INDICAM. Milano, 11 giugno I Look-likes: situazione e prospettive in Italia. Geremia Casaburi Giudice del Tribunale di Napoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICAM. Milano, 11 giugno 2003. I Look-likes: situazione e prospettive in Italia. Geremia Casaburi Giudice del Tribunale di Napoli"

Transcript

1 INDICAM IL PROBLEMA DEI LOOK-ALIKE: LIMITI ALLA "LIBERTÀ DI IMITARE" Milano, 11 giugno 2003 I Look-likes: situazione e prospettive in Italia Geremia Casaburi Giudice del Tribunale di Napoli Premessa I look-likes in Italia, questi sconosciuti. Non si vuole certo affermare che, nel nostro Paese, non sia stato segnalato essenzialmente sotto un profilo latamente economico - il fenomeno di prodotti che ne imitano altri di marca, in genere di largo consumo (e tale può essere una prima, approssimativa definizione dei look-alike). Oltretutto si tratta di espressione ormai ben conosciuta e usata nel mondo del marketing (nell ambito del quale, oltretutto, è stata verosimilmente enucleata). Dal versante strettamente giuridico, invece, vi è silenzio: non se ne trova ancora traccia nei manuali istituzionali di diritto industriale, nelle monografie più accreditate su marchi o sulla concorrenza sleale; non sortisce alcun esito un esame delle riviste industrialistiche, e non solo, degli ultimi anni, ciò sia con riferimento agli interventi dottrinali che ai provvedimenti giurisprudenziali editi (con una sola eccezione, v. infra) Viene allora da chiedersi se si tratti di istituto, o piuttosto di figura, che ha giuridico rilievo esclusivamente in ambito anglo americano, ma non trasponibile nel diritto continentale. Nell ordinamento giuridico italiano le fattispecie, negli USA ricondotte ai Look-likes, troverebbero adeguata collocazione, senza necessità di ulteriori specificazioni, nell ambito della concorrenza sleale. 1 Meglio (rectius, peggio) ancora: il richiamo ai look-likes, in ambito giuridico, potrebbe essere, in Italia, un mero, inutile vezzo linguistico alla moda, ulteriore e fastidiosa espressione dell invadenza di citazioni, richiami e agganci a parole ed espressioni del linguaggio giuridico inglese, onnipresente in tanti rami del diritto, e particolarmente in ambito industrialistico 2. E va avvertito - non senza sospetto - che, in diritto, è diffusa una certa propensione all ermetismo, specie ammantato da formule esotiche, quasi esoteriche: le parole parafrasando un grande giurista non si limitano a custodire significati, ma sovente li nascondono 3. La ricerca dei look-likes nel sistema italiano deve quindi concludersi in termini rigorosamente negativi, ponendo chi scrive nella scomoda posizione per altro verso cara a Borges - di teologo ateo?. E allora opportuna, preliminarmente, una esatta delimitazione linguistico giuridica dei look-likes, partendo, inevitabilmente, dal sistema statunitense. 1 V. ampiamente FRANZOSI, Look alike, relazione per il presente convegno, che ho potuto esaminare in bozze grazie alla cortesia dell illustre autore. 2 Il fenomeno non è nuovo, a voler tacere delle citazioni latine e dei richiami romanistici, il linguaggio giuridico italiano postunitario ha conosciuto l influenza del francese e del tedesco. Per un generale esame del linguaggio giuridico, v. MORTARA GARAVELLI, Le parole della giustizia, Torino, 2001, specie pag. 153 ss 3 GALGANO, Il dissenso occulto in Cassazione, Contratto ed impr., 1997, 3, 890 ss.

2 I look-likes nel sistema giuridico nordamericano Nella giurisprudenza nordamericana si contrappongono knock-off a look-likes ; entrambi i termini sono comunemente usati per riferirsi a prodotti che ne imitano altri, già affermati sul mercato (i primi sono venduti a prezzi di norma molto inferiori rispetto ai secondi). I look-likes rientrano però risolutamente nell ambito della contraffazione 4. <<Look-likes o Knock-off sono delle imitazioni, spesso pedisseque, del disegno di un prodotto o di certe sue caratteristiche, o delle etichette, o anche della confezione nel suo insieme (cioè inclusi contenitori, colorazione, etichettatura, rappresentazioni grafiche, slogan). Tutto nel knoch-off ricorda il prodotto imitato e certe volte anche il logo originale è imitato>>. 5 Ad essere colpiti sono soprattutto i prodotti di consumo fast moving ; ulteriore peculiarità è che l imitazione può essere realizzata sia da un concorrente produttore che dalla distribuzione, specie la grande distribuzione, in quest ultimo caso con pericolo di pregiudizio particolarmente incisivo (e ciò per il ruolo decisivo che la distribuzione ha nel lancio e nel mantenimento sul mercato di un prodotto, v. infra). L imitazione è in qualche modo prudente, ciò al fine evidente di minimizzare i rischi legali di una accusa di contraffazione. Si è allora brillantemente osservato che se realizzato adeguatamente il look-alike, pur imitando il prodotto altrui, ed erodendone l avviamento, sfugge ad ogni censura di illegittimità (ed è allora knock-off). Al giurista interessano allora soprattutto i look-likes non riusciti, mal realizzati, che non sfuggono o non dovrebbero sfuggire - ad un giudizio negativo sotto il profilo della liceità industrialistica 6. Il confine tra le due figure è allora labile, e secondo l orientamento di volta in volta prevalente - tende a spostarsi alternativamente nell uno o nell altro senso (e quindi verso la illiceità o la liceità della imitazione). Infatti non mancano, in ambito statunitense, voci non del tutto contrarie al fenomeno: <<un knock-off imita un prodotto solitamente più caro, o la cui distribuzione è limitata, e risponde a quella parte della domanda che l originale non può o non vuole soddisfare. I knock-off svolgono una funzione che una certa dottrina ritiene di stimolo alla concorrenza, offrendo al pubblico, almeno in apparenza, un prodotto equivalente ad un prezzo inferiore>>. 7 I knock-off - quali imitazioni non confusorie assolverebbero quindi alla funzione di attirare l attenzione dei consumatori su prodotti equivalenti a quelli di riferimento, ma venduti a minor costo: in sostanza, quindi, garantirebbero la stessa possibilità di una efficace immissione sul mercato di tali prodotti. Alla base di tale orientamento vi è certo l assoluto rilievo che ha, negli USA, il principio di libertà di concorrenza (e di opposizione ai monopoli) da un lato, e dall altro la crescente attenzione per i consumatori, i quali hanno il diritto di poter pagare il minor prezzo possibile a parità di qualità per un certo prodotto. Non è mancato, però, chi ha sottolineato che i knock-off, a lungo andare, rischiano di avere un ruolo anticoncorrenziale, riducendo gli incentivi economici che stimolano la ricerca e la produzione di nuovi prodotti, così pregiudicando il mantenimento del livello di qualità, anche perché il consumatore, pur se non caduto in confusione, finisce per acquistare in ogni caso un prodotto di inferiore qualità; negli ultimi anni, 4 MOSTERT, Famous trade dress: dilution on competing products, Trademark world, march SARACINO, La situazione statunitense, Relazione tenuta a Milano il 14 ottobre 1998, nell ambito dell incontro INDICAM Le imitazioni nella presentazione e nell imballo dei prodotti: il problema dei Look alikes, pag. 2. L autore segnala che negli USA si tratta di un fenomeno non nuovo, che risale alle origini stesse della distribuzione di massa di prodotti di largo consumo, dei prodotti farmaceutici che non hanno bisogno di ricetta. Oggi il fenomeno è diffuso soprattutto nel campo della moda, almeno da quando <<gli stilisti, particolarmente quelli non americani, non avevano la capacità per produrre negli Stati Uniti le grandi quantità di abbigliamento tipiche del mercato del ready-towear statunitense, e quindi i produttori del fashion district rispondevano alla domanda di mercato con imitazioni più commerciali e a basso prezzo>>. 6 Il rilievo è di FRANZOSI, cit., 2 7 SARACINO, cit., 4. L autore richiama anche l orientamento dottrinale- ma anche giurisprudenziale (caso Conopco)- che valuta positivamente il fenomeno dei prodotti che offrono ad un minor costo l equivalente di un prodotto di marca, in quanto si consente così a tali prodotti l accesso sul mercato, per poter competere con quelli più famosi e riconosciuti, in quanto i consumatori si rendono conto della loro esistenza. 2

3 anzi, le Corti USA hanno inasprito la propria giurisprudenza, assicurando una tutela più rigorosa ai titolari dei prodotti imitati. Comunque il giudizio di illiceità del fenomeno, negli USA, si fonda sul rilievo che l imitazione abbia violato un brevetto, un diritto d autore, un marchio di impresa. Con riferimento ai marchi viene in rilievo la nozione di trade dress. Si tratta di un concetto che ricomprende il c.d. abbigliaggio del prodotto; è inteso - forse limitativamente - come l insieme dei vari elementi che compongono la confezione del prodotto medesimo (product packaging), o la sua stessa configurazione, intesa come forma tridimensionale (product configuration). 8 Occorre che tali elementi, come per i marchi, diano una indicazione di origine: il trade dress è cioè tutelato solo se si è affermato sul mercato <<come elemento distintivo, come fattore di collegamento di un certo prodotto ad una data fonte di origine>> 9 Non sono tutelate le caratteristiche funzionali e primariamente decorative. <<Tuttavia anche nel caso in cui il trade dress di un prodotto venga imitato, perché ci possa essere una violazione del diritto all uso esclusivo di un marchio, è necessario provare che il consumatore possa essere confuso ad acquistare il knock off convinto di acquistare l originale. Infatti, solo qualora la libera concorrenza possa soffrirne, si può giustificare la negazione del diritto di un concorrente ad utilizzare forme, colori ecc. che non sono altrimenti proteggibili>> 10. I Look-Alikes in Italia. La libertà di concorrenza come canone di riferimento Non c è dubbio come già accennato- che la questione dei look-alikes si ponga anche in Italia, almeno in termini socio economici (e di marketing). E un dato di comune esperienza che anche nel nostro Paese sugli scaffali dei supermercati, (ma anche delle farmacie, e di altri esercizi commerciali deputati alla distribuzione dei prodotti di uso comune) vicino alle confezioni dei prodotti famosi, si possono trovare delle alternative dello stesso prodotto, con un marchio sconosciuto, o con l etichetta del supermercato stesso ( private label ). Né può trascurarsi ed è del pari un dato facilmente riscontrabile che spesso il prodotto di marca (market leader), negli scaffali, è relegato in posizione secondaria, a vantaggio proprio dei prodotti Look-alike 11. Del pari vi è anche in Italia tensione tra il diritto dei (pochi) produttori dei marchi famosi e riconosciuti alla tutela del proprio avviamento e quello della grande maggioranza degli imprenditori, che chiedono di poter a loro volta competere con i propri prodotti (pur se al traino dei successi dei primi). Anche i nostri economisti segnalano che, quando un prodotto si colloca sul mercato come di tendenza, i concorrenti si trovano di fronte ad una alternativa: creare una linea contrapposta, uno sbocco diverso, il che è possibile solo a chi ha una adeguata disponibilità di mezzi, ovvero adeguarsi nell imitazione del prodotto di successo. 8 Negli USA il Lanham Act, la legge federale sui marchi, non richiama esplicitamente i trade dress, ma al i riguardo la giurisprudenza è ormai consolidata, tanto che il Congresso sta valutando l opportunità di una espressa definizione legislativa della figura. V. FRASSI, L acquisto della capacità distintiva delle forme industriali, in AA VV, Segni e forme distintive, la nuova disciplina, Milano, 2001, specie pag. 293 ss.; l autrice che si occupa specificamente della questione del secondary meaning - richiama una definizione giurisprudenziale del trade dress: <<the total image of the product, including features such as size, shape, color or color combinations, texture, graphics, or even particular sales tecniques>>. 9 FRASSI, cit., SARACINO, cit., 11; l autore ancora osserva, pag. 16: <<perché un trade dress sia tale, quindi, il produttore deve, fin dall inizio, volere che la confezione, etichetta e servano a distinguere il suo dai prodotti della concorrenza, cioè abbiano la finalità di permettere al consumatore di considerare il trade dress non come un elemento decorativo ed estetico, ma bensì come il veicolo identificatore di una certa provenienza>>. In particolare la Corte Federale di primo grado di Manhattan nel 1995 caso Philip Morris ha ritenuto che una delle possibili forme di confusione nella quale il consumatore può essere tratto da un trade dress che ne imita un altro famoso è quella di una associazione anche inconscia, che permette all imitatore di attrarre l attenzione sul suo prodotto, anche solo per un istante. 11 FRANZONI, Intervento nell incontro INDICAM 14 ottobre 1998 cit, ha indicato un ulteriore inquietante profilo di sviluppo dei look alike: in passato gli imitatori erano produttori medio piccoli, mentre negli ultimi anni è possibile trovare prodotti look - alikes con diffusione nazionale, realizzati da imprese di notevole rilievo. 3

4 In prospettiva, ma con un ruolo via via crescente, anche a livello legislativo, vi sono gli interessi sempre più riconosciuti come diritti dei consumatori. Non vi è poi dubbio che gli istituti giuridici, e gli stessi problemi, presenti nella esperienza degli USA, e sopra sommariamente richiamati, trovino riscontro, mutatis mutandis anche nel nostro ordinamento giuridico. In questa sede, tuttavia, invece che un esame di provvedimenti giurisprudenziali in materia di imitazione servile, più o meno riconducibili al look-alike, si tenterà di ricostruire in termini giuridici italiani i fenomeni imitatori in oggetto. Così, alla stregua di una primissima valutazione, la imitazione malriuscita sembra trovare idonea collocazione (e sanzione) nell ampia previsione dell art c.c. (ma non solo: v. infra). Torneremo in seguito sul punto, anche al fine dell esatta collocazione delle fattispecie imitatorie in oggetto. Vi è però un elemento forse trascurato, pur se fondamentale da considerare: anche nel sistema italiano è centrale sempre più centrale (anche per gli sviluppi comunitari) la tutela della libertà di concorrenza, vera stella polare del sistema: ciò nel senso che l ordinamento tutela in primo luogo la fisionomia concorrenziale del mercato. In altra occasione chi scrive ha già rilevato 12 che: <<Gli stessi istituti della proprietà intellettuale, ivi compresi i diritti di privativa, che in quanto tali soddisfano un interesse monopolistico del singolo, sono però anche un mezzo per perseguire uno scopo di interesse generale e di rango costituzionale, di stimolo dell attività di ricerca: il riferimento è evidentemente all art. 9 Cost. Tuttavia la successiva attività di produzione e commercializzazione dei frutti della produzione si colloca in una cornice costituzionale ispirata al principio di libertà di concorrenza: qui il richiamo è al fondamentale art. 41 Cost. Soprattutto l interprete deve evitare ogni surrettizia l attribuzione di funzioni di tutela esclusiva ad altre discipline che in ragione di funzioni diverse possono riferirsi ad oggetti tutelati o tutelabili con il diritto esclusivo, e quindi deve preferire una lettura delle norme in chiave pro concorrenziale, rispetto ad altre letture pur testualmente possibili. In caso contrario vi è il rischio che il diritto industriale, da strumento di innovazione e di sviluppo competitivo, si trasformi in barriera protezionistica in favore delle imprese dominanti>> E significativo che anche la dottrina favorevole ad un ampia repressione, in Italia, di fenomeni imitativi riconducibili allo schema dei look-alike, avverta la necessità di sottolinearne il carattere anticoncorrenziale, almeno in prospettiva, come già la dottrina nordamericana. In particolare si segnala che il vantaggio per il consumatore è solo iniziale, a breve termine. Ciò nel senso che a fronte del look-alike il produttore del prodotto originario da un lato non è più incentivato ad effettuare investimenti e, dall altro, forse più gravemente, è indotto a sprecare risorse ingenti vuoi per affermare il prodotto iniziale, vuoi per cambiare (sovente reiteratamente) la confezione (con conseguenti onerosi investimenti pubblicitari). Tali spese promozionali e pubblicitarie si risolvono in un costo maggiorato per il consumatore, e soprattutto, in termini macroeconomici in un pregiudizio irreparabile per i produttori più piccoli. Per questi ultimi <<la posizione competitiva viene indebolita, ciò che rende necessaria una concentrazione a livello della distribuzione superiore a quella che si verificherebbe per la ricerca di una migliore organizzazione.il risultato finale è una concentrazione di prodotti. Solo i leading brands possono sopravvivere, ma solo sviluppando una continua serie si prodotti, di confezioni, di iniziative promozionali. I marchi secondari sono destinati a scomparire>> CASABURI, la nuova disciplina dei disegni e modelli e la disciplina dei marchi: interferenze e parallelismi, Dir. Ind., 2003, pag. 106 (l articolo costituisce la sintesi dell omonima relazione tenuta a Milano il 29 ottobre 2002 nell ambito del convegno organizzato da INDICAM sul tema: <<Disegno europeo, marchio tridimensionale e recepimento della direttiva europea disegni e modelli>>. Per osservazioni sulle fondamenta costituzionali del diritto dei marchi e le conseguenti limitazioni v. Trib. Napoli, 8 luglio 2002 (caso Ciao Autogrill), Foro It. 2003, I, 956. Sui difficili rapporti tra diritti di privativa e libertà di concorrenza v. ampiamente GHIDINI, Profili evolutivi del diritto industriale, Milano 2001, passim, v. dello stesso autore la Relazione tenuta all incontro INDICAM del 14 ottobre 1998 cit. 13 Così brillantemente FRANZOSI, cit., pag. 4 ss; l autore segnala anche che i piccoli produttori non possono sostenere i costi, spesso elevati, per conseguire la collocazione dei propri prodotti sugli scaffali più ambiti ; d altronde anche le piccole catene di distribuzione sono ormai indebolite a fronte delle grandi catene: la store loyalty ha la precedenza sulla brand loyalty. 4

5 Né può trascurarsi il rischio di annacquamento, ma anche di svilimento del marchio originario; la qualità dei prodotti look- alikes può infatti essere ben inferiore rispetto a quella degli originali, sicchè il consumatore, deluso, ben può trasferire la valutazione negativa del prodotto look alike a quello imitato (ritenendo sussistere un qualche collegamento tra i produttori, v. infra). Il ruolo delle confezioni e degli involucri La caratteristica peculiare dei knock-off e dei look-alikes, è quindi l imitazione della forma degli altrui prodotti: è d altronde un dato non discutibile che l aspetto esteriore a partire quindi dalla confezione, è fondamentale nell attrazione della clientela 14. Il prodotto è quel che appare fuori nel suo insieme: rivestimento, involucro, confezioni. Si tratta appunto del trade dress, su cui cade la percezione del consumatore. L imitatore, nel look-alike, tende infatti a sfruttare la precisa immagine di riferimento (se si preferisce: di affidamento, almeno per abitudine, per il consumatore) che di norma il prodotto di marca possiede. Tale immagine è un quid complesso, composto dalla forma del prodotto, dalla confezione, dai colori (sia della confezione che dell etichetta), naturalmente dal marchio e che è in grado di comunicare ai consumatori la propria differenza dai prodotti simili, ad inviare un messaggio. Un ruolo di particolare rilievo è svolto però specie per i prodotti a largo consumo come quelli interessati dai look-alikes da confezioni e involucri. Infatti le confezioni dei prodotti costituiscono elementi formali di elevata visibilità : esse presentano quasi in re ipsa un forte carattere individualizzante, perché costituiscono l elemento che cade più direttamente sotto la percezione del possibile consumatore; le confezioni, in altri termini, costituiscono il primo e più importante segno della presenza del prodotto sul mercato. Anzi, a ben vedere i valori di una marca, le caratteristiche distintive, vengono trasferite sul look-alike semplicemente a causa dell imballo, che ricorda quello originale (non a caso i distributori imballano prodotti senza marca in confezioni che somigliano a quelli di marca). Il punto dovrà essere ulteriormente approfondito. Look-alikes, marchi di forma e modelli Nell ordinamento italiano i primi strumenti di tutela a fronte di look-alikes sono offerti dalla normativa su marchi e modelli, atteso il carattere sostanzialmente residuale dell illecito concorrenziale (conformemente alla stessa previsione dell art c.c., che tiene ferme le normative sui segni distintivi, salvo che si voglia ritenere comunque ammissibile il cumulo di tutele). In particolare, quanto ai marchi, la novella di cui al D.L. vo 480/1992 riscrivendo l art. 16 R.D. 929/ ha ormai espressamente ammesso i marchi di colore e quelli di forma, che ben possono essere tridimensionali, purchè dotati di funzione distintiva. 14 Così Trib. Napoli, 11 luglio 2000, Colussi c. Elledì, GADI, 2000, 4169; Giur. Nap., 2000, 10, 357: <<Quanto al ruolo che, nella dinamica del mercato, svolge il confezionamento industriale, è appena il caso di ricordare che la grande maggioranza dei prodotti di uso comune (ivi compresi i biscotti) non sono immessi sul mercato direttamente, ma appunto in confezioni. Ed è appunto la confezione che cade sotto la immediata percezione dei consumatori, e che esercita una cruciale funzione distintiva (oltretutto è sulla confezione che sono apposti i marchi di impresa) e attrattiva Infatti è ormai nozione comune che il confezionamento svolge un ruolo cruciale non solo come indicatore di provenienza, ma anche come vettore del messaggio positivo (per i biscotti, ad esempio, di genuinità, freschezza, qualità ecc.); da tale punto di vista la confezione attira la attenzione dei consumatori, e (se riuscita) incentiva l acquisto. Per i prodotti di largo consumo e basso costo (come i biscotti per prima colazione), anzi, la confezione può giocare un ruolo attrattivo anche maggiore rispetto allo stesso marchio di impresa. Ciò in quanto, in tali casi, la confezione è di più immediata percezione rispetto al marchio (si è detto che quest ultimo costituisce uno degli elementi della confezione), e più facilmente (rectius, con maggiore evidenza) esprime il messaggio positivo che l imprenditore vuole collegare al suo prodotto, e comunicare ai consumatori. Da qui il particolare interesse, anche sotto il profilo del marketing e pubblicitario, per il packaging. E da qui anche, di converso, la attenzione degli imitatori>> 5

6 Tali marchi possono quindi coincidere con la forma stessa del prodotto o della confezione 15. Considerazioni non diverse valgono per il marchio comunitario (e d altronde la nuova normativa italiana è di fonte comunitaria). Per altro verso l ancor recente D.L. vo 2 febbraio 2001, n. 95, dando attuazione alla Direttiva 98/71/CE del 13 ottobre 1998, ha radicalmente innovato la disciplina dei disegni e dei modelli ornamentali; in particolare è stato abrogato, per questi ultimi, il criterio dello speciale ornamento. E così superata la tradizionale contrapposizione tra marchi di forma e modelli: per alcuni sarebbe possibile il cumulo di tutele (come senz altro è stato ammesso, per altro verso, con la normativa sul diritto di autore) 16. Beninteso, non ogni forma di prodotto può divenire marchio di quel prodotto: il discrimine è dato pur sempre dalla funzione distintiva, propria dei marchi. 17 D altronde la tutela della libertà di concorrenza comporta una certa prudenza nell identificazione delle fattispecie imitatorie illecite: la tutela della legge marchi è accordata non ad ogni forma, ma solo a quelle che possono essere oggetto di protezione monopolistica, e quindi a quelle dotate di capacità distintiva; quest ultima è allora fondamento e limite della tutela. E appena il caso di rilevare che il concetto di marchio che esce da tali riforme, e dalla riflessione giurisprudenziale che si sta sviluppando al riguardo, è ben lontano da quello tradizionale, e si avvicina al trade dress, come sopra già rilevato. Quel che qui interessa è che, ormai, è sempre più estesa l area delle forme di prodotti e di involucri tutelabili attraverso la rigorosa disciplina dei marchi o dei modelli (o di entrambe). Le conseguenze per i look-alikes di tali prodotti sono intuibili. Una volta riconosciuta, secondo i criteri ordinari, la contraffazione, ben potranno adottarsi le misure previste dalla legge, anche in sede cautelare: inibitoria, sequestro, in prospettiva condanna al risarcimento dei danni. La riconduzione dei look-alikes ai segni distintivi, unitamente ad una nuova attenzione per i marchi tridimensionali di forma, trova conferma anche in una ancora recente decisione della Commissione ricorsi UAMI V. ampiamente SANDRI RIZZO, I nuovi marchi, forme, colori, odori, suoni e altro, Milano, La giurisprudenza ammette anche i marchi di forma, ovviamente tridimensionale, di fatto, v. Trib. Napoli, 5 novembre 1998, GADI, 3841 (relativo a pasticche per lavastoviglie). La tutela è qui quella offerta dalla disciplina della concorrenza sleale, in sostanza non meno incisiva di quella della legge speciale per i marchi registrati. 16 V. in Internet atti dell incontro INDICAM tenuto a Milano il 29 ottobre 2002 sul tema: Disegno europeo, marchio tridimensionale e recepimento della direttiva europea disegni e modelli, la relazione di CASABURI, La nuova disciplina dei disegni e modelli e la disciplina dei marchi: interferenze e parallelismi, è ora pubblicata in Dir. Ind., 2003, 100 ss. 17 In concreto, sarà il contesto di uso a far sì che la forma di una cosa divenga - anche un compendio di informazioni, suggestioni, comunicazioni, e quindi un marchio; v. SENA, la diversa funzione ed i diversi modelli di tutela della forma del prodotto, Riv. dir. ind., 2002, I, 577 ss. In termini v. CASABURI, La nuova disciplina, cit., 105. In giurisprudenza i medesimi concetti sono stati espressi da Trib. Napoli, 5 novembre 1998, cit. e, più compiutamente, da id., 26 luglio 2001, Riv. dir. ind., 2002, II, 153 ss. 18 Decisione della prima commissione di ricorso UAMI 20 dicembre 2000, ric. Cabot Safety Intermediate Corporation, documento Internet: << I produttori usano costantemente una varietà di segni, simboli e caratteri distintivi ideati per individuare i loro prodotti e per distinguerli da quelli dei loro concorrenti. E normale ed è confermato dalla comune esperienza che si faccia uso non soltanto di un marchio denominativo, ma anche di un logo, un colore o una combinazione di colori, e che si conferisca una forma particolare ai prodotti e ai loro imballaggi, al fine di creare una immagine visiva distintiva che consentirà ai consumatori di individuare i prodotti provenienti da una determinata fonte commerciale. I contraffattori di prodotti hanno certo ben compreso questo aspetto, come è dimostrato dalla pratica ben nota di immettere sul mercato prodotti look-alikes (simili nell aspetto) tale pratica è nota a chiunque visiti un supermercato, dove accanto a un prodotto di marca conosciuto si trova un prodotto della concorrenza che ha la stessa forma e la stessa combinazione di colori, ma con un marchio denominativo completamente diverso È evidente che i produttori di tali prodotti non partono dal presupposto che l attenzione del consumatore medio si concentrerà esclusivamente sul marchio denominativo; al contrario essi sono ben consapevoli del fatto che molti consumatori identificano i prodotti in base al loro aspetto generale, in particolare in base alla loro forma. Il fatto che i consumatori vedano sempre un prodotto con una determinato marchio denominativo o logo colorato non impedisce loro di riconoscere tale prodotto in base alla sua forma. La bottiglia di coca cola è un esempio di questo tipo; se una bottiglia di coca cola vuota fosse lasciata su una spiaggia e ogni traccia del marchio denominativo fosse cancellata dall azione erosiva delle onde del mare, è probabile che i consumatori la riconoscerebbero immediatamente come 6

7 Look-alikes e concorrenza sleale: la riconduzione all art n. 3) c.c. Il prodotto/confezione imitata potrebbe però non possedere i requisiti per la tutela come marchio o come modello. Pure, i look-alikes relativi a tali prodotti, se e in quanto ne imitano pedissequamente l aspetto complessivo, con riferimento ai profili distintivi, quindi originali 19, presentano comunque una carica di disvalore che impone un intervento repressivo. Questo avrà luogo, residualmente, in forza della normativa sulla concorrenza sleale (d altronde i look-alikes non si rivolgono certo ai soli marchi, pur se di forma, ma come più volte rilevato - all aspetto complessivo del prodotto). E appena il caso di accennare che l art c.c. è una norma elastica, costruita su previsioni generali aperte (o almeno lo è la norma di chiusura), che ne hanno consentito il continuo adeguamento negli oltre 60 anni di vigenza. Il diritto italiano della concorrenza sleale è quindi, ampiamente, giurisprudenziale. Gli scarsi tentativi di riconoscimento in Italia dei look-alikes fanno leva soprattutto sulla previsione finale dell art n. 3) c.c.: costituiscono atti di concorrenza sleale quelli posti in essere da chi si vale, direttamente o indirettamente, di mezzi non conformi ai principi della correttezza professionale, e idonei a danneggiare l altrui azienda. L autore 20 che specificamente ha richiamato per i look-alikes i canoni di correttezza professionale si è fatto anche carico, coerentemente, di affrontare criticamente l orientamento nordamericano, sopra richiamato, che in qualche modo salva i look-alikes come strumento di sviluppo del mercato. Ciò svolgendo una rapida ma incisiva analisi economica del fenomeno, specie con riferimento ai costi connessi alla imitazione. Sono così posti in luce i gravi effetti distorsivi del look-alike, anche con riferimento, come già si è rilevato, allo stesso assetto concorrenziale del mercato, senza alcun vantaggio per i consumatori. Gli imitatori sfruttano gli investimenti altrui, senza essere gravati da spese di ideazione, di innovazione, ma anche di marketing: da qui, per gli imprenditori imitati, un forte disincentivo agli investimenti e, in ultima analisi, alla stessa cura del marchio; gli effetti sono negativi anche sulla distribuzione: <<la pratica di imitare un marchio altrui al fine di migliorare la percezione del proprio prodotto fa sì che il prodotto distribuito da esercizi concorrenti sembri meno attrattivo. In questo modo si determina un effetto monopolistico presso i maggiori distributori>>. 21 Look-alikes e concorrenza sleale confusoria per imitazione servile I fenomeni di look-alikes sembrano però meglio - o quantomeno anche - riconducibili, piuttosto (o oltre) che alla ipotesi residuale di cui al n. 3) art cit., alla concorrenza sleale confusoria, di cui n. 1) art c.c. bottiglia di coca cola; il fatto che l abbiano sempre vista con il marchio denominativo non impedirebbe loro di riconoscere dalla sola forma che si tratta di una bottiglia di coca cola>>. 19 La giurisprudenza, anche risalente, afferma costantemente che possono <<formare oggetto di imitazione servile anche quelle forme del prodotto che, pur non essendo dotate di particolari pregi di utilità e quindi non brevettabili, vengono tuttavia usate per difendere l'avviamento ovvero allo scopo di differenziare il prodotto da quello del concorrente>>, cfr Cass. 29 maggio 1999, n. 5243, GADI, FRANZOSI, cit., pag. 3 ss Il pregiudizio, per il produttore dell originale, non si manifesta solo come perdita di vendite, quindi in termine di fatturato. GHIDINI, rel. cit., ha osservato che vi è anche un rischio di svilimento dell originale, e ciò anche allorché il prodotto look-alike ne imita uno affine ma non identico, neanche realizzato dal titolare dell originale. E il caso del look-alike consistente in un cosmetico maschile, che imita la confezione di un cosmetico femminile, il cui produttore non ne realizza (ancora) di maschili. Qui non c è sottrazione di vendite, ma il mercato può percepire il nuovo prodotto come estensione che la casa tradizionale ha operato nel nuovo campo, c è non solo rischio di confusione, ma anche approfittamento, agganciamento illecito alla fama altrui, con il rischio ulteriore di trasmettere all originale il giudizio negativo che potrebbe manifestarsi su quello di imitazione. 21 FRANZOSI, cit., pag. 7 7

8 (per imitazione servile, ovvero per il compimento di atti idonei a creare confusione con i prodotti o l attività di un concorrente ) 22. Non si tratta, almeno a parere di chi scrive, di un mero formalismo, di una questione solo nominalistica. Il richiamo alla concorrenza sleale confusoria meglio si conforma alla caratteristica peculiare dei knock-off e dei look-alikes, la più volte richiamata imitazione contraffattoria o meno della forma degli altrui prodotti, confezioni, contenitori. Inoltre la prospettiva proposta consente più agevolmente l effettuazione del bilanciamento degli interessi potenzialmente confliggenti sottesi alla piena affermazione della libertà di concorrenza, da un lato, e alla tutela dei titolari dei prodotti imitati, dall altro. Si è espresso in tal senso l unico provvedimento italiano edito che ha specificamente affrontato la questione dei look-alikes, relativo al caso del biscotto Gran Turchese. 23 Ivi si richiama espressamente il <<fenomeno, ben noto al diritto anglosassone,. di prodotti che ne imitano altri, notori, anche senza esserne delle contraffazioni, e venduti ad un prezzo inferiore, con conseguente danno per il primo produttore. Si usa al riguardo il termine di knock off, o look alike. In definitiva e per quel che qui rileva si tratta della immissione sul mercato di prodotti che per aspetto esteriore, ed in particolare per il packaging, richiamano prodotti già esistenti sul mercato. I knock-off, o look-alike imitano il trade dress di un prodotto, <<cioè l insieme dei vari elementi che compongono la confezione di un prodotto o la configurazione del prodotto stesso>>, ciò anche perchè il trade dress, ancorché elemento decorativo ed estetico, è veicolo identificatore della provenienza del prodotto. E un fenomeno che colpisce soprattutto i c.d. own brand products, prodotti con marchi di grandi catene distributive, che presentano sovente forma esteriore e marchi simili a quelli di prodotti già conosciuti. In buona sostanza, in forza del look-alike si realizza una associazione anche inconscia, anche solo subliminare (ma a maggior ragione pericolosa) tra le confezioni e quindi tra prodotti. L imitatore consegue così una attenzione per i suoi prodotti che, altrimenti, non avrebbe avuto. Poco rileva poi la circostanza che il prodotto dell imitatore presenti un proprio marchio, distinto da quello dell imitato: egli ha comunque ottenuto una entratura (foothold) illecita e sleale>>. Il giudizio di confusione e le peculiarità dei look-alikes Una volta ricondotti i look-alikes alla concorrenza sleale confusoria, per valutare o meno l illiceità del prodotto in contestazione, occorre verificare se ne derivi o meno il rischio di confusione. I criteri di accertamento della confondibilità sono universalmente noti e condivisi, almeno nelle linee generali (ma v. infra per una diversa e più ampia prospettiva). E allora appena il caso di ricordare ricorrendo ad una citazione manualistica che <<la valutazione deve essere condotta avendo riguardo all impressione che presumibilmente la somiglianza dell aspetto esteriore dei prodotti può suscitare nel consumatore medio dotato di ordinaria diligenza ed attenzione, sulla base di un esame rapido e sintetico, tenendo altresì conto che di regola il consumatore opera le proprie scelte non già in virtù di un comparazione diretta tra segni e prodotti, bensì confrontando una realtà con il ricordo, spesso vago ed impreciso, di precedenti esperienze>> Dottrina e giurisprudenza pressoché unanimi hanno sottolineato che anche l imitazione servile sia illecita solo quando suscettibile di determinare confondibilità, come reso palese dalla sua collocazione all interno dell art n. 1) c.c., tra due ipotesi caratterizzate da valenza confusoria. 23 Trib. Napoli, ord. 11 luglio 2000 cit. L ordinanza è stata riformata in sede di reclamo da Trib. Napoli, GADI, 2000, 4180, sotto profili che non attengono specificamente ai look-alikes. In estrema sintesi, il giudizio nasce da un ricorso cautelare, proposto ex art. 700 c.p.c., dalla Colussi, che ha lamentato la commercializzazione, ad opera della Elledì, di confezioni per biscotti per prima colazione (frollini) del tutto simili a quelle dei propri biscotti Gran Turchese Colussi. Il tribunale ha accolto il ricorso, disponendo la richiesta misura inibitoria, ciò in quanto ha ritenuto sussistere la concorrenza sleale confusoria, ex art n. 1 c.c. (anche sotto il profilo del c.d. rischio di associazione, previsto dalla legge marchi, ma esteso al campo della concorrenza sleale). 24 Così MARCHETTI UBERTAZZI, Commentario breve al diritto della concorrenza, Padova 1997, pag Analoghi criteri sono enunciati con riferimento al giudizio di contraffazione/confusione riguardo ai marchi.; v. anche VANZETTI DI CATALDO, Manuale di diritto industriale, Milano 2000, 26. Peraltro è opportuno ricordare che, a 8

9 Il giudizio di confusione con riferimento ai look-alikes, perché possa essere proficuamente condotto, in concreto, deve però considerarne le indubbie peculiarità. I look-alikes si annidano in un ambiente peculiare: essenzialmente lo scaffale del supermercato. I consumatori hanno qui la percezione visiva, quindi la scelta simultanea, nell ambito di una ampia scelta di prodotti similari; qui il ruolo della memoria è ridotto, nel senso che il look-alike, come accennato, può trovarsi fianco a fianco con il prodotto di marca imitato. Tuttavia deve considerarsi che il consumatore medio, proprio perché si tratta di prodotti di uso comune e acquisto reiterato, di costo normalmente mai particolarmente elevato, sovente è disattento, non presta molta attenzione alla scelta, che effettua rapidamente: è tratto in inganno soprattutto dalle confezioni similari (v. infra), ed è indotto all acquisto specie dal prezzo (più basso per i look-alikes), rassicurato dal fatto che le caratteristiche di forma coincidono o sono similari. Il consumatore sarà condizionato specialmente dalla confezione, come già ricordato. E poi fondamentale, nella scelta del consumatore, e successivamente nella valutazione del giudice, il contesto di posizionamento del prodotto nell ambito dell esercizio commerciale. Da qui il già segnalato ruolo decisivo della distribuzione (specie la grande) che controlla cosa è posto nei negozi, dove è posizionato, fino alla individuazione dello scaffale, quante esposizioni ha avuto, giocando un ruolo decisivo anche nelle promozioni e, evidentemente, nella fissazione del prezzo. Confezioni e contenitori tra differenziazione e standardizzazione Un punto di fondamentale rilievo è che alla stregua di un noto principio generale della materia - occorre distinguere le forme distintive (che, come si è visto, possono assurgere al rango di segno distintivo), tutelabili, quindi anche originali, da quelle che invece restano patrimonio comune quindi liberamente imitabili (o meglio dire ripetibili): le forme fondamentali, che sono in primo luogo quelle geometriche. 25 Tale principio si manifesta macroscopicamente nelle fattispecie che qui interessano. I look-alikes sono, come più volte ricordato, essenzialmente imitazioni di prodotti seriali, di largo e continuo consumo; si tratta soprattutto di prodotti alimentari e di cura della persona; l imitazione incide soprattutto sulla confezione e sul contenitore. E un dato di comune esperienza, e confermata dagli esperti del settore, che l industria del confezionamento e dei contenitori, forse per difetto di investimento e di ricerca, non si è particolarmente sviluppata e differenziata. Anzi, a ben vedere, i produttori/distributori concorrenti finiscono per acquistare dalle medesime fonti gli stessi modelli standard. L effetto è che confezioni (es. scatole) e contenitori sono tutti estremamente simili, differenziandosi essenzialmente per le etichette 26, e quindi inevitabilmente sono diventati patrimonio comune. Così i contenitori del latte sono tutti in brick; le lattine per le bibite, colori a parte, sono tutte uguali; le bottiglie presentano pressoché sempre identici tappi e meccanismi di apertura. Tale eccezionale appiattimento dei prodotti, facilmente riscontrabile esaminando superficialmente qualunque scaffale di supermercato, è determinato, oltre che dal condizionamento da packaging, da un ulteriore fattore: l esigenza di marketing di rendere riconoscibile un prodotto come appartenente ad una certa categoria. seguito della novella del 2001, il giudizio di contraffazione per i modelli ornamentali si fonda su parametri parzialmente diversi, v. CASABURI, La nuova disciplina cit., pag GHIDINI, rel. cit. V. anche CASABURI, Disegni e modelli, cit., 107, ove si osserva che il riconoscimento della tutela brevettuale per le invenzioni si fonda sul rilievo che la privativa incentiva la concorrenza fondata sulla innovazione (consentendo il recupero dei costi, la remunerazione dell attività di impresa e degli investimenti). Del pari il marchio è tutelato proprio in quanto difende la capacità competitiva dell impresa (ciò col proteggerne l identità e con essa l avviamento commerciale). 26 Di particolare interesse è la testimonianza di PEYRON, intervento all incontro INDICAM del 14 ottobre 1998 cit., il quale, con riferimento ai vini e liquori Martini & Rossi ha ricordato che le bottiglie sono contenitori obbligatori per tutti i liquidi e devono quindi distinguersi dagli altri attraverso l etichetta: <<l etichetta, cioè il nostro marchio, rappresenta il nostro patrimonio. Senza quello non siamo nulla. Il nostro prodotto non è mai stato imitato in 150 anni, la nostra etichetta è stata imitata più di duemila volte>>. 9

10 Sono così diffusi rigidi abbinamenti colore- prodotto o forma - prodotto, consolidati nella percezione comune a livello pressoché subliminare (per i consumatori: ma il fenomeno è ben conosciuto e consapevolmente voluto dagli operatori commerciali). Si è così osservato che almeno in alcuni paesi il rosso è il colore del caffè decaffeinato. Il mercato delle verdure in scatola pretende contenitori bianchi o verdi, mai di colore diversi. I pomodori devono essere contenuti in una lattina rotonda. D altro canto il latte va nel tetrapack, bianco o blu, altrimenti non è percepito come latte. Se il contenitore fosse rosso, si tratterebbe di pomodori!. Lo yogurt non è yogurt se non dentro il vasetto Si è osservato, ironicamente, che il colore della Coca Cola (pure uno dei marchi più conosciuti al mondo) è il rosso. altrimenti sarebbe birra!. Si tratta di veri e propri indicatori di categoria, divenuti quindi a loro volta patrimonio comune. Di più: si tratta nella gran parte dei casi di categorie mentali, nelle cui tracce i competitori devono inserirsi. Certo, una politica di marketing più evoluta, e soprattutto una maggiore attenzione per il marchio, inteso come strumento di comunicazione globale, può vincere tale dittatura delle associazioni consolidate cromatico-formali; così se è vero che moltissime bottiglie di acqua minerale (colori prevalenti: bianco, blu, verde) presentano sull etichetta delle montagne, ha avuto un eccezionale successo la marca che ha avuto la forza di svincolarsi e di distinguersi imponendo bottiglie (di acqua rivolta essenzialmente ai bambini) rosa. I costi di differenziazione sono comunque elevati, e non alla portata di tutti 27. In conclusione, inevitabilmente, tutti i prodotti di un certo tipo finiscono per essere simili. Il giudizio di confusione finirà allora per essere improntato, almeno sotto il profilo in esame, ad un minore rigore. Ciò nel senso che la confusione, e quindi la concorrenza sleale, non potrà riconoscersi a fronte di prodotti/confezioni che ripetono tutti e costantemente determinati elementi standard, finendo così per somigliare tra loro in misura più o meno rilevante. Il giudizio di confondibilità finisce per riguardare in modo decisivo (ma ciò pur sempre secondo i principi generali della materia) gli elementi di differenziazione, quindi quelli creativi ed originali. Se infatti è vero che tutti i prodotti di un certo tipo tendono ad essere simili, il look-alike abbia o meno un proprio marchio (v. infra) è estremamente simile al prodotto di marca, il che avviene proprio quando ne ricalca, e ne diluisce, i caratteri distintivi, quelli che si discostano dai profili standard. Va allora segnalato che la maggiore resistenza al look alike (nel senso, evidentemente della maggiore tutelabilità) sarà opposta dai prodotti più curati, che meglio hanno saputo distinguersi, anche attraverso scelte coraggiose di immagini, dalla massa, si tratta in particolare dei prodotti il cui marchio è talmente integrato, in termini fisici, ma anche di comunicazione complessiva, da non poter essere rimosso come una qualunque etichetta senza alterare la fisionomia complessiva del prodotto stesso (o, in termini più giuridici, del trade dress). I look alikes con indicazione del marchio La peculiarità di maggior spicco dei look alikes sta nel fatto che, sovente, il marchio del prodotto originale non è a sua volta contraffatto (se lo fosse, d altronde, scatterebbero le norme di repressione della legge speciale, e si è visto che i look-alikes si muovono con una certa prudenza, attenti a non violare direttamente le altrui privative). Anzi, il look-alike può presentare a sua volta un proprio marchio, o essere privo di marchi. Spesso il marchio proprio del look alike è evidente e non privo di originalità. E questo il punto più debole nella repressione dei look-alikes, quello di converso invocato dalla difesa per escludere ogni rischio di confusione con l originale: è, in definitiva, il (preteso) discrimine tra imitazione lecita ed illecita. La questione è delicata, ove si consideri anche quanto si è prima esposto circa la diffusione, nei settori commerciali interessati dai look-alikes, di confezioni ampiamente standardizzate dove quindi, specie a fronte della scarsità di elementi ulteriori caratterizzanti, distintivi, il marchio gioca un ruolo di enorme rilievo. In molte fattispecie, verosimilmente, dovrà riconoscersi la liceità dell imitazione. Infatti, a fronte di molti look-alike con marchio proprio, pur evocante qualche elemento caratterizzante il prodotto di marca, deve escludersi il rischio di confusione, quanto meno nel senso che difficilmente il 27 L esemplificazione sopra riportata è tratta, essenzialmente, dalla tavola rotonda, coordinata da SANI, dell incontro INDICAM 14 ottobre 1998 cit. 10

11 consumatore potrà incorrere in un vero e proprio aliud pro alio, e ritenere che il look-alike sia il prodotto originale (o almeno: l eventuale errore non sarà imputabile all imitatore). D altronde, in termini più strettamente giuridici, si è già ampiamente segnalato il rilievo fondamentale che ha il principio di libertà di concorrenza, in forza del quale si dovrà riconoscere una limitata libertà di imitare. Neanche può trascurarsi certo in una ottica macroeconomica che, però indirettamente influenza anche il giudice, che il mercato non è costituito solo da imprese che ricercano ed innovano: al contrario, <<L industria che innova è piccola cosa rispetto all industria che produce, anche ispirandosi e imitando, e che è in grado di rispondere a vaste esigenze di consumo: estendere il sistema di situazioni di privativa non in funzione di interessi a tutela della ricerca, ovvero per reprimere il parassitismo, comprime il sistema industriale nel suo insieme>>. 28 Non vuole certo affermarsi la liceità delle imitazioni solo perché portano un proprio marchio: al contrario, c è comunque spazio per un giudizio in termini di illiceità, sotto i profili fin qui esaminati (e potrebbe esserci spazio comunque, come segnalato in dottrina, anche per la concorrenza parassitaria, ai sensi dell art n. 3) c.c.). Si è d altronde già visto che la nozione di marchio oggi è ben più ampia che in passato. Ad esempio, l imitatore può evitare la riproduzione (o comunque il ricalco verbale) della parte denominativa del marchio imitato, ma contraffarne invece la parte figurativa (il riferimento è qui ai marchi complessi, ma anche a quelli di forma). In tale ipotesi e tenuto sempre conto dell aspetto complessivo dei due prodotti ben potrebbe configurarsi la contraffazione di marchio, sempre che i profili imitati siano decisivi nella configurazione del marchio imitato, ne costituiscano il cuore. Vi è poi ulteriore spazio per l affermazione della confondibilità, specie per associazione, nonostante la presenza del marchio proprio del look-alike. Resta fondamentale il giudizio di fatto, il confronto tra i prodotti in discussione. Rilievo peculiare avrà l individuazione della esatta collocazione del marchio del look-alike, il maggiore o minore spicco sulla confezione, la dimensione, i colori, la maggiore o minore somiglianza (pur se fuori dai confini della contraffazione vera e propria) rispetto al marchio del prodotto imitato (e beninteso: nel confronto dovrà tenersi conto anche del posizionamento e del ruolo del marchio nel prodotto originale, imitato) Ovviamente ha grande rilievo anche la inescusabile, fortissima somiglianza dell aspetto complessivo del look-alike al prodotto imitato, nei termini sopra indicati, e lo stesso contesto di vendita al dettaglio e promozionale in cui i prodotti sono inseriti 29. All esito dell esame potrà risultare che effettivamente il preteso look-alike abbia un marchio proprio di spicco modesto nella configurazione generale del prodotto/confezione, e che inoltre lo stesso ricalca gli elementi individualizzanti di altro dello stesso tipo. In tale ipotesi dovrà riconoscersi l illecito, nel senso che il consumatore medio può comunque associare nel senso sopra indicato - il primo prodotto a quello imitato, nel senso che è indotto a ritenere che il look-alike provenga comunque dalla stessa fonte di quello originale, ne sia una sottomarca, o che comunque ci sia un qualche collegamento negoziale tra i produttori. Anche in tal caso i pregi dell originale sono comunque trasferiti mentalmente (anche a livello inconscio) sull imitazione, e ne favoriscono l acquisto (perché, di norma, il look-alike è venduto ad un prezzo più conveniente) BICHI, La tutela della forma del prodotto e le nuove prospettive introdotte dalla direttiva comunitaria n.71/98, in AA VV, Segni e forme distintive, la nuova disciplina, Milano, 2001, pag Già App. Torino 26 febbraio 1974 (GADI 1974, 523) affermava: <<l apposizione (sul contenitore che imita altro precedente) del marchio dell imitatore non vale ad escludere la concorrenza sleale per imitazione servile, quando si tratta di merci destinate al grosso pubblico indifferenziato, sul quale nessun effetto distintivo può esplicare la pure evidente diversità di denominazione>>, in termini Trib. Milano 4 marzo 1982, (ivi 1529). 30 E opportuno riportare la motivazione di Trib. Napoli, 8 luglio 2000 cit., nella parte in cui conduce il giudizio di comparazione e valutazione del rischio di confusione tra le confezioni in contestazione: <<Quella Colussi presenta, sulla facciata principale, in alto, per tutta l estensione, la scritta turchese gran turchese, con in un rettangolo giallo, sotto la prima parola, la scritta Colussi. Sotto ancora, vi è la scritta Il classico dorato frollino. La confezione della resistente presenta al centro in alto, in un quadrato con i bordi rossi, la scritta (pure con lettere aventi margini rossi) la parola Elledì; sotto, per esteso, le parole Prima Colazione (quest ultima con maggiore rilievo dimensionale e grafico). 11

12 Le ipotesi estreme di concorrenza confusoria a mezzo di look-alikes: il possibile ruolo del rischio di associazione e della pre-sale confusion Possono allora affrontarsi ulteriori fattispecie di interferenza tra prodotti, che possono dare luogo secondo alcuni autori - a look-alikes. Pure, gli elementi simili del packaging prevalgono nettamente ( e d altronde già la scritta Gran Biscotti richiama inevitabilmente il Gran Turchese). Va subito rilevato che le due confezioni hanno pressoché la stessa dimensione (quella Gran Turchese è leggermente rettangolare, quella Elledì quadrata) e lo stesso peso dichiarato (400 grammi) In entrambe predomina il colore turchese, che sfuma dall alto verso il basso della confezione. Entrambe presentano, in basso a destra, il disegno di una tazza turchese piena di latte; in quella Colussi vi cadono quattro frollini, di cui uno, nell intingersi nel latte, ne increspa la superficie; invece nella tazza Elledì si vede intingersi un solo frollino, che pure increspa la superficie del latte. Sulla sinistra della tazza vi sono alcuni frollini alla rinfusa, in una prospettiva tridimensionale (vi è l ombra) e leggermente obliqua (come se visti dall alto): due nella confezione Colussi, sei in quella Elledì. Vi è un altro elemento di notevole rilievo da considerare: i frollini Elledì, quali riprodotti sulla confezione, sono del tutto simili a quelli Gran Turchese: tondi, piatti e col buco, vale a dire con una sorta di griglia a quadratini La ricorrente ha rinunziato alla relativa tutela, anche perché sono scaduti i termini della privativa: ciò però non esclude di valutare negativamente (per la Elledì) la somiglianza (ai limiti della identità) dei frollini sotto il profili del packaging. qui non è in discussione l uso in quanto tale del colore turchese, e neanche l uso di singoli elementi della confezione Gran Turchese: la tazza, i frollini che cadono ecc. Quel che rileva (ed è sanzionabile se imitato pedissequamente) è l assemblaggio, la composizione di tutti tali elementi in una confezione: appunto, il packaging. Anzi, la (relativa) omogeneità del messaggio promozionale sotteso a tutte le confezioni di biscotti rende particolarmente importante il come, vale a dire la rappresentazione grafica e la composizione degli elementi formali riprodotti sulle confezioni. Proprio l esame delle numerose confezioni esibite da Elledì (ma anche da Colussi) consente di confermare l illiceità della condotta di tale società, come correttamente rilevato da Colussi. Infatti tutte le confezioni esibite si differenziano in modo sensibile da quella Gran Turchese, quanto agli elementi caratterizzanti: alcune sono a sacchetto, altre presentano tazze di colore bianco, altre ancora una caraffa invece della tazza, in altre i biscotti non sono a griglia ecc.in definitiva, e nonostante la presenza di questo o quell elemento comune (ma mai tutti contestualmente), la confezione Gran Turchese non è mai confondibile con le altre; ad una grammatica comune, vale a dire gli elementi di partenza (tazza, biscotti ecc.) corrisponde una sintassi (composizione) differenziata e non confondibile. Certo, qui il concetto di originalità deve intendersi in senso relativo: proprio la ricorrenza, nel mercato dei biscotti per prima colazione, degli stessi elementi descrittivi (tazza, biscotti, luce del giorno ecc.) consente di affermare che si tratta di una originalità marginale ; ma quando se ne riconosce l esistenza, la tutela non può che essere piena, a fronte di imitazioni prive di significative differenziazioni.né può trascurarsi che i Gran Turchese sono un prodotto leader della Colussi, un sorta di simbolo, rinforzato da una presenza pubblicitaria massiccia e continua; si consideri, poi, che il legame Colussi colore turchese è tanto forte che lo stesso stabilimento della società ricorrente è dipinto, all esterno, con tale colore. Un sondaggio Eurisko prodotto dalla Colussi (e certamente utilizzabile in questa sede cautelare) ha accertato che il 79% dei consumatori è in grado di riconoscere la confezione Gran Turchese, che è presente nel 94% dei supermercati italiani In definitiva, quindi, nonostante le marginali differenze, le due confezioni per cui è causa suggeriscono potentemente una medesima immagine: quella, familiare ed accattivante, dei biscotti per prima colazione, visti naturalisticamente sia in primo piano che all opera, mentre sono intinti, o cadono, in una tazza di latte. E allora evidente che la confezione Elledì imita, inescusabilmente, quella Gran Turchese. Da qui anche palesemente - la configurabilità di una ipotesi di knock off: Elledì, riproducendo pressoché pedissequamente la confezione del ben più noto Gran Turchese, ha fatta propria l immagine positiva ed il messaggio di qualità acquisita dal Gran Turchese da quasi mezzo secolo, ed in forza di una massiccio e continuo supporto pubblicitario; tale immagine e messaggio, lo si ribadisce, si manifestano (trovano lo strumento di comunicazione più immediato) proprio nella confezione. Così Elledì ha conseguito illecitamente una entratura (foothold) presso la stessa potenziale clientela del prodotto Colussi (cfr infra). Ed è evidente che l apposizione dei marchi, e la chiara differenziazione delle fonti di produzione (ma v è ragione di dubitare anche di ciò, cfr infra) non esclude affatto la rilevata associabilità. 12

13 Si tratta delle ipotesi più insidiose, quelle dell acquisto del look-alike da parte del compratore che, comunque (nella consapevolezza della diversità delle fonti produttive, ma anche in forza di una suggestione inconsapevole, determinata dalla somiglianza dei prodotti) lo ritiene in qualche modo equivalente all originale. 31 Ad avviso di chi scrive, in tale ipotesi molto difficilmente potrà affermarsi la interferenza confusoria. In molti casi si tratta di fattispecie equivalenti a quelle esaminate in precedenza: prodotti simili ad altri di marca, ma con marchio proprio, però non oscurato, o comunque dotato di una propria individualità. Evidentemente avrà rilievo il contesto d uso, che ben può giocare a favore del look-alikes; potrà così essere significativo anche l apporto della pubblicità (che, pur se in misura ridotta e spesso a rimorchio del prodotto di marca, ben può interessare anche i look-alikes). Certo, ben può essere (ma la prova è oltremodo complessa) che consumatore sia indotto all acquisto, indipendentemente da ogni errore sui legami tra le fonti di produzione, dal fatto che sul preteso look-alike si siano rifletti (proprio in forza dell imitazione) fattori positivi propri di quelli imitato; resta quindi la mera possibilità di associazione, vale a dire di collegamento mentale tra i due prodotti. Tuttavia qui si impone una lettura pro concorrenziale delle norme, anche di quelle che pure potrebbero essere lette in termini favorevoli ad una estensione delle posizioni monopolistiche. In particolare non può dar luogo ad illecito confusorio il fatto che il preteso look-alike si sia appropriato della generale suggestione che scaturisce dal prodotto imitato. La suggestione, si è osservato (con riferimento ai marchi, ma con ragionamento estensibile all ipotesi in esame), non dà luogo a monopolio: il titolare di un prodotto suggestivo accetta il rischio che altri vogliano dare la stessa suggestione. 32 Potrebbe però esservi spazio anche in tal ipotesi limite ad un giudizio in termini di illiceità confusoria, ciò alla stregua di una nozione più ampia di concorrenza confusoria (in quanto quella tradizionale non è più idonea ad assicurare una piena ed effettiva repressione delle fattispecie concorrenziali). Ciò a mezzo della estensione dell istituto del rischio di associazione, previsto espressamente in materia di confondibilità tra marchi a seguito della novella del In particolare si ha rischio di confusione per associazione <<quando i consumatori riconoscono, anche inconsapevolmente, in un dato segno un richiamo o un riferimento ad un altro segno registrato ; il pubblico, in tal caso, associa determinati prodotti e servizi a una immagine seducente e originale, quella espressa dal marchio usurpato. Il titolare di quest ultimo cattura l attenzione dei clienti non con la propria capacità imprenditoriale ed inventiva, ma appunto facendo propri i caratteri promozionali dell altrui segno..la tutela repressiva dovrà intervenire quando il segno somigliante è in grado di evocare, per le modalità di utilizzo, e tenuto conto del concreto contesto di mercato, il messaggio proprio del segno imitato. Quel che rileva è l association entre le signe et la marque vale a dire l impressione di dejà vu che il segno imitante produce sul pubblico, richiamando alla mente dei consumatori il messaggio collegato al segno imitato, impressione che- pur in assenza di un pericolo di confusione sulla provenienza - può consentire al titolare del segno posteriore di superare la diffidenza iniziale che il consumatore è indotto a nutrire verso un prodotto su cui è apposto un marchio nuovo, riducendo così la necessità di iniziative promozionali non occorre che, la confondibilità tra i segni comporti anche l insorgere del dubbio (o anche di un errore) circa la provenienza imprenditoriale dei prodotti o servizi contrassegnati.>> Le individuazioni delle possibili ipotesi di confusione sono di FRANZOSi, rel. cit., pag FRANZOSI, Marchi descrittivi, suggestivi, arbitrari, di fantasia, Di. Ind., 2002, pag. 125 ss 33 V. Trib. Napoli, 3 luglio 1998, Riv. Dir. Ind. 1999, II, 314 e da Trib. Napoli, 5 novembre 1998, ivi 1999, I, 243, GADI, 1998, 3841, Dir. Ind. 1999, 2, 139. Per una ricostruzione dell istituto v. CASABURI, Rischio di associazione, tutela avanzata del marchio, in AAVV, Segni e forme,..cit., pag. 48 ss.; v. anche RONCAGLIA, nozione di confondibilità e tutela della funzione suggestiva del marchio, ivi, 367 ss. Quindi la confusione per associazione non presuppone necessariamente un errore da parte del pubblico sulla provenienza e qualità dei prodotti contrassegnati : si può verificare anche quando i consumatori siano consapevoli di avere a che fare con due marchi del tutto indipendenti l uno dall altro, in quanto facenti capo a soggetti diversi e non collegati. La trasposizione e la generalizzazione del concetto di rischio di confusione per associazione alla disciplina della concorrenza sleale consente di affermare che la fattispecie normativa (ex art n. 1 cit.) è integrata allorché il pubblico è indotto a trasferire il messaggio positivo comunicato dal prodotto o dalla attività di cui è chiesta la tutela al prodotto o alla attività di chi ha posto in essere gli atti appunto qualificati come concorrenzialmente scorretti. 13

14 Si tratta di una nozione generalizzabile, anche oltre la tutela dei marchi di impresa, e che viene ad integrare il significato normativo della nozione di confusione, di cui alla norma contenitore dell art cit, 34 specie con riferimento alle ipotesi di imitazione servile. Occorre avvertire, comunque, che la teoria del rischio di associazione non ha avuto fortuna, anche in forza del diverso orientamento della giurisprudenza comunitaria. Chi scrive reputa che tale figura possa avere un qualche margine di applicazione, nella materia in esame, a tutela esclusivamente dei prodotti con marchi celebri. Ciò a fronte di condotte imitatorie che pur non dando luogo ad equivoci sulle fonti di provenienza si risolvono, ben oltre il richiamo a comuni fattori suggestivi, nella pedissequa evocazione delle peculiarità positive dei prodotti imitati. 35 Ciò (anche) in forza della imitazione di segni distintivi, prodotti, ed in genere del trade dress e di attività della prima impresa (evidentemente il rischio di associazione si manifesterà in altri modi in relazione alle ipotesi di concorrenza sleale confusoria diverse dalla imitazione servile). Così Trib. Napoli 8 luglio 2000 cit.: <<L associazione avrà un ruolo di spicco proprio con riferimento alla imitazione delle confezioni. Potrà infatti sanzionarsi in forza del riconoscimento del rischio di associazione come configurato il fatto che tale imitazione influenza il pubblico nelle sue scelte, inducendolo ad acquistare prodotti (o servizi) la cui confezione evoca quella antecedente, imitata; ciò in quanto il pubblico è indotto a trasferire almeno una parte dell immagine positiva che ha del primo prodotto (ed evidentemente espressa dalla confezione) al prodotto o al servizio dell imitatore. Ciò è tanto più vero quando maggiore è il carattere individualizzante ed attrattivo della confezione (massimo, lo si ribadisce, per i prodotti di largo consumo). In altri termini l imitazione comporta uno sviamento delle informazioni positive, espresse dalla prima confezione, che sono acquisite da quella dell imitatore. L imitatore realizza un agganciamento, anche solo indiretto e al limite subliminare tra i propri prodotti e attività (in primo luogo pubblicitarie) e quelle dell imitato, di cui appunto altera e diluisce la funzione attrattiva. Tanto si verifica indipendentemente dal fatto che il pubblico è indotto in errore sull origine dei prodotti o delle attività. Quel che rileva è che dal riconoscibile trasferimento del messaggio sia derivato un pregiudizio alla reputation del primo imprenditore, ciò nel senso che in forza della attività concorrenziale in parola l imitatore si sia appropriato di parte del goodwill (avviamento, credito commerciale) che i prodotti o le attività imitate godono presso il pubblico. La nozione ampia di confondibilità qui accolta consente allora di assicurare una piena tutela repressiva a fronte delle manifestazioni di knock-off e look-alike prima descritte (e con ben maggior rigore, si noti, rispetto a quanto previsto dal diritto anglosassone)>>. 34 Tanto trova riscontro in Trib. Napoli, 11 luglio 2000 cit., che così rileva: <<Si consideri che le interferenze tra disciplina della concorrenza e quella dei segni distintivi sono continue, tant è che si discute della cumulabilità delle due tutele; d altronde specie la dottrina sta superando la contrapposizione tradizionale tra tutela assoluta, quasi reale dei segni distintivi e tutela obbligatoria della concorrenza. Lo stesso art n.1) prevede come tipica ipotesi di concorrenza confusoria l uso di nomi e segni distintivi altrui e inoltre il marchio di fatto è tutelato proprio e solo ex art. cit. Soprattutto, il Tribunale reputa che il marchio vada ormai considerato come brand e non come trade mark: ciò nel senso che va visto e valutato nel suo legame con i prodotti (ed i servizi), in un contesto di marketing, e quindi con una forte accentuazione del suo valore economico, attuale e potenziale. Si è autorevolmente sostenuto che : <<il marchio costituisce pur sempre il core e la protezione giuridica essenziale, mentre il brand è tutto quello che vi sta intorno e che comunque concorre ad esercitare una funzione distintiva, come ad esempio il confezionamento, le scritte di accompagno, i logo, i disegni, gli slogans pubblicitari, al limite fino a staccarsi dal collegamento fisico del prodotto, come nel caso del suo posizionamento, e tale da ingenerare un effetto economicamente rilevante ed apprezzabile sul mercato ed i consumatori>>. In definitiva, si impone una considerazione unitaria degli istituti giuridici che caratterizzano il mondo dell impresa (segni distintivi e concorrenza), attenta ai profili economici, mentre perdono rilievo distinzioni tra gli istituti solo formali. Tale considerazione unitaria passa anche attraverso una nozione nuova, e pure comune, della confondibilità (si è visto che pacificamente tale nozione è ammessa per tutte le ipotesi di cui all art cit.). In altri termini, una tale nozione attraversa trasversalmente tutti i settori del diritto industriale e non può che fondarsi su una definizione normativa più avanzata e moderna (quale quella prospettata). 35 Si potrebbe così assicurare una più appropriata repressione, ai sensi dell art n. 1) c.c., di condotte oggettivamente illecite; non può poi trascurarsi che potrebbe riconoscersi, in concreto, a fronte delle condotte in oggetto, anche l illecito per appropriazione di pregi, ex art n. 2) c.c.. 14

15 A supporto dell affermazione dell illecito confusorio in alcune delle ipotesi considerate la c.d. pre-sale confusion (o anche initial confusion) 36 : in sostanza la confusione rilevante è anche quella che si manifesta solo in una prima fase dell approccio al prodotto dell imitatore. L effetto utile per il produttore/distributore del look-alike può essere anche, e solo, il momento del contatto del consumatore con il prodotto. Specularmente, il pregiudizio per il titolare del prodotto imitato non sta tanto nel fatto che questo rischia di essere confuso con altri: il rischio è il contatto, e sta nel fatto che il consumatore, ad esempio cercando sugli scaffali del supermercato prodotti di un certo genere o marca, è attratto del look-alike, perché fortemente somigliante a prodotto noto (anche in quanto conosciuto a mezzo della pubblicità), e lo acquista - indipendentemente da ogni confusione successiva sulla fonte - perché lo ritiene equivalente a quello originale (o per altre considerazioni, in primis di prezzo). Vuole dirsi che, senza la somiglianza, il consumatore non avrebbe prestato attenzione al look-alike; una volta che ha manifestato tale attenzione, poco può rilevare che si rende perfettamente conto che il look-alike non è l originale: il danno sta proprio in quella attenzione iniziale senza la quale il prodotto dell imitatore sarebbe rimasto nell incognito delle ampie, opulenti ma spersonalizzanti esposizioni degli esercizi commerciali (che, per ciò stesso, rendono difficile ad ogni prodotto di spiccare rispetto agli altri simili). Anche in tale ipotesi avrà grande rilievo il contesto di collocazione del look-alike (si è detto che in molti casi si riscontra che proprio questo è esposto con maggior rilievo rispetto all originale). In definitiva anche in tale ipotesi il consumatore è stato indotto ad una associazione mentale, quindi ad instaurare un collegamento (concorrenzialmente distorsivo), tra i due prodotti. Tale interferenza comporta un drenaggio della clientela dall uno (l originale) all altro (il look-alike), che non dovrebbe sfuggire a sanzione: la questione è però meritevole di approfondimento, in primo luogo giurisprudenziale. Conclusioni I look-alikes non sono quindi estranei all ordinamento giuridico italiano. Se ne deve auspicare un espresso riconoscimento legislativo? La questione, essenzialmente politica, va posta, perché siamo di fronte, in Italia, ad una prospettiva di riforma storica. Infatti l art. 15 della ormai celebre legge 12 dicembre 2002 n. 273 ha attribuito al Governo una ampia delega per il riassetto delle disposizioni in materia di proprietà intellettuale, da cui ben potrebbe scaturire una espressa legificazione dei look-alikes (con tanto di definizione normativa e di apparato sanzionatorio ad hoc). Chi scrive reputa inopportuna, e anzi controproducente una tale previsione. Ciò non tanto, e non solo, perché la stessa configurazione del fenomeno è ancora imprecisa (tant è che se nei enumerano concezioni ampie o ristrette): e d altronde una definizione legislativa manca - e se ne discute l opportunità - anche negli USA (certo, anche in ragione delle peculiarità di quell ordinamento giuridico, dove la giurisprudenza gioca tuttora un ruolo essenziale, occupando settori riservati al legislatore nei paesi a diritto continentale). Soprattutto va segnalato che la riconduzione dei look-alike ad una specifica norma di legge sarebbe inutile, trattandosi, come si è visto, di fenomeni (l uso del plurale è voluto, trattandosi di fattispecie fortemente diversificate) riconducibili e quindi sanzionabili, a seconda delle circostanze concrete - alla disciplina dei marchi di impresa, o a quella dei modelli ornamentali o di utilità, al limite al diritto d autore, certamente alle ampie categorie di cui all art c.c. Al contrario, anzi, c è da chiedersi se la repressione degli illeciti sarebbe favorita dal paventato intervento del legislatore: alla fin fine si tratterebbe di introdurre una nuova ipotesi di concorrenza sleale, ampliando l elencazione dell art c.c. (poco importa, beninteso, che la riforma non si risolva nella novellazione di tale norma, ma nell introduzione di una legge o di un articolo ad hoc del codice civile). Ciò indebolirebbe quel che è la forza della clausola generale di concorrenza sleale nel nostro Ordinamento, e che ne consente la piena operatività ad oltre mezzo secolo dalla introduzione, vale a dire la elasticità. Da qui il rischio di distinguo e di cavillosità di cui la nostra esperienza giurisprudenziale è purtroppo ricca. C è anzi da riproporre, in fine, la medesima domanda che si è posta, un po provocatoriamente, all inizio: se davvero nel nostro Ordinamento, abbia senso giuridico la configurazione concettuale dei look-alikes. 36 La pre-sale confusion è stata riscontrata con riferimento ai nomi di dominio Internet, v. GALLI, I domain names nella giurisprudenza, Milano, In giurisprudenza v. Trib. Napoli, 26 febbraio 2002, Arch. Civ. 2002, 706; Dir. inf., 2002,

16 Ad avviso di chi scrive il ruolo, l utilità giuridica- concettuale dei look-alikes (ma anche il limite della loro configurazione) sta proprio nel fatto che costituiscono un buon concetto contenitore, ricomprendente in sé, riassuntivamente ma efficacemente, una serie di fenomeni finora studiati singolarmente, quando studiati, come espressioni di illeciti industrialistici 37. Ne deriva la consapevolezza unitaria, se si preferisce la visione di insieme, di attività illecite, ma per le loro peculiarità non riconducibili agevolmente alla contraffazione in senso classico (pur se la repressione avrà luogo alla stregua delle generali norme su marchi, modelli, concorrenza sleale). Proprio la mancanza di una tale visione di insieme, verosimilmente, e non pretese lacune nell ordinamento, ha portato talvolta a sottovalutare fenomeni di look-alikes (è il caso, ad esempio, della imitazione di forme e colori dell altrui prodotto, pur con la netta e palese differenziazione dei marchi). In altri termini l attenzione che comincia a manifestarsi nel nostro paese per i look-alikes, in dottrina (e forse, in futuro, in giurisprudenza) potrà avere il merito di consacrarne la rilevanza socio-economica, quindi giuridica, e renderne quindi non più possibile, per il futuro, l impunità. Milano Napoli, 11 giugno Il fenomeno dei concetti contenitori, di origine angloamericana, non è nuovo per il nostro ordinamento. Si consideri, ad esempio, il mobbing, oggetto di ampio dibattito in ambito giuslaburistico (con riflessi anche nei media), che però si limita a compendiare fenomeni rientranti nell ambito delle lesioni alla salute del lavoratore, v. PERRINO, Dal danno alla salute al danno esistenziale: direttrici di un percorso accidentato, in AA VV, L assicurazione, Torino, 2001, pag

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

IL DEPOSITO DI UN MARCHIO NEGLI STATI UNITI D AMERICA

IL DEPOSITO DI UN MARCHIO NEGLI STATI UNITI D AMERICA IL DEPOSITO DI UN MARCHIO NEGLI STATI UNITI D AMERICA Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente per uso personale e non per una distribuzione commerciale. Eventuali

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Lezione III. Indice. 2 di 11

Lezione III. Indice. 2 di 11 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE II IMPUTAZIONE DELL ATTIVITÀ D IMPRESA PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 principio generale della spendita del nome ----------------------------------------------------------

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta Spread C è anche quello dei prezzi LA NOSTRA INCHIESTA Le grandi catene internazionali, da Zara a McDonald s, praticano prezzi diversi in Europa. I consumatori italiani tra i più penalizzati. Le grandi

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile Capitolo I nel diritto civile SOMMARIO: 1. Il recesso dal contratto: i termini della questione. 2. Il principio della temporaneità dei vincoli contrattuali e la questione del recesso dal contratto. 3.

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Se i segni e i prodotti e/o servizi sono simili, non significa necessariamente che vi sia rischio di confusione. I due

Se i segni e i prodotti e/o servizi sono simili, non significa necessariamente che vi sia rischio di confusione. I due Nella scelta del vostro marchio dovreste badare che non sia troppo simile ad altri marchi già registrati. Un marchio può infatti essere escluso dalla protezione se sussiste il rischio che possa essere

Dettagli

Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione su Internet

Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione su Internet SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI FACOLTA DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI LECCE Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI Nessun settore è al riparo dalla contraffazione e dalla pirateria. I truffatori copiano di tutto: medicinali, pezzi di ricambio, CD, DVD, generi

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò

I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE Francesco Viganò Il problema La drammatica vicenda di Eluana Englaro, così come in precedenza quella

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli