C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora"

Transcript

1 8. Teoemi di uclide e di Pitagoa 8.1 igue equiscomponibili ue poligoni sono equiscomponibili se è possibile suddivideli nello stesso numeo di poligoni a due a due conguenti. Il ettangolo e il tiangolo in figua 8.1 sono equiscomponibili. infatti possibile suddividee il ettangolo in due figue e ed il tiangolo in due figue e tali che e. 8. igue equivalenti ig. 8.1 quiscomponibilità di poligoni. Non si daà una definizione fomale di estensione ma si intoduce tale concetto in maniea intuitiva con il seguente esempio: due figue hanno la stessa estensione se esse occupano esattamente lo stesso numeo di quadatini del foglio quadettato. Se una figua occupa più quadatini di un alta si dice che essa ha una maggioe estensione. d esempio in figua 9. il quadato e il cechio hanno la stessa estensione, anche se isulta difficile povalo contando il numeo di quadetti che occupano. ig. 8. quivalenza di poligoni. ue figue sono dette equivalenti (o equiestese) se hanno la stessa estensione. Ossevazione ssee equivalenti è una elazione di equivalenza. Infatti valgono le te popietà ichieste: o RILSSIV ogni figua è equivalente a sé stessa. o SIMMTRI se è equivalente a alloa è equivalente ad. o TRNSITIV se è equivalente a e è equivalente a alloa è equivalente a. Ossevazione Si noti che due figue equiscomponibili sono senz alto equivalenti, mente due figue equivalenti non è detto che siano equiscomponibili, come ad esempio il quadato e il cechio in figua ea L aea è la misua dell estensione di una figua. Pe misuae l aea di una figua è necessaio fissae una adatta unità di misua. Nel capitolo si è definita la misua dei segmenti confontandoli con un segmento fissato u che fungesse da unità di misua. Pe misuae le aee si pendeà come unità di misua il quadato di lato u, che veà indicato con u. L aea di una qualsiasi figua saà un multiplo o un sottomultiplo dell unità di misua u. u u ig. 8. Unità di misua delle lunghezze e delle aee. ue figue equivalenti hanno la stessa aea. Teoia 8-1

2 8.4 ea e peimeto del ettangolo Si considei un ettangolo avente i lati di misua u e 4u. semplice ossevae che il ettangolo contiene esattamente 1 quadatini di aea u. Si dià che il ettangolo ha aea 1u. u hiamando base e altezza i due lati del ettangolo si può intuitivamente concludee che l aea del ettangolo si calcola con la seguente fomula: ea(ettangolo)=base altezza Tale fomula esta valida anche nel caso in cui la base e l altezza non siano misuabili con un numeo inteo di quadetti. Il peimeto è invece la somma dei lati di un poligono. onsideando che due lati sono conguenti alla base e due all altezza si può concludee che il peimeto del ettangolo si calcola con la seguente fomula: Peimeto(ettangolo)= base+ altezza L aea del ettangolo è il punto di ifeimento pe calcolae le aee di tutte le alte figue geometiche. 8.5 ea e peimeto del tiangolo ig. 8.4 ea del ettangolo. Si vuole calcolae l aea del tiangolo. facile dimostae che il tiangolo e il tiangolo sono conguenti, e così il tiangolo e il tiangolo. Il ettangolo è dunque equivalente a +++= +. Il tiangolo è equivalente a +. L aea del tiangolo è dunque la metà di quella del ettangolo. L aea del ettangolo è ea()=base altezza, dunque quella del tiangolo è ea(tiangolo)= base altezza/ Il peimeto è semplicemente la somma dei lati del tiangolo, pe cui si ha: Peimeto(tiangolo)=somma dei lati siste un alta fomula detta fomula di one (che non dimosteemo) che pemette di calcolae l aea di un tiangolo conoscendone le misue dei lati. Indicando con a, b e c le misue dei lati e con p il semipeimeto, ossia p=(a+b+c)/ si ha: ea(tiangolo)= p( p-a) ( p-b) ( p-c ) 8.6 ea e peimeto del tapezio igua 8.5 ea del tiangolo. Si vuole calcolae l aea del tapezio, e pe questo si effettua la seguente costuzione (vedi figua 8.6). Si polunga la base maggioe di un segmento conguente alla base minoe. I tiangoli e sono conguenti. Infatti: l angolo ˆ è opposto all angolo ˆ, e gli angoli opposti sono conguenti. è conguente a pe costuzione. l angolo ˆ e l angolo ˆ sono alteni inteni quindi sono conguenti. Pe il secondo citeio di conguenza dei tiangoli e sono conguenti, quindi sono equivalenti. è equivalente ad +. è equivalente ad +=+. a ciò segue che il tiangolo e il tapezio sono equivalenti, quindi hanno la stessa aea. Pe tovae l aea del tapezio si deve quindi calcolae quella del tiangolo. Teoia 8-

3 ea()=ea()= /=(+) /=(+) /=(ase maggioe + base minoe) altezza / La fomula cecata è dunque ea(tapezio)=(base maggioe + base minoe) altezza/ Il peimeto saà semplicemente la somma dei lati del tapezio. Peimeto(tapezio)=somma dei lati ig. 8.6 ea del tapezio. 8.7 ea e peimeto del paallelogamma Si vuole calcolae l aea del paallelogamma, e pe questo si effettua la seguente costuzione (vedi figua 8.7). Si taccia la pependicolae a passante pe e si tova il punto. è detta altezza del paallelogamma. Si polunga il lato dal lato di di un segmento. nche è una altezza del paallelogamma. I tiangoli e sono conguenti. Infatti: l angolo ˆ ˆ peché coispondenti delle ette e tagliate dalla tasvesale. è conguente a pe costuzione. è conguente a in quanto lati opposti del paallelogamma. Pe il pimo citeio di conguenza dei tiangoli e sono conguenti, quindi sono equivalenti. a ciò segue che: ea()=ea()+ ea()= ea()+ ea()=ea(). L aea del paallelogamma è dunque la stessa dell aea del ettangolo avente come base uno dei lati del paallelogamma e come altezza l altezza del paallelogamma. La fomula cecata è dunque ea(paallelogamma)=base altezza Il peimeto saà semplicemente la somma dei lati del paallelogamma, che peò sono due a due conguenti. Si dovà quindi sommae il doppio del pimo lato con il doppio del secondo lato. Peimeto(paallelogamma)= lato1+ lato Si mosta nella figua 8.8 come in ealtà sia possibile consideae come base anche il lato minoe del paallelogamma. In questo caso l altezza è indicata con o. ig. 8.7 ea del paallelogamma. 8.8 ea e peimeto del ombo Il ombo è un paallelogamma, petanto è possibile calcolane aea e peimeto con le stesse fomule mostate nel paagafo pecedente. a peò una caatteistica che pemette di utilizzae anche una fomula altenativa pe calcolae l aea, ossia il fatto che le diagonali sono pependicolai. ssendo inolte tutti i lati conguenti isulta più semplice anche la fomula pe il calcolo del peimeto. Si considei il ombo in figua 8.9 e si effettui la seguente costuzione. Si tacci la diagonale e poi le ette ad essa paallele passanti pe e. Si tacci poi la diagonale e poi le ette ad essa paallele passanti pe e. Le 4 ette così tacciate sono ta loo pependicolai e fomano un ettangolo G. facile mostae che i tiangoli O, O, O, O,, G, e sono tutti conguenti ta loo. Teoia 8- ig. 8.8 ea del paallelogamma.

4 Il ettangolo G è scomponibile negli 8 tiangoli appena elencati, da cui ea(g)=8 ea(o), mente il ombo è scomponibile in 4 tiangoli, da cui ea()=4 ea(o). a ciò segue che l aea del ombo è la metà dell aea del ettangolo. Il ettangolo ha base G, che è la diagonale maggioe del ombo, e altezza G che è la diagonale minoe del ombo. L aea del ombo saà dunque la metà dell aea del ettangolo, quindi ea(ombo)=diagonale maggioe diagonale minoe/ Il peimeto saà la somma dei lati del ombo, che peò sono tutti conguenti. Si dovà quindi moltiplicae il lato pe quatto. Peimeto(ombo)=4 lato O ig. 8.9 ea del ombo. G 8.9 ea e peimeto del quadato Un quadato è un ettangolo, ed è anche un ombo, quindi valgono le fomule pe il calcolo dell aea e del peimeto sia del ettangolo che del ombo. vendo peò esso tutti i lati e gli angoli conguenti è possibile semplificae le fomule pecedenti. onsideando il quadato un caso paticolae di ettangolo pe calcolae l aea anziché moltiplicae la base pe l altezza basteà moltiplicae il lato pe sé stesso. ea(quadato)=lato lato=lato onsideando invece il quadato un caso paticolae di ombo pe calcolae l aea basteà moltiplicae la diagonale pe sé stessa e dividee il tutto pe due. ea(quadato)=diagonale diagonale/= diagonale / Pe il calcolo del peimeto si deve invece moltiplicae il lato pe 4. Peimeto(quadato)=4 lato 8.10 ea e peimeto dei poligoni egolai Pe il calcolo dell aea di un poligono egolae si effettui la seguente costuzione. Si disegnino i segmenti che uniscono il cento del poligono egolae ai suoi vetici. Si ottengono così tanti tiangoli isosceli quanti sono i lati del poligono egolae. Pe calcolae l aea del poligono egolae basta dunque calcolae l aea di uno qualsiasi dei tiangoli isosceli e moltiplicae tale aea pe il numeo dei lati del poligono. L aea di uno dei tiangoli isosceli può essee calcolata moltiplicando il lato pe l apotema e dividendo il isultato pe due. Si ottiene quindi la fomula pe il calcolo dell aea dei poligoni egolai di n lati. ea(poligono egolae di n lati)=lato apotema n/ ig ea dei poligoni egolai. Il poblema che spesso si veifica nel calcolo dell aea dei poligoni egolai è che si deve calcolae l apotema (ossia il aggio della ciconfeenza inscitta) conoscendo solamente il lato. Questo è un poblema di non semplice isoluzione che veà affontato in maniea completa quando si studieà la tigonometia. In questo capitolo si studieanno invece alcuni casi paticolai come l aea dell esagono o dell ottagono dopo avee tattato i teoemi di uclide e Pitagoa. Non cea invece nessun poblema il calcolo del peimeto che è banalmente il podotto ta un lato e il numeo dei lati. Peimeto(poligono egolae di n lati)=n lato Pe calcolae invece l aea di un poligono qualsiasi è necessaio suddividelo in tiangoli, calcolae l aea dei tiangoli che lo compongono e sommae tali aee. Teoia 8-4

5 Pe calcolae, ad esempio, l aea del poligono in figua 8.11 si dovanno dunque fissae al suo inteno un punto qualsiasi e tacciae i segmenti che congiungono tale punto ai vetici del poligono. Si dovanno poi calcolae le aee dei tiangoli,,,, e sommale. ig ea dei poligoni ea e peimeto della ciconfeenza Pe affontae il poblema del calcolo del peimeto o, meglio, della lunghezza di una ciconfeenza, si considei il seguente esempio. Si penda un filo e lo si tenga ditto, in modo da fissae su di esso l unità di misua u, come pe esempio un meto da sato, nel quale l unità di misua u è il cm. desso il meto (o il filo) possono essee piegati in modo da fali adeie pefettamente alla ciconfeenza e così misuane la lunghezza. Il poblema è: come calcolae la lunghezza di una ciconfeenza conoscendone il aggio? ig. 8.1 Lunghezza di una ciconfeenza. Si considei la figua 8.1. Se si pende la misua del aggio con un filo è possibile poi falo adeie alla ciconfeenza in modo da contae quante volte si deve utilizzae il aggio pe copie l intea ciconfeenza. Pe icopie metà ciconfeenza seve quindi poco più di volte la lunghezza del aggio. Indichiamo con il simbolo π il numeo di aggi che sevono pe icopie una ciconfeenza. La lunghezza della semiciconfeenza è dunque π. Si può dunque tovae una appossimazione dicendo che la lunghezza della ciconfeenza è poco più di sei volte la lunghezza del aggio, ossia π. Lunghezza(ciconfeenza)=π L appossimazione di π che abbiamo tovato è peò molto gossolana, in quanto abbiamo detto che è un po più di te. necessaio deteminae l appossimazione in maniea più pecisa, e mostiamo adesso il pocedimento ideato da chimede nel III secolo a.c. chimede ha consideato pe una ciconfeenza di aggio il poligono egolae inscitto e quello cicoscitto. La lunghezza della ciconfeenza saà sicuamente un numeo compeso ta il peimeto del poligono egolae inscitto e quello del poligono egolae cicoscitto. chimede ha pensato che all aumentae del numeo dei lati del poligono egolae si saebbe ottenuta una miglioe appossimazione di π. ig. 8.1 Lunghezza di una ciconfeenza. Metodo di chimede pe l appossimazione di π. Teoia 8-5

