LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE"

Transcript

1 LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE NELL UNIONE EUROPEA Commissione europea

2 Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*): (*) Alcuni gestori di telefonia mobile non consentono l accesso ai numeri o non ne accettano la gratuità. Numerose altre informazioni sull Unione europea sono disponibili su Internet consultando il portale Europa (http://europa.eu). Una scheda bibliografica figura alla fine del volume. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee, 2008 Comunità europee, 2007 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte. Printed in Belgium Stampato su carta sbiancata senza cloro

3 LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE nell Unione europea I 50 ANNI DELLA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE IN EUROPA Da 50 anni l Unione europea (UE) persegue l obiettivo della parità di trattamento tra donne e uomini. Il trattato CE, firmato a Roma dai sei paesi fondatori della Comunità economica europea (CEE) nel 1957, sanciva il diritto di parità di retribuzione tra uomini e donne per uno stesso lavoro. Da allora la CEE è cresciuta fino a diventare un Unione europea di 27 paesi e anche i diritti di uomini e donne a un trattamento paritario e alla non discriminazione hanno compiuto non pochi passi avanti. 1 Attualmente la normativa CE sulla parità di genere costituisce un pilastro centrale della politica europea in materia di pari opportunità. Sull uguaglianza di trattamento tra uomini e donne sono state adottate 13 direttive europee giuridicamente vincolanti per gli Stati membri dell UE, che sono tenuti a recepire il diritto comunitario negli ordinamenti nazionali. La legislazione riguarda un ampia gamma di aspetti relativi all accesso al lavoro, alle condizioni lavorative e retributive, ai sistemi di previdenza sociale, al lavoro autonomo e alla tutela di gestanti e puerpere. Tutti questi strumenti insieme costituiscono una solida ed esaustiva base per garantire il rispetto del principio di non discriminazione e consentono al cittadino che percepisce una violazione di questo diritto di portare il caso dinanzi ai giudici nazionali. Al fine di rafforzare trasparenza, chiarezza e coerenza della normativa, nel 2006 è stata adottata una direttiva che ha inserito in un unico testo le disposizioni esistenti in materia di pari retribuzione, regimi professionali e «onere della prova».

4 DIRETTIVE EUROPEE SULLA PARITÀ DI GENERE Dalla firma del trattato CE a Roma nel 1957, l Unione europea ha adottato 13 direttive nell ambito della parità di genere sul diritto all uguaglianza di trattamento tra uomini e donne riguardo a lavoro, retribuzione e sicurezza sociale, nonché accesso a prodotti e servizi. Esse offrono una particolare tutela nei confronti di gestanti e puerpere e mirano a definire norme comuni per le donne che svolgono un attività autonoma e per i coniugi collaboratori. Parità di trattamento sul luogo di lavoro 2 Gli uomini e le donne che svolgono lo stesso lavoro o un lavoro di pari valore hanno diritto alla stessa retribuzione. Questo principio è sancito all articolo 141 del trattato CE del 1957 ed è stato successivamente attuato dalla direttiva 75/117/CEE. Il concetto di «pari retribuzione» comprende le prestazioni previdenziali collegate ai regimi professionali. Il diritto alla parità di accesso e pagamento di tali prestazioni è stato affrontato dalla direttiva 86/378/CEE, modificata dalla direttiva 96/97/CE. Il trattato CE ha anche fornito le basi per la normativa sulla parità di trattamento tra uomini e donne in materia di occupazione e impiego, cui è stata data concretezza dalla direttiva 76/207/CEE (modificata nel 2002) che attuava il principio della parità di trattamento per quanto riguarda le condizioni di lavoro e l accesso al lavoro, l attività autonoma e la formazione professionale. Nel 2006 è stata adottata una nuova direttiva volta a rafforzare e semplificare tutte le precedenti. Quest ultima direttiva entrerà in vigore il 15 agosto A partire da quella data, le direttive 75/117/CEE, 76/207/CEE, 86/378/CEE e 97/80/CE saranno abrogate.

5 DEFINIZIONE DI DISCRIMINAZIONE E MOLESTIE SECONDO LA NORMATIVA CE La normativa CE sulla parità di genere opera una distinzione tra discriminazione diretta e indiretta, molestia e molestia sessuale. Discriminazione diretta Situazione nella quale una persona è trattata meno favorevolmente, in base al sesso, di quanto un altra persona sia, sia stata o sarebbe trattata in una situazione analoga. Si ha un caso di discriminazione diretta quando è negato il lavoro a una donna a causa del suo stato di gravidanza. Discriminazione indiretta Situazione nella quale una disposizione, un criterio o una prassi apparentemente neutri possono mettere in una posizione di particolare svantaggio le persone di un determinato sesso rispetto a persone dell altro sesso, a meno che tale disposizione, tale criterio o tale prassi siano oggettivamente giustificati da una finalità legittima e i mezzi impiegati per il suo conseguimento siano appropriati e necessari. 3 Ad esempio, un offerta di lavoro che richieda ai candidati di avere un altezza minima di 170 cm sarebbe considerata una discriminazione indiretta, poiché le donne risulterebbero maggiormente svantaggiate da questa regola rispetto agli uomini. Molestie Situazione nella quale si verifica un comportamento indesiderato connesso al sesso di una persona, avente lo scopo o l effetto di violare la dignità di una persona e di creare un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante o offensivo. È il caso, ad esempio, di commenti ripetuti di natura denigratoria o sprezzante sul sesso di una persona. Molestie sessuali Situazione nella quale si verifica un comportamento indesiderato a connotazione sessuale, espresso in forma verbale, non verbale o fisica, e avente lo scopo o l effetto di violare la dignità di una persona, in particolare attraverso la crea - zione di un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante o offensivo. Ne sono un esempio richieste o accenni non graditi di natura sessuale da parte di superiori o colleghi.

6 Cronologia: direttive sulla parità di genere Il trattato CE sancisce il diritto all uguaglianza di retribuzione tra donne e uomini e consente di vietare, a livello legislativo, la discriminazione in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, o nell accesso a beni e servizi. Direttiva 75/117/CEE sulla parità delle retribuzioni tra i lavoratori di sesso maschile e quelli di sesso femminile. Direttiva 76/207/CEE sulla parità di trattamento fra gli uomini e le donne per quanto riguarda il lavoro, la formazione professionale e le condizioni di lavoro (modificata nel 2002). Direttiva 79/7/CEE sulla parità di trattamento in materia di sicurezza sociale.

7 Dal 2000 Direttiva 86/378/CEE sulla parità di trattamento nel settore dei regimi professionali di sicurezza sociale (modificata nel 1996). Direttiva 86/613/CEE sulla parità di trattamento fra gli uomini e le donne che esercitano un attività autonoma e relativa alla tutela della maternità. Direttiva 92/85/CEE sulla sicurezza e la salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento. Direttiva 96/34/CE concernente l accordo quadro sul congedo parentale. Direttiva 97/80/CE riguardante l onere della prova nei casi di discriminazione basata sul sesso. Direttiva 2004/113/CE sull accesso a beni e servizi e la loro fornitura. Direttiva 2006/54/CE sull attuazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento in materia di occupazione e impiego (rifusione). 5

8 LAVORATRICI GESTANTI E CONGEDO PARENTALE Le lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento sono oggetto di particolare tutela ai sensi della direttiva 92/85/CEE, che riguarda inoltre il congedo per maternità e la discriminazione sul posto di lavoro. Un altro strumento di protezione dalla discriminazione a causa di una gravidanza è dato dalla normativa sulla parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro. 6 La direttiva 96/34/CE ha esteso i diritti dei genitori, fissando una serie di requisiti minimi in merito al congedo parentale per lavoratori di ambo i sessi e alla relativa tutela del lavoro. Lo scopo della direttiva è aiutare i genitori che lavorano a conciliare vita professionale e familiare, nonché promuovere le pari opportunità e l uguaglianza di trattamento tra uomini e donne. PARITÀ DI TRATTAMENTO NEI REGIMI LEGALI DI PREVIDENZA SOCIALE La direttiva 79/7/CEE ha chiesto agli Stati membri dell UE di vietare la discriminazione diretta e indiretta in base al sesso nei rispettivi regimi legali di previdenza sociale. Questa si applica ai regimi per la popolazione attiva, nonché alle pensioni di Stato per gli anziani e alle assicurazioni malattie dei lavoratori.

9 LAVORATORI AUTONOMI E CONIUGI COLLABORATORI La direttiva 86/613/CEE si applica alle persone che esercitano un attività autonoma e ai coniugi che partecipano a tale attività, e che non sono né dipendenti né soci. La direttiva riguarda un ampia gamma di aspetti relativi a quest area, dall avvio di un attività all iscrizione dei coniugi collaboratori in un sistema di previdenza sociale. Questa direttiva integra la legislazione separata sulla parità di trattamento in materia di occupazione e impiego, di regimi professionali di sicurezza sociale e di regimi di sicurezza sociale obbligatori. ACCESSO A BENI E SERVIZI 7 La discriminazione e la disparità di trattamento non sono una problematica limitata al mondo del lavoro, ma interessano molte sfere della vita quotidiana quali l offerta di beni o l accesso ai servizi. L articolo 13, paragrafo 1, del trattato CE prevede la possibilità di adottare una normativa UE contro la discriminazione in base al sesso al di fuori del settore professionale. Questo aspetto è stato ripreso nel dicembre 2004 dalla direttiva 2004/113/CE, che fa riferimento all accesso a beni e servizi disponibili al pubblico e che sono offerti al di fuori dell area della vita privata e familiare. Il testo si applica ai servizi quotidiani essenziali, quali abitazioni, servizi bancari e assicurativi. Gli Stati membri sono tenuti a recepire questa direttiva nei rispettivi ordinamenti nazionali entro dicembre 2007.

10 Lo sapevate? Nell Unione europea le donne guadagnano in media il 15 % in meno rispetto agli uomini, per un lavoro equivalente, nonostante dispongano di maggiori qualifiche accademiche (Fonte: Eurostat). Nel 2006, la percentuale di occupati tra le persone dai 15 ai 64 anni nei 27 Stati membri dell UE era del 57,2 % per le donne e del 71,6 % per gli uomini (Fonte: Eurostat). 8 Da un indagine di Eurobarometro pubblicata nel 2004 è emerso che, nonostante il 75 % degli uomini fosse a conoscenza del proprio diritto al congedo parentale, l 84 % ha affermato di non aver considerato seriamente la possibilità di usufruirne, né pensava di farlo in futuro. Altre informazioni Un unità della Commissione europea si occupa esclusivamente delle questioni giuridiche legate alla parità tra uomini e donne. L unità verifica il recepimento all interno degli ordinamenti nazionali delle direttive comunitarie nel campo delle pari opportunità e della non discriminazione e l applicazione di tali normative. Inoltre, gestisce le «procedure di infrazione» nel caso in cui gli Stati membri non rispettino i loro obblighi e, se necessario, avvia nuove proposte legislative. Contatti Commissione europea Direzione generale Occupazione, affari sociali e pari opportunità Unità G.2: Parità, azioni contro la discriminazione: questioni giuridiche B-1049 Bruxelles Internet:

11 Commissione europea La legislazione sulla parità di genere nell Unione europea Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee pagg. 14,8 21 cm

12 KE IT-D Siete interessati alle pubblicazioni della direzione generale per l Occupazione, gli affari sociali e le pari opportunità? Potete scaricarle dal sito: o abbonarvi gratuitamente online: ESmail è la newsletter elettronica della direzione generale per l Occupazione, gli affari sociali e le pari opportunità Potete abbonarvi online sul sito:

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

Discriminazioni di genere in Emilia Romagna. Dati e riflessioni di un fenomeno in evoluzione

Discriminazioni di genere in Emilia Romagna. Dati e riflessioni di un fenomeno in evoluzione Discriminazioni di genere in Emilia Romagna. Dati e riflessioni di un fenomeno in evoluzione Rosa M. Amorevole per l Emilia Romagna Discriminazioni sul lavoro: analisi e strumenti di tutela. Rimini 19

Dettagli

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Per garantire che l Unione possa sostenere in modo adeguato l impegno degli Stati membri di creare posti di lavoro

Dettagli

Discriminazione e lavoro. Le nuove frontiere del principio di eguaglianza tra diritto comunitario e diritto nazionale

Discriminazione e lavoro. Le nuove frontiere del principio di eguaglianza tra diritto comunitario e diritto nazionale Le nuove frontiere del principio di eguaglianza tra diritto comunitario e diritto nazionale Ogni discriminazione presuppone una differenza di trattamento Non ogni differenza di trattamento è discriminatoria

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia. Punto della Rete informativa per

Dettagli

Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo del lavoro

Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo del lavoro Seminario sulla prevenzione e la tutela dalle molestie nei luoghi di lavoro Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Macerata Corso di laurea di servizio sociale Titolo della tesi: Lavoro femminile e pari opportunità Anno accademico 2012-2013 Studentessa: Michela Santarelli

Dettagli

Le pari opportunità e le politiche. di genere in ambito UE

Le pari opportunità e le politiche. di genere in ambito UE Le pari opportunità e le politiche di genere in ambito UE Parità di opportunità tra le donne e gli uomini L'uguaglianza tra le donne e gli uomini rappresenta uno dei principi fondamentali sanciti dal diritto

Dettagli

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

ACCORDO DI COOPERAZIONE

ACCORDO DI COOPERAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ACCORDO DI COOPERAZIONE tra COMITATO UNICO DI GARANZIA e CONSIGLIERA DI PARITÀ REGIONALE ACCORDO DI COOPERAZIONE tra Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

NORMATIVA IN MATERIA DI

NORMATIVA IN MATERIA DI NORMATIVA IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITÀ E DIRITTI DELLE DONNE Dichiarazione Universale dei Diritti umani del 1948, che proclama l uguaglianza di tutti gli essere umani, indipendentemente dalla razza,

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA

LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA Come ci si può documentare sull UE? Il modo più veloce per documentarsi sull UE è la consultazione del sito ufficiale dell Unione europea (http://europa.eu), dal quale

Dettagli

Bilancio generale dell'unione Europea per l'esercizio 2008. Sintesi in cifre. IT Gennaio 2008 KV-AG-08-001-IT-C COMMISSIONE EUROPEA ISSN 1680-2098

Bilancio generale dell'unione Europea per l'esercizio 2008. Sintesi in cifre. IT Gennaio 2008 KV-AG-08-001-IT-C COMMISSIONE EUROPEA ISSN 1680-2098 ISSN 1680-2098 Europe Direct è un servizio che aiuta a trovare la risposta giusta ai quesiti sull Unione europea Numero verde (*): 00 800 6 7 8 9 10 11 (*) Alcuni operatori di telefonia mobile non consentono

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition

Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition Sommario I. INTRODUZIONE 4 II. SCOPO DELLA CARTA 4 III. AMBITO DI APPLICAZIONE 5 IV. IMPEGNI 6 4.1. Diritto alla contrattazione

Dettagli

Avv. Paolo Berti Verona 7/3/2014

Avv. Paolo Berti Verona 7/3/2014 GIURISPRUDENZA SULLA DISCRIMINAZIONE Avv. Paolo Berti Verona 7/3/2014 Maternità elicenziamento CORTED APPELLODITORINO 19/2/2013 Illicenziamentodi una lavoratrice madre è illegittimo perché fondato su una

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE

Dettagli

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Paola Degani Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli PARITÀ UOMO-DONNA NELL'UE IL CONTESTO

Dettagli

Analisi dati del Personale

Analisi dati del Personale Allegato A Analisi dati del Personale L analisi dell attuale situazione del personale dipendente in servizio, presenta il seguente quadro di raffronto tra la situazione di uomini e donne lavoratori: FOTOGRAFIA

Dettagli

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57)

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57) Carolina Pellegrini - Sono organism i INTERNI all am m inistrazione di riferim ento - E un obbligo del dirigente al vertice dell amministrazione o del responsabile del personale istituirli - Diversamente

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 5.10.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 269/15 DIRETTIVA 2002/73/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 settembre 2002 che modifica la direttiva 76/207/CEE del Consiglio relativa

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006. Laura Calafà,, Associata di diritto del lavoro nell Universit

Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006. Laura Calafà,, Associata di diritto del lavoro nell Universit Il benessere nella pubblica amministrazione Verona, 9 febbraio 2006 Dal genere al benessere: presentazione di un laboratorio di ricerca e didattica su benessere e prevenzione fenomeni complessi (discriminazioni,

Dettagli

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it *Perché parliamo di genere e salute augusta.angelucci@alice.it La conferenza di PechIno 1995 ha a introdotto i principi di : EMPOWERMENT E GENDER MAINSTREAMING 28/10/15 La Conferenza ha adottato la Piattaforma

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE Nuove regole per i comitati aziendali europei Presentazione della direttiva 2009/38/CE A cosa servono i Comitati aziendali europei? I Comitati aziendali europei (CAE) sono enti che rappresentano i lavoratori

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA Per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 RELAZIONE INTRODUTTIVA La legge n.

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

Il codice doganale comunitario: le principali problematiche fiscali

Il codice doganale comunitario: le principali problematiche fiscali Il codice doganale comunitario: le principali problematiche fiscali www.24oreformazione.com Lo scambio di beni con Paesi terzi comporta la conoscenza delle disposizioni doganali esistenti sul territorio

Dettagli

Stato dell arte a livello nazionale

Stato dell arte a livello nazionale Ogni anno il Dipartimento della Funzione Pubblica e il Dipartimento per le Pari Opportunità redigono un rapporto di sintesi sull attuazione della direttiva Misure per attuare parità e pari opportunità

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

C183 Convenzione sulla protezione della maternità, 2000 1

C183 Convenzione sulla protezione della maternità, 2000 1 L Ufficio di Roma C183 Convenzione sulla protezione della maternità, 2000 1 Convenzione concernente la revisione della convenzione (riveduta) sulla protezione della maternità, 1952 (Nota : data di entrata

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Perché siete fan della pagina «Pietro Taricone Onlus» su Facebook?

Perché siete fan della pagina «Pietro Taricone Onlus» su Facebook? Perché siete fan della pagina «Pietro Taricone Onlus» su Facebook? Presentazione a cura di Publisoftweb, società specializzata in Social Media Marketing La storia della presenza su Facebook di Pietro Taricone

Dettagli

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.2.2013 C(2013) 810 final PARERE DELLA COMMISSIONE del 11.2.2013 a norma dell articolo 3, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 714/2009 e dell articolo 10, paragrafo 6,

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

EURES. La rete europea per il lavoro. Commissione europea

EURES. La rete europea per il lavoro. Commissione europea EURES La rete europea per il lavoro Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

Belgio Francia Italia

Belgio Francia Italia Cronologie comparate: Evoluzione del diritto comunitario e delle legislazioni in Belgio, Francia e Italia Data 1791 1804 Diritto internazionale e comunitario Belgio Francia Italia Le donne ottengono il

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo CO M U N E D I S A N V I T O Provincia di Cagliari Allegato A) alla delibera di Giunta Comunale N. 67 del 30/06/2014 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P)

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Premessa pag. 3 Destinatari ed Ambito di applicazione pag. 4 Principi generali pag.

Dettagli

che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica (2).

che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica (2). Dir. 29-6-2000 n. 2000/43/CE Direttiva del Consiglio che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica. Pubblicata nella G.U.C.E. 19

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI

Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI I diritti sociali nel Trattato di Lisbona... 3 Convenzione 4 novembre 1950 Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell Uomo e delle libertà fondamentali...

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca Piazza Roma, 1 55031 CAMPORGIANO (Lucca) Telefono (0583) 618888/9 Fax n. (0583) 618433 Questa guida vuole essere d aiuto ai tanti cittadini comunitari che, alle

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 Approvato dal CdA 15 dicembre 2010 INDICE 1. I PRINCIPI DI TORRICELLI S.R.L.... 5 1.1 Principi generali... 5 1.2 Selezione, gestione e formazione delle risorse

Dettagli

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE 1 PREMESSA Il presente codice disciplina le procedure di ricerca, selezione ed inserimento di personale, che sono demandate alla Direzione Generale,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1 Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. 2012 Pagina 1 INDICE Sommario MISSION... 3 1. FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2. PRINCIPI DEL CODICE

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado IL NOSTRO TEAM Il nostro team è composto da avvocati, una psicologa, una educatrice,

Dettagli

Attuazione della direttiva 2000/43/CE per la parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica.

Attuazione della direttiva 2000/43/CE per la parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica. D.Lgs. 9-7-2003 n. 215 Attuazione della direttiva 2000/43/CE per la parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica. Pubblicato nella Gazz. Uff. 12 agosto 2003,

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

La violenza nei confronti delle donne

La violenza nei confronti delle donne Palmanova, 07 aprile 2015 Le molteplici forme della violenza: disparità e discriminazioni in ambito lavorativo Intervento di Chiara Cristini Referente per la pari opportunità La violenza nei confronti

Dettagli

Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe:

Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe: Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe: NEL 1946 L ONU COSTITUISCE LA COMMISSIONE DEI DIRITTI DELLE DONNE

Dettagli

La sentenza TNT TRACO / POSTE ITALIANE SPA del 17 maggio 2001 (C-340/99) ed il finanziamento del servizio universale. di Mariangela Balestra

La sentenza TNT TRACO / POSTE ITALIANE SPA del 17 maggio 2001 (C-340/99) ed il finanziamento del servizio universale. di Mariangela Balestra La sentenza TNT TRACO / POSTE ITALIANE SPA del 17 maggio 2001 (C-340/99) ed il finanziamento del servizio universale di Mariangela Balestra La sentenza della Corte di giustizia CE del 17 maggio scorso

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

finanziamenti artigiancassa a sostegno delle imprenditrici Una nuova convenzione per rispondere alle vostre esigenze

finanziamenti artigiancassa a sostegno delle imprenditrici Una nuova convenzione per rispondere alle vostre esigenze NEWSLETTER N. 09 ANNO 2011 La conciliazione e la legge 53 Finanziamenti a fondo perduto per progetti di conciliazione famiglialavoro finanziamenti artigiancassa a sostegno delle imprenditrici Una nuova

Dettagli

AIDP Associazione Italiana Direzione del Personale

AIDP Associazione Italiana Direzione del Personale Codice Etico / rev. 11 Maggio 2008 AIDP Associazione Italiana Direzione del Personale Il Codice Etico e Deontologico del Professionista delle Risorse Umane, di seguito riportato, contiene una serie di

Dettagli

Seminario sulla attuazione della Direttiva sul Congedo Parentale emendata (2010/18/EU)

Seminario sulla attuazione della Direttiva sul Congedo Parentale emendata (2010/18/EU) Seminario sulla attuazione della Direttiva sul Congedo Parentale emendata (2010/18/EU) Brussels, 29 giugno 2011 Justice Justice 29 June 2011 1 Schema Lunghezza del congedo / non-transferabilità Ambito

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

BANDO CALL IMPRENDITORIA FEMMINILE. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi Via Andrea Cesalpino 1 (00161) Roma www.enpap.

BANDO CALL IMPRENDITORIA FEMMINILE. Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi Via Andrea Cesalpino 1 (00161) Roma www.enpap. BANDO CALL IMPRENDITORIA FEMMINILE Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi Via Andrea Cesalpino 1 (00161) Roma www.enpap.it Premessa La realtà italiana vede un divario netto dei redditi

Dettagli

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO "Paese dell'ossidiana" PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015/2017 Art. 48 D. Lgs. 11.04.2006, n. 198. L adozione del Piano Triennale di azioni positive risponde ad un obbligo

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

CODICE ETICO E DI CONDOTTA

CODICE ETICO E DI CONDOTTA SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 - PROTEZIONE DEI BENI E RISORSE DELLA COOPERATIVA O AD ESSA AFFIDATI 3 3 - UTILIZZO DI SISTEMI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE...4 4 - CONFLITTI D INTERESSE E SFRUTTAMENTO A PROPRIO

Dettagli

TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA. Articoli da 4 bis a 4 sexies

TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA. Articoli da 4 bis a 4 sexies Dipartimento per le Politiche Europee Ufficio per la Cittadinanza Europea, il Mercato Interno e gli Affari Generali Servizio mercato interno I TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA Articoli da 4 bis a 4 sexies

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI

GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI Nello svolgimento delle proprie attività, Dassault Systèmes e le sue controllate (collettivamente 3DS ) raccolgono i Dati Personali

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

10^ Commissione Senato. Aggiornamento delle Linee Guida in materia di certificati bianchi (Atto 611) Memoria

10^ Commissione Senato. Aggiornamento delle Linee Guida in materia di certificati bianchi (Atto 611) Memoria 10^ Commissione Senato Audizione Aggiornamento delle Linee Guida in materia di certificati bianchi (Atto 611) Memoria Claudio G. Ferrari 24 settembre 2015 1 Signor Presidente, cogliamo l occasione per

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 5.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 65/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/27/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 che modifica le direttive 92/58/CEE,

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Il portale Internet FindYourCodriver.com (di seguito Portale ) è di proprietà di Matteo Romano e Danilo Fappani.

Il portale Internet FindYourCodriver.com (di seguito Portale ) è di proprietà di Matteo Romano e Danilo Fappani. Condizioni Generali Il portale Internet FindYourCodriver.com (di seguito Portale ) è di proprietà di Matteo Romano e Danilo Fappani. L'accesso al Portale e le informazioni relative a tutti i servizi che

Dettagli

DICHIARAZIONE COMPLIANCE 1 (RIPORTARE SU CARTA INTESTATA DELLA SOCIETA /IMPRESA) DICHIARAZIONE

DICHIARAZIONE COMPLIANCE 1 (RIPORTARE SU CARTA INTESTATA DELLA SOCIETA /IMPRESA) DICHIARAZIONE DICHIARAZIONE COMPLIANCE 1 (COVERED BUSINESS PARTNER) (RIPORTARE SU CARTA INTESTATA DELLA SOCIETA /IMPRESA) Procedura: DICHIARAZIONE La Sottoscritta Impresa/Società con sede e domicilio fiscale in Iscrizione

Dettagli

FONDAZIONE CARIPLO Modulo Extrabando

FONDAZIONE CARIPLO Modulo Extrabando GUIDA ALLA PRESENTAZIONE 1) Come presentare un progetto al di fuori dei bandi della Fondazione? Per presentare un progetto che non rientra nei bandi della Fondazione Cariplo è necessario: a) compilare

Dettagli