RASSEGNA STAMPA del 15/07/2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA del 15/07/2010"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA del 15/07/2010

2 Sommario Rassegna Stampa dal al La Citta'di Salerno: caldo, il nuovo picco nel weekend scatta la massima allerta per 19 città... 1 Corriere del Mezzogiorno (Ed. Bari): Dieci ettari di macchia distrutti in un incendio... 2 Corriere del Mezzogiorno (Ed. Salerno): Terremoto all'alba, migliaia in strada con l'incubo del La Gazzetta del Mezzogiorno.it: Arriva il caldo allarme in Puglia... 4 Gazzetta del Sud: Prevenzione degli incendi un accordo coi volontari... 5 Gazzetta del Sud: Assistenza negli eventi rinnovata la convenzione... 6 Gazzetta del Sud: Weekend di fuoco in tutta Italia temperature ancora in aumento... 7 Il Giornale della Protezione Civile.it: I mezzi della flotta aerea dello Stato impiegati per spegnere nove incendi... 8 Il Giornale della Protezione Civile.it: Lotta agli incendi boschivi, firmato il Protocollo tra Protezione Civile e... 9 Il Giornale della Protezione Civile.it: Ricostruzione dopo il terremoto in Abruzzo: Durnwalder incontra il sindaco.. 10 Il Mattino (Caserta): Aversa. Sono iniziati saggi geognostici all'interno dell'ex scuola media Manzoni, la struttura Il Mattino (Circondario Sud1): Roma. Allerta caldo in 7 città ma le temperature sono destinate a salire ancora, Il Mattino (Circondario Sud2): CERCOLA Acqua, il Consiglio: no ad aziende private La gestione dell'acqua a Il Mattino (Salerno): Una scossa di terremoto di magnitudo 3,4 è stata avvertita dalla popolazione alle 5.36 di ieri.. 14 Il Mattino (Salerno): vigili urbani Rifiuti dai non residenti Due multe da 500 euro Continuano i controlli dei vi Il Mattino (Salerno): La Giunta provinciale, relatore il Presidente Cirielli, ha deciso di istituire il comitato Il Mattino (Salerno): Il Vallo di Diano, come la confinante area della Bassa Valle del Tanagro, è zona ritenuta ad... 17

3 Estratto da pagina: La Citta'di Salerno caldo, il nuovo picco nel weekend scatta la massima allerta per 19 città - Attualita ROMA. Non dà tregua la cappa di calore sull'italia. Il picco dovrebbe essere raggiunto tra domani e sabato, quando 19 delle 27 città italiane monitorate dalla Protezione Civile saranno al livello massimo di allerta per le ondate di calore. Oggi il numero delle città con il livello di massima allerta salirà a nove (Bolzano, Brescia, Genova, Firenze, Milano, Perugia, Roma, Torino e Trieste) mentre domani saranno 19: Bolzano, Bologna, Brescia, Campobasso, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Messina, Milano, Perugia, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona e Viterbo. A queste vanno aggiunte anche Napoli, Palermo e Pescara: si fermeranno ad un allerta di livello 2', che significa comunque «temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione a rischio». Intanto è polemica sulle misure del ministero della Salute. Per il Codacons il ministro Fazio prende «in giro gli italiani» con l'attivazione del «solito tanto scontato quanto inutile numero verde» e «una letterina, come quelle che si fanno a Babbo Natale, a comuni, prefetti e medici di famiglia per attivare l'allerta ed invitarli, gentilmente, ad affrontare l'emergenza caldo». Secondo l'associazione dei consumatori il ministro «si dimentica che nell'unico anno in cui si procedette ad un conteggio, l'istituto Superiore di Sanità accertò anziani morti». SUD Pag. 1

4 Corriere del Mezzogiorno (Ed. Bari) 14 lug 2010 Bari RIPRODUZIONE RISERVATA Dieci ettari di macchia distrutti in un incendio Circa dieci ettari di macchia mediterranea e bosco sono stati distrutti da un incendio divampato in località «Macchia libera» di Monte San'Angelo. Le fiamme, secondo quanto rende noto l'assessorato regionale alla Protezione civile, sono state spente «con tempestività». Nell'intervento sono stati utilizzati operai volontari, uomini del Corpo forestale dello Stato e vigili del fuoco. Sono stati impiegati anche due velivoli Fire boss (hanno compiuto 28 lanci d'acqua). Nei giorni scorsi altri incendi erano divampati nel Salento, nella zona turistica di Santa Cesarea Terme e Castro: in quelle circostanze è stata accertata la natura dolosa degli incendi. SUD Pag. 2

5 Estratto da pagina: Corriere del Mezzogiorno (Ed. Salerno) Terremoto all'alba, migliaia in strada con l'incubo del lug 2010 SalernoStefania Marino RIPRODUZIONE RISERVATA La magnitudo ha toccato i 3.4 Richter. Nessun ferito Scossa tra Auletta, Salvitelle, Caggiano Da AULETTA - «Ho sentito come un boato, poi ho visto tremare le ante del balcone». Rosa Pepe, con ancora un po' di paura in gola, racconta il terremoto che ieri mattina alle 5.36 ha svegliato Auletta, ma anche la vicina Salvitelle e poi Caggiano e ancora altri comuni del comprensorio, Buccino, Polla, Pertosa, Petina. La scossa registrata dall'istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia è stata di magnitudo 3.4. «E' durato tutto pochi secondi-racconta la signora Rosail mio primo pensiero è andato ai miei figli. Siamo scappati subito tutti fuori». Da queste parti, nella zona del Tanagro, il terremoto è un brutto ricordo legato all'immagine delle macerie e dei morti del sisma del 23 novembre 1980 in Irpinia. La terra tremò anche nel salernitano e anche qui seppellì tante vite. Ieri mattina, alle prime luci dell'alba, quando le famiglie si sono ritrovate per strada, la mente è tornata indietro nel tempo a 30 anni fa. «Per fortuna non ci sono stati danni, nessuno si è fatto male, abbiamo avuto solo una grande paura». Una paura che ha aleggiato nell'aria per tutta la giornata. Il sindaco Carmine Cocozza, quando la terra ha tremato, era già in piedi. «Il sussulto del terremoto» che lo ha costretto a scendere in strada e dopo un po' ad accertarsi che non ci fossero stati danni a cose e persone. Il «sussulto» però in località Braita ha spaccato un'utenza idraulica e in località Tufariello ha lasciato cadere lingue di intonaco sul letto di una signora. Nel pomeriggio il sindaco è in municipio con i vigili urbani e i responsabili dell'ufficio tecnico per gli accertamenti post-terremoto. Ad Auletta il terremoto del 1980 è una faccenda ancora attuale. Ci sono ancora due graduatorie, di fascia AeB il cui destino è legato ai fondi per la ricostruzione. Il punto di partenza era la famosa legge 219: qui si attendono ancora 2 milioni di euro. Domenico Nunziata, è il sindaco del piccolo comune di Salvitelle, località vicina all'epicentro, il risveglio è stato traumatico. «Ho sentito come un fischio-dice il primo cittadino - siamo scesi in strada. Non è stato facile poi rientrare in casa». Anche in questo piccolo comune, nel 1980, il terremoto significò morte. Una ferita sociale che ad un tratto ieri mattina si è riaperta. «Abbiamo fatto una perlustrazione per capire cosa fosse accaduto in paese; i miei concittadini sono rimasti tanto tempo sulla soglia di casa. Sono ancora tutti spaventati dal fatto che possa esserci una scossa più forte». A Salvitelle, come ad Auletta, la parola terremoto, fa parte ancora dell'azione amministrativa. Basti pensare che proprio il 7 agosto prossimo, il sindaco Nunziata, consegnerà 45 alloggi costruiti con i fondi della legge 219, quella che per anni è stata la legge dei terremotati. SUD Pag. 3

6 La Gazzetta del Mezzogiorno.it Arriva il caldo allarme in Puglia Arriva il caldo allarme in Puglia Risorse correlate Matera, emergenza per valori di ozono Nelle giornate di oggi e domani, la colonnina di mercurio nella nostra regione arriverà a toccare punte di 36 gradi. L'innalzamento della temperatura si deve a un area di alta pressione proveniente dall'africa. L'assessore regionale alla Protezione civile, Fabiano Amati, illustra così il primo vero «allarme» afa alle nostre latitudini. «Nelle prossime 72 ore - dice - il cielo sarà sereno, il vento debole e le temperature in aumento, con 4-6 gradi al di sopra della media stagionale». In particolare domani ci sarà un ulteriore aumento delle temperature rispetto a ieri che farà sì che le stesse saranno comprese tra i 29 e i 33 gradi, raggiungendo i 36 gradi in Capitanata e nell'a rc o ionico. Domani le condizioni meteo resteranno pressoché invariate. «Fortunatamente la giornata di oggi - fa sapere Amati - affronterà condizioni non a rischio per la salute della popolazione, indicata al livello 0, mentre per domani il sistema di allarme per la prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute dei cittadini si attesterà a livello 1, ovvero non direttamente a rischio per la salute ma che potrebbe sfociare in condizioni di livello 2 (a rischio per alcune fasce della popolazione). «I dati costantemente forniti dal Dipartimento di Protezione civile - spiega ancora Amati - vengono costantemente aggiornati e messi a disposizione non solo dei canali ufficiali regionali ma anche di tutti i presidi sanitari che possono monitorare costantemente ed in totale autonomia lo stato delle ondate di calore al fine di prevenire problemi e malesseri legati all'aumento delle temperature per i pazienti. Fortunatamente non esiste nella nostra regione una condizione di particolare allarme o rischio, anche grazie ad una diffusa mancanza di afa e di livelli contenuti di umidità, ad eccezione della zona del tarantino che invece subirà lieve disagio fisico a causa di un elevato stato di umidità, ma comunque la Protezione civile regionale consiglia, soprattutto a persone anziane o non autosufficienti, a quanti assumono regolarmente farmaci, neonati e bambini piccoli o a chi fa esercizio fisico o svolge un lavoro intenso all'aria aperta, di non uscire nelle ore più calde, in casa di proteggersi dal calore del sole utilizzando tende o persiane e mantenendo il climatizzatore a gradi, di bere molto, mangiare frutta o pasti leggeri ed evitare bevande alcoliche e caffeina. Infine sarebbe preferibile indossare abiti e cappelli leggeri e se si ha una persona in casa malata fare attenzione che non sia troppo coperta. Non esiste allo stato alcuna condizione di emergenza, anche se ovviamente, laddove dovesse verificarsi una situazione di particolare criticità, la Protezione civile è pronta ad intervenire attraverso la sua rete di volontari che attivano sistemi di assistenza alla popolazione». 14 Luglio 2010 SUD Pag. 4

7 Gazzetta del Sud Prevenzione degli incendi un accordo coi volontari Siracusa Siglato per la prima volta fra la Provincia regionale ed il dipartimento provinciale della Protezione civile della Regione l'accordo per l'utilizzo di associazioni di volontariato per l'avvistamento e la prevenzione degli incendi boschivi e di spegnimento a supporto dei Vigili del Fuoco e del Corpo della Forestale. L'apposito protocollo di intesa è stato firmato dal presidente della Provincia regionale, on. Nicola Bono, e dal capo del dipartimento, l'ingegnere Paolo Burgo. «Dopo la positiva esperienza dello scorso anno ha detto il presidente Bono che, grazie anche al contribuito della Provincia regionale nell'azione di avvistamento incendi, registrò la riduzione di oltre il 70 per cento degli incendi boschivi, abbiamo ritenuto di rafforzare e omogeneizzare l'azione con una sinergia più stringente con la Protezione civile della Regione». Bono ha spiegato che insieme a Paolo Burgo è stato siglato un accordo per determinare la massimizzazione dei risultati, con l'impiego di risorse contenute, «per rendere alla collettività siracusana il preziosissimo servizio di prevenzione degli incendi, che tanto danno e devastazione hanno arrecato in passato, per mano di vili ed interessati piromani, intenti a perseguire i loro obiettivi di illegale speculazione». SUD Pag. 5

8 Gazzetta del Sud Assistenza negli eventi rinnovata la convenzione Avola È stata approvata dalla giunta municipale presieduta dal sindaco Tonino Barbagallo la convenzione denominata "Assistenza eventi 2010". È stata siglata con la locale Associazione di volontariato Confraternita Misericordi di Avola. La spesa di tale convenzione, che viene rinnovata ormai da anni, ammonta a 14 mila euro. È una somma che sarà utilizzata dal capitolo "Spese per servizi di protezione civile". La convenzione comporta da parte dell'associazione, rappresentata in città da Salvatore Caruso, il servizio di protezione civile, antincendio, assenze ambulanza durante le manifestazioni previste per il periodo estivo, il trasporto di persone inferme e la postazione di soccorso presso la riserva naturale dei Laghetti di Cavagrande del Cassibile. L'atto deliberativo, firmato da tutti gli amministratori presenti alla riunione di giunta, è stato dichiarato immediatamente esecutivo previa l'accettazione dell'organizzazione di volontariato. (m.d.s.) SUD Pag. 6

9 Gazzetta del Sud Weekend di fuoco in tutta Italia temperature ancora in aumento Attivato, per le fasce a rischio (bimbi e anziani), il numero verde 1500 Alessandro Nardelli ROMA Si allarga l'allarme rosso afa per le città italiane. Domani saranno 19 i centri urbani italiani, sui 27 monitorati, con il livello di massima allerta, soprattutto del Centro-Nord. Intanto la situazione sarà rovente già oggi, alla vigilia appunto del picco, previsto dalla Protezione Civile, tra domani e sabato. Sul fronte salute il ministro Ferruccio Fazio ha attivato il numero verde 1500 (soprattutto a tutela delle "fasce" a rischio: bimbi e anziani che rischiano più facilmente la disidratazione). «Siamo in situazione di allerta ha detto Fazio nella riunione al ministero con le Regioni, la Protezione civile, rappresentanti del ministero dell'interno, Anci e medici di base : in Nord e centro Italia c'è una situazione meteo che fa ritenere possa essere a rischio parte della popolazione, soprattutto gli anziani fragili». Situazioni-limite si sono registrate in alcune città, come a Livorno dove un'aula di Tribunale diventa "terzo mondo" così ha voluto fosse messo a verbale un giudice che sottolinea «l'estrema difficoltà» di lavoro per l'alta temperatura «alleviata solo da alcuni ventilatori acquistati a spese dei magistrati o del personale». Si suda anche in alta quota, pur se le temperature restano in linea con le estati : 6,4 gradi la temperatura più alta registrata in questo periodo alla Capanna Margherita, il rifugio più alto d'europa che si trova sulla punta Gnifetti, a metri di quota, sul massiccio del Monte Rosa. Ecco la mappa dell'italia che "bolle": oggi nove le città "a rischio" (Bolzano, Brescia, Genova, Firenze, Milano, Perugia, Roma, Torino e Trieste), domani saranno 19 (Bolzano, Bologna, Brescia, Campobasso, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Messina, Milano, Perugia, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona e Viterbo) alle quali si aggiungono Napoli, Palermo e Pescara che si fermeranno a un'allerta di "livello 2", che significa comunque «temperature elevate e condizioni meteo che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione a rischio». Temperatura, umidità, mortalità giornaliera e durata dell'ondata di calore sono i fattori cruciali per stilare la mappa dell'emergenza sanitaria in situazioni di afa. È da qui, infatti, che nascono i "bollettini" con i livelli di allerta: 1 basso, 2 elevato, 3 molto elevato. È sul livello 2 e 3 che le città si colorano rispettivamente di arancione e di rosso fuoco. Questo il sistema nazionale di allarme Heat health watch warning systems (HHWWS) attivo in 27 città italiane e coordinato dal Dipartimento di Epidemiologia Centro di competenza nazionale, a cui è collegato il Piano di prevenzione ondate di calore del ministero della Salute illustrato ieri mattina dal ministro Fazio. «Non si tratta di previsioni meteo ha spiegato il Direttore del Dipartimento di epidemiologia della Regione Lazio, Marina Davoli ma di un sistema-città specifico che prevede il verificarsi di condizioni a rischio per la salute della popolazione più vulnerabile». E rende doveroso un efficace sistema di contromisure. SUD Pag. 7

10 Il Giornale della Protezione Civile.it I mezzi della flotta aerea dello Stato impiegati per spegnere nove incendi La situazione più critica si è verificata in Puglia Articoli correlati Martedi 13 Luglio 2010 Incendio a Monte Sant'Angelo (FG). Intervengono due Fire Boss tutti gli articoli» Mercoledi 14 Luglio Attualità Nella giornata di ieri la flotta aerea dello Stato è intervenuta per spegnere nove incendi che sono divampati in diverse regioni italiane. La situazione è stata particolarmente critica soprattutto in Puglia, dove la Sala operativa unificata di protezione civile ha dovuto gestire diversi incendi sul territorio: ad Andria, dove sono bruciati 100 ettari di pascolo e 5 di stoppie in località Bosco di Spirito, sono intervenuti due Fire Boss che hanno eseguito 11 lanci d'acqua, mentre da terra si sono svolte le operazioni delle squadre del Servizio foreste, del Corpo Forestale dello Stato, dei Vigili del Fuoco e dei volontari; gli stessi mezzi sono stati impiegati anche a Monte Sant'Angelo, in provincia di Foggia, dove in località Macchia libera le fiamme hanno distrutto 10 ettari di macchia mediterranea e di bosco, senza però raggiungere la montagna e le abitazioni; infine a Bitonto, in provincia di Bari, si è sviluppato un incendio che ha distrutto circa 40 ettari di bosco nel Parco dell'alta Murgia, in località Bosco Rogadeo. Come ha dichiarato l'assessore regionale alla Protezione Civile Fabiano Amati, l'intervento tempestivo di 30 uomini delle squadre AIB regionali, che hanno collaborato con carabinieri, Polizia di Stato, Corpo Forestale dello Stato, Servizio Foreste, volontari e Vigili del Fuoco, è stato fondamentale per evitare l'ulteriore espansione del fuoco; a causa delle elevate temperature registrate nel corso della notte e della prima mattinata di oggi però alcuni focolai si sono nuovamente accesi: si tratta infatti di una zona impervia, caratterizzata da particolari condizioni climatiche, e da giugno questo è l'ottavo incendio che colpisce la zona. Le squadre sono quindi tornate nuovamente al lavoro, e i Fire Boss hanno prelevato l'acqua dalla Diga del Locone per evitare di lanciare acqua salmastra, che provocherebbe ulteriori danni. Canadair del Dipartimento della Protezione Civile sono stati impiegati invece in Calabria per spegnere due incendi che si sono sviluppati a Siderno nel reggino e in un bosco di Casabona in provincia di Crotone. Canadair e Fire Boss sono stati impiegati anche in Sardegna, a Villacidro, in Abruzzo a Torricella Sicura, in Sicilia per domare le fiamme in un bosco di Noto nel siracusano e in Umbria, per spegnere un rogo di arbusti e macchia che si era esteso per un fronte di 600 metri nel Comune di San Venanzo, in provincia di Terni. (red - eb) SUD Pag. 8

11 Il Giornale della Protezione Civile.it Lotta agli incendi boschivi, firmato il Protocollo tra Protezione Civile e Provincia di Siracusa L'accordo prevede l'impiego di squadre di volontari per avvistamento, prevenzione e spegnimento degli incendi Mercoledi 14 Luglio Dal territorio È stato firmato un Protocollo d'intesa tra il presidente della Provincia regionale di Siracusa, l'onorevole Nicola Bono, e il capo del Dipartimento provinciale della Protezione Civile della Regione, l'ingegnere Paolo Burgo. L'accordo prevede l'impiego delle associazioni di volontariato per quanto riguarda avvistamento e prevenzione degli incendi boschivi, oltre che per le operazioni di spegnimento a supporto dei Vigili del Fuoco e del Corpo Forestale. Il protocollo prevede anche il rimborso delle spese ai gruppi di volontariato per quanto riguarda carburante utilizzato e pasti. L'accordo prevede il coinvolgimento di quattordici associazioni, per un totale di circa cento volontari, al lavoro fino al 31 agosto. Il presidente Bono ha voluto sottolineare l'esperienza positiva dello scorso anno, "che, grazie anche al contributo della Provincia regionale di Siracusa, nell'azione di avvistamento incendi, registrò la riduzione di oltre il 70% degli incendi boschivi"; ed è anche per questo motivo che il presidente della Provincia ha voluto rafforzare l'azione "con una sinergia più stringente con la Protezione civile della regione siciliana". L'accordo firmato con l'ingegner Burgo è volto a massimizzare i risultati attraverso un impiego contenuto di risorse "per rendere alla collettività siracusana il preziosissimo servizio di prevenzione degli incendi". Bono ha anche voluto ringraziare "i tanti volontari che si sono impegnati lo scorso anno e che si impegneranno in questa stagione estiva in questo nobile compito", ricordando che senza i volontari, sarebbe impossibile raggiungere gli obiettivi previsti dall'accordo. (red) SUD Pag. 9

12 Il Giornale della Protezione Civile.it Ricostruzione dopo il terremoto in Abruzzo: Durnwalder incontra il sindaco di Ocre Il Presidente della Provincia di Bolzano ha ricevuto una delegazione giunta a ringraziare l'alto Adige per l'impegno profuso Mercoledi 14 Luglio Dal territorio 20 abitazioni costruite, altre 11 piattaforme per moduli abitativi provvisori, infrastrutture primarie, sistemazioni esterne, parcheggi: sono alcuni degli interventi che la Provincia di Bolzano ha assicurato nel comune di Ocre dopo il terremoto in Abruzzo. Per questo il sindaco di Ocre Fausto Fracassi ha ringraziato oggi, nel corso di una visita al Presidente Durnwalder, l'alto Adige. "Giro il grazie degli abruzzesi ai nostri volontari, ai tecnici, ai cittadini che hanno contribuito con la loro generosità ad aiutare la popolazione dell'aquila", ha sottolineato Durnwalder. Il sindaco ha riferito che nei residenti è ancora vivo il ricordo degli amici altoatesini, "rimasti nel cuore degli abruzzesi - spiega Durnwalder - per la loro semplicità, la loro serietà e la grande capacità professionale." Dopo il terremoto operatori e volontari altoatesini hanno assicurato un intervento fondamentale: giornate/persona con ore di lavoro, la gran parte a puro titolo di volontariato, quasi 53mila pasti caldi forniti oltre al sostegno psicologico e all'assistenza infermieristica. Nelle frazioni di Ocre la Provincia di Bolzano ha costruito 20 abitazioni CasaClima B, cui si sono aggiunte aree di parcheggio e sistemazioni esterne, infrastrutture primarie e 11 piattaforme per il montaggio di altrettanti moduli abitativi. Nell'incontro a Palazzo Widmann si è parlato anche di nuovi interventi: "Grazie alla generosità di Comuni e cittadini dell'alto Adige è ancora disponibile un importo di 350mila euro che, secondo le richieste del sindaco di Ocre, potrebbe essere impegnato nella costruzione di una Casa della cultura, un luogo di aggregazione e di incontro per la popolazione del Comune e delle sue frazioni", spiega Durnwalder. Una volta finanziato, il progetto potrebbe partire già a settembre ed essere completato entro il (red) SUD Pag. 10

13 Il Mattino (Caserta) Aversa. Sono iniziati saggi geognostici all'interno dell'ex scuola media Manzoni, la struttura indiv... Mattino, Il (Caserta) "" Data: 14/07/2010 Indietro 14/07/2010 Chiudi Aversa. Sono iniziati saggi geognostici all'interno dell'ex scuola media Manzoni, la struttura individuata come sede della Casa dello studente che nascerà in via Castello. Le prove sono propedeutiche all'elaborazione del progetto esecutivo affidato alla ditta Siva, vincitrice della gara d'appalto per la ristrutturazione della struttura che, dopo tante difficoltà legate ai ricorsi dell'altra ditta concorrente e alla definizione del comodato d'uso tra Comune e Adisu dovrebbe procedere a breve alla cantierizzazione dei lavori. La nuova casa dello studente si accompagnerà a quella realizzata nell'ex carcere mandamentale femminile di via San Felice, aperta solo il giorno del taglio del nastro,tre anni fa, in concomitanza con l'ultima campagna elettorale per le elezioni comunali. Da allora la piccola struttura, il cui restauro pluripremiato, siglato dallo studio dell'architetto Vargas ha portato alla realizzazione di 30 alloggi, non ha più riaperto i battenti e si attende ancora l'acquisto degli arredi e il completamento del cortile interno. Intanto dall'ex scuola media Manzoni di via Castello, che dovrebbe rispondere alla fame di alloggi per universitari con 80 posti letto, si stanno trasferendo gli uffici dislocati della Commissione elettorale che saranno accolti al piano terra della Biblioteca comunale, così come parte dell'archivio del Giudice di Pace che sarà trasferito a san Domenico. Stessa sorte toccherà al gruppo di Protezione civile Victor India che è un associazione di volontariato che opera sul territorio. «Alcune loro strutture - afferma l'assessore ai Lavori pubblici, Rino Rotunno - erano ospitate in via amichevole nell'ex scuola media, ma il nostro gruppo comunale ufficiale di Protezione civile, che ha sede nell'ex Macello, non è interessato da traslochi». La presenza di studentati è elemento imprescindibile per favorire il processo di internazionalizzazione delle due Facoltà aversane, parametro che viene giudicato dal Ministero dell'istruzione nel processo di valutazione delle Università italiane. Al momento, in città non esistono sedi aperte per studenti e con l'avvicinarsi del nuovo anno accademico, pur tra le mille perplessità legate all'agitazione degli atenei e alla rinuncia agli incarichi presentata dalla larga maggioranza dei ricercatori che farebbe saltare molti corsi, è ricominciato il tam tam dei fuori sede alla ricerca dell'alloggio più conveniente. an.sgu. RIPRODUZIONE RISERVATA SUD Pag. 11

14 Il Mattino (Circondario Sud1) Roma. Allerta caldo in 7 città ma le temperature sono destinate a salire ancora, soprattutto ne... Mattino, Il (Circondario Sud1) "" Data: 14/07/2010 Indietro 14/07/2010 Chiudi Roma. Allerta caldo in 7 città ma le temperature sono destinate a salire ancora, soprattutto nel centro-sud, attestandosi verso i 40 gradi per venerdì. Una temperatura «reale» alla quale in questi giorni va aggiunta quella «percepità» che fa salire il termometro «interno» di diversi gradi, come per esempio a Roma dove, per colpa soprattutto dell'umidità, che nella capitale è arrivata anche all'80%, le temperature percepite sono state oltre i 41 gradi. Il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, ogg presiede la riunione con Regioni e Comuni per verificare l'attuazione del Piano operativo 2010 per la prevenzione degli effetti sulla salute delle ondate di calore. E nelle città roventi aumentano le richieste di aiuto ai pronto soccorso. Boom di chiamate al 118 a Roma e provincia: rispetto agli ultimi giorni le telefonate sono aumentate del 40%, circa richieste in più per malori, soprattutto lievi. Qualche malore anche a Perugia mentre in Friuli Venezia Giulia richieste fino al 30% in più al 118. Anche quest'anno poi è scattato puntuale l'allarme ozono, l'inquinante secondario che si forma con caldo e smog: 39 su 81 le città fuori-limiti secondo il monitoraggio di Legambiente. Allerta in 7 città. Secondo il bollettino sulle ondate di calore del Dipartimento della Protezione Civile, che monitora 27 città italiane, allerta di livello 3 - quello massimo, in cui si prevedono «condizioni meteorologiche a rischio che persistono per tre o più giorni consecutivi» nei quali «è necessario adottare interventi di prevenzione mirati alla popolazione a rischio» - a Bolzano, Bologna, Brescia, Firenze, Genova, Roma e Torino. In altre sei - Trieste, Rieti, Perugia, Milano, Frosinone e Campobasso - allerta di livello 2. Verso i 40 gradi. A Roma, a fronte di 32 gradi effettivi, a causa dell'afa la percezione è salita fino a 39, ha detto Franca Mangianti, direttrice dell'osservatorio meteorologico del Collegio Romano. Lunedì nella capitale umidità pari all'80% e temperature percepite oltre i 41 gradi. A Venezia per giovedì 15 luglio previsti 33 gradi di massima e 40 quelli percepiti. SUD Pag. 12

15 Il Mattino (Circondario Sud2) CERCOLA Acqua, il Consiglio: no ad aziende private La gestione dell'acqua a Cercola &#... Mattino, Il (Circondario Sud2) "CERCOLA Acqua, il Consiglio: no ad aziende private La gestione dell'acqua a Cercola &#..." Data: 14/07/2010 Indietro 14/07/2010 Chiudi CERCOLA Acqua, il Consiglio: no ad aziende private La gestione dell'acqua a Cercola è pubblica e non potrà mai essere affidata ai privati. È quanto ha stabilito il consiglio comunale che modificando uno degli articoli dello statuto dell'ente, nega, d'ora in avanti, che il servizio possa essere gestito da società private. La proposta, avanzata da due consiglieri comunali del Pdl è stata approvata all'unanimità dall'intero consesso cittadino. «L'acqua è un bene pubblico - ha detto il sindaco Pasquale Tammaro - e per questo motivo abbiamo ritenuto di mettere nero su bianco nello statuto comunale. Con questa modifica la gestione della fornitura dell'acqua non potrà finire nelle mani dei privati e testimonia la sensibilità della maggioranza e di tutto il consiglio su un bene di primaria importanza per i cittadini». MASSA LUBRENSE Agropasseggiate oggi nuovo itinerario Il cartellone delle Agropasseggiate 2010 propone oggi alle 17 l'itinerario alla scoperta delle famiglia Fontana e Romano al villaggio di Casa e nel borgo di Schiazzano. Appuntamento alle 17, presso la piazzetta del villaggio Casa. SAN GIORGIO Anziani, assistenza dai volontari Anche quest'anno tornano gli «Angeli dell'estate», grazie a un progetto messo a punto dal gruppo comunale di Protezione Civile. Anziani a diversamente abili residenti in città potranno fare riferimento ai volontari dal 26 luglio al 6 settembre prossimo per ogni loro esigenza. Spesso soli in una città deserta, difficilmente i cittadini più soli e in difficoltà trovano assistenza e compagnia anche per le loro necessità più semplici come quella di recarsi a fare la spesa, acquistare medicinali. I volontari organizzeranno turni dalle 8 alle 20. Gli uomini e le donne della Protezione Civile gireranno con le loro vetture di servizio per la città al fine di rispondere a qualsiasi necessità dei cittadini. È inoltre attivo il numero verde a cui la cittadinanza potrà rivolgersi a al SORRENTO/1 Due location per l'happy hour Domani alle 18 e 45 happy hour in musica al Cafè Latino e alle 21 e 15 nella splendida location dell'excelsior Vittoria per la rassegna Jazz'è in terrazza... e non solo. In cartellone Daniele Sorrentino quartet che presenta dal vivo l'album Grido dal basso. SUD Pag. 13

16 Il Mattino (Salerno) Una scossa di terremoto di magnitudo 3,4 è stata avvertita dalla popolazione alle 5.36 di ieri... Mattino, Il (Salerno) "" Data: 14/07/2010 Indietro 14/07/2010 Chiudi Una scossa di terremoto di magnitudo 3,4 è stata avvertita dalla popolazione alle 5.36 di ieri in provincia di Salerno. Le località prossime all'epicentro sono Salvitelle, Auletta e Caggiano. La scossa di terremoto è stata avvertita anche in tutti i centri del Vallo di Diano. Diverse persone sono state svegliate dalla scossa che è stata sentita soprattutto nei piani alti dei palazzi. Il ricordo è tornato al 1980 al cataclisma dell'irpinia. ma è stato solo una ricordo: tanta paura ma dalle rilevazioni del dipartimento della protezione civile nessun danno a cose o persone. >Lapadula a pag. 43 SUD Pag. 14

17 Il Mattino (Salerno) vigili urbani Rifiuti dai non residenti Due multe da 500 euro Continuano i controlli dei vi... Mattino, Il (Salerno) "" Data: 14/07/2010 Indietro 14/07/2010 Chiudi vigili urbani Rifiuti dai non residenti Due multe da 500 euro Continuano i controlli dei vigili urbani per assicurare la corretta raccolta differenziata della spazzatura su tutto il territorio comunale. Ieri sono state sorprese e sanzionate per cinquecento euro due persone non residenti a Salerno, mentre depositavano sue sacchetti di rifiuti in città. Sempre per i controlli per l'ordine e il decoro, la polizia municipale, agli ordini del comandante Edoardo Bruscaglin, ha allontanato e multato due parcheggiatori abusivi e tre questuanti nei pressi dell'ingresso del parcheggio gestito da Salerno Mobilità in piazza della Concordia. Protezione civile Venerdì un convegno a Palazzo Sant'Agostino Si svolgerà alla Provincia, venerdì mattina, il convegno «Protezione civile, una rete di sicurezza - L'esperienza territoriale nella provincia di Salerno», organizzato dalla Provincia in collaborazione con l'amesci e l'istituto Studi e ricerche sulla Protezione e la Difesa civile. Parteciperanno Edmondo Cirielli, Domenico Ranesi, Sabatino Marchione, Edoardo Cosenza, Giovanni Romano, Antonio Fasolino, Leonardo Cascini, Enrico Maria Borrelli, Giuseppe Zambarletti, Elvezio Galanti e Giuseppe Blasi. SUD Pag. 15

18 Il Mattino (Salerno) La Giunta provinciale, relatore il Presidente Cirielli, ha deciso di istituire il comitato provincia... Mattino, Il (Salerno) "" Data: 14/07/2010 Indietro 14/07/2010 Chiudi La Giunta provinciale, relatore il Presidente Cirielli, ha deciso di istituire il comitato provinciale salernitano per i 150 anni dell'unità d'italia. Il Comitato sarà composto dal Presidente della Provincia di Salerno, da tre consiglieri provinciali, di cui uno della minoranza, eletti dalla competente Commissione consultiva consiliare; dal consigliere politico alla cultura, dall'assessore al Diritto allo Studio della Provincia di Salerno. Ne faranno parte, inoltre, rappresentanti istituzionali del mondo accademico, nonché rappresentanti di diversi Enti locali e territoriali. Le celebrazioni del 150/esimo anniversario dell'unità d'italia «rappresentano - è scritto in una nota della Provincia - un'occasione di valorizzazione del territorio salernitano e in particolare un'opportunità per favorire la conoscenza e la visita dei luoghi risorgimentali, oltre che per attivare e coordinare progetti specifici che promuovano una lettura storica e a più voci del processo d'unificazione». Su proposta dell'assessore all'urbanistica e ai lavori pubblici Marcello Feola, è stata deliberata la manifestazione d'assenso alla variante del Piano urbanistico Comunale di Salerno finalizzata alla realizzazione dell'intervento «Salerno Porta Ovest I - I stralcio». Il progetto prevede la sistemazione della viabilità con arredo urbano di tutta via Risorgimento e la realizzazione di un ponte di collegamento a superamento del vallone Cernicchiara. Inoltre, è stata deliberata l'approvazione della variante al piano Regolatore Generale del Comune di Campagna per l'area attualmente destinata a Pip ed è stato approvato il progetto esecutivo dei «lavori di messa in sicurezza e adeguamento della S.P. 305 da Contursi Terme a Perrazze di Palomonte». L'intervento rientra nell'annualità 2010 del Piano Triennale Nella stessa seduta, relatore l'assessore alla protezione civile Antonio Fasolino, è stato approvato il nuovo regolamento del Comitato provinciale di Protezione Civile. Su proposta dell'assessore Romano Ciccone, la Giunta ha deliberato la sperimentazione di un Protocollo d'intesa tra la Provincia, la Capitaneria di Porto, i Sindaci dei Comuni costieri, attraverso il Tavolo Blu, e gli operatori nautici, con l'obiettivo di migliorare e adeguare i requisiti di sicurezza nella navigazione costiera da diporto. «L'iniziativa - è spiegato - mira alla promozione della sostenibilità ambientale e alla sicurezza della navigazione lungo le coste della provincia di Salerno». A tutte le imbarcazioni che aderiranno all'iniziativa sarà rilasciata una bandierina blu, con lo slogan Salviamo il mare sulle rotte di Enea. Infine la Giunta ha deliberato l'istituzione dell'ufficio di Coordinamento Statistico ed ha approvato il relativo schema di convenzione, autorizzandone la stipula con la Direzione Centrale dell'istituto Nazionale di Statistica. SUD Pag. 16

19 Il Mattino (Salerno) Il Vallo di Diano, come la confinante area della Bassa Valle del Tanagro, è zona ritenuta ad a... Mattino, Il (Salerno) "" Data: 14/07/2010 Indietro 14/07/2010 Chiudi Il Vallo di Diano, come la confinante area della Bassa Valle del Tanagro, è zona ritenuta ad alto rischio sismico. Non a caso sono tantissimi i terremoti che, nel corso del tempo, vi si sono verificati. Il più grave di tutti è quello del 23 novembre del 1980, che causò ingenti danni e, purtroppo, anche numerose vittime, specialmente nella zona del Tanagro. Successivamente ci sono stati ancora altri eventi sismici, ma, per fortuna, senza conseguenze di grosso rilievo per le persone e le cose. Il più consistente, dopo il sisma del 1980, risale a qualche anno fa. E causò danni soltanto in alcuni rioni dei centri storici, dove molti vecchi fabbricati, peraltro già colpiti dal terremoto dell'ottanta, crollarono del tutto.la ricostruzione post-sisma 1980, salvo rarissime eccezioni, è ormai terminata. SUD Pag. 17

Il Piano Operativo Nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute

Il Piano Operativo Nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Dipartimento di Epidemiologia ASL RME Centro di Competenza Nazionale Dipartimento della Protezione Civile Il Piano Operativo Nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Paola Michelozzi

Dettagli

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Ministero della Salute Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Premessa Per ondata di calore si intende una condizione meteorologica che persiste

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006

SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006 SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006 Roma, 28 Aprile 2006 1 Introduzione Nel 2004 è stato attivato il progetto del Dipartimento

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

Piano Comunale di Emergenza

Piano Comunale di Emergenza Comune di Genova Assessorato alla Protezione Civile Direzione Polizia Municipale Protezione Civile Funzioni Speciali Sezione Protezione Civile Pubblica Incolumità Piano Comunale di Emergenza Schema Operativo

Dettagli

Le iniziative del Ministero della Salute

Le iniziative del Ministero della Salute Ondate di calore e impatto sulla salute Interventi di monitoraggio e prevenzione Le iniziative del Ministero della Salute Annamaria de Martino Direzione Generale Prevenzione Sanitaria, Roma Ondate di calore

Dettagli

Cooperativa Comunità e Servizio

Cooperativa Comunità e Servizio CENTRALINO TELEFONICO OPERATIVO 24 ORE SU 24 Cooperativa Comunità e Servizio Componendo questo numero saranno sensibilizzati i servizi competenti, a seconda delle necessità. ISTITUZIONI IMPEGNATE NEL PROGRAMMA

Dettagli

terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 Attendibilità evento: attendibile Attendibilità data: data certa

terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 Attendibilità evento: attendibile Attendibilità data: data certa terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 terremoto (evento n. 3891) Data: 15/9/1928 terremoto (evento n. 3893) Data: 25/12/1930 terremoto (evento n. 10841) Data: 19/2/1932 1935/12/ Varie Sismicità del

Dettagli

Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi

Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi Sei tecnici del Comune di Catania, provenienti da diverse Direzioni, hanno dato la propria

Dettagli

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane Regione Lazio Dipartimento di Epidemiologia ASL RME Centro di Competenza Nazionale Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Dettagli

ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle ore 24.00 compreso festivi

ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle ore 24.00 compreso festivi Numeri dedicati all'emegenza caldo attivati a livello locale. Estate Regione Provincia Comune Tipo ente Numeri utili Orario ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle

Dettagli

ALLERTA METEO. GIOIA. LE SCUOLE NON CHIUDONO-foto. Scritto da La Redazione Domenica 01 Dicembre 2013 14:27

ALLERTA METEO. GIOIA. LE SCUOLE NON CHIUDONO-foto. Scritto da La Redazione Domenica 01 Dicembre 2013 14:27 Queste le giustificazioni addotte dal prof Rocco Fazio in merito da noi contattato: "Stiamo parlando di situazione idrogeologica, per la quale è previsto un rischio moderato Per gli edifici dobbiamo aspettare

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia La ricostruzione di San Giuliano di Puglia Cronologia avvenimenti 11.32 GIOVEDÌ 31 OTTOBRE 2002: un terremoto di 5,4 gradi della scala Richter fa tremare il Molise. La zona più colpita è San Giuliano di

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Dipartimento della Protezione Civile - DPC Centro di Competenza Nazionale di Prevenzione degli Effetti del Caldo

Dettagli

3URYLQFLDGL%ULQGLVL 6HWWRUH3URWH]LRQH&LYLOH

3URYLQFLDGL%ULQGLVL 6HWWRUH3URWH]LRQH&LYLOH 3URYLQFLDGL%ULQGLVL 6HWWRUH3URWH]LRQH&LYLOH Il termine ondata di calore indica un periodo prolungato di condizioni meteorologiche estreme caratterizzate da elevate temperature ed in alcuni casi da alti

Dettagli

INDICE RASSEGNA STAMPA PROTEZIONE CIVILE SAN DONÀ. Pagina I. Indice Rassegna Stampa

INDICE RASSEGNA STAMPA PROTEZIONE CIVILE SAN DONÀ. Pagina I. Indice Rassegna Stampa INDICE RASSEGNA STAMPA PROTEZIONE CIVILE Gazzettino Venezia 12/06/14 P. 18 Arriva la fanfara per l'inaugurazione della caserma 1 Gazzettino Venezia 12/06/14 P. 22 Allarme calda L'Asl coordina Comuni e

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani

40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani BOZZA DI PROGRAMMA VIII edizione Codice Rosso Il comune nel sistema della protezione civile Fiera di Ancona, 7-9 giugno 2012 40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani 40 1972 40 anni dal terremoto

Dettagli

CAMPAGNA CONCENTRATA NAZIONALE DI TUTELA AMBIENTALE - ESTATE 2014 -

CAMPAGNA CONCENTRATA NAZIONALE DI TUTELA AMBIENTALE - ESTATE 2014 - CAMPAGNA CONCENTRATA NAZIONALE DI TUTELA AMBIENTALE - ESTATE 2014-1 SOMMARIO Premessa.......PAG. 2 Principali obiettivi della campagna...pag. 2 Ulteriori obiettivi della campagna.......... PAG. 2 I mezzi

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Estate 2011. Roma, 11 luglio 2011

Estate 2011. Roma, 11 luglio 2011 Estate 2011 Roma, 11 luglio 2011 Indice Parte Generale... 3 Misure di assistenza degli utenti in viaggio ( A.I.S.C.A.T.)... 8 Treni periodici ( Ferrovie dello Stato).... 9 Piano di vigilanza aerea (Polizia

Dettagli

Gli italiani trascorrono in media 1 ora e 27 minuti al giorno alla guida, a una velocità media di 30,7 km/h.

Gli italiani trascorrono in media 1 ora e 27 minuti al giorno alla guida, a una velocità media di 30,7 km/h. Bologna, 19 ottobre 2015 PRESENTATI I RISULTATI DELL OSSERVATORIO UNIPOLSAI SULLE ABITUDINI DI GUIDA DEGLI ITALIANI IN SEGUITO ALL ANALISI DEI DATI DELLE SCATOLE NERE INSTALLATE NELLE AUTOMOBILI Gli italiani

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile

Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile DRAFT 1 1 WORKSHOP ESPA Emergency Stress Psycological Assistance LE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA

Dettagli

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Una delegazione dell Enpam ha incontrato i medici e gli odontoiatri che hanno subìto danni allo studio professionale e ai macchinari a causa dell alluvione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Com.stampa coordinamenti 2015 Raggruppamento Coordinamenti Regionali Volontariato Protezione Civile L A Z I O COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Il volontariato di protezione civile è fra le più importanti

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

CONVEGNO: INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA

CONVEGNO: INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA ORDINE DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA CONVEGNO: IMPARARE DALL ESPERIENZA. L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE MAXIEMERGENZE INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA ZANHOTEL EUROPA VIA BOLDRINI,

Dettagli

04/06/2014. Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014

04/06/2014. Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014 Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014 Trasferimenti Volontari Individuali - DOMANDE 2013 5.930 Domande presentate 5.810 Domande inserite in graduatoria (120 RISORSE ESCLUSE PER MANCANZA REQUISITI PREVISTI DALL

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

In Lombardia lo psicologo è «low cost»

In Lombardia lo psicologo è «low cost» CORRIERE DELLA SERA ON LINE (http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/09_ottobre_19/settimana-benessere-psicologico- 1601896219707.shtml LA SETTIMANA DEL BENESSERE PSICOLOGICO In Lombardia lo psicologo

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

Rassegna Stampa. Giovedì 20 dicembre 2012 TREVISO

Rassegna Stampa. Giovedì 20 dicembre 2012 TREVISO Rassegna Stampa Giovedì 20 dicembre 2012 TREVISO Giovedì 20 dicembre, pag. 15 Giovedì 20 dicembre, pag. 15 Giovedì 20 dicembre,pag. 18 LA MANIFESTAZIONE Al via domani la tre giorni dedicata al radicchio

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Palmanova, 31 marzo 2009 Normativa Regionale PERIODI DI ALTA PERICOLOSITA Secondo la L.R. n.3 /1991 i periodi

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Deliberazione originale del Consiglio Comunale

Deliberazione originale del Consiglio Comunale Deliberazione originale del Consiglio Comunale N. 40 del Reg. Data 27 novembre 2014 OGGETTO: Approvazione ordine del giorno ad oggetto Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

Emergenza neve Febbraio 2015

Emergenza neve Febbraio 2015 Emergenza neve Febbraio 2015 Audizione presso Commissione III Territorio Ambiente Mobilità Consiglio Regione Emilia Romagna Bologna, 16 febbraio 2015 Enel Distribuzione Rete 31,6 milioni di Clienti 1.130.000

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

Estate 2011 Roma, 11 luglio 2011

Estate 2011 Roma, 11 luglio 2011 Estate 2011 Roma, 11 luglio 2011 Indice Parte Generale..... 3 Misure di assistenza degli utenti in viaggio ( A.I.S.C.A.T.)... 8 Treni periodici (Ferrovie dello Stato)..... 10 Piano di vigilanza aerea (Polizia

Dettagli

Salvaguardare, valorizzare e promuovere la gestione del bosco Sala operativa Corpo Forestale dello Stato Gestione emergenze del rischio (geologico, industriale, antiterrorism o, incendi boschivi) Regione

Dettagli

LA NOTTE DEI RICERCATORI IN SICUREZZA...

LA NOTTE DEI RICERCATORI IN SICUREZZA... LA NOTTE DEI RICERCATORI IN SICUREZZA... 25.09.2015 L'AQUILA GIANLUCA FERRINI ELIO URSINI Estratto del piano di sicurezza elaborato per la Notte dei Ricercatore Ipotesi di crisi ed emergenza L emergenza

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

11 giugno 2015. Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.136 del 15 giugno 2015

11 giugno 2015. Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.136 del 15 giugno 2015 Attività antincendio boschivo per la stagione estiva 2015. Raccomandazioni per un più efficace contrasto agli incendi boschivi, di interfaccia ed ai rischi conseguenti 11 giugno 2015 Pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 14 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Codogno Sant Angelo Lodigiano Casalpusterlengo

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 14 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Codogno Sant Angelo Lodigiano Casalpusterlengo Pagina 1 di 5 rassegna stampa 14 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Concorsone infermieri, i carabinieri nelle case Farmacie aperte la notte «Sopravvivere è dura» In ospedale fuori uso la macchina del ghiaccio

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara 1 evento del progetto nazionale La scuola studia e racconta il terremoto Convegno Mirandola Giovedì 18 Aprile 2013 Istituto Comprensivo «Alda Costa» Ferrara

Dettagli

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO C.A.P 90030 Piazza Falcone e Borsellino Altofonte Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo Art.1 (Oggetto) Oggetto

Dettagli

sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4............

sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4............ sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4........................ LA SPEZIA 19 luglio 2013 online A rischio i sommozzatori dei pompieri La Spezia Il corpo dei vigili del Fuoco subisce tagli, e farne le

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. Rubrica: Farmacie e Farmacisti 13 Avvenire 08/06/2011 TRUFFE ALLA SANITA', UN AFFARE DA 184 MILIONI (L.Mazza) 2 Rubrica: Farmaci 27 Libero Quotidiano

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza 27 novembre 2012, al via unità di crisi per casi di emergenza La ha approvato in giunta l istituzione dell Unità di crisi provinciale (Ucp), una sorta di coordinamento in grado di coordinare risorse umane

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015 Pagina 1 di 7 rassegna stampa 19/20/21 Settembre 2015 IL CITTADINO Lodi La lotta contro il tumore al seno, un esame che può salvare la vita (19/09/2015) Alao in piazza per ricordare Elisa Votta (19/09/2015)

Dettagli

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Forestale dello Stato Comando Regionale dell Emilia-Romagna Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco Direzione Regionale dell Emilia-Romagna Cos

Dettagli

ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA

ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA INCENDI BOSCHIVI Legge n.353 del 21.11.2000 Definizione: un fuoco con suscettività ad

Dettagli

DISTRETTI TURISTICI. Allegati alla Lettera ai rappresentanti istituzionali e politici della provincia di Salerno

DISTRETTI TURISTICI. Allegati alla Lettera ai rappresentanti istituzionali e politici della provincia di Salerno DISTRETTI TURISTICI La Giunta Regionale, su proposta dell Assessore competente, sentita la Commissione competente per materia, pone in essere iniziative di supporto agli attori dello sviluppo locale, sostenendo

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Premessa Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Il presente opuscolo riporta i dati emersi dal primo anno di sperimentazione del Progetto

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Il progetto CCM Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute

Il progetto CCM Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Il progetto CCM Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Francesca de Donato Dipartimento di Epidemiologia SSR Lazio\ASLRME Centro di Competenza DPC Roma, 17 dicembre

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: voce 4 Oltre il disagio SETTORE e Area di Intervento: voce 5 Settore: Protezione Civile Area di intervento: Ricerca e monitoraggio zone a rischio (04)

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

TERREMOTO: LA TERRA TREMA ANCORA NEL NORD ITALIA, CI SONO ALTRE VITTIME

TERREMOTO: LA TERRA TREMA ANCORA NEL NORD ITALIA, CI SONO ALTRE VITTIME abruzzoweb.it TERREMOTO: LA TERRA TREMA ANCORA NEL NORD ITALIA, CI SONO ALTRE VITTIME L'AQUILA - La terra continua a tremare in Emilia. Due fortissime scosse di terremoto si sono verificate questa mattina

Dettagli

Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia

Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia I piani di intervento e di assistenza alla popolazione nelle Città di Palermo e Catania. Estate 2007 S. Scondotto A. Marras Il Sistema Nazionale di Sorveglianza

Dettagli

VIGILI DEL FUOCO: CONFSAL, ALTA ADESIONE ALLO SCIOPERO

VIGILI DEL FUOCO: CONFSAL, ALTA ADESIONE ALLO SCIOPERO VIGILI DEL FUOCO: CONFSAL, ALTA ADESIONE ALLO SCIOPERO (ASCA) Roma, 28 mag Grande partecipazione sul territorio all'iniziativa di protesta organizzata da Confsal Vigili del fuoco e da Conapo VV.F. I dati

Dettagli

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n.

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 156 del 29/11/08) ART. 1 Ai sensi di quanto previsto dall art. 40 dello Statuto è istituito

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi:

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi: Comunità dell Isolotto Firenze, Domenica 13 Maggio 2012 (Elena, Gian Paolo, Giulia, Maria, Roberto, Sergio) Letture bibliche: Isaia 1, 1-9; 3, 13-26; 5, 1-7; 24, 1-3. La protezione civile Aspetti essenziali

Dettagli

PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014

PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014 PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014 A seguito di incontri ed intese programmatiche tra l Assessorato al Welfare del

Dettagli

CONSORZIO 4 BASSO VALDARNO DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSORZIO N. 74 DEL 22.09.2015

CONSORZIO 4 BASSO VALDARNO DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSORZIO N. 74 DEL 22.09.2015 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSORZIO N. 74 DEL 22.09.2015 OGGETTO: Convenzione per il supporto al servizio di vigilanza del reticolo idraulico di competenza del Consorzio di Bonifica 4 Basso Valdarno Richiamati

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

VOLONTARIATO & SERVIZIO

VOLONTARIATO & SERVIZIO www.tolentini.it GRUPPO VOLONTARIATO & SERVIZIO Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. (Matteo 10, 8) Il Gruppo Volontariato e Servizio della Pastorale Universitaria è formato da studenti di

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute

Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Ministero della Salute Centro per la Prevenzione e Controllo delle Malattie Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Roma, 5 giugno 2006 Paola Michelozzi Dipartimento

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE A.N.A. 3 RGPT SOTTOCOMMISSIONE INFORMATICA PROGETTO FORMAZIONE PERMANENTE 2011 SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI COORDINAMENTO CORSO PER ADDETTI ALLA SEGRETERIA ED ALLA SALA OPERATIVA IL SISTEMA

Dettagli

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA.

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. AIRC. DA OLTRE 40 ANNI LA NOSTRA FORZA SONO LE TANTE PERSONE CHE CREDONO IN NOI. Dietro la sigla AIRC ci sono quasi due milioni di soci

Dettagli

CITTA DI RECCO. REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO PROTEZIONE CIVILE GRUPPO GABBIANO

CITTA DI RECCO. REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO PROTEZIONE CIVILE GRUPPO GABBIANO CITTA DI RECCO REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO PROTEZIONE CIVILE GRUPPO GABBIANO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 20/10/2005 ARTICOLO 1 Normativa

Dettagli

Rassegna stampa 10-16 Marzo 2014

Rassegna stampa 10-16 Marzo 2014 Comune di Genzano di Roma Via Italo Belardi, 81 00045 Genzano di Roma (Rm) Rassegna stampa 10-16 Marzo 2014 Rassegna stampa a cura di Alessandra Castelli ****************** Ufficio stampa Comune di Genzano

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE. slide di supporto per conferenza stampa. Roma, 24 maggio 2011 Versione 11

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE. slide di supporto per conferenza stampa. Roma, 24 maggio 2011 Versione 11 PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE slide di supporto per conferenza stampa Roma, Versione 11 Il Piano straordinario Il Piano e-gov 2012 individua nella digitalizzazione della Giustizia un obiettivo

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli