QUELL ACQUA SOTTO TERRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUELL ACQUA SOTTO TERRA"

Transcript

1 Il Divulgatore n -/200 Quaderni di informazione Agro-Ambientale Pagg QUELL ACQUA SOTTO TERRA La cosiddetta falda ipodermica rappresenta una fonte d acqua significativa per le colture agrarie e va quindi calcolata fra le entrate del bilancio idrico nell ottica di un risparmio degli interventi di irrigazione. A tal proposito è stata costituita una rete di rilevamento mediante piezometri per l elaborazione di una carta dinamica delle profondità di falda nella pianura emiliano-romagnola. THE IMPORTANCE OF GROUNDWATERS The so-called interflow represents a significant water source in most crops, thus it must be considered when calculating the soil water balance, in order to minimise irrigation costs. In this context, a detection network by means of observation pipes was set in order to elaborate a detailed map of groundwater depth in Emilia-Romagna plain areas. Groundwater depth is affected by rainfalls and soil evaporation; the highest values are observed in winter, the lowest ones by the end of summer and the beginning of autumn whereas they keep constant from the end of May till the beginning of June. In low plain areas the minimum values (equal to 80 cm) are recorded in wintertime and springtime whereas the highest ones (equal to 2-2.m) are observed in summer. In high plain areas, some monitoring stations could not detect the presence of water, despite the season. Gioele Chiari Libero professionista Roberto Genovesi Consorzio per il Canale emiliano-romagnolo Silvia Pelle Iter Scarl In Emilia Romagna si consumano ogni anno 2 miliardi e 10 milioni di metri cubi d acqua. Di questi, 00 milioni vanno a soddisfare il fabbisogno civile, 20 milioni vengono utilizzati dall industria e il rimanente miliardo e 400 milioni finiscono impiegati nell agricoltura. Un obiettivo importante da perseguire è allora il risparmio idrico accompagnato da una razionalizzazione delle risorse, che comporta sempre una coerente riduzione dei costi d esercizio. In questa direzione è orientato appunto il progetto regionale descritto in questepagine, che ha inteso innanzitutto fornire agli addetti gli strumenti pratici (dati, tabelle, aggiornamenti, ecc.) capaci di supportare e indirizzare le scelte colturali. Fornire i supporti decisionali richiede, però, innanzitutto, la creazione di una rete di rilievo della falda ipodermica nella pianura emilianoromagnola che possa fornire con precisione e regolarità i dati sull andamento dell acqua nel sottosuolo. In seconda istanza, prima di poter essere efficacemente utilizzati, i dati devono essere elaborati in modo tale da esser chiaramente interpretabili. Per questo creare una rete di collaborazione tra enti e studi pedologici (anche privati) è il secondo obiettivo di questo ambizioso progetto. Nell ottica del servizio alla collettività e al reddito degli agricoltori, il progetto si propone di indagare anche la composizione chimica delle acque ipodermiche, in chiara linea con quanto chiesto a gran voce dall Unione Europea e dalla comunità internazionale. La rete di rilevamento Il progetto poliennale di coordinamento finanziato dalla Regione Emilia-Romagna per la Messa a punto di una metodologia di rilevamento della falda freatica per la realizzazione di una carta dinamica nella pianura emiliano-romagnola si è attivato partendo dalla collaborazione del Consorzio per il Canale emiliano-romagnolo, promotore e ideatore del sistema, con I.ter, che ha caratterizzato i siti dal punto di vista pedologico e verificato i dati di falda, e con il Consorzio di Bonifica Reno Palata, che inizialmente ha messo a disposizione la posa e la lettura delle stazioni di misura collocate nel suo territorio (8 stazioni). In seguito la legge regionale 28/98, con due

2 progetti annuali, ha finanziato la posa e la caratterizzazione di 19 stazioni in provincia di Bologna e 22 stazioni in provincia di Ferrara. Stazione di rilevamento della falda Partendo da questa base, il progetto poliennale ha previsto Provincia Bologna Ferrara Ravenna Numero siti l incremento della rete, operando per ambito provinciale, con la posa di 19 stazioni nella provincia di Ravenna, 7 nella provincia di Reggio Emilia, 13 di Modena e 10 di Forlì-Cesena. Un ulteriore progetto ha permesso la realizzazione di 9 stazioni Forlì Cesena 10 in provincia di Piacenza e 6 in provincia di Parma. Modena 13 La rete di rilevamento della falda è composta, allo stato Reggio Emilia 7 attuale, di 10 stazioni di misura della falda ipodermica, Parma 6 collocate in siti caratterizzati pedologicamente. Le Province Piacenza 9 che ospitano i siti si occupano della lettura dei dati. La scelta dei siti Per falda ipodermica s intende l accumulo di una massa d acqua sottosuperficiale, la cui importanza è correlata alla nutrizione idrica delle colture e alla lisciviazione nel terreno di sostanze indesiderate o elementi della fertilità. Si tratta del livello acquifero superficiale costituente la falda freatica o della falda freatica sospesa. In collaborazione con i tecnici dei consorzi di bonifica locali, si sono individuate, nel territorio regionale, diverse aziende disponibili a artecipare al progetto, mettendo a disposizione un area idonea per la collocazione degli strumenti di misura. I criteri di scelta delle aziende hanno considerato i seguenti fattori: rappresentatività pedologica, sia rispetto alla diffusione del suolo nel territorio della provincia sia rispetto al grado di ricollegamento con l Archivio Regionale dei Suoli; distribuzione geografica; fattori di carattere logistico; conoscenza precedente di presenza di falda entro la profondità indagata; priorità ad aree interessate da colture irrigue (frutteti); subordinazione ad aree con colture estensive e suoli argillosi, in cui la falda può essere presente solo in livelli secondari a tessiture media o grossolana. L ampia presenza di falde superficiali nella bassa pianura emiliano-romagnola ha spinto a realizzare numerose ricerche sui loro effetti nei confronti delle colture, osservando un fortissimo contributo delle falde al rifornimento idrico delle colture erbacee ed arboree. Sulla soia, ad esempio, la presenza di falda a 80 cm di profondità ha garantito la massima produzione senza apporti irrigui, mentre profondità superiori hanno determinato frazioni di assorbimento percentualmente inferiori, che si annullano alla profondità di circa 10 cm. Sulle arboree è stato notato un forte adattamento delle radici alla presenza di falda più o meno profonda: il pesco innestato su GF677 ha mostrato un elevato rifornimento idrico con falde poste sino a 10 cm di profondità per poi diminuire l assorbimento della frangia di risalita a profondità superiori; nel pesco innestato su franco l assorbimento diminuisce già a profondità superiori al metro. Per quanto riguarda la quotazione degli strumenti posati, si è proceduto - in accordo con quanto riportato da Itzuno et al. in numerose esperienze condotte in Florida - ignorando l'altezza sul livello del mare e individuando come valore di benchmark il piano di campagna stesso. La procedura di scelta si è sviluppata partendo dall analisi delle tipologie di suolo maggiormente diffuse - secondo la Carta dei Suoli in scala 1:0.000, seconda approssimazione, con particolare attenzione ai tipi di suolo caratterizzati da evidenze morfologiche di ristagno idrico - e delle aree con presenza certa di falda, interessate da irrigazione. Da ciò è stata avviata, da parte dei consorzi, la ricerca delle aziende disponibili alla sperimentazione, nelle quali si sono effettuati i sopralluoghi per la verifica delle tipologie pedologiche con rilevamento tramite trivella. Scartate le aziende con problemi di scarsa rappresentatività pedologica o inidonee per la collocazione topografica (per es. vicinanza a canali o a maceri), si è effettuata la caratterizzazione del suolo attraverso l apertura dei profili.

3 Le indagini pedologiche sui siti La caratterizzazione dei siti è avvenuta con la fase ricognitiva di osservazione dell azienda (indagine con trivella, intervista al proprietario), con l apertura e descrizione di un profilo pedologico e la descrizione della trivellata a 3 m dal piano campagna. I profili sono stati scavati con mezzi meccanici fino alla profondità di circa 10 cm e a partire dalla base del profilo si è effettuata la trivellata fino alla profondità di 300 cm. Per ciascuna trivellata archiviata sono stati, di norma, rilevati i seguenti caratteri: spessore degli orizzonti; colori della matrice e delle screziature; tessitura (stima delle frazioni < 2 µ; µ; µ e/o delle classi fondamentali USDA); effervescenza all acido cloridrico in soluzione acquosa al 10%; presenza di concentrazioni; presenza di frammenti rocciosi di dimensioni > 2mm (scheletro). Successivamente, ad opera del Servizio Geologico Sismico e dei Suoli, si sono realizzate le analisi dei profili pedologici e quindi, per quanto è stato possibile in relazione ai tempi di attuazione delle analisi e le consegne dei prodotti annuali del progetto, sono state controllate le attribuzioni alle tipologie di suolo. Attualmente tutti i siti della rete dispongono di una trivellata a 3 m e di un profilo classificato e correlato all archivio dei suoli della Regione Emilia Romagna. In questa fase è stata eseguita la prima stesura della Mappa della Rappresentatività dei siti (sotto), basata sui limiti della Carta dei suoli in scala 1:0.000, da convalidare, migliorare o modificare in seguito alla visione ed elaborazione dei dati di falda. Questa mappa esprime la rappresentatività dei siti (in base al suolo) su una carta che raggruppa, secondo i paesaggi principali, le delineazioni della Carta dei suoli in scala 1: In queste mappe le unità cartografiche con analogo comportamento per quanto riguarda la permeabilità, la disponibilità di ossigeno e la posizione nell ambito della pianura sono state raggruppate secondo gli ambienti principali. La distribuzione dei siti, comunque di numero ridotto, si è indirizzata maggiormente sulle aree interessate da frutticoltura, che coincidono con gli ambienti di argine naturale. Come misurare la profondità di falda Batteria di strumenti impiegata in ciascuna stazione La distribuzione dei fori interessa in P1 l intera superficie del piezometro, in P2 il tratto compreso tra 0 e 100 cm, in P3 fra 100 e 10 cm e in P4 fra 10 e 280 cm. Il primo problema affrontato è stato quale strumento usare, piezometro o freatimetro, per il rilevamento del fenomeno, poiché vi sono diverse scuole di pensiero. A questo proposito va ricordato che per piezometro si intende un tubo senza soluzioni di continuità (ad eccezione di un tratto forato) e aperto alle estremità, mentre per freatimetro s intende un tubo forato e chiuso alle estremità. Generalmente all interno del piezometro il livello della falda misurata è maggiore del livello effettivo, poiché le pareti lisce non consentono il raggiungimento di un equilibrio tra il livello dell eventuale falda in pressione e il terreno circostante. Il freatimetro, invece, essendo forato, consente il raggiungimento dell equilibrio tra valori esterni e interni ed è comunemente indicato quale strumento per la misurazione della profondità del pelo libero della falda. Grazie alla diffusa presenza di fori per tutta la lunghezza del tubo, si raggiungerà comunque l equilibrio: è indifferente la presenza o meno di un tappo di fondo. La lunghezza dello strumento è 3 m e il diametro è circa 4 cm (è importante che quest ultimo non scenda al di sotto di 1 cm, per evitare fenomeni di capillarità). Nell esame delle prestazioni dei due strumenti è stata messa in discussione la capacità del freatimetro di segnalare l esatta altezza della falda, poiché per le caratteristiche costruttive segnalerebbe la sola presenza o assenza della stessa entro i 3 metri. Il dubbio ha origine dalla convinzione che l alternanza di strati a differente tessitura,

4 nei 3 metri di profondità considerata, possa tradursi nella presenza di strati a differente permeabilità, per non parlare della presenza inevitabile di uno strato poco permeabile fino a 1 metro di profondità, dovuto alla suola di aratura. Valori di falda rilevati nella terza decade di marzo a Bologna Località Codice sito Classi di profondità della falda dal piano Data dell ultimo rilievo di campagna (cm) Crevalcore 04BO da 60 a Zola Predosa 06BO < S.Giovanni in Persiceto 07BO da 90 a Calderara di Reno 09BO < Anzola Emilia 10BO < Anzola Emilia 12BO da 60 a S. Pietro in Casale 14BO da 60 a Malalbergo 1BO da 90 a Budrio - Mezzolara 19BO da 90 a Molinella 20BO da 90 a Medicina 23BO > Sasso Morelli - Imola 2BO da 90 a Sasso Morelli - Imola 26BO da 60 a S. Giorgio di Piano 27BO da 90 a Amola - Monte S. Pietro 30BO da 120 a Attraversare questi strati con uno strumento perforato lungo le sue pareti, quale è il freatimetro, potrebbe provocare la precipitazione dell acqua di falda prima imprigionata a un altezza superiore; il livello da essa raggiunto nello strumento risulterebbe, quindi, non corrispondente all effettivo livello presente e raggiungibile dalle radici delle piante. In altre parole la lettura dello strumento sarebbe non rappresentativa della reale portata del fenomeno, riducendosi alla semplice attestazione della presenza di una falda nello strato di 3 metri di lunghezza del freatimetro. Per rilevare correttamente il fenomeno, nell ambiente della pianura emiliano-romagnola, sono pertanto utilizzati quattro piezometri - con diametro esterno di 6,4 mm, uno spessore di 3 mm e una lunghezza che va da 70 a 300 cm fra il più corto e il più lungo - e un freatimetro, posizionati in batteria nel modo indicato in figura a fianco. Valutazioni della profondità di falda Ogni sito è stato osservato verificando l altezza di falda rilevata nei cinque strumenti, tenendo presente il comportamento idrologico del suolo alle diverse profondità. L esame delle misure, nelle diverse stazioni, con il confronto delle caratteristiche dei terreni ha potuto evidenziare che nelle stazioni in cui sono presenti orizzonti permeabili i cinque strumenti misurano un altezza di falda comparabile. Quando invece sono presenti orizzonti impermeabili o semipermeabili (con tessiture franco-argillose-limose o francolimose con bassissime percentuali di sabbia), si registrano, all interno della stazione, misure disomogenee, con presenza di falde sospese. Altro caso è quello in cui, pur essendo in ambienti depressi sicuramente saturi d acqua, i terreni argillosi non consentono il rilievo di falda libera. Inoltre non è stata misurata falda in alcune zone di alta pianura dove la falda è più profonda, ad esempio nell ambiente delle conoidi ghiaiose. Nelle stazioni in cui gli strumenti danno misure simili, il dato con cui si sono effettuate le elaborazioni ne costituisce la media. In queste stazioni si considera che il livello di falda sia unico e continuo. Qualora i dati evidenzino la presenza di falde sospese, l altezza di queste è esclusa dall elaborazione. L interpretazione dei dati è stata effettuata empiricamente, valutando l andamento degli istogrammi relativi alle precipitazioni, nei grafici, senza utilizzare modelli evoluti di simulazione del flusso idrico nel suolo. Il bilancio idrico come fine ultimo La valutazione del soddisfacimento idrico da falda per ogni coltura e terreno è un elemento del bilancio idrico di notevole importanza, che implica la conoscenza dei seguenti fattori: radici, profondità, densità ed efficienza in ogni fase biologica; terreno, granulometria, struttura ed uniformità del profilo; umidità del suolo al momento della valutazione; evapotraspirazione, come elemento capace di attivare la risalita capillare.

5 Una valutazione orientativamente valida può essere ottenuta mediante l individuazione del tipo di coltura e della profondità ed efficienza dell apparato radicale della stessa mediante la stima diretta del soddisfacimento idrico da falda. Il risultato sarà perciò la frazione di evapotraspirazione massima della coltura soddisfatta per risalita capillare, da considerare come ingresso nel bilancio idrico al pari delle piogge e delle irrigazioni. Attualmente il dato di falda raccolto dai rilevatori provinciali viene comunicato ai referenti provinciali per l irrigazione, i quali lo utilizzano nei bilanci idrici territoriali per la redazione dei Bollettini di produzione integrata. Per rendere, però, ancor più accessibile il dato dell altezza della falda ad ogni utente che ne richieda la lettura e per poterne permettere l utilizzo nelle pratiche colturali e in particolar modo nella formulazione del bilancio idrico, viene messo a disposizione dei produttori un elaborato sistema informatico capace di numerosi funzioni: Irrinet, il servizio d irrigazione regionale. Collegandosi a Irrinet, qualsiasi agricoltore, senza bisogno di conoscere e comunicare direttamente l altezza della falda dei propri terreni, si vedrà attribuito, in base alla collocazione aziendale, un valore che verrà utilizzato nel bilancio idrico delle proprie colture, riducendone, ove Per accedere a Irrinet, il servizio regionale d irrigazione, consultare i seguenti siti: possibile, i volumi irrigui da distribuire. Infatti, scegliendo l accesso al servizio anonimo, cioè per utenti non registrati, e localizzando l azienda, è possibile utilizzare i dati del Servizio meteorologico regionale che sono di pertinenza di quell area e far partire la procedura di avvio del consiglio irriguo.

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Acquiferi nella pianura costiera emiliano romagnola Acquiferi alluvionali

Dettagli

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 Distribuzione geografica e pedoambiente Aree poste all'interno di fondivalle collinari nelle immediate vicinanze dei rii o piccoli torrenti che li solcano. Si tratta

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Guida alla Disciplina tecnica per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari

REGIONE CAMPANIA. Guida alla Disciplina tecnica per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari REGIONE CAMPANIA AGC Sviluppo Attività Settore Primario Settore SIRCA AGC Ecologia, Tutela dell Ambiente, Ciclo Integrato delle Acque, Protezione Civile Settore Tutela dell Ambiente Guida alla Disciplina

Dettagli

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Docente: Ing. Demetrio Antonio Zema Lezione n. 11: Generalità sugli impianti irrigui Anno Accademico 2011-2012 2012 1 Metodi irrigui 2 Metodi irrigui Modalità

Dettagli

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Perché risparmiare acqua in agricoltura? Non è un bene infinito Riduzione riserva terrestre acqua dolce Scioglimento dei ghiacci competizione utilizzatori (aumento

Dettagli

STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA

STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA Seminario: La gestione delle acque nel territorio agricolo Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Padova Marco

Dettagli

IPLA spa - Settore Suolo 2 Sistema Informativo Pedologico

IPLA spa - Settore Suolo 2 Sistema Informativo Pedologico ARGENTERA franco-fine, fase tipica ARG1 Distribuzione geografica e pedoambiente I suoli Argentera si rinvengono su un vasto areale che spazia,da San Ponzo Canavese a San Benigno(tra Malone e Orco);tra

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

QUANDO E QUANTO IRRIGARE

QUANDO E QUANTO IRRIGARE QUANDO E QUANTO IRRIGARE Il bilancio idrico della coltura - ossia il calcolo, continuamente aggiornato, della quantità d acqua presente nello strato di terreno occupato dalle radici - costituisce un ottima

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M.

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE

Dettagli

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Il caso della Piana di Marjayoun Khiam Arianna Facchi Unità di Ingegneria Agraria CICSAA INQUADRAMENTO GEOGRAFICO LIBANO SIRIA ISRAELE GIORDANIA

Dettagli

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna.

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Bologna, 29 Maggio 2 0 0 8 Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Paolo Severi, Luciana Bonzi Servizio Geologico,

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Consiglio Nazionale dei Geologi Fino all ultima goccia Forum Nazionale sull Acqua 18 19 ottobre 2011 Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Metodologie di protezione dei

Dettagli

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I SEDE OPERATIVA STRADA CAVEDOLE 12/C 41126 PORTILE (MO) STUDIO GEOLOGICO E AMBIENTALE TEL E FAX +39 059 784335 CELL +39 339 8179913 DOTT.SSA CLAUDIA BORELLI e mail c.borelli@studio-borelli.191.it P. IVA

Dettagli

RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI

RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI Ing. Battistello Gianfranco Direttore Consorzio di bonifica Alta Pianura Veneta CONFERENZA ORGANIZZATIVA A.N.B.I. 2013 ALGHERO, 8-10 MAGGIO 2013 Limiti amministrativi

Dettagli

Fig 1. - Distribuzione delle prove geognostiche presenti nella Banca Dati Geognostica

Fig 1. - Distribuzione delle prove geognostiche presenti nella Banca Dati Geognostica 1. Introduzione Il progetto di costruzione di una Banca Dati Geognostica sull intero territorio regionale di pianura è nato con l obiettivo prioritario di disporre di informazioni geologiche di sottosuolo

Dettagli

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE L applicazione realizzata si propone la stima dei consumi idrici delle colture attraverso l integrazioni di più moduli

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

STIMA DEI FABBISOGNI IRRIGUI OTTIMALI DEI CONSORZI DI BONIFICA UTENTI DEL LAGO DI GARDA

STIMA DEI FABBISOGNI IRRIGUI OTTIMALI DEI CONSORZI DI BONIFICA UTENTI DEL LAGO DI GARDA Consorzio di Bonifica Colli Morenici del Garda Consorzio di Bonifica Fossa di Pozzolo Consorzio di Bonifica Sud Ovest Mantova STIMA DEI FABBISOGNI IRRIGUI OTTIMALI DEI CONSORZI DI BONIFICA UTENTI DEL LAGO

Dettagli

INDAGINE STATISTICA SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

INDAGINE STATISTICA SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA INDAGINE STATISTICA SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA A cura di: Elisa Facchini Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 Bologna Tel. +39 051 6093440 Fax +39 051 6093467

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

La qualità dei fertilizzanti e il loro impatto ambientale

La qualità dei fertilizzanti e il loro impatto ambientale La qualità dei fertilizzanti e il loro impatto ambientale da 100 anni Agricoltori per l Agricoltura Fabbrica Cooperativa Perfosfati Cerea Fiera di Verona 07.02.2008 Prof. Paolo Sequi CRA-RPS Consiglio

Dettagli

Gestione Sostenibile dell Irrigazione. Massimo Rocchitta. Bari 4 Febbario 2011

Gestione Sostenibile dell Irrigazione. Massimo Rocchitta. Bari 4 Febbario 2011 Gestione Sostenibile dell Irrigazione Paola Ugas Massimo Rocchitta Bari 4 Febbario 2011 Gestione Sostenibile dell Irrigazione Paola Ugas - L acqua è un elemento di sviluppo economico e sociale - Fino agli

Dettagli

Managing water is managing life

Managing water is managing life USO EFFICIENTE DELLE RISORSE IDRICHE IN AGRICOLTURA, STRUMENTI E PROSPETTIVE The new way to design Managing water is managing life Workshop Camera di Commercio 22/10/2014 Palermo 1 Irrigazione e uniformità

Dettagli

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI Studio della conoide alluvionale del Fiume Taro per la realizzazione di un modello idrogeologico per la gestione sostenibile delle risorse idriche IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area

Dettagli

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 QUADERNO I Sistemi di fondazione PALI E MICROPALI Scheda N : PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 1 Pali trivellati semplici La trivellazione è eseguita senza tubazione di sostegno delle pareti o con tubazione

Dettagli

mitigazione effetti climatici e assorbimento del carbonio

mitigazione effetti climatici e assorbimento del carbonio Analisi, misure ed elaborazioni riguardanti il contenuto di carbonio nei suoli del Piemonte sono eseguiti dall IPLA da circa 10 anni. Il lavoro è realizzato attraverso l elaborazione dei dati provenienti

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PSR CAMPANIA 2007/2013 MISURA 124 ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO www.consulenzairrigua.it PROGETTO REALIZZATO

Dettagli

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI. L approvvigionamento idrico

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI. L approvvigionamento idrico Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA L approvvigionamento idrico Le sorgenti Emungimento

Dettagli

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento al 30 giugno 2011 10 maggio 2012 Sistema informativosmail Emilia-Romagna Aggiornamento

Dettagli

PARTE I. I processi idrologici. Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) Dipartimento di Ingegneria Civile

PARTE I. I processi idrologici. Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) Dipartimento di Ingegneria Civile 1 Corso di Laurea Specialistica in N.O. Giuseppe Aronica Corso di Idrologia Tecnica PARTE I Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) 2 La trasformazione afflussi-deflussi Problema: determinare i deflussi

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

1. Gli interventi a sostegno dell agricoltura (2002/2003)

1. Gli interventi a sostegno dell agricoltura (2002/2003) Rapporto sull annata agraria della provincia di Bologna - Anno 2003 A cura del prof. Roberto Fanfani CAPITOLO II: I CONTRIBUTI DELLE AZIENDE AGRICOLE 1. Gli interventi a sostegno dell agricoltura (2002/2003)

Dettagli

Acqua = Oro blu. Save the water

Acqua = Oro blu. Save the water Save the water seconda edizione Acqua = Oro blu Nel 2050 si prevede che la popolazione mondiale raggiungerà i 9 miliardi di persone, aumentando vertiginosamente la domanda complessiva di risorse naturali.

Dettagli

Struttura dati per introduzione nel Sistema Informativo Siti Contaminati ARPA Sez. Bologna

Struttura dati per introduzione nel Sistema Informativo Siti Contaminati ARPA Sez. Bologna Struttura dati per introduzione nel Sistema Informativo Siti Contaminati ARPA Sez. Bologna settembre 2006 Pagina 1 di 10 Indice: PREMESSA... 3 MATERIALE DA CONSEGNARE.. 3 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

le discariche controllate

le discariche controllate le discariche controllate le discariche controllate (o impianti di smaltimento dello stoccaggio di rifiuti) Le leggi sui rifiuti vengono promulgate non tanto per abbattere i costi dei materiali (riciclo

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Docenza nell ambito del corso Aggiornamento per vivaisti regionali forestali, incarico da parte di Dinamica srl; novembre 2009(Cod. Int. I.TER DIN1).

Docenza nell ambito del corso Aggiornamento per vivaisti regionali forestali, incarico da parte di Dinamica srl; novembre 2009(Cod. Int. I.TER DIN1). Docenze presso l Azienda Tadini di Podenzano (PC) a titolo Terre e vini piacentini: formazione per un progetto aziendale e sovraziendale di zonazione viticola ; novembre 2012 - giugno 2013. Docenze presso

Dettagli

Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA.

Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA. Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA. Introduzione La realizzazione di campi fotovoltaici sul suolo agrario sta

Dettagli

Benchmarking della società dell inf ormazione in Emilia-Romagna

Benchmarking della società dell inf ormazione in Emilia-Romagna Benchmarking della società dell inf ormazione in Emilia-Romagna Diffusione ed utilizzo del pagamento delle contravvenzioni online Settembre 2014 Il presente documento è stato realizzato con la collaborazione

Dettagli

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1 I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA giugno 2012 v.1 su rete fissa > 2Mb/s Media regionale 89,58% su rete fissa > 2Mb/s, espressa in % della popolazione Situazione stimata a giugno 2012 Fonte: dati

Dettagli

GESTIONE TERRITORIALE DEL BILANCIO IDRICO

GESTIONE TERRITORIALE DEL BILANCIO IDRICO 73 CRITERIA - UN SISTEMA PER LA GESTIONE TERRITORIALE DEL BILANCIO IDRICO di Franco Zinoni, Vittorio Marletto e Giorgio Ducco ARPA Emilia-Romagna, Servizio Meteorologico Regionale, Bologna Riassunto CRITERIA

Dettagli

Cooperative e Associazioni

Cooperative e Associazioni Cooperative e Associazioni COOPERATIVE AGCI Associazione Generale Cooperative Italiane Via Riva di Reno, 47 tel 051 229190 fax 051 268050 wwwagci-emrorg agcibologna@agci-emrorg CICA Consorzio Interprovinciale

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

dilenab@arssa-mail.it

dilenab@arssa-mail.it dilenab@arssa-mail.it Introduzione L Aridità è una caratteristica climatica determinata dalla contemporanea scarsità di piogge e dalla forte evaporazione che sottrae umidità al terreno (UNEP 1997- http://www.unep.org/geo/geo1/ch/toc.htm)

Dettagli

CARTA DELLA DOTAZIONE IN SOSTANZA ORGANICA DEI SUOLI DELLA PIANURA EMILIANO-ROMAGNOLA STRATO 0-30 cm SCALA 1:50.000

CARTA DELLA DOTAZIONE IN SOSTANZA ORGANICA DEI SUOLI DELLA PIANURA EMILIANO-ROMAGNOLA STRATO 0-30 cm SCALA 1:50.000 CARTA DELLA DOTAZIONE IN SOSTANZA ORGANICA DEI SUOLI DELLA PIANURA EMILIANO-ROMAGNOLA STRATO 0-0 cm SCALA 1:50.000 Settembre 011 SOMMARIO INTRODUZIONE... DEFINIZIONI... 4 CONSULTAZIONE DELLA CARTA... 5

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Upgrade del DSS AQUATER Descrizione estesa del risultato Il Sistema di Supporto alle Decisioni DSS AQUATER è stato sviluppato a livello di prototipo durante l'omonimo progetto

Dettagli

LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE

LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE DEFINIZIONE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI...2 DEFINIZIONE DI AREE di RICARICA...3 DEFINIZIONE DI FALDE SUPERFICIALI

Dettagli

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!)

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) La Rete Civica di Controllo delle Acque di Falda Dott.ssa Annalisa Gussoni Dott. Alessandro Ummarino http://projectfoks.eu L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) L idrogeologia di Milano in una slide

Dettagli

EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA. Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia

EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA. Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA Relazione del dr. Giorgio Gazzotti, agronomo Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia Dati rilevati in campo sull efficienza

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

PIANO REGIONALE DI CONSULENZA ALLA IRRIGAZIONE PER UN USO CONSAPEVOLE DELL ACQUA IN AGRICOLTURA

PIANO REGIONALE DI CONSULENZA ALLA IRRIGAZIONE PER UN USO CONSAPEVOLE DELL ACQUA IN AGRICOLTURA Assessorato all Agricoltura e alle Attività Produttive PIANO REGIONALE DI CONSULENZA ALLA IRRIGAZIONE PER UN USO CONSAPEVOLE DELL ACQUA IN AGRICOLTURA IL FATTORE ACQUA è per l agricoltura un fattore determinante

Dettagli

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI.

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. OGGETTO: D. Lgs. n 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, L.R. n 5/2006. Istanza di autorizzazione allo scarico di (barrare la casella di interesse): ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. 7 - lettera a)

Dettagli

STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA

STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA Workshop Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche ACCADUEO 2014 Bologna Gianfranco Giannerini - INEA Il progetto MIPAAF

Dettagli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli Convegno L Agricoltura Conservativa esperienze concrete e misure di incentivazione Giovedì 30 ottobre 2014, ore 9,30 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 RE Sostanza organica e potenzialità di

Dettagli

Tubaggio e filtraggio del pozzo

Tubaggio e filtraggio del pozzo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Tubaggio e filtraggio del pozzo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto presso il Dipartimento

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 giunta regionale Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 PSR - REGIONE DEL VENETO. MISURA 214/i AZIONE 3 (alternativa 1, 2 e 2bis) PER GLI IMPEGNI DI Riduzione del 25% dei volumi irrigui per

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Esperienze dei geologi nel rischio sismico. Relatore Dott. ssa Geol. Livia Soliani

Esperienze dei geologi nel rischio sismico. Relatore Dott. ssa Geol. Livia Soliani Esperienze dei geologi nel rischio sismico Relatore Dott. ssa Geol. Livia Soliani NASCE GEO PRO CIV 3 luglio 2002 a Bologna con atto notarile nasce GEO PRO CIV: Associazione Geologi Emilia Romagna per

Dettagli

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Con il patrocinio di 14 SETTEMBRE 2015 IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Relatore: ing. Umberto Niceforo direttore Consorzio Brenta Le radici nella geografia e nella storia

Dettagli

DEGUSTAZIONE DI TERRE

DEGUSTAZIONE DI TERRE Proposte di degustazione Seminario con degustazione Dalle Terre ai vini emiliani promosso da CRPV, Regione Emilia-Romagna ed Enoteca Regionale Emilia-Romagna. In collaborazione con I.TER, Università Cattolica

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

Le interazioni tra i PSR 2007-2013 e gli obiettivi ambientali della DQA e del PdG del Po Applicazioni e integrazioni Parma 13 maggio2013

Le interazioni tra i PSR 2007-2013 e gli obiettivi ambientali della DQA e del PdG del Po Applicazioni e integrazioni Parma 13 maggio2013 Le interazioni tra i PSR 2007-2013 e gli obiettivi ambientali della DQA e del PdG del Po Applicazioni e integrazioni Parma 13 maggio2013 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Gruppo

Dettagli

Costi di produzione e redditività del mais

Costi di produzione e redditività del mais SEMINARIO Bologna il 3 dicembre 2012 Costi di produzione e redditività del mais Quanto costa produrre latte e mais in emilia-romagna? La competitività di queste filiere Renato Canestrale, Valeria Altamura

Dettagli

Estratto dal settimanale Terra e Vita n. 16/2004, pagg. 51-52

Estratto dal settimanale Terra e Vita n. 16/2004, pagg. 51-52 Estratto dal settimanale Terra e Vita n. 16/2004, pagg. 51-52 Ve.Pro.L.G. Esempio d applicazione del software, nell assistenza tecnica per ottimizzare l impiego di acqua e di energia negli impianti di

Dettagli

Irrigazione a pioggia: i rotoloni abbassano i costi Giorgio Gazzotti, coordinatore AMIS

Irrigazione a pioggia: i rotoloni abbassano i costi Giorgio Gazzotti, coordinatore AMIS Col clima che cambia mutano le tecniche irriue Secondo alcune anticipazioni di un rapporto dell Ipcc (Interovernmental Panel on Climate Chane), ovvero il ruppo interovernativo dell Onu che si occupa di

Dettagli

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Conferenza delle regioni e delle provincie Autonome Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione

Dettagli

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di terreno per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 0 del 15/02/07 Pagina 1 di 9

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di terreno per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 0 del 15/02/07 Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 PRELIEVO, TRASPORTO E CONSEGNA DI CAMPIONI DI TERRENO PER VERIFICA D. LGS 99/92 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. RESPONSABILITA' 5. LINEA GUIDA 5.1 Definizioni 5.2

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in:

DISCIPLINARE TECNICO. Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in: REGIONE SICILIANA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE PALERMO DISCIPLINARE TECNICO Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in:

Dettagli

ELENCO DELLE SOCIETA DIRETTAMENTE PARTECIPATE DAL COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO ALLA DATA DEL 31/12/2014

ELENCO DELLE SOCIETA DIRETTAMENTE PARTECIPATE DAL COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO ALLA DATA DEL 31/12/2014 ELENCO DELLE SOCIETA DIRETTAMENTE PARTECIPATE DAL COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO ALLA DATA DEL 31/12/2014 1) CENTRO AGRICOLTURA AMBIENTE G. NICOLI Via Argini Nord 3351 40014 Crevalcore (BO) C.F. 01529451203

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO 5. INQUADRAMENTO GEOTECNICO 1 1. PREMESSA La presente relazione ha come

Dettagli

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE Servizio Percorsi di qualità, relazioni di mercato e integrazioni di filiera U.O. RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata in località Cavallara presso l abitato di S.Giovanni nel Comune di Ostellato.

Dettagli

Infiltrazione - Generalità

Infiltrazione - Generalità Infiltrazione - Generalità Quando la precipitazione arriva al suolo: in parte bagna le superfici (intercezione, detenzione superficiale), in parte riempie le depressioni superficiali, in parte si infiltra

Dettagli

Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli

Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli Milano 24 Novembre 2009 - Il comportamento di nitrati e fitofarmaci nel suolo Lorenzo Bassi ERAF - Dipartimento

Dettagli

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Studio di Ingegneria e Consulenza 01P COMUNE DI SONDRIO PROVINCIA DI SONDRIO Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA SOMMARIO PREMESSA... 3 IRRIGAZIONE DI SUPERFICI SPORTIVE...

Dettagli

H2O ACCADUEO 2014. Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche

H2O ACCADUEO 2014. Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche H2O ACCADUEO 2014 Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche IL PUNTO DI VISTA DEI PRODUTTORI Sala Madrigale Bologna Fiere 23 Ottobre 2014 Giampiero Reggidori APOCONERPO-OP Filiera dell

Dettagli

8 - LE ACQUE SOTTERRANEE

8 - LE ACQUE SOTTERRANEE 8 - LE ACQUE SOTTERRANEE Con le precipitazioni giunge acqua al suolo; ad essa può aggiungersi quella di fusione dei ghiacciai e delle nevi nelle montagne più elevate. Una parte ruscella sulla superficie

Dettagli

Internet e telematica Mauro Nanni

Internet e telematica Mauro Nanni Internet e telematica Mauro Nanni Connessione ad Internet ad uso didattico A partire dalla seconda metà degli anni 90 le scuole hanno iniziato ad utilizzare strumenti telematici per le attività didattiche

Dettagli

Emilia Romagna. Dati regionali. Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali

Emilia Romagna. Dati regionali. Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Emilia Romagna Tra le regioni del Nord l economia dell Emilia Romagna ha evidenziato la più ampia fl essione nel 2012, effetto della nuova

Dettagli

Categorie di informazione necessarie all attivazione di un Consorzio aderente

Categorie di informazione necessarie all attivazione di un Consorzio aderente Gestione della piattaforma Categorie di informazione necessarie all attivazione di un Consorzio aderente Ultima revisione 03/05/2012 Premessa...1 A. Dati GIS...2 Specifiche generali valide per tutte le

Dettagli

Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara

Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara Sviluppo di un sistema di supporto decisionale applicato ad un contesto idraulico territoriale di estrema complessità. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLE BONIFICHE ALGHERO

Dettagli