cosa ha mangiato la mamma in gravidanza?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "cosa ha mangiato la mamma in gravidanza?"

Transcript

1 cosa ha mangiato la mamma in gravidanza?

2 NUTRIZIONE MATERNA e CRESCITA FETALE Prof. Irene Cetin Università degli Studi di Milano Dipartimento Materno Infantile Ospedale Luigi Sacco

3 PROGRAMMING Malnutrition and other adverse environmental exposures during development alter gene expression and programme the body s structures and functions for life. Adverse exposures also result in slow growth and small body size.

4 Neonatal mortality; infancy and childhood morbidity; cognitive and behavioural development retardation Thrifty hypothesis ADULTHOOD De Boo & Harding, 2006

5 Nutritional phenotype of pregnancy Dynamic state: adjustments in nutrient metabolism evolve continuously as the mother switches from an anabolic condition during early pregnancy to a catabolic state during late pregnancy Three compartments model, i.e, mother/placenta/fetus, each of them has different metabolism - fetal growth regulated by the balance between fetal nutrient demand and maternal-placental nutrient supply Cetin et al, Hum Reprod Update 2010

6 HEALTH OUTCOMES Pregnant women do not always meet their increased micronutrient requirements Diet = important determinant of pregnancy outcomes and infant health both in short and long-terms: significant association between inadequate or poor nutrition and high reproductive risks different impacts of the timing of nutritional insults during gestation on both the overall outcome of pregnancy and the nature of adult diseases (i.e. programming the postnatal pathophysiology [Buckley et al. (2005) Cell Tissue Res 322: 73 79]) potential to affect cell numbers or differentiation in the developing embryo Cetin et al, Hum Reprod Update 2010

7 3 compartimenti: madre placenta - feto Cetin I et al, J Physiol 2010

8 Peso fetale e placentare weight placenta fetus 26 weeks 40 weeks La crescita fetale è esponenziale nell ultimo trimestre di gravidanza, per la deposizione soprattutto di massa grassa. Il rapporto tra peso fetale e placentare passa da 1 a 5-6 a termine di gravidanza.

9 Placenta modificazioni progressive durante la gravidanza - aumento significativo della superficie totale di scambio - riduzione dello spessore aumento della permeabilità placentare ai gas - modificazioni dell attività dei sistemi di trasporto

10 Trasporto placentare (1) (2) GLUCOSIO ALA Na + (3) (4) MEMBRANA MICROVILLARE (1) DIFFUSIONE FLUSSO DIPENDENTE (O 2, CO 2 ) (2) DIFFUSIONE PARACELLULARE (pori nel sinciziotrofoblasto) (3) PROTEINE DI TRASPORTO (glucosio, aminoacidi) (4) ENDOCITOSI/ESOCITOSI (IgG, PPL, etc.) MEMBRANA BASALE

11 SANGUE MATERNO UTERO PLACENTA SANGUE FETALE Aminoacidi NH3 UREA LATTATO Serina Glicina FEGATO FETALE Ossigeno Glucosio Lipidi CO 2 Battaglia & Meschia, 1986

12 LIPIDI -Utilizzati sia a scopo energetico che come componenti strutturali (membrane cellulari, neuronali, retina) -comprendono le vitamine liposolubili, importanti cofattori enzimatici e antiossidanti naturali

13 PLACENTAL HANDLING DEI LIPIDI NEFA GLICEROLO TG PLASMA MATERNO TESSUTO ADIPOSO TG NEFA LPL VLDL HDL LPL TG HDL NEFA FEGATO LPL FAT FATP FABP FAT FATP LPL LPL MEMBRANA MICROVILLO MEMBRANA BASALE PLASMA FETALE NEFA NEFA:acidi grassi non esterificati LPL: lipoproteina lipasi TG: trigliceridi FAT: Fatty acid transporter FATP:fatty acid transport protein FABP: fatty acid binding protein HDL, VLDL: lipoproteine plasmatiche a diversa densità

14 Terzo trimestre: crescita fetale esponenziale e aumentata richiesta di nutrienti Richieste stimate giornaliere (per il feto) di : ω 6: 550 mg/kg/day ω 3: 70 mg/kg/day Cervello organo che incorpora LCPUFA più rapidamente In particolare il DHA è incorporato nel cervello e nella retina 10 volte più velocemente dei precursori LA e αla

15 ac grassi n-3 nel cervello fetale (mg) Peso cerebrale (g) il peso del cervello del feto aumenta con l epoca gestazionale sett. 75g epoca gestazionale (sett) 40 sett. 400g 600 ed il contenuto di n-3, è notevole (fluidità membrane, plasticità sinaptica) Clandinin, M. T. et al, Early Hum. Dev r = 0.79 ** epoca gestazionale (sett)

16 biomagnification: AA e DHA sono presenti in % più elevate nel sangue fetale rispetto al sangue materno Il feto è in grado di sintetizzare AA e DHA dai precursori LA e αla, ma la capacità di sintesi è scarsa (soprattutto nel feto prematuro) e quindi la maggior parte del DHA deve arrivare dalla circolazione materna attraverso la placenta

17 Rilevanza degli omega 3 e del DHA sullo sviluppo del SNC fetale e neonatale Aumento dell' acuità visiva (Innis et Al Journal of Nutrition) Miglioramento degli stati comportamentali e del sonno (Cheruku et Al AJCN) Riduzione dell'iperattività (Gale et Al Journal Child Psychol Psychiatry) Miglioramento della funzione cognitiva e dell'attenzione (Helland et Al Pediatrics)

18 Rilevanza degli omega 3 e del DHA sullo composizione corporea fetale La composizione corporea fetale si modifica completamente nel terzo trimestre, quando avviene la deposizione della massa grassa che nella specie umana varia tra 1 2% del peso in un "1000-g preterm infant" fino al 20% del peso corporeo in un "3500-g term infant" Evidenze sperimentali indicano chiaramente che il tipo di esposizione ai PUFA nella vita prenatale influenza lo sviluppo del sistema adiposo: n-6 AA promuove la maturazione degli adipociti n-3 DHA blocca questo processo

19 prospective observational cohort study in eastern Massachussets: pregnant women evaluated , 1401 children at 3 y Donahue S et al, AJCN 2011

20 prospective observational cohort study in eastern Massachussets: pregnant women evaluated , 1401 children at 3 y Livelli maggiori di omega 3 nella dieta materna e nel cordone ombelicale sono associati con minor rischio di obesità a 3 anni Donahue S et al, AJCN 2011

21 RECOMMENDATIONS ON DIETARY FAT INTAKE IN PREGNANCY AND LACTATION Project supported by the European Union, Framework 5 programme, Quality of Life Key Action. Koletzko B, Cetin I, Brenna J. B J Nutr 2007 Consensus recommendations on behalf of the European Commission research projects Perinatal Lipid Metabolism (PERILIP, agriculturalsciences/ Perilip/) and Early Nutrition Programming (EARNEST, developed in collaboration with representatives of the Child Health Foundation (Stiftung Kindergesundheit, Diabetic Pregnancy Study Group (DPSG, European Association of Perinatal Medicine (EAPM, European Association of the Study of Diabetes (EASD, ) European Society for Clinical Nutrition and Metabolism (ESPEN; European Society for Paediatric Gastroenterology, Hepatology and Nutrition, Committee on Nutrition (ESPGHAN; International Federation of Placenta Associations (IFPA, International Society for the Study of Fatty Acids and Lipids (ISSFAL, International Society for Research in Human Milk and Lactation (ISRHML,

22 RACCOMANDAZIONI 1. L intake lipidico durante la gravidanza e l allattamento (in proporzione all intero approvvigionamento energetico) dovrebbe essere lo stesso della popolazione generale Le donne in gravidanza e in allattamento dovrebbero essere edotte della necessità di raggiungere la quantità di 200mg/die di DHA con la dieta. Quantità maggiori fino a 1 g/die di DHA or 2.7 g/die di n-3 LCPUFA sono state proposte in diversi trial clinici randomizzati senza che intervenissero eventi avversi Le donne in età fertile dovrebbero consumare 1-2 porzioni di pesce alla settimana. In questo modo solitamente si raggiunge la dose minima di DHA raccomandata senza rischiare una eccessiva esposizione ai contaminanti ambientali attualmente contenuti nel pesce (metilmercurio, diossina ).

23 MICRONUTRIENTS (MINERALS AND VITAMINS) essential nutritional elements needed in small quantities MICRONUTRIENT RECOMMENDATIONS designed for populations or groups intakes of micronutrients sufficient to meet the requirements of the majority of healthy individuals (generally 97.5%) of that population or group pregnancy and lactation have specific micronutrient requirements

24 RECOMMENDATIONs for PREGNANT WOMEN MICRONUTRIENT RDA Adequate Intake SUPPLEMENTATION FOLATE 600 μg/die 400 μg/die for all women preconceptional 4 mg/die for women at risk IRON mg/die ferritin <70 μg/l IODINE 250 μg/die 150 μg/die - 3 months before conception - in iodine deficient areas VITAMIN D 15 µg/d UI/d People with darker skin; people who have low or no exposure to the sun; vit D <75 nmol/l CALCIUM 1200 mg/die OMS: all pregnant women, particularly those at risk for preeclampsia VITAMIN A 700 μg/die VITAMIN B μg/die vegetarian, malabsorption, hyperomocisteinemia VITAMIN C VITAMIN B1 VITAMIN K FLUORINE ZINC PHOSPHORUS 100 mg/die 1,4 mg/die 10 mg/die 700 mg/die same as for adult women same as for adult women RDA = recommended dietary allowance ADEQUATE INTAKE = level of intake observed in the healthy population NUOVI LARN 2012

25 WOMEN AT NUTRITIONAL RISK OBESITY nutritional imbalances and altered metabolism (vit D) VEGETARIAN DIET - Vegetarian diets, particularly those that exclude all animal products, may not provide adequate amounts of essential amino acids, IRON, trace minerals, VIT B12, vitamin D and calcium, or complex lipids for normal embryonic and fetal development. SUBSTANCE ABUSE - Cigarettes, alcohol, and illicit drugs not only pose direct health risks, but affect intake of an adequate and balanced diet. ADOLESCENCE - Pregnant adolescents are at particular risk for nutritional deficiencies. MULTIPLE PREGNANCY - Pregnant woman with twins or multiples has extra nutritional needs. SHORT INTERPREGNANCY INTERVAL - The risk of maternal nutritional depletion and poor outcomes increases in closely spaced pregnancies. (IRON, FOLATE) CELIAC DISEASE, CROHN'S DISEASE, BARIATRIC SURGERY - These conditions are associated with malabsorption, iron-deficiency anemia and calcium deficiency. (IRON, CALCIUM) VITAMIN D Obese women People who have low or no exposure to the sun (i.e. veiling) People who have darker skin FOLATE Women with a previous child with a NTD Women taking anticonvulsants Women with pregestational diabetes IODINE Women living in iodine deficient areas Berti C et al, Clin Nutr 2011

26 Maternal risk factors of IUGR and their mechanisms Maternal genetic predisposition Maternal BMI Inflammation Hypertension Nutrients imbalance Maternal smoking and Alcohol abuse Polymorphisms IUGR Epigenetic modifications Cytotoxic action Alteration of cellular functions Hormone imbalance Cell stress Epigenetic modifications Cytotoxic action Social determinants Epigenetic modifications Energy and hormone imbalance Vascular alteration Metabolic derangements Oocytes quality Maternal diet and nutritional status Air and food pollutants Cetin I et al. Maternal predictors of intrauterine growth restriction. Curr Clin Nutr Metab 2013

27 Grazie!

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

Integrazione alimentare e carenze vitaminiche

Integrazione alimentare e carenze vitaminiche I MILLE VOLTI DELLA NUTRIZIONE Università degli Studi di Milano - Bicocca Auditorium Guido Martinotti Ornella Parma Integrazione alimentare e carenze vitaminiche www.digitalforacademy.com Integrazione

Dettagli

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Finalità dell alimentazione del neonato prematuro Crescita adeguata Soddisfacente

Dettagli

Nutrizione in gravidanza ed esiti perinatali

Nutrizione in gravidanza ed esiti perinatali Irene Cetin Professore di Ostetricia e Ginecologia Università degli Studi di Milano Direttore Clinica Ostetrica e Ginecologica Ospedale Luigi Sacco di Milano Nutrizione in gravidanza ed esiti perinatali

Dettagli

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Lorella Giannì U.O. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore Prof. Fabio Mosca Fondazione Cà Granda Ospedale Policlinico Università degli

Dettagli

della sindrome metabolica? Elvira Verduci, Graziella Cefalo Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

della sindrome metabolica? Elvira Verduci, Graziella Cefalo Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano L alimentazione ha un ruolo nella prevenzione della sindrome metabolica? Elvira Verduci, Graziella Cefalo Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Zimmet P et al. The metabolic

Dettagli

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO Il periodo della gravidanza e dell allattamento sono particolarmente critici dal punto di vista alimentare-dietetico, in quanto la dieta incide in modo fondamentale sulla salute

Dettagli

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA PROF. ALESSANDRO CARUSO Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA Una nutrizione corretta determina condizioni ottimali di salute materne,

Dettagli

L'alimentazione dalla fase preconcezionale alla gravidanza

L'alimentazione dalla fase preconcezionale alla gravidanza Università degli Studi di Milano A.O. Luigi Sacco Milano L'alimentazione dalla fase preconcezionale alla gravidanza Stefania Calabrese Centro di Ricerche Fetali Giorgio Pardi Ospedale Luigi Sacco L alimentazione

Dettagli

DIETA E STILI DI VITA

DIETA E STILI DI VITA Salute del bambino e sicurezza alimentare: analisi del rischio di d adenti chimici e fattori associati a stili di vita ISS Roma 22-23 23 giugno 2005 DIETA E STILI DI VITA Marco Silano, M.D. Dipartimento

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI Gestazione Allattamento Accrescimento LARN 1996 GESTAZIONE Il fabbisogno aggiuntivo è in funzione del IMC pre-gravidanza gravidanza. Per un corretto esito della gravidanza,

Dettagli

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE DOTT. LUIGI GRECO PEDIATRA DI FAMIGLIA BERGAMO VICE PRESIDENTE DELLA S.I.P. DOTT.SSA ELVIRA VERDUCI RICERCATORE

Dettagli

ECCESSIVO INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA: RISCHI MATERNO-FETALI

ECCESSIVO INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA: RISCHI MATERNO-FETALI Ferrara, 21 Marzo 2014 ECCESSIVO INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA: RISCHI MATERNO-FETALI Dott.ssa Elena Mossuto Nel 1990 INCREMENTO PONDERALE IN GRAVIDANZA Nel 2009 kg 12.5-18 11.5-16 7-11.5 5-9 Weight

Dettagli

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA GRADE applicato alle Linee Guida ARIA Sergio Bonini Professor di Medicina Interna Seconda Università di Napoli INMM-CNR, ARTOV, Roma se.bonini@gmail.com The ARIA initiative was developed As a state-of-the-art

Dettagli

Ruolo degli acidi grassi omega-3 LC-PUFA in gravidanza e nell allattamento

Ruolo degli acidi grassi omega-3 LC-PUFA in gravidanza e nell allattamento Rivista di Ostetricia e Ginecologia Vol. 3, No. 1, marzo 2008 Ruolo degli acidi grassi omega-3 LC-PUFA in gravidanza e nell allattamento G. Alvino, I. Cetin I Clinica Ostetrica e Ginecologica, Università

Dettagli

Nutrizione e crescita: aspetti preventivi

Nutrizione e crescita: aspetti preventivi Nutrizione e crescita: aspetti preventivi Elvira Verduci Dipartimento Scienze della Salute Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Importante riconoscere particolari traiettorie

Dettagli

Dipartimento di Gerontologia, Geriatria e Malattie del Metabolismo. Seconda Università degli Studi di Napoli

Dipartimento di Gerontologia, Geriatria e Malattie del Metabolismo. Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Gerontologia, Geriatria e Malattie del Metabolismo Seconda Università degli Studi di Napoli InCHIANTI Markers della disabilità-1 Malattie Cardiovascolare e/o polmonare Diabete Demenza Cancro

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

FUNZIONI DEI LIPIDI. Energetica Strutturale Precursori di biomolecole

FUNZIONI DEI LIPIDI. Energetica Strutturale Precursori di biomolecole I LIPIDI I parte FUNZIONI DEI LIPIDI Energetica Strutturale Precursori di biomolecole CLASSIFICAZIONE E STRUTTURA DEI LIPIDI a) Lipidi di deposito: a) trigliceridi o triacilgliceroli (TAG) b) Lipidi strutturali:

Dettagli

Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona

Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona Gestione terapeutica del paziente obeso Dieta iperproteica o iperglucidica? Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona Verona 25 Gennaio 2008 Composizione macronutrienti diverse diete Dieta

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

DIFFERENZE NEUROLOGICHE TRA BAMBINI DI 9 ANNI ALLATTATI AL SENO O CON LATTE ARTIFICIALE DA NEONATI

DIFFERENZE NEUROLOGICHE TRA BAMBINI DI 9 ANNI ALLATTATI AL SENO O CON LATTE ARTIFICIALE DA NEONATI Lancet 1994 ( Nov ); 334 ( 8933 ): 1319-1322 DIFFERENZE NEUROLOGICHE TRA BAMBINI DI 9 ANNI ALLATTATI AL SENO O CON LATTE ARTIFICIALE DA NEONATI C.I. Lanting. V. Fidler, M. Huisman, B.C. Touwen, E.R. Boersma

Dettagli

Quale latte artificiale? La componente proteica

Quale latte artificiale? La componente proteica Quale latte artificiale? La componente proteica Renato Lucchini Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Perinatologia e Puericultura Università di Roma La Sapienza Quale alimento in alternativa al latte

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE Do#. Antonio Verginelli In Italia, come in tu5 i Paesi a elevato livello socio- economico, le patologie non trasmissibili sono, a#ualmente quelle che incidono maggiormente

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pinto Francesca Data di nascita 19/03/1980 OFTALMICO DI MILANO. Numero telefonico dell ufficio

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pinto Francesca Data di nascita 19/03/1980 OFTALMICO DI MILANO. Numero telefonico dell ufficio INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pinto Francesca Data di nascita 19/03/1980 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

Alimentazione del bambino e salute futura: la responsabilità del programming

Alimentazione del bambino e salute futura: la responsabilità del programming Alimentazione del bambino e salute futura: la responsabilità del programming Marcello Giovannini Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano QUALE EVIDENZA SCIENTIFICA 1) Macronutrienti:

Dettagli

I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura vs selvatico

I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura vs selvatico UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI Dipartimento di Scienze della Vita e dell Ambiente Laboratorio di Analisi Chimica degli Alimenti - Food Toxicology Unit I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura

Dettagli

Età pre- e perinatale e morbilità nelle età successive. Vita Sana

Età pre- e perinatale e morbilità nelle età successive. Vita Sana nutrizione accrescimento sviluppo mantenimento stato salute Età pre- e perinatale e morbilità nelle età successive mala5a salute - 9 mesi nascita Crescita e Metabolismo Sviluppo Neuro- Psicologico Infezioni

Dettagli

Sabato 1 ottobre 2011

Sabato 1 ottobre 2011 Gli esami nella contraccezione e in gravidanza: per un punto di vista della medicina generale Sabato 1 ottobre 2011 L'indicazione ad eseguire una periodica e vasta gamma di esami di laboratorio alle donne

Dettagli

Cosa sono i grassi o lipidi?

Cosa sono i grassi o lipidi? Cosa sono i grassi o lipidi? Lipidi da LIPOS = grasso Sostanze organiche di diversa natura con una caratteristica comune: sono insolubili in acqua Importanti costituenti dei tessuti vegetali e animali

Dettagli

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Dalla sperimentazione allo sviluppo e diffusione delle

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

Alimentazione e sicurezza

Alimentazione e sicurezza Alimentazione e sicurezza I prodotti destinati ad una alimentazione particolare R&D Plada H.J.Heinz I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione

Dettagli

GRAVIDHATM. DHA ad elevata purezza. Profilo scientifico

GRAVIDHATM. DHA ad elevata purezza. Profilo scientifico GRAVIDHATM DHA ad elevata purezza Profilo scientifico GRAVIDHATM DHA ad elevata purezza Profilo scientifico A cura di: Prof. Herbert Valensise 1, Prof. Corrado Moretti 2, Dr. Giuseppe Mele 3. Indice:

Dettagli

ALLATTAMENTO MATERNO: PRIMO TRA GLI STILI DI VITA DA IMPLEMENTARE ED INCORAGGIARE. MARCO SILANO Dir. Rep. Alimentazione, nutrizione e salute - ISS

ALLATTAMENTO MATERNO: PRIMO TRA GLI STILI DI VITA DA IMPLEMENTARE ED INCORAGGIARE. MARCO SILANO Dir. Rep. Alimentazione, nutrizione e salute - ISS ALLATTAMENTO MATERNO: PRIMO TRA GLI STILI DI VITA DA IMPLEMENTARE ED INCORAGGIARE MARCO SILANO Dir. Rep. Alimentazione, nutrizione e salute - ISS Il latte materno è il sistema biologico destinato all alimentazione

Dettagli

FABBISOGNI NUTRIZIONALI GIORNALIERI. Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia LARN

FABBISOGNI NUTRIZIONALI GIORNALIERI. Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia LARN SONO TUTTI UGUALI? FABBISOGNI NUTRIZIONALI GIORNALIERI Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia LARN LARN 1996 vi era espresso un singolo valore tarato sul limite superiore di fabbisogno

Dettagli

MARCELLA FALCIERI AU A SL L B ologna

MARCELLA FALCIERI AU A SL L B ologna MARCELLA FALCIERI AUSL Bologna Direttiva Europea 2002/46/CE DLG 169/2004 Il contesto generale Le consuetudini assistenziali Gli studi scientifici e le prove di efficacia (E.B.M.) Dalle prove all assistenza

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE ED INTEGRAZIONE IN GRAVIDANZA ED ALLATTAMENTO - 1 -

PROGETTO ALIMENTAZIONE ED INTEGRAZIONE IN GRAVIDANZA ED ALLATTAMENTO - 1 - PROGETTO ALIMENTAZIONE ED INTEGRAZIONE IN GRAVIDANZA ED ALLATTAMENTO - 1 - - 2 - SOMMARIO Gravidanza 3 Alimentazione in gravidanza 3 Peso e stato nutrizionale della donna al momento del concepimento 5

Dettagli

Integratori in gravidanza Lusso o Necessità?

Integratori in gravidanza Lusso o Necessità? Integratori in gravidanza Lusso o Necessità? Dr.ssa Angela Graziano Dipartimento di Morfologia, Chirurgia e Medicina Sperimentale Università di Ferrara ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA Durante la gravidanza

Dettagli

IL DESTINO METABOLICO DEL GLUCOSIO E LA SUA RILEVANZA NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2

IL DESTINO METABOLICO DEL GLUCOSIO E LA SUA RILEVANZA NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IL DESTINO METABOLICO DEL GLUCOSIO E LA SUA RILEVANZA NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 Ambulatorio Malattie Dismetaboliche 2142 soggetti OGTT Ambulatorio Malattie Dismetaboliche 2142 soggetti OGTT 1069 NGT

Dettagli

NUOVI ASPETTI NELLA GENETICA E NELLA CLINICA IN DIAGNOSI PRENATALE. 4 giugno 2009 - ORE 9.00 Sala Conferenze Via F. Ferrer 25/27- Busto Arsizio (VA)

NUOVI ASPETTI NELLA GENETICA E NELLA CLINICA IN DIAGNOSI PRENATALE. 4 giugno 2009 - ORE 9.00 Sala Conferenze Via F. Ferrer 25/27- Busto Arsizio (VA) NUOVI ASPETTI NELLA GENETICA E NELLA CLINICA IN DIAGNOSI PRENATALE 8.30 registrazione 9.00 introduzione presentazione 9.15 10.00 10.45 11.00 11.45 12.30 13.30 14.15 15.00 15.15 16.00 Dr. DI GIANANTONIO-Nuove

Dettagli

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA Dr.ssa FEDERICA GIOMMI Milano Marittima 5 Giugno 2010 www.centroaretusa.it Preeclampsia Preeclampsia : 2% delle gravidanze,

Dettagli

DEL NATO PRETERMINE O DI BASSO PESO

DEL NATO PRETERMINE O DI BASSO PESO NUTRIZIONE DEL NATO PRETERMINE O DI BASSO PESO Dott. G. Salvia UO di Neonatologia e Unità di Terapia Intensiva Neonatale Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli, Napoli Ogni anno in Italia nascono circa

Dettagli

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE:

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Milan, 4 Dicembre 2014 From Nutrition to Health: an EXPO challenge Session: Nutritional diseases:prevention and solutions LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Dati dallo studio Moli-sani

Dettagli

12 Congresso Nazionale AME

12 Congresso Nazionale AME 12 Congresso Nazionale AME Bari, 7-10 novembre 2013 Iperplasia surrenalica congenita: Diagnosi e gestione Epoca prenatale G. Russo Centro di Endocrinologia dell Infanzia e dell Adolescenza Università Vita-Salute

Dettagli

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna La frutta secca, un alternativa alimentare ideale Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna Cos è la frutta secca Frutti oleosi (noci, nocciole, mandorle, ecc) (in

Dettagli

Parole chiave Nutrizione, neonato pretermine, latte materno, latte in formula, fortificante del latte materno

Parole chiave Nutrizione, neonato pretermine, latte materno, latte in formula, fortificante del latte materno NUTRIZIONE DEL NATO PRETERMINE O DI BASSO PESO Dott. G. Salvia UO di Neonatologia e Unità di Terapia Intensiva Neonatale Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli, Napoli RIASSUNTO Tra le maggiori preoccupazioni

Dettagli

Luigi Gratton Vice President, Education Nutrition Advisory Board. Prodotti Potenti = Nutrizione Potente2

Luigi Gratton Vice President, Education Nutrition Advisory Board. Prodotti Potenti = Nutrizione Potente2 Luigi Gratton Vice President, Education Nutrition Advisory Board Prodotti Potenti = Nutrizione Potente2 Un Team Forte Ricerca d avanguardia e passione illimitata -David Heber La forza della Scienza grazie

Dettagli

SECREZIONE DI INSULINA:

SECREZIONE DI INSULINA: SECREZIONE DI INSULINA: O Ca ++ VGCC K-ATP GLUT2 Ca ++ K + O Ca ++ HK I P GK ATP O ADP piruvato acidi grassi corpi chetonici aminoacidi secretina glucagone incretine: colecistochinina (CCK) peptide inibitore

Dettagli

Alimentazione e nutrizione umana

Alimentazione e nutrizione umana Alimentazione e nutrizione umana Docente: Dipartimento: Indirizzo: Prof. Anna Tagliabue Sanità Pubblica, Medicina Sperimentale e Forense Via Bassi, 21 20124 Pavia Telefono: 0382 987868/69 E-mail: Ricevimento:

Dettagli

ACIDI GRASSI OMEGA-3 INTRODUZIONE AGLI

ACIDI GRASSI OMEGA-3 INTRODUZIONE AGLI INTRODUZIONE AGLI ACIDI GRASSI OMEGA-3 GRASSI ALIMENTARI: I BUONI, I CATTIVI, E GLI ESSENZIALI Nella nostra continua battaglia per mantenere la linea abbiamo iniziato a considerare i grassi in modo estremamente

Dettagli

Nome Irene Cetin Indirizzo Via Friuli 23 20137 Milano Telefono Uff. 02 50319804 0250319805 02 39042818 Fax 02 50319806 E-mail irene.cetin@unimi.

Nome Irene Cetin Indirizzo Via Friuli 23 20137 Milano Telefono Uff. 02 50319804 0250319805 02 39042818 Fax 02 50319806 E-mail irene.cetin@unimi. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Irene Cetin Indirizzo Via Friuli 23 20137 Milano Telefono Uff. 02 50319804 0250319805 02 39042818 Fax 02 50319806 E-mail irene.cetin@unimi.it

Dettagli

MARCELLO GIOVANNINI - ELVIRA VERDUCI - CARLO AGOSTONI - SILVIA SCAGLIONI - ENRICA RIVA Clinica pediatrica, Ospedale San Paolo, Università di Milano

MARCELLO GIOVANNINI - ELVIRA VERDUCI - CARLO AGOSTONI - SILVIA SCAGLIONI - ENRICA RIVA Clinica pediatrica, Ospedale San Paolo, Università di Milano PED 07 10 05 Apertura OKK:GABBIA 21/09/10 12:09 Pagina 8 doctor Pediatria NUTRIZIONE SOMMARIO Il 7 Programma quadro (PQ) per la ricerca e lo sviluppo tecnologico è il principale strumento con cui l Unione

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL Visioli et al. Low density lipoprotein oxidation is inhibited by olive oil constituents. Atherosclerosis 1995; 117: 25-32 Visioli et al. Free radical-scavenging properties

Dettagli

ALCOL ZERO 1 Giornata di studio 1 APRILE 2015 Aula Magna Pad. 3 Nuovo Ingresso Careggi - Firenze

ALCOL ZERO 1 Giornata di studio 1 APRILE 2015 Aula Magna Pad. 3 Nuovo Ingresso Careggi - Firenze ALCOL ZERO 1 Giornata di studio 1 APRILE 2015 Aula Magna Pad. 3 Nuovo Ingresso Careggi - Firenze Regolamenti su Alcol e Tabacco della Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Valentino Patussi I determinanti

Dettagli

IL RUOLO DEL NEONATOLOGO: PROBLEMATICHE EMERGENTI DR. ANTONELLA SOLDI

IL RUOLO DEL NEONATOLOGO: PROBLEMATICHE EMERGENTI DR. ANTONELLA SOLDI LA SALUTE RIPRODUTTIVA IN AMBIENTE DI VITA E DI LAVORO: STATO DELLE CONOSCENZE, PRIORITÀ DI RICERCA, INDICAZIONI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IL RUOLO DEL NEONATOLOGO: PROBLEMATICHE EMERGENTI DR. ANTONELLA

Dettagli

LE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE: COME MANGIARE PER AMMALARSI MENO E VIVERE PIÙ A LUNGO

LE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE: COME MANGIARE PER AMMALARSI MENO E VIVERE PIÙ A LUNGO LE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE: COME MANGIARE PER AMMALARSI MENO E VIVERE PIÙ A LUNGO Laura Rossi, Ph.D. Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione - CREA-NUT, Roma Evoluzione del concetto

Dettagli

KEY MESSAGES Latte vaccino e prima infanzia. Verona, 16 settembre 2009

KEY MESSAGES Latte vaccino e prima infanzia. Verona, 16 settembre 2009 KEY MESSAGES Latte vaccino e prima infanzia Verona, 6 settembre 2009 Key Message Mai prima dei 2 mesi Nonostante sia ormai acclarato che il latte vaccino è particolarmente sconsigliato nella prima infanzia

Dettagli

La Campagna EVERYONE di Save the Children. Lanciata nell ottobre del 2009 in oltre 40 Paesi del Nord e del Sud del mondo

La Campagna EVERYONE di Save the Children. Lanciata nell ottobre del 2009 in oltre 40 Paesi del Nord e del Sud del mondo III Commissione (Affari esteri e comunitari) - Indagine Conoscitiva Comitato Permanente sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio Audizione 1/7/2010 - Francesco Aureli, Save the Children Italia La Campagna

Dettagli

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Raffaella Butera Toxicon srl Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it normativa complessa articolata obiettivi comuni

Dettagli

Alimentazione in. Adolescenza. Dott.ssa Elena Rafanelli

Alimentazione in. Adolescenza. Dott.ssa Elena Rafanelli Alimentazione in Gravidanza, Allattamento e Adolescenza Dott.ssa Elena Rafanelli Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2013-2014 2014 Gravidanza Un buono

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Alimentazione e salute

Alimentazione e salute Roma, 18 novembre 2015 LAVORO E SALUTE La cultura della prevenzione nel contesto lavorativo Andrea Ghiselli CREA centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione Roma Alimentazione e salute Carico globale

Dettagli

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano LATTE E DERIVATI E TUMORE Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano MEDIE (g/die) DI CONSUMO DI LATTICINI IN ITALIA: INDAGINE INRAN-SCAI 2005

Dettagli

La gravidanza nella nefropatia diabetica

La gravidanza nella nefropatia diabetica Rene e gravidanza Gestione multidisciplinare, recenti acquisizioni e future strategie Taormina, 15-16 aprile 2011 La gravidanza nella nefropatia diabetica Lucia Del Vecchio Divisione di Nefrologia, Dialisi

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Risk factors for deaths

Risk factors for deaths App per il consumatore: la nuova frontiera dell etichettatura Prof. Alessandro Casini Nutrizione Clinica, AOUCareggi Università di Firenze Risk factors for deaths Prevalence of overweight (BMI>25 kg/m

Dettagli

ACIDI GRASSI OMEGA-3 INTRODUZIONE AGLI

ACIDI GRASSI OMEGA-3 INTRODUZIONE AGLI INTRODUZIONE AGLI ACIDI GRASSI OMEGA-3 GRASSI ALIMENTARI: I BUONI, I CATTIVI, E GLI ESSENZIALI Nella nostra continua battaglia per mantenere la linea abbiamo iniziato a considerare i grassi in modo estremamente

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

La mancata aderenza: gli stili di vita.

La mancata aderenza: gli stili di vita. La mancata aderenza: gli stili di vita. Andrea Poli NFI - Nutrition Foundation of Italy ed Università di Milano Cosa dovremmo fare Ridurre l apporto di sodio Ridurre la quantità e migliorare la qualità

Dettagli

Angela Napoli MD. CURRICULUM VITAE angela.napoli@uniroma1.it

Angela Napoli MD. CURRICULUM VITAE angela.napoli@uniroma1.it Angela Napoli MD CURRICULUM VITAE angela.napoli@uniroma1.it Data Anagrafici nata a Cosenza 05 07 1954. Residente in Roma, via C. Achillini 45/C, 00141 Roma telefono: 0039 068271475 mobile: 0039 338 5458314

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA. strategie alimentari per il benessere e la disabilità - Formia 15 ottobre 2011 - Dieta Mediterranea

DIETA MEDITERRANEA. strategie alimentari per il benessere e la disabilità - Formia 15 ottobre 2011 - Dieta Mediterranea DIETA MEDITERRANEA strategie alimentari per il benessere e la disabilità - Formia 15 ottobre 2011 - Dieta Mediterranea come prevenzione delle malattie neurodegenerative disabilitanti Dr Amedeo Schipani

Dettagli

Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano

Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano Obesità infantile nel mondo 2010: PIÚ DI 42 MILIONI I BAMBINI IN SOVRAPPESO SOTTO I 5 ANNI Obesità

Dettagli

F-Menù per la salute delle donne. Stagione Estiva

F-Menù per la salute delle donne. Stagione Estiva Stagione Estiva È disponibile il secondo F-Menù per la salute delle donne, elaborato nell ambito del progetto CCM OKkio alla ristorazione, realizzato secondo l approccio del programma Guadagnare salute.

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana matilde.razzanelli@ars.toscana.it Le indagini PASSI d Argento Obiettivo: sorveglianza sulla popolazione ultra 64enne, sostenibile con le risorse dei

Dettagli

Divezzamento: quali vegetali. Elvira Verduci Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

Divezzamento: quali vegetali. Elvira Verduci Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Divezzamento: quali vegetali Elvira Verduci Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Vegetable foods in weaning. Agostoni C, Riva E. J Int Med Res 1992;20:371-80 Vegetable

Dettagli

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Processo di Organicazione del Carbonio Il metabolismo cellulare e corporeo Processo di rinnovamento e ricambio della materia vivente. Insieme di tutte

Dettagli

Francesco Tandoi, Massimo Agosti

Francesco Tandoi, Massimo Agosti Early Life Nutrition e Programming: Nutrizione per la Salute Futura Francesco Tandoi, Massimo Agosti Neonatologia, Terapia Intensiva Neonatale e Pediatria Dipartimento Materno - Infantile Varese Stresa

Dettagli

Alcol, gravidanza e allattamento

Alcol, gravidanza e allattamento Alcol 0 Giornata di studio 1 aprile 2015 Azienda Ospedaliero-Universitaria careggi-firenze Dr Maurizio Fontanarosa - Maternità di Careggi Alcol, gravidanza e allattamento Spettro dei disordini feto-alcolici

Dettagli

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2 Andrea Pizzini STORIA DEL DIABETE TIPO 2 Funzione della β-cellula (%) 100 80 60 40 20 0 IFG - IGT -12-10 -8-6 -4 Anni dalla diagnosi Diagnosi di Diabete -2

Dettagli

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia.

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia. Fabbisogno energetico in gravidanza Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (

Dettagli

RIVELLESE ANGELA ALBAROSA Via G. Miranda n. 22, 80131 Napoli, Italia. rivelles@unina.it. Università degli Studi Federico II, Napoli

RIVELLESE ANGELA ALBAROSA Via G. Miranda n. 22, 80131 Napoli, Italia. rivelles@unina.it. Università degli Studi Federico II, Napoli F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo RIVELLESE ANGELA ALBAROSA Via G. Miranda n. 22, 80131 Napoli, Italia Telefono 39-081-7462154 Fax 39-081-5466152 E-mail rivelles@unina.it

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Alimenti Funzionali. Convegno Associazione Dossetti I Valori - 23/05/08

Alimenti Funzionali. Convegno Associazione Dossetti I Valori - 23/05/08 Alimenti Funzionali Convegno Associazione Dossetti I Valori - 23/05/08 Background All interno delle società avanzate, siamo giunti ad una nuova frontiera della scienza nutrizionale; Da CONCETTO DI NUTRIZIONE

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1!

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1! Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1 Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 2 LO SVILUPPO FISICO-CEREBRALE Considerate

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

Cenni sulla composizione corporea

Cenni sulla composizione corporea Cenni sulla composizione corporea La conoscenza della composizione chimica del corpo umano permette di: valutare le modificazioni che si realizzano nell organismo in relazione al sesso, all età e alle

Dettagli

Coorte di nuovi nati basata su Internet: progetto NINFEA (Nascita e INFanzia: gli Effetti dell Ambiente)

Coorte di nuovi nati basata su Internet: progetto NINFEA (Nascita e INFanzia: gli Effetti dell Ambiente) Protocollo dello studio Coorte di nuovi nati basata su Internet: progetto NINFEA (Nascita e INFanzia: gli Effetti dell Ambiente) 1. Contesto Il periodo fetale e quello perinatale sono stati indicati come

Dettagli

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Luca Busetto Dipartimento di Medicina - DIMED Università degli Studi di Padova Centro per lo Studio e il Trattamento Integrato

Dettagli

garantire esclusivamente l'allattamento, l'unico elemento sostitutivo appropriato nel corso del primo anno di vita sarebbe un preparato per neonati o

garantire esclusivamente l'allattamento, l'unico elemento sostitutivo appropriato nel corso del primo anno di vita sarebbe un preparato per neonati o INTRODUZIONE Nel 1970 i ricercatori, colpiti dalla bassa incidenza di coronaropatie tra gli abitanti della Groenlandia hanno iniziato a studiare le proprietà nutrizionali degli acidi grassi polinsaturi

Dettagli

La qualità degli alimenti senza glutine: oltre il Big 8

La qualità degli alimenti senza glutine: oltre il Big 8 Celiachia a 360 : dalla medicina alle scienze sociali e alla tecnologia alimentare Firenze Palazzo dei Congressi 29-31 marzo 2012 La qualità degli alimenti senza glutine: oltre il Big 8 Laura Chiesi Dietista

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli