta nel mercato del lavoro (neo-assunti) nuove assunzioni di stranieri (45,2 dei nuovi assunti Italia: 36,2). o Rispetto al 2007: , il 31 in meno (esauriti gli effetti del decreto flussi bis). o Netto calo delle assunzioni dall ottobre 2008 (primi effetti della crisi economica). 1 Ove non diversamente riportato, i dati sono di fonte Inail, elaborati dal Dossier statistico immigrazione Caritas/Migrantes. 3

4 Ripartizione provinciale dei neo-assunti stranieri: Verona (14.272, il 32,8 sul totale regionale), Venezia (18,4): 51,2 del totale veneto; Padova (15,3), Treviso (14,6), Vicenza (11,8): 41,7; Rovigo (4,8) e Belluno (2,2): 7,0. Confermate tendenze degli anni precedenti: Verona e Rovigo registrano nettamente più alte di nuovi assunti stranieri rispetto al dato relativo agli occupati e a quello dei nuovi assunti in generale. (consistente offerta di lavoro stagionale rispetto a quella più stanziale, da piccola e media impresa, tipica delle province di Vicenza e Treviso). Donne straniere lavoratrici in costante crescita: o occupate, il 37,6 degli occupati netti stranieri, o nuove assunte, il 42,6 dei nuovi assunti stranieri. Distribuzione degli occupati stranieri 2 Industria (40); costruzioni (20); servizi (38 - Italia: 57); agricoltura (2) Rappresentano 3 il 14 dei dipendenti nel manifatturiero 23 nelle costruzioni 17 degli operai specializzati 29 dei non qualificati Imprenditori immigrati ( maggio 2009) imprese a titolarità straniera in Veneto. Ambiti lavorativi: costruzioni (48,2), commercio (24,5), manifatturiero (14,7). Costruzioni: dall Europa dell est (romeni 31, albanesi 16 ed ex-jugoslavi 12,8); commercio: marocchini (30) e cinesi (19); manifatturiero: cinesi (68 sul totale, quasi il 100 delle ditte a titolarità straniera attive nella produzione di abbigliamento tessile e calzature). Incognita crisi: i primi dati Occupati dipendenti totali fine 2008: (di cui stranieri) rispetto al 2007; fine marzo 2009: (di cui stranieri) fine maggio 2009: (di cui stranieri). In crescita la componente straniera di coloro che hanno perso il lavoro: o dal 21 sul totale di fine 2008 (4.000 stranieri rispetto a italiani) o al 29 del 31 marzo 2009 ( rispetto a ) o al 28 del 31 maggio 2009 ( rispetto a ). La componente straniera, pari al 10 degli occupati, rappresenta tra il 21 e il 29 della riduzione occupazionale. Cause del coinvolgimento maggiore di lavoratori stranieri nella crisi 6 2 Vedi rilevazione continua delle forze lavoro dell Istat, dati elaborati in M. GAMBUZZA UZZAASERA, Gli stranieri e il lavoro in Veneto, in ASSESSORATO ALLE POLITICHE DEI FLUSSI MIGRATORI, Immigrazione straniera in Veneto. Rapporto 2009, a cura dell Osservatorio Regionale sull Immigrazione, Franco Angeli, Milano 2009, pp , qui a p Dati Sill (sistema informativo sul lavoro della Regione Veneto a partire dalle comunicazioni obbligatorie ai Centri per l impiego) elaborati in VENETO LAVORO, Il mercato del lavoro nel Veneto. Tendenze e politiche. Rapporto 2009, Franco Angeli, Milano. 4 dati Inail/CNA in Dossier Statistico Immigrazione Caritas/Migrantes Dati Sill elaborati da Veneto Lavoro. 6 Vedi anche VENETO LAVORO, Il mercato del lavoro nel Veneto. Tendenze e politiche. Rapporto 2009, cit. 4

5 I lavoratori stranieri sono maggiormente esposti agli effetti della crisi in funzione di alcuni fattori sistemici quali: tipologie d'inquadramento contrattuale, settori d'impiego, anzianità lavorativa e qualificazione professionale medio-bassa. Vanno aggiunti la difficoltà a farsi riconoscere il titolo di studio e il perdurare di stereotipi pregiudiziali nei loro confronti. Criticità: disoccupazione straniera in forte aumento, diritto alla permanenza nel territorio spesso legata al mantenimento del posto di lavoro, mancanza di reti familiari di sostegno: a rischio i processi d'inserimento sociale nella loro interezza, ben oltre la dimensione economicoproduttiva. Attenzione al il rischio di una sottostima della difficoltà vissuta dalla popolazione straniera in questo periodo: espone il tessuto sociale a incrementi di devianza e povertà con conseguenti derive culturali. E alla possibilità di non tutelare una componente della struttura sociale necessaria all uscita dalla crisi con una dinamica demografica sostenibile. Residenti stranieri e futuro della popolazione veneta (approfondimento a partire da B. ANASTASÌA, Gli stranieri nel futuro della popolazione veneta, in ASSESSORATO ALLE POLITICHE DEI FLUSSI MIGRATORI, Immigrazione straniera in Veneto. Rapporto 2009, cit., pp ). Ipotesi centrale (considerata dall Istat la più probabile visti andamento demografico e flussi migratori) per la popolazione del Veneto nel periodo : aumento dell indice di dipendenza di anziani (+65 anni) e minori (0-14 anni) dalla popolazione attiva (15-64 anni): da 50 a 70 un anziano ogni due persone potenzialmente attive; aumento dell indice di vecchiaia: da 140 a oltre 200 due anziani per un giovanissimo Situazione demografica veneta parzialmente sostenibile solo grazie al contributo demografico degli immigrati, prevedendo (fattori: flussi migratori e crescita seconde generazioni ): o oltre stranieri nel 2017, circa un milione nel 2027, 1,2 milioni nel 2037 o 22 della popolazione veneta, 15 in Italia; compresi naturalizzati: 25 nel 2037 o prevalente la componente giovane: fino a 30 sotto i 14 anni e 25 di popolazione attiva (15-64 anni), meno del 10 anziani (+65 anni). Saldo naturale (i nati meno i morti) in Veneto nel 2008: saldo totale positivo (3.827 nati più dei morti) saldo sola popolazione italiana negativo (5.777 morti più dei nati) saldo sola popolazione immigrata positivo (9.614 nati più dei morti) Il contributo della popolazione immigrata al saldo positivo totale è pari a due volte e mezza quella della popolazione italiana (tendenza in atto da alcuni anni, nonostante una progressiva riduzione della fecondità nelle donne straniere e un lieve aumento nelle italiane). Senza l apporto demografico degli immigrati, la popolazione del Veneto nel suo complesso invecchierebbe molto più in fretta, creando una situazione economica e sociale rapidamente insostenibile. Da tener presente che le dinamiche demografiche sono dotate di una potente forza d inerzia per cui eventuali correzioni hanno effetti dilazionati nel tempo, e non certo a breve scadenza: in questo momento, sembra che solo i flussi migratori possano rendere meno 7 Istat, Previsioni demografiche 1 gennaio gennaio 2051, 19 giugno

6 pesante il bilancio sociale ed economico di una società autoctona che sta rapidamente allargando la sua fascia di popolazione più anziana e riducendo la fascia più giovane. a cura di Bruno Baratto, redattore regionale Dossier Immigrazione Caritas /Migrantes Popolazione Popolazione Acquisizioni straniera Incid. Incid. straniera di residente al donne residenti residente al cittadinanza 31 Dicembre stranieri Nati in Italia Province 1 Gennaio Nati Morti italiana 2008 Minorenni (2^generaz.) Belluno ,8 5, Padova ,6 8, Rovigo ,6 6, Treviso ,3 10, Venezia ,7 7, Verona ,1 10, Vicenza ,1 10, VENETO ,6 9, ITALIA ,8 6, PAESI 2007 DI PROVENIENZA VENETO 2008 VENETO 2007 variazioni 2008 Totale comp. Donne V.A. v.ass. ROMANIA ,1 50, ,9 MAROCCO ,9 42, , ,0 ALBANIA ,0 45, , ,9 MOLDAVIA ,7 65, , ,4 CINA ,5 47, , ,0 MACEDONIA ,6 44, , ,0 SERBIA ,5 44, , ,4 BANGLADESH ,5 35, , ,8 INDIA ,7 40, , ,4 UCRAINA ,7 81, , ,4 GHANA ,6 42, , ,6 NIGERIA ,5 48, , ,1 SRI LANKA ,3 43, , ,0 BOSNIA ERZEGOVINA ,0 41, , ,0 SENEGAL ,8 24, , ,7 ALTRI 154 PAESI ,7 52, , ,9 TOTALE Veneto ,0 48, , , VENETO ITALIA SALDO NATURALE TOTALE SALDO NATURALE SOLO STRANIERI SALDO NATURALE SOLO ITALIANI REGOLARIZZAZIONE 2009 domande ricevute per provincia posiz. in class. naz. provincia valori assoluti regionale nazionale 12 Verona ,3 1,8 14 Padova ,8 1,6 16 Venezia ,2 1,6 18 Vicenza ,0 1,5 21 Treviso ,7 1,2 I primi dati disaggregati sulla regolarizzazione 2009 relativa a colf e badanti sembrano confermare precedenti ipotesi circa la distribuzione del lavoro di cura, pur nella modesta riuscita del 6 provvedimento di emersione.

7 55 Rovigo ,5 0,4 90 Belluno 374 1,6 0,1 VENETO ,0 8,1 ITALIA ,0 Fonte: elaborazioni Dossier immigrazione Caritas/Migrantes su dati Istat e Ministero degli Interni. 7

Belluno 6.571 7.214 8.022 8.772 9.230 9.409 9.989 12.028 12.080. Rovigo 2.412 2.792 4.270 4.807 5.002 5.473 5.940 8.051 9.384

Belluno 6.571 7.214 8.022 8.772 9.230 9.409 9.989 12.028 12.080. Rovigo 2.412 2.792 4.270 4.807 5.002 5.473 5.940 8.051 9.384 Dossier Statistico ti ti Immigrazione 2009 Focus: i lavoratori stranieri in Veneto 28 ottobre 2009 Assicurati nati all'estero 2008 per provincia INAIL serie storica occupati netti PROVINCIA 2000 2001 2002

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012 GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri Venerdì 3 febbraio 2012 L immigrazione in Liguria: un fenomeno strutturale - Residenti al 31 dicembre 2010 = 125.320 - Stima dossier al 31 dicembre 2010= 136.000

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Servizio Aziende e Partecipazioni comunali LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA Edizione 1/ST/st/26.10.2006

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Oltre la crisi, insieme

Oltre la crisi, insieme Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 21 Rapporto 2011 Edizioni Idos, Roma Oltre la crisi, insieme Stranieri residenti a 150 anni dall Unità d Italia 1861 2010 incidenza 0,4% incidenza 7,5%

Dettagli

NOTA STUDIO CONFESERCENTI

NOTA STUDIO CONFESERCENTI Ufficio Stampa NOTA STUDIO CONFESERCENTI IMPRESE, STUDIO CONFESERCENTI: GLI IMMIGRATI RESISTONO MEGLIO ALLA CRISI: NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 LE IMPRESE INDIVIDUALI CON TITOLARI EXTRA UE CRESCONO DI

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Sicurezza stradale e nuovi cittadini

Sicurezza stradale e nuovi cittadini Sicurezza stradale e nuovi cittadini Premessa Dall Unità d Italia ad oggi, la presenza straniera nel nostro Paese è profondamente mutata sia nei numeri che nella tipologia. Se, infatti, fino a qualche

Dettagli

Contesto regionale. IL VENETO

Contesto regionale. IL VENETO Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà Contesto regionale. IL VENETO Il contesto: Italia, Veneto, Venezia - anno 2008 (dati Istat 2008)

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO 1 Rapporto 2007 sulla occupazione nelle imprese ricettive, di viaggi e di ristorazione della Provincia

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Maggio 2014 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia 1 luglio 2015 #lavoro Rassegna Stampa Messaggero Veneto2lug2015 Il Piccolo 2lug2015 TG3 RAI FVG 1lug2015 I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia Anche in Friuli Venezia Giulia il mercato del lavoro

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 A cura di Giovanna Tizzi 1. Gli accessi allo Sportello Informativo della Casa delle Culture Questo terzo report, relativo

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 2 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Settembre 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO

IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO Il Servizio Statistica della Provincia di Mantova coltiva il progetto di costituire una banca dati provinciale di provenienza anagrafica che non vuole divenire una duplicazione

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

I frequentati dintorni del lavoro dipendente

I frequentati dintorni del lavoro dipendente I frequentati dintorni del lavoro dipendente di Letizia Bertazzon Che cosa si intende per dintorni del lavoro dipendente? Definizione per esclusione 1) Quello che non è lavoro dipendente o rappresenta

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

SINTESI 8 RAPPORTO SULL IMMIGRAZIONE STRANIERA IN VENETO

SINTESI 8 RAPPORTO SULL IMMIGRAZIONE STRANIERA IN VENETO SINTESI SINTESI 8 RAPPORTO SULL IMMIGRAZIONE STRANIERA IN VENETO Il Rapporto 2011 sull immigrazione straniera in Veneto propone: un ampio aggiornamento dell analisi del fenomeno in Veneto (nella prima

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Febbraio 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture (centro per l integrazione) Comune di Arezzo Report 2 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture (centro per l integrazione) Comune di Arezzo Report 2 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture (centro per l integrazione) Comune di Arezzo Report 2 Bimestre 2013 1. Gli accessi al Centro per l Integrazione Questo secondo report, relativo ai mesi di marzo

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Giugno 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013 Le forze di lavoro La popolazione attiva In provincia di su 100 individui

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

Numero 28 /2015 Le malattie professionali e gli infortuni sul lavoro nell anno 2014 nelle statistiche INAIL

Numero 28 /2015 Le malattie professionali e gli infortuni sul lavoro nell anno 2014 nelle statistiche INAIL Numero 28 /2015 Le malattie professionali e gli infortuni sul lavoro nell anno 2014 nelle statistiche INAIL L'INAIL ha presentato i dati degli infortuni e delle malattie professionali relativi all'anno

Dettagli

info@swg.it Conoscere chi viene

info@swg.it Conoscere chi viene trieste 34133, via s. francesco 24 telefono +39.040.362525 fax +39.040.635050 milano 20144, via solari 8 telefono +39.02.43911320 fax +39.02.4986773 divisione comunicazione telefono +39.02.43911320 fax

Dettagli

(regione conciliare del

(regione conciliare del Caritas/Migrantes Dossier!Statistico! Immigrazione!2010 XX!Rapporto 1991-2010: 20 anni per una cultura dell altro ContestI ti regionali: TRENTINO ALTO ADIGE VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA (regione conciliare

Dettagli

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri Città di Torino Divisione Servizi Educativi Settore Integrazione educativa Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri a cura di Carla Bonino Gli interventi che la Divisione Servizi

Dettagli

Rapporto Nord Est 2016

Rapporto Nord Est 2016 Rapporto 216 con il sostegno di contributo scientifico Francesco Peghin Presidente Fondazione Stefano Micelli Direttore scientifico Fondazione : i numeri del 215 Cresce il PIL a e in Italia 27 28 29 21

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Analisi dei flussi d ingresso dei Migranti dal Marocco in Italia e Migrazioni di Ritorno

Analisi dei flussi d ingresso dei Migranti dal Marocco in Italia e Migrazioni di Ritorno Analisi dei flussi d ingresso dei Migranti dal Marocco in Italia e Migrazioni di Ritorno A cura del Patronato Acli e dell Associazione Maan Maroc-Italie Il quadro generale in Europa La Francia rappresenta

Dettagli

L immigrazione in Italia e in Veneto, dieci anni di trasformazioni

L immigrazione in Italia e in Veneto, dieci anni di trasformazioni Padova, 15 marzo 2015 L immigrazione in Italia e in Veneto, dieci anni di trasformazioni Bruno Baratto DIECI INDICATORI + 1, MA LE TRASFORMAZIONI SONO MOLTE DI PIU : Verso una stabilità maggiore o una

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA

I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA I5 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE TRA CONFERME E DISCONTINUITA Sempre più rapidi e articolati sono i mutamenti che in questi anni coinvolgono il sistema della formazione professionale regionale.

Dettagli

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Cristina Molfetta Ufficio Pastorale Migranti di Torino Firenze 16 Gennaio 2015 1 Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Le Famiglie Cioè l importanza dei legami affettivi e relazionali

Dettagli

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Oltre la crisi, insieme.

Oltre la crisi, insieme. Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2011 XXI Rapporto Oltre la crisi, insieme. Contesti regionali: TRENTINO ALTO ADIGE VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA (regione conciliare del TRIVENETO) Il contesto:

Dettagli

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA Analisi dei matrimoni nel Comune di Parma anni 2009-2012 A CURA DI RENZO SOLIANI Parma ottobre 2013 Matrimoni a Parma, anni 2009-2012 Nell attuale momento storico affrontare

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena 5indicatori REGISTRO IMPRESE: si rafforza la struttura imprenditoriale I dati della movimentazione a fine settembre 213 in provincia di SALDO TRA ISCRIZIONI E CESSAZIONI Nel 3 trimestre del 213 il tessuto

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 Pagina 1 di 5 COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 No Comments E stato presentato questa mattina al Ministero dell Istruzione il rapporto INVALSI 2014. Complessivamente sono

Dettagli

Il diritto di cittadinanza in Europa

Il diritto di cittadinanza in Europa Il diritto di cittadinanza in Europa Il diritto e le politiche della cittadinanza sono uno strumento essenziale per regolare i processi di integrazione a lungo termine. Perciò è importante fare il punto

Dettagli

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono?

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? MAT E RIALI D IDAT TI C I SULL I M M I GRAZ I O N E C E STIM TEMA DELL INCONTRO/UNITA DIDATTICA OBIETTIVO Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? Fornire agli studenti alcuni dati utili a

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane feneal - uil Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane ANTEPRIMA Roma 11 Marzo 2008 Il boom del settore edile (12 aree metropolitane) e l effetto emersione

Dettagli

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani Mauro Albani*, Antonella Guarneri*, Frank Heins**, Conferenza AISRe - Torino, 15-17 settembre 2011 * Istat Servizio

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

PRODUTTORI CONTRIBUENTI CONSUMATORI L INCIDENZA FISCALE DEGLI STRANIERI IN EMILIA-ROMAGNA NEL CORSO DEL 2007

PRODUTTORI CONTRIBUENTI CONSUMATORI L INCIDENZA FISCALE DEGLI STRANIERI IN EMILIA-ROMAGNA NEL CORSO DEL 2007 PRODUTTORI CONTRIBUENTI CONSUMATORI L INCIDENZA FISCALE DEGLI STRANIERI IN EMILIA-ROMAGNA NEL CORSO DEL 2007 a cura dell Osservatorio regionale sul fenomeno migratorio (ottobre 2009) Premessa L apporto

Dettagli

Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL

Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL L'INAIL ha presentato i dati degli infortuni e delle malattie professionali relativi all'anno 2012. Nel 2012 si è avuto

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 1 Popolazione residente nelle Sardegna nel 2001 fonte: Istat Variazione percentuale della popolazione delle Province della Regione Sardegna dal

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza degli

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

Donne migranti in provincia di Milano: una lettura dei dati statistici

Donne migranti in provincia di Milano: una lettura dei dati statistici Donne migranti in provincia di Milano: una lettura dei dati statistici 17 novembre 2008 La presenza delle donne migranti La presenza straniera in provincia di Milano 120000 131833 117539 119651 115978

Dettagli

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657 focus 71.689 squadre Le squadre in attività nel 2010-2011 sono 71.689, delle quali 470 professionistiche, 17.020 dilettantistiche e 54.199 impegnate in attività di settore giovanile. Hanno disputato 704.496

Dettagli

Executive Summary Rapporto 2011/2012

Executive Summary Rapporto 2011/2012 Executive Summary Rapporto 2011/2012 In collaborazione con Anticipazione dei risultati Dati macro Il settore del Management Consulting rappresenta un mercato molto frammentato, dove sono presenti circa

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio GRUPPO A POPOLAZIONE n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio A2 A3 A4 A5 A6 Saldo naturale e saldo

Dettagli

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo»

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Roma, 22 Ottobre 2015 Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Il contesto internazionale ANNO EUROPEO PER LO SVILUPPO Il 2015 è dedicato

Dettagli

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Questo articolo presenta le statistiche dell'unione europea (UE) in materia di migrazioni internazionali, la popolazione di cittadini autoctoni e stranieri

Dettagli

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3898475801 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO 2011

BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO 2011 Osservatorio per l'infanzia e l'adolescenza Regione Emilia-Romagna BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli