ALLEGATO B PROGRAMMA DEI LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO B PROGRAMMA DEI LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE"

Transcript

1 ALLEGATO B PROGRAMMA DEI LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE

2 PROGRAMMA LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE Lavorazione e disposizioni organizzative ALLESTIMENTO DEL CANTIERE Formazione recinzioni di delimitazione del cantiere - Coordinarsi in proposito con l impresa operante al I lotto. Impianto elettrico di cantiere - Le puntazze e i cavi di terra vanno posizione su una zona di terreno liberata e che non dovrà essere interessata da eventuali lavori. - Occorrerà coordinarsi, per quanto riguarda la movimentazione dei mezzi, gli allacciamenti e il passaggio dei cavi, con l impresa al lavoro sul I lotto. Installazione WC chimico e allestimento spogliatoio ed ufficio - Montaggio gru - Durante il montaggio della gru debbono essere sospesi tutti gli altri lavori nell area di cantiere; in particolare vanno vietati tutti i movimenti di automezzi. - Occorrerà coordinarsi con l impresa al lavoro sul I lotto per evitare intralci nei movimenti dei mezzi e nello sbraccio della gru. - Va rispettata rigorosamente la posizione prevista nel layout di cantiere. MOVIMENTAZIONE MATERIALI Movimentazione e trasporto a rifiuto dei materiali - Dovranno essere usati automezzi di dimensione compatibile con la larghezza del portone d accesso. - Le manovre degli automezzi debbono essere controllate da un operaio a terra. - Vanno previste apposite aree di stoccaggio temporaneo dei materiali e dei rifiuti, studiate in modo da non intersecare i percorsi di movimentazione. - I materiali di sgombero e di risulta debbono essere rimossi quanto più velocemente è possibile. - Il coordinatore per l esecuzione verificherà che la movimentazione dei materiali avvenga correttamente, con particolare riguardo alle attrezzature utilizzate e alla modalità di imbragatura dei carichi. Si dovrà inoltre prevedere una costante verifica delle attrezzature. - Per ogni movimentazione di materiale deve obbligatoriamente essere usato il cortile occidentale, così da non interferire con l impresa operante nel cortile orientale. Durata (giorni naturali e consecutivii) 5 giorni 386 giorni OPERE PROVVISIONALI - Tutte le opere provvisionali, allestite dall impresa edile, saranno utilizzate, se necessario, da tutte le altre imprese subappaltanti: a tal fine dovrà essere prevista la loro utilizzazione in tempi diversi, o quantomeno, ove ciò non sia possibile, senza che i percorsi tra imprese si intralcino. - L allestimento e lo smontaggio saranno eseguiti dalla sola impresa edile. - L impresa edile avrà inoltre l onere di mantenere in efficienza e sicurezza i ponteggi per tutta la durata del lavoro. 1

3 Castello di carico nel cortile - Il castello deve essere collocato in modo da potersi collegare in prosieguo di tempo con il ponteggio della facciata ovest. Ponteggio su facciata est nel cortile orientale ed ovest nel cortile occidentale - I due ponteggi potranno essere utilizzati dalle imprese impiantistiche. L impresa edile dovrà garantirne la stabilità e la sicurezza per tutto il periodo in cui saranno installati. - Il ponteggio sulla facciata ovest dovrà collegarsi in maniera organica al castello di carico preventivamente stabilito. - Il montaggio del ponteggio sulla facciata est dovrà essere coordinato con l Impresa operante nel I lotto. Ponteggio interno del mastio e della scala d emergenza - Tale ponteggio potrà essere utilizzato dalle imprese impiantistiche. L impresa edile dovrà garantirne la stabilità e la sicurezza per tutto il periodo in cui saranno installati. Ponteggio nell androne di collegamento dei due cortili - Tale ponteggio va coordinato con le altre lavorazioni che possono interferire e con la movimentazione dei materiali, visto che impedirà il passaggio di qualunque mezzo. MURATURE Tramezzi in forati e in cartongesso - Occorre coordinare tale lavoro con l esecuzione dei pavimenti per evitare interferenze e sovrapposizioni.. INTONACI Rappezzi e piccole porzioni di intonaco - Tale lavoro va iniziato dopo l esecuzione delle murature e prima dell esecuzione dei pavimenti. CONTROSOFFITTI Controsoffitti in cartongesso - Questa lavorazione va coordinata con la posa dei pavimenti, al fine di evitare sovrapposizioni e interferenze. PAVIMENTI E RIVESTIMENTI Pavimenti in grès, legno e calcestruzzo levigato Rivestimenti in piastrelle - Queste due lavorazioni vanno coordinate con la posa degli impianti e con l esecuzione di alcuni tramezzi e rappezzi di intonaco. Occorre una oculata programmazione in sede esecutiva. - Impresa edile e impresa di pavimentazione non dovranno intralciarsi l una con l altra, attenendosi ognuna a eseguire le operazioni di loro competenza: pavimentista: posa del pavimento, del rivestimento e degli zoccolini, nonché pulitura con segatura a posa ultimata: impresa edile: assistenza muraria (movimentazione materiali, preparazione del materiale necessario per la posa). Pavimento in pietra per androne, mastio e scala d emergenza 380 giorni 380 giorni 30 giorni 30 giorni 11 giorni 70 giorni 28 giorni 2

4 - Questa lavorazione relativamente all androne impedirà il transito tra i due cortili. Va perciò coordinata in sede esecutiva con le altre operazioni interessanti questa zona. OPERE IN PIETRA Rivestimento scale interne Soglie - Questa operazione è preliminare alla posa dei serramenti, con cui va quindi coordinata. OPERE STRUTTURALI Rampe metalliche - Il montaggio delle rampe in carpenteria metallica deve essere successiva all esecuzione dei pavimenti, e deve quindi essere coordinata. Telaio metallico di supporto della UTA 2 - Il montaggio di questa carpenteria metallica al piano sottotetto è indipendente da tutti i lavori di finitura interna che non riguardano il piano sottotetto, ma deve essere coordinata con il montaggio della UTA e delle relative canalizzazioni. SERRAMENTI Serramenti interni ed esterni in ferro completi di vetro Posa serramenti e vetri - Per quanto riguarda la posa dei serramenti della facciata rivolta verso il cortile orientale occorrerà coordinarsi con l impresa la lavoro nel I lotto, se sarà ancora aperto il cantiere relativo. Verniciatura - Per quanto riguarda la verniciatura dei serramenti della facciata rivolta verso il cortile orientale occorrerà coordinarsi con l impresa la lavoro nel I lotto, se sarà ancora aperto il cantiere relativo. Porte interne in legno - Questa operazione va svolta a lavori edili terminati ad eccezione delle tinteggiature. Verniciatura TINTEGGIATURE Facciate est ed ovest - Prima della posa dei materiali il coordinatore per l esecuzione richiederà le schede di sicurezza (da richiedere al produttore) determinando le conseguenti disposizioni per la tutela dei lavoratori esposti. - Durante la tinteggiatura della facciata le operazioni necessarie nel cortile debbono avvenire lontano dal ponteggio. Per la facciata ovest occorrerà coordinarsi anche con l Impresa del I lotto, se sarà ancora aperto il cantiere relativo. - Durante questi lavori non dovranno essere movimentati nelle vicinanze del ponteggio o sul ponteggio stesso carichi e materiali pesanti. Murature interne al Mastio, al vano scala di emergenza e all androne - Queste lavorazioni vanno coordinate con l installazione degli ascensori e degli impianti. 21 giorni 1 45 giorni 35 giorni 28 giorni 10 giorni 65 giorni 3

5 Tinteggiature interne - Questa operazione va svolta a lavori edili terminati e deve essere coordinata con l ultimazione degli impianti elettrici, speciali e termoidraulici. ASCENSORI Ascensore nord, androne, sud e piattaforma elevatrice - Durante questa lavorazione la zona non deve essere interessata da altri lavori. - Sarà compito dell impresa edile porre in opera le opportune incastellature necessarie per il montaggio. IMPIANTO IDROTERMOSANITARIO - Le opere murarie necessarie dovranno essere eseguite o prima o dopo l intervento dell impiantista. È perciò necessario un puntuale coordinamento in fase esecutiva. - L elettricista dovrà effettuare i collegamenti necessari relativo all impianto termico e idro-sanitario in periodi differenti a quello dell idraulico. Questi sfalsamenti, così come quelli con l impresa edile, vanno coordinati in fase esecutiva. IMPIANTO ELETTRICO - Le opere murarie necessarie dovranno essere eseguite o prima o dopo l intervento dell impiantista. È perciò necessario un puntuale coordinamento in fase esecutiva. - I lavori per l impianto elettrico e quelli per l impianto idro-termo-sanitario non debbono sovrapporsi temporalmente o spazialmente. Questi sfalsamenti, così come quelli con l impresa edile, vanno coordinati in fase esecutiva. SMOBILIZZO CANTIERE - La gru dovrà essere smontata per prima. - Durante la rimozione della gru non dovranno esserci altre lavorazioni o movimentazioni in cantiere giorni giorni 4

CENTRALE TERMICA E RETE DISTRIBUZIONE. 25 g. Allestimento di cantiere temporaneo su strada

CENTRALE TERMICA E RETE DISTRIBUZIONE. 25 g. Allestimento di cantiere temporaneo su strada Nome attività CENTRALE TERMICA E RETE DISTRIBUZIONE Allestimento di cantiere temporaneo su strada Dicembre Durata 2013 Gennaio 2014 Febbraio 2014 Marzo 2014 3101020304050607080910111213141516171819202122232425262728293031010203040506070809101112131415161718192021222324252627280102030405060708091011121314151617181920

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Mentana Provincia di Roma DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Realizzazione

Dettagli

rep.1 - Realizzazione di recinzione di cantiere (cortile) rep.1 - Realizzazione di impianto elettrico del cantiere Z1 2

rep.1 - Realizzazione di recinzione di cantiere (cortile) rep.1 - Realizzazione di impianto elettrico del cantiere Z1 2 Nome attività rep.1 - Realizzazione di recinzione di cantiere (cortile) rep.1 - Realizzazione di impianto elettrico del cantiere Mese -1Mese 1 Mese 2 Mese Mese Mese Mese 6 s1 s2 s s s s6 s7 s8 s9 s10 s11

Dettagli

OPERE DI FINITURA. Completamento opere edili Completamento opere impiantistiche COLLAUDI

OPERE DI FINITURA. Completamento opere edili Completamento opere impiantistiche COLLAUDI BRACCIO IV GIUDICI DI PACE MESI 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 Scavo per formazione vespai, plinti, ecc. di strutture interne Formazione sedi per i nuovi pilastri in c.a. di murature-intonaci-vani

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Salerno Provincia di SA DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. agosto 2009, n. 106) OGGETTO: ADEGUAMENTO

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Crotone Provincia di KR DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 00 del D.Lgs. 9 aprile 008, n. 8 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 009, n. 06) OGGETTO: Progetto

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI ALLEGATO A Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: PROGETTO DI COMPLETAMENTO DELL'EDIFICIO LOCULI

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Pompei Provincia di Na DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. agosto 009, n. 106) OGGETTO: PON Sicurezza

Dettagli

Il R.U.P. Avv. Valentina Cucci

Il R.U.P. Avv. Valentina Cucci Il Committente INDIRE Il Direttore Generale Dott. Flaminio Galli DATA Maggio 2015 Il Progettista Arch. Efisio Corongiu Il R.U.P. Avv. Valentina Cucci AGG.TO Oggetto elaborato Allegato II - CROPROGRAMMA

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di MILANO Provincia di MI DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: ADEGUAMENTO

Dettagli

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO)

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) PROGETTO ESECUTIVO Oggetto: FASCICOLO DELL OPERA Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) Committente: COMUNE DI

Dettagli

TABELLA ANALITICA GANTT

TABELLA ANALITICA GANTT TABELLA ANALITICA GANTT Tabella Analitica Gantt F A S I D I L A V O R O Z I gg L gg C data Iniziale data Finale Realizzazione della recinzione e degli accessi al cantiere 2 1 2 2 12/12/2013 13/12/2013

Dettagli

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO CAPITOLATO D APPALTO E DESCRIZIONE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE PARTI COMUNI I render grafici hanno scopo puramente indicativo

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Tramonti Provincia di SA DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: REALIZZAZIONE

Dettagli

Cronoprogramma (Gantt)

Cronoprogramma (Gantt) Cronoprogramma (Gantt) Non potendo preventivare nel tempo e quindi programmare i lavori di manutenzione ordinaria, la predisposizione di un cronoprogramma lavori risulta di difficile realizzazione e soprattutto

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO A Comune di Trieste Provincia di TS DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Lavori

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Caneva Provincia di Pordenone LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA CENTRO STUDI DI VIA MARCONI PROGETTO ESECUTIVO ALL. H: CRONOPROGRAMMA Pordenone, aprile

Dettagli

La stima del valore di costo

La stima del valore di costo La stima del valore di costo 14.XI.2005 I costi del progetto Due sono i casi con produzioni di beni per progetto: un primo caso riguarda la produzione di beni intesa come promozione immobiliare un secondo

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA ALLEGATO "A" Comune di Civitavecchia Provincia di Roma DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI CIVATE. Progetto per la riqualificazione ed adeguamento Palestra comunale di via A. Longoni

COMUNE DI CIVATE. Progetto per la riqualificazione ed adeguamento Palestra comunale di via A. Longoni CERTIFICATO N.07089 ORGANISMO DI PROGETTAZIONE Committente COMUNE DI CIVATE Tipo di elaborato: Fascicolo Tecnico Progetto: Palestra comunale Commessa: E15047 Località: via A. Longoni CIVATE (LC) N Documento:

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Milano Provincia di MI DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Centro

Dettagli

Singoli capitoli CPN Edilizia

Singoli capitoli CPN Edilizia Titoli generali (solo in forma cartacea) 1001I/99 Istruzioni per l uso CPN gratuito 1003I/15 Elenco dei capitoli CPN con indice analitico 79.00 1004I/92 Informazioni per l utenza 49.00 1010I Schede tecniche

Dettagli

Cronoprogramma Interventi

Cronoprogramma Interventi Cronoprogramma Interventi 1 mese 2 mese 3 mese 4 mese 5 mese 6 mese 7 mese 8 mese 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 Via Germagnano 11 pratiche asl Via Valdellatorre 138 pratiche

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via ANZANI n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE EDILI ed AFFINI Il progettista Agosto 2011 Demolizioni Demolizione

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE OGGETTO DI VARIANTE...

DESCRIZIONE DELLE OPERE OGGETTO DI VARIANTE... SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE OGGETTO DI VARIANTE... 4 3. LAVORAZIONI, ANALISI DEI RISCHI, MODALITÀ ESECUTIVE, PIANIFICAZIONE... 5 4. STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA... 6 1. PREMESSA

Dettagli

Provincia Regionale di Palermo

Provincia Regionale di Palermo Provincia Regionale di Palermo Direzione Manutenzione del Patrimonio ed Edilizia Scolastica I Ist. Tecn. Industriale "V. Emanuele III" di Palermo - Progetto di miglioramento dell isolamento termico dell

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO ALLEGATO D DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO CONTRATTO. DATORE DI LAVORO COMMITTENTE : MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA

Dettagli

COMUNE DI CIVATE. Progetto per la riqualificazione ed adeguamento Palestra comunale di via A. Longoni

COMUNE DI CIVATE. Progetto per la riqualificazione ed adeguamento Palestra comunale di via A. Longoni CERTIFICATO N.07089 ORGANISMO DI PROGETTAZIONE Committente COMUNE DI CIVATE Tipo di elaborato: Relazione tecnica Progetto: Palestra comunale Commessa: E15047 Località: via A. Longoni CIVATE (LC) N Documento:

Dettagli

Studio Tecnico Fauda Pichet Ing. Egidio pag. 1 DESIGNAZIONE DEI LAVORI

Studio Tecnico Fauda Pichet Ing. Egidio pag. 1 DESIGNAZIONE DEI LAVORI pag. 1 R I P O R T O OPERE A CORPO ED A MISURA (SpCat 1) OPERE PROVVISIONALI (Cat 1) 1 Preparazione area di cantiere S/06 1,00 SOMMANO a corpo 1,00 1 000,00 1 000,00 2 Saggi stratigrafici M/01 1,00 SOMMANO

Dettagli

ELENCO DELLE ATTIVITÀ DI CUI ALL ARTICOLO 5, PUNTO 7 ( 1 )

ELENCO DELLE ATTIVITÀ DI CUI ALL ARTICOLO 5, PUNTO 7 ( 1 ) ELENCO DELLE ATTIVITÀ DI CUI ALL ARTICOLO 5, PUNTO 7 ( 1 ) NACE Rev. 1 ( 1 ) 45 Costruzioni Questa divisione comprende: nuove costruzioni, restauri e riparazioni comuni. 45000000 45.1 Preparazione del

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11

1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 DANNEGGIAMENTO DELLA STRUTTURA... 5 3 DEMOLIZIONE PARZIALE... 8 4 FASI DI LAVORAZIONE... 11 Relazione descrittiva della demolizione parziale del Palazzo di Giustizia dell Aquila

Dettagli

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza 1. DESCRIZIONE GENERALE DELL OPERA 1.1 Descrizione dell intervento Consiste nella realizzazione all interno dell area cimiteriale

Dettagli

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Sommario 1. PREMESSA 3 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 3. INDICAZIONI E PRESCRIZIONI DI SICUREZZA PRELIMINARI 6 4. VALUTAZIONE

Dettagli

RTP - Architetti Giorgio Rossi, Chiara Avagnina, Paolo Bovo Saluzzo (CN) Pag. 1

RTP - Architetti Giorgio Rossi, Chiara Avagnina, Paolo Bovo Saluzzo (CN) Pag. 1 Saluzzo (CN) Pag. 1 Saluzzo (CN) Pag. 2 La proposta di recupero della manica (o castello) di mezzo è destinata a completare i restauri conservativi avviati precedentemente sull edificio nel corso delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Comprensorio ospedale San Luigi Gonzaga di Orbassano. Laboratori C/O ex lavanderie Caratteristiche generali dell intervento Dimensioni degli spazi Normative - Tipi di opere - Materiali RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Allegato I Elenco delle attività di cui all'articolo 3, comma 7

Allegato I Elenco delle attività di cui all'articolo 3, comma 7 Allegato I Elenco delle attività di cui all'articolo 3, comma 7 NACE [1] Sezione F Costruzione Codice CPV Divisio ne Gruppo Classe Descrizione Note 45 Costruzioni Questa divisione comprende: Nuove costruzioni,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LE INTERFERENZE E INFORMAZIONI SUI RISCHI DI CUI ALL ART. 26 DEL D.LGS. 81/08 RELATIVO AL PROGETTO PER IL SUPERAMENTO DI BARRIERE

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Chioggia Provincia di VE DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 00 del D.Lgs. 9 aprile 008, n. 8 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 009, n. 06) OGGETTO: Ampliamento

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA DEI LAVORI PREVISTI CONTRASSEGNATE CON "X" LE LAVORAZIONI COMPRESE

SCHEDA RIASSUNTIVA DEI LAVORI PREVISTI CONTRASSEGNATE CON X LE LAVORAZIONI COMPRESE Roma 04 Aprile 2011 SCHEDA RIASSUNTIVA DEI LAVORI PREVISTI CONTRASSEGNATE CON "" LE LAVORAZIONI COMPRESE Cliente: LAVORI EDILI ED IMPIANTISTICI: Lavoro: Piazza Euclide 31 piano terra con balcone 75 mq.

Dettagli

Progetto Definitivo-Esecutivo

Progetto Definitivo-Esecutivo COMUNE DI SAN GIOVANNI IN FIORE Provincia di Cosenza POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 LINEA DI INTERVENTO 2.1.1.1 Azioni per la realizzazione di impianti per la produzione

Dettagli

IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA (ARCHITETTO LIBERO PROFESSIONISTA ONTANI ALESSANDRA) (DIRIGENTE SETTORE A4 GNOLI GIOVANNI )

IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA (ARCHITETTO LIBERO PROFESSIONISTA ONTANI ALESSANDRA) (DIRIGENTE SETTORE A4 GNOLI GIOVANNI ) ALLEGATO "A" Comune di CARPI Provincia di MO DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: INTERVENTI

Dettagli

RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE

RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE Comune di TORINO Provincia di TO RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE Decreti Legislativi 277/91, 494/96 e 528/99 D.P.R. 222/2003 OGGETTO: COMMITTENTE: LAVORI DI MANUTENZIONE

Dettagli

45 Costruzioni Questa divisione comprende: nuove costruzioni, restauri e riparazioni

45 Costruzioni Questa divisione comprende: nuove costruzioni, restauri e riparazioni 45 Costruzioni Questa divisione comprende: nuove costruzioni, restauri e riparazioni comuni 45000000 45.1 Preparazione del cantiere edile 45100000 45.11 Demolizione di edifici e sistemazione del terreno

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 2 R I P O R T O LAVORI A CORPO SICUREZZA (SpCat 1) 1 / 1 NUCLEO ABITATIVO per servizi di cantiere. 28.A05.D05.005 Prefabbricato monoblocco ad uso ufficio, spogliatoio e servizi di cantiere. Caratteristiche:

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Edificio municipale denominato Torre Civica, sede della Polizia Locale, Assessorato alla Cultura Biblioteca Comunale e Sala Civica

PROGETTO ESECUTIVO. Edificio municipale denominato Torre Civica, sede della Polizia Locale, Assessorato alla Cultura Biblioteca Comunale e Sala Civica Comune di Trecenta Provincia di Rovigo PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO : Edificio municipale denominato Torre Civica, sede della Polizia Locale, Assessorato alla Cultura Biblioteca Comunale e Sala Civica Interventi

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

C R O N O P R O G R A M M A D E I L A V O R I

C R O N O P R O G R A M M A D E I L A V O R I C R O N O P R O G R A M M A D E I L A V O R I Art. 1.1 - Programma di esecuzione dei lavori 1. Il cronoprogramma dei lavori redatto in sede di progettazione esecutiva ai sensi dell articolo 40 del D.P.R.

Dettagli

STAZIONE MONTE COMPATRI-PANTANO

STAZIONE MONTE COMPATRI-PANTANO LAVORI ESEGUITI: - Risoluzione dei sottoservizi interferenti - Demolizione delle opere in c.a. in atrio e in banchina - Innalzamento banchine/nuove travi per il prolungamento della copertura di banchina

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 Descrizione delle attività: Scavi, sbancamenti e reinterri. Lavoratori esposti a rischi potenziali: Dipendenti delle imprese appaltatrici e lavoratori autonomi presenti

Dettagli

OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO TITOLO: RELAZIONE TECNICA SULLE MODALITA DI DEMOLIZIONE N. DOC. C129/PES/C129.1/R005 TIMBRO E FIRMA DEL PROFESSIONISTA:

OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO TITOLO: RELAZIONE TECNICA SULLE MODALITA DI DEMOLIZIONE N. DOC. C129/PES/C129.1/R005 TIMBRO E FIRMA DEL PROFESSIONISTA: C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

Appalto delle opere interne di manutenzione

Appalto delle opere interne di manutenzione ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali Coordinamento Generale Tecnico Edilizio 00142 Roma via Aldo Ballarin 42 telefono 06/59053962 Edificio D. G. INPS piano

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81)

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81) Direzione Regionale del Veneto Settore Gestione Risorse Ufficio Risorse Materiali Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.

Dettagli

STIMA DEI COSTI DI INTERVENTO

STIMA DEI COSTI DI INTERVENTO STIMA DEI COSTI DI INTERVENTO A) OPERE EDILI E STRUTTURALI DESCRIZIONE INTERVENTO COSTO PREVISTO ( ) A.1. Autorimessa interrata Demolizione basso fabbricato lato via Moretta e fabbricato d'angolo fra via

Dettagli

RESIDENZA MARAINI. Edificazione n. 4 appartamenti. Lugano - Mapp.2437. Via Maraini Sommaruga

RESIDENZA MARAINI. Edificazione n. 4 appartamenti. Lugano - Mapp.2437. Via Maraini Sommaruga RESIDENZA MARAINI Edificazione n. 4 appartamenti Lugano - Mapp.2437 Via Maraini Sommaruga INQUADRAMENTO Residenza MARAINI a LUGANO LOCALIZZAZIONE SEDIME LUGANO Via Maraini Sommaruga Mapp. 2437 Residenza

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione dei criteri seguiti per la valutazione Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate

Dettagli

DA OGGI È FACILE DAVVERO. RISTRUTTURA! PICCOLI INTERVENTI GRANDI RISULTATI

DA OGGI È FACILE DAVVERO. RISTRUTTURA! PICCOLI INTERVENTI GRANDI RISULTATI TUTTO COMPRESO 585mq iva inclusa E CON LE DETRAZIONI INVESTI LA METÀ! PICCOLI INTERVENTI GRANDI RISULTATI RESTYLING FACILE TI PERMETTE DI DARE UNA NUOVA IMMAGINE ALLA TUA CASA SENZA MODIFICARNE GLI SPAZI.

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COSTI PER LA SICUREZZA ORDINARIA

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COSTI PER LA SICUREZZA ORDINARIA COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COSTI PER LA SICUREZZA ORDINARIA La stima dei costi della sicurezza, come specificatamente richiesto al punto 4.1 dell allegato XV del D.Lgs. 81/2008, è stata redatta utilizzando

Dettagli

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori Il decreto legislativo 494/96 Geom. Stefano Fiori EVOLUZIONE NORMATIVA DEFINIZIONI Articolo 1 1. Il presente decreto legislativo prescrive misure per la tutela e per la sicurezza dei Lavoratori nei cantieri

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

DIPARTIMENTO AREA TECNICA E APPROVVIGIONAMENTI PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

DIPARTIMENTO AREA TECNICA E APPROVVIGIONAMENTI PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA 36100 VICENZA - Viale F. Rodolfi 37 - Tel. 0444/993481 - Fax 0444/993283 COD. REGIONE 050 - COD. U.L.SS. 006 C. F.

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. 100 LAVORI DI RECUPERO ALLOGGI DI E.R.P. IN S.PANCRAZIO SAL. (BR)

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA PREMESSA La Stazione Marittima del Porto di Pescara è un edificio a pianta centrale di forma decagonale, dell altezza totale di m 6,00, ad un piano dell altezza interna di m 5,00, della superficie complessiva

Dettagli

11. AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO CONTENENTE LE PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA

11. AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO CONTENENTE LE PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA Attivazione di partenariato pubblico privato da realizzare attraverso finanza di progetto, avente ad oggetto una locazione finanziaria di opera pubblica, ai sensi del combinato disposto degli artt. 153,

Dettagli

FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA

FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA La progettazione nasce dalla necessità che l intervento formuli una presenza riconoscibile come

Dettagli

ANAGRAFICA DELLA DITTA ESECUTRICE DATI INERENTI IL CANTIERE

ANAGRAFICA DELLA DITTA ESECUTRICE DATI INERENTI IL CANTIERE ANAGRAFICA DELLA DITTA ESECUTRICE Ragione sociale:...... sede legale: Via........... CAP...... città........... Recapiti Telefonici : Ufficio... Fax... Cellulare... Posta elettronica :....... DATI INERENTI

Dettagli

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO MEDIO ORARIO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO MEDIO ORARIO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 INDICE ANALITICO AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO MEDIO ORARIO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9 1. SCAVI E DEMOLIZIONI 11 1.1. Scavi 11 1.2. Demolizioni 14 1.3. Adempimenti

Dettagli

ELENCO ELABORATI PER GARA D APPALTO

ELENCO ELABORATI PER GARA D APPALTO 01 Maggio 23 Ottobre 20 Pagina 1 di 21 S O M M A R I O 0. IDENTIFICAZIONE DEGLI ELABORATI PROGETTUALI... 2 1. ELENCO ELABORATI... 3 1.1. ELABORATI DESCRITTIVI GENERALI... 3 1.2. OPERE EDILI... 4 1.2.1.

Dettagli

Recupero, riuso e riqualificazione funzionale del Castello di Casale PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - RELAZIONE

Recupero, riuso e riqualificazione funzionale del Castello di Casale PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - RELAZIONE SOMMARIO RELAZIONE TECNICA E PRESCRIZIONI OPERATIVE 1. INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE 1.1. UBICAZIONE E TIPOLOGIA 4 1.2. SOGGETTI RESPONSABILI 4 1.3. IMPRESE ESECUTRICI 5 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala Comune di Villaricca Provincia di Napoli Progetto per la realizzazione di un'area parcheggio pubblico e completamento impianto sportivo al Corso Italia con struttura polifunzionale PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI)

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) OGGETTO: AREA OVEST COMMITTENTE:

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il PiMUS

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il PiMUS Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il PiMUS In questa unità didattica esamineremo le caratteristiche del PiMUS, il Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio di Ponteggi, previsto dall art. 136

Dettagli

LAVORI PER LA PER COSTRUZIONE DI CAPANNONE IN C.A.P. NEL COMUNE DI TORINO - Strada delle Cacce 73 CRONOPROGRAMMA LAVORI

LAVORI PER LA PER COSTRUZIONE DI CAPANNONE IN C.A.P. NEL COMUNE DI TORINO - Strada delle Cacce 73 CRONOPROGRAMMA LAVORI LAVORI PER LA PER COSTRUZIONE DI CAPANNONE IN C.A.P. NEL COMUNE DI TORINO - Strada delle Cacce 73 CRONOPROGRAMMA LAVORI a) Generalità Allo scopo di determinare le situazioni di contemporaneità delle diverse

Dettagli

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III Impianto elettrico Gli impianti elettrici di cantiere sono impianti molto particolari, hanno caratteristiche peculiari che è bene considerare

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

ALLEGATO B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

ALLEGATO B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA ALLEGATO B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA 1 PREMESSA Secondo l art.26 Dlgs 81/08 comma 3 e s.m.i., il datore di lavoro committente promuove la cooperazione e il coordinamento

Dettagli

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA L intervento è da realizzare su un edificio esistente

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di GIOIA DEL COLLE Provincia di BARI DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO:

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA GENERALE E TECNICA

RELAZIONE DESCRITTIVA GENERALE E TECNICA COMUNE DI MONTEVARCHI Provincia di Arezzo LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE RESTAURO E CONSOLIDAMENTO DELL'EDIFICIO DEL PALAZZO DEL PODESTA' DI MONTEVARCHI APPROVATO CON DEL.G.C. N.182/2008 7 STRALCIO DI ULTIMAZIONE

Dettagli

COMPUTO METRICO. Olbia OT. adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 OGGETTO: COMUNE DI OLBIA COMMITTENTE: Data, 11/05/2015

COMPUTO METRICO. Olbia OT. adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 OGGETTO: COMUNE DI OLBIA COMMITTENTE: Data, 11/05/2015 Olbia OT pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 COMMITTENTE: COMUNE DI OLBIA Data, 11/05/2015 IL TECNICO PriMus by Guido Cianciulli - copyright

Dettagli

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa Direzione Provinciale del Lavoro Lucca Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa CADUTE dall alto La causa principale dei

Dettagli

Il Computo Metrico Estimativo

Il Computo Metrico Estimativo Il Computo Metrico Estimativo 03.XII.2013 Progetto esecutivo e CME Il progetto esecutivo prevede la descrizione completa del progetto sotto il profilo Della forma: il progetto deve essere descritto nei

Dettagli

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9 INDICE ANALITICO AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9 1. SCAVI E DEMOLIZIONI 11 1.1. Scavi 11 1.2. Demolizioni 14 1.3. Adempimenti in materia

Dettagli

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI Per rendere più efficiente la collaborazione, per essere i più chiari e rapidi possibili abbiamo riassunto le principali regole di esecuzione dei lavori relativi agli ascensori. MANUALE DI COSTRUZIONE

Dettagli

3. DESCRIZIONE DEI MATERIALI E DELLE SOSTANZE UTILIZZATE 5. INFORMAZIONI SULLE PORTATE DI MASSIMA DI STRUTTURE SIGNIFICATIVE

3. DESCRIZIONE DEI MATERIALI E DELLE SOSTANZE UTILIZZATE 5. INFORMAZIONI SULLE PORTATE DI MASSIMA DI STRUTTURE SIGNIFICATIVE INDICE 1. ANAGRAFICA DELL'OPERA ESEGUITA 2. INTERVENTI PREVENZIONALI IN FASE DI PROGETTO 3. DESCRIZIONE DEI MATERIALI E DELLE SOSTANZE UTILIZZATE 4. SCHEDE DESCRITTIVE PER LE MANUTENZIONI SCHEDA A - Interventi

Dettagli

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico N art. DESCRIZIONE Unità di Misura PREZZI UNITARI 1 2 3 4 5 6 Opere di installazione di cantiere

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (Allegato XVI e art. 91 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

Tecnico per l edilizia. Figura professionale:

Tecnico per l edilizia. Figura professionale: Tecnico per l edilizia Disegnatore ed aiuto progettista CAD Tecnico di gestione commessa Tecnico di conduzione cantiere e di contabilità dei lavori Progettazione, conduzione tecnica e contabile dei cantieri

Dettagli

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 INDICE ANALITICO AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9 1. SCAVI E DEMOLIZIONI 11 1.1. Scavi 11 1.2. Demolizioni 14 1.3. Adempimenti in materia

Dettagli

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9

INDICE ANALITICO. AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9 INDICE ANALITICO AVVERTENZE GENERALI pag. 3 COSTO DELLA MANO D'OPERA 5 PARTE I NUOVA COSTRUZIONE 7 AVVERTENZE PARTE I 9 1. SCAVI E DEMOLIZIONI 11 1.1. Scavi 11 1.2. Demolizioni 14 1.3. Adempimenti in materia

Dettagli

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

per l'ottenimento del CPI e agibilità dell' ITIS "G.Ferraris" - Verona 30/11/2009 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

per l'ottenimento del CPI e agibilità dell' ITIS G.Ferraris - Verona 30/11/2009 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO A.01.03 OPERAIO QUALIFICATO 1 a Assistenze per l'esecuzione di magisteri vari operaio qualificato 48,00 48,00 Totale h 48,00 31,37 1.505,76 D.03.06 NOLO DI PIATTAFORMA 2 a altezza di lavoro minima m 17

Dettagli

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO -.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO Comune di (Borgata/Frazione) CRAVEGGIA VOCOGNO Classificazione dell intervento RISTRUTTURAZIONE Opere interne ed esterne

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RUMORE D.Lgs. 81/08

VALUTAZIONE DEL RUMORE D.Lgs. 81/08 ALLEGATO 4 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART. 91 DEL D.LGS. 81/08 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA Via Bianchi n. 7/9 BRESCIA TERZO LOTTO APPALTO RIMOZIONE

Dettagli