6 Numeo dei lati Semipeimeto del poligono inscitto Semipeimeto del poligono cicoscitto alla tabella pecedente si vede che all aumentae del numeo dei lati si ottiene una sempe più pecisa appossimazione del valoe di π. L appossimazione utilizzata solitamente è π.14, ma si può fae di meglio, in quanto si è aivati ad appossimae π con centinaia di migliaia di cife decimali dopo la vigola. impotante sapee che tali cife decimali NON SONO PRIOI. Se ci fosse una peiodicità saebbe possibile scivee π sotto foma di fazione, ma non essendoci un peiodo ciò è impossibile. Se si deve calcolae invece la lunghezza di un aco di ciconfeenza il cui angolo al cento è α espesso in gadi basta applicae la popozione seguente Lunghezza aco ciconfeenza: angolo al cento=60 :π ottenendo la fomula Lunghezza(aco di ciconfeenza)=απ/180 =α che diventa Lunghezza(aco di ciconfeenza)=α se l angolo è espesso in multipli o sottomultipli dell angolo piatto indicato con π. Pe il calcolo dell aea di un cechio si può pocedee in maniea analoga mediante le appossimazioni delle aee dei poligoni inscitti e cicoscitti al cechio. Il isultato che si ottiene è: ea(cechio)=π Se si deve calcolae l aea di un settoe cicolae si può pocedee anche in questo caso con la popozione ea settoe cicolae: angolo al cento=π :60 ottenendo la fomula ea(settoe cicolae)= απ /60 che diventa ea(settoe cicolae)=α / se l angolo è espesso in multipli o sottomultipli dell angolo piatto indicato con π. 8.1 Pimo teoema di uclide I Teoema di uclide In un tiangolo ettangolo il quadato costuito su un cateto è equivalente al ettangolo avente come lati l ipotenusa e la poiezione del cateto sull ipotenusa. IPOTSI: è un tiangolo ettangolo,. TSI: G è equivalente a. L I G M ig I teoema di uclide. Teoia 8-6

7 IMOSTRZION I tiangoli ettangoli I e hanno: peché lati dello stesso quadato. I ˆ ˆ peché complementai dello stesso angolo ˆ M. Quindi i tiangoli ettangoli I e sono conguenti pe i citei di conguenza dei tiangoli ettangoli. a ciò segue che I. Il ettangolo e il paallelogamma LI hanno la stessa base I e la stessa altezza e quindi sono equivalenti. Il quadato G e il paallelogamma LI hanno la stessa base e la stessa altezza G, quindi sono equivalenti. è equivalente a LI, LI è equivalente a G, pe la popietà tansitiva è equivalente ad G. Si può concludee che l aea di G è uguale all aea di, ossia: =. 8.1 Teoema di Pitagoa Teoema di Pitagoa In un tiangolo ettangolo il quadato costuito sull ipotenusa è equivalente alla somma dei quadati costuiti sui cateti. IPOTSI: è un tiangolo ettangolo. TSI: è equivalente a IG+LM. IMOSTRZION Pe il pimo teoema di uclide è equivalente a IG. Sempe pe il pimo teoema di uclide LM è equivalente a. Sommando si ha IG+LM è equivalente a +. Ma + è equivalente popio a. a ciò segue che è equivalente a IG+LM. Si può concludee che l aea di è uguale alla somma delle aee di IG e di LM, ossia: = +. L I M G 8.14 Secondo teoema di uclide ig Teoema di Pitagoa. II Teoema di uclide In un tiangolo ettangolo il quadato costuito sull altezza elativa all ipotenusa è equivalente al ettangolo avente lati le poiezioni dei cateti sull ipotenusa. IPOTSI: è un tiangolo ettangolo. TSI: IL è equivalente a MN. IMOSTRZION: In figua 8.16 si costuisce il quadato G sul lato, si tacciano, M N, M N. Si applica il teoema di Pitagoa al tiangolo, che è ettangolo con ipotenusa e si ottiene che G è equivalente a IL+NM. Si applica il pimo teoema di uclide al tiangolo. G è equivalente ad che è a sua volta equivalente a NM+MN. G è dunque equivalente sia a IL+NM che a NM+MN. lloa IL+NM è equivalente a NM+MN, e cancellando NM esta IL equivalente a MN. Si può concludee che l aea di LI è uguale all aea di MN, ossia: =. Teoia 8-7

8 L G I M N 8.15 ea di un tiangolo ettangolo L aea di un tiangolo ettangolo si può calcolae consideando l ipotenusa come base e l altezza elativa all ipotenusa come altezza, ottenendo la fomula: ea = ipotenusa altezza elativa all ipotenusa/ possibile calcolae la stessa aea anche consideando come base un cateto e come altezza l alto cateto, ottenendo la fomula: ea = cateto cateto/ onfontando le due fomule si ottiene la seguente Ipotenusa altezza elativa all ipotenusa = cateto cateto 8.16 omule iassuntive pe i tiangoli ettangoli Negli esempi che seguono l unità di misua è sottintesa e si useà la notazione di figua 8.17, ossia: Ipotenusa c ateti a, b ltezza h Poiezioni dei cateti sull ipotenusa x, y on questa notazione i teoemi di uclide e Pitagoa e la egola dell aea assumono la seguente foma: I teoema di uclide a =c x b =c y II teoema di uclide h =x y Teoema di Pitagoa a +b =c omula di equivalenza dell aea di un tiangolo c h=a b ig II teoema di uclide. a h b x y 8.17 sempi ed esecizi c ig Notazioni. sempio 8.17a La mediana taglia un tiangolo in due pati equiestese. Svolgimento: I due tiangoli M e M hanno basi M e M che sono conguenti ta loo in quanto M mediana e dunque M è il punto medio di. L altezza dei due tiangoli M e M è lo stesso segmento. vendo basi e altezze conguenti i due tiangoli hanno la stessa aea. Teoia 8-8

9 ig La mediana taglia ogni tiangolo in due pati equiestese. secizio 8.17b Sapendo che i cateti di un tiangolo ettangolo sono lunghi ispettivamente e 4 tovae l ipotenusa. Svolgimento: si sostituiscono i dati a=, b=4 nella fomula del teoema di Pitagoa. +4 =c 9+16=c 5=c c =5 c = 5 = 5 L ipotenusa è lungo 5. secizio 8.17c Sapendo che in un tiangolo ettangolo un cateto è lungo 5 e l ipotenusa è lunga 8 tovae la lunghezza dell alto cateto. Svolgimento: si sostituiscono i dati c=8, a=5 nella fomula del teoema di Pitagoa. 5 +b =8 5+b =64 b =64-5 b =9 b = 9 L alto cateto è lungo 9. secizio 8.17d Sapendo che in un tiangolo ettangolo un cateto è lungo 4 e la sua poiezione sull ipotenusa è lunga tovae la lunghezza dell ipotenusa. Svolgimento: si sostituiscono i dati a=4, x= nella fomula del pimo teoema di uclide. 4 =c 16= c c =16 c=16/ c=8 L ipotenusa è lunga 8. secizio 8.17e Sapendo che in un tiangolo ettangolo le poiezioni dei due cateti sull ipotenusa hanno lunghezza ispettivamente e 5 tovae l altezza elativa all ipotenusa. Svolgimento: si sostituiscono i dati x=, y=5 nella fomula del secondo teoema di uclide. h = 5 h =15 h = 15 L altezza elativa all ipotenusa è lunga 15. secizio 8.17f Sapendo che un quadato ha lato 1 tovae la lunghezza della diagonale del quadato. Svolgimento: si fa ifeimento alla figua Il tiangolo è ettangolo con ipotenusa e cateti e. Si può applicae ad esso il teoema di Pitagoa =c 1+1=c =c c = c = La diagonale è lunga. Tale isultato può essee genealizzato: se un quadato ha il lato di lunghezza l, alloa la sua diagonale ha lunghezza l. M secizio 8.17g Sapendo che il lato di un tiangolo equilateo ha lunghezza 1 tovae la lunghezza di una sua altezza. Svolgimento: si fa ifeimento alla figua 8.0. Il tiangolo è ettangolo con ipotenusa, che si sa avee lunghezza 1, e cateti e. è la metà di, ha lunghezza 1, quindi ha lunghezza 1/. Si applica il teoema di Pitagoa al tiangolo. 1 ( ) + b = b = 1 b = 1 1 b = 4 1 b = b = b = L altezza del tiangolo equilateo è ig alcolo della misua della diagonale del quadato.. Teoia 8-9

10 Tale isultato può essee genealizzato: se un tiangolo equilateo ha un lato di lunghezza l, alloa la sua diagonale ha lunghezza l. secizio 8.17h Sapendo che il lato di un tiangolo equilateo ha lunghezza tovae la distanza del suo cento dai suoi lati e dai suoi vetici. Svolgimento: si fa ifeimento alla figua 8.1. Il tiangolo equilateo è inscivibile in una ciconfeenza di aggio O, che è popio la lunghezza che dobbiamo tovae pe deteminae la distanza del cento del tiangolo equilateo dai suoi vetici. al fatto che il lato del tiangolo equilateo è si ha che =1. è l altezza del tiangolo equilateo OG. Se il lato è l l altezza del tiangolo equilateo è l. La fomula invesa dice che se l altezza del tiangolo equilateo è h alloa il suo lato è h = l. Il lato O cecato è dunque O = =. ig. 8.0 alcolo della misua dell altezza di un tiangolo equilateo. Pe quanto detto nell esecizio 8.17g l altezza del tiangolo equilateo è = l = =. a ciò si può concludee che O = O = = Il cento divide petanto ogni altezza di un tiangolo equilateo in due pati una doppia dell alta. O G ig. 8.1 alcolo della distanza del cento di un tiangolo equilateo da lati e vetici. secizio 8.17i Sapendo che il peimeto di un tapezio isoscele inscitto in una semiciconfeenza di aggio è 5, deteminane i lati. Svolgimento: si fa ifeimento alla figua 8.. ig. 8. Tapezio inscitto in una semiciconfeenza. Si indichino con x la misua della base minoe e con y la misua dei lati obliqui. al peimeto si icava la seguente elazione: x+y+y++=5, da cui x+y=. possibile icavae sottaendo la base minoe dalla maggioe e dividendo pe due. Teoia 8-10

11 =(-)/=(-x)/ Il tiangolo è ettangolo e applicando ad esso il I teoema di uclide si ottiene che =, che espesso con le incognite x e y diventa x ( ) = y. Si deve dunque isolvee il sistema x = y x + y = x = y x ( y) ( ) = y = y ( + y) = y x = y x = y x = y ( y) y y y y y + = + = + = 0 x = y x = x = ( y ) = 0 y = y = La base minoe è quindi lunga come il lato obliquo ed ha la stessa lunghezza del aggio della semiciconfeenza. Teoia 8-11

GEOMETRIA ELEMENTARE. h = 2 2 S. h =

GEOMETRIA ELEMENTARE. h = 2 2 S. h = QUESITI 1 GEOMETRI ELEMENTRE 1. (Da Veteinaia 015) Le diagonali (ossia le linee che uniscono i vetici opposti) di un ombo misuano ispettivamente 4 cm e 8 cm. Qual è il peimeto del ombo in cm? a) 8 3 b)

Dettagli

Lunghezza della circonferenza e area del cerchio

Lunghezza della circonferenza e area del cerchio Come possiamo deteminae la lunghezza di una ciconfeenza di aggio? Poviamo a consideae i poligoni egolai inscitti e cicoscitti alla ciconfeenza: è chiao che la lunghezza della ciconfeenza è maggioe del

Dettagli

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze 1. Completa. a. Il peso di un copo dipende dal volume e dalla sostanza di cui è costituito b. Ogni sostanza ha il suo peso specifico, che è il peso dell unità di volume

Dettagli

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA La seconda pova scitta dell esame di stato 007 Indiizzo: OMTRI Tema di TOPORI Claudio Pigato Membo del Comitato Scientiico SIT Società Italiana di otogammetia e Topogaia Istituto Tecnico Statale pe eometi

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO 1 La siepe Sul eto di una villetta deve essee ealizzato un piccolo giadino ettangolae di m, ipaato da una siepe posta lungo il bodo Dato che un lato del giadino è occupato

Dettagli

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario.

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario. LICEO SCIENTIFICO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO (AMERICHE) SESSIONE ORDINARIA Il candidato isolva uno dei due poblemi e degli 8 quesiti scelti nel questionaio. N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo

Dettagli

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze 1. Completa. a. Il peso di un copo dipende dal...e dalla...di cui è costituito b. Ogni sostanza ha il suo peso specifico, che è... di quella sostanza c. Il peso specifico

Dettagli

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI www.matefilia.it Assegnata la funzione y = f(x) = e x 8 SIMULAZIONE - APRILE 5 - QUESITI ) veificae che è invetibile; ) stabilie se la funzione invesa f è deivabile in ogni punto del suo dominio di definizione,

Dettagli

Unità Didattica N 27 Circonferenza e cerchio

Unità Didattica N 27 Circonferenza e cerchio 56 La ciconfeenza ed il cechio Ciconfeenza e cechio 01) Definizioni e popietà 02) Popietà delle code 03) Ciconfeenza passante pe te punti 04) Code e loo distanza dal cento 05) Angoli, achi e code 06) Mutua

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MDELLI SCHEDA DI LAVR La clessida ad acqua Ipotizziamo che la clessida ad acqua mostata in figua sia fomata da due coni pefetti sovapposti La clessida impiega,5 minuti pe svuotasi e supponiamo

Dettagli

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale Disequazioni 1 11 Intevalli sulla etta eale Definizione 11 Dati due numei eali a e b, con a < b, si chiamano intevalli, i seguenti sottoinsiemi di R: a, b) = {x R/a < x < b} intevallo limitato apeto, a

Dettagli

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM CAPITOLO 10 La domanda aggegata I: il modello IS-LM Domande di ipasso 1. La coce keynesiana ci dice che la politica fiscale ha un effetto moltiplicato sul eddito. Infatti, secondo la funzione di consumo,

Dettagli

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s STATICA EX Una cassa di massa m=5kg è fema su una supeficie oizzontale scaba. Il coefficiente di attito statico è µ s = 3. Supponendo che sulla cassa agisca una foza F fomante un angolo di 30 ispetto al

Dettagli

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione Appofondimento 7.5 - Alti tipi di coefficienti di coelazione Il coefficiente di coelazione tetacoico e policoico Nel 900 Peason si pose anche il poblema di come misuae la coelazione fa caatteistiche non

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA SOLIDA

ELEMENTI DI GEOMETRIA SOLIDA POF. IN CEESO.S. EINSEIN EEMENI DI GEOMEI SOID Postulati: ) pe punti dello spazio, non allineati, passa uno e un solo piano; ) una etta passante pe due punti di un piano giace inteamente in quel piano;

Dettagli

5.1 Determinazione delle distanze dei corpi del Sistema Solare

5.1 Determinazione delle distanze dei corpi del Sistema Solare 5.1 Deteminazione delle distanze dei copi del istema olae 5.1.1 Distanza ea-pianeti aallassi equatoiali Questo è il metodo più peciso ma anche quello più delicato da eseguie. Esso si basa sul fatto che

Dettagli

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria Schede di lettotecnica Coso di lettotecnica - Cod. 900 N Diploma Univesitaio Teledidattico in Ingegneia Infomatica ed utomatica Polo Tecnologico di lessandia cua di Luca FRRRIS Scheda N Sistemi tifase:

Dettagli

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM CPITOLO 11 La domanda aggegata II: applicae il modello - Domande di ipasso 1. La cuva di domanda aggegata appesenta la elazione invesa ta il livello dei pezzi e il livello del eddito nazionale. Nel capitolo

Dettagli

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA . L'IMPULS 0 DI MT IL MMENT NGLRE E IL MMENT D INERZI Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in otazione può continuae a giae

Dettagli

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica Investimento L investimento è l aumento della dotazione di capitale fisico dell impesa. Viene effettuato pe aumentae la capacità poduttiva. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (5) L investimento In queste

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica () (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

GONIOMETRIA. MISURA DEGLI ANGOLI La misura di un angolo si può esprimere in diversi modi, a seconda dell unità di misura che si sceglie.

GONIOMETRIA. MISURA DEGLI ANGOLI La misura di un angolo si può esprimere in diversi modi, a seconda dell unità di misura che si sceglie. of. Luigi Cai Anno scolastico 4-5 GONIOMETRIA MISURA DEGLI ANGOLI La misua di un angolo si può espimee in divesi modi, a seconda dell unità di misua che si sceglie. Sistema sessagesimale Si assume come

Dettagli

Grandezze cinematiche angolari (1)

Grandezze cinematiche angolari (1) Uniesità degli Studi di Toino D.E.I.A.F.A. MOTO CIRCOLARE UNIFORME FISICA CdL Tecnologie Agoalimentai Uniesità degli Studi di Toino D.E.I.A.F.A. Genealità () Moto di un punto mateiale lungo una ciconfeenza

Dettagli

Energia potenziale e dinamica del punto materiale

Energia potenziale e dinamica del punto materiale Enegia potenziale e dinamica del punto mateiale Definizione geneale di enegia potenziale (facoltativo) In modo geneale, la definizione di enegia potenziale può esee pesentata come segue. Sia un punto di

Dettagli

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI CORRENT ELETTRCHE E CAMP MAGNETC STAZONAR Foze magnetiche su una coente elettica; Coppia magnetica su una coente in un cicuito chiuso; Azioni meccaniche su dipoli magnetici; Applicazione (Galvanometo);

Dettagli

5. CAMBIO. 5.1. descrizione

5. CAMBIO. 5.1. descrizione ambio powe - shift 5. AMBIO 5.. descizione Tattasi di cambio meccanico a te velocità avanti e te velocità indieto, ealizzate mediante cinque iduttoi epicicloidali vaiamente collegati ta loo. Tutte le cinque

Dettagli

LEZIONE 10. d(a, B) = AB = AB = (x A x B ) 2 + (y A y B ) 2 + (z A z B ) 2.

LEZIONE 10. d(a, B) = AB = AB = (x A x B ) 2 + (y A y B ) 2 + (z A z B ) 2. LEZIONE 10 10.1. Distanze. Definizione 10.1.1. In S n sia fissata un unità di misua u. Se A, B S n, definiamo distanza fa A e B, e sciviamo d(a, B), la lunghezza del segmento AB ispetto ad u. Abbiamo già

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica B() (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso L enegia e la quantità di moto -. L impulso Il momento angolae e il momento d inezia Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in

Dettagli

ESERCIZIO n.1. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. h t. d b GA#1 1

ESERCIZIO n.1. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. h t. d b GA#1 1 Esecizi svolti di geometia delle aee Aliandi U., Fusci P., Pisano A., Sofi A. ESERCZO n.1 Data la sezione ettangolae ipotata in Figua, deteminae: a) gli assi pincipali centali di inezia; ) l ellisse pincipale

Dettagli

Il teorema di Gauss e sue applicazioni

Il teorema di Gauss e sue applicazioni Il teoema di Gauss e sue applicazioi Cocetto di flusso Cosideiamo u campo uifome ed ua supeficie piaa pepedicolae alle liee di campo. Defiiamo flusso del campo attaveso la supeficie la uatità : = (misuata

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

Il moto circolare uniforme

Il moto circolare uniforme Il moto cicolae unifome Il moto cicolae unifome: peiodo e fequenza Un copo che i muoe lungo una taiettoia cicolae con elocità calae cotante ipaa pe la poizione iniziale a intealli fii di tempo. Definiamo

Dettagli

TEST PER RECUPERO OFA 25 marzo 2010

TEST PER RECUPERO OFA 25 marzo 2010 TEST PER RECUPERO OFA mazo 010 A 1. Quale ta i seguenti numei, moltiplicato pe, dà come podotto un numeo azionale? A) 0 B) 1+ C) + D) 1 6 E).. Un esagono egolae è inscitto in una ciconfeenza di aggio.

Dettagli

ESERCIZIO n.2. y B. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. GA#2 1

ESERCIZIO n.2. y B. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. GA#2 1 ESERCZO n. Data la sezione a T ipotata in Figua, deteminae: a) gli assi pincipali centali di inezia; ) l ellisse pincipale centale di inezia; c) il nocciolo centale di inezia; d) i momenti di inezia e

Dettagli

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE http://imagelab.ing.unimo.it Dispense del coso di Elaboazione di Immagini e Audio Digitali GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE Pof. Robeto Vezzani Calibazione della telecamea: a cosa seve? Obiettivo: pote calcolae

Dettagli

Successioni e Progressioni

Successioni e Progressioni Successioi e Pogessioi Ua successioe è ua sequeza odiata di umei appateeti ad u isieme assegato: ad esempio, si possoo avee successioi di umei itei, azioali, eali, complessi Il pimo elemeto della sequeza

Dettagli

Momenti d'inerzia di figure geometriche semplici

Momenti d'inerzia di figure geometriche semplici Appofondimento Momenti d'inezia di figue geometice semplici Pidatella, Feai Aggadi, Pidatella, Coso di meccanica, maccine ed enegia Zanicelli 1 Rettangolo Pe un ettangolo di ase e altezza (FGURA 1.a),

Dettagli

Applicazioni della trigonometria alla geometria

Applicazioni della trigonometria alla geometria unti di matematica licazioni della tigonometia alla geometia. ea di un tiangolo, note le misue di due lati e quella dell'angolo da essi comeso. TEOREM L'aea di un qualsiasi tiangolo è eguale al semiodotto

Dettagli

C3. Rette parallele e perpendicolari

C3. Rette parallele e perpendicolari C. Rette paallele e pependicolai C.1 Rette pependicolai Due ette ed ono dette pependicolai e incociandoi fomano quatto angoli conguenti. Si cive. C. Teoema: ette pependicolai fomano angoli etti Due ette

Dettagli

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820.

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. La magnetostatica Le nozioni appese acquisite nel coso dei secoli sui fenomeni magnetici fuono schematizzate elativamente tadi ispetto alle pime ossevazioni,

Dettagli

Lo schema seguente spiega come passare da una equazione all altra e al grafico della circonferenza. Svolgere i calcoli.

Lo schema seguente spiega come passare da una equazione all altra e al grafico della circonferenza. Svolgere i calcoli. D4. Ciconfeenza D4.1 Definizione di ciconfeenza come luogo di punti Definizione: una ciconfeenza è fomata dai punti equidistanti da un punto detto cento. La distanza (costante) è detta aggio. Ci sono due

Dettagli

Parte Seconda. Geometria

Parte Seconda. Geometria Parte Seconda Geometria Geometria piana 99 CAPITOLO I GEOMETRIA PIANA Geometria: scienza che studia le proprietà delle figure geometriche piane e solide, cioè la forma, l estensione e la posizione dei

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. I triangoli e i criteri di congruenza Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. ntonio Manca da materiali offerti dalla rete. ontributi di: tlas editore, matematicamente, Prof.ssa. nnamaria Iuppa,

Dettagli

di Enzo Zanghì pag 1 applichiamo il teorema di Pitagora e otteniamo:

di Enzo Zanghì pag 1 applichiamo il teorema di Pitagora e otteniamo: m@th_cone di Enzo Zanghì pag Distanza di due punti Pe deteminae la distanza ta i punti ( ; ) ( ; ) applichiamo il teoema di Pitagoa e otteniamo: = ( ) + ( ) Punto medio di un segmento M O M + Osseviamo

Dettagli

Costruzioni di base. Enti geometrici fondamentali. unità 2. Definizioni. Costruzioni geometriche

Costruzioni di base. Enti geometrici fondamentali. unità 2. Definizioni. Costruzioni geometriche unità ostuzioni geometiche ostuzioni di ase nti geometici fondamentali efinizioni Punto nte geometico pivo di dimensioni; è definiile come isultato dell intesezione di due elementi lineai ettilinei o cuvilinei

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

Valore finanziario del tempo

Valore finanziario del tempo Finanza Aziendale Analisi e valutazioni pe le decisioni aziendali Valoe finanziaio del tempo Capitolo 3 Indice degli agomenti. Concetto di valoe finanziaio del tempo 2. Attualizzazione di flussi futui

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 3 Ingegneria Gestionale-Informatica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 3 Ingegneria Gestionale-Informatica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE PTNZIL LTTRIC D NRGI PTNZIL Ba. Una caica elettica q mc si tova nell oigine di un asse mente una caica negativa q 4 mc si tova nel punto di ascissa m. Sia Q il punto dell asse dove il campo elettico si

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

Indice CIRCONFERENZA E CERCHIO. verso le competenze fondamentali. 2 Unità di apprendimento 1. 3 Attività per iniziare

Indice CIRCONFERENZA E CERCHIO. verso le competenze fondamentali. 2 Unità di apprendimento 1. 3 Attività per iniziare Indice 2 Unità di appendimento 1 IRNFERENZ E ERHI 3 ttività pe iniziae veso le competenze fondamentali 4 1 La ciconfeenza e il cechio Posizioni di un punto ispetto a una ciconfeenza, 5 Posizioni di una

Dettagli

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Foza centipeta e foze appaenti Foza gavitazionale 03/11/011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Sistema di ifeimento ineziale: un sistema in cui è valida la pima legge di Newton (I legge della

Dettagli

Geometria analitica in sintesi

Geometria analitica in sintesi punti distanza ta due punti coodinate del punto medio coodinate del baicento ta due punti di un tiangolo di vetici etta e foma implicita foma esplicita foma segmentaia equazione della etta m è il coefficiente

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA DELLO SPAZIO

ELEMENTI DI GEOMETRIA DELLO SPAZIO ELEMENTI DI GEOMETRIA DELLO SPAZIO ASSIOMI Lo spazio euclideo è un insieme infinito di elementi (i punti), contiene sottoinsiemi popi ed infiniti (i piani). In ogni piano valgono gli assiomi del piano

Dettagli

CAPITOLO 12 GONIOMETRIA

CAPITOLO 12 GONIOMETRIA CAPITOLO 1 GONIOMETRIA 1.01 - Misua degli Angoli e degli Achi 1.01.a) Unità di Misua degli Angoli o degli Achi Dato un angolo, è possibile scegliee come unità di misua un ulteioe (ovviamente) angolo definito

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2009

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2009 ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 009 Il candidato isolva uno dei due poblemi e 5 dei 0 quesiti in cui si aticola il questionaio. PRLEM È assegnato il settoe cicolae di aggio e ampiezza (

Dettagli

18.6 Esercizi. 470 Capitolo 18. Disequazioni Determina la scrittura corretta per il seguente grafico. A x < 3 B x > 3 C x 3 D x 3

18.6 Esercizi. 470 Capitolo 18. Disequazioni Determina la scrittura corretta per il seguente grafico. A x < 3 B x > 3 C x 3 D x 3 70 Capitolo 8 Disequazioni 8 Esecizi 8 Esecizi dei singoli paagafi 8 - Intevalli sulla etta eale 8 Detemina la scittua coetta pe il seguente gafico A x < B x > C x D x 8 Detemina la scittua coetta pe il

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta.

Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta. CLASSE III C RECUPERO GEOMETRIA AREA PERIMETRO POLIGONI Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta. ES: se ho fatto questo disegno e so che 1 quadretto vale

Dettagli

LaborCare. Care. protection plan

LaborCare. Care. protection plan Cae potection plan ocae Il Potection Plan è stato studiato pe gaantie la massima efficienza di oview e pe questo i clienti che non vogliono avee poblemi nel futuo, si affidano al nosto pogamma di potezione

Dettagli

Una non parabola: la catenaria con qualche cenno al calcolo della sua equazione franco ghione

Una non parabola: la catenaria con qualche cenno al calcolo della sua equazione franco ghione Quadeni di laboatoio 009 Una non paabola: la catenaia con qualche cenno al calcolo della sua equazione fanco ghione x y(x) = c ec + e " x c = c cosh( x c ) Una non paabola: la catenaia con qualche cenno

Dettagli

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO 0 Dispositivo speimentale Consideiamo pe semplicità un campo magnetico unifome, le linee di foza sono paallele ed equidistanti. Si osseva una foza di oigine

Dettagli

MAPPA 8 FIGURE. Area dei poligoni e figure equivalenti. Misura dell estensione superficiale. Il metro quadrato. Figure equivalenti

MAPPA 8 FIGURE. Area dei poligoni e figure equivalenti. Misura dell estensione superficiale. Il metro quadrato. Figure equivalenti Misua de estensione supeficiae L aea è a misua de estensione supeficiae di una figua ispetto a unità di misua fissata. Indiciamo aea con a ettea. Esempio: R MPP 8 u 1 è aea de ettangoo R secondo unità

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali Il citeio media vaianza Il citeio media vaianza è un alto esemio di odinamento aziale ta lotteie definito da a M b se la lotteia b domina la lotteia a se ha media sueioe e vaianza infeioe a b eσ a σ b

Dettagli

Note del corso di Geometria

Note del corso di Geometria Giuseppe ccascina Valeio Monti Note del coso di Geometia ppendice nno ccademico 2008-2009 ii apitolo 1 Richiami di geometia del piano 1.1 Intoduzione Richiamiamo alcuni agomenti di geometia euclidea del

Dettagli

PROBLEMI SULLE FIGURE CIRCOSCRITTE A UN CERCHIO O A UNA SFERA. di Ezio Fornero

PROBLEMI SULLE FIGURE CIRCOSCRITTE A UN CERCHIO O A UNA SFERA. di Ezio Fornero PROBLEMI SULLE FIGURE CIRCOSCRITTE A UN CERCHIO O A UNA SFERA di Ezio Foneo Indice dei poblemi Tiangolo ettangolo cicoscitto a un cechio di aggio assegnato Deteminae le misue dei cateti del tiangolo sapendo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2009

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2009 PRV RDINMENT 009 ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 009 Il candidato isolva uno dei due poblemi e 5 dei 0 quesiti in cui si aticola il questionaio. PRLEM È assegnato il settoe cicolae di aggio

Dettagli

Anna Montemurro. 2Geometria. e misura

Anna Montemurro. 2Geometria. e misura Anna Montemurro Destinazione Matematica 2Geometria e misura GEOMETRIA E MISURA UNITÀ 11 Le aree dei poligoni apprendo... 11. 1 FIGURE PIANE EQUIVALENTI Consideriamo la figura A. A Le figure B e C

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente Nome file j:\scuola\cosi\coso fisica\elettomagnetismo\coente continua\coenti elettiche.doc Ceato il 05/1/003 3.07.00 Dimensione file: 48640 byte Elaboato il 15/01/004 alle oe.37.13, salvato il 10/01/04

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Fisica II Compito A

Facoltà di Ingegneria Fisica II Compito A Facoltà di ngegneia Fisica 66 Compito A Esecizio n Un filo di mateiale isolante, con densità di caica lineae costante, viene piegato fino ad assumee la foma mostata in figua (la pate cicolae ha aggio e

Dettagli

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica Lezione 18 Campo magnetico I Stoicamente, i geci sapevano che avvicinando un pezzo di magnetite a della limatua di feo questa lo attaeva. La magnetite ea il pimo esempio noto di magnete pemanente. Come

Dettagli

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi FI.CO. 2 ( Fisica Compensibile pe geologi) Pogamma di Fisica 2 - (v 5.0-2002)...sempe più fico! A.J. 2000 Adiano Nadi La fisica dovebbe essee una scienza esatta. Questo papio non può gaantie la totale

Dettagli

CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va

CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va CAPITOLO Il eddito nazionale: da dove viene e dove va Domande di ipasso. I fattoi di poduzione e la tecnologia di poduzione deteminano il livello della poduzione aggegata di un sistema economico. I fattoi

Dettagli

la prospettiva - III 08corso tecniche di rappresentazione dello spazio docente Arch. Emilio Di Gristina

la prospettiva - III 08corso tecniche di rappresentazione dello spazio docente Arch. Emilio Di Gristina la pospettiva - III 08coso tecnice di appesentazione dello spazio docente c. Emilio i Gistina pospettiva lineae la pospettiva lineae è una poiezione conica eseguita su un piano veticale ciamato quado pospettico

Dettagli

Applicazioni della similitudine Unità 2

Applicazioni della similitudine Unità 2 OBIETTIVI INTERMEDI DI APPRENDIMENTO (I numei e le lettee indicate a fianco contassegnano le conoscenze, le abilità finali specifiche e quelle tasvesali coelate) Una volta completata l unità, gli allievi

Dettagli

Approfondimento 5.7. Altri metodi statistici per valutare la validità di costrutto

Approfondimento 5.7. Altri metodi statistici per valutare la validità di costrutto Appofondimento 5.7 Alti metodi statistici pe valutae la validità di costutto Le pocedue pe la valutazione della validità di costutto di un test sono vaie, ma hanno tutte in comune come punto di patenza

Dettagli

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI V SEPARAZIONE DEE VARIABII 1 Tasfomazioni Otogonali Sia u = u 1, u 2, u 3 una tasfomazione delle vaiabili in R 3, dove x = x 1, x 2, x 3 sono le coodinate catesiane, u j = u j x 1, x 2, x 3 j = 1, 2, 3

Dettagli

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi Tra i molteplici interessi scientifici di Leonardo non dobbiamo dimenticare la matematica.

Dettagli

Appunti su argomenti monografici per il corso di FM1 Prof. Pierluigi Contucci. Gravità e Teorema di Gauss

Appunti su argomenti monografici per il corso di FM1 Prof. Pierluigi Contucci. Gravità e Teorema di Gauss 1 Appunti su agomenti monogafici pe il coso di FM1 Pof. Pieluigi Contucci Gavità e Teoema di Gauss Vogliamo dimostae, a patie dalla legge di gavitazione univesale che il campo gavitazionale geneato da

Dettagli

Materiale didattico. Organizzazione del modulo IL CALCOLO FINANZIARIARIO. Programma Struttura logica

Materiale didattico. Organizzazione del modulo IL CALCOLO FINANZIARIARIO. Programma Struttura logica IL CALCOLO FINANZIARIARIO You do not eally undestand something unless you can explain it to you gandmothe (A.Einstein) Calcolo finanziaio Intoduzione Economia dell impesa foestale: Bilancio Pianificazione

Dettagli

Geometria analitica in sintesi

Geometria analitica in sintesi geometia analitica Geometia analitica in sintesi punti istanza ta ue punti punto meio baicento ta ue punti i un tiangolo i vetici aea i un tiangolo i vetici C B A etta e foma implicita foma esplicita foma

Dettagli

Polo Universitario della Spezia G. Marconi

Polo Universitario della Spezia G. Marconi Nicolò Beveini Appunti di Fisica pe il Coso di lauea in Infomatica Applicata Polo Univesitaio della Spezia G. Maconi Nicolò Beveini Appunti di fisica Indice 1. La misua delle gandezze fisiche... 4 1.1

Dettagli

I TRIANGOLI Un triangolo è un poligono con tre lati e tre angoli.

I TRIANGOLI Un triangolo è un poligono con tre lati e tre angoli. I TRIANGOLI Un triangolo è un poligono con tre lati e tre angoli. In ogni triangolo un lato è sempre minore della somma degli altri due e sempre maggiore della loro differenza. Relazione fra i lati di

Dettagli

Seconda prova (Tema assegnato alla maturità per geometri, 2007)

Seconda prova (Tema assegnato alla maturità per geometri, 2007) Seconda pova (Tema assegnato alla matuità pe geometi, 007) IL TM Dovendosi ealizzae lavoi di natua planimetica (azionamenti) ed altimetica (spianamenti) in un teeno CD, i cui vetici si susseguono in senso

Dettagli

1 Definizioni e proprietà

1 Definizioni e proprietà Definizioni e popietà Retta e ciconfeenza ngoli al cento ed angoli alla ciconfeenza Equazione della ciconfeenza nel piano catesiano 5 Posizioni elative ed asse adicale di due ciconffeenze Definizioni e

Dettagli

ABCD è un parallelogrammo 90. Dimostrazione

ABCD è un parallelogrammo 90. Dimostrazione EQUISCOMPONIBILITÀ Problema G2.360.1 È dato il parallelogrammo ABCD: dai vertici A e B si conducano le perpendicolari alla retta del lato CD e siano rispettivamente E e F i piedi di tali perpendicolari

Dettagli

Algoritmo ricorsivo per il calcolo di π partendo da poligoni regolari

Algoritmo ricorsivo per il calcolo di π partendo da poligoni regolari CISTIANO TEODOO teodoocistiano@tiscali.it Algoitmo icosivo e il calcolo di π atendo da oligoni egolai Sommaio: viene illustato un algoitmo e il calcolo aossimato di π, con il quale, atendo da un oligono

Dettagli

Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8. SCELTA INTERTEMPORALE (continua)

Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8. SCELTA INTERTEMPORALE (continua) Fancesca Sanna-Randaccio Lezione 8 SELTA INTERTEMPORALE (continua Valoe attuale nel caso di più peiodi Valoe di un titolo di cedito Obbligazioni Obbligazioni emesse dalla Stato. Relazione ta deficit e

Dettagli

AI VERTICI DI UN QUADRATO DI LATO 2L SONO POSTE 4 CARICHE UGUALI Q. DETERMINARE: A) IL CAMPO ELETTRICO IN UN PUNTO P DELL ASSE.

AI VERTICI DI UN QUADRATO DI LATO 2L SONO POSTE 4 CARICHE UGUALI Q. DETERMINARE: A) IL CAMPO ELETTRICO IN UN PUNTO P DELL ASSE. ESERCIZIO 1 AI VERTICI DI UN UADRATO DI LATO SONO POSTE 4 CARICHE UGUALI. DETERMINARE: A) IL CAMPO ELETTRICO IN UN PUNTO P DELL ASSE. 4 caiche uguali sono poste ai vetiti di un quadato. L asse di un quadato

Dettagli

Politecnico di Milano. Dipartimento di Fisica. G. Valentini. Meccanica

Politecnico di Milano. Dipartimento di Fisica. G. Valentini. Meccanica Politecnico di Milano Dipatimento di Fisica G. Valentini Meccanica I INDICE LA FISICA ED IL METODO SPERIMENTALE. INTRODUZIONE. IL METODO SPERIMENTALE GRANDEZZE FISICHE ED INDICI DI STATO 4. DEFINIZIONE

Dettagli

Esame di stato di istruzione secondaria superiore Indirizzi: Scientifico e Scientifico opzione scienze applicate Tema di matematica

Esame di stato di istruzione secondaria superiore Indirizzi: Scientifico e Scientifico opzione scienze applicate Tema di matematica wwwmatematicamenteit Nicola De osa matuità Esame di stato di istuzione secondaia supeioe Indiizzi: Scientifico e Scientifico opzione scienze applicate Tema di matematica Il candidato isolva uno dei due

Dettagli

Indice. UNITÀ 12 Misura della circonferenza e area del cerchio, 1

Indice. UNITÀ 12 Misura della circonferenza e area del cerchio, 1 Indice IDEO UNITÀ 1 Misua della ciconfeenza e aea del cechio, 1 1.1 MAPPA 1. 1.3 1.4 1.5 MISURA DELLA IRONERENZA, MISURA DELL ARO DI IRONERENZA, 4 AREA DEI POLIGONI IROSRITTI A UNA IRONERENZA, 5 AREA DEL

Dettagli

Origami: Geometria con la carta (I)

Origami: Geometria con la carta (I) Oigami: Geometia con la cata (I) La valenza atistica, ceativa ed estetica dell'oigami, è omai nota a tutti. Il pof. enedetto Scimemi in [ 1] ipota ta l'alto:...l'appoto educativo di giochi e passatempi

Dettagli

IL PROBLEMA CLASSICO DI GEOMETRIA

IL PROBLEMA CLASSICO DI GEOMETRIA IL PROBLEMA CLASSICO DI GEOMETRIA Contenuto Questo lavoo contiene una pemessa metodologica geneale, e una seie di schemi isolutivi pe impostae alcuni poblemi fondamentali di geometia elementae su poligoni

Dettagli

Lezione 22. Fattorizzazione di ideali.

Lezione 22. Fattorizzazione di ideali. Lezioe Peequisiti: Lezioi 0, Fattoizzazioe di ideali Teoema Sia A u domiio di Dedekid, e sia I u suo ideale popio o ullo Alloa esistoo uici ideali pimi o ulli P,, P a due a due distiti ed uici umei itei

Dettagli

Si considerino le rette:

Si considerino le rette: Si consideino le ette: Eseciio (tipo tema d esame) : s : + () ) Si dica pe quali valoi del paameto eale le ette e s isultano sghembe, paallele o incidenti. ) Nel caso paallele si emino i paameti diettoi

Dettagli

INDICE. Unità 12 MISURA DELLA CIRCONFERENZA. Unità 13 LO SPAZIO TRIDIMENSIONALE, 51 E AREA DEL CERCHIO, 1 MISURA DELLA CIRCONFERENZA, 2

INDICE. Unità 12 MISURA DELLA CIRCONFERENZA. Unità 13 LO SPAZIO TRIDIMENSIONALE, 51 E AREA DEL CERCHIO, 1 MISURA DELLA CIRCONFERENZA, 2 INDIE Unità 1 MISUR DELL IRNFERENZ E RE DEL ERHI, 1 Il libo posegue nel D 1.1 MISUR DELL IRNFERENZ, Misua di p, Misua della ciconfeenza, ESERIZI da p. 15 1. MISUR DELL R DI IRNFERENZ, 4 ESERIZI da p. 1

Dettagli