CE.RSM! LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CE.RSM! LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA""

Transcript

1 CE.RSM! LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA" panico e/o di sindrome post traumatica da stress. A seconda delle mansioni dei gruppi di appartenenza si dovranno preferire nella scelta degli assistenti alcune caratteristiche psicofisiche piuttosto che altre: il primo gruppo si troverà coinvolto a gestire e presumibilmente a trasportare molti feriti, potrebbero dunque tornare utili individui robusti; il secondo gruppo nella cura dei feriti dovrà coadiuvare il persona! le sanitario nella cura di ferite, lesioni, fratture anche gravi necessitando un notevole sangue freddo e lu! cidità; il terzo gruppo nato per creare e mantenere la calma e l ordine tra i feriti già medicati dovrà di! sporre di persone pazienti, calme e con facilità di relazione. In conclusione le operazioni da compiere sono molte e il tempo limitato. Fase fondamentale diventa la corretta gestione del periodo tra il verificarsi dell emergenza e l inizio concreto della cura dei feriti. Il periodo di scelta e istruzione delle persone che svolgeranno ausili di vario genere nella fase di gestione dell emergenza diventa componente fondamentale nel determinare il successo o l insuccesso di una ope! razione. Scegliere oculatamente le persone, stabilire dei compiti precisi e semplici, creare dei piccoli gruppi che possano supplire alle mancanze o defezioni dei loro membri sono solo alcune delle precauzio! ni da prendere. Dopo l imbarco Prima di evacuare In caso si fosse costretti ad evacuare la nave ci sono una serie di operazioni da svolgere prima dell abbandono: Accertarsi che le procedure di evacuazione siano conosciute dai passeggeri e che ciascuno abbia ben compreso il suo compito; Verificare che tutti i passeggeri indossano il salvagente e che sia correttamente al! lacciato; Assicurarsi che tutti i passeggeri siano vestiti correttamente, preferibilmente " con dei vestiti caldi e un waterproof top covering ; Stabilire le responsabilità e mantenere la disciplina a bordo. Pronunciare tutti "gli ordini con voce chiara e ferma per assicurare un lancio e ammaraggio corretto " dello scafo di emergenza; Controllare o ordinare di controllare la zona sottostante e circostante la zattera per assicurarsi l assenza di detriti pericolosi o di altri sopravvissuti; Verificare se il contenitore stagno con il materiale di sopravvivenza aggiuntivo #vedremo più avanti come e perché usarlo$ a quello presente sulla zattera è pronto ad essere imbarcato. Evacuazione 1. Assicurare la zattera ad un punto solido e vararla sottovento allo scafo. 2. Innescare il sistema di gonfiaggio automatico. 3. La prima persona che sale a bordo deve chiudere le valvole appena finita la fuoriuscita dell aria dalle valvole di sovrapressione. 4. Ispezionare la scialuppa o la zattera prima di sbarcare gli altri passeggeri verificando che l equipaggiamento a bordo e l unità stessa sia in buone condizioni. 5. E%ettuare il trasbordo evitando di entrare in acqua #se la zattera si rovescia rigirarla senza scendere in acqua$. 6. Evitare di saltare sulla zattera o comunque mai farlo da un dislivello superiore ai 2 metri. DOTT. SIMON MASTRANGELO" PAGINA 13

2 CE.RSM # LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA% 7. La prima persona che sale a bordo deve ricordarsi di chiudere le valvole e si deve posizionare saldamente sopravento per stabilizzare il mezzo. Azioni da compiere dai naufraghi in acqua Nel caso in cui nella fase di evacuazione si finisse, nonostante tutto, in acqua, per un periodo più o meno lungo di tempo, bisognerà adottare e far adottare ai superstiti i seguenti provvedimenti: 1. Ridurre al minimo i movimenti in modo da evitare inutili sprechi di energia e di dissipamento del vitale calore corporeo; 2. Galleggiare tenendo la posizione HELP!Heat Escape Lessening Postur!": posizione rannicchiata con le ginocchia contro il torace. Questa posizione permette di disperdere una quantità minore di calore; 3. Se il giubbetto salvagente è munito di visore per la faccia utilizzarlo, in mancanza di questo proteggere le proprie vie respiratorie dalle onde e frangenti formando una barriera davanti al viso con le mani; 4. Se in acqua c è più di una persona formare dei gruppi circolari per diminuire la dispersione di calore; 5. Cercare di tenere alto il morale e mantenere elevate le possibilità di sopravvivenza; 6. Mantenere la maggiore porzione possibile del corpo fuori dall acqua e cercare di evitare azioni dettate dal panico. Management of liferaft La casistica delle emergenze in mare evidenzia non solo la varietà degli incidenti ma anche la diversità della tipologia degli interventi di recupero. A seguito di un naufragio è certo che i soccorsi vengano atti# vati ma non vi è sicurezza sui tempi e sui modi di intervento. Si va dalle poche ore di un operazione sotto costa ai giorni necessari per concludere un intervento in Oceano. Diventa pertanto prioritario organizza# re al meglio il tempo che si dovrà trascorrere su una zattera/scialuppa essendo pronti ad a$rontare anche una lunga permanenza a bordo. L attesa dei soccorsi non può essere e non deve assolutamente essere la# sciata al caso in quanto i pericoli sono molteplici: freddo!ipotermia"; caldo!colpo di sole, ustione "; umidità; mal di mare!vomito e conseguente denutrizione e disidratazione precoce"; condizioni meteo marine spesso imprevedibili!con la necessità in alcuni casi di coordinare la distribuzione di pesi a bordo e dei presenti per il mantenimento dell equilibrio della scialuppa"; stress psicologico!spesso peggiore di quello fisico, può contamini tutto l equipaggio degenerando in panico e confusione"; collisione con grosse unità in navigazione che non rilevano sul radar la presenza della zattera/scialuppa in quanto troppo bassa sull orizzonte; attacco involontario o volontario di grossi cetacei, squali, delfini, che possono danneggiare gravemente la zattera o capovolgerla; sete; fame!una buona conduzione dell emergenza si deduce spesso dalla quantità di scorte, acqua e cibo, presenti a bordo al momento dell arrivo dei soccorsi"; condizioni di salute psicofisica dei singoli!traumi, fratture, ustioni, paura, ansia, panico ecc"; abbattimento del morale dei naufraghi; ammutinamento!fallimento dell operazione tesa a condurre il gruppo a salvamento". In relazione ad un contesto operativo si$atto si illustrano di seguito le operazioni imprescindibili da compiere, elencate in ordine di importanza, dopo l evacuazione di un mezzo navale. Come già illustrato a i mezzi di evacuazione sono numerosi e diversi fra di loro. Basti pensare da un lato alla scialuppa, vero e proprio scafo con spesso un sistema propulsivo autonomo, e dall altro alla più statica zattera, mezzo autogonfiabile incapace di navigare, utile per dare un riparo ai naufraghi. Indi$erentemente dal mezzo il decalogo che segue va ritenuto sicuramente valido come incipit di una corretta gestione dell emergenza a bordo di una zattera. Nell ultimo capitolo invece si sviluppa e riassume in conclusione la filosofia che de# ve sottostare alle stringenti indicazioni operative di questo paragrafo. DOTT. SIMON MASTRANGELO% PAGINA 14

3 CE.RSM % LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA$ Azioni vitali primarie da compiere a seguito dell imbarco sulla scialuppa/zattera: 1. Tagliare la cima che lega la scialuppa alla nave con il coltello in dotazione e controllare il gonfiaggio di tutti gli scomparti della zattera!e"ettuare il taglio il più vicino possibile al punto di attacco sullo scafo che si sta abbandonando. La cima che avanza potrebbe essere utile in seguito#; 2. Portare la zattera ad una distanza di sicurezza dalla nave o imbarcazione; 3. Recuperare eventuali superstiti dall acqua!usare l anello galleggiante in dotazione. Le persone svenute devono essere portate a bordo prelevandole dalle ascelle# e il materiale necessario che galleggia intorno alla zattera; 4. Mettere in acqua l ancora galleggiante per ridurre il rischio di capovolgimento e per ridurre la quantità di deriva e assicurarsi che si svolga e funzioni correttamente. 5. Chiudere le aperture per diminuire l eventuale accesso di acqua e l esposizione agli agenti atmosferici; 6. Agganciare le cinture di sicurezza alla zattera; 7. Esaminare la zattera per evidenziare eventuali danni. Azioni vitali secondarie riguardanti il benessere dei naufraghi: 1. Designare un responsabile della zattera!non deve essere forzatamente lo skipper ma piuttosto la persona con la migliore preparazione per a"rontare la situazione#; 2. Aprire la sacca delle dotazioni 4 contenuta all interno della zattera e leggere le istruzioni impermeabili ad alta voce, in modo da rassicurare tutti gli occupanti su cosa sta accadendo e su quali sono le procedure di sopravvivenza da seguire; 3. Somministrare una pasticca contro il mal di mare a tutti. E imperativo che tutti i naufraghi compreso l equipaggio assumano il medicinale appena sarà ultimato il trasbordo $ nella zattera. Il mal di mare se non prevenuto rende inabili e deboli le persone mentre per essere utili nonché gestibili i naufraghi devono essere mentalmente e fisicamente pronti; 4. Vuotare il mezzo dall acqua!usare solo una delle due spugne per eliminare l acqua in eccesso, l altra sarà molto utile per recuperare la condensa che si forma all interno del telo per Il dramma parados% sale di La Goulett! Il 30 novembre 1987 Robert e Pierre lasciano Capo Verde a bordo dell imbarcazione La Goulette. Appena Partiti, ancora prima di lasciare il porto, il motore scalda e si ferma. Non avendo consultato il meteo, il giorno successivo vengono sorpresi da un colpo di vento. A bordo regna dopo un solo giorno di navigazione il caos: il serbatoio di acqua supplementare che non è stato stivato correttamente si buca; le batterie, non ricaricate prima della partenza, sono quasi scariche (il generatore eolico in grado di ricaricarle non viene attaccato) e lo strallo finisce per cedere per una conduzione non corretta. Infine, ultima prova dell incoscienza o della negligenza dell armatore, sono gli strumenti di navigazione - GPS, Log, Eco e anemometro - che non controllati prima di partire non funzionano. Rapidamente i due si rendono conto di non essere sufficientemente preparati per attraversare l oceano. Il 9 dicembre disalberano e decidono con un armo di fortuna di dirigersi verso le Antille. Privi d acqua iniziano a bere la riserva di vino senza tentare di pescare o recuperare l acqua piovana. Il 27 dicembre a bordo è rimasto solo del Pastis e del Gin. Robert comincia a bere l acqua di mare senza pensare a distillarla. Pierre invece cuoce il poco pesce che riesce a pescare senza berne il prezioso liquido che contiene. Robert muore il 20 gennaio. Pierre decide di imbarcarsi sulla zattera di salvataggio portandosi solo dei soldi. Abbandona la barca ancora perfettamente navigante e piena di attrezzature. Esaurisce velocemente le riserve di cibo dell autogonfiabile senza cercare altri mezzi di sopravvivenza. Viene recuperato il 7 febbraio in fin di vita. La Goulette viene anche lei recuperata ancora perfettamente navigante. 4 La sacca una volta aperta non è richiudibile e dunque raccomandabile prevedere due sacche stagne aggiuntive per riporre viveri e dotazioni, altrimenti si rischia di rovinare o peggio disperdere il materiale in mare. DOTT. SIMON MASTRANGELO$ PAGINA 15

4 CE.RSM " LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA# berla!; 5. Curare i feriti " l assistenza dei feriti deve avvenire il più presto possibile ma mai a detrimento del benessere complessivo della zattera " in assenza di particolari emergenze # mediche procedere prima di tutto asciugando e riscaldando i componenti della zattera; 6. Predisporre una sentinella $gruppi di due persone che si alternano ad intervalli compresi tra 20 minuti e 2 ore a seconda delle condizioni atmosferiche!. I turni di guarda devono essere stabiliti 24 ore su 24 per individuare altri naufraghi, zattere o per attirare l attenzione dei soccorritori. Tutti i naufraghi in condizione di poterlo fare devono partecipare a questa attività; 7. Gonfiare, se presente, il doppiofondo nei climi freddi; 8. Collegarsi ad eventuali altre zattere; 9. Comunicare la posizione attraverso l uso dei trasmettitori di emergenza eventualmente imbarcati; 10. Far mantenere il capo coperto. La zattera autogonfiabil! 1.Luce stroboscopica automatica di segnalamento 2. Apertura per la sentinella 3. Materiale riflettente 4. Tubolare di sostegno auogonfiabile 5. Cordicelle apertura 6. Telo arancione copertura 7. Apertura 8. Lifelines 9. Scala di accesso dall acqua 10. Pavimento in alcuni casi gonfiabile 11. Sacche stabilizzatrici 12. Barbetta 13. Coltello 14. Bombola di gonfiaggio Azioni secondarie: 1. Individuare le diverse nazionalità presenti a bordo e incaricare, DOTT. SIMON MASTRANGELO# PAGINA 16

5 CE.RSM % LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA# qualora l inglese non fosse comprensibile per tutti, una persona che possa fare da tramite linguistico!va impedito nei fatti che si creino dei gruppi etnici minoritari con minori diritti"; 2. Spiegare con chiarezza la situazione!utilizzando le indicazioni presenti al capitolo terzo", ciò che è accaduto, che# sta accadendo e che accadrà; 3. Fare l'inventario del materiale recuperato e di quello trovato sulla zattera!senza aprire tutti i contenitori"; 4. Illustrare tutte le dotazioni presenti sulla zattera o scialuppa!acqua, razioni di cibo, medicinali, razzi di segnalazione, coltelli, torce, ecc.ecc.". le dotazioni di bordo devono tassativamente essere gestite esclusivamente dal leader che potrà a$darne la responsabilità di controllo ai vari componenti il gruppo, evitandone in ogni caso l utilizzo arbitrario e non autorizzato dal leader stesso; 5. Stabilire delle regole e dei ruoli per ogni compito % cure mediche, manutenzione e controllo della scialuppa, razionamento, navigazione e redazione del giornale di bordo, recupero di acqua dolce, pesca...!per fare ciò occorre da subito individuare per ciascuno dei naufraghi, lo stato fisico, psichico, per assegnare compiti diversi che richiedano prestanza fisica, piuttosto che intellettuale."; 6. Preparare e ribadire l uso dei segnali di avvistamento!devono essere pronti per un uso immediato ma saldamente agganciata alla zattera" ricordando che la quantità dei segnali è limitata e dunque vanno azionati solo quando ci sono buone possibilità che siano visti; 7. Per ogni compito stabilire delle mansioni di routine mantenendo in questo modo la disciplina. Un sistema di sorveglianza dovrebbe essere adottato per gestire i ruoli assegnati; 8. Posizionare a seconda delle condizioni meteo%marine le aperture della zattera rispetto alla direzione del vento aiutandosi con l ancora galleggiante!se non si interviene la posizione tenuta dalla zattera, se l ancora è regolarmente distesa, è di 90 rispetto alla # direzione del vento"; 9. Utilizzare il tendalino con la consapevolezza che se di giorno ripara dal sole, aumenta però il calore a bordo, e se di notte ripara dal freddo, è ricettacolo di grande quantità di condensa!si può abbassare la temperatura interna stendendo sulla tendina esterna dei panni bagnati"; 10. Quando possibile mettere ad asciugare gli indumenti di chi li avesse bagnati!togliendone solo una parte e una volta asciutta sostituendola con gli indumenti ancora bagnati". Preservare il materiale dall umidità!non aprire i sacchi stagni se non quando veramente necessario"; 11. Nei climi caldi togliere ogni tanto i tappi alle valvole di sicurezza in modo da permettere lo sfogo dell aria in eccesso; 12. Assicurare le dotazioni che trovate all interno della scialuppa; 13. Variare spesso le posizioni soprattutto se si è in molti; Materiale presente su!a zattera "ISO Italia# 1. Sofletto di gonfiamento 2. Ancora galleggiante (?) 3. Coltello a lama fissa con impugnatura galleggiante 4. Torcia elettrica stagna 5. Set di batterie e lampadine di riserva 6. Fuochi a mano (4) 7. Segnali fumogeni (2) 8. Razzi a paracadute (2) 9. Sassola 10. Kit di riparazione 11. Pagaie (2) 12. Spugne (2) 13. Fischietto 14. Kit per la pesca 15. Cassetta di pronto soccorso 16. Specchio eliografico 17. Indumenti di protezione termica (2) 18. Acqua (1.5 litri per persona) 19. Viveri ( Kj per persona) Materiale a$iuntivo 1. Seconda ancora galleggiante 2. Kit di primo soccorso 3. Specchio di segnalazione 4. Riflettore radar gonfiabile 5. Fischietto 6. Fuochi a mano (3) 7. Razzi a paracadute (2) 8. Segnali fumogeni 9. Indumenti di protezione termica (uno per persona) 10. Copia illustrata dei segnali per il soccorso 11. Pompa a mano 12. Sassola 13. Kit di riparazione 14. Pillole per il mal di mare 15. VHF portatile stagno e batterie di ricambio 16. GPS portatile stagno e batterie di ricambio 17. Cellulare stagno o in una custodia stagna 18. EPIRB 19. Razioni di cibo e acqua DOTT. SIMON MASTRANGELO# PAGINA 17

6 CE.RSM! LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA& 14. Fare degli esercizi di mobilità senza arrivare alla sudorazione; 15. Non bere per nessun motivo l acqua di mare; Informazioni aggiuntive per i Diportisti Le procedure sin qui elencate sono valide per le situazioni di emergenza anche delle imbarcazioni da di! porto ma è opportuno riprendere dove necessario il discorso per dare delle importanti indicazioni ag! giuntive. Prima di partire bisogna sempre imperativamente istruire gli ospiti e/o passeggeri sulle procedure d emergenza e sulla disposizione delle attrezzature di sicurezza anche se nulla lascia presagire un possibi! le rischio. Va e"ettuata un analisi dei possibili accadimenti con una chiara distribuzione dei ruoli a se! conda delle operazioni da svolgere. Va soprattutto spiegato con dovizia tutto ciò che deve essere fatto anche nel caso in cui la persona responsabile della sicurezza, lo skipper o chi per lui, non fosse in grado di intervenire perché, ad esempio, ferito. Solo con la conoscenza di"usa delle procedure nascono quelle norme di comportamento che ci permettono di gestire ogni situazione senza improvvisare e senza il ri! schio che la mancanza di un unica persona possa bloccare completamente il processo. A tale proposito è opportuno apporre in zona visibile a tutti una scheda dove vengono riprese tutte le azioni da compiere in caso di emergenza e la localizzazione delle attrezzature di sicurezza. Queste buone norme rientrano in tutte quelle operazioni che favoriscono la prevenzione di future situa! zioni di emergenza e di una loro migliore gestione. Sempre a fini preventivi è riportata nella pagina pre! cedente uno schema con il materiale aggiuntivo da tenere sempre pronto in una sacca stagna da imbarca! re nella zattera autogonfiabile. Navigare in sicurezza significa prima di tutto prevedere la possibilità di un abbandono della barca. Il vhf, il cellulare e l epirb che avremo avuto il buon senso di preparare pronti all uso in una sacca stagna non renderanno certo la permanenza all interno della zattera più confortevole ma potrebbero ridurre notevolmente il tempo di intervento dei soccorsi. Le altre attrezzature consigliate nello schema sono tutte molto importanti e potrebbero decidere l esito di un naufragio. Basti pensare che la normativa prevede su una zattere da sei persone solo due coperte termiche nonostante il freddo sia in assoluto il più grande nemico dei naufraghi. Il materiale aggiuntivo consigliato deriva da un attenta analisi storica delle emergenze e non è una mera ripetizione delle attrezzature già presenti ma una ragio! nata riflessione sugli strumenti che possono garantire di a"rontare in maniera più e#cace un emergenza. Prima di gonfiare o varare la zattera di salvataggio bisogna verificare che: Il may day è stato lanciato; L EPIRB, se presente, è innescato; L'ultima posizione conosciuta è annotata; Tutti sono su#cientemente vestiti $anche d'estate e con tempo ottimo%, con TPS $se presente%, cerata, salvagente, cintura di sicurezza, equipaggiamenti di sicurezza individuali e coltello; Il kit supplementare di sopravvivenza, le attrezzature di sicurezza del batello $salvagente anulare, fuochi di segnalazione, vhf portatile, epirb%, più un lotto di viveri, di vestiti, di coperte, di taniche d'acqua $riempite a 2/3 in modo che galleggino%, i documenti di bordo inseriti in una sacca stagna, siano pronti ad essere imbarcati sulla zattera Mai lanciare la zattera prima che sia realmente necessario, è sconsigliabile se non impossibile mantenere per lungo tempo la zattera a fianco dello scafo senza danneggiarla. Prima di spostare e mettere in acqua la zattera, estrarre una piccola lunghezza della cima che esce dal sacco e assicurarla saldamente ad un supporto solido $bitta, piede d'albero, golfare, falchetta...%. Pro! cedere al varo gettando il contenitore rigido sottovento. Tirare fuori tutta la lunghezza della cima $circa 8 metri% fino ad avvertire una resistenza. Strattonare per azionare il sistema di gonfiaggio automatico che impiega circa 30/60 secondi per il gonfiaggio. Durante i primi istanti è normale sentire un rumore di aria a forte pressione che fuoriesce: è il sistema automatico per la sovrapressione. Nel caso in cui la zattera, DOTT. SIMON MASTRANGELO& PAGINA 18

7 CE.RSM! LOGISTICA DI DISASTER E SOPRAVVIVENZA& dopo ripetuti tentativi, non si fosse, invece, aperta è necessario recuperarla per privarla dell'adesivo di chiusura o per aprire la sacca contenitore. A questo punto rigettarla a mare assicurandosi di aver liberato il filo del percussore e riprovare ad aprirla. Qualora anche questo tentativo fosse inutile, recuperare nuo! vamente la zattera e gonfiarla manualmente. Il gonfiaggio della zattera risponde ad una procedura precisa che deve essere conosciuta. Salire sulla zattera senza entrare in acqua. Importante ricordare che la zattera deve essere accessibile, anche durante le brevi navigazioni. Scegliere un posizione che ne faciliti lo stoc! caggio ma anche il varo ed eventuali spostamenti "visto che una zattera pesa dai 30 ai 50 Kg#. Non azio! nare il sistema di gonfiaggio quando la zattera è ancora sul ponte. Le attrezzature di coperta potrebbero bloccare se non rompere la zattera. Varare la zattera sotto vento in un posto dove l'imbarco sarà pratico per tutti i componenti dell'equipaggio. La prima di!coltà per i naufraghi che vanno alla deriva nella loro zattera è quella di essere trovati. A tale scopo è fondamentale: Conservare parte dei sistemi di segnalazione pirotecnica il più a lungo possibile; preservare le pile degli equipaggiamenti "torce, flash light, VHF#; Attirare metodicamente l'attenzione quando si incrocia la rotta di una nave; Non scoraggiarsi se il primo mezzo incrociato non vi ha rilevato. L'evoluzione degli equipaggiamenti di radiocomunicazione "VHF...# e per la localizzazione "GPS e EPIRB# a considerevolmente modificato i dati del soccorso in mare. E' sempre più frequente che il nau! frago venga individuato prima di essere visto grazie a queste strumentazioni. Diventa sempre più impor! tante dunque tenere sempre pronto del materiale aggiuntivo a quello che compone la zattera di salvatag! gio. La presenza di queste dotazioni permettono un intervento rapido sulla zona dell'emergenza e una ricerca attiva. Non è più il naufrago che cerca disperatamente di farsi vedere ma il soccorritore che tenta in tutti i modi e con gli strumenti necessari di rilevarlo. Una volta che i soccorsi saranno vicini i naufraghi devono cercare il più possibile di guidarli "razzi, fuochi, VHF#: adeguandosi alle istruzioni; prendere i soli documenti di bordo durante il recupero; bere e mangiare; mantenere i vestiti. Con mare formato, le grosse navi, possono avere non poche di$coltà a recuperare dei naufraghi. Bisogna sempre tenere a mente che si tratta di una manovra lunga e estremamente pericolosa. Non bisogna so! prattutto preoccuparsi se il cargo scompare per qualche istante "prepara la manovra o si mette in attesa in zona dopo aver allertato un mezzo di soccorso più idoneo#. Se però il mezzo navale dovesse essere co! stretto ad intervenire in ragione dell'urgenza della situazione "cattivo tempo, grande distanza dalla costa#, si metterà in panne sottovento in modo che la zattera derivi verso di lui. Tutto si svolge normalmente in funzione del tipo e della dimensione della nave.il recupero può prendere diverse ore e necessita una par! tecipazione attiva dei naufraghi. I pericoli più importanti in questa fase sono gli urti violenti contro le pareti rigide della nave che rolla, la di$coltà a raggiungere le cime e i sistemi di risalita e arrampicarsi fino al ponte. CONCLUSIONI Sapere cosa fare Per essere una guida, termine che si preferisce al tanto abusato leader, a bordo di una una nave o di una scialuppa si deve cominciare da molto tempo prima che si verifichi l emergenza. L osservazione attenta dei passeggeri deve diventare un abitudine. Farsi un idea anche se approssimativa sulle persone e sui gruppi di persone permette di a%rontare con maggiore consapevolezza delle risorse umane a disposizione DOTT. SIMON MASTRANGELO& PAGINA 19

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Sicurezza del Cibo Se rimanete senza corrente per meno di 2 ore, il cibo nel vostro frigorifero e congelatore si potrà consumare con sicurezza.

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Sicurezza realizzabile. Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Nella vostra azienda è garantita la sicurezza delle persone tenute a lavorare da sole? Per persona «tenuta a lavorare da sola»

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria Una guida per diportisti e operatori REGIONE LIGURIA nautica& FISCO a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria UCINA nautica& FISCO Una guida per diportisti e operatori

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Esempio di posizione dell incisione

Esempio di posizione dell incisione Grazie per avere acquistato questo orologio Citizen. Prima di usarlo le raccomandiamo di leggere con attenzione questo manuale d uso in modo da procedere nel modo corretto. Dopo la lettura del manuale

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A Progetto di un alimentatore con o +5 e Io A U LM7805/TO IN OUT S F T 5 4 8 - ~ ~ + + C GND + C + C3 3 R D LED Si presuppongono noti i contenuti dei documenti Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli