Piano di Zona TAVOLO ADULTI. LABORATORIO Costruire sinergie con il Terzo Settore per la riorganizzazione dei servizi a bassa soglia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Zona 2011-2013 TAVOLO ADULTI. LABORATORIO Costruire sinergie con il Terzo Settore per la riorganizzazione dei servizi a bassa soglia"

Transcript

1 Piano di Zona TAVOLO ADULTI LABORATORIO Costruire sinergie con il Terzo Settore per la riorganizzazione dei servizi a bassa soglia Periodo di svolgimento:

2 Premessa Il mandato istituzionale del Laboratorio era il seguente: a partire dalla mappatura effettuata dal laboratorio Percorsi di seconda accoglienza del Piano di Zona , individuare modalità per l integrazione tra i servizi esistenti per dare risposte più aderenti al bisogno. Tale mandato corrispondeva all Azione 3 P.D.Z , ovvero: strutturare collaborazioni con il Terzo Settore per la riorganizzazione dei servizi a bassa soglia 1. Hanno partecipato al laboratorio: Consorzio IRIS, CISSABO, Città di Biella, Croce Rossa Italiana, Gruppi di Volontariato Vincenziano, Caritas Diocesana, ASL BI (Drop In, SerT, DSM), Associazione Papa Giovanni XXIII, Centro Servizi Volontariato di Biella, ACLI, Consorzio Filo da Tessere. Il laboratorio si è svolto tra il e il Per tentare di rispondere ai bisogni espressi dalle persone in situazione di povertà estrema, si è ritenuto opportuno assolvere al mandato promuovendo l individuazione condivisa delle necessità del territorio, delle risorse esistenti e delle conseguenti possibili proposte operative rispetto ai seguenti temi: - Seconda accoglienza, ovvero soluzioni abitative protette per coloro che dopo aver vissuto situazioni di povertà estrema iniziano a recuperare la propria autonomia - Emergenza freddo, ovvero servizio di accoglienza notturna ai senza tetto nel periodo invernale - Interventi a favore di persone che, pur vivendo in situazione di povertà estrema e grave disagio sociale, non accedono ai servizi. Allo scopo di monitorare il processo di partecipazione alla programmazione locale, ai componenti il laboratorio si è somministrato un breve questionario di valutazione che ha prodotto i seguenti esiti (sono state consegnate 13 schede e ne sono state compilate 7) 1 I servizi a bassa soglia sono una realtà eterogenea di servizi alla persona, il cui comune denominatore sembra riconducibile a due obiettivi: ridurre al minimo gli ostacoli all accesso al servizio; facilitare l attivazione e il mantenimento di relazioni d aiuto fra gli operatori dei servizi e l utenza (rif. Dizionario di Servizio Sociale, Carrocci Faber, Roma, 2005). Essi nascono come servizi rivolti alle tossicodipendenza con la finalità della riduzione del danno per poi estendersi più in generale - agli adulti in grave difficoltà (senza tetto, persone in situazione di povertà estrema, immigrati irregolari, persone con sofferenze psichiche, prostitute, ecc.). I servizi a bassa soglia mirano pertanto a offrire una risposta concreta ai bisogni primari (dormire, mangiare, lavarsi, vestirsi, avere un luogo dove passare il tempo e socializzare, ecc.), favorire l accesso delle persone alla rete dei servizi, ridurre i danni anche al fine di contenere i costi per il singolo e la collettività, promuovere il mutuo aiuto e favorire processi di cittadinanza attiva (rif. Sito del Coordinamento Bassa Soglia del Piemonte ). Rientrano in questa tipologia di servizi: dormitori, centri d ascolto, mense gratuite, ambulatori di medici volontari, unità di strada, centri diurni (drop in). 2

3 LA PARTECIPAZIONE 1) Ha partecipato a tutte le riunioni del laboratorio? o SI 3 o NO 4 Se NO, perché? o Ferie o Imprevisti 1 o Impegni Pregressi 2 2 o Caduta d interesse o Altro 1 (Troppo carico di lavoro) 2) L organizzazione logistica (orari, calendarizzazione degli incontri, sede) ha facilitato la sua partecipazione? o SI, 7 o NO, 0 Tra le motivazioni dei SI si segnala: - Orari e ubicazione degli incontri ottimi: 6 - In sintonia con il resto degli impegni 1 3) Ha potuto esprimere le sue opinioni/considerazioni/pensieri? o SI, 7 o NO, 0 In 6 hanno dato le seguenti motivazioni: - Disponibilità all ascolto e al dialogo 4 - Tempi degli incontri adeguati 1 GLI OBIETIVI 4) Gli obiettivi concordati sono stati raggiunti? o SI 4 o SI', 3 3

4 o NO 0 I 3 SI in parte segnalano: - Progetto ambizioso ma coinvolgente 2 - Argomenti molto ampi, necessità di più tempo 1 LA COMUNICAZIONE a) tra i membri del Laboratorio e la propria organizzazione: 1) è stato possibile condividere con la propria Organizzazione le riflessioni del laboratorio adulti a cui ha partecipato? o SI 6 o NO 1 b) tra il Consorzio e gli attori sociali presenti 1) L organizzazione logistica data alle comunicazioni si è rilevata efficace? o SI 7 o NO, 0 4

5 1. NECESSITA DEL TERRITORIO Seconda accoglienza (vedi allegato 2): necessità di allestire almeno un appartamento in Area IRIS e almeno uno in Area CISSABO, ciascuno in grado di accogliere 3-4 persone. Emergenza freddo (vedi allegato 3): necessità di strutturare in inverno una risposta abitativa temporanea (oltre al Centro Borri) per le persone che vivono per strada. Interventi a favore di persone che, pur vivendo in situazione di povertà estrema e grave disagio sociale, non accedono ai servizi (vedi allegato 4): necessità di offrire un accoglienza diurna al fine di monitorare le condizioni di salute, le condizioni igieniche, offrire sostegno relazionale e facilitare, se accettato, l accesso ai servizi. 2. SERVIZI ESISTENTI: vedi allegato 1 3. PROPOSTE OPERATIVE Seconda accoglienza (vedi allegato 2): progettazione condivisa e collaborazione per potenziamento servizi di Seconda Accoglienza sul territorio. In particolare, sia per il Consorzio IRIS che per il CISSABO: verifica della possibilità di individuare un appartamento nei rispettivi comuni di competenza e di collaborare con il volontariato locale per la realizzazione di un Appartamento di Seconda Accoglienza per 3-4 persone. Emergenza freddo (vedi allegato 3): progettazione condivisa e collaborazione per strutturare una ventina di posti per accoglienza temporanea a favore di persone in situazione di povertà estrema (oltre a quelle ospitabili dal Borri) per il periodo dicembre metà marzo. Costituzione di un gruppo di lavoro per la definizione degli aspetti logistici, per la cura dell allestimento e la definizione delle modalità di gestione nonché dell Ente competente ad assumerne la titolarità. Interventi a favore di persone che, pur vivendo in situazione di povertà estrema e grave disagio sociale, non accedono ai servizi (vedi allegato 4): costituzione di un gruppo di lavoro con i seguenti obiettivi: Analisi delle caratteristiche dell utenza del Servizio Drop In 2 di Biella; Miglioramento raccordo tra Servizi Socio-Sanitari e Terzo Settore per costruire risposte adeguate ai bisogni delle persone in situazione di povertà estrema. 2 Il Drop in è un servizio a bassa soglia gestito dall ASL BI con sede in Via Ivrea a Biella, che afferisce a Ser.T (Servizio Tossicodipendenze). In generale, il drop in (dall inglese sostare, fermarsi) è una struttura ideata per accogliere adulti in difficoltà. Solitamente sono indirizzati ai tossicodipendenti, ma negli ultimi anni alcuni hanno cominciato ad accogliere anche persone che non hanno problemi di dipendenza o abuso di sostanze, ma che si trovano comunque in condizione di grave disagio (senza fissa dimora, ecc.) (rif. Sito del Coordinamento Bassa Soglia del Piemonte ). 5

6 Allegato 1 La filiera dei servizi a bassa soglia Forniamo di seguito una fotografia (necessariamente riduttiva) delle risposte abitative a favore delle persone in situazione di povertà estrema, realizzate sul nostro territorio. Si precisa che il tratteggio in corrispondenza degli attori sotto i progetti per il sostegno all autonomia abitativa sta ad evidenziare che per questo tipo di risposte non esistono al momento percorsi strutturati, ma ogni situazione richiede il confezionamento di una risposta ad hoc utilizzando in modo integrato le risorse di volta in volta a disposizione (ATC, volontariato, reti informali, alloggi comunali, alloggi di privati, co-housing 3, ecc.) Accanto al soddisfacimento del bisogno abitativo vi sono altre necessità (cibo, igiene, salute, ascolto, informazioni sui servizi) rispetto alle quali il laboratorio ha individuato sul territorio risorse già presenti e ha individuato altresì dei problemi. Di seguito si fornisce una sintesi. 3 Il co-housing è una modalità residenziale costituita da unità abitative private e spazi e servizi comuni ed è caratterizzata da una progettazione e gestione partecipate, condivise, consapevoli, solidali e sostenibili, lungo tutto il percorso (rif. sito della Rete Italiana Cohousing). Si tratta di una soluzione abitativa innovativa che offre la possibilità di condividere le spese rendendole più sostenibili. Le esperienze di co-housing che si stanno diffondendo in Italia e in Europa rivelano altresì che si tratta di una modalità abitativa che, partendo da necessità contingenti (prevalentemente le difficoltà economiche) promuove e valorizza il capitale sociale sollecitando il recupero della dimensione solidaristica, portando alla fine ad una migliore qualità della vita (rif. Il Cohousing: origini, storia ed evoluzione in Europa e nel mondo di M. Lietaert, docente di Scienze Politiche alla Richmond University e alla James Madison University di Firenze, ibidem) 6

7 INTERVENTI A FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI POVERTA ESTREMA CHE NON ACCEDONO AI SERVIZI Risorse: CARITAS e GVV: offrono ascolto, accoglienza, vestiario, possibilità di utilizzare docce e di lavare gli indumenti (attraverso buoni doccia e buoni lavanderia), sostegno economico. La Caritas si è fatta carico tra il 2011 e il 2012 di offrire risposte abitative alle persone che vivevano per strada ( emergenza freddo ). Associazione La Rete : offre sostegno alimentare attraverso la Mensa, occasionalmente accompagna le persone per favorire l accesso ai servizi sanitari Società San Vincenzo De Paoli: offre vestiario, possibilità di fare la doccia ASL BI con Drop In: offre accoglienza diurna, e quindi ascolto e orientamento, possibilità di farsi la doccia, di lavarsi gli abiti. Si rivolge a persone che hanno problemi di dipendenza, ma accoglie anche persone che hanno problematiche diverse. Collabora con GVV, Caritas, Borri su progetti individuali. Associazione Papa Giovanni: svolge lavoro di strada il venerdì sera ogni 15 giorni per avvicinare le vittime della tratta che finiscono nel giro della prostituzione (adesione a progetto regionale). Ha a disposizione anche vestiario e mobili. Problemi individuati: Igiene personale: dove inviare/orientare le persone affinché possano soddisfare questo bisogno primario? Come mettere in rete i soggetti che già oggi, con modalità diverse sono in grado di soddisfare tale bisogno? Drop In: la presenza di persone senza problemi di dipendenza (quindi anche anziani, migranti, persone svantaggiate) è impropria e pare allontanare le persone-target del servizio Salute: dove inviare/orientare le persone che necessitano di accompagnamento ai servizi sanitari? Con quali modalità? INTERVENTI A FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI POVERTA ESTREMA CHE TRANSITANO AL CENTRO BORRI (PRONTA ACCOGLIENZA) Risorse: Centro E. Borri: offre Pronta e Prima Accoglienza, sostegno nei percorsi per il recupero dell autonomia possibile per gli ospiti che passano nella Prima Accoglienza (Consorzi I.R.I.S e CISSABO in collaborazione con Associazione La Rete e Consorzio Filo da Tessere, stanziamento di eu/anno) Associazione La Rete: Mensa Associazione Papa Giovanni: n. 4 case (anche posti pronta accoglienza per emergenza es. forza pubblica per minori, ma anche adulti es. donne, accolgono anche persone provenienti da altre Province i, possibilità di 'dirottamento' su altri territori se necessario grazie alla rete nazionale Papa Giovanni ) Problemi individuati: 7

8 Manca accoglienza diurna per persone in situazione di momentanea non autosufficienza Manca luogo dove persone con disagio (senza problemi di dipendenza ) possano andare durante il giorno INTERVENTI A FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI POVERTA ESTREMA CHE VENGONO ACCOLTE DAL CENTRO BORRI E INTRAPRENDONO UN PERCORSO CON I SERVIZI SOCIO SANITARI (PRIMA ACCOGLIENZA) Risorse: Centro E. Borri offre Pronta e Prima Accoglienza, sostegno nei percorsi per il recupero dell autonomia possibile per gli ospiti che passano nella Prima Accoglienza (Consorzi I.R.I.S e CISSABO in collaborazione con Associazione La Rete e Consorzio Filo da Tessere, stanziamento di eu/anno) Associazione La Rete: Mensa Consorzio IRIS, CISSABO: accompagnamento per il recupero dell autonomia possibile (Servizi Sociali, Servizio di Appoggio Educativo per l Inserimento Lavorativo) ASL BI: accompagnamento per il recupero dell autonomia possibile (DSM, SERT) Problemi individuati: Al Centro Borri risulta difficoltosa la convivenza prolungata tra chi non intende fare alcun percorso e chi invece ha questa intenzione Non risultano sufficienti le soluzioni abitative protette presenti sul territorio per rendere possibile la prosecuzione del percorso di autonomia Manca sul territorio un accoglienza diurna per persone in situazione di momentanea non autosufficienza Manca sul territorio un accoglienza diurna per persone in situazione di disagio (senza problemi di dipendenza) INTERVENTI A FAVORE DI PERSONE CHE INIZIANO A RECUPERARE LA PROPRIA AUTONOMIA (SECONDA ACCOGLIENZA) Risorse: BIELLA: - n. 3 appartamenti da 5-6 posti ciascuno - convenzione con Oropa per n. 5 unità abitative (3 mesi) - alloggio mamma bambino COSSATO: - n. 1 appartamento CARITAS: 8

9 - alloggi ASSOCIAZIONE LA RETE - n. 4 appartamenti GVV: - Casa Accoglienza Costa del Piazzo (Mista) ASSOCIAZIONE PAPA GIOVANNI: - n. 4 case (anche posti pronta accoglienza per emergenza es. forza pubblica per minori, ma anche adulti es. donne, anche accoglienze che arrivano da fuori o 'dirottamento' su altri territori se necessario) Problemi individuati: - Manca offerta di accoglienza per persone che dopo un percorso di tossico/alcoldipendenza cronica hanno perso totalmente o parzialmente la propria autonomia - Cissabo e IRIS (extra-biella) non dispongono direttamente di risposte di questo tipo 9

10 Allegato 2 Idee e proposte per il potenziamento dei servizi di Seconda Accoglienza SECONDA ACCOGLIENZA: COS E? Quale finalità? Quali caratteristiche devono avere i destinatari? Non deve essere solo una risposta all emergenza abitativa. Deve esserci un progetto volto all autonomia del nucleo/della persona, che però deve tendere all autonomia possibile, rispettosa della dignità individuale ed effettivamente raggiungibile. E un dato di fatto che in questo momento il contesto offre poche opportunità lavorative e questo è molto limitante. La finalità deve però essere quella di ricostruire un progetto di vita anche a partire dalle difficoltà che hanno creato il disagio. La permanenza deve essere temporanea, da un minimo di 12 mesi ad un massimo di 18 mesi. Singoli o nuclei familiari. Persone che iniziano ad avere un autonomia, soprattutto in termini di reddito. E importante che l appartamento non accolga più di 3-4 persone in quanto la convivenza tra persone che non si scelgono può creare difficoltà e può ostacolare i percorsi individuali. Quale modalità per accedervi? Deve esserci un periodo di conoscenza (mensa, Borri, servizi socio sanitari ) e un progetto che definisca gli obiettivi individuali. Gli appartamenti devono essere ubicati in contesti non connotati, devono essere dignitosi. Quale ruolo hanno gli operatori? Quale ruolo hanno i volontari? Devono avere la titolarità del progetto individuale e un ruolo nella gestione della convivenza, in stretto raccordo con i volontari. La loro presenza definita in base alle necessità delle persone ospitate. Svolgono un ruolo centrale in quanto hanno il compito di costruire relazione e attraverso la relazione, ricostruire i cocci di esistenze già segnate. Devono essere formati e partecipare alla progettazione. Affiancano gli ospiti e possono trasferire competenze/conoscenze (conoscenza territorio, ma anche es. mestiere ) 10

11 SECONDA ACCOGLIENZA: QUALI RISORSE? COSA SERVE Appartamento con 3 camere Arredo: - Mobili - Biancheria - Elettrodomestici - Utensili Interventi di manodopera: - Tinteggiatura - Piccole riparazioni - Ecc. Soldi per: - Allestimento - Utenze - Percorsi di autonomia (tirocini, ecc.) Volontari CHI POTREBBE AVERLO ATC, privati ecc SAN VINCENZO, PARROCCHIE, DITTE DI TRASLOCHI OPERAZIONE MATO GROSSO (GRUPPO DI VOLONTARIATO GIOVANI), COINVOLGIMENTO PERSONE CON FRAGILITA MA CHE HANNO COMPETENZE FONDAZIONE CRB, ALTRE FONDAZIONI, BANDI, BANDO Compagnia di SAN PAOLO Particolarmente attive risultano essere in questo momento le Aree di Occhieppo Inferiore, Occhieppo Superiore e Mongrando e di Vigliano Operatori Vitto BANCO ALIMENTARE, PARROCCHIE, EMPORI DELLA SOLIDARIETÀ A COSSATO, VIGLIANO, BIELLA E CANDELO: recupero di tutto ciò che non viene utilizzato nelle mense pubbliche attraverso la collaborazione dei Comuni e del volontariato. Correlato al progetto individuale. ALTRE OSSERVAZIONI L Associazione Papa Giovanni offre accoglienza a persone in difficoltà che possono anche vivere con continuità all interno della casa, in quanto la logica è quella dell accoglienza in famiglia. Le persone possono arrivare autonomamente o essere inserite su progetto del servizio sociale competente. Accolgono anche persone con problemi di dipendenza che stanno ancora assumendo terapie sostitutive. Grazie alla rete nazionale Papa Giovanni possono anche offrire periodi di soggiorno per vacanza, o inserimenti in territori diversi da quello di provenienza se necessario. Resta scoperto il bisogno di accoglienza di persone ancora relativamente giovani, che uscendo da un percorso di dipendenza cronica (tossicodipendenza o alcoldipendenza) sono totalmente o parzialmente non autosufficienti. Queste persone portano bisogni assistenziali e relazionali che al momento non sono adeguatamente soddisfatti da nessuna risorsa del territorio e questo richiederebbe una riflessione congiunta tra Enti Gestori, ASL, Terzo Settore. 11

12 Allegato 3 Idee e proposte per l Emergenza Freddo EMERGENZA FREDDO: COSA E STATO FATTO COSA HA FUNZIONATO Per la prima volta si è provato ad affrontare la questione in modo integrato. Sul territorio sono stati presenti soggetti disponibili ad attivarsi (Caritas). La fondazione CRB ha sostenuto economicamente l azione. Sono state date risposte e per qualcuno ha significato l avvio di un percorso. COSA NON HA FUNZIONATO Sono stati chiusi i rifugi temporanei utilizzati dalle persone senza fissa dimora prima di trovare soluzioni alternative. Mancanza di un progetto organico e di un Ente capofila che si assumesse la responsabilità di adottare una soluzione. Non sono stati chiariti prima i requisiti formali da rispettare. EMERGENZA FREDDO: COSA SI POTREBBE FARE RISORSE DISPONIBILI Il Comune di Biella ha individuato con l Istituto Belletti Bona (ingresso da via Cavour) un area di 400 mq dove posizionare container. Il Comune di Biella STA valutando possibilità di costruirvi due servizi igienici. CRI: potrebbe fornire biancheria e postazioni letto. GVV: potrebbe fornire i buoni doccia per l utilizzo dei bagni pubblici di Biella e dei buoni lavanderia per il lavaggio degli indumenti grazie a convenzione con esercizio privato) CRITICITA DA AFFRONTARE E necessario definire bene la cornice normativa, in particolare in relazione alle competenza Le persone che vengono coinvolte per accogliere devono essere preparate e formate. E necessario coinvolgere anche altri soggetti (Protezione Civile, ASL ) oltre a quelli che hanno partecipato al Laboratorio. Questura 12

13 PROPOSTE - Costituzione di un gruppo di lavoro formato da: Consorzio IRIS, CISSABO, Comune di Biella, Dipartimento Provinciale Protezione Civile, Protezione Civile di Biella, Coordinamento Associazioni Protezione Civile, ASL (Drop In, Sert, DSM, Dipartimento Prevenzione ecc.), CRI, Caritas, CSV, Alpini, GVV, Affidatari Centro Borri - Coinvolgimento dei singoli componenti a seconda degli aspetti da trattare, ovvero: parte LOGISTICA (ubicazione container, scelta tipologia container, e servizi), parte di ALLESTIMENTO (reperimento letti, biancheria monouso, materiale per igiene), parte GESTIONALE (reperimento e formazione volontari e operatori, modalità organizzative e di monitoraggio del servizio) Per la definizione del progetto di massima, si conviene su: - Titolarità della Città di Biella - Durata: dicembre metà marzo - Allestimento 20 posti temporanei - Moduli abitativi (sarebbero ideali quelli da protezione civile con bagno dentro) - Coinvolgimento del volontariato. Importanza della formazione che preveda anche la permanenza di almeno una notte come tirocinio al Centro Accoglienza. Ci si immagina prevalentemente volontariato maschile + almeno n 1 operatori. Gruppo minimo di 14/20 volontari, valutando possibilità di rimborso) - Raccordo con forze dell ordine - Possibilità di chiedere a Fondazione CRB ri-finanziamento del progetto 13

14 Allegato 4 Interventi a favore di persone che, pur vivendo in situazione di povertà estrema e grave disagio sociale, non accedono ai servizi: bisogni essenziali, risorse disponibili, criticità, proposte operative STIMA DELLA PRESENZA SUL TERRITORIO Nel 2011 sono passati dal Centro Borri: 38 senza fissa dimora su 90 (delle quali 8 passati in prima accoglienza). Solo nel primo quadrimestre 2012 sono stati 24. Per Emergenza Freddo ( ): sono state accolte una ventina di persone (la metà con problemi di dipendenza, prevalentemente alcoldipendenza) in sedi diverse grazie a fondi Biver stanziati a favore della Caritas Al Drop In: transitano ancora altre persone. Non si dispone di altri dati. BISOGNI ESSENZIALI Pronta Accoglienza notturna/protezione dal freddo Alimentazione Igiene personale (cura della persona: doccia, capelli; abiti) Documenti di identità (carta di identità, tessera sanitaria) Salute (cure specifiche, farmaci, cure dentistiche, controlli sanitari, occhiali) Vestiario Accoglienza diurna/sostegno relazionale Informazione e orientamento ai Servizi RISORSE DISPONIBILI Accoglienza notturna/protezione dal freddo Alimentazione Igiene personale Documenti Centro Borri (Consorzi/Caritas/Associazione La Rete) Iniziative emergenza freddo Mensa (Caritas/Associazione La Rete) (che è anche luogo per avere un colloquio e può essere attivato un accompagnamento attraverso l Associazione La Rete/Caritas) Docce (GVV/Società di San Vincenzo/drop in/mensa/bagni pubblici) Lavaggio indumenti (GVV/drop in/mensa) Raccordo con Ufficio Anagrafe di Biella 14

15 Accompagnamento a visite mediche (Associazione La Rete) Salute Ambulatorio Croce Rossa (via sella 61) (pressione, iniezioni, occhiali) Drop In Vestiario Accoglienza diurna/sostegno relazionale Società di San Vincenzo Drop In ( accoglienza impropria per persone che non hanno problemi di dipendenza) Contatto Disagio (DSM-via Novara ve 9-11 ma anche sportello telefonico) Mensa (Caritas/Associazione La Rete) Informazioni e orientamento ai Servizi Drop in, Mensa CRITICITA - Si rileva un uso improprio del Drop In da parte di utenza che non ha problemi di dipendenza da sostanze, ma solo una situazione di disagio sociale - Sul territorio sono presenti diverse risorse a favore delle persone in situazione di povertà estrema, ma risultano disperse e frammentate tra loro - Complessivamente si ha una scarsa conoscenza del fenomeno sul territorio - Complessivamente i soggetti attivi sulla problematica hanno una scarsa conoscenza delle risorse PROPOSTE OPERATIVE - Costruzione di un gruppo di lavoro con i seguenti obiettivi: Analisi del fenomeno Migliorare la collaborazione tra servizi, e tra servizi e volontariato, nonché la circolazione delle informazioni al fine di adottare modalità operative che aiutino ad andare verso le persone. 15

Il sistema del welfare locale in tempo di crisi. 15.11.2013 A cura del Direttore del Consorzio IRIS Annalisa Sala

Il sistema del welfare locale in tempo di crisi. 15.11.2013 A cura del Direttore del Consorzio IRIS Annalisa Sala Il sistema del welfare locale in tempo di crisi 15.11.2013 A cura del Direttore del Consorzio IRIS Annalisa Sala trasparenza riflessione rendicontazione (accountability) fare cultura valorizzare il lavoro

Dettagli

Piano di Zona 2011-2013 TAVOLO MINORI - FAMIGLIE

Piano di Zona 2011-2013 TAVOLO MINORI - FAMIGLIE Piano di Zona 2011-2013 TAVOLO MINORI - FAMIGLIE Realizzare iniziative diverse di sensibilizzazione della comunità locale e di sostegno delle famiglie sia di origine che affidatarie Periodo di svolgimento:

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI

VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/88/CR06/C3-C7-C13 VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI SOGGETTI GESTORI DEI SERVIZI DI ACCOGLIENZA a) organizzazioni di natura privata volti alla

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

C.P.A. ( CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA)

C.P.A. ( CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA) C.P.A. ( CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA) Il Centro di Prima Accoglienza o comunemente chiamato Dormitorio Pubblico è situato nel Centro Storico di Napoli, in Via de Blasiis -10. Le Suore delle Poverelle arrivano

Dettagli

DGR. n. 11497 del 17.3.2010

DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL'UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "ALLOGGIO PROTETTO PER ANZIANI". (PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER L ESPRESSIONE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

VALDELSA CON TE EMPORIO DELLA SOLIDARIETA DI POGGIBONSI

VALDELSA CON TE EMPORIO DELLA SOLIDARIETA DI POGGIBONSI Valdelsa con Te Emporio della Solidarietà VALDELSA CON TE EMPORIO DELLA SOLIDARIETA DI POGGIBONSI VALDELSA CON TE La crisi che sta colpendo le nostre famiglie è tale da richiedere uno sforzo congiunto

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Rete donna. rete donna rete donna rete. carta dei servizi

Rete donna. rete donna rete donna rete. carta dei servizi Rete donna rete donna rete donna rete carta dei servizi 2016 Carta dei servizi 2016 Indice Indice INTRODUZIONE P. 04 CARITAS DIOCESANA VERONESE ASSOCIAZIONE ONLUS SAN BENEDETTO P. 06 CENTRO DIOCESANO AIUTO

Dettagli

Capanna di Betlemme Casa di accoglienza e prossimità per persone senza fissa dimora o in stato di grave povertà a Bologna

Capanna di Betlemme Casa di accoglienza e prossimità per persone senza fissa dimora o in stato di grave povertà a Bologna Capanna di Betlemme Casa di accoglienza e prossimità per persone senza fissa dimora o in stato di grave povertà a Bologna...Ci sono tanti poveri che non ci cercheranno mai! Quelli li dobbiamo cercare noi

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari Relatore Simonetta Piras Comune di Cagliari[Soft Break]Assessorato alle Politiche Sociali Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari La complessità della società attuale, le

Dettagli

COMUNITA FAMILIARE PER MINORI (LR 20/2002 art. 3, c. 2, lett. a)

COMUNITA FAMILIARE PER MINORI (LR 20/2002 art. 3, c. 2, lett. a) ALLEGATO A COMUNITA FAMILIARE PER MINORI (LR 2/22 art. 3, c. 2, lett. a) codice paragrafo M - A Definizione La Comunità Familiare per minori è una struttura educativa residenziale che si caratterizza per

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO DOMICILIARE (Allegato alla Delibera G.C. nr. 120 dd. 28.12.2006)

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO DOMICILIARE (Allegato alla Delibera G.C. nr. 120 dd. 28.12.2006) SERVIZIO POLITICHE SOCIALI 0462-241391 e-mail: sociale@comprensoriovaldifiemme.it CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO DOMICILIARE (Allegato alla Delibera G.C. nr. 120 dd. 28.12.2006) ART. 1 INTERVENTI DI ASSISTENZA

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI-

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- Nome Ente COOP. SOCIALE SOCIOSANITARIA INTEGRATA GRIMALDI Sede legale ed operativa in ROMA, PIAZZALE DELLA STAZIONE DI CASTELFUSANO n. 12

Dettagli

raccontami SECONDA INDAGINE SUI SENZA TETTO A MILANO 17 Aprile 2013

raccontami SECONDA INDAGINE SUI SENZA TETTO A MILANO 17 Aprile 2013 raccontami SECONDA INDAGINE SUI SENZA TETTO A MILANO 17 Aprile 2013 AGENDA Metodologia della raccolta dati attori e volontari coinvolti Il censimento: numero localizzazione spaziale I questionari: primi

Dettagli

RESIDENZA QUADRIFOGLIO

RESIDENZA QUADRIFOGLIO Nisida Società Cooperativa Sociale Associazione Il Quadrifoglio RESIDENZA QUADRIFOGLIO INDICE Chi siamo pag. 2 Struttura pag. 4 I progetti di convivenza assistita pag. 4 Principi di erogazione del Servizio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE DISTRETTO SOCIO SANITARIO APRILIA/CISTERNA REGOLAMENTO CASA FAMIGLIA PER DISABILI LA CASA DEI LILLA Allegato alla delibera di CC n.33 dell

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

Allegato A Indice Indicazioni preliminari intensità assistenziale complessità organizzativa

Allegato A Indice Indicazioni preliminari intensità assistenziale complessità organizzativa Allegato A Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale) Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità (Residenza

Dettagli

2. TITOLO AZIONE Centro di Prima Accoglienza Prevenzione delle Patologie Correlate (già riduzione dei rischi)

2. TITOLO AZIONE Centro di Prima Accoglienza Prevenzione delle Patologie Correlate (già riduzione dei rischi) ALLEGATO 10 FORMULARIO DELL AZIONE AZIONE 34 2. TITOLO AZIONE Centro di Prima Accoglienza Prevenzione delle Patologie Correlate (già riduzione dei rischi) 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: Genitori in controtendenza: accogliere i bambini e camminare con le famiglie 1. Tipologia del progetto

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

PROGETTO SIS.TE.R. OSPITALITÀ TEMPORANEA PER PERSONE IN ATTESA DI ALLOGGIO SOCIALE

PROGETTO SIS.TE.R. OSPITALITÀ TEMPORANEA PER PERSONE IN ATTESA DI ALLOGGIO SOCIALE PROGETTO SIS.TE.R. OSPITALITÀ TEMPORANEA PER PERSONE IN ATTESA DI ALLOGGIO SOCIALE CASA MIA HA UNA SORELLA La situazione I dati sull incremento degli sfratti nella Città di Torino, ma anche nelle aree

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Riferimenti e numeri utili CARITAS

Riferimenti e numeri utili CARITAS Riferimenti e numeri utili CARITAS Sito parrocchiale di Zola Predosa SS Nicolò e Agata : www.parrocchiadizola.org Centro per le famiglie di Casalecchio di Reno 051/6133039 Associazione famigliare Le querce

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE

LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE COMUNE DI CENTO LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE CASE FAMIGLIA PER ANZIANI E DISABILI ADULTI

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia

pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia Destinatari del servizio pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia Il servizio è rivolto a gestanti e madri con bambini che hanno bisogno di temporanea ospitalità, indipendentemente dalla loro nazionalità,

Dettagli

A) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CHE SI INTENDE SUPPORTARE

A) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CHE SI INTENDE SUPPORTARE SCHEDA (C1) SERVIZI A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE SOCIALE, DI PROGETTI DI SVILUPPO O DI PROGETTI DI RILEVANZA SOVRA-PROVINCIALE CENTRO DI SERVIZI DI RAVENNA PROGETTO: N. 5 Tratti di strada A) PRESENTAZIONE

Dettagli

N..RACCOLTA DI SCRITTURE PRIVATE DEL COMUNE DI PARMA

N..RACCOLTA DI SCRITTURE PRIVATE DEL COMUNE DI PARMA N..RACCOLTA DI SCRITTURE PRIVATE DEL COMUNE DI PARMA FONDAZIONE CARITAS S ILARIO COMUNE DI PARMA: CONVENZIONE PER LA SOMMINISTRAZIONE PASTI, SERVIZIO DOCCE, PRONTO CASSA E PRONTO INTERVENTO SOCIALE A FAVORE

Dettagli

AREE TRASVERSALI. Contesti senza confini Strumenti comunicativi Condivisone delle buone prassi Lavorare sulle contaminazioni fra servizi Mediazione

AREE TRASVERSALI. Contesti senza confini Strumenti comunicativi Condivisone delle buone prassi Lavorare sulle contaminazioni fra servizi Mediazione Disabilità Promozione e Comunità Disagio adulto Minori PIANO D AMBITO Povertà Immigrati Anziani Pagina 1 AREE TRASVERSALI La Città del Benessere Lavorare in maniera intersettoriale, coinvolgendo le diverse

Dettagli

Le strutture residenziali e semiresidenziali per minori: standard e requisiti tra passato e presente Lorella Baggiani Regione Toscana Settore

Le strutture residenziali e semiresidenziali per minori: standard e requisiti tra passato e presente Lorella Baggiani Regione Toscana Settore Le strutture residenziali e semiresidenziali per minori: standard e requisiti tra passato e presente Lorella Baggiani Regione Toscana Settore Politiche di contrasto al disagio sociale Il sistema toscano

Dettagli

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano INTRODUZIONE Nel corso del 2010 si è svolto il Censimento nazionale dei servizi sanitari, socio-sanitari e socioassistenziali collegati con la Chiesa Cattolica, promosso congiuntamente dall Ufficio nazionale

Dettagli

COMUNE DI FORLÌ AREA SERVIZI AL CITTADINO

COMUNE DI FORLÌ AREA SERVIZI AL CITTADINO ALLEGATO sub A alla deliberazione Giunta Comunale n. 262 del 16/10/2012 COMUNE DI FORLÌ AREA SERVIZI AL CITTADINO Servizio Politiche di Welfare LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO DI PROSSIMITA'

Dettagli

PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI

PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI 1 NOSOTRAS si configura come Associazione di Promozione Sociale ONLUS. Costituita nel 1998, con sede a Firenze, è attiva nell ascolto, sostegno

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

2. REQUISITI ORGANIZZATIVE E STRUTTURALI DELLE COMUNITA DI TIPO FAMILIARE E DEI GRUPPI CONVIVENZA. 2.1. Le Case famiglia e i gruppi di convivenza

2. REQUISITI ORGANIZZATIVE E STRUTTURALI DELLE COMUNITA DI TIPO FAMILIARE E DEI GRUPPI CONVIVENZA. 2.1. Le Case famiglia e i gruppi di convivenza Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture sociali di cui alle lettere a), b), c) d) dell art. 4 del regolamento di attuazione della LR n. 23/2005 Organizzazione e funzionamento delle

Dettagli

GLI STANDARD DI QUALITÀ

GLI STANDARD DI QUALITÀ Azienda Pubblica di Servizi alla Persona GLI DI QUALITÀ DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI RSA di Rovereto, via Vannetti n. 6 RSA di Rovereto, Borgo Sacco, via Fedrigotti 1n. 7 GLI DI QUALITÀ La Vannetti

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

Assistenza e tutela dei diritti immigrati, profughi

Assistenza e tutela dei diritti immigrati, profughi nome progetto Assistenza Immigrati e Profughi 2016 Rete Bianca e Bernie ambito d intervento Assistenza e tutela dei diritti immigrati, profughi 14 volontari senza vitto e alloggio, Sede Indirizzo Comune

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO

REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO ART.1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi di natura economica

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO

1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 5 2. TITOLO AZIONE PRONTO SOCCORSO SOCIALE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Con la presente riprogrammazione, oltre a favorire il

Dettagli

PROGETTO SOCIAL MARKET LA CAMBUSA

PROGETTO SOCIAL MARKET LA CAMBUSA TITOLO IDEA : SOCIAL MARKET LA CAMBUSA Breve sintesi idea : La Cambusa consiste nella realizzazione di un MARKET SOCIALE: un punto di recupero e distribuzione di alimenti, prodotti per l igiene, utensili

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.)

REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) In vigore dal 01.07.2008. Pagina 1 di 6 Approvato con delibera C. C. 16/2008 Art. 1 UTENZA Il SAD è rivolto

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

Ostello/Mensa Don Luigi Di Liegro

Ostello/Mensa Don Luigi Di Liegro Ostello/Mensa Don Luigi Di Liegro Via Marsala, 109 00185 Roma Tel./fax 06 44.41.319 Tel./fax 06 44.57.235 e-mail: ostello@caritasroma.it Come raggiungere la struttura Siamo a circa m. 300 dalla Stazione

Dettagli

La povertà letta dalla Caritas a Livorno

La povertà letta dalla Caritas a Livorno La povertà letta dalla Caritas a Livorno I semestre 2015 Dati raccolti dalla rete di Centri di Ascolto Caritas A cura di Osservatorio Diocesano delle Povertà e delle Risorse POVERTA' ALIMENTARE Area/centro

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Titolo Drop House: l autonomia e l inserimento sociale della Donna

Titolo Drop House: l autonomia e l inserimento sociale della Donna Titolo Drop House: l autonomia e l inserimento sociale della Donna Servizio di riferimento Drop House, Centro Diurno a facile soglia di accesso per donne italiane e straniere anche con figli minori situato

Dettagli

1. INTRODUZIONE. - di mantenimento e recupero dei livelli di autonomia e di sostegno nel progetto di vita indipendente;

1. INTRODUZIONE. - di mantenimento e recupero dei livelli di autonomia e di sostegno nel progetto di vita indipendente; Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture sociali rivolte a minori e giovani adulti, persone con disturbo mentale e persone con disabilità con esiti stabilizzati, anziani, adulti

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

NISIDA società cooperativa sociale ONLUS

NISIDA società cooperativa sociale ONLUS NISIDA società cooperativa sociale ONLUS Percorsi individualizzati di socializzazione e autonomizzazione Non dimenticate l'ospitalità; alcuni, praticandola, hanno accolto degli angeli senza saperlo. [Lettera

Dettagli

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI Dire fare abitare Fondo Fei 2013, Azione 6, prog. 105060 - CUP D18D14000570008 EMERGENZA ABITATIVA Dal

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Indice. Carta dei servizi DROP-IN. Segnavia Milano 01. LA FONDAZIONE SOMASCHI ONLUS

Indice. Carta dei servizi DROP-IN. Segnavia Milano 01. LA FONDAZIONE SOMASCHI ONLUS Indice Carta dei servizi DROP-IN Segnavia Milano 01. LA FONDAZIONE SOMASCHI ONLUS 01. Le nostre radici 02. Chi siamo 03. I nostri servizi 04. Dove siamo 02. SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO 01. Ente gestore

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO

Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO ELABORAZIONE DEL PROGETTO STRUMENTI Bando speciale che deve prevedere: a) le fonti di finanziamento b) il numero degli

Dettagli

La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015

La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015 La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015 Incontro di avvio della programmazione 2015 Obiettivo dell'incontro Un incontro in plenaria per capire a che punto del percorso siamo,

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

HELP CENTER CHIVASSO

HELP CENTER CHIVASSO HELP CENTER CHIVASSO La popolazione di Chivasso I cittadini stranieri PROGETTO STAZIONE SOLIDALE Creazione di un UNITÀ MOBILE DI STRADA per l intervento sulle persone in difficoltà presenti nell area della

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D ALLEGATO D SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) A FAVORE DI PERSONE: ANZIANE, DISABILI, IN SITUAZIONE DI DISAGIO PSICHICO E/O SOCIALE (Il presente

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Avv. Marco CAVICCHIOLI nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Avv. Marco CAVICCHIOLI nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 234 DEL 13.07.2015 OGGETTO: PATRIMONIO - LEGGE REGIONALE N. 3/2010 E S.M.I. ART. 2 COMMA 5 ESCLUSIONE DALL AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli