La cicogna sono io. Una etnografia dell accompagnamento alla vita nell Ecuador contemporaneo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La cicogna sono io. Una etnografia dell accompagnamento alla vita nell Ecuador contemporaneo"

Transcript

1 Benaglia B., La cicogna sono io. Una etnografia dell'accompagnamento alla vita nell'ecuador contemporaneo Brenda Benaglia La cicogna sono io. Una etnografia dell accompagnamento alla vita nell Ecuador contemporaneo Abstract This study explores birth as a biosocial event and consists of an ethnographic account of the work of a postmodern midwife in the outskirts of Quito, Ecuador. Maternity care is seen here a multifaceted field in which individual experiences and worldviews come to terms with highly structured professional relationships and protocols, and in which debated liberal ideas such as personal responsibility and freedom of choice meet the challenges of the structural lacking, misunderstanding, or poor delivery of proper information on safety, pregnancy, and birth. Through the experiences of my super-informant (the postmodern midwife G.), I try to highlight the salutogenesis potential that derives from an empowering approach to maternity care and from individuals (midwives, family members, physicians) that are able to interpret, revise, and dynamically relate to alternative, local, or traditional midwifery training, technology, and contemporary biomedical practices and protocols. Keywords Parto, levatrici, Ecuador, femminismo, antropologia medica. Oggetto e obiettivi dello studio L esperienza della levatrice G., la visione del mondo che ne informa le pratiche quotidiane e ne legittima la presenza nelle dinamiche sociali in cui agisce al servizio delle donne, è qui eletta a terreno privilegiato per analizzare il parto. Per mezzo dell osservazione di come sul campo di questa ricerca, un piccolo centro dell Ecuador andino 1, si configurano le concezioni della natura, del corpo, della sessualità, della gravidanza, del parto, del puerperio e della genitorialità in generale, tento di individuare pratiche e principi impiegati dagli attori sociali, la levatrice e la madre innanzitutto, per affrontare nell esperienza concreta i processi che nel parto culminano e che svelano il complesso intrico fra momento biologico e momento culturale. È proprio questa connotazione biosociale dell oggetto di studio che lo situa, infatti, oltre i confini del corpo e dell esperienza personale, nel più ampio contesto sociale e istituzionale che, nel caso del parto, è da alcuni di secoli quasi esclusivamente quello biomedico. L obiettivo è triplice: 1) approfondire ed evidenziare la premessa teorica dell intero lavoro, cioè la natura biosociale del parto; 2) mostrare la genesi e la legittimità di saperi e 1 Il luogo della ricerca di campo è un piccolissimo centro vicino a Tumbaco, ciudad de arte y cultura secondo la cartellonistica stradale locale a pochi chilometri dalla capitale dell'ecuador, Quito, a circa duemila e cinquecento metri sul livello del mare in una valle circondata da diversi vulcani. La mia permanenza nel piccolo paese sudamericano risale al periodo fra settembre e novembre Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1 41

2 pratiche di accompagnamento alternativi al modello biomedico ufficiale; 3) auspicare un integrazione, o almeno un dialogo, fra sistemi diversi per il benessere psicofisico di madre e figlio e così la nascita di una nuova forma di assistenza ostetrica che è già stata definita postmoderna (Davis-Floyd 2007) e che non è possibile inquadrare all interno di Banali distinzioni fra modi tradizionali, ostetricia professionale e biomedicina moderna (Ivi: 706). L informatrice privilegiata di questo lavoro, la partera G., emerge qui come rappresentante attiva di questa forma di accompagnamento alla vita e incarna precisamente le caratteristiche della postmodern midwife. Nell elaborazione di questo studio mi sono confrontata con la letteratura storica, antropologica e biomedica prodotta sul tema dell accompagnamento al parto. La ricerca di campo, della durata di circa tre mesi, è stata svolta per mezzo di osservazione partecipante e interviste qualitative 2. Mi sono avvalsa degli strumenti teorici forniti dall antropologia medica e, in particolare, questa riflessione ha rappresentato un importante ispirazione metodologica: L antropologo medico deve muoversi con estrema accortezza vestendo alternativamente i panni dell interprete e del critico culturale, del difensore della tradizione e del mediatore del cambiamento [ ]. Il compito di un antropologia medica critico-interpretativa è, prima di tutto, descrivere la varietà delle concezioni metaforiche (consce e inconsce) relative al corpo con le relative narrazioni e quindi mostrare gli usi sociali, politici e individuali cui queste concezioni vengono applicate nella pratica. Utilizzando un approccio di questo tipo, la conoscenza medica non è concepita come un corpo autonomo ma come radicata nelle pratiche e continuamente modificata da esse e dal cambiamento sociale e politico. La conoscenza medica è, certo, anch essa vincolata (ma non determinata) dalla struttura e dal funzionamento del corpo umano. Un antropologo medico, perciò, tenta di esplorare [ ] il rapporto delle credenze culturali relative a salute e malattia con il corpo umano senziente (Lock Scheper-Hughes 2006: 153). Nell operazione analitica di decodifica e ricodifica (Clifford Marcus 2005) sono partita dall osservazione di visioni del mondo, della vita, del corpo, della società, della medicina, dei rapporti umani e del nascere. Mi sono confrontata con i protagonisti e le attività concrete che caratterizzano l accompagnamento in gravidanza, parto e puerperio nel caso di studio. Ho cercato di far emergere la relazione dinamica tra principi, attori sociali e pratiche, evidenziando un processo di produzione culturale fluido, tutt altro che 2 Ho raccolto circa venti ore di interviste formali ma non strutturate (solo nelle prime fasi ho utilizzato come riferimento alcuni canovacci tematici elaborati prima del lavoro di campo). Le interviste hanno avuto come interlocutore privilegiato una partera (G.) e si sono svolte nella casa comunitaria dove questa donna vive e in parte pratica. Altre otto persone che direttamente avevano vissuto con lei un'esperienza di parto sono state intervistate alla stessa maniera e, in alcuni casi, alla presenza della stessa partera. Le interviste, in lingua spagnola, sono state registrate con il permesso dell'intervistato, trascritte nelle ore successive e, dove possibile, 'restituite' e approfondite con i miei interlocutori nei giorni seguenti. Una condivisione sommaria con G. dell'oggetto e delle modalità di svolgimento della ricerca risale a circa sei mesi prima del mio arrivo sul campo. Una condivisione approfondita è avvenuta invece in loco, al momento dell'illustrazione dettagliata della proposta del metodo di lavoro, dei tempi, degli obiettivi specifici e delle potenziali collaborazioni future. Con i miei altri interlocutori la spiegazione degli scopi del loro coinvolgimento e la mia stessa presentazione è avvenuta di norma prima di iniziare l'intervista, in alcuni casi in seguito a qualche anticipazione data dalla stessa partera. In virtù della posizione privilegiata di G. nel coro dei miei informatori e grazie alla sua ricchissima esperienza umana e professionale, ogni stralcio di informazione è già una considerazione densa e, in molti casi, ho percepito la qualità auto-riflessiva del materiale raccolto. Pertanto, se da un punto di vista metodologico questo ha reso più difficile la rielaborazione finale del lavoro, allo stesso tempo mi ha dato la possibilità di confermare la validità di una delle ipotesi principali su cui è basata la ricerca, e cioè la costante creatività culturale che caratterizza un fenomeno come il parto, eletto qui a oggetto di studio nei termini di 'processo di produzione culturale'. 42 Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1

3 Benaglia B., La cicogna sono io. Una etnografia dell'accompagnamento alla vita nell'ecuador contemporaneo impermeabile, e non vincolato a nozioni di località o tradizione. Mettere a fuoco questi fattori, contestualizzarli e riconoscerne genesi e peculiarità si è rivelato indispensabile per apprezzare ciò che venire al mondo rappresenta, svela e nasconde, e costituisce anche un modo per fare sì che la qualità del nascere, del partorire e dell accompagnare trovi posto fra le priorità personali, comunitarie e istituzionali nella società del mondo contemporaneo. L antropologia della riproduzione e la centralità della figura della partera Gli anni 70 e 80, in cui inizia a svilupparsi negli Stati Uniti la letteratura antropologica sul tema della riproduzione, sono anche gli anni in cui coesistono l aumento dell intervento chirurgico nella gestione del parto e lo sviluppo e il consolidamento dei movimenti degli attivisti di quello che è stato definito parto naturale. Uno degli aspetti più interessanti di questa branca dell antropologia è proprio la tensione che emerge fra il primo riferimento degli autori, cioè il sistema biomedico (in genere altamente tecnologico e tecnocratico), e quelle prospettive e pratiche di accompagnamento che possono essere individuate nei termini di alternative (se attive in contesto occidentale) o locali e tradizionali (se riscontrate genericamente altrove) e che suscitano l ostracismo incondizionato degli apparati sanitari istituzionali. È però l Organizzazione Mondiale della Sanità, in un autorevole rapporto su gravidanza, parto e postparto (WHO 2003b), a smentire la concezione diffusa che sia possibile migliorare la salute materna e neonatale solo attraverso un approccio biomedico tecnologicamente avanzato: a fare la differenza sarebbe, piuttosto, l assistenza durante gravidanza, parto e puerperio di una figura in possesso di basilari midwifery skills, cioè essenziali competenze di assistenza ostetrica. L immagine della midwife, partera o levatrice, ricorre spesso nella letteratura antropologica sulla riproduzione. La difficoltà di accesso diretto al parto, tra le possibili cause del fatto che il tema in generale è rimasto a lungo inesplorato dai pionieri (uomini) delle scienze sociali, può anche essere una delle ragioni per cui l attenzione di storici e antropologi ha finito di frequente per rivolgersi proprio a quelle figure che, più da vicino, hanno accompagnato il parto in passato e che, in numerosi contesti del mondo contemporaneo, continuano a farlo. La levatrice allora rappresenta ancora una risorsa importante per l analisi antropologica sul parto. Attraverso l approfondimento delle sue conoscenze e delle sue pratiche è possibile, per esempio, fare luce sugli aspetti legati alla cura del corpo, della salute e della sessualità femminile, e anche analizzare più ampie e discusse questioni di genere individuabili nella contrapposizione simbolica donna/privato/natura vs uomo/pubblico/cultura (Rosaldo 1974; Ortner 1974), a loro volta cruciali nello svelamento della dimensione profondamente politica che connota anche oggi il parto, quella cioè che lega la conoscenza del corpo al potere sul corpo. Nel mio studio, dedicato a una partera contemporanea attiva nei pressi di Quito, cerco di fare luce su questi aspetti con un attenzione particolare a uno dei motivi ispiratori dell attività della mia informatrice, e cioè la volontà di contrastare attraverso la pratica e la diffusione dei principi del buen nacer un certo tipo di monopolio di potere sul parto. In particolare, quello prodotto dall affidamento esclusivo a una conoscenza patriarcale del corpo femminile, quella biomedica, che finisce per delegittimare il sapere prodotto dalla Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1 43

4 madre e da quelle figure di accompagnamento che non sono direttamente individuabili entro le fila della gerarchia istituzionale dell apparato biomedico. Jordan (1997) indica con authorative knowledge quel tipo di sapere che entro i confini di un dato sistema è prodotto, condiviso e sulla base del quale si prendono decisioni e si agisce. Anche alla luce di questo concetto individuo e analizzo i meccanismi culturali che impongono limitazioni o, viceversa, legittimano la produzione e l esercizio da parte della madre e della levatrice di conoscenza che conta, aprendo alla possibilità di una integrazione con quella prodotta dalla scienza medica e messa a disposizione dall avanzamento scientifico e tecnologico. Il campo: Ecuador 3, 2011 Nell orizzonte culturale andino, nonostante l influenza di secoli di dominazione spagnola, persistono una particolare relazione con lo spazio naturale e una certa visione dell universo in cui tutti gli elementi del mondo terreno e ultra-terreno costituiscono un continuum di forze vitali. Grazie al profondo rapporto che lega l uomo al suo intorno, soprattutto nei termini personificati e familiari della relazione con la terra, la Pacha Mama, l ambiente naturale riveste un importanza fondamentale anche in tutte le questioni che riguardano il corpo e, in particolare, la salute. In quichua, allikai significa stare bene ma esprime qualcosa in più di salute perché non individua uno stato che si limita ai confini del corpo (Yánez del Pozo 2005). Infatti, nell universo tradizionale andino, la relazione tra salute e malattia si basa sempre sul concetto di omeostasi : per godere di buona salute è necessario cioè che sussista uno stato di armoniosa reciprocità con la Pacha Mama, che il corpo rifletta e porti in sé l equilibrio con la natura, con il sovrannaturale e anche con gli altri uomini. L Ecuador ha così improntato la Costituzione del 2008 all insegna del modello del buen vivir, idea che costituisce in un certo senso una risposta all idea occidentale di sviluppo basato sulla crescita economica e su quel meccanismo di consumo e profitto che ha contribuito a creare gravi disequilibri nel paese. Il buen vivir porta con sé anche l auspicio di ritrovare un armonica relazione fra individui e con la Pacha Mama attraverso la ridefinizione del concetto di salute nei termini di qualità e dignità della vita. In termini molto pratici, questa 3 L'Ecuador è uno dei più piccoli paesi dell'america Latina, si estende su circa km 2 ed è popolato da meno di di abitanti. Attraversato dalla linea equatoriale da cui prende il nome e situato all'estremità nord-occidentale del subcontinente americano, l'ecuador è costituzionalmente definito nei termini di un paese plurinazionale, pluriculturale e multietnico, ed è diviso in tre macro-aree, tanto geografiche quanto culturali: Sierra, Costa e Oriente. Il paese è attraversato longitudinalmente dalla cordigliera delle Ande che costituisce la prima di queste zone, la Sierra, che separa la Costa, a occidente, dalla foresta tropicale e dalla distesa amazzonica, l'oriente per l'appunto. Una quarta aerea è rappresentata dalla regione insulare che comprende l'arcipelago vulcanico delle isole Galápagos e questo contribuisce a fare dell'ecuador uno dei paesi al mondo più ricchi di biodiversità. La capitale, Quito, si trova nella parte centro-settentrionale della Sierra, a un'altitudine di circa duemila e ottocento metri sul livello del mare. La maggior parte della popolazione urbana, un terzo del totale, vive tra la capitale e la ancora più popolosa Guayaquil, grande città costiera e importante porto commerciale del Pacifico. Le maggiori attività economiche del paese sono l'agricoltura (intensiva e principalmente destinata all'esportazione come nel caso del cacao, del caffè, delle banane e dei fiori), lo sfruttamento e la vendita di risorse naturali (petrolio, ma anche gas naturali e altre materie prime) e, in maniera crescente ma non ancora al massimo delle sue enormi potenzialità, il turismo; negli ultimi anni grandi investimenti pubblici sono stati dedicati allo sviluppo delle infrastrutture e, pare, alla tutela dell'ambiente. 44 Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1

5 Benaglia B., La cicogna sono io. Una etnografia dell'accompagnamento alla vita nell'ecuador contemporaneo idea accompagna anche l introduzione di un sistema sanitario nazionale universale in grado di garantire a tutti il diritto alla salute, e quindi il raggiungimento del buen vivir. In Ecuador, la vitalità di un orizzonte storico-culturale variegato e sincretico rende dunque anche il sistema di salute ricco e fluido e gli agenti sociali sono impegnati attivamente nella produzione di nuove culture della salute attraverso costanti processi di negoziazione che riguardano le pratiche quotidiane attorno al corpo. Nonostante questo, l egemonia della medicina occidentale è indiscussa e qui il parto è ampiamente medicalizzato: per esempio, il tasso di episiotomia nei casi di primipare supera il 95% (Althabe Belizán Bergel 2002) e quello di cesareo si aggira attorno al 25% (ENDEMAIN 2004). Eccezione fatta per ciò che avviene nelle aree indigene più profondamente condizionate da emarginazione economica, sociale e culturale, la maggioranza dei parti ha luogo oggi in ospedale: le inchieste biostatistiche ENDEMAIN (1994, 2004) registrano medie nazionali che sono passate dal 60% del 1994 al 75% del 2004 (dato che sfiora il 90% in contesto urbano e che si attesta poco sotto il 60% in contesto rurale). Il mio studio emerge allora anche dalla constatazione del fatto che, in un paese in cui la qualità e l interculturalità dell assistenza sanitaria rappresentano un ispirazione costituzionale, si impone la necessità che un attenzione di questo tipo sia diretta anche nei confronti del parto. Corpi, conoscenza e potere Il discorso critico sul parto e sulla sua medicalizzazione si inquadra all interno dell analisi più generale del concetto di malattia e dei rapporti di potere che la medicina esercita sull individuo e sulla società, evidenziando, nello specifico, la situazione della donna e del bambino (Facco Spano 1983: 7). Anche nell ambito di questa ricerca è soprattutto nella forma di Istituzione sociale e struttura di potere, apparato ideologico culturale e organizzativo storicamente determinato (Seppilli 1996: xv, citato in Pizza 2005: 132) che il sistema biomedico interviene in maniera sottile ma efficace, medicalizzando la società e plasmando di conseguenza il processo di gravidanza e il parto stesso. La medicalizzazione è un processo che, secondo Singer (2004), comporta l assorbimento progressivo di sempre più numerosi contesti sociali attraverso un incessante allargamento della terminologia biomedica a copertura di nuove condizioni e comportamenti. Due sarebbero i fattori principali all origine di una tale e crescente tendenza: il ritorno economico derivante dalla scoperta di nuove patologie o situazioni che potrebbero necessitare di trattamento medico, e il controllo sociale. Margaret Lock (2004) ne rintraccia le origini storiche in quei processi di modernizzazione che tra il XVII e XVIII secolo avrebbero favorito lo sviluppo di una mentalità ingegneristica votata al controllo sulla natura e sul corpo umano. È precisamente in questa declinazione di controllo che le femministe degli anni 80 hanno letto un espressione molto chiara del carattere patriarcale della biomedicina che reifica il corpo della donna facendone spazio di intervento tecnologico (Ivi: 118; cfr. Martin 1989). Qui culmina anche la riflessione sul parto e sui rischi connessi a una sua indiscriminata medicalizzazione; per Facco e Spano (1983) questa sancisce e conferma la dipendenza del mondo femminile dalle istituzioni e dai suoi rappresentanti maschili che ostacolano la donna nell ascolto dei saperi profondi del corpo proponendo in alternativa un Sapere (rigorosamente singolare) totalmente svincolato dall esperienza fisica ed emotiva. Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1 45

6 La ricerca antropologica ha dimostrato però che L inizio e la fine [della vita] sono concetti locali e contingenti, i cui significati non possono essere considerati né stabili, né evidenti di per sé (Kaufman Morgan 2005: 320). Il significato attribuito al processo del parto è, nella prospettiva emersa dal confronto con i miei informatori (la partera G., informatrice privilegiata di questo studio, e alcuni genitori), quello di un evento normale e naturale che, come il germogliare della terra, in condizioni non patologiche può svilupparsi e avvenire in tutta sicurezza senza l applicazione routinaria di procedure invasive o interventi ingiustificati, e nei confronti del quale istituzioni, scienza e tecnologia contemporanee devono mettersi al servizio. Questa lettura si scontra tuttavia con l idea cui ho accennato poco fa e che ha condizionato la storia dell assistenza alla salute femminile, specie quella riproduttiva (e che in forma residuale influenza anche il presente dell ideologia biomedica e quindi della prassi ostetrica). Davis Floyd (2003a) ricorda, infatti, che fin dai tempi di Aristotele la definizione della donna è stata nei termini di uomo imperfetto o mutilato ; in seguito, il modello meccanicistico, che pur aveva in sé la potenzialità per fornire basi filosofiche all affermazione della sostanziale uguaglianza tra uomo e donna, non ha fatto che intensificare questa idea: dopo aver individuato nella macchina la nuova metafora del corpo umano è stato, infatti, anche posto come prototipo quello maschile e così quello femminile ha continuato per secoli a rappresentare la deviazione dalla norma, qualcosa di imprevedibile e instabile, intrinsecamente difettoso e bisognoso di costante manipolazione, controllo o tutela da parte dell uomo. Di conseguenza, il parto si confronta anche oggi con il pregiudizio patriarcale che per secoli lo ha inquadrato principalmente nei termini di un processo imperfetto e pericoloso, fatto che ostacola anche nella pratica ostetrica contemporanea l idea che sia possibile, e anzi potenzialmente portatore di vantaggi sul piano della salute psico-fisica di madre e bambino, parlare di parto al di fuori dei confini della tecnocrazia e dei modelli assistenziali che questa propone. Oggi, anche grazie alle campagne di sensibilizzazione e riabilitazione delle figure delle levatrici tradizionali promosse dall Organizzazione Mondiale della Sanità, iniziano a essere legittimati nelle società contemporanee diversi e nuovi sistemi di accompagnamento al parto. Questo è anche il caso dell Ecuador dove, per esempio, accanto al modello istituzionale biomedico sopravvive quello indigeno informale della partera empirica, e dove soprattutto stanno nascendo anche altri sistemi ibridi e postmoderni, frutto di processi di acculturazione reciproca, studio e osservazione delle più avanzate best practices in campo ostetrico, proprio come dimostra il caso della pratica di accompagnamento di G., la partera al cuore del mio lavoro di campo. Occuparsi di far venire al mondo i bambini per G., levatrice ecuatoriana sessantenne, non è una professione comune, accompagnare necessita di un dono, quello dell ascolto e dell attenzione: la partera deve essere sveglia, i suoi sensi devono essere aperti, soprattutto l udito che, secondo lei, è così profondamente collegato a quella sapienza innata che consente anche di raffinare lo sguardo. Soprattutto, però, è un lavoro che richiede una totale dedizione; non è certamente solo costituito dall assistenza al momento del parto, l accompagnamento durante la gestazione e il puerperio non ha orari e un travaglio può durare due o tre giorni. È un lavoro in cui la parola è molto importante: una volta data non ci si può tirare indietro. Oltre a rappresentare un attività che è anche, ma non sempre, retribuita, per la mia informatrice questo accompagnamento è insomma soprattutto un servizio e la partera una presenza, una guida. 46 Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1

7 Benaglia B., La cicogna sono io. Una etnografia dell'accompagnamento alla vita nell'ecuador contemporaneo Le caratteristiche principali che informano la pratica di G., cioè la consapevolezza della naturalità del parto, l importanza della prevenzione e della continuità dell assistenza e il protagonismo della donna, ricalcano quelle di un modello di assistenza ostetrica sempre più attivo e riconosciuto a livello internazionale: il cosiddetto midwifery model of care. In sostanza, con questa espressione si Identifica nell ostetrica la professionista specifica e prioritaria di riferimento per il percorso della maternità e per la salute della donna in tutti i cicli della sua esistenza (Schmid 2007: 80). Qui cioè l ostetrica è una presenza autonoma, indipendente e slegata in termini gerarchici sia dalla figura del ginecologo che quella dell infermiera e che quindi ha la possibilità di lavorare assieme alla donna in maniera completa e solo laddove veramente necessario in tandem con un equipe medica. Evidentemente, nel modello è fondamentale che sussista un rapporto collaborativo con l apparato biomedico ufficiale e che fra specialista e ostetrica, midwife o partera che la si voglia chiamare, esista una buona interazione fatta di una comunicazione libera e aperta, scambio e arricchimento reciproci. Questo vale tanto nella fase di accompagnamento durante la gestazione in cui è fondamentale lavorare sulla prevenzione, quanto nel momento del parto vero e proprio in cui i problemi possono diventare emergenze e, nel caso si svolga a casa, può addirittura rendersi necessario un trasferimento in ospedale, indipendentemente dalla presenza o meno di personale medico già sul posto; pertanto, oltre che buoni rapporti personali, è fondamentale che esista anche una relazione formale tra l ostetrica e la rete sanitaria istituzionale. L equilibrio fra i diversi poli è garantito dal dialogo fra le parti in ogni fase del processo; durante i mesi della gravidanza, infatti, l ostetrica ha anche la responsabilità di individuare eventuali segnali di pericolo e, nel caso, immediatamente indirizzare la donna all approfondimento medico. A un livello più generale, oltre a guidare e supervisionare il processo di gestazione, parto e puerperio, l ostetrica fornisce quindi in questo sistema un tipo di accompagnamento caratterizzato da grandi potenzialità in termini di salutogenesi, in altre parole cioè di creare salute 4. Accompagnare alla vita L accompagnamento che G. propone comincia attorno al terzo o quarto mese con la cerimonia dell Árbol de la vida che ha come scopo una prima e chiara acquisizione di coscienza da parte di entrambi i genitori della presenza della vita del loro figlio nel grembo della donna. È un rituale in cui i genitori sono accompagnati dalla partera a un intuizione profonda, un incontro guidato ma autonomo con il bambino che sta crescendo. In sostanza, si tratta di un dialogo con la vita all interno del corpo della donna 4 A livello generale, la salutogenesi si occupa di tutto ciò che 'produce' salute in una situazione di esposizione costante agli stimoli eterostatici (stressori). Studia quindi le risorse, le capacità reattive, o di adattamento, o di coping, anche e soprattutto da un punto di vista cognitivo. Definisce la salute come il risultato delle modalità con cui l'essere umano affronta la vita e nel significato che riesce a dare agli eventi. La teoria della salutogenesi si adatta perfettamente alla maternità. Offre delle chiavi interpretative, di comprensione e di intervento circolari, specifiche per i bisogni fondamentali di donna e bambino nel periodo di endo- ed esogestazione e per il loro adattamento psicosociale. La salutogenesi, occupandosi dell'origine della salute ed essendo focalizzata su come generare, mantenere e ristabilire salute dà pertanto origine a un nuovo paradigma assistenziale e di ricerca, non semplicemente opposto a quello della patogenesi, che è focalizzato sull'origine della sofferenza e della malattia, ma ampliato allo stile di vita, all'ambiente sociale dell'uomo. Anche nell'accompagnamento alla maternità quindi la salutogenesi richiede un modello di assistenza bio-psicosociale o bio-socioecologico, in cui salute e malattia trovino pari attenzione e in cui vi sia una duplice specialistica (ostetrica-medico), che nel caso del bisogno può essere integrata (Schmid 2007: pp ). Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1 47

8 in cui i genitori si presentano ripercorrendo il proprio albero genealogico e dimostrando amore e attesa per il figlio. Questa pratica costituisce un primo confronto diretto con il bambino che nascerà: è da qui che inizia per la donna un percorso volto a farla entrare in contatto con il proprio corpo e, per l uomo, la realizzazione della responsabilità nei confronti di quella nuova vita e della necessità di accompagnare la propria compagna in questa esperienza. Questo processo di ricerca di contatto, pace, riflessione e dialogo profondo con il corpo continua oltre il rituale ed è considerato nei fatti la chiave per una gravidanza sana e, quindi, nei limiti del prevedibile, un parto naturale. La prevenzione in gravidanza, pilastro fondamentale della pratica di accompagnamento della mia informatrice, è soprattutto riposo e serenità, oltre al consumo e al godimento degli alimenti del corpo e dello spirito: ossigeno e movimento (cioè passeggiate all aria aperta, contatto diretto con la natura), riposo, ascoltare musica, cantare, dipingere, cibo sano e affetto dei propri cari. Gli esami medici procedono in parallelo. G. si occupa anche di sensibilizzare i genitori affinché siano in grado di individuare eventuali segnali di pericolo: la partera ha il duplice compito di guidare l ascolto del corpo, in un certo senso di educare i sensi e l introspezione emotivo-spirituale dei genitori, e allo stesso tempo, attraverso l esperienza, continuare ad affinare i propri, esercitandoli in maniera personalizzata e commisurata alle esigenze di ogni madre. Anche per Schmid (2007), infatti, Le percezioni sensoriali integrano e completano il sapere della fisiologia e nutrono l intuizione (Ivi: 127) perché rendono possibile cogliere eventuali segnali di rischio molto precocemente e così intervenire a livello comportamentale, relazionale o con cure manuali, attingendo alle risorse della donna stessa. In questo modo la madre è messa al centro da chi la guida, il suo corpo è fonte autorevole di conoscenza e, spesso, anche la sede delle soluzioni ai problemi che possono insorgere durante il percorso. L accompagnamento durante il parto è più che mai all insegna della massima attenzione e della minima interferenza. Al centro della lettura che della fase di transizione (dall inizio del coronamento al completamento dell espulsione) dà la mia informatrice vi è la relazione tra due elementi, la madre e il bambino, che si stanno progressivamente separando e che, insieme, stanno attraversando una grande prova di passaggio e di cambiamento; non c è quindi contrapposizione o lotta tra le parti, gli interessi dell uno e dell altra non sono tra loro avversi ma convergono e, anzi, trapela un accompagnamento reciproco che dimostra la profonda sapienza dei corpi. A parte la ricezione del neonato e l attenzione alla posizione del cordone ombelicale, in condizioni normali non c è bisogno di intervento dall esterno. La prima respirazione del bambino è definita dalla mia informatrice circolare perché legata sia al fluire di sangue nel cordone che ancora pulsa, che all aria del mondo esterno. Accompagnare questa fase significa lasciare al neonato lo spazio e il tempo di completare il passaggio in maniera sicura senza tagliare subito il cordone ombelicale e, infatti, non pare esistere alcuna ragione scientifica a supporto di una recisione immediata (WHO 1996). Il piccolo rituale che accompagna il taglio è volto a fortificare il legame con il padre che è invitato a recitare un pensiero o una benedizione che ha il senso di ringraziare la madre per il nutrimento fornito attraverso il cordone nei mesi di gestazione e sancire il passaggio al padre della responsabilità della fonte dell alimento, sebbene con l allattamento questo continui comunque a essere direttamente trasmesso dal corpo della madre al corpo del figlio. Il significato profondo di questa piccola cerimonia in cui il padre recide con delle forbici il cordone è quello di rinsaldare l idea che il parto è un evento comunitario e, soprattutto, trinitario. 48 Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1

9 Benaglia B., La cicogna sono io. Una etnografia dell'accompagnamento alla vita nell'ecuador contemporaneo L accompagnamento alla nascita prosegue con altri due momenti, quello del primo bagno del bambino e del rituale del cocido de la boca che consiste in un tocco simbolico sulla bocca del neonato e la recitazione di una formula di benedizione. Nella tradizione andina a questo rituale veniva affiancato quello in cui la partera sollevava il neonato in direzione del Sole, offrendo così allo spirito supremo la nuova vita sulla terra ma soprattutto benedicendo il bambino. Nonostante la pratica della mia informatrice non incorpori questa usanza letteralmente, il significato che sottostà a questo rituale, cioè una sorta di consacrazione della nuova vita, è in fondo lo spirito che informa tutto il processo di accompagnamento così come lei stessa lo intende, dal concepimento alla nascita e, naturalmente, oltre. Il postparto è per G. il periodo più delicato dell intero processo e quindi, durante i primi tempi, ritiene che sia indispensabile fornire alla neomamma un accompagnamento totale e costante; di ciò si occupa generalmente il compagno, i familiari o gli amici più stretti. Il puerperio è, infatti, particolarmente caratterizzato da quella ambivalenza di fondo, che è anche della gravidanza e del parto, data dell oscillazione tra apertura, creativa ma portatrice di vulnerabilità, e chiusura, distruttiva (addirittura patogenica) ma portatrice, apparente, di sicurezza. Dopo aver partorito si può presentare allora la necessità di arginare proprio la sensazione di apertura (nel senso di percezione fisica che si fa vulnerabilità emotiva) e per questo la partera riprende lo strumento dell encaderar, rituale andino tradizionale che prevede la fasciatura temporanea del ventre. Durante il puerperio c è inoltre bisogno di una guida nella cura del corpo che si appresta a fornire alimento al neonato attraverso l allattamento: G. fornisce anche questo tipo di supporto col prezioso supporto della figlia nella forma di consulenza telefonica personale, sul modello de La Leche League. In tutto il processo, guidato dalla partera, il padre si avvicina assieme alla compagna all idea della naturalità del parto, è sensibilizzato rispetto a una sana ed equilibrata prevenzione e matura la consapevolezza dell importanza della sua vicinanza durante endo- ed esogestazione (cioè durante i nove mesi di gravidanza e i primi nove mesi di vita del bambino in cui il processo di gestazione si completa, seppur al di fuori del corpo materno). Formazione e sincretismi La formazione di G., soprattutto nei suoi aspetti informali, affonda le radici in un mondo andino fatto di canti contadini di alta montagna, ma poi si sviluppa e prende corpo nella New York degli anni 70 dove la mia informatrice incontra quello che indica come il suo primo strumento, il canto naturale. Individua, infatti, l origine della voce e delle vibrazioni sonore nella genitalità e comincia a proporre, una volta rientrata in Ecuador, delle attività di preparazione al parto basate sull uso della voce, sull espressione corporea e sulla respirazione. Inizia poi a partecipare ai congressi internazionali di levatrici e decide di cercare un percorso di avvicinamento agli aspetti più tecnici e più strettamente biologici e fisiologici del parto. Si rende conto che per una partera è indispensabile possedere nozioni anche piuttosto approfondite di fisiologia del parto, embriologia ed epidemiologia, sapere eseguire operazioni di primo soccorso e, soprattutto, essere in grado di comunicare efficacemente con il mondo biomedico ufficiale. Al Miami Maternity Center acquisisce la parte più consistente della sua formazione ostetrica formale e proprio qui incontra e decide di incorporare alla sua pratica anche un secondo strumento: l acqua. Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1 49

10 Impara nuove tecniche per la sterilizzazione domestica dei materiali e degli strumenti da utilizzare durante i parti, oltre che a incapsulare la placenta dopo averla trattata con una macchina per essiccare la frutta. L attenzione alla placenta, che nella sua pratica non sempre si traduce nell assunzione diretta ma più spesso nell interramento rituale tipico della tradizione andina, dimostra l attitudine della mia informatrice a intrecciare fra loro elementi e tecniche di mondi diversi e generare nuovi prodotti culturali profondamente sincretici e sempre volti a migliorare e potenziare l esperienza degli attori coinvolti 5. G. è in questo senso la postmodern midwife di Davis-Floyd (2007): The postmodern midwife [is] the one who takes a relativistic stance toward biomedicine and other knowledge systems, alternative and indigenous, moving fluidly between them to serve the woman she attends. She is locally and globally aware, culturally competent, and politically engaged, working with the resources at hand to preserve midwifery in the interests of women. [ ] Thus the concept of the postmodern midwife can serve as a bridge across the ethnic, racial, and status gaps that divide the professional from the traditional midwife, and as an analytical focal point for understanding how the members of each group negotiate their identities and their roles in a changing world (Davis-Floyd 2007: 705). Questa figura possiede conoscenze che spaziano dalla tecnica e dalla scienza (biomedica) all arte tradizionale della levatrice, dalle competenze dell ostetrica professionale alle pratiche derivate da sistemi di salute alternativi, come per esempio la medicina cinese. È una figura dotata di una sensibilità culturale che, senza allontanarvisi mai totalmente, va oltre l apparente stabilità della dimensione locale e abbraccia le più dinamiche tendenze globali che interpreta e rielabora guidata da uno spirito di servizio e di missione nel preservare e potenziare la sapienza e l arte delle levatrici per il bene delle madri e dei loro bambini. Spesso è coinvolta nelle attività di organizzazioni locali ma anche transnazionali votate alla salvaguardia dei diritti delle donne, della salute e, in generale, del benessere perinatale. C è infine un aspetto che aggiunge un tassello importante al quadro complesso che è l attività e la funzione sociale della partera postmoderna. Facendo da ponte, infatti, questa figura si trova ad affrontare le difficoltà di chi si muove fra mondi diversi e distanti fra loro: anche in questo ruolo di mediatrice, non solo fra le pratiche ma anche fra i pregiudizi reciproci, risiede la forza e l utilità sociale di una figura che, di fronte alle discrepanze e ai conflitti, tende a temperare la personale visione delle cose mettendo la propria professionalità e umanità al servizio delle donne che accompagna, dei loro bambini e della società intera. Riepilogo e considerazioni conclusive 5 Nella lunga testimonianza sull'uso della placenta che G. mi ha fornito sono presenti: (1) l'aspetto sincretico connaturato alla genesi della sua interpretazione del significato della placenta (la sua lettura si posiziona tra quella fornita dalla medicina cinese e quella tradizionale andina); (2) l'aspetto sincretico connaturato al suo utilizzo pratico (la manipolazione effettiva della placenta avviene attraverso tecniche apprese in contesto biomedico ma poi il prodotto può essere impiegato anche in procedimenti rituali tradizionali); quindi (3) l'elemento del libero movimento fra sistemi di sapere e visioni del mondo diverse nell'ottica della ricerca del maggiore benessere possibile per la donna e per il bambino (che si traduce a livello fisiologico nel beneficio derivato dall'assunzione di elementi come il ferro o certe vitamine presenti nella placenta, e a livello simbolico invece nell'identificazione da parte del bambino nella pianta radicata nella sua placenta di una importante responsabilità e di una forma di riconoscimento sociale). 50 Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1

11 Benaglia B., La cicogna sono io. Una etnografia dell'accompagnamento alla vita nell'ecuador contemporaneo Lo spirito di accompagnamento che informa la pratica della mia informatrice si basa sul riconoscere e assecondare i processi naturali del corpo e intervenire solo dove necessario, sempre nell interesse di madre e figlio e, naturalmente, del nuovo nucleo familiare. Alcuni dei punti saldi della pratica di G. sono frutto dell attenta osservazione, nell ambito della biomedicina e nel contesto indigeno tradizionale, di ciò che funziona e ciò che invece non funziona nell assistenza alla nascita. Può valere la pena quindi riportare alcune di quelle che anche per diversi autorevoli studiosi sul tema (Davis-Floyd et al.: 2009) sono le caratteristiche che non funzionano, profondamente cioè dis-empowering per la donna, e che non contribuiscono al benessere psicofisico di madre e bambino causando piuttosto un aumento del tasso di morbilità. Per esempio: l impossibilità di mangiare o bere durante il travaglio che può portare a debolezza da fame che a sua volta può complicare il travaglio e il parto; l eccessiva e ripetuta amministrazione di esami vaginali che aumenta il rischio di infezioni e deconcentra la donna; l induzione con pitocina che può portare a un travaglio disfunzionale e a un parto prematuro; l accelerazione del travaglio con altre sostanze sintetiche che inibisce la produzione naturale della madre di ossitocina e interferisce con la sua abilità di allattare; l epidurale che può portare a fortissimi mal di testa e febbri indistinguibili da quelle derivate da infezioni e che quindi possono comportare una separazione prematura del bambino dalla madre e un non necessario ricorso al confinamento in terapia intensiva del neonato; l epidurale che prolunga la durata della prima e della seconda fase del travaglio e che porta a un aumento della probabilità di dover ricorrere all uso del forcipe, dell aspiratore o al taglio cesareo, e così via. Secondo G. tutto questo deriva dalla combinazione tra 1) il disinteresse per l evidenza scientifica che non supporta l uso routinario di buona parte delle pratiche indicate e che diventano spesso invece procedure; 2) l ideologia tecnocratica e patriarcale che assume che il corpo femminile sia una macchina disfunzionale e che il parto sia sempre e solo un processo problematico e rischioso; 3) l offerta alle donne di informazioni insufficienti e parziali rispetto ai benefici, ai rischi e/o ai danni fisici e psicologici relativi alle più diffuse procedure ostetriche e chirurgiche; e, infine, 4) l ignoranza e il disprezzo per pratiche e sistemi di sapere alternativi e la carenza di adeguati programmi di formazione di nuove figure in grado di integrare le competenze tecniche con quelle più relazionali e umanistiche. Viceversa, laddove i presupposti sono basati su due semplici considerazioni, cioè la sostanziale naturalità e normalità del parto, e la presa di coscienza del potenziale salutogenico della centralità della donna e della legittimazione della sua authorative knowledge nel processo, la morbilità è ridotta e la qualità del nascere come esperienza fisica ma anche profondamente psico-emotiva è innalzata: è la strada verso il buen nacer cui aspira la mia super-informatrice. In questo caso le guardiane del parto normale sono le levatrici (il medico interviene solo in caso di necessità), la madre e il bambino costituiscono una sola unità, le emozioni, l intuizione e l ascolto del linguaggio del corpo sono legittimi e decisivi, la continuità della cura e della relazione fra madre e ostetrica è indispensabile quanto la partecipazione cosciente e costante di entrambi i genitori all intero processo. Nel caso specifico poi della partera postmoderna, l obiettivo potrà essere raggiunto anche grazie a un uso creativo della tecnologia e delle tecniche, un esercizio particolarmente attento alle diverse sensibilità culturali e l instaurazione di nuove relazioni di mutua collaborazione e rispetto fra diversi fornitori di cura (medici, curatori e levatrici tradizionali, ecc.). Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1 51

12 Pertanto, se da un lato non ha senso andare alla ricerca di un modello unico di accompagnamento al parto, è però certamente possibile cercare di ridurre al minimo il danno non necessario arrecato precisamente dalla standardizzazione che non tiene in debito conto l individualità e la coscienza delle donne e dei loro corpi. In un articolo dedicato alla necessità di umanizzare il parto, Wagner (2001) sostiene che indurre le donne a sentirsi inferiori e inadeguate portando loro via il potere di partorire, rappresenta un disastro sociale. Al contrario, restituire il diritto, il potere e il piacere connaturati al processo di diventare madre non può che rendere più forti le donne e, quindi, beneficiare l intera società. Per Wagner: The final solution is to evolve new social and political forms for the medical profession and for medical care. And there are obstetricians joining in the effort to find these new forms for their profession. Maternity care needs turning around so that, instead of drifting away from physiology and from the social and cultural environment, the process moves toward respecting and working with nature and with the woman and family, turning control of medical care over to the people. [ ] This turn around has started in places with local public committees deciding on health care policies and priorities post-modern maternity care (Wagner 2001: S36). Senza voler idealizzare la levatrice che non rappresenta evidentemente sempre e ovunque una mano affettuosa e competente (Penwell 2009), nel difficile passaggio a un cambiamento strutturale all interno del sistema medico ritengo possa diventare determinante la presenza di figure come quella di G. o delle mille altre incarnazioni della partera postmoderna. Infatti, la visione del mondo, del corpo e del parto prodotta e utilizzata da queste figure (pur sempre basata sull evidenza scientifica) ha il pregio di mettere la donna al centro, lavorare diffusamente a livello comunitario ed esercitare sulla base di conoscenze condivise e negoziate. È una modalità di interpretazione del parto nei termini di un processo biosociale che permette di allontanarlo da quell idea di Routine uniforme, standardizzata e addirittura moralmente necessaria (Jordan 1983: 2) e, attraverso la negoziazione attiva e diretta delle pratiche impiegate per affrontarlo nell esperienza personale fisica ed emotiva, consente di trasformare i soggetti che vi sono coinvolti, prima di tutti la madre, da contenitori di processi fisiologici ad attivi (ri)produttori di cultura e, soprattutto, di salute. Bibliografia ALTHABE F. BELIZAN J.M. BERGEL E Episiotomy rates in primiparous women in Latin America: hospital based descriptive study, in BMJ, 324 (7343), pp CLIFFORD J. MARCUS G. (a cura di) 1986 Writing culture: the poetics and politics of ethnography, Berkeley, University of California Press. DAVIS-FLOYD R.E Birth as an American rite of passage (II ed.). Berkeley, University of California Press 2007 Daughter of time: the postmodern midwife in Revista da Escola de Enfermagem da USP, 41 (4), pp DAVIS-FLOYD R.E. BARCLAY L. DAVISS B. TRITTEN J. (a cura di) 2009 Birth models that work, Berkeley, University of California Press. 52 Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1

13 Benaglia B., La cicogna sono io. Una etnografia dell'accompagnamento alla vita nell'ecuador contemporaneo ENDEMAIN 1994 Encuesta demográfica y de salud materna e infantil: documento informativo analítico sobre salud materna e infantil, Quito, Centro de Estudios de Población y Desarrollo Social Encuesta demográfica y de salud materna e infantil: documento informativo analítico sobre salud materna e infantil, Quito, Centro de Estudios de Población y Desarrollo Social. FACCO F. SPANO I Nascita e società: la medicalizzazione del parto: un aspetto della iatrogenesi sociale, Milano, UNICOPLI. JORDAN B Birth in four cultures (II ed.), Montréal, Eden Press Authorative knowledge and its construction in Childbirth and authorative knowledge, a cura di R.E. Davis-Floyd e C.F. Sargent, Berkeley, Los Angeles, London, University of California Press, pp KAUFMAN S.R. MORGAN L.M The anthropology of the beginnings and ends of life in Annual Review of Anthropology, 34 (1), pp LOCK M Medicalization and the naturalization of social control in Encyclopedia of medical anthropology: health and illness in the world s cultures, New York, Kluwer Academic/Plenum, pp LOCK M. SCHEPER-HUGHES N Un approccio critico-interpretativo in antropologia medica: rituali e pratiche disciplinari e di protesta, in Antropologia medica: I testi fondamentali, a cura di I. Quaranta, Milano, Raffaello Cortina, pp (ed. or., 1990, A critical-interpretative approach in medical anthropology: rituals and routines of discipline and dissent in Medical anthropology: contemporary theory and method, a cura di T. Johnson C. Sargent, New York, Praeger). MARTIN E The woman in the body: a cultural analysis of reproduction (II ed.), Milton Keynes, Open University Press. ORTNER S. B Is female to male as nature is to culture? in Woman, culture, and society, a cura di M. Rosaldo L. Lamphere, Stanford, Stanford University Press, pp PENWELL V Mercy in action: bringing mother- and baby-friendly birth centers to the Philippines in Birth models that work, a cura di R.E. Davis-Floyd et al. Berkeley, University of California Press, pp PIZZA G Antropologia medica: Saperi, pratiche e politiche del corpo, Roma, Carocci. ROSALDO M Woman, culture, and society: a theoretical overview in Woman, culture, and society, a cura di M. Rosaldo L. Lamphere, Stanford, Stanford University Press, pp ROSALDO M. LAMPHERE L Women, culture and society. Stanford, Stanford University Press. QUARANTA I Antropologia medica: i testi fondamentali, Milano, Raffaello Cortina. SCHMID V. Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1 53

14 2007 Salute e nascita: la salutogenesi in gravidanza, Milano, Urra. SINGER M Critical medical anthropology in Encyclopedia of medical anthropology: health and illness in the world s cultures, New York, Kluwer Academic/Plenum, pp WAGNER M Fish can t see water: the need to humanize birth in International Journal of Gynecology & Obstetrics, 75, pp. S25-S37. WORLD HEALTH ORGANIZATION (WHO) 1996 Care in normal birth: a practical guide, Geneva, World Health Organization, Department of Reproductive Health and Research. 2003b Pregnancy, childbirth, postpartum and newborn care: a guide for essential practice, Geneva, World Health Organization, Department of Reproductive Health and Research. YÁNEZ DEL POZO J Allikai: bienestar/estar bien. La salud y la enfermedad desde la perspectiva indígena, Quito, Abya-Yala. 54 Intrecci. Quaderni di antropologia culturale, Anno II, n 1

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli