CE.RSM! LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CE.RSM! LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA""

Transcript

1 CE.RSM! LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA" panico e/o di sindrome post traumatica da stress. A seconda delle mansioni dei gruppi di appartenenza si dovranno preferire nella scelta degli assistenti alcune caratteristiche psicofisiche piuttosto che altre: il primo gruppo si troverà coinvolto a gestire e presumibilmente a trasportare molti feriti, potrebbero dunque tornare utili individui robusti; il secondo gruppo nella cura dei feriti dovrà coadiuvare il persona! le sanitario nella cura di ferite, lesioni, fratture anche gravi necessitando un notevole sangue freddo e lu! cidità; il terzo gruppo nato per creare e mantenere la calma e l ordine tra i feriti già medicati dovrà di! sporre di persone pazienti, calme e con facilità di relazione. In conclusione le operazioni da compiere sono molte e il tempo limitato. Fase fondamentale diventa la corretta gestione del periodo tra il verificarsi dell emergenza e l inizio concreto della cura dei feriti. Il periodo di scelta e istruzione delle persone che svolgeranno ausili di vario genere nella fase di gestione dell emergenza diventa componente fondamentale nel determinare il successo o l insuccesso di una ope! razione. Scegliere oculatamente le persone, stabilire dei compiti precisi e semplici, creare dei piccoli gruppi che possano supplire alle mancanze o defezioni dei loro membri sono solo alcune delle precauzio! ni da prendere. Dopo l imbarco Prima di evacuare In caso si fosse costretti ad evacuare la nave ci sono una serie di operazioni da svolgere prima dell abbandono: Accertarsi che le procedure di evacuazione siano conosciute dai passeggeri e che ciascuno abbia ben compreso il suo compito; Verificare che tutti i passeggeri indossano il salvagente e che sia correttamente al! lacciato; Assicurarsi che tutti i passeggeri siano vestiti correttamente, preferibilmente " con dei vestiti caldi e un waterproof top covering ; Stabilire le responsabilità e mantenere la disciplina a bordo. Pronunciare tutti "gli ordini con voce chiara e ferma per assicurare un lancio e ammaraggio corretto " dello scafo di emergenza; Controllare o ordinare di controllare la zona sottostante e circostante la zattera per assicurarsi l assenza di detriti pericolosi o di altri sopravvissuti; Verificare se il contenitore stagno con il materiale di sopravvivenza aggiuntivo #vedremo più avanti come e perché usarlo$ a quello presente sulla zattera è pronto ad essere imbarcato. Evacuazione 1. Assicurare la zattera ad un punto solido e vararla sottovento allo scafo. 2. Innescare il sistema di gonfiaggio automatico. 3. La prima persona che sale a bordo deve chiudere le valvole appena finita la fuoriuscita dell aria dalle valvole di sovrapressione. 4. Ispezionare la scialuppa o la zattera prima di sbarcare gli altri passeggeri verificando che l equipaggiamento a bordo e l unità stessa sia in buone condizioni. 5. E%ettuare il trasbordo evitando di entrare in acqua #se la zattera si rovescia rigirarla senza scendere in acqua$. 6. Evitare di saltare sulla zattera o comunque mai farlo da un dislivello superiore ai 2 metri. DOTT. SIMON MASTRANGELO" PAGINA 13

2 CE.RSM # LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA% 7. La prima persona che sale a bordo deve ricordarsi di chiudere le valvole e si deve posizionare saldamente sopravento per stabilizzare il mezzo. Azioni da compiere dai naufraghi in acqua Nel caso in cui nella fase di evacuazione si finisse, nonostante tutto, in acqua, per un periodo più o meno lungo di tempo, bisognerà adottare e far adottare ai superstiti i seguenti provvedimenti: 1. Ridurre al minimo i movimenti in modo da evitare inutili sprechi di energia e di dissipamento del vitale calore corporeo; 2. Galleggiare tenendo la posizione HELP!Heat Escape Lessening Postur!": posizione rannicchiata con le ginocchia contro il torace. Questa posizione permette di disperdere una quantità minore di calore; 3. Se il giubbetto salvagente è munito di visore per la faccia utilizzarlo, in mancanza di questo proteggere le proprie vie respiratorie dalle onde e frangenti formando una barriera davanti al viso con le mani; 4. Se in acqua c è più di una persona formare dei gruppi circolari per diminuire la dispersione di calore; 5. Cercare di tenere alto il morale e mantenere elevate le possibilità di sopravvivenza; 6. Mantenere la maggiore porzione possibile del corpo fuori dall acqua e cercare di evitare azioni dettate dal panico. Management of liferaft La casistica delle emergenze in mare evidenzia non solo la varietà degli incidenti ma anche la diversità della tipologia degli interventi di recupero. A seguito di un naufragio è certo che i soccorsi vengano atti# vati ma non vi è sicurezza sui tempi e sui modi di intervento. Si va dalle poche ore di un operazione sotto costa ai giorni necessari per concludere un intervento in Oceano. Diventa pertanto prioritario organizza# re al meglio il tempo che si dovrà trascorrere su una zattera/scialuppa essendo pronti ad a$rontare anche una lunga permanenza a bordo. L attesa dei soccorsi non può essere e non deve assolutamente essere la# sciata al caso in quanto i pericoli sono molteplici: freddo!ipotermia"; caldo!colpo di sole, ustione "; umidità; mal di mare!vomito e conseguente denutrizione e disidratazione precoce"; condizioni meteo marine spesso imprevedibili!con la necessità in alcuni casi di coordinare la distribuzione di pesi a bordo e dei presenti per il mantenimento dell equilibrio della scialuppa"; stress psicologico!spesso peggiore di quello fisico, può contamini tutto l equipaggio degenerando in panico e confusione"; collisione con grosse unità in navigazione che non rilevano sul radar la presenza della zattera/scialuppa in quanto troppo bassa sull orizzonte; attacco involontario o volontario di grossi cetacei, squali, delfini, che possono danneggiare gravemente la zattera o capovolgerla; sete; fame!una buona conduzione dell emergenza si deduce spesso dalla quantità di scorte, acqua e cibo, presenti a bordo al momento dell arrivo dei soccorsi"; condizioni di salute psicofisica dei singoli!traumi, fratture, ustioni, paura, ansia, panico ecc"; abbattimento del morale dei naufraghi; ammutinamento!fallimento dell operazione tesa a condurre il gruppo a salvamento". In relazione ad un contesto operativo si$atto si illustrano di seguito le operazioni imprescindibili da compiere, elencate in ordine di importanza, dopo l evacuazione di un mezzo navale. Come già illustrato a i mezzi di evacuazione sono numerosi e diversi fra di loro. Basti pensare da un lato alla scialuppa, vero e proprio scafo con spesso un sistema propulsivo autonomo, e dall altro alla più statica zattera, mezzo autogonfiabile incapace di navigare, utile per dare un riparo ai naufraghi. Indi$erentemente dal mezzo il decalogo che segue va ritenuto sicuramente valido come incipit di una corretta gestione dell emergenza a bordo di una zattera. Nell ultimo capitolo invece si sviluppa e riassume in conclusione la filosofia che de# ve sottostare alle stringenti indicazioni operative di questo paragrafo. DOTT. SIMON MASTRANGELO% PAGINA 14

3 CE.RSM % LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA$ Azioni vitali primarie da compiere a seguito dell imbarco sulla scialuppa/zattera: 1. Tagliare la cima che lega la scialuppa alla nave con il coltello in dotazione e controllare il gonfiaggio di tutti gli scomparti della zattera!e"ettuare il taglio il più vicino possibile al punto di attacco sullo scafo che si sta abbandonando. La cima che avanza potrebbe essere utile in seguito#; 2. Portare la zattera ad una distanza di sicurezza dalla nave o imbarcazione; 3. Recuperare eventuali superstiti dall acqua!usare l anello galleggiante in dotazione. Le persone svenute devono essere portate a bordo prelevandole dalle ascelle# e il materiale necessario che galleggia intorno alla zattera; 4. Mettere in acqua l ancora galleggiante per ridurre il rischio di capovolgimento e per ridurre la quantità di deriva e assicurarsi che si svolga e funzioni correttamente. 5. Chiudere le aperture per diminuire l eventuale accesso di acqua e l esposizione agli agenti atmosferici; 6. Agganciare le cinture di sicurezza alla zattera; 7. Esaminare la zattera per evidenziare eventuali danni. Azioni vitali secondarie riguardanti il benessere dei naufraghi: 1. Designare un responsabile della zattera!non deve essere forzatamente lo skipper ma piuttosto la persona con la migliore preparazione per a"rontare la situazione#; 2. Aprire la sacca delle dotazioni 4 contenuta all interno della zattera e leggere le istruzioni impermeabili ad alta voce, in modo da rassicurare tutti gli occupanti su cosa sta accadendo e su quali sono le procedure di sopravvivenza da seguire; 3. Somministrare una pasticca contro il mal di mare a tutti. E imperativo che tutti i naufraghi compreso l equipaggio assumano il medicinale appena sarà ultimato il trasbordo $ nella zattera. Il mal di mare se non prevenuto rende inabili e deboli le persone mentre per essere utili nonché gestibili i naufraghi devono essere mentalmente e fisicamente pronti; 4. Vuotare il mezzo dall acqua!usare solo una delle due spugne per eliminare l acqua in eccesso, l altra sarà molto utile per recuperare la condensa che si forma all interno del telo per Il dramma parados% sale di La Goulett! Il 30 novembre 1987 Robert e Pierre lasciano Capo Verde a bordo dell imbarcazione La Goulette. Appena Partiti, ancora prima di lasciare il porto, il motore scalda e si ferma. Non avendo consultato il meteo, il giorno successivo vengono sorpresi da un colpo di vento. A bordo regna dopo un solo giorno di navigazione il caos: il serbatoio di acqua supplementare che non è stato stivato correttamente si buca; le batterie, non ricaricate prima della partenza, sono quasi scariche (il generatore eolico in grado di ricaricarle non viene attaccato) e lo strallo finisce per cedere per una conduzione non corretta. Infine, ultima prova dell incoscienza o della negligenza dell armatore, sono gli strumenti di navigazione - GPS, Log, Eco e anemometro - che non controllati prima di partire non funzionano. Rapidamente i due si rendono conto di non essere sufficientemente preparati per attraversare l oceano. Il 9 dicembre disalberano e decidono con un armo di fortuna di dirigersi verso le Antille. Privi d acqua iniziano a bere la riserva di vino senza tentare di pescare o recuperare l acqua piovana. Il 27 dicembre a bordo è rimasto solo del Pastis e del Gin. Robert comincia a bere l acqua di mare senza pensare a distillarla. Pierre invece cuoce il poco pesce che riesce a pescare senza berne il prezioso liquido che contiene. Robert muore il 20 gennaio. Pierre decide di imbarcarsi sulla zattera di salvataggio portandosi solo dei soldi. Abbandona la barca ancora perfettamente navigante e piena di attrezzature. Esaurisce velocemente le riserve di cibo dell autogonfiabile senza cercare altri mezzi di sopravvivenza. Viene recuperato il 7 febbraio in fin di vita. La Goulette viene anche lei recuperata ancora perfettamente navigante. 4 La sacca una volta aperta non è richiudibile e dunque raccomandabile prevedere due sacche stagne aggiuntive per riporre viveri e dotazioni, altrimenti si rischia di rovinare o peggio disperdere il materiale in mare. DOTT. SIMON MASTRANGELO$ PAGINA 15

4 CE.RSM " LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA# berla!; 5. Curare i feriti " l assistenza dei feriti deve avvenire il più presto possibile ma mai a detrimento del benessere complessivo della zattera " in assenza di particolari emergenze # mediche procedere prima di tutto asciugando e riscaldando i componenti della zattera; 6. Predisporre una sentinella $gruppi di due persone che si alternano ad intervalli compresi tra 20 minuti e 2 ore a seconda delle condizioni atmosferiche!. I turni di guarda devono essere stabiliti 24 ore su 24 per individuare altri naufraghi, zattere o per attirare l attenzione dei soccorritori. Tutti i naufraghi in condizione di poterlo fare devono partecipare a questa attività; 7. Gonfiare, se presente, il doppiofondo nei climi freddi; 8. Collegarsi ad eventuali altre zattere; 9. Comunicare la posizione attraverso l uso dei trasmettitori di emergenza eventualmente imbarcati; 10. Far mantenere il capo coperto. La zattera autogonfiabil! 1.Luce stroboscopica automatica di segnalamento 2. Apertura per la sentinella 3. Materiale riflettente 4. Tubolare di sostegno auogonfiabile 5. Cordicelle apertura 6. Telo arancione copertura 7. Apertura 8. Lifelines 9. Scala di accesso dall acqua 10. Pavimento in alcuni casi gonfiabile 11. Sacche stabilizzatrici 12. Barbetta 13. Coltello 14. Bombola di gonfiaggio Azioni secondarie: 1. Individuare le diverse nazionalità presenti a bordo e incaricare, DOTT. SIMON MASTRANGELO# PAGINA 16

5 CE.RSM % LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA# qualora l inglese non fosse comprensibile per tutti, una persona che possa fare da tramite linguistico!va impedito nei fatti che si creino dei gruppi etnici minoritari con minori diritti"; 2. Spiegare con chiarezza la situazione!utilizzando le indicazioni presenti al capitolo terzo", ciò che è accaduto, che# sta accadendo e che accadrà; 3. Fare l'inventario del materiale recuperato e di quello trovato sulla zattera!senza aprire tutti i contenitori"; 4. Illustrare tutte le dotazioni presenti sulla zattera o scialuppa!acqua, razioni di cibo, medicinali, razzi di segnalazione, coltelli, torce, ecc.ecc.". le dotazioni di bordo devono tassativamente essere gestite esclusivamente dal leader che potrà a$darne la responsabilità di controllo ai vari componenti il gruppo, evitandone in ogni caso l utilizzo arbitrario e non autorizzato dal leader stesso; 5. Stabilire delle regole e dei ruoli per ogni compito % cure mediche, manutenzione e controllo della scialuppa, razionamento, navigazione e redazione del giornale di bordo, recupero di acqua dolce, pesca...!per fare ciò occorre da subito individuare per ciascuno dei naufraghi, lo stato fisico, psichico, per assegnare compiti diversi che richiedano prestanza fisica, piuttosto che intellettuale."; 6. Preparare e ribadire l uso dei segnali di avvistamento!devono essere pronti per un uso immediato ma saldamente agganciata alla zattera" ricordando che la quantità dei segnali è limitata e dunque vanno azionati solo quando ci sono buone possibilità che siano visti; 7. Per ogni compito stabilire delle mansioni di routine mantenendo in questo modo la disciplina. Un sistema di sorveglianza dovrebbe essere adottato per gestire i ruoli assegnati; 8. Posizionare a seconda delle condizioni meteo%marine le aperture della zattera rispetto alla direzione del vento aiutandosi con l ancora galleggiante!se non si interviene la posizione tenuta dalla zattera, se l ancora è regolarmente distesa, è di 90 rispetto alla # direzione del vento"; 9. Utilizzare il tendalino con la consapevolezza che se di giorno ripara dal sole, aumenta però il calore a bordo, e se di notte ripara dal freddo, è ricettacolo di grande quantità di condensa!si può abbassare la temperatura interna stendendo sulla tendina esterna dei panni bagnati"; 10. Quando possibile mettere ad asciugare gli indumenti di chi li avesse bagnati!togliendone solo una parte e una volta asciutta sostituendola con gli indumenti ancora bagnati". Preservare il materiale dall umidità!non aprire i sacchi stagni se non quando veramente necessario"; 11. Nei climi caldi togliere ogni tanto i tappi alle valvole di sicurezza in modo da permettere lo sfogo dell aria in eccesso; 12. Assicurare le dotazioni che trovate all interno della scialuppa; 13. Variare spesso le posizioni soprattutto se si è in molti; Materiale presente su!a zattera "ISO Italia# 1. Sofletto di gonfiamento 2. Ancora galleggiante (?) 3. Coltello a lama fissa con impugnatura galleggiante 4. Torcia elettrica stagna 5. Set di batterie e lampadine di riserva 6. Fuochi a mano (4) 7. Segnali fumogeni (2) 8. Razzi a paracadute (2) 9. Sassola 10. Kit di riparazione 11. Pagaie (2) 12. Spugne (2) 13. Fischietto 14. Kit per la pesca 15. Cassetta di pronto soccorso 16. Specchio eliografico 17. Indumenti di protezione termica (2) 18. Acqua (1.5 litri per persona) 19. Viveri ( Kj per persona) Materiale a$iuntivo 1. Seconda ancora galleggiante 2. Kit di primo soccorso 3. Specchio di segnalazione 4. Riflettore radar gonfiabile 5. Fischietto 6. Fuochi a mano (3) 7. Razzi a paracadute (2) 8. Segnali fumogeni 9. Indumenti di protezione termica (uno per persona) 10. Copia illustrata dei segnali per il soccorso 11. Pompa a mano 12. Sassola 13. Kit di riparazione 14. Pillole per il mal di mare 15. VHF portatile stagno e batterie di ricambio 16. GPS portatile stagno e batterie di ricambio 17. Cellulare stagno o in una custodia stagna 18. EPIRB 19. Razioni di cibo e acqua DOTT. SIMON MASTRANGELO# PAGINA 17

6 CE.RSM! LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA& 14. Fare degli esercizi di mobilità senza arrivare alla sudorazione; 15. Non bere per nessun motivo l acqua di mare; Informazioni aggiuntive per i Diportisti Le procedure sin qui elencate sono valide per le situazioni di emergenza anche delle imbarcazioni da di! porto ma è opportuno riprendere dove necessario il discorso per dare delle importanti indicazioni ag! giuntive. Prima di partire bisogna sempre imperativamente istruire gli ospiti e/o passeggeri sulle procedure d emergenza e sulla disposizione delle attrezzature di sicurezza anche se nulla lascia presagire un possibi! le rischio. Va e"ettuata un analisi dei possibili accadimenti con una chiara distribuzione dei ruoli a se! conda delle operazioni da svolgere. Va soprattutto spiegato con dovizia tutto ciò che deve essere fatto anche nel caso in cui la persona responsabile della sicurezza, lo skipper o chi per lui, non fosse in grado di intervenire perché, ad esempio, ferito. Solo con la conoscenza di"usa delle procedure nascono quelle norme di comportamento che ci permettono di gestire ogni situazione senza improvvisare e senza il ri! schio che la mancanza di un unica persona possa bloccare completamente il processo. A tale proposito è opportuno apporre in zona visibile a tutti una scheda dove vengono riprese tutte le azioni da compiere in caso di emergenza e la localizzazione delle attrezzature di sicurezza. Queste buone norme rientrano in tutte quelle operazioni che favoriscono la prevenzione di future situa! zioni di emergenza e di una loro migliore gestione. Sempre a fini preventivi è riportata nella pagina pre! cedente uno schema con il materiale aggiuntivo da tenere sempre pronto in una sacca stagna da imbarca! re nella zattera autogonfiabile. Navigare in sicurezza significa prima di tutto prevedere la possibilità di un abbandono della barca. Il vhf, il cellulare e l epirb che avremo avuto il buon senso di preparare pronti all uso in una sacca stagna non renderanno certo la permanenza all interno della zattera più confortevole ma potrebbero ridurre notevolmente il tempo di intervento dei soccorsi. Le altre attrezzature consigliate nello schema sono tutte molto importanti e potrebbero decidere l esito di un naufragio. Basti pensare che la normativa prevede su una zattere da sei persone solo due coperte termiche nonostante il freddo sia in assoluto il più grande nemico dei naufraghi. Il materiale aggiuntivo consigliato deriva da un attenta analisi storica delle emergenze e non è una mera ripetizione delle attrezzature già presenti ma una ragio! nata riflessione sugli strumenti che possono garantire di a"rontare in maniera più e#cace un emergenza. Prima di gonfiare o varare la zattera di salvataggio bisogna verificare che: Il may day è stato lanciato; L EPIRB, se presente, è innescato; L'ultima posizione conosciuta è annotata; Tutti sono su#cientemente vestiti $anche d'estate e con tempo ottimo%, con TPS $se presente%, cerata, salvagente, cintura di sicurezza, equipaggiamenti di sicurezza individuali e coltello; Il kit supplementare di sopravvivenza, le attrezzature di sicurezza del batello $salvagente anulare, fuochi di segnalazione, vhf portatile, epirb%, più un lotto di viveri, di vestiti, di coperte, di taniche d'acqua $riempite a 2/3 in modo che galleggino%, i documenti di bordo inseriti in una sacca stagna, siano pronti ad essere imbarcati sulla zattera Mai lanciare la zattera prima che sia realmente necessario, è sconsigliabile se non impossibile mantenere per lungo tempo la zattera a fianco dello scafo senza danneggiarla. Prima di spostare e mettere in acqua la zattera, estrarre una piccola lunghezza della cima che esce dal sacco e assicurarla saldamente ad un supporto solido $bitta, piede d'albero, golfare, falchetta...%. Pro! cedere al varo gettando il contenitore rigido sottovento. Tirare fuori tutta la lunghezza della cima $circa 8 metri% fino ad avvertire una resistenza. Strattonare per azionare il sistema di gonfiaggio automatico che impiega circa 30/60 secondi per il gonfiaggio. Durante i primi istanti è normale sentire un rumore di aria a forte pressione che fuoriesce: è il sistema automatico per la sovrapressione. Nel caso in cui la zattera, DOTT. SIMON MASTRANGELO& PAGINA 18

7 CE.RSM! LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA& dopo ripetuti tentativi, non si fosse, invece, aperta è necessario recuperarla per privarla dell'adesivo di chiusura o per aprire la sacca contenitore. A questo punto rigettarla a mare assicurandosi di aver liberato il filo del percussore e riprovare ad aprirla. Qualora anche questo tentativo fosse inutile, recuperare nuo! vamente la zattera e gonfiarla manualmente. Il gonfiaggio della zattera risponde ad una procedura precisa che deve essere conosciuta. Salire sulla zattera senza entrare in acqua. Importante ricordare che la zattera deve essere accessibile, anche durante le brevi navigazioni. Scegliere un posizione che ne faciliti lo stoc! caggio ma anche il varo ed eventuali spostamenti "visto che una zattera pesa dai 30 ai 50 Kg#. Non azio! nare il sistema di gonfiaggio quando la zattera è ancora sul ponte. Le attrezzature di coperta potrebbero bloccare se non rompere la zattera. Varare la zattera sotto vento in un posto dove l'imbarco sarà pratico per tutti i componenti dell'equipaggio. La prima di!coltà per i naufraghi che vanno alla deriva nella loro zattera è quella di essere trovati. A tale scopo è fondamentale: Conservare parte dei sistemi di segnalazione pirotecnica il più a lungo possibile; preservare le pile degli equipaggiamenti "torce, flash light, VHF#; Attirare metodicamente l'attenzione quando si incrocia la rotta di una nave; Non scoraggiarsi se il primo mezzo incrociato non vi ha rilevato. L'evoluzione degli equipaggiamenti di radiocomunicazione "VHF...# e per la localizzazione "GPS e EPIRB# a considerevolmente modificato i dati del soccorso in mare. E' sempre più frequente che il nau! frago venga individuato prima di essere visto grazie a queste strumentazioni. Diventa sempre più impor! tante dunque tenere sempre pronto del materiale aggiuntivo a quello che compone la zattera di salvatag! gio. La presenza di queste dotazioni permettono un intervento rapido sulla zona dell'emergenza e una ricerca attiva. Non è più il naufrago che cerca disperatamente di farsi vedere ma il soccorritore che tenta in tutti i modi e con gli strumenti necessari di rilevarlo. Una volta che i soccorsi saranno vicini i naufraghi devono cercare il più possibile di guidarli "razzi, fuochi, VHF#: adeguandosi alle istruzioni; prendere i soli documenti di bordo durante il recupero; bere e mangiare; mantenere i vestiti. Con mare formato, le grosse navi, possono avere non poche di$coltà a recuperare dei naufraghi. Bisogna sempre tenere a mente che si tratta di una manovra lunga e estremamente pericolosa. Non bisogna so! prattutto preoccuparsi se il cargo scompare per qualche istante "prepara la manovra o si mette in attesa in zona dopo aver allertato un mezzo di soccorso più idoneo#. Se però il mezzo navale dovesse essere co! stretto ad intervenire in ragione dell'urgenza della situazione "cattivo tempo, grande distanza dalla costa#, si metterà in panne sottovento in modo che la zattera derivi verso di lui. Tutto si svolge normalmente in funzione del tipo e della dimensione della nave.il recupero può prendere diverse ore e necessita una par! tecipazione attiva dei naufraghi. I pericoli più importanti in questa fase sono gli urti violenti contro le pareti rigide della nave che rolla, la di$coltà a raggiungere le cime e i sistemi di risalita e arrampicarsi fino al ponte. CONCLUSIONI Sapere cosa fare Per essere una guida, termine che si preferisce al tanto abusato leader, a bordo di una una nave o di una scialuppa si deve cominciare da molto tempo prima che si verifichi l emergenza. L osservazione attenta dei passeggeri deve diventare un abitudine. Farsi un idea anche se approssimativa sulle persone e sui gruppi di persone permette di a%rontare con maggiore consapevolezza delle risorse umane a disposizione DOTT. SIMON MASTRANGELO& PAGINA 19

Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione

Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione Comune di Caldogno - Piano di Protezione Civile Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione Dott. Stefano Guderzo Dicembre 2011 Prevenzione del rischio idraulico ATTIVITA STRUTTURALI

Dettagli

SEGNALI DI SOCCORSO DIURNI E NOTTURNI

SEGNALI DI SOCCORSO DIURNI E NOTTURNI SEGNALI DI SOCCORSO DIURNI E NOTTURNI S00 Segnale di soccorso notturno per navi, zattere, Si accende solo a contatto con l'acqua. Può essere stivata in qualsiasi posizione Circuito e pile a litio, con

Dettagli

Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE. Igiene personale ed ambientale

Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE. Igiene personale ed ambientale Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE Igiene personale ed ambientale Tecnico della Prevenzione Azienda Sanitaria Locale LECCE Come affrontare i problemi

Dettagli

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877 Federazione Italiana Canottaggio COMITATO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

Aqvalight Manuale di istruzioni

Aqvalight Manuale di istruzioni Aqvalight Manuale di istruzioni Versione 1.0 / Luglio 2012 1 info@aqvatech.com - www.aqvatech.com seguici Copyright by AQVATECH ENGINEERING S.R.L. tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO O.d.G. 4.5 NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI Premessa. In tutte le Società ed Associazioni sportive affiliate alla

Dettagli

Canoa Fluviale Martesana Via Buonarroti, 59 Cernusco sul Naviglio www.canoamartesana.it

Canoa Fluviale Martesana Via Buonarroti, 59 Cernusco sul Naviglio www.canoamartesana.it I LEZIONE Sabato 16 / Gennaio Presentazione corso eskimo e regolazioni di base Visione dei materiali: canoa, pagaia, paraspruzzi, tappanaso, casco, in particolare spalle, busto e gambe Ribaltamento con

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Scopo della tesi Questa tesi si propone di fornire una serie di procedure per l esecuzione IN SICUREZZA dei lavori elettrici,

Dettagli

LEZIONE COMPORTAMENTI IN EMERGENZA

LEZIONE COMPORTAMENTI IN EMERGENZA LEZIONE DI COMPORTAMENTI IN EMERGENZA TECNICHE DI SALVATAGGIO Sette fasi di un intervento di soccorso Fase 1 Assumere il controllo della situazione Fase 2 Agire con prudenza Fase 3 Provvedere immediatamente

Dettagli

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 DATORE DI LAVORO (RETTORE) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE S.P.P. MEDICO COMPETENTE M.C. -DIRIGENTI -RESPONSABILI DELL ATTIVITA DIDATTICA E DI RICERCA -PREPOSTI LAVORATORI

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

INTRODUZIONE EGREGIA CLIENTE, EGREGIO CLIENTE, ATTENZIONE

INTRODUZIONE EGREGIA CLIENTE, EGREGIO CLIENTE, ATTENZIONE MBO MP 1120 I neu 16.10.2001 13:52 Uhr Seite 1 INTRODUZIONE 1 EGREGIA CLIENTE, EGREGIO CLIENTE, Siamo lieti che abbiate scelto il nostro kit per manicure e pedicure MBO MP 1120. Con questo sistema di cura

Dettagli

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO INDICE Premessa pag. 2 Addetti al Primo Soccorso pag. 3 Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso pag. 3 Attivazione del soccorso: procedura pag. 4

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

GARANZIA BATTERIE DI TRAZIONE INDUSTRIALE

GARANZIA BATTERIE DI TRAZIONE INDUSTRIALE GARANZIA BATTERIE DI TRAZIONE INDUSTRIALE Le batterie da trazione vengono normalmente fornite con acido già cariche e pronte per l impiego. Tuttavia prima di mettere in servizio una batteria nuova è sempre

Dettagli

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. )

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) MANUALE DI PRIMO SOCCORSO (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) IN OGNI CASO,PRIMA DI TUTTO CHIAMARE UN ADULTO O SE SIAMO COL BRANCO, UN VECCHIO LUPO 1) FERITE e ABRASIONI cutanee Cosa sono?

Dettagli

CENNI DI LEGISLAZIONE

CENNI DI LEGISLAZIONE CENNI DI LEGISLAZIONE L articolo 593 del Codice Penale prescrive, in via generale, che ogni cittadino che trovi un corpo umano inanimato o una persona ferita o altrimenti in pericolo, deve prestare l assistenza

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE 27. Aumentare la produzione di latte e riallattare 129 Sessione 27 AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE Introduzione Se l offerta di latte di una madre si riduce, è necessario aumentarla. Ciò

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

Vogliamo ringraziarla per la fiducia accordataci, preferendo un prodotto Polti.

Vogliamo ringraziarla per la fiducia accordataci, preferendo un prodotto Polti. R Gentile Cliente, Vogliamo ringraziarla per la fiducia accordataci, preferendo un prodotto Polti. Il tavolo da stiro da Lei scelto costituisce un perfetto complemento al vapore prodotto dal Suo ferro.

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

Prima regola non cadere

Prima regola non cadere Prima regola non cadere 14 giugno 2012 2 La cintura di sicurezza Tanti anni fa, quando iniziai la scuola di alpinismo il mio istruttore mi disse: La prima regola è non cadere Sembrerebbe che debba valere

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza Comune di Lodrino Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale in Caso di emergenza informa zioni Comunali Il Comune di Lodrino, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione

Dettagli

Tel. +39.035.688.111 Fax +39.035.320.149

Tel. +39.035.688.111 Fax +39.035.320.149 Tel. +39.035.688.111 Fax +39.035.320.149 I25_MI000647.indd 1 20/06/11 23.19 istruzioni per l uso BILANCIA PESAPERSONE PESAPERSONE Type I2501 I25_MI000647.indd 2 20/06/11 23.19 IT pagina 1 I25_MI000647.indd

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Comune di Stabio. Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Comune di Stabio. Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Comune di Stabio Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali Il Comune di Stabio, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione

Dettagli

Lista di controllo Veicoli battipista

Lista di controllo Veicoli battipista Sicurezza realizzabile Lista di controllo Veicoli battipista Qual è il livello di sicurezza durante la guida e la manutenzione dei veicoli battipista nel servizio piste? L uso e la manutenzione dei veicoli

Dettagli

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA Scheda 27 Lavorazione: TINTURA IN PEZZA Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA Scopo della lavorazione La tintura in overflow a pressione atmosferica è utilizzata per tingere tessuti delicati o tessuti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

EPIRB 1 Emettitore di emergenza EPIRB1 406MHz / 121,5 Mhz

EPIRB 1 Emettitore di emergenza EPIRB1 406MHz / 121,5 Mhz EPIRB 1 Emettitore di emergenza EPIRB1 406MHz / 121,5 Mhz Manuale di istruzioni 1989 Lo specialista dell attrezzatura nautica Norme di utilizzo EPIRB1 SOMMARIO 1 INSTALLAZIONE 3 1.1 Armer la balise 3 2

Dettagli

AVM52ERT Misuratore resistenza di terra analogico

AVM52ERT Misuratore resistenza di terra analogico Misuratore resistenza di terra analogico 1. Introduzione e caratteristiche A tutti i residenti dell Unione Europea Importanti informazioni ambientali relative a questo prodotto Questo simbolo riportato

Dettagli

MALORI DA CAUSE AMBIENTALI REGOLAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA

MALORI DA CAUSE AMBIENTALI REGOLAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA MALORI DA CAUSE AMBIENTALI REGOLAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA METABOLISMO = TEMPERATURA CORPOREA ETEROTERMI: (RETTILI ED ANFIBI) VARIANO LA LORO TEMPERATURA IN RELAZIONE ALLA TEMPERATURA AMBIENTALE.

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali I Comuni ticinesi, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione della Popolazione

Dettagli

In collaborazione con: Allianz Box Guida all utilizzo

In collaborazione con: Allianz Box Guida all utilizzo In collaborazione con: Allianz Box Guida all utilizzo Indice 1. Il dispositivo satellitare Allianz Box 2. Impianto satellitare di bordo 3. Chiave elettronica 3.1 Istruzioni per la sostituzione delle batterie

Dettagli

IMPIANTI DI RAFFREDDAMENTO

IMPIANTI DI RAFFREDDAMENTO IMPIANTI DI RAFFREDDAMENTO i Informazioni per i conducenti Il meglio dalla vostra auto RAFFREDDAMENTO Nei giorni dei primi film, nuvole di fumo provenienti da un radiatore bollente erano parte integrante

Dettagli

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Sicurezza realizzabile Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Nella vostra azienda le piattaforme di lavoro elevabili vengono usate in condizioni di sicurezza? Le piattaforme di lavoro elevabili

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

Manuale per un corretto uso dell energia negli ambienti di lavoro

Manuale per un corretto uso dell energia negli ambienti di lavoro Manuale per un corretto uso dell energia negli ambienti di lavoro Il costo annuale dell energia per il Comune di Genova rappresenta oggi una delle voci più rilevanti del bilancio di parte corrente. La

Dettagli

explore Il corso di kayak avanzato full immersion di TUILIK presso il CVC

explore Il corso di kayak avanzato full immersion di TUILIK presso il CVC explore Il corso di kayak avanzato full immersion di TUILIK presso il CVC explore Dal 23 al 30 Maggio 2015 Tuilik, propone Kayak Explore, il corso di kayak avanzato full immersion presso il Centro Velico

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI Sistemi Emergenza 2 Hanno lo scopo di ridurre le conseguenze di guasti o rotture Sistemi attivi: eseguono o consentono di eseguire operazioni per

Dettagli

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Cava Medicea Inferiore e Cava Medicea Superiore PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Edizione numero 1 emessa nel mese di settembre 2015 Copia Nr.: CONTROLLATA NON CONTROLLATA Assegnata a Questa Procedura

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI PER LE ZATTERE DI SALVATAGGIO SOPRAVVIVENZA IN MARE

MANUALE DI ISTRUZIONI PER LE ZATTERE DI SALVATAGGIO SOPRAVVIVENZA IN MARE MANUALE DI ISTRUZIONI PER LE ZATTERE DI SALVATAGGIO SOPRAVVIVENZA IN MARE Congratulazioni per l acquisto effettuato. Questa zattera di salvataggio è il risultato della grande esperienza RAIMAR nella produzione

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE Se si è coinvolti in un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusano traumi o malori a seguito di incidente, ci si può ritrovare in situazioni

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE Unione 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE. Le norme qui di seguito

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

Manuale di istruzioni e Garanzia

Manuale di istruzioni e Garanzia Manuale di istruzioni e Garanzia INDICE: pag. 4 Impermeabilità pag. 6 Cambio della pila pag. 7 Cura dell orologio al quarzo pag. 8 Orologio analogico (a lancette) al quarzo o meccanico pag. 11 Cronografo

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Sicurezza realizzabile Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Conoscete i pericoli collegati alle attività di carico e scarico di cassoni, container per rifiuti e press container? Questa

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Affidamento di servizi didattico/educativi e di integrazione scolastica: Accompagnamento sugli scuolabus Centri

Dettagli

CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp

CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp In questa guida viene spiegato come sostituire il liquido refrigerante del circuito di raffreddamento della Ibiza (anche se il procedimento

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 4 5 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F.

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. SCALE PORTATILI Riferimenti normativi: Il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Descrizione del funzionamento

Descrizione del funzionamento Descrizione del funzionamento Laddomat 21 ha la funzione di......all accensione, fare raggiungere velocemente alla caldaia una temperatura di funzionamento elevata....durante il riempimento, preriscaldare

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

Cosa fare in caso d emergenza

Cosa fare in caso d emergenza Cosa fare in caso d emergenza Chiunque può trovarsi a dover decidere se prestare soccorso ad un infortunato. Le reazioni personali sono differenti durante un'emergenza. La cosa peggiore da fare è quella

Dettagli

Servizi e prevenzione sul tema antincendio

Servizi e prevenzione sul tema antincendio Servizi e prevenzione sul tema antincendio Ogni azienda ed ogni istituzione deve essere necessariamente formata sul tema antincendio, non a caso nella moderna ed evoluta società la prevenzione lavorativa

Dettagli

rainbowsystem.com Rexair LLC Troy, Michigan 2011 Rexair LLC R14116R-0 Printed in U.S.A.

rainbowsystem.com Rexair LLC Troy, Michigan 2011 Rexair LLC R14116R-0 Printed in U.S.A. rainbowsystem.com Rexair LLC Troy, Michigan 2011 Rexair LLC R14116R-0 Printed in U.S.A. numero a tutela del cliente Come parte del Programma di Tutela del Cliente Rexair, ogni Rainbow RainJet riceve un

Dettagli

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300 CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI.IM 300 INTRODUZIONE CON QUESTA PICCOLA MA ESAURIENTE GUIDA SI VUOLE METTERE A DISPOSIZIONE DELL UTENTE UNO STRUMENTO

Dettagli

Igiene orale tradizionale

Igiene orale tradizionale www. wa t er pi k. c om. hk 58 BENVENUTO Igiene orale tradizionale Complimenti, scegliendo l idropulsore dentale Waterpik Ultra siete sulla strada giusta per ottenere una migliore salute gengivale e un

Dettagli

Manuale Plastificatrice A4 Linea Classica

Manuale Plastificatrice A4 Linea Classica Manuale Plastificatrice A4 Linea Classica Descrizione: 1. Entrata busta 2. Spia pronto 3. Spia alimentazione 4. Interruttore di alimentazione 5. Uscita busta Parametro: Dimensione: 335 x 100 x 86 mm Velocità

Dettagli

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso 6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso In qualità di assistente è possibile trovarsi nelle condizioni in cui è necessario avere alcune nozioni di pronto soccorso. Un modo per apprendere queste competenze

Dettagli

TERMOSTATO DIGITALE PROGRAMMABILE MODELLO: CDS-3 MANUALE D USO

TERMOSTATO DIGITALE PROGRAMMABILE MODELLO: CDS-3 MANUALE D USO TERMOSTATO DIGITALE PROGRAMMABILE MODELLO: CDS-3 MANUALE D USO Grazie per avere preferito il nostro prodotto, per un corretto utilizzo dello stesso vi raccomandiamo di leggere attentamente il presente

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI MACCHINA PRODUTTRICE DI GHIACCIO

LIBRETTO D ISTRUZIONI MACCHINA PRODUTTRICE DI GHIACCIO LIBRETTO D ISTRUZIONI MACCHINA PRODUTTRICE DI GHIACCIO 1 Gent.li clienti, grazie per aver acquistato la macchina produttrice di ghiaccio portatile. Per un uso corretto e sicuro vi preghiamo di leggere

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio KDIX 8810 Istruzioni di montaggio Sicurezza della lavastoviglie 4 Requisiti di installazione 5 Istruzioni di installazione 7 Sicurezza della lavastoviglie La vostra sicurezza e quella degli altri sono

Dettagli

Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP

Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP 1-2 - 3 - TAPPI VINO PREMESSA Data la variabilità delle tipologie dei vini, dei processi di produzione e di imbottigliamento, il tappo SUPERCAP deve essere utilizzato

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Sentinel 1500 Manuale. Manuale d uso

Sentinel 1500 Manuale. Manuale d uso Manuale d uso Grazie per aver scelto il Sentinel, il sistema definitivo per la protezione della vostra casa o della vostra attività. Prima dell uso vi invitiamo a leggere attentamente le istruzioni. Attenzione!

Dettagli

GIORGIO CHIMENTI A B C. dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI

GIORGIO CHIMENTI A B C. dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI GIORGIO CHIMENTI A B C dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. n. 81/2008 e del D.Lgs. n. 272/1999 1 A B C dell antincendio nei PORTI TURISTICI

Dettagli

Aumentando la temperatura del condizionatore d aria di un solo grado puoi ridurre il consumo energetico fino al 15 per cento.

Aumentando la temperatura del condizionatore d aria di un solo grado puoi ridurre il consumo energetico fino al 15 per cento. Question & Answer Sheet on cooling this summer Italian Domande e risposte sul raffreddamento questa estate Invece di usare i condizionatori d aria per raffreddare gli ambienti, quale sarebbe un alternativa

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

QUESTIONARIO SICUREZZA

QUESTIONARIO SICUREZZA QUESTIONARIO SICUREZZA 1. Quale figura del D.Lgs. 81/08 ha l obbligo di osservare le misure generali per la sicurezza e la salute dei lavoratori? A. Il Datore di Lavoro B. Il lavoratore C. Il Rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI Articolo 1 La sezione della L.N.I. di Otranto dispone di diversi mezzi nautici elencati e registrati in apposito registro (art. 6 del Regolamento Gruppo Sportivo

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

COME LIMITIAMO NOI STESSI

COME LIMITIAMO NOI STESSI COME LIMITIAMO NOI STESSI 1 Il 63 % delle persone crede che il raggiungimento dei propri obiettivi finanziari sia possibile solo attraverso una grossa vincita Non si può ottenere quello che non si riesce

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli