TECNICO DEI SERVIZI SOCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICO DEI SERVIZI SOCIALI"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Paolo Frisi Liceo delle Scienze Umane Opzione Economico-Sociale Istituto Professionale Settore Servizi Via Otranto 1, angolo Cittadini Milano Tel /8 Fax Sito Cod. Fisc Prot.n 2759C/29d del 15/05/2012 n esp.albo 536 del 15/5/2012 ESAMI DI STATO a.s.2011/2012 Documento del Consiglio di Classe 5A Corso diurno Diploma di TECNICO DEI SERVIZI SOCIALI 1

2 INDICE IL CONSIGLIO DI CLASSE... 3 TESINE/ PERCORSI PER COLLOQUIO... 4 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE... 5 PROFILO PROFESSIONALE... 7 ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO... 8 STAGE... 8 PROGRAMMI SVOLTI IRC ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA PSICOLOGIA DIRITTO LEGISLAZIONE SOCIALE ECONOMIA CULTURA MEDICO SANITARIA TECNICA AMMINISTRATIVA EDUCAZIONE FISICA MODALITÀ DI LAVORO STRUMENTI DI LAVORO STRUMENTI DI VERIFICA ATTIVITA INTEGRATIVE ED EXTRA CURRICOLARI CRITERI DI VALUTAZIONE SIMULAZIONI PROVE ESAME DI STATO GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER IL COLLOQUIO GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA PRIMA PROVA SCRITTA ITALIANO GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA SECONDA PROVA SCRITTA PSICOLOGIA GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA TERZA PROVA SCRITTA I SIMULAZIONE TERZA PROVA ESAME DI STATO CULTURA MEDICO-SANITARIA DIRITTO INGLESE MATEMATICA II SIMULAZIONE TERZA PROVA ESAMI DI STATO CULTURA MEDICO-SANITARIA INGLESE DIRITTO MATEMATICA Si allegano al presente documento di classe n. 5 documenti relativi agli alunni DVA. 2

3 IL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINA DOCENTE FIRMA I.R.C. Italiano Storia Inglese Matematica Psicologia Sociale Diritto-Legislaz.Soc- Econ. Cultura Medico Sanitaria Tecnica Amministrativa Educazione Fisica Sostegno area linguistica Sostegno area linguistica Sostegno area scientifica Sostegno area tecnica Manganini Cristina Santopolo Vincenzo Derinaldis Silvano Piazza Emanuela Freni Rita Senatore Marilisa Pescatore Vana Moccia Giovanni Monterisi Cosimo Mascherpini Laura Cillo Paolo Cammarota Antonio Gargiulo Rosa IL DIRIGENTE SCOLASTICO ( PROF. LUCA AZZOLLINI ) 3

4 TESINE/ PERCORSI PER COLLOQUIO CANDIDATO/A TITOLO Aspesi Carola Chiara Il disagio sociale nell adolescenza Belsole Giulia Il mio amico disabile Bolognesi Valentina Paul Ekman e le microespressioni Bruno Federica Gli anziani: disagio fisico e psicologico Cavallini Enrico Mass media: influenze storiche e sociali Cervesato Jessica L amicizia Consonni Davide L influenza della tecnologia nella società moderna Costantino Debora La famiglia: dal modello tradizionale ad oggi Di Biase Francesca Il concetto di persona e non persona Falletta Jessica Clown terapia: ridere fa bene Fecit Aurora L omosessualità: stereotipi e pregiudizi Ferri Cristina La costruzione della libertà Francavilla Savino Mattia Immigrazione ed emigrazione: stereotipi e pregiudizi Gila Sidorela Modernità, olocausto e distruttività umana Hinostroza Llacua Paola Le condizioni dell infanzia nei Paesi in via di sviluppo Ivaniuc Malvina La follia: un modo per evadere dalla realtà Lobosco Valentina La violenza sulla donna dall ottocento ad oggi Napolitano Serena Stalking: quando la passione diventa ossessione Ortu Alex L arte di sognare Pardo Giusy Letizia I rischi dell educazione familiare Petrachi Elena Maria Frida Kalho: un amore rivoluzionario Quaroni Valeria Le conquiste femminili nel secondo dopoguerra Raimondi Giorgia La pedofilia e i segreti in famiglia Risuleo Chiara Lo sfruttamento dell infanzia Sposaro Chiara Gabrielle Coco Chanel: un icona dell emancipazione femminile Zhuri Eva Globalizzazione e nuove forme di schiavitù. Il fenomeno dell immigrazione negli ultimi decenni 4

5 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe risulta composta da ventisei studenti, quattro maschi e ventidue femmine, tutti frequentanti fino al termine delle lezioni. Tutti gli studenti, ad eccezione di due ripetenti interni, provengono dalla quarta A dello scorso anno. Sono presenti tre studenti con P.E.I. equipollenti e due con P.E.I. differenziati. Tutti i docenti curriculari del Consiglio di classe, ad eccezione dell insegnante di psicologia, hanno mantenuto la continuità didattica nel biennio post-qualifica. Nell area del sostegno, hanno mantenuto la continuità didattica due dei quattro docenti assegnati alla classe. Gli studenti hanno dimostrato durante tutto l anno un comportamento generalmente disponibile, corretto e rispettoso sia nei confronti dei docenti sia nei rapporti interpersonali, evidenziando un buon livello di socializzazione. La frequenza alle lezioni è stata complessivamente regolare, assidua per una parte della classe, più discontinua solo per qualche studente. La partecipazione, la motivazione allo studio e l impegno personale rispetto alle attività scolastiche proposte non sono state sempre adeguate in tutte le discipline, mentre è da segnalare positivamente il generale interesse della classe per tutte le iniziative culturali proposte sia in ambito curriculare sia extracurriculare. Per quanto riguarda le attitudini e le capacità logiche e di apprendimento il gruppo classe si presenta abbastanza omogeneo, ed anche il livello di preparazione, in termini di conoscenze e competenze acquisite rispetto agli obiettivi disciplinari programmati, risulta globalmente non molto differenziato. La maggior parte degli studenti ha infatti raggiunto risultati complessivamente sufficienti; alcuni, grazie ad una maggiore determinazione e all impegno costante soprattutto nel lavoro a casa, hanno conseguito livelli discreti; qualcuno infine, per discontinuità nell impegno o per un metodo di studio prevalentemente ripetitivo, ha conseguito una preparazione complessivamente incerta o superficiale. Tutti i docenti hanno effettuato attività di recupero in itinere durante l intero anno scolastico; nel secondo quadrimestre sono stati svolti, nelle discipline specifiche, corsi di recupero in orario curriculare per le insufficienze relative al primo quadrimestre. L esito delle attività svolte è stato globalmente positivo. 5

6 In quarta la classe ha svolto attività di alternanza scuola lavoro (stage) da metà maggio a metà giugno, con possibilità di proseguire l esperienza fino alla fine di giugno, presso strutture convenzionate. Riguardo al futuro, una esigua parte della classe è orientata a proseguire gli studi in percorsi di specializzazione post diploma o universitario, nel campo della comunicazione o del sociale; la maggior parte degli alunni è invece orientata ad entrare nel mondo del lavoro. 6

7 PROFILO PROFESSIONALE Il tecnico dei servizi sociali è una figura con competenze tali da inserirsi con autonome responsabilità nella collaborazione di strutture sociali pubbliche e private che operano sul territorio, attraverso strumenti di osservazione diretta e indiretta per adeguarsi ai molteplici bisogni delle comunità e dei singoli, per svolgere interventi mirati a momenti di svago, alla ricerca di soluzioni corrette dal punto di vista giuridico - amministrativo, organizzativo, psicologico e igienico - sanitario. Inoltre, ha una preparazione di tecniche di gestione, di amministrazione e di comunicazione sociale dell'impresa e del marketing no - profit, ponendosi così in grado di attivare reti di solidarietà e di potenziare le risorse delle comunità. Questa figura professionale si inserisce all interno di istituzioni pubbliche e private con compiti legati alla progettazione ed alla realizzazione di attività comunitarie e/o individuali, sia occasionali che permanenti, finalizzate al miglioramento della qualità della vita delle persone ed all accrescimento delle loro abilità comunicativo-relazionale. Dovrà, inoltre, interagire e sapersi relazionare con le altre figure professionali presenti ed operanti sul territorio (psicologi, educatori, operatori sociali, A.S.A., etc) per poter meglio raggiungere gli obbiettivi comuni, quali; Analisi dei bisogni e delle aspettative individuali e sociali per gestire correttamente la relazione d aiuto individuale e di gruppo, utilizzando linguaggi appropriati all interno di processi e di fenomeni di comunicazione. Progettazione e coordinamento di interventi educativi e di animazione teatrale e musicale mirati a diversi gruppi di utenti. Coordinamento con altre figure professionali in quanto ha familiarità con gli strumenti informatici, conosce la normativa di riferimento e l organizzazione dei servizi sociali nei comuni. Obiettivi generali del Consiglio di Classe obiettivi trasversali Padronanza dei linguaggi specifici delle singole discipline e corretta esposizione linguistica Capacità di elaborazione autonoma dei contenuti. Capacità di analisi e sintesi con apporto di contributi personali. Capacità di collegare gli stessi argomenti trattati nelle diverse discipline. obiettivi professionali Capacità di interagire efficacemente e di collaborare con i compagni e con i docenti per il raggiungimento degli obiettivi programmati Capacità di applicare le conoscenze apprese all attività professionale. Capacità di interpretare le caratteristiche della figura di tecnico dei servizi sociali 7

8 ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO Nella classe quarta si è svolta un attività di alternanza scuola - lavoro su tematiche coerenti con la figura professionale di riferimento, allo scopo di consolidarne il percorso formativo ed integrarne lo sviluppo. In applicazione di quanto precisato dall art.8 comma 3 del D.P.R.15/03/2010 n. 87 e dal D.P.R. 275/99 Regolamento sull autonomia scolastica, l Istituto Frisi ha provveduto a far svolgere un attività di alternanza scuola-lavoro nelle ultime quattro settimane di lezione del quarto anno, con la possibilità di estendere l esperienza fino al 30 giugno STAGE La classe ha svolto l attività di alternanza scuola lavoro dal 16/05/2011 al 11/06/2011 presso le sotto elencate strutture: Istituto Geriatrico Milanese (RSA) Via Paravia, 63 - Via Arsia 7 MI Istituto Paolo Frisi Via Cittadini, ang. via Otranto, 1 MI Scuola Elementare Graf Via Graf, 70 MI Scuola elementare Via Trilussa MI Istituto Palazzolo Via don Luigi Palazzolo 21, MI Asilo nido La Puperia via Pozzuoli n.3, MI Parco Canile rifugio via privata Aquila MI 8

9 I.I.S. PAOLO FRISI MILANO SCHEDA ABBINAMENTI AZIENDA - STUDENTI CLASSE/I IV A ALBERGHIERO AZIENDALE X SOCIALE TURISTICO ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PAGINA N DI RIFERIMENTI AZIENDA/ENTE (COMPLETO DI INDIRIZZO, N TEL) TUTOR AZIENDALE STUDENTE CLASSE Istituto Geriatrico Milanese Via Paravia, Milano Tel. 02/ / Resp. Dott.ssa Moretti Cell. 346/ Dott.ssa Falconi Cell. 340/ Aspesi Carola Cavallini Enrico Cervesato Jessica Costantino Debora Gila Sidorela Hinostroza Paola Ivaniuc Malvina Lo Bosco Valentina Quaroni Valeria IV A IV A IV A IV A IV A IV A IV A IV A IV A (Via Arsia, 7) Tel. 02/ / Milano Resp. Dott.ssa Moretti Cell. 346/ Napolitano Serena Ortu Alex Pardo Giusy Petrachi Elena Raimondi Giorgia Sposaro Chiara Zhuri Eva IV A IV A IV A IV A IV A IV A IV A Istituto Paolo Frisi Via Cittadini, ang. via Otranto, 1 Tel. 02/ Scuola Elementare Graf Via Graf, 70 MI Prof.ssa Gabriella Muccio Falletta Jessica Di Biase Francesca Ref. Luca Cavagnera Fecit Aurora Belsole Giulia Risuleo Chiara IV A IV A IV A IV A IV A Scuola elementare Via Trilussa MI Istituto Palazzolo Via don Luigi Palazzolo 21, MI Prof.ssa Laura Mascherpini Bruno Federica IV A Prof. Antonio Cammarota Consonni Davide IV A Gli studenti Bolognesi Valentina e Francavilla Savino hanno svolto la prevista attività di stage in quarta, nell anno scolastico , rispettivamente presso: Istituto Geriatrico Milanese (RSA) via Arsia MI Parco Canile rifugio via privata Aquila MI 9

10 Per la studentessa Ferri Cristina, impossibilitata lo scorso anno scolastico a svolgere l esperienza di stage per ragioni debitamente motivate e certificate, l Istituto ha provveduto a far svolgere, nel corrente anno scolastico, un attività di stage dal 6 marzo al 2 giugno presso: Asilo nido La Puperia via Pozzuoli n.3 MI ref. Simona Colombo Le attività svolte e le competenze valutate nelle esperienze di stage effettuate dagli studenti sono sinteticamente riportate in tabella: COMPETENZE ATTIVITA Saper osservare e documentare Saper applicare semplici procedure e tecniche Rispettare le norme dell ente riguardo a orario e comportamento e riconoscere il ruolo che si occupa all interno dell organizzazione. Raccogliere materiale informativo sulla struttura e sulle attività programmate. Ascoltare e relazionarsi con l utenza. Saper instaurare relazioni efficaci e positive Affiancare il personale nella preparazione delle diverse attività. Collaborare con il tutor, seguendone i consigli e le indicazioni, nello svolgimento delle attività ludicoespressive o pratico-manipolative. Essere allenati alla creatività Proporre autonomamente semplici attività di animazione. Risolvere i problemi in maniera innovativa in situazioni guidate. 10

11 PROGRAMMI SVOLTI IRC Prof.ssa Cristina Manganini La Bibbia:composizione ed ispirazione. Le testimonianze cristiane e pagane su Gesù Pasqua ebraica-pasqua cristiana. Ipotesi su una tomba vuota:morte apparente?furto del cadavere?allucinazioni?resurrezione? Visione e commento del film Jesus. IL Triduo Pasquale I trapianti d organo (Visione e commento del film IL dono di Nicholas ). Fede ed arte:la Cappella Sistina. Conoscenza di personaggi dell impegno religioso e civile. 11

12 ITALIANO Prof. Vincenzo Santopolo MANUALE: PAOLO DI SACCO, Mappe di letteratura, vol. 1 Il Settecento L Ottocento vol. 2 Il Novecento, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori, Milano 2008 IL SECONDO OTTOCENTO 1) MODULO STORICO-CULTURALE Il Positivismo Realismo europeo Naturalismo francese Verismo italiano 2) MODULO SULL AUTORE Giovanni Verga: - La vita, le opere e la poetica - Il ciclo dei vinti Dalle raccolte delle novelle: - Rosso Malpelo - Cavalleria Rusticane - La roba - Libertà - La lupa - L amante di Gramigna I Malavoglia o Prefazione Mastro-don Gesualdo 3) MODULO SULL OPERA I MALAVOGLIA: tutti i brani antologizzati libera scelta sulla lettura integrale dell opera 4) ALTRI AUTORI Gabriele D Annunzio - La vita e le opere - La poetica dannunziana Da Alcyone - La pioggia nel pineto - La sera fiesolana 12

13 5) MODULO SULL AUTORE Giovanni Pascoli - La vita e le opere - La poetica del «fanciullino» e il suo mondo simbolico - Lo stile e le tecniche espressive o Da Il Fanciullino : Il fanciullo che è in noi Da Myricae (a scelta dello studente) - Novembre - Lavandare - X Agosto IL NOVECENTO 6) MODULO STORICO-CULTURALE La filosofia della crisi Il decadentismo 7) MODULO SULL AUTORE Italo Svevo o La vita e il contesto culturale o La formazione e le idee o Una poetica di «riduzione» della letteratura o la trilogia dei romanzi: Una vita Senilità La coscienza di Zeno 8) MODULO SULL AUTORE Luigi Pirandello o La vita, le opere e la poetica Da L umorismo o Esempi di umorismo Dalle Novelle La patente Il treno ha fischiato 9) MODULO SULL OPERA Il fu Mattia Pascal: tutti i brani antologizzati 13

14 libera scelta sulla lettura integrale dell opera 10) ALTRI AUTORI Giuseppe Ungaretti o La vita, le opere e la poetica Da L allegria o Il porto sepolto o I fiumi o San Martino del Carso o Veglia o Fratelli Da Sentimento del tempo o La madre Eugenio Montale o La vita, le opere e la poetica Da Ossi di seppia - Meriggiare pallido e assorto - Spesso il male di vivere ho incontrato 11) MODULO SULLA PRIMA PROVA DELL ESAME DI STATO analisi del testo saggio breve ed articolo di giornale Temi: traccia di storia e attualità 12) MODULO MULTIMEDIALI film Dieci in amore Commedia di Luigi Pirandello Il berretto a sonagli Lettura del quotidiano in classe 14

15 STORIA Prof. Vincenzo Santopolo MANUALI: R. BALZANI B. BOLOCAN, Forum di storia, Ottocento, Bruno Mondatori R. BALZANI B. BOLOCAN, Forum di storia, Novecento, Bruno Mondatori RECUPERO DEL PROGRAMMA DEL IV ANNO, DAL 1870 AL 1900 La Seconda Rivoluzione Industriale L Età dell Imperialismo L Italia post risorgimentale PROGRAMMA DEL V ANNO: Il Novecento MODULO 1 L EUROPA AGLI ESORDI DEL XX SECOLO Nazioni e potenze all inizio del Novecento Gran Bretagna, Francia e Germania Due Imperi in crisi L Italia Giolittiana La stagione delle riforme Tra nazionalisti e socialisti Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale Un conflitto annunciato Le prime fasi della guerra Dalla guerra alla pace La svolta del 1917 La rivoluzione Russa La fine della Guerra MODULO 2 TRA LE DUE GUERRE Gli anni del dopoguerra Una crisi di portata mondiale L Italia del dopoguerra L Italia fascista La nascita della dittatura La società italiana La Germania nazista L ascesa di Hitler La dittatura nazista Democrazie e dittature L Unione Sovietica di Stalin 15

16 Gran Bretagna, Francia e Spagna Stati Uniti e Giappone MODULO 3 LA SECONDA GUERRA MONDIALE I primi anni di guerra L avanzata della Germania Italia e Stati Uniti in Guerra La sconfitta dell asse e la fine della Guerra La controffensiva degli Alleati Verso la pace MODULO 4 IL MONDO DIVISO Tra Guerra Fredda e distensione La divisione dell Europa Due superpotenze a confronto 16

17 INGLESE Prof. Silvano Derinaldis Dal libro di testo: A Helping Hand Unit 4: Growing up - Adolescent development Unit 5: Eating Disorders - Anorexia nervosa - Bulimia and Compulsive Overeating Unit 6: Deviant Behaviour - Drug and alcohol addiction - Main types of Drugs Unit 7: Special Needs People - Down Syndrome - Autism Unit 8: The Elderly - Ageing - Parkinson s Disease Dal libro di testo: Caring Issues Unit 1 : Child Protection - Child Protection in Case of Abuse Unit 11: Social Security - Mental Illness and Disability Unit 12: Immigration - Main features of Italian Immigration Flows Unit 14: Behavioural Conditioning - Does TV violence harm Youth? Unit 16: Interpersonal Communication - Communication behaviours GRAMMAR - Present perfect - Differenza tra Simple Past e Present Perfect - Present Perfect Continuous - Duration Form 17

18 - I Verbi Modali: - Can, Could - Must - Shall - May, Might - Should - Ought to - Forma passiva - Periodo ipotetico di zero, primo,secondo e terzo tipo 18

19 MATEMATICA Prof.ssa Piazza Emanuela Modulo 1. Ripasso Disequazioni di primo e di secondo grado numeriche intere, fratte e sistemi. Scomposizione di un polinomio in fattori primi (raccoglimento a fattore comune e parziale, differenza di quadrati, quadrato di un binomio) Modulo 2. Funzioni Classificazione delle funzioni algebriche. Dominio e codominio di una funzione. Calcolo del dominio di una funzione razionale intera, razionale fratta, irrazionale e logaritmica Modulo 3. Segno della funzione Intersezioni con gli assi di una funzione razionale intera, razionale fratta, irrazionale e logaritmica Segno della funzione di una funzione razionale intera, razionale fratta, irrazionale e logaritmica Modulo 4. Limite di una funzione Definizione intuitiva di limite finito di una funzione per x che tende ad un valore finito. Limite destro e limite sinistro. Definizione intuitiva di limite finito di una funzione per x che tende all infinito. Asintoti orizzontali. Definizione intuitiva di limite infinito di una funzione per x che tende ad un valore finito. Asintoti verticali. Definizione intuitiva di limite infinito di una funzione per x che tende all infinito. Modulo 5. Algebra dei limiti Limite della somma algebrica di due funzioni (solo enunciato). Limite del prodotto di due funzioni (solo enunciato). Limite del quoziente di due funzioni (solo enunciato). Limiti delle funzioni razionali intere e fratte (solo enunciato). Forme indeterminate. Modulo 6. Funzioni continue Considerazioni intuitive. Definizione di funzione continua. Punti di discontinuità per una funzione. Modulo 7. Derivata di una funzione Significato geometrico. Derivate fondamentali (enunciati): derivata della funzione costante, della funzione identica, della funzione potenza. Teoremi sul calcolo delle derivate (enunciati): derivata della somma, del prodotto (in particolare prodotto di una costante per una funzione potenza) e del quoziente di due funzioni. Modulo 8. Funzioni crescenti Definizione intuitiva. Massimi e minimi relativi. Studio, con la derivata prima, degli estremi relativi di funzioni razionali intere e fratte. Grafico probabile Modulo 9. Lettura di grafici di funzioni Caratteristiche delle funzioni rappresentate: dominio, codominio, limiti agli estremi del dominio, asintoti orizzontali e verticali, intersezioni con assi, intervalli di positività, massimi e minimi relativi e assoluti, intervalli di crescita. 19

20 PSICOLOGIA Prof.ssa Rita Freni Libro di testo: Psicologia per il tecnico dei servizi sociali, aut. M. Bernardi- A. Condolf Ed. Scolastica CLITT. MODULO 1: RIEPILOGO DELLE TEORIE ( Il comportamentismo la psicoanalisi l approccio umanistico l approccio biologicola teoria sistemico relazionale diversi approcci al problema della conoscenza : Piaget, Vygoskij e il cognitivismo) MODULO 2: I MINORI Aspetti culturali Bisogni del minore 1^-2^-3^ infanzia adolescenza Altre realtà: minori stranieri maltrattamento e abuso nell infanzia- trascuratezza maltrattamento psicologico L abuso sessuale il disagio giovanile- l adolescenza come epoca di passaggi e di crescitail ruolo dei pari- adolescenza:fattori protettivi e di rischio Interventi e servizi MODULO 3: L ETA ANZIANA Le diverse velocità nel processo dell invecchiamento:il rapporto tra età anziana e società,aspetti soggettivi e socio-culturali Gli aspetti demografici della vecchiaia Cambiamenti fisici, cognitivi, sociali L affettività e la personalità (teorie del disimpegno e dell impegno) Cambiamenti sociali (quale vecchiaia oggi?) La malattia nell anziano Le demenze Il morbo di Parkinson Il malato terminale: elaborazione del lutto Disturbi psichiatrici in età anziana Servizi per anziani MODULO 4: LA DISABILITA Dalla classificazione degli anni 80 ad una nuova proposta di classificazione:icf Valutazione della disabilità Disabilità e società Disabilità e scuola Disabilità e lavoro(aspetti normativi ed educativi) Famiglia e disabilità Il ritardo mentale(aspetti cognitivi) La classificazione del RM secondo il DSM IV La Sindrome di Down:caratteristiche fisiche e psicologiche 20

21 Disabilità visiva, uditiva, motoria L epilessia-le distrofie muscolari Interventi e servizi MODULO 5: IL DISAGIO PSICHICO Alcune note relative al passato:aspetti storici e socio-culturali della malattia mentale L invisibile confine tra normalità e patologia: i diversi criteri di applicazione La malattia mentale I disturbi psichici secondo il D.S.M. Le reazioni anomale, le nevrosi, la psicosi I fattori eziopatogenetici della malattia mentale: aspetti biologici, psicologici, sociali-culturali I disturbi psichici: 1) Disturbi di ansia: a: Ansia generalizzata b: Fobie c: Attacchi di panico d: Disturbi ossessivo compulsivi 2) Disturbi dell umore: a: La depressione maggiore b: I disturbi bipolari c: La schizofrenia I modelli psicopatologici: (modello psicoanalitico comportamentista umanistico esistenziale cognitivo relazionale) Le psicoterapie: la psicoanalisi la terapia comportamentista la terapia umanistico esistenziale la terapia cognitiva Psichiatra, psicologo e psicoterapeuta La legge 180 Il servizio dipartimentale di salute mentale I servizi ospedalieri MODULO 6: LA FAMIGLIA MULTIPROBLEMATICA Molteplicità di tipologie di famiglia Famiglie marginali Famiglie che esprimono fragilità relazionali e di valori Famiglie multiproblematiche secondo l approccio sistemico-relazionale Alcune caratteristiche della famiglia multiproblematica e i bisogni di sostegno I momenti fondamentali dell agire sociale nei confronti della famiglia multiproblematica Alcuni possibili interventi MODULO 7: IL GRUPPO Che cos è il gruppo Il numero dei componenti L approccio umanistico di Maslow e Rogers Osservazione del gruppo di Jacob Levi Moreno 21

22 Classificazione e denominazione dei gruppi Status e ruolo Leader e leadership Tipologie dei gruppi a) gruppi di psicoterapia b) gruppi di formazione e appendimento c) gruppi di lavoro MODULO 8: IL COLLOQUIO Cos è, a che cose serve e le caratteristiche del colloquio Colloquio ed interviste Condurre un colloquio efficace La comunicazione nel colloquio Schede: due a scelta dello studente fra le seguenti: MOD. 2: Diversi modi d interpretare il gioco. p.268 L educazione interculturale, p.276 Anoressia e bulimia, pp I comportamenti a rischio pp La peer education, pp Giochi psicomotricità nei servizi per la prima e seconda infanzia, pp Le problematiche poste dall educazione di strada, pp Problematiche psicologiche dell adozione, pp MOD. 3: Scala di deterioramento di Barry Reisberg, pp Le tecniche riabilitative psicologiche, pp Glossario dei termini utilizzati all interno dell ICF, pp Il D.S.M.IV. p.401 Il braille-come facilitare l autonomia negli spostamenti ai non vedenti, pp Capire per agire: Comunicare con i sordi, P.422 La funzione del movimento nello sviluppo, p425 Capire per agire- Possibili problemi nello sviluppo, pp MOD, 4: Capire per agire: Terapie diverse. pp MOD, 7: Capire per agire il gruppo di lavoro il lavoro di gruppo, pp Il brainstorming e il problem solving, pp

23 DIRITTO LEGISLAZIONE SOCIALE ECONOMIA Prof.ssa Marilisa Senatore MODULO 1 IMPRENDITORI E IMPRESE L imprenditore L impresa Classificazione delle imprese Il piccolo imprenditore L impresa familiare Imprenditore agricolo Imprenditore commerciale MODULO 2 L IMPRENDITORE COMMERCIALE Lo statuto dell imprenditore commerciale La capacità per l esercizio dell impresa Il regime di pubblicità I collaboratori dell imprenditore Le procedure concorsuali: il fallimento ( scopo, presupposti, fasi) MODULO 3 L AZIENDA Nozione di azienda I segni distintivi dell azienda L avviamento Il trasferimento dell azienda MODULO 4 LA SOCIETA L impresa collettiva Il contratto di società: definizione ed elementi Capitale e patrimonio sociale I tipi di società. Classificazione: società lucrative e mutualistiche società commerciali e non commerciali società di persone e società di capitali: Autonomia patrimoniale perfetta ed imperfetta: responsabilità dei soci organizzazione interna potere di amministrazione trasferibilità della qualità di socio Scioglimento ed estinzione delle società I vari tipi di società di persone: società semplice società in nome collettivo società in accomandita semplice Le società di capitali. Caratteristiche e tipologie. La S.P.A: struttura organizzativa (organi) costituzione 23

24 capitale sociale La S.R.L: struttura organizzativa (organi) costituzione capitale sociale Le società mutualistiche in generale: scopo e caratteristiche Le società cooperative. Tipi. La mutualità spuria e i ristorni Le cooperative a mutualità prevalente La disciplina delle cooperative: numero dei soci, quote, diritto di voto, organi Le cooperative sociali: scopo e tipologie MODULO 5 L ASSICURAZIONE Il contratto di assicurazione: funzione del contratto il rischio come elemento essenziale del contratto principali tipi di assicurazione ( ass. contro i danni, ass. sulla vita) soggetti del rapporto assicurativo: assicuratore, contraente, assicurato, beneficiario MODULO 6 I CONTRATTI BANCARI La funzione delle banche Le operazioni bancarie attive e passive Il deposito bancario L apertura di credito L anticipazione bancaria Lo sconto bancario Il conto corrente bancario MODULO 7 I TITOLI DI CREDITO Nozione e funzione dei titoli di credito I caratteri dei titoli di credito Classificazione dei titoli in base alle modalità di circolazione Le cambiali. cambiale tratta e vaglia cambiario Gli assegni. assegno bancario e assegno circolare 24

25 CULTURA MEDICO SANITARIA Prof.ssa Vana Pescatore MODULO 1 LA GRAVIDANZA Accrescimento e sviluppo del feto ( Periodo Blastemico, Periodo Embrionale) Funzione degli annessi embrionali: PLACENTA - funzione metabolica - funzione endocrina - funzione immunologica CORDONE OMBELICALE L AMNIOS Prevenzione dei rischi in gravidanza Controllo preconcezionali (interventi educativi,interventi tecnici,interventi socio assistenziali) Controllo della gravidanza Prevenzione complesso TORCH( Toxoplasmosi Malattia Citomegalitica, Rosolia, Herpes Simplex,Other ) Prevenzione nella gravidanza a rischio Empriopatie( fattori ereditari, fattori non ereditari, fattori di rischio che intervengono dopo il concepimento nei primi tre mesi, controllo nell alimentazione, nei farmaci, nelle vaccinazioni, radiazioni) Fetopatie ( placenta previa, insufficienza placentare, anomalie del cordone ombelicale) Igiene personale e alimentazione in gravidanza MODULO 2 PREVENZIONE E RISCHI ALLA NASCITA Parto (periodo prodromico, periodo dilatante,periodo espulsivo,periodo dell espulsione degli annessi embrionali Fattori di rischio del parto( parto distocico) Anossia ed asfissia da parto Prevenzione neonatale Punteggio di Apgar Profilassi neonatale Profilassi della malattia emorragica neonatale Osservazione transizionale Screening neonatali (fenilchetonuria,fibrosi cistica, galattosemia,displasia congenita dell anca) Prelievo ematico e controllo strumentale preconcezionali ed in gestazione (ecografia,amniocentesi prelievo dei villi coriali) MODULO 3 ELEMENTI DI PEDIATRIA E PUERICULTURA Caratteristiche della crescita e sviluppo (altezza, peso, porzioni corporee) Fattori che influenzano la crescita e lo sviluppo (ereditarie, nazionalità e razza, condizione socio ambientali, sesso) Assistenza neonatale (attività cardiaca e respiratoria, pressione sanguigna, temperatura corporea, calo ponderale, ittero fisiologico, emissione di meconio, principali riflessi fisiologici) Accrescimento somatico:tipoauxia, disauxia e auxopatia(gigantismo,nanismo ipofisario e ipotiroideo,auxologia prenatale e postatalel) Anatomia e fisiologia dell età evolutiva,cambiamenti scheletrici, presenza e significato clinico delle fontanelle,eruzione dentaria decidua e permanente,modificazioni cardiopolmonari e persistenza del dotto di Botallo,composizione dell emocromo, sistema immunitario,maturazione del sistema nervoso centrale e riflessi arcaici, significato clinico in caso di assenza o persistenza oltre i tempi fisiologici, caratteristiche più significative dello sviluppo psicomotorio e cognitivo. Vaccinazioni di legge Fisiologia della pubertà 25

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli