La differenza dei corpi ovvero la placenta secondo Buffon

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La differenza dei corpi ovvero la placenta secondo Buffon"

Transcript

1 IL CORPO - II, 4/5, dicembre 1995 La differenza dei corpi ovvero la placenta secondo Buffon di JEAN d YVOIRE La Storia generale degli animali inizia con una teoria della riproduzione comune ai regni animale e vegetale, e termina con un sistema della generazione, formazione e sviluppo del feto. Buffon si interroga sulla potenza di produrre il proprio simile. In questo modo giunge a delineare una ridefinizione fondamentale della nozione di specie che apre la strada al pensiero dello sviluppo. La specie cessa di essere un universo conoscibile in sé, e esiste solo attraverso la «catena delle esistenze individuali successive» che la costituiscono 1. L ancoramento della nozione di specie alla temporalità delle esistenze individuali e concrete disordina il gioco di identità e differenza che l aveva fondata fino a quel momento: la specie non è più pensata sulla base unica di un principio intelligibile e astratto di identità, fuori dal tempo, e la differenza, non imputabile alla sola materia contingente, entra in prima linea nella successione e nascita di nuovi individui. Come vedremo, questa ridefinizione del gioco dell identità e della differenza introduce al cuore del vivente la storia nel suo significato moderno. Questo disordinamento sembra avvenire serenamente. Buffon elabora il suo sistema della generazione collocandosi nella linea dei lavori dei suoi predecessori 2, e riprende e prosegue i loro esperimenti. D altra parte, le ipotesi esplicative che avanza prolungano attraverso un movimento induttivo le sue osservazioni: impercettibilmente la loro probabilità finisce per convertirsi in certezza. II suo stile, con la successione e accumulazione di periodi ampi, ha una maestosità che rassicura. Molti elementi permettono di rilevare la portata di questo disordina- Le tavole inserite nel testo illustrano le rappresentazioni della placenta nei trattati di noti anatomisti e ostetrici tra seicento e ottocento. 1 Già Harvey tuttavia, in Osservazioni sulla generazione animale, riformula l idea aristotelica secondo la quale la specie si definisce come una forma perpetuata dalla generazione, distinguendola dalla nozione logica e epistemologica di specie e di genere come universali. Cfr. Ph Shoan, From logical universals to historical individuals, in J. Roger - H, Fischer (eds.), Histoire du concept d espèce dans les Sciences de la vie, Paris, Buffon colloca al centro della sua Storia degli animali una «esposizione dei sistemi di generazione» a partire da Aristotele. Egli rifiuta «implicitamente l idea di una rivoluzione fondatrice e presenta una versione del progresso conoscitivo che sottolinea la continuità». Cfr. J. Roger, Buffon et l introduction de l histoire dans l Histoire naturelle, in AA.VV., Buffon 88, Vrin, Paris, 1992, p. 193 e sg. 44

2 J. d Yvoire, La differenza dei corpi... mento e di coglierne la complessità. Mi propongo di reperirne i segni in una materia dallo statuto ambivalente la placenta. Nella Storia degli animali, la placenta ha un posto apparentemente marginale: non è oggetto di descrizioni, osservazioni o esperimenti particolari. Il poco che ne dice Buffon non è confrontabile con ciò che ne hanno detto prima di lui gli anatomisti e gli ostetrici. Egli affronta il problema unicamente nel quadro della spiegazione della formazione del feto per garantire, sembra, la coerenza di questa spiegazione: l analisi che le è dedicata ha una forte componente speculativa. Malgrado ciò, segna un capovolgimento della concezione tradizionale della placenta presente sia nelle credenze e pratiche popolari, sia nei trattati di medici e anatomisti. Per primo: Buffon propone una concezione della placenta che ne elimina l ambivalenza e ne annulla la dimensione simbolica. Ci si era posti a lungo il problema di sapere se la placenta facesse parte della madre o del figlio. Sospesa tra l uno e l altra, con uno statuto ambiguo, la placenta sembrava dover testimoniare la continuità della specie: nel mentre contribuiva allo sviluppo dell individualità nascente del bambino. Questa ambiguità la collocava al cuore del ciclo di generazione e corruzione. La placenta era percepita come materia vivente anteriore ad ogni individuazione, manifestazione primitiva e generica della vita. Non della vita come la concepiranno i biologi del XIX secolo, ma di una vita che circola tra gli esseri e li ingloba nel gioco delle rassomiglianze e delle analogie. In molte parti del mondo, la placenta dava luogo a molteplici credenze, superstizioni e pratiche rituali, miranti tutte a ristabilire la separazione/ relazione tra la vita genericamente intesa e la vita dell individuo, tra il mondo dei vivi e quello dei morti, tra l invisibile (che non può e non deve essere visto) e il visibile (che si offre alla vista). Sul limite tra questi due mondi, la placenta esigeva l iscrizione del mondo visibile degli umani nel mondo invisibile della Vita e della Morte. Essa è dunque l archetipo per eccellenza del pharmakon, dotata di una potenza fondamentalmente ambivalente (non può ad esempio essere vista senza pericolo, eppure ridona la vista). Fin dalla nascita deve reintegrare il ciclo degli elementi: va interrata, gettata in acqua, essiccata o bruciata. La funzione di filtro che le scoprono i primi ostetrici non fa che riprendere questa posizione limite nel registro «scientifico» : la placenta racchiude le riserve del sangue «così grossolano della madre» per purificarlo e trasformarlo in una sostanza delicata, «elaborata e perfezionata» che nutre il feto. Benché porti i segni di eventuali indisposizioni della donna «essa si abbevera facilmente degli umori cattivi del corpo», contemporaneamente ne protegge in larga misura il feto 3. 3 F. Mauriceau, Traité des maladies des femmes grosses, 1668, IV edizione, 1681, p. 218 e sg. Cfr. 45

3 IL CORPO - II, 4/5, dicembre 1995 La speculazione di Buffon priva la placenta di questo statuto originario, di questa funzione vitale primitiva, anteriore alla differenza sessuale, e la fa dipendere in profondità dalla sessualità. Essa inverte l ordine tradizionale, e permette di concludere che la placenta (e con essa le altre parti extra-embrionali), non precede la formazione del feto, come si pensava, ma ne è un prodotto. L approccio di Buffon separa nettamente i due piani della spiegazione (explicans e explanandum) che la concezione tradizionale della placenta ignorava. Da un lato ricorre a ipotesi esplicative che si situano al di qua della soglia di percezione e hanno perciò un valore speculativo; dall altro, osserva I fenomeni della riproduzione e della generazione per spiegarli mediante queste ipotesi. La placenta, la cui ambivalenza simbolica era indissociabile dalla ambiguità del suo statuto epistemologico, non entra più in una interpretazione simbolica e pre-scientifica della vita, ma viene relegata in un ambito secondario della spiegazione. Nel testo di Buffon la placenta è non il primo ma l ultimo elemento di una lunga catena esplicativa: al tempo stesso la risultante finale di un discorso sapientemente costruito, e il testimone o l indice concreto della coerenza della spiegazione. Vedremo come in questo modo la placenta rimanga in conclusione alla cerniera dell explicans e dell explanandum. La presentazione delle tappe principali del percorso di Buffon permette di cogliere la portata e il senso del capovolgimento di cui è oggetto la placenta. 1. L «inventario dei diversi mezzi di cui la natura si serve per rinnovare gli esseri organizzati» conduce a ripercorrere la natura di questi esseri, dai più semplici i vegetali ai più complessi l uomo. La teoria della riproduzione di Buffon riconduce questi mezzi al doppio principio delle «molecole organiche» e della «forma [moule] interiore». Ciò permette di chiarire direttamente il modo in cui gli esseri più semplici producono il loro simile. La loro riproduzione rimanda ad una logica mimetica di accrescimento e sdoppiamento: «Il primo mezzo, e secondo noi, il più semplice d ogni altro, è di adunare in un essere un infinità di esseri organici somiglianti, e di comporre in modo la sua sostanza, che non vi abbia parte, la quale non contenga un germe della stessa specie, e conseguentemente non possa essa medesima divenire un tutto simile a quello, nel quale è contenuta. [...] Considerando sotto di questo aspetto gli esseri organizzati, e la loro produzione, un individuo non è che un tutto, uniformemente organizzato in ogni sua parte interiore, un composto d un infinità di figure simili, e di parti similari, una unione di germi o di piccoli individui della mesima spezie, i quali posson tutti svilupparsi nel modo stesso, secondo le J. d Yvoire, Un déchet capitai - Le placenta ou le doublé informel de l origine, in «Admiranda»,

4 J. d Yvoire, La differenza dei corpi... circostanze, e formare dei nuovi esseri composti come il primo» 4. Le parti organiche «di cui distinguiamo ad occhio la quantità accumulata», ma che non possiamo vedere se non attraverso il ragionamento, sono primitive e incorruttibili. Concepita in uno spirito leibniziano, l ipotesi di Buffon si differenzia dalla teoria dell incastro dei germi di Charles Bonnet: i germi non sono preformati dall eternità, la materia organica riceve la sua forma dall organismo che l assimila. L organismo in se stesso, così come in ciascuna delle sue parti, è infatti simile a una «forma interiore»: «Il corpo d un animal è una specie di forma interiore, in cui la materia, che serve al suo crescimento si modella, e si assimila al totale; di maniera che, senza che avvenga cangiamento alcuno all ordine e alla proporzione delle parti, ne risulta non per tanto un aumentazion in ciascuna parte presa separatamente, la quale aumentazion di volume è quella, che chiamavi sviluppamento. [...] Questo sviluppamemo non si può fare, come d ordinario s immagina, per via della sola addizione alla superficie, e [...] all incontro esso si effettua per via di un intima suscettibilità, a cagione di cui viene penetrata la massa» 5. Questa idea della «forma interiore» è al centro della teoria della riproduzione di Buffon. Originale, essa racchiude tuttavia una contraddizione che lo stesso Buffon, pur riconoscendo che è molto difficile rappresentarsela, tenta di chiarire: è «come se si volesse unire insieme l idea della superficie, con quella della massa, e si direbbe egualmente bene tanto una superficie massiccia, che una forma interiore» 6. Come le «idee che non sono state ancora espresse», essa è il prodotto di un vero e proprio sforzo per portare la spiegazione oltre i dati sensibili, fino alla profondità, al cuore Intimo delle cose 7. Si impone a Buffon così come la gravitazione si era imposta a Newton: sono entrambe forze interne alla materia. Buffon differisce da Newton su questo punto solo perché sta esaminando la materia vivente, e la prospettiva che delinea tende in fondo a entrare in concorrenza con quella di Newton: «mi pare, che la divisione generale, che dovrebbersi fare della materia, sia di materia vivente, e di materia morta, in vece di dire materia organizzata, e materia greggia, o rozza: il greggio non e che la cosa morta» 8. 4 Storia naturale generale e particolare del Sig. Buffon, trasportata dal Francese, Tomo III, in Milano, 1770, Appresso Giuseppe Galeazzi, pp Ibidem, pp Ibidem, p Roselyne Rey evoca questa «vera e propria ossessione della profondità» in Buffon. Buffon et le vitalisme in Buffon 88, cit., p Questa «ossessione» è tanto più forte in quanto Buffon, avendo abbandonato la concezione aristotelica delle forme, si ritrova a confrontarsi con l indeterminazione e l insondabilità dell essere organico. 8 Buffon, op. cit., p

5 IL CORPO - II, 4/5, dicembre 1995 Sul piano epistemologico, i loro metodi sono comparabili: come Newton distingueva la massa dalla forza di gravitazione, così Buffon distingue la materia organica dalle forme che può ricevere, o piuttosto la «potenza attiva» dalla materia nella quale opera e «che consente a questa materia organica di penetrare la forma interiore unendosi o piuttosto incorporandosi intimamente ad essa». Per Buffon «è dunque evidente che noi non avremo mai un idea precisa di queste forze penetranti [,..] ma nel tempo stesso non è nulla men certo ch esse esistono» 9. Queste forze agiscono nella nutrizione, nello sviluppo e nella riproduzione: esse offrono un principio unitario di spiegazione del vivente. La nutrizione avviene attraverso la separazione delle parti del nutrimento «che non sono organiche, e che conseguentemente non sono punto analoghe all animale o al vegetabile», ma «quelle poscia che sono organiche sen restano e servono allo sviluppamento e alla nutrizione del corpo organizzato» 10. La riproduzione ne è il prolungamento: «è naturale l immaginare che il superfluo di questa materia organica, la quale non può penetrare le parti del corpo organizzato, perché han ricevuto quanto potevan ricevere, siano da tutte le parti del corpo cacciate in uno, o più ricettacoli comuni dove tutte queste organiche molecole ritrovandosi adunate formino de piccoli corpi organizzati somiglianti al primo» In questo quadro, la spiegazione di Buffon deve affrontare il problema della «generazione dell uomo, e degli animali, i quali, avendo due sessi, è necessario che vi concorrano due individui. Da quanto abbiam detto, ognuno avrà ben compreso come cadauno individuo può produrre il suo simile, ma non si comprende come due individui l un maschio, l altro femmina ne producano un terzo, che ha costantemente l uno, o l altro de due sessi, anzi sembra che la teoria data ci allontani dalla spiegazione di questa specie di generazione, la quale nondimeno è quella che più ne preme» 12. A quello stadio, la riproduzione non era altro che una produzione eccedente dell individuo. Ma cosa accade quando è il risultato dell unione di due sessi? Trova qui un limite il primato di una logica dell identità o piuttosto della somiglianzà e dell analogia implicato dal principio delle forme interiori e della potenza organica. Buffon riprende allora a lungo sia la teoria dei sistemi di generazione, sia le osservazioni e gli esperimenti dei suoi predecessori per elaborare una spiegazione della generazione sessuata. Esaminando in modo più specifico la generazione nella specie umana e negli «animali grossi», egli constata che «i liquori seminali del maschio, e della femmina non abbondano gran cosa di mole- 9 Ibidem, p Ibidem, p Ibidem, pp Ibidem, p

6 J. d Yvoire, La differenza dei corpi... 49

7 IL CORPO - II, 4/5, dicembre 1995 cole organiche, analoghe agl individui di cui sono l estratto» 13. La «rarità» di queste molecole organiche ha come contropartita la rapidità di un movimento incessante: non possono fissarsi autonomamente, bisogna che si incontrino, si urtino, cozzino le une contro le altre perché il movimento quasi continuo possa arrestarsi: «Mi figuro dunque che dal mescuglio dei due liquor seminali, questa attività delle molecole organiche di ciascun liquore è come fissata dall azione contrappesata dell una e dell altra, di modo che ciascuna molecola organica cessando dal muoversi, rimane al posto che le conviene, e tal posto non può essere se non quello che corrisponde alla parte ch ella occupava per lo innanzi nell animale, o a dir più vero quella, da cui ella è stata tramandata» 14. La differenza dei sessi introduce un fattore di complessità superiore rispetto alla spiegazione della riproduzione fornita da Buffon nei primi capitoli. La riproduzione viene compresa facendo riferimento al modello azione/reazione. Ancora una volta il meccanismo organico di Buffon trova in Newton una fonte di ispirazione. Ma la logica iniziale della somiglianza, dell analogia e dello sdoppiamento viene messa in questione, ed è sul punto di capovolgersi in una logica della differenza, dello scontro e dell incontro produttivo di novità, come se la potenza (il movimento o l azione) delle molecole organiche eccedenti raggiungesse una soglia tale da non permettere loro di attualizzarsi, fissarsi e prendere forma autonomamente. «Tale disposizione non possa farsi in certe specie di animali, ed egualmente di vegetali, che mediante un punto d appoggio, o una specie di base, attorno alla quale le molecole possono riunirsi, e [...] sanza di ciò esse non possano né fissarsi né radunarsi, perché non v ha nulla che possa arrestare la loro attività. Ora questa base è quella che costituisce l individuo dell altro sesso» Tuttavia, la questione non può essere risolta totalmente in questo modo. Buffon considera la sua risposta al problema della generazione «troppo generale» e con «molta oscurità». Presta allora «attenzione a tutti i fenomeni» ad essa collegati e in primo luogo alla placenta. In questa fase, il ritorno all osservazione, o almeno la presa di considerazione delle realtà concrete, sembrano imporre alla speculazione di Buffon una revisione profonda. La placenta non chiarisce il problema. Al contrario lo ripropone ex nova e lo condurrà a sviluppare la nuova logica della differenza: «questa risposta è troppo generale per non lasciarci ancora molto all oscuro; se si pone però attenzione a tutti i fenomeni, a me sembra che si potrebbe rischiarla davvan- 13 Buffon, op. cit., t. IV, p Ibidem, p Ibidem, pp

8 J. d Yvoire, La differenza dei corpi... taggio. Il risultato del mescuglio dei due liquori maschile e femminile, produce non solamente un feto maschio, o femmina, ma ancora degli altri corpi organizzati, e che hanno per se stessi una specie di vegetazione, e d accrescimento reale: la placenta, le membrane ecc. sono prodotte nello stesso tempo col feto, e questa produzione sembra egualmente svilupparsi la prima. Vi sono adunque nel liquore seminale, sia del maschio, o sia della femmina, o sia nel miscuglio di tutti due, non solamente le molecole organiche necessarie alla produzione del feto, ma quelle ancora che debbono formar la placenta e gli invogli: e non si sa onde possan venire queste molecole organiche, poiché non v è alcuna nel corpo, sia del maschio, sia della femmina, da cui tale molecole possano essere state mandate, e per conseguenza non si vede che vi sia un origine primitiva della forma, ch esse pigliano, allorché formano questa specie di corpo organizzato differente dal corpo dell animale» l6. La placenta è diversa da qualsiasi altra parte del corpo. Priva di una forma idenrificabile e di un origine riconoscibile, essa perturba il sistema di generazione che Buffon andava delineando, secondo il quale «gli invogli, e la placenta dovrebbero allora essere un altro feto, che sarebbe femmina se il primo era maschio, e maschio se il primo era femmina» 17. Il chiarimento di questa difficoltà introduce un grado superiore di complessità al centro della teoria della riproduzione così come era stata elaborata fino a quel momento. Inoltre essa consacra il capovolgimento del primato dell identità. La generazione, e in modo esemplare la generazione umana, trova nella placenta la testimonianza, la traccia della differenza che la percorre: un origine assente, una singolarità irriducibile che separa definitivamente l individuo dalla stirpe, dalla specie. La revisione delle ipotesi esplicative precedenti si coglie in almeno due punti, ciascuno dei quali segnala l elaborazione di una logica della differenza radicalmente nuova. a. In un primo tempo Buffon accredita l idea che «la placenta, le membrane, ecc. sono prodotte nello stesso tempo col feto», o piuttosto che «questa produzione sembra svilupparsi addirittura per prima», e. dopo aver constatato che «non si vede che vi sia un origine primitiva della forma, ch esse [le molecole organiche] pigliano, allorché formano questa specie di corpo organizzato differente dal corpo dell animale» senza dirlo né spiegarlo, sostituisce questa ipotesi con una cronologia inversa: «non si possa a meno di non ammettere che le molecole dei liquori seminali di ciascun individuo maschio e femmina, essendo egualmente organiche, ed attive, formino ognora de corpi organizzati, tutte le volte, ch esse possono fidarsi, operando scambievolmente le une sopra le altre : che nella formazione del maschio verranno prima impiega- 16 Ibidem, pp Ibidem, p

9 IL CORPO - II, 4/5, dicembre

10 J. d Yvoire, La differenza dei corpi... te le parti di sesso mascolino, le quali saranno le prime a fissarsi, e formeranno le parti del sesso, e che inseguito quelle, che sono comuni ai due individui, potranno fissarsi indifferentemente per formare il rimanente del corpo, e che la placenta e gli invogli saranni formati dall avanzo delle molecole organiche, che non sono state impiegate nella formazione del feto» 18. La placenta non è una prefigurazione del feto, né tantomeno gli è contemporanea come un fratello gemello. Le cellule organiche che compongono sia la placenta che il feto racchiudono l insieme delle possibilità di una generazione. Solo una di queste possibilità si realizza, si individualizza, producendo la sua novità attraverso la cancellazione delle altre. Il sistema della generazione secondo Buffon rompe radicalmente con il mito dell unità originaria di cui sarebbe espressione l androgino. La placenta è la traccia di questa rottura; è una materia eccedente, escrescente, dove si collocano forse l abbondanza e la profusione della vita, ma una vita che non abbia mai conosciuto uno stato originario di pienezza. La differenza dei sessi è dunque prima e necessaria, e caratterizza l origine come assenza. Una volta avvenuto l incontro delle molecole maschili e femminili, intorno al sesso (e non al cuore, come alcuni avevano pensato per errore) 19 si forma l embrione con un gioco in cui domina il caso. L eccedenza delle molecole organiche forma la placenta e gli involucri, che non prolungano né riproducono l organismo dal quale le molecole provengono, ma derivano dal disordine prodotto dalla formazione del feto. Sebbene la placenta sia un corpo organico, è come colpita dalla morte, dall azione violenta che la formazione del feto ha esercitato. Poiché la generazione stessa della vita le ha impedito di assumere una forma valida, la placenta è il rovescio dell incontro tra le molecole seminali maschili e femminili, e non può costituire un altro feto: «perché la posizione delle molecole è stata tra loro confusa da differenti moti dell altre molecole, che hanno formato il primo embrione, dall unione dell avanzo di queste molecole, ne de(v)e risultare per conseguenza un corpo irregolare, differente da quello d un feto, e che non avrà niente da commune con esso lui, fuorché la facoltà di crescere, e di svilupparsi, essendo in fatti composto di molecole attive egualmente che il feto, le quali hanno presa soltanto una diversa posizione, da che furono, per così dire, cacciate fuori dalla sfera, in cui si son riunite quelle, che hanno formato l embrione [...] ma non si faran mai della medesima sfera d attrazione due piccoli embrioni, poiché bisognerebbe allora, che vi fossero in essa due centri di riunione, che avesser entrambi ad operare nel medesimo tempo, il che non può avvenire in una sola, ed unica sfera d attrazione [...]» Ibidem, pp Cfr. Buffon, Histoire generale des animaux, in Oeuvres Complètes de Buffon, Nouvelle édition revue par M. Richard, Auguste Desprez, Imprimeur éditeur - Pourrat frères éditeurs, 1828, p. 487a. 20 Buffon, Storia naturale..., cit., t. IV, pp

11 IL CORPO - II, 4/5, dicembre 1995 In questo quadro diventa spiegabile la formazione dei mostri «per eccesso» o «per difetto», che sono prodotti da una ripartizione ineguale delle molecole organiche tra il feto e la placenta. b. Mentre la teoria generale della riproduzione poggia su un pensiero analogico e trova nella somiglianza tra due generazioni il fattore che ne ancora la certezza, Buffon scopre che la dissomiglianza entra fin dalle origini nella relazione tra una generazione e l altra. Buffon non sceglie m modo netto tra l apparenza della rassomiglianza che si prolunga nella teoria della forma interiore e la necessità della dissomiglianza che è imposta dalla presa in considerazione della generazione sessuata. Nel capitolo IV, «Sulla generazione degli animali», Buffon afferma che la generazione obbedisce ad un principio di convenienza o di identità: «Questo estratto del maschio essendo portato nell individuo dell altro sesso si mischia coll estratto della femmina, e a cagione d una forza simile alla prima, le molecole, che han maggior somiglianza tra loro, si riuniscono, e formano con questa unione un picciol corpo organizzato simile all uno, o all altro di questi individui [...]» 21. Al contrario, nel capitolo X, «Sulla formazione del feto», la prospettiva che rende necessaria la differenza dei sessi è inversa: «non può farsi alcuna riunione di queste molecole, che rassomigli l animai, né nell uno né nell altro de liquori seminali dei due sessi, perché non ha né nell uno, né nell altro alcuna parte dissomigliante, alcuna parte, che possa servir d appoggio, o di base all azione di queste molecole in moto» 22. Come interpretare questo cambiamento di prospettiva? Bisogna ritenere che il pensiero analogico (rassomiglianza tra le generazioni) e il pensiero differenziale (differenza tra i sessi), senza essere in concorrenza, si sovrappongano? Che la teoria della riproduzione la cui tesi centrale della forma interiore poggia su una operazionalizzazione dell analogia trovi il suo limite in un sistema della generazione sessuata in cui la differenza sessuale è costitutiva della possibilità della fissazione (e della formazione) dell identico? O che la loro complementarietà è solo apparente e dissimula due punti di vista incompatibili? 23. Questo dualismo non è veramente tematizzato e affrontato, tuttavia lavora sotterraneamente il 21 Buffon, Storia naturale..., cit., t. III, p Buffon, Storia naturale..., cit., t. IV, p Avanziamo un ipotesi: il sistema della generazione sessuata si basa sull idea di molecole organiche, il cui potere sarebbe tanto grande e il movimento talmente rapido che, per arrestarsi e formare un proprio simile, hanno bisogno di incontrare molecole del sesso opposto. Questo sistema riposa dunque, malgrado tutto, sul postulato finalista secondo il quale la natura non tende mai a pro- 54

12 J. d Yvoire, La differenza dei corpi... pensiero di Buffon. La difficoltà che esprime non può d altra parte essere risolta solo nell ambito della Storia generale degli ammali. Essa richiede probabilmente che venga analizzato l insieme dell opera di Buffon (e in particolare la teoria della terra). Resta il fatto che questa esitazione sembra segnalare il limite dell immaginario classico della generazione fondato su un pensiero dell immagine, ovvero del modello e della copia. Questo pensiero è sconfitto dal lavoro di analisi scientifica che distingue e articola reciprocamente i livelli del ragionamento e dell osservazione. La relazione di immagine che legava una generazione alla precedente assicurava, conservate le giuste proporzioni, la continuità antropologico-teologica della raccomiglianza dell uomo a Dio. Essa impediva di distinguere la questione teologica del perché e quella biologica del come che l approccio teologico captava e invalidava. La logica della differenza insediata dal sistema della generazione lascia aperto il problema dell origine e dissocia i due livelli: «non siamo atti [...] a render ragione della cagione delle cose, né siamo in istato di spiegare il perché la natura usi pressoché sempre dei sessi per la riproduzione degli animali. Né sapremo giammai, perquanto io penso, per qua! cagione questi sessi esistano, e ci dobbiam contentare di ragionar sopra le cose così come sono, poiché non possiamo sorpassare al di là [...]» 24. Per intendere e sviluppare il problema scientifico del come, occorre rinunciare al pensiero dell identico e alla ricerca dell origine, e collocarsi non nell ottica dell immagine e della rassomiglianza, ma nella prospettiva dello scontro e della differenza dei sessi. L attenzione di Buffon al «fenomeno» della placenta e lo statuto che le conferisce sono indicativi dell abbandono del problema del perché; la generazione non può più essere pensata attraverso questo simbolo di una materia ambivalente. Al contrario, va ricostruita come un rapporto di forze, di azione e reazione, di vita e di morte, in cui è in gioco l apparizione di possibilità singolari. Si deve poterne ricostruire i principi sulla base dell osservazione, ricorrendo «a aiuti esterni, a regole, a principi, ad usi, a strumenti, ecc.», poiché i sensi non ci danno «nozioni esatte e complete delle cose che abbiamo bisogno di conoscere». La generazione diventa allora oggetto di studio «scientifico» e viene apparentemente sottratta all immaginario dell identico che era sottinteso alla teoria della riproduzione. durre materia bruta ma organica, il suo «disegno principale è produrre corpi organizzati». È come se, portato alle sue estreme conseguenze, il pensiero dell identità che anima il disegno della natura si capovolgesse nel suo contrario. Come se la natura, nel momento più alto della sua potenza organica, potesse materializzare i suoi disegni solo attraverso la sessualità e la morte. 24 Buffon, Storia naturale..., cit., t. IV, p

13 IL CORPO - II, 4/5, dicembre 1995 A questo punto sono opportune due osservazioni: 1. Lo statuto della placenta nel testo di Buffon rivela una ridefinizione dei rapporti tra individuo e specie, ma anche il carattere problematico della nozione stessa di specie. Con Buffon crolla la visione ciclica della generazione, secondo la quale la vita si trasmette attraverso una potenza che muore o sparisce alla nascita. La placenta non è più una materia vivente originaria e generica 25, sulla soglia di un altro mondo, II mondo invisibile dei cicli della Vita e della Morte che si confondono passando l una nell altra. La placenta si vede privata della sua funzione nutritiva e «formativa» nei confronti del feto. Questo compito è svolto dalle molecole organiche. Tuttavia, diversamente dalla placenta, queste molecole non sono rilevabili empiricamente e l ipotesi della loro esistenza deriva dalla speculazione, dal ragionamento scientifico, non da un immaginario dell origine. La concezione tradizionale della placenta aveva per corollario la permanenza di una identità, di una forma, di una vita genericamente intesa; con Buffon, la 25 Con questa definizione si intende una materia portatrice di un potere di vita di individuazione, ma non individuata di per sé. 56

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale Capitolo VII Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale 33. Il processo lavorativo. Abbiamo visto che il lavoro produce così valori d uso. Quindi può essere rappresentato in merci

Dettagli

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro 27 e 28 ottobre 2014 lezioni 5-6 roland barthes Sommario 1. Il ribaltamento di Saussure 2. Denotazione/Connotazione 3. Miti d oggi 2 di 36 Roland Barthes (1915-1980)

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei Luca Zeffiro 4C Il problema sulla conservazione del moto nacque con Cartesio: nei suoi «Principia philosophiae» egli affermò la conservazione della quantità di moto a partire da Dio: gli errori presenti

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso*

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Tredimensioni 3(2006) 321-326 LETTO PER VOI «La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Anna Deodato ** «V orrei che

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

INTERVENTO ELISABETTA DONATI PARI E DISPARI

INTERVENTO ELISABETTA DONATI PARI E DISPARI INTERVENTO ELISABETTA DONATI PARI E DISPARI Al momento attuale la nostra società, attraversata da profondi cambiamenti demografici, ci offre uno scenario particolare e completamente nuovo: cinque generazioni

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

Considerazioni di Galileo Galilei Sopra le scoperte dei dadi (1612)

Considerazioni di Galileo Galilei Sopra le scoperte dei dadi (1612) Considerazioni di Galileo Galilei Sopra le scoperte dei dadi (1612) Che nel gioco dei dadi alcuni punti sieno più vantaggiosi di altri, vi ha la sua ragione assai manifesta, la quale è, il poter quelli

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 81/2005/T La gestione delle somme in deposito ricevute dagli studi notarili: la fatturazione ed il momento di imputazione dei compensi al periodo d imposta Approvato

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE

TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE A cura di Paolo Danza Nello scorso paragrafo il conflitto è stato considerato risorsa in quanto forza unificatrice nelle relazioni. Si è osservato come le organizzazioni

Dettagli

Corpi figurali. Zarathustra sostenendo che c è più ragione nel corpo che

Corpi figurali. Zarathustra sostenendo che c è più ragione nel corpo che All inizio della modernità, aprendo una nuova strada al pensiero, Spinoza sosteneva che noi non riusciamo nemmeno ad immaginare quali siano le possibilità di un corpo, non sappiamo affatto di cosa esso

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 L idea di Storia insegnata ha sicuramente subito profonde trasformazioni nel presente, sia per le mutazioni dello statuto epistemologico

Dettagli

Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative

Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative Temi filosofici dell ingegneria e della scienza /Informatica B[1] Politecnico di Milano, II Facoltà di ingegneria, a.a. 2009-10 Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative Viola Schiaffonati Dipartimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF.SSA Claudia Zardini MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 Finalità della disciplina Nell ambito dell intero processo

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli Servqual: applicazioni e limiti del modello Tonino Pencarelli servqual Il Servqual è costituito da due serie di 22 domande predefinite: la prima serie di domande misura le aspettative generiche dei clienti

Dettagli

Marx 2: coscienza, materialismo storico, comunismo, rapporti di produzione (Ideologia Tedesca parte I)

Marx 2: coscienza, materialismo storico, comunismo, rapporti di produzione (Ideologia Tedesca parte I) Marx 2: coscienza, materialismo storico, comunismo, rapporti di produzione (Ideologia Tedesca parte I) I presupposti da cui moviamo non sono arbitrari, non sono dogmi: sono presupposti reali, dai quali

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata)

CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata) CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata) più giù.: quattro pagine di relazione sul Convegno con foto L embrione

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento.

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. Monica Buemi 1 La psicoanalisi non esiste se non tenendo conto dei significanti che circolano nell Altro, si rende quindi necessario

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse.

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Proseguendo la mia tesi sulla disamina della Difesa Elastica attuata con il controllo visivo attivo ho ritenuto

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero Contenuti: - Concetto di macchina termica - Significato di rendimento di una macchina termica - Il Postulato

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a come debba andare il mondo. In continuità con quel che

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto poi conosce il mondo ed interagisce con esso. La psicologia

Dettagli

Seminario del 14 novembre 2013

Seminario del 14 novembre 2013 Seminario del 14 novembre 2013 In un versetto della Bibbia è detto che quando un uomo conversa con una donna il nome di Dio si confonde. Sexus, il taglio, la sessualità nella parola. Leggiamo questo versetto

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

N on so quante persone si siano poste domande. Libertà

N on so quante persone si siano poste domande. Libertà «Libero pensatore? Basterebbe dire pensatore». Jules Renard N on so quante persone si siano poste domande veramente serie su cosa sia la Libertà e sul suo significato. Sicuramente si tratta di un concetto

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

La riproduzione cellulare

La riproduzione cellulare La riproduzione cellulare La riproduzione è una proprietà fondamentale dei viventi, che si manifesta a partire dalle singole cellule. Attraverso la riproduzione viene assicurata la continuità della vita.

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita PREMESSA L evoluzione dell Industria italiana nel secondo dopoguerra può essere suddivisa in tre fasi distinte: la prima si colloca nel periodo compreso tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, la seconda

Dettagli

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Queste parole non sono parole. O non sono soltanto parole. O non sono inevitabilmente parole. Il lettore le considera

Dettagli

Cellule e DNA. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio

Cellule e DNA. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio Nella terra e nello spazio ellule e DN utti i viventi sono fatti di cellule. Nelle cellule ci sono dei corpuscoli che hanno compiti diversi: nutrire la cellula, farla respirare, trasmettere informazioni,

Dettagli

(ATTI DEL GOVERNO N. 3725). LEGGE in data 13 novembre 1859 sul Riordinamento dell Istruzione pubblica. VITTORIO EMANUELE II, ECC. ECC.

(ATTI DEL GOVERNO N. 3725). LEGGE in data 13 novembre 1859 sul Riordinamento dell Istruzione pubblica. VITTORIO EMANUELE II, ECC. ECC. (ATTI DEL GOVERNO N. 3725). LEGGE in data 13 novembre 1859 sul Riordinamento dell Istruzione pubblica. VITTORIO EMANUELE II, ECC. ECC. In virtù dei poteri straordinarii a Noi conferiti colla Legge del

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA 1. L identificazione del sito: dati generali Per capire chi proponga i contenuti di un sito è bene, all inizio del lavoro di analisi, chiarire chi ha prodotto i materiali

Dettagli

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso verificare tutti i possibili risultati della fecondazione tra cellula uovo e spermatozoi e constatare come le probabilità che nasca una femmina o un maschio sono entrambe pari al 50%. Figura 7 - Ad ogni

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

Premessa. di Paolo Spinicci

Premessa. di Paolo Spinicci Premessa di Paolo Spinicci La natura della fotografia racchiude in sé, fin dalle sue origini, una promessa che non è in grado di mantenere, se non in parte, e un compito cui si vorrebbe potesse assolvere,

Dettagli

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA Lingua e visione del mondo. Universali linguistici Nei brani

Dettagli

RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4. La dignità della procreazione

RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4. La dignità della procreazione RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4 La dignità della procreazione Non è sicuramente casuale che Giovanni Paolo II, nella Lettera alle famiglie, cominci a trattare della procreazione

Dettagli

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI Corrado Malanga Nel precedente lavoro ho parlato degli archetipi, ne ho fornito le definizioni ed ho descritto cosa i suddetti archetipi siano, come funzionino e perché siano legati ad alcuni numeri e

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO

RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO «IL RESTAURO SCIENTIFICO RIVELA LA PROPRIA INADEGUATEZZA NEL 1943-45 ALLORCHÉ SI DEVONO AFFRONTARE LE CONSEGUENZE DELLE DISTRUZIONI BELLICHE; L ENTITÀ

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642)

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) Opere maggiori: - Sidereus nuncius 1610 - Il Saggiatore 1623 - Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo 1632 - Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno

Dettagli

Il linguaggio dell anima

Il linguaggio dell anima Diego Frigoli Il linguaggio dell anima Fondamenti di ecobiopsicologia Indice Introduzione 9 I LA WELTANSCHAUUNG DEL III MILLENNIO 13 La psicoanalisi freudiana fra grandezze e dilemmi La nascita della psicoanalisi

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta 4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta Definendo lo sviluppo come un concetto dinamico, implicante trasformazioni qualitative più che quantitative della società, allora lo studio del

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa

Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa Ernesto Longobardi Il trattamento tributario delle imprese dipende dalla loro forma

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

LA GENETICA MENDELIANA

LA GENETICA MENDELIANA LA GENETICA MENDELIANA A partire dal 1856, Johann Gregor Mendel (1822 1884) iniziò una lunga serie di esperimenti sulle piante di pisello (Pisum sativum), con le quali era facile effettuare incroci ed

Dettagli

I Insiemi e funzioni

I Insiemi e funzioni I Insiemi e funzioni 1. INSIEMI ED OPERAZIONI SU DI ESSI 1.1. Insiemi Dal punto di vista intuitivo, il concetto di insieme può essere fatto corrispondere all atto mentale mediante il quale associamo alcuni

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA info@didatticaperprogetti.it PROGETTO 2.1.9 TITOLO Carletto e la matematica AREA Matematica (Aritmetica) SCUOLA Elementare: classi 3-4 - 5 Media: classe 1 OBIETTIVO Riflettere sui fondamenti della matematica

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management

Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management Giornata di presentazione IV edizione Master universitario in Homeland Security: Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management www.masterhomelandsecurity.eu Etica, Legalità e Sicurezza:

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli