NOTA ILLUSTRATIVA. Allegata alla circolare prot. n. 58 del 5 aprile 2006 LA NUOVA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA ILLUSTRATIVA. Allegata alla circolare prot. n. 58 del 5 aprile 2006 LA NUOVA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO"

Transcript

1 CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL INDUSTRIA METALMECCANICA E NELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DEL 19 GENNAIO 2006 Allegata alla circolare prot. n. 58 del 5 aprile 2006 NOTA ILLUSTRATIVA LA NUOVA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO La disciplina dell apprendistato professionalizzante, definita nell accordo del 19 gennaio 2006, dà piena applicazione a quanto previsto dall art. 49, D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276 ed, in particolare, dal comma 5-bis 1 che rinvia ai contratti nazionali di categoria la regolamentazione in via suppletiva delle norme attuative dell istituto, in attesa dell emanazione delle leggi regionali. Ed, infatti, la disciplina contrattuale ha regolato il nuovo contratto di apprendistato professionalizzante in tutti i suoi aspetti: le qualifiche conseguibili, le durate massime, la retribuzione, il numero di ore annue di formazione, le aree tematiche e le modalità di erogazione fino a comprendere gli schemi esemplificativi dei profili formativi 2, che lo rendono immediatamente operativo in quelle regioni dove non è in essere alcuna regolamentazione della materia. Questa indicazione è stata confermata sia dal Prof. Arturo Maresca che dal Prof. Michele Tiraboschi nel corso della giornata di informazione-formazione tenutasi in Confindustria lo scorso 10 marzo, che aveva appunto lo scopo di esaminare e risolvere, almeno in parte, i problemi emersi in fase di applicazione della nuova disciplina legale e delle cui conclusioni abbiamo tenuto conto nell elaborazione di questa nota illustrativa. Diversamente, nelle regioni dove si registrano interventi di regolamentazione degli aspetti formativi dell apprendistato professionalizzante è necessario che le Associazioni Territoriali di riferimento valutino con attenzione l applicazione della disciplina contrattuale, compresi gli allegati, alla luce delle regole definite in sede regionale integrando la presente circolare delle specifiche indicazioni operative che si rendono indispensabili per l utilizzo dell istituto da parte delle aziende associate. 1 Il comma 5-bis dell art. 49, D.Lgs. n. 276 del 2003, è stato introdotto dalla Legge 14 maggio 2005, n. 80 per supplire all inerzia di molte regioni sulla materia e dispone espressamente che fino all approvazione della legge regionale, la disciplina dell apprendistato professionalizzante è rimessa ai contratti collettivi nazionali di categoria stipulati da associazioni dei datori di lavoro e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. 2 Con nostra circolare n. 56 del 29 marzo 2006, sono stati trasmessi gli schemi esemplificativi dei profili formativi elaborati dalla Commissione nazionale per la formazione professionale e l apprendistato, siglati il giorno 28 marzo, che sostituiscono ed integrano quelli già allegati all Accordo del 19 gennaio 2006.

2 Naturalmente, Federmeccanica è a disposizione delle Associazioni Territoriali per tutto il supporto e l assistenza che riterranno necessari ed anzi è nostro interesse essere informati sulle diverse situazioni territoriali anche perché le parti stipulanti si sono impegnate a verificare, entro il 30 giugno 2007, la coerenza della disciplina contrattuale con le normative regionali, tenuto conto del monitoraggio che dovranno effettuare gli organismi paritetici. LA DECORRENZA DELLA NUOVA DISCIPLINA CONTRATTUALE La disciplina dell apprendistato professionalizzante, definita nell accordo del 19 gennaio 2006, ha decorrenza 1 marzo 2006 e deve essere applicata a tutti i contratti di apprendistato stipulati a partire da tale data (eccezion fatta, come vedremo più avanti, per quelli stipulati con giovani di età compresa tra i 16 e i 18 anni). Per i contratti di apprendistato che sono stati stipulati fino al 28 febbraio 2006 e, dunque instaurati ai sensi del precedente regime legale e contrattuale dell apprendistato, continua ad applicarsi la normativa originaria fino alla loro scadenza. Per quanto non espressamente disciplinato dalle nuove norme contrattuali sull apprendistato professionalizzante valgono le norme del Ccnl di categoria e le norme legislative vigenti 3. LA FINALITÀ DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE L apprendistato professionalizzante è uno speciale rapporto di lavoro a causa mista, finalizzato all acquisizione di una qualifica professionale attraverso una formazione sul lavoro e l acquisizione di competenze di base, trasversali e tecnico-professionali. Secondo le intenzioni espresse dalle parti, l apprendistato professionalizzante può costituire un fattore strategico di concorso allo sviluppo della competitività delle imprese e, nel contempo, grazie anche ai suoi contenuti formativi, un istituto di accesso al lavoro capace di favorire una occupazione stabile e di qualità. È proprio muovendo da tale impostazione che la disciplina contrattuale ha inserito la c.d. clausola di stabilizzazione finalizzata al mantenimento in servizio di almeno il 70% degli apprendisti il cui rapporto sia venuto a scadere nei 24 mesi precedenti l assunzione di nuovi apprendisti; qualora tale condizione non sia rispettata l azienda non potrebbe assumere nuovi apprendisti fino al ripristino della stessa. A tali fini, non si computano gli apprendisti che non hanno concluso il periodo di apprendistato mentre si considerano mantenuti in servizio gli apprendisti il cui rapporto è stato trasformato ante tempus in normale rapporto di lavoro. È prevista comunque una franchigia di quattro apprendisti. È poi lo stesso legislatore 4 a riproporre i previgenti limiti quantitativi all assunzione degli apprendisti stabilendo, con un certo anacronismo terminologico, che il numero degli apprendisti che un datore di lavoro può assumere non può superare il 100% delle maestranze specializzate e qualificate in servizio. La 3 Non pochi problemi pone il raccordo tra nuova e vecchia disciplina dell apprendistato. A parte l elenco delle norme abrogate dall art. 85, D.Lgs. n. 276 del 2003 e le abrogazioni espresse dalle altre disposizioni come, in materia di orario di lavoro, dall art. 2, quarto comma, D. Lgs. 8 aprile 2003 n. 66 che dispone l applicazione della nuova disciplina dell orario anche agli apprendisti, salva comunque la disciplina speciale dettata per i minori dalla legge 17 ottobre 1967, n. 977 come modificata dal D. Lgs. 4 agosto 1999, n. 345; per tutte le altre norme non espressamente richiamate occorre un attenta ricognizione per valutarne la compatibilità con il nuovo quadro legislativo e conseguente applicabilità. Vedi in proposito la circolare n. 40 del 14 ottobre 2004 del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. 4 Così, il secondo comma dell art. 47, D.Lgs. n. 276 del 2003 che riproduce senza variazioni quanto già previsto dal terzo comma dell art. 2, legge n. 25 del 1955 e dal primo comma dell art. 21, legge n. 56 del

3 quantità massima di apprendisti è rapportata al numero complessivo dei dipendenti qualificati e specializzati occupati nell azienda. Per garantire l accesso all apprendistato anche ad imprese di piccole dimensioni è consentito alle aziende che non abbiano alle proprie dipendenze lavoratori qualificati o specializzati o ne abbiano in numero inferiore a tre, di assumere non più di tre apprendisti. L ASSUNZIONE Il contratto di apprendistato, per il quale il legislatore prescrive espressamente la forma scritta, deve contenere tutti gli elementi qualificanti di tale tipologia contrattuale: la qualifica professionale oggetto dell apprendistato, la categoria d ingresso, la progressione retributiva e d inquadramento, la data d inizio del rapporto e la sua durata e quant altro previsto dall art. 1, Disciplina generale, sezione terza, del Ccnl. Può essere definito un periodo di prova che non può superare i 20 giorni di effettivo servizio nel caso di qualifiche operaie ed i 30 giorni di effettivo servizio nel caso di qualifiche impiegatizie. Parte integrante ed indispensabile del contratto è il Piano formativo individuale nel quale è definito l effettivo percorso formativo dell apprendista e sul quale torneremo più avanti. All atto dell assunzione, all apprendista sarà consegnata copia del Contratto collettivo nazionale 19 gennaio 2006 per la disciplina dell apprendistato professionalizzante e del vigente Ccnl di categoria nonché la modulistica riguardante l iscrizione a Cometa ed i moduli per l autorizzazione al trattamento dei dati personali. Nel caso in cui l apprendista si iscriva a Cometa il contributo mensile da versare, sia a carico del lavoratore che dell azienda, sarà pari all 1,5% della retribuzione convenzionale. Il Campo di applicazione e le durate del contratto Con la nuova disciplina legale e contrattuale, il campo di applicazione del contratto di apprendistato professionalizzante viene esteso sia in relazione all età dei lavoratori che possono essere assunti, conformemente a quanto definito nel D.Lgs. 276/03, che in relazione alle qualifiche conseguibili al termine del periodo di apprendistato. Le durate del contratto di apprendistato professionalizzante sono articolate in funzione delle qualifiche da conseguire e spaziano da un minimo di 24 mesi ad un massimo di 60 mesi. Età In particolare, possono essere assunti con contratto di apprendistato giovani di età compresa tra i 18 anni (17 anni solo per coloro che siano in possesso di una qualifica professionale conseguita ai sensi della legge n. 53 del 2003) e i 29 anni 5. Per quanto riguarda i giovani di età compresa tra i 16 e i 18 anni, fintantoché non sia utilizzabile l apprendistato per l espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione che costituisce nel nuovo impianto normativo l unica modalità di assunzione di minori, è stata affermata 6 la possibilità di instaurare un rapporto di apprendistato secondo il vecchio regime legale ed applicando le disposizioni dei contratti collettivi che disciplinano la precedente tipologia di apprendistato, in quanto compatibili. 5 Si ricorda che il Ministero del lavoro con propria circolare n. 30 del 15 luglio 2005, ha chiarito, in relazione al limite dei 29 anni, che l assunzione potrà essere effettuata fino al giorno antecedente al compimento del trentesimo anno di età (ovvero fino a 29 anni e 364 giorni). 6 Così, il Ministero del lavoro nella circolare n. 30 del 15 luglio 2005; le stesse conclusioni sono state confermate nella giornata informativa dello scorso 10 marzo tenutasi in Confindustria. 3

4 Qualifiche conseguibili e durate Le qualifiche conseguibili sono quelle corrispondenti alla 3^ e fino alla 7^ categoria di inquadramento professionale; per quest ultima categoria limitatamente ad attività di alta specializzazione ed importanza ai fini dello sviluppo e della realizzazione degli obiettivi aziendali. Le durate massime fissate per il conseguimento della 3^, 4^ e 5^ categoria sono rispettivamente pari a 42, 52 e 60 mesi. Queste durate sono riducibili in funzione del titolo di studio posseduto; i titoli di studio valorizzati sono: il diploma (non più anche la qualifica professionale) 7 e la laurea (senza distinzione tra laurea triennale e magistrale). Sia il diploma che la laurea, per consentire una riduzione della durata dell apprendistato, devono essere inerenti alla qualifica da conseguire. Coerentemente con quanto previsto dal sistema contrattuale di inquadramento professionale, per il lavoratore destinato all acquisizione di una qualifica impiegatizia se in possesso di diploma di scuola media superiore (anche non inerente) la qualifica di uscita non può essere inferiore alla 4^ categoria e, se in possesso di laurea inerente, la qualifica di uscita non può essere inferiore alla 5^ categoria. Quale ulteriore criterio di individuazione delle qualifiche conseguibili dall apprendista, la disciplina contrattuale circoscrive espressamente la possibilità di stipulare un contratto di apprendistato per l acquisizione della 6^ e 7^ categoria ai soli lavoratori in possesso di laurea inerente: in questi due casi la durata massima del contratto è rispettivamente pari a 38 e 42 mesi. È possibile attivare il contratto di apprendistato professionalizzante anche per figure professionali addette a produzioni in serie svolte su linee a catena o di montaggio semplice, quando le mansioni siano caratterizzate da attività brevi, semplici e ripetitive e comunque non ricomprendibili nella declaratoria della 3^ categoria che, invece, erano escluse nel precedente regime legale e contrattuale 8. Per queste figure professionali è prevista una durata del contratto pari a 24 mesi coincidente con il limite minimo di durata fissato dal D.Lgs. 276/03; naturalmente per le figure professionali addette a produzioni in serie caratterizzate da attività più complesse, rientranti nella declaratoria della 3^ categoria, valgono i criteri previsti per il conseguimento della 3^ categoria. Le durate del contratto di apprendistato professionalizzante sono state fissate nella loro misura massima ed è, quindi, possibile stabilire anche durate diverse 9 in ragione delle valutazioni compiute dall azienda rispetto a specifici casi purché, ovviamente, la minore durata individuata risulti coerente con il percorso formativo programmato nel Piano formativo individuale diretto a far conseguire al lavoratore le cognizioni teoriche e pratiche che caratterizzano la figura professionale cui è finalizzato il contratto di apprendistato e non sia comunque inferiore al limite minimo di 24 mesi stabilito dal D.Lgs. 276/03. Eventuali periodi di apprendistato professionalizzante o periodi di apprendistato per l espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione già svolti presso altri datori di lavoro, purché non separati da interruzioni superiori ad un anno e riferiti alle stesse attività professionali, devono essere sommati tra di loro ai fini della durata del contratto di apprendistato professionalizzante. A tal fine, il datore di lavoro è tenuto, in caso di interruzione del rapporto di apprendistato, a documentare il periodo di apprendistato effettuato e le ore di formazione svolte registrandoli nel libretto formativo 7 A questo fine, non ha alcun rilievo la tabella sui titoli di studio allegata alla disciplina contrattuale nella parte riguardante la qualifica triennale in quanto elaborazione Isfol riferita alla precedente disciplina. 8 Si ricorda che l art.11, lettera l), della legge 19 gennaio 1955, n. 25 che disponeva l obbligo per il datore di lavoro di non adibire gli apprendisti a lavori di manovalanza e di produzione in serie è stato espressamente abrogato dall art. 85 del D. Lgs. n. 276 del 2003 come modificato dal D. Lgs. n. 251 del 6 ottobre Questa conclusione è stata confermata sia dal Prof. Arturo Maresca che dal Prof. Michele Tiraboschi nella giornata informativa dello scorso 10 marzo tenutasi in Confindustria. 4

5 secondo quanto previsto dalle normative regionali; il lavoratore dovrà produrre tale documentazione all atto dell assunzione per ottenere la riduzione della durata massima del contratto di apprendistato professionalizzante stabilita dal contratto collettivo con conseguente riduzione dei periodi di inquadramento e di progressione retributiva. È possibile, in linea di principio, trasformare ante tempus il rapporto di apprendistato professionalizzante in rapporto di lavoro a tempo indeterminato 10 ; tale trasformazione che, in ogni caso, non può avvenire prima dei 24 mesi di durata minima fissati dal legislatore, può giustificarsi solo a fronte di un conseguimento anticipato della qualificazione finale, anche per particolari capacità del lavoratore, rispetto ai tempi previsti dal programma formativo. Secondo quanto emerso nel corso della giornata informativa del 10 marzo scorso ed, in particolare, su suggerimento del Prof. Michele Tiraboschi, la Confindustria ha inoltrato alla Direzione Generale per l Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, un istanza di interpello, ai sensi dell art. 9, del D.Lgs. n. 124/2004, volta ad ottenere un chiarimento in ordine alla normativa concernente il riconoscimento dei benefici contributivi in caso di trasformazione anticipata del rapporto di apprendistato in normale rapporto di lavoro 11. L INQUADRAMENTO E LA RETRIBUZIONE Tenuto conto di quanto stabilito dall art. 53 del D.Lgs. 276/03 12, la disciplina contrattuale disegna una progressione dell inquadramento e relativa retribuzione dell apprendista suddivisa in tre periodi ciascuno di durata proporzionale a quella complessiva del contratto. nel periodo iniziale, l apprendista è sotto inquadrato di due livelli rispetto alla qualifica da conseguire con corrispondente retribuzione minima contrattuale. nel secondo periodo, è prevista la progressione di un livello con corrispondente retribuzione minima contrattuale. nell ultimo periodo, mentre l inquadramento continua ad essere inferiore di un livello rispetto a quello di destinazione finale, la retribuzione da riconoscere è pari a quella spettante per il livello di destinazione. Come chiarito nel corso della giornata informativa del 10 marzo scorso, fermo restando il divieto previsto dal D.Lgs. 276/03 di determinare il compenso dell apprendista secondo sistemi di cottimo e, dunque, di rendimento individuale, è possibile riconoscere all apprendista elementi aggiuntivi di retribuzione non ponendo né la legge né il contratto limiti in proposito 13. Durante il periodo di apprendistato e per l anno successivo alla trasformazione del rapporto a tempo indeterminato anche al lavoratore è riconosciuto un beneficio contributivo Le parti del resto hanno preso in considerazione tale ipotesi facendola rientrare nel computo degli apprendisti mantenuti in servizio ai fini del calcolo del 70% di conferme quale limite per procedere a nuove assunzioni. 11 L art. 21, sesto comma, della legge n. 56 del 1987 che, in forza dell art. 53, quarto comma, del D.Lgs. n. 276 del 2003, deve considerarsi applicabile anche al nuovo apprendistato, prevede la conservazione dei benefici contributivi per tutto l'anno successivo alla conferma a tempo indeterminato del lavoratore. 12 Tale articolo, al primo comma, prevede espressamente che: Durante il rapporto di apprendistato, la categoria di inquadramento del lavoratore non potrà essere inferiore, per più di due livelli, alla categoria spettante, in applicazione del contratto collettivo nazionale di lavoro, ai lavoratori addetti a mansioni o funzioni che richiedono qualificazioni corrispondenti a quelle al conseguimento delle quali è finalizzato il contratto. 13 L art. 13, legge n. 25 del 1955 prevede espressamente che l erogazione di premi agli apprendisti più meritevoli non deve in alcun modo essere commisurata alla entità della produzione conseguita dall apprendista. 14 Vedi il quarto comma dell art. 53, D.Lgs. n. 276 del In particolare, mentre il contributo a carico dell azienda è stabilito in misura fissa, la c.d. marca settimanale (pari, nell anno in corso, a 2,89 senza Inail e a 2,98 con Inail), il contributo a carico dell apprendista è stabilito in misura percentuale (attualmente pari al 5,54%) da calcolarsi sulla retribuzione effettivamente corrisposta; in proposito cfr. la circolare dell Inps n. 208 del 13 ottobre

6 L inquadramento dell apprendista, avendo come riferimento il sistema contrattuale di inquadramento professionale, può scorrere su 7 categorie professionali, considerato che la 5 super non configura una categoria a sé stante ed intermedia tra la 5^ e la 6^15, salvo ovviamente la possibilità per il datore di lavoro di riconoscere, anche in questo caso, trattamenti più favorevoli fermo restando il rispetto del programma formativo. In proposito, va sottolineato che il criterio del sotto inquadramento previsto dal legislatore quale misura di incentivazione dell apprendistato, collega il sotto inquadramento di due livelli esclusivamente alla categoria di destinazione dell apprendista. L ATTRIBUZIONE DELLA QUALIFICA ED IL MANTENIMENTO IN SERVIZIO La disciplina contrattuale, nel riconfermare esattamente le precedenti clausole, rinvia sostanzialmente al giudizio del datore di lavoro l attribuzione della qualifica che ha formato oggetto del rapporto di apprendistato rimanendo indeterminate le modalità con cui effettuare le prove di idoneità; in particolare, la qualifica si intenderà comunque attribuita qualora il lavoratore venga mantenuto in servizio al termine del periodo di apprendistato. La trasformazione dell apprendistato in normale rapporto di lavoro comporta anche il riconoscimento del periodo di apprendistato effettuato, nell anzianità di servizio ai fini di tutti gli istituti sia legali che contrattuali ad esclusione degli aumenti periodici d anzianità; inoltre, nel caso di lavoratore in possesso di diploma di scuola media superiore inerente alle mansioni impiegatizie di 4^ categoria cui era finalizzato l apprendistato, il periodo necessario per la mobilità professionale in 5^ categoria di cui alla lett. b) punto IV, lett. B) dell art. 4, Disciplina generale, sezione terza, del Ccnl, è ridotto a 12 mesi. IL REGIME DI RECESSO Riguardo al regime di recesso il legislatore ha integralmente confermato la previgente disciplina; infatti il quarto comma dell art. 49, alla lett. c), prevede espressamente la possibilità per il datore di lavoro di recedere dal rapporto di lavoro al termine del periodo di apprendistato ai sensi di quanto disposto dall art del codice civile. Allo stesso tempo, alla lett. e), conferma il divieto di licenziare l apprendista durante il periodo di apprendistato senza giusta causa o giustificato motivo 16. Il contratto di apprendistato, dunque, non cessa automaticamente alla scadenza della durata fissata ma per poterlo estinguere ed evitare che si trasformi in un normale rapporto di lavoro, è necessario esercitare il diritto di recesso dando preavviso nel termine e nei modi stabiliti dalle norme contrattuali. I termini di preavviso per recesso, licenziamento o dimissioni applicabili, sono quelli previsti dagli artt. 24 e 18, Disciplina speciale, rispettivamente parte prima e terza del Ccnl e devono essere individuati in relazione alla categoria di inquadramento dell apprendista. GLI ASPETTI FORMATIVI 15 Cfr., la Nota a verbale alla declaratoria della 5^ categoria di cui all art. 4, disciplina generale, sezione terza, del Ccnl. 16 Il termine di preavviso di licenziamento o di dimissioni applicabile nel caso di risoluzione del contratto di apprendistato finalizzato ad acquisire una qualifica operaia è sempre pari a 6 giorni secondo quanto previsto dall art. 24, Disciplina speciale, parte prima; 6

7 Come precisato all inizio della presente nota illustrativa, la disciplina contrattuale dell apprendistato professionalizzante ha definito tutti gli aspetti in via esaustiva compresi quelli formativi, per i quali si pone sostanzialmente il problema del coordinamento tra fonte contrattuale e regionale ed alla cui soluzione possono contribuire gli equilibri raggiunti in contratto. La formazione costituisce l elemento qualificante del contratto di apprendistato e mira a trasferire le conoscenze e competenze che caratterizzano una determinata figura professionale; all effettiva erogazione della formazione sono, inoltre, legate le agevolazioni contributive 17. La caratteristica più innovativa, nell ambito degli aspetti formativi del nuovo apprendistato, consiste nella valorizzazione della formazione interna all impresa, alla quale è attribuita pari dignità a quella svolta all esterno. La disciplina contrattuale, oltre a definire cosa si intende per formazione formale, regola gli aspetti relativi alla quantità, all articolazione e modalità di erogazione, alla capacità formativa ed al tutor. Formazione formale e piano formativo individuale La formazione formale è definita in contratto come un percorso strutturato in termini di obiettivi, tempi e modalità da descrivere nel Piano formativo individuale e certificabile in base alle normative regionali, laddove esistenti in cui l apprendimento si realizza in un contesto formativo organizzato volto all acquisizione di conoscenze/competenze di base, trasversali e tecnico-professionali. In questo ambito, assume rilievo centrale il Piano formativo individuale, in quanto definisce l effettivo percorso formativo dell apprendista e costituisce parte integrante del contratto individuale di apprendistato. Esso dovrà essere elaborato in coerenza con i profili formativi 18 individuati dalla Commissione nazionale per la formazione professionale e l apprendistato ma soprattutto sulla base della qualificazione da conseguire, delle specificità aziendali, delle caratteristiche dell apprendista, nonché della durata del contratto e delle relative ore di formazione. Il Piano formativo individuale potrà essere modificato in corso di rapporto di apprendistato su concorde valutazione dell impresa, del tutor e dell apprendista, ciò al fine di meglio adattare il percorso formativo considerata, in taluni casi, l obiettiva difficoltà di programmare percorsi pluriennali. Articolazione e modalità di erogazione della formazione Sulla base del rinvio stabilito dal D.Lgs. 276/2003, art. 49, comma 5, lett. b) nel contratto è stata determinata l articolazione della formazione formale in relazione a: 1. le aree tematiche: trasversali e professionalizzanti. Relativamente alle tematiche trasversali si ricorda che la Commissione nazionale ha il compito di declinarne i contenuti in moduli formativi, organizzandoli anche in strumenti di erogazione (on line, dispense, ecc..), ciò al fine di proporre soluzioni ed agevolare l organizzazione e l erogazione della formazione relativa a tali aspetti. Rispetto alle tematiche professionalizzanti si rinvia ai richiamati profili formativi che declinano le competenze/conoscenze tecnico-professionali relativi al ruolo per il quale l apprendista sarà formato; 2. la quantità di ore da erogare in modalità teorica e, per differenza, in modalità pratica. Sebbene il concetto di formazione erogata in modalità teorica possa richiamare immediatamente l aula, è tuttavia possibile, in quanto indicato in contratto, utilizzare altre modalità quali ad esempio: formazione a distanza, visite aziendali, seminari, ecc.; 17 L art. 53, comma 3 del D.Lgs. 276 del 2003 stabilisce che:. In caso di inadempimento nella erogazione della formazione di cui sia esclusivamente responsabile il datore di lavoro e che sia tale da impedire la realizzazione delle finalità di cui agli articoli. 49, comma 1 il datore di lavoro è tenuto a versare la quota dei contributi agevolati maggiorati del 100 per cento. 18 Per un approfondimento sui criteri di utilizzo dei profili formativi si rinvia alla nota premessa agli stessi, cfr. nostra circolare n. 56 del 29 marzo

8 3. il luogo di erogazione della formazione formale: interna, nel caso di impresa con capacità formativa, o esterna. Per completezza si elencano tutte le modalità, teoriche e pratiche, di erogazione della formazione formale, che sono indicate, a titolo esemplificativo, in contratto: aula, e-learning, on the job, affiancamento, seminari, esercitazioni di gruppo, testimonianze, action learning, visite aziendali. Capacità formativa interna La capacità formativa dell impresa, ai sensi del contratto, è data, oltre che dalla presenza del tutor: dalla capacità di erogare direttamente la formazione formale avendo a disposizione: oppure - locali idonei per la formazione teorica, laddove, per idonei si intendono, di norma, i locali distinti da quelli destinati prevalentemente alla produzione e dotati di strumentazione adeguata agli obiettivi formativi; - lavoratori in grado di trasferire competenze perché in possesso di esperienza o titolo di studio adeguati, presenti in azienda o in aziende collegate. Il concetto di azienda collegata, non fondandosi su alcuna nozione specifica di natura societaria, è da intendersi in senso generale; è pertanto possibile creare delle sinergie ad hoc finalizzate ad organizzare la formazione per gli apprendisti; dalla capacità di organizzare l erogazione della formazione formale avvalendosi laddove necessario, in tutto o in parte di docenza esterna. Questo secondo punto apre la possibilità alle aziende, che non avessero al proprio interno i requisiti previsti ma fossero in grado di reperire all esterno locali e docenza, di organizzare un percorso formativo. Sostanzialmente, l azienda potrà organizzare il percorso formativo prevedendone l erogazione, in tutto o in parte, al proprio interno, ponendosi, quindi, come interlocutore attivo rispetto alla formazione offerta sul territorio. Sulla capacità formativa interna, come su altri aspetti relativi alla formazione in apprendistato, si è posta la questione della concorrenza di normative regionali, peraltro non omogenee tra loro e diverse da quelle contrattuali. A questo proposito è utile ricordare che il Ministero del Lavoro, rispondendo ad un istanza di interpello relativa all individuazione del soggetto legittimato a stabilire i requisiti in base ai quali un azienda può considerarsi formativa, ha ribadito che la valutazione della capacità formativa interna alle imprese è di competenza della contrattazione collettiva 19. Secondo il contratto collettivo, dunque, la capacità formativa è autocertificata dal datore di lavoro mediante compilazione di una dichiarazione, il cui fac-simile è allegato al contratto collettivo, che deve essere inviata alla Commissione territoriale per la formazione professionale e l apprendistato. Ore di formazione Le ore medie annue di formazione formale sono state fissate in 120 delle quali 40 saranno erogate in modalità teorica (ad es. aula, e-learning, seminari ) e saranno relative alle tematiche professionalizzanti; a 19 Risposta della Direzione Generale per l attività ispettiva del Ministero del Lavoro, 24 marzo 2006, prot. 25/segr/ , istanza: Apprendistato e soggetto formatore. 8

9 queste si aggiungono 40 ore di formazione trasversale il primo anno, sempre erogate in modalità teorica, che diventano 20 il secondo anno. In sintesi le ore risultano essere: - 1 anno 160 di cui 80 teoriche (40 trasversali e 40 professionalizzanti); - 2 anno 140 di cui 60 teoriche (20 trasversali e 40 professionalizzanti); - dal 3 anno 120 di cui 40 teoriche professionalizzanti. Le ore di formazione possono essere distribuite diversamente nell arco della durata del contratto purché ogni anno siano erogate almeno 60 ore di formazione. Tutor Condizione necessaria per assumere apprendisti è la presenza in azienda di un tutor, funzione che può essere ricoperta dall imprenditore medesimo. I requisiti previsti per svolgere la funzione di tutor sono determinati dal Decreto del Ministero del lavoro 28 febbraio 2000, e consistono nel: a. possedere un livello di inquadramento contrattuale pari o superiore a quello che l apprendista conseguirà alla fine del periodo di apprendistato; b. svolgere attività lavorative coerenti con quelle dell apprendista; c. possedere almeno tre anni di esperienza lavorativa. Requisito, questo che non si applica nel caso in cui non siano presenti in azienda lavoratori in possesso di tale caratteristica. Il medesimo Decreto stabilisce che ciascun tutor può affiancare non più di cinque apprendisti. Il ruolo del tutor è cruciale nel pianificare ed accompagnare i percorsi di apprendimento: il tutor contribuisce, infatti, alla definizione del Piano formativo individuale; nonché nel valutare i progressi ed i risultati dell apprendimento: egli, infatti, attesta la formazione formale erogata, anche ai fini dell art. 53, comma 3, del D.Lgs. 276/2003, compilando la scheda riepilogativa dell attività formativa allegata al contratto collettivo di apprendistato. A sostegno di tutto ciò, il contratto prevede 12 ore di formazione finalizzate a sviluppare le competenze necessarie per il corretto svolgimento del ruolo di tutor ed affida alla Commissione nazionale il compito di elaborare in questo ambito proposte formative. 9

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Roma, Dicembre 2006 CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Premessa. Le parti stipulanti si danno reciprocamente atto che la seguente

Dettagli

L'apprendistato. R.S.U. Siae Microelettronica

L'apprendistato. R.S.U. Siae Microelettronica R.S.U. Siae Microelettronica L'apprendistato La materia è regolata da leggi dello Stato e dal contratto nazionale di lavoro (Ccnl) dell'industria metalmeccanica (sia della grande che della piccola impresa).

Dettagli

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL Visto il D.Lgs.14 settembre 2011, n. 167 Testo unico ell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n. 247 le parti concordano che la normativa presente nel ccnl firmato

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO:

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO: 1 Guida ALL APPRENDISTATO 2012 Il Testo Unico approvato dal Governo italiano con il Decreto Legislativo n. 167 del 14 settembre 2011 ed entrato effettivamente in vigore a partire dal 25 ottobre dello stesso

Dettagli

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI ARTT. 41 47 D.LGS 81/2015 L È UN CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALLA OCCUPAZIONE DEI GIOVANI. TRE TIPOLOGIE: A) PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE, IL

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

Apprendistato formazione e studi professionali

Apprendistato formazione e studi professionali Apprendistato formazione e studi professionali Danilo Papa La formazione in apprendistato costituisce un elemento fondamentale che, anche in relazione alla nuova disciplina contenuta nel D.Lgs. n. 167/2011,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

APPRENDISTATO T R I F I R Ò & PA RT N E R S AV V O C AT I WWW.TRIFIRO.IT

APPRENDISTATO T R I F I R Ò & PA RT N E R S AV V O C AT I WWW.TRIFIRO.IT APPRENDISTATO TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI WWW.TRIFIRO.IT TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI APPRENDISTATO A cura di Damiana Lesce Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con la Circolare n. 5 del 21

Dettagli

Schema riepilogativo Linee guida contratto di apprendistato professionalizzante

Schema riepilogativo Linee guida contratto di apprendistato professionalizzante Trattamento economico e normativo La categoria di inquadramento non può essere inferiore, per più di 2 livelli, alla categoria spettante, in applicazione del CCNL, ai lavoratori addetti a mansioni o funzioni

Dettagli

LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO

LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO PREMESSA La disciplina dell apprendistato, contenuta nella legge 25/1955, è stata oggetto

Dettagli

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi News Unione Artigiani Ciociari Frosinone Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi OGGETTO: violazioni in materia di apprendistato. Circolare Ministero del Lavoro. Con la circolare

Dettagli

INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE La Commissione Paritetica istituita ai sensi della dichiarazione a verbale n. 1 in calce all articolo 60

Dettagli

ART. 12 - APPRENDISTATO

ART. 12 - APPRENDISTATO ART. 12 - APPRENDISTATO In attesa che diventi esecutiva la nuova normativa sull apprendistato ai sensi del D. Lgs. n. 276/2003, continua ad applicarsi quanto previsto dall art. 12 del precedente C.C.N.L.

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato di alta formazione e ricerca è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei

Dettagli

yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti

yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti 2013 yrhyfgh Corsi di Formazione per Apprendisti Forma.Lab, società di consulenza e formazione, specializzata in materia di apprendistato, organizza i corsi per l acquisizione di competenze di base e trasversali

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 49 del 17 novembre 2011 Il nuovo Testo unico

Dettagli

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di apprendistato: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore uno dei decreti attuativi del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015, di seguito Decreto

Dettagli

CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE FAC SIMILE Tra le seguenti parti: CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE - Signor/signora, Codice fiscale [ ], nato/a a [ ] il [ ], residente in [ ], via [ ] (di seguito per brevità: il lavoratore

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO di BERGAMO. Avv. Patrizia Tiraboschi Foro di Bergamo. segreteria@studiolegale1raboschi.it

ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO di BERGAMO. Avv. Patrizia Tiraboschi Foro di Bergamo. segreteria@studiolegale1raboschi.it L Apprendistato professionalizzante: quadro giuridico dell is7tuto ed adempimen7 forma7vi dopo la Sentenza della Corte Cos7tuzionale n. 176 del 10/05/2010 ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO di BERGAMO Avv.

Dettagli

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012 L apprendistato Prof. Avv. Angelo Pandolfo Milano, ottobre 2012 Definizione Natura del contratto contratto di lavoro a tempo indeterminato contratto con contenuto formativo e di apprendimento volto all

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle

Dettagli

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI 00179 Roma P.IVA 05009061002 Via Latina, 110 Fax. 06 78 08 383 Tel. 06 78 34 66 50 06 78 34 65 73 06 78 34 61

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18 del 30

Dettagli

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 N.55 del 04.02.2013 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DTL Modena (1) Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 Le sanzioni collegate al non corretto utilizzo del

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani, pertanto la formazione

Dettagli

L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi

L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi L apprendistato alla luce degli ultimi interventi normativi Decreto Poletti e Jobs Act Lucca, 11 luglio 2014 Cos è? Canale privilegiato di ingresso dei giovani nel mercato del lavoro finalizzato a formare

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

APPRENDISTATO. CORSO DI FORMAZIONE 16 ore TUTORI APPRENDISTI

APPRENDISTATO. CORSO DI FORMAZIONE 16 ore TUTORI APPRENDISTI APPRENDISTATO CORSO DI FORMAZIONE 16 ore TUTORI APPRENDISTI Argomenti oggetto del corso (16 ore) Contesto in cui avviene l apprendistato (tutore, apprendista, formazione) Cenni sulla normativa nazionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

Apprendistato professionalizzante

Apprendistato professionalizzante Apprendistato professionalizzante Formazione esclusivamente aziendale L esperienza del CCNL Terziario Michele Tamburrelli UILTuCS Lombardia micheletamburrelli@uiltucslombardia.it Percorso logico della

Dettagli

Il Dottorato industriale

Il Dottorato industriale Il Dottorato industriale Milano, 16 aprile 2014 Il quadro normativo Decreto ministeriale 8 febbraio 2013, n. 45, che disciplina: a) le modalità di accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato b)

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE CCNL TURISMO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE CCNL TURISMO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE CCNL TURISMO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in tutti

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 13 agosto 2014 CCNL Area Tessile-Moda, il 25 luglio 2014 sottoscritto il rinnovo del contratto (per i settori TAC, pulitintolavanderia e occhialeria)

Dettagli

IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO

IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO 1 IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO E un contratto di lavoro subordinato definito a causa mista poiché prevede che l impresa/azienda impartisca o faccia impartire all apprendista assunto alle proprie

Dettagli

L APPRENDISTATO NEL NUOVO CCNL TURISMO

L APPRENDISTATO NEL NUOVO CCNL TURISMO Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 06-2010 L APPRENDISTATO NEL NUOVO CCNL TURISMO Area Lavoro a cura di : Area Lavoro Silvio Moretti con la

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 4 gennaio 2013 IMPORTANTE!!! Alla Spett.le Clientela CCNL Metalmeccanici Industria Oggetto: rinnovo CCNL - Ipotesi di Accordo di rinnovo del 5 dicembre 2012. In data 5 dicembre 2012, FEDERMECCANICA

Dettagli

Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione

Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione Incontro informativo Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione Milano, 2 dicembre 2010 1 Apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione

Dettagli

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE A cura di Avv. Prof. Gabriele Fava Presidente Studio Legale FAVA&ASSOCIATI www.favalex.it 1 Introduzione L apprendistato è stato oggetto di numerose modifiche

Dettagli

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE SCHEDA N. 3 CONTRATTO DI APPRENDISTATO D. Lgs. 167/2011, aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013 e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/2014

Dettagli

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato L Apprendistato Breve guida sull apprendistato Aggiornata ai D.L. n. 69/2013 del 21.6.2013 e n. 76/2013 del 28.6.2013 Definizione Che cos è il contratto di apprendistato L apprendistato è un contratto

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.65 del 30 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Contratto di apprendistato: con l approvazione del Jobs Act si applica anche ai disoccupati Gentile cliente, con la

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO

Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani Roma, 8 giugno 2005 Uff.-Prot.n UL-EG/ap/10137/273/F7/PE Oggetto: Accordo di Rinnovo CCNL dipendenti da farmacia Privata. federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani SOMMARIO:

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Flessibilità

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle norme

Dettagli

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile INAIL circolare 24 agosto 2004, n. 57 Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile Quadro di riferimento - D.P.R. n. 1124 del 30 giugno 1965: "Testo unico

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Il 17 aprile 2012 è stato firmato l accordo per la disciplina contrattuale dell apprendistato nel settore turismo ai sensi ed in attuazione del Dlgs 14 settembre 2011

Dettagli

ALLE UNIONI REGIONALI Arch. n. 4 / H

ALLE UNIONI REGIONALI Arch. n. 4 / H Roma, 26 febbraio 2013 Circ. n. 45 / 2013 ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI Prot. n. 111 / AS ALLE UNIONI REGIONALI Arch. n. 4 / H AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche) TRA - L Università degli Studi di..., rappresentata dal

CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche) TRA - L Università degli Studi di..., rappresentata dal CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche) TRA - L Università degli Studi di..., rappresentata dal. - La Regione, rappresentata dal E Il Dott., ammesso

Dettagli

ADOTTA UN APPRENDISTA!

ADOTTA UN APPRENDISTA! ADOTTA UN APPRENDISTA! Una guida sull Apprendistato, le tipologie e gli attori Regione Lombardia è da sempre attenta alle sfide che le giovani generazioni devono affrontare nei loro percorsi di vita professionale.

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO

IL NUOVO APPRENDISTATO IL NUOVO APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE & RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE Sapienza Università di Roma IL NUOVO APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE & RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE 1 Introduzione La

Dettagli

La disciplina comune si applica a tutte le tipologie di apprendistato contenute nel presente titolo.

La disciplina comune si applica a tutte le tipologie di apprendistato contenute nel presente titolo. TITOLO IX Apprendistato Articolo 26 DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO L apprendistato è disciplinato, nelle sue quattro articolazioni tipologiche, dal decreto legislativo n. 167/2011 e dalla normativa contenuta

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

ACCORDO NAZIONALE DI RIORDINO DELLA DISCIPLINA DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PER I DIPENDENTI DA IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA

ACCORDO NAZIONALE DI RIORDINO DELLA DISCIPLINA DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PER I DIPENDENTI DA IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA ACCORDO NAZIONALE DI RIORDINO DELLA DISCIPLINA DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PER I DIPENDENTI DA IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA Il giorno 13 giugno 2012 in Roma presso la sede di Lega Coop si

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015

GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015 GUIDA AL NUOVO CONTRATTO DI APPRENDISTATO 2015 TUTTE LE NOVITÀ PREVISTE DAL JOB ACT IN VIGORE DA MARZO 2015 Il contratto di apprendistato è un contratto che prevede un periodo di formazione iniziale al

Dettagli

Vademecum. Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca. (Agg. 18 marzo 2013)

Vademecum. Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca. (Agg. 18 marzo 2013) Programma Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Vademecum per la costruzione di Percorsi di DOTTORATO DI RICERCA in apprendistato di alta formazione e ricerca (Agg. 18 marzo

Dettagli

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT Ultimo aggiornamento Febbario 2011 17 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Inquadramento... 3 3 Durata...4 4 Tipologia... 4 5

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 D.lgs. 167/2011) DISCIPLINA REGIONALE

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 D.lgs. 167/2011) DISCIPLINA REGIONALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 D.lgs. 167/2011) DISCIPLINA REGIONALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 D.lgs. 167/2011) TITOLI CONSEGUIBILI

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 2 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante Il Consiglio regionale

Dettagli

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014)

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2015 ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO La riforma Fornero: - entra in vigore decorsi 15 giorni dalla pubblicazione sulla GU (pubblicata ieri entra in vigore il 18 luglio p.v.) - prevede un applicazione dei

Dettagli

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi DISCIPLINA DEI PROFILI FORMATIVI DELL'APPRENDISTATO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA QUALIFICA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE E DEL DIPLOMA PROFESSIONALE AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 2 DEL D.LGS 167/2011

Dettagli

2. APPRENDISTATO IN SOMMINISTRAZIONE di Andrea Morzenti

2. APPRENDISTATO IN SOMMINISTRAZIONE di Andrea Morzenti 2. di Andrea Morzenti CONTRATTO DI APPRENDISTATO Decreto Legislativo n. 167/2011 (Testo Unico Apprendistato) DEFINZIONE (art. 1, comma 1) L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato

Dettagli

Pier Antonio Varesi (*) L apprendistato, un istituto di stampo europeo per l occupazione giovanile.

Pier Antonio Varesi (*) L apprendistato, un istituto di stampo europeo per l occupazione giovanile. Pier Antonio Varesi (*) L apprendistato, un istituto di stampo europeo per l occupazione giovanile. Il recente incontro tra Governo e parti sociali ed il documento congiunto Merkel Sarkozy - Monti sulle

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca

Apprendistato di alta formazione e ricerca Apprendistato di alta formazione e ricerca Irene Crimaldi IMT Istituto Alti Studi Lucca Irene Crimaldi (IMT Lucca) Apprendistato di alta formazione e ricerca 24/01/2014 1 / 17 Finalità - Promuovere la

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI Addì, 22 dicembre 2010, in Roma CONFAPI FEDERMANAGER e Premesso

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO ALLEGATO A GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Dettagli

Quale effetto produce l accantonamento del TFR nel Fondo di Tesoreria?

Quale effetto produce l accantonamento del TFR nel Fondo di Tesoreria? La disciplina del trattamento di fine rapporto 175 erogato il TFR. Egli riceverà invece una pensione integrativa di quella pubblica-obbligatoria alla maturazione dei requisiti pensionistici nel regime

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Capo V. Apprendistato. 1. L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani.

Capo V. Apprendistato. 1. L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. Art. 40. Sanzioni 1. La violazione degli obblighi e dei divieti di cui agli articoli 33, comma 1, nonché, per il solo utilizzatore, di cui agli articoli 31 e 32 e, per il solo somministratore, di cui all'articolo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

Diritto delle Relazioni Industriali

Diritto delle Relazioni Industriali ISSN 1121-8762 Pubblicazione Trimestrale - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (convertito in L. 27/02/2004 n 46) articolo 1, comma 1, DCB (VARESE) Rivista di ADAPT-CENTRO

Dettagli

Allegato a) LINEE GUIDA CTS07/0-2013. Indice

Allegato a) LINEE GUIDA CTS07/0-2013. Indice Allegato a) CRITERI DI QUALIFICAZIONE DELLA FIGURA DEL FORMATORE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AI SENSI DEL DECRETO INTERMINISTERIALE 6 MARZO 2013 LINEE GUIDA INTERPRETATIVE LINEE GUIDA CTS07/0-2013

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ Il rinnovo del ccnl 28 maggio 2012 sottoscritto in data 9 luglio 2015, contiene novità di rilievo, come si illustra di seguito. DECORRENZA E DURATA (Art. 203) Il

Dettagli

L Apprendistato in Piemonte

L Apprendistato in Piemonte L Apprendistato in Piemonte Roberto Rinaldi Unione Industriale Torino Seminario formativo LA TRANSIZIONE SCUOLA-LAVORO Confindustria, 17 luglio 2012 1 APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE L APPRENDISTATO

Dettagli

CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche)

CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche) Università degli Studi di Messina Prot. n. del Tit./Cl. PARTENZA Contratto n. CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche) TRA - L Università degli Studi

Dettagli

MODELLO UNICO DI COMUNICAZIONE DI ASSUNZIONE APPRENDISTA. Comunicazione ai sensi del D.M. 7.10.99

MODELLO UNICO DI COMUNICAZIONE DI ASSUNZIONE APPRENDISTA. Comunicazione ai sensi del D.M. 7.10.99 Al Centro per l Impiego di... MODELLO UNICO DI COMUNICAZIONE DI ASSUNZIONE APPRENDISTA Da trasmettere obbligatoriamente per via telematica entro 5 giorni dall assunzione Tipologia di assunzione Ex Art.68

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Dalla Fornero ai decreti del governo Letta

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Dalla Fornero ai decreti del governo Letta LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Dalla Fornero ai decreti del governo Letta Avv. Pasquale Staropoli PIESSE@LIBERO.IT 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Art. 1 d.lgs. 368/2001: Co. 01 Il contratto di lavoro

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Regolamento del personale dipendente

Regolamento del personale dipendente Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Venezia Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 68 del 12.09.2007 (mod. con Del. 186 del 12.5.2010 e Del 283 del 11.6.2013) Regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167 PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE di cui all art.4 del D.lgs 14 settembre 2011 n 167 Tra LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO e LE ASSOCIAZIONI DEI

Dettagli

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali.

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. INFORMATIVA PAGHE N. 1/14 Assago, 23 Gennaio 2014 Alle Aziende Clienti Settore Metalmeccanico Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. Riferimenti: CCNL Metalmeccanico Aziende

Dettagli

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014)

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) Via Riboli, 15 16145 Genova 010 587323 www.studiodapelo.it DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) 1. Contratto di lavoro a tempo determinato 2. Somministrazione

Dettagli